V E R D O N E E D I T O R E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V E R D O N E E D I T O R E"

Transcript

1 VERDONE EDITORE

2 Con il patrocinio di REGIONE ABRUZZO Presidenza del Consiglio Regionale Presidenza della Giunta Regionale Provincia di Pescara Comune di Atri Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Con il patrocinio ed il contributo di Provincia di Teramo Comune di Giulianova Con la sponsorizzazione di Antico Laboratorio Orafo Armando Di Rienzo - Scanno Questo volume è stato pubblicato con il contributo della Grafica e composizione ALFREDO VERDONE CASTELLI (TE) TEL FAX it COPYRIGHT I diritti sono riservati

3 ASSOCIAZIONE ITALIANA INSEGNANTI di GEOGRAFIA SEZIONE ABRUZZO abruzzo dignità antiche e identità future Giulianova Lido (Te) ottobre Convegno Nazionale Associazione Italiana Insegnanti di Geografia 5 Convegno Nazionale Associazione Italian Insegnanti di Geografia - Giovani 14 Corso Nazionale di aggiornamento e sperimentazione didattica geografie verdone editore

4 Il Presidente della Repubblica ha inteso manifestare il proprio riconoscimento al 53 Convegno dell Associazione Italiana degli Insegnanti di Geografia assegnando una speciale medaglia commemorativa.

5 Questo fascicolo, che vede la luce in occasione del 53 Convegno Nazionale dell AIIG, raccoglie pensieri sulla geografia proposti da autori con formazioni e competenze eterogenee. Se è vero che i pensieri appaiono talvolta liminari rispetto ai canoni istituzionali della disciplina, è tuttavia vero che è proprio della geografia non escludere aspetti dell agire umano che, combinandosi con gli elementi della natura, li modificano modificandosi, nel contempo, essi stessi. La varietà dei punti di vista e dei metodi di approccio, dalla trattazione compiuta ai frammenti alle citazioni letterarie, si offre, allora, come intenzione di produzioni contaminanti e provocatorie. Agnese Petrelli 5

6 nicola aversano gianfranco battisti rolando d alonzo emilio de grazia gino de vecchis valeria di felice franco farinelli cristiano giorda lucia lo presti peris persi agnese petrelli maria pitì carlo brusa cristina morra, alessandra borgi daniela pasquinelli d allegra geografie 6

7

8 Presunzione e fatti Vincenzo Aversano Che la Geografia non goda, in generale parlando, di buon apprezzamento e trattamento sul versante scolastico, accademico e nella comune considerazione da parte degli operatori e osservatoriesterni, è un dato indiscusso, come dimostrano da ultimo gli scarsi risultati delle battaglie difensive che pur l AIIG ha generosamente condotto. Alla richiesta di scrivere qualche libera riga sulla nostra disciplina, in occasione del convegno nazionale d Abruzzo, decido di rispondere con brevi riflessioni, quasi alla buona, su qualcuna delle tante cause che sono all origine, a mio modesto avviso, di tale scarsa considerazione. Ritrovo la prima di esse - e mi dispiace, ma lo dico prima di tutto a me stesso - nel fatto che la Geografia, oltre ad essere scienza di superficie, da molti viene praticata, nell approccio concreto di ricerca e dei relativi risultati di conoscenza e nella trasmissione didattica, con una certa superficialità, che spesso rasenta la banalità. E ciò a fronte di grandi enunciazioni e autoelogi di massima (che stavolta non mi appartengono), del tipo La Geografia è la sola scienza che studia i rapporti Uomo-Ambiente. Tale affermazione, di solito accettata acriticamente perché data per scontata, se per un verso contiene una non veridica avocazione di esclusività, per un altro non esaurisce tutto l oggetto di studio e le potenzialità della nostra scienza. Essa ha il torto, in primis, di essere troppo generica e omertosa, giacché, a proposito di tale interazione con la Natura, non specifica trattarsi di rapporti intrattenuti da Uomini non astrattamente considerati, ma localizzati, portatori di una loro civiltà e divisi in razza, sesso, età e soprattutto in categorie socio-economico-culturali, per lo più all interno di un organizzazione politico-statuale estremamente mediante e filtrante, quando non tragicamente coattiva nel caso di realtà dittatoriali. Dal canto suo, poi, la Natura, dopo il primo impatto con la componente antropica, comincia a umanizzarsi e perde sempre più la sua verginità di ambiente fisico, per modo che non è più distinguibile in essa il tasso di naturalità e quello di umanizzazione : chi potrebbe negare che nemmeno i poli o i ghiacci eterni delle alte vette sono più intatti, se non altro per gli effetti indiretti dell intervento umano, che comporta ad esempio le piogge acide a distanza, la circolazione globale dei gas emessi e simildicendo? Dunque, la Natura si rapporta nel tempo in veste diversa, via via più antropizzata, rispetto all energia espressa dall uomo con le sue attività materiali e spirituali, comportando un tipo di- Carlo Emilio Gadda LA COGNIZIONE DEL DOLORE Di ville, di ville!; di villette otto locali doppi servissi; di principesche ville locali quaranta ampio terrazzo sui laghi veduta panoramica del Serruchòn - orto, frutteto, garage, portineria, tennis, acqua potabile, vasca pozzonero oltre settecento ettolitri: - esposte mezzogiorno, o ponente, o levante, o levante-mazzogiorno, o mezzogiorno-ponente, protette d olmi e antique ombre dei faggi attraverso il tramontano e il pampero, ma non dai monsoni delle ipoteche, che spirano a tutt andare anche sull anfiteatro morenico del Serruchòn e lungo le pioppaie del Prado; di ville! di villule!, di villoni ripieni, di villette isolate, di ville doppie, di case villerecce, di ville rustiche, di rustici delle ville, gli architetti pastrufaziani avevano ingioiellato, poco a poco, un po tutti, i vaghissimi e placidi colli delle pendici preandine, che, manco a dirlo, digradano dolcemente : alle miti bacinelle dei loro laghi. Quale per commissione d un fabbricante di selle di motociclette arricchito, quale d un bozzoliere fallito, e quale d un qualche ridipinto conte o marchese sbiadito, che non erano riusciti né l uno a farsi affusolare le dita, né l altro, nonché ad arricchire, ma purtroppo nemmeno fallire, tanto aveva potuto soccorrergli la sua nobiltà d animo, nella terra dei bozzoli in alto mare e delle motociclette per aria. Della gran parte di queste ville, quando venivan fuori più civettuole che mai dalle robinie, o dal ridondante fogliame del banzavòis come da un bananeto delle Canarie, si sarebbe proprio potuto affermare, in caso di bisogno, e ad essere uno scrittore in gamba, che occhieggiavano di tra il verzicare dei colli. Noi ci contenteremo, dato che le verze non sono il nostro forte, di segnalare come qualmente taluno dè più in vista tra 8

9 verso e più complesso di sinergia. E lascio da parte qui l idea, che merita ben altri approfondimenti socio-politici ed etici, secondo cui anche l Uomo verrebbe naturalizzato dal sistema produttivo, onde essere meglio sfruttato ed alienato... Se, dunque, questo luogo comune sull oggetto di studio della Geografia, per la sua genericità, omertosità e ipocrita neutralità va fortemente ridimensionato, non meno discutibile, per la sua parzialità, esso appare anche dal punto di vista scientifico: la Geografia, infatti, oltre i rapporti verticali tra comunità umane e natura fisica, studia quelli orizzontali tra popolazioni, stati, enti, produttori e così via, ossia i contatti nello spazio tra uomini, conoscenze e cose materiali. In definitiva, allora, sulla superficie terrestre e nel tempo la combinazione tra interazioni verticali e orizzontali finisce per diventare nei fatti una catena di cause-effetti incrociati, cioè il sistema-territorio (e non semplicemente ambiente o ecosistema), con le sue fattezze e la sua vitalità interna, che è scientificamente analizzabile e socialmente controllabile nella sua completezza solo, ovviamente, con un approccio sistemico, attraverso la costruzione, nella fase più avvertita e avanzata, di modelli, le cui variabili devono essere attentamente predeterminate (di vario tipo e incidenza nel fisico, nel demografico, nel socio-economico, nel politico, ecc.). Niente paura: anche quando non vuol o non sa far ricorso alla matematica, il geografo umano e/o umanista deve attivare, nel suo piccolo, un approccio sistemico, sforzandosi di prendere in considerazione, con mente libera e critica, quante più variabili possibili nella sua ricerca. Solo così si può giungere a quel tipo di conoscenza utile e applicabile progettualmente sul territorio, volta cioè a rettificarne il grado di entropia eco-socio-economico-culturale con interventi anentropici. L obiettivo non è semplice da conseguire, già solo per il fatto che a questo punto subentra più pressantemente e talora drammaticamente il problema della scala di ricerca e di intervento (si pensi già solo ai costi...), che non può essere se non un progetto pianificatorio volto a finalità di sviluppo sostenibile e integrato. È evidente che una geografia fatta, e magari applicata così, comporta non più una mente e un cuore soli, ma intere équipes di studiosi delle più varie branche dello scibile (fino ai tecnici) che però analizzino insieme interdisciplinarmente le problematiche che si vogliono comprendere e risolvere. A ben vedere, siamo arrivati nel cuore della descrizione regionale, documentata, metodologicamente avvertita, pronta per l uso pianificatorio verso obbiettivi condivisi anche dal basso. Ebbene, ognun sa che oggi, paradossalmente, la corografia, che meglio sarebbe definire corologia, in quanto arricchibile da fonti e approcci sempre più raffinati e sapienziali, è stata quasi abbandonata e viene guardata quei politecnicali prodotti, con tetto tutto gronde, e le gronde tutte punte, a triangolacci settentrionali e glaciali, inalberasse pretese di chalet svizzero, pur seguitando a cuocere nella vastità del ferragosto americano: ma il legno dell Oberland era però soltanto dipinto (sulla scialbatura serruchonese) e un po troppo stinto, anche, dalle dacquate e dai monsoni. Altre villule, dov è lo spigoluccio più in fuora, si raddrizzano su, belle belle, in una torricella pseudosenese o pastrufazzianamente normanna, con una lunga e nera stanga in coppa, per il parafulmine e la bandiera. Altre ancora si insignivano di cupolette e pinnacoli vari, di tipo russo o quasi, un po come dei rapanelli o cipolle capovolti, a copertura embriacata e bene spesso policroma, e cioè squamme d un carnevalesco rettile, metà gialle e metà celesti. Cosicchè tenevamo della pagoda e della filanda, ed erano anche una via di mezzo fra l Alhambra e il Kremlino. Poiché tutto, tutto! era passato pel capo degli architetti pastrufaziani, salvo forse i connotati del Buon Gusto. Era passato l umberto e il guglielmo e il neoclassico e il neo-neoclassico e l impero e il secondo impero; il liberty, il floreale, il corinzio, il pompeiano, l angioino, l egiziosommaruga e il coppedè-alessio; e i casinos di gesso caramellato di Biarritz e il d Ostenda, il P.L.M. e Fagnano Olona, Montecarlo, Indinàpolis, il Medioevo, cioè un Filippo Maria di buona bocca a braccetto col Califfo: e anche la Regina Vittoria (d Inghilterra), per quanto stravaccata su un ottomana turca: (sic). E ora vi stava lavorando il funzionale novecento, con le sue funzionalissime scale a rompigamba, di marmo rosa: e occhi di bue da non dire, veri oblò del càssero, per la stireria e la cucina; col tinello detto office: (la qual parola esercitava un fascino inimmaginabile sui no- 9

10 quasi con sospetto, in nome di una analisi territoriale per problemi, che spesso fa scomparire dalla presa in considerazione proprio le base fondante della riflessione geografica: lo spazio. Ecco perché chiunque voglia oggi svolgere attività o professione di geografo, a vari livelli, deve mettere in conto una preparazione (o almeno buoni rudimenti) sulle più varie materie del versante naturale, economico-sociale, demografico insediativi urbanistico, non senza una conoscenza storica dei meccanismi di stratificazione territoriale, cioè dei processi passati che hanno generato le fattezze attuali di micro-meso-, macro-regioni, se non di tutto il pianeta. Non è poco! Pertanto, se un consiglio mi sento di dare a chi voglia incamminarsi nella avventura della ricerca-didattica geografica, lo richiamerei al massimo dell umiltà e lo avvertirei così: studiare studiare studiare, avere plurimi contatti personali e di rete con esperti di differenziate branche dello scibile, evitare gli approcci superficiali o banalizzanti e puntare su obiettivi di salvaguardia ecologica, di produttività efficiente e di giustizia socio-economico-culturale generalizzata (uso chiamarla eco-effiquity), a tutte le scale fino a quella globale. Un consiglio che ho sempre dato a me stesso, non importa con quanto effettivo profitto: l importante è mettercela tutta nel provare a far scienza con coscienza... velli Vignola di Terepàttula). Coi cessi da non poterci capire se non incastrati, tento razionali erano, di cinquantacinque per quarantacinque; o, una volta dentro, da non arrivare nemmeno al sospetto del come potervisi abbandonare: cioè a manifestazione alcuna del proprio libero arbitrio. Ché, per quanto libere, sono però talvolta impellenti e dimandano, comunque, un certo volume di manovra. Con palestra per i ragazzi, se mai volessero cavarsi lo sfizio; non parendogli abbastanza flessuosi e snodati tra una bocciatura e l altra, tra il luglio e l ottobre. Con tetto a terrazzo per i bagni di sole della signora, e del signore, che aspiravano già da tanto tempo, per quanto invano, sia lei che lui, all abbronzatura permanente (delle meningi), oggi così di moda. Con le vetrate a ghigliottina uno e sessanta larghe nel telaio dei cementi, da chiamar dentro la montagna ed il lago, ossia nella hall, alla quale inoltre conferiscono una temperatura deliziosa: da ova sode. Ma basti, l elenco delle escogitazioni funzionali. Fra le ville della costa di San Juan, lungo lo stradone del Prado (saettavano i rimandi rossi dei loro vetri avverso il taciturno crepuscolo), c era anche, piuttosto sciatta, e ad un tempo stranamente allampanata, Villa Maria Giuseppina; di proprietà Bertoloni. Il crepuscolo, e il suo fronte malinconioso e lontano, appariva striato, ad ora ad ora, da lunghe rughe orizzontali, di cenere e di sanguigno. La villa aveva due torri, e due parafulmini, alle due estremità d un corpo centrale basso e lungo; tanto da far pensare a due giraffe sorelle-siamesi, o incorporàtesi l una nell altra dopo un incontro a culo indietro seguito da unificazione dei deretani. Dei due parafulmini, l uno pareva stesse meditando un suo speciale malestro verso nord-est, oh! una trovata: ma diabolicamente funzionale: e l altro la stessa precisa cosa a sud- 10

11 Una scelta di vita Gianfranco Battisti Vede, dottor Battisti, la Geografia è una materia difficile. Prima bisogna raccogliere la cartografia, indi documentarsi sulle caratteristiche dell ambiente fisico, quindi sull evoluzione storica del territorio, sulle caratteristiche del popolamento, la sua cultura scritta e materiale, gli assetti economici, le condizionanti politiche e solo allora si può cominciare ad affrontare il lavoro scientifico vero e proprio. Questo, a un di presso, il discorso che mi fece un giorno il mio maestro, Eliseo Bonetti, quando stavo letteralmente muovendo i primi passi nel mitico Istituto di Geografia della Facoltà di Economia e Commercio dell Università di Trieste. Un discorso necessario, non essendomi io laureato in Geografia, ma quanto pesante! Perfettamente congruente, del resto, con il carattere di un austero professore, che mi aveva accolto nel suo Istituto con la serafica domanda: Lei conosce il tedesco? 1 Pur essendo ordinario di Geografia economica, Bonetti mise subito in chiaro che per lui, la Geografia era una disciplina integrale. Convinzione che non smentì mai, pur avendomi esonerato - fui il primo nell Istituto - dalla tradizionale trafila di studi sul paesaggio e sulla casa rurale, per catapultarmi direttamente nella nuova Geografia (teoretica e quantitativa) alla quale stava dedicando ormai tutte le sue energie. Erano i primi anni 70, con l avvento dei modelli quantitativi e dell approccio deduttivo anche nella Geografia italiana. Tutto un mondo, o meglio, una visione del mondo che per me si rivelava quanto mai affascinante. Del resto, riandando con la memoria a quegli anni, Angelo Turco scriverà con nostalgia delle mongolfiere che Bonetti andava silenziosamente liberando nel cielo ancora piuttosto chiuso della nostra consociazione. Iniziava così, in modo non tradizionale, la mia avventura accademica. Altrettanto casuale era stato il primo, fondamentale incontro con la nostra disciplina, segnato dalla fortissima personalità di Alessandro Cucagna 2. Incaricato di insegnare la Geografia economica e commerciale all altrettanto mitico I.T.C: Leonardo da Vinci (una delle glorie perdute della Trieste di un tempo, dove insegnerà anche Giorgio Valussi 3 ), il Nostro irrorava le menti dei giovanetti a lui affidati con una 1. G. Battisti, Eliseo Bonetti: ritratto di un geografo, Riv: Geogr. It., vol. CXIII (2006). 2. G. Battisti, Alessandro Cucagna ( ), Boll. Soc. Geogr. It., Sr.XI, vol.v (1998). 3. A. Bissanti, G. Patrizi, P. Persi, G. Battisti, G. Zanetto (a cura di), Giorgio Valussi per la Geografia, A.I.I.G., Urbino est; e cioè d infilare il parafulmine, non appena gli venisse a tiro, sul confinante di destra: e l altro invece su quello di sinistra: rispettivamente Villa Enrichetta e Villa Antonietta. Accoccolate lì sotto, in positura assai vereconda, e un po subalterna rispetto alle due pròtesi di Villa Giuseppina e, pittate di chiaro, avevano quell aria mite e linfatica che vieppiù eccita, o ne sembra, il crudele sadismo dell elemento. Questo sospetto della nostra immaginosa tensione era divenuto scarica della realtà il 21 luglio 1931, durante l imperversare d una grandinata senza precedenti nel secolo, che locupletò di pesos papel tutti i negozianti di vetri dell arrondimiento. Descrivedre lo spavento e i cocci di quella fulgorazione così inopinata non è nemmeno pensabile. Ma il diportamento scaricabarilistico dei due parafulmini ebbe strascichi giudiziari, - subito instradati verso l eternità - tanto in sede civile, con rivendica di danni-interessi, perizie tecniche, contro-perizie di parte, e perizie arbitrali, mai però accettate contemporaneamente dalle due parti; quanto in sede penale, per incuria colposa e danneggiamento a proprietà di terzi. E ciò perché la causa apparì, fin dal suo principio, delle più controverse. Che ce ne impodo io, protestava il vecchio Bertoloni, un immigrato lombardo, se quello ludro non sapeva neanche lui dove andare?. Il fulmine infatti, quando capì di non poter più resistere al suo bisogno, si precipitò sul parafulmine piccolo; ma non parendogli, quella verga, abbastanza insigne per lui, rimbalzò subito indietro, come una palla demoniaca e schiantò su quell altro, un po più lungo, della torre più alta, e cioè in definitiva allontanandosi da terra, cosa da nemmen crederci. Lì, sul riccio platinato e dorato, aveva accecato un attimo il terrore dei castani, sotto la nuova veste d una palla ovale, - fuoco paz- 11

12 messe di nozioni - tutte splendide e splendidamente comunicate - che raddoppiavano praticamente il corso. Da una parte infatti vi erano le tematiche economiche come da programma ministeriale, dall altra, come condimento sapientemente amalgamato, vi era una sintesi del corso di Geografia umana che egli andava contemporaneamente impartendo nelle aule universitarie. Così tanto era il sapere che ci pioveva addosso, che un intera classe, stenografando a tutta velocità (ed eravamo talvolta ai vertici nazionali per questa tecnica) non riusciva a prender nota di tutto quanto veniva dalla cattedra e insieme dalla lavagna. Ché Cucagna era anche un bravissimo disegnatore di carte. Era, il suo, un sapere onnicomprensivo, in cui tutto si tiene, che vuole rendere contezza della totalità delle cose visibili sul pianeta: suolo, sottosuolo, soprassuolo, mari, atmosfera. Un programma da ammazzare un bue e difatti a fine anno non si contavano gli esami a settembre nonché le bocciature. Ma anche i bocciati, anche gli studenti ai quali il solo nome di Cucagna faceva (e talvolta fa ancora) drizzare i capelli in testa, concordavano sul carattere eccezionale delle sue lezioni. Che erano di livello accademico, e di elevato spessore. Chi scrive, che fino ad allora aveva considerato la Geografia una materia arida e noiosa, non passò indenne da questa prova del fuoco. Cucagna mi aprì a forza il cervello, costringendomi ad accettare una visione della Geografia come disciplina vincente, vera e propria sintesi del sapere. Il risultato fu che presi coscienza di avere delle esigenze intellettuali e che la professione del contabile proprio non era il massimo a cui aspirare. Fu forse da lì che presi la decisione di tentare la strada del giornalismo o meglio del giornalismo scientifico, premessa naturale (ovviamente per me, oggi sono in grado di comprenderlo) per il lavoro che avrei fatto dopo la laurea. Due maestri hanno dunque segnato i miei primi anni, anche se Cucagna lo avrei rivisto solo molto dopo, data la rigida compartimentazione che caratterizzava la vita accademica del tempo. Entrambi i maestri mi condussero ad una visione integrale della Geografia, ma a dire il vero all epoca non vi dedicai una riflessione significativa. Tali e tante erano le carenze che andavo riscontrando nella mia preparazione, così forte era lo stimolo ad entrare in azione al più presto, così tanta la preoccupazione di mandare in istampa delle scempiaggini o delle ovvietà, che non c era proprio il tempo per porsi questioni epistemologiche troppo elevate. Erano gli anni in cui si consumava anche in Italia la scissione tra la Geografia umana e quella fisica, assorbita dal più promettente ambito delle Scienze della terra. Io avevo lavorato come giornalista scientifico, ma la mia preparazione nel mare magnum delle scienze nazo a bilicare sulla punta, - come fosse preso da un bieco furore, nell impotenza: ma in realtà dispanando e addipanando un gomitolo e controgomitolo di orbite ellittiche in senso alternativo un paio di milioni di volte al secondo: tutt intorno l oro falso del riccio, che difatti aveva fuso, insieme col platino, e anche col ferro: e smoccòlatili anche, giù per la stanga, quasi ch È fussero di cera di candela. Poi starnazzò un po dappertutto sul tetto, sto farfallone della malora, e aveva poi fatto l acròbato e la sonnambula lungo il colmigno e la grondaia, da cui traboccò in cantina, per i buoni uffici d un tubo di scarico della grondaia medesima, resuscitandone indi come un serpente, intrefolàtosi alla corda di rame del parafulmine piccolo, che aveva viceversa l incarico di liquidarlo in profondo, sta stupida. E in quel nuovo farnetico della resurrezione si diede tutto alla rete metallica del pollaio retrostante il casamento della Maria Giuseppina (figurarsi i polli!), alla quale metallica non gli era parso vero di istradarlo issofatto sulla cancellata a punte, divisoria delle due proprietà confinanti, cioè Giuseppina e Antonietta: che lo introdusse a sua volta senza por tempo in mezzo nella latrina in riparazione, perché intasata, del garage dell Antonietta, donde, non si capì bene come, traslocò immantinente addosso alla Enrichetta, saltata a piè pari la Giuseppina, che sta in mezzo. Ivi, con uno sparo formidabile, e previo annientamento d un pianoforte a coda, si tuffò nella bagnarola asciutta della donna di servizio. Stavolta s era appiattito per sempre nella misteriosa nullità del potenziale di terra. - Furono le diverse perizie che via via permisero di delineare, per successivi aggiustamenti, in un atlante di carta bollata, questo catastrofico itinèraire. Ciò in un primo tempo. In un secondo tempo, furono le perizie stesse a in- 12

13 turali era giocoforza lacunoso. E poi, c era tanta cultura economica da imparare, soprattutto nel suo versante storico. Sarà l esperienza sfortunata del primo concorso a cattedra ad allargarmi gli orizzonti, visto e considerato che in quelle tormentate vicende mi avevano ritenuto non indegno di ricoprire un insegnamento di Geografia umana. Solo più tardi invece, e sempre in collaborazione, verranno piccoli contributi di carattere ecologico. Insomma, un procedere al modo dei gamberi, dato che si dovrebbe (ma ne siamo poi sicuri?) procedere dalle Scienze della terra e dall ecologia biologica verso quella umana. Posso dunque confessarlo: non so tutto, neanche in Geografia, ma sembra che questo mi venga perdonato. Del resto, Chi è senza peccato, scagli la prima pietra. Chi legge, potrà adesso comprendere meglio la mia visione della disciplina, il modo in cui opero concretamente. Un modo assai semplice, anche se non propriamente comodissimo. In breve, cerco sempre di ripercorrere nella mente le vicende storiche che hanno portato alla costruzione dei fatti geografici che mi trovo ad indagare. Storia dell uomo ed insieme della natura, delle opere e delle idee, soprattutto dei progetti e delle visioni sulle quali questi ultimi poggiano. In una parola, la mia Geografia è essenzialmente storia della Geografia, dei singoli luoghi piuttosto che della disciplina. Sembrerebbe un approdo condiviso da un discreto numero di colleghi, eppure ci sono delle sfumature che mi distaccano da molti, che pure stimo e di cui mi sento amico. Ho infatti maturato la convinzione che la Geografia sia contemporaneamente una disciplina essenzialmente scientifica, nel senso di un corpus di fenomeni misurabili in quanto concretamente inseriti in una realtà che per quanto attiene ai nostri sensi è estremamente concreta e dunque vera, reale. Qualunque sia l interpretazione culturale che di essa possiamo dare. Che poi dal punto di vista fisico la materia possa risultare composta di particelle, che magari queste possano avere una natura insieme corpuscolare e ondulatoria, nihil obstat. Questo appartiene però al campo di altri specialisti, che operano ad una scala incommensurabilmente diversa dalla nostra. Tanto diversa da risultare all atto pratico ininfluente. La scala, elemento geografico per eccellenza, rimane dunque un discrimine fondamentale fra le branche della scienza, per la quale la parcellizzazione del reale costituisce un metodo indispensabile di lavoro, non un limite invalicabile. E dunque, fisica e biologica, antropica ed economica, teorica ed applicata, regionale e generale, pur sempre di Geografia si tratta. Una disciplina, la nostra, che per sua natura coniuga assieme Uomo e Natura. Una correlazione di cui si sente un enorme bisogno di questi tempi. Disciplina integrale, dunque, intesa come opera collettiva dei suoi cultori. Non perché ce torbidar le acque, ossia a mescolar le carte, a tal segno da rendere impensabile ogni configurazione di percorrenza. Il muratore di villa Enrichetta, con il buon senso proprio dè paesani, affacciò una sua ipotesi, d altronde plausibilissima: che l ultimo indietreggiamento del giallone, così lo chiamò, fosse dovuto al fatto d aver trovata intasata la canna della latrina, per cui non potè usufruire del passaggio necessario a un tanto fulmine. Ma gli elettròlogi non ne vollero sapere d una simile ipotesi, e sfoderarono delle equazioni differenziali: che pervennero anche a integrare, con quale gioia del cav. Bertoloni si può presumere. Parallelamente a ciò, nel mito e nel folklore del Serruchòn si fece strada l idea che il pianoforte sia strumento pericolosissimo, da carrucolar fuori in giardino senza perdere un istante, non appena si vede venire il temporale. La disgrazia, per il cav. Bertoloni, sarebbe stata ancora sopportabile, se durante l elaborazione delle perizie di parte e la celebrazione d un primo tentativo di procedura arbitrale, a complicare maggiormente le cose, e a stroncar netta ogni speranza di composizione, un secondo fulmine non fosse caduto sulle tre ville, omai affratellate dalla lubido celeste; e cioè due anni dopo la scarica della bagnarola, nel giugno del 33. Chiamati ad ennesima perizia i più occhialuti ingegneri elettrotecnici di Pastrufazio, essi arrivarono in locum una stupenda mattina di mezzo agosto, con ogni sorta di strumenti in scatola, delicatissimi, e ohmetri e ponti di Wheatstone portatili, d una fragilità estrema: ma in quel giorno si celebravano a Terepàttola le esequie di Carlos Caconcellos, il grande epico maradagalese che era venuto a mancare due giorni prima, piombando nella costernazione il mondo letterario, e i poeti epici in 13

14 lo hanno insegnato gli uomini di altre epoche, ma perché questa è la realtà dell umana avventura. Un avventura che si lascia ridurre solo per poi ricomporsi in sintesi via via più complesse, senza peraltro l ambizione di poter un giorno chiudere con le nostre mani il libro della vita. Possiamo comprenderlo se poniamo mente all opera di Karl Ritter. La sua descrizione del mondo si arresta, per il naturale estinguersi dell autore, dopo 19 volumi, nei quali non riesce nemmeno ad esaurire due continenti. 4 Non a caso, tutti noi limitiamo sempre più l ambito territoriale (e temporale) delle nostre ricerche. Si pone a questo punto il problema didattico. Così tante e variegate le Geografie, esse ci interrogano circa la natura e la quantità delle nozioni che, pur senza rinunciare alla qualità del messaggio, possiamo ragionevolmente pretendere di trasmettere ai nostri allievi. I quali, nella quasi totalità, non faranno mai i geografi né tanto meno ambiranno a diventarlo. Alcuni episodi riportati nelle brevi note biografiche con cui ho aperto queste considerazioni valgano da antidoto alle nostre pur legittime aspettative. Personalmente, in seguito di ciò ho fatto tesoro. particolare misura. Sicchè gli ingegneri, nella villa deserta, e privata anche del custode, non avevano potuto combinar nulla. 4 L opera riuscirà al suo allievo Elisée Reclus, il quale in 19 volumi compendia in effetti la Geografia universale. Ma siamo su un piano diverso, dati i tempi. 14

15

16 Il Conforto della Geografia Rolando D Alonzo L ultima sezione dell atlante comprende: avvertenze per la ricerca dei nomi stranieri, terminologia geografica. È denominata indice dei nomi. Nelle sue pagine compaiono, in colonna e in ordine alfabetico, nomi conosciuti e nomi sconosciuti. Accanto a essi, dopo trattini o parentesi, sono allineati numeri interi e lettere dell alfabeto maiuscole e minuscole. Indicano le pagine dove si trovano le porzioni di terra o di mare che interessano, i quadranti particolari che riportano i nomi delle varie località e i loro punti di riferimento e, inoltre, i gradi calcolabili della latitudine e della longitudine a essi riferibili. Ma, oltre a questi percorsi grafici, le lettere indicano, con discrezione e infallibile esattezza, rotte particolari, cammini sinuosi e suggestivi, poco visibili a occhio nudo, strade lunghissime e sentieri brevi, intersezioni fatali, luoghi di uno spazio non geometrico; indicano a volte, a seconda delle stagioni e dell inclinazione del sole o del colore del cielo al crepuscolo, le curve traiettorie della memoria o del sogno, gli angoli più intimi dell anima. Non so fino a che punto il pensiero possa avventurarsi su delle mappe colorate, fitte di nomi, segni e numeri precisi. Ma so bene quanto l incantesimo della fantasia debba alla tonalità del blu oltremare o del celeste, alle sfumature del verde o dell ocra, in che misura il ricordo può attingere la sua energia immaginativa dalla connessione dei nomi e dalle distanze, simbolicamente e proporzionalmente stabiliti dalle varie scale e dai segni convenzionali. So che la nostalgia e l abbandono, il destino e l avventura si commisurano spesso ai piccoli rettangoli colorati dell altimetria o della batimetria e che in ogni slancio di entusiasmo si accende una favilla più intensa delle altre, la quale indica il punto nave del viaggio immaginario o ricordato. È certo che ogni empito di ottimismo e di progettualità può avere, come temporaneo riscontro visibile, la scelta di una determinata pagina di questo prezioso libro. L orizzonte che si intravvede al di là del nitido rilievo di un luogo remoto, mai visitato, mai nominato prima è l indefinibile linea di confine tra reale e irreale, tra magico e allusivo, tra passato e futuro, tra eventi accaduti e quelli che accadranno. È una linea di inchiostro nero che separa il cielo dalla terra, la terra dal mare, una linea sulla quale si evidenziano e si succedono minuscole sillabe e sparse consonanti, cifre di una for- Dino Campana CANTI ORFICI Ricordo una vecchia città, rossa di mura e turrita, arsa sulla pianura sterminata nell agosto torrido, con il lontano refrigerio di colline verdi e molli sullo sfondo. Archi enormemente vuoti di ponti sul fiume impaludato in magre stagnazioni plumbee: sagome nere di zingari mobili e silenziose sulla riva: tra il barbaglio lontano di un canneto lontane forme ignude di adolescenti e il profilo e la barba giudaica di un vecchio: e a un tratto dal mezzo dell acqua morta le zingare e un canto, da la palude afona una nenia primordiale monotona e irritante: e del tempo fu sospeso il corso. Inconsciamente io levai gli occhi dalla torre barbara che dominava il viale lunghissimo dei platani. Sopra il silenzio fatto intenso essa riviveva il suo mito lontano e selvaggio: mentre per visioni lontane, per sensazioni oscure e violente un altro mito, anch esso mistico e selvaggio mi ricorreva a tratti alla mente. Laggiù avevano tratto le lunghe vesti mollemente verso lo splendore vago della porta le passeggiatrici, le antiche: la campagna intorpidiva allora nella rete dei canali: fanciulle dalle acconciature agili, dai profili di medaglia, sparivano a tratti sui carrettini dietro gli svolti verdi. Un tocco di campana argentino e dolce di lontananza: la Sera: nella chiesetta solitaria, all ombra delle modeste navate, io stringevo Lei, dalle carni rosee e dagli accesi occhi fuggitivi: anni ed anni ed anni fondevano nella dolcezza trionfale del ricordo. Inconsciamente colui che io ero stato si trovava avviato verso la torre barbara, la mitica custode dei sogni dell adolescenza. Saliva al silenzio delle straducole antichissime lungo le mura di chiese e di 16

17 mula che conferiscono alla comune scrittura l incorruttibile splendore dell oro, l abbagliante riflesso del sole allo zenit, il calcinante spaesamento del bianco totale, la sacrale mestizia della cenere, l ineluttabile compiutezza di ogni dolore, di ogni fine. E, soprattutto, il fulgore della resurrezione. Perciò Lidia, dopo la scomparsa di Egeo, soleva trascorrere tutte le notti col viso curvo sulle pagine dell atlante e con la matita rosso e blu segnava il percorso di quelle divisioni mandate allo sbaraglio. Pensava che il suo uomo non l avrebbe mai abbandonata, se non con la morte. Ma no, che dico? Nemmeno con la morte. Sì, perché da quel giorno in cui i loro corpi si ebbero bagnati nell acqua chiara del Turchino, fondendosi nell abbandono e nel piacere, all improvviso scrosciare sprizzante dell onda, da quel giorno nemmeno il fango, la decomposizione e i vermi avrebbero potuto dividere la loro carne, il loro sangue che diveniva linfa verde. alito di vento, rugiada. Beviti almeno questa tazza, chè sono già le due e mezza e non hai cenato. Ester posava sul tavolino, lì, accanto all atlante, il vassoio con il the, lo zucchero e i biscotti. Ester Celeste. Non lo fai tornare, se segni quelle pagine con i tuoi geroglifici! Ogni notte la stessa canzone, ogni notte la stessa disperazione. Lidia deperiva ed erano già cinque mesi che non giungeva una lettera. I bollettini di guerra non parlavano di quel fronte, ma solo di vittorie italiche nei cieli e sui mari. Sarà prigioniero e non può scrivere, proseguiva la donna. Vedrai che prima o poi verrà da oriente un colombo bianco... e se bianco non sarà eia eia alalà! Ecco, canti come la cicala ebbra di sole, pensava Lidia, la quale mai rispondeva alle insinuazioni, e non sai che anche te domani verranno a prelevare, per chiuderti ben bene nella Casa di Lanciano! Tutti ci rinchiuderanno, una buona volta. Così la faremo finita. Quando si levava il sole e i carri già cominciavano a muoversi dall Incoronata verso la marina e verso shangai, Ottavio si scapicollava tra le ripe e i canneti per giungere al villino poco prima che Celeste spalancasse le persiane del piano terra, quelle verso oriente, per fare entrare i raggi e il calore del giorno nuovo. Era l unica della casa che a quell ora impossibile ciabattasse tra la cucina e la dispensa, per mettere ordine e preparare la colazione. Le signorine si rivoltavano ancora tra le lenzuola, nelle stanze di sopra: Anna sognava i lunghi abbracci di Mario, lo studente del Politecnico conosciuto l estate precedente sulla spiaggia di Termoli, Elvira immaginava di correre sulla Cisitalia color alluminio di Amedeo Nazzari, Olga gemeva per conventi: non si udiva il rumore dei suoi passi. Una piazzetta deserta, casupole schiacciate, finestre mute: al lato in un balenìo enorme la torre, otticuspide rossa impenetrabile arida. Una fontana del cinquecento taceva inaridita, la lapide spezzata nel mezzo del suo commento latino. Si svolgeva in una strada acciottolata e deserta verso la città. Maria Corti CATASTO MAGICO [ ] Secondo ragione si dovrebbe ritenere che la notte stia finendo. È terminata la lunga salita per le balze dell Etna avvolte nella qualità notturna di un buio stellato con frammenti di luce. L alba appare silenziosa all orizzonte coi suoi chiarori azzurri. L uomo è sul filo esatto del cratere. Può chiamarsi il filosofo presocratico Empedocle o l inglese Patrick Brydone che guardava e pensava nel 1770 o un viaggiatore dall estro vagante della fine del nostro millennio. L aria comincia appena a schiarirsi nello spazio immenso del quale a fatica si scorgono i confini nella calma senza suoni. Mare Mediterraneo e terre sono nella penombra ancora indivisi, come furono nel paziente corpo del Caos, e attendono che la luce della prima alba li separi. Le stelle brillano ancora e segnano il misterioso legame cosmico tra il loro fuoco sidereo e quello ipogeo entro l Etna a quindici chilometri di profondità. Una stessa fine forse li attende nel catasto magico dell universo. A poco a poco le stelle si spengono, da est avanza la luce ed è un assistere alla biblica creazione del mondo. Dai tremila metri del vulcano nell immenso silenzio si scorge il tremolio lucido del 17

18 il suo amor fugace, quell amore avvampante e tenero, perduto nel giro della festa di san Valentino. Celeste era il loro lare domestico. Conservava tutte le memorie della famiglia, ordinava con la sua mano veloce ed esperta ogni angolo, ogni cassetto, custodiva i ricordi, proteggeva grandi e piccoli con occhio vigile, vivido di gioia e bontà, benediceva i signori che l avevano presa da bambina, all orfanotrofio. Aveva sposato il destino della famiglia ed era la donna più felice del mondo. Perciò canticchiando a bocca chiusa quell aria di Lehar, che aveva udito fin dalla prima festa tenuta nel salone della vecchia casa di paese, la sera del giugno millenovecentoventinove, si accostò alle ante della persiana, per aprirle. Il sole già striava con lame d oro le mattonelle del pavimento, disegnando una scala orizzontale tra l uscio del corridoio e la basola della porta finestra. Lei vi frusciò sopra con le pianelle di lenci azzurro e fece scattare la serratura. Eccolo qui, il piantone! sussurrò mentre scostava l asse di legno. La sentinella dei nostri risvegli. Ottavio era già lì, appoggiato al tronco del pino che dominava lo spiazzo e la cancellata. Paonazzo e ansimante, le mani chiuse a pugno, posate sui fianchi, seguiva con gli occhi il movimento dell alta persiana che girava sui cardini. Non appena essa fu accostata al muro, fece un passo in avanti, si mise sull attenti. Buongiorno, Celeste. Una pausa strategica, un guizzo tagliente che forò la penombra sonnolenta dell ingresso, là dove il pendolo era sempre fermo alle ore undici. Anche a te, aggiunse la donna, gettando un lungo sguardo liberatorio al cielo, all orizzonte marino, Anche a te che hai fatto la solita levataccia... Egli lasciò cadere e, preso dal compito della sua missione, si schiarì la gola. In due giorni ci prenderemo Karcov!. Certo, ceerto, tagliava corto lei, accingendosi a rientrare. E le signorine? Stanno bene? Benone. Dormono e sognano. Cantano pure. Lidia ha notizie di... Due dispacci abbiamo ricevuto ieri sera... Replicò seccamente Celeste, salutando con la mano il suo interlocutore.... da quei nuvoloni neri del temporale! Per Ottavio era tutto. Se ne corse da Manlio, alla conceria, per riferigli quanto aveva potuto scucire da Celeste: ossia la disperazione della famiglia, le scarse notizie ricevute soltanto per mezzo di un nuvolone nero di temporale, il bla bla bla delle tre sorelle, le quali invece di godersi il mare del mattino se ne stavano nelle stanze di sopra a cincischiare le loro mare azzurro che si separa dall immobilità delle rocce nere. Si tace, immobili. Forse non siamo più capaci di sopportare la perfezione. Un culbianco, che stava su una roccia fissando l oriente e l avanzare dell alba, allorchè chiara la vide volò ad ali spiegate verso il cono terminale del monte, avanzò lungo una navata di rocce nere, le unghie levate e tese nell economia della difesa. Poi lo zampettio di qualche martora, leggerissimo, pone fine al silenzio delle vette. A un tratto trionfante il fascio luminoso del sole spunta dal basso e batte felice sotto le cime sui fiori rosa disposti a corona attorno ai pulvini verdi della saponaria, sui licheni grigio-argento, rossastri, gialli e trasforma in una macchia dorata il giallo trionfante delle ginestre arboree. Più giù sui duemila metri la luce tocca i pulvini spinosi dell astragalo, la borraccina azzurra coi fusti fioriti azzurro-viola, il lupino selvatico e i pulvini grigio-argentati dello spino santo. La natura ha l arte della divagazione, le serve per approssimarsi alla complessità delle cose reali, dei fiori reali. Difatti l abbondanza a grandi altezze della vegetazione colorata pulviniforme non è che naturale difesa dai venti. L esito visivo è una pietra lavica coperta di un morbido tappeto persiano. Ora il sole avanza e da lassù si vede la grande scena dell isola Trinacria. Contemplarla vuol dire entrare nello smarrimento di Pindaro, che ospite di Gerone da Siracusa guardava «l Etna nevoso, colonna del cielo» o nella curiosità degli abitanti iblei, di Comiso ad esempio, dove Bufalino fissando al lontano orizzonte il monte dei monti ne celebrava «la familiare innocenza, monte sì da slanci collerici e distruttivi, ma che non ha mai ucciso nessuno se non per accidente fortuito o imprudenza suicida (preoccupandosi in quest ultimo caso di restituire alla luce ameno un 18

19 pene d amore, a fare chissà quali pensieri e chissà quali azioni, nell intimità profumata e scura delle stanze da letto. E di Lidia, soprattutto, di quella che faceva torcere le budella all amico, notte giorno, e fermentargli il sangue dentro le vene. Corri, Ottavio, corri, ché c è un posto per udire, un posto per parlare e una parola buona ti vale una pelle di capra, immacolata e tenera. Non ci deve tornare qui! Che se lo porti via una granata, se lo roda il tifo dei prigionieri, ma qui quello non ci deve tornare. Era l ossessione di Manlio, Egeo. Il Mirmidone, lo chiamava lui, da quando l aveva visto un giorno entrare in casa della ragazza. Una settimana appena dopo che s era smontato il campo estivo che i militari avevano organizzato sotto la piana del paese. Proprio come i soldati di Achille, davanti le mura di Troia. Solo che lì, in paese,non c era alcuna spiaggia. Sì, nei pressi scorrevano il Trigno e il Treste; i due corsi d acqua nostrani potevano paragonarsi, con un salto di fantasia, a quelli che bagnavano il territorio di Ilio. Insomma il Mirmidone era il Mirmidone, lo straniero, venuto da lontano. Il Mirmidone gli aveva portato via la donna che lui avrebbe voluto sposare. Bene, se pure avesse avuto la fortuna di scampare alle battaglie, alla prigionia, alla fame, alle malattie infettive, se pure fosse riuscito a varcare le Alpi e scendere nella pianura padana, egli l avrebbe fermato, accoppato con le sue mani, avvezze a squartare pecore, agnelli e capretti. Accoppato lì, sul greto sabbioso del Po, in qualche golena abbandonata dove si radunano cani randagi e speranze di fuggiaschi. Ecco. Doveva apparire una disgrazia, oh, anche un suicidio perfetto, alla grande. Io, fedele alla patria, capitano della cavalleria reale, io mi suicido, perché troppo grande è la gioia di rivedere le amate sponde, troppo grande il dolore di essere un superstite, mentre i miei commilitoni sono stati massacrati dai Russi, tutti fatti fuori sulla neve gelata. Io, bacio la mia terra e mi sparo alla nuca, proprio come uno che conserva per sé segreti inimmaginabili.... Manlio era cresciuto nella cattiveria, nella cattiveria vegetava, sognava e sperava. E perciò godeva nel prestare soldi e tormentare poi i suoi creditori, godeva nel calunniare le ragazze che non lo guardavano nemmeno, godeva nel veder morire di consunzione vecchi e malati incurabili. Godeva dei fallimenti altrui, godeva di tutto il male che avvolgeva la tranquilla vita dei comuni mortali. Egli ne era immunizzato, non credeva in nulla, soltanto al possesso delle cose desiderate, al momento, certo, un momento che poteva pure durare qualche anno, ma non si fasandalo della vittima)». Chi se lo fosse dimenticato, il sandalo che volò su apparteneva al suicida filosofo Empedocle, il quale a detta di Eliano nelle Storie varie calzava sandali di bronzo. L incanto metafisico della vetta alla luce dell alba ormai è svanito. Avanza lentamente l ora meridiana, portatrice di demoni, che ha altro compito nel ritmo naturale e insinua nella mente speciale attenzione all isola di Sicilia, emersa dal mare, nell età mitica della sua genesi, come una zattera, terra che tanti fantasmi nel corso dei secoli creò e per un oscura pulsione dei suoi abitanti chiuse proprio dentro le viscere di quella che affettuosamente chiamano «a muntagna». Altra ancora l attitudine all ora crepuscolare, quando l enorme ombra piramidale dell Etna si stende per venti miglia sulla pianura sicula, invadendo così la metà occidentale dell isola come fosse ombra di uno di quei giganti inghiottiti e incatenati nel ventre di fuoco, Encelado o Tifeo. Può darsi non si tratti di puro fatto tellurico-atmosferico, gesto fisico fondamentale del monte, ma di cosmica metafora di quell inaccessibile oscurità del Male che Lawrence attribuì a «un ottusa gente sicula». L ombra del monte sull isola al tramonto entusiasmava il sobrio storico polacco Michal Wisniewski, che nel suo Viaggio in Italia, Sicilia e Malta, edito nel 1848 a Varsavia, scriveva: «Uno di questi tramonti basta per tutta la vita». Anche Alexis de Tocqueville nel Viaggio in Sicilia è colpito dalla visione di un ombra dell Etna che si allunga fino a coprire la terra attorno a Trapani, ma non è immobile, si sposta a vista d occhio, si allunga, si ritrae come l ombra di un essere animato. Anche Tocqueville parla di «spettacolo com è dato vederne una volta sola nella vita». In ogni storia d amore si par- 19

20 ceva illusioni su niente. Soltanto che lui voleva vincere, come vince il male sul bene. Perché il bene è soltanto una fantasia, un ipotesi, mentre il male è reale, ci tiene sempre immersi nel suo gorgogliare universale, un mostocotto di sangue e porcherie che si chiama vita. E di porcherie Lidia ne aveva fatte parecchie in quei giorni. Disgustose, irraccontabili. Che ti sei messa in testa tu? Olga si spinzettava le sopracciglia seduta davanti lo specchio della toelette. Non tollerava le scenate della sorella, la quale, in un ennesimo scatto di isteria, aveva strappato tutti i santini della madre, conservati in un astuccio cremisi, tutti fatti a pezzettini e gettati sotto il letto. Alza il sedere dalla tazza, acconciati come ti pare, vattelo a cercare dove vuoi, quello lì, se hai tanta voglia di farla finita. Non lo chiamava per nome, Olga, il fidanzato della sorella: Quello lì!. Non l aveva ancora accettato. Ma forse non aveva accettato il fatto che Lidia avesse avuto la fortuna di assaporare l amore vero prima di lei. Lei aveva saputo sedurre soltanto uno sgarzellino, nipote del fattore, a cui per due mesi doveva correggere le versioni di latino. Una bravata da fata maligna, quella, soltanto per vedere la reazione del giovanottino. Tu non puoi immaginare come mi fa male il tuo sguardo di commiserazione e di invidia! Ma chi te lo invidia quello lì, che adesso magari sarà mezzo congelato nella tormenta... Quello lì domani... Sa il fatto suo quello lì. Finita la tormenta, quello lì si metterà a cercare le pecorelle russe, di isba in isba. Vedrai! Tornerà prima degli altri, questo mi dice la testa. Dentro un cappotto di legno tornerà, se non lo vai a salvare tu, da tutta quella neve, da tutti gli agguati, da tutte le vulve di segale! Schifosa! Lidia le scaraventava addosso le pantofole, l asciugamano bagnato, il pettine e si precipitava giù a pianterreno, dove Elvira già aveva cominciato a far scorrere sulla tastiera le sue belle dita impazienti.... I tuoi capelli neri, le tue labbra... Mentre la sorella si svagava un poco con le romanze di Tosti, lei tentava di far fagotto, un pezzo di pane, una susina, tre confettini alla cannella, ma poi, ecco il solito conato, il solito crampo alla pancia, il capogiro. Si gettava allora in un angolo, si contorceva come una biscia presa al laccio e dava la testa al muro, una, due, tre volte fino a farsi tumefare la fronte. la di qualcosa di unico, che ha avuto luogo una sola volta, e perciò è indimenticabile. Tutti nella vita si è stati trafitti da un irrepetibile, unico momento, donde la sua fascinazione. Forse in ognuna delle tre ore magiche, l alba, l ora meridiana, la crepuscolare scatta l insidia e il monte compie la sua opera. Dunque si può guardarlo fino a morirne? Si può esserne uccisi? L uomo ascolta le voci forti dell immaginario, in un drammatico mistero di alta qualità sente l impulso a scivolare nel cratere, spiare fra le caverne vulcaniche, i condotti sotterranei, passare da uno strato di terra all altro, divenire veramente terrestre sotto un cielo di pietra. Lo sognò Italo Calvino a proposito di un altro vulcano, il Vesuvio, nella bella prosa Il cielo di pietra: «Non so se quest immagine corrisponde a ciò che vidi o a ciò che immaginai; stavo già sprofondando nel mio buio, i cieli interni si chiudevano a uno a uno sopra di me: volte silicee, tetti di alluminio, atmosfere di zolfo vischioso; e il variegato silenzio sotterraneo mi echeggiava intorno coi suoi boati trattenuti, coi suoi tuoni sottovoce». [ ] Gilles Clément MANIFESTO DEL TERZO PAESAGGIO L alternanza d alberi e d erba solca il paesaggio, lo anima di prospettive curve rilanciate da un rilievo dolce e profondo. L equilibrio delle ombre e delle luci obbedisce a un dispositivo di cui si può intuire l economia. L immensità del territorio toccato da un simile equilibrio può ingannare il viaggiatore: si tratta forse di un progetto? Di un prodotto casuale della storia? Divisione dei lotti, dispersione degli insediamenti, variazione del rilievo: 20

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Calogero Parlapiano. respirami l anima

Calogero Parlapiano. respirami l anima Poesia Aracne 38 Calogero Parlapiano respirami l anima Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 isbn 978

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA.

UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA. I UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA. Un codice binario è un stringa di numeri che, indipendente dalla sua lunghezza, presenta una successione

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006 La donna e l uva Fotografie e versi di Ico Gasparri 2005-2006 (1) A02232 corri corri corri e soffri e salta sul cuore della terra e quando sarai felice salta e ridi e porta con te i figli tuoi a ridere

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli