L ALTARE DELL ULTIMO SACRIFICIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ALTARE DELL ULTIMO SACRIFICIO"

Transcript

1 L ALTARE DELL ULTIMO SACRIFICIO

2

3 PAOLO RODARI L ALTARE DELL ULTIMO SACRIFICIO

4 Questo romanzo è un opera di fantasia. Personaggi e situazioni sono invenzioni dell autore e hanno lo scopo di conferire veridicità alla narrazione. Qualsiasi analogia con fatti, eventi, luoghi e persone, vive o scomparse, è puramente casuale. Realizzazione editoriale: Conedit Libri Srl - Cormano (MI) ISBN I Edizione 2013 Paolo Rodari EDIZIONI PIEMME Spa, Milano Anno Edizione

5 «L empio fugge anche se nessuno lo insegue, mentre il giusto è sicuro come un giovane leone.» Proverbi 28,1

6

7 1 È notte inoltrata quando Cindy Person si sveglia sdraiata a pancia in su. È adagiata sopra qualcosa di morbido. Non riesce a capire dove si trovi. Intorno c è soltanto buio. Prova ad alzarsi, ma il corpo non reagisce ai comandi. A poco a poco gli occhi si abituano all oscurità e riescono a scorgere qualcosa. Alle sue spalle c è un grande altare addossato a una parete. Reclinando non senza fatica la testa all indietro riesce a scorgervi sopra un immagine che non le è sconosciuta. È l icona della Madonna Salus Populi Romani. Conosce Roma. E anche le sue basiliche. E sa che quell icona si trova soltanto in un posto: nella cappella Borghese situata nella navata di sinistra della basilica di Santa Maria Maggiore. Venne fatta costruire da papa Paolo V Borghese nel 1611 proprio per custodire l icona della Madonna che la tradizione vuole sia stata dipinta direttamente dall evangelista Luca. Un icona che i romani portano in processione quando qualche calamità si abbatte sulla loro città. Anche la postura della Madonna, quel suo atteggiamento maestoso e regale, non le è sconosciuto. E così suo figlio, Gesù, che in braccio a sua madre benedice 7

8 con la mano destra mentre con la sinistra sorregge il libro della Nuova Alleanza. Ha visitato tante volte la cappella, tanto che riesce a riconoscere il grande tappeto ai piedi dell altare che delimita il campo d azione del prete quando deve dire messa. È il tappeto quella cosa morbida sulla quale è sdraiata. Ciò che le sfugge è perché diavolo si trovi lì e perché non riesca a muoversi. Ha quindici anni e un fisico allenato da tanto sport. Ma ora il suo corpo sembra quello di una vecchia rattrappita. Sente il sangue pulsare nelle tempie. Un battito fastidioso che improvvisamente accelera quando guarda davanti a sé. Non riesce a vedere le panche sulle quali i fedeli la mattina presto ascoltano messa. E nemmeno la grande cancellata che separa la cappella dalla navata laterale della basilica. Innanzi a sé scorge soltanto una sagoma scura. Un uomo, o almeno così le sembra, è fermo, immobile. Indossa una lunga talare nera. Un cappuccio gli scende fin sulla fronte a celare il volto nell oscurità. «Chi sei?» La voce di Cindy è debole, roca. Lei stessa se ne stupisce. Vorrebbe scappare ma non riesce. La sagoma fa un passo in avanti. Le si avvicina. È in quel momento che lei si guarda e scopre di essere completamente nuda. L uomo si inginocchia ai suoi piedi. Tira fuori un lungo abito bianco come quello che le postulanti dei monasteri indossano prima di fare la professione solenne, negli anni che precedono lo sposalizio definitivo con Dio. Guida le braccia e le gambe senza forze di Cindy e l aiuta a indossare l abito. 8

9 Poi si adagia sopra di lei e inizia ad accarezzarle i lunghi capelli rossi, segno indelebile delle sue origini irlandesi. Lei chiude con forza i grandi occhi verdi, ma lacrime di paura riescono comunque a bagnarle le guance. E poi, senza che lei riesca a opporre alcuna resistenza, l uomo si apre la cerniera dei pantaloni e la penetra con violenza. Cindy sente il sangue uscire a fiotti. Un dolore lancinante la invade. I colpi dell uomo sono continui e violenti. A ogni affondo il dolore aumenta e si fa più acuto, intenso. Non può muoversi, non può reagire. La sua carne percepisce tutto, ogni minimo movimento dell uomo sopra di lei, ma non prova piacere, nessun piacere, soltanto disgusto. È un sentimento che presto diviene odio; quell uomo sta scolpendo dentro le sue viscere un marchio indelebile, uno sfregio dal quale, lo sente, non sarà più in grado di liberarsi. Cerca di allontanare la testa dall alito pesante dell uomo che continua ad ansimare sopra di lei ma non vi riesce. Istintivamente apre gli occhi e guarda dietro di sé. La Madonna e Gesù sono ancora lì. Ma sono immobili. E non la possono aiutare. Delle spinte più frequenti e poi l uomo finalmente si ferma ansimando come un cane a fine corsa. È finita. L uomo si alza e Cindy prova a respirare. Ora i suoi capelli non sono più rossi ma neri. È l effetto del sudore. È completamente bagnata per la tensione accumulata. Una tensione la cui unica valvola di sfogo sono state quelle gocce di liquido ipotonico uscite incontrollate dai pori e dai follicoli della pelle. Adesso vattene, adesso vattene. 9

10 La supplica rimane chiusa nella sua mente perché ora Cindy non riesce più nemmeno a parlare. Vattene, vattene implora muta. Ma l uomo non se ne va. Rimane in piedi e, inaspettatamente, solleva il cappuccio che gli copre il volto. Vuole farsi guardare in faccia. «Mia cara Cindy Person, non ti ricordi di me?» La voce sembra venire da un mondo lontano e sconosciuto. Ma lei la riconosce, come riconosce l uomo che le sta innanzi. E il terrore la invade come prima. Anzi, molto più di prima. Vorrebbe gridare aiuto. E, invece, ancora una volta, nessun suono esce dalla sua bocca. L uomo le mostra un lungo stiletto d argento. Ne appoggia la punta acuminata e sottile sulla fronte. Poi sorride. Adesso se ne andrà. Vuole solo spaventarmi. Adesso se ne andrà. Vuole solo spaventarmi. Ma lui rimane lì, non se ne va. La lama penetra con facilità nella fronte di Cindy che, per qualche istante, riesce a mantenersi cosciente. Appena lo stiletto le buca la pelle e poi l osso frontale, una scarica di adrenalina la pervade concedendole un ultimo lampo di lucidità. È in quell istante che capisce che è tutto finito. E un sentimento di pietà per chi la sta uccidendo prende il posto dell odio. I suoi grandi occhi verdi cambiano espressione, tanto che per un attimo l uomo smette di fare forza sullo stiletto. Sembra confuso. Ma tutto non dura che il tempo d un battito di ciglia. Un rivolo di sangue le bagna la fronte e poi il collo. L uomo spinge fino in fondo la punta del suo strumento di morte. Nella tasca della giacca ha un altro stiletto. 10

11 Lo tira fuori e perfora la testa della sua vittima una seconda volta, spingendo la lama per cinque centimetri dentro la massa cerebrale. Qualche minuto dopo la circonferenza cranica della ragazza è contornata da dodici stiletti che, conficcati nel capo, formano una sinistra corona. Cindy muore. L uomo la guarda. Si rimette il cappuccio e lascia la cappella. Il sangue esce copioso dalla testa di Cindy per qualche minuto. Impregna il tappeto. Quindi si secca. Diverse ore dopo, qualcuno apre il grande cancello in fondo alla cappella. È mattina presto. Padre John Harris è seduto alla scrivania del suo studio adiacente all appartamento del papa. Al terzo piano del palazzo apostolico il quarantacinquenne prete statunitense lavora in appena dieci metri quadrati. Poco oltre il suo studio c è la segreteria di stato, il ministero dove opera il meglio della diplomazia vaticana. È giovedì grasso e la chiesa cattolica si sta preparando alle celebrazioni che aprono la quaresima. Fuori, la città festeggia il carnevale. Harris è assorto nei suoi pensieri. Da cinque anni lavora in Vaticano. All inizio il suo incarico era stato tenuto segreto. Poi non era stato più possibile. I giornali avevano iniziato a scrivere qualsiasi cosa intorno a quel sacerdote americano al quale era stato concesso inspiegabilmente un ufficio a pochi metri dalle stanze del papa. E così la sala stampa vaticana si era vista costretta a chiarire. Era stato il portavoce della Santa Sede, padre Ernest Gerard, a dire ai giornalisti che padre Harris era stato chiamato a supervisionare il lavoro degli addetti alla si- 11

12 curezza, gendarmeria e guardie svizzere insieme, perché dopo una serie di attentati dei fondamentalisti islamici contro i principali paesi occidentali, il Vaticano aveva ritenuto necessario affidare tutta la propria sicurezza a un solo uomo. Il giorno successivo le parole di padre Gerard, i migliori tra i giornalisti italiani e stranieri incaricati di seguire le vicende vaticane erano usciti sui propri giornali con un profilo dettagliato di padre Harris, in cui una notizia spiccava sulle altre: il prete americano, prima di prestare il proprio servizio alle dipendenze del Vaticano, «era un agente segreto in forza alla cia». I giornali avevano ricordato la carriera dell agente Harris, che quindici anni prima era stato incaricato dalla Central Intelligence Agency di redigere una mappa completa di tutti i casi di pedofilia nel clero verificatisi all interno delle diocesi americane. Una mappa simile non era mai esistita, da nessuna parte. Era stato il Vaticano a chiedere a Washington un aiuto. Non tutti i vescovi delle varie diocesi del paese, infatti, fornivano informazioni corrette al governo centrale della Chiesa sui preti pedofili. Molti tendevano a minimizzare il problema. Altri addirittura insabbiavano volutamente i casi per paura di sfigurare agli occhi non soltanto della Santa Sede, ma anche dell opinione pubblica. Per il Vaticano questa situazione era diventata anno dopo anno sempre più ingestibile. Gli scandali, che nonostante il goffo tentativo dei vescovi di coprirli erano divenuti di dominio pubblico, stavano rischiando di infangare direttamente il nome del papa e la cosa andava risolta con un intervento esterno. Harris aveva impiegato parecchi mesi per tessere i rapporti con le fonti giuste dentro le varie diocesi ame- 12

13 ricane. E alla fine aveva offerto ai suoi capi un report dettagliato che il governo americano aveva girato al Vaticano. Harris era venuto in contatto anche con diversi cardinali e vescovi residenti a Roma. Ma ciò che nessuno, soprattutto nella cia, si sarebbe mai aspettato, era che questi contatti avrebbero lasciato un segno profondo nell animo dell agente. In poche settimane Harris, invece di prendere le distanze da una Chiesa che accoglieva in seno una tale infamia, era tornato ad avvicinarsi a quella fede che aveva abbandonato appena superata l età adolescenziale. Il ritorno al cattolicesimo lo aveva poi portato a una conversione totale della propria esistenza tanto che, qualche tempo dopo, aveva addirittura chiesto di entrare in seminario. Il giorno in cui era stato ordinato sacerdote a Roma aveva ricevuto una telefonata direttamente da papa Michele, che lo aveva benedetto e gli aveva chiesto se, prima di tornare negli Stati Uniti per celebrare la prima messa nella sua città natale, avesse potuto passare da lui. Nel suo appartamento il pontefice, senza tanti convenevoli, gli aveva chiesto di prendere da subito in mano le redini della sicurezza vaticana. «Ma, Santo Padre, io sono appena diventato ministro di Dio...» «Capisco, caro padre John, ma non vedo una contraddizione in questo... Mi fido di lei. Tutti qui si fidano di lei, eminenze e clero. Ha lavorato tanti anni nell intelligence degli Stati Uniti, so che farà bene. La Chiesa ha bisogno del suo talento e delle sue competenze. A volte i sentieri di Dio sono difficili da capire, mi rendo conto. Lei pensava di tornare nel suo paese e di occuparsi delle anime di Dio. Ma anche qui, in fondo, farà la medesima cosa. Proteggerà il papa, il Vaticano... un 13

14 incarico non meno nobile, ne conviene? Sono io, Michele, il papa, a chiederle di accettare.» E Harris aveva accettato. Nel suo ufficio al terzo piano del palazzo apostolico, seduto alla scrivania guarda il ritratto del presidente americano Harry Truman appeso alla parete di fronte. È stato lui, nel 1947, a creare la cia, rivoluzionando l Office of Strategic Services nato per la Seconda guerra mondiale. Harris si sofferma spesso a guardarlo, soprattutto la mattina, prima che la giornata piena di impegni lo privi di qualunque momento di relax. Ama reclinare indietro la poltrona, incrociare le gambe sulla scrivania e, come faceva quando lavorava a Langley, in Virginia, osserva il ritratto del capo di stato americano sorseggiando una grande tazza di caffè lungo zuccherato e macchiato. Il telefono suona pochi istanti dopo che si è seduto. Riceve due linee, una che proviene direttamente dall appartamento del papa, l altra dal centralino del Vaticano. È la seconda a suonare. Per un attimo pensa di non rispondere, ma poi solleva la cornetta. «Padre Harris, la cerca l arciprete della basilica di Santa Maria Maggiore, monsignor Simone Boschi. Posso passarglielo?» «Certo, grazie.» La voce del monsignore è trafelata, il respiro affannoso. Harris intuisce che qualcosa non va. «Padre è meglio che venga subito qui. Manca ancora un ora all apertura della basilica. Se si affretta riesce ad arrivare per tempo.» «Cos è successo?» «È terribile, è terribile...» «Si calmi, monsignore, e mi dica cos è successo.» 14

15 «Nella cappella Borghese, c è una ragazza morta. Ha delle specie di chiodi conficcati nella testa. C è tanto sangue...» «Si calmi. Tenga chiusa la basilica e non faccia entrare nessuno nella cappella. Arrivo immediatamente. Ah, una cosa...» «Mi dica, padre.» «Copra la ragazza. Nessuno deve vederla.» Harris arriva nella basilica di Santa Maria Maggiore alle sei e trenta, mezz ora prima dell orario di apertura. Con lui ci sono Andrea Carrera, capo della gendarmeria vaticana, e Robert Keller, comandante delle guardie svizzere. Ordina ai due di ispezionare la basilica, pregando l arciprete Boschi di accompagnarli. «Alla ragazza» dice «ci penso io. Da solo.» Trova il cancello della cappella Borghese aperto. Prima di entrare si ferma per qualche istante. Pochi metri davanti a sé, appena sotto l altare, c è il corpo di Cindy. L odore del sangue è nauseabondo. Intorno al cadavere nulla sembra fuori posto. Le panche sono ben allineate, una dopo l altra a guardare nella medesima direzione. La ragazza è sdraiata a terra, supina, con la testa rivolta verso l altare. I piedi spuntano appena sotto la coperta adagiatale addosso da monsignor Boschi, ma s intuisce che le gambe sono divaricate. Harris non vuole avvicinarsi subito. Ha imparato nella cia che, quando si vuole trovare qualcosa di utile in un luogo dove si è consumato un delitto, occorre anzitutto osservare la scena da lontano. E cercare di lasciarsi colpire dall insieme che emerge al primo sguardo. Non sono i particolari ad aiutare, è il tutto a parlare. 15

16 Ma vista così la cappella non gli suggerisce nulla. Se non un grande ordine nel quale una cosa sola stona: il cadavere della ragazza. Fa un passo in avanti. Le si avvicina. Senza indugiare troppo solleva la coperta. «Mio Dio. Povera sorella...» dice a voce alta. Non è la prima volta che Harris si trova davanti a un cadavere brutalmente sfigurato. Ma l orrore del corpo di Cindy supera ogni sua previsione. Lo osserva bene, questo corpo. Si tratta di una ragazza giovane, vestita da suora, anche se a ben vedere è forse troppo giovane per esserlo davvero. Il viso è coperto di sangue. Gli stiletti le sono stati conficcati lungo tutta la circonferenza cranica. Harris fa un passo indietro. Vorrebbe scappare. Ma poi pensa: Coraggio. Eri un agente della cia, mica un piscialetto!. Così torna a osservare il cadavere ragionando a voce alta. «Quando si vuole trovare qualcosa di utile nel luogo del delitto occorre osservare da lontano. Cosa vedi da lontano, Harris? Cosa vedi? Vedo un corpo in mezzo a una grande cappella. Esattamente nel mezzo. Anzi, perfettamente nel mezzo. È soltanto una coincidenza?» Harris sa bene che dove si è consumato un omicidio le coincidenze non esistono. Ogni cosa si trova al proprio posto per un motivo preciso. Tutto sta nel comprendere quale sia questo motivo. «Chiunque sia stato ad ammazzare questa povera ragazza ha deciso di servirsi del suo cadavere per comunicare qualcosa. Già, ma cosa? La testa di Cindy punta verso l altare. Forse l assassino vuole che si guardi lì?» 16

17 Tutto è come dovrebbe essere. Le candele sono accese. Anche l icona della Madonna è in ordine, pronta per essere venerata dai fedeli. «Ho guardato anch io l altare, ma non c è niente fuori posto.» La voce di monsignor Boschi rompe il silenzio all improvviso, facendo sobbalzare Harris. «Mi scusi, padre, non volevo spaventarla. Anche a me è venuto spontaneo guardare verso l altare. Comunque non vi ho trovato nulla.» «Monsignore, le chiedo di perdonarmi se mi permetto, ma prima di ispezionare la cappella avrebbe dovuto chiamarmi. È stato poco prudente da parte sua...» «Ma padre, io sono l arciprete!» dice Boschi interrompendolo. «Sono il responsabile della basilica. Gli uscieri mi hanno chiamato appena hanno trovato il corpo della ragazza. Erano sconvolti. Mi è sembrato doveroso avvicinarmi.» «Gli uscieri sono entrati anche qui dentro?» chiede Harris sorvolando sulle parole dell arciprete. «Che io sappia no. Mi hanno detto che appena hanno aperto il cancello della cappella e hanno visto il corpo sono scappati impauriti.» «Va bene, lasciamo stare. Piuttosto mi dica, monsignore, davvero le sembra tutto a posto?» «Mi pare di sì.» Harris è attratto dall icona della Madonna. Si avvicina e la osserva con attenzione. È protetta da un vetro molto spesso. Si trova qualche metro al di sopra del piano dell altare. Di colpo Harris si gira verso Boschi. «Monsignore, il vetro che copre l icona è stato aperto da poco.» «Come?» 17

18 «Guardi qui. Ai quattro angoli mancano le viti di sostegno.» «In effetti è strano, ci sono sempre state.» Harris si avvicina all icona. «Qualcuno ha tolto il vetro e poi l ha rimesso al suo posto. Ora è semplicemente appoggiato. E si è portato via le viti.» «Che senso ha tutto questo?» «Forse chi ha ucciso la ragazza vuole che apriamo questo vetro. Presto, faccia portare una scala.» È Harris ad arrampicarsi e a smontare, senza particolari difficoltà, il vetro di protezione. Lo appoggia per terra e poi si avvicina all icona. Non gli è difficile notare incisa in alto a destra una frase che lo lascia interdetto. La prima parte della tua volontà oggi ho fatto, perché sei tu il mio Dio. Legge le parole ad alta voce. Nella cappella sono arrivati anche Carrera e Keller. Tutti guardano verso di lui con aria interrogativa. «Purtroppo, signori, non ne so più di voi. Ignoro il significato di queste parole. Monsignore, quanto manca all apertura della basilica?» «Dieci minuti.» «Presto, portiamo fuori il corpo della ragazza. Lei, monsignore, dica agli uscieri di chiudere la cappella. Faccia stendere un telo sul cancello in modo che nessuno possa guardare dentro. E faccia scrivere fuori: Lavori di manutenzione in corso. Lasci un usciere a sorvegliare che nessuno curiosi. Manderò qualcuno di fidato a ripulire bene ogni cosa. Ricordi agli uscieri che, come dipendenti della Santa Sede, hanno l obbligo di mantenere il segreto su quanto hanno visto. Pena il li- 18

19 cenziamento immediato. Mi sono spiegato? La ragazza la porto via io. Nessuno deve sapere nulla di quanto avvenuto.» «Ma padre... non è possibile... dobbiamo chiamare le autorità italiane.» «Monsignore, come lei sa bene il Santo Padre mi ha affidato la sicurezza di tutto il territorio vaticano, oltre che della sua persona e di coloro che vi lavorano dentro. Così ho deciso. È nei miei poteri e so che lei non obietterà. Quanto alle autorità italiane, le informerò certamente, ma a tempo debito. Adesso forza, sono quasi le sette. Carrera, Keller, chiamate in Vaticano. E fate venire immediatamente qui l extra ecclesiam. Ma non spiegate perché ne avete bisogno. Lo voglio qui entro quindici minuti.» Lupo Pagani ha trentacinque anni ed è giornalista da quattro. Ha scritto sempre solo e soltanto di vicende vaticane. Come e perché abbia deciso, a trentuno anni, di dedicarsi al vaticanismo resta un mistero. Come un mistero rimane cosa abbia fatto prima di allora. Si sveglia tutte le mattine prestissimo. Non ama dormire. La notte lo agita. Si tranquillizza soltanto quando il sole torna a sorgere con la sua potente carica di luce. I 155 cavalli della sua Ducati Streetfighter mangiano l asfalto della capitale. Sta puntando verso il centro. È abituato a sedersi con la mazzetta di giornali freschi di stampa alla caffetteria di piazza di Pietra, prima che venga presa d assalto. E lì decidere quale pezzo proporre, poco dopo, al suo direttore. È un rito, quello della lettura dei quotidiani al bar nelle prime ore del giorno, che gli hanno insegnato in famiglia quando era piccolo e che nulla ha a che vedere col fatto che è diventato giornalista. 19

20 «Un uomo la mattina presto legge i giornali» gli diceva sempre suo padre. «Se non lo fa, non è un uomo ma un ignorante.» Alla fine di via Merulana la Streetfighter piega bruscamente a destra e poi a sinistra, seguendo le due curve a novanta della strada che costeggia il sagrato della basilica di Santa Maria Maggiore. Quindi si raddrizza, pronta, dopo una leggera curva a sinistra, a lanciarsi a tutto gas nel breve rettilineo in discesa che arriva a incrociare via Cavour. Quando passa a fianco della porta della sagrestia della basilica, Lupo nota con la coda dell occhio qualcuno che gli pare di conoscere. Prosegue oltre. Cerca di focalizzare il volto che ha attirato la sua attenzione. Quando vi riesce non fa altro che girare intorno alla basilica e tornare più in fretta che può all ingresso della sagrestia. Cosa diavolo ci fa lo sceriffo qui a quest ora? si domanda. Lo sceriffo, così i vaticanisti usano chiamare l ex agente della cia, è padre Harris. Lupo si ferma poco distante. Osserva Harris. È solo. Ma a un certo punto il cancello a fianco alla sagrestia si apre. Esce un pulmino nero. Riconosce alla guida Carrera. Al suo fianco, nel posto del passeggero, c è Keller. Harris fa cenno a Carrera di avanzare lentamente. Si guarda intorno e poi, aperto il vano posteriore, sparisce dentro il furgoncino che, con evidente fretta, lascia la basilica. Lupo apre il gas della Ducati. Protetto dal casco integrale che lo rende irriconoscibile si mette a seguire i tre uomini, mantenendosi a debita distanza. Al semaforo di via Cavour, riesce a leggere la targa del furgoncino. 20

21 Una sigla che conosce bene: scv, ovvero Stato della Città del Vaticano. Ciò che non sa è che il furgoncino è un mezzo in dotazione esclusiva degli uomini della sicurezza vaticana. Secondo un accordo stipulato con le autorità italiane, può circolare in tutta Roma senza limitazioni. Può entrare nel centro storico, transitare all interno delle corsie riservate ai mezzi pubblici. Perfino parcheggiare dove è vietato. Gli uomini della sicurezza lo chiamano extra ecclesiam perché serve loro principalmente per i servizi più delicati da svolgere fuori le mura leonine. Lupo ignora tutto questo. Ma sa benissimo che Harris, Carrera e Keller che escono alle sette e quindici del mattino dal retro della basilica di Santa Maria Maggiore nascondono qualcosa che potrebbe anche suonare come una notizia, se non, chissà, addirittura uno scoop. È questo il suo principale interesse da mattina a sera: trovare uno scoop degno di questo nome. Scoprire prima degli altri una grande notizia da scrivere, da sbattere in prima pagina con tanto di titolo a effetto. Via Cavour è ancora deserta. Il furgoncino non ha modificato la sua lenta andatura. Supera i fori romani e piazza Venezia. Imbocca corso Vittorio Emanuele per poi puntare, almeno così sembra, verso il Vaticano. Ma all altezza di Ponte Vittorio gira a destra e percorre il Lungo Tevere. All altezza di Ponte Umberto I attraversa il Tevere girando poi di nuovo a sinistra in direzione di Castel Sant Angelo. Qui rallenta, entra in piazza Adriana e si ferma davanti a un cancello laterale del castello. Lupo si mantiene a distanza. Un gendarme vaticano è sul posto. Sembra aspettare il furgoncino. Saluta Carrera e Keller e apre il cancello. Lupo fa in tempo a vedere che l extra ecclesiam, invece di parcheggiare, 21

22 affronta una discesa che entra direttamente nei sotterranei del castello. È indeciso. Il motore della Ducati ruggisce pronto a esplodere. Ma Lupo lo fa tacere. Infila le chiavi della moto in tasca. Si toglie il casco che assicura alla sella e si allontana. Inizialmente cammina lentamente, come pensieroso. Poi aumenta il passo fino a correre. Corre oltre piazza Adriana, verso ponte Sant Angelo. Corre con disinvoltura, allenato dalle massacranti sedute di jogging alle quali con masochismo si sottopone soprattutto di sera. Corre finché non incrocia alla sua sinistra il ponte. Alla sua destra, invece, c è la porta principale del castello, alta e maestosa. La osserva per qualche istante in silenzio. I battenti chiusi a doppia mandata sembrano ricambiare il suo sguardo. Mi state respingendo o al contrario invitando a entrare? Per il carnevale il Comune di Roma ha deciso un apertura straordinaria dei suoi musei e dei suoi principali monumenti, tra questi Castel Sant Angelo. Accolgono i turisti dalle sette e trenta del mattino fino alle ventidue della sera, senza interruzioni. Lupo arriva alla porta del castello giusto alle sette e trenta quando, in coda alla biglietteria, ci sono soltanto dieci persone. Quando è il suo turno, tira fuori il tesserino da giornalista che gli permette di entrare senza pagare. Appena varcata la soglia due occhi lo scrutano. Qualcuno lo sta fissando da pochi metri di distanza. Un brivido gli sale lungo la schiena quando si volta. Gli occhi del busto marmoreo del xv secolo raffigurante Cristo Salvatore lo stanno osservando con aria inespressiva. Da secoli, questi occhi osservano tutti coloro 22

23 che accedono al castello. Lupo tira un sospiro di sollievo. Ma al posto di procedere oltre, si ferma. Il busto, infatti, sembra volerlo interrogare. E adesso cosa pensi di fare, giornalista? Lupo osserva la scultura e a quel punto si rende conto di non avere un piano. Pochi istanti prima ha corso come un pazzo fino all ingresso, ma un conto è entrare, un altro scendere nei sotterranei e scoprire cosa diavolo siano andati a fare lì sotto lo sceriffo e i suoi sottoposti. Si sente uno stupido. Non sa dove andare. Non sa cosa fare. È consapevole di quanto questi edifici siano protetti e vigilati. Impossibile entrare dove non è dichiaratamente consentito. Castel Sant Angelo poi ha un amministrazione particolare. Su di esso vigilano non soltanto le autorità locali ma anche gli uomini della sicurezza vaticana. E non è un dettaglio da poco. Ricorda bene quella volta che aveva provato a superare dei gendarmi che stavano facendo da scudo al papa mentre saliva in macchina nel cortile di San Damaso. Gli era arrivato un montante in faccia che gli aveva fatto sanguinare il naso per venti minuti. Ricorda che avrebbe voluto reagire e lanciarsi addosso alla guardia che l aveva colpito senza pietà, ma un collega lo aveva trascinato via di forza: il gendarme era grosso tre volte lui. «Sei matto? Questi t ammazzano» gli aveva detto. Lupo sente ancora su di sé gli occhi di Cristo che lo guardano e lo interrogano. Dove pensi di andare, giornalista? Non hai nemmeno un piano, sei ridicolo. Non vado da nessuna parte. Da nessuna parte. E con un lungo sospiro che suona come una resa, fa per tornare sui propri passi. Ma in quell istante un ricordo si fa spazio nella sua 23

24 mente. Aveva dodici anni. Suo nonno, archeologo di discreta fama, lo aveva portato a visitare Castel Sant Angelo, con quella galleria elicoidale che poco oltre l entrata del castello compie, salendo fino al primo piano, un intero giro delle mura cilindriche della fortezza. La rampa s interrompe quando un altra rampa, questa volta rettilinea, conduce fino alla Sala delle Urne. Qui, dove sono conservate le ceneri dell imperatore Adriano, di sua moglie Sabina e del loro figlio Elio Cesare, c è una lapide incassata in una delle nicchie laterali che riporta le parole rivolte da Adriano alla sua stessa anima. Piccola anima smarrita e soave, compagna e ospite del corpo, ora t appresti ad ascendere in luoghi incolori, ardui e spogli, ove non avrai più gli svaghi consueti. Un istante ancora guardiamo insieme le rive familiari, le cose che certamente non rivedremo mai più. Cerchiamo di entrare nella morte a occhi aperti. Il nonno amava stupire il nipote. Così cercava sempre di avvicinare Lupo al gusto della scoperta, della ricerca, al mistero che le cose antiche portano con sé. «Pensa Lupo,» gli aveva detto «qui dentro circa duemila anni fa venne seppellito l imperatore Adriano. Sua moglie e suo figlio lo seguirono fin qui per l ultimo saluto. Questa sala ha tanti segreti, lo sai? Guarda qui.» Il nonno si era piegato sulle ginocchia e si era guardato attorno con aria circospetta. Non c era nessuno nella sala oltre loro due. In basso, sulla parete davanti alla lapide, c era un apertura chiusa da una grata. Aveva tirato fuori un cacciavite. Aveva sfilato le quattro 24

25 viti di fissaggio e senza dire una parola era sparito nel buio. «Lupo, non temere.» La voce del nonno era sembrata arrivare da lontano. «È un tunnel segreto che porta giù nei sotterranei del castello. Non si sa perché l imperatore lo abbia fatto costruire. Una leggenda vuole che avesse nascosto nei sotterranei un tesoro per i propri familiari e che soltanto a loro avesse confidato l esistenza del tunnel. Ma è solo una leggenda, il tesoro non è mai stato trovato.» Lupo aveva ascoltato la voce del nonno a bocca aperta. «Nonno, dove sei?» «Non temere figliolo, eccomi.» E come un anguilla era riemerso dall apertura. «Tu non entrare, sei ancora troppo piccolo» gli aveva detto. Da quel giorno Lupo non era più tornato nella Sala delle Urne. Ma ora, proprio mentre sta per lasciare il castello, il ricordo di quell episodio lo blocca sulla soglia e lo spinge a tornare indietro, a salire lungo la rampa elicoidale, e poi oltre, fino a quel luogo di cui gli è rimasto il ricordo. Ora sa dove andare. Ora sa cosa fare. La Sala delle Urne è vuota. Non c è nessun turista. È solo. Nessuno è di guardia. E come il nonno anni prima, si inginocchia per terra guardandosi in giro con fare circospetto, prima che il buio lo inghiottisca. Lara Simoni si sveglia in un grande letto che non riconosce immediatamente. Poi riesce a ricordare. Si trova a casa di Lupo Pagani, il giornalista del settimanale «La Nuova Opinione» al quale per mesi ha fatto, senza successo, una corte soffocante. Bigliettini lasciati sul 25

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Traduzione di Maria Pia Secciani

Traduzione di Maria Pia Secciani Julie Sternberg si è specializzata in letteratura per l infanzia alla scuola di scrittura di New York. Per questo suo primo romanzo ha ricevuto recensioni entusiastiche per la scrittura fresca e immediata.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Cerchi d acqua e policromie cristalline

Cerchi d acqua e policromie cristalline Cerchi d acqua e policromie cristalline Entriamo nella casa del lago. Vanni scruta l ambiente da esperto. Apre le grandi finestre, lasciando entrare l aria fresca e pulita. Un odore d antico c investe.

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Melissa Hill. Ti prego perdonami. Traduzione di Roberta Zuppet

Melissa Hill. Ti prego perdonami. Traduzione di Roberta Zuppet Melissa Hill Ti prego perdonami Traduzione di Roberta Zuppet Proprietà letteraria riservata 2009 Melissa Hill 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08132-0 Titolo originale dell opera PLEASE FORGIVE

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Il Cavaliere delle Energie

Il Cavaliere delle Energie Massime tratte dal libro Il Cavaliere delle Energie di Andrea Pangos www.andreapangos.it ISBN 88-88914-00-5 Andrea Pangos Edizioni Copyright 2003 Andrea Pangos Il Cavaliere delle Energie Tu sei per te

Dettagli

T r a n s e u r o p A

T r a n s e u r o p A T r a n s e u r o p A EDIZIONI a cura di errico buonanno introduzione di chiara gamberale io, chiara e l oscuro t r a n s e u r o p a inaudita big La collana si propone di mostrare il laboratorio segreto

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

volte la gente mi si siede in grembo, ritenendo che il posto sia libero. MARA Guardi, le dico la verità. Ho avuto qualche esitazione nel rivolgermi a

volte la gente mi si siede in grembo, ritenendo che il posto sia libero. MARA Guardi, le dico la verità. Ho avuto qualche esitazione nel rivolgermi a L ultima fermata Personaggi: Mara e Camelia. Mara entra trascinando alcune valigie. In scena c è già Camelia, seduta sulla panca di una fermata d autobus. Non sperare di passarla liscia! Ti ho visto in

Dettagli

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede.

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede. Priscilla dei lupi 1 Le luci del pomeriggio rimbalzano sfocate tra i rami. È un momento di assoluto silenzio anche se nel bosco domina il rumore. Un lupo saltella tra la sterpaglia intorno a un rovo di

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

il lapis, uno strumento per inventare!

il lapis, uno strumento per inventare! IL KIT DISEGNO 1 Pare che nelle bozze molte volte, nascendo in un subito dal furore dell arte, si sprima il suo concetto in pochi colpi, e che per contrario lo stento e la troppa diligenza alcuna fiata

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il viaggio di Stella

Il viaggio di Stella Il viaggio di Stella Laboratorio di narrazione collettiva Classi II C e IV B Anno scolastico 2011/2012 Primo Circolo Didattico di Poggibonsi, Scuola Primaria"Vittorio Veneto" Nota dell insegnante Chiunque

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

2013 Editrice ZONA È VIETATA ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore.

2013 Editrice ZONA È VIETATA ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore. 2013 Editrice ZONA È VIETATA ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore. Non farmi morire di Nicoletta Betti ISBN 978-88 6438-360-6 Collana

Dettagli