Ventiquattro anni, con tanta voglia di vivere facendo qualcosa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ventiquattro anni, con tanta voglia di vivere facendo qualcosa"

Transcript

1

2 FIAMME D'ORO Organo d'informazione mensile dell'anps Direttore Responsabile zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Remo Zambonini Redattore Capo Gerolamo Lercari Comitato di Redazione Francesco Paolo Bruni - Francesco Dierna - Ameglio De Vecchi Alberto Fiaschetti - Ugo Nigro - Vittorio Volpe - Antonio Squarcione Direzione - Amministrazione - Redazione Roma - Via Statilia, 30 Tel /2/3 int. 613 Fax Registrazione del Trib. di Roma n in data Consulenza grafica - Elaborazione testi Impaginazione - Stampa Pubbliprint Service s.n.c Roma Via Salemi, 7 - Tel/Fax Finito di stampare nel mese di gennaio 1994 Data di spedizione Concessionaria per la Pubblicità APS - Advertising Press System s.r.l Roma - Piazza della Libertà, 13/A Tel Spedizione tramite MESSAGGERIE EDITORIALI D'ITALIA Via Annone, 2/A Roma Tel Per il Una copia L Quote di abbonamento annuale Ordinario L Sostenitore L Benemerito L Estero il doppio Spedizione in abb. postale Gruppo III (70%) zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Soci... amici scomparsi 47 / versamenti possono essere effettuati tramite le Sezioni A.N.P.S. o a mezzo C.C.P. n intestato a "Fiamme d'oro" organo d'informazione dell'anps - Via Statilia, Roma, oppure sul conto corrente bancario n della Banca Nazionale del Lavoro - Sportello Statilia. MOVIMENTI Associato all'unione uccisa in Somalia il 9 dicembre 1993 zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Stampa Periodica ALLA DIVISIONE PERSONALE Italiana (USPI) zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba 2 RADUNO NAZIONALE La Presidenza Nazionale dell'anps sta studiando la convocazione di un secondo Raduno Nazionale che potrebbe aver luogo a Montecatini Terme per la fine di giugno SOMMARIO N. 1 Gennaio 1994 Verbale Assemblea Generale Ordinaria 4 Foggia - Festa di S. Michele Arcangelo 8 Sanità - L'alitosi 10 Parma festeggia i 25 anni dell'anps 12 Notizie liete 16 Al vostro servizio 17 Pensionistica 21 Vita delle Sezioni 24 Cruciverba 46 A ricordo della Crocerossina italiana Ventiquattro anni, con tanta voglia di vivere facendo qualcosa per gli altri. In Somalia c'era andata per questo: per aiutare. Maria Cristina Luinetti, crocerossina, ha trovato la morte a Mogadiscio per mano di un killer folle, entrato nel poliambulatorio italiano che sta proprio di fronte alla base dei bersaglieri e degli incursori. Maria Cristina è morta così, il corpo trafitto da più pallottole in quella che non era nemmeno un'azione di guerra, forse un tentativo di rapina, forse l'azione di uno squilibrato. E la prima infermiera volontaria della CRI a cadere in Somalia, anzi la prima Caduta che il citato Corpo ha avuto dopo la prima guerra mondiale. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba 2, RICORSI CONTRO IL DISSERVIZIO POSTALE Il Ministero delle Poste con decreto 25 settembre 1993, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del , ha aumentato ulteriormente la tariffa per la spedizione in abbonamento postale che, per il nostro periodico, è salita a lire 250 a copia. Le quote di abbonamento annuale a "Fiamme d'oro" per il 1994 rimarranno tuttavia invariate. Questa Redazione farà il possibile per assolvere i propri obblighi nei confronti degli abbonati e si scusa con coloro che lamentano inconvenienti, peraltro riconducibili a responsabilità esterne. Per consentire agli abbonati di verificare l'eventuale effettivo ritardo, in ogni numero di "Fiamme d'oro" viene pubblicata la data di spedizione e allo scopo di coinvolgere anche i nostri lettori nella battaglia contro il disservizio postale raccomandiamo a coloro che non ricevono la rivista o la ricevono con ritardo di inviare alla Direzione delle Poste il seguente schema di reclamo: Spett. Direzione Centrale dei Servizi Postali Ufficio Controllo Movimento e p.c. Alla Direzione Provinciale P.T. di Viale Europa, 147zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA (INDICARE IL CAPOLUOGO DELLA PROVINCIA) ROMA - EUR (RM) Reclamo che il periodico "Fiamme d'oro" n. impostato il giorno mi è stato recapitato il giorno con un ritardo fortemente pregiudizievole per l'utilizzo della pubblicazione ovvero per la sua lettura in termini di attualità. Chiedo risposta motivata ed assicurazioni scritte sull'eliminazione dei ritardi nei futuri recapiti. Distinti saluti zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba N.B. (firma leggibile, indirizzo e data) Le lettere vanno spedite in busta chiusa SENZA FRANCOBOLLO indicando al posto dello stesso: "Esente da tassa, reclamo di servizio, art. 51 D.P.R. 29 marzo 1973 n. 156" Il 29 dicembre 1993 il Generale Dott. Agostino Falco, Direttore della Divisione Personale della Polizia di Stato della Questura di Roma ha lasciato l'incarico per assumere la Direzione dell'ufficio Speciale della Polizia di Stato presso il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Al Gen. Falco "Fiamme d'oro" augura successo e fortuna. E subentrato nel prestigioso incarico il 1 Dirìgente Dott. Bernardino Angelotti, al quale la Presidenza ANPS e "Fiamme d'oro" formulano vive felicitazioni e un fervido augurio di buon lavoro e successo. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba * * * Dal 1 Novembre 1993 il 1 Dirigente Franco Agretti ha assunto la carica di Direttore della Divisione Servizi Tecnico-Logistici della Gestione Patrimoniale della Questura di Roma, in sostituzione del 1 Dirigente Enzo Capanna, collocato a riposo. La Presidenza ANPS e "Fiamme d'oro" formulano al 1 Dirigente Agretti vivissimi auguri di maggiori futuri successi.

3 Verbale dell'assemblea Generale Ordinaria dell'associazione Nazionale della Polizia di Stato del 14 novembre 1993 zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba L5 anno millenovecentonovantatré addì quattordici del me-zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba 4 se di novembre nei locali del cinema della Scuola Tecnica di Polizia di Roma via Castro Pretorio n. 5, si è riunita l'assemblea Generale Ordinaria dell'associazione Nazionale della Polizia di Stato per deliberare in ordine agli argomenti citati all'ordine del Giorno di cui alla nota n. 0318/ANPS/1993 del 22 settembre 1993 della Presidenza Nazionale. Alle ore 9,00 il Presidente Nazionale Dr. Remo Zambonini chiama i presenti in aula per la prima convocazione. Non essendoci il numero legale della metà più uno dei soci, rinvia l'inizio dell'assemblea alle ore 10,00 in seconda convocazione. Alle ore 10,00 il Presidente Nazionale chiama gli intervenuti per la seconda' convocazione dando il benvenuto al Prefetto La Rosa, direttore del Servizio Affari Generali del Ministero dell'interno, quale rappresentante del Capo della Polizia. Da il benvenuto, inoltre, al Sig. Padula, Presidente della Sezione di Toronto (Canada), unica rappresentanza dell'associazione all'estero, il quale, dopo aver salutato l'assemblea, consegna una targa ricordo al Presidente Nazionale e al Prefetto La Rosa, donando alla Presidenza la bandiera nazionale del Canada. L'Ufficio di Presidenza comunica che i Soci che hanno diritto al voto sono In assemblea sono presenti 62 latori di deleghe più 24 votanti singoli, per un totale di voti validi. Sono rappresentate 73 Sezioni su 133, con 31 Presidenti di Sezione. Nel frattempo viene fatta distribuire in sala copia del bilancio preventivo Relazione del Presidente Il Presidente, dopo aver brevemente illustrato il buon andamento L'intervento del Rag. Squarcione. all'assemblea che è in fase di studio la possibilità di organizzare un raduno nazionale nella città di Montecatini (Pistoia). L'esperienza sviluppata durante il raduno precedente di Udine, sarà la base su cui operare affinché non sorgano o si eliminino problemi soprattutto di carattere logistico. La manifestazione si dovrebbe tenere verso la fine di giugno ed il Presidente si augura che all'atto della comunicazione ufficiale, siano numerosi i Soci, le famiglie, i simpatizzanti e gli amici che chiederanno di partecipare. Il Presidente, in considerazione del ragionevole lasso di tempo trascorso dalla consegna delle copie del bilancio preventivo, chiede all'assemblea se vi siano Soci che intendano intervenire o chiedere chiarimenti. Bilancio preventivo per il 1994 Non essendoci interventi, pone ai voti il bilancio preventivo Esso è approvato all'unanimità, Intervento Giardi Il Presidente, visto l'ordine del Giorno e presa nota degli iscritti a parlare, passa agli interventi chiamando il Socio Giardi, Segretario Economo e Vice Presidente della Sezione di Terni. Nel suo intervento egli lamenta dell'associazione, comunica con zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba un astenuto. dei ritardi di consegna della rivista Fiamme d'oro, chiedendo inoltre se per avere una consulenza pensionistica occorre essere obbligatoriamente abbonati alla rivista. Il Presidente risponde, chiamando il Socio Lercari Redattore Capo della rivista, che chiarisce che i ritardi di consegna sono dovuti all'amministrazione delle Poste, a cui spesso la Presidenza si è rivolta affinché sia migliorato il servizio. Ci si augura, inoltre, che in futuro tutti i Soci siano abbonati alla rivista, unico vero collegamento fra le Sezioni, facendone conoscere le attività e le esperienze sviluppate. Intervento Fantaccione Viene data la parola al Socio Tavolo della Presidenza. Il Presidente della Sezione ANPS di Toronto Padula, dopo aver consegnato una targa ricordo al Presidente Nazionale Gen. Zambonini (al centro) e al Prefetto La Rosa (a destra), dona alla Presidenza la Bandiera del Canada. Fantaccione, della Sezione di Terni, Consigliere Nazionale, il quale si sofferma sull'impegno, al quale tutti sono chiamati, per esaltare l'immagine della Polizia in questo difficile momento che l'italia attraversa. Richiama l'attenzione sulla necessità, ribadita nella precedente Assemblea, di creare un comitato di studio, per approfondire le varie problematiche dei pensionati, nella attenta valutazione delle richieste pressanti di istituzione di un patronato. Intervento Pennacchioli Il Socio Pennacchioli, della Sezione di Terni, evidenzia la necessità che l'associazione sia più incisivamente vicina ai pensionati, soprattutto per ciò che riguarda l'informazione sulla legislatura vigente e la tutela amministrativa, con eventuale creazione di un ufficio legale. Spera che in futuro la rivista "Fiamme d'oro" dia più spazio all'informazione economica e amministrativa. Intervento Russo Prende la parola il Socio Russo, Presidente della Sezione di Foggia e Consigliere Nazionale, il quale si sofferma sulla problematica riferita alla riliquidazione della indennità di contingenza. La Corte Costituzionale, il 5 maggio 1993, interveniva sulla questione, riconoscendo l'illegittimità della norma che non prevede ai fini dell'indennità di buonuscita, il conteggio dell'indennità integrativa speciale. Purtroppo sulla legge finanziaria 1994, non vi sono tra i capitoli di spesa stanziamenti tali da far supporre che il diritto sancito dalla Corte Costituzionale venga sanato. La sala durante l'assemblea. Propone all'assemblea una sottoscrizione, da parte di tutti i Soci delle varie Sezioni, di un documento ove si faccia presente la situazione di ingiustizia e si chieda di porvi rimedio già nel corso del Il documento sarà inviato alla Presidenza Nazionale, che, una volta nominato un comitato di rappresentanza, lo porterà all'attenzione del Presidente del Consiglio. Intervento Bruni Nel suo intervento il Socio Bruni, Consigliere della Sezione di Roma, ricorda i lunghi ritardi per il trattamento delle pratiche pensionistiche, almeno 7 o 8 anni per ricevere la pensione ordinaria definitiva. Richiama l'attenzione su una serie di ingiustizie, ancora non sanate, quali: la mancata estensione dell'indennità pensionabile di cui all'art. 43 legge 121/81; la mancata applicazione dell'art. 36, punto 10 n. 3 della legge 121/81, per la parte in cui esclude dalla promozione al grado di Brigadiere gli ex appuntati cessati dal servizio prima della riforma di Polizia, pur essendo risultati idonei al conferimento del grado superiore, ma non promossi per mancanza di posti; il disordine per la corresponsione degli scatti di qualifica dopo la riforma. Si lamenta della incompetenza di parte del personale addetto alla trattazione delle pratiche di pensione.

4 Viene data la parola al Socio Gentile, della Sezione di Torino, Consigliere Nazionale, che pone all'attenzione dell'assemblea il problema dei pensionati cessati nel 1985, che ancora devono percepire i benefici previsti dal secondo contratto di lavoro, a seguito della legge 59/91. Ricorda che nell'arma dei Carabinieri è prevista, per il personale in quiescenza, l'ausiliaria, ovvero l'aggancio per otto anni alle retribuzioni del personale in servizio, creando così una automatica delle pensioni. Intervento Filograna perequazione Prende la parola il Socio Filograna, della Sezione di Savona, il quale chiede più partecipazione per spingere gli organi preposti ad Intervento Gentile zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba una maggiore attenzione ai problemi del personale in congedo. Propone una maggiore azione di proselitismo, tramite varie attività informative, per raggiungere una maggiore forza e far crescere, di conseguenza, l'attenzione da parte degli organi istituzionali verso l'associazione. E favorevole ad un'unità di azione con le Associazioni Combattentistiche e d'arma o con i sindacati di Polizia, per quanto concerne specifiche richieste normative. Intervento Fanti Nel suo intervento il Socio Fanti, Presidente della Sezione di Avezzano, ringrazia il Segretario Generale, il Consigliere Squarcione ed il Sindaco Nazionale Nazionale Izzillo, per essere intervenuti alla manifestazione del 7 novembre scorso, facendo sentire vicina la Presidenza Nazionale in un momento di crescita per la giovane Sezione di Avezzano. BILANCIO PREVENTIVO PER L'ANNO 1994 ENTRATE Patrimonio L. Presumibile avanzo amministrazione al L TOTALE L TITOLO I Entrate effettive (Sezione 1- - Entrate Ordinarie) 1) RENDITE PATRIMONIALI a) Interessi su depositi in c.c.b L ) QUOTE ASSOCIATIVE a) Soci effettivi in congedo L b) Soci effettivi in attività di servizio L c) Soci Benemeriti L d) Soci Simpatizzanti L ) CONTRIBUTO MINISTERO INTERNO L ) INTROITO PER CESSIONE: tessere, bollini, diplomi soci benemeriti, bustine, cravatte, I TOTALE 1" SEZIONE L distintivi, ecczyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Fa presente di aver risolto il problema della sede della Sezione, grazie all'intervento del Dirigente del Commissariato di Avezzano, Dott. Pedone, al quale va il ringraziamento anche della Presidenza Nazionale. Il Presidente Nazionale Dott. Zambonini, rilevato che gli iscritti a parlare hanno tutti espresso il loro diritto, e non essendoci altri argomenti in discussione, dichiara chiusa l'assemblea alle ore 13,00. I Segretari Ten. (c) Antonio Brenna S. Ten. (c) Salvatore Trotta Il Segretario Generale Isp. Capo (c) Alberto Fiaschetti Il Presidente Nazionale Ten. Gen. (c) Dr. Remo Zambonini Entrate straordinarie (SezionezyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA Uscite straordinarie 2") 2-) Contributi di enti o persone L TOTALE T SEZIONE L TITOLO II Movimento di capitali L. TITOLO III Contabilità speciale L. TOTALE ENTRATE GENERALI L IL SEGRETARIO GENERALE ED ECONOMO Isp. Capo (c) Alberto Fiaschetti USCITE TITOLO I Uscite effettive (Sezione 1- - Uscite Ordinarie) Canoni e fitti passivi L Spese di amministrazione L Assistenza a) Sovvenzione a soci L b) Sovvenzione ai familiari dei Soci deceduti L Rimborso spese per il personale (Arri. 31 Statuto e 48 Regolamento) a) Personale Presidenza Nazionale L b) Contributi alle Sezioni L c) Contributi al periodico "Fiamme d'oro" L. d) Rimborsi spese per servizi fuori sede L e) Contributi alle Sezioni per attività ricreative, assistenziali e culturali L f) Acquisto tessere, bollini, cravatte, bustine, distintivi, diplomi Soci benemeriti L TOTALE 1" SEZIONE L Avanzo di amministrazione L TOTALE 2- SEZIONE L TITOLO II Movimento di capitali L. TITOLO III Contabilità speciale L. TOTALE USCITE GENERALI L IL PRESIDENTE NAZIONALE Ten. Gen. (c) Dr. Remo Zambonini Civitanova Marche - VI Mostra Milimarche Nei giorni 25 e 26 settembre, presso il palazzo della Mostra Internazionale della Calzatura, si è svolta la VI Milimarche, cui hanno partecipato anche le forze armate militari e quelle di Polizia. Al Comitato d'intesa tra le Associazioni d'arma e Combattentistiche sono stati assegnati vari stand, uno dei quali anche alla Sezione ANPS, che lo ha allestito con cura e soddisfazione anche da parte di migliaia di visitatori, ai quali sono stati offerti numeri di "Fiamme d'oro" e di "Polizia Moderna". Parole di compiacimento sono state espresse dal Prefetto di Macerata, Dr. Pietro Ciacco e dal Presidente A.P.T. di Civitanova Marche, Rag. Nicola Orlandi. Nella circostanza la Sezione ANPS era rappresentata dal Presidente Michele Mainelli e dal Socio Giovanni Bascelli. Udine - 50 anni dopo Udine anni. Da Gregoroni. ANCONA d icembre Un simpatico incontro dopo,3* Civitanova Marche - 25/26 settembre VI Milimarche. Il Prefetto di Macerata Dott. Pietro Ciacco, a sinistra, e il Pres. A.P.T. di Civitanova Marche Rag. Nicola Orlandi. I liano Quaino e Galdino Gregoroni erano partiti fra il 1941 e il 1942 da due paesini del circondario udinese per arruolarsi nel corpo della Pubblica Sicurezza. Dopo pochi mesi si conobbero e frequentarono nella Milano del periodo bellico. Gli eventi dell'8 settembre '43 allontanarono improvvisamente i due amici friulani dalla terra lombarda. Congedati dopo alcuni anni di servizio, due strade diverse: Gregoroni, rientrato in Friuli, ha intrapreso un'attività imprenditoriale e per quasi quaranta anni è stato agente in Udine della Vittoria Assicurazioni. Quaino si è invece stabilito a Milano dove si è sposato e ha realizzato l'intera sua vita lavorativa. Rientrato, pensionato, nel Friuli natio, ha invano cercato il vecchio amico Gregoroni e solo grazie ad una fotografia apparsa su "Fiamme d'oro" è riuscito a rintracciarlo, riconoscendolo nonostante il tempo passato. Il caso ha voluto che proprio a cinquantanni esatti dall'improvviso distacco ( ), si sono potuti reincontrare e abbracciare, grazie a "Fiamme d'oro", ricordando il tempo passato e l'antica amicizia. sinistra: gli amici Diano Quaino e Galdino zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba L'8 ottobre il Socio Felice Ferrigno, avendo assistito ad uno scippo ai danni dell'impiegata di un notaio, si lanciava all'inseguimento del rapinatore senza pensarci due volte, contribuendo alla sua cattura. PARMA Il 20 ottobre alle ore 18, la signora Angiola Ghirardi, ottantotto anni, che rientra a casa dopo essere stata nell'ambulatorio del suo medico, Grazie "Fiamme d'oro". viene avvicinata da due ragazze che approfittando dell'oscurità e dello scarso traffico pedonale cercano di rubarle la borsetta, che lei tiene con la mano destra. Allo strappo la signora non molla, neanche quando è sbattuta per terra fra le autovetture in sosta ed alcuni cassonetti dei rifiuti. Essa urla e chiede aiuto, i manici della borsetta si rompono e le assalitoci riescono a portargliela via. Alle grida, alcuni passanti accorrono, uno in bicicletta si lancia all'inseguimento delle fuggitive, l'altro, Augusto Pizzin, Appuntato in congedo e Socio ANPS, presta dapprima soccorso alla signora Ghirardi, e dopo essersi assicurato che le sue condizioni fisiche non sono gravi, rincorre anche lui le due ragazze. Queste vengono bloccate dall'uomo in bicicletta e dal Socio Pizzin che subito si qualifica quale Agente della Polizia in congedo. Arriva anche un altro signore e la "Volante" della Questura e le due ragazze, con una serie di precedenti legati allo spaccio di sostanze stupefacenti, finiscono in carcere. Encomiabile lo spirito di iniziativa ed il comportamento che il Socio Pizzin ha evidenziato nella circostanza. La Presidenza Nazionale esprìme tutto il suo compiacimento ai Soci Ferrigno e Pizzin per il loro coraggioso comportamento e lo spirito di abnegazione dimostrato nella circostanza.

5 Foggia - Festa di S. Michele Arcangelo zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba La Sezione ANPS di Foggia ha organizzato, con il Questore, la massiccia presenza della Polizia di Stato nella "Celeste Grotta" di Monte Sant Angelo, in occasione delle celebrazioni per il XV centenario delle apparizioni e per la Festa dell' Arcangelo il 29 settembre. L'iniziativa s'è Michele adeguatamente inserita nel significato delle manifestazioni che riguardano la sfera religiosa, che da circa tre secoli e mezzo vede l'offerta della cera da parte delle Autorità cittadine a ricordo del pericolo scampato per intervento dell'archistratega Divino in occasione della pestilenza che colpì nel 1656 non solo i centri dell'area garganica, ma tutta la penisola italica. Chi era presente nella "Sacra Grotta" ha avuto modo di assistere al realizzarsi di una valida simbiosi di carattere spirituale fra il tessuto della società e i tutori dell'ordine, di cui sono emersi, con particolare evidenza, lo spirito di sacrificio, le energie materiali consumate a difesa dei cittadini onesti ed indigenti, anche a costo della perdita della vita, e l'elevato grado di preparazione morale posto alla base della loro attività da questi "Agenti" che si possono definire "gli angeli custodi voluti dalla nazione". Una chicca, in mezzo alla solennità della cerimonia sacra, le esecuzioni tenute dalla corale "Vocinsieme" di Monte S. Angelo. A dare importanza e valore alla concelebrazione della S. Messa Solenne in onore di S. Michele Arcangelo, la cortese partecipazione delle massime autorità provinciali civili e religiose: il Prefetto Dr. Giuseppe Capriulo, il Questore Dr. Domenico Bagnato, il Direttore della Scuola Allievi Agenti Dr. Domenico Barberi, il Direttore dell'autocentro di Polizia Dr. Stanislao Fierro, il Comandante Provinciale Gruppo Carabinieri Col. Salvatore Scoppa, il Vice Comandante della Sezione Polizia Stradale Dr. Raffaele Ceriello, il Dirigente l'ufficio del personale Dr. Angelo Bruno, tutti accompagnati Foggia - 29 settembre Festa di S. Michele Arcangelo. La rappresentanza della Sezione ANPS con Bandiera alla celebrazione della S. Messa nella Basilica di Monte S. Angelo. Da sinistra: il Segr. Econ. Cav. Taggio, il Pres. della Sez. ANPS Cav. Russo, l'alfiere Socio Buccelli e il Socio Armienti. Seduti: il Socio Cav. Lepore e consorte. Capo Daniela Poduti, il Commissario Prefettizio della Città di Monte Sant'Angelo D.ssa Gelardina Vigilante, l Arcivescovo Metropolita di Foggia e Bovino Mons. Giuseppe Casale, l'arcivescovo dell Arcidiocesi di Manfredonia e Viste Mons. Vincenzo D'Addario, il Superiore dell'abbazia di S. Giorgio Maggiore della Città di Venezia Rev.mo Padre Abate Ludovico Intini, una foltissima rappresentanza di Agenti della Polizia di Stato e della Scuola Allievi Agenti di Foggia nelle loro fiammanti divise. La Sezione ANPS era presente con il Presidente Cav. Luigi Russo, il Segretario Economo Cav. Antonio Taggio, molti Consiglieri e Soci, tutti con le rispettive consorti. L'omelia, tenuta da Mons. Giuseppe Casale, ha mirato a ricercare la perfetta correlazione esistente tra la funzione svolta dalle forze dell'ordine all'interno della società umana ed il compito dell'arcangelo Michele. Al termine della S. Messa Solenne è stata recitata la preghiera dell'agente dall'ispett. Maria Rosaria Perna, della Scuola Ali. Agenti di Foggia. Dopo la cerimonia tutti i Soci ANPS intervenuti hanno partecipato al pranzo sociale organizzato presso un Hotel di Monte S. dalle gentili consorti, il Commissario zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Angelo. Un pubblico ringraziamento da parte della Sezione ANPS di Parma Alla Dottoressa Giovanna Zamorani - medico della Polizia di Stato - recentemente assunta alla Questura di Parma, a nome mio personale e dei Soci, sento il dovere di rivolgere un pubblico ringraziamento dalle colonne della nostra rivista "Fiamme d'oro", per la particolare attenzione rivolta verso di noi e per la sensibilità dimostrata verso i problemi della nostra età. Essa infatti si è premurata di prelevare il vaccino antinfluenzale presso la locale USL e praticare la vaccinazione a tutti i Soci che hanno voluto usufruire di tale prestazione. È commovente, per chi ha prestato servizio per tanti anni alle dipendenze di una Amministrazione, sentirsi ricordato e costituire oggetto di attenzione da parte di chi è in servizio attivo e oggi rappresenta l'amministrazione. Alla Dottoressa Zamorani un "Grazie" per la lodevole iniziaziva. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Centro Addestramento della Polizia / / Presidente della Sezione Col. (r) G. Abbracciauento Milano - 26 settembre Visita al Centro Addestramento Polizia Stradale di Cesena. Scambio di Guidoncini e targhe tra il Gen. De Benedittis e il Comandante del Centro 1 Dirigente Dott. Comelli. Milano - Visita alla Repubblica di S. Marino ed al Centro Addestramento Polizia Stradale di Cesena Nel quadro delle iniziative socio-culturali della Sezione, nei giorni 25 e 26 settembre è stata effettuata una visita alla Repubblica di S. Marino ed al Centro Addestramento della Polizia Stradale di Cesena, con la partecipazione di oltre 150 Soci e familiari. La colonna dei pullman, scortata, ai fini dell'assistenza e sicurezza, dalla Polizia Stradale, ha raggiunto un Hotel di Cesenatico, base logistica felicemente predisposta dal Presidente della Sezione ANPS di Cesena Ispettore Tommaso Sorrentino. Nel pomeriggio ha avuto luogo la visita a S. Marino; al confine, la scorta della Polizia Stradale è stata integrata da quella della Gendarmeria; un Ufficiale ha svolto con sensibilità e disponibilità l'azione di accoglimento e di guida. L'incontro si è concluso con lo scambio dei guidoncini. Il 26 è stata effettuata la visita al Stradale, accolti dal Direttore del Centro, 1 Dirigente Dr. Pietro Comelli e dal Presidente della Sezione ANPS di Cesena. Alle ore 10 ha avuto luogo la deposizione della corona alla lapide dei Caduti, sita nella Chiesetta dell'istituto. I Gruppi Bandiera delle due Sezioni e le relative rappresentanze in abito sociale hanno dato solennità alla cerimonia. Successivamente, sala riunioni. nella Monsignor Alberto Rozzoni dell'arcivescovado di Milano ha celebrato la S. Messa. Al termine 11 Presidente De Benedittis ha ringraziato il Comandante, i collaboratori ed i colleghi della Sezione ANPS di Cesena per la calorosa accoglienza. II Direttore del Centro, nell'esprimere soddisfazione per l'interesse dimostrato verso la Scuola, ha esposto gli aspetti più salienti della impostazione didattica e logistica. In particolare: - il vecchio sistema che imponeva agli allievi lo studio a memoria dell'intero codice è stato sostituito con l'insegnamento dei diagrammi di flusso; in concreto, imparano la metodologia per risolvere correttamente qualsiasi problema. Detto metodo è stato elaborato con la collaborazione delle aziende specializzate nella formazione: Italia Forma- Elea del gruppo Olivetti e (università di Venezia; - vengono insegnate le tecnologie più avanzate per familiarizzare i frequentatori all'impiego del computer e dei moderni sistemi di gestione; - ai fini della sicurezza e fluidità della circolazione le pattuglie hanno in dotazione Autovelox e nuovi mezzi basati sui principi del radar e degli infrarossi; - computer portatili permettono alle pattuglie di stampare velocemente i verbali di tutte le infrazioni; - nel settore dell'infortunistica stradale, i rilievi planimetrici, fotografici e descrittivi, la ricostruzione dinamica dell'incidente, sono alla base dei riconoscimenti per l'elevata preparazione degli operatori, aggiornati con cicli di specializzazione per fotografi-disegnatori ecc. - gli allievi hanno a disposizione per l'addestramento alla guida le autovetture ed i motocicli in dotazione ai reparti. Questa felice soluzione permette l'inserimento del personale nelle Sezioni di destinazione con piena sicurezza operativa; - l'addestramento al tiro viene svolto nel poligono della scuola in considerazione dello specifico servizio isolato della Specialità; - il Centro, unico in Europa, ha offerto le sue aule ai Vigili Urbani di molte città italiane e si è guadagnato prestigio internazionale per i corsi di infortunistica stradale riservati ai Corpi di Polizia Stranieri. Il gruppo, suddiviso in quattro sezioni, guidate da istruttori del Centro, ha preso diretta visione delle attrezzature didattiche, moderne e specializzate, e della vastità dei luoghi necessari per un reparto motorizzato. Alle ore 13, il pranzo ha visto riuniti in una simpatica atmosfera di cordialità ed amicizia, non solo i Soci delle Sezioni ANPS ma anche il personale del Centro, con il Comandante. La Presidenza della Sezione ANPS di Milano ringrazia: - i Compartimenti della Polizia Stradale di Milano e Bologna per il prezioso servizio di assistenza e sicurezza svolto dalle rispettive pattuglie; - l'ispettore Tommaso Sorrentino ed i suoi collaboratori della Sezione ANPS di Cesena per l'impegno profuso per rendere sereno e gradevole il soggiorno nella generosa terra di Romagna; - il Direttore del Centro, Dottor Pietro Comelli, per il salto di qualità e per l'impulso dato a tutti i settori del Centro, rinnovamento necessario nella continuità di una nobile tradizione.

6 a cura del Dott. L'ALITOSI Pasquale Brenna Otorinolaringoiatra Un inconveniente sociale ma spesso anche e Microbiologo zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba un malanno... nascosto zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Coloro che parlavano latino lo chiamavano "fetor oris" cioè alito cattivo, offensivo, puzzolente. Molti dentisti ritengono che questo termine dovrebbe essere riservato ai cattivi odori provenienti da particolari condizioni della bocca e cavità associate come il naso, i seni paranasali e la gola, mentre il termine "Alitosi" dovrebbe essere usato per gli odori generati da malattie sistemiche generali, i cui miasmi riversandosi nel sangue arrivano ai polmoni per essere escreti con l'aria espirata. Quale che sia l'origine, ambedue i termini denotano un alito maleolente. Le cure di tale inconveniente sono state affidate ai dentisti ed ai chirurghi della bocca. Nella letteratura Otorinolaringoiatrica vi sono scarse informazioni da utilizzare come guida per una sistematica valutazione dei casi con susseguente terapia. Eppure non è raro che lo specialista Otorino venga chiamato a visitare pazienti che si lamentano di alito "pesante", quasi sempre per escludere malattie dei seni paranasali, del naso e della faringe, delle tonsille e delle adenoidi ed anche di altri processi patologici non identificati che spesso rappresentano una sfida all'acume diagnostico dello Specialista, che oltre alle proprie deve sempre possedere solide basi cognitive di Medicina Generale. Verso la diagnosi di natura In passato ed anche oggi, l'odore del respiro del malato aveva ed ha un significato diagnostico. Si racconta di grandi clinici di un tempo che entrando nella stanza dell'infermo, formulavano la diagnosi immediatamente: l'odore dell'ammoniaca era sinonimo di uremia, quello di acetone di diabete, e così di seguito. Naturalmente i Sanitari dovevano e devono avere "buon naso", ovvero un senso dell'olfatto integro, acuto ed inquisitivo. In genere l'alitosi non rappresenta un serio problema medico. Per il portatore però è sempre un triste handicap sociale, talvolta un mistero per gl'insuccessi collezionati nei rapporti personali, quando l'individuo con alito cattivo è ignaro (e può esserlo) della sua situazione finché qualcuno non lo informa. Nessuna persona può rallegrarsi di conversare agevolmente con un'altra quando si sente investita da esalazioni maleodoranti. Immaginiamo la situazione dei dentisti e degli otorini, in particolare, costretti come sono a lavorare molto vicini ai loro pazienti, la repulsione che possono generare se essi stessi emettono cattivi odori! Il continuo uso di mentine, sciacqui orali e spruzzi deodoranti per mascherare l'alito pesante, non solo non risolve la situazione, ma, a lungo andare, può essere causa di alterazioni dello stato immunitario e fisiologico delle strutture anatomiche del cavo orale. La misurazione degli odori Gli odori della bocca variano in qualità ed intensità. La qualità ovviamente è da mettere in relazione alla sua origine, alla causa; l'intensità determina la sua accettazione... sociale, e con buona approssimazione la gravità del fenomeno. Una espirazione odorosa, per essere captata, deve avere una intensità al di sopra di un certo livello, tale da stimolare i recettori dell'olfatto. La concentrazione o intensità dell'odore dell'aria espirata è stata misurata in condizioni sperimentali con u- no strumento detto Osmoscopio, con il quale è stato possibile misurare anche la necessaria diluizione del campione per rendere più o meno percepibile l'odore. L'uso di tale strumento non è mai veramente entrato nella pratica clinica a cagione del suo notevole ingombro ed anche perché sono stati creati degli analizzatori molto maneggevoli, quindi più pratici, ora in dotazione alla Polizia per rilevare il livello di alcool del respiro. Il metodo più semplice per identificare l'aria espirata è quello di odorarla. Ed anche se l'odore caratteristico di una sostanza è soggettivo (le donne hanno un olfatto più acuto degli uomini), più soggetti sono quasi sempre d'accordo quando si tratta di attribuire dei termini descrittivi a delle sostanze quali: dolce, acido, putrido, pungente, agliaceo, stantio ecc. Così l'odore dell'alito associato ad alcune malattie del fegato (fetor hepaticus) viene descritto come odore di muffa o di rancido oppure come un miscuglio di uova marce ed aglio in relazione alla quantità di solfuro di metile espirato. Solfuro che proviene dall'azione batterica sugli amino-acidi che contengono zolfo. È quello che avviene nelle persone sofferenti di cirrosi epatica più o meno avanzata. Dopo l'intervento di tonsillectomia oppure adenotonsillectomia, i pazienti hanno per 8-10 giorni un alito cattivo caratteristico per la colonizzazione batterica anaerobica della superficie operata che non arreca in genere alcun danno. Espirazione d'aria normale odori orali fisiologici ed I parametri cambiano con l'età. Nei neonati e nei bambini l'alito è piuttosto dolce e piacevole. Negli a- dolescenti si possono cogliere lievi note di pesantezza ma non spiacevole. Nell'età media è meno gradevole specie se si è negligenti verso l'igiene orale. L'alito degli anziani tende ad essere più sgradevole e pungente, un tantino acido e d'intensità facilmente percepibile ma tollerabile dalle altre persone se si ha cura di praticare u- na meticolosa igiene orale. L'esatta ragione di tutti questi cambiamenti relativi all'età è sconosciuta ma certamente può essere messa in relazione a fattori sia locali che sistemici generali dell'organismo. Anche durante la giornata vi sono cambiamenti normali dell'alito. Al mattino si presenta piuttosto pungente e sgradevole, dovuto alla quasi completa cessazione del flusso di saliva durante il sonno e la putrefazione di residui di cibo fra i denti, che l'azione della lingua e della saliva detergono quando siamo svegli. Mangiare e pulirsi la bocca ed i denti al mattino, elimina il cattivo odore o- rale ma non influenza varie altre condizioni eventualmente esistenti e persistenti quali l'abuso del fumo o dell'alcool la notte precedente o il respirare con la bocca durante il sonno. Lo stato di denutrizione, dovuto a mancanza di cibo, la fame, certe diete, contribuiscono all'insorgere di un alito maleodorante, essendo il corpo obbligato per le sue necessità metaboliche ed energetiche, ad utilizzare molecole di grasso e di proteine tessutali la cui scissione produce scarti sulfurei da eliminare. Anche l'ipoglicemia, da insufficiente quantità di carboidrati ingeriti, contribuisce al cattivo odore con lo stesso meccanismo ora menzionato. Coloro che sono costretti a delle diete ipocaloriche possono aiutarsi con frequenti piccoli pasti o merendine. Da evitare ad ogni modo lo stato di disidratazione, bevendo meno acqua o mangiando cibi a scarso contenuto d'acqua. In tal caso diminuisce il flusso di saliva, che nelle 24 ore, a seconda delle necessità, è di centimetri cubici nell'adulto normale. L'origine di odori provenienti da situazioni orali può essere in genere facilmente identificata, per mezzo di un'attenta ispezione. Depositi di cibo decomposto da attività batteriche in carie o interstizi dentari, sacche gengivali o protesi dentarie sono rilevabili senza difficoltà. Infezioni croniche tonsillari o cripte con materiale caseoso e gengivostomatiti necrotiche quali sorgenti di odori metallici, vengono scoperte e trattate con pulizia molto meticolosa ed antibiotici. La lingua patinosa spesso partecipa al disturbo dell'alito impuro. In passato le protesi dentarie erano fatte di vulcanite porosa in cui penetravano batteri, che colonizzando emettevano cattivi odori anche dopo attenta pulizia. L'uso di materiali a- crilici ha eliminato l'inconveniente. La riduzione o mancanza di saliva causata da terapie fisiche irradianti, età avanzata, farmaci che disidratano l'organismo come i diuretici, gli antistaminici o anche una inadeguata ingestione di acqua, conduce allo stesso risultato di scostante alitosi. Condizioni patologiche del naso, faringe e tracheobronchiali possono produrre odori malsani. Praticamente ogni situazione in cui vi è uno sviluppo di microrganismi anaerobici (microbi che si sviluppano in assenza di aria), e di gram negativi (una colorazione che serve a distinguere i germi) può dar luogo ad odori spiacevoli. Accade per esempio nelle sinusiti croniche batteriche, nella persistenza di corpi estranei nel naso, nelle necrosi di tessuto nasale e faringeo da infezioni e tumori, nelle concrezioni batteriche sopra ricordate che crescono nelle cripte tonsillari ed adenoidee. Inoltre, ogni lesione ulcerocancrenosa dei polmoni o dei bronchi, ascessi e bronchiectasie, impartiscono all'aria espirata un cattivo o- dore. Esalazioni di sostanze contenute nei cibi Abbiamo già detto che con l'aria espirata si emettono odori provenienti dal sangue in cui si riversano tutti, per così dire, i prodotti di scarto del metabolismo organico. I metaboliti aromatici ingeriti con il cibo: a- glio, cipolla, anice, vaniglia, garofano, zenzero ecc., insieme ad alcuni prodotti della digestione e delle fermentazioni intestinali, almeno parzialmente, trovano la via di uscita attraverso la bocca, dove confluiscono l'esofago e le vie respiratorie. A dimostrazione di ciò sono stati condotti svariati esperimenti clinici nel passato, prendendo come modello l'aglio. È stato fatto ingerire dell'aglio in capsule, associato nella gastronomia ed anche strofinato sulla cute. In tutti i casi è stato possibile dimostrare il caratteristico odore agliaceo nell'aria espirata. Tra le altre curiosità da segnalare, l'aroma dell'aglio attraversa la placenta ed il latte delle nutrici. Approccio e trattamento dell'alitosi Il medico deve affrontare il rebus dell'alitosi, che in ultima analisi è il sintomo di un malanno da scoprire, con molto tatto e discrezione, particolarmente quando il sofferente non sa o è reticente ad entrare in discussione sull'argomento. Per una prima ed immediata valutazione, l'aria della bocca deve essere separata da quella espirata attraverso il naso, turando quest'ultimo ed invitando il paziente a respirare con la bocca e, alternativamente, a chiudere la bocca e respirare con il naso. Un'anamnesi molto accurata, come sempre, deve essere raccolta; bisogna conoscere i cibi regolarmente consumati, in particolar modo quelli dei giorni precedenti la visita; eventuali disturbi intestinali e dettagli sulla pratica d'igiene orale e cure dentarie, nonché sull'uso di deodoranti. Negli ultimi anni, unendo l'utile al dilettevole, è venuta affermandosi l'ottima pratica della pulizia dentaria postprandiale, con getti d'acqua a mezzo di piccole cannule, efficace coadiuvante della spazzolatura dentaria con dentifrici al fluoro per la rimozione atraumatica di residui interstiziali. Sulla eliminazione del fumo, la disinfezione notturna di protesi dentarie ed il parsimonioso consumo di alcool quotidiano, non si insiste mai abbastanza. L'eccessiva attenzione rivolta all'igiene orale non deve far trascurare l'indagine sulle malattie d'ordine generale. Quando opportuna, una dieta di prova povera di grassi (non più di 50 grammi al giorno) incoraggiando il consumo di frutta fresca e vegetali, può essere giovevole. I vegetali, per effetto della masticazione e per il loro notevole contenuto di acqua, migliorano l'igiene orale aumentando anche la produzione di saliva. Qualche bicchiere di semplice acqua in più al giorno favorisce con l'idratazione anche la funzionalità renale. Può essere consigliato un razionale uso di menta piperita, che nel corpo segue lo stesso itinerario dell'aglio, in attesa di risolvere la causa dell'alitosi. Lo stesso dicasi per l'olio di gaultheria (dal botanico canadese Gaulthier) contenente anche salicilato di metile, efficace antireumatico. È meno forte della menta piperita contro l'alitosi, ma certamente utile. Nella maggior parte dei casi la causa dell'alitosi può essere specificamente identificata ed eliminata a patto che il Medico persegua lo scopo con tenacia ed il paziente collabori efficacemente. Chi avesse voglia di saperne di più, può consultare, fra le tante, le seguenti pubblicazioni: - Castellani A.: Fetor oris di origine tonsillare e certi bacilli che ne sono la causa. Lancet, 1: , Crohn B.B., and Drusd R.: Origine dell'alitosi. New York Journal of Dentistry, 12: , Me Namara T.F., Alexander J.F. and Lee M.: Il ruolo dei microrganismi nella produzione dei cattivi odori orali.

7 Direttore della Scuola Allievi Agenti Trieste - 1- edizione del Memorial "Bruna Varini in Righini zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Nei giorni 16 e 17 ottobre il Comitato Provinciale della F.I.D.A.L. di Udine ha organizzato a Paderno (UD) la prima edizione del Memorial "Bruna Varini in Righini", riservato alle categorie Amatori - Veterani dell'atletica leggera. La manifestazione ha voluto ricordare, ad un anno dalla scomparsa, Bruna Varini-Righini, che è stata amatissima ed operosissima Socia Consigliere della Sezione Varini-Righini partecipò vittoriosamente a numerosi campionati Campionati europei, svoltisi a Birmingham (Gran Bretagna) nel Nella foto la Varini-Righini è ritratta insieme al marito ed alcuni poliziotti. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba nazionali, europei e mondiali. Udine - Gruppo Sportivo Pescatori novembre, presso un noto locale della pedemontana del Friuli, si è svolto il convivio di termine attività agonistica del Gruppo Sportivo Pescatori della Sezione ANPS. Con l'occasione sono state effettuate le premiazioni dei migliori dieci pescatori classificatisi durante le 5 gare annuali; ANPS. Già Assistente di 1- classe della Polizia Femminile, eclettica atleta, interprete impareggiabile della attività sportiva a livello amatoriale, la un premio è stato dato anche allazyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba 1- donna classificata e sono stati festeggiati i "Pierini" con dei simpatici trofei. Ai giudici di gara, nelle persone dei Soci ANPS Cav. Belasini e Cav. D'Antonio, è stata consegnata una medaglia personalizzata per la loro opera svolta con impegno e dedizione in qualsiasi condizione ambientale ed atmosferica. Udine -14 novembre Gruppo sportivo Pescatori. I componenti il Gruppo e familiari. Parma festeggia i 25 anni dell'anps Con una particolare cerimonia - cocktail con trattenimento danzante - la Sezione ha voluto solennizzare la ricorrenza del 25 annuale della Fondazione dell'associazione. Per ottenere il massimo della partecipazione e la più ampia diffusione della notizia, è stato rivolto, a tutto il personale in servizio ed in congedo, l'invito a partecipare alla cerimonia con i propri familiari, a mezzo di un comunicato stampa pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" nella rubrica "Appuntamenti in città". Il risultato è stato positivo ed il 6 dicembre, presso il Circolo ricreativo della Parrocchia del Corpus Domini, l'afflusso dei partecipanti è stato numeroso ed inaspettato. Fra i convenuti vi erano il Dott. Ennio Gaudio, Questore di Parma, il Questore a riposo Dott. Socrate Forapane, il Generale (a) dei Carabinieri Paolo Speroni, Presidente della locale Sezione dell'associazione Carabinieri in congedo, il V. Questore Agg. Dott. Luigi Marra, Vice di Piacenza, il V. Questore Agg. Dott. Giuseppe Norrito ed il V. Commissario Dott.ssa Rosaria Chiacchio della locale Sezione Polizia Stradale. La Sezione ANPS di Fidenza era rappresentata dal suo Presidente Cav. Paride Abate e da molti Soci con familiari. Dopo il discorso ufficiale tenuto dal Presidente della Sezione Col. (r) Giovanni Abbracciavento e le parole di circostanza pronunziate dal Questore Dott. Ennio Gaudio, i convenuti sono stati invitati a passare nel salone, ove era stato approntato un assortito buffet. Il taglio della torta è stato effettuato dalla Dott.ssa Rosaria Chiacchio, ultimo funzionario arrivato nella sede di Parma, e dal Questore. Nell'occasione sono stati scambiati i tradizionali auguri natalizi. La cerimonia, ripresa da "TV Il 6 novembre si sono incontrati per la nona volta in Firenze alcuni Funzionari dello Stato, che hanno prestato servizio nel Capoluogo toscano. Erano presenti i Prefetti Camillo Rocco, Gaspare De Francisci, Angelo Piccolo, Parma - 6 dicembre Festa per il 25 Anniversario della fondazione dell'anps. Da sinistra: i Soci Cons. Ippolito e Rondazzo, il Pres. della Sez. ANPS Col Abbracciavento, il Socio Pizzini, il V. Commissario Dott.ssa Chiacchio, il Questore Dott. Gaudio, il Segr. Econ. Di Giovanni, il Socio Col. Medico Sisto, il Cons. Sciolti, un Socio della Sez. di Fidenza. Parma", è stata teletrasmessa il successivo giorno 7 nei tre notiziari locali, con ampio commento, e la UNA TRADIZIONE CHE CONTINUA Gioacchino Matticari; i Dirigenti Generali della Polizia di Stato Ugo Nigro, Vittorio Piccinni, Aldo Ricci, Vincenzo Bonito, Luigi Cella, Marcello Panzanelli ed i Questori Enzo Scola, Baccheschi e Mario Santoro. Gino "Gazzetta di Parma" martedì 14 dicembre ne ha riportato un esauriente resoconto con foto. L'iniziativa ha riscosso ampio generale consenso. Nella circostanza è stato inviato al Capo della Polizia Prefetto Vincenzo Parisi il seguente telegramma: "FUNZIONARI POLIZIA IN QUIE- SCENZA RIUNITISI FIRENZE NONO INCONTRO CONVIVIALE INVIANO ECCELLENZA VOSTRA MEMORI QUI, FORMULANDO ZIONE POLIZIA STATO CORDIALI SALUTI DEFERENTI OSSE- AMMINISTRA- SEMPRE MAGGIORI SUCCESSI TUTELA ORDI- NE ET SICUREZZA PUBBLICA AT SALVAGUARDIA ISTITUZIONI DEMO- CRATICHE. SEGUONO FIRME". AFFEZIONATISSIML Il Capo della Polizia ha così risposto: "RINGRAZIANDO DI VERO CUORE PER SQUISITA ATTENZIONE, PREGO VOLER ESTENDERE MIO PIÙ AFFETTUOSO ET MEMORE SALUTO ET SENSI VIVISSIMA GRATITUDINE AT ALTRI PARTECIPANTI NONO INCONTRO CONVIVIALE GLORIOSA 'VECCHIA GUARDIA' FIORENTINA PER SENSIBILE MESSAGGIO AUGU- RALE".

8 Nel numero 11/12 novembre - dicembre 1993 di "Fiamme d'oro" a pag. 14 abbiamo ricordato il Maresciallo di P.S. Armando D'Orsi, recentemente scomparso. Vogliamo ora completare questo ricordo con una fotografia del Presidente della Sezione di Prato avuta dai familiari, cui rinnoviamo le sincere nostro cordoglio. espressioni del IN MEMORIA DI NICOLÒ SQUARCIONE Cozzuti Livio i (in memoria della mogi Smirne Mario Coppola Giuseppe Tancredi Helma Breber Carlo Sanfilippo Angelo Bortolini Albina Squarcione Enza (in memoria del marito Paialunga Fabio Bonetti Antonia (in memoria del marito De Luca Gaetano Iannola Stefano Laronca Salvatore Sezione ANPS A cinque anni dalla scomparsa del nostro Socio, amico e collaboratore Nicolò Squarcione, lo ricordiamo sempre con stima, affetto e riconoscenza per i Suoi grandi e indimenticabili meriti. Alla Vedova Signora Enza e ai figli, nonché al fratello Udine L ie Antonia Daniele) Torino L Venezia L Roma L Roma L Corigl. Calabro (CS) L Torino L Roma L Nicolò Squarcione) Pesaro L Trieste L Arcisio Carboni) La Spezia L Campomorone (GE) L Gravina (BA) L Milano L Non essendo possibile rispondere a tutti con lettere singole, ringraziamo vivamente i nostri abbonati, benemeriti, sostenitori e coloro che hanno inviato offerte ed esprimiamo loro tutta la nostra gratitudine per l'affettuosità e la generosità nei confronti della nostra rivista. Una conferenza ricordo del 48 anno della sua costituzione. Infine il Presidente Anelli al Circolo Ufficiali delle FF.AA. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba di F. P. Bruni La sera del 16 dicembre 1993 a Palazzo Barberini in Roma, il "Lions Club Roma Host" con sede in Roma, Via XX Settembre 98/E, con il patrocinio della "Nuova Alleanza Nazionale dei Comuni d'italia" e con la collaborazione del Centro Ottico "Vasari" di Roma, ha svolto un meeting sul tema: "La vista, un bene da tutelare. Prevenzione del glaucoma", relatore il T. Col. Dr. Massimo Cantarini, primario oculista dell'ospedale Roma. Militare "Celio" di Alla manifestazione sono stati invitati i Soci Lions di tutti i clubs Capitolini. Prima della conferenza tutti gli da parte del Dr. Giuseppe Anelli Presidente deh'al.na.c.i., ha preso la parola il relatore Dr. Cantarini ed è stato proiettato il filmato di un intervento chirurgico sulla cataratta e sull'occhio affetto da glaucoma, operatore il Dott. Cantarini. Successivamente si è svolto un ampio dibattito, nel quale sono intervenuti molti soci con domande specifiche. Di seguito il Presidente Meloni ha offerto al Dott. Cantarini una targa ricordo, mentre il Dott. Anelli, a nome deh'al.na.c.i., ha premiato tutti i presidenti e i postpresidenti di tutti i clubs romani con una medaglia personalizzata recante l'emblema dell'associazione da lui presieduta; ha inoltre offerto al Lions Club Roma Host una Targa a ha premiato con medaglia al merito deh'al.na.c.i. per meriti professionali l'avv. Italo Maria Amorelli, Lions Roma Host, l'avv. Ernesto Palatta, Lions Rome Nomentanum, il Gen. Domenico Demetrio, Gruppi Lions Roma Host, il Gen. Croardo Bruzzese e l'ing. Enrico Cesarotti, Presidente Circoscrizionale. A sua volta il Dott. Anelli ha ricevuto dalle mani dell'avv. Italo Maria Amorelli Caro IL PENSIERO DEL CAPO DELLA POLIZIA una scultura quale premio e riconoscimento per il decennio di presidenza e di guida deh'al.na.c.i. A conclusione della manifestazione a tutti i presenti è stata offerta una piccola strenna Natalizia. La vasta presenza di pubblico, l'interessante argomento, la competenza del relatore, i numerosi interventi al dibattito, la cerimonia di premiazione hanno qualificato il meeting, sotto tutti gli aspetti lionistico. IL CAPO DELLA POLIZIA zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Presidente 21 dicembre 1993 Rag. Antonio, la Presidenza intervenuti hanno potuto usufruire mi è particolarmente gradito ANPS e "Fiamme d'oro" rinnovano la più sentita solida- della vista con strumento elettroni- presiede una Bandiera della Polizia di una visita oculistica e misurazione inviare all'associazione che Ella rietà. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba co. di Stato, quale segno di vivo Dopo la presentazione del apprezzamento per l'attività meritoria che i l Sodalizio quotidianamente Presidente del Lions Club Roma Host, Generale Umberto Meloni e svolge, al fine di tener vivo i l Abbonati benemeriti, sostenitori e offerte a "FIAMME D'ORO" zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba una completa introduzione al tema sentimento di dedizione alle istituzioni che anima i l personale in servìzio e in quiescenza. L'occasione è propizia per confermare la fiducia del Dipartimento e mia personale nella benemerita Associazione e formularle l'auspicio di sempre maggiori fortune, nella diuturna opera volta al conseguimento delle finalità i s t i t u t i v e dell'a.n.p.s. Con affetto Vincenzo N.H. Generale di P.S. dr. Remo ZAMBONINI Presidente Nazionale A.N.P.S Via Statilia, 30 ROMA Parisi Ora legale Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 15 novembre 1993 sono state fissate le date di inizio e cessazione dell'ora legale. Dalle ore due del 27 marzo 1994 alle ore tre (legali) del 25 settembre 1994, l'ora normale è anticipata a tutti gli effetti, di sessanta minuti primi. A QUESTO INVIO E STATO DATO IL SEGUENTE RISCONTRO: zyxwvutsrqponmlkj Eccellenza, 15 gennaio 1994 al rientro in sede dall'estero, ove ho trascorso un po' di giorni, ho trovato la Bandiera della Polizia di Stato offerta all'associazione Nazionale della Polizia di Stato, con la lusinghiera lettera di accompagnamento. La ringrazio, Eccellenza, per la squisita sensibilità e premure avute sempre nei riguardi dell'anps che si onora di operare in favore di tutte le componenti della Polizia di Stato, sotto l'alta e illuminata guida di V.E. L'occasione è propizia per confermare a V.E. la mia profonda stima, anche a nome del Sodalizio che ho l'onore di presiedere. F.to Ten. Gen. (c) Remo Zambonini A S.E. i l Dr. Vincenzo PARISI Capo della Polizia Ministero dell'interno ROMA

9 // 26zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA giugno la figlia del V. Presidente Cav. Uff. Saturnino Scarpone, Chiara, si è unita in matrimonio con il Signor Gioacchino Aluente. La cerimonia è stata celebrata nella Chiesa di S. Giovanni di Saluzzo (Cuneo). Alla neo-coppia le più vive felicitazioni da tutti i Soci e da "Fiamme d'oro". MOTMH [LIMITI Cuneo zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba zione di Parma formulano i migliori auguri di felicità. Gorizia / / 30 maggio 1993, in una Roma piena di sole, nella chiesetta del Collegio retto dalle Suore Orsoline, venne posta a Suor Maria Paola Scarpin, figlia del Socio Giuseppe, la domanda: "Chi manderò?" e, senza esitazione, venne la risposta: "Eccomi Signore, manda me". Risposta meditata e maturata nel corso degli anni. Con questo atto d'amore Suor Maria Paola ha pronunciato la sua la commozione del collega, formulano alla giovane religiosa gli auguri più sinceri per il suo sereno cammino nelle vie del Signore ad multus annos. LECCO Dal 1 ottobre 1993 il Socio Benemerito Anna Maggi in Torti è stata nominata Presidente del "Soroptimist International Club" di Lecco. Mi l ano zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Alla cara e simpatica Anna i più sinceri ed affettuosi complimenti da tutti i Soci della Sezione. PADOVA Il Socio Gallo, nella sua qualità di Sindaco, appunta al petto di un combattente della 2- guerra mondiale la medaglia di bronzo al V.M. Giuseppe Gallo, Socio della Sezione ANPS di Padova da 10 anni, dopo il collocamento a riposo ha fatto del giornalismo, ha scritto due libri regolarmente pubblicati e vinto diversi premi di poesia. Il 6 giugno 1993, con la nuova legge elettorale per l'elezione diretta del sindaco, è stato eletto primo cittadino di Montegrotto Terme, una bella città collinare con oltre abitanti, 40 alberghi, 400 punti commerciali e un milione e mezzo di presenze turistiche l'anno. I Soci ANPS e "Fiamme d'oro" si congratulano con il Socio Gallo e formulano i migliori auguri di buon lavoro. FABRICA DI ROMA Il 20 giugno 1993 si sono svolte a Fabrica di Roma le elezioni per il rinnovo dell'amministrazione Comunale. Nella lista Alveare, vincitrice delle elezioni, era candidato alla carica di Consigliere comunale il V. Presidente della Sezione Ispettore P. Mariano Mariani, in servizio presso la Questura di Roma, il quale è stato nominato dal Sindaco Palmegiani Assessore ai Lavori Pubblici - Viabilità Traffico - Urbanistica e Ambiente. Al neo Assessore i migliori auguri per il suo lavoro da tutti i Soci e da "Fiamme d'oro". zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazy Il Socio Felice Figurato è lieto di annunciare la nascita del nipotino Alessio, avvenuta a Rho il 21 luglio Parma / / 26 giugno il Socio Giovanni Spagnoli e Monica Lucchini si sono uniti in matrimonio nella Chiesa parrocchiale di Traversetolo. A benedire la nuova famiglia è stato lo zio dello sposo, monsignor Alberto Spagnoli. Al Socio Giovanni ed alla sua sposa Monica i colleghi della Se-zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA totale donazione missionaria nella professione perpetua impegnandosi a vivere secondo le regole dell'ordine delle Madri Orsoline. Professione religiosa che la proietta nella missione, in modo particolare educativa, che si sintetizza nel motto "Contemplazione nell'agire". Il Consiglio ed i Soci della Sezione ANPS di Gorizia, a cui Giuseppe Scarpin è profondamente legato, condividendo la gioia e Trieste Il Socio Rag. Pietro Colavitti presenta i suoi gemelli Matteo e Martina, nati a Bari l'8 aprile a cura di Fiaschetti Leggi e decreti Decreto Legislativo 23 dicembre 1993, n. 546 (Gazz. Uff. Suppl. Ord. n. 304 del 29 dicembre 1993). Ulteriori modifiche al decreto legislativo 3 febbraio 1993 n. 29 sul pubblico impiego. Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni. Circolare 1 dicembre 1993, n. 14 (Gazz. Uff. n. 2 del 4 gennaio 1994). Attuazione delle leggi 4 gennaio 1968 n. 15, come modificata ed integrata per effetto della legge 11 maggio 1971, n. 390, e 7 agosto 1990, n. 241, in materia di documentazione amministrativa. Decreto del Presidente della Repubblica 12 ottobre 1993, n. 572 (Gazz. Uff. n. 2 del 4 gennaio 1994). Regolamento di esecuzione della legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza. Decreto Legge 4 gennaio 1994, n. 3 (Gazz. Uff. n. 4 del 7 gennaio 1994). Disposizioni urgenti per le Forze di Polizia. Ministero dei Lavori Pubblici. Circolare 15 novembre 1993 n. A/10607 (Gazz. Uff. n. 4 del 7 gennaio 94). Istanza-diffida per la restituzione delle trattenute ex Ges.ca.L. Testo del decreto-legge 15 novembre 1993, n. 453, coordinato con la legge di conversione 14

10 gennaio 1994, n. 19, recante: sede in cui i candidati dovranno presentarsi stenti con almeno 2 anni di anzianità "Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti". per sostenere le prove scritstenti te. nella qualifica, indetto con D.M e pubblicato nel Bollettino Ufficiale del Personale del Ministero dell'interno - supplemento straordinario n. 1/16 del 27 maggio Concorso pubblico, per esami, Candidati che hanno superato le Legge 14 gennaio 1994, n. 19. Conversione in legge, con modificazioni, per il conferimento di 600 posti di allievo vice ispettore del ruolo degli prove d'esame n È in corso la valutazione dei titoli del decreto-legge 15 ispettori della Polizia di Stato, indet- di servizio. novembre 1993, n. 453, recante to con D.M. 27 dicembre 1991 e disposizioni in materia di giurisdizio- pubblicato nella Gazzetta Ufficiale ne e controllo della Corte dei conti. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba dèlia Repubblica italiana 4 Serie a Ministero dell'interno Concorsi ed Esami Concorsi in arto Concorso pubblico, per esami, per il conferimento di 100 posti di vice commissario in prova del ruolo dei commissari della Polizia di Stato, indetto con D.M e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 4 Serie a Speciale "Concorsi ed Esami" n. 97 dell'i 1 dicembre Candidati che hanno superato le prove scritte n Le prove orali si svolgeranno dal 27 gennaio al 18 febbraio 1994, in Roma, presso il Salone B - Piano terra - Palazzo del Viminale, a partire dai candidati il cui cognome inizia con la lettera "D". Concorso pubblico, per esami, per il conferimento di 90 posti di vice commissario in prova del ruolo dei commissari della Polizia di Stato, indetto con D.M , pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, 4 Serie a Speciale "Concorsi ed esami", n. 102 del 24 dicembre Nella Gazzetta Ufficiale, 4 Serie a Speciale, "Concorsi ed esami" del 15 aprile 1994 verrà data comunicazione dei giorni, dell'ora e della Speciale "Concorsi ed Esami" n. 8 del 28 gennaio Concorso interno, per esami, a 2000 posti per l'accesso al corso di Candidati che hanno superato le formazione tecnico-professionale prove scritte n Le prove orali che hanno avuto inizio il 13 dicembre a partire dai candidati il cui cognome inizia con la lettera "R", termineranno il 16 febbraio per la nomina alla qualifica di vicesovrintendente del ruolo dei sovrintendenti della Polizia di Stato riservato agli appartenenti al ruolo degli agenti ed assistenti della Polizia di Stato che abbiano compiuto almeno 4 anni di servizio effettivo alla data di pubblicazione del bando di concorso, indetto con D.M Concorso interno, per titoli di e pubblicato nel Bollettino Ufficiale servizio ed esami, a 405 posti di del Personale del Ministero vice ispettore del ruolo degli ispettori della Polizia di Stato, riservato al personale del ruolo dei sovrintendenti della Polizia di Stato, indetto dell'interno n. 1/12 del 25 maggio Domande presentate n Alla prova scritta che si è svolta, con D.M. 4 marzo 1993 e pubblicato in Roma, il 10 novembre 1993, nel supplemento straordinario n. 1/9 del Bollettino Ufficiale del Personale del Ministero dell'interno del 15 aprile hanno partecipato n candidati. È in corso la valutazione degli elaborati. Candidati che hanno superato la prova scritta n. 82. Dal 17 al 31 gennaio 1994, hanno avuto luogo in Roma, presso il Palazzo del Viminale, le prove orali a partire dai candidati il cui cognome inizia con la lettera "P". Concorso interno, per titoli di servizio ed esame, a 2000 posti per l'accesso al corso di formazione tecnico-professionale per la nomina alla qualifica di vicesovrintendente del ruolo dei sovrintendenti della Polizia di Stato, di cui 1200 riservati Concorso intemo, per titoli di servizio ed esame, a 2000 posti per l'accesso al corso di formazione tecnico-professionale agli assistenti capo e 800 riservati agli assistenti con almeno 2 anni di anzianità nella qualifica, indetto con per la nomina alla D.M. 15 giugno 1993 e pubblicato qualifica di vicesovrintendente, del ruolo dei sovrintendenti della Polizia di Stato, di cui 1200 riservati agli assistenti capo e 800 riservati agli assi- nel Bollettino Ufficiale del Personale del Ministero dell'interno - supplemento straordinario n. 1/15 del 19 luglio Domande presentate n Nel Bollettino Ufficiale del Personale del Ministero dell'interno del 25 novembre 1993 è stato pubblicato il diario della prova scritta, che ha avuto luogo in Roma, il giorno 28 gennaio 1994, presso l'ergife Hotel, via Aurelia n Arruolamento straordinario di 960 allievi agenti della Polizia di Stato, indetto con D.M e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 4" Serie Speciale "Concorsi ed Esami" n. 52 del 3 luglio Convocati per gli accertamenti psico-fisici e attitudinali (fino alla fascia di voto 6,54) n Idonei agli accertamenti psico-fisici e attitudinali n Avviati ai corsi di formazione n Prossime selezioni psico-fisiche e attitudinali (fascia di voto 6,41): dal 9 febbraio al 7 marzo. Prossimo avviamento ai corsi di formazione previsto a giugno. Reclutamento di unità di leva nella Polizia di Stato quali agenti ausiliari. I Contingente 1994 con incorporamento nel mese di marzo Unità di leva memorizzate dal Ministero della Difesa n Unità di leva da incorporare n È in corso l'istruttoria delle domande. II Contingente 1994 con incorporamento nel mese di luglio Unità di leva memorizzate dal Ministero della Difesa n Unità di leva da incorporare n E in corso l'istruttoria delle domande. Ili Contingente 1994 con incorporamento nel mese di novembre Termine ultimo per la presentazione delle domande presso le questure di residenza: 10 gennaio I Contingente 1995 con incorporamento nel mese di marzo Presentazione delle domande presso le questure di residenza: dall'11 gennaio al 10 maggio 1994 per i giovani nati nel 1 quadrimestre 1976 e dal 10 aprile al 10 maggio 1994 per i giovani in possesso di rinvio del servizio militare per l'anno Concorso pubblico, per esami, per il conferimento di 29 posti di medico in prova del ruolo professionale dei direttivi medici della Polizia di Stato, indetto con D.M Il relativo bando è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 4 Serie Speciale a "Concorsi ed Esami" n. 104 del 31 dicembre Termine ultimo per la presentazione delle domande di partecipazione: 31 gennaio Nella Gazzetta Ufficiale 4 Serie a Speciale "Concorsi ed esami" del 29 marzo 1994, verrà data comunicazione del giorno, dell'ora e della o delle sedi in cui i candidati dovranno presentarsi per sostenere le prove scritte. Tale comunicazione avrà valore di notifica a tutti gli effetti nei confronti di tutti i candidati. Concorso, per titoli ed esami, a 200 posti di allievo operatore tecnico di assistenza sanitaria della Polizia di Stato, indetto con D.M e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 4 a Serie Speciale "Concorsi ed Esami" n. 89 del 10 novembre Domande presentate n Candidati che hanno superato la prova preliminare per l'ammissione al concorso n Il 10 gennaio 1994 hanno avuto inizio, presso la Scuola Tecnica di Polizia, in Roma, gli accertamenti dei requisiti psico-fisici ed attitudinali nei confronti dei candidati che hanno superato la prova preliminare. Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 4 Serie Speciale a "Concorsi ed Esami" del 18 gennaio 1994 è stato pubblicato il diario della prova scritta, che avrà luogo in Roma, il 22 febbraio 1994, presso l'ergife Hotel, Via Aurelia n Concorso pubblico, per titoli ed esami, ad 1 posto di maestro direttore della Banda Musicale della Polizia di Stato, indetto con D.M e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 4 Serie Speciale a "Concorsi ed Esami" n. 46 dell'i 1 giugno Domande presentate n. 31. Candidati che hanno superato le prove scritte n. 3. Le prove orali che si sono svolte, in Roma, il giorno 16 dicembre 1993, sono state superate da n. 3 candidati. La prova pratica si è svolta in Roma, presso la sede della Banda Musicale dell'arma dei Carabinieri, Via Carlo Alberto Dalla Chiesa n. 3, nei giorni 13, 14 e 15 gennaio 1994.

11 Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti alla data di pubblicazione del pre- bisognevoli di cure climatiche i quali dell'amministrazione Pubblica zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba abbiano compiuto i sette anni e sente bando nella Gazzetta Ufficiale, non Bando di concorso per seimilacinquecento posti nei centri vacanze marini e montani in Italia e per settemilacentocinquanta posti per vacanze studio all'estero, indetti dalla Gestione autonoma E.N.P.A.S. (Gazzetta Ufficiale 4 a Serie Speciale "Concorsi ed esami" n. 4 del ). Stagione estiva 1994 zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba omissis Per ottenere l'ammissione dei minori alle vacanze studio all'estero e ai centri vacanze in Italia, gli iscritti dovranno avanzare istanza agli uffici dell'i.n.p.d.a.p. - Gestione autonoma E.N.P.A.S., competenti per territorio, in relazione al luogo di residenza anagrafica dei minori medesimi, redatta sugli appositi modelli (A.S.I. - A.S.I./VS a seconda del tipo di prestazione richiesto), da ritirarsi presso i predetti Uffici. Le domande, corredate della documentazione prescritta per i singoli soggiorni, dovranno pervenire entro e non oltre: - il 28 febbraio 1994 per le vacanze studio all'estero; - il 18 marzo 1994 per i centri vacanze in Italia. Saranno respinte le domande presentate o spedite dopo le date sopraindicate. L'istanza e i documenti sono esenti da bollo. omissis Centri vacanze marini e montani in Italia Requisiti per l'ammissione. Nei centri vacanze in Italia possono essere ammessi gli orfani ed i figli degli iscritti al "Fondo di previdenza e credito per i dipendenti civili e militari dello Stato" riconosciuti abbiano superato i dodici anni di età. omissis Vacanze studio all'estero Requisiti per l'ammissione. Alle vacanze studio possono essere ammessi gli orfani ed i figli degli iscritti al "Fondo di previdenza e credito per i dipendenti civili e militari dello Stato", i quali alla data di pubblicazione del presente nella Gazzetta Ufficiale, bando abbiano compiuto i dodici anni e non abbiano superato i quindici anni di età ed abbiano altresì conseguito la promozione alla classe superiore nella sessione estiva dell'anno 1992/93. scolastico Sono equiparati ai figli i legittimati, gli adottati, gli affiliati, i figli naturali legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati nonché i minori regolarmente affidati. omissis Assistenza Scolastica Concorso per il conferimento di 845 Borse di Studio Il Servizio Assistenza e Attività Sociali del Ministero dell'interno, nel quadro del programma di interventi a favore del personale della Polizia di Stato, ha previsto per l'anno scolastico accademico l'assegnazione di 845 borse di studio ai figli dei dipendenti in servizio o in congedo, agli orfani e ai dipendenti della Polizia di Stato. Tali borse di studio riguardano gli studenti iscritti per l'anno scolastico alla prima classe delle scuole medie superiori, a classi successive alla prima e iscritti presso Università e Istituti Statali parificati o legalmente riconosciuti. Possono partecipare al concorso i figli a carico dei dipendenti dei ruoli della Polizia di Stato in attività di servizio, degli ex dipendenti cessati dal servizio per infermità dipendente da causa di servizio e dei congedati per limiti di e- tà (a condizione che gli ex dipendenti non svolgano attività lavorativa presso Amministrazioni dello Stato od altri Enti Pubblici o Privati), nonché gli orfani dei dipendenti della Polizia di Stato. La domanda di partecipazione al concorso dovrà essere redatta sugli appositi stampati, da ritirare presso gli Uffici o Reparti di appartenenza. Le domande stesse dovranno essere compilate in ogni parte e presentate: - per i figli del personale in attività di servizio, agli uffici o reparti di appartenenza; - per gli orfani e per i figli del personale in quiescenza, al Servizio Sociale della Questura della Provincia in cui risiedono. I richiedenti dovranno presentare le domande agli uffici o reparti di appartenenza improrogabilmente entro i seguenti termini: - 15 febbraio 1994, per i concorrenti iscritti al 1 anno ed a classi successive della scuola media superiore; - 28 febbraio 1994, per i concorrenti (matricole universitarie) iscritti al 1 anno di un corso di laurea; - 15 maggio 1994, per i concorrenti iscritti ad anni successivi al primo di un corso di laurea. Altre delucidazioni od informazioni gli interessati potranno chiederle agli uffici o reparti di appartenenza o al Servizio Sociale della a cura di A. Squarcione Come la legge finanziaria penalizza i pensionati d'annata In "Fiamme d'oro" dello scorso dicembre a pag. 23 ci occupammo della legge Finanziaria, che era stata approvata soltanto dal Senato, ma già si era avuto sentore che i pensionati d'annata sarebbero usciti ancora beffati da tale provvedimento legislativo. Ora che il provvedimento è stato tradotto in legge , n. 537 recante: "Interventi correttivi di Finanza pubblica" (legge finanziaria 1994) al sesto comma dell'art. 11: "Previdenza e assistenza" il Governo penalizza tuttora i pensionati d'annata. Se il lettore si prende la briga di leggere il suddetto art. 11 della legge 537/1993, si troverà in un ginepraio di norme e disposizioni, perché il 6 locale Questura. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba comma rimanda al 7 comma il quale zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba a sua volta rimanda al 5 comma nell'ultima parte, richiamando una tala miriade di disposizioni che ci vorrebbe un archivio per contenere tutte le norme e una grande capacità di assimilazione per poterle interpretare. In tutti i citati commi dell'art. 11, a parere dello scrivente, si fa una grossa confusione, tale da mettere in evidenza che anche il Governo o chi ha esteso il provvedimento ignora la differenza che esiste tra il pensionato INPS e il pensionato dello Stato. Infatti, e vogliamo dare una dimostrazione, trascrivendo il 7 comma: "Salvo quanto disposto al 5 comma, ultimo periodo, la decorrenza degli aumenti dei trattamenti pensionistici stabilita dall'anno 1994, ai sensi degli articoli 1, comma 9, 9 bis, 9 ter e 9 quater; 2 bis, comma 3; e 3, comma 3, del decreto legge , n. 409, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 1991, n. 59, è differita all'anno Conseguentemente - continua il 7 comma - i termini del 1 gennaio 1994 e del 31 dicembre 1993, di cui, rispettivamente, ai commi 3 e 4 dell'art. 5 del predetto decreto-legge n. 409/1990, sono differiti al 1 gennaio 1995 e al ". Risparmio al lettore l'ultima parte del comma 5 dello stesso art. 11 della legge 537/1993, riportandone in succinto il contenuto e cioè: "per l'anno 1994, a decorrere dal 1 luglio, sono attribuiti gli aumenti dei trattamenti pensionistici... ecc. (omissis). Per scienza del lettore accennerò succintamente come si sono svolti i fatti: il Gruppo della D.C. con gli altri gruppi della maggioranza parlamentare, nella fase della discussione della legge finanziaria al Senato, si sono schierati in favore dei pensionati e hanno ottenuto un'aggiunta ai 35 mila mld, di mld già previsti dalla Commissione del Senato, ottenendo altri 700 mld calcolati e programmati in conseguenza dell'inflazione reale che si è verificata rispetto all'inflazione prevista dal Governo. Tutto questo dibattito per poter corrispondere ai pensionati d'annata, sia dell'inps sia dello Stato, un anticipo con decorrenza dal 1 luglio 1994, rimandando il resto dell'anticipo al 1 gennaio Se il pensionato vuole sapere a quanto ammonterà l'anticipo che sarà corrisposto il 1 luglio 1994, da calcoli approssimativi, si prevedono circa 50 mila lire lorde fino al mese di dicembre 1994, cioè per la durata di sei mesi. Non è polemica se ricordo che nel 1992 è stato soppresso "l'adeguamento al costo della vita" (cioè l'indennità integrativa speciale aumentava di pari passo al costo reale della vita) per il pensionato; è stato soppresso l'aggancio alla dinamica salariale, cioè un aumento percentuale allorché si stipulavano i contratti in favore del personale in servizio; non è stata corrisposta la differenza tra l'inflazione reale e quella programmata dal Governo. Non è polemica se ricordo che il pensionato, come ogni cittadino, è chiamato a pagare le tasse: IRPEF, ILOR, ISI, ICI, MEDICO DI FAMI- GLIA ecc. e non si escludono: gas, acqua, telefono, spazzatura, medicinali... e il Governo infierisce duramente sull'economia del pensionato d'annata che dagli anni '70, attendeva una perequazione. Invece ora ci danno un anticipo e poi ci vediamo - per chi resta - nel Viva l'italia. Effetti della sentenza costituzionale 243/93 per il personale statale in servizio e in quiescenza Per quanto mi sia recato sia al Senato della Repubblica sia alla Camera dei Deputati, non sono riuscito ad ottenere il testo delle leggi unificato relativo al computo dell'indennità integrativa speciale nel calcolo della buonuscita, proposto dal Senatore Learco Saporito. Tuttavia, da una fonte sicura, ho appreso che il disegno di legge è stato inviato ai vari Ministeri interessati per suggerimenti e modifiche e che, appena restituito, sarà sottoposto dal Governo al Parlamento per la sua discussione ed approvazione. Si spera, se il Parlamento non sarà sciolto anticipatamente, che per effetto degli stanziamenti nella legge finanziaria , il Testo unificato delle varie leggi giacenti in Parlamento, possa essere approvato in questo scorcio di legislatura. L'art. 1 prevederebbe: A decorrere dal 1 gennaio 1994, nella base contributiva di cui all'art. 38 del D.P.R , n. 1032, all'articolo 36 della legge , n. 829 e alle analoghe disposizioni previste da altri ordinamenti previdenziali dello Stato e delle Aziende Autonome, è inclusa l'indennità integrativa speciale prevista dalla legge , n. 324 e successive modificazioni ed integrazioni. Ai fini della liquidazione dell'indennità di buonuscita è computata, con decorrenza 1 gennaio 1994, una quota pari al 64 per cento della indennità integrativa speciale di cui al precedente comma. La retribuzione utile ai fini dell'indennità di anzianità di cui all'art. 13 della legge , n. 70 è incrementata, a far tempo dal 1 gennaio 1994, della predetta indennità integrativa speciale nella misura del 64 per cento. Art. 2: Riliquidazione della indennità di buonuscita. In favore degli iscritti alle gestioni previdenziali e del personale degli Enti pubblici istituzionali di cui all'art. 1 per i quali l'ultimo giorno di servizio sia compreso nel periodo 1 gennaio dicembre 1993, nonché in favore dei loro aventi causa, l'indennità di fine rapporto di servizio viene riliquidata a domanda, computando nella base di calcolo l'indennità integrativa speciale nella misura prevista dall'art. 1 spettante all'atto della cessazione dal servizio. La domanda deve essere presentata all'ente erogatore su apposito modello da quest'ultimo predisposto, nel termine perentorio di sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge. La prestazione deve essere corrisposta entro il 1994, 1995 e 1996 a coloro che siano cessati dal servizio

12 rispettivamente negli anni , e L'onere sostenuto per le riliquidazioni, al netto delle somme trattenute o recuperate per contributi pregressi dovuti dagli iscritti, è posto a carico dello Stato e delle altre Amministrazioni. A decorrere dall'anno 1994, il rimborso per le prestazioni erogate dalle predette Gestioni previdenziali nonché le somme occorrenti per il versamento del maggiore contributo a carico dello Stato derivante dall'inclusione della quota di indennità integrativa speciale nella base di calcolo della indennità di buonuscita, avverrà in quote annuali... omissis... per l'ente Ferrovia. Art. 3: Recupero contributi arretrati e determinazione del contributo di riscatto. Sulla quota dell'indennità integrativa speciale di cui all'art. 1 è dovuto, a decorrere dal 1 gennaio 1994, il contributo previdenziale obbligatorio a carico del personale iscritto alle Gestioni previdenziali. Tale contributo è recuperato in 60 rate mensili sul trattamento economico di attività a decorrere dal 1 gennaio Per i dipendenti che cessino dal servizio prima dell'integrale recupero del contributo, la residua somma è trattenuta in sede di pagamento dell'indennità di buonuscita. Nei confronti dei dipendenti cessati dal servizio nel periodo 1 gennaio dicembre 1993 il contributo è determinato con riferimento alla predetta quota dell'indennità integrativa speciale spettante nel periodo stesso per il livello, qualifica o posizione giuridica rivestiti all'atto della cessazione dal servizio ed è trattenuto in sede di riliquidazione dell'indennità di buonuscita. Le somme dovute a titolo di prestazioni ai sensi dell'art. 2 e quelle dovute per contributi a norma del presente articolo non danno luogo a corresponsione di interessi né a rivalutazione monetaria. Per la determinazione del contributo di riscatto di cui alla legge , n e successive modificazioni, la quota della indennità integrativa speciale sarà computata nella base contributiva per le domande di riscatto presentate dopo il 1 gennaio Art. 4: Estensione dei giudizi in corso. I giudizi, pendenti alla data di entrata in vigore della presente legge ed aventi ad oggetto la riliquidazione del trattamento di fine servizio con l'inclusione dell'indennità integrativa speciale, sono dichiarati estinti d'ufficio con compensazione delle spese tra le parti. I provvedimenti giudiziari non ancora passati in giudicato restano privi di effetto. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba che non è supportata da alcun contributo ma soltanto ed unicamente dal- Lettera ai Soci zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba l'apporto dell'abbonamento. Tutto di Antonio Squarcione Cari consoci e lettori, l'anno da poco trascorso mi induce, come operatore insieme al Presidente, al Vice Presidente Nazionale e al Redattore Capo della nostra rivista "Fiamme d'oro", a formulare un consuntivo, come si è adusi ad ogni fine anno, che per me è un bilancio certamente encomiabile per aver soddisfatto ben 170 richieste nel corso dell'anno, pervenute dalle presidenze delle Sezioni ANPS o da singoli Soci, concernenti pratiche di pensione e di equo indennizzo, tutte condotte a termine. Va inoltre segnalata la stesura di oltre cento articoli inerenti alla materia pensionistica, con un numero non trascurabile di risposte a quesiti formulati dalle varie Sezioni ANPS. Questo "Centro di tutela e di assistenza", come a me piace chiamarlo, di particolare interesse per il nostro personale in quiescenza, è sorto grazie all'innegabile apporto delle infrastrutture create e volute dal Presidente Nazionale e dal Redattore Capo del nostro "Fiamme d'oro", e dal lavoro dello scrivente, per svolgere con intensità un'opera meritoria che ci lega allo spirito di Corpo e all'affetto dei nostri Soci. Le pagine gialle della nostra rubrica "pensionistica" si rendono utilissime, per notizie e chiarimenti, anche per il personale in servizio attivo, indicando il meglio per un loro eventuale comportamento di futuri pensionando Non bisogna dimenticare inoltre la collaborazione e l'assistenza del Vertice della Amministrazione della Polizia di Stato, al quale va il nostro riconoscimento e ringraziamento. Al Presidente Nazionale, ai lettori e consoci, fornisco l'assicurazione che il nostro "Centro di tutela e di assistenza ai pensionati" potrà migliorare nell'anno corrente, almeno per quanto mi riguarda personalmente, e con la speranza di trovare il consenso da parte dell'autorità preposta a "Fiamme d'oro" e la disponibilità del Ministro dell'interno, circa il programma futuro in favore del personale in quiescenza, delle vedove e degli orfani. Pur sapendo che questa non è la giusta sede, rivolgo un caldo appello ai consoci e lettori di "Fiamme d'oro" perché svolgano opera di proselitismo in favore della nostra rivista ciò al solo scopo di ampliare le notizie che la rubrica "pensionistica" mensilmente pubblica, poiché è di ieri la notizia che molti pensionati i- gnorano l'esistenza di "Fiamme d'oro". Rinnovo voti ai cari consoci e lettori di prospera buona salute per l'avvenire e porgo i migliori saluti. Convegno-dibattito sulla perequazione delle pensioni L'Unione Nazionale Mutilati per Servizio ha invitato la Presidenza ÀN- PS a partecipare ad un Convegno-dibattito su "Aspetti applicativi della legge 59/91" che si è svolto il 26 novembre 1993 presso il Centro Congressi di Via Cavour 50/A. A partecipare alla riunione è stato delegato il Rag. Antonio Squarcione, il quale è intervenuto, quale ultimo oratore, sullo stanziamento del Governo per la sentenza n. 243/93 e sullo slittamento proposto nella finanziaria dal Governo, nel senso che l'ultima "tranche" del 45% verrà pagata nel prossimo 1995, salvo che il Parlamento non apporti modifiche in sede di approvazione. Risposte ai lettori CORRADI Giovanni Ten. Gen. di P.S. (c) - Con D.M. dell' , è stata concessa la pensione riliquidata dal in applicazione della sentenza della Corte Costituzionale n. 1 dell'8-9 gennaio DE SABATO Salvatore Ispett. P.D. - Non è stato emesso tuttora il decreto di pensione per mancanza del decreto di promozione già richiesto alla Prefettura di Como. FANTUZ Carlo Sur. P.S. - E stato acquisito il parere favorevole alla concessione dell'equo indennizzo e, quanto prima verrà liquidato il beneficio. Il medesimo non risulta aver chiesto la concessione della pensione privilegiata. FOTI Lorenzo V. Isp. P.S. - Neil'assicurare che i provvedimenti di competenza saranno adottati, si è in attesa di ricevere registrato il decreto dalla Corte dei Conti. GIORDANO Carlo Svr. P.S. - Per la definizione del provvedimento di pensione, si è in attesa che la Prefettura di Torino trasmetta la documentazione contabile e amministrativa necessaria per la determinazione da liquidarsi. MARZULLO Elio Ass. P.S. (c) - La pratica di equo indennizzo è stata definita con la emissione del D.M. n del con la conseguente liquidazione. MADDALENA Paolo Con D.M. del , è stata concessa la pensione privilegiata di 5 q categoria a decorrere dal e da durare a vita. MARRUCCI Giovanni Magg. Gen. P.S. (c) - La pensione privilegiata di cui è titolare, è stata riliquidata dall' in applicazione della sentenza della Corte costituzionale n. 1/ SOVERCHI Tommaso Col. P.S. (c) - La pensione di cui è titolare è stata riliquidata dall' in applicazione della sentenza della Corte costituzionale n. 1/ MOSSETTE Salvatore È stato acquisito il parere favorevole per la concessione dell'equo indennizzo che quanto prima sarà liquidato: appena sarà accreditato il quantum del nuovo bilancio dello Stato. QUARTA Liberato Si è in attesa di acquisire agli atti il parere del Comitato per le pensioni privilegiate ordinarie. RINALDI Antonio Guardia agg. di P.S. - E in corso di perfezionamento la costituzione della posizione assicurativa INPS - Sede di Pisa. Determinazione della percentuale di variazione per il calcolo dell'aumento di perequazione delle pensioni per l'anno La GU. n. 293 del ha pubblicato il decreto del Ministro del tesoro recante la percentuale di variazione per il calcolo dell'aumento di perequazione delle pensioni per l'anno 1994 che è determinato in misura pari a + 3,5 dal 1 Novembre. L'aumento di perequazione automatica derivante dalla applicazione della percentuale di variazione di cui all'art. 1 per le pensioni alle quali si applica la disciplina dell'indennità integrativa speciale di cui alla legge , n. 324 e successive modificazioni ed integrazioni, è determinato separatamente sull'indennità integrativa speciale, ove compete, e sulla pensione. Istituzione dell'istituto Nazionale di Previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica La G.U. serie generale n. 296 del *1993, ha pubblicato il decreto-legge , n. 523 con il quale è stato istituito, con effetto dal , l'istituto Nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica: INPDAP, ente di diritto pubblico, iscritto nella categoria I della tabella allegata alla legge , n. 70. Esso ha sede in Roma, è sottoposto alla vigilanza del Ministero del lavoro e della previdenza sociale e del Ministero del tesoro ed adempie alle funzioni attribuitigli con criteri di economicità ed imprenditorialità. L'Istituto svolge i compiti che le disposizioni vigenti attribuiscono all'ente nazionale di previdenza ed assistenza per i dipendenti statali (ENPAS), all'istituto nazionale per l'assistenza per i dipendenti degli enti locali (INA- DEL), all'ente nazionale di previdenza per i dipendenti di diritto pubblico (ENPDEDP), alla Cassa delle pensioni agli insegnanti di asilo e di scuole elementari parificate, alla Cassa per le pensioni ai sanitari e alla Cassa per le pensioni agli Ufficiali giudiziari e ai coadiutori, amministrate dalla Direzione generale degli istituti di previdenza del Ministero del tesoro. Previa armonizzazione degli ordinamenti pensionistici delle forme di previdenza esclusive con il regime dell'assicurazione generale obbligatorio per i lavoratori dipendenti, sarà disciplinata con successivo provvedimento di legge l'assunzione da parte dell'enpdap dei trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato, mediante l'istituzione di apposite gestioni WTOiL (D Trieste Al Socio Ezio BRESSAN è stata conferita la promozione al grado di maggiore generale a titolo onorifico. Roma / / Socio Francesco CAMPANEL LA è stato promosso al grado di Tenente a titolo onorifico. Vivissime congratulazioni da tutti i Soci e da "Fiamme Parma d'oro". Con recente provvedimento Ministeriale il Socio Dott. Massimo BAX è stato promosso V. Questore Aggiunto. Egli presta servizio presso la Questura di Parma dall'aprile 1989 quale funzionario addetto al Gabinetto. Il Dott. Bax ha frequentato il 7 Corso dell'accademia, dove si è distinto per l'ottimo profitto negli studi, classificandosi sempre fra i primi del Corso e rivestendo per merito la qualifica di Allievo Scelto. Al Dott. Bax i Soci della Sezione di Parma formulano i migliori auguri, et semper ad malora. Il Presidente della Sezione AN PS di Fabrica di Roma, Quinto Nicola CAPPARUCCI, è stato insignito dell'onorificenza di Commendatore dell'ordine "Al Merito della Repubblica Italiana". Ai seguenti Soci è stata conferita l'onorificenza di Cavaliere dell'ordine "Al Merito della Repubblica Italiana": BEDIN Pietro Senigallia PENNONE Roberto Trieste Agli insigniti felicitazioni vivissimi ed auguri da tutti i Soci e da autonome. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba "Fiamme d'oro".

13 ALESSANDR I A zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba ALESSANDR I A zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Alessandria - 10 ottobre Giornata del Pensionato della Polizia di Stato. Deposizione di una corona al Monumento ai Caduti della Polizia. 1 fila, da sinistra: Soci Consiglieri della Sez. ANPS Leotta e Ninetto.zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA 2- fila, da sinistra: il Questore Dott. Sezione ANPS. Borracine il Commissario Straord. del Comune di Alessandria V. Prefetto Dr. Mach, il Per le sue benemerenze e per i Direttore della Scuola di Polizia Dott. Prof. Natale. Ultima fila: le rappresentanze delle lunghi anni di servizio prestati Sez. ANPS di Vercelli e di Alessandria con Bandiera e Medagliere. nell'amministrazone era stato insignito della Onorificenza di ALESSANDRIA i Il 23 agosto 1993 è scomparso il Socio Ispettore della Polizia di Stato (c) Comm. Ettore Ermini. Aveva prestato servizio per molti anni presso la Scuola Agenti della Polizia di Alessandria come direttore sportivo. Il Comm. Ermini era benvoluto e stimato sia da superiori e colleghi nella Scuola dove aveva addestrato tanti allievi agenti, sia dai Soci della Commendatore dell'ordine "Al Merito della Repubblica Italiana". Alla Vedova Signora Angela e al figlio Davide i Soci della Sezione ANPS e "Fiamme d'oro" esprimono profondo cordoglio e solidarietà. ANCONA Il 2 novembre una rappresentanza della Sezione ha reso omaggio ai Caduti della Polizia di Stato con l'apposizione di una corona sulla targa affissa all'ingresso della Questura. Il 6 novembre, nella Chiesa di San Cosma, su iniziativa della Sezione ANPS e con l'intervento del Prefetto Dr. Colli, del Commissario di Governo per la Regione Marche Dr. Sabatino, del Vice Questore Vicario Dr. Tancredi, di Funzionari della Questura, del personale in servizio e in congedo, con i rispettivi familiari, è stata celebrata la Santa Messa per i defunti, officiata dal Parroco Don Paolo Bedini, e da Don Bartolomeo Perrone, Assistente Spirituale della Sezione ANPS. Il Presidente Dr. Giglio ha ricordato i Caduti della Polizia di Stato e il Socio Ottavio Guidarelli, scomparso nel corso dell'anno. Ha rivolto un pensiero di solidarietà ai Soci Cerini e Sgalla, in lutto per la recente perdita delle rispettive Consorti. La Signora Tarquini, ha deposto un fascio di fiori all'altare della Vergine, il Socio Vernarecci ha letto la preghiera a San Michele Arcangelo. AREZZO Il 20 novembre, organizzata dalla Sezione ANPS in collaborazione con l'associazione Magistrati di Arezzo e le consorelle Associazioni dei Carabinieri in Congedo e della Guardia di Finanza, nonché con i Sindacati di Polizia SIULP e SAP, è stata celebrata una Santa Messa in suffragio dei Caduti e Defunti delle Forze dell'ordine e della Magistratura. Prima della S. Messa è stata deposta una corona di alloro al Sacrario dei Caduti. Presenti le massime Autorità cittadine civili e militari oltre ai rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d'arma con Bandiera. Asti -14 novembre Festa del Socio. Un momento di raccoglimento dopo la deposizione della corona al Monumento ai Caduti della Polizia. Questura, messa a disposizione dal Questore Dott. Oronzo Scoletta, Socio ANPS. La cerimonia ha avuto due significativi momenti: la deposizione della corona d alloro al Monumento ai Caduti della Polizia di Stato, sito nel cortile della Questura, e la Santa Messa celebrata dall'assistente Religioso e Socio Benemerito Mons. Guido Montanaro presso la Cappella della Questura stessa, alla quale hanno preso parte circa 200 persone, il Vice Prefetto Dott. Remotti, il Questore e l'onorevole Giovanni Rabino, nonché Funzionari e personale civile della Questura. BASSANO DEL GRAPPA Ha avuto luogo il 27 novembre nel Comune di Romano d'ezzelino (VI) il consueto raduno sociale annuale, al quale hanno aderito oltre 150 tra iscritti in congedo ed in servizio con familiari. Al mattino è stata celebrata la S. Alessandria -10 ottobre Festa del Pensionato nei locali della Scuola di Polizia. Da sinistra: il Comandante della Sez. Polstrada V. Questore Dott. Tinti, il Segr. Econ. Ninetto, il Questore Dott. Borracino, il Presidente della Sez. ANPS Rag. Comm. De Simone, il Direttore della Scuola Dott. Prof. Natale. Il 4 novembre una rappresentanza della Sezione, con la Bandiera, ha partecipato alle cerimonie indette per la giornata delle Forze Armate. ASTI Il 14 novembre la Sezione ha organizzato la "Festa del Socio" nella Sala Benessere della locale Bassano del Grappa - 27 novembre Raduno sociale. Le autorità intervenute: da sinistra il Sindaco di Romano d'ezzelino Prof. Zerpellon, il Prefetto di Vicenza Dott. De Fais, il Questore Dott. Argenio, il Dirig. il Comm.to di Polizia di Bassano Dott. Agostini, il Pres. della Sez. ANPS Marcadella.

14 Messa dal Parroco della Chiesa del Sacro Cuore Don Daniele, che durante l'omelia ha ricordato con commosse parole i Soci Vittorio Moretto e Adelino Barbato, deceduti quest'anno, e tutti i Caduti delle Forze di Polizia. Hanno voluto, con la loro presenza, onorare la Sezione molte Autorità, tra le quali il Prefetto Dott. Michele De Feis, il Questore Dott. Romano Argenio, l'ispettore ANPS per il Triveneto Tenente Generale Dott. Tuccio Totti, il Sindaco di Romano d'ezzelino Prof. Renzo Zarpellon, il prosindaco di Bassano del Grappa Prof. Gianfranco Borin, il Dott. Aldo Agostini Dirigente il Commissariato di Polizia bassanese, il Comandante la Sezione Polstrada Dott. Oreste Tonini, il Presidente della Sezione Alpina di Moena Duilio Durigon, oltre ai rappresentanti dei Sodalizi di Polizia e d'arma in servizio ed in congedo della zona. Il 6 dicembre il Tenente Generale (c) Vincenzo Albano, trovandosi a Bassano, ha incontrato occasionalmente, dopo 30 anni, il suo vecchio autista: Elia Padovan, sindaco effettivo della Sezione di Bassano. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba BRESCIA Il 24 ottobre, nella Chiesa di S. Benedetto, è stata celebrata una S. Messa in memoria dei Caduti immolatisi nelle isole Ionie nel settembre Un corteo, composto dalle autorità civili e militari e dalle Associazioni d'arma, ha raggiunto la Scuola elementare Divisione Acqui, dove è stata deposta una corona d'alloro dinanzi alla lapide commemorativa. Il 25 ottobre, presso la locale Scuola Polgai, si è svolta la cerimonia della "Promessa Solenne" degli Allievi Agenti del 135 corso, alla quale ha presenziato il Prefetto Dr. Antonio Di Giovane. All'allocuzione del Direttore della Scuola, Dr. Giacobbe, è seguita la premiazione degli allievi che si sono distinti. Il 2 novembre, presso il monumento ossario del locale cimitero Vantiniano, ha avuto luogo la commemorazione dei Caduti di tutte le guerre. La Messa è stata officiata dal Vescovo di Brescia, Mons. Bruno Foresti. La Sezione ANPS era rappresentata da un folto gruppo di Soci con la Bandiera. Il 4 novembre, nel 75 anniversario della prima guerra mondiale, per iniziativa del Comitato Provinciale delle Associazioni Combattentistiche e d'arma di Brescia, è stata celebrata la Giornata delle Forze Armate nel ricordo dei Caduti di tutte le guerre. I partecipanti alla manifestazione, cui è intervenuta una folta rappresentanza della Sezione ANPS con la Bandiera, si sono radunati nel locale piazzale Paolo VI; è seguita la Santa Messa officiata da Monsignor Angelo Pietrobelli nel vicino Duomo e, successivamente, un corteo ha attraversato il centro cittadino al suono della fanfara dei bersaglieri. Nel pomeriggio numerosi cittadini, come è tradizione, hanno visitato le caserme e l'aerobase di Ghedi. Il 7 novembre il Cappellano della Polizia di Stato Don Giuseppe Saia ha celebrato una Santa Messa nella Chiesa ubicata nel locale Istituto Paolo VI, in memoria degli amici scomparsi. Alla cerimonia hanno partecipato numerosi Soci con i familiari nonché rappresentanze delle Associazioni combattentistiche e d'arma con le Bandiere. Hanno presenziato il Questore di Brescia Dott. Faranda e Funzionari della Polizia di Stato. BRESCIA Dall'8 al 22 novembre un gruppo di Soci con le consorti ha effettuato un soggiorno in Tunisia nella zona di Monastir. Durante il soggiorno sono state effettuate varie escursioni, specie a Sud verso il deserto; sono stati visitati i laghi salati nonché le varie oasi ove immensi palmeti fanno da cornice alle porte del Sahara. Nell'inoltrarsi in tale regione si attraversano varie importanti località fra cui la cittadina di El Jemm, che conserva i resti di un colosseo, in ottimo stato, edificato dai Romani durante il loro dominio. La città più importante è Tozeur, capoluogo della regione, che si affaccia sullo sterminato lago salato. Un riposante panorama della città e della sua oasi è godibile da un rilievo roccioso denominato il "Belvedere". Zeffirelli predilisse questa zona per filmarvi il celeberrimo "Gesù di Nazareth". Sono state poi visitatetunisi e Cartagine. Tunisi, capitale della Repubblica Tunisina, con circa 2 milioni di abitanti, è centro politico ed economico. La Medina costituisce il cuore della città e si inoltra fino alla Kasbah. Viuzze a volta, piazzette arcaiche, ceramiche e fontane sono asilo di una vita che ha conservato intatto il suo immutabile ritmo. I gitanti si sono soffermati ad ammirare, fra l'altro, il Museo del Bardo: un insieme di palazzi e costruzioni dove dimoravano i "BEJ" (re). Il Museo espone la più bella collezione di mosaici del nord Brescia - 8/22 nonché reperti archeologici che illustrano la storia della Tunisia. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba novembre Gita sociale in Tunisia. Un gruppo di Soci e familiari. Per ultimo i Soci si sono recati a Cartagine: vengono visitate le Terme di Antonino e la guida illustra che esse, costruite verso il 150 d.c, erano, per importanza, al terzo posto dopo quelle di Caracalla e di Diocleziano in Roma. BRESCIA Il 27 novembre l'associazione Nazionale Carabinieri in congedo - Sezione di Brescia - ha fatto celebrare, nella locale Chiesa di S. Afra, una Messa in suffragio dei propri commilitoni scomparsi. Nel pomeriggio del 4 dicembre, nella locale Basilica della Madonna delle Grazie, è stata celebrata la festa di Santa Barbara Patrona degli Artiglieri e dei Marinai d'italia. Una folta rappresentanza della Sezione ANPS ha parecipato alle manifestazioni con la Bandiera. Il 19 dicembre simpatico incontro prenatalizio nella sede della Sezione ANPS, che raggruppa ben 500 Soci tra agenti in pensione e in servizio. È toccato al presidente, Cav. Giovanni D'Amato, accogliere Soci e autorità, tra le quali il Prefetto Antonio Di Giovine, il Questore Francesco Faranda, il Procuratore Capo della Repubblica, Francesco Lisciotto, il Comandante del Presidio Militare, Gen. Schipsi e il Comandante della Compagnia Carabinieri, Capitano Filippo Scibelli. Nella sede, in due locali della stessa Questura, erano presenti anche i rappresentanti di numerose Associazioni d'arma. Dopo il saluto del Presidente, il Prefetto Di Giovine ha elogiato le iniziative dell'associazione. E stata quindi deposta una corona d'alloro alla lapide che ricorda i Caduti della Polizia, benedetta dal cappellano, Don Giuseppe Saia. zyxwvutsrqponmlkjihgfed (dal "Giornale di Brescia" CALTANISETTA del ) Il 10 novembre, su iniziativa della Sezione ANPS, è stata organizzata una cerimonia religiosa per commemorare l'll 0 anniversario della morte dell'agente di P.S. Calogero Zucchetto, ucciso proditoriamente a Palermo, ove prestava servizio, da criminali mafiosi. Alla Santa Messa, celebrata nella Cattedrale da Mons. Liborio Campione, hanno assistito i familiari della vittima, il Consiglio di Sezione ANPS in abito sociale con la Bandiera, nonché numerose Autorità civili e militari, Crocerossine, Operatori della Polizia di Stato, una folta rappresentanza delle Forze Armate, i Presidenti delle Associazioni combattentistiche e d'arma con i rispettivi Soci. Il Comune di Sutera, paese natio dello Zucchetto, era rappresentato dal Sindaco e da Vigili Urbani con gonfalone. Al termine della cerimonia il Presidente ha letto la Preghiera a S. Michele, Patrono della Polizia, ed ha, a nome della famiglia dello Zucchetto e della Sezione, espresso vivo ringraziamento alle Autorità Caltanissetta - 10 novembre Celebrazione della S. Messa a suffragio del Socio Calogero Zucchetto, ucciso undici anni fa a Palermo.

15 intervenute, le quali hanno manifestato un caloroso plauso alla pregevoli affreschi del Morazzone forma di croce latina a tre navate ha Sezione e per essa al suo raffiguranti episodi della Vita della COMO Al Socio Mario Sala giungano i sentimenti del più sentito cordoglio per la scomparsa della sua cara sorella. Sentite espressioni di cordoglio alla vedova, Sig.ra Giuseppina, ai figli soci simpatizzanti Maria Grazia, Giuliana e Giorgio, per la scomparsa del loro congiunto e nostro affezionatissimo Socio Roberto Caprani, avvenuta il 23 novembre I Soci della Sezione sono vicini al dolore del collega Carmine Signoriello, per la scomparsa della sua consorte avvenuta a Como il 6 novembre Espressioni di sentito cordoglio giungano al Dott. Antonino Allegra, Prefetto (c), già dirigente la Zona Polizia Frontiera di Como, per la scomparsa della sua adorata consorte, Sig.ra Wilma. L'8 dicembre circa 150 Soci hanno voluto trascorrere una giornata assieme. L'incontro ha inizio con la partecipazione alla Santa Messa in suffragio dei Soci Defunti nella piccola e graziosa basilica di San Giorgio, una chiesa romanica consacrata nella metà dell'xi secolo, anche se le prime notizie risalgono alla fine del sec. V e si collegano alla memoria di S. Euticchio, vescovo di Como, le cui spoglie riposano da secoli in questa basilica. La chiesa Presidente, per la lodevole iniziativa. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Vergine, mentre la volta del transetto rappresentante San Giorgio che uccide il drago è opera di Gian Paolo Recchi e risale al Dalla basilica, con una passeggiata a lago che sfiora i giardini di ville famose quali la Saporiti e la Gallia, i Soci raggiungono Villa Olmo, proprietà del Comune dal 1924, cinta da una parte da un parco secolare con piante d'alto fusto e verso il lago da uno splendido giardino all'italiana, con statue e una fontana opera dello scultore milanese Oldofrani. La definizione dell'olmo deriva da un magnifico olmo, non più esistente, vicino al quale venne fatta costruire la villa (1782/97) da Innocenzo Odescalchi su progetto del valente architetto Regazzoni e poi di Simone Cantoni che corresse il progetto originale. La villa fu inaugurata nel 1797 da Napoleone Bonaparte, e ospitò negli anni successivi anche il Foscolo ed altre illustri personalità ta cui gli Imperatori d'austria Ferdinanto I e Maria Anna Carolina nel 1838 festeggiati da Metternich e Radetzky. Dopo le epiche giornate del '48, per rappresaglia contro il Marchese Raimondi che si era schierato a favore degli insorti, la villa fu trasformata in quartier generale degli austriaci. La liberazione avvenne nel 1859 da parte di Garibaldi, il quale, innamoratosi fulmineamente della Marchesa Giuseppina Raimondi, altrettanto fulmineamente la sposò e la lasciò in un clima di mistero e di accuse reciproche. Dopo il possesso da parte di Guido Visconti di Modrone (1883/1924) che effettuò il restauro, il Comune di Como acquistò dagli eredi Visconti la storica residenza che è oggi impareggiabile centro culturale al servizio della città. In questa cornice, tra la villa, i giardini ed il lago, i Soci hanno trascorso buona parte della giornata, per il pranzo sociale, per lo scambio di confidenze, di programmi futuri e gli auguri per le festività. Il Presidente della Sezione Palermo, venne ricostruita nel 1644; la facciatazyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba è barocca con disegni di dopo aver rivolto un caloroso saluto Agostino Silva; il suo interno a a tutti i convenuti, il Questore Dott. Lorenzo Cernetig e consorte, il Vice Questore Vicario Dott. Felice, la D.ssa Rosati, il Presidente della Sezione ANPS di Sondrio Bertinelli, il Dott. Roberto Turri, ha tracciato un quadro dell'attività svolta dalla Sezione che oltre alle gite sociali effettuate ha avuto per oggetto anche attività assistenziali e visite a Soci malati ed anziani nonché ricoverati in luoghi di cura. Da ricordare che nella giornata della commemorazione dei Defunti, un simbolo floreale è stato deposto a ricordo sulle tombe dei Soci scomparsi a cura della locale Questura, che agisce in materia a stretto contatto con la Sezione. La riunione si è conclusa con la consegna di alcune tessere ed attestati a nuovi Soci e con un intervento del Questore che ha rivolto un plauso all'organizzazione esprimendo nel contempo la sua piena disponibilità al sostegno dell' Associazione. CUNEO Il 13 novembre, su invito del Comandante del Distretto Militare Col. f. alp. Antonio Vizzi, il Presidente della Sezione Cav. Eugenio Mingione, il Consigliere Giuseppe Bogo e l'alfiere Salvatore Lamari, con la Bandiera, hanno partecipato alla cerimonia per la celebrazione del 123 anniversario della costituzione dei Distretti Militari. Il 23 ottobre ha avuto luogo l'annuale incontro e pranzo sociale organizzato nei minimi particolari dal Presidente Cav. Eugenio Mingione. L'allegro convivio si è svolto presso un ristorante di Entracque, a circa 20 Km. dal capoluogo. La manifestazione ha avuto inizio con la celebrazione della S. Messa presso la antica Chiesa di S. Maria. E seguito il pranzo, a cui hanno partecipato circa 120 persone fra Soci, familiari e amici: il V. Questore Capo di Gabinetto Dr. Vito Cunzolo, il Ten. Col. della Scuola A.S. della Guardia di Finanza Silvio Fossile, il Commissario Dr. Maurizio Marcucci, il Questore Dr. Natale Molon. Durante il pranzo sono state consegnate le targhe di fedeltà ai Soci ultraottantenni Sig.ri Pietro Marchi, Pietro Ghisolfi e Giovanni Ravotti. Infine è stata consegnata targa di stima e riconoscenza De Cav. una Socio primo iscritto - anno Signor Sergio Brunetti, gestore di una grande armeria in Savigliano (CN). CUNEO Su invito del Questore la Sezione con il Labaro scortato dal Presidente e da tre Consiglieri in uniforme sociale e da un folto gruppo di Soci e familiari, ha partecipato alla celebrazione della S. Messa in onore di S. Michele al Arcangelo, svoltasi il 29 settembre. Hanno partecipato il Prefetto Dott. Luigi Sialo, il Questore Dott. Natale Molon, Funzionari della Questura, il Dirigente la Sezione Polstrada Dott. Marco Andreoli ed Autorità Militari. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba * * * Il 17 novembre, per onorare degnamente la memoria dei Defunti della Polizia di Stato, il Presidente, coadiuvato dal Consiglio di Sezione ha fatto celebrare la S. Messa in suffragio dei Poliziotti della Provincia deceduti. Hanno preso parte alla cerimonia autorità civili e militari, pensionati e loro familiari, numerosissime vedove, rappresentanze della Guardia di Finanza, della Questura e della Polizia Stradale. Il 27 novembre la Sezione ANPS, su invito del Comandante del II Battaglione della Scuola A.S. della Guardia di Finanza Ten. Col. Steno Nencini, ha partecipato allo svolgimento del giuramento di fedeltà alla Repubblica degli Allievi Cuneo - 29 settembre Festa di S. Michele Arcangelo. La rappresentanza della Sez. ANPS con Bandiera che ha partecipato alla S. Messa. Sottufficiali dei contingenti ordinario e di mare del 68 corso Giovo II. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba

16 LT1 dicembre 1993 ricorreva il 1 anniversario della scomparsa della Signora Antonio Daniele, moglie del Cav. Eugenio Mingione, Presidente della Sezione ANPS di Cuneo.» Il Cav. Mingione e i familiari la ricordano sempre con immutato affetto e per onorarne la memoria hanno devoluto a sostegno di "Fiamme d'oro" un'offerta di lire I Soci della Sezione ANPS di Cuneo, la Presidenza ANPS e "Fiamme d'oro" rinnovano al Presidente Mingione e ai familiari tutta la loro più affettuosa solidarietà. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba EMPOLI Il 12 novembre, per iniziativa della Sezione ANPS, è stata celebrata presso la Chiesa della Madonna del Pozzo una S. Messa in suffragio di tutti i defunti della Polizia di Stato. Era presente una folta rappresentanza ufficiale in divisa del locale Ufficio di P.S. guidata dal Dirigente interinale Vice Questore Agg. Dott. Benito Taddei. FABRICA DI ROMA Il 27 marzo 1993, presso l'aula Magna della Scuola Media San Giovanni Bosco, la Sezione ANPS, con il Patrocinio del Comune, ha organizzato un convegno sulla Droga alla presenza di Alunni e loro Genitori, numerose Autorità locali e Provinciali, il Sindaco Geometra Giuseppe Palmegiani, il V. Prefetto Vicario di Viterbo Dr. Salerno, il Dr. Fusco della Questura di Viterbo, il Maggiore dei CC Luigi Verde del Gruppo di Viterbo, il Parroco di Fabrica di Roma Don Mario Mastrocola, il Preside della Scuola media Prof. Dr. Mariano Ghirighini. Relatori del convegno: il Sostituto Procuratore Generale presso la Procura Generale della Corte di Appello di Roma D.ssa Margherita Gerunda, il 1 Dirigente Dr. Pietro Innocenti del Servizio Centrale Antidroga del Ministero dell'interno, Don Alberto Canuzzi del C.E.I.S. di Viterbo, Medici del Set di Civita Castellana. Inoltre erano presenti il Comandante la Stazione Carabinieri M.llo Tommaso Pessolano, il Presidente la Sezione ANPS Comm. Quinto Nicola Capparucci ed il Dr. Franco Bucarelli del GR2, che ha preso la parola. i Il 2 giugno 1993 una rappresentanza della Sezione con Bandiera ha partecipato al Corteo al Monumento dei Caduti dove, nella ricorrenza della Repubblica, è stata deposta u- na Corona di alloro. Il 13 giugno, Festa del Corpus Domini, la Bandiera della Sezione ANPS ha partecipato, unitamente alle altre Associazioni, alla Processione. FAENZA Il 2 novembre, per disposizione del Questore di Ravenna, il Dirigente del locale Commissariato di Polizia di Stato, ha fatto deporre un mazzo di fiori sulle tombe dei Defunti della Polizia di Stato sepolti nel cimitero di Faenza. Alla cerimonia hanno partecipato anche il Presidente Stanzione con alcuni Soci. Il 4 novembre è stato commemorato il 75 Anniversario della "Vittoria" e la "Giornata delle Forze Armate" con una Messa celebrata nella Chiesa dei Caduti in memoria dei Caduti di tutte le guerre. Alla cerimonia hanno partecipato le Autorità locali, le Associazioni Combattentistiche e d'arma con le proprie Bandiere, fra cui la Sezione ANPS novembre nella Chiesa del Suffragio, è stata celebrata una Messa in memoria dei defunti della Polizia di Stato. Al rito, officiato da Mons. Melandri, hanno partecipato le vedove e familiari dei defunti residenti in Faenza, il Dirigente del locale Commissariato V. Questore Dirigente Dott. Giuseppe Mastrapasqua, con una rappresentanza di Agenti, il Vice Questore in quiescenza Dott. Fabio Menestrina, già dirigente del Commissariato, membri del Consiglio di Sezione con il Presidente Cav. Uff. Ciro Stanzione e numerosi Soci e familiari, nonché una rappresentanza dei sindacati di Polizia SIULP e SAP. Dal 30 novembre il Dirigente del Commissariato di Faenza, Vice Questore 1 Dirigente Dott. Giuseppe Mastrapasqua, è stato trasferito alla Questura di Ravenna ove assolverà il compito di Dirigente la zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Silvestri, Mario Massenza, il Rag. 2- Divisione. Il Dott. Mastrapasqua è stato sostituito dal Commissario Capo. Dott.ssa Rosa Anna Fortuna, già Dirigente del Commissariato di Polizia di Avezzano (L'Aquila). I componenti la Sezione ANPS di Faenza esprimono al Dottor Mastrapasqua, che fra l'altro è socio del sodalizio, un cordiale saluto e voti augurali per un abrillante carriera, mentre alla nuova Dirigente rivolgono un lieto benvenuto e si augurano una fattiva collaborazione fra i due Enti. FIDENZA Il 29 settembre, festa di S. Michele Arcangelo la Sezione ha fatto celebrare una S. Messa in suffragio dei Caduti e Deceduti della P.S. Durante il rito religioso sono stati Ietti i nomi dei Soci che sono venuti a mancare: Ponziano Treggiari, Giovanni Vaselli, Giovanni Vanore e Gennaro Passaretti. Erano presenti le vedove con i familiari, una trentina di Soci con familiari, una rappresentanza in divisa della Polfer di Fidenza ed altri cittadini. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba * * * La Sezione di Fidenza, con la partecipazione della Sezione di Parma, ha organizzato la Festa del Socio il 30 ottobre. Gradito ospite d'onore, il Questore di Parma, Dr. Ennio Gaudio, al quale è stato donato il nuovo stemma araldico in rame battuto dal Socio benemerito Signor Gianpiero Prandi; analogo stemma araldico del tipo vecchio con l'aquila, è stato donato al nuovo Socio benemerito Giovanni Acerbi di Parma. Alla festa erano presenti il Consigliere Nazionale per la Regione Emilia-Romagna, Cav. Uff. Gen. Giovanni Abbracciavento con la gentile Signora, il Cav. Carlo Di Giovanni, Soci con familiari, l'ispettore Capo Pietro Pasquetti, gli industriali Angelo Chiesa, Gianni Benito Sulati, il Dott. Pesare. FIRENZE Costanzo Il 18 novembre ha avuto luogo la cerimonia della Festa del Socio Anziano, alla quale hanno partecipato 142 Soci e loro familiari. Alle ore 11,30 presso la Basilica di Santa Maria Novella, Mons. Alberto Alberti, assistente spirituale della Polizia di Stato, ha celebrato la S. Messa in suffragio dei defunti della Polizia, alla quale hanno partecipato il Prefetto ed il Questore di Firenze, nonché diversi Funzionari della P.S. in servizio e in pensione, a **ONEzyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIH NAZIONALE DELLA POLIZIA DI Sezione di Firenze Firenze -18 novembre Festa del Socio. Le Autorità intervenute. Dopo il pranzo sono state consegnate le targhe ricordo ai soci "Anziani": Gino Ceccarelli, Pietro Giometti, Alfredo Melani, Onofrio Pardi, Benito Saragoni e Antonio Ruotolo. E stata molta apprezzata la presenza del Vice Presidente Dr. Nigro. FOLIGNO Nazionale Il 28 novembre la Sezione ha organizzato la consueta festa annuale del Sodalizio. Alle ore 11,30 il Vescovo di Foligno oltre a Funzionari della Prefettura. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Monsignor Arduino Bertoldo ha celebrato una Santa Messa alla presenza delle Autorità Civili e Militari. Erano presenti il Prefetto di Perugia Dott. Catalani, il Questore Dott. Sciaudone, il V. Dott. Pugliese Dirigente Questore Commissariato di Foligno, il V. Questore Dott. Bufalo Dirigente il Compartimento Polizia dell'umbria, il Stradale il Col; Cuccaroni Comandante il 92 Reggimento Fanteria Basilicata, il Col. Filipponi Foligno - 28 novembre Festa sociale. Un gruppo di Soci e familiari dinanzi al Santuario della Madonna del Pianto. Al centro: il Prefetto di Perugia Dott. Catalani, il Questore Dr. Sciaudone, il V. Questore Dr. Pugliese.

17 Comandante il Reparto Carabinieri della Marina, il Cap. De Luca Comandante la Compagnia Carabinieri di Foligno, il Segr. Gen. dell'anps Comm. Fiaschetti, il Dott. Radi Presidente della Cassa di Risparmio di Foligno, il Prof. Scassellati Consigliere Regionale, il Presidente della Sezione Carabinieri in cong., il Questore a riposo Dott. Di Iorio ex Dirigente del Commissariato locale, il Gen. CC. in congedo Dott. Cornacchia, moltissimi Soci, familiari ed amici. Dopo la cerimonia religiosa, gli ospiti si sono trasferiti in un noto ristorante cittadino, dove il Presidente ha ringraziato gli intervenuti consegnando a tutti gli uomini presenti una medaglia commemorativa del 25 anniversario ideila fondazione dell'anps e alle signore un omaggio floreale. Successivamente sono stati consegnati il diploma di Socio benemerito al Signor Amos Conti e medaglie d'argento e pergamene con attestati di fedeltà al sodalizio ai Soci Mario Veneruso, Fernando Mezzadri, Costantino Mazzeo, Alfredo Sartorelli, Achille Di D'Avella. Bartolomeo, Dott. Emilio Il Sindaco di Foligno Dott. Manlio Marini ha chiuso la manifestazione portando il saluto dell'amministrazione Comunale della cittadinanza e suo personale a tutti gli intervenuti. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba GORIZIA zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba GORIZIA Il 4 novembre si è svolta al Sacrario di Redipuglia la solenne e maestosa cerimonia annuale della Giornata delle Forze Armate e la celebrazione del 75 della Vittoria. anniversaeio A rappresentare il Presidente della Repubblica è intervenuto il Senatore Giovanni Spadolini, Presidente del Senato, mentre per il Governo ha partecipato il Ministro della Difesa Fabbri. Ha officiato la Messa al Campo l'ordinario Militare Mons. Marra. Imponenti formazioni delle tre Armi delle Forze Armate hanno fatto ala ai lati del grande piazzale che ospita la Tomba del Comandante della valorosa Terza Armata. Sul primo Gradone erano allineati i Medaglieri Nazionali di tutte le Associazioni combattentistiche e d'arma. Quello dell'anps è stato portato dai Soci della Sezione di Roma Comm. Guglielmo Di Fabio, che, nonostante la sua età avanzata, ogni anno, con la fierezza che lo distingue, non manca alla suggestiva cerimonia, Comm. Bargellini e Cav. Uff. Guccione. Giuseppe Salvatore Il Presidente Nazionale è stato rappresentato dal Vice Presidente della Sezione di Gorizia Cav. Torquato Belardinelli, mentre la Sezione è stata rappresentata, con la Bandiera, dai Soci Luigi Panizzi, Aurelio Gareri e Tarcisio Zoia. Con una solenne cerimonia concelebrata dal Vicario Generale dell'arcivescovo di Gorizia, Mons. Cocolin, la Sezione ANPS ha ricordato il 5 novembre, i propri Caduti e Defunti. Presenti le massime Autorità civili Gorizia -1 novembre Agenti della Questura depongono fiori sulle tombe dei colleghi defunti. Un gesto pietoso che dimostra come l'amministrazione della Polizia ricordi i suoi fedeli servitori. Gorizia - 5 novembre Celebrazione della S. Messa in suffragio dei Caduti e Defunti della Polizia di Stato. Una rappresentanza della Sez. ANPS con Bandiera, presente anche il Medagliere Nazionale. e militari tra cui il Prefetto De Matteis e il Questore Davini, nonché Associazioni Combattentistiche e d'arma con i rispettivi labari. Ha presenziato il Medagliere Nazionale dell'anps giunto da Roma per la manifestazione Redipuglia. di Molto significativa è stata la presenza in chiesa di circa sessanta alunni delle scuole elementari e medie con i loro insegnanti, ai quali il Presidente Bumbaca ed il Provveditore agli Studi hanno offerto sacchettini di dolci legati con nastrini tricolori a nome della Polizia e degli orfani dei Poliziotti Caduti. Prima della Messa il Presidente Bumbaca ha dato lettura di due toccanti messaggi pervenutigli, per la circostanza, dal Capo della Polizia Parisi e dal Presidente Nazionale del Sodalizio Gen. Zambonini. Fra le tante vedove e familiari erano anche presenti i genitori di un Caduto: l'agente Oreste Bertoneri, che nel 1986 a Pistoia, sventò una rapina pagando il suo generoso gesto con la vita. Molta commozione hanno suscitato, durante la Messa, le solenni note del Silenzio suonate da un trombettiere dell'esercito. i Il 10 novembre il Consiglio di Sezione, guidaco dal Presidente, Comm. Antonio Bumbaca, si è recato in visita dal nuovo Dott. Francesco De Matteis. Prefetto Durante l'incontro, il Presidente ha illustrato all'alto funzionario le finalità del Sodalizio e le varie attività che esso svolge. Il Prefetto si è detto lieto di apprendere che la Sezione ha messo in primo piano l'assistenza morale nei confronti delle vedove e degli orfani del personale deceduto e dei commilitoni invalidi ed infermi, che tanto bisogno hanno della soli- Gorizia - 10 novembre 1993 Dr. De Matteis (al centro). darietà dei colleghi più fortunati. Prima di accomiatarsi, il Presidente ha ricevuto dal Prefetto la assicurazione della sua massima disponibilità, e l'augurio di sempre maggiori successi della Sezione, di cui aveva già sentito parlare favorevolmente nella sua precedente sede. Il Presidente ha consegnato al Dott. De Matteis copia dello Statuto dell'anps. Il 6 dicembre 1993 è deceduto a 80 anni l'app. di P.S. Pietro Proietti. La sua scomparsa ha suscitato vasto cordoglio non solo tra il personale in congedo di Gorizia, ma anche tra la cittadinanza per la stima che aveva saputo guadagnarsi zyxwvuts - Il Consiglio di Sezione ANPS in visita al nuovo Prefetto

18 per la sua grande umanità e per il suo carattere gioviale. Pietro Proietti è stato un poliziotto perfetto che ha speso la sua vita per l'amministrazione con totale dedizione, animato da alto senso del dovere, capacità professionale e notevole spirito di corpo. Sarà ricordato con profondo rimpianto da tutti i colleghi. Hanno reso gli onori alla sua salma una rappresentanza di Soci con la Bandiera e una formazione di Agenti in uniforme della Questura. Il Presidente della Sezione Comm. Antonio Bumbaca ha espresso le condoglienze del Sodalizio alla Vedova Signora Domitilla e ai figli Giuliana e Walter. Il 18 dicembre, nella Caserma "Massarelli", ha avuto luogo il tradizionale incontro dei Soci per lo scambio degli auguri natalizi. Hanno partecipato oltre 300 persone tra personale in pensione ed in servizio e loro familiari. Presenti il Prefetto Dr. De Matteis, il Questore Dr. Davini, il Presidente della Cassa di Risparmio Dr. Tripani, funzionari della Questura e delle Specialità Frontiera e Stradale. Nel corso della cerimonia il Presidente Bumbaca ha consegnato al Prefetto il diploma-pergamena di Socio Onorario dell'anps. Il Questore Davini ha colto l'occasione per informare i presenti che lo scorso mese di novembre il Capo dello Stato ha insignito il Presidente Bumbaca dell'onorificenza di Commendatore dell'ordine "Al Merito della Repubblica Italiana", per le benemerenze acquisite sia in servizio che in pensione. Come per gli anni passati, il Presidente ed i Consiglieri della Sezione ANPS si sono recati personalmente nei luoghi di cura e nei domicili dei Soci invalidi e ammalati per portare loro pacchi-dono in segno di affetto e di augurio per le festività natalizie. La Sezione ANPS, anche quest'anno, ha pensato al personale in servizio nella notte di San Silvestro presso la Questura, i valichi di frontiera, le sedi della Polizia Stradale, Ferroviaria e Postale, al Posto fisso e al centralino telefonico della Prefettura, nonché presso il Commissariato, il distaccamento Polstrada e la Polfer di Monfalcone. Il Presidente della Sezione ed i Consiglieri hanno portato bottiglie di buon vino friulano per festeggiare l'arrivo del 1994 con un brindisi Gorizia - 18 dicembre Caserma "Massarelli". Incontro dei Soci per gli auguri natalizi. Il Presidente della Sez. ANPS Bumbaca durante il suo intervento. GORIZIA Il 10 gennaio 1994 ricorreva il primo anniversario della scomparsa del M.llo di P.S. Cav. Giacomo Ungaro, che per molti anni fu consigliere della Sezione ANPS di Trieste. Il Presidente e il Consiglio della consorella di Gorizia lo ricordano con profondo rimpianto e con immutato affetto e rinnovano alla vedova, Signora Franca, sentimenti sinceri di fraterna solidarietà. L'amico Giacomo Ungaro, aveva saputo guadagnarsi la stima e l'affetto dei Soci goriziani per il suo grande attaccamento alla Associazione, per la sua sensibilità e augurale. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba disponibilità, per le sue doti di umanità e di sincera amicizia sempre dimostrate in tutti gli incontri sociali. Questi suoi sentimenti raggiunsero il massimo apprezzamento durante il primo Raduno Interregionale organizzato, nel 1987, dalla Sezione di Gorizia tra le consorelle del Friuli-Venezia Giulia e quelle attivissime dell'umbria, quando Giacomo Ungaro, con orgoglio, portò la Bandiera della sua Sezione ad unirsi alle altre. La Signora Ungaro ha voluto far pervenire alla Sezione di Gorizia, per sostenerne le attività sociali e per onorare la memoria di suo marito, una elargizione di L Il Presidente ed il Consiglio della Sezione Isontina esprimono, commossi, sincera e profonda gratitudi- generosità e sensibilità, assicurandole Simpatizzante Signora Laura Bandiera e numerosi Soci in abito che il ricordo del caro Giacomo rimarrà sempre vivo tra gli amici Matelli, sinceri sentimenti di solidarietà e di affetto, assicurandola che sociale - ha partecipato alle relative cerimonie solenni. goriziani. la memoria del caro Romano rimarrà sempre viva. GORIZIA Il 1 febbraio 1994 ricorre il secondo anniversario della morte del Brigadiere di P.S. Marcello Bittesnich. Il Consiglio ed i Soci della Sezione ANPS lo ricordano con profondo rimpianto ed immutato affetto e rinnovano alla vedova, Signora Iolanda Visintini e ai figli Ornella e Umberto, i sentimenti di sincera solidarietà. Per onorare la memoria del marito, la Signora Bittesnich ha versato L a sostegno delle attività della Sezione di Gorizia, alla quale si sente molto legata. Nelle frequenti visite che riceve da parte del Presidente della Sezione, la Signora Iolanda ha sempre manifestato, insieme ai suoi figli, soddisfazione per il conforto che il Sodalizio rappresenta per loro. Il 2 marzo 1994 ricorre il quinto anniversario della morte dell'ass. C. Romano Sfiligoi. Il tempo non ha sbiadito il vivo ricordo del caro collega Sfiligoi tra i Soci della Sezione di Gorizia, che lo rammentano con profondo rimpianto. Il Consiglio di Sezione ed i Soci tutti rinnovano alla vedova, Socia IMOLA ne alla Signora Ungaro per la sua zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba La Sezione ANPS, invitata dalla locale Sezione Associativa del Fante, ha partecipato con la propria Bandiera e numerosi Soci in abito sociale alla celebrazione del 5 anniversario della fondazione della Sezione Associativa del Fante in Imola, svoltasi il 28 novembre. Dopo la celebrazione di una Santa Messa solenne, officiata dall'ispettore Cappellano Militare della Marina Militare Don Gino Monti di Imola e dalla M.O. al V.M. Cappellano Don Franzoni di San Giovanni in Persiceto (BO), in La Signora Matelli, per onorare la memoria del marito, ha offerto una elargizione a sostegno delle attività memoria e suffragio di tutti i Caduti in guerra, sono state deposte delle corone d'alloro ai piedi dei monu- sociali della Sezione. Il menti ai Caduti imolesi. Consiglio la ringrazia per la sua generosità e sensibilità. In occasione delle festività congiunte delle Forze Armate e dell'unità Nazionale nel 75 anniversario della Vittoria, nonché per la Commemorazione dei Defunti, la Sezione ANPS - con la propria IVREA Il 3 ottobre, nei locali del Commissariato Polizia di Stato di Ivrea, è stata celebrata la S. Messa in ricordo dei Defunti della Sezione ANPS. Sono intervenuti, fra gli altri, il V. Questore Dr. Maurizio Celia e i familiari dei defunti. Imola - 28 novembre Anniversario Fondazione della Sezione del Fante. Una rappresentanza della Sez. ANPS con Bandiera.

19 LA SPEZIA zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Il 23 ottobre, è stata celebrata una Santa Messa in suffragio dei Caduti della Polizia di Stato e dei Soci e familiari deceduti, officiata da Don Renzo Cortese, nel salone delle Associazioni d'arma. Alle ore 13 in un noto ristorante cittadino, è stato consumato il pranzo sociale, a cui hanno partecipato 53 persone tra Soci e familiari. Ospiti d'onore il Prefetto Dott. Nicola Rasola e i Vice Questori Aggiunti Dr. Gianni Triolo e Dr. Vincenzo Rosso. Il Prefetto, nel ringraziare dell'invito e nel porgere il suo caloroso saluto ai commensali, ha asserito di essere molto lieto di trovarsi tra i Soci ANPS, augurandosi di rinnovare il lieto incontro e poi rivolgendosi al Presidente, ha ribadito di approvare tutte le iniziative della Sezione, compresa la richiesta fatta a suo tempo al Questore, relativa all'assegnazione di un salubre locale, per il trasferimento della Sezione presso la nuova Questura. Il 24 ottobre, su invito del Presidente della Sezione ANPS di Viareggio, una folta rappresentanza della Sezione spezzina, con Bandiera, guidata dal Presidente, ha partecipato alla cerimonia commemorativa del 18 Anniversario della Strage di Querceta, in cui persero la vita i colleghi Giuseppe Lombardi, Gianni Mussi e Armando Femiano; quest'ultimo della Squadra Mobile della Questura di La Spezia. Dopo la Santa Messa un corteo, composto dal Gonfalone del Comune di Viareggio e dalle Bandiere e Labari delle Sezioni ANPS, nonché dalla Bandiera dell'associazione Carabinieri di Viareggio, si è recato a deporre delle corone al Monumento ai Caduti. La Sezione, su invito del Comando in Capo del Dipartimento M.M. dell'alto Tirreno, ha partecipato, con una rappresentanza e la Bandiera, alla celebrazione della Santa Messa, in suffragio dei Defunti, officiata dal Vescovo Mons. Giulio Sanguineti nella Cappella del Cimitero Urbano, presenti le Maggiori Autorità civili, militari e religiose. Al termine le Autorità si sono recate alla monumentale "Lampada della Fraternità" sul cui sagrato il Prefetto, l'ammiraglio, i Commissari Prefettizi del Comune e della Provincia di La Spezia hanno deposto le rispettive corone di alloro. Nella ricorrenza, a cura della Questura, è stato deposto un mazzo di fiori "con nastro tricolore", sulla tomba dei defunti della Polizia. Su invito del Comando in Capo del Dipartimento Militare Marittimo dell'alto Tirreno, il 4 novembre 1993, la Sezione ha partecipato, con una folta rappresentanza con bandiera guidata dal Presidente, alla cerimonia celebrativa della "Festa dell'unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate". L'Ammiraglio di Squadra Gianfranco Ginesi, Comandante in Capo del Dipartimento Militare Marittimo dell'alto Tirreno, ha fatto l'allocuzione commemorativa della ricorrenza. Al termine sono state deposte corone di alloro al Monumento ai Caduti di tutte le Guerre. Dopo la lettura dei messaggi è stato osservato un minuto di raccoglimento in onore dei Caduti per la Patria. Contemporaneamente una tromba suonava le note del Silenzio; la Batteria di Santa Maria e alcune Unità Navali in rada sparavano salve di cannone. Il 4 dicembre 1993, su invito del Dipartimento Militare Marittimo, una rappresentanza della Sezione, con la Bandiera, guidata dal Presidente, ha partecipato alla celebrazione annuale della Festività di Santa Barbara. La Santa Messa è stata officiata dal Vescovo Diocesano Mons. Giulio Sanguineti. Erano presenti il Comandante in Capo del Dipartimento Militare Marittimo Ammiraglio di Squadra Gianfranco Ginesi, l'on.le Luigi Grillo, Sottosegretario di Stato, e altre Autorità civili e militari. LIVORNO Il 30 ottobre, nella Chiesa Cattedrale, è stata celebrata, per iniziativa della Sezione ANPS, una S. Messa alla memoria dei Giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, del personale * * * della Polizia di Stato facente parte della loro scorta, ed in suffragio Il 28 novembre, su invito del di tutti i Caduti nell'adempimen- Presidente dell'associazione Alpini to del loro dovere o defunti per altre di Lugo, la Sezione ANPS, rappresentata cause, appartenenti all'amministrazione dal Vicepresidente Cafarella della Giustizia, all'arma dei Carabinieri, alla Guardia di Finanza, alla Polizia di Stato, agli Agenti di e dal Segretario Riccitelli, ha partecipato con Bandiera alla Santa Messa a ricordo di tutti gli Alpini Custodia, alla Guardia Forestale, al deceduti ed al successivo rinfresco Corpo dei W.UU. e dei Vigili del Fuoco, questi ultimi. Caduti nelle recenti tenutosi presso la Sede della loro Sezione. azioni terroristiche. Alla Cerimonia hanno presenziato il Prefetto Dr. Vincenzo Pellegrini, il Questore, Dr. Nicola Piantone, Il 5 dicembre, su invito del il Procuratore della Repubblica, Dr. Antonio Costanzo, il Procuratore presso la locale Pretura, il Dirigente Presidente dell'associazione Marinai di Lugo, la Sezione ANPS rappresentata dal Consigliere Sgroi, ha della Pretura, Dr. C. De Pasquale, i partecipato al pranzo sociale per Comandanti dell'arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, una festeggiare Santa Barbara. rappresentanza di Soci della Sezione, numerosi cittadini. L'8 dicembre l'associazione LUGO Il 19 settembre la Sezione ANPS, rappresentata dal Presidente Sardella, ha partecipato al pranzo sociale per il 65 anniversario della fondazione della Sezione ANFI di Aeronautica di Lugo, per festeggiare la Madonna di Loreto, ha organizzato il pranzo sociale presso il ristorante dell'aeroporto di Villa S. Martino. La Sezione ANPS è stata rappresentata dal Presidente Sardella. Lugo. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Lugo -19 settembre Anniversario della Fondazione della Sezione A.N.F.I. Da sinistra: il Comandante della Polstrada di Lugo Sovr. Tani, il V. Pres. Naz. dell ANFI Medaglia d'oro al V.M. Gen. De Ianni, il Pres. della Sez. ANPS Sardella. Il 12 dicembre, su invito del Sindaco Maurizio Roi la Sezione AN- PS, rappresentata dal Consigliere Pedone e dal Socio Fontana, ha partecipato con Bandiera alla commemorazione dei deportati ebrei lughesi della seconda guerra mondiale. Alla cerimonia hanno partecipato Autorità civili e militari del comprensorio, Ines Miriam Marach, studiosa e rappresentante della comunità ebraica lughese nonché Luciano caro, rabbino della comunità e- braica di Ferrara. MACERATA Il 10 novembre, nella Chiesa dell'immacolata, è stata celebrata una S. Messa in suffragio dei Defunti della Polizia, in particolare di quelli caduti nell'adempimento del proprio dovere. Oltre alle vedove e a numerosi Soci, ad una rappresentanza di A- genti in uniforme, alla funzione hanno assistito il nuovo Prefetto di Macerata, Dr. Pietro Ciacco, ed il Vice Questore Vicario, Dr. Giacomo E- sposito. MATERA Il 29 novembre, nella Chiesa dell'immacolata, Antonio Ciliberti, Arcivescovo di Matera, ha celebrato, a cura della Sezione ANPS, una Messa in suffragio dei Caduti e Defunti della Polizia di Stato. Sono intervenuti il Dott. Defilippis in rappresentanza del Prefetto, il Vice Questore Vicario Dott. D'Orsi, il Ten. Col. Monaco Comandante della locale Sezione Polizia Stradale, funzionari della Questura, rappresentanti di Associazioni d'arma e dei sindacati di Polizia, un folto gruppo di Soci e familiari dei defunti. Durante la S. Messa è stata letta la preghiera di S. Michele Arcangelo. Al termine le vedove hanno ringraziato la Sezione per la lodevole i- niziativa. zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxw

20 MILANO zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba nel campo della sicurezza. Il 29 settembre il Gruppo Bandiera ed una numerosa rappresentanza della Sezione ANPS in abito sociale, ha partecipato alla Santa Messa nella Basilica di Sant'Ambrogio, in occasione della cerimonia celebrativa della Festa di San Michele Arcangelo, della Polizia di Stato. Patrono Hanno presenziato alla S. Messa, officiata dall'abate della Basilica e da Monsignor Puricelli, Cappellano della Polizia di Stato, il Prefetto, il Questore, Ufficiali dell'arma dei Carabinieri, Funzionari della Polizia. Il 4 ottobre il Gruppo Bandiera ha partecipato a Busto Arsizio (VA) alla cerimonia per lo scoprimento nella Cattedrale di una statua di San Michele Arcangelo. Erano presenti il Prefetto, il Questore di Varese, il Commissario Prefettizio del Comune di Busto Arsizio. L'8 ottobre è deceduto a Milano, in seguito ad incidente stradale, il Questore in pensione Vincenzo Casserà, di anni 71, ex Dirigente della Polizia di Frontiera degli aeroporti di Linate e Malpensa, Socio ANPS. Il Dr. Casserà, di origini palermitane, era rimasto in Polizia fino al 1973, anno in cui aveva deciso di andare a riorganizzare e dirigere una società elettronica specializzata Ritiratosi definitivamente dalla professione, era stato nominato presidente del Centro Internazionale di ricerca per l'autosufficienza degli handicappati. Per i meriti acquisiti in campo nazionale ed internazionale e per l'onestà e correttezza il Capo dello Stato in forma privata ha partecipato al rito funebre. * * Milano - 24 ottobre 1993 Il 24 ottobre, organizzata dalla Sezione ANPS è stata celebrata nel Duomo di Milano la tradizionale Santa Messa a ricordo dei caduti della Polizia di Stato e dei Soci defunti. La cerimonia, presente il Prefetto Dr. Giacomo Rossano, Procuratore Generale della Repubblica il Giulio Catellani, il Questore Dottor Achille Serra e numerose Autorità civili e militari, ha assunto particolare solennità per la presenza numerosa dei familiari e dei Soci della Sezione e delle rappresentanze dei Reparti di Polizia di stanza a Milano. Significativa anche la partecipazione della rappresentanza dei Cavalieri dell'ordine di Malta e dei cavalieri del Santo Sepolcro, con le rispettive caratteristiche divise. Facevano cornice all'altare, oltre alle Bandiere delle Associazioni d'arma della sede, un reparto di formazione comprendente dipendenti della Polizia di Stato in divisa e Soci, con bandiere della Sezione e dei Gruppi, in abito sociale. Il coro della Parrocchia Romano", Quartiere "San Gallaratese, composto da oltre 40 elementi, ha aggiunto maggiore interesse e solennità alla cerimonia. Presente anche il Cappellano della Polizia Monsignor Emilio - Celebrazione della S. Messa a ricordo dei Caduti della Polizia e dei Soci Defunti. Fanno cornice all'altare agenti di un reparto di formazione della Polizia di Stato. Puricelli, che ha concelebrato la Santa Messa unitamente a Monsignor Maio, Parroco del Duomo. MILANO Il 4 dicembre ha avuto luogo presso un Ristorante nella Fiera Campionaria di Milano, il pranzo di Fine Anno, per il tradizionale scambio di auguri. La manifestazione si è svolta in un accogliente salone, addobbato con bandiere tricolori e drappi della Polizia di Stato. La felice organizzazione è stata il frutto dell'impegno e della laboriosità della "Squadra Logistica" composta dai Consiglieri: Abbo Ricciardi, Silvio D'Aloiso, Salvatore Filoni, Elio Scopigno e dal Sindaco Costantino Cattoni. Luigi De Gobbi, Lorenzo Condello, zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba Il Prefetto Dr. Rossano il Que- La riunione ha visto la partecipazione di 320 Soci e familiari, presenti il Prefetto Giuseppe Vinci, Dirigente l'ufficio Ispettivo, il Prefetto di Milano Dr. Giacomo Rossano, il Questore Dr. Achille Serra, il Dirigente Superiore Domenico Mazzilli, Monsignor Alberto Rozzoni dell'arcivescovado di Milano, Monsignor Emilio Puricelli, Cappellano delle Forze di Polizia di Milano ed i Dirigenti dei Reparti Autonomi e delle Specialità della Polizia di Stato. Tra i Soci, significativa la presenza dei Prefetti Sciaraffia, Pirella, Cappelli, dei Questori Allegra, Vilmant, D'Ambrosio, del Dottor Pranzo e dei Generali Di Mauro, Stroscio, Di Masi. Presenti anche i Consiglieri Nazionali dell'associazione: Gen. Dr. Pantaleo Cialdini, Dr. Raffaele Milite, Ispettore delle 2zyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA - Zona "Lombardia" e dell'ispettore della P.S. Dante Corradini. L'impegnativo cerimoniale è stato predisposto e curato con minuziosa precisione del Generale Pantaleo Cialdini. Sono state offerte ai Prefetti Dr. Vinci e Dr. Rossano ed al Questore Dr. Serra medaglie ricordo del 25 anniversario della fondazione dell'associazione Nazionale della Polizia di Stato. Milano - 4 dicembre Pranzo sociale. Il tavolo della Presidenza al brindisi di aper- tura. store nelle rispettive risposte hanno confermato e manifestato la loro ammirazione e simpatia per l'associazione. MONTECATINI TERME Il 19 dicembre la Sezione ha celebrato la "Festa del Socio". Presso la chiesa di S. Antonio è stata celebrata la S. Messa in suffragio dei Caduti della Polizia e dei Soci scomparsi. Successivamente i Soci con i loro familiari si sono ritrovati presso un ristorante per il tradizionale pranzo sociale. Erano presenti il Prefetto di Pistoia Dott. Ferdinando Caruso, il Dirigente il Commissariato di P.S. di Montecatini Terme Dott. Giuseppe Picariello, il Presidente della Cassa Artigiana della Valdinievole Prof. Loreno Giovannelli, il Dott. Luciano Bonaccorsi dello stesso Istituto di Credito, entrambi Soci benemeriti, il Prof. Mario Bagnoli, preside del Liceo Scientifico di Montecatini Terme e tantissimi Soci. Nella circostanza, sono stati consegnati attestati di Socio Benemerito alla Signora Rosa Figura e ai Sigg. Giuseppe Amabile e Ruggero Cecchi. Al Prefetto è stata consegnata una medaglia ricordo del 25 anno della fondazione dell'associazione Nazionale della Polizia di Stato, offerta dalla Presidenza PADOVA Nazionale. L'8 dicembre 1993, festa dell'immacolata Concezione, nella sala dei congressi di un Hotel di Padova, in un clima di grande festività ed aggregazione, si è svolto il pranzo sociale, per il consueto scambio degli auguri. Vi hanno partecipato il Prefetto, Dr. Gaetano Santoro, il Questore Dr. Giuseppe Grassi; il Comandante Montecatini Terme -19 dicembre Festa del Socio. Una rappresentanza della Sez. ANPS con Bandiera assiste alla S. Messa.

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di VERBALE DELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 20 APRILE 2012 Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di Spoleto Spa in via

Dettagli

Storie di Donne e Uomini del Ministero dell Interno

Storie di Donne e Uomini del Ministero dell Interno E in preparazione per il mese di febbraio 2015 un convegno sul tema: Storie di Donne e Uomini del Ministero dell Interno. Graditi suggerimenti e partecipazione Convegno sul tema: Storie di Donne e Uomini

Dettagli

TRA LA G~NT. del Ministro degli Interni e del Capo della Polizia. di Giuliano Pasqualotto

TRA LA G~NT. del Ministro degli Interni e del Capo della Polizia. di Giuliano Pasqualotto FESTA POLZA TRA LA G~NT L L 143moanniversario di fondazione della Polizia di Stato celebrato presso la Scuola Allievi Agenti di Roma, lo scorso 19 maggio alla presenza del Capo dello Stato Oscar Luigi

Dettagli

Newsletter N. 6/2014

Newsletter N. 6/2014 Consiglio Regionale Lazio Newsletter N. 6/2014 Cari amici, siamo giunti alla fine del primo semestre, arrivano le vacanze e con esse la stagione ideale per rilassarci: al mare, in montagna, in campagna

Dettagli

STATUTO Modificato con delibera del Commissario Straordinario ONA n.30 del 8 ottobre 2014

STATUTO Modificato con delibera del Commissario Straordinario ONA n.30 del 8 ottobre 2014 STATUTO Modificato con delibera del Commissario Straordinario ONA n.30 del 8 ottobre 2014 TITOLO I SEDE - SCOPI- PATRIMONIO - MEZZI FINANZIARI Art. 1 L'Opera Nazionale di Assistenza per il personale del

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE LATERANENSE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE LATERANENSE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE LATERANENSE ARTICOLO 1 Denominazione È costituita una associazione tra allievi ed ex allievi, docenti, personale addetto e sostenitori della Pontificia Università

Dettagli

COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di Lodi OGGETTO: INTITOLAZIONE DELL AMBULATORIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di Lodi OGGETTO: INTITOLAZIONE DELL AMBULATORIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di Lodi COPIA Prot.N. G.C. n. 74 DEL 17.08.2010 OGGETTO: INTITOLAZIONE DELL AMBULATORIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE L'anno DUEMILADIECI il giorno

Dettagli

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune.

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. Città di Nardò Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. - 1 - Capo I CONTENUTO DEL REGOLAMENTO Art.1

Dettagli

Rotaract Club Bologna

Rotaract Club Bologna B O L L E T T I N O Rotaract Club Bologna distretto 2072 Emilia Romagna Repubblica di S. Marino N O V E M B R E ' 1 4 AI SOCI E AMICI DEL ROTARACT CLUB BOLOGNA E PER CONOSCENZA al Presidente del Rotary

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE "ARCOBALENO ONLUS" (settembre 2000)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ARCOBALENO ONLUS (settembre 2000) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE "ARCOBALENO ONLUS" (settembre 2000) Articolo 1 Costituzione 1 - È costituita, con sede in Erba (Co) Via Turati 2/b, l'associazione denominata "ARCOBALENO" Organizzazione non lucrativa

Dettagli

ONORIFICENZE. Diploma di CAVALIERE al Primo Maresciallo del Corpo delle Capitanerie di Porto sig.

ONORIFICENZE. Diploma di CAVALIERE al Primo Maresciallo del Corpo delle Capitanerie di Porto sig. ONORIFICENZE Diploma di CAVALIERE al dottor Carmine CARBONE residente a BATTIPAGLIA Ingegnere industriale, con esperienza pluriennale nei diversi contesti lavorativi. Attivamente impegnato nel sociale,

Dettagli

ATTO DI REPERTORIO 11.987 5.983 (allegati A e B) STATUTO. Art. 1 Costituzione

ATTO DI REPERTORIO 11.987 5.983 (allegati A e B) STATUTO. Art. 1 Costituzione ATTO DI REPERTORIO 11.987 5.983 (allegati A e B) STATUTO Art. 1 Costituzione 1.1. E costituita, ai sensi degli art. 36 ss. del Codice Civile e del Decreto Legislativo 4 dicembre 1977, n. 460, l associazione

Dettagli

Mobilità del personale, i paletti del SAP

Mobilità del personale, i paletti del SAP 49 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev.

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev. CARTA DEI SERVIZI Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA Data aggiornamento: sett 2014 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre

Dettagli

STATUTO. E' costituita l'associazione di volontariato denominata "AMICI. Essa ha sede in Siracusa, piazza Cappuccini n.

STATUTO. E' costituita l'associazione di volontariato denominata AMICI. Essa ha sede in Siracusa, piazza Cappuccini n. STATUTO Art. 1) Denominazione, sede e durata E' costituita l'associazione di volontariato denominata "AMICI DI FRANCESCO E CHIARA". Essa ha sede in Siracusa, piazza Cappuccini n. 2, presso il Convento

Dettagli

Repertorio n. 57883 Raccolta n. 15152 ATTO CONSTITUTIVO DI ONLUS REPUBBLICA ITALIANA. Articolo 1

Repertorio n. 57883 Raccolta n. 15152 ATTO CONSTITUTIVO DI ONLUS REPUBBLICA ITALIANA. Articolo 1 Repertorio n. 57883 Raccolta n. 15152 ATTO CONSTITUTIVO DI ONLUS REPUBBLICA ITALIANA Il venti aprile duemilasei. In Roma via Dora n. 1. Avanti a me Silvio Garroni, notaio in Anzio, con studio in via Breschi

Dettagli

Comune di Priolo Gargallo Corpo di Polizia Municipale

Comune di Priolo Gargallo Corpo di Polizia Municipale Alcune regole per evitare incidenti con i cani Calendario Storico 2015 L a ricorrenza dell ormai tradizionale calendario storico della Polizia Municipale è occasione preziosa per riflessioni meditate ed

Dettagli

Alcuni esempi di lettere

Alcuni esempi di lettere Alcuni esempi di lettere (si riporta soltanto l inizio e la fine della lettera) 1. Ad una sorella Gent.ma Signorina Anna Bianchi Via Arno, 7 50100 Firenze Anna carissima, ho ricevuto con molto ritardo

Dettagli

ASSOCIAZIONE IL PASTO NUDO STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPI - DURATA. Articolo 1 Denominazione, sede e durata

ASSOCIAZIONE IL PASTO NUDO STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPI - DURATA. Articolo 1 Denominazione, sede e durata ASSOCIAZIONE IL PASTO NUDO STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPI - DURATA Articolo 1 Denominazione, sede e durata E' costituita una Associazione culturale denominata "Il pasto nudo". L'associazione

Dettagli

IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME

IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME Per non dimenticare il luminoso esempio offerto dal Maresciallo Sebastiano D Immè che 15 anni fa, ha immolato se stesso sull altare del dovere. Locate Varesino (CO) 6 luglio

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE NON RICONOSCIUTA. Articolo 1 costituzione e sede

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE NON RICONOSCIUTA. Articolo 1 costituzione e sede ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE NON RICONOSCIUTA Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge si conviene e si stipula quanto segue: E costituita fra i signori:

Dettagli

Articolo 1 E' costituita, con durata illimitata, la Società Italiana di Patologia e Medicina Orale (S.I.P.M.O.).

Articolo 1 E' costituita, con durata illimitata, la Società Italiana di Patologia e Medicina Orale (S.I.P.M.O.). NUOVO STATUTO SIPMO SOCIETA ITALIANA DI PATOLOGIA E MEDICINA ORALE I. Denominazione, scopi, sede e durata Articolo 1 E' costituita, con durata illimitata, la Società Italiana di Patologia e Medicina Orale

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO CASTELNUOVO DI PORTO

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO CASTELNUOVO DI PORTO STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO CASTELNUOVO DI PORTO Capo 1 - COSTITUZIONE E SCOPI Articolo 1 Nel Comune di Castelnuovo di Porto è costituita l'associazione di Volontariato denominata "Associazione

Dettagli

29 Settembre 2012 Barcellona Pozzo di Gotto cerimonia gemellaggio tra le sezioni ANC di Gerace, Ribera, Trecastagni e Viagrande PROGRAMMA

29 Settembre 2012 Barcellona Pozzo di Gotto cerimonia gemellaggio tra le sezioni ANC di Gerace, Ribera, Trecastagni e Viagrande PROGRAMMA 29 Settembre 2012 Barcellona Pozzo di Gotto cerimonia gemellaggio tra le sezioni ANC di Gerace, Ribera, Trecastagni e Viagrande PROGRAMMA http://www.nuovosoldo.it/2012/10/07/barcellona-pozzo-di-gotto-27-anniversario-delcarabiniere-pantaleo-la-spada-mario-gemellaggio-tra-sezioni-a-n-c/

Dettagli

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81 COPIA COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81 OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SOMMARIVA PERNO, LA ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI-SEZIONE

Dettagli

Decisioni ordinarie del Presidente dell'assemblea legislativa IX Legislatura Anno 2015

Decisioni ordinarie del Presidente dell'assemblea legislativa IX Legislatura Anno 2015 Decisioni ordinarie del Presidente dell'assemblea legislativa IX Legislatura Anno 2015 N. DATA OGGETTO 25 22/06/2015 Concessione del patrocinio gratuito e utilizzo del logo dell'assemblea legislativa -

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Casa di Riposo «Perego Pinzio Lavagetto» Via Roma, 20 Carpignano Sesia (NO) Data aggiornamento: nov 2013 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Casa di Riposo «Perego Pinzio Lavagetto» Via Roma, 20 Carpignano Sesia (NO) Data aggiornamento: nov 2013 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Casa di Riposo «Perego Pinzio Lavagetto» Via Roma, 20 Carpignano Sesia (NO) Data aggiornamento: nov 2013 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA La Casa di Riposo «Perego Pinzio Lavagetto» fu realizzata

Dettagli

ART. 1 Costituzione. ART. 2 Sede. ART. 3 Carattere dell'associazione. ART. 4 Durata dell'associazione. ART. 5 Scopi dell'associazione

ART. 1 Costituzione. ART. 2 Sede. ART. 3 Carattere dell'associazione. ART. 4 Durata dell'associazione. ART. 5 Scopi dell'associazione ART. 1 Costituzione E' costituita l'associazione denominata ASSOCIAZIONE SAMMARINESE PER L'INFORMATICA, brevemente ASI, essa è retta dal presente statuto e dalle vigenti norme di legge in materia. L Associazione

Dettagli

COSTITUZIONE DURATA FINALITA'

COSTITUZIONE DURATA FINALITA' COSTITUZIONE ARTICOLO 1 a) L'Associazione Nazionale Cacciatori delle Alpi" è costituita nell'anno 2004 con sede a Cividale del Friuli (UD) -dove il 52 Fanteria ALPI ha prestato servizio dal 1964 al 1993

Dettagli

GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1

GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1 GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1 1.1 E costituita la Società GNL Italia S.p.A.. La denominazione può essere scritta in qualsiasi

Dettagli

3. Durata dell associazione. La durata dell'associazione è illimitata.

3. Durata dell associazione. La durata dell'associazione è illimitata. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE CUBANORDEST 1. Costituzione e Sede. E costituita l'associazione Culturale denominata Cubanordest, con sede a Padova. L indirizzo della sede sociale è quello risultante

Dettagli

Per il terremoto del Friuli

Per il terremoto del Friuli Per il terremoto del Friuli Il Santo Padre, nella dolorosa circostanza della catastrofe che la sera del 6 maggio c.a. ha colpito la regione friulana, ha espresso la sua profonda paterna partecipazione

Dettagli

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946.

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse. Capo I - Degli Ordini e dei Collegi Provinciali

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Residenza per anziani «Sentiero d Argento»

CARTA DEI SERVIZI Residenza per anziani «Sentiero d Argento» CARTA DEI SERVIZI Residenza per anziani «Sentiero d Argento» Via Cerano, 5 Sozzago (NO) Data aggiornamento: nov 2013 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA La Residenza «Sentiero d Argento» nasce nel novembre del 2002

Dettagli

A.D. Scuola Pallavolo Enrico Bazan

A.D. Scuola Pallavolo Enrico Bazan SCUOLA PALLA VOLO ENRICO BAZAN STATUTO Art.1 Denominazione e sede sociale a) L Associazione sportiva non riconosciuta denominata con sede sociale in Milano (Mi), con sede amministrativa, in via Matteotti

Dettagli

Statuto dell Associazione CA FOSCARI ALUMNI 28/10/2011

Statuto dell Associazione CA FOSCARI ALUMNI 28/10/2011 Statuto dell Associazione CA FOSCARI ALUMNI 28/10/2011 ART. 1. COSTITUZIONE E costituita, ai sensi dell art. 36 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata: CA FOSCARI ALUMNI L Associazione

Dettagli

MANUALE per le BENEMERITE

MANUALE per le BENEMERITE Associazione Nazionale Carabinieri Sezione Di Rimini MANUALE per le BENEMERITE Gennaio 2009 47921 Rimini Via Giacomo Matteotti, 28/B Tel. 0541781666 asnaca.rimini@alice.it www.ancrimini.com PREMESSA Nell

Dettagli

ASSOCIAZIONE LIBERA CITTADINANZA - ONLUS Via Ippolito Nievo, n. 61-00153 Roma ***** Statuto

ASSOCIAZIONE LIBERA CITTADINANZA - ONLUS Via Ippolito Nievo, n. 61-00153 Roma ***** Statuto ASSOCIAZIONE LIBERA CITTADINANZA - ONLUS Via Ippolito Nievo, n. 61-00153 Roma ***** Statuto TITOLO I - DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE Articolo 1 - Denominazione - 1.1 - L associazione

Dettagli

COMUNE DI PIEDIMDNTE ETNED

COMUNE DI PIEDIMDNTE ETNED COMUNE DI PIEDIMDNTE ETNED PROVINCIA DI CATANIA DELIBERAZIONE N. 47 DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE OGGETTO: UNIVERSALITÀ' DEI DIRITTI UMANI PER LA TRANZIONE VERSO LO STATO DI DIRITTO E IL DIRITTO ALLA

Dettagli

D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233

D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233 D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233 RICOSTITUZIONE DEGLI ORDINI DELLE PROFESSIONI SANITARIE E PER LA DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI STESSE. CAPO I - DEGLI ORDINI E DEI COLLEGI PROVINCIALI

Dettagli

STATUTO. SEDE Art. 2 - L'Associazione ha sede in Milano presso la Fondazione IRCCS di natura pubblica Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico.

STATUTO. SEDE Art. 2 - L'Associazione ha sede in Milano presso la Fondazione IRCCS di natura pubblica Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico. STATUTO DENOMINAZIONE Art. 1 - E' costituita un Associazione, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile, denominata Associazione Amici del Policlinico e della Mangiagalli Donatori di Sangue

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Denominazione, sede e durata. L'attività dell'associazione e i rapporti fra gli associati sono regolati dalle

STATUTO. Art. 1 Denominazione, sede e durata. L'attività dell'associazione e i rapporti fra gli associati sono regolati dalle STATUTO Art. 1 Denominazione, sede e durata E' costituita l'associazione denominata "FERMI TUTTI ONLUS". L'attività dell'associazione e i rapporti fra gli associati sono regolati dalle norme del presente

Dettagli

STATUTO TIPO PER UNA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA' SOCIALE (ONLUS) AVENTE LA FORMA GIURIDICA DI ASSOCIAZIONE. Art.

STATUTO TIPO PER UNA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA' SOCIALE (ONLUS) AVENTE LA FORMA GIURIDICA DI ASSOCIAZIONE. Art. STATUTO TIPO PER UNA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA' SOCIALE (ONLUS) AVENTE LA FORMA GIURIDICA DI ASSOCIAZIONE Art.1 Costituzione 1. E' costituita con sede in..., via.. l'associazione denominata...

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FESTA DELLA MUSICA - BRESCIA VIA Zamboni 107 <> 25126 - BRESCIA. Articolo 1 - DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FESTA DELLA MUSICA - BRESCIA VIA Zamboni 107 <> 25126 - BRESCIA. Articolo 1 - DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FESTA DELLA MUSICA - BRESCIA VIA Zamboni 107 25126 - BRESCIA Articolo 1 - DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA E costituita, ai sensi delle legge 383/00, l'associazione culturale

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE PROMOZIONE CULTURALE E SOCIALE, DI ASSISTENZA E BENEFICENZA "C. I. M. P. CAP." DI ROMA.

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE PROMOZIONE CULTURALE E SOCIALE, DI ASSISTENZA E BENEFICENZA C. I. M. P. CAP. DI ROMA. STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE PROMOZIONE CULTURALE E SOCIALE, DI ASSISTENZA E BENEFICENZA "C. I. M. P. CAP." DI ROMA. Denominazione - Sede - Scopo - Durata Art. 1 Patrocinata dal Consiglio di Presidenza della

Dettagli

Statuto dell'associazione Ma Hidden Kitchen Supper Club

Statuto dell'associazione Ma Hidden Kitchen Supper Club Statuto dell'associazione Ma Hidden Kitchen Supper Club Art. 1 - Denominazione E' costituita l'associazione culturale senza scopo di lucro denominata MA HIDDEN KITCHEN Supper Club. Essa è retta dal presente

Dettagli

Le 35 candeline del Corpo Volontari del Parco del Ticino

Le 35 candeline del Corpo Volontari del Parco del Ticino Le 35 candeline del Corpo Volontari del Parco del Ticino ANNIVERSARI Domenica 15 giugno, a Magenta (MI), si è svolta la cerimonia celebrativa del 35 Anniversario del Corpo Volontari del Parco del Ticino.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE PRAXIS. Art. 1 Costituzione

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE PRAXIS. Art. 1 Costituzione STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE PRAXIS Art. 1 Costituzione 1. E' costituita l'associazione di promozione sociale denominata PRAXIS, di seguito detta associazione. Art. 2 Sede 1. L Associazione

Dettagli

ART.1 Costituzione. ART.2 Attività

ART.1 Costituzione. ART.2 Attività STATUTO PER L'ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA' SOCIALE ( ONLUS ) " ASSOCIAZIONE DASSI BIANCA MARIA - PROGETTO BOLIVIA FRIULI VENETO "' AVENTE LA FORMA GIURIDICA DI ASSOCIAZIONE ART.1 Costituzione

Dettagli

COMUNE DI ALEZIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA. Provincia di LECCE

COMUNE DI ALEZIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA. Provincia di LECCE COMUNE DI ALEZIO Provincia di LECCE COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 85 Del 30/07/2014 OGGETTO: L.R. n. 5 del 22 maggio 2005. Festa dei Santi Patroni. Determinazioni. L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

VERBALE DELL'ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI RISPARMIO DEL 16 APRILE 2003 (16/04/2003)

VERBALE DELL'ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI RISPARMIO DEL 16 APRILE 2003 (16/04/2003) Repertorio N. 19801 Raccolta N. 8741 VERBALE DELL'ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI RISPARMIO SMI - SOCIETA' METALLURGICA ITALIANA S.P.A. DEL 16 APRILE 2003 REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilatre, questo dì

Dettagli

A.S.D. SON GEN JUKU AIKIDO CUS BERGAMO

A.S.D. SON GEN JUKU AIKIDO CUS BERGAMO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE A.S.D. SON GEN JUKU AIKIDO CUS BERGAMO Denominazione - Sede TITOLO I Art. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli art.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE CASAGIOVANI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE CASAGIOVANI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE CASAGIOVANI DENOMINAZIONE - SEDE DURATA Articolo I E costituita, ai sensi delle legge 383/2000, l'associazione di promozione sociale denominata CASAGIOVANI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 13 aprile 11 Destinatario: DIRETTORE

Dettagli

Via Farini, 62-00186 Roma - fax +39 06 62276535 - coisp@coisp.it / www.coisp.it / www.coispnewsportale.it. Rassegna stampa 15 febbraio 2013

Via Farini, 62-00186 Roma - fax +39 06 62276535 - coisp@coisp.it / www.coisp.it / www.coispnewsportale.it. Rassegna stampa 15 febbraio 2013 Via Farini, 62-00186 Roma - fax +39 06 62276535 - coisp@coisp.it / www.coisp.it / www.coispnewsportale.it COISP COORDINAMENTO PER L INDIPENDENZA SINDACALE DELLE FORZE DI POLIZIA Rassegna stampa 15 febbraio

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

La Sicurezza nel Territorio Nazionale. Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato

La Sicurezza nel Territorio Nazionale. Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato La Sicurezza nel Territorio Nazionale Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato 1 2 PREVENZIONE : Attività informativa Enti preposti Attività controllo territorio PCCT; Poliziotto/

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E N. 61 DATA 30.11.2013 OGGETTO: Conferimento di riconoscimento al Cav. Uff. Panfilo

Dettagli

ad ottenere informazioni complete e comprensibili in merito alla diagnosi della malattia, alla terapia proposta e alla relativa prognosi;

ad ottenere informazioni complete e comprensibili in merito alla diagnosi della malattia, alla terapia proposta e alla relativa prognosi; TUTELA Diritti e doveri dei cittadini-utenti Il paziente ha il diritto: ad essere assistito e curato con premura e attenzione, senza discriminazioni di genere, nel rispetto della dignità umana, della cultura

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SANTA CATERINA ONLUS. Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita l Associazione AMICI DELLA SANTA CATERINA O.N.L.U.S.

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SANTA CATERINA ONLUS. Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita l Associazione AMICI DELLA SANTA CATERINA O.N.L.U.S. STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SANTA CATERINA ONLUS Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita l Associazione AMICI DELLA SANTA CATERINA O.N.L.U.S. Art. 2 DURATA L Associazione è un organizzazione non lucrativa

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE MANI ARTIGIANE La Sede: Articolo I Costituzione Dell Associazione È costituita, ai sensi delle legge 383/00, l'associazione di promozione sociale denominata

Dettagli

"CROT VARIA UMANITA' ONLUS"

CROT VARIA UMANITA' ONLUS STATUTO Art. 1. Denominazione e sede È costituita l associazione denominata: "CROT VARIA UMANITA' ONLUS" in seguito chiamata per brevità "associazione" L associazione è apartitica, apolitica e aconfessionale,

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE COMUNE DI ERACLEA Provincia di Venezia Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Prot. N. DELIBERAZIONE N. 58 DEL 28/09/2006 OGGETTO: OGGETTO: INSERIMENTO IN STRUTTURA RESIDENZIALE PROTETTA

Dettagli

Cambio Comando al 72 Stormo e consegna del nuovo Drappo della Bandiera d Istituto. Il Col. Antonio Felicissimo subentra al Col. Leonardo Barone.

Cambio Comando al 72 Stormo e consegna del nuovo Drappo della Bandiera d Istituto. Il Col. Antonio Felicissimo subentra al Col. Leonardo Barone. Cambio Comando al 72 Stormo e consegna del nuovo Drappo della Bandiera d Istituto Il Col. Antonio Felicissimo subentra al Col. Leonardo Barone. Testo Cap. Pil. AArnn Carla ANGELUCCI Foto Raffaele Fusilli

Dettagli

"AMICI DELLA CONSOLATA ONLUS"

AMICI DELLA CONSOLATA ONLUS "AMICI DELLA CONSOLATA ONLUS" Articolo 1 - Denominazione e sede È costituita l'associazione denominata "AMICI DELLA CONSOLATA ONLUS" ai sensi degli art. 36 e 37 del CC e seguenti. Tale denominazione dovrà

Dettagli

Allegato "B" all'atto Rep. 57627/22410 STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - OGGETTO ARTICOLO 1 E' costituita, ai sensi dell'articolo 31 comma 38

Allegato B all'atto Rep. 57627/22410 STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - OGGETTO ARTICOLO 1 E' costituita, ai sensi dell'articolo 31 comma 38 Allegato "B" all'atto Rep. 57627/22410 STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - OGGETTO ARTICOLO 1 E' costituita, ai sensi dell'articolo 31 comma 38 della Legge 23 dicembre 1998 n. 448, così come modificato

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Atto costitutivo di Associazione

Atto costitutivo di Associazione Atto costitutivo di Associazione Il giorno tre del mese di febbraio dell anno 2006, in Fosdinovo -biblioteca comunale-, alle ore 21,00, si sono riuniti i signori: 1)-Traversi Cinzia; 2)-Coloretti Marta;

Dettagli

FAMIGLIA ROMAGNOLA STATUTO

FAMIGLIA ROMAGNOLA STATUTO FAMIGLIA ROMAGNOLA ASSOCIAZIONE TRA ROMAGNOLI A ROMA STATUTO Il presente statuto è stato Approvato all unanimità nell Assemblea straordinaria del 3/12/2004 Registrato il 6/12/2004 presso l Uff. delle Entrate

Dettagli

STATUTO. Equiter è una società del gruppo

STATUTO. Equiter è una società del gruppo STATUTO Equiter S.p.A. - Sede Sociale: Piazza San Carlo, 156-10121 Torino Tel. +39.011.555.1 - Fax +39.011.66.80.637 -Capitale Sociale 150.000.000 i.v. - Codice Fiscale, Partita IVA e Iscrizione Registro

Dettagli

Associazione AMICI DI BABUSONGO O.n.l.u.s. STATUTO allegato all atto costitutivo dell 8 maggio 2003 STATUTO

Associazione AMICI DI BABUSONGO O.n.l.u.s. STATUTO allegato all atto costitutivo dell 8 maggio 2003 STATUTO STATUTO 1-COSTITUZIONE E' costituita l'associazione denominata "Amici di Babusongo Organizzazione non lucrativa di utilità sociale, in breve nominabile anche come Amici di Babusongo O.n.l.u.s.. L Associazione

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PAOLO PERDUCA COSTITUZIONE

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PAOLO PERDUCA COSTITUZIONE STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PAOLO PERDUCA COSTITUZIONE Art. 1 - Denominazione È costituita, ai sensi della Legge 266/91, l'associazione di Volontariato PAOLO PERDUCA, di seguito detta "Associazione".

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 Formazione montuosa Sierra peruviana Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 In questo numero: Seconda domenica di maggio: Festa della Mamma Volontari in azione! Alcune poesie dedicate alla

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO GIORGIA 2009 ONLUS DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO GIORGIA 2009 ONLUS DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO GIORGIA 2009 ONLUS DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA Articolo 1 E costituita l'associazione di volontariato denominata GIORGIA 2009 ONLUS ai sensi della legge 460/97

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE Con la presente scrittura privata, che ha per oggetto la costituzione della associazione senza

SCRITTURA PRIVATA ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE Con la presente scrittura privata, che ha per oggetto la costituzione della associazione senza SCRITTURA PRIVATA ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE Con la presente scrittura privata, che ha per oggetto la costituzione della associazione senza scopo di lucro con la denominazione ETICASEMPRE, i sigg.ri:

Dettagli

Statuto dell associazione sportiva dilettantistica Ruote Libere di Brescia. Art.1 Costituzione

Statuto dell associazione sportiva dilettantistica Ruote Libere di Brescia. Art.1 Costituzione Statuto dell associazione sportiva dilettantistica Ruote Libere di Brescia Art.1 Costituzione 1. E' costituita con sede in Brescia, via Parma 53, l'associazione denominata A. S. Ruote Libere associazione

Dettagli

LABORATORIO 41 ASSOCIAZIONE CULTURALE STATUTO. 1. E' costituita l'associazione culturale LABORATORIO 41 con sede

LABORATORIO 41 ASSOCIAZIONE CULTURALE STATUTO. 1. E' costituita l'associazione culturale LABORATORIO 41 con sede LABORATORIO 41 ASSOCIAZIONE CULTURALE STATUTO Art.1 - Denominazione, sede e durata 1. E' costituita l'associazione culturale LABORATORIO 41 con sede legale in Bologna Via Castiglione, 41. Il trasferimento

Dettagli

XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole

XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Lo scorso sabato 1 dicembre 2012 i padiglioni fieristici di Pordenone hanno

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Signori Azionisti, Articolo 2 SEDE La società ha la sede in Torino, corso Galileo Ferraris n. 32.

Signori Azionisti, Articolo 2 SEDE La società ha la sede in Torino, corso Galileo Ferraris n. 32. PROPOSTE DI MODIFICA DEGLI ARTICOLI DELLO STATUTO SOCIALE NUMERI 2, 5, 7, 8, 9, 10, 12, 13, 15, 17, 18 E INSERIMENTO DI UN NUOVO ARTICOLO CONCERNENTE IL CONTROLLO CONTABILE (ART. 24); DELIBERAZIONI INERENTI

Dettagli

Statuto dell'associazione ARTEMUSICA CULTURA

Statuto dell'associazione ARTEMUSICA CULTURA Statuto dell'associazione ARTEMUSICA CULTURA Art. 1 - Denominazione E' costituita l'associazione culturale senza scopo di lucro denominata ARTEMUSICA CULTURA. Essa è retta dal presente statuto e dalle

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER I PAZIENTI EMATOLOGICI ONLUS DENOMINAZIONE-SEDE-SCOPO-DURATA

STATUTO ASSOCIAZIONE PER I PAZIENTI EMATOLOGICI ONLUS DENOMINAZIONE-SEDE-SCOPO-DURATA Allegato "A" al n. 14325 di rep. al n. 4810 di rac. STATUTO ASSOCIAZIONE PER I PAZIENTI EMATOLOGICI ONLUS DENOMINAZIONE-SEDE-SCOPO-DURATA ART.1) E' costituita un'associazione, Organizzazione Non Lucrativa

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

A tutti i soci iscritti alla Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti - Sezione Provinciale di Firenze LORO SEDI

A tutti i soci iscritti alla Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti - Sezione Provinciale di Firenze LORO SEDI A tutti i soci iscritti alla Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti - Sezione Provinciale di Firenze LORO SEDI Oggetto: convocazione Assemblea ordinaria dei soci Cara consocia, caro consocio, come vuole

Dettagli

Cari direttori e amici,

Cari direttori e amici, XXI Master di aggiornamento per direttori, amministratori, redattori e giovani giornalisti dei settimanali cattolici aderenti alla FISC "don Alfio Inserra" Siracusa - Cefalù - Salemi - Palermo 20-23 settembre

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO D ASSOCIAZIONE SENZA FINI DI LUCRO

ATTO COSTITUTIVO D ASSOCIAZIONE SENZA FINI DI LUCRO ATTO COSTITUTIVO D ASSOCIAZIONE SENZA FINI DI LUCRO Alle ore 11.30 del giorno 28 del mese di luglio anno 2007, in Codogno (Via Diaz, 31), si sono riuniti, per costituire un Associazione senza scopo di

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Associazione Italiana Còrea di Huntington Roma Onlus DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA. Articolo 1.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Associazione Italiana Còrea di Huntington Roma Onlus DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA. Articolo 1. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Associazione Italiana Còrea di Huntington Roma Onlus DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA Articolo 1 E costituita l'associazione di volontariato denominata Associazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RETINÒ LIANA Indirizzo VIA A. VOLTA, N.36 RIONE CASTROMEDIANO - 73020 CAVALLINO ( LECCE ) Telefono 0832/682340

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ADEMPIMPRESA

STATUTO ASSOCIAZIONE ADEMPIMPRESA Art. Costituzione E' costituita con sede a San Donà di Piave (VE) Via Grassaga n. una libera associazione di seguito denominata ADEMPIMPRESA Adempimenti e adeguamenti normativi per l Impresa Pubblica e

Dettagli

ASSOCIAZIONE SENIOR SANPAOLO. - Mantenere legami affettivi e collaborativi e favorire ed. intensificare i vincoli di amicizia e solidarietà fra gli ex

ASSOCIAZIONE SENIOR SANPAOLO. - Mantenere legami affettivi e collaborativi e favorire ed. intensificare i vincoli di amicizia e solidarietà fra gli ex ASSOCIAZIONE SENIOR SANPAOLO STATUTO Art. 1 Denominazione, sede e durata Ai sensi e per gli effetti dell art. 18 della Costituzione italiana e degli articoli 36, 37 e 38 del Codice Civile è costituita

Dettagli

Saluto del Prof. Franco Gallo al Presidente Quaranta Palazzo della Consulta (Udienza pubblica del 15 gennaio 2013)

Saluto del Prof. Franco Gallo al Presidente Quaranta Palazzo della Consulta (Udienza pubblica del 15 gennaio 2013) Saluto del Prof. Franco Gallo al Presidente Quaranta Palazzo della Consulta (Udienza pubblica del 15 gennaio 2013) Il prossimo 27 gennaio il Presidente Quaranta cessa dalla sua carica di giudice costituzionale.

Dettagli

Notiziario dell ITIS n.2 Anno 2010

Notiziario dell ITIS n.2 Anno 2010 Notiziario dell ITIS n.2 Anno 2010 Nel pomeriggio del 13 Dicembre 2010, la Comunità Scolastica dell ITIS Jannuzzi di Andria ha ricordato l alunno Giovanni Pollice, prematuramente scomparso il 1 Luglio

Dettagli

STATUTO Associazione di Volontariato per Disabili ALBATROS

STATUTO Associazione di Volontariato per Disabili ALBATROS STATUTO Associazione di Volontariato per Disabili ALBATROS Art. 1 E' costituita l'associazione di volontariato ai sensi della legge 266/1991 e della legge regionale Puglia nr. 11/1994 denominata Associazione

Dettagli

GIORNATA INTERNAZIONALE SUI DIRITTI DELL INFANZIA 20 novembre 2006

GIORNATA INTERNAZIONALE SUI DIRITTI DELL INFANZIA 20 novembre 2006 KIWANIS INTERNATIONAL DISTRETTO ITALIA SAN MARINO IV DIVISIONE Ponte dello Stretto GIORNATA INTERNAZIONALE SUI DIRITTI DELL INFANZIA 20 novembre 2006 L Infanzia non più oggetto di tutela ma soggetto di

Dettagli

Posizione N. 0055354-12 N. 26984 di repertorio N. 12842 di raccolta COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE esente dall'imposta di bollo e di registro ai sensi

Posizione N. 0055354-12 N. 26984 di repertorio N. 12842 di raccolta COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE esente dall'imposta di bollo e di registro ai sensi 1 Posizione N. 0055354-12 N. 26984 di repertorio N. 12842 di raccolta COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE esente dall'imposta di bollo e di registro ai sensi dell'art. 8 legge 266/1991 REPUBBLICA ITALIANA L'anno

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO "BROGNATURO NEL CUORE" Statuto. Art. 1

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BROGNATURO NEL CUORE Statuto. Art. 1 ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO "BROGNATURO NEL CUORE" Statuto Art. 1 1) Denominazione dell'associazione Volontaria: "Brognaturo nel cuore" 2) L 'associazione è apolitica, apartitica, aconfessionale, senza

Dettagli