OLTRE IL MURO DELLA BIBLIOTECA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OLTRE IL MURO DELLA BIBLIOTECA"

Transcript

1 OLTRE IL MURO DELLA BIBLIOTECA Sulla biblioteca del paese circolavano diverse leggende. Si diceva che il custode, un uomo ingobbito e severo, parlasse con i topi dei sotterranei e collezionasse grandi insetti. Si diceva anche che, fra le migliaia di libri impolverati disposti sugli scaffali, ve ne fossero alcuni di magia nera, antichi e dimenticati. Giacomo conosceva quelle storie e, anche se non gli facevano davvero paura, quando il pomeriggio tornava a casa prendeva una strada un po più lunga, per non costeggiare la recinzione della biblioteca. Aveva dieci anni e non ci aveva mai messo piede. I libri, in effetti, non gli interessavano granché. A scuola gli avevano fatto leggere "I viaggi di Gulliver" e lui l'aveva trovato noiosissimo. Ogni volta che doveva fare il riassunto di un libro, invece di leggerlo copiava il lavoro di Lucia, la secchiona della classe. Una mattina di settembre, quando la scuola era non era ancora iniziata, Giacomo stava passeggiando con Fred, il suo cane mezzo cieco che aveva sempre l'alito cattivo. Non c'erano compagni con cui giocare quel giorno. Solo Lucia era già rientrata dalle vacanze, ma Giacomo la trovava noiosa, con tutto quel suo parlare di libri e di danza classica, e così preferiva starsene con il suo cane, a gironzolare per il parco. D'un tratto Fred, come sentendo un richiamo, si mise a correre. Non era da lui, era un cane pigro, vecchio e acciaccato. Giacomo lo chiamò: -Fred! Fred! Torna qui! Ma, niente da fare: il cane non gli diede ascolto e continuò ad allontanarsi. Giacomo si gettò all'inseguimento. Fred uscì dal parco e attraversò la strada. Giacomo gli stava dietro a fatica, ansimava. -Fred! Fred, aspettami! Ma il cane non si voltava neppure. Immaginate la paura di Giacomo, quando Fred, con un grande balzo, saltò dentro il cortile della biblioteca e scomparve fra l'erba alta. Immediatamente il ragazzo decise di entrare a prendere il cane. Si avvicinò al cancello, ma vide che a quell'ora la biblioteca era chiusa. L'apertura era prevista per il pomeriggio e lui non poteva aspettare. Capì che doveva trovare Lucia: sicuramente lei conosceva bene la biblioteca. Corse subito a casa della compagna, però la mamma gli disse che era appena uscita con un'amica. Si precipitò allora a casa del suo amico Luca e insperabilmente lo trovò.

2 -Ho bisogno di te!- gli disse con affanno -Fred è saltato nel cortile della biblioteca che è chiusa. Vieni con me. Devo assolutamente entrare, ma non voglio farlo da solo. Luca chiese alla mamma il permesso di uscire e seguì Giacomo. Arrivati alla biblioteca, i due ragazzi si arrampicarono sul cancello, che non era molto alto, e saltarono nel cortile. L'erba alta copriva loro la visuale. Di Fred neppure l'ombra. Mentre si avvicinavano all'ingresso dell'edificio, l'erba si abbassava sempre di più. - Fred! Fred!- chiamavano. Si trovarono davanti ad un edificio a due piani, grande, vecchio, con enormi finestre, di cui una sola era aperta. Il grande portone della biblioteca era socchiuso e i due ragazzi entrarono. Negli alti scaffali che rivestivano il locale videro tantissimi libri. Giacomo vide un ufficio, presumibilmente del custode, sbirciò nella stanza, ma essa era vuota. Ad un tratto sentì un rumore e pensò che fosse Fred, ma, quando si girò, scoprì che Luca era finito contro uno dei tavoli posti davanti agli scaffali e irritato gli sussurrò: -Accidenti a te! Guarda dove metti i piedi! Vieni, quaggiù non c'è. Proviamo a salire al piano superiore. Una volta giunti, Giacomo avvertì dei lamenti somiglianti a quelli del suo cane, che provenivano da un locale. Senza perdere tempo, i ragazzi seguirono il rumore e videro spuntare da un angolo la coda di Frèd. Si affrettarono, ma ciò che avevano visto sparì nel nulla come un fantasma. Continuarono a camminare e videro una porta vetrata, cercarono di aprirla, ma era chiusa a chiave. A Giacomo sembrò che la biblioteca girasse su se stessa come la Terra. Gli girava forte la testa ed ebbe molta paura perché si sentiva pedinato, ma si riprese: voleva ritrovare il suo cane. In quell'istante vide Fred saltare contro la porta per cercare di rompere il vetro, con la sottile tenda che lo ricopriva, e un uomo, di cui intravedeva solo la sagoma, spostò la tenda per guardare la causa del fracasso che faceva il cane. Saltando sulla porta, Fred aveva rotto un pezzo di tenda, perciò Giacomo riuscì a vedere l'uomo. Era di media statura, con gli occhi piccoli e scuri, aveva due denti mancanti sostituiti da denti finti d'oro che splendevano. Era vestito di stracci, calzava un cappello tutto rotto, probabilmente mangiato dai topi. Non si vedevano i capelli, ma l'uomo aveva orecchi giganteschi e la faccia era ricoperta di brufoli e cicatrici. Un vero custode sporcaccione.

3 Ad un certo punto vide nella stanza un altro uomo che, al contrario, era molto elegante, aveva un orologio d oro massiccio e un cappello cilindrico. -Via subito, questi conciati così sono dei matti!- disse Giacomo agitato. -Andiamo a cercare aiuto! I due amici, velocemente ma cercando di non fare rumore, si avviarono verso le scale. In quel momento, la porta della biblioteca si aprì e una mummia si presentò all'ingresso. -Veloce, nascondiamoci nell'angolo dietro a quello scaffale- mormorò Luca con voce soffocata, afferrando per un braccio Giacomo che era rimasto immobile dalla paura. Arrivati nell'angolo, si appoggiarono al muro e trattennero il respiro. Avrebbero voluto essere invisibili. Dalla loro posizione potevano vedere che cosa succedeva. Videro la mummia con gli occhi neri, i denti storti e gialli e il corpo avvolto da strisce di tessuto bianco. Essa saliva le scale con passo pesante e portamento curvo. Aveva mani grosse e marroni e piedi giganteschi anch'essi marroni. Si diresse verso la stanza del custode ed entrò. Frèd ricominciò ad abbaiare. Immediatamente dopo ecco sulla porta d'ingresso uno zombie che aveva un aspetto ripugnante: occhi iniettati di sangue, capelli corti e neri e denti gialli. Aveva una camicia verde strappata, i pantaloni corti con delle frange spiegazzate dalle quali uscivano gambe brutte e verdi con piedi grandi e scalzi, con unghie enormi. Non sembrava veramente uno zombie, sembrava un uomo o un ragazzo travestito per la notte di Halloween. Giacomo strabuzzò gli occhi. Si accorse di una cosa che non aveva visto subito. Lo zombie aveva un coltello conficcato nella testa, e questo spaventò ancora di più i due ragazzi. -Lo sapevo che in questo posto succedevano cose strane. Che cosa ci fanno queste persone conciate in questo modo? Forse un rito di magia nera. Che cosa ne faranno di Fred? Non capisco più niente. -Dobbiamo assolutamente uscire di qui- disse Luca. Ma appena i ragazzi raggiunsero le scale, ecco che la porta si aprì ancora ed entrò una strega. Prontamente i due tornarono indietro, sperando di non essere stati visti. La strega aveva il naso lungo, grosso e appuntito come il cappello nero che indossava. E neri erano anche i suoi vestiti. Mentre si avvicinava, Giacomo vide il suo sguardo cattivo e gli tremarono le gambe dalla paura. La strega non era ancora arrivata in cima alle scale che entrò un vampiro avvolto in un mantello nero. Gli occhi rossi splendevano nella penombra e i denti affilati erano ancora sporchi di sangue. Sulla spalla destra aveva un gròsso pipistrello, probabilmente il suo inseparabile amico, con ali larghe e robuste. "'"

4 Subito dietro entrò un lupo mannaro con gli occhi gialli e i denti aguzzi. Dal pelo nero e ispido uscivano lunghi artigli affilati. Il lupo girò per la biblioteca e poi salì. -Andiamocene velocemente! Scappiamo da questa gabbia di matti - disse Giacomo. I due ragazzi scesero e a tutta velocità corsero verso il cancello. Proprio in quel momento, davanti a loro, Lucia, In; compagnia dell'amica, stava suonando il campanello della biblioteca, ed il cancello si aprì. - Che cosa ci fate qua?- domandò Lucia. -Ma tu, Giacomo, non eri allergico ai libri? -E lo sono ancora- rispose Giacomo. -Ma un contrattempo mi ha attirato nella biblioteca. Hanno rapito Fred. - E lo cerchi qua? Non è mica un cane lettore- disse ridendo Lucia. -Allora non capisci proprio niente- ribattè il ragazzo. -Fred è saltato nel cortile della biblioteca e ora è trattenuto da quei matti vestiti in maniera strana. Non entrare, e tieni fuori anche la tua amica! Lucia sospirò e disse: -Sono i ragazzi che provano i vestiti per la festa del Librovoro. -Ma che festa! Quelli vogliono sacrificare Fred in un rito di magia nera- gridò Giacomo. -Se qui c'è un matto, quello sei tu. Si vede che odi i libri: non sai proprio niente. Alla fine della scuola ci hanno dato un volantino che riguardava il concorso Il Librivoro" e ricordo perfettamente che tu, senza leggerlo, lo hai trasformato in un aeroplanino. Seguimi, e vedrai che quello che dici non ha senso. I due ragazzi, con un po' di timore, seguirono le ragazze nella biblioteca e all'ingresso trovarono le persone travestite insieme con Fred, il quale, quando vide Giacomo, gli si lanciò addosso scodinzolando e gli leccò il viso. L'uomo vestito di stracci capì che era il proprietario del cane e disse: -Sono il custode. Ho trovato il tuo cane in un angolo del prato. Si lamentava e si leccava una zampa, perciò l'ho preso e l'ho portato nel locale in cui c'è la cassetta di pronto intervento medico. L'ho controllato e, con l'aiuto di Francesco, gli ho tolto la spina che gli procurava il dolore e gli ho disinfettato la ferita. -Vedi? Non ti hanno rapito il cane, te l'hanno salvato- intervenne Lucia dando una spallata all'amico. Pieno d'imbarazzo, Giacomo si giustificò: -lo ho visto entrare tutti voi vestiti in questo modo e mi sono preoccupato. Ho pensato di tutto, invece devo solo ringraziarvi. A quel punto la strega si tolse il cappello e il naso finto e comparve una bella ragazza con i

5 capelli lunghi e rossi. Ella disse ai due ragazzi: " -Sono Sara, la bibliotecaria, e di sicuro voi non siete frequentatori della biblioteca. Non vi conosco. Lucia intervenne: -No, a loro non piace leggere. Sono entrati solo per recuperare il cane che era saltato dentro. Poi, quando vi hanno visti travestiti, si sono spaventati. Non sanno che cos'è Il Librivoro. -Il Librivoro è un gioco-concorso. E' abbinato al gioco dell'oca. Ogni libro preso in prestito dà diritto ad una progressione sul percorso del gioco, in base al numero sorteggiato dal concorrente. Vince chi raggiunge prima una certa casella. Tra qualche giorno proclameremo il vincitore e noi siamo venuti a provare i costumi. Ai ragazzi piace tanto leggere i racconti del brivido e di avventura e allora abbiamo pensato di far loro una sorpresa. Ci vestiremo imitando i personaggi dei libri- spiegò la bibliotecaria. -Sentite, perché oggi pomeriggio non venite a scegliere un libro? Con imbarazzo Giacomo rispose: -lo potrei venire domani. Luca fece finta di niente. -Allora ti aspetto- concluse Sara,rivolgendosi a Giacomo. I due ragazzi uscirono in fretta e al cancello della biblioteca si separarono. Per tutto il pomeriggio Giacomo pensò alla figuraccia che aveva fatto. Si vergognava moltissimo. Prese la bicicletta e il suo cane e andò a fare un giro. Temendo però di incontrare Lucia, ritornò a casa e si chiuse nella sua camera con Fred. Quando giunse l'ora di cena, si rifiutò di mangiare e ai genitori, che erano preoccupati per lui, disse che voleva solo stare un po' tranquillo e che non aveva fame. La vergogna era troppo forte, perciò doveva assolutamente cercare una scusa per non andare in biblioteca. Nel letto si girava a destra e a sinistra, però piano piano finalmente si addormentò. Iniziò a sognare streghe e vampiri che lo fecero svegliare di colpo. -Basta! E' inutile che io scappi. Se non andrò alla biblioteca, continuerò ad avere questi incubi. E' meglio affrontare la realtà- pensò. E quella decisione lo fece addormentare. La mattina si svegliò con l'idea di andare in biblioteca per rispettare la promessa fatta, e trascorse le ore che lo separavano dall'appuntamento giocando con Luca e Fred e cercando di convincere l'amico a seguirlo, ma senza risultato. Alle quindici era davanti alla biblioteca. Entrò e vide Sara dietro la scrivania del locale che aveva trovato vuoto il giorno prima. Come si accorse del ragazzo, Sara si avvicinò a lui sorridendo e lo portò nel locale dei libri per ragazzi. -Ieri non mi sono accorto che qui giù ci fosse questa stanza- commentò Giacomo, che nel

6 frattempo vide un cartello sulla porta. La biblioteca è un luogo speciale: si legge, si studia, si impara a sognare. Entra, bambino, e prova a sfogliare, qualcosa di bello puoi certo trovare! -Vieni, Giacomo- disse Sara. -Su questo tavolo ci sono dei libri che ho scelto solo per te e che potrebbero pia certi. Sono quelli che gradiscono i ragazzi. Prova a sfogliarli e vedi se trovi qualche cosa di interessante. Se non c'è niente che ti piace, chiamami e guarderemo sugli scaffali. Ti ho lasciato anche qualche dolcetto, prendi quello che vuoi. lo torno di là. -Un barattolo mostruoso, Il mostro nella rete, Il manuale del perfetto investigatore, Il mondo perduto, Il segreto di Loch Ness, le cronache di Narnia, Il tragico Halloween. Mah, non saprei proprio da quale cominciare! - pensava Giacomo, che, però, subito dopo fu attratto dalla copertina di un libro sulla quale c'era un bambino della preistoria accanto a un mammut. Il bambino era sorridente. - Le avventure di Pokonaso - lesse. - Che nome buffo! Voltò il libro e c era scritto: Pokonaso è un bambino speciale perché vive nella preistoria con Babbo e Mamma in una confortevole caverna. Ha come amico Okkibuffi, un piccolo mammut suo inseparabile compagno di giochi con cui vive emozionanti avventure. Lo sfogliò e, come molti bambini, fu attratto dalle immagini. C'erano lupi, orsi, uomini strani, allora commentò: -Questo bambino deve essersi cacciato in un sacco di guai. E poiché l'unico argomento che a scuola gli era piaciuto era stato quello della preistoria.. pensò: -Darò una chance a questo libro. Se proprio devo incominciare a leggere per evitare delle figuracce, voglio sapere come fa un bambino ad essere amico di un mammut. Forse Giacomo si era immedesimato in Pokonaso perché anche lui si sentiva felice quando era con il vecchio Fred e anche lui ogni tanto si cacciava in qualche guaio. Dopo cena Giacomo andò nella sua camera e iniziò a leggere il libro. Scoprì che il mammut Okkibuffi era stato acquistato da Pokonaso al mercato. -Sicuramente non finirà come quei cani che vengono comprati e poi abbandonati! Questo

7 bambino lo ha voluto nonostante fosse il più piccolo, il più triste e pure quello con un occhio verde e uno rosso- rifletté Giacomo. Lesse anche il secondo capitolo nel quale Okkibuffi salvò Pokonaso dall'acqua profonda e pensò che sarebbe stato bello se Fred avesse saputo toglierlo dai problemi. Iniziò poi il terzo, Il Grande Alce, ma si addormentò proprio quando i due si trovavano vicino ad una palude. Sognò di essere il protagonista della vicenda, ma al posto del mammut c'era Fred che gli impediva di cadere nel fango. Sognò anche di essere inseguito da un alce e si svegliò di soprassalto. Cercò di riaddormentarsi, ma non riuscì, allora continuò la lettura e scoprì che l'alce era innocuo e che anzi aveva aiutato i due amici. Posò il libro, riprese sonno e, fino al mattino, lui, Pokonaso, Fred e Okkibuffi giocarono felici. Durante il pomeriggio del giorno successivo riprese il libro. Egli era appassionato di pesca e una volta con i boy-scout era andato a pescare e aveva acceso un fuoco proprio come Pokonaso con il papà all'inizio del nuovo capitolo e così si appassionò anche a quella lettura. In una settimana Giacomo arrivò alla fine del libro. Proprio il giorno dopo iniziava la scuola. Come vide Lucia, Giacomo le riferì soddisfatto che, per la prima volta, aveva letto un libro fino alla fine e che gli era piaciuto, poi aggiunse: -Quel giorno, alla biblioteca, ho fatto una figuraccia. Forse ho sbagliato a stare lontano dai libri. Se trovi quello giusto, è divertente leggere. Ho scelto "Le avventure di Pokonaso". Oggi pomeriggio lo riporterò e vorrei chiedere alla bibliotecaria se c'è un seguito. -lo lo conosco, ci sono altri libri che raccontano di Pokonaso. Ti piaceranno anche quellirispose la bambina. Giacomo, diventando un po' rosso, balbettò: -Senti Lucia, devo chiederti un favore. Non raccontare ai nostri compagni quello che ho combinato! Mi prenderebbero in giro per tutto l'anno. -Stai tranquillo e fidati di me perché sarò una tomba- assicurò la compagna. -Anche se non c'è nulla di cui devi vergognarti. I miei amici amano stupire e ci sono riusciti. Vedrai, ti stupiranno anche quando li conoscerai. Sono fantasiosi e divertenti. Sono lettori. Anzi, ti invito da subito alla prossima festa della biblioteca. Naturalmente sbucherai dalla preistoria vestito da Pokonaso. -Verrò sicuramente. Però, peccato che tu sia una femmina e che non possa chiederti di fare il mio mammut- rispose Giacomo ridendo. -Mah, chissà che non ti stupisca anch'io!- concluse divertita Lucia.-Sono una lettrice.

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

C era una volta. Fiabe in rima

C era una volta. Fiabe in rima C era una volta Fiabe in rima Ed ora le fiabe. Perché non trasferire in rima le fiabe conosciute? Non tutte naturalmente, quelle che i bambini conoscevano, quelle che amavano di più, quelle che più sollecitavano

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname?

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Le schede di Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Tutti immagino. Quindi armatevi di pazienza

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli