Premio Nazionale di Poesia 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premio Nazionale di Poesia 2008"

Transcript

1 Gaia Ortino Moreschini PAESAGGIO: LA TERRA DEI SOGNI Ho dieci anni. Abbraccio il cuscino, Mi stringo alla bambola di pezza, Da quattro mesi II letto è il mio mondo. Questo almeno è ciò che sembra... Riluce e danza fuori dal vetro la cima Non più spoglia, dell'alta quercia. Le ossa rotte della gamba ancora riposano prigioniere, Dorata di rugiada la grande ragnatela pende E su di essa una coccinella si posa. Mi chiamo Bianca. Di fantasia rifulgono i miei grandi occhi scuri Che hanno visto il tempo seguire la sua sorte, Stelo per stelo, fiorire la primavera e Di azzurro fuoco acceso colorarsi il cielo. Nell'oscurità, la mia attesa gioia. In magiche lunghe onde di luce, Improvvisa, si anima la luna e con sé mi prende Sino a condurrai in volo alla Terra dei Sogni. Là, gaia, torno a correre, lieve e vivace nel passo, Come soffio d'aria fresca o foglia innamorata del vento. Sara Bolla RESINA Gli alberi silenziosamente attendono. Pube sterno e mento sul ramo, mastico la linea della collina con gli occhi pieni di vento, respiro aria fresca e legno.

2 Sarita Massai ONDE Sotto un cielo di pietra uno scoglio nudo appoggia pensieri di un uomo in attesa... Più là un bimbo gioca con la luna crescente e garrulano, riflettendosi sulle sponde di un golfo le sue mille luci. così penso: dolce sarebbe lasciare che sia ogni addio e senza dolore sopravvivere: siamo flutti. Gianfranco Galasso NATISONE, VALLE DEL SILENZIO Il sole apre le criniere all ardore della brezza racchiusa tra i filari degli eventi a disegnare verdi colli intensi e cangianti. ornano la piana che il Natisone distende, l Erbezzo e L Alberone sinuosi lo gratificano. mare di quiete e di lavoro incastonato nella rugiada. rocche, castelli, abbazie di luce dorata, sacelli di storia

3 a custodire nettare che penetra le narici, scioglie la carne. Spessa del Collio antica fiamma nel castello si dischiude e nel Matajur si specchia. Dei nell infinito intrecciano il fuoco tra flauti e viole d amore. Enrico Castrovilli NEI CAMPI AL TRAMONTO Le cime degli olivi ondeggiavano sotto un cielo bicolore: allo zenit azzurro chiaro, all'orizzonte grigio ascuro. Tra i filari di un vigneto uomini a squadre legavano i tralci delle viti ai tiranti di sostegno. Un trattore in moto lasciava tracce molto chiare nei solchi appena aperti. In un mare di verde affondavano echi di voci sussurrate come di chi macina preghiere serali. E un gioco di luci intorno a noi sopra un muro a secco seduti, imbrigliati come viticci al respiro del Cosmo. Antonella Taravella NELLE POLVERI DI RIMINI Si muove l'inverno serpeggia sulla sabbia negli angoli di profumate ombre -muove incostante il fogliame che si fa candido e limaccioso- rimboccano le maree di questo satollo respiro

4 mentre la neve si fa saltello di pianure -il rispetto del tempo di questo cadere impronte- dissonanza sulle scarpe che camminano sulle ruvide spiagge di una Rimini di polveri e ricordi Sandro Pietro Napolitano CONCA DEI MARINI Il profumo di limoni interseca l aria salmastra, spazia nell incavo della roccia, a mo di golfo, l acqua. Ricamano ondeggianti suture i flutti che s alternano a se stessi si rompono in frangenti che ritrovo nel vino bianco macerato di pesche. Paolo Sangiovanni IL RIENTRO DEL TURNISTA Tornando in bicicletta ogni mattino sogguardi il muro lungo che costeggi e ti pare che non finisca più. Così per interrompere la noia di un percorso che sembra tutto uguale gridi a memoria un verso imparato in seconda elementare, una pubblicità fatta alla radio mezzo secolo fa; la sciagurata formazione del Toro di Superga.

5 Qualche volta ti chiedi dove mai sarà finita LA PIOGGERELLINA DI MARZO che picchiava SOPRA I SECCHI DELL ORTO e sui tuoi vizi adolescenti. Pedalando così si ha l impressione di essere giunti sempre troppo tardi. Di non esserci stati. Come se tutto fosse una striscia surreale benevola, dolciastra nel complesso. Dove non c è più tempo e non c è storia. Non ci sono le cose,la memoria. Tutto è staticamente universale. E invece come un vento silenzioso la Storia ci è passata da una parte all altra inavvertita mentre noi seguiamo un vecchio muro tappezzato qua e là con qualche scritta e qualche lembo di manifesto roso dalla pioggia. E in quei pezzi di carta e in quei graffiti talvolta rileggiamo vecchie storie che ci fanno commuovere. Ma poi quando alla fine intravediamo un varco oltre il muro ci appare una campagna sterminata di nebbie. Senza fine. Domenico Corvaglia IL NOCCIOLO DEL VIAGGIO Eccoci giunti al nocciolo del viaggio, due morsi sotto la polpa del respiro. La ruota della vita è a largo raggio, ma a volte compie solo mezzo giro. Natale, dopo il sisma, appare un gioco

6 di pietre ammonticchiate sul presepe. La neve copre i lutti e spegne il fuoco la pioggia che s impunta sulle crepe. Dicembre dell inverno è una porzione, non basteranno a fare da barriera una casetta sfitta, di ruvida lamiera, una coperta doppia, in lana di cartone. Oh Dio che segni tutto, inizio e fine, inforca gli occhiali buoni del mattino. Fra le macerie cerca, estrai le spine, dal cuore ancora in fasce di un bambino! Giovanni Nacca IL SILENZIO DEI GERANI Tra i vetri non c'è dubbio il tempo scorre più lento mentre la pioggia senza rumore scende e ci grazia delle ferite. Scende, e accompagna una dolce malinconia che mi consuma. Un soffio più forte? Pare di sì. In coro i primi gerani salutano dal cortile, col colore di una danza. Rido alle ombre della mia camera e grido al buio che nessuna attesa sarà mai, pienamente vana. Carlo Prosperi PAESAGGIO ALPINO A creste aguzze approdano di quando in quando bianche nuvole randagie che lacere disbroglia un vento blando. Quasi priva di peso è la materia

7 a quest'altezza: abbacina la roccia folgorata dal sole ed il lichene scrive strani alfabeti sulle pietre. L'acqua sgorga dal monte in mille vene e l'erba e i fiori dappertutto in giro fremono nella luce pettinati dal vento ad onde con il suo respiro. È la solare musica del giorno che asseconda invisibili spartiti e più tardi la sera indugia a lungo sui vertici dell'ultima abetaia un aroma di resina raggiunge balsamico la soglia delle case. Vincenzo Mastropirro NEGLI OCCHI MIEI RIMBALZA Negli occhi miei rimbalza il vicolo arroccato viuzza senza tempo che al tramonto scivola sotto quel cielo rosso maturo come il fuoco dove il calore estivo tutto può sospendere lo sguardo cade indietro e il tempo si ricorda del vicolo opulento ma scarno per la storia le mille giravolte di un bimbo prepotente i tavolini ai bar zuppi di cappuccio. È Roma che alla sera con i tedeschi in brache nell afa di quel luglio chiamò la sua frescura che invano arrivò e mai arriverà è l ora del rimpianto per la città di sempre quella dei miei sogni di quando ero bambino quella che non c è per via del mio rifiuto quella del sogghigno per non averla amata. Filomena Gagliardi MONTI E VISIONE

8 Si perdono nel cielo i Monti di sera Si annientano nel Tutto Diventano un solo Colore I miei amati monti azzurri. Niente linee Niente separazioni Un unico Tutto. Altrove Si innalzano ancora innevati all improvviso davanti ad occhi pigri nella quotidiana cecità. Si rivela a Noi In un attimo la Vita. Silvia Rosa TETTI DI TEGOLE ROSSE Tetti di tegole rosse notti umide e fresche. Qui fiorivano i profumi segreti della sera e si schiudevano alla luna materna agitati sogni da cullare. Scialbo paese di provincia così invisibile la frontiera e la soglia nascosta così bene; sconosciuto ancora soffiava il primo vento dell ossessione mia. Maria Grazia Ferraris IN LAGUNA.

9 Baluginare mobile di luci mattutine nella laguna ferma, silenzioso specchio, opalino: confuse sagome con l orizzonte grigio e venato di colori chiari, Venezia la bella, pacata, lenta sfila in attesa superba dell orda opprimente, all orda indifferente: il molo prestigioso, le colonne granitiche e severe ricordano, ben in vista dal mare, il potere antico, le esecuzioni capitali I Mori lassù battono le ore: le ultime, forse, della sua vita? Il Lido in lontananza: San Lazzaro si profila silente all orizzonte, terra armena, chiesa ricostruita con atavica pazienza da Mechitar, fiducioso monaco idealista. Venezia serena, civile e grande, sede sicura all esule ha dato. Il secolare potere ha insegnato ai Veneti il bene della tolleranza, la cultura vasta e poliglotta, la biblioteca curata e preziosa, ricca di storia e d antico amore, omaggi esotici, preziosi doni orgoglio di riconquistata fama. Parole di Verujan, testimone, epico cantore d un infelice popolo- terra dorata e lontana- -Canto del pane, corpo e animaofferto a visitatori disattenti. Armenia lontana, Armenia nel cuore- urlo di pietra sonanteterra di nomadi, dal destino buio, scrive di lei Mandel stam partecipe, anticipatore d un simile destino. Ernesto Bertino AD ASCANIO VITTOZZI Splende, macchia lucente, S.Maria del Monte,

10 compressa tra il verde bagnato del poggio collinare e il plumbeo temporalesco cielo che refrigerio porta dopo l afa nella serata estiva in riva al Po. Il tuo capolavoro, Ascanio, sovrasta la città che, in tempi andati, per volontà ampliasti del Savoia monarca. Accanto è la Gran Madre che fronteggiando il ponte Vittorio Emanuele quale molosso in fronte alla collina richiama nella cupola lontane islamiche atmosfere. In fondo è Superga, ormai emersa dalla foschia della calura estiva e in basso s ode il chiacchierio dei Murazzi che la folla, multirazziale ormai, dei Torinesi spande sul Po nella serata in attesa che la festa del Santo si concluda, come avviene ogn anno alla soglie dell estate. Il tuo nome, Ascanio, nella cerchia dei dotti è ora rimasto ma l opera tua contempla, qual madre vigile e discreta, piazza Vittorio e la Mole Antonelliana con l ombra al fondo del Castello, cuor della tua espansione lungo Via Nuova fino Alla Real Piazza del Castellamonte. Esplodono i fuochi d artificio e la macchia barocca sopra il monte quasi svanisce nelle nuvole del fumo dal pirico sentore: la battaglia ha termine e la folla si disperde assonnata e rumorosa l anno passato con questo confrontando

11 alla ricerca della via di casa. Sola rimane nella notte ad osservare S.Maria del Monte. Renato Greco EROSO A SANGUE DALLA ROSA dei venti, da qualsiasi sogno umano non compiuto, dai percorsi tracciati da duemila anni di pazienza, ecco un paese dalle pietre antiche, sporgere le sue case sui valloni. Non è il naturalistico dettaglio, né il compiacimento di chi osservi segni di tempo e segni della storia, su queste terre d alpe marginali. Né il fatto di passarvi tante volte vicino, che è come se non ci fossero, per quanto in esse viva della gente. E che l Itaglia, terra d inutili battaglie ma solo di parole, non ha proprio memoria dei paesi che delega a se stessi e al loro danno: al danno dei monarchi che vi stanno, se non quando l evento naturale trascini a valle un poco delle case e trecento vi muoiano, a dir poco. Gabriele Clementini VERSO DOVE Tratta Latina - Roma, il treno va...

12 Solo nello scompartimento anteriore, il buio delle 6:49 tutto intorno, ma queste terre le conosco bene. Dolci colline verdi, accarezzate dal candore di sparute pecore, segnano arazzi bianchi di nuvole cadute dal cielo; splendide ville, per la cui bellezza ringraziano la rosa del giardino, intervallate da orride industrie, amanti traditrici di luce grigia. Nella mia mente si disegnano all orizzonte, come amabili schizzi di un pittore monco, le tonde montagne lepine, protettrici mute di una storia sconosciuta; mentre Helios inizia a guardarmi. Non più solo, capisco il mio disagio; facce sconosciute attorno a me, e la prossima fermata che si allontana. Spero amico che leggerai, ma non capirai, lo spero per te... Alice Alberini PER SEMPRE CIELO Non sei il riflesso di me stessa, fortunatamente. Ma esprimi emozioni, come un essere vivente. Sei un caleidoscopio che forma muti continuamente e visi e occhi e sguardi in basso volgi, verso me che ti ammiro.

13 Cambi umore di giorno in giorno, di ora in ora, ogni secondo. Un attimo brillano le tue parole al vento come gocce di rugiada all alba. Sospesi i tuoi colori vibrano per pochi istanti e poi muti, cambi, scompari e ti nascondi. Che mai tu possa oscurarti e scomparire se non di notte, quando, in abito da sera, mi proteggi. Pasqualina Salvi. ANIMAVANO IL ROSARIO Animavano il rosario le donne del paese avvolte nello scialle concesse alla preghiera per rinnovare la forza del domani. Altre, briose non guardavano il CRISTO ma le ultime della fila. Ancora i miei occhi non cedevano al sonno finché nell aria non si spandeva quel profumo il fascino e mistero. Ad un tratto, un tonfo si udiva nel silenzio il mio corpo esausto si abbatteva al pavimento! A casa nella luce della sera ansie e lavoro quotidiano, lentamente si spegnevano tenue calore di carboni accesi. Io inciampavo ora in un filo, ora in una sedia, ora negli ordini precostituiti. Arretravo, avamposto luogo eletto d osservazione. Tutto mi era concesso: amare, dissacrare piacere e dolore. Perché nel sonno fintamente assorta il silenzio non confondeva negli equilibri, gli esistenti. Era l inverno del sud! Là dove il mare si affaccia alla banchina

14 per rapire della vita ciò che resta. E le barche capovolte cedevano alla morte! Dei pescator poche tracce. Quanto dolore per un legno solo capovolto! Che importa, dicevano tra loro nelle tavole imbandite di molluschi, di ostriche, di orate di avventure gastronomiche! Maria, mai sussurrato loro l eco di un tramonto! All alba anche i pescatori si recavano a pregare il DIO, il Dio del mare. Nuove speranze, nuove avventure. Incredibile scia di storia e venerazione trasudava dallo sguardo, dagli abiti e dal volto. Fabrizio Gravina TROPPO ALTO DA GUARDARE IL CIELO...Per i giovani amanti che si specchiano l'uno negli occhi dell'altra. Sembra lontano il tempo con i suoi affanni, se d'improvviso rimani Ad ammirare quell'affresco che cambia espressione sulla tela del cielo. Non vedi mani che si muovono o il volto assorto del maestro! E' il vento che plasma quelle forme e che sbriciola le folte nuvole. Il viola lascia spazio all'azzurro,l'arancione al rosa e al fucsia,quindi il celeste E l'azzurro si preparano a lasciare posto al blu totale della notte terrestre. A volte penso,di come sia pazzo il mondo di questi "esseri",così troppo presi Per loro!... Che non ammirino tanta bellezza "volatile" svanire! Forse perché non tutti sono portati a sognare ad occhi aperti e a perdersi Cercando un messaggio,una diversa prospettiva,una figura modellata,apparire Da quel cielo(sereno dopo l'avvenuta tempesta),che non manda messaggi(o li manda!) Passano e svaniscono nel nulla(su rozze astronavi) questi umani... Mentre il vento spazzino disegna sulla lavagna del cielo:batuffoli,ghirigori,dirigibili,fili sottili O montagne di zucchero filato. Piano,piano,le nuvole si diradano, per quell'azzurro che ancora resiste al blu cupo che avanza. E' ormai notte! Buio sulla terra,ma un nuovo giorno su quel cielo lastricato di brillantini. E questa atmosfera di romantico imbrunire mi sconvolge, perché non c'è nessuno qui con me Con cui condividere queste sensazioni! Giulia Cucco

15 BENACO (Lago di Garda) Dalla strada tortuosa per Prada verso il Monte Baldo fiorito ecco laggiù le acque placide del lago, di Garda o Benaco, che da secoli regna superbo a contàr generazioni. Tentano vele solitarie l'acque baciate dal primo sole, suoni giungon lontani, braccia in alto protese cingono bianche scogliere dell'austero monte tinto di verde: case d'ocra fan festa in Maderno distesa nel mattutino risveglio, chiatta immobile sul lago. Al calare del giorno i monti segnano l'acque, quieto piombo serale, vanno in lento declino nubi già accese dal sole. Luci sulla costa sussurrano parole d'un lungo racconto. Così si consumano i giorni in moto perpetuo. Giuseppe Bertola MAREMMA

16 (Revival) Ai piè dell'antica rocca di Sorano etrusca immagino, riandando, de' Tolomei la Pia chiusa in Castel di Pietra, i suoi magri pasti di legumi or detti "del Purgatorio", come là dove l'incontra il Vate: "Ricorditi di me, che son la Pia; Siena mi fé, disfecemi Maremma". Terra maremmana, terra di mali, or spazia l'occhio nella pianura risanata, che colline viti ed ulivi or fan gentile, fino all'acque torbide dell'ombrone grossetano. Liberi tra boschi a pascolare, i suini neri macchiaioli pàion "cerdos" di Andalusia, terra amata che reco in cuore: all'azzurro fondo del suo cielo mi porta il volo del grucciòn vivace che sfreccia libero lassù. A sera nella pace settembrina un alito di vento evoca ricordi e porta un sussurro di parole,... ricordati di me, ricordati... Di quel tempo antico resta vivo ancora oggi il moto eterno delle nubi che capricciose vanno e l'alito di vento che le foglie muove a salutare la stagione nuova.

17 Marina Varrese PAESE di giorno la fila di grige case l una all altra poggiate a salire il colle di sera la breve linea di lumi a ricordare che esisti. Maria Grazia Porceddu IL SENTIERO DEGLI DEI Geme tra le bianche dita nebbiose sul grigio pinnacolo, l'eco incessante di remoti Dei. Li vedo lì, assisi su troni d'argento i celesti numi, blandire il cielo accarezzando le eterne creste rocciose. Il vento lieve eppur dolcemente insidioso porta con sé l'odore del mare. Tra misteriose fenditure sento vibrare leggero il respiro di bionde ninfe. Timidi, i raggi di Elio si aggrappano all'alba riflettendo sulla lucida pozza marina. Ferma, lungo il Sentiero degli Dei contemplo lidi lontani. Estasi meravigliosa. E' qui che voglio restare. Oggi è qui che abito.

18 Michele Leone MENTRE SENTO CHE TREMO Paesaggi di un cuore che non sa dove batte, di anime custodite ancorate alla luce. Paesaggi di vento con profumi d'immenso, di ogni singolo passo che traduco in destino. Paesaggi fatati tra gli gnomi e le stelle, di pioggia e paura, mentre inseguo i miei sogni. Paesaggi felici ricchi di ogni colore, orfani di me stesso tra le attese distanti. Paesaggi per mamma che mi vive negli occhi, di bambini volanti dietro ai loro aquiloni. Paesaggi che ho visto, che non sanno stancarmi, che proteggo dal tempo mentre sento che tremo. Antonietta Maddaloni PENSIERI D UN TEMPO I miei pensieri corrono sereni a quei tempi d'infanzia, alla lieve brezza che si posava sul mio viso, alla rugiada che mi bagnava, alle lunghe corse sui prati di campagna, al profumo dei fiori di campo, all odore dell 'erba appena tagliata, alla vista di quei paesaggi... Dagli ulivi alle viti

19 mi imbattevo, sorridendo alla vita, ai primi raggi di sole, agli alberi fioriti, ai miei primi anni di volo... Le rondini si innalzavano nella quiete del dì, si rincorrevano come in una gara... ed io le guardavo stupita della loro forza, assorta in mille pensieri sospesi nell 'aria verso l'infinito... Ed ora i ricordi mi riaffiorano alla mente, come fiori che ritornano a vivere, come ali che ritornano a volare, e la felicità più grande è scoprire che le illusioni, i pensieri d'un tempo, sono ancora più nitidi di ieri e m illudono, accompagnano la mia fantasia nel lungo sentiero della vita mia Marco Bellini CI SONO LUOGHI CHE HANNO PERSO LA PELLE Ci sono luoghi che hanno perso la pelle, prati dove il falco non vola la sua caccia. C'è qualcosa di scolpito nell'aria, fendenti e ruggine nella tela mentre l'erba incatena la terra senza trovare nel ciclo uno specchio. - Si nascondono i singhiozzi nelle pieghe della luce -.

20 Paola Scatola SENZA TITOLO Ma io la vedrò gettatemi sabbia negli occhi fatemi perdere la favella ma io la vedrò. Strappatemi i capelli mostratemi a dito quel che è mio da quel che è vostro. Il mio paese ha il mare. Valentina Rosalfio MEDITERRANEO Dal biancheggiar delle onde dall'azzurro del cielo e vestito anche dal gelo raggiungi le lontane sponde. Mediterraneo nell'anima maestoso ritorni per colorare i contorni di una candida pagina. Mediterraneo nel corpo pizzicata sulla spiaggia è la melodia che viaggia dall'arancio al tramonto. Le rocce s'innalzano dal mare bagnate dal sale scolpite e i gabbiani volano.

21 Il riflesso argenteo della luna, quello dorato delle stelle nell'acqua come lucciole mediterraneo nella notte bruna. Mario Menin TERRA DI PUGLIA Infissi negli occhi muri di pietre bianche labirinti di fatiche antiche lunghi interminabili itinerari d'emigranti sono arrivato e partirò Laura Vincenzi NERO PRATO Fiori chiusi nel manto d erba buia celano dolci sguardi a colori chini bisbigliano preghiere mute gli steli scossi da fremiti d ali. Quieti bagliori lumi di lucciola avanzano tra i sogni del prato nelle tane battiti di palpebre mille occhi di chiese sospiranti. Vite in nero tra pose a scatto cercano una luce che si nega

22 impressi su pellicole a nastro affiorano passi fioriscono ombre. Scordato il giorno alta la notte danza gitana su palchi di vento lascia profumi di donna nell aria pizzi neri di nuvole in cielo. Tempo fermo lancette immobili perdute le ore una ad una culla i campi la voce del sonno cantano grilli tra orme di lepre. Silvio Perego ARRIVANDO A MILANO Quando vorresti essere solo un sogno nel cielo e il sole sembra non sorgere mai sopra la città Sotto a questo orizzonte di sottopassi e raffinerie Tra le scritte incandescenti sul retro delle case annerite dal tempo Parole magiche come Berlusconi Troia a neri sbiaditi caratteri cubitali Un bacio a tutte voi Maria sempre con te Ah! Ah! Felice anno nuovo container Evergreen, Yang ming e tralicci giganti e mille papaveri rossi sparsi come piccole gocce di sangue tra la ruggine dei capannoni vuoti & palazzi palazzi & ancora palazzi palazzi COME carcasse abbandonate e mille parabole come mille occhi grigi puntati nel nulla. All altezza di Rho carri FS 4 assi rinchiudono più di dieci anni della mia vita In attesa della sentenza di un giudice & un mondo animale viscido verde Con la testa in su e la lingua di fuori Bros deve essere passato anche da qui nelle periferie desolate senza niente da dire

23 dove autocisterne, insegne pubblicitarie, piazzole e cortili, infilzati da alberelli spennati, stitici che appaiono qua e là senza troppe pretese piegate dai lavori del nuovo polo fieristico in vista del futuro progressista imminente senza poesia, odorano di fallimento e di bruciato un odore che mi chiama dal finestrino del treno dove il mondo appare sempre più piatto e lontano. Tutto questo all ombra lontana delle montagne dall aspro profilo quasi impaurite, sullo sfondo mentre tutto scivola sotto i piedi tutti i giorni della nostra vita andando verso Milano col riverbero del sole che stenta a sorgere che si riflette sui comignoli lucenti e sui tetti delle macchine che ci illude e ci trasforma in ombre. Fabiola Ballini OLTRE IL SILENZIO Timida si veste l alba di nuovi colori, campane richiamano donne all altare, un vecchio sorride al paese natio. Il volto abbassato, le mani appoggiate al bastone, e voce che prende fiato guidata dalle mani leggere del vento Stradine disegnate tra le rocce, impervie oltre piccole fontanelle ornate a festa. Profumi scompigliano pensieri, abbracciati alle fronde Dei millenni E qui, che al sole è permesso di tingere guance candide e ammaliare bianchi seni

24 E qui, che al mondo è permesso di sostare per un attimo, e respirare E qui, che la terra racconta di corpi e fatica e di mani semplici. Dolce, inebriante messaggio D amore, sa donare All animo di un poeta, mentre cime innevate mutano colore, quando il sole giunge al suo commiato oltre il silenzio i ricordi si concedono alla bellezza. Paolo Di Palma CARACCIOLO Luce leggera d inverno marino quasi già mascherata primavera asciugami il volto di unguenti fini, arresta l onda stanca di nuotare. Ho chiusi gli occhi e d un tratto mi resta il fugace colore dei venti e dolce dolore mi assale nell urlo appassito del tempo. Guardo i terrazzi in continuo corteggio in questo cielo che adesso respinge materno: tu sei una madre pazza che a volte mi culla e più spesso finge. Poi mi abbandona la voglia del mare: scendo dal molo e ascolto salire le assenze continue che portano a galla il mio ripetuto ripartire.

25 Alessio Vailati LA VALLE DELL ADDA Il respiro che qui dalla pineta si allarga e strapiomba all ingiù, a fondovalle, con un rapido volo senz ali, l ansa dell Adda che snoda il suo corso e specchia fra prati e boscaglia la proda celeste -se proda è pur questo confine sottile col cielo- e poi la tua immagine ferma all istante in cui tutto ha un principio e una fine. Era un fiorire di raggi, un balenare di varchi e passaggi; era un correre lungo i filari, a perdifiato, contro la luce e l ombra. Ed ora come sei distante Ma a questi mattini la tua voce esitante ancora riecheggia fra cime e prati e dov eri tu, è un frusciare di rami. Marco D Anna PAESAGGIO: NOTTE DI CITTA Ti guardo appena sveglia Notte bambina tra i palazzi di città, con la luna,lama di falce, che veglia sulle strade popolate di sogni. C è un silenzio così forte, anche il vento intimidito chiede scusa, Mentre lieve,leggero, Sibila tra le ringhiere antiche,arrugginite, di quei balconi sospesi sopra i viali deserti, anche loro assopiti,dormienti,incuranti, di quelle poche anime, che di sotto camminano sole. Giovani vecchi tardano ancora Nel tempo scandito da orologi ingialliti, nei bar di quartiere

26 nei bicchieri d amaro cattivo tra sconosciuti racconti ed occhi un po spenti. Ma dorme la città, dorme distesa tra la collina e il mare tra i castelli e le antiche mura dorme la costa e riposano i marciapiedi tace la via che porta a casa mia sotto mille lucine...e le chiamano stelle! Cielo dal blu intenso e suadente Nuova luce sulle case ormai stinte La mia compagnia nel deserto notturno La mia solitudine nel vociare del giorno. Ritorno a casa,lentamente, godendo il silenzio, e la danza leggera e perfetta di cartacce romantiche, volteggianti abitanti dei portici notturni. Che incanto la città di notte Sotto mille lucine, che splendore! solo una città che dorme, e le sue mille lucine e le chiamano stelle. Giovanni Ziviello IRISH SEA: (ON THE SHORE ) a happy valley; i bossi conservano brividi del nord con gelosia tortuosa dai poggioli (great orme) li vedi a schiere sventolarsi a gridi sepolti nella linea glauca tinte sobrie d im pressionism o vittoriano); ma oltre... un brandello di frivola esistenza (un ricordo, direi) stenta ai lesti grigi affastellati, s accomoda al suono delle clessidre (séguiti di spum e e storie): e galeoni, schooners, e i rumori dei ponti... e quanti ancora solcheranno i venti... s immergono negli specchi sentieri

27 (tra i tanti uno sosta in un angolo di cosmo, scosto) e frusci biancastri si immolano sull arenile (una lacrima...), cenci verso l orizzonte e quante ancora si poseranno smunte sbronze giammai defunte... scrigno ancestrale, custodisci frali gli aneliti per altri bardi. (e chissà un giorno per m e ci sarà posto in un tramonto porpora) lacrime che cullano pensieri di vorticosa spuma spuma vitale nel fragore ch è impeto. adieu,adieu...irish sea! Riccardo Minissi DESERTI Ho visto dune a perdifiato fino alla linea sottile dell orizzonte, saliscendi sabbiosi dalle forme imprevedibili, nei tramonti rosso-fuoco del profondo Maghreb, sopra i quaranta gradi, oscurati nelle notti polari passate all addiaccio, monotonia ininterrotta, da misteriose carovane di Tuareg e beduini dirette verso mercati lontani per il commercio al minuto. Poi un soffio di vento il ghibli, mi ha trasportato

28 sulla volta celeste, ammirando panorami subsahariani a perdita d occhio, passeggero di un jet virtuale, che guarda dall alto la vita a ritmo lento di rare oasi verdeggianti per farmi infine atterrare sull albero maestro di un peschereccio mediterraneo fra giornate grigie e monotone senza movimento, ad altre animate da febbrili attività, di volti anonimi ai punti d imbarco, reti a strascico animate da una moltitudine di pesci morenti, immobile testimone del mondo moderno, che pulsa in modo incessante. Maria Colesanti LA BELLA DORMIENTE DEL SANNIO Dolcemente adagiata sotto il cielo riposa la mia bella addormentata: la scalda il sole e la pioggia la disseta. Giace distesa mentre ogni voce tace ed io la osservo con gran languore perché ne invidio il sonno e la gran pace. Sembra una donna voluttuosa e pigra che ostenta con orgoglio il suo profilo: fronte spianata e capelli fluenti, nasino greco e bocca tratteggiata, petto robusto, mammelle prorompenti, vita sottile e ben delineata. L'osservo all'alba quando sorge il sole e la tinge di rosa e di riflessi, l'ammiro a sera quando all'orizzonte, si staglia nella sua conformazione. E' un quadro degno del più gran pittore, sottoposto alla vista e all'attenzione dell'umile viandante e del cultore dell'arte raffinata. Con fatica si riesce a immaginare che una montagna possa aver sembianze

29 di una donna sì bella e provocante da scatenare passioni e compiacenza. Eppur, la mia montagna, che al Sannio fa da inquadratura, se ne sta lì, ieratica e romantica, nel suo vestito di fitta verzura. Ancor più bella appar, quando la bruma, umida e fredda, le fa da copertura mentre l'avvolge soffice e ondeggiante lasciando intravedere le sue alture. Sembra un'ondina che galleggia placida su un mare calmo che la tiene a galla mentre beata, registra da lontano i confini del Sannio benedetto, terra di eroi, di papi e buona gente, che non arretra mai davanti a niente. Laura Lomuscio SOGNO Curioso splendore, spumoso luccicare di specchi, dolce e languido movimento di granelli d'oro gioca scivolando su interminabili curve, carezze infrante su arse illusioni. E respiro affannosa, sapore di dolci raggi persi nel vagar tra le onde, cullandomi nel esser mio donna nel sogno ormai perso. Alessandro Monticelli TI SCRIVO DA UN HOTEL Ti scrivo da un hotel a due stelle In una antica città del sud Molto lontano da casa. Il viaggio è stato lungo,passaggi interminabili Tra vigneti e immensi prati verdi Squarciando all improvviso viali di paesi sonnolenti Con rare figure di giovani stanchi e vecchi con occhiali da sole

30 Appoggiati a fioriere a borbottare, aspettando la cena o di morire. Ti scrivo da un hotel a due stelle in un tempo scorsoio Avvertito dalla carne Nell ora viscosa dell orologio Nella pioggia estiva che porta la sabbia dell Africa vicina. Ti scrivo da un hotel a due stelle Fuori dalla finestra luci smunte e sparse. Ti scrivo di sera da un hotel a due stelle Le ultime due che sono rimaste. Giovanni Catalano NON E MAI STATA UN ALTRA E portare con sé attraverso ogni porto la notizia che l arpa o la fontana di una certa piazza siano rimaste intatte. La stessa fanciulla si scuote ora nei capelli lunghi, rinnovati. Come quel giorno se risale dalla vasca. Nuda. È la stessa. Qui il tramonto è rimasto appeso alla Torre Campanaria, invischiato nella rete dei laterizi di Solopaca. Poco più in là la notte. Qualcuno, in fondo, su un prato d alghe, deve starsene seduto a misurare il cielo, quanto è lontano. Gli ulivi nel vento

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia!

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia! Introduzione Le rime dell anima, è il titolo di questa raccolta di poesie; tre libri in uno, un universo di emozioni autentiche, scatenate dal cuore, rime suggerite dall anima. Io... voi... e poesia...

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma.

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma. Terra di nessuno * José Ramón Trujillo Mentre l ombra è ancora, oltre i muri di pietra, un immenso desiderio d esser vivo (un immenso desiderio di mettersia camminare tentoni per la casa; di andare fino

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Calogero Parlapiano. respirami l anima

Calogero Parlapiano. respirami l anima Poesia Aracne 38 Calogero Parlapiano respirami l anima Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 isbn 978

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C LA NEVE SOFFICE La neve non si sa dov'è ma è bello se c'è. Soffice come un letto dove puoi fare un angioletto, se vai al sole la vedi brillare ma con gli occhiali gli occhi devi riparare. La neve si scioglie

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

IL VENTO. Il vento porta, ammassa, serra, spazza nubi nell aria. Betulle, gazzelle su gambe affilate, piegano le chiome. in veloci sfruscii

IL VENTO. Il vento porta, ammassa, serra, spazza nubi nell aria. Betulle, gazzelle su gambe affilate, piegano le chiome. in veloci sfruscii IL VENTO Il vento porta, ammassa, serra, spazza nubi nell aria. Betulle, gazzelle su gambe affilate, piegano le chiome in veloci sfruscii di luce inondati. Spiana l erba nel coro strascicante del vento

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Michele Angelo Citro STACCI DI VITA

Michele Angelo Citro STACCI DI VITA Stacci di vita Michele Angelo Citro STACCI DI VITA Pensieri ed emozioni raccolti in versi The Preacher dixit www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Michele Angelo Citro Tutti i diritti riservati Ai tuoi

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

POESIE 1B. Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio

POESIE 1B. Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio POESIE 1B Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio Il sole può essere un amico Quando guardo il sole mentre gioco a pallone appare una luce bianca che sembra un illuminazione. Il sole mi sorride e

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i

FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i Chiam a ai num eri 066550684 e 0665499074 o invia una m ail a even t i@locan dadeim

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Gabriela Mesia Bolivar

Gabriela Mesia Bolivar Gabriela Mesia Bolivar Ho visto il cielo arancione e la forma del sole, che tramontava, e un albero che si nascondeva, tra l'oscurità, i gabbiani che se ne andavano, mentre la luce spariva e la notte veniva

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

La montagna è come una scala: prima sale e poi scende. La montagna è una roccia grigia come un muro. La montagna assomiglia alla lettera A.

La montagna è come una scala: prima sale e poi scende. La montagna è una roccia grigia come un muro. La montagna assomiglia alla lettera A. LA MONTAGNA La montagna è normale non va al centro commerciale, se la vedi è speciale non sta mai male. Non smette di stupire lo posso ben dire, ha piedi accoglienti e bordi non taglienti; è buona, ma

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi. Acqua acqua acqua. io con te posso giocare. io con te voglio volare,

Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi. Acqua acqua acqua. io con te posso giocare. io con te voglio volare, Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi fratellini e tutte le sue sorelline. Acqua acqua acqua io con te posso giocare io con te voglio volare, per danzare con le onde

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

Norvegia: Le isole Lofoten Tra montagne e fiordi - terra di gabbiani e merluzzi

Norvegia: Le isole Lofoten Tra montagne e fiordi - terra di gabbiani e merluzzi Scure, montagnose, sparpagliate quasi ad anfiteatro lungo la costa settentrionale della Norvegia... ...le isole Lofoten rappresentano, un paradiso naturale non solo per la grande quantità di uccelli che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Autunno: storie L aquilone

Autunno: storie L aquilone Autunno: storie L aquilone In autunno c è un giorno speciale: dal mare comincia a soffiare un dolce vento, che si fa sempre più forte e va nelle città, nei paesi, nei boschi, alla ricerca degli aquiloni.

Dettagli

Poesie - Matteo Nicolin. Matteo Nicolin. Poesie

Poesie - Matteo Nicolin. Matteo Nicolin. Poesie Matteo Nicolin Poesie Selezione, 2013 1 La signora Nostalgia (e il suo irriverente ospite) Spesso, verso sera, mi reco alla casa di Nostalgia, una vecchia e cara amica mia: è sempre ora di cena (già io

Dettagli

Musica Cre-Grest 2011

Musica Cre-Grest 2011 TESTI E ACCORDI Musica Cre-Grest 2011 Indice testi e accordi Battibaleno Rock del Cucù lumaca va Battiti Eri Tu Tic e Tac Tempo 106 la MUSICA BATTIBALENO Mim 7 Si 2v. la la in un battibaleno! E se saltiamo

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

Sofia Signorelli. Giorgio Giannone

Sofia Signorelli. Giorgio Giannone Sofia Signorelli Nei miei occhi Nei miei occhi sbocciano teneri tulipani gialli, si accendono piccole lampade come stelle gioiose che danzano tra le ciglia. Le mie palpebre si muovono su e giù a ritmo

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è malinconianuda sono qui nuda appesa al chiodo della mia malinconia di questa mia grande malinconia che è qui presente incolmabile immensa e mi tiene prigioniera il capo reclinato i capelli sciolti e biondi

Dettagli

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA LA 2Cs PRESENTA.... INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI MONUMENTI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA 14 NOVEMBRE 2009 ITIS G.MARCONI-VERONA Incontro con Chiara Nardi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010

ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010 ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010 2010 RELAZIONE FINALE Il progetto Scuola fiorita, realizzato nella Scuola Primaria di Bagnolo del Salento nel secondo quadrimestre

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

ELOGIO DI DONNA. Ha un fiore nel petto profumo nelle mani un petalo caduto nel sinuoso disegno d un ombelico allettante

ELOGIO DI DONNA. Ha un fiore nel petto profumo nelle mani un petalo caduto nel sinuoso disegno d un ombelico allettante ELOGIO DI DONNA Ha un fiore nel petto profumo nelle mani un petalo caduto nel sinuoso disegno d un ombelico allettante Una realtà inusitata un progetto di sogno in quel vago chiarore che sorprende quando

Dettagli

Rischiamo il Coraggio

Rischiamo il Coraggio Rischiamo il Coraggio Fraternità di Romena Veglia 2013-2014 Coraggio è il venire dell alba, l ora delle stelle e della notte che sogna, canna incrinata che suona ancora, fiamma che resiste scossa dal vento.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede.

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede. Priscilla dei lupi 1 Le luci del pomeriggio rimbalzano sfocate tra i rami. È un momento di assoluto silenzio anche se nel bosco domina il rumore. Un lupo saltella tra la sterpaglia intorno a un rovo di

Dettagli

LUCIANO MORANDINI - ANTOLOGIA POETICA

LUCIANO MORANDINI - ANTOLOGIA POETICA LUCIANO MORANDINI - ANTOLOGIA POETICA Pagina 1 di 16 [Luciano Morandini] Nel bosco d ortiche Era malata ogni foglia Assurda la luce D ogni povero giorno Due occhi accendevano un lume Riapparivano impronte

Dettagli

ABSCONDITUS. Non vedo più. Attraverso il vuoto del cielo che dorme. Senza anima le stelle non dicono nulla. *

ABSCONDITUS. Non vedo più. Attraverso il vuoto del cielo che dorme. Senza anima le stelle non dicono nulla. * SPAZIO LETTERARIO Nuova Umanità XXIII (2001/5) 137, pp. 703-714 ABSCONDITUS Lontano. Tra i rami non credo! salirà la luna. La sento recitare una triste poesia di quelle nostalgiche che il Tempo scrive

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Canzoni di Carnevale

Canzoni di Carnevale Canzoni di Carnevale CORIANDOLI Testo e Musica di Pietro Diambrini Prendi un foglio di carta, prendilo colorato, prendi le forbicine col bordo arrotondato, taglia, taglia, taglia, taglia, e tanti coriandoli

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

Al mare. Al mare. Al mare

Al mare. Al mare. Al mare domani al mare andrò e tanti bagni io farò Poi la crema spalmerò così la pelle non brucerò e se il sole brucia un po' sotto l'ombrellone io starò Ludovica Belmonte 3^C Oggi ho deciso di viaggiare e andare

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

Umberto Fiori Nove poesie

Umberto Fiori Nove poesie Umberto Fiori Nove poesie APPARIZIONE Alte sopra la tangenziale, chiare, due case con in mezzo un capannone. E questa l apparizione, ma non c è niente da annunciare. Eppure solo a vederli là fermi, diritti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Francesca Gallus. Poesie in volo

Francesca Gallus. Poesie in volo Il sole sorge ed è già poesia e il profumo della vita io lo sento, quando l amore ti entra nelle vene, e un sorriso allevia le tue pene, il profumo della vita, io, lo sento! Francesca Gallus Prendi un

Dettagli