EPPURE L HAI FATTO POCO MENO DEGLI ANGELI Presente e futuro in Gn 1-2,4a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EPPURE L HAI FATTO POCO MENO DEGLI ANGELI Presente e futuro in Gn 1-2,4a"

Transcript

1 EPPURE L HAI FATTO POCO MENO DEGLI ANGELI Presente e futuro in Gn 1-2,4a 1,1 In principio Dio creò il cielo e la terra. 2 Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque. 3 Dio disse: Sia la luce!. E la luce fu. 4 Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre 5 e chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno. 6 Dio disse: Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque. 7 Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque, che son sopra il firmamento. E così avvenne. 8 Dio chiamò il firmamento cielo. E fu sera e fu mattina: secondo giorno. 9 Dio disse: Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l asciutto. E così avvenne. 10 Dio chiamò l asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona. 11 E Dio disse: La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie. E così avvenne: 12 la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona. 13 E fu sera e fu mattina: terzo giorno. 14 Dio disse: Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni 15 e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra. E così avvenne: 16 Dio fece le due luci grandi, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte, e le stelle. 17 Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra 18 e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era cosa buona. 19 E fu sera e fu mattina: quarto giorno. 20 Dio disse: Le acque brulichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra, davanti al firmamento del cielo. 21 Dio creò i grandi mostri marini e tutti gli esseri viventi che guizzano e brulicano nelle acque, secondo la loro specie, e tutti gli uccelli alati secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. 22 Dio li benedisse: Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite le acque dei mari; gli uccelli si moltiplichino sulla terra. 23 E fu sera e fu mattina: quinto giorno. 24 Dio disse: La terra produca esseri viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e bestie selvatiche secondo la loro specie. E così avvenne: 25 Dio fece le bestie selvatiche secondo la loro specie e il bestiame secondo la propria specie e tutti i rettili del suolo secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. 26 E Dio disse: Facciamo l uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra. 27 Dio creò l uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. 28 Dio li benedisse e disse loro: Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra. 29 Poi Dio disse: Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. 30 A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde. E così avvenne. 31 Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina: sesto giorno. 2,1 Così furono portati a compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere. 2 Allora Dio, nel settimo giorno portò a termine il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro. 3 Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli creando aveva fatto. 4 a Queste le origini del cielo e della terra, quando vennero creati. Il brano proposto dalla veglia pasquale ogni anno è il primo dei due racconti della creazione, uno presentato al cap. 1 e l altro al cap. 2 del libro della Genesi. 1

2 I tentativi di armonizzarli, di intersecarli, sono sempre fuori luogo, pensando al fatto che lo stesso redattore finale abbia tenuto i due racconti separati e indipendenti, semplicemente mettendoli uno dopo l altro. Non c è quindi tentativo di armonizzare la diversità dei racconti. Seguendo il nostro criterio liturgico noi analizzeremo il primo racconto nella speranza che possano, in un eventuale successivo confronto personale, anche uscire, le diversità e le particolarità del secondo racconto. Il testo di Gn 1 è un testo solenne. Un inizio. Di un racconto (il redattore non sapeva, di certo, che sarebbe stato l inizio di tutta la Scrittura). L autore si serve di un discorso equilibrato, armonico, attraverso dei numeri, azioni, vocaboli, formulari (e fu sera ), simmetrie che si ripetono. E la celebrazione di YHWH ELHOIM. Un Dio creatore, redentore, salvatore. Un Dio che sta all inizio, sopra, dentro tutto. In tanti significati. Forse, proprio per il carattere di inno, val la pena non squartarlo in tanti pezzi. E una celebrazione unitaria con tanti significati. E come l uomo di oggi canta per tanti motivi, così l autore loda il Signore per tante azioni. Che lui fa. Che lui comincia. Che porta avanti e a compimento (2,4). La struttura è tipica della celebrazione giubilare. Con gioia si afferma (Sal 100,5; 106,1; 107,1; 135,3; 136,1 ) che il Signore è buono (baj+-yki) affermato nel nostro racconto per ben 6 volte. Troppo, per non essere volutamente inserito. Bontà e misericordia sono le idee base di questo Dio all opera. L inserimento del testo nella Veglia pasquale dà sicuramente al testo la sua pienezza innica, richiamando l Hallel ebraico (Sal 136, soprattutto nei primi versetti dove si legge il legame stretto con l opera creatrice di Dio 1 Alleluia. Lodate il Signore perché è buono: 2 Lodate il Dio degli dei: 3 Lodate il Signore dei signori: 4 Egli solo ha compiuto meraviglie: 5 Ha creato i cieli con sapienza: 6 Ha stabilito la terra sulle acque: 7 Ha fatto i grandi luminari: 8 Il sole per regolare il giorno: perché eterna è la sua misericordia; 9 la luna e le stelle per regolare la notte: 2

3 Lodare il Signore. Perché? Perché è buono. Perché è l autore di tutte queste opere. Il motivo della lode si amplia poi alla salvezza e alla redenzione che è raccontata attraverso il percuotere i nemici egiziani. Il racconto ha una schematizzazione e una divisione settimanale I sette giorni della settimana, scandiscono il lavoro di Dio e il suo riposo, brano che a mio giudizio dà il senso a tutta la creazione. Se non ci fosse il riposo di Dio (il sabato) e di conseguenza anche dell uomo, la settimana di lavoro sarebbe infeconda. Sei giorni di lavoro e uno di riposo. Gn 1-2a, quindi, non contiene solamente i giorni di lavoro, ma anche quello del riposo. Sono un unica opera creatrice. Qualche curiosità - il v. 1 contiene 7 vocaboli - il v. 2 esattamente 14 vocaboli Il totale dei primi 2 versetti è di 21 parole (7 x 3, i numeri della perfezione). - Gn 2,3-4 contengono ancora 21 vocaboli (7 x 3) e concludono il racconto di Gn 1, primo racconto della creazione; - La frase: e Dio vide che era cosa buona è scritta per 7 volte (1, ); - 35 volte (7 x 5) ritorna il nome Elhoim - 7 volte il verbo creare bara (ar'äb) in Gn 1, (x3); 2,3.4a; - 7 volte il compimento dell opera di Dio (6 volte con la formula e così avvenne, con il wayyktol nella formula!ke)-yhiy>w:) in Gn 1, e una volta con la formula raa*-yhiy>w e fu la luce in Gn 1,3) - 6 volte la formula e fu sera e fu mattina (Gn 1, ) ed è omessa vedremo nell ultimo giorno al sabato - è fondamentale il tema della parola di Dio (per ben 10 volte l autore dice: e Dio disse secondo la formula ebraica del wayyktol ~yhiþl{a/ rm,ayoðw: in Gn 1, ). Siamo così di fronte a 7 giorni nei quali risuonano 10 parole di YHWH. Quindi, non è difficile, pensare al fatto che Israele le ascolti. Creazione e liberazione, salvezza e opera divina non potevano meglio essere legate. E la Parola di Dio che ordina la creazione. Il primo wayyqtol (formula ebraica per reggere il discorso) è in Gn1,3: E Dio disse: sia la luce Tutto viene separato, ordinato e creato. Fino ad arrivare all uomo. Fatto a immagine di YHWH. 3

4 Al v. 26 arriva la creazione dell uomo. Due sono le caratteristiche dell uomo: a. La somiglianza con Dio: l autore usa due parole ebraiche abbastanza circostanziate nel significato: immagine, con la preposizione b (WnmeÞl.c;B) e somiglianza (Wnte_Wmd>Ki). I tentativi di spiegazione sono stati molti. - C è chi pensa ad una differenza sostanziale (Ireneo: l immagine sarebbero le qualità naturali che avvicinano l uomo a Dio, ma non lo rendono uguale a lui; c è nell uomo qualcosa che lo avvicina a Dio, ma niente di più; la somiglianza, invece, sarebbero le qualità soprannaturali che l uomo ha perso col peccato originale e che Gesù Cristo ha riguadagnato per l umanità); - Qualcuno pensa che immagine e somiglianza sono caratteristiche spirituali, mentali, facoltà dell intelletto, della ragione, della coscienza di sé, della volontà ma è la spiegazione meno convincente; - G. Von Rad (il massimo commentatore della Genesi con Gunkel che è dello stesso avviso) pensa ad una somiglianza fisica in quanto la Bibbia parla del volto, degli occhi, delle mani, delle orecchie, del cuore, del braccio, della bocca di YHWH. Anche se qualcuno contesta l ipotesi (per l AT Dio è spirituale, non ha un corpo, soprattutto perché non appartiene alla creazione. E increato; se il testo post esilico sviluppa una spiritualità di Dio incorporea, è difficile che le parole immagine e somiglianza vogliano esprimere fisicità ) - L idea di immagine è usata tante volte in Mesopotamia e in Egitto per esprimere la presenza del re (il vocabolo, però, non allude alla persona del re, ma alla sua funzione). Qualcun altro ha commentato, a fianco di questa ipotesi, che la Bibbia è difficile che parli separatamente, un po al modo aristotelico, di anima e di corpo come se fossero entità separate. Infine l aspetto non avvicina l uomo a Dio ma, al contrario, agli animali (la sua vita senza spirito lo fa più simile agli animali che a Dio). Come commentare allora il v. 26? L uomo è il rappresentante di Dio sulla terra (come in Mesopotamia). La funzione regale dell uomo (v. 28) è espressa nel suo dominio sugli animali. Questo compito non è più privilegio del re, ma compito di ogni essere umano. Il re ha dato a lui questo comando. Ne è prova anche il salmo 8. La stessa statua del re rendeva presente l assente sovrano (l idolo, l immagine), quindi ogni persona rende presente Dio. Davvero, più che la natura filosofica dei due termini potrebbero essere interpretati come funzione: che funzione ha l uomo nel creato? E immagine e somiglianza di Dio. 4

5 Ma come l uomo rappresentare tutta l umanità? Di per sé, la prima coppia, essendo sola, la rappresenta tutta quanta. La rappresenta nella sua funzione. Quella di poter entrare in relazione con il Creatore. La creatura è fatta perché la sua relazione con chi l ha creata sia vera. Una creazione che, necessariamente, sfocia in un alleanza. K. Rahner ha coniato l espressione: Uditori della Parola. Dio parla, ma ha reso capace l uomo di ascoltarlo. Interessante notare come: - le piante e gli animali sono creati secondo la loro specie (Gn 1, ), mentre l uomo è creato a immagine di Dio, non secondo la sua specie, le sue razze (Gn 1,26-27). Non vi sono molte umanità, ma una sola, a differenza di tutte le specie di piante e di animali, di uccelli e di pesci che popolano la terra. Uomini e creato sono molto differenti; - confrontiamo il v. 22 con il v. 28. I due versetti sono molto simili. Ma mentre nel 1 caso si dice semplicemente Dio li benedisse, nel 2 caso si dice: Dio li benedisse e disse loro La relazione tra chi parla e chi ascolta è nel secondo caso. YHWH si rivolge in modo personale (parola) agli uomini; - ci sono due tipi di potere: c è il potere degli astri che devono regolare il giorno e la notte, devono presiedere, come un grande orologio, alla regolazione dei giorni. Per parlare di questa realtà al v. 16 è impiegato il verbo (msl) tl,v,äm.m,l.; per dire invece che l uomo deve dominare, al v. 28, è impiegato il verbo (rdh) Wdúr>W. Dio dà all uomo uno spazio vitale, nel quale, a certe regole e condizioni può vivere. Non può governare sugli astri e sui grandi luminari, ma solamente laggiù dove vive. Si tratta di vedere quale tipo di potere l uomo esercita sul creato. b. Il dominio sul creato: Abbiamo appena osservato che il verbo per esprimere il dominio dell uomo sul creato (rdh) - hdr. Un verbo che anche nella Scrittura è usato per esprimere il potere del re (1 Re 5,4.30; 9,23; Is 14,6; Ez 34,4; Sal 72,8; 110,2). Importanti il testo di Ez e Lev 25, in quanto sono testi coevi e della stessa tradizione di Gn 1. Soprattutto nel testo di Ez, un testo detto a Ezechiele contro i pastori di Israele si legge: 34,4 Non avete reso la forza alle pecore deboli, non avete curato le inferme, non avete fasciato quelle ferite, non avete riportato le disperse. Non siete andati in cerca delle smarrite, ma le avete guidate con crudeltà e violenza. YHWH ha una parola di condanna contro chi sottomette e usa il suo potere con violenza (sulle sue pecore). Così come i padroni è la legge del Lv non devono trattare con durezza i loro servi. 5

6 Lv 25,43 Non lo tratterai con asprezza, ma temerai il tuo Dio. 46 Li potrete lasciare in eredità ai vostri figli dopo di voi, come loro proprietà; vi potrete servire sempre di loro come di schiavi; ma quanto ai vostri fratelli, gli Israeliti, ognuno nei riguardi dell altro, non lo tratterai con asprezza. 53 Resterà presso di lui come un bracciante preso a servizio anno per anno; il padrone non dovrà trattarlo con asprezza sotto i suoi occhi. Il dominio dell uomo è una permissione di YHWH, ma con dei limiti ben precisi. Dal brano (e dal confronto con i testi) si capisce bene chi è il Signore assoluto e chi, al contrario, è signore solamente di ciò che gli è permesso. All uomo è affidato il creato, alle sue mani operose, come interpreta la Preghiera eucaristica IV. Ciò che conta, nell affidamento da parte di Dio all uomo, è essere responsabili. Governare, tradurremmo con le nostre parole, significa saper farsi carico. Il Vero Pastore (Gv 10) è il miglior governatore e re del creato. Un idea, confrontata con Gn 1, che sarebbe da cavalcare nell approfondimento di un testo che volentieri sarebbe da accostare come Vangelo a Gn 1. Governare, dominare, sarebbe come prendersi cura del gregge, soprattutto della pecora ferita, malata, anziana, persa in mezzo ai rovi. Caino, al contrario, sarà l uomo che non si prende cura del fratello. L umanità, in questo brano, appare come colei che deve rendere conto a Dio del creato, di come ha amministrato tutto quanto. Ancora qualche annotazione a proposito di 2,4a che, come si diceva in apertura dà il tono a tutto quanto il brano della creazione. Dio si riposò il settimo giorno Rispettare il sabato è uno dei dieci comandamenti. Lo dice il libro dell Esodo 20,8 Ricordati del giorno di sabato per santificarlo: 9 sei giorni faticherai e farai ogni tuo lavoro; 10 ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: tu non farai alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bestiame, né il forestiero che dimora presso di te. 11 Perché in sei giorni il Signore ha fatto il cielo e la terra e il mare e quanto è in essi, ma si è riposato il giorno settimo. Perciò il Signore ha benedetto il giorno di sabato e lo ha dichiarato sacro. Ma è anche il momento in cui il popolo commemora l Esodo dall Egitto. Il giorno in cui si commemora l uscita. Grazie alla potente mano di Dio. Il passaggio dalla schiavitù alla libertà. Lo dice il libro del Deuteronomio 5,12 Osserva il giorno di sabato per santificarlo, come il Signore Dio tuo ti ha comandato. 13 Sei giorni faticherai e farai ogni lavoro, 14 ma il settimo giorno è il sabato per il Signore tuo Dio: non fare lavoro alcuno né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bue, né il tuo asino, né alcuna delle tue bestie, né il 6

7 forestiero, che sta entro le tue porte, perché il tuo schiavo e la tua schiava si riposino come te. 15 Ricordati che sei stato schiavo nel paese d Egitto e che il Signore tuo Dio ti ha fatto uscire di là con mano potente e braccio teso; perciò il Signore tuo Dio ti ordina di osservare il giorno di sabato. Il sabato è, quindi, da osservare. Da custodire. Perché l uomo è chiamato a custodire tutte le cose create. Adamo ed Eva la creazione. Caino suo fratello Abele. L uomo il sabato, perché anch esso è dono di Dio. Ce lo racconta il libro della Genesi al termine del primo racconto della creazione. 2,1 Così furono portati a compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere. 2 Allora Dio, nel settimo giorno portò a termine il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro. 3 Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli creando aveva fatto. Dio ha santificato il sabato. L uomo è chiamato a osservarlo e santificarlo. Dio ci ricorda che anche lui smette, cessa di intervenire, lascia il lavoro e lo affida alle sue creature. Anche Gesù, nei vangeli, da ebreo osservante, entra nella sinagoga di sabato per osservarlo. Lascia le altre cose, la gente, i miracoli per osservare il sabato. Non c è nulla di più importante che il ricordarsi di quel sabato primordiale. Nel salmo 95, che la Chiesa ogni mattina recita nell invitatorio, si dice alla fine (come una specie di maledizione ) 10 Per quarant anni mi disgustai di quella generazione e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, non conoscono le mie vie; 11 perciò ho giurato nel mio sdegno: Non entreranno nel luogo del mio riposo. Il riposo è, quindi, molto importante. Per Dio, prima che per l uomo. Per Dio perché per primo Dio si è riposato. Dio si riposa. Ma chi non entra in questo riposo è maledetto da Dio (cioè non è benedetto, come il giorno, come le creature di Dio non partecipa di questa benedizione). Cielo e terra furono compiuti (portati a compimento) e tutta la loro schiera. Il sabato è un giorno di risposo dopo la fatica della creazione. Cielo e terra (creature del cielo e della terra) sono le schiere (le creature) dell esercito di Dio. Sono da lui e per lui. Il sabato esprime bene questa dipendenza. Essere (esistere), come pianta, come acqua, come uomo, è un dono di Dio. 7

8 Non c è spiegazione. C è stupore. La Genesi non è un libro di filosofia. E un racconto che chiede fede. Ammirazione per chi crea, per chi separa. Per chi fa Alla fine dei giorni, quindi, c è tutto l impianto per poter stare davanti al Signore. Cielo e terra, separati ma non divisi. Due voci. Un coro solo. Finalizzato a rendere lode a Dio. Il 7 giorno, dunque, non è vuoto. Ma sta per essere riempito della lode e della riconoscenza di tutte le creature. Che staccano dal loro lavoro, come Dio, per pensare totalmente a Lui. Loro sono al voce di questo giorno. Dio porta a compimento il suo lavoro. Nel 7 giorno. Compie il suo lavoro servile (m e lakah) che la legge proibisce. Ha lavorato in questo giorno o si è fermato un attimo prima? YHWH è davvero l antenato di Gesù che ribadisce come il sabato sia fatto per l uomo e non viceversa (Mc 2,27). Il verbo ebraico lk;ûy>w: [klh] terminare, finire, portare a compimento. Scrive il grande esegeta G. Von Rad: Completamento della creazione e riposo di Dio non sono semplicemente il segno negativo di una fine. Ma caratterizzano la creazione come opera superabile, non limitata perché manca a questo punto la formula conclusiva (e fu sera e fu mattino, settimo giorno). La creazione, quindi, non va verso la fine. Va verso il suo fine. Nel racconto biblico non si porta qualcosa a conclusione (come se Dio chiudesse tutto ciò che è stato fatto fin ora). Il settimo giorno consacrato e benedetto da Dio porta tutto quanto (ciò che è stato creato prima, creato, cose, animali e uomo) al suo scopo principale. Dio porta a compimento il suo lavoro. Non alla sua fine E il riposo (di Dio), che l uomo incarna e vice, annuncia (rivela) apre il tempo nuovo. Il tempo in cui la creazione vive. Dio benedice il sabato. La benedizione era per la fecondità. Il sabato è per la fecondità della settimana? Chi non si riposa (come Dio) sembra dire il racconto, non potrà essere fecondo Chi non si stacca dalle cose che fa (per riconoscere l importanza di Qualcun Altro che non fa, che si riposa ) non potrà portare a compimento il suo lavoro. Gesù stesso ci ha ricordato questo principio: per quanto uno si affanni non può aggiungere un solo giorno alla sua vita. Ma se uno si stacca può scoprire il senso dei giorni della sua vita. Non affannatevi per ciò che berrete e mangerete o come vi vestirete (Lc 12,25). L uomo biblico non è l uomo dell affanno. Ma della fiducia. La fiducia che se anche non lavoro, proprio perché sospendo il lavoro, Dio me lo ridarà. Gesù stesso sulla croce, nel momento dello spirare, consegna la sua vita nelle mani di Dio. Sicuro che gliela restituirà. 8

9 Gesù è l uomo sabbatico per eccellenza. Colui che sospende il suo lavoro, la sua predicazione, le sue guarigioni e si consegna totalmente a Dio. Il sabato ricorda la gratuità della vita. Ciò che abbiamo, ciò che riusciamo a compiere è dono. Ma ricorda anche il nostro limite. Cessare da ogni lavoro è il segno che bisogna smettere. Smettere è il segno che se ne può fare a meno. Ma non è questione di imposizione. Perché il sabato è il giorno della libertà (Ricordati che sei stato schiavo nel paese d Egitto e che il Signore tuo Dio ti ha fatto uscire di là con mano potente e braccio teso; perciò il Signore tuo Dio ti ordina di osservare il giorno di sabato. Dice Dt 5,15). E il giorno della libertà. Dell uomo non sottoposto a gioco pesante. Non sono sottoposto a ricatto. L uomo è stato libero. Questa possibilità è contenuta nel fatto che per il sabato non è ripetuto il ritornello e fu sera e fu mattina, settimo giorno. Il sabato, nell annunciare questa fiducia in Dio (è la logica del culto sacrificale: offro a Dio i primogeniti del bestiame che sono i capi più pregiati, il futuro del gregge e dell economia familiare perché sono sicuro che se anche tolgo la vita a questo agnellino, il Signore stesso garantirà per me, non mi lascerà mancare nulla), rivela nello stesso tempo: chi è il Dio di Israele: è il Dio della tranquillità e della pace. Colui che porta a compimento la creazione intera. Una creazione che parla di Lui. Del suo lavoro, della sua opera. Del suo interesse per l uomo. Una creazione, fatta in 6 giorni + 1. Ma non sei giorni di tormento e di angoscia. Anche la lotta contro il caos è condotta da Dio con tranquillità. E un Dio che si affida alla Provvidenza. Che è Lui stesso Provvidenza. Un Dio che trova e decide tempo per riposare. Per contemplare. Per stupirsi. E vide che era cosa buona e molto buona. Dio stesso si dà tempo per avere occhi per vedere e orecchie per sentire ciò che è uscito dalle sue mani.. il sabato dice anche una parola su questa creazione (mondo-uomo, insieme): è sicuro, custodito nelle mani di Dio. Non è lasciato in balia della sorte. E protetto. Sicuro. Cammina. E sospinto. Per questo Dio stacca. Significa quindi che se l uomo oggi non riesce a staccare, a riposare, a dare tempo a Dio, sta vivendo un momento di grande insicurezza? Perché per la Bibbia, fidarsi di se stessi unicamente è maledizione, è debolezza, insicurezza Chi riposa, invece, afferma di sospendere ogni sforzo, ogni lavoro, ogni impiego, per annunciare (rivelare), come ha fatto Dio, che tutto è dono. Per accogliere che il mondo non è secondo i nostri progetti. Ma viene dalle mani di Dio. Il primo custode di ciò che ha fatto. Noi, l immagine di quel Custode. 9

10 Il sabato annuncia chi è l uomo. Cioè rivela quale umanità vuole Dio. Come desidera questo mondo (senza la smania di possedere, senza lo sfruttamento della terra, perché il lavoro è sospeso. Senza lo sfruttamento dell altro, senza l offesa, la distanza dall altro, perché anche il lavoro, il contatto con gli altri è sospeso, perché si ritrovi, anzitutto, il rapporto con Dio. Nel sabato tutti si riposano, a prescindere dall età, dalla condizione, dalla posizione sociale, dalle possibilità economiche Dio si riposa. L uomo è immagine di Dio Il giorno festivo è tale perché è a immagine del riposo di Dio. Non è peccato lavorare. E peccato non ricordarsi che Dio dà senso al mio lavoro. Il giorno festivo è immagine del dono gratuito di Dio. Della sospensione che richiama l abbandono. Non è peccato festeggiare insieme, ritrovarsi come famiglie, come amici. E peccato non ricordarsi a chi bisogna affidare quel tempo gratuito. Il giorno festivo è immagine della libertà che Dio si prende e che Dio dona. Non è peccato usare del tempo festivo per svagarsi, per fare ciò che durante la settimana non si fa. E peccato non celebrare, con quella libertà, tutta l importanza che Dio, datore di libertà, merita. Il giorno festivo è stato santificato dalla benedizione di Dio che contempla le sue creature. E un peccato che spesso non si dedichi questo giorno alla contemplazione di Dio. Alla contemplazione delle sue creature (anche di quelle che soffrono, che sono in difficoltà). Forse, presi dal fare, ci dimentichiamo di Chi dà senso al non fare. Presi dal fare tutto noi ci dimentichiamo di chi per fare non fa. Nella tentazione di avere tutto sotto controllo, perdiamo il senso delle cose. Per avere, perdiamo. Staccando, portiamo a compimento. Bibliografia G. VON RAD, Genesi, Brescia 1978, J.L.SKA, La strada e la casa, Bologna 2001, , Il libro sigillato e il libro aperto, Bologna 2005, E. BIANCHI, Adamo, dove sei?, Magnano (Vc) 1994, F. CASTEL, Dio disse, Cinisello Balsamo 1987,

11 UNA PRESENZA CHE NEMMENO DIO PUÒ COLMARE Amore e condivisione in Gn 2, ,18 Poi il Signore Dio disse: Non è bene che l uomo sia solo: gli voglio fare un aiuto che gli sia simile. 19 Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. 20 Così l uomo impose nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli del cielo e a tutte le bestie selvatiche, ma l uomo non trovò un aiuto che gli fosse simile. 21 Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto. 22 Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all uomo, una donna e la condusse all uomo. 23 Allora l uomo disse: Questa volta essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa. La si chiamerà donna perché dall uomo è stata tolta. 24 Per questo l uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne. E fuori discussione che al centro del racconto della creazione è messo a tema il grande compito e l atteggiamento della paternità e della cura di Dio. Dio accompagna l uomo in tutta la sua creazione. L uomo, di per sé, non sarebbe solo, nel giardino. Anzi, non è bene che l uomo sia solo (v. 18). Nel testo l uomo e Dio sono alla ricerca. Da una parte Dio ricerca la felicità dell uomo. Dall altra l uomo ricerca la compagnia. La cosa interessante è che Dio non è e non può essere (dal momento che la finale del racconto la sappiamo) la compagnia di Adamo. E l uomo non trova nemmeno in Dio la sua compagnia principale. Forse non è proprio il caso di semplificare troppo la presenza di Dio nella vita dell uomo. Dio è proprio altro, l eternamente diverso rispetto alla vita dell uomo stesso. Con tutta la sua volontà di essere vicino, dentro, nell uomo egli rimane sempre e comunque il Signore Dio (~yhiêl{a/ hw"åhy). Rimane il differente da noi. Il primo tentativo del Signore, va in un certo senso, sprecato (v. 19). L animale che l uomo domina affidandogli un nome non fa parte della serie delle cose da amare. Quello che Dio crea, in un certo senso, è meno, non è adatto all uomo. O meglio: non è adatto per ciò che l uomo desidererebbe. Che cosa genera gli animali? La parola, il linguaggio: escono dalla bocca di YHWH (è Lui che li vuole e li chiama all esistenza), ma nello stesso tempo è anche Adamo stesso che li chiama, li domina dando loro un nome. Dio crea, l uomo ordina, dando così una mano al suo Creatore (Gn 1) a mantenere quell ordine che è frutto di attenzione e testimonianza che uscire e rimanere fuori dal caos è possibile. Ritornarvi (insegnerà in Gn 6-9 la storia del diluvio) ha conseguenze davvero dannose. Dare il nome, come tutti ormai sanno, fa parte dell esercizio di sovranità. E un imporre la propria supremazia. Questo la dice lunga a proposito del fatto che animali e uomo derivino dalla terra, ma la loro uguaglianza non è sancita dal fatto che sia solamente l uomo a dare il nome e non il contrario. Inoltre, se la caratteristica del creare e dell ordinare è affidata al linguaggio e alla parola, chi parola, nel testo, è solamente il Signore e l uomo. In effetti, in Gn 3, anche il serpente si mette a parlare, ma nessuno gliene ha dato il permesso. 11

12 Che l uomo debba dare il nome a tutti (sic!) gli animali, al v. 19 (ty:üx;-lk') e al v. 20 (hm'heb.h;-lk'l.) è una tecnica narrativa (l autore ritarda l avvenimento principale seguendo una trama che ci riporta un po lontana dal centro. Un po come in Mc 5 dove Giairo chiede la guarigione della figlia morente e Gesù si attarda con la donna che ha perdite di sangue, e così la figlia muore. Ma se non morisse Gesù non può farla risorgere. Così qui. Nessun animale sarà simile all uomo. Ma Adamo li passa in rassegna personalmente in modo che nessuno, davvero, sia simile. E lo può verificare) 1. In 2,21 si dice che l uomo non ha trovato un aiuto che gli stesse davanti. La traduzione dello Zorell (Lexicon Hebraicum Veteris Testamenti) è, secondo me, la migliore. Scrive il gesuita: Auditorium sicut oportebat iuxta eum = ei conveniens. L uomo fa capire al Signore le sue intenzioni. Il nome degli animali della terra e ai volatili del cielo è stato dato, ma non basta per trovare un aiuto che lo possa capire. L uomo non riesce a vedere (perché non può essere che così) in Dio un aiuto che gli stia davanti. Che gli sia simile. Dio non è l uomo. Non è dentro nella sua vita. E per capire l uomo (che rimane una creatura, perché Dio ha soffiato nelle sue narici il suo alito, a differenza di ciò che ha fatto con gli animali, le bestie e i rettili della terra e coi volatili del cielo). Ci vuole qualcosa d altro. E qui, Dio, si converte. Cambia prospettiva. Contempla, nel suo progetto, anche ciò che l uomo gli ha suggerito. Almeno coglie che Lui, come Dio, non può essere uomo. Paradossalmente, nella Genesi, Dio non può ancora farsi uomo! La conversione di YHWH, però, non è un aggiustare il tiro. La donna, non è il risultato di una dimenticanza di Dio. Il racconto avanza con la stessa grandezza e con la stessa forza dell inizio. All opera è lo stesso Signore Dio che ha creato uomo e bestie. La donna, è quindi, un dono di Dio. Come Adamo. La differenza, forse, sta proprio che Adamo è un dono per se stesso. In sé. La donna è un dono di Dio, per Adamo. Al v. 21 Adamo si addormenta. Come si addormenterà Abramo quando Dio suggellerà l Alleanza con gli animali. E una specie di incanto che toglie le facoltà primarie (intellettiva e sensitiva). Non è presente. Nessuno veda il Dio che opera meraviglie. Il Dio che opera per la felicità degli uomini non è visto da colui che sa chiamare le cose col suo nome. Dio, ci insegnerà la storia di Giacobbe, non può né essere conosciuto, né rivelare il nome. Ciò che nasce dalla paternità di Dio che crea è ancora un uomo. Non si è rotto il primo per farne un secondo. Ne forma un secondo usando del primo. Con la costola plasma una nuova vita. Passa dalla vita alla vita. E questo Dio può farla. L uomo (vya), grazie a 1 Sono contrario alla tesi di chi afferma che il racconto conterrebbe anche la proibizione implicita di avere rapporti sessuali con gli animali. Il racconto dice che l animale non sta davanti, alla pari, come aiuto, dell uomo. 12

13 Dio, diventa segno di vita per una altro uomo (hv'êa). Si chiamerà hisshà perché da his è stata tolta. Al v. 22 Dio, come un paraninfo, l amico dello sposo, gli conduce la sua donna. Colei che ora appare agli occhi dell uomo, come sua. Non perché è sua proprietà, questo sarà uno sgambetto del peccato di Gn 3. E sua, e lui è suo, perché si riconoscono, fatti dalle stesse mani e con lo stesso corpo. Dalla ferita della costola di Adamo nasce Eva, la madre dei viventi. C è tutta l esultanza dell uomo che per la prima volta, in prima assoluta, si trova davanti ad un tu, femminile, diverso e complementare, che lo lascia stupito e incantato. Insieme. Simili. Della stessa pasta. Il riconoscimento dell uomo rivela che lui avrà a che fare con lei e lei con lui. Non potranno fare a mano, l uno dell altro. I due, nell altro, si scoprono e si conoscono. L altro diventa inevitabilmente, nel bene e nel male (Gn 3) lo specchio di se stessi. Di ciò che si potrebbe fare e di ciò che si deve evitare di fare. L altro, nella creazione, diventa, in positivo, la prima legge del Signore. Il primo dono. Ha ragione Paolo ai Galati quando spiega che prima della Legge (di Mosè) non c era peccato e trasgressione. Nel senso grande che c era solamente possibilità donata di fare il bene. Di fare secondo Dio. Quando questo ordine e questa armonia vengono interrotti, allora tutto si infrange, anche lo specchiarsi e il riconoscersi, uno nell altra, come ossa delle proprie ossa e carne della propria carne. Ciò che si sente dentro, col peccato viene percepito come fuori. Ciò che è interno, è vissuto come estraneo a se stessi. Tra Adamo ed Eva c è un attrazione che fa sentire il bisogno di recuperarsi. E di recuperare, inevitabilmente, l immagine di Dio che risplende in ambedue. Dimenticarsi dell uno e dell altro, significa dimenticarsi di se stessi. Siamo al primo e più grande comandamento. Amare Dio con tutto se stessi. Amare il prossimo come se stessi. Il v. 24, come spesso nella conclusione di questi brani narrativi di Gn, è una conclusione teologica. L uomo che deve abbandonare suo padre e sua madre non è l uomo solo che cerca la donna. E l uomo. Di sempre. Von Rad pensa che questa conclusione ci dica il perché in noi sentiamo attrazione verso l altro sesso. Questione interessante e ricca di spunti. Perché all inizio eravamo soli. Ora, da due, siamo chiamati a diventare uno. L unità è quindi il risultato, a volte faticoso, ma sempre bello, di un cammino che ci porta a trovare non l altra metà, ma l altro tutto. Nell altro noi scopriamo non ciò che ci manca. Nessuno di noi è alla ricerca della sua costola perduta. Ciascuno di noi è alla ricerca dell opera che Dio ha fatto servendosi di noi 2. 2 C è chi pensa che la frase: per questo l uomo lascerà suo padre e sua madre rispecchi in un certo senso tradizioni antiche (ma antiche di quanto?). Israele, da ciò che si può intuire era, come la grande maggioranza delle culture cananee (nelle quali Israele sarebbe nato, e non vi sarebbe entrato successivamente con Giosuè) patriarcale. Il matrimonio, quindi, sarebbe il modo concreto da parte dell uomo maschio di abbandonare la sua famiglia, i suoi genitori, per formare una nuova famiglia con la sua donna. Ma qui, se l interpretazione va, sembrerebbe più una conclusione di stampo matriarcale. L uomo lascia la sua famiglia, perché la nuova famiglia, con la sua donna, vale di più. Von Rad conclude che non si può trarre da un costume naturale una interpretazione giuridica. Io mi permetto di aggiungere che lasciare la propria madre per fare una propria famiglia (con un'altra possibile madre non del marito, ma dei figli che 13

14 Tutti e due, uomo e donna, sono immagine di Dio. I nomi di tutti e tre, in ebraico, iniziano con la stessa consonante aleph (a). Il termine della loro ricerca sarà compiuto e la loro vita sarà piena quando ricorderanno l origine divina. Di entrambi. Di ogni uomo che viene al mondo. L amore coinciderà, senza analogie. Nell altro riconosceranno lo stesso amore che li ha preceduti e li sostiene. Un amore e una creazione che nessuno dei due ha visto. Ma che entrambi sentono in se stessi. Chiudo con due annotazioni: Adamo cerca l amore. E Dio gli restituisce un corpo (persona). Che brutto sarebbe un amore senza corpo o un corpo senza amore. Uomo e donna appaiono come necessari. La donna è cercata dall uomo come conveniens. L uomo senza la donna non vive. E la donna, senza la ricerca dell uomo che la desidera, non esisterebbe L amore ha un corpo perché le persone lo cercano. E la ricerca trova corpo nell incontro tra due persone; Il primo linguaggio dell amore in Gn è il bisogno. Prima di teorie sull altro c è il bisogno dell altro. Il primo linguaggio umano e la prima preghiera che Adamo innalza al Signore Dio, nella diversità che li caratterizza, è il bisogno di Qualcuno che lo riconosca. Che lo faccia sentire vero, uomo. Adamo non sa che cosa Dio inventerà. Si affida alla sua Provvidenza che ha saputo far scaturire la bellezza di ciò che lo circonda (creato, natura, acqua, sole, stelle, bestie, rettili, pesci ). Per questo le parole del serpente, in Gn 3, saranno doppiamente false. Perché Adamo sa bene che tutto gli è dato gratuitamente Sa che il rettile, l animale, il pesce non sono come lui. Non può parlare con coloro. Non può amarli alla pari. Non può ridere. Non può arrabbiarsi. Non può discutere. Stanno davanti a lui, ma non come aiuti simili a lui. E anche Dio è di un altro mondo. Dio ascolta la preghiera di Adamo e lo aiuta. Gli crea un aiuto. verranno) è segno di forza (stampo patriarcale), ma anello stesso tempo avvia un nuovo cammino di debolezza: anche dalla nuova unione partiranno altri per unioni che saranno più forti e più importanti della famiglia attuale. 14

DINAMICHE E LABORATORI RITIRO BIZONALE

DINAMICHE E LABORATORI RITIRO BIZONALE DINAMICHE E LABORATORI RITIRO BIZONALE Dal libro della Genesi In principio Dio creò il cielo e la terra. Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO Il patto matrimoniale con cui l uomo e la donna stabiliscono di vivere insieme per tutta la vita, per sua natura ordinato al bene dei coniugi ed alla procreazione

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle.

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle. DIOCESI DI VIGEVANO 2 Introduzione Guida: Fratelli e sorelle. Questa veglia ci mette in sintonia con tutta la Chiesa nel condividere l ascolto della Parola e la preghiera, ed ancor più ci aiuta a riscoprire

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

In principio... Verona, Teatro Nuovo

In principio... Verona, Teatro Nuovo In principio... Interazioni sulla Genesi Tre quadri e un epilogo Verona, Teatro Nuovo 21 maggio 2015, ore 20:30 In collaborazione con Con il patrocinio di Ideazione: Alteritas - Interazione tra i popoli

Dettagli

Attività di potenziamento e recupero

Attività di potenziamento e recupero Attività di potenziamento e recupero 7. Dio e l uomo Dio e l uomo (attività e verifiche) 1 ATTIVITA DI POTENZIAMENTO Utilizzando un motore di ricerca in Internet, o materiale fornito dal tuo insegnante,

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

LA SACRA BIBBIA ILLUSTRATA E RACCONTATA A BAMBINI E RAGAZZI

LA SACRA BIBBIA ILLUSTRATA E RACCONTATA A BAMBINI E RAGAZZI LA SACRA BIBBIA ILLUSTRATA E RACCONTATA A BAMBINI E RAGAZZI Tanto, tanto tempo fa il cielo, la terra e tutti gli abitanti non c'erano. Non c'era nulla di quello che noi vediamo: c'era però Dio, e tutto

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM IV QUARESIMA 30 marzo 2014 ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Gv 9,1-41 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

YHWH ti nutre con fior di frumento Dt 8 nel contesto della liturgia del Corpus Domini (anno A)

YHWH ti nutre con fior di frumento Dt 8 nel contesto della liturgia del Corpus Domini (anno A) YHWH ti nutre con fior di frumento Dt 8 nel contesto della liturgia del Corpus Domini (anno A) Corpus Domini A Dt 8,2-3.14-16 / Sal 147 1 Cor 10,16-17 Gv 6,51-58 Nella liturgia romana la prima domenica

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9

Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9 Pietro Ciavarella Ebrei 11:4 P 1/9 Sermone 25 Testo: Ebrei 11:4 Data predicato: 3 novembre 2013 Titolo: La fede di Abele *Per favore, aiutate Mirko e Simona. Grazie! Per capire in che modo, ecco il link

Dettagli

Levitico. fu eretto il Tabernacolo) al 20 Maggio (giorno della partenza dal monte Sinai) Esodo 40:2-17. www.chiesaolgiata.

Levitico. fu eretto il Tabernacolo) al 20 Maggio (giorno della partenza dal monte Sinai) Esodo 40:2-17. www.chiesaolgiata. VAVVICH RAH Levitico Egli chiama Parla dell'appello di Dio ai credenti per entrare in comunione con Lui ed alla santificazione del corpo, dell'anima e dello Spirito. Queste istruzioni furono date a Mosè

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

La chiamata alla speranza

La chiamata alla speranza La chiamata alla speranza Preghiera mensile Dicembre 2015 1.- Introduzione L'Avvento è un tempo per rispondere alla "chiamata alla speranza". La nostra è la speranza che abbiamo nella nascita di Cristo,

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE Parrocchia Maria Ss. Assunta - LIBRO DELL APOCALISSE L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE (cc 4-11) 1 Schema di Ap. 1-16 1 16 1. Prologo (cap. 1): Introduzione: intento: rivelazione contenuto:

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Liturgie matrimoniali

Liturgie matrimoniali Liturgie matrimoniali Le Chiese battiste (e i suoi pastori!) hanno sempre rivendicato libertà nelle forme di liturgia da utilizzare non solo nel culto domenicale, ma anche nei culti speciali. La diversità

Dettagli

Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione

Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione Edizioni Trappiste LA PRIMA CONFESSIONE SERIE PR in due versioni Immagine semplice con interno bianco: dimensioni

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio)

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) CORPUS DOMINI 22 giugno 2014 Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) Canto: Adoramus Te Domine (canone di Taizè) - Ti riconosciamo, Signore, presente a noi nell eucaristia - Ti adoriamo,

Dettagli

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO 18 settembre INTRODUZIONE VESPRI V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto.. Alleluia INNO San Giuseppe onoriamo: la sua virtù sublime l'ordine

Dettagli

Lo studio della Bibbia è benefico

Lo studio della Bibbia è benefico Lo studio della Bibbia è benefico Tanti anni fa, un capitano ancorò la sua nave nel porto di un'esotica isola del Pacifico Meridionale. A veva sentito dire che gli indigeni, un tempo cannibali, ora accoglievano

Dettagli

2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO

2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO SCHEDA 5 (per operatori) Nota introduttiva 2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO Questa scheda può essere una lectio sulla pagine delle nozze di Cana, completata dalla Lettera ai fidanzati di Giordano

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11)

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) Introduzione: Sermone Filippesi 3:4-7. Nell ultimo sermone in Filippesi, in 3:1-3, abbiamo visto che ci sono falsi insegnanti, che predicano la

Dettagli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli BENEDIZIONE Il celebrante benedice le mamme, che tengono in braccio il loro bambino, quindi i papà e tutti i presenti, dicendo: Dio onnipotente, che per mezzo del suo Figlio, nato dalla vergine Maria,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA Anno scolastico 2012-2013 Presentazione Si riparte! L inizio di un nuovo anno scolastico è un momento impegnativo per i bambini e per i genitori che iniziano

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

12 maggio 2013 Liturgia delle ore della Terza Settimana. 47a Giornata mondiale per le comunicazioni sociali

12 maggio 2013 Liturgia delle ore della Terza Settimana. 47a Giornata mondiale per le comunicazioni sociali sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 12 maggio 2013 Liturgia delle ore della Terza Settimana Ascensione del Signore / c 47a Giornata mondiale per le comunicazioni

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli