PROPOSTA DI UNA SESSIONE YOGA PER BAMBINI SULLA BASE DEL RACCONTO IL VIAGGIATORE DI DAREN SIMKIN

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI UNA SESSIONE YOGA PER BAMBINI SULLA BASE DEL RACCONTO IL VIAGGIATORE DI DAREN SIMKIN"

Transcript

1 A.I.Y.B. ASSOCIAZIONE ITALIANA YOGA BAMBINI MASTER SEDE DI NOVARA ESAME INTERMEDIO SABATO 11 APRILE 2015 PROPOSTA DI UNA SESSIONE YOGA PER BAMBINI SULLA BASE DEL RACCONTO IL VIAGGIATORE DI DAREN SIMKIN Tribù composta da: MICHELA ADILETTA: Dolce Suono EMANUELA CALDAROLA : Aquila Liberata FAUSTA CARRERA: Dolce Sorriso GIADA COLOMBO: Diamante Nero MARIELLA DARIA: Madhuri ANTONELLA RAINERI: Alba Chiara 1

2 2

3 IL VIAGGIATORE DI DAREN SIMKIN. C era una volta un bambino di nome Charlie. La sua mamma e il suo papà lo amavano moltissimo. Aveva molti amici con cui giocare, tra cui una bambina con un bel sorriso, e un cane che lo portava in giro a passeggio. Ma Charlie non era del tutto felice, perché la vita non gli sembrava perfetta. Dopotutto, i genitori gli facevano fare le faccende gli amici a volte gli rompevano i giocattoli, e perfino il cane gli aveva attaccato due volte le pulci. Cosi, un giorno, Charlie ebbe un idea. Sali in soffitta e tiro fuori una valigia. Era pesante, aveva cinture robuste ed era in grado di contenere moltissime cose importanti. Charlie la spolverò e la trascinò nella sua cameretta. A cosa ti serve la valigia, Charlie? chiesero la mamma e il papà. Sto per chiuderci tutto il mio tempo disse Charlie, e viaggerò fin quando non troverò qualcosa di perfetto per occuparlo. Sei sicuro? domandarono preoccupati i suoi genitori, Si, disse Charlie. E a impacchettare il suo tempo si mise; iniziando dai grandi, voluminosi decenni, per passare agli anni rotondi e schiacciati, i quadrati, soffici mesi, le triangolari, luccicanti settimane e i giorni sfilacciati un sacco di morbide ore di seta e i minuti sgualciti. Charlie spinse dentro anche un mucchio di minuscoli secondi per il viaggio, benché non sembrava che volessero partire. Chiuse la sua valigia e strinse forte le cinghie. Il giorno dopo all alba, Charlie trascinò la valigia di sotto. Arrivederci mamma. Arrivederci, papà. Arrivederci, Charlie, risposero i suoi genitori con le lacrime agli occhi. Per favore prendi il mio berretto, gli disse la sua amica carina, che s era affrettata per vederlo. E cosi Charlie se ne andò a cercare qualcosa di perfetto che lo rendesse felice. Camminava e camminava, dormiva e dormiva con la sua pesante valigia accanto che lo faceva sentire felice. Perché poteva dire a se stesso: Il mio tempo è al sicuro nella valigia, non posso proprio sbagliarmi. Troverò presto qualcosa di perfetto per trascorrerlo tutto! Una mattina Charlie camminava accanto a una bella foresta. Api ronzanti, scoiattoli a far provviste e tacchini gloglottanti, e persino qualche daino con gli occhi sbarrati, uscirono per vedere se lui voleva trascorrere il suo tempo con loro. Charlie posò la valigia e si mise a pensare. Ma in quel momento senti un ramo cadere, e non voleva farsi male. Allora la foresta non era del tutto perfetta, e Charlie scosse la testa, raccolse la valigia e si rimise in viaggio. Camminava e camminava, dormiva e dormiva con la sua pesante valigia accanto che lo faceva sentire felice. Perché poteva dire a se stesso: Il mio tempo è al sicuro nella valigia, non posso proprio sbagliarmi Troverò presto qualcosa di perfetto per trascorrerlo tutto! Un giorno Charlie camminava attraverso un deserto ventoso. Cammelli sputacchianti, lucertole striscianti e lepri saltellanti e perfino una pacifica volpe si avvicinarono per osservarlo prendere la sua decisione. Charlie posò la valigia e pensò. Ma il sole bruciava intensamente, e Charlie preferiva l ombra. Neanche il deserto era del tutto perfetto, e Charlie scosse la testa, raccolse la valigia e si rimise in viaggio. Camminava e camminava, dormiva e dormiva con la sua pesante valigia accanto che lo faceva sentire felice. 3

4 Perché poteva dire a se stesso:il mio tempo è al sicuro nella valigia, non posso proprio sbagliarmi. Troverò presto qualcosa di perfetto per trascorrerlo tutto! Un pomeriggio Charlie camminava lungo un oceano scintillante. Balene giganti, foche spruzzanti e anguille sguscianti e perfino il minuscolo plancton fecero capolino dall acqua per vedere ciò che faceva. Charlie lasciò andare la valigia e rifletté. Ma vide l acqua profonda, e non sapeva nuotare. Nemmeno l oceano era del tutto perfetto, e Charlie scosse la testa, raccolse la valigia e si rimise in viaggio. Camminava e camminava, dormiva e dormiva con la sua pesante valigia accanto che lo faceva sentire felice. Perché poteva dire a se stesso: Il mio tempo è al sicuro nella valigia, non posso proprio sbagliarmi Troverò presto qualcosa di perfetto per trascorrerlo tutto! Man mano che Charlie camminava passava in rassegna un sacco di lavori migliaia di libri, innumerevoli cinema e strumenti musicali da suonare, ogni sorta di passatempo e tipo di sport, molte lingue straniere e le meraviglie del mondo. Ma nulla era esattamente ciò che stava cercando. Niente era perfetto. Cosi teneva il tempo chiuso e continuava a viaggiare. Finché una notte, era ormai un uomo anziano e stanco, Charlie capi che era solo. Più di ogni altra cosa al mondo, aveva bisogno di qualcuno con cui parlare. Aveva viaggiato nell oscurità, s era arrampicato al chiaro di luna e aveva camminato sotto le stelle. E alla fine giunse a casa. Anche la ragazza carina, che era ancora la più carina che Charlie avesse mai visto, ora era anziana. Lei vide il suo berretto e sorrise. Charlie posò la valigia e le disse: Ho deciso di utilizzare il mio tempo, i miei decenni, gli anni, i mesi, le settimane e i miei giorni, le ore, i minuti e anche i secondi. Sono pronto a usarli tutti, e voglio farlo a casa, con gli amici. Con te. Slacciò la valigia che aveva contenuto il suo tempo tanto a lungo e la svuotò. Ma solo un quadrato, soffice mese cadde in terra. Dove è andato a finire tutto il mio tempo? gridò Charlie. Benché scuotesse la valigia e cercasse in ogni angolo, ruzzolarono fuori solo minuscoli secondi. E possibile che il mio tempo sia scivolato fuori dalla mia valigia?, chiese. Sicuramente non i decenni, erano cosi grandi e voluminosi! E i miei anni! Non capisco!. Charlie, non è la valigia il problema, gli disse l amica. Non puoi conservare il tempo. Ma, insisté Charlie, il mio era chiuso per bene... e s interrupe. E davvero questo tutto il tempo che mi è rimasto?, chiese. Si rispose lei. Charlie non sapeva che fare. Vieni a sederti vicino a me, gli disse l amica. Gli fece posto di fianco a sé tra un gruppo di amici di fronte a un fuoco scoppiettante. Allora Charlie si sedette. Gli amici parlavano di tutte le cose meravigliose con le quali avevano passato il proprio tempo: Belle foreste, deserti ventosi e oceani scintillanti, lavori, libri, film e musica, hobby, sport, lingue e meraviglie. Ma Charlie, che se le era fatte tutte sfuggire, non disse nulla. Perché sono qui?, Pensava. Tutti gli altri hanno utilizzato il proprio tempo. Io no. Ma proprio allora qualcuno chiese: Chi lo sa come sarebbe la vita se si fosse conservato tutto il tempo? Ci fu un gran silenzio nel gruppo. Nessuno degli altri lo aveva fatto, perciò nessuno conosceva la risposta. Ma Charlie si. L amica lo incoraggiò a parlare dei suoi viaggi. Lui lo fece. Tutti gli posero un mucchio di domande, a cui loro risposero. E tutti risero, gioirono e scherzarono e urlarono, gridarono e si abbracciarono mentre il mese svaniva. E mentre Charlie dedicava i suoi ultimi minuscoli secondi ai suoi amici, era amato. E amava. Forse non era stato perfetto, ma era felice. 4

5 SIGNIFICATO YOGICO DELLA FIABA IL VIAGGIATORE La storia di Charlie non è una fiaba per bambini, ma per adulti. Non solo: per adulti che si trovano su un certo sentiero. Quello che compie il protagonista, è l ordinario, superficiale e illusorio percorso di vita compiuto dalla maggior parte delle persone, sottoforma di una bellissima e colorita metafora studiata per arrivare ai bambini. Egli è mosso nel suo viaggio, da ciò che muove l intero genere umano: la ricerca della felicità. Tutti i grandi sentieri spirituali, soprattutto dell Oriente, tra i quali il Buddismo e lo Yoga, si sono sviluppati partendo da un elemento comune e cioè la constatazione della condizione di INFELICITÀ o per meglio dire di SOFFERENZA (DUHKHA) del genere umano. Il primo elemento che si evidenzia, infatti, è proprio quello. Charlie possedeva tutto per essere felice: la sua mamma e il suo papà lo amavano moltissimo. Aveva molti amici con cui giocare tra cui una bambina con un bel sorriso, e un cane che lo portava in giro a passeggio. Quello sarebbe il suo tempo per essere felice, perché ama ed è amato, ma non lo è, non lo sa, e così si muove, viaggia a cercare la vita perfetta. Ma su quale piano si muove il protagonista per cercare la felicità? O per meglio dire, su quale piano si muove l Uomo per trovare la felicità? Metaforicamente nella storia si parla di foreste, di deserti, di oceani, ma il significato di ciò è che la sua ricerca si rivolge lontano da sé, all esterno, in quella realtà che lo circonda e che vede, così come la mente e i sensi gliela fanno apparire: una realtà fenomenica, sensoriale, materiale e assolutamente di superficie e impermanente. E lì che l uomo si illude di trovarla: in un oggetto (una macchina nuova, un vestito nuovo e alla moda, un telefonino di ultima generazione ecc.), in un evento o in una persona (un viaggio, un figlio, un divorzio o un matrimonio, un cambio di lavoro, quando se ne andrà il capoufficio, ecc. ecc. ecc.). Analogamente Charlie: passava in rassegna un sacco di lavori, migliaia di libri, innumerevoli cinema,strumenti musicali da suonare, ogni sorta di passatempo e di sport, molte lingue straniere e le meraviglie del mondo. Sempre proiettato fuori, all esterno, lontano da sè. Ma, secondo lo yoga, tutto ciò che è impermanente non può che dare una felicità temporanea. Finito quel momento di entusiasmo iniziale, di gratificazione che puntualmente si scambia per felicità, tutto tende a scemare e ci si ritrova di nuovo in viaggio, sulla spinta del DESIDERIO di qualcos altro, e così via, a volte fino alla fine della vita. L uomo (Charlie) non sa di vivere come in un incantesimo, in una situazione di illusorietà (MAYA) a cui si lega quella che è considerata la prima e più importante causa fra le cinque (Klesa) della sofferenza umana e cioè l ignoranza (AVIDYA), non certo da intendersi come mancanza di sapere, bensì proprio come fraintendimento, il confondere, per esempio la realtà con ciò che percepiscono i sensi, il credere imperituro ciò che invece non lo è (ad es.: vivere pensando che si vivrà in eterno, che gli oggetti o le persone sono nostri, o che la felicità sia da ricercarsi nelle cose e manifestazione del mondo sensoriale). A tutto questo si lega un secondo elemento che ritroviamo anche nella storia e cioè che Charlie, in ogni situazione che si trova a vivere, scopre esserci sempre un qualcosa di negativo, pericoloso,che non gli piace, che non va e da cui fugge: i genitori gli facevano fare le faccende, gli amici a volte gli rompevano i giocattoli, e perfino il cane gli aveva attaccato due volte le pulci Ma il sole bruciava intensamente, e Charlie preferiva l ombra Ma in quel momento sentì un ramo cadere, e non voleva farsi male Ma vide l acqua profonda, e non sapeva nuotare. 5

6 Egli fugge continuamente la sofferenza, le situazioni spiacevoli credendo di poter trovare, da qualche parte, una condizione di perfezione. Allo stesso modo l uomo continuamente è spinto verso ciò che sente procurargli felicità, gratificazione, e che cerca di replicare, reiterare, e fugge, invece, da ciò che considera essere un ostacolo a questa ricerca. Attrazione/avversione: sono altri due Klesa, altre due cause della sofferenza umana che dipendono da Avidya (l Ignoranza). In questo immenso inganno di Maya si palesa all uomo una VISIONE DUALE DELLA REALTÀ (mi piace/non mi piace, bene/male, bello/brutto, buono/cattivo, ecc.) che è manifestazione di una coscienza imbrigliata nelle maglie della mente, per sua natura limitata e condizionata. L infelicità dell uomo, quindi, è il prodotto della mente condizionata che produce una visione separata della realtà, e che tiene in ostaggio la coscienza (la quale esiste prima della mente, secondo lo Yoga), per poter perpetuare il suo inganno. Scopo dell uomo, per lo yoga, è il superamento dei condizionamenti della mente allo scopo di liberare la coscienza e permetterle così di accedere ai piani più elevati ed intuitivi della Realtà, dove TUTTO È UNO. Il mezzo per giungere a questa LIBERAZIONE (Moksa) è la CONSAPEVOLEZZA. E Charlie al termine della sua vita, si ritrova da dove era partito, nello stesso luogo da cui era fuggito, a casa, dalla sua amica, dai suoi amici e comprende che la vera fonte della felicità sta dentro di sé ed è l AMORE: E mentre Charlie dedicava i suoi ultimi minuscoli secondi ai suoi amici era amato. E amava. Forse non era stato perfetto, ma era felice. Il luogo era lo stesso, gli amici erano gli stessi, ma lui no. Anche se solo da vecchio Charlie è stato fortunato perché ha potuto comprendere quale è il significato della vita per l uomo: amare ed essere amati. Ma ha anche compreso quello che nello yoga costituisce uno tra i dieci valori etici fondamentali da perseguire (divisi in Yama, regole sociali e Nyama, regole individuali) e cioè la capacità di essere contenti di quello che abbiamo (Santosha, accontentarsi), senza aspettare di perdere qualcosa per scoprire che lo eravamo. Santosha, quindi, è la consapevolezza che abbiamo molto di più di quello che effettivamente ci serve e cercare così di semplificare il nostro stile di vita. Il vero viaggio che l uomo può compiere verso la Felicità non è fuori, ma dentro sé stesso. Non è importante quanto è lungo il tempo che ci è dato di vivere, è importante con quale pienezza riusciamo a vivere ogni istante della nostra vita. Da essa non possiamo eliminare il dolore, la sofferenza, ma possiamo decidere se disperarci soltanto in questi momenti oppure provare a comprendere davvero in profondità che fanno parte della vita stessa e del suo mistero e che a volte possono rappresentare non solo sofferenza ma anche opportunità di comprensione e di crescita. Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell avere nuovi occhi. Marcel Proust Andai nei boschi perché volevo vivere con saggezza e in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, sbaragliare tutto ciò che non era vita e non scoprire in punto di morte che non ero vissuto. Henry David Thoreau Shanti Path: Asato ma sad gamaya, Dalle Tenebre conducimi alla Luce Tamaso ma jyotir gamaya, Dall Irreale conducimi al Reale Mrityor ma hamritam gamaya Dalla Morte conducimi all Immortalità 6

7 IL VIAGGIATORE SPIEGATO AI BAMBINI Che cosa ci insegna la storia di Charlie? Charlie è un bambino contento o scontento? Pensate un po : all inizio della storia Charlie ci viene descritto come un bambino che ha tante cose belle per essere felice. Vi ricordate quali sono? Una mamma e un papà che gli vogliono bene, che è la cosa più importante, un cane che gli fa compagnia, un amica del cuore. Ma pur avendo così tante cose Charlie non è felice ma insoddisfatto e scontento, vuole di più ma non sa che cosa. Non solo, egli è convinto di poter fermare il tempo, chiudendolo dentro una valigia, così da tirarlo fuori e utilizzarlo nel momento in cui pensa di aver trovato la felicità perfetta. Da questa insoddisfazione inizia il suo viaggio che lo porterà in luoghi meravigliosi, farà tante esperienze, tante scoperte, conoscerà tante cose belle, ma alla fine Charlie è ancora il bambino che era partito da caso o no? No, ormai è diventato un uomo anziano, e questo ci fa capire che Charlie non era riuscito a fermare il tempo, anzi era trascorso, eccome! E a quel punto scopre che per quanto abbia cercato e cercato, la felicità perfetta non esiste. E che cosa succede dopo? Succede che ritorna a casa, nello stesso luogo da cui si era allontanato, e proprio lì riscopre l affetto dei suoi amici a cui anche lui voleva tanto bene e capisce che la cosa che davvero ci può rendere felici nella vita non è un oggetto, un viaggio, un luogo si, certo, queste cose possono renderci contenti, darci una felicità temporanea, che non dura per sempre ma ciò che ci può regalare una gioia più profonda e duratura è la capacità di amare e di essere amati. La storia di Charlie quindi ci insegna tante cose. La prima è che dobbiamo cercare di essere CONTENTI di quello che già abbiamo (nello yoga si chiama Samtosa, e vuol dire proprio accontentarsi ) e non pensare che ci manchi sempre qualcosa per esserlo. Chissà quante volte vi siete sentiti tristi perché volevate a tutti i costi un giocattolo nuovo, o una qualsiasi cosa che desideravate tanto pensando che sareste stati felici con quella cosa. E ogni volta che siete stati accontentati da papà e mamma nelle vostre richieste eravate davvero felici, contenti ma poi dopo un po, vi siete stancati di quel giocattolo e ne avete voluto un altro. Allora quando vi succede di desiderare tanto una cosa provate a pensare a quante cose belle già avete e a quanti bambini poveri non hanno nemmeno uno dei giocattoli che voi già possedete a casa e malgrado ciò riescono ad essere felici lo stesso. E allora capite, se riflettete un attimo, quanto siete fortunati! E a proposito di questo, dobbiamo anche pensare che le cose veramente importanti e che ci possono dare gioia non si toccano con le mani e sono il rispetto, la gentilezza, la generosità, la comprensione il cercare di volere bene. Questa è la seconda cosa importante che ci insegna la storia. Anche Charlie, il nostro protagonista, comprende questo, ma troppo tardi, quando ormai è già anziano. Se lo avesse capito prima, la sua vita sarebbe stata più felice. E poi capiamo un ultima cosa importante che riguarda il tempo: il tempo non si può fermare, le lancette dell orologio corrono sempre e la storia di Charlie ce lo insegna. Allora dobbiamo ricordarci che ogni momento della nostra vita, ogni giorno, ogni ora, persino ogni secondo, anche quello che state trascorrendo adesso è come una piccola pepita d oro, è molto prezioso e dobbiamo averne cura e non fare come Charlie che il tempo gli è sfuggito via senza che se ne accorgesse. Solo alla fine si è accorto, quando si ritrova con gli amici a raccontare, che la sua vita sarebbe stata bella se avesse imparato prima ad apprezzare quello che aveva, invece di rincorrere una felicità perfetta che non esiste. La vita è un bene prezioso, e dobbiamo essere consapevoli di questo e vivere perciò ogni momento come un dono che ci viene fatto. Emanuela 7

8 PERCHE RACCONTARE I bambini, per poter crescere in modo armonioso ed equilibrato, hanno bisogno di essere guardati, ascoltati, compresi, accolti e amati, avendo la possibilità di vivere le emozioni e con l aiuto dell adulto riconoscerle e dare loro un nome. Varie sono le esperienze che possono essere proposte: una di queste è certamente la lettura di fiabe, racconti e storie. Nella trasmissione orale primitiva il mito, la leggenda, la fiaba, il racconto si intrecciano e si compenetrano con gli elementi della visione religiosa, della tradizione rituale e dell istruzione tecnica [ ] Attraverso le vicende dei protagonisti le fiabe preannunciano le future tappe dell esistenza, con le difficoltà che si potranno presentare e le maniere in cui superarle. In questo senso sono un corso completo di formazione alla vita. Non è un caso che i bambini amino particolarmente una certa fiaba, in un determinato periodo e vogliono sentire solo quella, la ascoltino, la riascoltino e non si stanchino mai di sentirsela raccontare; le altre fiabe non interessano. In quel momento quella è la loro fiaba, è quella che parla del problema che al presente li riguarda. (da Raccontare una fiaba di Paola Santagostino) La fase della storia come rassicurazione profonda attraverso il linguaggio. [ ]L onnipotenza magica è una risorsa favolosa per allontanare l angoscia ed affermare la propria esistenza. Durante il racconto della storia il bambino non può pensare ad altro è dentro ad una globalità di emozioni. (da Il metodo Aucouturier di Bernard Aucouturier) Questi autorevoli spunti teorici ci fanno comprendere l importanza della narrazione per il bambino: possiamo infatti affermare che stimola la creatività, la capacità di rielaborare, di fare collegamenti logici e di connessioni, di allenarsi alle sequenze temporali del prima e dopo, sulle relazioni di causa - effetto e così via. Inoltre il bambino viene accompagnato nel riconoscere, denominare e verbalizzare anche le proprie emozioni, nel momento stesso in cui le vive. Vari spunti di riflessione sono offerti dalla storia di Charlie, un bambino che in apparenza ha tutto: la sua mamma e il suo papà lo amavano moltissimo. Aveva molti amici con cui giocare tra cui una bambina con un bel sorriso, e un cane che lo portava in giro a passeggio Ma sta vivendo un disagio: non è FELICE ne SODDISFATTO, non si accontenta di quello che ha. Quante volte questo atteggiamento lo riscontriamo nei nostri alunni; soddisfatto un desiderio se ne presenta subito un altro. Non si accontentano, vogliono sempre qualcosa di nuovo. La famiglia e la società non aiutano: in molti casi rinforzano questa visione della vita troppo materialista. Non insegnano a prendere le distanze dalle cose e a ringraziare di quello che si ha. Nessuno potrà insegnargli ad essere felici, perché la vera felicità la troveranno solo dentro di loro. i genitori gli facevano fare le faccende, gli amici a volte gli rompevano i giocattoli, e perfino il cane gli aveva attaccato due volte le pulci. [ ]Ma il sole bruciava intensamente, e Charlie preferiva l ombra. [ ]Ma in quel momento sentì un ramo cadere, e non voleva farsi male. [ ]Ma vide l acqua profonda, e non sapeva nuotare [ ]. Charlie sente il bisogno di mettersi alla ricerca di qualcosa di perfetto. 8

9 La sua storia è quella di un viaggio affettivo, metafora dell esperienza che fanno tutti i bambini nel loro percorso di crescita. L'identità del bambino si costruisce attraverso un vero e proprio viaggio, durante il quale si fanno incontri, si instaurano relazioni, si scoprono luoghi diversi. Un viaggio, carico di emozioni e conoscenze, di difficoltà ed avventure. Viaggiare ed esplorare, contengono un forte potenziale educativo e pedagogico: il viaggio è metafora di crescita ed apprendimento, tale da facilitare il dialogo e l espressività del bambino, in tutte le sue forme. Anche in questa storia l adulto può riconosce il bisogno dei bambini di esplorazione, di scoperta, di autonomia e di indipendenza. Se i bambini riusciranno ad assumere l atteggiamento del viaggiatore, sapranno gestire l imprevisto, essere aperti al nuovo e al diverso da sé, non avranno paura del confronto, sapranno essere disponibili a rischiare, a scoprire, a RINNOVARSI. E mentre Charlie dedicava i suoi ultimi minuscoli secondi ai suoi amici era amato. E amava. Forse non era stato perfetto, ma era felice. Un viaggio che si conclude con la grande gioia di ritrovare gli amici e non essere più da SOLO; la meravigliosa sensazione di amare e di sentirsi AMATO. Bisogni fondamentali per ogni essere umano dal momento che si affaccia alla vita e che lo accompagneranno in tutto il suo percorso esistenziale. Si personne, jamais, ne nous avait touches nous serions des infirmes. Si personne, jamais, ne nous avait parlé nous serions des muets. Si personne, jamais, ne nous avait souri, et regardé nous serions des aveugles Si personne, jamais, ne nous avait aimés nous ne serions <<personne>> Paul Baudiquey Traduzione: << Se nessuno ci avesse toccato, saremmo infermi. Se nessuno ci avesse mai parlato saremmo muti. Se nessuno ci avesse mai sorriso e guardato saremmo ciechi. Se nessuno ci avesse mai amato, non saremmo persone>>. 9

10 BREVE DESCRIZIONE DEL PERCORSO Gruppo di 6/8 bambini/e dai 6 ai 10 anni. Si racconta la storia di Charlie mettendo in evidenza il fatto di essere un bambino scontento, insoddisfatto di ciò che aveva; è la sua insoddisfazione o infelicità che lo porta a cercare qualcosa di PERFETTO; egli è convinto di poter fermare il tempo per usarlo in un momento ideale di felicità perfetta. Da qui inizia il suo viaggio; che lo riporterà a casa dopo un lungo peregrinare perché ciò che cercava era già lì: L AMORE (leggere la storia sul libro). Tutti i bambini compiono il Viaggio di Charlie insieme ad una Voce Narrante (l insegnante). Il viaggio avviene secondo la traccia di massima del testo di Daren Simkin. Il viaggio viene compiuto seguendo il metodo Giocayoga, composto da: 1. un rito di apertura 2. il riscaldamento muscolare 3. preparazione al viaggio 4. un breve momento di raccoglimento prima di iniziare il viaggio 5. Asana, alternate ad una serie di ritualità (il ritornello) 6. rilassamento con piccola meditazione e breve visualizzazione sul tema di Charlie e il suo viaggio. 7. rito di chiusura coloritura di un Mandala AMBIENTI 1.Foresta 2.Deserto 3.Oceano Per ogni ambiente abbinare delle ASANA: 1 che simboleggi l ambiente 3 che rappresentino gli animali MATERIALI Cartoncini di varie forme per rappresentare il TEMPO: strisce, carta stropicciata, fogli grandi e pezzetti piccoli. Sacchetti di stoffa: uno per bambino Metronomo Musiche. Tappetini Mandala ALTRI POSSIBILI PERCORSI CORRELATI Attività pittoriche, per la realizzazione di fondali che rappresentino i 3 ambienti descritti nella storia. Riconoscere le emozioni emerse nel racconto; le possiamo rappresentare con i movimenti del corpo, la voce, la traccia grafica. Riconosciamo le nostre emozioni. MODALITA DI LAVORO Il gruppo si è riunito più volte; ognuno a messo a disposizione la propria esperienza, le proprie competenze. In un clima di condivisione si sono fatte varie riflessioni utilizzate poi per l elaborazione della tesina. 10

11 RITUALE D INGRESSO L insegnante accoglie i bambini e ricorda che stanno per entrare in uno spazio pensato e preparato per loro: uno spazio speciale dove nessuno verrà giudicato, ma dove nella massima libertà potranno vivere delle esperienze che li porteranno a conoscere meglio se stessi e a rispettare gli spazi degli altri. Importante è il rispetto di alcune regole: Avere cura delle proprie cose. Non farsi male. Non fare male agli altri. Il silenzio. Il potere di parola lo conferisce il BASTONE DELLA PAROLA. Per raggiungere la sala i bambini devono percorrere un breve tragitto: una strada delimitata dai pezzi di carta, alcuni bianchi e altri colorati, che rappresentano il tempo. I bambini entrano nella sala dopo aver suonato la campana tibetana e detto il nome si siedono su un tappetino disposti a raggiera. IL TG DELLE BUONE NOTIZIE I bambini dicono una buona notizia utilizzando il bastone della parola. L insegnante per prima dà una buona notizia. RISCALDAMENTO MUSCOLARE VOCE NARRANTE: C era una volta un bambino di nome Charlie. La sua mamma e il suo papà lo amavano moltissimo. Aveva molti amici con cui giocare, tra cui una bambina con un bel sorriso, e un cane che lo portava in giro a passeggio. (I bambini iniziano ad alzarsi) Ma Charlie non era del tutto felice, perché la vita non gli sembrava perfetta. Dopotutto, i genitori gli facevano fare le faccende gli amici a volte gli rompevano i giocattoli, e perfino il cane gli aveva attaccato due volte le pulci. Base musicale: Jump di Van Hallen GIOCO DEL PITTORE. Lo utilizziamo per simboleggiare: le faccende: spolverare le pareti, lavare il pavimento, togliere le ragnatele dal soffitto Ci passiamo tutto il corpo per togliere le pulci. Dopo il momento dinamico facciamo vivere ai bambini un momento di ascolto del respiro e del battito del cuore. 11

12 PREPARAZIONE AL VIAGGIO E a impacchettare il suo tempo si mise; iniziando dai grandi, voluminosi decenni, per passare agli anni rotondi e schiacciati, i quadrati, soffici mesi, le triangolari, luccicanti settimane e i giorni sfilacciati un sacco di morbide ore di seta e i minuti sgualciti. Charlie spinse dentro anche un mucchio di minuscoli secondi per il viaggio, benché non sembrava che volessero partire. Base musicale: metronomo Viene posizionato il metronomo in funzione a simboleggiare IL TEMPO. I bambini assumono la posizione del QUADRATO (la valigia). Lasciano la posizione e vanno a prendere il TEMPO (pezzi di cartoncino) e li mettono nel sacchetto poi tornano sul tappetino. ASANA: IL QUADRATO BREVE MOMENTO DI RACCOGLIMENTO Chiuse la sua valigia e strinse forte le cinghie. L ultima notte prima di iniziare il viaggio Si siedono sul tappetino e mettono il sacchetto sulle cosce e assumono la posizione della PINZA (il tempo chiuso nella valigia). Momento di silenzio ogni bambino può riporre il suo tempo in un sacchetto. Viene spento il metronomo e spostato in un angolo della stanza. ASANA: LA PINZA 12

13 INIZIA IL VIAGGIO Il giorno dopo all alba, Charlie trascinò la valigia di sotto. Arrivederci mamma. Arrivederci, papà. Arrivederci, Charlie, risposero i suoi genitori con le lacrime agli occhi. Per favore prendi il mio berretto, gli disse la sua amica carina, che s era affrettata per vederlo. E cosi Charlie se ne andò a cercare qualcosa di perfetto che lo rendesse felice. I bambini lasciano il cerchio e si dispongono in fila dietro la voce narrante, si muovono seguendo i movimenti del ritornello. RITORNELLO Base musicale: Paradise dei Coldplay VOCE NARRANTE Camminava e camminava Dormiva e dormiva Con la sua pesante valigia accanto Che lo faceva sentire felice Perché poteva dire il mio tempo è al sicuro nella valigia camminare nello spazio mettere le mani come fossero un cuscino appoggiare prima una guancia poi l altra far finta di avere in mano la maniglia della valigia alzare le braccia al cielo, mani aperte che si muovono, testa leggermente all indietro e guardare le mani. appoggiare sulle spalle le mani incrociate e muoversi leggermente dx e a sx Troverò presto qualcosa di perfetto abbassarsi e far finta di raccogliere qualcosa per trascorrerlo tutto! rialzarsi srotolando la schiena. Portare una mano dietro la schiena e l altra in avanti come se contenesse qualcosa in questa posizione fare un giro su se stessi. 13

14 PRIMA TAPPA DEL VIAGGIO FORESTA Base musicale: Il bosco da Suoni e Natura VOCE NARRANTE: Una mattina Charlie camminava accanto a una bella FORESTA. Api ronzanti, scoiattoli a far provviste e tacchini gloglottanti, e persino qualche daino con gli occhi sbarrati, uscirono per vedere se lui voleva trascorrere il suo tempo con loro. Charlie posò la valigia e si mise a pensare. Ma in quel momento senti un ramo cadere, e non voleva farsi male. Allora la foresta non era del tutto perfetta, e Charlie scosse la testa, raccolse la valigia e si rimise in viaggio. ASANA: RITORNELLO Base musicale: Paradise dei Coldplay VOCE NARRANTE Camminava e camminava Dormiva e dormiva Con la sua pesante valigia accanto Che lo faceva sentire felice Perché poteva dire il mio tempo è al sicuro nella valigia camminare nello spazio mettere le mani come fossero un cuscino appoggiare prima una guancia poi l altra far finta di avere in mano la maniglia della valigia alzare le braccia al cielo, mani aperte che si muovono, testa leggermente all indietro e guardare le mani. appoggiare sulle spalle le mani incrociate e muoversi leggermente dx e a sx Troverò presto qualcosa di perfetto abbassarsi e far finta di raccogliere qualcosa, poi rialzarsi srotolando la schiena per trascorrerlo tutto! Portare una mano dietro la schiena e l altra in avanti come se contenesse qualcosa in questa posizione fare un giro su se stessi. 14

15 15

16 SECONDA TAPPA DEL VIAGGIO DESERTO Base musicale: No man s land di Hevia VOCE NARRANTE: Un giorno Charlie camminava attraverso un DESERTO VENTOSO. Cammelli sputacchianti, lucertole striscianti e lepri saltellanti e perfino una pacifica volpe si avvicinarono per osservarlo prendere la sua decisione. Charlie posò la valigia e pensò. Ma il sole bruciava intensamente, e Charlie preferiva l ombra. Neanche il deserto era del tutto perfetto, e Charlie scosse la testa, raccolse la valigia e si rimise in viaggio. ASANA: RITORNELLO Base musicale: Paradise dei Coldplay VOCE NARRANTE Camminava e camminava Dormiva e dormiva Con la sua pesante valigia accanto Che lo faceva sentire felice camminare nello spazio mettere le mani come fossero un cuscino appoggiare prima una guancia poi l altra far finta di avere in mano la maniglia della valigia alzare le braccia al cielo, mani aperte che si muovono, testa leggermente all indietro e guardare le mani. Perché poteva dire il mio tempo è al sicuro nella valigia appoggiare sulle spalle le mani incrociate e muoversi leggermente dx e a sx Troverò presto qualcosa di perfetto abbassarsi e far finta di raccogliere qualcosa, poi rialzarsi srotolando la schiena per trascorrerlo tutto! Portare una mano dietro la schiena e l altra in avanti come se contenesse qualcosa in questa posizione fare un giro su se stessi. 16

17 17

18 TERZA TAPPA DEL VIAGGIO OCEANO Base musicale: Oltremare di Einaudi VOCE NARRANTE: Un pomeriggio Charlie camminava lungo un OCEANO SCINTILLANTE. Balene giganti, foche spruzzanti e anguille sguscianti e perfino il minuscolo plancton fecero capolino dall acqua per vedere ciò che faceva. Charlie lasciò andare la valigia e rifletté. Ma vide l acqua profonda, e non sapeva nuotare. Nemmeno l oceano era del tutto perfetto, e Charlie scosse la testa, raccolse la valigia e si rimise in viaggio. ASANA: RITORNELLO Base musicale: Paradise dei Coldplay VOCE NARRANTE Camminava e camminava Dormiva e dormiva Con la sua pesante valigia accanto Che lo faceva sentire felice Perché poteva dire il mio tempo è al sicuro nella valigia camminare nello spazio mettere le mani come fossero un cuscino appoggiare prima una guancia poi l altra far finta di avere in mano la maniglia della valigia alzare le braccia al cielo, mani aperte che si muovono, testa leggermente all indietro e guardare le mani. appoggiare sulle spalle le mani incrociate e muoversi leggermente dx e a sx Troverò presto qualcosa di perfetto abbassarsi e far finta di raccogliere qualcosa, poi rialzarsi srotolando la schiena per trascorrerlo tutto! Portare una mano dietro la schiena e l altra in avanti come se contenesse qualcosa in questa posizione fare un giro su se stessi. 18

19 19

20 VOCE NARRANTE I bambini durante la narrazione: continuano a camminare e si guardano in giro, vanno a riprendere i sacchetti con il tempo e li portano sul tappetino. Man mano che Charlie camminava passava in rassegna un sacco di lavori migliaia di libri, innumerevoli cinema e strumenti musicali da suonare, ogni sorta di passatempo e tipo di sport, molte lingue straniere e le meraviglie del mondo. Ma nulla era esattamente ciò che stava cercando. Niente era perfetto. Finché una notte, era ormai un uomo anziano e stanco, Charlie capi che era solo. Più di ogni altra cosa al mondo, aveva bisogno di qualcuno con cui parlare. Aveva viaggiato nell oscurità, s era arrampicato al chiaro di luna e aveva camminato sotto le stelle. E alla fine giunse a casa dove trovò i suoi amici, pronto a trascorrere il suo tempo rimasto a casa e con loro I bambini si salutano, si abbracciano, sorridono, sono attorno al metronomo. Si abbassano riprendono i sacchetti e li svuotano facendo cadere il tempo sopra al metronomo. RILASSAMENTO: Si distendono su un fianco e guardano il tempo ASANA: IL BUDDA DORMIENTE E poi arriva la sera e Charlie si addormenta felice... Tutti distesi (shavasana). VISUALIZZAZIONE E PICCOLA MEDITAZIONE SUL VIAGGIO DI CHARLIE VOCE NARRANTE E mentre Charlie dedicava suoi ultimi minuscoli secondi ai suoi amici, era amato. E amava. Forse la vita di Charlie non era stata perfetta, ma era felice. Base musicale: Meditation deep relaxation da Musiche per yoga Bambini.. adesso vi sdraiate.se volete potete chiudere gli occhi come se voleste fare un sonno.sentite il vostro corpo come fosse un sacco di sabbia pesantissimo.e caldo abbandonato sul tappeto.sentite la forma che gli avete fatto assumere un po ricorda la forma di una stellina.ora con la mente facciamo una breve passeggiata sul nostro corpo per rilassare meglio tutte le sue parti.cerco di sentire quali punti del corpo stanno toccando il tappeto.non preoccupatevi se non conoscete alcune parti del corpo.e allora, partendo dai piedi, posso sentire il contatto dei talloni rilasso bene tutte e due i piedi e le caviglie.passeggiando un po più in su con la mente sento l appoggio 20

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA Jone Galli Lo scialle magico PAURA Esprimere, in forma ludica ed espressiva, le proprie emozioni riguardo il tema della paura. 20-30 minuti Lo scialle magico, I. Mylo e M.J. Sacré, Ed. Arka Uno scialle,

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

AgriBizzarra Onlus. Associazione di Promozione Sociale. Castelletto Merli (AL)

AgriBizzarra Onlus. Associazione di Promozione Sociale. Castelletto Merli (AL) AgriBizzarra Onlus Associazione di Promozione Sociale Castelletto Merli (AL) mail: agribizzarra@gmail.com - http://agribizzarra.blogspot.it - tel. 345/9749215 p.iva 029419640061 Aps AgriBizzara Onlus è

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità Progetto di musicoterapia I.P.S. Falcone Palazzolo S/O a.s. 2008/09 1 Scaletta 1 incontro 24 novembre 2008 - Finalità generale: Migliorare la socializzazione. Interazione positiva con tutti i compagni.

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE Dott.ssa Stefania Ferrari Villafranca, Marzo/Maggio 2010 Osservazione delle competenze di ascolto e produzione orale nella narrazione Insegnanti

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO!

PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO! PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO! Al telefono si sente la voce contrariata di un giovane. Pronto, pronto, buongiorno signorina, parlo con Supertel?. Si, buongiorno,

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film:

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: La prima richiesta fatta ai bambini è stata di indicare quali film conoscevano che raccontassero storie ambientate

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli