La rivolta dello zuccherificio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La rivolta dello zuccherificio"

Transcript

1 I Camillas La rivolta dello zuccherificio Romanzo

2 Sito & estore Twitter twitter.com/ilsaggiatoreed Facebook il Saggiatore S.r.l., Milano 2015

3 La rivolta dello zuccherificio

4

5 ATTENZIONE! CHI SONO I CAMILLAS QUESTO È NECESSARIO LEGGERLO! I Camillas nascono a Pordenone nel 1964 come duo formato da Ruben Camillas (chitarre, xilofono, voce) e Zagor Camillas (tastiere, cimbalo, voce); per 40 anni non producono niente ma nel 2004 succede qualcosa di straordinario: il rock n roll li vuole e loro accettano! Dopo che hanno accettato, vengono consacrati con un battesimo del fuoco. Rimasti indenni dal rogo, arrivano a produrre album di successo. A un certo punto capita a loro un avventura straordinaria da edizione straordinaria. Qui la raccontano e infatti questa è un edizione.

6

7 La rivolta dello zuccherificio era stato il nostro quindicesimo disco. Nel Una torre di plastica poco propensa a farsi gomma. Avevamo individuato il titolo di mattina, dandoci le spalle a vicenda e battendo forte i talloni. Ora si trattava di partire e portarlo nel mondo. Il giro del mondo. Una nausea impercettibile e sopracciglia poco curate. Ci eravamo affidati a una società per i giri del mondo. Ci avrebbero trovato concerti, alberghi, pizzerie, marciapiedi, tende ombreggianti, stazioni, gelati. Sembravano affidabilissimi, quasi coreografi. Si sono presentati all imbarco con quattro invitanti guanti di pelle di pelli: vi serviranno, dicevano tutti ridolini. Abbiamo fatto sì con la testa, più veloci di qualunque puma. In questo modo ci siamo ritrovati in Antartide. L Antartide non ha alberi e non sfoggia varietà di colori. La data unica del concerto era a un festival nella più bella base antartica che avessimo mai immaginato. Vi si celebrava il memorial musicale «Il memorial musicale Alberto Lupo xxxiv edizione». Quella base era birichina. Aveva i bordi di zucchero ghiacciato e tremolava come fosse ubriaca. Nelle baracche cadeva sempre tutto e tutti si chinavano e ringraziavano e si sollevavano e si inchinavano poi si chinavano e ringraziavano. Avremmo fatto una canzone soltanto, ma molto lun- 9

8 ga. Mancavano ore: tempo perso, in pratica. Siamo usciti e c era la neve. Facciamo due passi nella neve. Tanto non si capisce se è presto o tardi. A pochi metri dalla baracca 52, quella con i peperoncini disegnati sulle pareti, vediamo una piccola grotta. Un ombra nella neve. Andiamo a vedere. Meglio di no. Dai. No no. Dai. Va bene. C era buio pesto, lo avevano ammaccato. Paura: è il buio. La grotta era ampia profonda e salubre. Niente ragni. Niente gufi. Nessun riverbero. Cos è quella cosa? Una scatolona di piombo profuma di lavanda! Una scatolona di piombo larga un ettaro sepolta nei ghiacci artici e profuma di lavanda. Un portagioie che sembrava triste, lasciato lì dagli alieni o da uomini primitivi privi di piumini. Questa scatolona che profuma di lavanda Aprila. Subito. Cosa c è dentro? Un bigliettone. Un messaggione. Un letterone. Leggilo. No. Dai. Va bene. Cari ragazzi, care ragazze, concludo quest anno la mia carriera di insegnante. Ho attraversato anni di mattinate scolastiche, incontrando piccoli umani di ogni forma e capaci di mirabolanti dispiaceri. Ma, paziente, ho sem- 10

9 pre amato le parole che scrivevate, annusandole prima di guardarle e accartocciando i fogli prima di stenderli di nuovo e dispormi alla lettura. Una vita bellissima. Oggi vi lascio. In questa scatola che profuma di lavanda trovate quanto sono riuscita a conservare alla furia dell ordine. Fatene buon uso, perché le giornate sono lunghe e non sempre finiscono di schianto. Cara, cara professoressa! Aveva raccolto tutto questo bendidio per noi! E lo aveva anche commentato. Così ci risparmiava di scrivere il libro che dovevamo scrivere: un tema via l altro, un commento della maestra via l altro, un alunno via l altro e il gioco era fatto! Quale gioco? Avevamo tutto per ingannare il tempo, che è un credulone, per buggerare il tempo basta qualche tema delle medie ritrovato in Antartide in una scatola di piombo da un ettaro che profuma di lavanda. Quanti bei quinterni a righe! Li leggemmo e voi con noi. Dai. 11

