Martedì mattina. Al bar la solita gente, ma questa volta il giornale è libero. Del giornale cittadino mi interessa solo lo sport.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Martedì mattina. Al bar la solita gente, ma questa volta il giornale è libero. Del giornale cittadino mi interessa solo lo sport."

Transcript

1 Martedì mattina. Al bar la solita gente, ma questa volta il giornale è libero. Del giornale cittadino mi interessa solo lo sport. La cronaca, la politica e le foto dei cani da adottare nelle pagine centrali non mi interessano, un disinteresse del tutto immotivato. Bevo il caffè, a banco, con il giornale in mano e chiuso. In prima pagina la sua foto mi colpisce prima del titolo sopra di essa. È un primo piano sbiadito. Sorrido, poi leggo il titolo e smetto. Devo appoggiarmi da qualche parte. Mi sento mancare e un senso vago di svenimento mi coglie alla testa, non tanto da far preoccupare il barista che continua a produrre cappuccini. Penso all ultima volta che l ho vista. Elena. Era un martedì, come oggi, credo, spero, non lo so. Ero in casa sul divano, probabilmente il giornale del giorno (all epoca leggevo il manifesto) se ne stava stropicciato sul pavimento. Io guardavo il soffitto senza nulla da fare, o meglio, senza nulla di urgente da fare. Mi piaceva trascorrere le mie mattine a guadare il soffitto. All epoca mi pareva un occupazione interessante come qualsiasi altra cosa avessi potuto fare, andare a lezione, leggere, guardare film. Preferivo rimanere lì, immobile, ad ascoltare le voci per strada e far trascorrere il tempo. Un cardine immobile attorno a cui il mondo continuava a roteare. Non avevo nessuna prospettiva, o meglio, qualsiasi prospettiva non mi era ancora preclusa. Ero giovane, in forze e avevo tutta la vita davanti per fare quelle cose che all epoca non avevo voglia di fare. Mi accendevo sigarette. Ecco quello che facevo. Mi accendevo sigarette e bevevo birra scadente mangiando tonno in scatola. Quella era la mia vita, in fin dei conti. Ci sono dei giorni che mi manca. Mi manca non fare nulla e non sentirmi in colpa. Ora il senso di colpa quando trascorro la mattina in cui sono a casa dal lavoro a non fare nulla mi colpisce puntuale come un treno di quando i treni arrivavano puntuali. Era martedì ed io ero sul divano. Magari ancora in pigiama. In quella tuta sintetica blu che usavo come pigiama, quella con al centro del cavallo una bruciatura provocata da una canna fumata comodamente stravaccato in poltrona. Forse indossavo quella tuta quando un messaggio sul cellulare mi ha riportato alla vita, alle cose da fare, alla mancanza di voglia di fare alcunché. Era lei, era Elena. Prendiamo un caffè? Così, dal nulla, dopo mesi in cui non la sentivo. Ok. Ho risposto così, perché io ad Elena non sono mai stato capace di dire no, o forse non ho mai voluto dirglielo di no. Lei era bella come sempre, come il primo giorno in cui l ho vista, era primavera e indossava un vestito a fiori piuttosto scollato, e aveva la pelle olivastra e gli occhi luminosi, esattamente come me li ricordavo. Era bella. Io non lo so, io probabilmente non lo ero. Bevemmo il caffè nel solito bar in cui eravamo soliti andare dopo lezione, quello in cui scherzavamo sulle dimensioni del suo seno abbondante e sulle frasi malinconiche che ero solito scrivere sui banchi dell università quando mi annoiavo. Solitamente erano frasi estratte da canzoni di Guccini. Ero triste, quello lo sono sempre stato. Hai le labbra tristi, non solo gli occhi, mi aveva detto una volta Elena sotto le coperte del suo letto dopo che avevamo fatto l amore. Fare l amore con Elena era un esplosione, mi ricordo, me lo ricordo come se fosse ieri, mi ricordo di quella volta che lei indossava una canotta gialla con un buco sul fondo, una di quelle che ti metti solo a stare in casa, quei capi di abbigliamento a cui ti affezioni senza motivo e che non riesci a buttare. Mi ricordo che lei era sdraiata sul letto, io avevo i pantaloni tirati giù a metà coscia, ero già dentro di lei che mi aveva aperto la porta saltandomi in

2 braccio per baciarmi. Portami in camera, aveva detto, e io avevo ubbidito e presi dalla foga non ci siamo nemmeno tolti i vestiti quella volta e lei aveva quella canotta gialla e il suo seno era bello e tondo ed io, attraverso quella canotta, le vedevo i capezzoli mentre mi spingevo sempre più in fondo dentro di lei. Quel martedì mattina, seduti in quel solito bar, indossava invece un vestito a fiori e aveva i sandali e i suoi piedi mi sfioravano le gambe. Non mi ricordo cosa ci siamo detti quella mattina, ma siamo finiti a casa mia e abbiamo fatto l amore. È stato triste e lei, mentre si allacciava il vestito a fiori, non si è lasciata guardare in viso quando mi ha detto che doveva andare perché le partiva il treno. Io credo di aver detto ok. Come del resto rispondevo a qualsiasi cosa, ok, senza aver ascoltato davvero quello che mi era stato detto. Non ci ho fatto caso a quel momento di tristezza, alla sua malinconia. Ho pensato che era bello avere di nuovo Elena nella mia vita e mi sono acceso una sigaretta mentre lei chiudeva la porta andandosene. Mi sbagliavo, perché io Elena non l avrei più rivista. Fino a questa mattina in cui la sua foto è sul giornale perché ha ucciso la sua bambina che, leggo, si chiama(va) Margherita. Penso che è un bel nome, quello di una regina, mentre sfoglio il giornale per raggiungere la pagina richiamata in prima pagina. Nell articolo c è scritto che Elena, forse resasi conto di quel che aveva fatto, si è poi gettata dal balcone. Abitava al quarto piano ed è morta sul colpo. Una tragedia, leggo; c è proprio scritto così. Una tragedia. Già, penso. A pranzo sono silenzioso e mia moglie mi chiede se ho qualcosa, rispondo di no e faccio un sorriso tirato e non so perché non le racconto tutto e non le dico come mi sento. Finito di mangiare esco in balcone a fumare e poi mi sdraio sul divano a leggere un romanzo di Murakami, una vecchia edizione Longanesi che mi ha prestato Ivano e che leggo con estrema cura perché è vecchia e quasi le pagine si scollano sfogliandole ed anche io mi sento un po così, come un vecchio libro usurato dalla passione per Elena e sento che le mie pagine si stanno scollando. Mi appisolo su quelle pagine. Mi sveglia mia moglie con una tazza di caffè fumante. Ricordati di andare a prendere Ludovica all asilo, dice. Ludovica ha quattro anni. Gli stessi di Margherita che adesso non c è più. Adesso Margherita sarà rinchiusa per un tempo imprecisato dentro una piccola bara bianca e mi sento, di fronte a questa immagine, pieno di angoscia e di nuovo penso che dovrei piangere, ma bevo il caffè e, di nuovo, esco in balcone a fumare. Sul balcone sotto il mio i bambini che abitano nel piano inferiore stanno giocando in mutande. Vederli mi fa sorridere, mia moglie esce per tornare in negozio. Io mi faccio una doccia veloce e mi guardo allo specchio come se mi aspettassi di trovare qualcosa di diverso che invece non c è. Sono sempre io, l immagine fedele di me, i soliti occhi, i soliti capelli e la solita barba. Mi vesto ed esco in bicicletta. Ludovica è nel giardino della scuola che gioca con i suoi amichetti, mi vede e mi corre incontro e io la prendo in braccio ed annuso il profumo dei suoi capelli sudati, la bacio e le chiedo dove ha lasciato il laccio per fare la coda, lei mi guarda con fare interrogativo, allarga le braccia, non lo sa, io mi disinteresso della cosa che non è poi così importante, ci baciamo, salutiamo le maestre e lei saluta i suoi amichetti, a domani, dice. A domani, penso. In bicicletta, mentre pedalo verso il parco giochi in cui trascorriamo spesso i pomeriggi nelle giornate di bel tempo, mia figlia mi racconta che Pietro ha fatto il monello oggi, che l ha graffiata e che la tata l ha messo in castigo, a riflettere, dice. Dice tutto questo ed io non ascolto davvero e la bacio sulla testa ancora sudata, con quei capelli al vento, il loro profumo di certezze non colte a pieno.

3 Lei vuole giocare nelle palline, io pago un quarto d ora e mi siedo sull asfalto fuori dalla struttura e la guardo fermarsi sulla soglia, si volta, la saluto con la mano, lei mi viene incontro, mi abbraccia facendosi largo attraverso le mie gambe incrociate, io tengo a distanza la sigaretta che mi sono acceso e mi godo l affetto di una figlia. Papà, dice, ti sei dimenticato di togliermi le scarpe. Ridiamo. La mia è una risata triste. La notte non riesco a dormire. Come se dovessi fare qualcosa, come se a tenermi sveglio fosse il peso di quelle conclusioni che non sono riuscito a cogliere. Fisso il soffitto ascoltando il respiro addormentato di mia moglie, mi alzo e cammino in silenzio e al buio nella camera di mia figlia, accendo la lampada a forma di topolino, quella che fa la luce azzurra e che accendiamo quando lei dice di aver paura del buio. Non sempre le viene ed io ancora non ho capito cosa succeda nei giorni in cui chiede di lasciare la luce accesa perché non vuole rimanere al buio, penso a questo mentre mi siedo sul tappeto a guardarla dormire. Dopo qualche minuto le accarezzo la testa e le do un bacio delicato sulla fronte. La mattina mi sento l insonnia addosso e ancora il pensiero di Elena è qualcosa di vivo e pesante e oleoso dentro di me, come quelle masse di petrolio galleggianti in mezzo al mare che si vedono sui telegiornali, mi sento, insomma, come un uccello intrappolato in mezzo a tutto quel nero, consapevole che lì sotto, oltre quella macchia scura e minacciosa, ci sia ancora il mare, l azzurro e l infinito, ma sembra irraggiungibile, come quando dopo una settimana che piove ininterrottamente ti dimentichi che oltre a quelle nuvole c è comunque il sole. Lascio che il mio turno di lavoro si concluda scivolandomi addosso e una volta a casa apro il computer alla ricerca di notizie più approfondite. Leggo, per caso, in fondo ad un articolo, dichiarazioni degli amici di Elena, degli abitanti del palazzo, del riserbo del marito che non ha voluto rilasciare dichiarazioni, la data e il luogo del funerale. Telefono al mio capo, e chiedo un permesso per il giorno dopo, mi chiede cosa è successo ed io dico che non è successo niente. Spero, quasi, che il permesso non me lo conceda, non so spiegarmi perché, ma alla fine dice di sì, forse perché sente la mia voce strana e pesante, atona, piatta e decisa. Non lo so, non mi interessa. Gioco con Ludovica il pomeriggio, come al solito ci fermiamo al parco, lei fa quattro giri sulla giostra, io mi bevo una birra seduto su una panchina mentre la guardo girare aggrappata ad un cavallo rosa, lo stringe come se fosse vero e si ricorda del codino da prendere soltanto all ultimo, quando la signora dietro al bancone lo lascia scendere così tanto da accarezzarle la guancia. Chissà cosa pensa quando si estrania così, chissà se immagina di cavalcare davvero un cavallo a pelle, senza la sella, in un prato infinito. Non lo so e non so nemmeno perché non glielo ho mai chiesto a Ludovica. Perciò aspetto che scenda e, buttata la bottiglia vuota di birra nel cestino, me la carico sulle spalle e le chiedo cosa pensa quando abbraccia quel cavallo rosa, e lei mi racconta che quando era piccola aveva un cavallo ed uscivano di notte, di nascosto dal castello delle principesse per cavalcare nei boschi e rincorrere le fate. Avrei voglia di un altra birra, ma guardo l orologio ed è tardi. A fare il bagnetto, dico. E Ludovica ride ed io fingo di essere un cammello e dondoliamo così verso casa. È una giornata magnifica. Dovrebbe. La sera Ludovica si addormenta presto, abbiamo mangiato pizza sul divano ed era tutta contenta, la sua pizza preferita è ai wurstel e patatine fritte. Io ho bevuto una birra da mezzo litro e adesso, dopo il caffè, mi sono versato la Sambuca in un bicchiere con del ghiaccio.

4 Mia moglie è sdraiata sul divano che legge una rivista, alza gli occhi quando apro il frigorifero, addirittura?, chiede, cosa cazzo hai?, è arrabbiata. Lo capisco. Domani vado a Milano, dico. Che cosa ci vai a fare a Milano? Devo sbrigare una faccenda. Una faccenda? Sì. Esco in balcone e chiudo la conversazione accendendomi una sigaretta. Da lontano vedo due ragazzi che camminano tenendosi per mano sul marciapiede. Sul treno ripenso alla prima volta che ho visto Elena, non esattamente; penso più che altro alla prima volta in cui le ho parlato. Era autunno ed era una bella giornata di sole, io avevo addosso, me lo ricordo perfettamente e mi fa strano ricordare quello e non quello che, invece, indossava lei, avevo addosso, dicevo, un maglione bordeaux fatto a mano da mia nonna ed una giacca di pelle scamosciata uguale a quella che il mio cantante preferito indossava nel video della sua canzone più famosa. Una cosa inguardabile, frange scendevano dalle tasche, da ogni cucitura e mi sentivo molto bello. Stavo guardando la vetrina di un negozio, non so cosa avesse attirato la mia attenzione, ma me ne stavo lì a fissare le cose dietro al vetro quando sento una voce roca quel tanto che basta da riconoscerla al volo, una voce che mi fa: - Credo sia giunta l ora di offrirmi un caffè. Io mi son girato e, nonostante io non ricordi come fosse vestita, mi ricordo perfettamente che era bellissima, occhi marroni della stessa tinta dei capelli ed un espressione sul viso intellegibile, la stessa, che, ora non mi fa più sorridere come allora quando glielo dissi, potrebbe farla pensare in grado di strapparti un braccio a mani nude senza che si senta, poi, minimamente in colpa. Ci siamo seduti al tavolo di un bar, quello che sarebbe diventato poi il nostro bar. Io ho ordinato un caffè, lei, credo, un succo di frutta. Abbiamo chiacchierato di non so cosa, ma abbiamo riso ed io credo di aver imitato alla perfezione il professore di Linguistica Generale, una lezione che seguivamo insieme. In quella tarda mattinata e con quel caffè fuori orario lei mi ha dato il suo numero ed io ho cominciato a tempestarla di messaggi, decantando i suoi pregi e riempiendola di complimenti, mentre lei rimaneva sulle sue sottolineando come avesse un ragazzo nonostante le facessero comunque piacere le mie attenzioni. E poi mesi di silenzio. In cui i miei messaggi sono lettera morta. A lezione nemmeno incrocia il mio sguardo e pare quasi sdegnata quando è costretta a dirmi un ciao. O minimizza le mie richieste, le poche volte che riesco a parlarle da solo, rispetto a cosa sia successo. Niente, mi dice. Niente. Cosa vuoi che sia successo? È successo che io, piano piano, inizio a dimenticarmi di Elena. Fino ad un estate che non riesco a collocare. Un estate di giovinezza passata a considerare la riviera romagnola un luogo di sentimenti e perdizione. In questa estate eravamo in spiaggia alle undici del mattino a bere birra e cocktail cercando ombra inesistente e fregandocene di un mare inguardabile. Lei aveva un costume a sfondo azzurro con fiori bianchi, un bikini che a stento tratteneva quelle curve su cui tanto avevo fantasticato, una vita stretta sotto un seno che l amico al mio fianco non esitò a definire, allora, enorme. Ciao, mi disse, e ciao le risposi senza degnare di uno sguardo l amica che boccheggiava al suo di fianco. Come stai?, chiese. Alla grande, risposi, sollevando baldanzoso la bottiglia di chissà quale birra tenessi nella mano. - Iniziate presto a festeggiare, eh. Non era una domanda. E io non sapevo come rispondere e tenevo gli occhi bassi, sentendomi uno stupido, un coglione al suo cospetto. - Venite alla festa al (nome di un locale che non riesco a ricordare)? - Non lo so. Forse. - Noi andiamo. Se vi va ci vediamo là stasera. - Ok. La festa era in un locale sperduto, gente non troppa, vestita meglio di me, ma per fortuna nessuno mi fece storie prima di entrare. L amico un ricordo ed io a ridere ad ogni parola di Elena. Ballai

5 musica inascoltabile. Fino al momento in cui lei mi disse che sarebbero tornate a casa. Io cerco l amico, non lo trovo, esco nel parcheggio, della macchina nessuna traccia, un messaggio sul cellulare mi comunica che sono una merda e che lui si stava rompendo il cazzo, chiamati un taxi, conclude. Cammino verso l entrata del locale. Elena è lì, con le sue amiche. Prendiamo un taxi insieme? Sarebbe una grande idea. Aspettiamo, fumiamo. Arriviamo in paese, il loro albergo, scendiamo, ok, allora ciao, ci vediamo, ma no, dove vai?, è tardi, dormi qui, ci stai, dai tuoi amici ci torni domani, ok, dai, grazie. La camera sono tre letti uniti in uno unico. Loro si preparano, io fumo, non ricordo le conversazioni, probabile imbarazzo, mio soprattutto. Ci sdraiamo. Io ed Elena in mezzo, le sue amiche ai lati. Respiri si fanno pesanti, il mio alito sa di alcol e sigarette, non credo allora mi importasse. Sento lei, Elena, che si muove, la mano mi sfiora una gamba, io interpreto come un segnale, sfioro la sua, nuda, con la mia, il suo sfiorarmi si trasforma in carezza, io salgo con la mia mano sulla pancia, il suo tocco si fa più convinto, io salgo ancora, lei pure sale, io sono ad accarezzarle il seno, anche lui nudo sotto la maglietta che usava come pigiama, lo stringo, lei mi stringe l erezione, io mi strofino, lei si strofina, con una mano sola mi slaccia bottoni, con l altra prende la mia mano e la fa scendere questa volta, giù, dentro ai pantaloncini, dentro le mutandine, la trovo accogliente, io sono duro come non lo sono mai stato. Ci masturbiamo mentre ai lati nessuno si prende la briga di essere sicuro non ci stiano sentendo. La mattina le ragazze si alzano, escono, io e Elena, non so con che scusa, rimaniamo in camera. Quella è stata la mia prima volta con lei. Il treno sbuffa, frena, si ferma. Scendo, inebriato dall odore di stazione. Mi è sempre piaciuto quel profumo caldo, di ferro, di umanità frettolosa, sudore e chissà cos altro. Ho una valigia piccola, mi fermo per la notte, al tassista faccio vedere l indirizzo dell albergo. Arriviamo. La camera è piccola, ma sembra pulita. Dopo una doccia veloce, mi vesto bene. Jeans scuri, una camicia azzurra ed una giacca nera di lino, un regalo di mia moglie. Mi metto gli occhiali da sole. Al bar di fronte all albergo prendo un panino che mi sforzo di mangiare. Non ho fame, ma fa caldo e non so come reagirò al funerale e mi dico che sarebbe il caso di andare a stomaco pieno. Bevo una spremuta, con ghiaccio. Dopo il caffè pago ed esco. Mi accendo una sigaretta. C è un signore anziano seduto su una sedia di plastica dei gelati Sammontana che sembra stia dormendo al sole come una lucertola, ha un cappello cachi, una polo verde e un paio di pantaloni troppo corti. Finisco la sigaretta, con calma, in piedi. Torno dentro e chiedo al barista una mezza d acqua naturale e le indicazioni per raggiungere il cimitero in cui verrà seppellita Elena. Io non lo so se sono sbagliato, ma mi sembra una bella cosa che Elena e Margherita vengano seppellite vicine, insieme, ma al barista no, al barista pare una stronzata, lei doveva essere bruciata e le ceneri buttate nelle fogne, quella puttana. - Come si fa a fare una cosa del genere alla propria figlia? Eh? Come si fa? Cerca appoggio. Io no, io avrei solamente un incomprensibile voglia di saltare il bancone, piombargli addosso e riempirlo di schiaffi, e calci e pugni e gomitate fino a quando non gli rimarranno più denti in bocca, ma non lo faccio, mi trattengo. Rispondo che non lo so come si fa, che è una cosa triste quella che è successa. Esco mentre il barista sta dicendo quella puttana, ancora, per sottolineare il concetto. Il vecchio è sveglio, ha un toscano tra i denti. - Cerchi il funerale? - Sì. - Per di là, sempre dritto, segui gli alberi. Non ti sbagli. - Grazie. - Era proprio bella la Elena. - Sì, lo era. Gli alberi sono cipressi, il sole è bello e se ne frega della tristezza e scalda queste strade desolate come se proprio non gliene fregasse nulla. Io cammino, le mani in tasca, uccelli cantano nascosti, ad un certo punto il paese finisce ed io mi ritrovo in questa pubblicità di una pasta per famiglie, circondato da infiniti campi di grano che si perdono nell orizzonte tremante di fronte a me. La

6 strada si fa salita, macchine iniziano a passarmi di fianco, guardo l ora. Il funerale dovrebbe iniziare a momenti, spero di arrivare in tempo. La cerimonia è breve, c è poca gente. Forse chi avrebbe voluto essere qui è stato sopraffatto dalla vergogna, come se l esserci avrebbe potuto infettarli con la follia del gesto commesso da Elena. Un signore vestito elegante sorregge un ragazzo, giovane, come me. I nostri sguardi si incrociano per un attimo. I miei occhi, per fortuna, al riparo dietro agli occhiali da sole. I suoi no, i suoi erano nudi. I suoi sono occhi disperati. Gli occhi di chi ha perso tutto e ancora si chiede perché. Dietro quello sguardo vuoto leggo l ignoranza, il vuoto, il nulla e tutto quello che cerca di fagocitare con sé: la sofferenza, il dolore, le spiegazioni, il dubbio, la consapevolezza, gli errori, l amore, lo sguardo di una figlia, la sorpresa, la passione, l amore, il peso di una bimba di quattro anni lanciata nel cielo e poi ripresa al volo, la sua risata, le sue lacrime, la sua gioia, i suoi capricci, le mani di una bimba che non lo accarezzeranno più. Dietro quegli occhi vedo tutto questo e lo stomaco mi si stringe e il panino mangiato inizia a sembrarmi una pessima idea, ho caldo, sudo, mi slaccio bottoni della camicia. Le bare, una bianca, piccola, terribile, l altra marrone scuro. Sudo, le ginocchia mi si fanno deboli, la vista mi si appanna, un uomo in salopette di jeans, indifferente, lavora di spalle e argano per collocare l eternità di due morti atroci dietro un piccolo muro di mattoni e cemento, lavora di cazzuola, il silenzio rende i suoi gesti definitivi, un riverbero dell eternità, lì, ora, sigilla la piena consapevolezza di quella famiglia privata di una figlia e di una moglie. La foto di Elena è sorridente, il parroco c è, ma non dice una parola, io non lo so come funziona, non so se sia proibito dalla religione cattolica il funerale per una madre che ha ucciso la sua bambina, non lo so, ma non mi interessa adesso. Adesso quello che mi interessa è rimanere in piedi. Perché Elena mi guarda da quella fotografia e mi guarda pure la sua bambina, gli occhi uguali, il sorriso uguale. Continuo a sudare, il panino si conferma una pessima idea, mi sposto, mi trascino, quasi striscio, le mani poggiate su fredde mura di mattoni, il cortile mi pare immenso, così come immensa mi pare l uscita di pietra, mi sembra di strisciare, tombe, Elena, Margherita, gli occhi di quell uomo. Un uomo finito. Passo. Dopo. Passo. Fuori. Vomito. Seduto su gradini guardo il panorama, indeciso se ho o meno le forze per sollevare la mia sofferenza da lì. Nel dubbio mi accendo una sigaretta, i gomiti sulle ginocchia, il collo dolorante, la testa, pesante. Davanti a me i cipressi. Dietro i cipressi un campo infinito di giallo che ti ricorda che è estate. I costumi a sfondo blu con fiori bianchi, il sesso, il sudore. - Salve. L uomo che credo essere il marito di Elena mi siede a fianco. La realtà è un pugno forte alle tempie, la testa mi fa male. - Salve. - Non credo di conoscerla. - No. - No cosa? - Non mi conosce. - Io sono il marito. - Immaginavo. - Da cosa? - Gli occhi.

7 - Ah. - Sì. - Lei, invece è? - Roberto. - Ah, è lei? - Lei chi? - Prima di tutto le voglio dire che Elena è, cazzo era una persona, diciamo come cazzo fai a raccontare ad uno sconosciuto che tua moglie è era una pazza fottuta? - Ormai. Ormai l ho detto, non è vero? - Sì, l ho detto. Non sa come questo mi faccia stare meglio. Per quanto io possa stare meglio. Ho perso una figlia, sì, insomma, cazzo, come farò mai a stare meglio? me lo riesce a spiegare lei? Come potrò, per tutto il resto di questa cazzo di merdosa di vita, stare mai meglio? Come potrò dimenticarmi anche solo per un paio di secondi al giorno che mia moglie ha ucciso mia figlia? Un paio di secondi. Mi scorderò mai di quello che ho visto quando sono entrato in casa? Di cosa ho visto quando ho aperto Piange. Il viso tra le mani. Le mie dita vengono bruciate dalla sigaretta consumata fino al filtro. Non so quanto tempo passi prima che l uomo decida di pulirsi il viso con la manica della giacca gessata respirando a fondo, ricacciando quel dolore nello stomaco, nell intestino, più in fondo possibile. - Ha una sigaretta? - Grazie. Mi fa accendere? - Mi scusi. Volevo farle una premessa prima di darle questo. Mi sono incartato. Quello che volevo dirle è, ecco, sì, non si senta in colpa. Mi sembra giusto però che lo tenga lei questo. In fondo è suo. Arrivederci. Il biglietto, la lettera, è dentro ad una busta bianca, sopra c è scritto il mio nome. È scritto a mano. Una calligrafia risoluta, nessun tremore. Non piangeva Elena mentre la scriveva. Sorrido riconoscendone, da reminescenze di appunti universitari, la scrittura. Poi leggo. E smetto di sorridere. Come, credo, avrebbe fatto chiunque.

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Onroignoub! Lei. Come dice, scusi? Lui. Ouroignoub. Ah, mi perdoni. Buongiorno. Credevo che si fosse tutti d accordo a parlare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro 1 Un nuovo lavoro Buongiorno. Buongiorno! Sei Gianna, no? La nuova collega. Sì, Gianna Terzani. Ciao, io sono Michela. Piacere. Il direttore ancora non c è, arriva verso le 10. Va bene, non c è problema.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli