Newsletter n settembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter n. 8 2013 15 settembre 2013 www.agriro.net"

Transcript

1 Primi incontri tecnici d autunno: cereali a paglia, agrometeo, riforma Pac Con il mese di settembre riprendono gli incontri di aggiornamento tecnico organizzati da Confagricoltura. Tutti i convegni si svolgono nella sala riunioni della sede di Confagricoltura, in piazza Duomo 2: Cereali a paglia: il mercato e le novità tecniche Mercoledì 25 settembre Il tradizionale incontro che precede le semine dei cereali autunno vernini. In esame le prospettive di mercato, l importanza dell utilizzo di seme certificato e le iniziative tecniche di Apsov: Progetto semine precoci, tecnologia innovativa di concia Silver per la concia industriale delle sementi, novità e risultati delle prove varietali. Relat: dott. Carlo Invernizzi amministrat delegato Apsovsementi Spa. Servizi agrometeo per l agricoltura professionale Mercoledì 16 ottobre Incontro di grande interesse su tecnologie avanzate per un agricoltura professionale e sostenibile, ora disponibili anche per la singola impresa. Relatori: dott. Massimo Crespi RadarMeteo Srl; dott. Carlo Bicego consulente. L incontro è realizzato con il contributo della Camera di commercio di. Riforma della Pac. Quadro comunitario e opzioni nazionali Mercoledì 30 ottobre Appuntamento certamente molto atteso per definire lo stato di attuazione della riforma della politica comune, le scelte già fatte e quelle attese. Relat: dott. Massimo Chiarelli dirett di Confagricoltura e membro del gruppo di lavoro nazionale Pac. Contributi per sicurezza lavoro, trattrici, cisterne, taratura irroratrici Sono ancora aperti i termini per richiedere alla Camera di commercio di contributi per provvedere a pesanti adempimenti che interessano le imprese agricole. Le domande di contributo vanno presentate entro il 15 ottobre I bandi e la modulistica sono scaricabili dal sito della Camera di commercio. Per informazioni: geom. Michele Cichella, Confagricoltura, telefono Contributo per la redazione del documento di valutazione dei rischi DVR. Contributo per l adeguamento delle trattrici ai requisiti di sicurezza (installazione arco di protezione, cinture di sicurezza, cambio del sedile). Contributo per la consulenza necessaria a ottenere la SCIA prevista dalla normativa sulla prevenzione incendi per i contenitori distributori di carburante fino a litri (attenzione: l adeguamento a questa nuova normativa è stato prorogato scade il 7 ottobre 2014). Contributo per la verifica e taratura di atomizzatori e barre diserbo con certificazione rilasciata da un cantiere accreditato.

2 Sospensione e allungamento finanziamenti: le nuove misure L ABI e le associazioni imprenditoriali, fra cui Confagricoltura, hanno sottoscritto il 1 luglio 2013 il nuovo Accordo per il credito 2013 a fav delle PMI, che rappresenta una continuazione dei protocolli sottoscritti nel passato per dare un aiuto alle medie e piccole imprese in un momento di forte criticità finanziaria. L accordo riprende gli interventi previsti dalle precedenti intese: sospensione per 12 mesi della quota capitale delle rate dei mutui allungamento dei mutui per 3 anni per operazioni chirografarie e 4 per quelle ipotecarie allungamento e dei prestiti a breve e delle scadenze del credito agrario di conduzione finanziamento proporzionale all aumento dei mezzi propri realizzati dall impresa L accordo proroga inoltre fino al 30 giugno 2014 dell operatività del Plafond Crediti PA e del Plafond Progetti Investimenti Italia. La domanda può essere presentata alla banca fino al 30 giugno Vediamo i dettagli degli interventi. SOSPENSIONE FINANZIAMENTI MUTUI E LEASING Che cos è: sospensione per 12 mesi della quota capitale di rate non pagate; debbono essere rate in scadenza o scadute da non più di 90 giorni. Finanziamenti interessati: finanziamenti in essere al 1 luglio 2013, a medio e lungo termine, quindi di durata superi a 18 mesi. Interessa: tutti i mutui, compresi quelli agrari, anche agevolati, ipotecari e non; leasing immobiliare o mobiliare; finanziamenti anche bullet con scadenza finale 30 giugno 2014 (i bullet sono con rimborso capitale interamente a scadenza); la banca potrà valutare l ammissione al beneficio anche di conti correnti ipotecari a rimborso rateale. Esclusioni: sono escluse le operazioni fatte con la legge Sabatini. Escluse anche le operazioni nate come finanziamento a breve poi allungato per accordi fra banca e impresa. Esclusi i mutui per i quali il periodo di preammortamento scade dopo il 30 giugno Sono esclusi i finanziamenti che hanno già beneficiato della sospensione prevista dall Accordo del 28 febbraio 2012; sono invece ammesse le operazioni che hanno beneficiato della sospensione prevista dall Avviso comune del 3 agosto 2009 e della successiva proroga oppure per concessione della banca. Tasso: quello del finanziamento originario. Spese: non vanno applicate commissioni e spese di istruttoria; la banca può però chiedere il rimborso delle spese vive sostenute nei confronti di terzi (ad esempio un notaio). 2

3 ALLUNGAMENTO FINANZIAMENTI MUTUI Che cos è: allungamento dei mutui pari alla durata residua del piano di ammortamento mutui e fino a un massimo di 3 anni (per i chirografari) e 4 anni (per gli ipotecari). Finanziamenti interessati: mutui in essere al 1 luglio Esclusioni: sono esclusi i mutui che hanno già beneficiato dell allungamento previsto da accordi precedenti (Accordo per il credito alle Pmi del 16 febbraio 2011, e Accordo Nuove misure per il credito alle Pmi del 28 febbraio 2012). Sono invece ammessi se hanno avuto allungamento per concessione della banca; ammessi all allungamento anche i mutui che beneficiato di una sospensione in base all Accordo del 28 febbraio 2012 e il cui periodo di sospensione è finito (le domande di allungamento di mutui che al 30 giugno 2014 dovessero trovarsi ancora in sospensione potranno essere presentate entro il 31 dicembre 2014) Tasso: il tasso può variare; l incremento non può di norma superare il 2% (comunque non superi all aumento del costo di raccolta della banca rispetto al momento di erogazione del mutuo). La banca può richiedere anche garanzie aggiuntive, tenendo conto del merito creditizio dell impresa, anche al fine di ridurre o annullare eventuali aumenti del tasso. Il tasso risultante non può superare la soglia usura vigente. Verrà applicato lo stesso tasso del contratto originario se l impresa entro 12 mesi avvia un rafforzamento patrimoniale mediante apporti di soci o di soggetti terzi, o partecipa a processi di aggregazione di qualsiasi forma volti al consolidamento patrimoniale dell impresa. Spese: non vanno applicate commissioni e spese di istruttoria; la banca può però chiedere il rimborso delle spese vive sostenute nei confronti di terzi (ad esempio un notaio). PRESTITI A BREVE Che cos è: allungamento a 270 giorni delle scadenze dei prestiti a breve per sostenere le esigenze di cassa. Finanziamenti interessati: anticipazioni su crediti non onorati che hanno dato luogo a insoluti. Naturalmente in questo caso non è necessario che l operazione sia stata in essere al 1 luglio Esclusioni: sono escluse le anticipazioni non ancora giunte a scadenza. Tasso: quello del finanziamento originario. Spese: non vanno applicate commissioni e spese di istruttoria; la banca può però chiedere il rimborso delle spese vive sostenute nei confronti di terzi. CREDITO AGRARIO DI CONDUZIONE Che cos è: allungamento fino a 120 giorni delle scadenze. Finanziamenti interessati: credito agrario di conduzione, con o senza cambiali, in essere al 1 luglio Esclusioni: Tasso: quello del finanziamento originario. 3

4 Spese: non vanno applicate commissioni e spese di istruttoria; la banca può però chiedere il rimborso delle spese vive sostenute nei confronti di terzi. OPERAZIONI PER LA RIPRESA E LO SVILUPPO DELL ATTIVITÀ Che cos è: finanziamento proporzionale all aumento dei mezzi propri realizzati dall impresa, limitato alle società di capitali e alle cooperative che avviano processi di rafforzamento patrimoniale e anche se non sussistono le condizioni di tensione finanziaria. Finanziamenti interessati: finanziamento concesso a fronte dell aumento di mezzi propri dell impresa (ad esempio per conferimenti destinati a ripianare le perdite o contabilizzati a riserva, rinunce di soci alla restituzione dei finanziamenti alla società, utili di esercizio mantenuti nell economia dell impresa ) Tasso: il tasso del finanziamento può differire rispetto a quello di un preesistente mutuo. Spese: la banca può applicare commissioni e spese di istruttoria. QUALI IMPRESE POSSONO RICHIEDERE GLI INTERVENTI Possono accedere agli interventi le piccole e medie imprese di tutti i settori, con queste caratteristiche: L impresa non deve avere, al momento della presentazione della domanda, posizioni debitorie classificate dalla banca come sofferenze, partite incagliate, esposizioni ristrutturate o esposizioni scadute/sconfinanti da oltre 90 giorni e neppure procedure esecutive in corso (dev essere essere un impresa in bonis ) L impresa deve presentare una situazione di temporanea tensione finanziaria generata dalla congiuntura economica e verificabile, ad esempio: riduzione di fatturato, riduzione del margine operativo rispetto al fatturato, eccessiva incidenza degli oneri finanziari rispetto al fatturato, riduzione delle capacità di autofinanziamento. Quindi, ed è una novità rispetto ai precedenti accordi, possono accedere alle misure le imprese che, per quanto economicamente sane, manifestano problemi economici. Alla banca occorre dare prova della situazione di difficoltà, anche se come preteso dalle associazioni imprenditoriali non vi è l obbligo di quantificazione. La presenza della situazione di tensione finanziaria non è richiesta per accedere all intervento per il finanziamento proporzionale all aumento dei mezzi propri dell impresa. L impresa deve fornire alla banca elementi che evidenzino prospettive di sviluppo o di continuità aziendale. È previsto un termine ultimo per la presentazione delle domande di intervento da parte delle imprese: il 30 giugno La risposta della banca dovrebbe avvenire entro 30 giorni lavorativi dalla presentazione. 4

5 Siccità 2012: interventi per prestiti quinquennali È stata definitivamente approvata nella prima metà di luglio la delibera della Giunta regionale che prevede contributi per prestiti quinquennali di esercizio per le aziende agricole colpite dalla siccità 2012 che avevano presentato la relativa domanda di indennizzo ad Avepa. La Regione Veneto utilizzerà per questo intervento 10 milioni e 965 mila euro. La misura prevede l abbattimento del tasso di interesse per una quota pari circa al 60% del tasso medio di riferimento. Dalla emissione dei nulla osta da parte di Avepa (in corso di elaborazione) le imprese potranno rivolgersi all istituto di credito indicato in domanda per il perfezionamento del credito. Ricordiamo che il prestito agevolato ottenuto non potrà essere estinto anticipatamente prima dei 3 anni dalla data di erogazione (in questo caso si incorre nel recupero del contributo pubblico maggiorato degli interessi legali). Giovedì 19 settembre uffici chiusi per una giornata di formazione Giovedì 19 settembre tutti gli uffici di Confagricoltura (e gli sportelli del Caa delle Venezie e le unità locali della Agricoltori Srl che vi sono ospitati) rimarranno chiusi per una giornata di formazione di tutto il personale. Comunicazioni delle operazioni rilevanti ai fini IVA (spesometro) Con provvedimento del Dirett dell Agenzia delle entrate n. 2013/94908 del 2 agosto 2013 sono state definite le modalità tecniche e i termini di presentazione della comunicazione che riguarda tutte le operazioni per le quali sussiste l obbligo di emissione della fatture indipendentemente dal val della stessa. Questi i termini fissati per l anno 2012: Soggetti a liquidazione Iva mensile entro il 12 novembre 2013, Gli altri soggetti entro il 21 novembre Per l anno 2013 e successivi: Soggetti a liquidazione Iva mensile entro il 10 aprile dell anno successivo a quello di riferimento, Gli altri soggetti entro il 20 aprile dell anno successivo a quello di riferimento. Sono obbligati alla comunicazione tutti i soggetti passivi che effettuano operazioni rilevanti ai fini dell IVA, fanno eccezione i soggetti che si avvalgono del regime dei minimi. Per gli imprenditori agricoli esonerati l obbligo della comunicazione decorre dal e quindi per l anno 2012 sono esentati. Formano oggetto della comunicazione: a) le cessioni dei beni e le prestazioni di servizi rese e ricevute soggette all'obbligo di fatturazione, per ciascun cliente e fornit, indipendentemente dall'ammontare dell'operazione; 5

6 b) le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese e ricevute per le quali non sussiste l'obbligo di emissione della fattura, qualora l'importo unitario dell'operazione sia pari o superi a euro al lordo dell'iva. Sono escluse, in via oggettiva, dall'obbligo della comunicazione le operazioni che riguardano le importazioni, le esportazioni di cui all art. 8, c. 1, lett. a) e b) del DPR n. 633/72, le operazioni intracomunitarie, le operazioni di importo pari o superi a euro, effettuate nei confronti di contribuenti non soggetti passivi ai fini IVA, non documentate da fattura, il cui pagamento è' avvenuto mediante carte di credito, di debito, o prepagate e le operazioni che costituiscono oggetto di comunicazione all'anagrafe tributaria, ai sensi dell'art. 7 del DPR n. 605/73. Infine, per l omissione della comunicazione o per la sua effettuazione con dati incompleti o non veritieri, vengono applicate le sanzioni di cui all art. 11 del DLgs 471/1997 e cioè da 258 a euro. Nuovo Piano faunistico venatorio: presentazione il 25 settembre alle 17 La Regione Veneto e le Province hanno adottato le proposte di Piano faunistico venatorio regionale e provinciali per il periodo I Piani propongono gli elementi di pianificazione territoriale, di programmazione e regolamentazione delle attività venatorie e di gestione ambientale e della fauna. La documentazione completa della proposta di Piano faunistico venatorio regionale e delle proposte dei Piani faunistico venatori provinciali sono disponibili in formato pdf. Eventuali osservazioni alle proposte vanno presentate entro il 29 ottobre 2013, secondo le modalità descritte negli avvisi pubblicati nel Bollettino Ufficiale della Regione Veneto n. 75 del 30 agosto Un incontro di presentazione dei nuovi Piani verrà organizzato in tutte le province del Veneto. A l incontro si terrà mercoledì 25 settembre alle 17 al Centro operativo provinciale in via Grandi 21 (vicino al casello di dell A13). Il programma prevede la presentazione del Piano regionale, di quello provinciale e della procedura di valutazione ambientale strategica; poi gli interventi del pubblico. In attesa del completamento dell iter del nuovo Piano faunistico venatorio regionale l assess regionale alla Caccia ha proposto con un disegno di legge la proroga del Piano vigente, in scadenza il 30 settembre prossimo, fino al 10 febbraio Agriturismi: comunicazione prezzi entro il 1 ottobre Entro il 1 ottobre le aziende agrituristiche debbono comunicare alla Provincia i prezzi massimi praticati per l'ospitalità, ai sensi della legge regionale n.28/2012. La comunicazione va effettuata anche se non vi sono variazioni rispetto all'anno precedente. 6

7 Calendario raccolta rifiuti agricoli. Telefono Polaris: Ricordiamo i prossimi appuntamenti per la raccolta dei rifiuti agricoli, nell ambito dell Accordo di programma fra organizzazioni agricole, Polaris e Provincia di. Per informazioni: Polaris via San Francesco 230 Lama Polesine Ceregnano, telefono , fax , e mail Calendario raccolta rifiuti agricoli Telefono Polaris: DATA ORARIO COMUNE PRESSO Venerdì 20 settembre 8 12 Lusia Mercato ortofrutticolo via Provvidenza 25/3 Giovedì 10 ottobre 8 12 Ficarolo Area comunale ex piarda Lunedì 14 ottobre 8 12 Ceregnano Impianto Polaris via San Francesco 230 Lama Polesine Giovedì 17 ottobre 8 12 Rosolina Mercato ortofrutticolo via Po di Brondolo 43 Lunedì 21 ottobre 8 12 Ceregnano Impianto Polaris via San Francesco 230 Lama Polesine Lunedì 11 novembre 8 12 Ceregnano Impianto Polaris via San Francesco 230 Lama Polesine Lunedì 18 novembre 8 12 Ceregnano Impianto Polaris via San Francesco 230 Lama Polesine Giovedì 21 novembre 8 12 Adria Cooperativa agricola Santa Maria Assunta via Cengiaretto 91 Martedì 26 novembre 8 12 Badia Polesine COAP Cooperativa ortofrutticola Alto Polesine via G. Bronziero 349 Lunedì 9 dicembre 8 12 Ceregnano Impianto Polaris via San Francesco 230 Lama Polesine Mercoledì 11 dicembre 8 12 Fratta Polesine Consorzio produttori agricoli polesani via Vespara 519 Lunedì 16 dicembre 8 12 Ceregnano Impianto Polaris via San Francesco 230 Lama Polesine Genio civile: concessioni per sfalcio Il Genio civile di ha diffuso nuovi avvisi per concessioni di sfalcio lungo gli argini. I documenti completi sono disponibili presso gli uffici zona dell associazione. Comune Ettari Procedura Informazioni Scadenza offerte gara a del (destra Adige, lato a licitazione settembre campagna fra gli stanti 159 e 183) privata

8 La filiera senza glutine: incontri dell Ulss di Adria per agriturismi e operatori Il Servizio igiene alimenti e nutrizione dell Ulss 19 di Adria realizzerà tre edizioni del corso La filiera senza glutine per sensibilizzare gli operatori coinvolti a vario titoplo nella preparazione, somministrazione e ventida di alimenti per soggetti affetti da celiachia (l intolleranza permanente al glutine). La celiachia è una malatta molto frequente (secondo i dati nazionali, peraltro sottostimati, c è una persona malata ogni 100); il mercato del senza glutine, già in espansione, e la qualità dei servizi che lo offrono (comprese aziende agrituristiche e produttori agricoli) possono essere accresciuti con attraverso la formazione. Il Sian dell Azienda sanitaria di Adria, in collaborazione con l Associazione italiana celiachia, il Sian di Verona e la Regione veneto, organizza quindi un modulo formativo della durata di tre, in tre edizioni, rivolto in particolare agli addetti alla ristorazione e agli operatori del sett alimentare. La partecipazione è gratuita e viene considerata come formazione da inserire nel piano di autocontrollo aziendale. Gli incontri si svolgono presso la sala riunioni al primo piano dell ospedale vecchio di Adria (in piazza degli Etruschi 9). Riproduciamo il modulo di adesione, da inviare entro il 30 settembre. MODULO FORMATIVO: LA FILIERA SENZA GLUTINE Moduli formativi/informativi Legge 123/2005 Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia Scheda d iscrizione Cognome Nome Luogo di nascita Data di nascita Cod. fiscale Indirizzo Tel fax Professione Tipologia di Ente/Struttura /esercizio/ditta Legale Rappresentante Desidero iscrivermi alla: I edizione: 8 Ottobre II edizione: 19 Novembre III edizione: 21 Novembre Compilare la scheda ed inviare entro il 30 Settembre 2013 al n. fax 0426/ oppure via mail: Per informazioni contattare la Segreteria Organizzativa: Dr.ssa Laura Beltrame tel. 0426/ I suoi dati verranno raccolti e trattati nel rispetto della legge sulla privacy ai sensi dell art.13 d.lgs.vo 196/2003. DDR 156 del 2/11/2009 8

9 Corso di Web Marketing Hai necessità di vendere i prodotti della tua azienda? Vuoi una presenza commerciale efficace? Desideri farti contattare dai clienti potenziali? Erapra del Veneto, l ente di formazione di Confagricoltura, ha progettato un percorso formativo per soddisfare queste esigenze: corsi di Web Marketing destinati in particolare alle aziende interessate alla vendita diretta dei propri prodotti attraverso il web, dopo il successo riscontrato dai corsi di web marketing per le aziende agrituristiche. I corsi sono a pagamento e saranno avviati solo quando sarà raggiunto il numero minimo di 15 utenti. Il corso si sviluppa in 16 formative con moduli di 4 in giornate diverse (4 giornate). Obiettivo del corso è fornire competenze per poter gestire un progetto di Web Marketing tradizionale anche attraverso il dialogo con fornitori/web Agency su tematiche più tecniche (esempio: advertising a pagamento, ottimizzazione motori di ricerca eccetera). Sarà inoltre distribuito materiale tecnico informativo a supporto dell'attività formativa ricevuta. Il costo complessivo per partecipante è di 200 euro più IVA. PROGRAMMA DEL CORSO Cambiano i media, cambia il business Come cambia la fruizione dei media a seguito della diffusione della rete e del mobile Come il cambiamento dei media sta impattando sulle strategie di comunicazione secondo la logica della multicanalità e dell'engagement Il protagonismo dei social media e dei motori di ricerca nel ridisegnare le dinamiche della rete e le strategie di web marketing Il mobile la diffusione dell'uso della rete in mobilità secondo la logica dell'always on le applicazioni protagoniste di un nuovo modo di creare interazione fra marca e consumat Gli ambienti del marketing digitale e gli strumenti a disposizione dell'impresa Come sviluppare a 360 gli aspetti relazionali di una presenza digitale Le fasi di una strategia digitale: ti aiuto, ti vendo, ti coinvolgo, ti racconto SEO (Search Engine Optimisation): conoscere il funzionamento dei motori di ricerca per progettare al meglio un sito La comunicazione sul web dalla pubblicità online alle formule a pay per performance SEM (Search Engine Marketing) Una strategia digitale può prescindere dall'esistenza di un sito: i marketplace (ebay, Amazon, marketplace verticali, marketplace mobile) Social media marketing Gli obiettivi di un piano di social media marketing: customer acquisition, customer retention, online reputation Le customer communities: il social network interno come strumento di customer care e di CRM Le piattaforme e come utilizzarle Facebook e le tipologie di pagine attivabili Twitter e l'importanza di un piano editoriale Linkedin, il "Who's who" del XXI secolo Yahoo Answers, Youtube, Flickr, Tumblr e le piattaforme per accreditare la propria competenza i blog: verità e falsi miti Pinterest e l'esplosione dello storytelling 9

10 Il mobile ed il futuro dei social media local il caso Foursquare Google Maps e l'importanza delle recensioni Le criticità dei social media: morte della privacy e net reputation Quali metriche per il social media marketing l'uso dei software di web analytics il monitoraggio della blogosfera il benchmark di valutazione delle attività sui social media suggerimenti per valutare l'impatto della rete all'interno di sinergie con il punto di vendita fisico Il mobile Come il mobile cambia il business e il (web) marketing Il mercato: diffusione e navigazione mobile, sistemi operativi e impatto degli smartphone sul comportamento dell'utente I devices sul mercato e i sistemi operativi associati Obiettivi e strumenti del mobile marketing ottimizzazione dei siti applicazioni e differenze tra le piattaforme la realtà aumentata pagamenti mobile e tecnologie NFC Il Tablet e il loro ruolo in tre mondi esemplari: business to business, editoria ed e commerce OBIETTIVI DEL CORSO Avere un quadro d'insieme sulla rete e sul marketing digitale Comprendere le motivazioni per cui è importante che parte dell attività di marketing passi da tradizionale all'online Evidenziare le differenze fra i social media più diffusi, conoscerli per valutarne le criticità Comprendere le opportunità tanto sul fronte della customer retention che della customer acquisition con i relativi aspetti di costi e marginalità Per ulteriori informazioni: Erapra del Veneto via Monteverdi 15 Mestre tel Fax E mail Gestione dei terreni in ambito orticolo, il 28 settembre a Villa d Adige Sabato 28 settembre alle 9.30 presso il palatenda di Villa d Adige (Badia Polesine) si terrà il convegno La gestione dei terreni agrari in ambito orticolo, relat il prof. Paolo Sambo (Università di Padova, Dipartimento di agronomia animali alimenti risorse naturali e ambiente Dafnae). L incontro è nell ambito delle manifestazioni della 30.a Festa regionale della polenta di Villa d Adige. 10

11 Scheda iscrizione Corsi di formazione autunno inverno Ragione sociale dell impresa Indirizzo (via, piazza ) n. civico CAP Comune Provincia Telefono Fax E mail Codice Fiscale Partita Iva Partecipante al corso Codice Fiscale Luogo di nascita Data di nascita Indirizzo (via, piazza ) n. civico CAP Comune Provincia Telefono Fax E mail 11

12 Sicurezza sul lavoro D.Lgs 81/08 Responsabile servizio prevenzione e protezione, con modulo antincendio e primo soccorso Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza per dipendenti, coadiuvanti o soci non legali rappresentanti Addetti antincendio e primo soccorso per dipendenti, coadiuvanti, soci non legali rappresentanti Sicurezza lavoratori autonomi e dipendenti fissi e stagionali (>50 gg. annue o che usano macchine agricole) Rinnovo o rilascio patentino fitosanitario Corso per il rinnovo Corso per il primo rilascio 6 15 Obbligatorio per legge per il titolare o legale rappresentante dell azienda Obbligatorio per legge per le aziende con dipendenti e per tutte le società semplici anche Obbligatorio per legge Obbligatorio per legge per tutti i titolari di impresa individuale e per dipendenti di aziende, escluso RLS Lendinara Lingua inglese o francese i partecipanti frequenteranno il corso in base al comune di residenza, sito in area GAL Adige o GAL Delta Po Inglese Francese Accoglienza in fattoria con modulo di inglese o francese 28/32 28 Inglese Francese 32 Comunicazione e accoglienza base con modulo di lingua inglese o francese avanzato 28/32 Inglese Francese 28 Inglese Francese 32 Informatica i partecipanti frequenteranno il corso in base al comune di residenza, sito in area GAL Adige o GAL Delta Po Tecnologie dell informazione in agricoltura con modulo di informatica base 32 Tecnologia informazione per le microimprese con modulo di informatica avanzato 32 12

Circolare N.56 del 29 Marzo 2013. Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese

Circolare N.56 del 29 Marzo 2013. Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Circolare N.56 del 29 Marzo 2013 Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Gentile cliente,

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014 News per i Clienti dello studio del 23 Luglio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ACCORDO PER IL CREDITO 2015 All Associazione Bancaria Italiana Servizio di Segreteria Generale Piazza del Gesù, n. 49 00186 ROMA La sottoscritta Banca/Il sottoscritto Intermediario finanziario

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi NOTA PER LA STAMPA Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi Hanno firmato la nuova moratoria il Ministro Corrado Passera, il Vice Ministro Vittorio Grilli, l ABI e le altre associazioni

Dettagli

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 16 marzo 2011 Con la presente circolare informativa siamo ad illustrare il nuovo accordo per il credito alle PMI recentemente stipulato tra ABI (Associazione Bancaria

Dettagli

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Roma 8 agosto 2013 Prot. UCR/ULG/UOF/001861 Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Loro Sedi Accordo per il Credito 2013 in favore

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi NOTA PER LA STAMPA Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi Hanno firmato la nuova moratoria il Ministro Corrado Passera, il Vice Ministro Vittorio Grilli, l ABI e le altre associazioni

Dettagli

Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale

Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale Allegato A alla DGR n. del Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale Soggetti ammissibili: piccole e medie imprese secondo la definizione comunitaria, che alla data del 30 settembre

Dettagli

12 febbraio 2010 Prot. CO/LG/TR/BA/000413. Avviso comune per la sospensione dei debiti delle PMI verso il settore creditizio

12 febbraio 2010 Prot. CO/LG/TR/BA/000413. Avviso comune per la sospensione dei debiti delle PMI verso il settore creditizio Roma 12 febbraio 2010 Prot. CO/LG/TR/BA/000413 Agli Associati Loro Sedi Avviso comune per la sospensione dei debiti delle PMI verso il settore creditizio Si fa seguito alla lettera circolare del 14 gennaio

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi NOTA PER LA STAMPA Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi Hanno firmato la nuova moratoria il Ministro Corrado Passera, il Vice Ministro Vittorio Grilli, l ABI e le altre associazioni

Dettagli

consulenza alle Imprese a 360

consulenza alle Imprese a 360 consulenza alle Imprese a 360 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare del 15 gennaio 2010 Oggetto: ULTIMI CHIARIMENTI MORATORIA BANCHE L ABI ha di recente fornito importanti chiarimenti in tema di moratoria

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

AVVISO COMUNE. Tutto quello che è utile sapere

AVVISO COMUNE. Tutto quello che è utile sapere AVVISO COMUNE Tutto quello che è utile sapere Per aiutare le piccole e medie imprese del paese a contrastare le difficoltà finanziarie collegate alla crisi, arrivando al momento della ripresa nelle migliori

Dettagli

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Roma 1 giugno 2012 Prot. UCR/ULG/001256 Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Loro Sedi Nuove misure per il Credito alle PMI del

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale

Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale Allegato A Condizioni e modalità di attuazione della Moratoria Regionale Soggetti ammissibili: piccole e medie imprese, come definite dalla normativa comunitaria, che alla data della presentazione della

Dettagli

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento Comunicazione del 27/03/2014 SPESOMETRO 2014 Gentili Clienti, il 10 aprile 2014, per i soggetti che effettuano la liquidazione IVA mensile e il 22 aprile 2014, per gli altri soggetti, scade il termine

Dettagli

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013 > Circ. n. 9-M/2013 PC/pf Del 04 2013 OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013 Spett.le Ditta/Società In evidenza SOMMARIO Principali scadenze mese di 2013 Modello di comunicazione polivalente delle operazioni

Dettagli

MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO

MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO Accordo tra Intesa Sanpaolo e Confesercenti per il sostegno e lo sviluppo delle imprese di commercio, turismo e servizi. MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO Sommario. 1. Rafforzamento patrimoniale Ricap Business

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 4 09.01.2015 Legge di Stabilità 2015: moratoria dei mutui e finanziamenti La quota capitale della rata può essere sospesa fino al 2017 Categoria:

Dettagli

Garanzia su linee di credito a breve e medio/lungo termine

Garanzia su linee di credito a breve e medio/lungo termine FOGLIO INFORMATIVO Garanzia su linee di credito a breve e medio/lungo termine INFORMAZIONI SU FIDIALTAITALIA S.C.p.A. Denominazione: Fidialtaitalia Società Cooperativa per Azioni S.C.p.A. Sede Legale:

Dettagli

GUIDA ALL AVVISO COMUNE

GUIDA ALL AVVISO COMUNE GUIDA ALL AVVISO COMUNE PER LA SOSPENSIONE DEI DEBITI DELLE PMI Tutto quello che è utile sapere L AVVISO È STATO SIGLATO DA ABI, CASARTIGIANI, CIA, CLAAI, CNA, COLDIRETTI, CONFAGRICOLTURA, CONFAPI, CONFARTIGIANATO,

Dettagli

CAGLIARI, 8 FEBBRAIO 2012

CAGLIARI, 8 FEBBRAIO 2012 CAGLIARI, 8 FEBBRAIO 2012 1 LA SOCIETA Fondosviluppo SpA è una società senza scopo di lucro che gestisce il Fondo mutualistico promosso da Confcooperative per la promozione e lo sviluppo della cooperazione,

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI Bergamo, marzo 2014 CIRCOLARE N. 9/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) costituisce un adempimento da considerarsi a

Dettagli

Nuove misure per il credito alle PMI

Nuove misure per il credito alle PMI Nuove misure per il credito alle PMI 1. Premessa e obiettivi L'economia italiana è entrata in una nuova fase recessiva. La domanda di consumi e di investimenti è in calo. Tale situazione si rileva particolarmente

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti PMI Mutui Sospensione pagamento quote capitale Accordo ABI/PMI.

Oggetto: Finanziamenti PMI Mutui Sospensione pagamento quote capitale Accordo ABI/PMI. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 6 agosto

Dettagli

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Dott. Arturo Semerari Presidente Ismea Bisceglie, 23 novembre 2012 ISMEA ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare accompagna gli imprenditori

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Allegato B al D.D.G. n /2009 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Modalità e procedure per il concorso regionale nel pagamento degli interessi sul prestiti

Dettagli

MUTUI CHIROGRAFARI AGEVOLATI AD IMPRESE AGRICOLE CREDITO AGRARIO

MUTUI CHIROGRAFARI AGEVOLATI AD IMPRESE AGRICOLE CREDITO AGRARIO FOGLIO INFORMATIVO Prodotto adatto alla clientela imprenditoriale agricola MUTUI CHIROGRAFARI AGEVOLATI AD IMPRESE AGRICOLE CREDITO AGRARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa

Dettagli

SOLUZIONI PER L AGRICOLTURA PRODOTTI E SERVIZI PER L IMPRESA AGRICOLA

SOLUZIONI PER L AGRICOLTURA PRODOTTI E SERVIZI PER L IMPRESA AGRICOLA PER L AGRICOLTURA PRODOTTI E SERVIZI PER L IMPRESA AGRICOLA Professionalità e competenza al servizio della tua attività Credem per l Agricoltura è il servizio dedicato agli agricoltori e alle imprese agricole.

Dettagli

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE Bergamo, marzo 2015 CIRCOLARE N. 15/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) per l anno 2014 dovrà essere presentata entro

Dettagli

Accordo per il credito 2013

Accordo per il credito 2013 Accordo per il credito 2013 1. Premessa e obiettivi Il 21 dicembre 2012, l ABI e le altre associazioni imprenditoriali hanno sottoscritto un accordo per la proroga al 31 marzo 2013 del periodo di validità

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima.

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. C.R.I.A.S. Credito di esercizio Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. Finanziamento destinato a sopperire

Dettagli

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI Riferimento normativo Articolo 22 del regolamento (CE) n. 1698/2005 RAGIONI DELL INTERVENTO La misura punta a incentivare il primo insediamento di giovani

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali

STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali Circolare n. 7/14 Legnago, 15.07.2014 A TUTTI I CLIENTI - LORO SEDI - OBBLIGO INSTALLAZIONE DEL POS AL 30.06.2014 Come già

Dettagli

Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015.

Adesione di Regione Piemonte all' Accordo per il credito 2015 sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015. REGIONE PIEMONTE BU21 28/05/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 25 maggio 2015, n. 16-1465 Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI PRESTITO PARTECIPATIVO Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI PRESTITO PARTECIPATIVO Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI PRESTITO PARTECIPATIVO Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI Domanda presentata a Richiedente Denominazione Sede legale Codice

Dettagli

Il punto di incontro tra mondo finanziario e imprese

Il punto di incontro tra mondo finanziario e imprese COFIITER Il punto di incontro tra mondo finanziario e imprese Guida alla garanzia I nostri clienti Micro, piccole e medie imprese industriali, commerciali, turistiche e di servizi, le imprese artigiane

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 152 del 10 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Appuntamento con lo spesometro: 12.11.2013 per i contribuenti IVA mensili o 21.11.2013 per i contribuenti IVA trimestrali

Dettagli

COFITER. Microcredito e Credito diretto.

COFITER. Microcredito e Credito diretto. COFITER Microcredito e Credito diretto. INDICE COFITER «I nostri valori» Micro credito FEI Micro credito FCG Credito Diretto 2 Cofiter è uno dei principali confidi italiani iscritto all elenco degli Intermediari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: FINANZIAMENTI DESTINATI AGLI AGRICOLTORI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: FINANZIAMENTI DESTINATI AGLI AGRICOLTORI FOGLIO INFORMATIVO relativo a: FINANZIAMENTI DESTINATI AGLI AGRICOLTORI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa. Via Mazzini 17, 52031 Anghiari (AR) Tel.:

Dettagli

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

Moratoria leasing, le implicazioni contabili nel bilancio del locatario

Moratoria leasing, le implicazioni contabili nel bilancio del locatario Per sostenere le PMI in difficoltà 3 Marzo 2011, ore 08:56 Moratoria leasing, le implicazioni contabili nel bilancio del locatario Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

IMPRESA ITALIA CATALOGO PRODOTTI - ASSOCIAZIONI

IMPRESA ITALIA CATALOGO PRODOTTI - ASSOCIAZIONI Prodotti a Medio Lungo Termine Prodotto Destinazioni Caratteristiche Prestito Partecipativo (Mutuo Ricapitalizzazione Aziendale) Ricapitalizzazione aziendale con delibera di capitale già sottoscritta dai

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600 STUDIO BAMPO Dott. MARIO BAMPO Dott. GIANCARLO DE BONA Dott. ALESSANDRO BAMPO Dott. FEDERICA MONTI Dott. SABRINA TORMEN Dott. MATTEO MERLIN Dott. MASSIMO COMIS Belluno, lì 11 luglio 2011 Circolare n. 13-2011

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SABATINI

LA NUOVA LEGGE SABATINI LA NUOVA LEGGE SABATINI (DECRETO FARE Decreto Legge 69/2013 convertito con modificazioni dalla legge 98/2013) I DESTINATARI La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare, si rivolge alle micro,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI D.A. n. 2740 Dip.Int.Strutt. Servizio III Unità operativa n. 32 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTA la

Dettagli

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI)

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) Si avvisa la gentile Clientela che la Banca ha aderito, in data 04/05/2015, al nuovo Accordo per il Credito 2015, limitatamente all iniziativa

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia MicroPrestito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti OPERATIVITA A BREVE TERMINE I finanziamenti a breve termine sono regolati a tasso variabile, pari all Euribor maggiorato dei seguenti spread: Spread

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

La moratoria dei debiti delle PMI a tre mesi dalla firma dell avviso comune

La moratoria dei debiti delle PMI a tre mesi dalla firma dell avviso comune La moratoria dei debiti delle PMI a tre mesi dalla firma dell avviso comune Contenuti Premessa. Obiettivi della moratoria Pag. 1 Le operazioni oggetto dell Avviso Pag. 1 Ambito oggettivo di applicazione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI IN CONTO INTERESSE ALLE IMPRESE DEI COMPARTI DEL COMMERCIO, TURISMO, SERVIZI E ARTIGIANATO DEL COMUNE DI MALALBERGO PER INVESTIMENTI PRODUTTIVI.

Dettagli

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA

INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA INTERVENTI DI RIASSICURAZIONE AGEVOLATA RICHIEDENTE (denominazione / ragione sociale del Garante): BENEFICIARIO FINALE (denominazione / ragione sociale PMI beneficiaria): LINEA D INTERVENTO PRESCELTA Linea

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA INFORMAZIONI SU ARTIGIANCREDITO TOSCANO Artigiancredito Toscano Consorzio Fidi della Piccola e Media Impresa società cooperativa (in breve ACT) Sede legale

Dettagli

CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO 38060 ALDENO TN - VIA ROMA, 1 TELEFONO E FAX 0461 842 517-0461 842 101

CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO 38060 ALDENO TN - VIA ROMA, 1 TELEFONO E FAX 0461 842 517-0461 842 101 ANNUNCIO PUBBLICITARIO MUTUO Chirografario per Consumatore AGGIORNATO AL 01/11/2015 F51900 DATI INFORMATIVI DELLA BANCA DENOMINAZIONE CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO

Dettagli

Il rimborso avviene mediante il pagamento periodico di rate. Le rate possono essere mensili, trimestrali, semestrali o annuali.

