Antologia Poetica 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Antologia Poetica 2010"

Transcript

1

2 Fondazione Culturale e di Interventi Sociali del Gargano Viale Miramare, MANFREDONIA (FG) Antologia Poetica 2010 Sezione B ) Poesie Inedite - XIX Edizione -

3 MEMORIE D ULISSE E giaccio qui sul cuore di Penelope alla tardiva fiaccola che brucia l ultimo buio della notte. Stanca è però questa donna della tela. La trama della vita anch io ripongo e ancora il tempo misuro tra luna e luna, nel ricordo di violenti schiaffi d onda sul ben contesto guscio che sbanda e salta e affonda con sussulti di cuori e tenui speranze d approdi. Ah, pianure di Troia, dove in neri grumi s estinse tanto chiaro sangue, dove i migliori compagni lasciarono la vita, sciolte membra, per la via maestra! Torti e canuti sentieri a me il fato prescrisse, senza gloria. (Ogni viaggio è compiuto. Sei venuto a capo d ogni rotta, i tanti sfagli di cuore dominati dai ricordi. Le stelle non ammiccano, banali.) Ci sono storie di navigli, presi dalla terra e domati dai bardotti, venule di città, invasi un tempo da grida di fatica, ora dismessi, d alzaie spenti e vedovi. Neppure in quelli c è più respiro di vento. E tempo d acquietarsi nella sera. Pasquale BALESTRIERE - Barano d Ischia (NA)

4 IL TRENO Che strano viaggio finora hai vissuto! Sferragliando il tuo treno s è fermato a riposare in tutte le stazioni e ad imbarcare storie e volti lieti o tristi, brevi e precari compagni. Dai finestrini irruppero le albe, si spensero i tramonti e si distese ampia la notte con l irrequietezza del compito non svolto, dei doveri talvolta trascurati. O con la pace dell opera compiuta. Prati verdi e tersi cieli ognora ci ridiede d un nuovo giorno il sole. E per affetti ruzzò lo sfaglio ilare del cuore: la breve eternità, la piena gioia in petto dilagante, spesso rotta alla fermata seguente, con piega di dolore. Così ancora e ancora figure incerte affollano carrozze, il treno sempre in corsa, col levante già da tempo alle spalle. Controvoglia qualcuno scende, volto ad occidente. Anche tu, donna, un giorno sei salita, ti sei accanto a me seduta e come soffio aulente di brezza m hai pervaso. Noi rimarremo saldi. Attenderemo il nuovo sole che ci sfiori il cuore. Pasquale BALESTRIERE - Barano d Ischia (NA)

5 FRONTIERA Io, che ogni sera ascolto il mare e leggo il vento, posso dirvi che cos è il paese mio. Nel vento, sapete, sortilegio eterno e padrone incontrastato della notte, son bisbigli di amanti, sussurri di risacca, respiri del mare e canti di sirene, risate di Dei pettegoli e beffardi, canzoni sguaiate di un derelitto ubriaco, felice perché prende a calci un ombra e finalmente può aver l ultima parola; c è l amarezza del giovin che rincasa e toglie la faccia allegra dello struscio, per indossare quella, antica, della fame; c è il pianto eterno del pescatore triste, eroe nolente di ballate senza tempo su un uomo e la sua barca, sulla morte e il vento; ci son gerani caduti dai balconi coi sogni di mamme giovani già vecchie; spirali di esangue fumo disperse dai camini, forse ectoplasmi di speranze morte; gocciolio di cenci appesi ad asciugare, vessilli di resa nella notte scura; promesse di chi si gioca la mia gente a dadi, lamenti di profeti inascoltati, le voglie di una bigotta mai sposata, sola, che rivuole gli anni regalati a Dio; sciacquio di remi di lampara errante, che come zingara cadenza il suo flamenco e invoca mesta il Cristo dei gitani. Questo è il mio paese, dove passo i giorni e dove riposerò nella mia Notte: frontiera eterna fra il dolore e l Eden, stanco avamposto fra dannazione e sogno. Chimere e mare son l unica certezza. Tutto il resto, ma proprio tutto, è vento. Giuseppe BARBA - Gallipoli (LE)

6 LA VITA E IL VENTO.e passa la vita, e in fretta se ne va, come d inverno un vento di maestrale. Soffia dentro il cuore e nella mente, portandosi gli anni e i loro incanti, i palpiti e gli amori e i desideri, scavando abissi di malinconie e rimpianti. Mi restano intatti i sogni ed i ricordi quando il maestrale infuria e grida, quando ho bisogno di un rifugio caldo per quel poco che ancora è la mia vita. Quel rifugio è diventata la mia casa, dove risveglio i ricordi e le memorie, dove sguinzaglio i sogni, senza freni, e la furia del vento non può entrare. Ringrazio Dio d avermi fatto sognatore, di preservare i miei ricordi dall oblio, di non essermi ingrigito anche nel cuore, di poter concludere il mio tempo a modo mio. Così spesso ripercorro la mia vita, fermandomi laddove voglio io, a riassaporare il bacio di un amante o a parlare con chi oggi è presso Dio. Oppure sogno di andarmene lontano, di vivere al tempo degli eroi, al tempo in cui l uomo era bambino e cantava le ballate sugli dei. Così sconfiggo il furente urlo del maestrale, e vivo la mia vita fino in fondo. Sarò vecchio, ma son fanciullo dentro, e ormai sorrido se imperversa il vento. Giuseppe BARBA - Gallipoli (LE)

7 MALINCONIE Star seduto nella notte sulle dune, liberar tutte le fole all aria pura. Immaginarsi eldoradi nel maestrale, sognare spazi immensi, l avventura. Lasciare il corpo, andarsene nel cielo, volare sulle ali dei gabbiani. Fare il Peter Pan, sfidare il vento, arabescar la notte seguendo i cormorani.. Sfrecciare sugli ulivi e sui canneti, cantar con mille grilli innamorati, inebriarsi del profumo dei roseti. Sentire il vento che zufola alla luna, ascoltare le ballate degli gnomi, risvegliare le chimere ad una ad una e ramazzare, al primo sole, i sogni infranti. Ritrovarsi, come sempre, coi rimpianti. Guardare un cane percorrer la battigia, mostrando fiero i calci di giornata; veder lo scarabeo affrontar la duna, e poi cadere, e riprender la scalata. Saper che il cane non s illude e non rimpiange; che non ha, lo scarabeo, malinconia. E sorprendersi a sognar di non sognare, perché illudersi è una sorta di agonia. Invidiare il canto roco dei gabbiani, che non han sogni e volano.lontani. Giuseppe BARBA - Gallipoli (LE)

8 QUANDO SARÀ Quando sarà, che avrò lasciato il corpo per volare, sarò in un ciuffo d erba sulle dune, in sembianze di sussurro di maestrale, a volteggiare tra giunchi e tamerici, a flautare dolci nenie di risacca, a ritrovare i miei sogni più felici. Cercami allora, amore, tra gli arabeschi di un volo di gabbiano, nello sciabordio di una paranza, nel profumo d incenso in una chiesa, nelle corti incantate dell infanzia. Cercami ovunque, in questa terra mia, nel tronco sofferente di un ulivo, tra zolle riarse che grondano dolore, tra le gocce di pioggia in un canneto, sul muschio che sentì gridare il cuore. Cercami nel bosco in cui sognammo: sarò nel canto delle gazze innamorate, fra i petali di un fiore calpestato, su quel viottolo, ovattato di silenzio, dov ebbi amico un cane bastonato. Cercami nel tuo pianto, e ci sarò: per ogni lacrima ti darò carezze, le tue labbra verrò a baciare; sarò un soffio, o forse sarò il vento, cercami, amore: sarò lì a volare. Giuseppe BARBA - Gallipoli (LE)

9 SOTTO LA PIOGGIA.. Senza guardare il volto di chi passa, da sotto il bordo basso dell ombrello talvolta, quando piove, a un angolo di via, osservo pozze dove l acqua crea il suo mondo: e lì, passi di gente, ognuno coi suoi guai, e mille cerchi a fare il girotondo. E c è un anima in questo microcosmo, perché è così la vita, in fondo in fondo: concentrici anelli che crescon fino al nulla, ciascun con un mistero, un sogno, un pianto, un ricordo che ormai è malinconia, una chimera lunga il tempo d un incanto. Già, la vita: balletto inconcludente, futile danza, all interno d una pozza, di algidi e freddi, odiosamente uguali, indifferenti cerchi d acque smosse che, pian piano, insozzano la via, alle folate ossessionanti del libeccio e al soffio amaro della nostalgia. E vento e melma a me, deluso e stanco, acuiscono il fastidio della vita, facendomi bramare un po di sole che, sulla mia strada uggiosa di scialbe notti e troppi sogni infranti, asciughi scarpe intrise di fanghiglia e antiche lacrime salate di rimpianti. Giuseppe BARBA - Gallipoli (LE)

10 Ricordate le madri-coraggio di Sarajevo, che venivano colpite dai cecchini e dalle bombe quando uscivano per cercare un po d acqua e di pane? Quante Sarajevo ci sono nel mondo? SPERANZE DI UN BAMBINO DI UNA TERRA DANNATA Tornerò a lanciare felice dardi d avena, tornerò a lanciare felice le spighe del loglio, correrò ancora nei campi di trifogli, cercherò ancora gli occhi di mia madre fra petali di viole e di pervinche, guarderò in alto, come i girasoli, il cielo non più striato dai traccianti, inseguirò ramarri tra muretti ormai diruti dietro cui non ci sarà una canna di mitraglia, rincorrerò farfalle fra i cardi e gli amaranti, riprenderò fiato su un letto di muschio cresciuto nel cratere di un ogiva, dormirò in pace fra il ronzio di un ape e il belato tranquillo di un agnello. E sognerò un amico perduto fra gli ulivi, mentre rideva coi dardi d avena fra i capelli e con le spighe del loglio sui vestiti, sognerò il volto eterno di mia madre che corre a casa con un pane fra le mani, e sognerò quel pane, d improvviso vermiglio, rotolante nel cratere di un ogiva. E se tutti i bambini delle terre dannate avranno i miei sogni e i miei ricordi, torneremo insieme a rincorrere aquiloni, a inseguire lucertole fra i sassi e a scagliare frecce d erba nel vento, e su noi girasoli sarà azzurro e senza nubi il cielo. Giuseppe BARBA - Gallipoli (LE)

11 Ho vissuto in terre lontane Mi hanno inebriato i profumi le forme i colori del verde della foresta tropicale. Affascinata dinanzi all albero dalle grandi stelle di natale ho onorato la potenza di una natura che in quella terra creava tutto a dimensioni gigantesche fiori frutti dai profumi e sapori intensi esuberanti dirompenti come i vulcani gli immensi laghi e le maree dell oceano pacifico. Ho seminato l avocado e il banano nel mio patio e in pochi mesi li ho assaporati. Mi sono aggirata in lungo e in largo tra quelle genti. Ho apprezzato il loro teatro delle maschere ho goduto della loro musica e dei loro balli. La forza vitale che emanava da quel popolo mi ha contagiato. Poi un giorno gravida di mia figlia le gigantesche stelle di natale il cielo immenso i profumi di quella terra mi sono apparsi estranei. Cartoline affascinanti per periodi di interregni. Il mio ventre fertilizzato bramava altro altri lidi altri cieli altri profumi. La mia terra! I ricordi mi hanno inondato. Il cielo azzurro costellato di nubi bianche le pecorelle celesti delle immaginette del Redentore. I sapori e l odore del ragù i profumi degli oleandri le immense distese di ulivi, il profumo del mosto appena pestato.

12 Le ciaramelle di Natale: dall Appennino di casa in casa, di strada in strada i pastori scendevano ad allietare con i loro suoni il nostro inverno. L arte di addobbarsi e di profumarsi delle mie donne. I colori delle nostre case quelli che ancora oggi impregnano la mia, al nord. Il teatro dei pupi di strada. I poeti contadini. Il Mediterraneo! Il mare calmo azzurro verde o color dell uva. Le spiagge di sabbie fini bianche o color delle terre. Terra fertile di folgorante bellezza dolce dura impregnata del sangue e delle poesie dei braccianti di Puglia. La terra delle pietre dei dolmen dei menir dei trulli. Terra di potenti energie. Terra antica come l Africa. La terra della tarantola del ballo di San Vito. Ho raccolto religiosamente i sassi ho assaporato sulla mia pelle il profumo salmastro delle acque nella baia di S. Maria del porto là dove si adagia la cattedrale di San Vito dei Normanni meta secolare dei pellegrini d Italia e del mediterraneo oggi serrata. Secolare o millenaria? La targa sul muro della chiesa racconta da millenni la baia è luogo di devozione. Là, ho posato la mia inquietudine e mi sono pacificata. Anna Raffaella BELPIEDE - Torino

13 Immobile Ti ho visto. Immobile il corpo senza vita la testa fasciata, vestito sul letto, composto. Le viscere mi salivano fino alla gola. Il vortice. Immobilizzata anch io. Era finita. Il Suo strazio serrava il mio dolore, come il marmo sul sarcofago, seppelliva ogni emozione. Mi hanno trascinata lontano. Poi il vuoto. Per anni la ragazzina ha portato i segni della tragedia. Il volto affilato, duro, scialbo, il vuoto degli occhi, la piega rigida della bocca. Il pianto non poteva sgorgare seppellito sotto le Sue urla nel chiuso di quella stanza buia. Lei seduta su quella poltrona a fianco della consolle che ho ereditato. Già me le ero guadagnata! Accoccolata dietro quella porta ad attendere che Lei rientrasse alla vita. In punta di piedi, silenziosa, qualche incursione, vattennnnn, ricacciata sulla porta dal grido dei suoi rifiuti. Poi un giorno finalmente sono penetrata, accucciata ai suoi piedi, fedele, mi aveva accolta, il primo segno di ritorno alla vita. Io, la disperata, diventavo il suo bastone. L Oggetto dell Amore di Lui diventava il Mio. Il terzo era entrato nella mia vita e mi avrebbe accompagnato. Aggrappata a lei per combattere l orribile spirale che continuamente mi risucchiava nel vuoto. Sei sparito. Tu, lo sguardo dell Amore sui miei occhi, mi avevi abbandonata, a nessun altro potevo concedermi. Assumevo il Tuo Amore per Lei. Rimosso sei stato come il dolore che non aveva potuto scorrere. Per fortuna non c è, non mi avrebbe concesso la libertà dicevo a 20 anni. Di quale libertà parlavo? La libertà di fuggire e rompere con il Karma genealogico? Anna Raffaella BELPIEDE - Torino

14 Il Casale Il sole è alto e caldo di primo mattino. La mia amica, rumorosa e solare mi ha svegliato. Il Casale. La luce entra da ogni parte. Mura colorate. I rami di viti s'innalzano al soffitto celeste chiaro, come le porte. I pavimenti antichi come antico è il luogo. Il cammino ancora acceso. La mia alcova lassù al riparo. Pochi mobili, pochi arredi. La scritta latina in faccia alle scale dice " parva sed apta mihi" La casa che vorrei. La casa che mi accoglie nella mia terra. Strano modo di riavvolgere presente e passato. Il luogo amato nella mia Terra, un casale. A pochi chilometri da dove riposano i miei avi, dalla mia famiglia, quella d'origine. Poi c'è lei, la mia amica, fresca, passionaria, bella. Ieri, il lungomare di Bari. Lassù, dagli spalti dei Bastioni della città vecchia, mi è apparso in tutta la sua lussuosa bellezza. Giornata luminosa. I gabbiani appollaiati sui sassi in fila indiana. Mare azzurro come il cielo. Città antica, accogliente, porto di mare, porta di transito tra oriente e occidente. Ogni pietra conserva storie antichissime, come la mia gente, la mia Terra. Dicono la prima emersa in Italia. Terra di chianghe, di Menir, di Dolmen. Ho dovuto emigrare, vagare per riaccogliere il ventre che avevo rifiutato. Ora devo riprendere i compiti. Mi aspetta un'altra giornata pesante, intensa. Il sole che inonda la stanza mi accompagna, il sole della mia terra, dei miei avi. Anna Raffaella BELPIEDE - Torino

15 Il lungo cammino della Vita Ricordi un sorriso sincero Risa di bimbi nei prati Brezza leggera d estate. Ricordi di tempi lontani Piccoli ruvidi fiori Vento di Maggio tra i pini. Ricordi la calda mano Confusa tra urla scemate Pioggia funesta d autunno. Ricordo occhi tremanti Schiudersi all ombra Neve preziosa d inverno. Emanuela BERTELLO - Roreto di Cherasco (CN)

16 Come nascono i pensieri? Disperati viandanti Percorrono le vie della razionalità E formano il tempio della saggezza Percorrono le vie della fantasia E creano misteriosi personaggi zampillanti Percorrono le vie del genio E creano miscugli di soluzioni generali Percorrono le vie del cuore E creano nuvole di profumo Percorrono le vie dell amicizia E creano catene d acciaio E quando tutte queste vie sono sbarrate dalla ruggine dell ignoranza Percorrono le vie dell odio E creano macchie nere di vernice indelebile Emanuela BERTELLO - Roreto di Cherasco (CN)

17 Chi vede di più? Soltanto chi non vede, vede lontano al di là di tutte le barriere: invalicabili gioghi mentali che i cosiddetti normodotati (che brutta parola!) edificano con la lingua, gli sguardi, le accuse. così, per una strana burla del destino, senza inciampare, agile si fa largo nel sentiero dei pregiudizi proprio colui che vive nelle tenebre. Peccato, non capiranno mai le menti ottenebrate, forse da troppa luce abbacinate. Come spiegare loro che farà sempre rima con amore non sapere, della pelle, quale sia il colore migliore? Alessandro BERTOLINO - Torino

18 Fanciulli Il tempo dei passi leggeri Se un cielo tracimava sopra il solco dentro scarpe di vento noi ragazzi dietro un volo di uccelli o nella neve di acacie offerte a strade di silenzio. Argilla eravamo lucertola al sole folaga sullo specchio di ruscello beccando il sole frantumato in scaglie. Sì,noi sapevamo sommesso il rumore che il grano faceva nascendo. Nell'erba non visto il ramarro dall'occhio di vetro. Volavano magre le gambe nel salto di fosse ed oltre un segno di campana tracciata sulla pietra con i sassi rubati al fiume colorati tanti. Noi vita abitata e di lei non sapere null'altro che un'azzurra meraviglia di poggi ed infinita una campagna arresa a nubi e odori di lavanda. Farsi ricordo adesso di quel tempo ch'ebbe leggeri passi e in seno al pozzo melagrane di stelle da incrinare una notte di fionde e di ragazzi affacciati sull'orlo ad ascoltare il tonfo della pietra scesa al fondo. Urtava pareti la brocca nell'onda celando l'anguria. Ballava.. Ballava.. Loriana CAPECCHI - Quarrata(PT)

19 Granelli di sabbia Granelli di sabbia bianca Quasi impalpabili tra le mani Sono una carezza Lieve e calda Sul mio corpo adagiato sulla battigia Profumano di mare Questi giorni di metà giugno Limpidi come i tuoi occhi, Dolci come i tuoi baci Sublimano il mio bisogno di te Barbara CAPUTO - Bressana Bettarone (PV) Un amore solitario Un amore solitario Timido e segreto Se potessi solamente Immaginare. Le emozioni che mi regalano i tuoi sguardi L allegrezza al cuore quando ti vedo sorridere felice Una moltitudine di emozioni che commuove l anima Fino alle lacrime Barbara CAPUTO - Bressana Bettarone (PV)

20 L amore L amore è una vertigine E libertà di volare Di desiderare E allora spezzo le catene Dispiego le mie ali e mi elevo Fino a te Per unire i nostri corpi Fino a raggiungere quella sublime passione Che solo insieme possiamo provare Nella sensuale fusione Delle nostre anime Barbara CAPUTO - Bressana Bettarone (PV) Un soffio di vita Un soffio di vita Dentro me Delicato e indifeso Come un petalo di rosa Si culla ad ogni mio passo Incurante Del mondo che l attende Ignorando ogni cosa Ma felice di esistere Barbara CAPUTO - Bressana Bettarone (PV)

21 I sentieri del mio cuore Attraversa i sentieri del mio cuore Per scoprirne la profondità e la dolcezza Vieni a me Non temere l amore È un sentimento Che nobilita chi lo prova E dona spensieratezza a chi Davvero ha il coraggio di lasciarsi guidare Barbara CAPUTO - Bressana Bettarone (PV) Come un uragano Sei entrato nella mia vita come un uragano Una tormenta di vento che spiega le mie vele Un dolce anelito d'amore Ed io mi perdo nel mare dei tuoi occhi naufrago sulle tue labbra Cerco te, il tuo dolce abbraccio come approdo sicuro... Amo amarti Amo amore mio cerco un solo istante di tenerezza Prendiamo il largo senza meta cerchiamo nuovi confini scopriamo insieme cosa vuol dire "amore" Barbara CAPUTO - Bressana Bettarone (PV)

22 Lacrime Piovono lacrime dal cuore Nel segreto buio della notte E un fiume d acqua in piena che Da quando non sei più mio Scorre senza fine E mi fa male, avvilisce il mio cuore ferito Ma tu non puoi sapere il dolore che provo Sei straniero ormai, in questo deserto del cuore Barbara CAPUTO - Bressana Bettarone (PV) Il peso del tempo È quando ti grava addosso il peso del tempo, quando sopra le pagine del diario non sai più cosa scrivere che le speranze scivolano di mano e il gelo ti entra nelle ossa. Giacciono insieme sulla terra secca le cicatrici e una storia consumata. Ogni passo costa fatica il respiro è diventato sibilo. Ti accorgi che sei rimasto con le mani vuote. Ora ti trovi solo col tuo tempo tramutato in cenere. Non importa che inventavi favole e hai scordato la vita guidando un girasole con le mani. Ormai più non brillano gemme nei tuoi occhi. L'inverno adesso sale col suo ritmo quieto di pendolo e voleranno via come foglie le pagine rimaste intatte del tuo diario. Prima che le porte si chiudano frusciando e si dissolva, dietro, ogni miraggio l'ultimo atto sarà il tentativo di catturare nello sguardo anche una scheggia soltanto di sole Barbara CAPUTO - Bressana Bettarone (PV)

23 Tempo d'amare Tempo d'amare... Tempo che aspetta te e nessun altro, dolce tempo, impaziente tempo. Tempo che aspetta il tuo sorriso, la tua voce...tempo di ascoltarti. Tempo di tenerti qui, con me, tempo di amarti. Tempo di posare le mie mani sul tuo cuore, tempo di svegliarti. Tempo di lasciarti andare e poi ritrovarti,tempo di capirti e poi desiderarti. Tempo troppo tempo prima di ascoltare le tue parole, tempo poco tempo per lasciarle arrivare al mio cuore. Tempo che vola e che mi lasci in attesa... tempo niente altro che il tempo.. di aspettarti Barbara CAPUTO - Bressana Bettarone (PV) Uragano di vita Un uragano di vita un soffio di vento sulle mie vele un dolce anelito d'amore Mi perdo nel mare dei tuoi occhi naufrago sulle tue labbra cerco il tuo dolce abbraccio come approdo... Amo amarti Amo amore mio cerco un solo istante di tenerezza Prendiamo il largo senza meta cerchiamo nuovi confini scopriamo insieme cosa vuol dire "amore" Barbara CAPUTO - Bressana Bettarone (PV)

24 San Pio Una stella brilla nel firmamento così luminosa da oscurare il sole vicina all aura del Creatore: San Pio. Crescenza CARADONNA - Bari

25 Il volto di mia madre Ogni malato con cui m incontrerò avrà il volto malato di mia madre, bianca avrà la sua mano sfiorata senza fine lungo notti più notti al buio d ospedale; avrà le sue parole trovate all improvviso e all improvviso perse nel vuoto di una mente ormai senza ricordi e senza più lampioni Ogni malato che mi darà un sorriso sarai tu, Mamma, che non sorridi mai; avrà i tuoi occhi che guardano lontano ed i tuoi gesti di sapore antico. Sarà un prodigio che accarezzo in cuore: io madre tua, tu nel mio ventre figlia starai con me per sempre ed io potrò, negli altri, amarti all infinito. E fu volontariato ospedaliero Anna Maria CARDILLO - Roma

26 NOI BAMBINE GIOCAVAMO A CAMPANA Noi bambine giocavamo a campana, ritagliando col gesso quadrati sui marciapiedi tiepidi di primavere piene di promesse. Di quadrato in quadrato, filastroccando, saltavano bianche calzette mentre merende di pane zuccherato, da sole, ad addolcire i sogni. Sui numeri volavano gonnelle a pieghe alla buona cucite dopo cena da madri rassegnate, con l ago e con la vita in fila a metter punti, da sempre uguali a sempre. Bambine, domani saremmo state altre donne per noi ritagliando col gesso fondali diversi alla storia e, indossati costumi di scena su identiche rassegnazioni, avremmo, saltando tra i giorni, invecchiato con rabbia rintocchi delle stesse campane. Anna Maria CARDILLO - Roma

27 STAMATTINA, ANCORA UNA MORTE IN CANTIERE Hanno detto di te che sei morto stamane alle sette, in silenzio venuto giù da quei pali che aspettano un sole ancora a quell ora assopito nella nebbia rafferma di un paese qualunque del nord dove vivono i ricchi e neanche un amico. E che l unico grido che ha fatto da eco al tuo volo è stato l abbaio spaurito di un cane, venuto, curioso, a leccare quel sangue che copriva il tuo viso d un altro colore. Hai lasciato di te poco ancora: un nome straniero, mai scritto in nessun libro paga, e una misera branda disfatta, dove dare il sapor dei ricordi ad un pezzo di pane e una birra perché per i sogni, a doverli comprare, non avevi denaro né giorni abbastanza. Anna Maria CARDILLO - Roma

28 TE DENTRO IL VENTO Tra le dita se avessi un pennello e ad occhi chiusi disegnassi il vento, gli darei dei pensieri il colore quando, liberi, a sera se ne vanno evasi finalmente dai nodi stretti assai dello spazio e del vero. E se a quel vento volessi dare un suono, della tua voce soave e leggerissimo gliene farei vestito così come tu pronunci il mio nome sussurrato alla notte chiedendo alle mie mani àncora farsi al giorno. E d armonie carezza con quel vento sopra il mio viso sentirei il tuo tocco come sui prati, a sera spettina l aria tenui in mezzo all erba dei primi fiori giovani gli steli E nell alito caldo di questa prima estate che, sfinito, a occidente, insegue il sole in mare incontrar le tue labbra finalmente e con lui dentro l onda dell averti sì, come il vento, cedere alla sera. Anna Maria CARDILLO - Roma

29 Dopo Ultima notte sghemba, ultima notte sconcia, miliardesima notte curvata dai miei pensieri, dalle spume dell ansia, da tutto ciò che manca. Notte tronca, obliqua, usata, di seconda mano, lenta come i momenti difficili, sconsiderata come un pazzo, gli angeli fanno l amore e si scordano di noi, degli uomini tristi, della mia torbida insonnia. Passo dopo passo, mese dopo mese, non capisco, non so, non so chiedere e non so rispondere, collasso come una stella, ogni mia piccola particella perde elettroni, rallenta, si contrae nel nulla tende all esterno, all assurdo. Padre, madre, Dio che dormi anche di giorno e non metti l sveglia, non continuate a russare. Mostratevi dove vi pare! A nord, a sud, tra nebulose o galassie tra stelle morte o lucenti, ai limiti dell universo. Mostratevi dove vi pare!! Oltre i confini del mondo saprò scorgervi, oltre le spire dell inferno saprò vedervi, ascoltarvi. Sparate un mortaretto da lassù, facciamo festa. Vincenzo CARUSO - Benevento

30 Cade la neve Quale giorno per imbiancar la terra che spoglia e fredda si raccoglie nella sua gelida coperta. Cenci bianchi scendono dal cielo che etereo e solitario appare, poi si adagiano sui tetti, sulle piante, sui rami secchi, brulli ed implicati. Tutto è arte ed è meraviglioso: c è quella pace che toglie il respiro, che ti coinvolge fino a trasformare quello scenario in una dolce primavera. Lo scivolo rosso si distingue appena, si anima di grida dei più piccoli, che s accapigliano felici tra di loro per essere tutti i primi a scivolare. Ed ecco un uccellin far capolino che, col suo cinguettio assai stridente, rompe l incanto e cerca inutilmente. Forse ha fame o forse vuol calore. Poi canta un po più forte e vola via: ha trovato la sua briciolina o va piangendo la sua malinconia. Antonietta CICCARELLI - San Severo (FG)

31 I Poeti Che strani personaggi sono i Poeti. Han notti burrascose e senza sonno; amori travolgenti e dolorosi; cieli stellati e mari tempestosi; tanti ricordi chiusi nel cassetto. Ma che cosa hanno di così sublime da far nascere in noi tante emozioni? Han la parola : quel mezzo straordinario che arriva, travolge e tocca il cuore tanto che anche quello più duro si scioglie come neve al sole. Antonietta CICCARELLI - San Severo (FG)

32 Spettatore silente Spettatore silente di un mondo deludente. Primo atto: io osservo: le scene son quelle son semplici :c è chi vive e va avanti. E bello sognare,avere coraggio e nel mondo avanzare ( e tutti stanno a guardare). Secondo atto: si avanza, insieme siam forti, ed ecco quei tre e siam proprio perfetti. Siamo un orchestra a più suoni la musica è vera ( e per tutti è un mistero). Il tempo è finito:qualcuno è caduto, chi è vicino non guarda. Che importa! L orchestra si è sciolta, la cetra è sparita ( ma chi mai se n è accorto!). Spettatore silente : finale dolente. Antonietta CICCARELLI - San Severo (FG)

33 Tramonto d autunno E vado verso il tramonto di quel giorno caldo che, ora del sole ha solo qualche debole riflesso: un fil di luce che unisce i lembi del passato col presente. Ad ogni uomo, considerato fortunato, tocca contemplare il suo passato. Rivedere cosa gli è toccato, cosa ha realizzato, quali i valori che ha considerato. Se ha avuto tanto e non ha dato niente, se invece ha dato,ma non è bastato. Così con un velo di malinconia, in quel cielo che ne fa lo schermo, tu vedi in lontananza proiettato quel film che è tutta la tua vita. Le scene sono quelle, vorresti starci dentro: sono belle; c e tanto amore che ti riempie il cuore. Poi ci son quelle che vorresti cancellare, ma sono là e continuano a girare. Così sorridi,piangi e vai avanti con una lentezza che non è più vita, ma solo la rivedi in un tramonto a cui presto seguirà la sera. Antonietta CICCARELLI - San Severo (FG)

34 A TUTTE LE MAMME Bello e robusto il pargoletto Al primo vagito lo stringe al petto Gesta d amor, materno affetto Vigile e lesta ad ogni richiesta Piange, s appresta con salutar Intruglio di verdi campi MA CHI SEI? Sono una mamma Nome bellissimo Mamma ammirabile Mamma famosa Ferma e amabile Sempre umile e di poche parole Anche se povera, ma ricca di fede Stanca d età, sempre dolcezze Il tempo è nemico. L amore resta. Un dì mi disse: PERDONAMI E ORA Anche le mamme sono di Dio Dai suoi begli occhi, l ultimo bacio Brevi sospiri e poi...piu NULLA Si estingue la vita Presso quel letto di stanco dolor Rimasi immobile, muto e pensoso Nell acre silenzio pregai: Buon Dio tutte le mamme sono ANGELI VERI. Erminio CIOFFI - Ceppaloni (BN)

35 Ai caduti Sotto le vostre steli, annerite dal tempo, odo giocoso vociar di bimbi e giovani ragionar d amore sulle panchine; tra i rami, sboccia primavera, con canti d uccelli festosi e il sole colora ogni dove e riscalda ogni cuore: tutto si rinnova, sotto il cielo della vita. Ma, per voi, non un dopo alle vostre giovani vite, solo crepitio d armi, dolore e morte, non vi raggiunge amore, né sole vi scalda, né primavera fa palpitare i vostri cuori; ma, dietro algide steli, spiate questa pace, costruita con le vostre vite, e continuate a vivere in noi e in quelli che verranno, per sempre. Maurizio D ARMI - Varese Ligure (SP)

36 Il Popolo dei Romani Un Popolo senza territorio e senza frontiere, sperso per terre lontane, tra gente che non lo conosce, che non vuole conoscerlo e lo emargina perché diverso. Un Popolo senza spada e senza armi, che non fa guerre, né rivoluzioni e non pratica il terrorismo, ma conserva geloso la propria identità, la propria cultura e non prevarica le altre. Un Popolo in marcia da sempre, che empie le vie del mondo, non le piazze, perché queste non gli appartengono Un Popolo di fratelli, non di concorrenti, che considera fratelli anche gli animali, ma non pretende di umanizzarli. Un Popolo per il quale la famiglia è famiglia E tale resta per sempre E non abbandona i suoi vecchi, ma, come fiaccole di vita e di esperienza, li onora. Un Popolo che guarda alla morte Come punto di arrivo, non di oblio, e seppellisce i suoi morti nella nuda terra e non sotto gelide steli di marmo, eppur ne mantiene vivo il ricordo e ne tramanda l esempio. Un popolo in salita, in perenne salita, che non piange e non si dispera, ma si arma ogni giorno di pazienza infinita e fede incrollabile, e leva gli occhi al cielo per pregare, non per imprecare. Un Popolo di eroi, perché eroi Sono coloro che hanno per tetto il cielo, quando il cielo è benigno e quando benigno non è. Un Popolo che conosce l esempio, più che le parole E vive ogni nuovo giorno come l alba della vita, anche se gli porterà fatiche e affanni infiniti. Un Popolo che vive i ritmi della musica più sfrenata, ma resta silente e pacifico tra i rumori del mondo ed esorcizza il dolore con canti e danze. Al calore dell altalenante luce d un fuoco robusto e all allegro ritmo del suo crepitare, danzano e cantano a piedi nudi e sono felici, veramente felici. Un Popolo che ama la libertà sopra ogni cosa E s immola ogni giorno per essa E sa stupire il mondo, per abilità, coraggio e forza inarrivabili, ma per il quale gli applausi durano solo il tempo di un attimo. Maurizio D ARMI - Varese Ligure (SP)

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

L ultima cosa che ho visto

L ultima cosa che ho visto L ultima cosa che ho visto Cinzia Politi L ULTIMA COSA CHE HO VISTO www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Nome Autore Tutti i diritti riservati Dedicato a Sara, una giovane, grande donna CAPITOLO

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

E ANCHE SE NON FOSSE L AMERICA IL POSTO CHE DOMANI TROVERO E TEMPO DI ANDARE E SI VA

E ANCHE SE NON FOSSE L AMERICA IL POSTO CHE DOMANI TROVERO E TEMPO DI ANDARE E SI VA PORTO NEL CUORE LA MIA LIBERTA A OGNI COSTO LA DIFENDERO DAL TUTTO, DAL NIENTE, DAL SEMPRE, DAL MAI IO LA VITA LA PRENDO COSI AMORE LO SAI CHE VERRO E CHE ME NE ANDRO VIA DA QUI E SE MI PERDERO IO LO FARO

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Fraternità di Romena veglia 2005-2006

Fraternità di Romena veglia 2005-2006 Ogni G iorno Se la vostra quotidianità vi sembrerà povera, non ne date a lei la colpa. Accusate voi stessi di non essere abbastanza poeti per chiamare a voi le sue ricchezze. Rainer Maria Rilke Fraternità

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli