CACCIA GROSSA!! IL FORTE DI BIBBIONE ANTICA DIMORA DEL MACCHIAVELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CACCIA GROSSA!! IL FORTE DI BIBBIONE ANTICA DIMORA DEL MACCHIAVELLI"

Transcript

1 CACCIA GROSSA!! IL FORTE DI BIBBIONE ANTICA DIMORA DEL MACCHIAVELLI Accadono nella vita delle persone alcuni fatti che ne determinano cambiamenti di abitudini e di gusti o soltanto di opinioni e questo che leggerete e capitato a me cacciatore di fringuelli. E pur vero che i poveri pennuti sono negli anni venuti a calare in modo preoccupante, e giustamente le autorità venatorie un bel giorno hanno deciso di limitarne, anzi di vietarne per diversi anni la caccia. Ed io che invece amavo cacciare alla cerca avevo un vecchio Franchi in calibro 20 che portavo in lunghe passeggiate per boschi e campi e la preda più frequente erano gli uccelli di piccola taglia che più numerosi era facile incontrare. Anche gli altri di passo si sono fatti negli anni ancor piu rari ed il giorno che i calendari venatori tolsero dalla lista cacciabile i fringuelli mi ritrovai una borsa di cartucce a pallini che non sapevo più come sfruttare. Capita che Marco, un mio carissimo amico mi raccontasse meraviglie della caccia al cinghiale come avventurosa ed appassionante, e comunque diversissima dalle mie abitudini ed un giorno dopo tanto insistere mi portò a conoscere il suo gruppo. Partiti con il mio compagno Mauro, ci ritrovammo al raduno nel bar del paese dove conoscemmo capi caccia e canai. Lì venne stabilito dove andare a tracciare, cosa a me sconosciuta, e l orario di ritrovo per decidere dove metter caccia. Giusto per insegnare a me ed a Mauro la pratica della tracciatura, ci separarono e fummo assegnati a due della squadra esperti tracciatori. Non so dove finì Mauro, ma io scelsi di andare con un cacciatore che ha un nome strano come il mio e si chiama Ademaro. Arrivammo al forte di Bibbione, antico possedimento del Macchiavelli. Era una mattina serena, la notte una luna da balzello aveva partorito una brina alta due dita, e di buona lena siamo scesi a margine delle vigne di Chianti per una pista tracciata dalla ruspa, larga e comoda che costeggiava un bosco misto di acacie e carpini.

2 LA STRADELLA LARGA E COMODA Il costone ripido era di una terra ghiaiosa di ciottoli rotondi, nel bosco fitto si camminava ancora bene, ma nello sterrato bisognava far attenzione a non ruzzolare su quelle biglie rotonde. Si usava allora andar a tracciare con la speranza di tirare al merlo ed anche a qualcosa di meglio, così nel fucile mettevamo cartucce a pallini, e due palle Brenneke in tasca tanto per fare. Ognuno guardando il suo lato della pista, si cercavano sui bordi e davanti alle uscite dalla macchia le tracce del cinghiale, ma fino a quel tratto non pareva zona gradita dal suide. In fondo al costone, lungo il fosso macchie spinose di biancospino segnavano il tracciato di un viottolo appena sufficiente per una persona, e lì un cagnetto scuoteva il suo bubbolo ed ogni tanto lanciava un abbaio fioco. Pensai che dei leprai cercassero la baffona e d istinto mi sporsi dal ciglio per guardare in basso, ma il bosco alto non consentiva in quel punto la visuale del fondo valle. Però la ruspa proprio lì aveva accompagnato la terra per creare uno sgrondo, tagliando la macchia a lato della strada e così potei vedere un po più in profondità fra i carpini e le acacie. Come in un flash vedo traversare questo strappo da una montagna di pelo brinato che camminando parallelo alla strada risaliva il costone. Allora certo più svelto di adesso, lancio un grido al mio compagno e gli dico:- un cinghiale! risale il bosco, corri!- mi volto indietro in salita e correndo cerco di cambiare le cartucce, lascio cadere in terra quelle a pallini ed infilo in canna una palla. L animale costeggiando la strada incontra un altro taglio della ruspa, e mi si mostra per un attimo. Io ormai imbracciato riesco a sparare una palla in mezzo ai rovi. Sul colpo il verro si ferma ed appoggiato ad un piccolo carpine lo scuote forte. Io non capisco cosa succede, ma comunque incamero l altra Brenneke e mirando e tremando d emozione tiro un altro colpo nel mucchio. Intanto Ademaro mi raggiunge, non ha visto l animale e vedendomi sparare nelle acacie, mi guarda e chiede notizie. Il cinghiale intanto sul secondo colpo si svincola dal carpine e rotola fra i rovi giù nel dirupo. Con due parole decidiamo che io scenderò nel bosco a seguire la traccia del verro e lui resterà in alto per guidarmi con la voce. Scendo e vedo che in basso il bosco si dirada e posso guardare meglio in più direzioni. Incontro una vecchia strada di boscaioli, larga ed incisa nel fianco della collina ed

3 FINALMENTE VEDO IL VERRO AL MARGINE DELLA STRADELLA aggiro il costone fin sotto dove il verro ruzzolando ha lasciato nei rovi una bella strisciata di pulito. Guardo in alto, guardo in basso e non vedo niente, ne sangue ne altro. Cammino oltre le tracce, guardo fino al fosso, torno verso il mio compagno,lo chiamo ed anche lui si avvicina al punto dove ho tirato il secondo colpo. Tracce di trascinamento ed infine dentro un rotolo di rovi, in una sorta di trincea a margine del viottolo ecco il verro morto. Ero talmente eccitato che l avevo quasi calpestato senza vederlo, caccio un grido e chiamo giù il mio collega. Ci mettiamo a guardarlo. All epoca avevamo delle radio grosse come mattoni e poco efficienti, e dato che eravamo abbastanza in basso rispetto alle colline, da lì i nostri amici non ci avrebbero sentito, ed i cellulari non c erano ancora nel 92. Allora lui, dotato di una Panda 4x4, sarebbe risalito un po per cercare di collegare qualcuno degli altri compagni ed io sarei rimasto a guardia del nostro verro. Così deciso si allontana e resto a rimirare la mia preda tronfio orgoglioso e stordito dall emozione. Il mio primo giorno al cinghiale mi capita di beccare una bestia così grande! e che zanne! le misurai in seguito e la più lunga era 16 centimetri. Per ingannare il tempo preparo un bel palo lungo, poi mi metto a togliere da dosso all animale i rovi in cui si era avvolto cadendo, poi cerco di portarlo in mezzo al viottolo per poterlo poi legare e trascinare, ma riesco a malapena a giralo. Nei lontani ricordi di campagna avevo visto tanti maiali rosa grossi anche oltre due quintali, e questo maialetto scuro non mi pareva poi gran che. All arrivo dei compagni mi presero tutti in giro per queste considerazioni e potei vedere al momento di trascinarlo quanto era pesante. Mentre si legava il verro, il cagnetto che avevo sentito arrivò lì da noi e poco dopo anche i cacciatori che lo seguivano;. Un cinghiale così all epoca non era frequente da vedere e raccolsi anche i complimenti dei leprai, che di buon grado ci aiutarono a trascinarlo fin su alla strada. Poi legato alla Panda lo portammo fino all asfalto e da lì con una vecchia Renault 4 a casa di un amico fabbro che ci prestò l argano a catena per appenderlo e pulirlo. Era un bastiaccia pelosa e fangosa con un pelo arruffato e lungo, puzzava come un cesso, ma io ero leggero come una piuma.. Ademaro da consumato cinghialaio era pratico della sistemazione della carcassa, con poche mosse l apri, tolse con attenzione le parti sfruttabili, scartò

4 ADEMARO SISTEMA IL VERRO E MAURO A DESTRA SUA PARTECIPA la ferita e lavò con cura sia l interno che la pelliccia. poi sul ceppo del fabbro divise i tagli. Io rimasi ammirato da questa sequenza di manovre e negli anni successivi mi ingegnai di imparare. Poi con calma ci riunimmo al resto degli amici e tutti insieme ci portammo sul San Michele per la battuta, che io vissi distratto dallo smaltire l adrenalina del mattino. Prendemmo un altro verro, colpito dal mio amico Marco in un profondo canalone che richiese molte braccia per il recupero. La giornata finì con grande allegria di tutti, in quegli anni la squadra prendeva venticinque cinghiali a stagione ed erano frequenti le giornate in cui si andava in bianco. Altre volte in quell anno sono tornato a caccia di uccelli, ma il pensiero di trovare ancora un cinghiale mi seguiva sempre, finchè mi decisi ad iscrivermi alla squadra ed abbandonare le cartuccine. Negli anni mi e poi capitato di prendere cinghiali anche grossi ma zanne come quelle non ne ho viste più. Mi viene di ringraziare Marco che mi ha iniziato in questa caccia così emozionante ed anche Ademaro, amico e maestro di quella volta lì Libero 2012

5 CINGHIALI IN CALIFORNIA Il castello del borgo di Castelfalfi in estate Non quella americana, ma la nostra California che non ha niente da invidiare all altra. Dovreste vederla nelle mattine di novembre quando il sole fa capolino dalle pinete di Montignoso, frà la bruma che sale dai fossi, la struggente dolcezza delle colline, dei calanchi e le dune di stoppia e il verde del grano appena nato, i vecchi casolari diroccati sul colmo dei calanchi che aleggiano di novelle di maghi e fate e le stradine bianche stile pollicino. Non sarà un caso che frotte di turisti stranieri scelgono di stare qualche giorno da noi in Toscana, quì al confine fra Pisa e Firenze, fra piccoli borghi antichi, Villamagna, Iano, Castelfalfi che la sera, quando accendono le luci sembrano presepi. Ma per noi cacciatori e ancora più affascinante per le possibilità offerte negli ultimi anni per la presenza di selvaggina nobile, caprioli e cinghiali ben rappresentati. E un bel territorio per cacciare, poco abitato, ancora com era cent anni fa, poca gente, poco disturbo. Io ho in assegnazione un territorio per la selezione al capriolo ai margini di aree riservate e di queste una e di un amico, Antonio anche lui selecacciatore con cui facciamo lunghe chiacchierate di armi e calibri e che un bel giorno, un bellissimo giorno mi ha fatto dono di un invito per un abbattimento di cinghiali che devastano sistematicamente le sue piagge di grano seminato.