Il rimborso avviene mediante il pagamento periodico di rate. Le rate possono essere mensili, trimestrali, semestrali o annuali. INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione legale: - Sede legale e Amministrativa: Via Provinciale Lucchese, 125/b Tel.: 0573/91391 Fax: 0573/572442 Sito Internet: www.vibanca.it - E-mail: info@vibanca.it

Dettagli

TECNICO DI MARKETING DIGITALE PER EXPO 2015 (prima e seconda edizione)

TECNICO DI MARKETING DIGITALE PER EXPO 2015 (prima e seconda edizione) CORSO GRATUITO FSE TECNICO DI MARKETING DIGITALE PER EXPO 2015 (prima e seconda edizione) GIOVANI A SUPPORTO DELLE IMPRESE CHE VOGLIONO FARE BUSINESS CON EXPO 2015 Formaper Camera di Commercio di Milano,

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

ATTIVITA D AGENZIA D AFFARI Comunicazione

ATTIVITA D AGENZIA D AFFARI Comunicazione spazio per la protocollazione Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE di NARNI ATTIVITA D AGENZIA D AFFARI Comunicazione Il/La sottoscritto/a cognome QUADRO INIZIALE (compilare in ogni

Dettagli

ABI COMMISSIONE REGIONALE ABRUZZO

ABI COMMISSIONE REGIONALE ABRUZZO ABI COMMISSIONE REGIONALE ABRUZZO Si riportano, qui di seguito, alcune misure adottate a favore di imprese e famiglie, per contrastare gli effetti negativi della crisi SOSTEGNO ALLE IMPRESE: Accordo per

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

Unione Europea Repubblica Italiana

Unione Europea Repubblica Italiana Unione Europea Repubblica Italiana Regione Siciliana Dipartimento Cooperazione, Commercio e Artigianato Dipartimento Pesca via degli Emiri, 45 90135 Palermo Servizio Credito Tel. 091 70 79 427 / Fax 091

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA. Crediti di conduzione nel settore agricolo

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA. Crediti di conduzione nel settore agricolo LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA Crediti di conduzione nel settore agricolo Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 47 del 10 agosto 2006 IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO C/9 CREDITI SPECIALI

FOGLIO INFORMATIVO C/9 CREDITI SPECIALI FOGLIO INFORMATIVO C/9 CREDITI SPECIALI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Agricola Popolare di Ragusa Società Cooperativa per Azioni (di seguito la Banca ) Sede Legale e Direzione Generale: Viale Europa,

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO OPERATIVITÀ A MEDIO/LUNGO TERMINE FINANZIAMENTI PER CONSOLIDAMENTO DI PASSIVITÀ A BREVE TERMINE Finalità: favorire il rafforzamento della struttura finanziaria aziendale attraverso la concessione di finanziamenti

Dettagli

! "!! # $ %& ' $ # '"(, ' 7.00. *+, ++,, ' 7880.

! !! # $ %& ' $ # '(, ' 7.00. *+, ++,, ' 7880. ! " # $#%&'(()*+,%"%-$./ 0)/""1()&/.1! "!! # $ %& ' $ # '"( $$($#) 2 $&1 2 3441/.150 33!"6 " ##$! " ##$( -# # $$#" "6, ' 7.00. *+, ++,, ' 7880.,-, 7.00. $#!. # $$ $$/0++0 $!0,-, 7880. " # ++, $#!. # $$

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NU MERO 5 Le Circolari della Fondazione Studi n.5 del 06.03.2015 Microcredito: istruzioni per l uso Partito il bando del Mise, che mette a disposizione circa 40 milioni di euro per

Dettagli

1. FINANZIAMENTI A LUNGO TERMINE E LEASING IMMOBILIARE (finito o costruendo)

1. FINANZIAMENTI A LUNGO TERMINE E LEASING IMMOBILIARE (finito o costruendo) CREDITO EMILIANO SPA Capogruppo del Gruppo bancario Credito Emiliano - Credem - Capitale versato euro 332.392.107 - Codice Fiscale e Registro Imprese di Reggio Emilia 01806740153 - P. IVA 00766790356 -

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Andrea Ventura Direzione Rete Organizzativa/Unità Finanziamenti START UP INNOVATIVA:

Dettagli

Nuove Misure per il Credito alle PMI

Nuove Misure per il Credito alle PMI Seminario 10 maggio 2012 Nuove Misure per il Credito alle PMI In collaborazione con: Confapi Padova Viale dell Industria, 23 Padova Tel. 049 80 72 273 Powered by info@confapi.padova.it www.confapi.padova.it

Dettagli

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014 A tutti i clienti, loro indirizzi mail Circolare n. 3/2015 del 24 marzo 2015. Spesometro per l anno 2014 Sono obbligati alla comunicazione di cui all'art. 21 del DL 78/2010 (c.d. "spesometro") tutti i

Dettagli

Avvisi FOR.TE 2012/2013 I nuovi bandi per la formazione gratuita dei dipendenti

Avvisi FOR.TE 2012/2013 I nuovi bandi per la formazione gratuita dei dipendenti Avvisi FOR.TE 2012/2013 I nuovi bandi per la formazione gratuita dei dipendenti Confcommercio Imprese per l'italia della provincia di Pordenone sta predisponendo i nuovi Piani Formativi a valere sul bando

Dettagli

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Le Guide professionalità quotidiana DECRETO DEL FARE Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Tavole sinottiche Finanziamenti agevolati Responsabilità solidale negli appalti Assistenza fiscale Riscossione

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis.

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis. AVVISO 411/E Allegato A) INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L ASSUNZIONE DEGLI EX DETENUTI E DEI DETENUTI CON PERMESSO AI SENSI DELL ART. 21 LEGGE N.354/75 E DEL DECRETO-LEGGE N. 78/2013 1. Obiettivi e principi

Dettagli