10 Buongiorno! Allora, ragazzi: oggi compito di italiano! Mi meraviglio che dopo tanti e tanti anni io riesca ancora a trovare titoli adatti Colocci! Smettila! Avete portato la squadra da 45 gradi e quella da 30? Colocci, ce l hai il goniometro? Bravo Bene, stendete le carrube e tracciate con calma le righe Intanto vi scrivo il titolo alla lavagna Avete tre ore, come al solito. Abbandonatevi alla superficie e non vi preoccupate degli errori di ortografia. Ve li correggo io. Sono professoressa. 12

11 Scrivete un thriller e intitolatelo: «Nero?» L auto nera nella notte è nera, e più nera di ogni sfondo che incontra è la sua velocità, ottusa fino all obiettivo che non è franchezza, ma falsità. L uomo sudato è nero e non luccica nel buio, non riflette più alcuna ansia e non cerca con lo sguardo nessuno: le sue gocce sono l alito dell aspirina con cui ha pranzato. Canederli e aspirina. È seduto al centro del sedile, come in groppa a un elefante, nell India che si porta dentro, con le aiuole piene di cadaveri di scimmia, quelle che sogna tutte le notti, con i carretti di mango che si scontrano agli incroci e tutti che ridono e fanno a spintoni. Lo slargo con i parcheggi gialli non aveva lampioni. I bambini e le bambine stavano in piedi davanti all uscita dell edificio, dove il Ragazzone aveva appena cantato, infagottato in un gilet con le frange, ciascuna delle quali portava inciso il suo nome in una lingua diversa, tranne la sua. Lo aspettavano per un consiglio sulla vita e magari un abbraccio. I genitori non erano preoccupati, perché l edificio era inquadrato nelle loro televisioni di casa e guardavano i loro figli gironzolare e sorridere. Lo spazio vuoto tra i loro corpi era colmato da un ticchet- 13

12 tio familiare e da improvvise campane a festa, che dai televisori si espandevano in tutta la città. Ma il buio era tanto quella sera, lo dicono anche le interviste dei mesi successivi, e ciascun bambino o bambina potrà testimoniare, se interpellato, che non si vedeva nulla e il profumo delle salsicce era così forte che non ci si poteva riconoscere nemmeno dall odore, perché il Ragazzone faceva cuocere salsicce per tutti e tutti ci si sentiva più fratelli e lui urlava dal palco «SALSICCE PER TUTTI!» ed era una festa ogni volta, si aspettava solo il grido e poi un basso continuo accompagnava il movimento ritmico della folla, che si disponeva ordinatamente davanti a uno dei piccoli casottini in legno di frassino e rinforzature in plastica rigida che circondavano il palco. Le salsicce offerte erano state prodotte appositamente per il Ragazzone ed erano fatte con carne di maiale tritata, peperoncino, malto, destrosio, frammenti di papaya. Il ripieno era contenuto in un budello di pelle di daino, lavorata con cura e resa sottile dallo strofinamento con pietre salate. Ogni salsiccia poteva permettersi di avere così un numero variabile di frange, da otto a ventiquattro, a segnalare la diversa quantità di destrosio. Le frange erano commestibili, come tutto il resto. Ogni volta la gente era felice. L auto si avvicina al parcheggio. I fari illuminano i bambini e le bambine e i loro occhi flettono il colore in un rosso fragile, mentre si allontanano per raggiungere i punti più bui, senza perdere di vista la porta da cui il Ragazzone uscirà. Manca poco. L auto è un taxi, dicono sottovoce gli addetti alla sicurezza, e la porta si apre quanto basta ad accogliere dall edificio la sagoma di un uomo con un cappello troppo alto rispetto al suo girocoscia. La folla si accalca. Il respiro dell uomo nell auto è nero di rassegnazione. Fra poco saremo in albergo. Pensavo di arrivarci prima. Dobbiamo prendere con noi il Ragazzone, è questione di accordi già 14

13 firmati. Non da me. Lo so, ma ormai non si può fare più nulla. Mi aspettavo altro da questo Paese. Abbia pazienza. Lo sportello si apre automaticamente e le borchie sugli stivali del Ragazzone lanciano l ultima rifrazione possibile ai flash delle macchinette, la mano a mezz aria si agita e le unghie sono nere, sporche di grasso di foca e carbone, con cui colora i suoi capelli da anni. Indossa ancora le manette d oro, come dicono i giornali. Entra e si trascina dietro lo sportello e di botto, come un sacco di riso lanciato da una nave in un porto della Cina, appoggia il culo sul sedile. Fu a quel punto che dicemmo molte parolacce. 15

14 Ho particolarmente cari i compiti in classe di italiano della maturità del Fu l ultima annata, per me. Ricevetti in regalo una riproduzione in peluche della Pietà di Michelangelo. Sorrisi, ma l oggetto non meritava comprensione. Terminato il lavoro nella scuola pubblica, ho poi insegnato nei collegi, nei corsi di qualifica del Fondo sociale europeo, nelle università private della costa, in un centro di formazione interno a una grande fabbrica di profilati in piombo. Ho avuto allievi alti e altri molto preparati. Le mie orecchie erano piene del gocciolare dell inchiostro delle penne a sfera e delle piccole lesioni della carta. Ho fatto docenze a gorilla che volevano imparare la lingua umana. Ho insegnato l italiano a corrieri di droga curiosi. Ho avuto come allievi frati, bambini muti, adulti distratti, general managers, direttori di cori, addetti alle vendite, sex offenders, vigili urbani, dirigenti di partito, vagabondi, cuochi, intrecciatori di vimini. Di ciascuno ho tutto quello che mi serve. State attenti, dunque. Non raccontate frottole: vi controllo. Raccontatemi cosa avete fatto durante le vacanze, quest anno sono state piovose. Su, ragazzi 16

15 Compro oro Il primo mese l ho passato a vedere documentari sul nazismo e a giocare a Ruzzle. I Compro Oro in città erano ovunque. I negozi di sigarette elettroniche stavano già entrando in crisi. Brutte le sigarette elettroniche e i polmoni affumicati. A volte mi addormentavo sul divano. A causa della gastrite avevo quasi smesso di bere caffè, non usavo più pepe nei cibi che mangiavo e cercavo di non bere bevande gassate. Bevevo tè caldo a casa oppure Estathé al limone o alla pesca in una pizzeria che faceva lievitare l impasto fatto con lievito madre per ore. Una pizza leggera e squisita. Di fianco c era una pasticceria che faceva i migliori bignè al cioccolato della città. Non avevo una ragazza in quel periodo. Avevo anche smesso quasi completamente di fumare. Anche se avevo da poco imparato a farmi sigarette da solo col tabacco sfuso. Nella mia stanza da letto c erano venti buste di plastica di quelle per raccogliere rifiuti differenziati ed erano piene di tutte le cose del trasloco. A volte rimanevo a dormire in negozio su una brandina verde acido. Avevo un cane bianco e nero con un collare rosso che mi accompagnava spesso alla fermata dell autobus. Poi una volta che io salivo sull autobus lui tornava a casa. Avevo un bellissimo giubbino di pelle scura che non potevo chiudere a causa della cerniera rotta. 17

16 Sempre, a questo punto del ricapitolare, divento affranto. Il colore delle pareti non è sufficiente e ogni contorno mi sembra inadatto. Predispongo mensole infinite sulle quali appoggiare le mie cose e sorrido simpatico ogni volta che non ci stanno. Ammicco a chi mi guarda, mi sporgo dai fogli e dalle inquadrature, cerco di non sudare, amplio la superficie di appoggio. Non avrei mai avuto il coraggio di fare come quelli che appallottolano il mondo e cercano un contenitore per la raccolta differenziata: io giravo per tutte le città che potevo, cercando bidoni generici, così moralmente discutibili. La loro anima è una storia di trasformazioni lente e veloci. Civiltà di batteri dotati di scrittura e rielaborazione epidermica, così da sgusciare poi fuori, nella notte fresca, a battere le mani alla luna, bianca candida santa, e poi tornare dentro a succhiare lo schifo e puzzare. Le notizie dei telegiornali si facevano sempre più strette. Mi spostavo spesso in treno. O a piedi. Quando il sole tramontava, mi avvicinavo ai circhi e chiedevo che mi affidassero il compito di regalare biglietti ai semafori. Di solito mi accoglievano gentilmente. Una volta mi hanno fatto porgere la sacca con tutti gli omaggi da una piccola scimmietta fulva, riflesso di tutte le giungle dei Sandokan del mondo, stretta la gola a una catena, occhi lucidissimi e asciutti. Le manine rugose stringevano con forza la cinghia di pelle e le sue braccia, parzialmente depilate, si allungavano verso di me e si ritraevano, con una ritmicità soffocante, così sono fuggito e ho cambiato circo. Sembravo sciocco, a volte sciocchino. Tutti quanti mi prendevano in giro per il mio sapore nauseabondo. Nella tutela dei singoli esseri armonici cercavo di restituire loro la giusta ricompensa. Avevamo appena aperto un nuovo stabilimento di significati ma nessuno aveva mai il coraggio di entrarci. In effetti le porte erano strettine e bassine, un vorticare di diminutivi sui quali sarebbe stato possibile pattinare, ma chi ne aveva il coraggio? Il mio socio, critico come soltanto gli angeli sanno esserlo, andava e veniva 18

17 nei dintorni e io mi sforzavo di rimproverarlo, ma lui era tutto urletti e mossettine. Si avvicinava e mi mordeva il mignolo. Si allontanava e colpiva i muri. Ritornava e mi strusciava le guance con i palmi tatuati. Poteva andare avanti così? Ero diventato l animale domestico di me stesso e troppo spesso mi lasciavo fuori della porta a mugolare. La sensazione che provavo più spesso era quella di essere diventato un angolo. Tutta quella gente con le buste, le borse, gli zaini. Erano matti? Erano miei dipendenti? Li stipendiavo? Avevo a che fare con loro? Sporadicamente mi permettevo il lusso di avvolgere le lenzuola con cellophane disinfettato. Le spie dell Armata russa erano i nuovi vigili urbani. Sparavano colpi in aria allo scoccare di ogni ora. Tutto sembrava diverso. Tutto sommerso è anche vero che io non ne ho mai subito le conseguenze. Le diaspore e le inquietudini le lasciavo scivolare agli altri. Io mi nascondevo nelle ciotole, e nei tuoni. Portavo gli occhiali a specchio, che cazzo volete? Poi però la mattina dovevo lavorare e il socio mi guardava così, tutto di traverso con gli occhi ancora più di traverso del possibile e, se venivo messo troppo a fuoco, cercava ancora maggiore trasversalità ed era capace di spostare i divani e i comò, pur di imbarazzarmi in quello sguardo e bloccarmi lì, nello spazio del vuoto da fare, delle mani sparite, della bocca zoppa. Cosa c è lì dentro? Un fucile? Ho passato l intera domenica a guardare documentari sul Vajont e su Ustica. Mi sono lavato i piedi all una di notte e mi son fatto la barba tre ore dopo. Poi alle sette di mattina sono andato a letto. Ho avuto così modo di pensare al tempo che passa mentre il tempo passava e io non lo occupavo con movimenti gesti discorsi, ma lo lasciavo stare lì, ad ansimare piano, il tempo appisolato, tutto raffreddato, rannicchiato negli angolini, in tutti gli angolini, già impolverato prima di accorgersi di esserlo, il tempo dell umidità fra le dita e del fresco in faccia, il tempo delle mattine che non faccio iniziare e apro la finestra, dai tempo!, esci, vai a lavorare, io vado a letto. 19

18 Oggi ho sfondato un Compro Oro con l auto. È stato un incidente. Ho chiesto scusa a caso qua e là. Poi sono andato dal dottore. Mi ha dato migliaia di schiaffoni. Sulla ricetta c era scritto: bevi duro, mangia grasso, sputa spesso, tre gocce al mattino di semifreddo e un bel cucchiaio di marmellata di ossa dopo pranzo. Ricordati che devi soffrire. Le ginocchia sono tuberi, nel mio viso c è un frutteto, sottopelle ancora acciaio, ho la pancia mongolfiera che mi sputa gli altipiani, i semafori sono tutti rossi e grossi, sono hamburger intestinali, oggi ho sete, ieri ho fame. Mi han fregato l autoradio. Oggi va meglio. Mi è spuntato un fiore nel cervello. Ho acceso fontane nei corridoi. Ho regalato una parete al mio vicino. Ho semplificato la gestione dello spostamento dei souvenir nella maggior parte delle mensole di casa. Ho fatto telefonate all improvviso. E poi la sera sono uscito e ho incontrato molte scritte. Gavettoni al cioccolato. Simpatie e fluorescenza. Ginnastiche d avvio. C era una festa in un ottagono con musica speciale. La gente aveva labbra piene d entusiasmo, occhi come rondini e balli molto belli. Ed è qui che mi sono fermato e ho ripensato, come ce l avessi lì davanti di nuovo, tutta insanguinata e tremante, vittima della casualità o di un intenzionalità che non ha parole e quindi non riusciamo a tenercela in testa lei la scritta rossa, quasi arabeggiante, caratteri stile tuffo in un bramino, la C sola da un lato, appena inclinata e così falce in attesa di martello il martello ero io, durissima fiancata destra di Audi 80 grigia, e poi l alfabeto illeggibile dei pezzettini, e soprattutto le O, il tutto tondo della certezza valoriale, il principio dello scambio primordiale, fuggito dalle banche svizzere, dal lingottismo, dai depositi di Paperoni, appoggiato lì, Compro Oro, ai bordi di ogni strada, visi uguali, dai a me e io do a te. A ogni curva. Su ogni rettilineo. Fino a che non sono arrivato. Io. La giornate scorrevano fiamminghe. Questo era un bel periodo per addomesticar le sdraie. Scivolare sui tappeti inconsapevoli del 20

19 botto. Il botto. Sì, il botto era tornato. Proprio qui sulla guancia. Ma dentro. Dentro la bocca avevo una fede nuziale incastrata tra l ex dente del giudizio e la mucosa sanguinante. Io non ero sposato, anche se non mi sarebbe dispiaciuto esserlo. Compro Oro. L incidente. La mia faccia sul volante che rimbalza già dolore e mi sputa su davanti, tra il commesso e lo scaffale. Il distruggere sulla schiena, sono ovatta momentanea. Non capisco più qualcosa. Troppa fretta che mi accade. Fretta fredda. Sono corso a giocare i numeri al Lotto Matto: 325, la frenata invisibile; 57, l ansimare in controtempo; 5589, l imitazione del coraggio; 972, la partenza dei Crociati all interno della mia testa. Sono entrato nella ricevitoria, quella all angolo, stretta, spinosa, modesta, cordiale. Ho puntato tutto e ho vinto. Grazie Compro Oro. I vicini si complimentavano con me, bravo bravo, io facevo movimenti con la testa e mi spettinavo a ritmo. Da tutte le parti arrivavano venditori colmi di doni e opportunità. Prenda questo tappeto. Prenda quest anfora d avorio. Prenda la mia torta di terra della Luna. La casa, la casa, non vuole prendere questa bella casa di fiato? Io cercavo di gestire le parole, mi proteggevo con le abitudini e quella dolce timidezza che mi fa sempre uscire molto vivo da tutte le brutte situazioni. Superficie tendenzialmente blu o nera, occupavo gli spazi consentiti e mediavo gli scambi mercantili. Le tasche piene di denaro sporco. Gli sguardi dei giocatori sconfitti. Il croupier nudo illuminato da dietro. Le palline numerate imprigionate coraggiose. Era ora di cena, di già. Arretrando e facendo ciao con le mani, recuperavo lo spazio necessario per fare piroette a caso e tornare per raccontarti tutto quello che mi era successo e mi sa che un vetro mi si è infilato nel ginocchio, fa un po male. Adesso a questo qui gli metto una nota! Non va bene fare così con i negozi Compro Oro: è da discoli! Sfacciato! 21

20 E ti sei scordato anche di dirmi che fine hai fatto fare alle vacanze. Scrivilo qui sotto in calce, su Sono i mesi, i mesi nello spazio vuoto di quel modo di fare che è gingillo e coerenza. Tengo le mani in tasca, sono un ragazzo a posto e faccio bolle con le salive. Hanno tolto i depositi dell oro. I negozi adesso fanno tenerezza e i denari sono compatti nelle scelte sagge per il futuro. Nessuno reclama, nessuno avanza nostalgia. Io tengo le schegge negli occhi e adesso vedo un po strisciato. Ma fa lo stesso, no? 22

21 Biglietto della fortuna n. 1 Non farti scappare il destino. Nessun lupo annusa due volte la stessa mano. 1 1 Iniziamo qui a raccogliere i sedici biglietti, contenuti all interno di altrettanti biscotti cinesi della fortuna, che la professoressa ha conservato nella scatolona. Sedici, non diciassette. I biglietti, in sequenza, motivano forse gli accadimenti drammatici che i diari della professoressa raccontano, fornendo una spiegazione alternativa agli eventi narrati, meravigliosi e stupefacenti. [N.d.Camillas]

22 Bambini, attenti! Non hanno ancora inventato la televisione! Quando la inventeranno, cosa guarderete alla televisione? 24

23 Stalin e Ollio Quarantasette scalini. Poi un pianerottolo grande con una porta sul lato destro. Di fronte, salendo, un arazzo turco che riproduceva la stanchezza degli umani e delle bestie a Sebastopoli. Arazzo mangiato dai tarli ai bordi, così che il fiume di sangue in cui si piantavano gli zoccoli era diventato un prato di corallo rosso, tutto rampicante e fragile. A sinistra la scala proseguiva con una seconda rampa, cinquantatré alzate da venti centimetri, con una battuta di larghezza variabile. Il nono gradino ne misurava otto, di centimetri, e chiedeva l attenzione. La urlava, te la infilava nelle ginocchia, te la stendeva sotto la pianta del piede. Stai attento, diceva. Era uno spazio prescrittivo, privo di parole e petulante. La prima rampa invece non esagerava mai. Composta di lastre di marmo verdi e beige, con venature nere e comiche, rimaneva una scalinata persuasiva, senza troppe differenze o somiglianze. Tutte le mattine lui saliva la prima rampa, si fermava sul pianerottolo e afferrava la maniglia della porta. Poi girava il collo e guardava verso la seconda rampa e gridava fortissimo, coprendosi la bocca con l avambraccio, perché sapeva che lo stavano ascoltando. 25

24 Quel giorno, quando la porta si richiuse dietro di lui, la scala rimase di nuovo sola. Si sedette sulla scrivania e soffiando nelle orecchie dei collaboratori cercava di non morire ancora e di sopravvivere a tutti. Tracciò, come ogni giorno, sottili tratti di inchiostro alla fine di colonne di parole. Si alzò e andò alla finestra. Persiane serrate strette, a muso duro, tese. Le vetrate riflettevano la divisa e lui dentro. Uno sfumare di verdi, dall alto in basso, muschio di stoffa, fino a piombare di colpo nel nero della cintura tesa sul ventre, percorsa da riflessi e sottili cicatrici, poco poco consumata intorno ad alcuni fori, a indicare il gonfiarsi e lo sgonfiarsi di un corpo di potere. Qui e là, quadratini colorati di battaglie, piccole croci di campagna di guerra, plotoni, reggimenti. Sulle spalle luccicavano le stelle e il peso della violenza. Un velo di polvere sul vetro che lo rifletteva lo rendeva simile a un cattivo ricordo o al mordicchiare una polpettina di fegato andato a male. Incrociò lo sguardo che era il suo e poi tornò a sedere. Sentì la pistola dura appesa al fianco, silenziosa, umida, protesa alla morte ma capace di rimanere lì, rannicchiata nella fondina, ad aspettar fortuna. Pensò alle venature del marmo della scala, ai segni e alle porzioni di spazio a cui ogni giorno dava nuovi nomi. Non voleva più comandare. Ma non sapeva a chi dirlo. Forse a Tarzan. Tarzan vive fra gli alberi nudo. Si arrampica e si sposta volando appeso a liane sempre a disposizione. Usa il coltello e non ha peli. Lui aveva visto molti film di Tarzan e non lo infastidiva il fatto che, causa esigenze contrattuali, cambiasse faccia e corpo. Non cambia mai la sua scimmia. Non diminuisce mai il suo potere e il suo controllo sulla giungla: sconfinata, generosa, non imbarazzante. Chiama a sé gli elefanti e leoni e felci e palme si piegano al suo richiamo. Piomba dal cielo sui suoi nemici e li abbatte appoggiandosi alle 26

25 loro spalle. Sorride al sole e si distende fino al ramo successivo. Non deve mettere in ordine la realtà. Gli basta afferrarla. Non sopporta invece quel ciccione americano. Quel modo di stupirsi sollevando le gambe da terra. La tendenziosità maligna del suo passo e la responsabilità che cerca di affidarci ogni volta che ci guarda. Un efficienza volgare e prepotente. Capitalista. Niente a che fare con Tarzan, che ride di gusto e non ha baffetti a solleticargli il naso. 27

26 Raccontare una fiaba è difficile, ma non raccontarla è quasi impossibile. Quando smetteranno di pensare ai cirri e ai nembi, quando sarà loro chiaro il ciclo dell acqua e lo scivolo sarà evidentemente arrugginito, quando le bambole faranno «oh!» anche avendo la pila scarica dietro, dentro la schiena, e tutti i cicciobelli si saranno organizzati in un sindacato, e quando l ammirazione l avrà vinta sulla ghiottoneria, allora se ne parlerà. Ma fino a quel momento, perché non fargli scrivere la fiaba? La natura fa le sue ciliegie, loro fanno le fiabe. Ecco, tema: non raccontare la fiaba, bensì un fatto che ti è accaduto. Avete sei settimane di tempo e non dovete usare lo sbianchettatore. Mentre lo scrivete non dovete mangiare né bere, ma potete fare la cacca. Potete picchiarvi e succhiare delle liquerizie. Cincischiate come volete. Prendete lucciole per lanterne e lampadine led per torce. Amate molto i gattini, fotografateli, inseriteli nelle bottigliette di Oransoda e vendeteli al mercato nero, al mercato arancione non li vogliono, i gattini. Fate ciao con la manina e spendete tutta la mancetta in minchiate. Potete farlo, lo so. Dai. Fatelo. Il tema inizia ORA! 28

27 L Orco Quando ci ha presi, un po accondiscendenti, saranno state le tre o le quattro di pomeriggio e il sole era ancora alto e tutto si era fermato, sospeso, immobile a perdifiato, e dovevamo accorgercene! Dovevamo accorgercene! poi invece è stato buio per un po nella tasca del suo cappotto in pannolenci c era odore di menta e mani, e quando ci ha tirati fuori, delicato cortese attento cordiale, il cielo non c era più e il soffitto era un muro di lego e intorno sedie e tavoli e cose per abitare. Il suo enorme muso era nitido negli affetti e nei bordi, sormontato da un vortice di ricci biondi e abbandonato in una pappagorgia che gli arrivava a metà del petto. Indossava adesso un comodo pigiama a righe sottili. Aprì con calma un tabernacolo dorato e ci infilò tutti e due dentro. Stretti e pronti a essere divorati, decidemmo di trascorrere il tempo rimasto raccontandoci a vicenda, o in coro, leggende sulla realtà: quella delle cose e quella dei corpi. Poi fummo mangiati con gusto il giorno successivo. Capita. 29

28 Al banco, muoviti! Al banco! Mi istigano il nervoso, se non scrivono. 30

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO 6 POTENZIAMENTO SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO Slip Slap è un piccolo cane che gironzola per il quartiere a caccia di gatti da rincorrere, ma sogna di diventare un cane poliziotto. Un giorno vede un ladruncolo

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO

Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO Per avere un ricordo stupendo di questo tuo Natale ricordati di fare il

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

0. (Esempio) - Vorrei un caffè e un cornetto con la marmellata. - Il caffè macchiato? - Sì grazie, macchiato con latte freddo. - Subito.

0. (Esempio) - Vorrei un caffè e un cornetto con la marmellata. - Il caffè macchiato? - Sì grazie, macchiato con latte freddo. - Subito. Ascolto - Prova n.1 Trascrizione del brano fatto ascoltare 0. (Esempio) - Vorrei un caffè e un cornetto con la marmellata. - Il caffè macchiato? - Sì grazie, macchiato con latte freddo. - Subito. 1. -

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale

Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale Ins: nel laboratorio del Libro avevamo detto che qui, nel laboratorio multimediale, avremmo cercato qualcosa

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli