Igiene orale. Livello superiore. Mundgesundheit Schweiz Santé buccale en Suisse Salute orale in Svizzera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Igiene orale. Livello superiore. Mundgesundheit Schweiz Santé buccale en Suisse Salute orale in Svizzera"

Transcript

1 Igiene orale Livello superiore Mundgesundheit Schweiz Santé buccale en Suisse Salute orale in Svizzera con il patrocinio di: Società svizzera odontoiatri SSO Swiss Dental Hygienists Ricerca elmex

2 00 / Igiene orale Piano lezione igiene orale Scuola superiore 1/2 Nr. Tema Contenuto Obiettivi Azione Materiale Organizzazione Tempo 1 Introduzione Testo informativo per PD / OPD 2 Guida 3 Igiene orale 4a 4b 5 Esperimento 1: Erosione Esperimento 2: Discromie dentali Presentazione esperimento Guida all esecuzione degli esperimenti. La guida mostra come poter affrontare l'unità didattica ed eseguire gli esperimenti e quali informazioni trasmettere agli alunni. Cosa significa igiene orale? Vengono spiegati quattro aspetti dell igiene orale (carie, alito cattivo, erosione dentale, discromie dentali). Nel corso della lezione si approfondiscono i due argomenti "erosione dentale" e "discromie dentali". Gli alunni sono "amanti" di varie bibite zuccherate. Così al mattino capita di vedere sempre più di frequente giovani che si dirigono a scuola con un energy drink. Tali bibite possono provocare erosioni dentali. L esperimento ci consente di mostrare come si verificano le erosioni dentali. Per i giovani il tema del fumo è importante. Oltre ai rischi per la salute, si deve tenere in considerazione anche il fattore della discromia dei denti. L esperimento mostra come i denti si macchiano e come poter contrastare questo processo. Gli alunni riepilogano i risultati e le conoscenze su un foglio di lavoro e li presentano all intera classe o a un pubblico più vasto (ad es. scuola, riunione dei genitori, comune). Gli alunni spiegano correttamente il concetto di igiene orale con riferimento ai quattro sotto-argomenti Gli alunni apprendono che il consumo di varie bibite può provocare l erosione dentale. Imparano come procedere con l igiene orale dopo aver sorseggiato bibite di vario genere. Gli alunni apprendono che, oltre ai rischi per la salute, i fumatori devono mettere in conto anche danni estetici. Gli alunni sono in grado di valutare l uso di vari dentifrici con diverse proprietà abrasive. Gli alunni sono in grado di riepilogare e documentare le nozioni essenziali. Seguire la presentazione. Risolvere il foglio di lavoro in team da due. Predisporre ed eseguire l esperimento. Documentare l esperimento. Predisporre ed eseguire l esperimento. Documentare l esperimento. Compilare il foglio di lavoro. Riepilogare gli esperimenti. Testo informativo per PD / OPD Testo informativo per PD / OPD Presentazione Foglio di lavoro Foglio di lavoro Materiale come da lista della spesa sul foglio di lavoro Foglio di lavoro Materiale come da lista shopping sul foglio di lavoro Foglio di lavoro IC LP 20 LG 30 LG 20 LG LI 20-60

3 00 / Igiene orale Piano lezione igiene orale Scuola superiore 2/2 Nr. Tema Contenuto Obiettivi Azione Materiale Organizzazione Tempo 6 Domande sull igiene orale Gli alunni devono rispondere alle domande più frequenti in materia. Le informazioni in merito devono essere acquisite durante gli esperimenti e le esposizioni di PD/OPD. Gli alunni verificano le loro conoscenze e scoprono eventuali lacune. Rispondere alle domande Foglio domande Soluzioni 7 sul tema Igiene orale Documento di consultazione per PD/OPD Le indicazioni sul tempo sono indicative e possono variare a seconda della classe, del livello e dell'intensità della lezione! LI 20 Integrazioni/varianti Legenda Informazioni LI = lavoro individuale/ IC = intera classe / LG = lavoro di gruppo/ LP = lavoro con partner/ PD = personale docente/ OPD = operatrice di prevenzione dentaria Su è presente un'unita didattica completa dedicata al tema della profilassi anticarie. GABA: Salute orale in Svizzera: Indirizzi di contatto

4 01 / Igiene orale Introduzione all igiene orale Testo informativo per PD / OPD 1/4 Prefazione Prof. Dr. Adrian Lussi Direttore della Clinica di conservazione dentale, prevenzione e odontoiatria infantile dell Università di Berna Sebbene il numero di carie in Svizzera e in altri paesi sia notevolmente diminuito negli ultimi decenni, questo fenomeno interessa ancora molti bambini e adulti. A differenza delle carie, nelle quali i batteri trasformano i carboidrati in acidi che possono distruggere i denti, nella cosiddetta erosione gli acidi dell'alimentazione o dello stomaco attaccano direttamente i denti. In seguito al cambiamento degli stili di vita negli ultimi decenni, l importanza dell erosione dentale è sempre più preponderante. La presente unità didattica descrive esperimenti facilmente eseguibili che riguardano queste malattie e promuove così la comprensione delle misure profilattiche. Un altro tema trattato è l'alito cattivo. Viene dimostrato chiaramente che la miglior difesa contro l alito cattivo è la lotta ai depositi batterici su lingua e denti. L unità didattica può essere consigliata a insegnanti e istruttori di igiene dentale a scuola, poiché grazie a semplici esperimenti è possibile far capire meglio l'importanza della profilassi del cavo orale per il benessere di psiche e corpo.

5 01 / Igiene orale Introduzione all igiene orale Testo informativo per PD / OPD 2/4 Igiene orale Fin da piccoli si impara a non dimenticare di lavarsi i denti! In età prescolare, durante la scuola materna e durante la scuola primaria il tema dell igiene orale è sempre ricorrente. Al centro dell attenzione è posta soprattutto la profilassi anticarie. Durante la scuola superiore il tema all improvviso non è più presente forse perché si ritiene che la pluriennale attività del personale docente e delle operatrici di prevenzione dentaria abbia un effetto permanente che dura fino a tarda età. Da qualche anno tuttavia è emersa una nuova tendenza preoccupante tra i giovani e che bisogna tenere presente sia nel settore scolastico che in quello privato. Da una parte si tratta del consumo di bibite zuccherate e vari energy drink, bevuti fin dal mattino presto, mentre si va a scuola. Dall altro i giovani iniziano a fumare sempre più precocemente. Entrambi i trend esercitano un influsso negativo sull igiene orale. Questo si ripercuote da un lato in un forte consumo dei tessuti duri dentari (smalto, dentina) e dall altro in un incremento nella formazione della placca. Quattro aspetti dell igiene orale Da una riflessione completa sull'igiene orale emerge che i giovani devono essere informati su quattro temi. Tali temi devono essere discussi e trattati in un contesto scolastico e di prevenzione. Igiene orale: Prevenzione 1. Carie: In ogni cavità orale vivono microrganismi. Questi si nutrono di sostanze facilmente assimilabili, soprattutto di zuccheri. In questo processo essi secernono metaboliti (acidi) che attaccano lo smalto dei denti e lo decalcificano (demineralizzano). Come conseguenza, si forma in primo luogo un punto decalcificato (macchia biancastra/ lesione iniziale); se la decalcificazione continua la superficie dello smalto si intacca e si crea un buco ( carie ). Con l espressione profilassi anticarie si intendono le misure volte alla prevenzione della carie. Negli ultimi decenni i fluoruri hanno dato prova di essere efficaci mezzi per la profilassi anticarie. Essi sono contenuti in dentifrici, collutori e gel fluorurati. Ulteriori misure della profilassi anticarie sono un igiene orale costante, un alimentazione sana e visite preventive periodiche dal dentista. 2. Alito cattivo: L alito cattivo, clinicamente detto alitosi, è molto diffuso in quasi tutti i paesi del mondo. Questo dimostra, ad esempio, che le abitudini alimentari personali non sono l unica causa dell'alitosi. Circa il 25 % delle persone, in particolari momenti della giornata, soffre di alito cattivo a un livello socialmente inaccettabile; le persone anziane sono spesso più colpite rispetto ai giovani. Solo circa il 6 % degli interessati soffre di alito cattivo in modo cronico. Solitamente le persone non sono consapevoli del proprio alito cattivo. Nel 90 % dei casi la causa dell alitosi nella cavità orale è da ricondurre in gran parte alla lingua. Diversi studi hanno dimostrato che nella maggior parte dei casi la causa dell alitosi è la scomposizione del materiale organico (ad es. proteine della saliva) da parte dei batteri nella cavità orale. Ne derivano composti volatili dello zolfo che provocano l'odore sgradevole. Questi composti volatili dello zolfo si formano con la demolizione degli aminoacidi contenenti zolfo dei resti di alimenti, cellule epiteliali morte e componenti della saliva da parte di batteri. Sulla superficie della lingua si trova il % dei batteri responsabili dell alito cattivo. Carie Alito cattivo Erosione dentale Discromie dentali

6 01 / Igiene orale Introduzione all igiene orale Testo informativo per PD / OPD 3/4 3. Erosione dentale: erosione dei tessuti duri dentali (smalto, dentina) a opera di processi chimico-fisici. Esempio: Il frequente e costante consumo di acidi della frutta provoca l erosione (perdita) dei tessuti duri dentali. L erosione dentale è incrementata dall abrasione: Perdita di tessuti duri dentali causata meccanicamente da una tecnica di pulizia errata ( sfregamento ), dall'uso di dentifrici eccessivamente abrasivi, dall'impiego di uno spazzolino troppo duro e dal digrignare dei denti. 4. Discromie dentali: Tutti i denti sono rivestiti da un invisibile e sottile strato, detto cuticola dello smalto (membrana di Nasmyth). Su tale membrana possono depositarsi sostanze coloranti estranee al corpo che provocano discromie. Tali sostanze coloranti provengono per lo più dagli alimenti (frutta, alimenti colorati, tè, caffè, vino rosso, ecc ) e dai tabacchi (catrame). Queste discromie superficiali possono essere rimosse dall igienista dentale. Igiene orale nel contesto scolastico Gli alunni, nell ambito della profilassi scolastica anticarie, si confrontano con il tema dell igiene orale dalla scuola materna fino alla 6ª classe. Questo dovrebbe continuare in modo interessante anche a livello di suola superiore o secondaria superiore. Al centro devono essere posti i cambiamenti delle abitudini alimentari e dei consumi. La presente unità didattica tratta principalmente i due temi dell erosione dentale e della discromia dentale in modo semplice. E molto chiaro mediante esperimenti. I due temi restanti vengono affrontati in due testi specialistici con relative modalità per ulteriori unità didattiche e offerte in materia di igiene dentaria. Vi sono varie possibilità per l integrazione della tematica nel piano didattico: Uomo e prossimo: Gli alunni apprendono come rapportarsi al prossimo e alla società e come potersi inserire nella comunità. Oltre alle capacità comunicative e sociali, giocano un ruolo importante ulteriori fattori quali l aspetto, l igiene e la salute orale. Soprattutto quando si tratta di accompagnare il processo di sviluppo della pubertà o di preparare gli alunni ai colloqui di presentazione, queste informazioni sono illuminanti e utili. Biologia / Antropologia: Gli alunni sono in grado di spiegare il processo di alimentazione con tutti gli importanti fattori d influenza. I denti, la lingua e l intero cavo faringeo svolgono un ruolo fondamentale in questo processo. Se la funzione dei denti è compromessa, ciò si ripercuote sull ingestione del cibo e quindi nell intero metabolismo e bilancio energetico. Chimica: Gli alunni sono in grado di eseguire semplici esperimenti chimici seguendo le istruzioni. Essi scoprono e descrivono i primi esempi di trasformazione delle sostanze (ad es. reazioni acido-base). Gli esperimenti sono semplici e al tempo stesso molto chiarificatori. Gli alunni possono eseguirli in modo semplice, osservare il processo e descriverlo.

7 01 / Igiene orale Introduzione all igiene orale Testo informativo per PD / OPD 4/4 Struttura dell unità didattica La guida comprende informazioni e spiegazioni sugli esperimenti e i relativi risultati. Una presentazione di base con un apposito foglio di lavoro fornisce una riflessione completa in materia di igiene orale. Infine vengono descritti e spiegati in dettaglio i due esperimenti. Come ausilio il personale docente e le operatrici di prevenzione dentaria trovano liste della spesa e testi esplicativi sul tema. Ulteriori informazioni sul tema della salute dei denti e della salute orale / / / /

8 02 / Igiene orale Guida agli esperimenti sull igiene orale Testo informativo per i PD / OPD 1/5 Informazione: La presente guida indica come eseguire gli esperimenti con gli alunni e quali informazioni e contenuti trasmettere in quale momento. Le espressioni e gli esempi per la comunicazione (segnalati in rosso) sono da intendersi come proposte non vincolanti. Guida agli esperimenti Saluto / Introduzione Oggi sperimentiamo. Vedremo: come si comportano gli acidi degli alimenti con lo smalto dei nostri denti, come il fumo causa patine e macchie sulla superficie dei denti, quindi discuteremo i risultati e le possibili misure preventive e inoltre vedremo se anche l igiene orale può essere nociva. Avete già delle domande? 1. Erosione Domande introduttive: A chi di voi piace una delle bibite qui esposte? Cosa pensate che accada sulla superficie dei denti, sorseggiando magari la bibita lentamente e con gusto? Possibile risposta: Carie/zuccheri, ecc... Sì, lo zucchero può provocare carie. Cos altro potrebbe danneggiare i denti? Cosa ne è degli acidi nelle bibite? Una parte delle bibite è acida e gli acidi possono danneggiare i denti immediatamente e in modo molto rapido. Vedremo subito meglio come. Accingersi all esperimento: Preparare le uova sode. Apporre le scritte sulle provette, riempirle delle relative bibite (in modo che metà uovo sia immerso nel liquido). Attenzione: per osservare la proprietà abrasiva dello spazzolino e dei diversi dentifrici è utile preparare tre provette di tè freddo o succo di arancia. Impostare il timer a 30 minuti.

9 02 / Igiene orale Guida agli esperimenti sull igiene orale Testo informativo per i PD / OPD 2/5 25 minuti Quindi, lasciamo agire. Osservate ciò che accade e documentate quanto appreso nel vostro foglio di lavoro. Estrarre le uova dalle bibite, lavare sotto l acqua e pulire con spazzolino e acqua. Di volta in volta la stessa persona deve pulire le 3 uova (dal tè freddo) con a) acqua, b) dentifricio standard e c) dentifricio sbiancante. Alternativa: Eventualmente per la pulizia si possono utilizzare vari dentifrici abrasivi. Durante la pulizia dal tè freddo o dal succo di arancia le uova perdono materiale dalla superficie. Far sì che tutti gli alunni vedano le uova. Domande di analisi/spiegazione: Avete appena visto i diversi gusci d uovo. Cosa vi ha colpito di quello che è successo alle uova? Il guscio dell'uovo si comporta come lo smalto dei denti: possiede anch esso un'elevata percentuale di calcio. Gli acidi e le bibite sciolgono la superficie del guscio. Lo stesso si verifica con lo smalto dei denti qualora esso sia a lungo o di frequente a contatto con le bibite in questione. Ora vedremo se ci sono delle differenze tra le bibite. Mostrare e far valutare i gusci; quindi determinare i valori ph delle bibite utilizzando le striscette di misurazione ph. Tè alla menta, latte e acqua minerale non provocano danni. Tè freddo, energy drink, succo di arancia e cola intaccano la superficie del guscio dell uovo. Se confrontiamo ancora le tre superfici pulite con a) acqua, b) dentifricio standard c) dentifricio sbiancante, notiamo che il dentifricio sbiancante ha corroso ancora di più il guscio.

10 02 / Igiene orale Guida agli esperimenti sull igiene orale Testo informativo per i PD / OPD 3/5 Fig: Striscette di misurazione ph Come possiamo prevenire questa perdita di smalto (erosione dentale o semplicemente erosione)? Risposte: evitare bibite acide, bere rapidamente, utilizzare cannucce, adeguare la pressione durante la pulizia dei denti, utilizzare spazzolini morbidi, non utilizzare dentifrici troppo abrasivi, correggere la tecnica di pulizia (non effettuare sfregamenti orizzontali). 2. Fumo e placca dentaria Introduzione: In giovane età capita di provare a fumare sigarette. Tutti voi sapete che il tabacco e la nicotina sono nocivi. Fumare non è dannoso solo per i polmoni e il sistema cardiovascolare, ma anche per la mucosa orale e i denti. Perché? Lo scopriremo nel prossimo esperimento! Esecuzione dell esperimento: Mettiamo circa 20 sigarette in un barattolo di confettura vuoto e accenderle tutte contemporaneamente. Sul barattolo collochiamo un setaccio metallico in cui si trova un uovo sodo. Sul lato dell'uovo esposto al fumo viene innanzitutto apposta una piccola striscia adesiva. Attenzione: l esperimento non deve essere eseguito in un aula di scuola chiusa (utilizzare la cappa aspirante nell aula di chimica o il davanzale). Cosa vi aspettate alla rimozione delle uova dal setaccio? Una volta spente le sigarette, è possibile prelevare le uova dal setaccio e mostrarle alla classe. Cosa vedete? Il risultato corrisponde a ciò che ci aspettavamo? (effetto ancora più chiaro rimuovendo la striscia adesiva.) Immaginate di essere dei fumatori e che l'uovo siano i vostri denti. Cosa fareste? Risposta: lavarsi i denti

11 02 / Igiene orale Guida agli esperimenti sull igiene orale Testo informativo per i PD / OPD 4/5 Scegliere tre alunni o disporli in altrettanti gruppi: far pulire a ciascuno un uovo con a) acqua, b) dentifricio standard o c) dentifricio sbiancante. 1. Uovo con acqua: la pellicola di nicotina e catrame resta incollata. 2. Uovo con dentifricio standard: la pellicola di catrame e nicotina viene rimossa leggermente. 3. Uovo con dentifricio sbiancante: la pellicola di catrame e nicotina viene rimossa meglio. Quale dentifricio ha esercitato una migliore azione pulente? Come si presenta la superficie delle uova? (pulita, ma graffiata?)

12 02 / Igiene orale Guida agli esperimenti sull igiene orale Testo informativo per i PD / OPD 5/5 Soluzione dei due esperimenti Erosione: È stato possibile mostrare l azione erosiva delle bibite nell esperimento con il modello delle uova. L aceto e il succo di arancia esercitano un azione fortemente erosiva. Anche gli energy drink sono potenzialmente erosivi. La minore azione erosiva è esercitata da cola e tè freddo, ma in caso di azione più frequente/prolungata anche queste bibite provocano l erosione dentale. L acqua è il controllo negativo. Si è dimostrato che il valore ph acido è in gran parte responsabile dell effetto erosivo. Svolgono tuttavia un ruolo importante anche ulteriori processi chimici (proprietà tampone, viscosità, ecc.) non trattati nel contesto della scuola superiore. È inoltre evidente l azione di vari dentifrici, tecniche di pulizia o di spazzolini con diverso grado di durezza. Placca dentaria / discromia: L esperimento con il fumo delle sigarette è impressionante soprattutto per l'intensa formazione di placca sulle uova sode. La placca può chiaramente essere rimossa con lo spazzolino e i dentifrici di diversa abrasività. Le uova stesse vengono ricoperte da uno strato di catrame, chiaramente visibile solo se le uova sono state parzialmente coperte da strisce adesive.

13 03 / Igiene orale Igiene orale Informazioni per i docenti 1/2 Compito Obiettivo Cosa significa igiene orale? Vengono spiegati quattro aspetti dell igiene orale (carie, alito cattivo, erosione dentale, discromie dentali). Nel corso della lezione si approfondiscono i due argomenti "erosione dentale" e "discromie dentali". Seguire la presentazione. Risolvere il foglio di lavoro in team da due. Gli alunni spiegano correttamente il concetto di igiene orale con riferimento ai quattro sotto-argomenti. Materiale Presentazione Foglio di lavoro Forma sociale IC LP Tempo 20 Se desiderate saperne di più sul tema dell igiene orale e dei denti, potete scaricare l unità didattica igiene orale" dal sito Questa unità didattica è stata concepita per la scuola superiore. Se desiderate ricevere maggiori informazioni sul tema per la vostra scuola, rivolgetevi per all indirizzo: Ulteriori informazioni:

14 03 / Igiene orale Igiene orale Foglio di lavoro 2/2 Compito: Scrivere in questo foglio di lavoro le principali attività per la prevenzione su ciascuno dei temi generici. Si crea così una mappa delle nozioni minime. Noi preveniamo Carie Alito cattivo Erosione dentale Discromie dentali

15 03a / Igiene orale Igiene orale Perché l'igiene orale è importante? I denti sono un elemento fondamentale del sistema digerente. L'eventuale compromissione del funzionamento dell'apparato masticatorio si ripercuote sull'assunzione del cibo e sul bilancio energetico del corpo. L'uomo comunica sempre. Parla e ride. Se l'igiene orale è insufficiente, non si appare molto affidabili e curati!

16 03a / Igiene orale Igiene orale Carie Alito cattivo Erosione dentale Discromia dentale

17 03a / Igiene orale Che cos'è la carie? In ogni cavità orale vivono microrganismi. Questi si nutrono di sostanze facilmente assimilabili, soprattutto di zuccheri. In questo processo essi secernono metaboliti (acidi) che attaccano lo smalto dei denti e lo decalcificano. Se la decalcificazione continua la superficie dello smalto si intacca e si crea un buco (carie). I batteri demoliscono gli zuccheri Ne derivano acidi e demineralizzazione CARIE

18 03a / Igiene orale Come prevengo la carie? Fluoruri (dentifricio, collutorio, gel fluorurato) Igiene orale (almeno 2 volte al giorno) Alimentazione (consumo moderato di alimenti contenenti zuccheri e bibite zuccherate) Controlli periodici (dal dentista o dall'igienista dentale)

19 03a / Igiene orale Che cos'è l'alito cattivo? L alito cattivo, clinicamente detto alitosi, è molto diffuso in quasi tutti i paesi del mondo. Questo dimostra, ed esempio, che le abitudini alimentari personali non sono una causa dell alitosi. Circa il 25 % delle persone, in particolari momenti del giorno, soffrono di alito cattivo a un livello socialmente inaccettabile! Circa nel 90 % dei casi la causa dell alitosi nella cavità orale è da ricondurre in gran parte alla lingua. Diversi studi hanno dimostrato che nella maggior parte dei casi la causa dell alitosi è la scomposizione del materiale organico da parte dei batteri nella cavità orale.

20 03a / Igiene orale Come prevengo l'alito cattivo? Come posso contrastare l'alito cattivo? La migliore protezione contro l'alito cattivo è combatterne le cause. Le patine batteriche (placca e patina della lingua) vengono rimosse in modo meccanico con lo spazzolino da denti e il puliscilingua. I dentifrici e i collutori neutralizzano, grazie a speciali principi attivi, le sostanze che causano il cattivo odore e svolgono un'azione antibatterica. Pertanto sono parte dell'igiene orale quotidiana: Spazzolino da denti e dentifricio al fluoruro per la rimozione della placca e l'eventuale uso di collutori ad azione antibatterica o/e neutralizzante Pulizia degli spazi tra i denti con ad es. filo interdentale, spazzolini interdentali, stick o airfloss. Puliscilingua per la rimozione dei batteri dalla lingua

21 03a / Igiene orale Che cos'è l'erosione dentale? Per erosione dentale si intende la perdita di tessuti duri dentali (smalto e dentina), causata dal contatto diretto dei denti con acidi, ad es. di bibite o alimenti, oppure da rigurgiti acidi dello stomaco. Esamineremo in dettaglio il tema dell'erosione dentale sulla base di un esperimento.

22 03a / Igiene orale Cosa sono le discromie dentali? Tutti i denti sono rivestiti da un invisibile e sottile strato, detto cuticola dello smalto (membrana di Nasmyth). Su tale membrana possono depositarsi sostanze coloranti estranee al corpo che provocano discromie. Tali sostanze coloranti provengono per lo più dagli alimenti (frutta, alimenti colorati, te, caffè, vino rosso, ecc ) e dai tabacchi (catrame). Vedremo come agisce il fumo di tabacco sui denti sulla base di un esperimento!

23 04a / Igiene orale Esperimento 1: Erosione Informazioni per il docente 1/5 Compito Obiettivo Gli studenti sono "amanti" di varie bevande dolci. Sempre più spesso la mattina capita di vedere ragazzi che vanno a scuola con un energy drink in mano. Queste bibite possono portare all erosione dentale. L'esperimento ci consente di mostrare come insorge l'erosione dentale. Preparare ed eseguire l esperimento. Documentare l esperimento. Gli studenti apprendono che il consumo di varie bibite può provocare l erosione dentale. Imparano come procedere con l igiene orale dopo aver consumato varie bibite. Materiale Foglio di lavoro Il materiale indicato nella lista della spesa descritta nel foglio di lavoro Forma sociale Lavoro di gruppo Tempo 30 Informazioni supplementari: Informazioni complete per il PD/OPD e ulteriori indicazioni sono disponibili nel documento 01 Introduzione all igiene orale. Desiderate saperne di più sull erosione dentale o volete richiedere maggiori informazioni sui processi chimici e sulle conoscenze scientifiche? Rivolgetevi a

24 04a / Igiene orale Esperimento: Erosione Foglio di lavoro 2/5 Compito: Materiale: Cuocere le uova sode (8 10 minuti). Riempire i contenitori di plastica con i diversi liquidi fino a un'altezza di 1,5 cm circa. Mettere un uovo in ogni contenitore e lasciarlo immerso nel liquido per 30 minuti. Togliere poi le uova. Ogni uovo che era stato immerso nel liquido è stato poi a) lavato sotto l acqua fredda con un normale spazzolino da denti, b) pulito con un normale spazzolino e un normale dentifricio e c) pulito con un normale spazzolino e con un dentifricio sbiancante. Annotare le osservazioni. Tè freddo, succo d arancia, Cola, acqua minerale, aceto, energy drink, uova marroni Contenitori di plastica (tanti quanti le bevande) Cartina al tornasole indicatrice del ph (venduta in farmacia o fornita dal docente) Timer da cucina o cronometro Spazzolino da denti, dentifrici (1 normale e 1 sbiancante) Le nostre osservazioni Liquido Le nostre osservazioni

25 04a / Igiene orale Esperimento: Erosione Foglio di lavoro 3/5 Illustrazione dell esperimento Immergere per metà le uova nel liquido. Le uova devono essere contrassegnate molto bene così da riconoscere, al termine dell'esperimento, in quale liquido erano state immerse. Possibile scelta di diverse bevande. La cosa importante è usare per l esperimento le bevande estreme: Acqua ph neutro pari a ca. 7 e aceto ph più basso, fino a 3.

26 04a / Igiene orale Esperimento: Erosione Foglio di lavoro 4/5 Lista della spesa Varie bevande: Tè freddo Succo d arancia Cola Acqua minerale Energy drink Aceto Uova marroni (nello stesso numero delle bevande) Contenitori di plastica (tanti quanti le bevande) 1 confezione di cartine di tornasole indicatrici del ph (venduta in farmacia o fornita dal docente) 1 spazzolino standard con setole piatte 1 dentifricio normale (per es. Colgate Total) 1 dentifricio sbiancante (per es. Colgate Max White)

27 04a / Igiene orale Esperimento: Erosione Soluzione 5/5 Soluzione: Con i prodotti a base di aceto e con il succo d arancia si è osservato un forte distacco dello strato marrone esterno. Anche sulle uova immerse nel tè freddo, nella Cola e negli energy drink si sono osservati evidenti effetti di erosione. Il ph è stato determinato usando la cartina al tornasole con la corrispondente precisione. I dati di seguito riportati sono stati calcolati come valori medi con sei diversi indicatori del ph in un lasso di tempo di circa 2 ore. Valori ph di diverse bevande Acqua minerale Valore del ph Red Bull Succo d arancia Ice Tea Coca Cola Nestea Aceto Aceto di mele Bevanda L effetto erosivo delle bevande è risultato evidente con il modello delle uova. Inoltre è stato possibile mostrare l abrasione supplementare dovuta ai dentifrici. L aceto e il succo d arancia hanno un effetto molto erosivo. Anche gli energy drink hanno un potenziale erosivo. La Cola e il tè freddo hanno invece un effetto erosivo minore. L acqua è il controllo negativo. Ciononostante, in caso di consumo frequente e costante, anche la Cola e il tè freddo risultano erosivi.

28 04b / Igiene orale Esperimento 2: Discromie dentali Informazioni per il docente 1/6 Compito Obiettivo Materiale In età giovanile il fumo è un tema importante. Oltre ai rischi per la salute, si deve tenere in considerazione anche il fattore della discromia dei denti. L esperimento mostra come i denti si colorano e come combattere queste discromie. Preparare ed eseguire l esperimento. Documentare l esperimento. Gli studenti imparano che, oltre ai rischi per la salute legati al fumo, bisogna tener conto anche delle conseguenze estetiche. Gli studenti sono in grado di valutare l effetto di vari dentifrici con diverse capacità abrasive. Foglio di lavoro Il materiale indicato nella lista della spesa descritta nel foglio di lavoro Forma sociale Lavoro di gruppo Tempo 20 Informazioni supplementari: Nella scelta delle sigarette, fate attenzione a quelle con la funzione "Fire safe". Le sigarette Marlboro, per esempio, si spengono non appena si smette di aspirare. Per questo esperimento, utilizzate un estrattore nell aula di chimica, oppure eseguitelo all aperto. Desiderate saperne di più sul questo tema o volete richiedere maggiori informazioni sui processi chimici e sulle conoscenze scientifiche? Rivolgetevi a

29 04b / Igiene orale Esperimento: Placca dentaria Foglio di lavoro 2/6 Compito: Materiale: Il fumo delle sigarette è composto da una serie di sostanze (fino a ) che possono depositarsi sulle superfici, formando così uno strato marroncino e untuoso che può essere considerato come un modello semplificato della placca dentaria. Inserite le sigarette nel vasetto di marmellata (con il filtro verso il basso). Incollate un pezzo di nastro adesivo sulle uova sode. Mettete le uova (con il nastro adesivo verso il basso) in un colino e posizionatelo sopra il vasetto dopo aver acceso le sigarette. Rimuovete il colino non appena le sigarette si sono spente. Osservate l uovo: Cosa è cambiato? Togliete il nastro adesivo: Cosa notate? Pulite ciascun uovo a) con spazzolino e acqua, b) con spazzolino e un normale dentifricio e c) con spazzolino e un dentifricio sbiancante. Cosa osservate? Annotate le vostre osservazioni. Sigarette (non Marlboro o altri tipi con la funzione "Fire safe ) Accendino 3 vasetti di marmellata vuoti (relativamente alti) 3 colini in metallo Uova sode bianche come modello dei denti Nastro adesivo Spazzolino da denti, dentifrici (1 normale e 1 sbiancante) Le nostre osservazioni Questo è il risultato dopo l esperimento: Pulizia delle uova Acqua Spazzolino / dentifricio normale Spazzolino / dentifricio sbiancante

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico.

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. è un nuovo composito fotopolimerizzabile per rivestimenti estetici di alta qualità. E adatto per la polimerizzazione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli