I VIAGGI DI PRIMAVERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I VIAGGI DI PRIMAVERA"

Transcript

1 I VIAGGI DI PRIMAVERA Al di la del confine tra cielo e mare. Il desiderio di mare reso ancor più acuto dall epilogo della stagione invernale, la bramosia di luce, colori e profumi legata al sopraggiungere della primavera, hanno nuovamente consentito ad A Vele Spiegate di programmare la, ormai classica, crociera di primavera. E. dunque nuovi orizzonti, nuove mete, nuove promesse, l ancestrale desiderio della scoperta attrae nuove rotte, spinge oltre l orizzonte ed ancora una volta penso a quale propizia fortuna sia scoprirsi in grado di muovere rotte, accogliere venti, usare manovre., aggiungere, miglio dopo miglio, nuove promesse. Le nostre crociere di primavera quest anno indicano un itinerario tra i più attraenti del Mediterraneo: Le Eolie le isole del vento Poco distanti dalla costa nord orientale della Sicilia, si compongono di un novero di sette tra isole e poco più che scogli. Il punto di partenza più prossimo è il porto di Milazzo, dal quale, dopo appena 12 miglia è possibile raggiungere Vulcano e, gomito a gomito, Lipari e Salina. Appena più discosta Panarea mentre, ad oriente, irto e fumante va delineandosi l isolotto di Stromboli. Ad occidente, avvolte nell azzurro tra mare e cielo, i contorni delle due primitive e selvagge Alicudi e Filicudi. La scelta su tre settimane dal 25 aprile al 16 maggio con partenze nei pomeriggi del sabato di ciascuna delle tre. L imbarco previsto alle ore 17.00, mentre lo sbarco il sabato successivo entro le 8.30 del mattino. Il raggiungimento di Milazzo dovrà avvenire entro le prime ore del pomeriggio così da consentirci i necessari rifornimenti e lo stivaggio degli effetti personali. Quindi la partenza, per il primo ancoraggio nel sicuro ed accogliente porto di Lipari. Dalla domenica e, per i giorni a seguire in favore di vento, verso le altre mete del viaggio

2 Le Eolie Isola, che del mar giace nel cuore, Isola, dove soggiorna entro alle sue celle secrete l immortal figlia di quel saggio Atlante, che del mar tutto, i più riposti fondi conosce e regge le colonne immense La storia Le sette splendide sorelle che punteggiano il blu del mare di fronte alla costa nordorientale della Sicilia sono di natura vulcanica aspra e selvaggia. Il mito le vuole dimora del dio del vento, Eolo, e forse anche temporaneo approdo dell'eroe Ulisse che oltre al dio, rifugiato nell'isola cinta di mura di bronzi (probabilmente Lipari), incontra anche il mostruoso Polifemo ed i suoi compagni, leggendari forgiatori alle dipendenze del dio del fuoco di cui l'isola Vulcano riprende il nome Le Eolie erano vulcani sottomarini emersi dalle acque circa anni fa nel seguente ordine: Panarea, Filicudi, Alicudi, Salina, Lipari, Vulcano e per ultimo Stromboli il quale forse ha circa anni di età. L'ultima emersione fu quella di Vulcanello (penisoletta dell'isola di Vulcano) avvenuta nel 183 a.c., mentre le ultime colate di pomice ed ossidiana sul monte Pelato a Lipari, sono avvenute circa 1500 anni fa. Le eruzioni ed i fenomeni vulcanici si susseguirono nel corso dei millenni e la loro diversa natura produsse fenomeni differenti, dalla formazione della pietra pomice, così leggera da galleggiare sull'acqua, alle colate della lava che una volta raffreddata formava un vetro vulcanico nero e tagliente l'ossidiana, così tagliente da essere scelto dalle popolazioni antiche per la fabbricazione di utensili affilati. L'esportazione dell'ossidiana in tutto il mediterraneo diede a Lipari, in particolare, una grande ricchezza economica. Verso il 2500 a.c. con l'avvento dell'era dei metalli il mercato dell'ossidiana andò perdendo molta della sua importanza, ma data la sua felice posizione geografica Lipari non ne risentì più di tanto. Verso la fine dell'età del bronzo e l'inizio dell'età del ferro Lipari viene invasa da genti provenienti dall'italia (cultura subappenninica) a loro volta cacciati da altre popolazioni della penisola italica, i cui - 2 -

3 manufatti rinvenuti li fanno ritenere appartenenti alla civiltà 'villanoviana'. Nei secoli VII e VI a.c. le Eolie furono stremate dalle continue scorrerie degli Etruschi, ma una svolta nella storia delle isole avviene con l'inizio della colonizzazione greca. Nel 580 a.c. alcuni profughi e avventurieri provenienti dalla colonia spartana in Asia Minore di Cnido, guidati da Gorgo, Testore ed Epitersite sbarcarono a Lipari ed insieme alle popolazioni locali riuscirono efficacemente ad opporsi alle incursioni etrusche. Nel 264 a.c. lo scoppio della prima guerra punica vide Lipari alleata dei Cartaginesi, in conseguenza di ciò dovette subire i ripetuti attacchi della flotta romana. Nel 252 a.c. il console romano Caio Aurelio riuscì, infine, a sottomettere le isole a Roma. Caduto l'impero Romano le isole attraversano un periodo di desolazione accentuata, inseguito, dalla dominazione bizantina e dalla occupazione araba dal 827 al Sono i Normanni invece, che con la loro venuta, diedero un nuovo impulso alla vita delle Eolie. Il Gran Conte Ruggero fece in modo che nelle isole si stabilisse una comunità benedettina. Nel 1131 viene ricostituita la sede vescovile a Lipari. Fino al 1340 passando attraverso gli svevi, gli angioini e gli aragonesi, le isole Eolie godettero di una notevole prosperità grazie ai privilegi che i vari governi andavano dispensando. Nel 1544 una flotta turca, dopo undici giorni di assedio, distrussero Lipari portandosi in schiavitù circa abitanti. Soltanto nel 1691 gli abitanti tornarono ad essere circa dopo una lenta ricostruzione. Agli inizi del XIX secolo Lipari divenne lo scalo obbligato di parecchie linee marittime. Questo stato di cose contribuì ad un grande sviluppo economico delle Eolie, basti pensare che nel 1891 gli abitanti superarono le unità. Momenti difficili vennero con la filossera che provocò la distruzione di numerosi vigneti ed una generale crisi economica provocando l'emigrazione di quasi il 50% degli abitanti delle isole. Oggi, l'agricoltura, la pesca ed turismo sono le componenti principali dell'economia eoliana, mentre l'industria estrattiva della pomice, che per anni è stata una delle componenti economiche più importanti, si è arrestata. L'agricoltura eoliana consente la produzione di capperi, uva passa ma sopratutto la produzione del famosissimo vino denominato malvasia, famoso nel mondo per la sua qualità con caratteristiche uniche. In questi ultimi 50 anni il boom turistico ha portato nelle isole un benessere economico senza precedenti. Conservare questa leadership turistica rappresenta l'imperativo categorico per gli eoliani. Nel 2000 le Isole Eolie sono state dichiarate dall'unesco "patrimonio culturale dell umanità", tocca a tutti gli eoliani ed anche a chi le visiterà solo per un giorno, rispettare e preservare questa grande fortuna

4 La Geologia L'arco Eoliano è un arco insulare localizzato nella scarpata continentale del fondale oceanico del Tirreno meridionale, su una crosta continentale dello spessore di km. E formato dalle sette isole Eolie, tutte di origine vulcanica (Alicudi, Filicudi, Salina, Lipari, Vulcano, Panarea e Stromboli con il vicino Strombolicchio), e da varie montagne sottomarine, anch'esse di origine vulcanica (Glauco, Sisifo, Prometeo, Enarete, Eolo, Lametini, Alcione, Glabro, Palinuro, Magnaghi e Marsili), che costituiscono una struttura di forma approssimativamente anulare. L'ipotesi comunemente accettata correla il magmatismo eoliano alla subduzione, ancora in atto, della piattaforma Ionica al di sotto dell'arco calabro. Le isole Eolie sono infatti situate all'interno dell'arco Calabro, sulla scarpata continentale calabrese e siciliana che procede, verso Nord-Ovest, fino al fondale tirrenico. Un profondo e ripido (70-80 ) Piano di Benioff a nord-ovest è stato riconosciuto sotto l'arco calabro in base alla distribuzione dei terremoti con ipocentro intermedio (quelli, cioè, che avvengono fra i 70 e 300 km di profondità) e profondo (oltre cioè i 300 km di profondità)[2]. La sismicità profonda è limitata alla branca orientale dell'arco, mentre è assente al di sotto delle isole occidentali, e la scarpata Tindari-Letojanni-Malta divide i due diversi regimi tettonici. L'età di queste strutture varia da 1,3 Ma (datazione del basalto di Sisifo) fino ai nostri giorni. Eruzioni vulcaniche sono state registrate in epoca storica a Lipari, una attività vulcanica sottomarina è stata registrata nei pressi di Panarea nel biennio , mentre Vulcano e Stromboli sono vulcani ancora in attività. Le rimanenti isole sono formate da magma composito (lava, duomi, depositi piroclastici, ecc.). La composizione delle rocce vulcaniche mostra un'evoluzione attraverso le tipiche quattro fasi di magmi degli ambienti orogenici: tholeiiti, magmi calcalcalini, magmi calcalcalini con elevato contenuto di potassio, e infine magmi shoshonitici

5 Le Isole Vulcano Un bagliore rosso, fumo, cenere, lapilli. La terra si scuote, come un gigante inquieto, sbuffa, brontola, finchè lunghe e sinuose lingue di lava non iniziano a scendere i fianchi dell officina sotterranea dove Vulcano, divino fabbro del fuoco, soffia il suo alito rovente! Vulcano, l antica Hierà (sacra), Thermessa o Terasia, e' un isola molto interessante per i suoi svariati fenomeni vulcanici e post-vulcanici. La caratteristica peculiare di Vulcano e' costituita da un altopiano, il più vasto delle Eolie, formato da lave, banchi di tufi, depositi quaternari e solcato da profondi valloni. E cinto da colline ondulate e nude, che digradano verso il mare. Sulle alte pendici dell isola il panorama si presenta pittoresco e selvaggio. Picchi si alternano a estese zone di tufi e di arene. Il giro di circumnavigazione di Vulcano e' un susseguirsi di fantastiche visioni, famose per varietà e bellezza di scenari. Nell isola di Vulcano si distinguono tre unità morfologiche: la prima, a Sud, e' costituita da numerosi strato vulcani (monte Aria (500m), monte Saraceno (481 m) e monte Luccia (n 188 m)) e dalla grande depressione, a forma di ferro di cavallo slabbrato verso Nord-Ovest, di Vulcano Piano (330m); la seconda al centro, costituita dalla Caldera di Vulcano, la cui parte centrale costituisce il cratere di Vulcano Fossa. E costituito da due crateri, la Fossa I e, 400 metri a Sud-Ovest dal primo, l attuale cratere Fossa II; ha un diametro di circa 500 metri, una profondità di 200 metri e ha dato luogo ad eruzioni storicamente conosciute, caratterizzate da attività prevalentemente esplosiva e da numerose colate di lava, una delle quali, la famosa colata di ossidiana di Pietre Cotte, si - 5 -

6 espande lungo il fianco Nord-Ovest in prossimità di due crateri avventizi di Forgia Vecchia superiore ed inferiore. La terza unità e' costituita da Vulcanello (123 m) con i suoi tre crateri allineati in direzione Nord-Est/Sud- Ovest. Questo piccolo apparato ha emesso numerose colate di lava che costituiscono la piattaforma di Vulcanello e punta del Roveto. Vulcanello è congiunto a Vulcano da un sottile istmo, un metro circa al di sopra del livello del mare, sommerso dalle acque in condizioni meteorologiche particolarmente avverse. Nei mesi estivi il suolo si riveste di una bella e varia colorazione. Si tratta di efflorescenze (sublimazioni fumaroliche) a solfato di ferro e di alluminio trasudate dal terreno. Attorno ai faraglioni e dinanzi alla spiaggia, di fronte alla quale ormeggeremo, si verifica il tipico fenomeno del gorgoglio dell acqua provocato da fumarole submarine. Sul fondo si scorgono depositi di zolfo colloidale sotto forma di esili filamenti fioccosi, che conferiscono al mare un aspetto lattiginoso. Il gas, erompendo, genera sulla superficie marina innumerevoli bolle. Il fenomeno si può osservare molto bene dall alto dei faraglioni, quando il mare è calmo. Ma soprattutto sarà un esperienza sicuramente curiosa immergersi in queste acque e goderne i benefici, come i locali sostengono, per la pelle e per i dolori articolari. Ancora, spostandosi di poche centinaia di metri, potremo ammirare lo sgorgare di una sorgente termale chiamata Acqua di Bagno con il suo noto potere terapeutico. L'ascensione sul vulcano e l escursione al cratere sono una piacevole passeggiata, da fare nel primo mattino o alla sera e, anche se in salita, non è necessario affidarsi ad una guida per arrivare in vetta. Si può andare liberamente, partendo dalla zona del porto, dove ha inizio un sentiero ben segnato. Giunti alla vetta si godrà di un panorama magnifico e della vista totale, se l'emissione di gas lo permette, del tappo che blocca il cratere centrale. La strada è fattibile da tutti ed anche i bambini si divertiranno a salire in libertà; la discesa è semplice e con le dovute cautele, estremamente divertente se fatta sulle coste sabbiose che permettono i salti. Il cratere è alto circa 400 metri ed a passo normale si arriva in cima in meno di un'ora

7 Facendo il giro dell'isola con la barca si possono ammirare il promontorio con le punte nere di pietra lavica, la spiaggia solitaria di Gelso, varie insenature con spiaggette, la grotta dell'abate, la grotta del Cavallo, dove si può entrare e percorrerla fino alla fine. Si completa il giro ammirando scogliere che arrivano in mare e guglie isolate che escono dal mare fino al grande faraglione di Ponente. Nessun pericolo, dunque quindi, si parte! Anche in paese, Vulcano offre una grande varietà di scelta; pullula di negozi, boutique, ristoranti, punti di ritrovo e piccole discoteche sulla spiaggia chiamati Ciringuiti dove di solito ci ritroviamo al calar del sole per un aperitivo e della buona musica. Non dimenticate prima di salpare alla volta di nuove mete di fare un salto ad assaggiare la granita di Remigio, in un tipico locale anni 60 affacciato sul piccolo porticciolo dell isola. Lipari Lipari è l'isola più grande e più popolata delle Eolie, esistono due porti: Marina Corta e Marina Lunga; il primo per le imbarcazioni più modeste, l'altro per le navi, vi è anche un porto turistico: "Pignataro". Tra i due porti, vi è un promontorio sormontato dal Castello con la Cattedrale Normanna ed il Museo Archeologico dove ci sono dei reperti, di inestimabile valore, provenienti da tutte le isole,. Molto suggestivo è il tratto di spiaggia dove vi sono le cave di pomice, infatti si trovano dei pendii di sabbia bianca che contrastano con l'azzurro intenso del mare, luogo di divertimento per i bambini che rotolano su di esse imbiancandosi, per poi tuffarsi in mare. Fare il giro dell'isola in barca è molto interessante e divertente per la varietà dei paesaggi, dalla costa rocciosa e scoscesa ad insenature con spiaggette incantevoli

8 L isola normalmente viene usata come base di partenza per emigrare verso le altre dell arcipelago. Bellissima, sopra e sotto il mare, con le sue spiagge di pomice finissima, le rocce granitiche, le insenature, i faraglioni e le grotte. La cittadina di Lipari si allarga a ventaglio intorno alla rocca, su cui sorge l antico castello, proprio ai piedi del quale, sui due lati del promontorio, si trovano due dei tre porticcioli dell isola. Sulla sinistra del promontorio del Castello la costa forma una piccola insenatura dove si trova il porto di Marina Corta, con la suggestiva Chiesa delle Anime del Purgatorio che separa i due piccoli bacini. Una delle prime cose da fare, appena giunti a Lipari e magari prima di imbarcarsi, è il giro dell'isola. Partendo dal paese di Lipari, si segue il lungomare per Marina Lunga, si passa il porto Pignataro e si procede verso Canneto, situata in una insenatura delimitata a sud est dal Monte Pilato. Da Canneto, percorrendo la strada che conduce alla chiesetta di Pirrera, si arriva a Forgia Vecchia, le Rocche Rosse e Campo Bianco, cave di ossidiana e di pomice. Proseguendo a Porticello, sovrastata da giacimenti di roccia bianca e superato il promontorio di Punta Castagna, dove si può ammirare l insolito spettacolo costituito dalle «sciare» di pomice che si tuffano in mare, si incontra la frazione di Acquacalda, con la grande spiaggia ed una splendida vista su Salina. Da qui inizia la salita verso la montagna fino al paese di Quattropani, e continuando ad andare si arriva a Pianoconte. A pochi minuti di strada si trovano le Terme di S. Calogero, edificate nel 1867 con la "stufa", grotta sudatoria romana, che risale a circa anni fa, ed il "Tholos" di civiltà Micenea. Proseguendo nel giro dell'isola si arriva al belvedere di Quattrocchi. Da qui si ammirano le pittoresche insenature ed i dirupi scoscesi che si buttano nel mare, l'incantevole panorama dei Faraglioni e lo sfondo dell'isola di Vulcano. Si continua poi di nuovo verso Lipari, seguendo la strada principale, ma vale la pena fare un'ultima deviazione, alla scoperta dell'osservatorio Geofisico Internazionale, posto in cima a Monte Guardia. In paese avrete poi tutto il tempo di ammirare la Civita, con il parco del Castello, la Cattedrale, le ricostruzioni archeologiche dei siti ed il Museo Archeologico, uno dei più importanti d'europa, che assolutamente merita una visita apposita

9 Costeggiando una costa a strapiombo che è tutta una varietà di colori e di toni suggestivi, si passa da "Cala Fico" alla imponente e caratteristica mole della "Pietra del Bagno" che fronteggia più giù le rocce rossastre della costa. Il versante meridionale dell isola, di fronte a Vulcano, da cui è separata da uno stretto braccio di mare chiamato Le Bocche di Vulcano, è fronteggiato dalle sagome svettanti e caratteristiche dei due grandi faraglioni di Pietra Lunga e di Pietra Menalda. Salina Il fragore del mare, il fruscio del vento, le frasi appena mozzicate dei vecchi lupi di mare, gli sbuffi delle fumarole. ecco perché Mario registra tutti i suoni dell isola per il Maestro lontano, per far rivivere a Neruda tutti i momenti vissuti insieme, e per dimostrargli di aver appreso la lezione. La bellezza genera bellezza e a Salina, un isola che rimane nel cuore, questa bellezza si nutre dell armonia di una natura incontaminata e antica! Dopo Lipari, è la seconda isola dell'arcipelago in grandezza. Salina ha due montagne predominanti ricche di vegetazione. Santa Marina di Salina offre un porto grande e sicuro e numerosi negozi e ristoranti. A Rinella vi è un'altro piccolo porto. L'isola e' suddivisa in tre Comuni: Santa Marina, Leni e Malfa. Una strada asfaltata collega Lingua, Santa Marina, Malfa e Pollara e una deviazione supera la sella tra i due vulcani raggiungendo Leni e Rinella. A Salina vi è un ottimo servizio di minibus che collega rapidamente tutti i centri, anche a sera inoltrata ed è inoltre possibile noleggiare scooter e quad per avventurarsi alla scoperta dell isola verso il Bosco - 9 -

10 delle Felci su al Santuario, al caratteristico paesino di Rinella o verso la famosa baia di Pollara che raggiungeremo poi anche via mare circumnavigando l isola. Da ricordare è il caratteristico centro abitato di Santa Marina, gremito di coloratissimi fiori che si adagiano naturalmente sui muretti medievali delle strette viuzze e di negozi infarciti di prodotti locali tipici. Nella piazzetta, punto di ritrovo di chi scende dalla barca per godersi l isola, si affacciano ristoranti e locali ricavati dalle antiche costruzioni eoliane, bianchissime e adornate di roccia viva. Le alte pendici dell'isola sono ammantate di felci, di pioppi, di castagni e della tipica macchia mediterranea costituita, in prevalenza, da ginestre, da mirti e da corbezzoli. Le medie e le basse pendici sono, sovente, terrazze e cosparse di cespugli di capperi, di fichi d'india e di colture varie quali: frutteti, oliveti e vigneti. Tra i prodotti merita particolare menzione il vino rosso notevole per il suo aroma e per la sua alta gradazione alcolica e, soprattutto, la Malvasia, rinomato vino bianco di cui Salina e' l'unica produttrice dell'arcipelago. La Malvasia ha colore giallo dorato, intenso aroma con sapore delicatamente dolce già chiamata da Diodoro Siculo il nettare degli dei. Ottenuto mediante l essiccazione e la successiva pigiatura delle uva rotonde che maturano al sole dei vigneti isolani. Un vino antico, nato da uve importate dai mitici eroi omerici sbarcati su queste coste, se non addirittura dai pirati Fenici, che conserva ancora intatta la memoria dell antica civiltà mediterranea. Sorseggiarlo, accompagnato da formaggi fini oppure dolci tipici (come consigliano gli esperti) significa riscoprire brani di quel passato lontano, intriso di mare trasparente e spiagge assolate. Assieme alla Malvasia, Salina è nota per la produzione di gustosi capperi. Il viaggio di circumnavigazione dell'isola offre colpi d'occhio indimenticabili per le sue coste alte, solenni, per i suoi caratteristici terrazzi di emersione, per le ridenti spiaggette e per i centri abitati, dalle tipiche casette bianche, adagiati lungo il mare o a mezza costa. L'architettura tipica delle case dell'isola, ancora oggi, non ha subito modificazioni notevoli. Il tipo prevalente delle abitazioni e' dato da fabbricati a pianterreno con tetto a terrazzo, con pergolato sorretto da colonne. Soltanto nei centri abitati si notano case con il primo piano. Nel suo insieme l'isola e' molto pittoresca e riesce agevole ammirare le sue bellezze panoramiche per l'efficiente rete di strade, che mettono in comunicazione le varie localita'. Spettacolare è anche avventurarsi nel trekking che porta alla alla Fossa delle Felci, la cima più alta di tutto l'arcipelago nonchè riserva naturale. Partendo da Valdichiesa o da S. Marina Salina è possibile effettuare l'escursione al monte, dal quale si può ammirare un

11 meraviglioso panorama con la vista dell'intero arcipelago, delle coste siciliane e, in lontananza, dell'etna. Veleggiando lungo le coste di Salina e avvicinandoci a Lingua, non possiamo fare a meno di ancorarci alla fonda e cogliere l occasione per scendere e gustare due dei prodotti più conosciuti e gustosi di tutte le Eolie, il pane cunzato e la granita del mitico e sempreverde Alfredo. Perchè Da Alfredo e non in altri locali???? Perché la granita di Alfredo ha il sapore dei limoni di Salina, grandi come lo sfusato amalfitano, dei fichi che piegano i rami degli alberi dietro ogni muretto dell isola, come dei gelsi, delle mandorle e persino delle fragole che arrivano col traghetto. Le coppe di vetro raccontano tutta la sua consistenza pastosa: senza liquido sul fondo e senza per questo essere troppo fredda, c è un trucco in questa granita che Alfredo custodisce gelosamente sul fondo delle sue macchine spremi frutti. Qui il sapore e il profumo della frutta non si nascondono, ma inebriano il palato già al primo assaggio. Fino a due gusti diversi nella stessa coppa, con o senza panna anche questa, a dir poco sublime! Il pane cunzato ( conciato o meglio condito) qui viene proposto non come da tradizione, ma rivisitato e reso unico! Ogni porzione di pane cunzato è arricchita sapientemente da erbe odorose locali che lo rendono pieno di diverse fragranze: il rosmarino, l'origano, il basilico, l'aglio, la nepitella, la menta uniti alla scorza dei verdelli, ai pomodorini "a pennula" ed, ovviamente, al cappero. Al posto del panino o della fetta c è un disco di pane, tostato, e servito con farciture diverse, tutte a base dei sapori dell isola: dai dolci pomodorini alle alici sott olio, dalle cipolle rosse (intrecciate e appese su ogni balcone di Salina) ai capperi (semplici, in pasta o nella loro versione di cucunci, i fiori del cappero stesso), senza dimenticare le abbondanti grattugiate di ricotta salata al forno che viene dai caseifici della zona di Milazzo. Per cominciare conviene ordinarne uno in due, la montagna di ingredienti che sovrasta questi dischi di pane è un banco di prova per l appetito di molti! Tra i ristoranti di Santa Marina noi consigliamo "Mamma Santina", che offre cucina tipica Siciliana e tanto pesce fresco

12 Una delle tappe più emozionanti del periplo di Salina è la sosta in rada nell anfiteatro roccioso della baia di Pollara, che si erge imponente ingurgitando le nostre minuscoli imbarcazioni alla fonda. come si diventa poeti? Prova a camminare sulla riva fino alla baia, guardando intorno a te. Così rispondeva Pablo Neruda a Mario Ruoppolo, il Postino che voleva imparare dal poeta cileno l arte di scrivere versi d amore; sospiri e tremiti tramutati in parole e frasi, per conquistare il cuore di una donna. Lettere in cambio di poesia, questo il commovente baratto suggerito al genio cinematografico di Massimo Troisi dal romanzo di Antonio Skàrmeta, Ardente Paciencia. Versi languidi e sensuali, a volte audaci, sussurrati in riva alla spiaggia, affidati alle onde placide che battono sulla costa di Pollara, angolo incantato dell isola di Salina. La più schiva delle isole Eolie, ma anche la più sensuale: i greci la chiamavano Didyme, dal greco gemelli, per via del doppio profilo all orizzonte dei suoi due vulcani gemelli, che ricordano le forme piene di un seno femminile. Un isola verde, ricca d acqua dolce e di foreste, castagni, pioppi ed altre specie dal profumo mediterraneo. Fra tutti gli angoli nascosti dell isola, Pollara è davvero il nascondiglio più intimo e segreto, dove raccogliere le confessioni e le speranze di un amore. Una striscia di sabbia circondata da un arco di alte pareti bianche, parte visibile di un cratere sommerso, centro pulsante di vita e creazione, il cui nucleo si trova a pochi metri di profondità nel bel mezzo della baia. Nell altra metà del cratere sorgono le case variopinte dei pescatori. Oltre ai colori, ai profumi misti al sentore di salsedine, sono i suoni a rendere Salina riconoscibile per sempre

13 Panarea Un isola scenografica, una delle più incantevoli dell arcipelago! È l'isola più snob delle Eolie dove le giornate trascorrono tra immersioni nei fondali colore dell'arcobaleno e il rito del buon vino in terrazza. Con vista sui bagliori dello Stromboli è vero, ma non è tutto! La più piccola, la più mondana, presa d'assalto dalla gioventù che si diverte, che ascolta musica e che fa gruppo. Se si guarda bene e ci si libera dell idea fantomatica che tutti hanno di Panarea, si scopre un'atmosfera accogliente, quasi familiare, una natura non ancora massacrata dagli abusi edilizi e un mare da incanto, con mille sfumature, dal verde smeraldo delle baie al bianco dei giorni di foschia e bonaccia, fino al blu più intenso quando soffia impetuoso il ponente. Insenature deserte e isolotti da raggiungere con il tender direttamente dalla barca, fondali spettacolari da esplorare in apnea o con le bombole. Imperdibili le acque turchesi e quasi sempre riparate di Cala Junco, forse il luogo più fotografato delle Eolie, specie dal promontorio di Capo Milazzese, sede di un villaggio dell'età del Bronzo, dove sono stati rinvenuti anche materiali di origine micenea (oggi conservati al Museo Archeologico di Lipari). Ma anche tutta la costa, a picco sul mare e frequentata solo da gabbiani e falchi della regina, che arriva fino allo scoglio La Nave, si presta benissimo allo snorkeling e alla pesca subacquea. Anche se saraghi, occhiate e cefali vi faranno impazzire tra le mille tane passanti della franata

14 I veri gioielli di Panarea sono gli isolotti che ha davanti, una sorta di arcipelago nell'arcipelago! Grandi come Basiluzzo o semplici scogli come i Panarelli e le Formiche, salgono da uno stesso basamento sottomarino, caratterizzato da curiosi fenomeni eruttivi che fanno ribollire l'acqua. Basiluzzo è, un imponente scoglio disabitato di origine vulcanica ed è ciò che resta delle antiche bocche eruttive appartenenti all apparato di Panarea; le sue pareti rocciose sono ripidissime, su di esso esiste solo un piccolo scalo naturale nella punta più orientale, da dove un antico sentiero conduce ad un spiazzo. Fra le aspre rocce nascono rigogliosi rosmarino, capperi, garofani delle rupi, palme nane e il limone delle Eolie. La parte pianeggiante suddivisa da muretti a secco, un tempo sede di coltura di cereali è oggi invasa spontaneamente da erica, lentisco e da cipolla comune. Visitare Basiluzzo significa immergersi in un atmosfera unica dove l'assoluto silenzio è interrotto solo dall'infrangersi del mare sulla costa e dal fruscio del vento. Raggiunta la vetta è possibile godere di un meraviglioso panorama sugli altri scogli e su Panarea. Basiluzzo continua a regalare emozioni sotto costa, per cui durante il nostro giro lo circumnavigheranno totalmente per osservare la straordinaria ed aspra morfologia costiera composta da piccole grotte, alte pareti dove sono ben evidenti le stratificazioni laviche e le bizzarre formazioni rocciose che dal mare si ergono come monumenti. Se possibile, nuotare nel breve stretto che separa Lisca Bianca da Lisca Nera, godere dello spettacolo delle esalazioni sulfuree dal fondo marino, oppure immergersi alla Secca dei Pesci per il passo delle ricciole o alla ricerca del relitto del cargo britannico affondato al largo di Lisca Bianca su un fondale che scende dai -25 ai -40 sono esperienze fantastiche. Ma per sentirsi in paradiso basta lasciarsi cullare dal dondolio della barca, con un bicchiere di Malvasia di Salina in mano, e gettare uno sguardo verso lo Stromboli sullo sfondo, che fuma ed erutta lapilli

15 Stromboli Dagli abissi del mare la mole dello Stromboli, dalle pendici slanciate, si staglia vigorosamente in un cielo di zaffiro. Sulle falde orientali, coperte da un manto di verde, spiccano tipiche casette bianche. Alcune, disposte lungo spiagge nere come l'ebano o presso scogli lavici, offrono strani contrasti di tinte. Altre case sono appollaiate attorno alle chiese o si celano tra uliveti centenari. Altre infine si inerpicano sulle pendici scoscese del monte; sono per lo più diroccate e un tempo offrirono rifugio agli abitanti vittime delle scorrerie notturne dei pirati saraceni. Attorno al paese si allineano lunghe siepi di fichi d'india, che segnano spesso il limite delle proprietà. Sparsi capricciosamente sulle balze o aggrappati ai muri, i capperi fanno bella mostra della loro forma di strani ombrelli verdeggianti che, nella stagione estiva, si ornano di vistosi, candidi fiori. In primavera i folti ulivi e i vigneti, a tratti intersecati da filari di glicine, di roveti e di ginestre, offrono un incantevole scenario. Completa il quadro idilliaco la nenia delle cicale ebbre di sole e di profumi. Procedendo verso Nord, doppiata punta Lena, si costeggia un lido addossato a una parete di tufo, dopo la quale si apre la spiaggia centrale dell'isola, detta Ficogrande, dove approdano i piroscafi che collegano Stromboli con la Sicilia e la Campania. Questa spiaggia, come pure quella di Scari, fino alla prima guerra mondiale, ospitava grossi velieri che rendevano la marina mercantile di Stromboli la più importante dell'arcipelago eoliano

16 Continuando il giro di circumnavigazione si profilano alte pareti rocciose che si avanzano decisamente nel mare. Doppiate queste si schiude, all'occhio meravigliato, la grandiosa visione della Sciara del Fuoco, ripido e ampio pendio solcato da torrenti di lava, che fluiscono verso il mare e percorso da enormi blocchi incandescenti, che rotolano a valle tra un turbinio di dense volute di vapore e folate di cenere. In cima alla sciara, a 700 m di quota, si osserva l'apparato eruttivo, che si apre, profondamente incassato, tra giganteschi dicchi e imponenti masse di conglomerato vulcanico spesso avvolti da caligine e bersagliati dal materiale rovente lanciato dalle bocche eruttive. Lo spettacolo che offre la Sciara assume particolare interesse nelle ore notturne: le colate sembrano allora fantastici torrenti di fuoco. Sarà questa una delle nostre mete. Ormeggeremo di fronte alla spiaggia di Ficogrande e scendendo in piazza potremmo avventurarci su fino in cima alla terrazza del paese per raggiungere l Ingrid bar and restaurant e godere, sorseggiando ottimi aperitivi e prelibatezze gastronomiche locali, della vista delle pendici del vulcano. Il cielo stellato di Stromboli è un'emozione unica, il quasi inesistente inquinamento luminoso ne fa infatti uno dei pochi luoghi in Europa, dove è possibile osservare il maggior numero di corpi celesti. Dalla cima del vulcano si può osservare inoltre l'attività continua dello Stromboli, le esplosioni, dette Strombolane, fanno un po' tremare l'isola e lanciano per aria la lava incandescente. Considerando anche le condizioni metereologiche, sia del mare che del vento, potremmo anche decidere di abbandonare per qualche tempo la boa ed avviarci, in notturna, alla scoperta della sciara per poi rientrare una volta ammirato dal basso lo zampillio dello Stromboli. Allontanandoci dall isola veleggeremo incontrando sulla nostra rotta Strombolicchio a poco meno di un miglio a nord/est che è la parte emersa della piattaforma sottomarina di Stromboli

17 Un imponente scoglio costituito prevalentemente da rocce basaltiche, che i geologi definiscono spina vulcanica, proprio perché rappresenta l antico residuo solidificato del camino vulcanico dell isola madre, eroso nel tempo dall azione degli agenti naturali. Eroso dal vento e dagli agenti atmosferici, il suo profilo ispido e ruvido tempestato di pinnacoli e guglie, lo fa sembrare una cupa ed affascinante cattedrale gotica! Lo scoglio, sormontato dal caratteristico faro, svetta maestoso verso il cielo con ripide pareti a strapiombo sulle limpide acque del Tirreno ed una ripida scala con oltre duecento scalini, in parte ricavati nella roccia consente l accesso alla spianata dalla quale si ammira il suggestivo panorama di Stromboli e della Sicilia, quasi fino alla Calabria se il cielo è terso. Filicudi, l'"isola Magica", che era anticamente chiamata "Phenicusa" per il gran numero di felci che esistevano sull'isola, ad essa è dedicata la nostra barca "Phenicusa Magic". L'isola affascinante e selvaggia è dotata di due approdi: Filicudi porto e Pecorini mare, tra queste emerge una bella ed ampia fortezza naturale, "Capo Graziano", dove sono stati ritrovati i resti di un villagigo preistorico. Le spiagge di Filicudi sono formate da ciottoli arrotondati dal mare e si alternano a coste di roccia che scendono in mare e a stupende insenature raggiungibili soltanto in barca. E' d'obbligo, facendo il giro in barca, visitare la "Grotta del Bue Marino", dove trovava rifugio un tempo la foca monaca: il mare, con il passare degli anni, ha creato una deliziosa spiaggetta sul fondo e grazie alla profondità e all'ampiezza della grotta si può entrare con la barca, dove all'interno si possono ammirare suggestivi riflessi della luce. Poco lontano si erge dal mare, come un obelisco, l'altissimo scoglio (85mt) di origine vulcanica "La Canna" e "Montenassari", un isolotto con al centro un laghetto. Filicudi e le L' isola è aspra e selvaggia, mostra tutto il suo ammaliante splendore già da lontano, con quel profilo inequivocabile che la rende riconoscibile tra mille ed unica nel mondo. Le pendici falde dell isola sono, in gran parte, ripide e rocciose. Le case sono raggruppate attorno al porto Pecorini a mare e, soprattutto, a Valdichiesa, dove sorge la chiesa di Santo Stefano

18 Le coste di Filicudi presentano bellezze non comuni. Declivi formati da terrazze rivestiti di boschi di ginestre e digradanti verso il mare, si alternano a strette valli, a dirupate scogliere e a coste ora severe, ora ridenti. A Pecorini a Mare, che porta questo nome in onore del suo aspetto che, da lontano, ai veleggianti e navigatori, appare come un gregge di pecore abbarbicato sul crinale dell isola, cercheremo ormeggeremo ad una boa e, chi lo vorrà, potrà trascorrere un divertente happy hour a terra dove l intraprendenza degli isolani ha creato negli anni un punto di ritrovo gremitissimo di gente soprattutto in agosto. Due ridenti signore dell isola imbandiscono un invitante banchetto, aprendo semplicemente le persiane delle loro case affacciate sul porticciolo per far gustare agli ospiti leccornie e piatti tipici. Di grande interesse su questa isola la presenza di numerose, bellissime, grotte marine, la più famosa delle quali, detta del Bue Marino, si riteneva un tempo tana di mostruose creature. Dalla particolare forma ad ogiva, si presta bene ad essere raggiunta con il tender per ispezionarne ogni angolo e godere, dall interno, del suggestivo silenzio che vi incombe. Sulla rotta per Alicudi non possiamo non fermarci per un bagno ed un pranzo all ombra della Canna, un imponente faraglione di origine vulcanica alto ben 85 metri che domina dall alto i profili acuminati degli scogli di Montenassari, del Mitra, del Notaro

19 Alicudi è l'isola dell'arcipelago meno intaccata dal turismo. Il porto di Alicudi funge solo da approdo per aliscafi e navi. Difficile è anche la fonda all'ancora. Sull'isola c'è solo qualche piccolo negozio e qualche ristorante. Le auto non sono assolutamente utilizzabili e l'unica strada percorribile si stende per 200 m lungo la scogliera. Muli ed asini sono usati per il trasporto della merce dal porto alle abitazioni che si ergono fino alla cima del vulcano spento. Chi arriva ad Alicudi ha l'impressione di tornare indietro nel tempo, in una dimensione di vita ormai lontana dalla nostra

20 Ulteriori informazioni Il vino Malvasia L'origine del nome è da attribuirsi ad un vino che era prodotto a Malta, si trattava di un prodotto di pregio commercializzato da Venezia. Dopo la conquista da parte degli Arabi dell'isola nell'870 d.c. i commerci si interruppero. I molti vitigni denominati Malvasia hanno spesso in comune soltanto il nome, derivante da una città greca del Peloponneso, Monenbasia, Monemvasia o Monovasia, che significa "porto ad una sola entrata", città che per assonanza con il nome greco fu ribattezzata dai Veneziani "Malvasia" (o Napoli di Malvasia, per distinguerla da Malvasia Vecchia, posta poco più a nord). Si deve ai veneziani l uso di tale appellativo per indicare prima i vini dolci ed alcolici provenienti dalla parte orientale del Mediterraneo, poi anche i locali in Venezia nei quali se ne svolgeva il commercio. I vulcani sommersi del Tirreno Il Marsili E il più grande vulcano d Europa, con una lunghezza di circa 50 km e una larghezza di 20 km. Ha un altezza di 3 km rispetto ai fondali circostanti e la sua cresta si estende linearmente in direzione Nord Nord Est Sud Sud Ovest per 20 km, raggiungendo profondità inferiori a 1000 m. É formato da una serie di edifici vulcanici di dimensioni diverse. Il fianco occidentale è costituito da edifici conici, mentre quello nord-occidentale è caratterizzato da alcuni vulcani a cima piatta e da una scalinata di terrazzi lavici sovrapposti. Benché non sia mai stata osservata un eruzione in atto, l attività del Marsili è testimoniata dalla circolazione di fluidi ad alta temperatura che depositano sul fondo marino solfuri di piombo, rame, zinco e ossidi e idrossidi di ferro e manganese

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate.

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. VOLO incluso DA MILANO MALPENSA Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. a n t i l l e mar dei caraibi 2 0 1 3-1 4 Un arcipelago di isole di gioia e colore. Viaggia nel cuore delle Antille. Il ritmo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª ALLA RI CERCA D EL PI CCOLO PAU L, I L CAMOSCI O PI Ù BELLO D EL MOND O - Salve amici! Siamo i camosci appenninici,

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti 2014/2015 TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia Arachova / Delfi / Kalambaka / Monasteri Bizantini delle Meteore / Termopili

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Pompei. Eruzione 24 Agosto 79 d.c.

Pompei. Eruzione 24 Agosto 79 d.c. Pompei Eruzione 24 Agosto 79 d.c. Pompei si snoda sotto l ombra del monte Vesuvio. Il vulcano è oramai inattivo da 1500 anni e la gente non sa nemmeno che si tratta di un vulcano. Il 24 Agosto del 79 d.c.

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Area sciistica Merano 2000 Malga di Verano Dal parcheggio nr. 5 di Avelengo si procede verso il municipio per poi prendere il sentiero 2/a che porta

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

L ultima cosa che ho visto

L ultima cosa che ho visto L ultima cosa che ho visto Cinzia Politi L ULTIMA COSA CHE HO VISTO www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Nome Autore Tutti i diritti riservati Dedicato a Sara, una giovane, grande donna CAPITOLO

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina Unità 1 Che tempo fa? Com è il tempo oggi? Sei un tipo meteoropatico? Quanto influisce il tempo sul tuo umore? Come ti senti in una giornata luminosa e soleggiata? E in una giornata umida e piovosa? Pioggia,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli