: UN "ANNO DELLA FEDE" A VILLA PALLAVICINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2012-2013: UN "ANNO DELLA FEDE" A VILLA PALLAVICINI"

Transcript

1 Trimestrale della Fondazione Gesù Divino Operaio - Bologna - via M. E. Lepido / 2013 ATTENZIONE In caso di mancato recapito rinviare all Ufficio Bologna C.M.P. per la restituzione al mittente che si impegna a corrispondere la tassa dovuta : UN "ANNO DELLA FEDE" A VILLA PALLAVICINI Papa Benedetto XVI ha voluto che tutta la Chiesa celebrasse dall'11 ottobre 2012 al 24 novembre 2013 un "Anno della Fede". Intendeva così offrire ad ogni battezzato una preziosa occasione per rispondere alla "esigenza di ricuperare il cammino della fede, per mettere in luce con sempre maggiore evidenza la gioia ed il rinnovato entusiasmo dell'incontro con Cristo". La Chiesa Bolognese ha iniziato questo cammino mettendolo sotto la protezione di Maria, con la discesa straordinaria della Immagine della Madonna di San Luca nella nostra Cattedrale. Nessuno, quell'11 ottobre, avrebbe immaginato i sentieri sui quali il Signore avrebbe poi condotto la sua Chiesa. Una Chiesa che sarebbe stata chiamata a vivere l'esperienza della rinuncia alla sua guida da parte di Papa Benedetto, con un gesto di grande umiltà e donazione; una Chiesa che con il vento dello Spirito Santo è stata capace di uscire, come Abramo, dalla sua terra e di mettersi, con Papa Francesco, in un rinnovato cammino verso le "periferie dell'uomo", per dire ad ogni creatura l'amore di Dio; una Chiesa che si è immersa nella gioia della giovinezza con una memorabile Giornata Mondiale della Gioventù; una Chiesa che, più che mai, sente la debolezza della miseria del peccato dei propri figli, che è ferita da innumerevoli forme di persecuzione, che prova su di sé l'alito mortale del disprezzo e dello schiacciamento dei valori fondanti ogni civile convivenza, da parte di una società sempre più cieca ed egoista. È a questa Chiesa che il Papa questa volta Papa Francesco dice a ciascuno di noi: "La fede ci apre il cammino e accom- segue a pagina 2 Venerdì 4 ottobre 2013 Festa di San PETRONIO a 20 anni dalla Inaugurazione solenne del Villaggio della Speranza. Programma: Ore 10,00 Ritrovo degli ospiti e accoglienza con il suono della Banda Musicale di Anzola Emilia, che animerà tutta la giornata. Ore 12,00 S. Messa presieduta da S.E. CLAUDIO STAGNI, Vescovo di Faenza, nel suo 50 di Sacerdozio. Ricordiamo Dante Calzoni a 20 anni dalla morte. Al termine della Messa: Consegna della Bibbia e del Crocifisso alle nuove famiglie del Villaggio della Speranza. Ore 13,00 Pranzo (da prenotare*). Ore 15,00 INCONTRO TESTIMONIANZA con i protagonisti della inaugurazione del Villaggio della Speranza il 4 ottobre di 20 anni, fa in occasione del 50 di Sacerdozio di don Giulio. Per l intera giornata sono in funzione lo Stand delle Crescentine, il Mercatino delle mele e il Mercatino delle confezioni e dei manufatti nel laboratorio del Villaggio della Speranza. Sorprese varie per piccoli e grandi. Ore 17,00 VESPRI in onore di SAN PETRONIO. (*) Il contributo per il pranzo è di. 10 ed è indispensabile la prenotazione entro martedì 1 ottobre (tel ). Domenica 10 novembre 2013 Festa di San MARTINO Programma: Ore 10,30 Ritrovo degli amici delle Case per Ferie. Ore 12,00 S. Messa presieduta da S.E. ERNESTO VECCHI, Vescovo Ausiliare Emerito di Bologna e Amministratore Apostolico della Diocesi di Terni-Narni- Amelia, nel suo 50 di Sacerdozio. Concelebrano gli Assistenti delle Case per Ferie. Ricordiamo don Libero Nanni a 10 anni dalla morte. Ore 13,00 Pranzo.(da prenotare*). Per l intera giornata sono in funzione lo Stand delle Crescentine, il Mercatino delle confezioni e dei manufatti nel laboratorio del Villaggio della Speranza. Sorprese varie per piccoli e grandi. Ore 15,30 Incontro degli Atleti pionieri della Polisportiva, nella memoria della esperienza dei Campeggi di Landro e Cimabanche. Ore 17,00 Nella Cappella del Villaggio: VESPRI in onore di SAN MARTINO. (*) Il contributo per il pranzo è di. 10 ed è indispensabile la prenotazione entro venerdì 8 novembre (tel ).

2 2/ COLLABORIAMO segue da pagina 1 pagna i nostri passi nella storia la fede è la risposta a una Parola che interpella personalmente, a un Tu che ci chiama per nome La fede capisce che la Parola, una realtà apparentemente effimera e passeggera, quando è pronunciata dal Dio fedele diventa quanto di più sicuro e di più incrollabile possa esistere, cioè che rende possibile la continuità del nostro cammino nel tempo" (Enciclica "Lumen Fidei" 9 e 10). E Papa Francesco in questa Enciclica, scritta assieme al suo predecessore Papa Benedetto, ci ricorda ancora: "Sì, la fede è un bene per tutti, è un bene comune, la sua luce non illumina solo l'interno della Chiesa. Essa ci aiuta ad edificare le nostre società, in modo che camminino verso un futuro di speranza Le mani della fede si alzano verso il cielo, ma lo fanno mentre edificano, nella carità, una città costruita su rapporti in cui l'amore di Dio è il fondamento" ( 51). È dentro a questo "Anno della Fede" che vogliamo camminare, pur appesantiti dai nostri peccati e dalle nostre miserie, resi lenti e incerti dalle nostre debolezze, accompagnati dalle difficoltà anche economiche che ci rendono compagni di viaggio di tante famiglie, il cui futuro è difficile e scuro e che ci hanno indotto a ricorrere per i nostri collaboratori dipendenti, oltre ad altri sacrifici, alla cassa integrazione. È per questa situazione che sentiamo nostre la parole del Papa "le mani della fede si alzano verso il cielo", ma queste mani sono veramente alzate verso il cielo quando "edificano, nella carità, una città costruita su rapporti in cui l'amore di Dio è il fondamento". Nell'avviare l'anno della Fede ci proponemmo alcuni "segni". Li riprendiamo da "Collaboriamo" di settembre 2012: "Anzitutto riportiamo al centro l'eucarestia con l' iniziativa della Messa mensile per tutti i Collaboratori il terzo venerdì di ogni mese; poi la Messa mensile per tutte le famiglie ospiti del Villaggio della Speranza, celebrata il primo giovedì del mese, insieme a tutti gli Amici dell'onarmo, a cui farà seguito l'adorazione Eucaristica, Messa e Adorazione animata dalla "Associazione don Giulio Salmi". Accanto a questo: i Ritiri Spirituali di Avvento e di Quaresima e infine gli Esercizi Spirituali in primavera". Sono stati momenti qualificanti. Li rinnoviamo chiedendo a tutti la collaborazione della comprensione e dell'amicizia, ma anche con il segno della solidarietà concreta attraverso l'offerta in denaro, per poter far fronte alle tante spese. Il Signore veramente alimenti la fede, accresca la speranza, ci radichi nell'amore. Don Antonio VILLAGGIO della SPERANZA ieri e oggi Venti anni fa questo segno importante nella carità della Chiesa bolognese veniva inaugurato ufficialmente. Ne ricordiamo alcuni momenti e dati significativi Un sogno di don Giulio Siamo nel dicembre Don Giulio in uno dei suoi brevi scritti mette sulla carta il sogno del Villaggio della Speranza: "Sono passati 30 anni dalla prima testimonianza del nostro indimenticabile Cardinale Giacomo Lercaro di dare alla città di Bologna un segno di solidarietà a chi ne aveva più bisogno. Ieri erano i giovani in attesa di sposarsi, ora sono le persone della terza età bisognose di avere la loro libertà, in un ambiente capace di comprenderli e di costruire con loro una vita più umana e più sociale. Così come allora si è mossa la Chiesa di Bologna per dare un altro segno, perché altri abbiano ad imitarla. Sappiamo, è vero, di fare piccola cosa, ma noi siamo piccoli eppure con tanta fiducia nella Provvidenza del Signore. Ripeto è solo un piccolo segno, non è certamente la soluzione di uno dei più gravi problemi che assillano la nostra città. Ma è qualcosa che si muove!".

3 3/ COLLABORIAMO 4 ottobre 1993 Il Villaggio della Speranza completato Prezioso manoscritto del Presidente Scalfaro, nel giorno del Villaggio della Speranza: Il dì di S. Petronio e di Frate Francesco del Laudato sì, o mio Signore Per lo splendore dell'amore che è qui vita e speranza! Oscar Luigi Scàlfaro Presidente della Repubblica. L'Arcivescovo Cardinale Giacomo Biffi durante il Congresso Eucaristico 1987 ci aveva affidato una meta: realizzare il "Villaggio della Speranza" per anziani. Oggi lo consegniamo all'arcivescovo come segno della Chiesa di Bologna. Come uno scalatore che ha raggiunto la cima più alta della montagna vede e sente tanta gioia pensando che la via per arrivarci è stata ardua e difficile, così anche per noi raggiungere la meta è stata cosa faticosa, ma nello stesso tempo anche facile, perché costellata da tanti amici che ci hanno facilitato il cammino. Allora si rende necessario ricordare questi aiuti, perché non si creda di essere dei campioni: in primo luogo gli amici delle Case per Ferie ed una miriade infinita di benefattori, il Centro di Addestramento Professionale per Giovani Lavoratori di don Saverio Aquilano, la Conferenza Episcopale Italiana, la defunta Macchia Faustina, la famiglia Bertuzzi, la Regione Emilia Romagna, il Comune di Bologna che ha sapu- La Madonna del Villaggio. to accogliere quest'opera come un nuovo modo di assistere gli anziani bisognosi. Un ricordo poi per tutti coloro che lungo il cammino, con amore e disinteresse, hanno creduto e operato perché il Villaggio giungesse a realizzazione. Don Giulio, 1993

4 4/ COLLABORIAMO 1993 Un dono dall'alto Dall'Omelia di don Giuseppe Dossetti nel 50 di sacerdozio di Don Giulio Salmi. "Siamo qui per ringraziare. Vogliamo con intensa effettività ringraziare. Ringraziare anzitutto il Signore del dono che ha fatto alla sua Chiesa in don Giulio: sacerdote al quale quando apparirà il Principe dei pastori, certo riserberà una corona di gloria che non marcisce: corona meritata per la sua grande carità. La carità di don Giulio è stata come non può non essere la vera carità una carità audace. Sempre audace. Audace dall'inizio del suo sacerdozio alle Caserme Rosse, che lo portò a rischiare la morte per i rastrellati di molte province circostanti; alla carità pure altrettanto audace che gli fece cercare, nonostante la dura resistenza, il disprezzo, l'ironia beffarda di tanti, le anime dei lavoratori nelle fabbriche bolognesi; alla carità pure audace che lo buttò in tante imprese difficili e finanziariamente rischiose per le Case per ferie, per l'assistenza ai giovani lavoratori, per l'organizzazione delle scuole professionali, per la polisportiva Pallavicini, per il grande numero di giovani stranieri ospitati (libici, eritrei, russi, albanesi e tanti altri); e infine carità audace quella che gli fece superare infinite resistenze e blocchi quasi definitivi nella realizzazione del Villaggio della Speranza inaugurato stamane. Questa carità così audace, eppure così bene piantata in terra e così perseverante e realizzatrice, non può essere stata altro che puro dono dall'alto Ma tutto questo non per virtù propria, ma unicamente nella forza dello Spirito del Signore che lo ha consacrato con l'unzione. Don Giulio lo sa bene, che tutte le sue opere tutte le molte opere di cui oggi con gratitudine lo riconosciamo artefice, e noi beneficiati vogliamo ringraziarlo non sono propriamente sue, sono opere di Cristo e del Padre" Il grazie" di don Giulio Il 1994 sarà l'ultimo anno che chiediamo aiuto per il Villaggio della Speranza. Questo numero di "Collaboriamo" ha uno scopo preciso: fare chiarezza sul nostro bilancio e chiedervi il vostro sostegno e il vostro aiuto per chiudere alla pari. Siete stati meravigliosi per il portico. Avete fatto il pieno! Il nostro Alpino vi metterà in numeri le spese del Villaggio e quanto si attende dalla Regione. Da parte mia voglio dire grazie, ad uno ad uno, ai offerenti che ci hanno aiutato in questa impresa. In modo particolare agli amici delle Case per Ferie. Come posso ricambiarvi? Prenderò "il Calice della Salvezza e lo offrirò a Dio Padre!". Questo è il mio compito ogni giorno: mettere tutti voi amici nel Calice della S. Messa perché Gesù vi ricompensi della vostra generosità. La gioia ha invaso la mia anima e si è riempita di grande consolazione. È impossibile esprimere questo sentimento di gratitudine, specialmente dopo aver letto le tante lettere. Solo due pensieri espressi da Maria Santissima, Madre amabilissima, possono essere una vera risposta: - "... Si faccia di me quello che il Signore vuole"; -"... Grandi cose ha fatto in me il Signore". La famiglia dell'onarmo così grande, così gioiosa, può fare grandi cose. Con voi tutto è possibile, purché Gesù lo voglia. Coraggio, camminiamo insieme per poter raggiungere insieme quella corona di gloria che Gesù, il giusto giudice, ci ha preparato Chi ha pagato"? don Giulio Salmi Al momento dei consuntivi spesso ci si trova di fronte a spiacevoli sorprese. A conclusione dei lavori del "Villaggio della Speranza" ci siamo accorti che tutte le previsioni, anche le più lungimiranti, sono saltate e le cifre che troverete sotto testimoniano l'enorme impegno finanziario che la Fondazione Gesù Divino Operaio ha dovuto soste-

5 5/ COLLABORIAMO nere nell'arco di appena tre anni. Allo stesso tempo emerge anche l'enormità della carità di oltre 30 mila persone, nella stragrande maggioranza amici delle Case per Ferie e dell'onarmo, che in questi anni hanno accompagnato la crescita di quest'opera per gli anziani. Ecco il Villaggio della Speranza espresso in cifre: - acquisto dell'area: 400 milioni di lire - opere murarie: milioni - opere elettriche: 550 milioni - opere idrauliche: 650 milioni - opere di urbanizzazione: 850 milioni - progettazione, direzione lavori, consulenza tecnica e amministrativa: 360 milioni - spese per IVA 550 milioni TOTALE lire milioni. Attraverso mezzi propri, offerte, contributi e lasciti da privati ed Enti, e la vendita della Casa per Ferie di Castiglione dei Pepoli, la Fondazione Gesù Divino Operaio ha potuto far fronte direttamente alle spese del Villaggio per milioni. L'indebitamento attuale ammonta, pertanto, a milioni, a fronte dei quali si è in attesa di poter ricevere dalla Regione Emilia-Romagna il contributo di milioni, assegnato per la quarta corte. Per chiudere "a pareggio", come dice don Giulio, la costruzione del Villaggio della Speranza, mancano ancora milìoni. È questo l'impegno che ci siamo dati per il 1994! Alpino Gonelli 1993 Scheda tecnica del Villaggio della Speranza Gli alloggi, realizzati in 25 case ad uno o due piani, sono stati 18 per ciascuna delle prime tre corti, 26 per la quarta e 6 per la quinta corte che contiene anche gli ambulatori per un totale, finora, di 86 alloggi fra monolocali e appartamenti, così suddivisi: n. 33 monolocali; n. 34 alloggi con una camera, soggiorno, cucina e bagno; n. 19 appartamenti con due camere, soggiorno, cucina e bagno. Non volevamo fare case dal marchio e dall'aspetto sgradevole. Il Comune per l'approvazione iniziale ci ha chiesto di fare un pezzo di città anzi "un brano organico di città" e così, con un aspetto tipicamente bolognese, è nato il nuovo Villaggio della Speranza, inconfondibilmente petroniano con le case disposte attorno alle corti interne, i muri in mattoni a vista ed i portici che si sviluppano per m. 520 (un po' meno del portico di San Luca, ma sempre tanti) per collegare tra loro le varie corti con la piazzetta della Madonna. Questa è un'opera che fa onore alla Chiesa di San Petronio ed al cuore generoso dei bolognesi. Ing. Giuseppe Coccolini 2006 Il sogno continua È da cinque anni che don Giulio non parla, non cammina, non scrive. Ma ha un cuore ancor più traboccante di amore e di fede. Verso le 10 del mattino mi fa chiamare: vuole sapere come sta procedendo l'iter per la costruzione del nuovo villaggio destinato a giovani coppie, coppie con anziani a carico, famiglie numerose. Ancora un sogno che sta per realizzarsi. Ma il Signore ha progetti nuovi su don Giulio. All'alba del 21 gennaio lo chiama a sé, perché vuole che d'ora in poi dal Paradiso sia angelo custode che illumina, custodisce, regge e protegge quanti hanno ricevuto da lui il testimone. E si realizza così un altro desiderio, ancora più radicale, che don Giulio aveva consegnato alla penna del testamento spirituale: fare dono non più di un tetto, ma della propria stessa vita, sull'esempio di quel Gesù che lo ha chiamato ad essere suo sacerdote: "Essere per l'onarmo quel chicco di grano che marcisce sulla terra per far crescere una spiga piena di chicchi". Don Antonio, 21 Gennaio Dall'Annuario del Villaggio della Speranza "Bisogna far amare la vita anche nell'ora del tramonto" pensò Don Giulio Salmi quando ideò e realizzò il Villaggio della Speranza nella seconda metà degli anni '80. Prescelto dalla Chiesa bolognese come segno permanente del Congresso Eucaristico celebrato nel 1987, il Villaggio fu inaugurato ufficialmente il 4 ottobre 1993 dall'arcivescovo di Bologna Card. Giacomo Biffi e dal Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Fu allora un segno per una risposta nuova ed "umanizzante" ad un'emergenza anziani che in quegli anni iniziava a farsi più urgente per la città di Bologna. L'ampliamento del Villaggio con la costruzione delle 4 villette, ultimate nel maggio 2010, intende prestare attenzione in particolare alle giovani coppie di sposi e alle famiglie numerose.

6 6/ COLLABORIAMO 2012 Cristina Magrini a Villa Pallavicini Il 4 ottobre 2012, festa di San Petronio, è stata accolta in un'abitazione della quinta corte Cristina Magrini con suo padre Romano. La giovane donna, in coma da oltre 30 anni, dal 18 novembre 1981, quando all'età di 15 anni venne investita sotto casa mentre attraversava sulle strisce pedonali, viene assistita giorno e notte dal padre. "Io vivo per mia figlia - dice Magrini - non conosco il riposo, lo svago, né il mondo esterno se non attraverso la TV. Ma io sono arrivato. Ho già molti anni e questi passati a fare il medico, l'infermiere, il fisioterapista, l'autista, il cuoco ed il padre valgono almeno il doppio. Io morirò e mia figlia che fine farà?" A questo scopo è stata costituita nel maggio scorso l'associazione "Insieme per Cristina, Onlus", per sensibilizzare ed educare all'accoglienza delle persone in stato vegetativo e di minima coscienza verso un aiuto concreto che possa sostenere le famiglie delle persone in tale stato Il Villaggio della Speranza oggi, alcuni primati Il Villaggio, anno dopo anno, si è arricchito di tanti servizi, fra cui la presenza di una Assistente Sociale che svolge funzioni di consulenza per persone anziane in difficoltà, informazione sulle risorse di natura sociale e sanitaria, primo filtro per l'accesso ai servizi sociosanitari integrati. Nel 1997 si è aggiunto il CENTRO DI ACCOGLIENZA DIURNA PER ANZIANI (Card. Nasalli Rocca), che offre agli anziani servizio di assistenza, controllo sociale, terapeutico, alimentare, accompagnamento, attività motoria e di socializzazione. Il tutto è portato avanti da un'equipe di Operatori Socio-Sanitari qualificati, dal responsabile di struttura e da un gruppo assiduo di volontari. Per quanto riguarda la accoglienza delle famiglie, attualmente il Villaggio è costituito da 129 appartamenti e ospita 126 famiglie, per complessivi 304 abitanti di cui oltre 100 sono minorenni. Tipologia delle famiglie accolte: 72 famiglie composte da 1 persona 14 famiglie composte da 2 persone 6 famiglie composte da 3 persone 18 famiglie composte da 4 persone 4 famiglie composte da 5 persone 5 famiglie composte da 6 persone 3 famiglie composte da 7 persone 3 famiglie composte da 9 persone 1 famiglia composta da 10 persone. La maggior parte degli anziani che vivono al Villaggio ha un'età superiore agli 80 anni, segno che il clima di affetto e di attenzione presente favorisce la longevità! Il primato spetta a nonna Fantoni che compirà 99 anni! Gli altri ultranovantenni sono: - Mario Dozzi (97 anni), - Giuseppina Merighi (93 anni), - Alberto Montefiore e Lina Mariotti (92 anni), - Piazzi Seriana (91 anni), - Manzon Maria e Collari Gino (90 anni). Infine, accanto al record di ben 72 famiglie su 126 composte da una persona sola, il Villaggio detiene anche un altro primato: su 300 abitanti più di 100 hanno meno di 18 anni! Le famiglie di origine non italiana sono 17 e 3 sono miste. Si dà così compimento, con l'impegno ed anche la fatica di tutti, al principio che ogni comunità autentica deve essere "luogo di incontro di età e culture diverse", per formare una sola famiglia, secondo il modello della Gerusalemme Celeste descritta nel libro dell'apocalisse: "Ecco, una moltitudine immensa di ogni nazione, tribù, popolo e lingua davanti al trono di Dio e davanti all'agnello" (Ap 7,9). Il nuovo Consiglio della FONDAZIONE GESÙ DIVINO OPERAIO La Fondazione Gesù Divino Operaio ha un nuovo Consiglio di Amministrazione nominato, come da Statuto, dall'arcivescovo, avendo concluso il suo mandato il Consiglio precedente nominato nel Molte sono state le difficoltà affrontate dal Consiglio che ha terminato il suo servizio e nel quale l'arcivescovo aveva nominato, oltre al sottoscritto, il diacono Salvatore Brandoli, don Francesco Cuppini, don Guido Montagnini e il dott. Antonio Rubbi, dovendo portare avanti un'opera dalle molteplici attività e alla quale non è mancato l'oneroso compito dell'affrontare il peso derivante dalla crisi finanziaria che ha toccato anche tutte le nostre attività. Al Consiglio uscente va tutta la nostra riconoscenza. Ma il cammino non è terminato e ci aspettano ulteriori sfide per mantenere vive le finalità dell'opera, per rafforzare le energie spirituali e materiali necessarie e, in particolare, per "avere occhi per vedere", "cuore per amare", "mani per porgere la benedizione di Dio" a quanti si aspettano attenzione da questa "piccola cittadella della carità di Cristo". Il Cardinale Arcivescovo ha chiamato a far parte del nuovo Consiglio don Guido Montagnini, la dr. Elisabetta Campa, il diacono Massimo Papotti, il dr. Fabrizio Ungarelli, oltre al sottoscritto. A tutti chiediamo, accanto alla simpatia e all'amicizia, il calore della preghiera perché possiamo portare avanti quel compito che il Cardinale Arcivescovo ave- va così riassunto nell'omelia del funerale di don Giulio: "La volontà del Padre è che in Cristo costruiamo quella "città delle persone" di cui don Giulio ha posto un segno esemplare". Don Antonio

7 7/ COLLABORIAMO Guai perdere la memoria! Guai dimenticare che le fronde hanno radici robuste. Una di queste, che ha portato linfa per quarant'anni alla nostra Opera è Dante Calzoni, del quale ricordiamo il XX anniversario della morte. Un uomo che insieme alla sua Gabriella (detta Renée) donò la vita a cinque figli, formò una bella famiglia, lavorò in parrocchia, s'impegnò nell'azione Cattolica (particolarmente nella Gioventù Operaia Cristiana, di cui fu Segretario diocesano), poi si mise al servizio di don Giulio Salmi e si può dire che da quel momento Calzoni e Onarmo diventarono praticamente sinonimi. 40 anni di servizio generoso con grande competenza, dedizione, delicatezza, severità e spirito d'obbedienza. Queste sono le virtù che Dante ha lasciato in eredità. Don Giulio ha scritto di lui che "lavorò conservando sempre lo stesso spirito, pregando, soffrendo, portando la croce ogni giorno e fu vero cristiano per la fede e per le opere". Non occorrono altre parole. *** È trascorso un anno. All'alba del 18 settembre 2012 l'angelo del Signore scese a strapparci un amico fraterno, uomo buono, di animo generoso, sempre disponibile verso tutti. È Stefano Busi. Anche lui collaboratore fedelissimo nella nostra Opera, aveva ricoperto numerosi ruoli, svolto parecchi importanti incarichi, sempre con prontezza e grande competenza. Si era formato spiritualmente nella Parrocchia della Sacra Famiglia al Meloncello, in un gruppo di giovani, diventati precocemente adulti, che hanno poi lasciato segni importanti nei vari campi d'attività professionale: universitario, aziendale, operaio, sindacale, sportivo È rimasto un grande vuoto nella sua bella famiglia, nell'animo degli amici e nella nostra Fondazione. Sono passati vent'anni (Dante); è passato un anno (Stefano). Non è mancata la tristezza, ma il ricordo sempre vivo e luminoso di questi amici e la speranza cristiana hanno attutito il dolore e lacerato i pensieri di morte. Sempre presenti, nella memoria e nel cuore Lo chiamavamo Walterone, perché era un omone, e fa proprio rima. Walter Pasini è stato per circa vent'anni direttore della Casa per ferie Matteo Talbot di Alba di Canazei. Lasciato il suo lavoro alla FIAT di Parma, decise che Alba, tra le sue amate montagne, sarebbe stata il suo domicilio per sempre. Comprò un appartamento vicino alla chiesa e nei lunghi mesi di chiusura della Casa per ferie, per quella parrocchia fu in pratica custode, sacrista, accolito, catechista, uomo fidatissimo e stimato da tutti. Ha sempre goduto della fiducia di don Giulio e l'ha davvero meritata, perché è stato riferimento di fede e di integrità morale. Lo vogliamo ricordare ancora una volta con la sua berretta calcata sulla fronte, quasi a raggiungere le sopracciglia, o alla "sua" spaghettata a Pian Trevisan, con la mazza da baseball sulle spalle, fingendosi burbero castigatore di chi non andava a raccogliere legna per far fuoco sotto i pentoloni. Ma era più buono del pane, sempre pronto a rispondere con una battuta spiritosa o un versetto in rima. Il Signore l'ha chiamato all'eterno riposo il 23 luglio, a 80 anni. *** Martedì 6 agosto, al termine di una lunga malattia, è morto don Domenico Sallei, che per molti anni è stato Assistente delle nostre Case per ferie, lasciando un ottimo ricordo in tutti gli ospiti. Proprio l'anno scorso, con un gruppo dell'associazione D.Giulio Salmi, eravamo andati a fargli visita al Santuario di Santa Maria del Bagno, di cui era rettore, vicino a Castiglion Fiorentino. Don Domenico era nato nel 1936, era stato ordinato sacerdote il 24 giugno 1962 e aveva ricoperto vari incarichi nella diocesi di Arezzo. Chi l'ha conosciuto bene, può testimoniare che don Domenico, come dice San Paolo, ha combattuto la buona battaglia, ha terminato con onore la sua corsa e ci aspettiamo che abbia ricevuto da Gesù quella corona promessa ai servi fedeli. C.S.

8 8/ COLLABORIAMO GMG 2013 Alla sequela di Gesù Cristo Lunedi 22 luglio, insieme ad altri 40 giovani, siamo partiti dall aeroporto di Bologna alla volta di Rio de Janeiro, per intraprendere il nostro pellegrinaggio col Papa, in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù. Siamo quattro ragazzi, Monica, Francesco, Stefano e Daniele che viviamo con le nostre famiglie al Villaggio della Speranza e facciamo parte del Cammino Neocatecumenale nella parrocchia di Santa Maria di Calderara di Reno. Nella nostra permanenza a Rio abbiamo potuto visitare la città, molto bella, ricca di colori e con persone molto allegre. Siamo passati anche dalle favelas, dove moltissimi vivono in povertà nelle baracche e alcuni del Cammino Neocatecumenale sono entrati per annunziare l amore di Dio alla loro vita. Un giorno ci hanno condotti a vedere la grande statua del Cristo Redentore che dall'alto del Corcovado protegge la città. Bella esperienza, ma che freddo!... (perché là è inverno). Ci sono volute oltre dieci ore di coda per andare lassù, ma il Signore ha permesso che quel lungo tempo di attesa non fosse sprecato: abbiamo avuto la possibilità di conoscere tantissimi giovani di altre nazionalità, coi quali abbiamo cantato salmi, abbiamo ballato e, per quanto possibile (vista la varietà delle lingue), abbiamo scambiato le reciproche esperienze. La GMG è stata un pellegrinaggio vocazionale, un tempo di riflessione personale sulla propria vita, arricchito da preghiere, eucarestie, rosari, vespri, canti e balli in piena armonia e a lode al Signore. Il programma prevedeva la veglia notturna seguita dalla Messa domenicale presieduta dal Santo Padre, ma il cattivo tempo, il freddo e la pioggia che avevano reso il luogo dell incontro un'autentica risaia, hanno costretto gli organizzatori a spostare la celebrazione sulla spiaggia di Copacabana. Il Papa ha invitato i giovani a non restare tutta la notte in quelle condizioni, perciò noi abbiamo fatto una veglia eucaristica nell albergo in cui eravamo alloggiati. Il mattino seguente siamo andati alla santa Messa a Copacabana, dove abbiamo ricevuto tante parole d amore e misericordia, ma soprattutto il forte invito del papa "ANDATE SENZA PAURA PER SERVIRE!!", che spinge noi giovani, che viviamo in questa generazione con difficoltà, a stare attaccati a Cristo tramite la fede e, forti di questo, annunziare al prossimo l amore che Dio ha per ognuno di noi. Inoltre il Signore ci invita a questa esperienza di risurrezione e ad aprire sempre di più i nostri cuori a Lui, e allo stesso tempo ci manda ad annunciare, perché ha bisogno di persone che donino la propria vita per vivere pienamente il proprio battesimo, senza paura di andare controcorrente. Per il nostro gruppo e per tanti giovani della GMG, non è terminato tutto con l incontro col Papa, ma c'è stata la possibilità di un grande arricchimento spirituale con un incontro vocazionale, presieduto dall arcivescovo di Rio Orani Tempesta, insieme ai cardinali e vescovi di Vienna, Cracovia, Boston, Sidney e San Paolo e con gli iniziatori del Cammino Neocatecumenale Kiko Arguello, Carmen Hernández e il presbitero Don Mario Pezzi. Questo evento è stato un'ennesima conferma della misericordia di Dio che non si stanca mai di noi giovani, tanto che ci ha donato un altra parola tramite una catechesi con l annuncio del "Kerigma", cioè "la buona notizia" che Gesù ha vinto la morte e che tutti i nostri peccati sono perdonati in Cristo Risorto. Dopo aver celebrato la liturgia della Parola e l esortazione dell'arcivescovo di Rio, sono state fatte le chiamate vocazionali al presbiterato, dove si sono resi disponibili circa 3000 giovani da tutto il mondo, che sono saliti sul palco a prendere la benedizione dai cardinali e dai vescovi. È stata fatta anche una chiamata per le ragazze, per la vita di clausura o l itineranza, per evangelizzare l Asia (soprattutto la Cina). Circa 2000 si sono alzate ed anche loro hanno ricevuto quella particolare benedizione. L incontro si è concluso con il congedo dell arcivescovo Orani Tempesta. Ricchi di questa stupenda esperienza, siamo tornati a Bologna con uno spirito nuovo, consapevoli di aver ricevuto parole e vissuto momenti che speriamo rimangano impressi nella nostra vita, disposti a fare la volontà di Dio. Monica Agusto Stefano Agusto Daniele Corrente Francesco Zagano

9

10 VACANZE INVERNALI 2013/2014 San Vigilio di Marebbe - BZ NUOVE MODALIT PRENOTAZIONE Vacanze Natalizie da sabato 21/12 a sabato 28/12 da sabato 28/12 a sabato 4/01 da sabato 04/01 a sabato 11/01 Settimane bianche da sabato 11/01 a sabato 18/01 da sabato 18/01 a sabato 25/01 da sabato 25/01 a sabato 01/02 da sabato 01/02 a sabato 08/02 da sabato 08/02 a sabato 15/02 da sabato 15/02 a sabato 22/02 da sabato 22/02 a sabato 01/03 da sabato 01/03 a sabato 08/03 pensione completa pensione completa pensione completa pensione completa mezza pensione pensione completa mezza pensione pensione completa mezza pensione Le prenotazioni si ricevono con decorrenza immediata e con le seguenti modalità: 1. telefonicamente, contattando i n. 051/ e 051/ direttamente presso gli Uffici della Fondazione Pallavicini Famiglia e Lavor Via Marco Emilio Lepido 196 Bologna 3. tramite fax n. 051/ o Si precisa che fax e mail della mattina saranno riscontrati nel pomeriggio del giorno di arrivo. Avuta la conferma della disponibilità della camera, i gentili ospiti perfezionano la prenotazione, entro 7 giorni, nvio del modulo chiesta di pr ed il versamento della relativa caparra. La "Richiesta di prenotazione", compilata e sottoscritta nei tre spazi contrassegnati dalla X di colore rosso, può essere consegnata direttamente o inviata per posta, fax o ai recapiti sopra indicati.

11 VERSAMENTO CAPARRA E QUOTA ANNUALE SOSTENITORI ASSOCIAZIONE DON GIULIO SALMI L importo da versare è di 55,00 (cinquantacin que 00) a persona, di cui 50,00 a titolo di caparra ed 5,00 per quota annuale sostenitore dell Asso ciazione Don Giulio Salmi, in contanti o assegno presso l Ufficio Prenotazioni con assegno bancario o circolare, o con vaglia postale ordinario, intestato e spedito a Fondazione Pallavicini Famiglia e Lavoro Via Marco Emilio Lepido Bologna con bonifico bancario, richiedendo il necessario codice IBAN agli Uffici della Fondazione. Per chi prenota per la prima volta nel 2013, la tessera sarà valida anche per il Il versamento è dovuto anche per i bambini, ad esclusione di quelli che, al momento del soggiorno, non hanno ancora compiuto due anni di età. La scontistica prevista viene applicata al momento del saldo del soggiorno presso la Casa per Ferie. Attenzione: per il versamento della caparra non è possibile utilizzare il conto corrente postale intestato alla Fondazione Gesù Divino Operaio. La retta giornaliera, IVA inclusa, comprende: cena, pernottamento, prima colazione e pranzo; sono escluse le bevande e l eventuale tassa di soggiorno. I turni iniziano con la cena del giorno di arrivo e terminano con il pranzo del giorno di partenza. Le camere verranno assegnate agli ospiti dalla Direzione della Casa per ferie non prima delle ore 16,00 del giorno di arrivo e devono essere lasciate libere entro le ore 09,00 del giorno di partenza. In caso di arrivo anticipato, si invitano i gentili ospiti a contattare la Direzione, segnalando anche l'eventuale intenzione di pranzare. Tale richiesta sarà accolta previa verifica di fattibilità. L'eventuale pranzo del giorno di arrivo, non compreso nella retta, è da regolare a parte e non è compensabile con quello del giorno di partenza. Sconti Famiglia SCONTISTICA Per i figli ed i nipoti che alloggiano in camera, rispettivamente, con i genitori o i nonni, sono riservati i seguenti sconti: - da 0-2 anni Gratis - da 2-6 anni sconto del 50% sulla retta giornaliera - dopo i 6 anni gli sconti crescono gradualmente ase al numero dei figli / nipoti paganti: Sconto del 15% sulla retta di un figlio / nipote Sconto del 20% sulla retta di due figli / nipoti Sconto del 25% sulla retta di tre figli / nipoti Tariffe speciali per Gruppi organizzati: Per gruppi istituzionali, parrocchiali, sportivi e scolastici sono previste tariffe agevolate da richiedere all Ufficio Prenotazioni. Maggiorazioni per camera singola: qualora l ospite faccia richiesta espressa di utilizzo di camera singola, la retta giornaliera sarà maggiorata del 20% nell eventualità invece di utilizzo di camera doppia ad uso singola, dove sussistano le condizioni per accogliere tale richiesta, la retta giornaliera sarà maggiorata da un minimo del 20% ad un massimo del 40%, da definire di volta in volta con l Ufficio Prenotazioni. Le seguenti Case per Ferie saranno aperte su richiesta di un congruo numero di Ospiti e per un periodo significativo: Casa per Ferie Mons. Baldelli San Silvestro di Dobbiaco - BZ Casa per Ferie Matteo Talbot Alba di Canazei - TN San Michele Arcangelo Vidiciatico - BO

12 RICHIESTA di PRENOTAZIONE 1 Sig. nato il a 2 nato il a grado parentela 3 nato il a grado parentela 4 _ nato il a grado parentela 5 nato il a grado parentela Via CAP Località Pr Tel. / Cell. di professione presso Doc. ricon. n. rilasciato da il professione coniuge presso CASA PER FERIE TURNO RICHIESTO dalla cena del X (firma del richiedente) al pranzo del Il sottoscritto, a conoscenza delle Norme delle Case per Ferie della Fondazione Pallavicini Famiglia e Lavoro, si impegna al rispetto delle medesime, in particolare, ai sensi e per gli effetti dell art.1341 C.C., avendo preso conoscenza delle Norme che regolano le Case per Ferie, esplicitamente dichiara di accettare le clausole di cui ai punti F e G. X (firma del richiedente) FONDAZIONE PALLAVICINI FAMIGLIA E LAVORO Via Marco Emilio Lepido Bologna Tel. 051/ Fax 051/ sito: INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. 196/03 La informiamo che i dati personali raccolti, suoi e dei suoi familiari, saranno trattati anche con l ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati, nel rispetto della vigente normativa, per eventuali prenotazioni di soggiorni presso le ns. Case per Ferie e per l invio di comunicazioni ad esse attinenti e informazioni sulle ns. attività e comunque all interno dell organizzazione e saranno trattati dagli incaricati del trattamento. In mancanza del conferimento dei dati il rapporto non potrà perfezionarsi. Ella potrà esercitare i diritti di cui all art. 7 del D.Lgs. 196/03 contattando la ns. sede di Bologna. X (firma del richiedente) Norme delle Case per Ferie A. Le Case per ferie sono nate per dare la possibilità di riposare fisicamente e ritemprare lo spirito a contatto della natura, lontano dai consueti luoghi dell impegno quotidiano. B. Sono Case dove si vive in spirito di familiarità e di collaborazione. Non sono alberghi, né pensioni, né residence C. Pur nel rispetto della libertà di coscienza di ciascuno e pur non essendovi obblighi a particolari pratiche religiose, si ricorda che le Case per ferie sono luoghi dove si cerca di vivere il precetto evangelico della carità e di riscoprire i valori della fede e della speranza cristiana. D. A tale proposito è assicurata la presenza costante di un Sacerdote Assistente e vi sono due momenti quotidiani durante i quali ogni attività della Casa si ferma: la recita delle Lodi (preghiera del mattino) e la Santa Messa. E. Per suscitare lo spirito di familiarità l Assistente, il Direttore, gli animatori ed i collaboratori promuovono incontri, gite, giochi, gare, recite, canti e attività ricreative. F. I turni, secondo il calendario di ogni Casa per ferie, non sono frazionabili. Nel caso di ritardato arrivo o di anticipata partenza rispetto al turno prenotato, verrà addebitato, per ogni giorno di mancata presenza, l importo di 14,00 a persona (adulti e minori) per mancato pernottamento. G. In caso di rinuncia dell intera prenotazione al turno di ferie richiesto, la caparra sarà restituita alla essenziale condizione che la rinuncia sia comunicata per iscritto alla Sede di Bologna direttamente o a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, o telegramma, o fax, o , almeno 30 giorni prima dell inizio del turno prenotato. Le parti sin d ora espressamente rinunciano a quanto disposto dall art.1385, 3 comma, del Codice Civile. H. Ricordiamo ai gentili Ospiti che effettuano più turni in via continuativa presso la stessa Casa per Ferie l opportunità di saldare l importo di ogni singolo turno al termine dello stesso. I. Il Direttore assegna le camere secondo le disponibilità e le esigenze della Casa, attenendosi di norma ad eventuali sistemazioni assunte all atto della prenotazione presso la sede. L. Le strutture di Pinarella di Cervia, Vidiciatico e S. Vigilio sono dotate di servizi privati in ogni camera. Quelle di Alba di Canazei e S. Silvestro di Dobbiaco hanno il lavandino in camera e i servizi in corridoio. Le camere sono generalmente grandi, adatte ad accogliere famiglie. M. Ogni Ospite deve provvedere alla pulizia della propria camera durante l intero periodo di soggiorno e la riconsegna in ordine alla fine del turno. Ogni Ospite deve portare con sé gli asciugamani, ad esclusione degli ospiti che soggiorneranno nelle Case per Ferie Santa Maria di Pinarella di Cervia e Teresa Martin di San Vigilio di Marebbe, ai quali gli asciugamani saranno forniti dalla Casa stessa. N. È vietato portare all interno delle Case animali di qualsiasi tipo. O. Per ragioni sanitarie ai pasti possono essere consumate solo bevande acquistate presso la Casa per ferie. P. Il rispetto degli orari stabiliti dalla Direzione (colazione, pranzo, cena) è indispensabile per il buon funzionamento della Casa. Q. L orario di chiusura della Casa è fissato per le ore 24. R. La cortesia verso le persone e il rispetto delle cose altrui sono norma abituale nelle Case per ferie.

13 13/ COLLABORIAMO Associazione Don Salmi 5 settembre 2013 (giovedì) ore 19,00 Incontro mensile di preghiera nell'anno della Fede. 21 settembre (sabato) ore 9,30 Presso la Parrocchia di S.Maria in Strada, incontro allenatori e collaboratori della Polisportiva Antal Pallavicini, per la presentazione del programma dell'attività 2013/14. 1 ottobre (martedì) Festa di Santa Teresa di Gesù Bambino XX anniversario dell'inaugurazione del Villaggio della Speranza. Ore 19,00: S.Messa e Adorazione eucaristica. 4 ottobre (venerdì) Festa di San Petronio (vedere programma in prima pagina). 11 ottobre (venerdì) ore 9,00 "Con noi e dopo di noi" - Convegno organizzato dall'associazione "Amici per Cristina", in collaborazione: Fondazione Card. Giacomo Lercaro, Istituto Veritatis Splendor e Fondazione Gesù Divino Operaio; con l'adesione dell'associazione "Gli Amici di Luca" e dell'ospedale privato Santa Viola di Bologna. Patrocinio del Comune di Bologna e del Collegio IPASVI di Bologna. 19 e 20 ottobre (sabato e domenica) Pellegrinaggio diocesano a Roma. 7 novembre (giovedì) ore 19,00 Incontro mensile di preghiera. 10 novembre (domenica) Festa di San Martino (vedere programma in prima pagina). 5 dicembre (giovedì) ore 19,00 Incontro mensile di preghiera. 8 dicembre (domenica) Staffetta-camminata a S. Luca con la Polisportiva (partenza alle ore 9,00 da piazza della Pace. 14 dicembre (sabato) ore 9,30 Ritiro spirituale in preparazione al Natale. 21 dicembre (sabato) ore 19,00 prossimi appuntamenti S.Messa per la Polisportiva in preparazione al Natale. Seguirà cena tradizionale. 29 dicembre (domenica) Festa della Sacra Famiglia e di tutte le famiglie del Villaggio della Speranza. Gruppo di Soci che dal 12 al 14 aprile, all'eremo di Montecastello, sul Lago di Garda, hanno partecipato agli Esercizi spirituali programmati dall'associazione, predicati dal sacerdote argentino don Luis Alboniga, sul tema: "Fede, speranza e carità". Il dr. Antonio Rubbi nel Consiglio di Amministrazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna. Nei primi giorni di maggio ci è giunta la notizia che il dr. Antonio Rubbi, da sempre legato da vera amicizia e collaborazione con don Giulio e don Saverio e che dall Arcivescovo era stato più volte nominato componente del Consiglio di Amministrazione della nostra Fondazione Gesù Divino Operaio, è stato prescelto a far parte del prestigioso Consiglio di Amministrazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna. È una nomina che fa onore a tutti noi che abbiamo goduto della sua collaborazione e che premia la sua grande disponibilità e sensibilità a operare per il bene comune. Chiamato ora a un compito così alto e che si somma a tanti altri a servizio della Chiesa bolognese e della città di Bologna, siamo certi che continueremo a godere della sua amicizia. Da parte nostra, accanto alle rinnovate felicitazioni, assicuriamo la vicinanza della preghiera.

14 14/ COLLABORIAMO La polisportiva Antal Pallavicini si rinnova, forte del suo motto. Si rinnovi come quella dell aquila la tua giovinezza (Salmo 103). Si rinnovi colei che ha deposto il vecchio uomo e ha assunto il nuovo, che si rinnova per giungere alla conoscenza del suo Creatore. La tua giovinezza si rinnoverà in modo da non essere più soggetta a vecchiezza, né a corruzione, in modo da rimanere, al contrario, sempre giovane nella vita incorruttibile. (Eusebio di Cesarea) Non avrei mai immaginato che un giorno sarei diventata il Presidente della polisportiva; ancora oggi mi stupisce, ne sono orgogliosa e soprattutto onorata, ma non nego di sentire il peso di una grande responsabilità. La Pallavicini è nei miei geni e la adoro. La mia famiglia la frequenta fin dai tempi del mio nonno materno; alla Pallavicini si conobbero e si sposarono i miei genitori ed io iniziai a "viverla", penso di poterlo dire, fin da quando nacqui. Alla Palla ho trascorso anni importanti della mia vita e vi ho anche conosciuto il mio grande amore, Fabio. Il caso volle che "entrassimo" anche insieme nell Albo d Oro degli atleti, il 31 gennaio 1986, quando ancora non eravamo che semplici amici! Oggi sono un ex atleta giallorossa, una collaboratrice, mamma e moglie di due atleti agli antipodi della loro carriera sportiva. Questi sono i motivi per cui ho accettato l importante incarico che mi è stato affidato: la Pallavicini è come Roberta con mons. Allori. Il nuovo Consiglio della Polisportiva Antal Pallavicini. Da sinistra: Sauro Romei, Mariangela Cenacchi, Andrea Benuzzi, (mons. Antonio Allori), Roberta Finelli (Presidente), Ezio Rossi (Vicepresidente), Claudio Bortolini, Francesco Agusto. una seconda casa, una seconda famiglia e oggi mi chiede di farne parte con ancor maggiore dedizione. Dalla polisportiva ho ricevuto tantissimo e sento di dovermi impegnare affinché, ancora, tante altre famiglie possano formarsi, tanti bambini crescervi sereni, tanti giovani trovare la loro strada. Percorrerò, insieme ai miei collaboratori, un sentiero lungo e faticoso, ma sono certa che il Signore ci accompagnerà e la Divina Provvidenza, in cui credo tanto, ci "verrà incontro". Sono appassionata di montagna e fare fatica mi ha sempre dato gioia oltre che temprato lo spirito. Desidero ringraziare mio marito e mio figlio Angelo per il sostegno che mi stanno dando e, fin d ora, le persone che mi affiancheranno in questo cammino, amici che stimo e che, come me, vivono la Pallavicini e tutte le realtà "della Villa" con passione. Dal 1 luglio scorso esse formano il Consiglio Direttivo ricoprendo la carica di Consiglieri e sono: Ezio Rossi (Vicepresidente), Andrea Benuzzi, Sauro Romei, Mariangela Cenacchi, Claudio Bortolini, Francesco Agusto. Il Consulente ecclesiastico don Edoardo Magnani ci aiuterà nel compito formativo. Ringrazio di cuore anche Stefano Gamberini, presidente dell Associazione don Giulio Salmi, per avermi guidato in questa delicata fase, per avermi incoraggiato e per i suoi preziosi consigli; mons. Antonio Allori, presidente della Fondazione GDO, per la fiducia che mi ha dato e infine ringrazio per la sua fantastica collaborazione Matteo Zini, giovane Segretario della polisportiva che vive il suo lavoro come una missione, con entusiasmo, dedizione e grande professionalità. Un caro saluto a tutti gli amici delle Case per Ferie e delle varie realtà della Fondazione e sempre forza Palla! Roberta Finelli

15 15/ COLLABORIAMO Cura Pinarella Nelle prime due settimane di luglio, sono stata ospite dell'hotel "Santa Maria" di Pinarella di Cervia. A parte la bellezza e la salubrità del luogo, gli ambienti dell'hotel sono accoglienti, ariosi, sobriamente eleganti, eppure col tocco familiare per cui, quando si chiacchiera o si pranza, ti senti a casa tua con tutti quelli che sono lì, che tu li conosca o no (e alcuni li conosci da anni e te li godi come perle di amicizia ritrovata). Il clima è rilassato, tranquillo. Il personale è sempre sorridente e disponibile. Ma c'è una cosa, che per me è stata la più importante di tutte: soffro di gravi intolleranze alimentari (tipo celiachia, per intenderci) e questo quando viaggio limita notevolmente sia il tipo di cibi che posso consumare, sia la modalità della loro preparazione. E invece, al "Santa Maria", NO! All'atto della prenotazione il Direttore, Clément, ha solo preso atto della cosa, con estrema serenità, dicendo di non preoccuparmi. Infatti, sul mio tavolo non sono mai mancati pane, grissini, biscottini sfiziosi totalmente compatibili con i capricci del mio apparato digerente. E poi, sapevo di poter contare su due assi: le cuoche Pina e sua sorella Esterina, le Kessler dei fornelli, che si sono attivate non esagero in modo eccezionale. Non mi sono sentita "castigata" per la necessità del menu a parte (come talvolta altrove mi succede), ma i miei piatti rigorosamente cucinati a parte e privi di ogni traccia di glutine (come anche le salse, eventuali prodotti di scatola e/o conservati, gelati, ecc ) erano serviti a parte, solitamente prima degli altri, e spettacolari a vedersi. Belli, come le foto di un libro di cucina. E buoni fino alle lacrime. Inoltre, il buffet delle verdure presentava quotidianamente una quantità e qualità tale di prodotti, "permessi" anche a Il personale dell'hotel S.Maria di Pinarella di Cervia. me, che l'alimentazione risultava molto variata ed equilibrata. Anche l'offerta-colazione è stata ricca, vasta, allettante e con molte proposte valide per me. Insomma, mi sono sentita accolta, amata, coccolata, unica e nello stesso tempo integrata, ma anche esaudita con un sorriso quando la necessità di dover chiedere qualcosa di particolare o di diverso mi avrebbe potuto causare un po' di imbarazzo. Quindi, se mi parlano con entusiasmo di "Fattorie del benessere", non mi volto neanche in parte. Preferisco la "Cura Pinarella"! Vanna De Perini

16 16/ COLLABORIAMO Accogliere come bambini Da poche ore sono rientrata a Firenze, dopo una settimana vissuta a Dobbiaco. Due sono i sentimenti forti che mi accompagnano in questo ritorno e sono più che sensazioni. Non c'è niente di effimero in quello che provo, ne sono certa, niente di fugace, perché il sentimento si è fatto consapevolezza, e quindi ricchezza per la mia vita. Di fronte al "Paradiso" che sperimentiamo tra le montagne e i prati della Val Pusteria, ci sentiamo bambini; noi adulti riviviamo la bellezza di quando, da bambini, sapevamo accogliere con stupore e gratuità ogni dono e, con altrettanta gratuità ci lasciavamo semplicemente riempire dell'amore del babbo e della mamma. Ecco, è proprio un sentimento di pienezza che ci invade guardando quei colori, quelle vette, quei laghi ; una pienezza che nasce dal sentirsi parte di tutto ciò, perché tutta quella bellezza si origina da un Dio che, padre e madre insieme, ha voluto tutto disegnare per noi, suoi figli. E noi, che di parole siamo quotidianamente sommersi, non possiamo che restare in silenzio ad assaporare quella pienezza che ci è stata donata e possiamo, almeno per una volta, semplicemente accogliere ed essere grati, felici come bambini. Che senso di pace, che senso di libertà Nessuno ci chiede di meritarci tanta bellezza, anche perché questa è una prospettiva che ci vedrebbe irrimediabilmente perdenti. È solo un dono. Ecco allora la prima conquista che mi porto a casa dalla Val Pusteria: lì c'è un Paradiso che chiede solo di essere accolto, ma nella vita di ciascuno ci possono essere anche tanti altri "Paradisi", luoghi, persone nelle quali potersi riposare, verso le quali rivolgere il nostro sguardo di bambini, innamorati e grati. Prego allora il Signore che mi aiuti, che aiuti ciascuno dei tanti amici con cui ho condiviso questi giorni di montagna, a riscoprire lo sguardo dei bambini, di fronte a quegli angoli di Paradiso che la vita ci offre. ( ) La Casa di San Silvestro mi permette ogni volta di sperimentare una condivisione

17 17/ COLLABORIAMO speciale, quella che supera le barriere dell'età e ti fa sentire "a casa" con il bambino, con il tuo coetaneo, con l'anziano. Sentirsi "a casa" con tutti, anche con chi vive una dimensione diversa dalla tua. Questo è il vero miracolo della Casa di San Silvestro e lo sperimenti in ogni istante: nelle passeggiate vissute insieme, nei grandi che insegnano ai piccoli ad arrampicarsi, nei nonni che aiutano noi di mezza età a convivere con serenità (e anche un po' di lamentele) coi nostri primi acciacchi.miracolo che viviamo nella celebrazione della Messa, dove troviamo la fonte e il compimento di tanta condivisione, in quel Signore che si fa Parola e Pane per ciascuno di noi, perché anche noi possiamo essere parola e pane per gli altri, per il bambino, il coetaneo, l'anziano. E ancora una volta puoi solo accogliere con la semplicità di un bimbo l'amore che ti viene donato. Chiudendo gli occhi rivedo, ora che sono a Firenze, volti e storie di tanti amici, piccoli e grandi, che hanno con me respirato quel Paradiso, quell'amore. Voglio fare memoria, nel senso più pieno del termine, ed assaporo quel "gusto di Dio" che a Dobbiaco sperimento, perché mi guidi a guardare in modo più pieno e fraterno ogni persona che il Signore in questo inverno mi donerà, piccolo o grande che sia, perché in ciascuno c'è un pezzetto di Dio che voglio scoprire ed amare. Vacanze di ieri I ricordi sono più durevoli delle pietre. La Casa per ferie di Massignano non esiste più da parecchi anni, ma resta la memoria. Una signora, sorella di un amico sacerdote defunto, ci ha mandato questa bella paginetta che pubblichiamo volentieri. Si raggiungeva Massignano in agosto, finalmente insieme come famiglia, i ragazzi verso l'adolescenza. Immediato e piacevole l'inserimento nella vita di casa. Antica villa abitata da noi fino alla torretta, stanza aperta ai quattro venti, scale che allora facilmente superavamo. Il clima ci rigenerava: pineta, ulivi, profumi di campi e di orti e laggiù, nella luce di ogni mattino, l'immensa distesa del mare. Si andava alla spiaggia sassosa e poi a quella sabbiosa di Cupra Marittima. Amicizia con le famiglie, giochi senza fine fra i ragazzi: il cuore di tutti appagato. Verso il tramonto, nell'aria vibrante della sera, ci si raccoglieva attorno all'altare, all'aperto. Celebrava don Tommaso e attorno a lui i ragazzi. Chiesa viva, in piena armonia con il creato e profonda unità fra le persone: era il miracolo dell'eucaristia. La serata scivolava fino a tardi in tornei e i giovani rimanevano e si gareggiava insieme. Il cuore della casa: la cappella. E i discorsi si facevano profondi e la vita di ognuno condivisa. In Cielo ci sarà ancora Massignano e là attendono già i tanti volti conosciuti e amati. Era lui, don Tommaso, che ci proponeva ogni anno una nuova meta: santuario di Loreto e le Grotte di Frasassi, il parco nazionale degli Abruzzi, i monti Sibillini fino all'eremo, Cascia e le cascate delle Marmore. Era scoprire, era turismo, apertura dell'animo, conoscenza e stupore, era vita rigenerante. E continuiamo ancora a camminare insieme. Grazie. P.G.C. Elena Tamburini Biondi Firenze

18 18/ COLLABORIAMO Dedicata a don Saverio Caro don Saverio, sentiamo la tua mancanza a due anni quasi di distanza. Ci manca il tuo sorriso, il tuo calore, a San Silvestro manca un pezzo di cuore. Le montagne si son vestite di serio e chiedono il sole di don Saverio. Il Signore ti ha voluto lassù, perché ora devi servire a Gesù. E noi dell'onarmo, frastornati dal dolore ricordiamo la tua voce, nel presentarci la bellezza del Creatore. Sei stato una fiamma di Fede e d'amore, hai toccato i nostri cuori con Ardore. Ancora increduli e afflitti sul serio, ti diciamo grazie don Saverio. Che le montagne del cielo ti accolgano in Paradiso, perché l'hai guadagnato con la Bontà e con il tuo sorriso. Michele Fanelli Bari Foto "storica" dell'estate Un giovane don Saverio (al centro), con la signora Lidia Tartari Manetti, il figlio Giorgio e il marito Francesco, in gita al Grossglockner. Una testimonianza speciale Dal Sud Africa con amore. Per Dio, per gli altri, per la sua missione. La prima settimana d'agosto a San Vigilio di Marebbe è stata arricchita dalla preziosa testimonianza di Padre Giovanni Maneschg, missionario comboniano, da più di quarant'anni impegnato in missione a Johannesburg, in Sud Africa. Originario proprio di San Vigilio e tornato a casa per trascorrere un periodo di vacanza, Padre Giovanni è riuscito subito a regalare momenti toccanti. La luce dei suoi occhi e il fascino ardente delle sue parole hanno saputo trasmettere la Gioia di una vita spesa al servizio del prossimo, all'insegna della carità e dell'internazionalità, le differenze reciproche non sono motivo di divisione, ma di costruttiva integrazione. La strada giusta per evangelizzare un popolo che in passato ha dovuto affrontare la piaga dell'apartheid e che ora continua il suo percorso di crescita e consapevolezza sapendo di non essere solo. D.M. scoprendo che Padre Giovanni Maneschg, comboniano, con don Giulio Matteuzzi.

19 19/ COLLABORIAMO la forza di un sorriso Insieme, ancora una volta. Così diversi, ma così vicini. Giovani, adulti, famiglie, anziani, bambini. Insieme, ancora una volta, a San Vigilio di Marebbe. Ognuno con la sua storia, con le sue difficoltà, con i suoi desideri, con le sue necessità. Ognuno accolto, per quello che è. A cominciare dai giovani. Affiatati, uniti dall'esuberanza e dalla voglia di stare insieme, condividendo cose semplici. Uno sguardo, un abbraccio, un sorriso. Il passpartout per aprire le porte del cuore di ognuno. Senza distinzione di età. E allora ecco una donna in carrozzina illuminarsi per una semplice chiacchierata, un anziano rinvigorirsi dopo essersi sentito accettato, un bambino avvicinarsi alla Santa Messa attirato da una chitarra. Doni che la Provvidenza regala in abbondanza a chi è disponibile ad accoglierli. Basta poco. La voglia di mettersi in gioco in un torneo di briscola, il desiderio di condividere una partita di pallavolo, la leggerezza di una passeggiata nel bosco. Cose semplici, dirette. Come un sorriso sincero. Capace di mostrare l'amore di Dio. E di farci sentire felici. Perchè siamo qui, insieme, ancora una volta. Damiano Montanari Lettera di una collaboratrice A tutto il personale un grazie speciale. A Carlo e Marisa, che ogni volta (da ormai sette anni) mi permettono di vivere un mese di passione, lavoro e serenità in questa valle stupenda, in questa Casa in cui si respira gioia ogni giorno e che, nonostante il lavoro, mi rigenera. A Letizia, che per ogni pentola lavata ha un sorriso da regalarmi (e quando fa le cotolette me ne tiene una riuscita male per merenda ). A Maria, che quando prepara gli spiedini mi pensa sempre. te le risate quella sera alla Genziana. Ad Alex, con cui, mentre lavavamo i piatti facevamo "grandi" lezioni di italiano-rumeno, A tutte le mie ragazze, compagne di stanza, di piano e lavapiatti: grazie!!! A mamma Rodica, per le sveglie al mattino tutti i giorni. A Julia, che mi ha fatto da sorella maggiore; a Lucy, la mia spalla, con la quale ho ballato come una hawaiana e cantato, pur stonata come una campana. E grazie alla piccola Marghe, con la quale avrei voluto condividere più di due giorni di lavoro, ma che in poco tempo mi ha ricorda- Francy. Francesca Carlotto Segrate (MI)

20 20/ COLLABORIAMO Gesù Anni sono passati ed anni passeranno, quelli che in Te credono tutti si salveranno! Tu ci hai amato di un amore supremo, vogliamoci un po' di bene e a Te giungeremo. Tu sei la nostra Via, indicaci il cammino, ognuno di noi desidera starti sempre vicino. Accresci in noi la fede ogni giorno di più. Vogliamo gridare al mondo quanto è buono Gesù. Giorgia Orlandi Ricci Bologna Un regalo per il 20 compleanno del Villaggio: UN NUOVO PULLMINO Per il trasporto degli anziani del Centro Diurno e del Villaggio della Speranza abbiamo bisogno di un nuovo pullmino. Il vecchio ormai "perde i pezzi per strada" a causa dell'età e dei tanti chilometri percorsi: ci dicono che per lui non esiste "Centro Diurno" adatto... È proprio da rottamare, soprattutto per motivi di sicurezza! "Matitaccia", noto caricaturista bolognese, ci ha dato il suo contributo con questa vignetta. Dopo aver ricostruito il viale con i nuovi pioppi, ora stendiamo la mano a tutti voi per questo bel regalo da fare in occasione del 20 compleanno del Villaggio della Speranza. Sono certo che la vostra generosità è senza limiti. Grazie. Don Antonio N. 3 - III TRIMESTRE lug.-set 2013 / Anno LIV SPED. ABB. POSTALE ART. 2 COMMA 20/C - L.662/96 FIL. BO Direttore responsabile: Mons. Antonio Allori Direzione e Redazione: Bologna - Via M. E. Lepido, 196 Tel Fax Disegno di Matitaccia Aut. del Trib. di Bologna n. 2870, in data stampa litografia sab C/C post. n Fondazione Gesù Divino Operaio Villa Pallavicini - Via M.E. Lepido, Bologna Fondazione Gesù Divino Operaio: Fondaz. Pallavicini Famiglia e Lavoro: Sito Internet: La informiamo che i suoi dati personali in nostro possesso sono trattati, anche con l ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati, nel rispetto della normativa vigente, all interno della nostra Organizzazione ed al fine di inviarle il nostro periodico, informazioni relative alla nostra attività, ringraziamenti per eventuali offerte o donazioni. Potrà esercitare i diritti di cui all art.7 del D.Lgs. 196/03, rivolgendosi alla nostra Sede di Bologna, ivi compresa l espressa richiesta di non ricevere ulteriori invii.

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

www.parrocchiamadonnaloreto.it

www.parrocchiamadonnaloreto.it www.parrocchiamadonnaloreto.it Prima di Natale, ci sono quattro settimane che sono molto speciali settimane che prendono il nome di Avvento, perche caratterizzate dall Attesa. Qualcuno potrebbe dire: attesa

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Roma: Anno Giubilare Itinerario della Misericordia

Roma: Anno Giubilare Itinerario della Misericordia Roma: Anno Giubilare Itinerario della Misericordia Abbiamo sempre bisogno di contemplare il mistero della misericordia. È fonte di gioia, di serenità e di pace. È condizione della nostra salvezza. Misericordia:

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O.

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O. 2015/2016 Settembre 2015 Mar 1 10ª Giornata per la custodia del creato (sola sensibilizzazione) Incontro di preghiera a Porto Cesareo Mer 2 Gio 3 Ven 4 Pellegrinaggio diocesano al Santuario Madonna de

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215

DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215 DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215 Anche quest anno ormai sta volgendo al termine. Con tanta gioia nel cuore posso

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

Arcidiocesi di Genova. PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' UFFICIO CATECHISTICO a.p. 2015/2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

Arcidiocesi di Genova. PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' UFFICIO CATECHISTICO a.p. 2015/2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA Preghiera di Papa Francesco Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e ci hai detto che chi vede te vede Lui. Mostraci il tuo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani Segni e simboli nei sacramenti "In quanto essere corporale e spirituale insieme, l'uomo esprime e percepisce le realtà spirituali attraverso segni e simboli materiali" (CCC, n. 1146). Gesù, con i segni

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi Card. Stanisław Ryłko Presidente Pontificio Consiglio per i Laici Città del Vaticano GIOVANNI PAOLO II: AMICO DEI GIOVANI Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi 1.

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

Celebrare la festa in famiglia: riti e gesti nell esperienza famigliare

Celebrare la festa in famiglia: riti e gesti nell esperienza famigliare Statement-Incontro Mondiale delle Famiglie 1/5 Elisabeth & Bernhard Neiser / Nr. 20 Celebrare la festa in famiglia: riti e gesti nell esperienza famigliare 1. Riflessioni introduttive: Domenica e giorno

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

PROPOSTA 1: IL GEMELLAGGIO CON LA DIOCESI DI BARCELLONA e GMG a MADRID Dal 12 al 22 agosto

PROPOSTA 1: IL GEMELLAGGIO CON LA DIOCESI DI BARCELLONA e GMG a MADRID Dal 12 al 22 agosto PROPOSTA 1: IL GEMELLAGGIO CON LA DIOCESI DI BARCELLONA e GMG a MADRID Dal 12 al 22 agosto IL PROGRAMMA A BARCELLONA Venerdì 12 agosto 2011 Partenza h. 4.00 circa dalle parrocchie Arrivo a Barcellona:

Dettagli

... uscendo per le strade!

... uscendo per le strade! And a r e...... uscendo per le strade! percorsi giovani _ 2015/2016 Azione Cattolica diocesi di Bergamo Carissimo/a giovane, n e l l An n o Sa n t o della Misericordia, t i p r o p o n ia m o a l c u n

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

PARROCCHIE O.F.M. PIEMONTE

PARROCCHIE O.F.M. PIEMONTE PARROCCHIE O.F.M. PIEMONTE PARROCCHIA SAN BERNARDINO DA SIENA TORINO 1907: anno di fondazione della Parrocchia 20.000: abitanti della Parrocchia 5 frati operanti in Parrocchia 1 diacono permanente diocesano

Dettagli

SAN TOMMASO DEI BATIUTI

SAN TOMMASO DEI BATIUTI rr;;;:.-~ J/(::il. 10 ~m. "'~"'. TO O H "NT U. CAPPELLANIA OSPEDALE SAN TOMMASO DEI BATIUTI PORTOGRUARO 19 Settelnbre Benedizione Cappella 2014 San Giovanni Paolo II BENEDIZIONE DELL'ACQUA E ASPERSIONE

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione

Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione Edizioni Trappiste LA PRIMA CONFESSIONE SERIE PR in due versioni Immagine semplice con interno bianco: dimensioni

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Il percorso dell educatore

Il percorso dell educatore Il percorso dell educatore 1. IL RUOLO DELL EDUCATORE Il servizio educativo è innanzitutto una vocazione, una chiamata da parte del Signore alla quale ognuno di noi ha scelto di rispondere sì; un si libero,

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

56 Anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa

56 Anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa 56 Anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa La Chiesa e le Lacrime di Maria Domenica 23 Agosto 2009 Giornata della carità: Adottiamo un bambino. Ore 17.45 Ore 18.30 Santo Rosario Vespri Santa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Oleggio, 09/11/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 09/11/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 09/11/2014 DEDICAZIONE DELLA BASILICA LATERANENSE XXXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - ANNO A Letture: Ezechiele 47, 1-2. 8-9.12 Salmo 46 (45) 1 Corinzi 3, 9-11.16-17 Vangelo: Giovanni 2, 13-22

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Vicariato di Verona centro Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Parrocchia della Cattedrale Ogni incontro vorrà essere sempre un esperienza di ecclesialità e tenendo presente i seguenti

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

PARROCCHIA di SARSINA

PARROCCHIA di SARSINA La Pasqua nella vita familiare La vita di ogni coppia è una chiamata, una vocazione. Le coppie, le famiglie, devono essere nel loro modo di vivere un sacramento, cioè un segno visibile dell amore di Dio.

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

IL FOGLIETTO. 7 volte GRAZIE!

IL FOGLIETTO. 7 volte GRAZIE! P A R R O C C H I A S. M A R I A A S S U N T A B A S S A 0 5 7 1 / 5 5 8 8 7 5 W W W. P A R R O C C H I A D I B A S S A. I T IL FOGLIETTO A N N O 3 N 5 M A G G I O / G I U G N O 2 0 1 4 7 volte GRAZIE!

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

In cammino con Cristo

In cammino con Cristo Bollettino della Parrocchia di SAN MARTINO Vs. Borgio-Verezzi (SV) (www.parrocchiasanmartinoborgioverezzi.org) In cammino con Cristo DICEMBRE-GENNAIO GIUBILEO STRAORDINARIO GIUBILEO STRAORDINARIO DELLA

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

CAMMINARE INSIEME Padrini collaboratori dei genitori

CAMMINARE INSIEME Padrini collaboratori dei genitori Sesta catechesi post-battesimale dei padrini Obiettivi CAMMINARE INSIEME Padrini collaboratori dei genitori Chi accoglie questo bambino nel mio nome, dice Gesù, accoglie me (Luca 9,48) L incontro -possibilmente

Dettagli