6 Ecco il primo animale E dato che il cinghiale e una mia passione condivisa con Mauro mio amico e cognato, ho pregato perché venisse con mè. Arriva il giorno ed eccomi alla casa di caccia, dove trovo cacciatori e canai di una squadra del mio paese, gente conosciuta e fra loro diversi amici, ed il figlio maggiore di Antonio, Dario che conduce la caccia. E una giornata di fine novembre, ci sono in terra ancora leggeri residui di una breve nevicata di ieri notte, non c e sole ma non minaccia altro disturbo. Intanto diversi cacciatori sono andati in giro a cercare tracce per stabilire in che zona le bestie nere sono rimesse e dalla casa dopo poco si vedono lontani camminare lungo le prode. Quando rientrano eccitati subito si creano gli equipaggi sui fuoristrada e traversato un canalone ci disponiamo in cerchio per chiudere dentro le poste un piccolo calanco che interrompe una grande costa seminata. Un bel terreno per il cinghiale, la vegetazione e quasi esclusivamente di biancospino, qualche olmo, ginestre e rovi, tanti, ed in questa macchia fori di passaggi frequenti bianchi del fango di argilla degli insogli che sono nel calanco. Non mi era mai capitato di stare alla posta in mezzo al seminato, un tappeto verde a perdita d occhio alto si e no cinque centimetri, una visuale su tanta area di caccia, in vista di almeno una decina di compagni schierati con le giacche arancio e mi sentivo piuttosto sicuro anche dai rischi sempre presenti di una caccia da fare con le dovute cautele. Il campo degrada verso il fosso principale, io sono la quinta posta a metà salita circa, sotto di me Marco, amico fraterno e compagno di caccia assiduo, ancora più sotto Mauro e più giù ancora tre poste, poi altre dall altra parte fino a risalire al crinale. Si da inizio, si sciolgono i cani ed entrano nella macchia Antonio ed altri due canai. Neanche passano cinque minuti che si scatena il finimondo!

7 Ad una vista simile riuscireste a mantenervi calmi? io no di certo Cominciano ad uscire dalle fòre gruppi di cinghiali che entrano nel seminato correndo a mille, tre alla posta sopra di mè, uno viene colpito ma non si ferma, ed il mio compagno da sopra continua a sparare cercando di colpirlo senza riuscirci. finchè la bestia camminando lentamente si ribalta davanti a mè. Io miro al secondo e lo colpisco con la mia vecchia BAR e capitombola in forza del pendio, al terzo cerco di sparare aspettando che oltrepassi la linea delle poste fra mè e Marco, però se ne và correndo finché non lo vedo più. Dopo appena dieci minuti un altra brigata esce sotto di mè ma non posso sparare perché sulla mia linea vedo le poste in fondo, così non e per Marco che ferma un cinghiale ed un altro ne ferisce a morte ma questo continua a correre verso la macchia del fosso in fondo al vallone. Vista la scena corro per finirlo ed anche Marco scende insieme a mè. Arrivati alla macchia nel punto dove l animale e entrato, tracce di sangue sulle spine ed un passaggio che mi permette di scendere nel fosso. Ma le tracce nel fosso non ci sono, torno indietro per riprenderle nel campo, torno nel fosso ed allora? non volano mica! Finché guardando il ciglio dal basso una macchia di ombra alta fra le spine - ma sì, il cinghiale ha corso con le ultime forze e si e tuffato nella macchia restando sospeso su di una forca a due metri da terra!. Bene, torniamo in posta, intanto nel centro del calanco i cani continuano a battagliare ed altri animali escono in alto accolti da serenate allegre. Marco mi confida che non pensando di trovare tanti animali, non ha preso la cartuccera e quindi gli restano tre cartucce soltanto e dato che usa un calibro 20, pochi altri e non vicino a noi ne possono avere da prestargli. In quel mentre un trattorino peloso esce davanti a lui,che mira e spara tutti i suoi colpi finché il verro si ribalta, sembra fatta, ma un paio di minuti dopo barcollando si rialza e grazie alla forte pendenza s incammina ruzzolando e rialzandosi più volte verso il fosso. Mauro però attento e pronto con una piccola corsa arriva a tiro e lo ferma. E grosso, proprio grosso,fangoso e spettinato,sarà pieno di zecche e puzza come un cesso, ma ha tre fori nelle costole. Nel calanco la battaglia continua ed altri animali escono, la sparatoria continua ancora per un po e finalmente viene dato il segnale di stop.

8 Il verro di Marco poi fermato da Mauro Saranno usciti almeno una trentina di animali, aveva ragione Antonio a lamentare danni, in effetti il grano e arato a zone e pieno di buche. Probabile che i cinghiali, cacciati fin sui confini della riserva già dai primi di ottobre, si rifugino qui dove trovano cibo acqua e tranquillità e si concentrino in numeri certo insopportabili. Ci spostiamo di poco e vengono di nuovo disposte le linee di posta, a me tocca sul crinale e mi viene raccomandato,viste esperienze precedenti, di non sparare dalla linea di cresta ma di stare alcuni metri indietro così che eventuali colpi vadano nel terreno e non lontano nella costa verso i canai. Bene, intanto dalla cresta posso guardare la cacciata e vedo quando vengono trovati i cinghiali, seguo i tiri da lassù finché un cinghialetto invece di seguire la strada degli altri, torna indietro e viene verso di mè. Così rispettando le consegne, non gli tiro quando traversa le strada, facile come sparare ad un barattolo, nel pulito ed in salita, ma aspetto che valichi la cresta ed entri in piaggia, dove clamorosamente lo fallisco restando a guardarlo correre in discesa lì come un allocco. Ma sì che gli rovescio dietro tutti i colpi della BAR, ma non mi e mai capitato di colpire un cinghiale oltre i metri con qualsiasi fucile abbia tirato. Per fortuna le altre poste hanno fatto di meglio e così viene deciso di fermarsi visto che i cani intanto sono saggiamente rientrati. Non mi ero accorto che alla seconda cacciata mancasse qualcuno, invece troviamo fuoco acceso, pasta quasi pronta e carne alla brace che ci abbraccia con il suo profumo appena scesi di macchina alla casa di caccia. Inevitabile presa di giro per la padella, ma un cinghiale comunque l ho preso anch io, e giu risate ed allegria. Intanto il tempo passa, troppo in fretta perché in buona compagnia si sta davvero bene, ma bisogna recuperare i cinghiali, che sono tanti. Torniamo così sulla prima battuta e parlando fra noi stabiliamo che ci sono nove animali da recuperare, mentre negli altri posti sono già sulla strada tre animali che non necessitano di ulteriori operazioni di recupero.

9 Gli animali in fondo al calanco prima del carico Ecco che emerge il problema, non possiamo scendere il costone con un trattore, si spaccherebbe il terreno e si danneggerebbe ancor di più il grano. Bisogna, tramite una stradella traversare il fosso e passando per un incolto scendere fino ad arrivare davanti alla zona cacciata, ritraversare a piedi il fosso, trascinare a braccia le bestie e caricarle su qualche mezzo adatto. Antonio dispone di un PIK-UP con ruote molto tassellate che nel cassino può mettere diversi animali, portare persone per aiutare ed anche io, solo fra gli altri, ho le ruote tassellate al mio Galloper, ma non mi sono mai azzardato ad entrare in questi terreni argillosi zuppi d acqua di novembre. Ma il giorno finirà presto, e fra mille tentennamenti mi decido. Vedo Dario passare nell incolto con il pik-up, non sbanda e sembra procedere bene, così mi faccio coraggio e parto. Io Mauro e Marco sfruttando la pista tracciata da Dario arriviamo in zona. Sempre in macchina mia ci sono in quantità teli di nailon, sacchi neri e corde robuste, e con queste formando una catena si trascinano gli animali su per il fosso fino alle macchine, con fatica, uno alla volta e si caricano sulla macchina di Dario. Anche sulla mia quattro più piccoli che vengono sistemati proteggendo il resto del carico con i teli. Alcuni di noi sono scesi a piedi dalla costa ed adesso visto che intanto si e fatto buio non hanno voglia di risalire a piedi fino al crinale. E così ci ficchiamo in cinque nel Galloper, e con quattro cinghiali in bauliera tentiamo di risalire l incolto e tornare nel mondo civile dove le strade sono strade seguendo i fari di Dario che con cinque grossi cinghiali nel cassino ed il pieno in cabina risale il costone sculettando. Non vi dico che sensazione di guida portare una vettura in quel terreno zuppo d acqua con un carico folle! Le ruote tassellate prendono bene ma affondano parecchio, ed a tratti sento sforzare il motore pur con le ridotte!

10 Novembre 2006 Mauro alla casa di caccia cambiato e pulito pronto per i ritorno E che odori in macchina! cinghiali bagnati ed uomini sudati.al colmo della tensione mentre in macchina si ride e fa chiasso,arriviamo ad un punto lungo la pista dove anche grazie al nostro precedente passaggio, un ristagno di acqua si e allargato e quando tento di passare la macchina si intraversa e non prosegue. Torno indietro e cerco di mettere le ruote nel sano, seconda ridotta, accelero a tutta, ricopro il parabrezza di schizzi d argilla grigia, sbando ancora ma passo oltre. Non ho detto nulla, anzi ridevo anch io ma ho preso un discreto spaghetto, al buio, carico come una botte se restavo lì bisognava trovare un trattore e sicuramente fare tardi. Appena la strada e diventata uno sterrato solido, l avrei baciata volentieri. Siamo così arrivati sul crinale per recuperare la macchine di tutti e poi alla casa di caccia per festeggiare la giornata. Da lì poi alla macelleria per sistemare la carne, ma questa non e storia, altri se ne sono occupati. Rimane forte ed indelebile il ricordo di una giornata di caccia, vissuta al massimo dell adrenalina che probabilmente mai più mi ricapiterà, regalata da un amico che non mi chiede nulla in cambio e che voglio ringraziare con questo racconto, scritto anche a distanza di tempo ma giusto per ricordare prima che il calendario mi sia nemico. Grazie ad Antonio e Dario Libero 2012

11 CHE COMBINAZIONE!! IL MERAVIGLIOSO SPLENDIDO UNICO (MIO ) COMBINATO ZOLI CORONA - Passo dal mio amico Ivo in armeria poco prima delle feste di Natale. Ho bisogno di cambiare i miei scarponi invernali : Per la verità non sono molto deciso, affezionato ai vecchi, ma mia moglie, più saggia di mé insiste. E nel curiosare in giro per il negozio aspettando che Ivo si liberi dai clienti che sta servendo, senza volere, oppure no, do una scorsa alle vetrine dei fucili. Usati e nuovi, fucili e carabine sono ben esposti in vetrine illuminate. In compagnia di alcune carabine da cinghiale fa capolino un combinato Zoli, quel Corona che ho visto descritto in un paio delle riviste di caccia che acquisto tutti i mesi. Ne parlano molto bene, eppoi io sono un sostenitore del prodotto Italiano e mi intriga molto vedere in mano questo nuovo fucile. Intanto Ivo si libera, ed ancora prima delle scarpe mi faccio estrarre di vetrina il combinato. E ancor meglio di come appariva sulla rivista, maneggevole, molto ben eseguito e curato nelle forme. Ha poi un sistema di sicura a slitta tipo Spanner, che per le mie cacce va molto bene. Anche la Laura sembra incuriosita da questo strano fucile, e mentre io restituisco l oggetto ad Ivo, mi domanda serena perché non lo prendo se mi piace così tanto! Resto sorpreso da questa proposta, ma non lascio cadere l occasione, e concludo l affare. A casa come i ragazzi mi balocco tutta la sera con questo oggetto del desiderio, collaudo la sicura a slitta e provo gli scatti, sono molto soddisfatto. Viene finalmente il sabato e così posso portare a caccia il Corona. Faccio parte di una squadra di cinghialai in quel di Greve, ed abbiamo a disposizione uno dei più bei territori del Chianti, le pendici del Monte San Michele, area boscosa con tutti i tipi di bosco della Toscana centrale. A nord sotto sole paline di castagno ed a sud bosco misto di pino e roverella con un bel sottobosco di erica arborea, ( scopa ) nascondiglio per eccellenza del nostrano suide. Senza contare che vaste aree percorse da incendi anni addietro sono coperte da macchie di biancospino tanto fitte che a stento i cani possono visitarle. Ritrovo al bar ancora a buio, e dopo il sacrificio di qualche cornetto ognuno parte per la tracciatura. Questa consiste nel percorrere un tracciato concordato con gli altri per cercare le impronte dei cinghiali e le zone dove nella notte abbiano pascolato, per poter giudicare al meglio dove poi si siano rimessi e distribuire la cacciata nella zona più popolata di cinghiali. E questa la parte della giornata di caccia che mi piace, perché da soli nel bosco possiamo godere delle possibilità che questo offre, incontri con animali meravigliosi anche cacciabili e non, caprioli qualche volta il cervo, qualche volta il cinghiale.

12 I VIGNETI DI GREVE IN CHIANTI All ora stabilita tutti al ritrovo presso un grande capanno dove possiamo mangiare vicino al fuoco ed infine quando tutti sono sistemati bisogna stabilire la distribuzione delle poste. Non c e verso di evitare la solita baraonda dato che questa caccia e principalmente un occasione di ritrovo di amici che si frequentano da anni, che a gruppi si attardano nella conversazione a volte ignorando i richiami del capo-caccia. Queste manovre si protraggono per gran parte della mattina, tanto che raramente siamo pronti prima delle undici, e questo consente agli altri cacciatori di concludere la mattina di caccia senza essere disturbati da noi. Infine si forma un cerchio nel piazzale con i postaioli validi, che vengono numerati con il gioco della bottiglia, mentre i cacciatori meno validi in disparte, vengono distribuiti come prime poste una volta arrivati nella zona di caccia. Partenza per la caccia e di nuovo casino, tutte le auto vogliono partire per prime e giù clacsonate ed urla e polverone ed in fine, finalmente, via tutti. Intanto i canai si accordano per la cacciata e le poste, arrivate nella zona si dispongono in una possibilmente linea retta senza creare angoli pericolosi. Quando tutti sono pronti i canai liberano i guinzagli e per i postaioli c e solo da aspettare, magari ma raramente in silenzio, il passaggio del verro. Negli ultimi anni si sono resi disponibili dei piccoli apparecchi radio che hanno permesso un grosso incremento della sicurezza, facilitando la conoscenza della posizione di ognuno, compreso gli ordini di inizio e fine cacciata. Questa mattina ansioso di sfoderare il Corona, cerco di partire ancora prima e mi faccio portare sulla strada di Lamole, per visitare un tracciato di un paio di chilometri che mi porterà vicino ad una fattoria dove un altro compagno mi recupererà portandomi poi al capanno. Scendo di macchina ed appena a distanza metto in carniera la foderina, apro i fucile e metto in canna una TUG da 180 grani ed un Gualandi nella canna liscia. Il percorso mi piace, parte dalla zona delle vigne di Poggio

13 IL BOSCO DI SCOPE ALTE DA CUI SONO SCESI I DUE ANIMALI all Olmo, entra nei castagneti e traversa una zona di scope dove un viottolo appena tracciato gira il poggio fino ad un antica strada ora chiusa da stanghe. Non ho molto tempo, non posso fermarmi ad ascoltare il merlo e cercare il tiro al sassello come si faceva qualche anno addietro. Così presto è piuttosto freddo, anche perché il primo tratto nei castagni radi è esposto ad una brezza di tramontana pungente. Scendo fino al primo fossetto dove il sentiero s inerpica per un tratto di scope alte piene di covi abbandonati ma che consigliano di procedere silenziosi pensando che se un tempo il posto era gradito al branco, nulla vieta che poco oltre ce ne possano essere fermi ad ascoltare. Ma nelle scope la temperatura è ben diversa, sarà per questo che ai cinghiali piacciono, ma io vestito per il freddo comincio a sudare mentre mi avvicino al tratto di camminata che dovrebbe essere più comodo Entro finalmente nella strada della stanga e mi rilasso. Questa e molto larga, abbandonata forse già dal dopo guerra, ma il tracciato e ancora in buono stato e questo fine percorso si conferma agevole da fare. Mentre considero la mia posizione una svolta della strada entra fra alte scope che in parte dal ciglio ricadono fin quasi in mezzo. Mi vengono incontro tre o quattro ghiandaie incazzate e gracchianti, come se qualcuno le avesse disturbate. Pensando di incontrare un cacciatore, tengo il fucile in spalla ed allungo il passo. I miei passi restano silenziosi per la pioggia della notte, non faccio alcun rumore anche camminando più svelto. Improvvisamente dai castagni di sopra un cinghiale salta nella strada e si mette a mangiare le ghiande di una grossa quercia. Non mi vede, sono ancora dentro le scope, mi ritraggo a ridosso del ciglio nascosto ancora meglio per seguire le mosse dell animale. Mi volge il fianco e certo non mi vede, ma quando si gira e mi è di fronte nel timore di essere scoperto d istinto imbraccio e miro in mezzo agli occhi, riesco bene ad inquadrare, la tacca e stretta ed il mirino sottile. Ma un pensiero mi viene, appena in tempo.

14 AL PIAZZALE DEL RITROVO Sto tracciando per la squadra, se sparo e ci sono altri cinghiali questi partiranno e non si fermeranno per chilometri e non potremo cacciarli, aspetto fermo in mira. Passano eterni secondi, il fucile comincia a pesare mentre con un balzo un altro cinghiale scende dal ciglio ed anche questo si mette tranquillo a grufolare le foglie di quercia. Ascolto, non sento altri grugniti, non vedo altri cinghiali nel pur largo tratto di palina che posso sbirciare. Il cuore mi martella negli orecchi, non so decidere, ma non voglio indietreggiare per lasciar tranquilli gli animali. Un occasione così ma quando mi ricapita! Aspetto ancora sempre in mira ed infine mi decido, il tiro è troppo favorevole, bersaglio fermo e per giunta illuminato da un bel raggio di sole. Penso che comunque un cinghiale la squadra lo prenderà e non e detto che se anche c e il branco questo si fermi dentro al nostra zona anche se non sparo. Trattengo il fiato e tiro. Il cinghiale ha un sussulto e subito si ribalta di lato, ma anche quello dietro di lui si sbatte in terra sgambettando!.. Non capisco se sono ancora su questa terra o sto dormendo nel mio letto! Ricarico e faccio per avvicinarmi che una serie di grugniti si leva da sotto la strada e mi viene incontro. Cerco di guardare nella macchia, ma i rovi sono troppo fitti e fuorché degli scuotimenti non riesco a vedere nessun cinghiale finché i grugniti si allontanano nel canalone. Evidentemente questi due animali erano in coda al branco attardati a mangiare le castagne nella palina ed erano scesi per ultimi. Mi avvicino e vedo che il primo e stato colpito giusto sotto lo zigomo, la palla l ha trapassato ed uscendo ha fulminando l altro che era dietro di traverso. Il secondo cinghiale ha un foro nella tempia vicino all orecchio così piccolo che sembra fatto con un ferro da calza. La Tug del 30-06, per sua costruzione e espansa nella sua prima parte sul primo animale ed e proseguita con il nucleo più duro trapassando il cranio del secondo verretto. Non sono animali molto grossi, una quarantina di chili, ma la situazione mi ha impressionato e da oggi riserverò le Tug solo per le cacce da appostamento. Considero pericolosa in battuta una palla con questa capacità di proseguire la sua corsa dopo aver attraversato il cranio e di un animale di quaranta chili!

15 MAGICA VISIONE!! Due miei compagni che sono abbastanza vicini, sentito lo sparo chiamano con la radio. Li faccio venire ad aiutarmi e quando vedono due prede stese a terra anche loro si meravigliano. Ma cosa volete, il mio nuovo fucile non e cosa da tutti! Adesso si tratta di portare questi due cinghialotti indietro per la strada fino ad una fattoria molto più in basso dove il furgone della squadra possa caricarli e portarli alla casa di caccia per le operazioni di pulitura che richiedono una buona oretta. Puliti gli animali e sistemati in cella frigo, finalmente tutta la banda può risalire il monte e portare al capanno del raduno tutti i particolari dell impresa, che peraltro è già stata raccontata in mille varianti tramite la radiolina. E lì fra pacche e commenti ho grande piacere nel far vedere il Corona agli amici e se di questi molti restano ammirati ed incuriositi, altri mi lasciano lì scuotendo la testa come per dire.. La giornata prosegue e prima di sera altri tre cinghiali vengono presi dalla squadra e caricati sul Land con soddisfazione di tutti. E stata una giornata lunga e carica di emozioni, ed ancora dopo qualche anno la rivedo come se l avessi filmata. E mi accorgo d invecchiare quando mi sorprendo per l ennesima volta a raccontarla a chi l ha già sentita mille volte. Ma sono cari amici e mi capiranno, d altronde cacciatori e pescatori sono usi a raccontare solo le giornate andate dritte. Sì, sono proprio un uomo fortunato! Libero 2012

16 LA SORPRESA DEL VERRO novembre 2011 L ALBA SUL GRUPPO DEL SAN MICHELE VISTO DA GREVE E un sabato di gennaio sereno e freddo, sono nel Chianti in cima al San Michele a guardare Firenze da lontano. C è in terra una brina che sembra neve, ma l alba limpida con il sole giallo e grande come una schiacciata all olio rischiara la piana fiorentina e distinguo bene il Cupolone ed il campanile di Giotto. Ad est il Valdarno Aretino e immerso in un mare di nebbia da cui emerge il Pratomagno e la colonna di vapore della centrale ENEL di Santa Barbara. Che spettacolo curioso, sembra davvero un mare tanto la coltre bianca e uniforme e livellata come l acqua di un lago. Passo diversi minuti a considerare la mia fortuna di poter godere di questo spettacolo, in questi luoghi incantati da favola. Respiro l aria fredda e mi metto in cammino, tutto sommato il torrente giù in basso si chiama dell acqua diacciata- in puro stile chiantigiano, e se e freddo di gennaio niente da dire.. Mi son fatto portare quassù ai 900 metri del monte da Mauro, e scenderò fino in fondo valle da una vecchia strada chiamata - delle colombaie -attraverso la palina di castagno che mi permetterà di controllare le passate dei cinghiali che a mezza costa si spostano dal pascolo verso la parte a sud dove nelle scope alte hanno le lestre ( i letti, i covi ) che li nascondono durante il giorno. Luciano intanto partendo più a sud e più basso controllerà le zone delle scope e mi raggiungerà al ritrovo in fondo alla strada dove un piazzale davanti alla sbarra permette al fuoristrada di far manovra.

17 Novembre 2011 L ARENA DEI CERVI NELLA BRINA DEL GALESTRO ROSSO Ho con mè il mio combinato Zoli ed abbastanza lontano dalla strada principale lo estraggo dalla foderina leggera che ficco nella carniera della giacca e carico la canna rigata con la solita TUG 30-06, distolgo lo sguardo dai panorami ed incomincio seriamente a cercare per terra le tracce. Il percorso se è lungo è però facile, dopo quasi un chilometro nelle radure della vetta attraversa gli spinai di biancospino e scendendo lentamente entra nella palina di castagno. Un estate piovosa ha facilitato la crescita delle castagne che sono tante e belle grosse. Han cominciato presto a cadere ed il terreno ne è pieno. Pur sepolte dalle foglie ormai tutte cadute i nostri cinghiali non hanno problemi a trovarle, e si vedono bene le loro piste di terriccio razzolato con il grifo. Stando attento posso distinguere gli scavi recenti anche rivoltando un po di terra e foglie con la scarpa confrontandola con il colore del terriccio smosso dagli animali. Si vede abbastanza bene la differenza, se le tracce sono vecchie il terriccio di castagno umido bello marrone scuro tende ad asciugare ed a schiarire, spesso piccoli ragni fanno nelle buchette la loro microscopica ragnatela che al mattino s imbianca di rugiada, ed infine nelle tracce fresche non ci sono foglie cadute la notte. Sono ormai a metà strada, il colle svolta lentamente ed i fossi sono più profondi ed il sentiero per assecondarli fa ampie curve. Il silenzio non e completo, oltre il lontano brontolio del torrente anche il fischio di branchetti di tordi sasselli che risalgono il canalone andando a far felici i cacciatori ai capanni lassù sul crinale. Spesso le ghiandaie disturbate dai mie passi mi maledicono rabbiose e partono con un frullo rumoroso condito di stridi e gracchi. Nemmeno un alito di vento penetra nella palina, le foglie umide però non tradiscono il mio camminare e mi ricordo solo adesso di accendere la radiolina, magari qualcuno mi avrà già chiamato, pazienza. Una radura di galestro rosso vicino ad una vecchia carbonaia porta evidenti le tracce di una sosta di cervi : posso vedere quantità di tracce di tante misure girare intorno allo spiazzo come se questi grandi animali danzassero intorno prima di sdraiarsi nel galestro. Resto qualche minuto ad osservare pensando che magari un bel giorno anch io potrò incontrare sua maestà il coronato ad una curva del sentiero. Proseguo svelto ed all ennesima svolta del viottolo faccio alzare un capriolo che invece di buttarsi in discesa verso l altro versante, mi gira intorno tornando verso l alto della palina.

18 IL CAPRIOLO INDISPETTITO DALLA MIA INTRUSIONE MI MOSTRA LA LINGUA! Un riflesso istintivo mi fa alzare il fucile e lo metto in mira. E un maschio adulto, lo vedo dalla stazza, un bel collo massiccio ed una postura fiera. Palchi in velluto ben formati con i quali di marzo quando saranno completi e li pulirà si farà rispettare dai suoi simili armato a dovere. Lo guardo mentre si ferma arrabbiato far capolino da dietro una ceppa di carpini per controllarmi mostrandomi la lingua, lo miro ancora e sarebbe facile beccarlo, ma e un capriolo e non mi spetta, così sorridendo divertito aspetto che se ne vada tranquillo. Comunque soddisfatto nel pensare che solo avessi voluto il mio combinato avrebbe fatto la sua parte, il mirino e ben fatto ed alla distanza giusta, la tacca stretta consente buona precisione sicuramente oltre i cinquanta metri, ed il calcio curvo alla bavarese ed intagliato a tre fogli di libro che lo rende elegante consente rapide imbracciate e posizione ottimale. Bene, penso, la giornata comincia bene, almeno ho visto un bell animale. Riprendo leggero il mio cammino, ancora un ansa del sentiero ma fatti pochi passi sento uno sparo sotto di me. In quel punto il monte e molto ripido e la strada uno scalino tagliato nel fianco e cercando di capire la direzione dello sparo mi rendo conto che deve essere nella mia stessa strada ma ad un livello molto più basso. Subito la radio gracchia ed e Luciano che sapendo il mio percorso mi chiama.. Ho visto un verro pascolare nei castagni ed anche lui mi ha visto, ma avevo il fucile in sicura, e mentre la toglievo e partito a mille e non l ho preso, e venuto in salita stai attento! - D istinto mi guardo subito intorno, rumori non ne sento e riprendo con passo ancor più silenzioso a scendere per il sentiero, sempre guardando in ogni direzione. Alla prossima ansa c è un curvone che mi farà vedere una lunga diritta del sentiero e progetto di arrivarci svelto per appostarmi lì qualche minuto. Invece appena arrivo all ampio tornante dall altra parte c e già in mezzo alla strada bello al pulito un trattorino che a zampe divaricate e a testa bassa mi guarda in atteggiamento di sfida. Certo lui mi aveva già sentito quando io non lo pensavo nemmeno! Con un riflesso condizionato dall abitudine alzo il combinato e chiudo l occhio, penso che si butterà in discesa e non potrò sparare. Invece resta così a guardarmi come per dire togliti, fammi passare che sono il più forte e questa e casa mia!- Sarà lontano da me una trentina di metri, forse quaranta ma e di fronte e seppur grosso noto con stupore che il bersaglio e impensabilmente stretto per la mole relativa, l unico punto largo abbastanza e la testona, ed a quella miro, prima che mi tremino le ginocchia alzo lo steker, trattengo il fiato e mollo il colpo della canna rigata.

19 UN VERRO PIANTATO NEL VIOTTOLO MI GUARDA CON ARIA MINACCIOSA! Il verro sulla botta rimane fermo e porca miseria l ho fallito? Penso solo adesso che avrei dovuto doppiare il colpo con l altra canna, ma visto l animale così immobile apparentemente indifferente piantato nel viottolo come il Porcellino della loggia sono rimasto basito come sospeso nel limbo. Il combinato d'altronde non consente rapide ricariche ma il calibro e la palla che ho usato dovevano ribaltarlo a gambe all aria, sono quattrocento chili di botta che fermerebbero un camion!. Passano così tre o quattro secondi di pena ma l animale per graziarmi dalle mie ansie di colpo si ribalta di fianco e sgambetta a zampe in aria. Che momento!. In questi casi non riesco a restare calmo, l emozione e travolgente, corro vicino al verro, gli giro intorno e resto imbambolato a guardarlo. Ma quant e grosso! Guardo, l ho colpito appena sotto gli occhi, la palla ha traversato il cranio ed e uscita dalle costole tagliandone un paio ma scansando il prosciutto. E un proiettile complesso, fatto di due parti di piombo di durezza diversa, mentre la parte davanti e tenera e crea forza d urto, la parte posteriore insieme al mantello prosegue e non si ferma neanche colpendo ossa robuste come il cranio in questo caso e creando tramiti importanti e foro di uscita quasi sempre, quindi adatta ad animali di corporatura forte come grossi cinghiali e cervi adulti. Intanto la radio gracchia e Luciano mi chiama da sotto.. Si e immaginato che fossi io l artefice dello sparo e mi chiede notizie. Confermo l esito della vicenda e chiedo aiuto per recuperare il verro visto che l auto non può arrivare da me e ci sono tre o quattrocento metri al termine della parte di strada impraticabile. Quindi Luciano organizza l arrivo dei rinforzi. Però io considero che i miei compagni sono distribuiti per la tracciatura in luoghi diversi e lontani e dovranno passare tempi lunghi per radunarli. Così penso di cominciare ad arrangiarmi da solo per accelerare i tempi. Cerco in carniera il pezzo di cordino che mi porto sempre, lego il verro per il grifo e tento intanto di giralo a valle. Accidenti! A malapena riesco a voltarlo, e quando cerco di trascinarlo mi accorgo che fatti pochi metri mi devo fermare a riprender fiato. Seppure la stradella sia in discesa e pur una vecchia strada con resti di massicciata e piena di rocce da scansare, erba che faccia scivolare non ce n è e neanche fango vista la discesa ripida. Proprio sulla discesa io contavo, ma certo l animale è troppo grosso per mè e riesco solo a fare tre o quattro tratte di pochi metri da solo.

20 IL VERRO E A CASA! COSA STARO PENSANDO? Poi finalmente arrivano gli amici con altre corde e dopo i commenti sul fondo schiena del sottoscritto, ci mettiamo in fila indiana e trasciniamo il verro fino al pik-up. Così mentre gli amici se ne vanno al capanno per il ritrovo della squadra, in quattro andiamo alla casa di caccia per sistemare la carcassa, ad aprirla e lavarla bene ed a pesarla sulla bilancia. L ago si ferma a centosedici chili, e le difese sono bellissime e le conservo ancora. Quando anche noi finalmente arriviamo al capanno del raduno troviamo il resto della squadra già pronto per partire e non possiamo neanche mangiare in pace che subito si fa la conta e si inizia la cacciata. Pazienza, mangerò seduto alla posta. Ma pur nella confusione pacche e prese in giro mi inseguono per il piazzale e, non lo nego, mi fanno immensamente piacere. Non ricordo poi il resto della giornata come sia andato, se la squadra ha trovato altri cinghiali ma forse per smaltire l emozione sono rimasto stranito a lungo ed il mio pensiero si e concentrato sulla mia avventura. Rimane forte la mia passione ed il ringraziamento eterno verso questa natura così generosa e la mia fortuna di poterne ancora godere. Libero 2012

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA

SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA DEFINIZIONE La battuta è un metodo di caccia dove con l ausilio di battitori si cerca di scovare e «muovere» la selvaggina in direzione dei cacciatori

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli