OLTRE IL MURO DELLA BIBLIOTECA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OLTRE IL MURO DELLA BIBLIOTECA"

Transcript

1 OLTRE IL MURO DELLA BIBLIOTECA Sulla biblioteca del paese circolavano diverse leggende. Si diceva che il custode, un uomo ingobbito e severo, parlasse con i topi dei sotterranei e collezionasse grandi insetti. Si diceva anche che, fra le migliaia di libri impolverati disposti sugli scaffali, ve ne fossero alcuni di magia nera, antichi e dimenticati. Giacomo conosceva quelle storie e, anche se non gli facevano davvero paura, quando il pomeriggio tornava a casa prendeva una strada un po più lunga, per non costeggiare la recinzione della biblioteca. Aveva dieci anni e non ci aveva mai messo piede. I libri, in effetti, non gli interessavano granché. A scuola gli avevano fatto leggere "I viaggi di Gulliver" e lui l'aveva trovato noiosissimo. Ogni volta che doveva fare il riassunto di un libro, invece di leggerlo copiava il lavoro di Lucia, la secchiona della classe. Una mattina di settembre, quando la scuola era non era ancora iniziata, Giacomo stava passeggiando con Fred, il suo cane mezzo cieco che aveva sempre l'alito cattivo. Non c'erano compagni con cui giocare quel giorno. Solo Lucia era già rientrata dalle vacanze, ma Giacomo la trovava noiosa, con tutto quel suo parlare di libri e di danza classica, e così preferiva starsene con il suo cane, a gironzolare per il parco. D'un tratto Fred, come sentendo un richiamo, si mise a correre. Non era da lui, era un cane pigro, vecchio e acciaccato. Giacomo lo chiamò: -Fred! Fred! Torna qui! Ma, niente da fare: il cane non gli diede ascolto e continuò ad allontanarsi. Giacomo si gettò all'inseguimento. Fred uscì dal parco e attraversò la strada. Giacomo gli stava dietro a fatica, ansimava. -Fred! Fred, aspettami! Ma il cane non si voltava neppure. Immaginate la paura di Giacomo, quando Fred, con un grande balzo, saltò dentro il cortile della biblioteca e scomparve fra l'erba alta. Immediatamente il ragazzo decise di entrare a prendere il cane. Si avvicinò al cancello, ma vide che a quell'ora la biblioteca era chiusa. L'apertura era prevista per il pomeriggio e lui non poteva aspettare. Capì che doveva trovare Lucia: sicuramente lei conosceva bene la biblioteca. Corse subito a casa della compagna, però la mamma gli disse che era appena uscita con un'amica. Si precipitò allora a casa del suo amico Luca e insperabilmente lo trovò.

2 -Ho bisogno di te!- gli disse con affanno -Fred è saltato nel cortile della biblioteca che è chiusa. Vieni con me. Devo assolutamente entrare, ma non voglio farlo da solo. Luca chiese alla mamma il permesso di uscire e seguì Giacomo. Arrivati alla biblioteca, i due ragazzi si arrampicarono sul cancello, che non era molto alto, e saltarono nel cortile. L'erba alta copriva loro la visuale. Di Fred neppure l'ombra. Mentre si avvicinavano all'ingresso dell'edificio, l'erba si abbassava sempre di più. - Fred! Fred!- chiamavano. Si trovarono davanti ad un edificio a due piani, grande, vecchio, con enormi finestre, di cui una sola era aperta. Il grande portone della biblioteca era socchiuso e i due ragazzi entrarono. Negli alti scaffali che rivestivano il locale videro tantissimi libri. Giacomo vide un ufficio, presumibilmente del custode, sbirciò nella stanza, ma essa era vuota. Ad un tratto sentì un rumore e pensò che fosse Fred, ma, quando si girò, scoprì che Luca era finito contro uno dei tavoli posti davanti agli scaffali e irritato gli sussurrò: -Accidenti a te! Guarda dove metti i piedi! Vieni, quaggiù non c'è. Proviamo a salire al piano superiore. Una volta giunti, Giacomo avvertì dei lamenti somiglianti a quelli del suo cane, che provenivano da un locale. Senza perdere tempo, i ragazzi seguirono il rumore e videro spuntare da un angolo la coda di Frèd. Si affrettarono, ma ciò che avevano visto sparì nel nulla come un fantasma. Continuarono a camminare e videro una porta vetrata, cercarono di aprirla, ma era chiusa a chiave. A Giacomo sembrò che la biblioteca girasse su se stessa come la Terra. Gli girava forte la testa ed ebbe molta paura perché si sentiva pedinato, ma si riprese: voleva ritrovare il suo cane. In quell'istante vide Fred saltare contro la porta per cercare di rompere il vetro, con la sottile tenda che lo ricopriva, e un uomo, di cui intravedeva solo la sagoma, spostò la tenda per guardare la causa del fracasso che faceva il cane. Saltando sulla porta, Fred aveva rotto un pezzo di tenda, perciò Giacomo riuscì a vedere l'uomo. Era di media statura, con gli occhi piccoli e scuri, aveva due denti mancanti sostituiti da denti finti d'oro che splendevano. Era vestito di stracci, calzava un cappello tutto rotto, probabilmente mangiato dai topi. Non si vedevano i capelli, ma l'uomo aveva orecchi giganteschi e la faccia era ricoperta di brufoli e cicatrici. Un vero custode sporcaccione.

3 Ad un certo punto vide nella stanza un altro uomo che, al contrario, era molto elegante, aveva un orologio d oro massiccio e un cappello cilindrico. -Via subito, questi conciati così sono dei matti!- disse Giacomo agitato. -Andiamo a cercare aiuto! I due amici, velocemente ma cercando di non fare rumore, si avviarono verso le scale. In quel momento, la porta della biblioteca si aprì e una mummia si presentò all'ingresso. -Veloce, nascondiamoci nell'angolo dietro a quello scaffale- mormorò Luca con voce soffocata, afferrando per un braccio Giacomo che era rimasto immobile dalla paura. Arrivati nell'angolo, si appoggiarono al muro e trattennero il respiro. Avrebbero voluto essere invisibili. Dalla loro posizione potevano vedere che cosa succedeva. Videro la mummia con gli occhi neri, i denti storti e gialli e il corpo avvolto da strisce di tessuto bianco. Essa saliva le scale con passo pesante e portamento curvo. Aveva mani grosse e marroni e piedi giganteschi anch'essi marroni. Si diresse verso la stanza del custode ed entrò. Frèd ricominciò ad abbaiare. Immediatamente dopo ecco sulla porta d'ingresso uno zombie che aveva un aspetto ripugnante: occhi iniettati di sangue, capelli corti e neri e denti gialli. Aveva una camicia verde strappata, i pantaloni corti con delle frange spiegazzate dalle quali uscivano gambe brutte e verdi con piedi grandi e scalzi, con unghie enormi. Non sembrava veramente uno zombie, sembrava un uomo o un ragazzo travestito per la notte di Halloween. Giacomo strabuzzò gli occhi. Si accorse di una cosa che non aveva visto subito. Lo zombie aveva un coltello conficcato nella testa, e questo spaventò ancora di più i due ragazzi. -Lo sapevo che in questo posto succedevano cose strane. Che cosa ci fanno queste persone conciate in questo modo? Forse un rito di magia nera. Che cosa ne faranno di Fred? Non capisco più niente. -Dobbiamo assolutamente uscire di qui- disse Luca. Ma appena i ragazzi raggiunsero le scale, ecco che la porta si aprì ancora ed entrò una strega. Prontamente i due tornarono indietro, sperando di non essere stati visti. La strega aveva il naso lungo, grosso e appuntito come il cappello nero che indossava. E neri erano anche i suoi vestiti. Mentre si avvicinava, Giacomo vide il suo sguardo cattivo e gli tremarono le gambe dalla paura. La strega non era ancora arrivata in cima alle scale che entrò un vampiro avvolto in un mantello nero. Gli occhi rossi splendevano nella penombra e i denti affilati erano ancora sporchi di sangue. Sulla spalla destra aveva un gròsso pipistrello, probabilmente il suo inseparabile amico, con ali larghe e robuste. "'"

4 Subito dietro entrò un lupo mannaro con gli occhi gialli e i denti aguzzi. Dal pelo nero e ispido uscivano lunghi artigli affilati. Il lupo girò per la biblioteca e poi salì. -Andiamocene velocemente! Scappiamo da questa gabbia di matti - disse Giacomo. I due ragazzi scesero e a tutta velocità corsero verso il cancello. Proprio in quel momento, davanti a loro, Lucia, In; compagnia dell'amica, stava suonando il campanello della biblioteca, ed il cancello si aprì. - Che cosa ci fate qua?- domandò Lucia. -Ma tu, Giacomo, non eri allergico ai libri? -E lo sono ancora- rispose Giacomo. -Ma un contrattempo mi ha attirato nella biblioteca. Hanno rapito Fred. - E lo cerchi qua? Non è mica un cane lettore- disse ridendo Lucia. -Allora non capisci proprio niente- ribattè il ragazzo. -Fred è saltato nel cortile della biblioteca e ora è trattenuto da quei matti vestiti in maniera strana. Non entrare, e tieni fuori anche la tua amica! Lucia sospirò e disse: -Sono i ragazzi che provano i vestiti per la festa del Librovoro. -Ma che festa! Quelli vogliono sacrificare Fred in un rito di magia nera- gridò Giacomo. -Se qui c'è un matto, quello sei tu. Si vede che odi i libri: non sai proprio niente. Alla fine della scuola ci hanno dato un volantino che riguardava il concorso Il Librivoro" e ricordo perfettamente che tu, senza leggerlo, lo hai trasformato in un aeroplanino. Seguimi, e vedrai che quello che dici non ha senso. I due ragazzi, con un po' di timore, seguirono le ragazze nella biblioteca e all'ingresso trovarono le persone travestite insieme con Fred, il quale, quando vide Giacomo, gli si lanciò addosso scodinzolando e gli leccò il viso. L'uomo vestito di stracci capì che era il proprietario del cane e disse: -Sono il custode. Ho trovato il tuo cane in un angolo del prato. Si lamentava e si leccava una zampa, perciò l'ho preso e l'ho portato nel locale in cui c'è la cassetta di pronto intervento medico. L'ho controllato e, con l'aiuto di Francesco, gli ho tolto la spina che gli procurava il dolore e gli ho disinfettato la ferita. -Vedi? Non ti hanno rapito il cane, te l'hanno salvato- intervenne Lucia dando una spallata all'amico. Pieno d'imbarazzo, Giacomo si giustificò: -lo ho visto entrare tutti voi vestiti in questo modo e mi sono preoccupato. Ho pensato di tutto, invece devo solo ringraziarvi. A quel punto la strega si tolse il cappello e il naso finto e comparve una bella ragazza con i

5 capelli lunghi e rossi. Ella disse ai due ragazzi: " -Sono Sara, la bibliotecaria, e di sicuro voi non siete frequentatori della biblioteca. Non vi conosco. Lucia intervenne: -No, a loro non piace leggere. Sono entrati solo per recuperare il cane che era saltato dentro. Poi, quando vi hanno visti travestiti, si sono spaventati. Non sanno che cos'è Il Librivoro. -Il Librivoro è un gioco-concorso. E' abbinato al gioco dell'oca. Ogni libro preso in prestito dà diritto ad una progressione sul percorso del gioco, in base al numero sorteggiato dal concorrente. Vince chi raggiunge prima una certa casella. Tra qualche giorno proclameremo il vincitore e noi siamo venuti a provare i costumi. Ai ragazzi piace tanto leggere i racconti del brivido e di avventura e allora abbiamo pensato di far loro una sorpresa. Ci vestiremo imitando i personaggi dei libri- spiegò la bibliotecaria. -Sentite, perché oggi pomeriggio non venite a scegliere un libro? Con imbarazzo Giacomo rispose: -lo potrei venire domani. Luca fece finta di niente. -Allora ti aspetto- concluse Sara,rivolgendosi a Giacomo. I due ragazzi uscirono in fretta e al cancello della biblioteca si separarono. Per tutto il pomeriggio Giacomo pensò alla figuraccia che aveva fatto. Si vergognava moltissimo. Prese la bicicletta e il suo cane e andò a fare un giro. Temendo però di incontrare Lucia, ritornò a casa e si chiuse nella sua camera con Fred. Quando giunse l'ora di cena, si rifiutò di mangiare e ai genitori, che erano preoccupati per lui, disse che voleva solo stare un po' tranquillo e che non aveva fame. La vergogna era troppo forte, perciò doveva assolutamente cercare una scusa per non andare in biblioteca. Nel letto si girava a destra e a sinistra, però piano piano finalmente si addormentò. Iniziò a sognare streghe e vampiri che lo fecero svegliare di colpo. -Basta! E' inutile che io scappi. Se non andrò alla biblioteca, continuerò ad avere questi incubi. E' meglio affrontare la realtà- pensò. E quella decisione lo fece addormentare. La mattina si svegliò con l'idea di andare in biblioteca per rispettare la promessa fatta, e trascorse le ore che lo separavano dall'appuntamento giocando con Luca e Fred e cercando di convincere l'amico a seguirlo, ma senza risultato. Alle quindici era davanti alla biblioteca. Entrò e vide Sara dietro la scrivania del locale che aveva trovato vuoto il giorno prima. Come si accorse del ragazzo, Sara si avvicinò a lui sorridendo e lo portò nel locale dei libri per ragazzi. -Ieri non mi sono accorto che qui giù ci fosse questa stanza- commentò Giacomo, che nel

6 frattempo vide un cartello sulla porta. La biblioteca è un luogo speciale: si legge, si studia, si impara a sognare. Entra, bambino, e prova a sfogliare, qualcosa di bello puoi certo trovare! -Vieni, Giacomo- disse Sara. -Su questo tavolo ci sono dei libri che ho scelto solo per te e che potrebbero pia certi. Sono quelli che gradiscono i ragazzi. Prova a sfogliarli e vedi se trovi qualche cosa di interessante. Se non c'è niente che ti piace, chiamami e guarderemo sugli scaffali. Ti ho lasciato anche qualche dolcetto, prendi quello che vuoi. lo torno di là. -Un barattolo mostruoso, Il mostro nella rete, Il manuale del perfetto investigatore, Il mondo perduto, Il segreto di Loch Ness, le cronache di Narnia, Il tragico Halloween. Mah, non saprei proprio da quale cominciare! - pensava Giacomo, che, però, subito dopo fu attratto dalla copertina di un libro sulla quale c'era un bambino della preistoria accanto a un mammut. Il bambino era sorridente. - Le avventure di Pokonaso - lesse. - Che nome buffo! Voltò il libro e c era scritto: Pokonaso è un bambino speciale perché vive nella preistoria con Babbo e Mamma in una confortevole caverna. Ha come amico Okkibuffi, un piccolo mammut suo inseparabile compagno di giochi con cui vive emozionanti avventure. Lo sfogliò e, come molti bambini, fu attratto dalle immagini. C'erano lupi, orsi, uomini strani, allora commentò: -Questo bambino deve essersi cacciato in un sacco di guai. E poiché l'unico argomento che a scuola gli era piaciuto era stato quello della preistoria.. pensò: -Darò una chance a questo libro. Se proprio devo incominciare a leggere per evitare delle figuracce, voglio sapere come fa un bambino ad essere amico di un mammut. Forse Giacomo si era immedesimato in Pokonaso perché anche lui si sentiva felice quando era con il vecchio Fred e anche lui ogni tanto si cacciava in qualche guaio. Dopo cena Giacomo andò nella sua camera e iniziò a leggere il libro. Scoprì che il mammut Okkibuffi era stato acquistato da Pokonaso al mercato. -Sicuramente non finirà come quei cani che vengono comprati e poi abbandonati! Questo

7 bambino lo ha voluto nonostante fosse il più piccolo, il più triste e pure quello con un occhio verde e uno rosso- rifletté Giacomo. Lesse anche il secondo capitolo nel quale Okkibuffi salvò Pokonaso dall'acqua profonda e pensò che sarebbe stato bello se Fred avesse saputo toglierlo dai problemi. Iniziò poi il terzo, Il Grande Alce, ma si addormentò proprio quando i due si trovavano vicino ad una palude. Sognò di essere il protagonista della vicenda, ma al posto del mammut c'era Fred che gli impediva di cadere nel fango. Sognò anche di essere inseguito da un alce e si svegliò di soprassalto. Cercò di riaddormentarsi, ma non riuscì, allora continuò la lettura e scoprì che l'alce era innocuo e che anzi aveva aiutato i due amici. Posò il libro, riprese sonno e, fino al mattino, lui, Pokonaso, Fred e Okkibuffi giocarono felici. Durante il pomeriggio del giorno successivo riprese il libro. Egli era appassionato di pesca e una volta con i boy-scout era andato a pescare e aveva acceso un fuoco proprio come Pokonaso con il papà all'inizio del nuovo capitolo e così si appassionò anche a quella lettura. In una settimana Giacomo arrivò alla fine del libro. Proprio il giorno dopo iniziava la scuola. Come vide Lucia, Giacomo le riferì soddisfatto che, per la prima volta, aveva letto un libro fino alla fine e che gli era piaciuto, poi aggiunse: -Quel giorno, alla biblioteca, ho fatto una figuraccia. Forse ho sbagliato a stare lontano dai libri. Se trovi quello giusto, è divertente leggere. Ho scelto "Le avventure di Pokonaso". Oggi pomeriggio lo riporterò e vorrei chiedere alla bibliotecaria se c'è un seguito. -lo lo conosco, ci sono altri libri che raccontano di Pokonaso. Ti piaceranno anche quellirispose la bambina. Giacomo, diventando un po' rosso, balbettò: -Senti Lucia, devo chiederti un favore. Non raccontare ai nostri compagni quello che ho combinato! Mi prenderebbero in giro per tutto l'anno. -Stai tranquillo e fidati di me perché sarò una tomba- assicurò la compagna. -Anche se non c'è nulla di cui devi vergognarti. I miei amici amano stupire e ci sono riusciti. Vedrai, ti stupiranno anche quando li conoscerai. Sono fantasiosi e divertenti. Sono lettori. Anzi, ti invito da subito alla prossima festa della biblioteca. Naturalmente sbucherai dalla preistoria vestito da Pokonaso. -Verrò sicuramente. Però, peccato che tu sia una femmina e che non possa chiederti di fare il mio mammut- rispose Giacomo ridendo. -Mah, chissà che non ti stupisca anch'io!- concluse divertita Lucia.-Sono una lettrice.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO 6 POTENZIAMENTO SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO Slip Slap è un piccolo cane che gironzola per il quartiere a caccia di gatti da rincorrere, ma sogna di diventare un cane poliziotto. Un giorno vede un ladruncolo

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

I BAMBINI MI FANNO VENIRE I BRUFOLI

I BAMBINI MI FANNO VENIRE I BRUFOLI 1 I BAMBINI MI FANNO VENIRE I BRUFOLI C era una volta uno stregone malvagio che non preparava filtri magici come facevano gli altri stregoni, ma scriveva libri per bambini con lo scopo di farli piangere.

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

STORIE PER HALLOWEEN

STORIE PER HALLOWEEN STORIE PER HALLOWEEN RITA SABATINI LA STREGA MATTACCHIONA Nella notte di Halloween la strega Mattacchiona si diverte a fare degli scherzi davvero incredibili. Prima di tutto mette sul fuoco un grande pentolone

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Un giorno Babbo Natale e i suoi elfi aspettavano un pacco importante per la note di Natale. Dentro a quel pacco c era una polverina magica che faceva diventare

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Rosaria Campanale Si ringrazia per la collaborazione

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

SILICIO, BEN E IL FURTO DELLE BOTTIGLIE

SILICIO, BEN E IL FURTO DELLE BOTTIGLIE SILICIO, BEN E IL FURTO DELLE BOTTIGLIE Un giorno Silicio fu messo nella campana del vetro. Era lì quando, ad un tratto, sentì una voce che diceva: - Svuotiamo la campana nel camion! Silicio disse: - Evviva!

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

ISOLA DELLE MERAVIGLIE

ISOLA DELLE MERAVIGLIE SFONDO INTEGRATORE: Giramondo è uno strano personaggio, ama divertirsi e conoscere paesi lontani per vedere se e quanto sono diversi dal suo. Propone ai bambini uno scambio: loro guideranno Giramondo alla

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

FESTA di halloween. Fantasma fantasmino

FESTA di halloween. Fantasma fantasmino FESTA di halloween Fantasma fantasmino Fantasma fantasmino, mi sembri birichino, sei buffo e fai l inchino, sei anche un ballerino, ma se vedi uno zuccherino... mi mostri il tuo faccino! FESTA Di halloween

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Il Regalo di Natale più bello

Il Regalo di Natale più bello Il Regalo di Natale più bello This ebook is distributed under Creative Common License 3.0 http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/ You are free to copy, distribute and transmit this work under

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

LA SUA CAMERA È PIENA DI FOTOGRAFIE, PUPAZZI E LIBRI SUGLI ELEFANTI.

LA SUA CAMERA È PIENA DI FOTOGRAFIE, PUPAZZI E LIBRI SUGLI ELEFANTI. ANNA È UNA BAMBINA CHE AMA GLI ELEFANTI. LA SUA CAMERA È PIENA DI FOTOGRAFIE, PUPAZZI E LIBRI SUGLI ELEFANTI. IL GIORNO DEL SUO QUINTO COMPLEANNO, IL 25 OTTOBRE I SUOI GENITORI LA PORTANO A VISITARE UNO

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Borsa di studio/classe IV

Borsa di studio/classe IV 1 Borsa di studio/classe IV La storia va in fumetto Racconta la Storia di Clara dagli occhi grandi in un fumetto! 1. Riassumi la storia nelle scene che ti sembrano più importanti (per es. Clara che parla

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

Illustrato da Michele Bettio

Illustrato da Michele Bettio Da una conversazione avvenuta in viaggio Simona: Sai Giorgio, sono stata ad una conferenza di Eugenio Perazza, fondatore di Magis Design. Ha raccontato una bella storia, si intitola Martino Testadura.

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli