La giornata più nera di Salvatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La giornata più nera di Salvatore"

Transcript

1 Praia a Mare CS Dal 13 Giugno al 21 Settembre 2008 dalle 10 alle a Praia a Mare NOVITA 2008 Nuovo percorso della salute località Fiuzzi info: DIRETTORE ANTONELLO TROYA 1,00 VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 ANNO X NUMERO 183 La Provincia Cosentina, Catanzarese, Reggina, Crotonese, Vibonese - registrazione al Tribunale di Cosenza n 621 del iscrizione registro nazionale della stampa n stampa: stabilimento tipografico De Rose, Montalto Uffugo (Cs) - Editore: Il Mezzogiorno srl Redazione: C.so Mazzini 1/B - Telefono: / Fax: sede legale: via Trento (Cosenza) - Il Mezzogiorno srl si impegna a salvaguardare l ambiente adottando un sistema di gestione ambientale secondo la norma UNI EN ISO14001/96 Praia a Mare CS Dal 13 Giugno al 21 Settembre 2008 dalle 10 alle a Praia a Mare NOVITA 2008 Nuovo percorso della salute località Fiuzzi info: Il sindaco di Cosenza minacciato con un coltello all ingresso del municipio. L aggressore pretendeva denaro Perugini aggredito davanti al Comune Il responsabile è stato subito bloccato e arrestato dai vigili urbani La giornata più nera di Salvatore Perugini. Sono stati attimi di panico quelli vissuti ieri dal sindaco di Cosenza: arrivato in mattinata in Comune è stato aggredito con un coltello da un pregiudicato a scopo estorsivo. Alle minacce per fortuna non è seguita l azione e la disavventura si è chiusa senza conseguenze nefaste per il primo cittadino. Perugini, verso le 10,30, stava entrando nel palazzo municipale a bordo della sua auto condotta dall autista. A un certo punto un uomo si è accostato al finestrino avanzando richieste di denaro. Pochi attimi e ha tirato fuori un coltello. L autista, accorgendosi del pericolo, ha portato immediatamente l autovettura all interno del cortile di Palazzo dei Bruzi, chiedendo l intervento della polizia municipali. A PAGINA 10 Operazione Amsterdam Quartiere a luci rosse, case ancora sequestrate ROGLIANO Energia Eolica in Calabria La Regione blocca tutto Indagini della procura La legge dice che la Regione sospenderà ogni concessione per 120 giorni dall entrata in vigore della legge facendo una ricognizione delle emergenze e delle necessità. Cosa succederà adesso? Che ogni nuova concessione sarà sospesa e che lo scandalo che rischia di travolgere una parte dell establishement regionale. A PAGINA 7 Ieri mattina sono state eseguite tre ordinanze di custodia cautelare In manette per furto aggravato e spaccio Sono stati apposti i sigilli all arresto di cinque ai sette appartamenti, persone, accusate di sequestrati nel luglio associazione a delinquere, scorso, nell ambito finalizzata allo dell operazione sfruttamento della Amsterdam, che portò prostituzione. A PAGINA 16 CASSANO Il Tdl nega la libertà ai presunti autori delle rapine Proseguono le ricerche dei complici a pag 25 SANITA SUL TIRRENO Le difficoltà di due ospedali Problemi a Paola e Scalea Reparti in chiusura e vertici rinviati alle pagine 27, 29 e 31 I Carabinieri hanno eseguito nella mattinata ieri tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di Giovanni Malgaritta, 32 anni, originario di Casole Bruzio e residente a Spezzano Sila, pregiudicato; di sua moglie Linuccia Marinaro, 27 anni, nata a Cosenza e residente anch essa a Spezzano Sila; di Francesca Luce, 26 anni, residente a Casole Bruzio. I tre dovranno rispondere a vario titolo di concorso in furto aggravato di autovetture, detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti (cocaina, marijuana) e detenzione illegale di armi. A PAGINA 14 Prosegue lo stato di agitazione ma si riprende a firmare gli articoli Prosegue lo stato di agitazione dei giornalisti in attesa di conoscere le sorti della testata, pur riprendendo a firmare gli articoli per dare un segnale propositivo. In redazione, intanto, continuano ad arrivare testimonianze di solidarietà dalla classe politica, dalle associazioni e dai lettori. Nonostante la mancanza di novità, La Provincia è ancora regolarmente in edicola A PAGINA 8 Villapiana, investimenti in fumo Biovix, messi i sigilli all azienda fantasma La Guardia di finanza di Castrovillari ha eseguito il sequestro dell'azienda Biovix Srl realizzata, nella zona industriale Santa Maria di Villapiana, lungo lo Jonio cosentino. L'azienda non è mai nemmeno entrata in funzione, tant è che i trentatre lavoratori assunti (ma ne erano stati certificati circa centoventi) sono senza stipendio addirittura dal luglio A PAGINA 25 SPECIALE SETTIMANA BENESSERE TERME - MARE 7 Giorni pensione completa Giugno e Settembre a partire da 280,00 a persona Servizio navetta gratuito

2 2 VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 COMUNICATO SINDACALE Telefono-fax sms Questa pagina, per protesta, resta bianca. Presto, però, tutte le pagine di questo giornale potrebbero rimanere bianche. E non sarà una libera scelta. Alla Provincia Cosentina sono a rischio tanti posti di lavoro senza che nessuno dia risposte concrete. A rischio è anche il pluralismo dell informazione. Una voce in meno in Calabria sarà soltanto una sconfitta in più. La redazione

3 Telefono-fax sms ITALIA Bus di anziani contro tir Tornavano dalle terme, 4 morti FASANO (Brindisi) - La breve vacanza di un gruppo di anziani alle terme di Torre Canne, in provincia di Brindisi, si è trasformata in tragedia. Il pullman sul quale viaggiavano si è scontrato contro un tir: quattro morti e una quarantina di feriti è il bilancio dell'incidente avvenuto intorno alle tredici in uno stretto tornante della statale 172. Le vittime sono tre turisti e il conducente del tir carico di scarti provenienti da una falegnameria. In gravissime condizioni un'anziana passeggera del pullman, ricoverata nell'ospedale di Ostuni. L'incidente è avvenuto nel tratto di strada che gli abitanti della zona chiamano la Madonnina, nelle vicinanze dello svincolo per la Selva di Fasano. Gli anziani stavano tornando a casa dopo una gita alle terme di Torre Canne. Era stato il centro anziani di Alberobello ad organizzare un periodo di vacanza terapeutica alle terme. «Per la settima volta consecutiva - ha ricordato Angelo Greco, assessore alla pubblica istruzione - il comune aveva messo gratuitamente a loro disposizione il pullman per i trasferimenti a Torre Canne». La terapia era iniziata dieci giorni fa e sarebbe terminata sabato. Ieri mattina i pullman che risalivano la statale erano tre; in una curva stretta, dalla scarsa visibilità, il secondo autobus è finito contro il camion che percorreva la corsia opposta. Le lamiere delle due cabine di guida si sono accartocciate ma l'autista del pullman è rimasto miracolosamente vivo. Nessuna speranza invece per l'operaio alla guida del camion (Raimondo Fiume, 36 anni di Monopoli, in provincia di Bari), e per tre anziani passeggeri (Angela D'Onchia, 78 anni; Nicola Potenza, 77, e Santa Miccolis, 71 anni), rimasti intrappolati tra le lamiere contorte dei due automezzi. Hanno riportato danni anche due camion che seguivano la colonna di bus. ITALIAEDALMONDOITALIAEDALMONDO VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 In Breve Alitalia, Passera a Bruxelles BRUXELLES - E' durato circa un'ora l'incontro tra il vicepresidente della commissione europea e responsabile dei Trasporti Ue, Antonio Tajani, e Corrado Passera, consigliere delegato di Intesa-San Paolo, advisor di Alitalia. «Ho chiesto espressamente che ogni soluzione a favore del risanamento e del rilancio di Alitalia sia pienamente in sintonia con la normativa comunitaria», ha commentato al termine Tajani. «Passera - ha aggiunto il Commissario - ha detto che quando il piano per Alitalia sarà pronto ce lo farà vedere». Il manager di Intesa-San Paolo non è voluto entrare nei dettagli, ma ha ostentato comunque fiducia. «Non è nostra abitudine gettare la spugna - ha chiarito - La durata del nostro mandato è di 60 giorni». Passera non ha nascosto però il difficile quadro in cui è costretto ad operare. «Siamo di fronte a una situazione molto difficile, bisogna fare di tutto per trovare una soluzione», ha aggiunto. Non è voluto però entrare nel merito delle voci sul numero dei possibili esuberi previsti nel nuovo piano industriale, limitandosi a rilevare che «tutte le cifre finora uscite sono premature». Ragazza di 21 anni scomparsa in Spagna PADOVA - Federica Squarise, 21enne di Camposampiero, in provincia di Padova, sarebbe scomparsa mentre si trovava in vacanza nei pressi di Barcellona. A denunciare il fatto sono stati i suoi genitori, che si sono rivolti ai carabinieri di Cittadella (Padova). Anche il ministero degli Esteri è stato informato. La giovane era partita il 27 giugno scorso per la Spagna in compagnia di un'amica. E' stata quest'ultima ad avvertire i familiari della ragazza scomparsa, preoccupata dal fatto che l'amica non rientrava in albergo da due giorni. In camera ha lasciato telefonino cellulare, documenti e altri oggetti personali. 3 ROMA,ARRESTATO DOPO 14 ANNI POLITICA Il premier rinuncia a Matrix: si doveva discutere di intercettazioni e giustizia Veltroni dichiara guerra al decreto ROMA - Quattordici anni dopo, è stato risolto il giallo di un'anziana professoressa di pianoforte, strangolata a Roma durante una rapina in casa. E' un nomade di 31 anni l'assassino di Liliana Grimaldi, la pensionata di 74 anni assassinata nel maggio del 1994 con una calza di nylon stretta attorno al collo perché aveva reagito al suo aguzzino allora 17enne, sorpreso a rubarle in casa, in via Belloni- zona Eur, lire e pochi oggetti d'oro. L'uomo è stato rintracciato nella capitale, nel campo nomadi di via delle Sette Chiese, non distante dall'appartamento della vittima. H. M. appartiene ad una famiglia di giostrai; la madre risulta ricercata per undici rapine ad anziani. Il nomade è stato incastrato dalle impronte lasciate su un pezzettino di carta trovato vicino al collant usato per uccidere l'anziana. «Il foglio - spiega il capo della mobile romana - era stato già analizzato nel 1994 ma allora il presunto omicida aveva solo 17 anni e non era ancora schedato». ROMA - Silvio Berlusconi ieri sera non ha oartecipato alla puntata di Matrix, dove avrebbe dovuto parlare di intercettazioni e giustizia. Un annuncio che giunge dopo giorni di polemiche tra maggioranza e opposizione, incentrate soprattutto sulla stretta alle intercettazioni voluta dall'esecutivo. Ieri Walter Veltroni è tornato all'attacco e ha promesso che il Pd darà battaglia in Parlamento sul decreto intercettazioni e sulla norma "blocca processi". Che altro non è che "un mini indulto". Dopo una giornata di incertezze e smentite, è stato il conduttore della trasmissione di Mediaset, Enrico Mentana, a comunicare che il premier ha rinunciato a partecipare alla puntata, organizzata da giorni. Il presidente del Consiglio in persona, in una nota, sostiene che «il gossip ammorba la politica» e «i temi proposti dal programma (intercettazioni e giustizia) avrebbero fatto passare in secondo piano le tante cose fatte dal governo». Berlusconi ha spiegato così le ragioni della sua decisione:«il governo ha lavorato tanto e benissimo in questi primi due mesi di attività. Non mi pare opportuno e producente intervenire sui temi proposti da Matrix». Immediato l'intervento di Veltroni, che ha attaccato il Cavaliere dicendo che lui a Matrix ci andrà, ma non parlerà di gossip, bensì «delle questioni politiche e sociali che a me stanno a cuore». Il leader del Pd, al termine di una riunione del governo ombra, si pronuncia sulla norma blocca-processi, che definisce «un mini indulto» e promette battaglia in Parlamento, se questo provvedimento e il decreto sulle intercettazioni andranno avanti. «Se il governo vuole fare un decreto, lo faccia sui salari, sugli stipendi, sulle pensioni e sui prezzi perchè queste sono le urgenze del Paese», attacca Veltroni. Se la maggioranza non toglierà di mezzo «un emendamento sul dl sicurezza che non ha nulla a che vedere con la sicurezza» e presenterà «un decreto sulle intercettazioni che sarebbe un atto incostituzionale», specifica il leader dell'opposizione, ci sarà «un ulteriore inasprimento del clima in Parlamento».

4 4 VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 MONDO In Breve Gerusalemme, l attentatore ha agito da solo GERUSALEMME - Ha agito da solo Hussam Dwayat, il palestinese che alla guida di un bulldozer ha travolto auto e bus nelle strade di Gerusalemme ovest e ha ucciso tre persone prima di essere colpito a morte da una guardia. Ne sono convinti gli investigatori israeliani che hanno passato al vaglio le rivendicazioni di tre gruppi di miliziani. Nonostante questo, il portavoce del governo ha messo in guardia coloro i quali si rifiuteranno di stigmatizzare l'accaduto. «Si mostreranno per quello che sono» ha avvertito Mark Regev. Il premier israeliano Ehud Olmert, intanto, ha ribadito la sua intenzione e di portare avanti la rappresaglia distruggendo la casa di Dwayat. Olmert, secondo fonti del governo, ha detto ai ministri di Difesa e Giustizia di essere «molto preoccupato» per quella che appare come l'iniziativa di un individuo che aveva con se' documenti israeliani che gli davano ampie liberta' di movimento. "Dobbiamo decidere una punizione che funga da deterrente» ha detto Olmert. Assolto comandante musulmano di Srebrenica L AJA - Il Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia ha assolto in appello Naser Oric, l'ex comandante musulmane bosniache a Srebrenica che in primo grado era stato condannato a due anni di carcere per crimini di guerra. Il verdetto e' stato letto all'aja dal giudice Wolfgang Schomburg. Oric era stato condannato nel giugno 2006 per non aver impedito che i suoi sottoposti uccidessero sei prigionieri serbo-bosniaci e ne tortutaresero molti altri tra il 1992 e il Era stato rimesso subito in liberta' perche' aveva gia' scontato la pena nei tre anni di detenzione preventiva ed era tornato cosi' a Sarajevo. Gia' membro di un reparto d'elite dell'esercito jugoslavo e guardia del corpo del presidente Slobodan Milosevic, Oric era diventato una bandiera del nazionalismo bosniaco e della resistenza ai serbi. Srebrenica fu teatro nel luglio 2005, un mese prima che Oric lasciasse il suo incarico, della strage di 8mila musulmani.. ITALIAEDALMONDOITALIAEDALMONDO ROMA - Per sopravvivere sei anni nella giungla delle Farc devi aver imparato a dissimulare molto e quasi tutto, gioia e dolore, speranze e delusioni. Lei ha detto di essere rimasta viva «per poter riabbracciare i suoi figli». E oggi, quando succede, sei anni e sei mesi dopo, non deve stupire se Ingrid Betancourt li stringe e li abbraccia su una scaletta dell'aereo davanti alle telecamere e poi con loro tiene una specie di comizio umanitario e politico sul futuro della Colombia, delle Farc e degli ostaggi circa 400 ancora prigionieri. Tornare, dopo sei anni, è difficile, quasi impossibile specie se ti davano quasi morta e tutto il mondo ti ha visto esangue, un fantasma di te da qualche parte nella giugnla. E' un canovaccio che ognuno interpreta come può e come deve. Ingrid Betancourt, o chi per lei, ha deciso che nel suo ritorno doveva essere tutto molto pubblico. Fin dal primo momento. D'altra parte, il suo è stato il sequestro più pubblico di Telefono-fax cui si abbia memoria. Così alle otto del mattino ora locale l'aereo in arrivo da Parigi apre il portellone, Ingrid e sua madre Victoria salgono le scalette e sullo soglia dell'aereo, avviene l'incontro. La prima a fiondarsi al collo della mamma è Melanie, 22 anni, ne aveva sedici quando la madre scomparve nella giungla colombiana, negli ultimi due anni i suoi sono stati gli appelli più forti e commoventi. Un secondo dopo scattano le braccia di Lorenzo, 19 anni, a cui era dedicato forse il passaggio più struggente della lettera fatta recapitare a dicembre scorso. Le telecamere rinviano le lacrime di gioia di Melanie e il viso rosso di Lorenzo. Pochi secondi, neppure un minuto, poi la famiglia riunita - ci sono anche la sorella Astrid, i suoi figli piccoli, e l'ex marito fabrice Delloye - entra nell'aereo per qualche attimo di intimità. Il ministro della difesa Juan Manuel Santos abbraccia il generale Fredy Padilla. Un blitz senza spargimento di sangue, sms Ingrid Betancour riabbraccia i figli Santos: «Un blitz perfetto» senza neppure uno sparo. L'operazione dal nome in codice "Scacco", che ha portato alla liberazione della Betancourt e degli altri 14 ostaggi delle Farc, è stata "perfetta". Un blitz che ha richiesto oltre quattro mesi di preparazione ed è durato solo cinque minuti. L'autorizzazione, secondo le parole di uno degli organizzatori della liberazione, il colonnello Gomez, sarebbe arrivata alle sei del mattino direttamente dal presidente Uribe.«Un blitz perfetto che passerà alla storia» ha dichiarato entusiasta il ministro della Difesa colombiano Juan Manuel Santos. Le stesse parole utilizzate da Ingrid Betancourt e dal presidente Alvaro Uribe. In chiusura dell'intervento Santos, coadiuvato dal generale Padilla (capo delle operazioni), ha precisato che l'esercito ha risparmiato la vita a 15 guerriglieri nei pressi dell'elicottero. Un regalo che il governo spera porti alla liberazione pacifica degli ostaggi ancora in mano alle Farc. SOFIA, ESPLOSIONE IN DEPOSITO CRONACA I cadaveri dei due francesi 23enni trovati domenica in un appartamento a New Cross Londra, omicidio di due studenti SOFIA - Una serie di potenti esplosioni in un deposito di munizioni alla periferia di Sofia ha fatto tremare ieri mattina la capitale bulgara. «Le esplosioni sono avvenute alle 6.30 locali (le 5.30 in Italia) in una base del ministero della Difesa nel villaggio di Chelopechene», ha riferito il capo di Stato maggiore dell'esercito bulgaro, generale Zlatan Stoykov. Nessuno è rimasto ferito. La zona è stata evacuata: almeno duecento persone sono state allontanate dalle autorità mentre una serie di esplosioni minori si è protratta per ore. Un frammento del deposito è finito su una pista l'aeroporto internazionale di Sofia, non distante dal deposito. Per precauzione lo scalo è stato chiuso per alcune ore. Un portavoce del ministero dell'interno ha escluso che dalle munizioni e dalla polvere di sparo contenute nel deposito possa derivare un pericolo di inquinamento, anche se il sindaco Boiko Borisov ha invitato gli abitanti a restare in casa e a tenere chiuse le finestre per precauzione, dato il forte odore di zolfo avvertito in tutti i quartieri orientali di Sofia. LONDRA - Legati, accoltellati e dati alle fiamme. Un rituale orribile per uccidere due studenti francesi di 23 anni trovati nell'appartamento nella zona universitaria di New Cross a Londra dove risiedevano per un breve soggiorno di studio. «Non ho mai visto una cosa del genere prima di oggi», ha detto, profondamente toccato, l'ispettore capo Mick Duthie, veterano di Scotland Yard. I corpi di Laurent Bonomo e Gabriel Ferez, ha detto il medico legale, sono stati accoltellati decine di volte alla gola, al torace e al capo. E' caccia ad un uomo di carnagione bianca che è stato visto fuggire dall'edifico di New Cross poco prima che l'incendio divampasse nell'appartamento dei due universitari. Studenti di biochimica, Laurent e Gabriel erano a Londra da qualche settimana nel quadro di uno scambio di tre mesi tra la loro università di Clermont-Ferrand e il prestigioso Imperial College di Londra. Laurent Bonomo era originario di Velaux, vicino Amiens; Gabriel Ferez veniva da Prouzel, vicino ad Aix-en-Provence, nel sud della Francia. «Non avevano contatti con gruppi criminali e non avevano mai avuto problemi con la polizia. Erano giovani tranquilli», ha detto il capo di Scotland Yard. Quello di domenica è stato un «attacco frenetico, orribile e raccapricciante - spiega la polizia - sicuramente non opera di professionisti ma piuttosto dalle mano di un assassino in preda ad un raptus di follia". Dalla stanza dei due giovani universitari manca solo una cosa: il personal computer. Forse è proprio nella memoria del pc la soluzione del giallo.

5 Telefono Fax ECONOMIA Il Presidente Trichet ha dichiarato: «L obiettivo primario è la stabilità dei prezzi» In Breve Borsa Milano chiude in lieve rialzo Seduta altalenante quella ieri per Piazza Affari, nel giorno in cui la Bce ha deciso di alzare i tassi di interesse al 4,25%. Dopo una mattinata in deciso ribasso si è portata in territorio positivo con l'apertura in rialzo di Wall Street, grazie a dati macro deludenti che allontanano la possibilità di un rialzo dei tassi da parte della Fed, per poi chiudere sulla parità. Il Mibtel ha guadagnato lo 0,01%, più tonico l's&p/mib (+0,41%). Tra le blue chip sugli scudi Impregilo (+6,3%) sulla possibile riduzione del maxi sequestro da 750 milioni dopo che la Cassazione, nelle motivazioni depositate ieri, ha detto che il Tribunale del Riesame deve ricalcolare l'importo del sequestro. In spolvero anche Geox (+4,8%), grazie all'upgrade a «buy» di Ubs, e Mediaset (+3,7%) dopo l'annuncio di una crescita della raccolta pubblicitaria tra il 2-3% nel primo semestre, dato che ha rassicurato gli investitori. Venduti i titoli petroliferi in linea con l'andamento del comparto in Europa dopo i guadagni messi a segno nelle ultime sedute: Saipem - 3,3%, Tenaris -2,9%. Male anche Atlantia (- 3,1%) come tutte le utility indebolite dal rialzo dei tassi. Terna -1,7%. In rosso Fiat (-1,3%), scesa oggi sotto quota 10 euro con un minimo intraday toccato a quota 9,89 euro. Sul listino completo sotto i riflettori Risanamento che, dopo essere stata sospesa per eccesso di rialzo, ha chiuso con un balzo del 46%. In chiusura si sono riprese tutte le Borse europee al termine di una giornata nervosa e volatile. VENERDÌ 4 LUGLIO Bce, aumento dei tassi al 4, 25% La Bce ha rialzato i tassi di un quarto di punto portando il tasso di rifinanziamento pronti contro termine al 4,25%, il massimo da quasi sei anni. Analogamente ha rialzato al 3,25% e al 5,25% anche il tasso sui depositi e il tasso marginale. Si tratta del primo rialzo dal giugno del A questo punto il divario fra il costo del denaro in Eurolandia (misurato dal tasso principale) e quello negli Stati Uniti è pari a 2,25 punti percentuali. Il 25 giugno scorso la Federal Reserve ha lasciato il tasso sui Fed Fund fermo al 2%. La decisione della Bce era ampiamente attesa e già scontata dai mercati. Si tratta di una risposta al caro vita dell'area dell'euro, che a giugno ha accusato una nuova accelerazione raggiungendo il 4%, e alla corsa del petrolio, che proprio ieri ha sfondato la soglia dei 146 dollari. "L'obiettivo primario - ha sottolineato il presidente della Banca centrale europea Jean-Claude Trichet - è la stabilità dei prezzi", in un momento in cui "i rischi di inflazione nel medio termine sono al rialzo" soprattutto per quanto riguarda energia e alimentari. "L'inflazione è preoccupante", ha proseguito, e potrebbe rimanere alta per un periodo "più prolungato di quanto avevamo inizialmente pensato". Non va inoltre dimenticato che dopo l'ultimo rialzo dei tassi da parte dell'eurotower l'ondata di insolvenze sui mutui subprime Usa ha innescato una gigantesca crisi finanziaria globale, tuttora in corso, che ha sconvolto i piani di tutte le banche centrali. In questo scenario già il mese scorso il presidente della Bce Jean-Claude Trichet aveva esplicitamente avvertito della possibilità di un rialzo dei tassi, cogliendo allora di sorpresa gli operatori. Restano invece tutte da chiarire le intenzioni della Banca centrale europea per i mesi futuri. Fino a pochi giorni fa lo stesso Trichet e diversi esponenti della Bce avevano precisato che questa singola mossa non preludeva all'avvio di una vera e propria manovra restrittiva, fatta di rialzi in serie. "L'economia dell'unione - ha detto ancora il numero uno della Banca europea - è solida, i fondamentali sono buoni, ma restano le attese di una frenata". Quanto al futuro, secondo Trichet nulla è ancora deciso e non esiste un piano d'intervento della banca centrale da qui ai prossimi mesi. "Non ci siamo impegnati in modo preventivo sulle future mosse sui tassi", ha chiarito, aggiungendo comunque che Francoforte non ha intenzione di intervenire con mosse a sorpresa. La Bce, ha sottolineato, "continuerà a comunicare con chiarezza ai mercati e agli osservatori le sue valutazioni in materia di tassi così da permettere a tutti di capire quello che stiamo facendo". Una faticosa sintesi per riuscire a spalmare i sacrifici su tutte le generazioni senza penalizzarne nessuna. Con un mix che coniuga un progressivo aumento dei requisiti minimi, sia di vecchiaia sia di anzianità (ma solo a partire dal 2012) e un incremento (da subito) delle leve contributive. Mentre a regime, l'aliquota integrativa passerà dal 2 al 4% del volume d'affari ai fini Iva, gli attuali pensionati presumibilmente più ricchi di quelli di domani saranno chiamati a un contributo di solidarietà che passa dall'attuale 4 al 5% del reddito Irpef. Sono i tratti salienti del nuovo progetto di riforma dell'ente di previdenza degli avvocati, che sarà portato all'approvazione del Comitato dei delegati della Cassa forense giovedì 10 e venerdì 11 luglio. «Se la prossima settimana le modifiche riceveranno disco verde spiega il presidente della Cassa forense, Paolo Rosa saranno immediatamente inviate ai ministeri vigilanti, perché possano entrare a regime già dal 1 gennaio 2009». Due giorni di intensi confronti durante i quali, ammette Rosa, potrebbe emergere il disagio per un riordino che interviene dopo soli due anni dalle ultime correzioni. Ma questo nuovo ritocco, spiega il presidente, «è necessario per assicurare la stabilità finanziaria a 50 anni, rispettando il principio di equità tra le generazioni». Per chi è in attività, scatterà l'aumento graduale dei due contributi minimi, mentre i giovani potranno, dai primi 3 ai primi 5 anni d'iscrizione, dilazionare i termini per continuare a versare il «soggettivo» dimezzato e essere esentati dalla quota integrativa. Dal lato delle prestazioni, il testo prevede un progressivo innalzamento dei requisiti minimi di vecchiaia, dagli attuali 65 di età e 30 di contributi ai 70 e 35 di versamenti. Ma si andrà, in progressione, dal 2012 (66-31) sino al 2024 (70-35). Cambiano anche i requisiti di anzianità. Tra il 2012 e il 2016 si partirà dai 60 anni di età e 37 di con- ECONOMIAECONOMIAECONOMIA norme Novità su assegni e contanti Sono cambiate le regole introdotte ad aprile per i pagamenti con assegni e contanti. La manovra d'estate (Dl 112/08) ha fatto cadere alcuni vincoli imposti dal decreto legislativo 231/07 sull'antiriciclaggio. Così, a partire da mercoledì 25 giugno sono entrate in vigore le modifiche alle norme introdotte il 30 aprile scorso, ma sono cancellate le sanzioni previste contro chi ha violato le precedenti disposizioni.queste le novità voce per voce. Contanti: I pagamenti cash sono possibili solo per somme sotto i euro. I trasferimenti per importi pari o superiori a euro possono essere comunque fatti tramite banche o Poste Assegni trasferibili: sono ammessi per pagamenti sotto i euro e rilasciati presentando una richiesta scritta e pagando un'imposta di bollo di 1,5 euro per ogni modulo. Non è più necessario inserire il codice fiscale nella girata. I soggetti che ne beneficiano sono suscettibili di indagine fiscale. Assegni non trasferibili: sono ammessi per qualsiasi importo e consegnati senza formalità da banche e Poste. Tuttavia se si emette assegno bancario, postale o circolare di importo pari o superiore a euro sono necessari l'esatta indicazione del beneficiario e la clausola di intrasferibilità. Libretti al portatore: i titoli emessi dal 25 giugno devono avere un saldo sotto i euro. La soglia vale anche per i libretti già esistenti, che devono essere estinti o alleggeriti entro il 30 giugno Avvocati, pensioni più care dal 2009 tributi, sino al tandem 62-40, con importi di pensione "flessibili" (ridotti del 5% annuo) per chi sceglie il pensionamento anticipato. E ancora; riduzione pro rata dei coefficienti (dagli attuali 4 a 2) per il calcolo della pensione, che dovrebbe produrre però i primi assegni interamente calcolati con le nuove aliquote solo a partire dal Dal lato, invece, della contribuzione, se la riforma entrerà in vigore dal 2009, il contributo integrativo, passerà dal 2 al 4 per cento.«un aumento precisa Rosa dal quale non si può prescindere, qualsiasi sia il tipo di riforma introdotta, per finanziare il passaggio dal vecchio al nuovo sistema e non caricare il debito solo sulle generazioni più giovani». I pensionati dovranno contribuire con un soggettivo del 5% (ora è il 4) del reddito professionale entro il tetto (la cui parte eccedente resta sottoposta al 3%). Aumenti graduali anche dei contributi minimi soggettivo e integrativo. E ancora: versamento soggettivo dimezzato ed esenzione dall'integrativo per i neoiscritti alla Cassa prorogati da 3 a 5 anni. Infine, debutto del pilastro pensionistico "modulare": ovvero, una quota di pensione aggiuntiva, determinata su base contributiva e finanziata, in regime obbligatorio, per un 2% e, in regime volontario, tra un range dall'1 al 9 per cento. «Una vera e propria pensione integrativa conclude Rosa deducibile fiscalmente da parte dei colleghi, che spero la leggano come una grande opportunità». Intanto, il 27 giugno il comitato dei delegati ha approvato il consuntivo 2007 con un risultato contabile di gestione del 264,6 milioni di euro.

6 6 VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 Telefono fax PRIMO PIANO Intervista all ex presidente dell amministrazione provinciale di Cosenza oggi nel Pdl Madeo: «Con il centrodestra per riformare la Calabria» Un passato nel Pci ed oggi con Forza Italia: «Ci sono più valori sociali nel Pdl che nel Pd» Come mai a destra? Per comprendere cosa sta avvenendo oggi non possiamo avere in testa gli schemi del secolo scorso. Finiremmo per smarrirci e non comprendere nulla. Meriti e bisogni, mercato e solidarietà, innovazione e tutele sociali, non solo non devono entrare più in conflitto, devono invece necessariamente integrarsi. Potrei, quasi per un paradosso, affermare che ci sono più idee e valori del vecchio PCI nel PDL che non nel PD. Che giudizio da dei leader con responsabilità di governo presenti in Calabria? Cominciamo da Oliverio, Presidente della Provincia di Cosenza. Appartiene alla Calabria ed alla storia della sinistra protestataria ed assistenziale che abbiamo conosciuto in passato. Quando c'è da protestare è il primo a scendere in campo, scompare immediatamente quando occorre fare scelte di governo ed assumersi responsabilità. Quella Calabria e quella sinistra stanno però riducendo la loro consistenza e quindi diventa sempre più difficile trovare riferimenti sociali su cui costruire il consenso. Loiero, Presidente della Oliverio e Loiero continuano a dilazionare gli interventi sui rifiuti Giunta Regionale, non rappresenta quel passato e nemmeno il futuro. Con Chiaravalloti si pensava di aver toccato il fondo. Così non è stato. La programmazione POR è peggiore di quella precedente. E' già passato un anno e mezzo ed ancora niente si è mosso. Il decentramento di cui parla sarebbe stato meglio non farlo: hanno trasferito personale regionale alle Province senza trasferire funzioni e competenza, per cui assistiamo al paradosso di avere personale dove non c'è niente da fare e dove c'è da fare non c'è il personale. Il tutto a maggiori costi, perché il trasferimento è avvenuto sulla base di incentivi finanziari. La sanità è nel caos. I servizi, a cominciare da quelli della raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, sono in una situazione drammatica, in particolare in Provincia di Cosenza, e l'unica scelta che Loiero ed Oliverio riescono a fare è prorogare l'attività del Commissario, ignari del fatto che una tale scelta testimonia in modo fin troppo palese la loro incapacità di governare. Lo certificano essi stessi! E quindi come se ne esce? Il Popolo della Libertà qui in Calabria ed in Provincia di Cosenza, se vuole vincere, deve cercare di creare una reale alternativa di idee e contenuti programmatici. Deve saper tradurre in proposte concrete le indicazioni contenute nei programmi nazionali. A Cosenza col gruppo del PDL alla Provincia e con il gruppo di Forza Italia alla Regione Calabria, a cominciare dal suo capogruppo on. Gentile, si sta facendo uno sforzo per costruire proposte concrete per dare soluzione ai problemi reali di tanti cittadini. Le incapacità degli altri potrebbero, anche se ciò non è automatico, consentire di vincere le elezioni, ma certamente non sarebbero sufficienti per governare e Il mercato globale pone interrogativi. Non dobbiamo avere paura del federalismo governare bene. Le sfide fra l'altro ci saranno. Il federalismo fiscale è una scelta obbligata. Fra l'altro è mio convincimento che giova più al Sud che al Nord. Le quantità di risorse che lo Stato Centrale ha assegnato al Sud nei vari anni hanno avuto scarsissima ricaduta sul sistema produttivo locale. Spesso i flussi finanziari erogati al Sud sono finiti nelle mani di grandi imprese multinazionali, con la realizzazione di opere inutili ed a volte anche dannose, sotto l'aspetto sociale ed ambientale. Certo il federalismo fiscale va realizzato con gradualità, ma ripeto la strada mi sembra obbligata. Sono convinto che questa proposta stia trovando sempre più adesioni, anche fra i cittadini calabresi. La ritengono valida. L'osservazione che muovono è però di questo tipo: con questi amministratori, però, che fine faremo? Ed hanno ragione. Difatti quelli che non vogliono il federalismo fiscale sono spesso gli amministratori più incapaci nel compiere buone scelte di governo. La soluzione è però semplice e sta nelle mani degli elettori calabresi: basta scegliersi altri e più validi amministratori.. La Calabria può avere un futuro? Il mercato globale pone nuovi e più impegnativi problemi a tutti. Sarà necessario, sono molto d'accordo col ministro Tremonti, ridiscutere le regole che stanno alla base del WTO. E importante seguire queste indicazioni e fare in modo che il futuro ci riservi la possibilità concreta di essere determinanti e autosufficienti, non disperdendo alcuna occasione di crescita per la nostra Regione. Udc, Mpa e Destra non invitati. Gino Pagliuso si autocandida a Presidente della Provincia: «Mi vuole la Dc» Il centrodestra si riunisce, ma dimentica gli alleati Vale più la Dc di Pizza ( con tutto il rispetto ) che l Udc o l Mpa? E la destra di Storace? Davvero se ne può fare a meno. Devono averla pensata cosi i dirigenti del centrodestra che hanno convocato gli stati generali, riunitisi l altro ieri nella federazione di An, dimenticando tre partiti che, sulla carta, valgono insieme almeno il 15% di consensi. Nella sede della Federazione provinciale di Alleanza Nazionale- si legge nel comunicato stampa- si è tenuto un incontro fra il presidente provinciale di AN, GeppinoCaputo, accompagnato dal Vicepresidente Adriano Serafini, i segretario provinciale di For- za Italia, Sergio Bartoletti, il segretario provinciale del Nuovo Psi, Gianfranco Bonofiglio ed ilcommissario provinciale della Dc, Gino Pagliuso. In seguito allapartecipata analisi del momento politico attuale-continua il comunicato stampa - si è convenuto di stabilire un calendario di incontri finalizzati anche alla nomina diun coordinamento, espressione delle varie anime del Popolo dellelibertà e dei suoi alleati, che possa contribuire a vivacizzare sulterritorio il momento favorevole vissuto dal centrodestra. Oltre alprocesso di organizzazione territoriale del Partito del Popolo dellelibertà ed in tal merito sarà presente a Lamezia sabato prossimo il coordinatore nazionale di Forza Italia, il deputato azzurro DenisVerdini, che incontrerà i quadri dirigenti del partito, si lavoreràanche per individuare, nel minor tempo possibile, il candidato alla Presidenza per la Provincia, consapevoli che nella prossima primaverala conquista dell'ente Provinciale è obiettivo concreto e raggiungibile. Un candidato condiviso da tutti che, sull'onda positiva del momento e sull'entusiasmo che caratterizza il Popolo dellelibertà, caratterizzato da numerose nuove adesioni qualificate equalificanti, a fronte di un centrosinistra e di un Pd sempre piùlacerato al suo interno ed incapace di governare, possa coagulare intorno a sé l'esigenza forte di un reale cambiamento e di una fortenovità. Elezioni, quelle provinciali, che avranno il suo peso ancheper le elezioni regionali del Inoltre si è discusso dipromuovere iniziative politiche nei comuni che saranno chiamati alleurne come l'importante municipalità di Corigliano. Un confrontocostruttivo - conclude la nota- ed unitario che conferma la volontà di radicarsimaggiormente sul territorio nella consapevolezza che dopo averricevuto un grande consenso elettorale alle politiche è giunto iltempo di voltare pagina anche nei numerosi enti locali che, governatidal centrosinistra, continuano ad essere un forte ostacolo per lo sviluppo ed il progresso del nostro territorio. Durante la riunione Gino Pagliuso ha rivendicato per se la candidatura a Presidente : La democrazia cristiana chiederà in tutta Italia solo Cosenza- ha detto l ex assessore regionale alla sanità della Calabria. Un quesito andrebbe posto a Sergio Bartoletti, che rappresenta il partito più importante dell intera coalizione: davvero si pensa di vincere a Corigliano Calabro ed alla Provincia facendo a meno di partiti come l Mpa, l Udc e la Destra? Il tressette a perdere ha già provocato gravi danni alla classe dirigente. Che merita di primeggiare in Calabria. Senza più masochismi.

7 Telefono Fax PRIMO PIANO VENERDÌ 4 LUGLIO E entrata in vigore la legge regionale che per 120 giorni congela ogni possibile licenza Eolico, la Regione sospende le autorizzazioni del Via Una decisione presa dopo le inchieste giudiziarie in corso da Paola Il bambino buttato insieme all acqua sporca. Si potrà anche dire questo e forse è cosi ma la Regione Calabria ha deciso di risolvere il problema relativo all energia eolica cancellando tutto. Nella votazione sul bilancio sono entrati due emendamenti che riguardano l eolico e le energie rinnovabili. All articolo 53 è scritto che il Dipartimento regionale delle attività produttive, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge ( dal 23 luglio ) accerta il numero di autorizzazioni uniche alla costruzione ed all esercizio di impianti da fonte rinnovabile ( eolico, biomasse, solare, idroelettrica ) La Regione procede a dichiarare la decadenze delle autorizzazioni uniche, per le quali non sia stato adempiuto, da parte del richiedente, l impegno sottoscritto al rispetto dei termini di inizio e fine lavori La Giunta Regionale- entro quaranta giorni dalla data di entrata in vigore della presente normativa e alla luce delle risultanze emerse dai precedenti accertamenti presenta al consiglio regionale che si impegna ad approvarla con procedura d urgenza una proposta di provvedimento. la legge dice che la Regione sospenderà ogni concessione per 120 giorni dall entrata in vigore della legge facendo una ricognizione delle emergenze e delle necessità. Cosa succederà adesso? Che ogni nuova concessione sarà sospesa e che lo scandalo che rischia di travolgere una parte dell establishement regionale. La Procura della Repubblica di Paola sta per chiudere l indagine che vede coinvolti alcuni ex assessori regionali e consiglieri di maggioranza. Un inchiesta da cui risulta completamente estraneo Loiero. C'é in atto un tentativo di delegittimazione nei miei confronti. La smentita dell'espresso, per un articolo che che lo stesso settimanale dichiara privo di fondamento, indirettamente lo conferma".. Disse il presidente dalla Regione Calabria, dopo avere preso visione dell'articolo "Tsunami eolico" e della successiva smentita con cui L'Espresso porge le sue scuse. "Il danno procuratomi dall'articolo è, comunque, irrisarcibile, in quanto - dice Loiero - la smentita non avrà lo stesso effetto mediatico in tutta Italia. L'Espresso, infatti, afferma due cose, entrambe false: sarei indagato per la vicenda dell'eolico in Calabria e sarei stato al centro di oscure manovre nella recente campagna elettorale per trasferire voti dal centrosinistra al centrodestra. Naturalmente la congettura è basata su intercettazioni di telefonate non effettuate dal sottoscritto, ma da terze persone che mi tirerebbero in ballo, a mia totale insaputa.una delle persone intercettate - ha detto Loiero - è Renato D'Andria, segretario nazionale del PSDI che nel 2005 all'epoca delle elezioni regionali fu alleato del centrosinistra non certo per mia volontà: tutti sanno quali esponenti del centrosinistra tessevano allora la tela delle alleanze della coalizione". "Tale alleanza, nel corso delle politiche del 2006, fu confermata - dice Loiero - da D'Andria e dai maggiorenti del centrosinistra nell'epoca in cui si consuma il mio strappo con la Margherita che mi portò a costruire insieme ad alcuni amici una lista con il Codacons. In quella occasione ogni voto, trovandomi da solo, mi sarebbe stato prezioso, ma D'Andria confermò la sua alleanza con il centrosinistra, e non ebbe naturalmente alcun contatto con me"renato D Andria, già segretario nazionale del Psdi, avrebbe avuto un ruolo non fondamentale nell organizzazione dell affare. Dalle indagini di Facciolla sarebbero coinvolti alcuni collaboratori dell ex assessore regionale all ambiente Diego Tommasi che avrebbero comunque avuto rapporti con lo stesso D Andria. La scelta della regione penalizza chiaramente quegli imprenditori che avevano programmato un business che è fondamentalmente legittimo e non può essere per forza associato agli imbrogli. Gli impianti cosidetti mini eolici potranno essere ancora realizzati perchè non c è bisogno di autorizzazione diversa da parte del Via, ma di un semplice permesso dell amministrazione comunale in cui ha sede l impianto. C è una vecchia legge dello Stato che consente l esproprio per pubblica utilità nei territori dove hanno sede i siti per l energia alternativa. Un altra legge ancora consente di poter usufruire di preziosi contributi nazionali per gli impianti. Problemi di coabitazione istituzionale? Possibile. Certo è che in Calabria la situazione è sempre la stessa, analoga agli anni precedenti. Qualsiasi cosa deve trasformarsi in un affare politico, che veda coinvolto un vasto personale di sedicenti imprenditori, intermediari, sciacalli e capitani di ventura. Facendo danno a quelle persone che, invece, avrebbero intenzione di investire seriamente e solo per una logica di mercato. ZITELLE aa REGIONE Ospedale dell Annunziata, ecco i nuovi primari Le zitelle, vecchia trasposizione di una condizione femminile dedita alla solitudine, godono da sempre di una pessima nomea. Eppure, in fondo, si tratta di persone libere, che realizzano la loro libertà nella professione e non nel matrimonio. Ci sono zitelle contemporanee che diventano tali perchè non sanno gestirsi : fanno le schizzinose e poi non possono più nemmeno ripiegare su un marito di riserva, un impiegato dall alito cattivo per esempio. Come alcuni politici di marca locale che continuano a predicare bene e a razzolare male. E come alcuni manager della sanità che, da zitelloni, si apprestano a lasciare la condizioni di single in veneranda età. Presi dal furore del potere hanno deciso finanche di sposarsi. Bisognerebbe tirare loro una marea di riso bianco per festeggiare e chiedere che siano più prudenti nell esercizio delle loro funzioni.perchè sposarsi è bello (?..) ma può anche essere sbagliato e prescinde da ogni altra valutazione che non sia quella di condividere una vita insieme a un altra persona. Senza che le istituzioni debbano pagare il conto Clemente Peta per la chirurgia generale ( la seconda divisione, la prima è diretta da Bruno Nardo ), Gianni Sperlì per la pediatria, un nome nuovo ( esterno ) per otorinolaingoiatria e due soluzioni pronte per chirurgia pediatrica e urologia. Sono i cinque nuovi direttori di unità complessa ( primari ) che l azienda ospedaliera di Cosenza si appresta a nominare. Qualcuno ( Gianni Sperlì ) era una scelta auspicata d a tempo e patrocinata pure da Simone Perrotta, il centrocampista della Roma e della Nazionale. Qualcun altro, come Peta, appartiene alla tradizione della scuola di chirurgia, una delle più prestigiose dell Italia meridionale. Sull otorinolaingoiatria si giocano, invece, partite più importanti. L arrivo di un primario da un altra città è un evento positivo in questo campo, considerando che emerge la fort e necessità di dotarsi di una figura in grado di effettuare operazioni complesse ( come gli interventi maxillo facciali ) o semplici ma invalidanti ( si pensi alle sinusiti ). Le caselle da riempire adesso sono quelle relative all urologia e a chirurgia pediatrica. Per il primo reparto, che tratta patologie anche gravi, come il tumore alla prostrata, da anni si chiede un'inversione di tendenza considerando la necessità di prevenire queste malattie. Per chirurgia pediatrica, invece, si parla di continuità, essendo rimaste in lizza per la direzione del reparto solo due donne. Una delle due sarà scelta come filo logico di proseguimento del prestigioso lavoro svolto da Giovanna Riccipetitoni, oggi a Milano a dirigere un reparto di primo livello. Un buon lavoro quello compiuto dal direttore sanitario Salvatore De Paola che si è mosso sulla falsariga del suo predecessore Gianfranco Scarpelli, andando a scovare nel merito i migliori medici possibili. Ecco che si è raggiunto un compromesso possibile fra il meglio e il vecchio, senza passare ad un azione gattopardesca. Va dato atto al direttore generale, cesare Pelaia, di avere tenuto fuori dalle scelte la politica. Non era un compito facile e chi pensasse diversamente sarebbe un ipocrita.qualche errore è stato commesso nella scelta dei capi dipartimento. Si poteva fare di più e anche meglio - Ma la scelta dei primari sembra buona e non è una cosa da niente nella sanità odierna.

8 8 VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 PRIMO PIANO Csm, nominati i nuovi procuratori Il plenum del Consiglio Superiore della Magistratura ha provveduto - ieri - alla nomina di 20 nuovi procuratore capo in altrettanti uffici direttivi la maggioranza dei quali erano rimasti privi di titolare in seguito all'entrata in vigore della norma, prevista dal nuovo ordinamento giudiziario, che impone la sostituzione dei capi degli uffici dopo dieci anni di permanenza nella carica. La maggior parte delle nomine - ad eccezione di quella del Procuratore capo del Tribunale di Catanzaro avvenuta a maggioranza - sono state proposte e deliberate all'unanimità. Lo rende noto un comunicato di Palazzo dei Marescialli. Questo è l'elenco degli uffici ricoperti: Tribunale di Cremona dott. Roberto Di Martino; Tribunale di Sulmona dott. Federico De Siervo; Tribunale di Verbania dott.ssa Giulia Perrotti; Tribunale di Fermo dott. Andrea Vardaro; Tribunale per i mi- norenni di Catanzaro dott. Beniamino Calabrese; Tribunale di Oristano dott. Luigi Mastrolilli; Tribunale di Verona dott. Mario Giulio Schinaia; Tribunale per i minorenni di Taranto dott. Giuseppe Carabba; Tribunale di Castrovillari dott. Franco Giacomantonio; Tribunale per i minorenni di Caltanissetta dott.ssa Maria Vittoria Randazzo; Tribunale di Padova dott. Mario Milanese; Tribunale di Mondovì dott. Maurizio Picozzi; Tribunale di Gorizia dott.ssa Caterina Ajello; Tribunale di Bassano del Grappa dott. Carmelo Ruberto; Tribunale di Biella dott. Giorgio Reposo; Tribunale di Sorveglianza di Campobasso dott.ssa Daniela Della Pietra; Tribunale di Sorveglianza di Bologna dott. Francesco Maisto; Tribunale di Trieste dott. Michele Della Costa; Tribunale di Pesaro dott. Manfredi Palumbo. Il plenum del Csm ha infine nominato a maggioranza Antonio Vincenzo Lombardo Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro. Il procuratore di Palmi, Vincenzo Lombardo, nominato oggi dal Csm procuratore di Catanzaro, ha svolto gran parte della sua attività a Reggio Calabria. Il magistrato, infatti, è stato pretore, giudice istruttore, gip dell'allora Pretura circondariale e gip del Tribunale di Reggio. Lombardo subentra a Mariano Lombardi, andato in pensione nel gennaio scorso prima di prendere possesso dell'incarico di consigliere della Corte d'appello di Messina. Dopo avere appreso della sua nomina, Lombardo, secondo quanto riferito da fonti a lui vicine, ha manifestato la sua soddisfazione e l'apprezzamento al Csm per la nomina, che è un riconoscimento alla bontà del lavoro della magistratura calabrese tutta. Telefono-fax sms Intimidazione Buste con proiettili spedite a due magistrati Due buste contenenti cartucce per fucile sono state spedite al procuratore ed al presidente della sezione penale del Tribunale di Lamezia Terme, Raffaele Mazzotta e Giuseppe Spadaro. Le buste sono state intercettate dal personale del Centro di smistamento delle poste di San Pietro Lametino, che ha avvertito la polizia. I due plichi, dopo l'autorizzazione dell'autorità giudiziaria, sono stati aperti dalla polizia. Nelle buste erano contenuti anche messaggi in cui vengono rivolte minacce di morte a Mazzotta e Spadaro. E' la seconda volta che vengono inviate buste con proiettili a Mazzotta ed a Spadaro. Anche nell'occasione precedente, risalente all'otto marzo scorso, le buste erano state intercettate nel Centro di smistamento delle poste. «La mia reazione a quanto è accaduto - ha detto Mazzotta contattato dall'ansa - è improntata ad assoluta tranquillità e serenità. Sono fortemente determinato a proseguire il mio lavoro anche in vista del mia imminente presa di possesso quale Procuratore della Repubblica di Crotone». «Esprimo la mia vicinanza al procuratore ed al presidente della sezione penale del Tribunale di Lamezia Terme, Raffaele Mazzotta e Giuseppe Spadaro, per le ignobili minacce di cui sono stati fatti oggetto». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, in queste ore in Canada in visita istituzionale. «Sono certo - ha aggiunto Loiero - che, nonostante si tratti di un segnale inquietante, il loro lavoro continuerà con l'impegno di sempre». SOLIDARIETÀ Ieri in redazione ancora attestati di affetto per la difficile situazione Un coro: salvare la Provincia «Mi auguro che la crisi del quotidiano non sia irreversibile. La democrazia ha bisogno di una informazione pluralistica e in Calabria c è bisogno di democrazia». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, in Canada per una visita alla folta collettività calabrese, tramite una nota del portavoce, "Le notizie di un possibile fallimento - prosegue Loiero - sono dolorose poi per quello che ciò significa in termini occupazionali. Perdere posti di lavoro è sempre un fatto negativo, perderli in un settore delicato come quello dell'informazione e in Calabria, dove le occasioni non sono poi così tante per un mercato effervescente culturalmente e però poco dinamico in fatto industriale, lo è, se possibile ancora di più». Loiero dal Canada ha voluto, infine, esprimere la propria solidarietà ai lavoratori che, giustamente, non si arrendono. «Se ci sono interessi imprenditoriali seri si facciano avanti alla luce del sole - conclude Loiero - e gli organismi di categoria facciano ogni sforzo possibile per evitare soluzioni traumatiche». «Leggendo sulla Provincia Cosentina il trafiletto di Pietro Rossi che faceva riferimento al mancato corrispettivo dei giornalisti, non posso che apprezzare il gesto del sindacato e il fatto che si sia attivato: per questo gli faccio un plauso». Esordisce così il consigliere comunale di Cosenza Gianluca Greco nell esprimere di persona, con una visita in redazione, la sua solidarietà al nostro giornale. «Io sono venuto personalmente nella vostra sede ha detto Greco rivolgendosi ai dipendenti - oltre che per esprimere solidarietà e vicinanza umana (che può servire tanto quanto), per lanciare un appello a tutta la classe imprenditoriale della provincia affinché torni per i giornalisti la dignità di lavoratori che quotidianamente rincorrono notizie con grande professionalità. L informazione nella nostra città non può morire, La Provincia Cosentina rientra fra quei giornali del territorio apprezzabilissimi sul piano deontologico. Io apprezzo aggiunge Greco che voi continuiate a spaccarvi la schiena senza un euro in tasca, lavorando per dare un servizio alla città. Dal 1999, anno di nascita, sono passati quasi 10 anni, oggi la redazione è a un bivio: se chiudere o rilanciarsi nel panorama provinciale e regionale. L idea potrebbe essere quella di coinvolgere nelle operazioni di rilancio quegli imprenditori vicini al mondo del giornalismo e dell editoria. Come credo che sarebbe giusto che i colleghi della concorrenza sensibilizzassero l opinione pubblica sul caso della Provincia Cosentina. Sarebbe potuto toccare anche a loro. Non è auspicabile che gli stipendi di tutto il personale arrivino tra qualche mese, sarebbe già troppo tardi per la sopravvivenza del quotidiano. Non entro nel merito di trattative societarie di gente che nemmeno conosco, non è questo il punto. Da semplice consigliere non posso che lanciare appelli anche grazie alla mia amicizia con una specifica classe imprenditoriale. Mi rivolgo al sindaco Salvatore Perugini ed ai rappresentanti regionali perché intervengano al più presto. Siamo in uno stato comatoso permanente, non bisogna abbandonare questa redazione. Dobbiamo stringerci tutti solidalmente per far sentire di più questa voce e non rischiare di lasciarla ai barbari della peggiore specie. Forza ragazzi». Anche il consigliere comunale di An Spartaco Pupo si schiera al fianco dei giornalisti della Provincia : «Mi sento particolarmente vicino al direttore, alla redazione e a tutto il personale in forza a La Provincia Cosentina, testata libera come pochissime altre in questo nostro martoriato Sud. Prova inconfondibile di libertà di informazione e di amore per la verità dei fatti ad ogni costo è stata la coraggiosa inchiesta che La Provincia ha portato avanti sul Comune di Rende la scorsa estate, la prima nella storia del giornalismo calabrese che ha messo a nudo molte contraddizioni di una realtà importante ma scarsamente "letta" in profondità. A tutti voi un grande in bocca al lupo, perché possiate riprendere in tutta serenità il vostro lavoro, di cui l'area urbana tutta ha davvero bisogno». Il Cisp (Consorzio Intercomunale Servizi Pubblici) attraverso Giuseppe Carratta esprime «sentita e fraterna solidarietà, unita ad una vicinanza mai venute meno in questo momento difficile, e nei confronti di un futuro incerto, contrassegnato dalla messa in discussione del posto di lavoro, sinonimo ed espressione di sacrifici, e di tante privazioni sommerse. Si fa appello alle istituzioni pubbliche affinché difendano questa postazione di lavoro».

9 Telefono-fax Sms REGIONE RIFIUTI Interrogazione della parlamentare del Pdl Angela Napoli «Commissariamento, assurda proroga» «E stato fatto ben poco per attuare i servizi di emergenza necessari» Angela Napoli, deputato del Pdl, in un interrogazione, ha chiesto ai ministri dell'ambiente e Tutela del territorio e dell'economia e Finanze «se non ritengano assurda un'ennesima proroga del commissariamento dell'emergenza rifiuti in Calabria». «Fin dai primi anni successivi alla proclamazione dello stato di emergenza ambientale nel territorio della regione Calabria - è scritto nell'interrogazione - è stato fatto ben poco per attuare gli interventi necessari a uscire dall'emergenza, e ancora oggi la Calabria è costretta a registrare il perdurare, ad esempio, delle cattive condizioni delle acque di balneazione, che provoca, soprattutto nelle stagioni estive, continue proteste da parte della popolazione». «A febbraio del ha aggiunto Napoli - il prefetto Antonio Ruggiero ha fatto un drammatico resoconto della situazione durante un'audizione in commissione parlamentare d'inchiesta sull'emergenza ambientale. Dalla relazione è emersa una pesante situazione debitoria, la mancanza di un reale bilancio, l'erogazione di centinaia di migliaia di euro ed avvocati amici, l'inutilizzabilità del programma di elaborazione dei dati contabili, il fallimento delle politiche nel ciclo dei rifiuti, la presenza alle dipendenze dell'ufficio del Commissario di 64 dipendenti, più 41 persone fantasma, assunte con contratti stipulati da dirigenti del ministero dell'ambiente, la mancanza di allegati o atti che avrebbero dovuto produrre il servizio Una piantagione di canapa nel giardino di casa, arrestato VIBO VALENTIA - Aveva una piantagione di 14 piante di canapa indiana nel giardino di casa e così un uomo di 34 anni è stato arrestato dagli agenti della sezione narcotici della squadra mobile di Vibo Valentia (diretta dal commissario capo Maurizio Lento) per coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti. Giacomo Bruzzese, con precedenti di polizia, era quasi pronto per essiccare le foglie della canapa e ricavarne droga. Le piante avevano un altezza variabile tra un metro e mezzo e due metri e mezzo. I poliziotti hanno sequestrato anche altre buste con tracce di sostanze stupefacenti che saranno sottoposte ad esami più approfonditi dal reparto scientifico. Bruzzese è stato portato nel carcere di Vibo Valentia, a disposizione del pm di turno Garofalo. Il ritrovamento si pone in un operazione più ampia che questa mattina all alba ha impegnato diversi uomini nell effettuare una serie di perquisizioni domiciliari su disposizione del questore Filippo Nicastro nel contrasto al traffico di sostanze stupefacenti. di controllo interno e di verbali della verifica amministrativa e contabile». «Il sottosegretario di Stato, Guido Bertolaso - è scritto ancora nell'interrogazione - durante la visita fatta a Catanzaro il 13 giugno 2008, aveva dichiarato che lo stato di emergenza per i rifiuti è scaduto il 31 ottobre scorso e la Calabria può rientrare in pieno nella gestione ordinaria come concordato con il Governo regionale. Lo stesso Commissario Montanaro, inoltre, si è espresso per la fine di un lunghissimo commissariamento ambientale». «Chiedo - ha concluso Napoli - se i ministri non ritengano che la richiesta di proroga del Governatore Loiero non sia legata solo ed esclusivamente a scelte opportunistiche che nulla hanno a che vedere con la gestione dell'emergenza ambientale. Chiedo, ancora, se non si ritenga assurda un'eventuale ulteriore ed ennesima proroga di un commissariamento, che ha già portato in Calabria ben 800 milioni di euro, e quali siano le definizioni dell'attuale Governo sullo stato dell'emergenza». In Breve Reggio, aggredisce donna incinta Un uomo indiano finisce in manette Ha tentato di violentare la proprietaria di un negozio di generi alimentari incinta al settimo mese, ma l'intervento di due operai lo ha costretto a desistere ed è poi stato arrestato dai carabinieri di Reggio Calabria. Protagonista della vicenda un indiano di 26 anni, Singh Harjinder, clandestino. L'uomo è entrato nel negozio per comprare delle birre e dopo avere pagato si è avvicinato alla donna. Harjinder ha spinto la giovane in un angolo iniziando a toccarla. La donna ha urlato richiamando l'attenzione di due giovani che erano nelle vicinanze. Udite le urla, i due sono entrati nel negozio ed hanno cercato di bloccare l'aggressore, che è riuscito però a fuggire. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che grazie alla descrizione fornita dalla donna, hanno bloccato dopo pochi minuti Harjinder arrestandolo per tentata violenza sessuale. Usura, quattro fermi nel reggino Sono persone legate alle cosche Quattro persone, considerate dagli investigatori legati alle cosche Pesce e Bellocco, sono state arrestate dai carabinieri a Gioia Tauro con l'accusa di usura e riciclaggio. I quattro, Fortunato Varrà, di 31 anni, Giuseppe Tutino (42), Donatella Garruzzo (38) e Antonio Tavella (69), avrebbero prestato somme di denaro a un commerciante che si trovava in difficoltà, pretendendone la restituzione a tassi usurari. Gli arrestati, secondo quanto è emerso dalle indagini, si sarebbero serviti di complici, tutte persone incensurate, che avevano il compito di 'ripulire' il denaro incassato con l'usura attraverso passaggi su conti correnti insospettabili. Per le quattro persone coinvolte nell'indagine è stata disposta la custodia cautelare agli arresti domiciliari. I carabinieri stanno cercando una quinta persona che avrebbe fatto parte della banda e che è riuscita a sfuggire. Carlopoli, il sindaco Bruno Arcuri rimane saldamente al suo posto Accesso al mare negato ai diversamente abili Promossa anche una campagna di sensibilizzazione Ieri il Tar della Calabria Catanzaro, accogliendo le tesi difensive svolte dall avvocato Oreste Morcavallo in favore del Comune di Carlopoli, ha respinto con dispositivo di Sentenza il ricorso presentato da un cittadino elettore volto ad ottenere l annullamento delle elezioni svoltesi nel suddetto Comune. Con dispositivo di sentenza depositato ieri il Tar ha respinto il ricorso confermando la regolarità delle operazioni elettorali svoltesi nel mese di aprile e conclusesi con al vittoria della Lista Insieme ce la faremo capeggiata dall attuale Sindaco Professore Arcuri Bruno. LA STORIA L assessore Salvia: sollecitato il rispetto delle normative L eliminazione delle barriere architettoniche che impediscono ai diversamente abili di condurre una vita normale rappresenta la cartina di tornasole del livello di civiltà di un Paese moderno. Ne è convito l assessore provinciale alle Politiche sociali, Maria Salvia, che rimarca questa problematica prendendo spunto dalle difficoltà spesso insormontabili che negano ai disabili l accesso al mare. «L indifferenza verso queste tematiche e il mancato rispetto delle norme in materia diventa maggiormente evidente quando più forte appare il contrasto tra chi può muoversi con le proprie gambe e chi, invece, è costretto suo malgrado su una sedia a rotelle. È ciò che avviene d estate sulla stragrande maggioranza delle spiagge vibonesi, dove di fatto viene impedito ai diversamente abili di accedere al mare». Da qui, l intenzione di avviare una campagna di sensibilizzazione che possa invertire la tendenza e incentivare l adozione delle misure necessarie da parte delle strutture pubbliche e private che gestiscono gli arenili. «La stagione estiva è ormai entrata nel vivo e, in considerazione dei tempi ridotti, per ora non posso che limitarmi ad un appello accorato affinché chi può intervenga subito per favorire la piena fruibilità delle spiagge alle persone in carrozzella - afferma Salvia -. Ma come Provincia vogliamo fare molto di più, promuovendo nel corso dei prossimi mesi un iniziativa articolata indirizzata a tutti i soggetti coinvolti a vario titolo nella gestione e nell utilizzo a fini turistici degli arenili, dalle Amministrazioni comunali alla Capitaneria di porto, dagli albergatori ai tour operator. L idea è quella di creare un vero e proprio bollino di garanzia da rilasciare a quelle strutture che rispettino pedissequamente la normativa in materia, dando loro merito dell impegno profuso e pubblicizzandole in maniera adeguata attraverso i circuiti comunicativi dell Amministrazione». Gli impianti di balneazione, è bene ricordarlo, rientrano esplicitamente nella normativa sull accessibilità dei luoghi sancita dalla Legge 104/92, che, tra l altro, subordina il rilascio delle concessioni demaniali ed i loro rinnovi al rispetto del requisito di visitabilità degli impianti (secondo il decreto ministeriale 236/89) e alla effettiva possibilità di accesso al mare delle persone con disabilità. VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 Il Presidente dell Ordine regionale dei Giornalisti, Giuseppe Soluri, i Consiglieri nazionali calabresi dell Ordine Pino Nano, Natalino Bianco e Cosimo Bruno, i componenti del Consiglio regionale dell Ordine, Antonio Denisi, Virgilio Squillace, Pino Greco, Terry Boemi, Pino Gigliotti, Sebastiano Musmeci, Filippo Diano e Giampiero Brunetti, nonché i componenti il Collegio dei revisori Giuseppe Natrella, Vincenzo De Virgilio e Vittorio Ranieri, piangono affranti la scomparsa del collega Saro Ocera Saro Ocera ha rappresentato i giornalisti calabresi per molti lustri, prima come segretario dell Ordine calabrese, poi come Consigliere Nazionale e, nell ambito del Consiglio Nazionale, come Presidente della Commissione Ricorsi. Lo ha fatto dando sempre prova della sua professionalità, della sua competenza, della sua grande onestà intellettuale, della sua proverbiale fierezza e della sua mai compressa autonomia di giudizio. Con Saro Ocera la famiglia dei giornalisti calabresi perde un grande collega, un grande uomo e soprattutto un grande amico. Alla moglie di Saro, Bice Sozzi, ed ai parenti tutti, giunga, attraverso l Ordine, l abbraccio più forte e sentito da parte dei giornalisti della Calabria. Catanzaro, 03/07/2008 9

10 sposi via Genova, 13 - Rende Tel VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 Telefono-fax si Foto e Video Light + sconto Costa Crociere - MSC oppure Buono Vacanza a 950,00 Fax Il sindaco è stato minacciato con un coltello all ingresso del municipio. L aggressore pretendeva del denaro Perugini aggredito a Palazzo dei Bruzi Primo cittadino illeso. Il responsabile è stato bloccato e arrestato dagli agenti di polizia municipale La giornata più nera di Salvatore Perugini. Sono stati attimi di panico quelli vissuti ieri dal sindaco di Cosenza: arrivato in mattinata in Comune è stato aggredito con un coltello da un pregiudicato a scopo estorsivo. Alle minacce per fortuna non è seguita l azione e la disavventura si è chiusa senza conseguenze nefaste per il primo cittadino. Perugini, verso le 10,30, stava entrando nel palazzo municipale a bordo della sua auto condotta dall autista. A un certo punto un uomo si è accostato al finestrino avanzando richieste di denaro. Pochi attimi e ha tirato fuori un coltello. L autista, accorgendosi del pericolo, ha portato immediatamente l autovettura all interno del cortile di Palazzo dei Bruzi, chiedendo l intervento della polizia municipale. Due vigili (sono intervenuti gli ispettori Luigi Caruso e gli istruttori Emilio Intorno e Michele Berlingieri) hanno tempestivamente bloccato l aggressore: in manette è finito Massimo Foggetti, di 47 anni, persona già nota alle forze dell ordine per i suoi trascorsi penali. Scampato il pericolo gli agenti hanno cercato di ricostruire la dinamica e le ragioni dell aggressione. Pare che qualche tempo fa il 47enne arrestato sia rimasto coinvolto in un incidente stradale su via Roma, a bordo del suo motorino. L uomo avrebbe addebitato la responsabilità del sinistro allo stato precario delle condizioni della strada e fatto richiesta di risarcimento al Comune, istanza presto respinta dagli uffici preposti. L archiviazione della pratica avrebbe fatto esplodere il raptus violento: così ieri Foggetti, convinto delle sue ragioni, ha tentato con la forza di prendersi quel che ritiene gli spetti di diritto. Da qualche giorno pare presidiasse il Comune, approfittando anche dalla confusione generata dallo stato di agitazione della Multiservizi. Ieri ha deciso di Una coppia di fidanzati in attesa del primo figlio è finita in manette per spaccio di droga. L operazione dei militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Cosenza è scattata ieri pomeriggio. I. R., di 21 anni, e la sua convivente R. A. di 22, in stato di gravidanza, sono stati arrestati resisi responsabili di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I fidanzati sono stati sorpresi mentre rincasavano. Accortisi dei carabinieri hanno cercato di allontanarsi, attirando l attenzione dei vicini con urla e richieste di aiuto. Visto l avanzato stato di gravidanza della donna, molto agitata, i carabinieri hano chiesto l intervento di un autoambulanza. La donna è stata dunque portata in pronto Coppia di fidanzati in manette. Domiciliari per la ragazza incinta Spaccio di hashish in dolce attesa soccorso ma i controlli hanno dato esito negativo. A seguito di perquisizione personale e domiciliare, in via Accattatis, i fidanzati sono stati trovati in possesso di 80 grammi di hashish, di un bilancino di precisione, e della somma di oltre euro, probabile provento dell illecita attività di spaccio. Il denaro e il bilancino sono stati trovati nella borsa che la donna portava con sé, sicura che, dato il suo stato interessante, sarebbe facilmente sfuggita ai controlli delle forze dell ordine. Il ragazzo è stato accompagnato nella casa circondariale di via Popilia mentre la donna nella sua abitazione in regime di arresti domiciliari. entrare in azione. Vedendo arrivare il sindaco si è avvicinato alla macchina e ha tentato di spaventarlo per ottenere il denaro. Un gesto chiaramente irrazionale e che tuttavia avrebbe potuto avere risvolti tragici. L aggressione arriva a pochi giorni da un altro inquietante episodio: l incendio appiccato negli uffici dell assessorato provinciale all Urbanistica di via Montagna. Anche in quel caso si era trattato di un gesto di follia seguito a una richiesta non soddisfatta: Carlo Morrone, trentasettenne di Cosenza, aveva dato fuoco a palazzo Lecce perché non gli era stata concessa una licenza utile per gestire un area balneare di Torremezzo. Un gesto dettato dalla disperazione, aveva poi spiegato al giudice. Storie diverse, certo. Inquietanti però allo stesso modo. Segnali di robusta insofferenza verso chi amministra e di cedimento all istinto della giustizia fai da te. Dopo l aggressione subita da Perugini, il comando di polizia municipale ha avvertito il magistrato di turno, Raffaele Barela, che ha disposto l accompagnamento dell aggressore in carcere. Il sindaco, pur scosso dalla vicenda, subito dopo ha regolarmente iniziato una riunione di Giunta. Alessandra Moraca Arrestato dai carabinieri dopo aver forzato un posto di blocco. E accaduto ieri dopo che un automobilista (poi rivelatosi un ladro d auto) era stato invitato dai carabinieri a fermare la marcia. Alla violazione dell alt è seguito un pericoloso inseguimento per le vie cittadine. Dopo alcuni minuti, in via Accattatis, le pattuglie dei carabinieri sono riuscite a fermare la corsa dell auto e ad immobilizzare il conducente. E stato cosìarrestato Gianluigi Freddoso, operaio pregiudicato classe di 21 anni, per i reati di tentata estorsione, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale. Infatti, dopo gli opportuni controlli, i militari hanno accertato che l autovettura Fiat Brava LE REAZIONI Solidarietà unanime dal mondo politico Il Sindaco Perugini, dopo l aggressione di ieri mattina, ha ricevuto molte espressioni di solidarietà. «Il deprecabilissimo episodio che si è concretizzato nella minaccia portata nei confronti del sindaco Perugini mentre stava entrando nella casa comunale va non solo stigmatizzato fortemente, ma deve indurre ad un attenta riflessione affinché i toni della dialettica politica vengano ricondotti nell alveo di un civile dibattito democratico, affinché non si possa prestare il fianco a chi, pur esasperato per la propria difficile condizione sociale, possa vedere nel primo cittadino un facile bersaglio contro cui potersi scagliare in modo vile e scriteriato». lo ha affermato il Presidente del Consiglio Comunale Pietro Filippo. Così invece i capigruppo di maggioranza in consiglio comunale: «Inutile riproporre la stanca liturgia della stucchevole solidarietà. La vile aggressione al sindaco impone viceversa, sul piano della tenuta democratica, una risposta imperiosamente ferma ed intransigente. Nessuno si illuda di poter mettere in ginocchio la cultura dei diritti e delle regole che è la bandiera identificativa del Sindaco, del suo esecutivo e della maggioranza che lo sostiene». «Esprimiamo grande ed affettuosa solidarietà al sindaco Perugini per il vile attentato alla sua persona». È quanto si dichiara in una nota a firma dell Udc di Cosenza. «Esprimo la mia più totale solidarietà all amico Salvatore Perugini per il vile attentato subito. Si tratta di un fatto che colpisce e che dimostra come gli amministratori siano sovraesposti»: è quanto invece afferma Franco Pichierri, presidente del Comac. Tra le numerose espressioni di solidarietà, da registrare anche quelle della Commissione Urbanistica, di Savastano Cataldo capogruppo Fsc, di Massimo Colla già presidente IV Circoscrizione. Ha forzato un posto di blocco. Viaggiava su un auto rubata Estorsore preso dopo un inseguimento era stata rubata a cosenza lo scorso 26 aprile 2008 e, per averla in restituzione era stata chiesta la somma in contanti di euro al proprietario, un pensionato di 70 anni. L arrestato, espletate le formalità di rito, è stato portato in carcere.

11 Telefono-fax Sms COSENZA VENERDÌ 4 LUGLIO Il segretario generale difende l operato dei lavoratori ed attacca duramente l assessore Nucci Multiservizi, l ira della Cgil Rossi apre scenari inquietanti sulla società che ha accumulato debiti nella gestione della previdenza di ALESSANDRA COLAMARTINO Nel mercato del lavoro si è consolidato un nuovo business a vantaggio delle parti datoriali. Il sistema previdenziale. Giochi di prestigio a cui ricorrono le aziende per tappare buchi o semplicemente per allentare la morsa di azzardati investimenti finanziari. Inps, Inail ed altri istituti previdenziali rappresentano il bersaglio preferito dei manager di ultima generazione. Ed i risparmi dei lavoratori spariscono o non arrivano neppure alle casse. Il Cisp ha ospitato l assemblea dei sindaci Apprezzamenti per Mobility Manager Si è svolta presso la sede del Cisp (Consorzio Intercomunale Servizi Pubblici), l assemblea dei sindaci. Il consigliere anziano Francesco Rizzuti, dopo aver introdotto i lavori, cede la parola al presidente Giuseppe Carratta, che oltre ad aver ringraziato l assessore provinciale ai Trasporti Giuseppe Gagliardi, per avere accettato l invito ad essere presente ai lavori dell assemblea, rende partecipi i partecipanti sull attività svolta dal Consorzio, soffermando l attenzione sullo svolgimento del corso Mobility Manager, presso l Automobil Club di Cosenza, unico nell ambito del Mezzogiorno d Italia, e che ha riscosso oltre all approvazione dei dirigenti nazionali dell Aci, l apprezzamento e l orgoglio per aver ospitato tale iniziativa, a Cosenza. Questo corso, centrato sulla figura del Mobility Manager, ha avuto come obiettivi la promozione di scelte individuali mirato al concetto di Mobilità Sostenibile. Questo corso ha fornito le conoscenze necessarie per la realizzazione di programmi di gestione della domanda individuale di mobilità a livello aziendale. Il corso ha riportato una grande popolarità all interno del territorio. Durante l assemblea è stato espresso inoltre, un sincero ringraziamento alla Provincia di Cosenza, e in particolar modo all assessore all Ambiente, Gino Marrello, per aver finanziato il corso. Tra i vari punti posti all ordine del giorno, ed approvati all unanimità, c è da sottolineare l approvazione del conto consuntivo Il presidente Carratta, a tal proposito, a ritenuto opportuno ringraziare il Presidente del Consiglio dei revisori Mauro Pandolfi, e l intero collegio, unitamente al segretario del Cisp, Imbrogno, e l intera struttura, per aver predisposto nei termini stabiliti, lo strumento contabile. L assessore Gagliardi, all interno del discorso introduttivo, si è complimentato con il Cisp, per quanto riguarda il corso di Mobility Manager, di cui ne è stato personalmente partecipe. Ha informato inoltre, l assemblea della prossima approvazione in Giunta, della delibera riguardante l adesione al Cisp. Contestualmente a ciò, ha annunciato l avvio giurdico-amministrativo, per la trasformazione del Consorzio, in agenzia della Mobilità, previa modifica della legge Regionale n 23. A giorni sarà promosso un incontro con la Regione Calabria, attraverso i vari ed obbligati passaggi istituzionali. Parteciperà una delegazione del Cisp, guidata dallo stesso assessore Gagliardi. Il presidente Carratta, nel concludere i lavori, a nome dell assemblea, del Cda, e della stessa struttura, ha rinnovato i ringraziamenti all assessore Gagliardi, alla luce della fattiva, e proficua collaborazione, tra le due realtà Istituzionali, estendendoli al presidente della Giunta Mario Oliverio. Viaggiano sugli aereoplanini di carta. L invettiva del segretario generale della Cgil Pietro Rossi contro l amministrazione comunale circoscrive questo argomento alla gestione della Multiservizi. «Ha un debito di 47O mila euro riferito agli anni », racconta il sindacalista, «112 mila euro verso l Inail per gli anni , 357 mila verso l agenzia delle entrate per gli anni , per Iva inevasa e contributi Inps». Questo è il contraltare di Rossi al diverso scenario tratteggiato dall assessore Anna Maria Nucci. «Basta ripercorrere chi si è avvicendato alla guida della Multiservizi per comprendere di chi sono le responsabilità» prosegue il leader della Cgil invitando l antagonista a non «arrampicarsi sugli specchi puntanto l indice contro i lavoratori, l anello più debole della catena». I dipendenti, oltre a sopravvivere senza stipendio da più di tre mesi, si dovrebbero accollare anche la causa di un fallimento consumato, forse, dalle alte sfere ai loro danni e ai danni della collettività che subisce gli effetti del Il nome del programma di manifestazioni estive coincide con l obiettivo della Giunta Il Comune prova a farsi In 4 per l estate L amministrazione prova a quadrare il cerchio. Cioè a tentare di organizzare gli intrattenimenti estivi pur in assenza di grandi possibilità di cassa. Se quest operazione riuscirà o meno, occorrerà aspettare settembre per giudicare. Certo è che, al momento, l amministrazione tenta di farsi in quattro. Non è una battuta: Ci facciamo in 4 per l estate, infatti, è il titolo della serie di manifestazioni programmate dall amministrazione comunale per tutta l estate, settembre incluso. Della battuta, il titolo mantiene comunque il doppio senso: si riferisce al fatto che, ad organizzare, questa volta, sarà il Comune, che patrocina tutta la manifestazione, assieme alle quattro circoscrizioni. Per presentare l iniziativa, ieri mattina, si è tenuto un dibattito nel salone di rappresentanza di palazzo dei Bruzi, a cui hanno partecipato, l assessora comunale Francesca Bozzo, tra le cui disservizio. «La Nucci in Consigli ha scaricato la responsabilità dello sfascio in modo particolare sui 22 dipendenti», afferma Rossi, «se l assessore fosse realmente decisa a vederci chiaro in questa vicenda dovrebbe cercare le concause nelle mura domestiche, sicuramente per il periodo quando il governo della Multiservizi era guidato dall ingegnere Mauro». Il sindacato finalmente da un nome ed un volto alla controversia sociale. Poi Rossi spara nel mucchio. Difatti «il disastro della Multiservizi e il dramma di 22 lavoratori deleghe figura quella agli spettacoli, l assessore alla cultura Salvatore Dionesalvi e, per le circoscrizioni, Giovanna Tartoni, presidente della prima, Giovanni Cipparrone, della seconda, Massimiliano D Acri, in sostituzione di Emanuele Sacchetti per la terza circoscrizione e Antonio Farina per la quarta. Dall incontro, moderato dal giornalista Pino Di Donna, è emerso il tentativo di organizzare in maniera coordinata o, per dirla in politichese, con sinergia, un non è soltanto da addebitare a chi ha amministrato il biennio ma a chi si è cimentato con questa azienda, ritenuta dall amministrazione comunale una postazione di sotto governo e affidata sin dal 2000 in base a logiche partitiche, senza vagliare le capacità manageriali di chi aveva l obbligo di gestirla come una vera azienda», sentenzia il segretario che definisce il negotium del Comune «una vera bottega. Palazzo dei Bruzi ha considerato la Multiservizi come una postazione che rispondeva ad alcune logiche. Lo dimostra lo stato di salute attuale della società. Prima di attribuire colpe ai lavoratori», incalza Rossi, «la Nucci avrebbe fatto bene a riflettere sulla storia gestionale del servizio pubblico». La Cgil si scalda specie se viene messo in discussione il suo impegno verso i 22 lavoratori della Multiservizi «visto che siamo al loro fianco da sempre perché, prima di altri, abbiamo intuito il breve respiro della strategia del tirare a campare. Il tutto con gravi conseguenze sui dipendenti. In queste ore il Comune ha dimostrato di essere a corto di idee, di progetti e di volontà per risolvere in modo strutturale il problema», sottolinea il sindacalista che sposta l attenzione sul più impellente disagio sociale, quello «di chi non percepisce lo stipendio da quatto mesi». Esorta gli amministratori a correggere la procedura inoltrata in un primo momento ad Equitalia e che andava a cozzare con la legge 48 bis. «Un errore fatale che è costato quattro mensilità ad intere famiglie», conclude indignato Pietro Rossi. pacchetto di intrattenimenti adatto a tutti i palati, che tocchi i vari punti della città. «Un manifesto unico, a cui i cittadini possano far riferimento», come ha dichiarato la Tartoni. In prevalenza, gli artisti coinvolti sono cosentini. Un grosso contributo è quello apportato dal conservatorio, che, dal primo luglio, ha iniziato la serie di manifestazioni intitolata Musica nei chiostri, fortemente voluta dall assessore Dionesalvi. Qualche precisazione, non priva di spunti critici, è giunta da Francesca Bozzo: «Non è necessario spendere capitali. Una buona soluzione di compromesso è stata quella di far partecipare artisti della nostra città a cui dare spazi per esibirsi. Le iniziative non possono ricadere solo sulle spalle dell amministrazione. In tutte le altre città, partecipano le imprese per far sistema, con risultati brillanti. Da noi, l assenza della partecipazione privata rischia di allontanare i turisti». Ci vorrà settembre per giudicare. Le polemiche non mancheranno. Ora si tratta di attendere al varco il lancio delle Invasioni, previsto per il 7 luglio alla Casa delle culture. S.P.

12 12 VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 COSENZA Telefono-fax Fax Certificato penale per i soci. Si concretizza l addio all Ascom con la nomina del direttore generale Mauro Spinelli Nuova Confcommercio Le condizioni di Algieri di ALESSANDRA COLAMARTINO «Si cambia musica» per il marchio della Confcommercio. Sono le prime parole del nuovo presidente Klaus Algieri all indomani del suo insediamento. L imprenditore coriglianese, a capo della concessionaria Fiat Sacal e che si sta espandendo nella zona industriale di Rende, attendeva da tempo che l Ascom tirasse le quoia. Anche se non lo ammette. Intanto affinava la sua arma per il rilancio dell associazione nazionale al livello territoriale. Si parte dal nome. Confcommercio Cosenza. Nessun nomignolo localistico. Secondo gradino il direttore generale. Mauro Spinelli, un dirigente della Confcommercio di Roma. Poi la svolta economica, il cambio della partita Iva. Di conseguenza il Consiglio di Amministrazione, 9 persone Algieri compreso. La rosa dei candidati è pronta ma prima del debutto ufficiale, che avverrà entro questo mese, il presidente non si sbottona. Al massimo si riesce a strappargli qualche giro di parole per arrivare ai commercianti storici di corso Mazzini, settore dell abbigliamento grande distribuzione ed un nome noto nelle Assicurazioni. Infine la sede. In via Alimena n.14, sopra il bar Due Palme di rimpetto alla Camera di Commercio. Una bella sfida. Due appartamenti di 300 mq. Mancano solo le rifiniture interne. Al primo piano si collocherà la sede operativa, al secondo i dirigenti. Gli incontri tra le categorie sono decollati da parecchi mesi. Algieri salta da un comparto all altro per tessere la sua tela che andrà a sorreggere un nuovo statuto per gli aderenti al progetto. Requisito irrinunciabile «Fare impresa», afferma Algieri, «per restituire forza alla Confcommercio è necessario circondarci di imprenditori che abbiano alle spalle almeno tre bilanci positivi nelle loro attività. La nostra per numero di iscritti è l associazione più grossa d Italia. Con 820 mila imprese, rappresenta il 40% del Pil e dell occupazione». Niente burocrati, quindi, e soprattutto niente indagati. «Servono tutte le carte in regola», prosegue, «i soci non dovranno avere pendenze con la giustizia in ossequio al principio di trasparenza. Chiederemo il certificato penale e camerale». Algieri ha in mente una fondazione per finanziare borse di studio e consulenze gratuite per l avvio dei giovani imprenditori. La rinascita del soggetto economico s innesta, però, in un territorio devastato da vertenze e l empasse produttiva. La ricetta di Algieri è «il terziario», spiega, «bisogna investire nel turismo e nel commercio per attrarre capitali e creare sviluppo». Per le «zone costiere va scardinato l intreccio tra l illegalità ed il sistema bancario locale», sostiene, «tendente a penalizzare la piccola e media impresa che finisce in pasto all usura». Infine il fantasma dell Ascom e del suo leader Francesco Iazzolino, «un illustre sconosciuto», taglia corto Algieri. Klaus Algieri, presidente della Confcommercio LA DENUNCIA Il Delfino licenzia quattro operatori Licenziati dopo 10 anni di lavoro. Dopo un anno senza stipendio. E alcuna valida motivazione. E questa la sorte di altri quattro dipendenti della cooperativa sociale Il Delfino che da 11 mesi si battono contro la proprietà della società per mantenere il loro posto di lavoro. In una struttura, quella di Castiglione, dove fino a due mesi fa erano in 21 a lavorare per la riabilitazione dei tossicodipendenti. Poi le dimissioni di sei lavoratori, di cui 5 soci della stessa società che continuano comunque a prestare la loro attività nelle sedi operative. Inutili gli incontri tra società e sindacati per chiedere un piano di rilancio societario. Fallito anche quello di circa 15 giorni fa in Prefettura, alla presenza del prefetto vicario Osvaldo Caccuri. I lavoratori hanno persino proposto forme di ammortizzazione sociale, come l anno sabatico, l aspettativa non retribuita e i contratti di solidarietà. La risposta ricevuta è stata invece una riduzione dell orario lavorativo, fino al part-time. «E come se non bastasse il ricatto» dicono i sindacati a difesa dei lavoratori a cui è stato vietato l accesso alla struttura, anche solo per potersi riunire in assemblea, fuori dall orario lavorativo. «L invito ad autocandidarsi al licenziamento. In cambio avrebbero avuto tutto. Mensilità arretrate e persino la liquidazione» afferma Angelo Scarcello della Cisl. «I debiti sono attribuiti al costo del personale che, però, incide appena del 55%. Mentre lo stipendio per questi lavoratori rappresenta l unica fonte di reddito per le loro famiglie, senza contare il conseguente disagio per le utenze a cui questi lavoratori hanno dedicato anni di lavoro» aggiunge. Giusta causa, riduzione del personale. La motivazione scritta nelle lettere di licenziamento. Ma c è una cosa che i lavoratori e i sindacalisti non capiscono. «Negli ultimi anni - dicono - sono stati assunti nuovi dipendenti. In più, la società sta ristrutturando i padiglioni dell ex Anfas di Castiglione e sta per aprire sempre sotto il nome Delfino altre strutture a Malito e a Santa Sofia D Epiro, dapprima destinate ai progetti per le tossicodipendenze. Ora a quelli del settore psichiatrico, più remunerativo per la società. Puntano su altri servizi, perché i tossicodipendenti oggi sono considerati rami secchi». «E ad essere trasferiti nelle nuove strutture continuano - sarebbero alcuni dei dipendenti rimasti, sprovvisti però del titolo di studio adatto e di idonea formazione, al posto dei quattro licenziati». Il vero motivo dei licenziamenti secondo loro, infatti, sarebbe questo. Un cambio gestionale nelle politiche della cooperativa. Un nuovo e più conveniente investimento per la società. Si spiegherebbe così la riduzione del numero degli utenti da 55 a 22, nonostante le continue richieste. «Chiediamo conclude Scarcello - che i licenziamenti siano ritirati e che presto si apra un tavolo di concertazione per discutere sulla questione, perché crediamo nel valore sociale della cooperativa da 20 anni sul territorio. Per questo lunedì abbiamo indetto un assemblea permanente nella sede della cooperativa di via Mortati». Ilaria Nocito Oggi nella caserma Settino il colonnello Ceravolo subentra a Scardino Cambio al Comando bersaglieri Oggi 4 luglio alle 11 la caserma L. Settino, sede del primo reggimento bersaglieri, il colonnello Maurizio Angelo Scardino dopo circa due anni cederà il Comando del Primo Reggimento Bersaglieri al Colonnello Francesco Maria Ceravolo. Presenzierà alla cerimonia il colonnello Giulio Carletti comandante del distaccamento Brigata Bersaglieri Garibaldi. Il colonnello Scardino ha frequentato l Accademia militare di Modena e la scuola di applicazione d arma di Torino diventando ufficiale dei bersaglieri. Ha prestato servizio presso il 3 battaglione Bersaglieri Cernaia e presso l 8 reggimento bersaglieri della Brigata Garibaldi sia quando quest ultima era dislocata a Pordenone, sia quando è stata trasferita a Caserta, negli anni , al Comando di Unità mobile assegnata ad operazioni congiunte con le forze dell ordine, ha preso parte alle operazioni Vespri siciliani in Sicilia e Riace in Calabria. Ha svolto l attività di Comando di battaglione negli anni presso il 66 reggimento aeromobile. Durante tale periodo è stato anche comandante di un gruppo tattico per il controllo dei siti sensibili della Regione Marche e di una parte parte dell Emilia Romagna nel corso dell operazione denominata Domino, lanciata su tutto il territorio nazionale per fronteggiare la minaccia terroristica internazionale all indomani dell attacco subito dagli Stati Uniti l 11 settembre Ha ricoperto diverse posizioni di staff presso gli Stati maggiori dell esercito e della difesa. Ufficiale molto esperto, ha partecipato tra l altro alle operazioni in Bosnia Erzegovina e in Iraq. Dal 13 dicembre sino al 4 luglio 2008 è stato il 76 comandante del 1 reggimento bersaglieri di stanza a Cosenza, presso la caserma Luigi Settino. L ADOC ADERISCE AL PROGETTO GOLFO AMICO Quando la concertazione, espressione magica degli ultimi dieci anni, è affidata a soggetti realmente rappresentanti di interessi vari ma vivi ed animati dall idea del fare, quando a condurre il percorso sono uomini e donne vogliosi di creare azioni di crescita e di sviluppo per la società che li circonda, quando gli stessi, in una visione aperta, riescono a coinvolgere nell idea- progetto, istituzioni, associazioni, organi professionali e sociali, presenti ed operanti sul territorio, il successo è cosa realizzabile, quindi, la concertazione si materializza in atti e risultati concreti. Questo è quanto ha affermato in una nota Pino Cannataro - presidente dell Adoc provinciale-associazione Difesa e Orientamento Consumatori di Cosenza, dopo aver partecipato al Convegno Interregionale, tenutosi a Cirella di Diamante dal tema: Progetto Strategico Golfo Amico per uno sviluppo territoriale di qualità. La concretezza degli studi già da più tempo elaborati, dice Cannataro, le autorevoli presenze politico ed amministrativo, delle tre regioni: Calabria, Basilicata e Campania e dei 67 comuni dei tre territori aderenti, coordinati dall ottimo assessore regionale Mario Maiolo della Regione Calabria e dal movimentismo e dalla fantasia dell architetto Ersilia Magorno, dall assenso convinto del sindacato confederale: Uil - Cgil - Cisl, fanno intravedere, afferma il rappresentante dei consumatori, ad occhio nudo la linea del traguardo prefissato - una perla di sviluppo turistico, nel golfo più bello del Mediterraneo - Golfo di Policastro. L Adoc provinciale di Cosenza attraverso la presenza del presidente, ha partecipato ai lavori della due giorni. Considerato che discutiamo di un progetto, dice Cannataro, che interessa l area del Golfo di Policastro, che coinvolge aree importanti della Calabria, della Basilicata e della Campania, perseguendo una strategia integrata Mare - Monti e foreste, infatti, tra i soggetti del partenariato istituzionale e sociale, aderiscono concretamente i tre parchi delle tre regioni: Pollino Val D Agri e Lagonegrese Cilento e Vallo di Diano, a parere di Cannataro, tutto ciò è presupposto certo per un flusso turistico proiettato sull intero anno. Pertanto, l Adoc di Cosenza consapevole che l auspicato sviluppo produrrà un flusso certo di turismo e di turisti, nella qualità di associazione in difesa dei diritti dei cittadini consumatori, fa voti e propone che la futura governance del progetto, vincoli tutti i soggetti interessati all ospitalità turistica, di esercitare una politica per i turisti consumatori, afferma Cannataro, di grande qualità e coon prezzi controllati.

13 Telefono fax COSENZA VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 Ieri si è svolta l assemblea cittadina dei Comunisti di Ferrando, in attesa della manifestazione nazionale del 12 luglio Pcl: «Ecco il nostro Parlamento dei lavoratori» 13 Il ritorno dei totkisti. Non sono tantissimi, ma ci sono. E, per dimostrarlo, i militanti del Partito comunista dei lavoratori hanno annunciato, nel corso di un incontro svoltosi ieri sera nella loro sede cittadina, la loro manifestazione nazionale, che si terrà a Roma il prossimo 12 luglio. Il pronome non è completamente esatto, visto che, per usare le parole di Antonio De Vincenti, dirigente regionale del movimento di Marco Ferrando, «Il messaggio del Pcl è rivolto a tutte le soggettività della sinistra». Si astengano riformisti e moderati, aggiungiamo noi. Lo scopo della manifestazione di luglio sarà quello di aggregare la base, cioè sempre secondo De Vincenti, «i militanti dei partiti della sinistra cosiddetta radicale, gli esponenti delle associazioni e dei circoli legati al mondo marxista e comunista». Il mezzo sarà quello già annunciato dal segretario nazionale. Pardon, dal lider maximo: un parlamento dei lavoratori che si contrapponga a quello ufficiale, «egemonizzato da una destra che si prepara ad abbattere i diritti acquisiti in tanti anni di lotte». Una destra a cui, sempre secondo De Vincenti, «il Pd non solo non fa opposizione, ma addirittura fa da specchio». Perché anche il Pd «è legato a doppio filo ai poteri del grande capitale borghese, nei suoi esponenti e nei suoi atti». A proposito di capitale: quello a cui i militanti del Pcl mirano è solo umano. Infatti: «Il tornado di aprile ha lasciato dietro di se una base disillusa». Insomma, i ferrandiani si preparano a rimotivarli con questo parlamento. E non soviet, come verrebbe quasi spontaneo dire, visto l ambiente. Il perché lo spiega il dirigente nazionale Massimo Caligiuri: «Non siamo stalinisti, come gli eredi del Pci. I nostri modelli sono Lenin, Trotski, e il Che». Più rivoluzionari di così si muore. Nemmeno i vertici della sinistra ex parlamentare sono graditi: «Il 12 luglio è una data scelta non a caso: Rifondazione e il Pcdi terranno in quel periodo i loro congressi. Ma, in realtà, si tratta di rese di conti tra vertici che si sono seduti al tavolo della borghesia». Caligiuri non nutre alcun dubbio: «Se dividete il 3% della Sinistra arcobaleno per quattro, ricaverete che ciascuno dei partiti di questo cartello ha ricevuto meno consensi di noi. Siamo l unico partito con una base tutta militante». Ma, prosegue Caligiuri, «noi proponiamo un azione comune, non vogliamo mettere il nostro cappello sulle lotte altrui». I neotrotskisti intendono «coalizzare tutti gli oppositori di sinistra, non egemonizzarli. Vogliamo prepararci alle proteste del prossimo autunno». Già: la rivoluzione non va in vacanza. Saverio Paletta Falvo: che fine ha fatto la fase 2? Le polemiche, almeno a Cosenza, sono come le ciliegie. Perciò, era scontato che le dichiarazioni di Franco Sammarco dessero la stura a una ridda di dichiarazioni forti contro la giunta Perugini. Tra queste, puntuale quella di Fabrizio Falvo, capogruppo di An: «Dopo il rimpasto di giunta -si legge in una nota del consigliere- chi credeva in una nuova fase è stato costretto a ricredersi ed il sogno si è infranto sull'ultimo consiglio comunale durante il quale la stessa maggioranza si è liquefatta ed il bilancio è stato approvato in "zona Cesarini" e con soli 21 voti su 41(compreso il sindaco)». Cosenza «è una città nella quale si è persa la speranza di un reale cambiamento in positivo e la situazione di frammentazione che si è venuta a creare tra gli stessi consiglieri di centrosinistra non può essere liquidata facilmente come la richiesta di poltrone assessorili». Coerente a questo discorso, il richiamo all ex presidente del consiglio comunale: «Le bordate giungono anche da Franco Sammarco, che parla senza mezzi termini di un arretramento complessivo della città (anche se a mio avviso avrebbe fatto bene,una volta eletto a non dimettersi continuando la battaglia dall'interno)». Altrettanto coerente la conclusione: «Il malessere che serpeggia è più profondo ed è colto dai più sensibili rappresentanti popolari:quello di un impasse amministrativo e di una inconcludenza politica che ha determinato la crisi di crescita del capoluogo a vantaggio di altre realtà cittadina limitrofe». Presentate ieri a Palazzo dei Bruzi alcune misure a sostegno dell imprenditoria e del lavoro feminili Pari opportunità, pronti tre nuovi bandi Le nuove opportunità del Por 2007/2013 per le pari opportunità, sono state al centro della discussione nell incontro di ieri a Palazzo dei Bruzi con le Consigliere di parità regionale e provinciale Maria Stella Ciarletta e Rosellina Madeo. A fare gli onori di casa, il sindaco Perugini e l assessore al personale Carlo Salatino. Nel prossimo settennio di programmazione, come ha sottolineato lo stesso assessore Mario Maiolo, saranno presenti misure a sostegno dell occupazione al femminile e di tutte quelle politiche di conciliazione indispensabili per le donne che intendano salvaguardare gli interessi sia professionali che familiari. Tre bandi ad hoc, dunque, come ha illustrato Maria Stella Ciarletta, orientati sia a stimolare l imprenditoria in rosa con finanziamenti per l avvio di imprese autonome, sia al sostegno di donne con figli o anziani a carico, tramite l erogazione di appositi voucher mensili, sia al finanziamento di quelle imprese che vogliano avviare politiche di conciliazione attivando servizi dedicati all interno delle proprie realtà produttive. «L importanza dell accesso alle informazioni è molto importante ha sottolineato la consigliera Ciarletta per questo motivo, le donne interessate a rispondere ai bandi, troveranno tutte le indicazioni all interno di una brochure, e sul sito internet della regione». Secondo Rosllina Madeo, inoltre, tali bandi saranno importantissimi per contrastare la ras- segnazione di tante donne disoccupate che si trasforma poi in lavoro nero, rappresentando una vera emergenza. I bandi, saranno finanziati in parte da fondi di competenza del settennio precedente, recuperate in extremis dal rischio di non essere utilizzate. «Tutte le risorse destinate alla Calabria continua poi Maiolo dovranno avere risvolti di crescita economica e occupazionale. Ai giovani, Maiolo, attribuisce in conclusione la necessità di «farsi carico di avviare azioni orientate all innovazione e alla competitività». Fabio Russo Danneggiata bacheca sindacato «Noi lavoriamo con trasparenza» Ignoti hanno rotto i vetri della bacheca situata presso gli uffici dei locali delle ferrovie. Un luogo fisico in cui la Fast Confsal Trasporti inserisce comunicazioni sindacali aggiornate e viene apprezzato da molti lavoratori. Il rappresentante sindacale Franco Cundari commenta con amarezza: «Non ho mai pensato che potessi essere vittima di simili atti, non ho nulla da temere, perciò reputo il gesto più che vile, inqualificabile e nello stesso tempo allarmante, verso chi come me come sindacalista si espone alla difesa dei lavoratori». Tutte le iniziative sindacali, continua Cundari, «sono state sempre mirate a rivendicare il rispetto dei lavoratori, nel pieno rispetto delle relazioni sindacali e senza offendere mai nessuno». Il rappresentante si dice dunque certo di una condotta corretta, forse «mal interpretata». «Se questi sono i metodi di aggredire l avversario sindacale - dice Cundari - sappiate che non ci sto». Il sindacalista poi conclude: «Resto come sempre fermo sulla mia linea di correttezza e trasparenza che mi ha contraddistinto fino ad oggi. Alla quale un gesto simile certamente non può farmi desistere». Scintille si occuperà di risistemare le statue nel centro. Si spera di rilanciare l idea del museo all aperto Un impegno serio in favore del Mab asi è svolta iseri sera, presso il Deep Fashion, locale di via Calabria (palazzo degli Uffici), si terrà la conferenza stampa di presentazione del progetto Scintille D Arte. Il progetto proposto e interamente patrocinato dalla Gioielleria Scintille di Cosenza e San Marco, prevede l attività di manutenzione ordinaria e straordinaria biennale delle opere del MAB, Museo all Aperto Bilotti. Le sculture cittadine che appartengono alla galleria d arte permanente en plein air, saranno affidate, operativamente, alle abili mani del Dott. Gianluca Nava, quotato restauratore cosentino. La Gioielleria Scintille, attraverso questa iniziativa, oltre a sottolineare il legame profondo con la propria città, vuole contribuire come parte attiva alla diffusione della filosofia del bello, di cui l arte è manifestazione. Diventando custode dell integrità delle opere del MAB, intende legare la propria immagine ad una delle massime espressioni d arte: la scultura.alla conferenza stampa erano presenti: Santo Naccarato e Sergio Mazzuca, titolari della gioielleria Scintille, Salvatore Perugini, sindaco di Cosenzal assessore alla Cultura Salvatore Dionesalvi Enzo Bilotti, rappresentante della famiglia che ha donato le opere del MAB, Luisa Gervasi, dell agenzia Red-Onion che cura la comunicazione connessa al progetto. Grazie a questa iniziativa le opere di altissimo valore artistico presenti in città. Opere che non sono mai state valorizzate al meglio e che dovevano rappresentare un volano di sviluppo e di decollo artistico e culturale di richiamo per Cosenza. Invece, non sono venuti i turisti attesi dalle altre città italiane che si aspettavano in massa. Speriamo che con questa lodevole iniziativa si possa recuperare il terreno perso nell interesse di Cosenza e della sua storia e di Dalì, de Chirico, Manzù, che fanno bella mostra in città.

14 14 VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 RENDE, AREA E SILA Telefono-fax sms I carabinieri di Rogliano hanno eseguito nella mattinata di ieri tre ordinanze di custodia cautelare In manette per furto aggravato e spaccio ROGLIANO I Carabinieri hanno eseguito nella mattinata ieri tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di Giovanni Malgaritta, 32 anni, originario di Casole Bruzio e residente a Spezzano Sila, pregiudicato; di sua moglie Linuccia Marinaro, 27 anni, nata a Cosenza e residente anch essa a Spezzano Sila; di Francesca Luce, 26 anni, residente a Casole Bruzio. I tre dovranno rispondere a vario titolo di concorso in furto aggravato di autovetture, detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti (cocaina, marijuana) e detenzione illegale di armi. A Malgritta, il provvedimento, emesso lo scorso primo luglio dal Gip Fiorucci del Tribunale di Cosenza su richiesta del pubblico ministero Claudio Curreri, è stato notificato nel carcere di Cosenza, dove è detenuto dallo scorso 8 aprile per associazione a delinquere finalizzata al furto, ricettazione ed estorsione. Gli altri due provvedimenti consistono in misure cautelari per gli arresti domiciliari. In seguito ai numerosi furti d auto verificatisi nel territorio silano, sia la Compagnia Carabinieri di Rogliano, guidata dal capitano Stefano Monnati, coadiuvato dal luogotenente Domenico Moretti, sia la Stazione Carabinieri di Pedace, agli ordini del luogotenente Riccardo Lupinacci, già da tempo avevano avviato CRONACA Linuccia Marinaro Giovanni Malgaritta Francesca Luce un accurata attività di indagine, che aveva portato, lo scorso 8 aprile, Giovanni Malgritta in carcere. Insieme a lui era finito in manette anche Alessandro Manzo, 31 anni, detto u zingaru, di Casole Bruzio, già recluso per simili reati. Alla moglie di Malgritta, Linuccia Marinaro, invece erano toccati gli arresti domiciliari. I tre facevano parte di un organizzazione più ampia che ha coinvolto altri sei complici denunciati a piede libero. La banda prosperava sulle spalle dei compaesani grazie alla tecnica del cavallo di ritorno. Sceglievano le vittime tra i loro conoscenti per poterli, poi, avvicinare con facilità. Rubavano le auto dopo aver perlustrato accuratamente il territorio durante notte. Al furto seguiva la richiesta di estorsione. Ma l indagine dei Carabinieri non si è fermata con questi arresti ed è invece proseguita. Così, attraverso un articolata attività investigativa arricchita anche da una serie di intercettazioni telefoniche ed ambientali, oggi depositate presso la Procura di Cosenza, si è scoperto che oltre ai furti d auto, la banda deteneva anche sostanze stupefacenti, a fini di spaccio, ed armi. L intera operazione è stata coordinata dal colonnello Aloisio Mariggiò, comandante provinciale dei Carabinieri, che ha esortato gli uomini della Compagnia di Rogliano ad approfondire gli accertamenti. Antonietta Malito Castrolibero, forte scostamento di oltre quattro milioni di euro Il Comune non riesce a far fronte alle spese CASTROLIBERO - Il consigliere comunale, Francesco Bilotta, nel il consiglio comunale ha rappresentato la lista progetto per Castrolibero esprimendo il proprio dissenso sull approvazione del conto consuntivo 2007 optando per un percorso diverso, quello dell astensione. Un atteggiamento, dettato dai vari aspetti poco convincenti del documento contabile.bilotta dichiara : «Abbiamo riscontrato un forte aumento in termini percentuali dell incidenza dei residui sugli accertamenti di competenza, ciò evidenzia la scarsa efficacia del comune nella capacità di riscossione dei crediti vantati, cosa che influisce pesantemente sulla disponibilità di cassa dell ente, innescando notevoli sofferenze di tesoreria, il che comporta la necessità di rallentare le operazioni di pagamento». Da una tale situazione, si può percepire che le condizioni non sono delle migliori, dato che la loro incidenza sugli impegni di competenza è superiore del cinquanta percento, ciò evidenzia come il Comune non rispetti con puntualità gli impegni presi e in ogni caso, proceda ai pagamenti con notevole ritardo. Il consigliere comunale afferma in oltre che: «Secondariamente abbiamo notato un forte scostamento, oltre quattro milioni di euro, nella parte delle entrate derivanti da alienazione e trasferimenti di capitale, il che ha sicuramente influito vuoi sulla parte delle spese, stante simile mancato introito, e quindi in termini di equilibri complessivi del bilancio» - Il consigliere dice- «abbiamo poi riscontrato che il comune non riesce a fare fronte alle spese in conto capitale con risorse correnti, cosa che denota come il bilancio comunale sia notevolmente ingessato e le politiche di territorio possono essere ormai perseguite attraverso l impiego di risorse di finanza straordinaria o attraverso l indebitamento». Bilotta sottolinea il problema del ricorso all anticipazione di cassa: «Questo strumento finanziario dovrebbe essere utilizzato solo per esigenze straordinarie e sopravvenute, ma in realtà ormai è divenuto di prassi» palesando in maniera inequivoca come l equilibrio finanziario del Comune sia costantemente messo a repentaglio. Bilotta conclude: «Abbiamo notato un sensibile decremento della velocità della gestione della spesa corrente, il che significa che ormai il ritardo nel pagamento delle somme dovute si registra anche nei compensi ordinari. A fronte di ciò si è verificato un ingiustificato aumento di spese per prestazioni di servizi, che se da un lato stride con i criteri di economia cui deve ispirarsi chi è chiamato a gestire la finanza locale, dall altro mette in luce come non si riesca a far fronte alle esigenze della collettività con le risorse economiche ed umane interne all ente. Risorse che avrebbero potuto soddisfare le tante, esigenze dei cittadini». Nadia Grande ARRESTATO COMMERCIANTE COLPITO DA MANDATO DI ARRESTO EUROPEO LAPPANO - Ieri pomeriggio, a Lappano i militari della stazione carabinieri di Celico hanno arrestato in via provvisoria, ai fini estradizionali Francesco Garritano, commerciante di 35 anni, colpito da mandato di arresto europeo emesso dal tribunale di Waiblingen (Germania) lo scorso 7 maggio, per truffa in concorso.i fatti risalirebbero al 17 marzo 2004 quando l uomo, insieme ad altri due complici, giudicati in un procedimento separato, si trovava in Schorndorf-Munchen, in Germania aveva acquistato Bmw 320D sottoscrivendo un contratto di prestito con un istituto di credito di Monaco di Baviera per una somma di quasi ventimila euro, fornendo, però, un falso indirizzo prima di fuggire alll estero con l autovettura e senza ovviamente onorare il prestito ricevuto. L'arrestato è stato cndotto presso la casa circondariale di Cosenza a disposizione della Corte d appello di Catanzaro. CASOLE, CONSIGLIO COMUNALE DICOTOMIA NEL COMPORTAMENTO DELLA MAGGIORANZA CASOLE BRUZIO - Comportamento a dir poco contraddittorio quello dei consiglieri di maggiornanza di casole. Nel corso dell ultimo consiglio comunale i due punti alll ordine del giorno, approvazione del bilancio consultivo 2007 e nomina del rappresentante di minoranza del Consilio dell Unione dei Comuni, hanno avuto due differenti iter procedurali. E stata rinviata l approvazione del bilancio a causa di una mera irregolarità formale. I consiglieri del gruppo Insieme per Casole avevano avuto la possibilità di consultare il bilancio solo il 24 giugno, mentre il regolamento per tali materie prevede che i consiglieri devono avere a disposizione il documento almeno 20 giorni prima della scadenza dei termini di approvazione( in questo caso il 30 giugno). Per quanto riguarda la nomina del rappresentante della minoranza in seno al Consiglio dell Unione dei Comuni, sia il gruppo Insieme per Casole che quello dell Alba, avevano chiesto il rinvio del punto in quanto non erano in grado di nominare il loro rappresentante perchè non avevano avuto il tempo di consultarsi, dato che questo punto era stato aggiunto all ordinne de giorno d urgenza. Il rifiuto di tale richiesta da parte della maggioranza genera delle perplessità nella minoranza. Per quale motivo si rinvia l approvazione del bilancio e non si può rinviare l elezione di un rappresentante dell opposizione? Il debito dell amministrazione è di 350 mila euro MENDICINO - «La situazione di cassa del comune di Mendicino è preoccupante» ad affermarlo è Luciano Luciani, dirigente e portavoce della Destra nelle Serre Cosentine, in una nota diffusa giorni fa. «Vista la serietà sui numeri del Consigliere Greco, c'è da credere che lo stato di sofferenza dell ente sia reale, anche perchè la gestione dei residui attivi mostra parecchie incongruenze e i residui passivi mostrano una massa passiva altrettanto preoccupante. La grave situazione debitoria dichiarata dal consigliere comunale ammonta a 350 mila euro. La stessa difficoltà che il comune ha nella gestione dei pagamenti e il tempo che si impiega per onorare gli impegni, dimostrano che la situazione di cassa a causa dell'indebitamento è preoccupante. Fa bene il Consigliere Greco a dire che sono dieci anni che la situazione di indebitamento è aumentata, ma altrettanto dovrebbe dire dei responsabili di questa situazione, che sono da individuare anche al di fuori dell attuale maggioranza. Conclude Luciani - appare sempre più urgente rilanciare con tutte le persone di buona volontà, un azione politica che abbia al primo posto il paese nella sua complessità». Pierfrancesco Greco In via Verdi senz acqua, nessuno provvede MONTALTO UFFUGO - Da diverse settimane i residenti in via Verdi sono rimasti sprovvisti d acqua e nonostante le innumerevoli sollecitazioni agli uffici comunali la risposta è sempre la solita «Stiamo provvedendo». Non si rendono conto delle gravi condizioni, soprattutto a livello igienico sanitarie, a cui sono sottoposti gli abitanti di questa via. Il Comune non ha provveduto neanche ad inviare delle autocisterne per far fronte (in attesa di provvedere in maniera definitiva al guasto) a questa mancanza; preferisce sapere che tali persone sono costretti a procurarsi l acqua da fontane comunali. Si spera che il comune stia provvedendo con operosità al guasto e che sia capace di poter dare risposte più precise. Ma il problema dell acqua non è l unico. I marciapiedi ad esempio, non sono una collocazione adeguata per i cassonetti della raccolta dei rifiuti che ostacolano il passaggio ai pedoni. Per non parlare dell illuminazione stradale e via discorrendo, tutti problemi a cui il comune «sta provvedendo». Ora i cittadini aspettano risposte e fatti concreti. N.G.

15 NUMERI UTILI VENERDÌ 4 LUGLIO NUMERI UTILI COSENZA E AREA URBANA (prefisso 0984) FARMACIE DI TURNO COSENZA Aiello Via Popilia, 200 (Turno: dalle 13:00 alle 16:30) Stancati Via Roma, 28/c notturne Gionchetti Via Panebianco, 472 Chetry P.zza Kennedy, 7 RENDE Jorio via Nazionale 1/3 (Turno: dalle 13:00 alle 16:30) OSPEDALI Emergenza sanitaria 118 Ospedale dell Annunziata 6811 Annunziata Pronto soccorso Annunziata informazioni (dalle 8 alle 20) Annunziata numero verde per il cittadino Ospedale Mariano Santo 6811 Ospedale di Rogliano Ospedale di Acri 9131 PRONTO INTERVENTO Carabinieri 112 Polizia 113 Vigili del Fuoco 115 Guardia di Finanza 117 Corpo Forestale antincendi 1515 Polizia stradale Polizia Municipale Cosenza Polizia Municipale Rende... Polizia Municipale Castrolibero... Aci soccorso stradale GUARDIE MEDICHE Cosenza via Antonio Zupi Castrolibero Donnici Superiore via Interna Rende piazza Garibaldi Rende Quattromiglia AMBULANZE Croce Rossa Italiana (8/24) / Croce Blu Cosenza (per 24 ore) Croce Bianca Croce Azzurra (giorno e notte) Croce Verde, (8/20) Misericordia /31554 Associazione Over Avas, Spezzano della Sila Spezzano Piccolo Associazione volontari, Rogliano Montalto Soccorso / Amicizia e solidarietà presilana TUTELA DEI DIRITTI DEI CITTADINI Tribunale per i diritti del malato, sede presso ospedalle dell Annunziata SERVIZI SOCIALI Telefono Rosa Telefono Azzurro Tel. Arcobaleno antipedofilia Sos lavoro Provincia di Cosenza Telefono voce amica Mensa Oasi Francescana Associazione San Pancrazio Consultorio via Kennedy Commenda di Rende Centro di salute mentale Centro di informazione sessuale Centro diurno anziani via Milelli Centro Diurno Anziani via Popilia Centro sociale di Serra Spiga Centro sociale di via Popilia Regina Pacis viale Repubblica Drogatel Il Delfino Ascolto tossicodipendenze e alcolisti Alcolisti Anonimi Informagiovani Sportello Immigrati v. Nicola Parisio Comitato Consumatori Altroconsumo SERVIZIO GUASTI Acqua Enel Italgas Telecom Italia 182 Servizio viabilità e traffico Salerno-Reggio Calabria FARMACIE COSENZA Aiello Via Popilia, Beneduce P.za Bruzi, Berardelli C.so Mazzini, Chetry P.zza Kennedy, Ciacco Via Panebianco, Coppola Tancredi Via Tribunali 2/ Costabile Via Popilia, Del Vecchio Via P. Rossi, Della Riforma Piazza Riforma, Gionchetti Via Panebianco, La Rosa/Annarumma Piazza Europa, Misasi Via S.Quattromani Molinaro Via Popilia, Policicchio Via Martiri, Romanello Corso Telesio, Russo Via Cosmai, 72/ Santarcangelo Donnici inf Santoro Via Caloprese, Serra Piazza Fera, 5/ Sesti Osseo Via degli Stadi, Stancati Via Roma, 28/c Verri Strada A Vitola Via P.Rossi, 111 ingr. A Vocaturo Via Montesanto, RENDE Europa Via Verdi Quattromiglia Iorio Via Nazionale, 1/3 Quattromiglia Jorio Via A. Volta, 2 (ang v. G. Galilei) Minardi Via Capizzano, 13 C. St Pellegrini Metropolis, 11/12 Roges Peluso C.da Settimo Stumpo Via F.lli Bandiera, 46/48 Commenda CASTROLIBERO Nitti Via della Resistenza, Andreotta di Castrolibero / TAXI Ferrovia Vaglio Lise Corso Mazzini 28973/28947 Ospedale Annunziata Piazza Riforma Piazza Matteotti Stazione Casali Piazza Europa Via Sicilia (tribunale) CURIA ARCIVESCOVILE sede in piazza Parrasio Segreteria Arcivescovado Segreteria Generale 24819/25883 Vicario generale Segretario Amministrativo Diocesano Caritas Diocesana - Direttore Caritas Diocesana - Segreteria Comunicazioni sociali Il Samaritano Tribunale Ecclesiastico Uff. Catechistico Coordinamento Pastorale Seminario Arcivescovile Cosentino Via Rossini, Rende / Casa dello Studente Via Londra / ORARI MESSE COSENZA Cappella del Cimitero contrada Mussano (26928) Cappella Arciconfraternita festivo 11; feriale 9; prefestivo 15,30. Cappella Comunale festivo 9,30; 11 Cristo Re via Popilia ( ) festivi 8, ; tutti i giorni 9 Duomo piazza Duomo ( ) festivi 7, ; feriali 18; mercoledì 8-18 S. Aniello v. Panebianco (38215) festivo ,30-18,30; feriale 8,30-18,30 S.S. Crocifisso piazza Riforma ( ) festivi ,30-19; feriali 7,30-8,30-18,30; prefestivi18,30; venerdì 19,30 (ora di adorazione) S. Domenico festivi 9,30-11,30-18,30; feriali 9,30-18,30 S. Francesco di Paola corso Plebiscito ( ) festivi 10, ,30; feriali 8,30-18,30; venerdì 7,30-8,30-9,30-18,30 S. Francesco d Assisi via S. F. d Assisi ( ) festivi 8,00-11,30; prefestivi 18 S. Francesco Nuovo Via Popilia, ( ) S. Gaetano piazza Ortale, 12 ( ) festivi 9-11; feriali 18 S. Giuseppe (parroco ) S. Maria della Sanità Portapiana, ( ) S. Maria Madre della Chiesa Bosco de Nicola ( ) festivi ; feriali 7,30-19,00 S. Nicola vc. S. Nicola ( ) festivi 8, ,30-18; sabato 9-18; feriali 9-18 Sacro Cuore di Gesù piazza Loreto ( ) festivi ,00-19,30; feriali 9,30-19,30 S. S. Pietro e Paolo Via XXIV Maggio festivi 11,00; feriali 18,00 S. Teresa vl. Roma, 28 (uff. parroco ) festivi 7,30-9, ,15-19; feriali 7, S. Vito martire (parroco ) festivi 9-11; feriali 18 S. Giovanni Battista Via G. De Rada ( ) feriali e festivi 8.30; prefestivi 18 RENDE B. Vergine di Lourdes Roges ( ): festivi 9-10, ; sabato e prefestivi 9-19; feriali 9-19 Chiesa di Arcavacata: domenica 11 Chiesa di S. Carlo Borromeo: domenica 8, ,30-19; sabato 19 Chiesa di contrada Rocchi: domenica 10 Chiesa di Costantinopoli: domenica 8,30; sabato 18 Chiesa di S. Paolo Apostolo: sabato 19 Chiesa di S. Paolo: domenica 11,30 Chiesa della Pietà: domenica 9,30 Chiesa del Rosario: domenica 10,35 Chiesa di Surdo domenica 9,30 Chiesa di Saporito: domenica 11 Chiesa di S. Stefano: domenica 10 CASTROLIBERO S.S. Salvatore Piazza Pandosia Santa Famiglia P. Giovanni XXIII festivi 8,15-10,00-11,30-19; feriali 19 PER I VIAGGIATORI Ferrovie dello Stato Info (ore 7/21) Stazione Autolinee Aeroporto Lamezia 0968/ /51521 Autolinee Simet 0984/76907 Autolinee IAS (Imprese Autolinee Scura) 0983/ UFFICI PUBBLICI Prefettura centralino Questura centralino Ufficio Prov. del lavoro via Galliano, Ufficio Prov. del Tesoro via Roma... Ufficio Tecnico Erariale (Catasto)... Ufficio Iva... Uff. Registro Immobiliare (ipoteche)... Pra Pubbl. Registro Automobilistico... Motorizzazione Civile viale Crati Inps piazza Loreto Inpdad via Miceli, Inail via Isonzo, SEGNALAZIONI Chi desidera segnalare un servizio di pubblica utilità da inserire nella rubrica de La Provincia Cosentina può farlo via fax ( ) oppure con un messaggio di posta elettronica: CINEMA E TEATRI Cinema Citrigno Via Adige 13, Cosenza (CS) Cinema Garden Via Torino 22, Rende (CS) Cinema San Nicola Vicolo S. Nicola, Cosenza (CS) Supercinema Modernissimo Corso Mazzini 48, Cosenza (CS) Teatro Rendano / Teatro Acquario Cinema Teatro Italia BAR E CAFFÈ Bar Bronx P.zza Loreto 1, Cosenza (CS) Bar Colosseo Piazza Santo Sergio 1, Rende (CS) Bar Occhiuto & Bozzo Via Molinella 2, Rende (CS) Bar Pasticceria Delizie Viale Trieste 155, Montalto Uffugo (CS) Drunk and Alive Crati 25/A, Rende (CS) Gran Caffè Renzelli Piazza Parrasio, Cosenza (CS) Il salotto delle donne SS , Rende (CS) Pop Corso Mazzini 95, Cosenza (CS) Time Out G. Marconi, Rende (CS) PUB Morrison s Pub (sempre aperto)via N. Serra Il Moro Via Calabria Beat Piazza Duomo /29548 James Joice Via Cafarone Free Pub Via Caloprese 19 tel: Scottish Pub Via Arenella El Mojito P.za Valdesi Makumba Pub Via Caloprese Arenella River Pub P.zza dell'arenella L Aragosta Via Roma 99 Burger King Via Verdi, Rende Plaza Café P.za Matteotti, Rende Master Club 1991 Via Milano Gambrinus Birroteca Corso Telesio 72/74 C. Storico (Chiuso il lunedì) WINE E COCKTAIL BAR Cigar Bar Lounge Via Torino 38, Rende (CS) DOC Vicolo San Tommaso 11, Cosenza (CS) El Mojito Piazza dei Valdesi 5, Cosenza (CS) Il Chicco d'uva P.zza dei Bruzi 4/A, Cosenza (CS) Jazz & Wine Via P. Mascagni 38, Rende (CS) Jazz Cafè Via delle medaglie d'oro 6/A, Cosenza (CS) La Grange Viale Trieste 6, Cosenza (CS) Melì Melò Tevere 5, Rende (CS) Nocturne Place Fratelli Bandiera 36, Rende (CS) Sama Anà Marconi, Cosenza (CS) La Buca dei Vini Piazza dei Bruzi, (Cs) PIZZERIE Al Rustico C.so Mazzini, Al Vecchio ulivo C.da Cozzo Presta, Al Vicoletto Trav. Via Simonetta, Blade Runner Via Papa Giovanni Castrolibero Calò Salita Liceo Canonaco Via Chinnici, 24; Caputo Via Frugiuele, 36; Calesse Viale Mancini, Cristini Via Calabria, C è Pizza per Te Via B. Angelo da Franco V.Popilia Via Alimena, Via delle Medaglie d'oro, 162; Europa P.zza Europa Il Ventaglio V.Panebianco Intervallo srl (Self service) Piazza XI Settembre. Aperto tutti i giorni a pranzo dalle alle 15 Tel Funiculì Via Falcone Greco Via R. Montagna, 9; Il Portale C.so Plebiscito, 8; La Castagna Via Capoderose, La Comalpi Via Panebianco, Lanzillotta Viale della repubblica, L'Incontro Via Sicilia, Lo Sfizio Via C. Marini, 6/F Nefertiti Ristorante-Pizzeria Via Cattaneo, 92/d Tel Perri Via delle Medaglie d'oro, Pizza e Pizza Piazza Fera, Santa Teresa Via Calabria, 1; RENDE Al Papero Giallo Via Ungaretti, An.si C.da Rocchi, Buona Pizza Via Kennedy Cafiero Via Trieste Europizza Viale Resistenza, Caronte C.da Santa Chiara Il Paiolo Via Vercillo, Il Sogno Via L. Da Vinci, Reginella C.da Pirelle, Il Tufo C.da Tufo Imbrogno e della coletta C.da S. Stefano, Lisandrone Via Scaglione, La Borgata C.da Rocchi, L'Arco Via Costa, 4/B Flash Pizza Via Kennedy,158 Rende Mosciaro Via Catanzaro, Muraca Via G. De Chirico, Park s Pizza Via Busento Frank Via Molinaro Sancta Maria C.da S. Maria La Strega Via T. Arnone PIZZA A DOMICILIO Mad Pizza Via Roma Il Moro Via Calabria 18/ Vecchia Rimini Via Mameli, Pizza Telephon Via Adige, Pizza da Franco Via Popilia, Pizzeria U Quintali Via Sicilia 28/a Speed Pizza Sempre aperto Via R. Chinnici, The Simpson V. Montesanto Volante Via Kennedy, Rende

16 Dal 1905 abbiamo iniziato ad arredare le vostre case VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 Telefono-fax grazie per la fiducia Fax CASTROVILLARI - E alla fine Pinuccio Vizzi ha fatto la sua scelta. Dopo essere stato in stand-by per un po di tempo, ha preso la sua decisione ed è uscito dal Partito Democratico. Questi i motivi che lo hanno spinto a lasciare e che Vizzi spiega così. «Se l Amministrazione comunale di questa città dice - è completamente nelle mani del centrodestra, la colpa è tutta del Partito Democratico, che non è in grado neanche di dettare le Vizzi lascia il Partito Democratico linee guida per lo sviluppo del territorio e della città». «La deludente prova elettorale delle recenti elezioni amministrative, in cui anche il sottoscritto è stato coinvolto, come candidato nelle liste della Margherita, mi ha lasciato aggiunge Vizzi - l amaro in bocca, per colpa di una vecchia nomenclatura locale che, adesso, deve lasciare il posto a dirigenze nuove per dare credibilità pubblica al partito e fiato al territorio, che è a corto di argomenti programmatici seri, mai affrontati». A giudizio dell ex esponente del partito di Veltroni, «il Pd è un partito di leader spaesati, a livello locale, in cui la vita interna del partito non Il Municipio di Castrovillari può essere affidata a criteri di democrazia formalistica e di cooptazione concordata e preconfezionata da una dirigenza e da un comitato locale, eletto abusivamente ed in modo maldestro». Parole forti, quelle di Vizzi, il quale «si augura che il Pd diventi, al più presto, un grande partito nazionale che sappia scegliere dice -, anche a livello locale, i prossimi futuri giovani candidati a sindaco, alle provinciali, alle regionali ed alle prossime elezioni». Dal canto suo Vizzi si dice un po dispiaciuto per questa sua scelta, nel dichiarare «di voler lasciare definitivamente il Pd, per le ragioni fin qui esposte, per continuare il suo impegno nel sociale, essendo il portavoce dell associazione culturale Il Cittadino». Domenico Fortunato La Cassazione mette di nuovo i sigilli ai sette appartamenti a luci rosse dopo l arresto di cinque persone Amsterdam, confermato il sequestro delle case CASTROVILLARI Sono stati, nuovamente, apposti i sigilli ai sette appartamenti, sequestrati nel luglio scorso, nell ambito dell operazione Amsterdam, che portò all arresto di cinque persone, accusate di associazione a delinquere, finalizzata allo sfruttamento della prostituzione. A confermare il sequestro preventivo degli immobili è stata la terza sezione penale della Corte di Cassazione e ieri i Carabinieri della compagnia di Castrovillari vi hanno messo i sigilli, trovandovi, peraltro, la medesima situazione dello scorso luglio, con donne che si prostituivano. In merito agli appartamenti era stato poi disposto il dissequestro, contestualmente alla cessazione della misura cautelare personale. Dopo una serie di ricorsi, nei giorni scorsi è arrivata la decisione della Corte di Cassazione, che, ha, invece, confermato il sequestro preventivo degli immobili. L operazione Amsterdam, come si ricorderà, venne portata a compimento dai Carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Castrovillari, guidati dal capitano, Massimiliano Occhiogrosso. A finire in manette furono cinque persone, arrestate dai militari dell Arma con l accusa di associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento ed al favoreggiamento della prostituzione. Come riferito dagli inquirenti, gli indagati avevano gestito dal maggio 2006 al luglio del 2007, diversi appartamenti situati nel centro storico di Castrovillari, all interno dei quali si prostituivano diverse ragazze italiane, che dall alba e per almeno dieci ore al giorno offrivano prestazioni sessuali a pagamento, che andavano dai trenta ai cinquanta euro, a clienti provenienti dalla LA CORTE DI CASSAZIONE provincia di Cosenza, i quali facevano lunghe file, in attesa del loro turno. Per sapere se le prostitute erano impegnate o meno, bastava guardare la posizione delle scope, poste fuori dalle abitazioni. Se la scopa si trovava nella sua posizione naturale, voleva dire che le ragazze erano occupate. Altrimenti erano libere. L attività, come detto, si svolgeva all interno di queste abitazioni, le quali ora sono state di nuovo sequestrate. P. N. DROGA, DENUNCIATO UN 27ENNE LAINO BORGO - Ancora droga sull autotrada A3. Le fiamme gialle di Lauria, durante un servizio finalizzato al controllo del territorio, hanno notato un autovettura sospetta in transito lungo il tratto autostradale dell A3 tra i comuni di Laino Borgo e Lauria. I militari prontamente hanno effettuato il fermo del veicolo per un controllo della Fiat Scudo alla cui guida si trovava un giovane originario della provincia di Roma. Da un primo immediato accertamento è emerso un particolare atteggiamento di nervosismo manifestato dal conducente e pertanto veniva invitato a recarsi presso la sede del comando. In particolare, dopo gli evidenti stati di agitazione del fermato, prima di intraprendere una perquisizione personale nei confronti del 27enne L.V. i militari avevano chiesto al giovane se detenesse sostanza stupefacente. Il giovane romano immediatamente ha consegnato sei grammi di hashish abilmente occultati in un vano portaoggetti all interno dell abitacolo del lato passeggero. Con l ausilio di altri militari specializzati sono stati effettuati ulteriori accertamenti sull autovettura con esito negativo. L intervento si è concluso con il sequestro della sostanza stupefacente e la segnalazione del conducente dell autovettura all autorità prefettizia della città di Roma. Emilia Manco LA DENUNCIA Discarica campolescio, la protesta del gruppo archeologica Pollino CASTROVILLARI - Continua a tenere banco, all interno del dibattito cittadino, la questione della possibile riapertura discarica di Dolcetti-Campolescio. Dopo le critiche dei giorni scorsi e le successive dichiarazioni dell Amministrazione comunale, sull argomento interviene il Gruppo Archeologico del Pollino, il quale richiama l importanza culturale dell area. «In considerazione che sulla stampa è scritto in una nota è apparsa la notizia relativa a una possibilità di un riuso del sito di contrada Campolescio in Comune di Castrovillari, quale area destinata a impianti di trattamento di RSU, e nell ipotesi che tale area possa nuovamente riguardare la limitrofa contrada Dolcetti, si ritiene opportuno richiamare l attenzione sulle importanti peculiarità archeologiche di tale sito». «L importanza culturale dell area si legge nel comunicato- era stata richiamata dal Gruppo Archeologico del Pollino nell aprile del 2003 e, a seguito di un concatenarsi di eventi, si era giunti a un sequestro penale dell area disposto dalla Procura della Repubblica di Castrovillari che, nell ambito delle relative indagini preliminari, aveva disposto una consulenza tecnica d ufficio tesa ad accertare la valenza archeologica del sito». «Nel corso delle operazioni peritali aggiungono - alle quali il Gruppo Archeologico del Pollino forniva collaborazione con proprie strutture e personale, veniva effettuato uno scavo che accertava la presenza di un insediamento abitativo di epoca romana, frequentato tra il I sec. a. C. e il I sec. d. C.; di tale periodo emergevano, infatti, strutture murarie, frammenti di pavimenti musivi, di decorazioni parietali in rosso e un ampia tipologia ceramica. Lo scavo, inoltre, consentiva di individuare un ampia fornace di epoca ellenistica (III-II sec. a.c.) che, per caratteristiche strutturali e per materiali rinvenuti, rivelava la presenza di un articolata area artigianale». Secondo gli esponenti dell associazione, «il sito archeologico di contrada Dolcetti lascia presumere, pertanto, una continuità insediativa dall epoca ellenistica a quella romana del primo Impero e si pone, quindi, in relazione col vicino sito archeologico della villa romana di contrada Camerelle, uno degli esemplari meglio conservati di ciò che dovevano essere gli antichi insediamenti agricoli di epoca romana». «Il sito archeologico di contrada Dolcetti merita, quindi concludono - accurata tutela, sia per le peculiarità sue proprie e sia perché inserito in un territorio caratterizzato da emergenze archeologiche di particolare pregio e di notevole valenza paesaggistica». D. F.

17 Telefono fax CASTROVILLARI VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 esaro - pollino Tre le ordinanze di custodia cautelare emesse. In carcere un 45enne e due giovani ai domiciliari Romeno aggredito, arrestati i colpevoli 17 L INTERVENTO ROGGIANO GRAVINA - Alla vigilia della partita Italia - Romania si erano resi colpevoli di un aggressione e contestuale rapina ai danni di un giovane romeno all interno del Parco N. Green. E ieri sono stati arrestati (anche se due sono stati destinati ai domiciliari) i tre autori del gesto. Sono tutti di Roggiano Gravina. L. P. 45 anni; S. I. di 19 anni; R. M. appena maggiorenne. E sono stati arrestati dai carabinieri. Deferiti dapprima alla Procura della Repubblica di Cosenza per rapina aggravata, violenza privata e lesioni personali in concorso, l autorità giudiziaria ha poi avallato l operato dei Carabinieri emettendo tre ordinanze di custodia cautelare: in carcere (a via Popilia) è finito il 45enne; agli arresti domiciliari i due giovani. Il blitz nelle loro abitazioni è scattato nelle prime ore della mattinata. Quella sera, i tre raggiunti dal provvedimento di custodia cautelare, aggredirono un ragazzo diciottenne di origine romena, all interno del parco Green. E approfittando dell oscurità e del fatto che il ragazzo era lì solo lo picchiarono rubandogli il portafogli che conteneva circa 200 euro. Il giovane, quindi, ricorse alle cure dei sanitari dell ospedale di San Marco Argentano dove gli fu diagnosticata una contusione toracica per i colpi ricevuti. Immediatamente scattarono le indagini da parte dei militari della stazione di Roggiano Gravina, coordinati dal maresciallo Stanislao Porchia, che in pochissimi giorni hanno portato alla compiuta identificazione dei tre autori. Un episodio deplorevole (come purtroppo ne accadono ormai tanti in tutta la penisola) che scosse la vigilia di Italia-Romania (Euro 2008). E quella, purtroppo, è stata una puntata al contrario rispetto a quanto di solito accade tra rumeni e italiani. Spesso, infatti, sono i primi ad andare anche sulle prime pagine per violenze e fatti di cronaca contro i nostri connazionali. A Roggiano, invece, sono stati tre roggianesi (come appurato) a pestare e derubare quel giovane rumeno. Il 18enne rumeno secondo una ricostruzione dei fatti sarebbe stato adocchiato dai roggianesi e quindi rincorso probabilmente per un regolamento di conti. Evidentemente il ragazzo dell est europeo aveva fatto qualcosa. Ma da qui ad organizzare una sorta di spedizione punitiva ce ne passava. L inseguimento del 18enne, quindi, si sarebbe concluso all interno del Parco N. Green, dove sarebbe stato preso a calci e pugni e poi derubato di circa 200euro, guadagnati presumibilmente da alcuni lavoretti fatti in loco. Alessandro Amodio Il presidente Pacienza replica a Caligiuri: «Non strumentalizzate il problema rifuti» Inceneritore, le critiche di Fare Verde ALTOMONTE - La sezione provinciale di Fare Verde, tramite il suo presidente Francesco Pacienza, resta «sgomenta» di fronte alle dichiarazioni di Renzo Caligiuri, presidente del distretto agroalimentare di qualità (DAQ), che denotano - dichiara Pacienza - «la totale ignoranza in materia di rifiuti oltre all incompetenza nella gestione di un sito di tale importanza qual è il DAQ. Fare Verde, quindi, condanna «con forza la strumentalizzazione che da più parti, nella totale ignoranza della specifica situazione, della vicenda Napoli. Perché in Campania gli oltre 150 comuni che da anni adottano la raccolta differenziata con il SAN MARCO ARGENTANO - La strada Scarniglia-Fraccicco diventi una delle priorità del Comune. Lo chiedono esasperati i residenti dell area che sono costretti a percorrere l arteria piena di buche e dal manto palesemente dissestato. Quando piove, le buche si riempiono di acqua e i fossi di scolo, intasati a causa della mancanza di una pulizia adeguata, fanno diventare la carreggiata una vera e propria fiumara. In alcuni punti le buche sono talmente grandi da poter essere definite voragini, e costringono gli automobilisti ad una gincana pericolosa per strada. Ma quell arteria metodo del porta a porta non hanno minimamente conosciuto i problemi che invece hanno afflitto Napoli e tutti i comuni che si sono affidati alla discarica ed alla produzione di Cdr come soluzione per lo smaltimento dei rifiuti. Un territorio vocato naturalmente al turismo e all agricoltura di qualità - per Pacienza - non può, perché le due cose sono incompatibili tra di loro, accettare l'insediamento di un inceneritore con le relative discariche speciali ad esso connesse». Il presidente di un distretto agroalimentare di qualità, quindi, dovrebbe «preoccuparsi delle ricadute negative sul territorio che un inceneritore produce; dovrebbe preoccuparsi di seguire le indicazioni sull'uso del composto, e di conseguenza sulla produzione dello stesso dalla frazione organica oltre che dallo sfalcio verde, che il ministero delle Politiche agricole sta portando avanti da molti anni insieme alla Coldiretti, alla scuola agraria del Parco di Monza e Fare Verde. Tutti soggetti istituzionali che denotano una competenza in materia di valorizzazione dei prodotti agricoli di qualità che il presidente del distretto agroalimentare di qualità non ha. A. A. Strada in dissesto, petizione dei residenti è utilizzata anche dagli autobus e dagli scuolabus che portano gli studenti che abitano nelle zone rurali negli istituti scolastici che si trovano in centro. Per tutto l inverno hanno combattuto con i disagi, ottenendo solo qualche colata di cemento qua e là all occorrenza. Ora sono stanchi di vedere una strada rattoppata e rivendicano un azione complessiva di rifacimento del manto. Lo chiedono con una petizioe popolare che i residenti hanno Sopra le buche sul manto, a destra la strada allagata in un giorno di pioggia LA LETTERA Riceviamo e pubblichiamo: Egregio Sindaco, la presente vuole essere solo una considerazione su una situazione che penso (mi auguro!) conosca bene, ovvero: la questione dei parcheggi. Qualche giorno fa, precisamente giovedì 12 scorso, per motivi professionali, mi trovavo nella splendida cittadina che Lei amministra e, venivo sanzionato dal corpo della Polizia municipale per divieto di sosta. Giustamente e correttamente multato dai vigili urbani, ho provveduto all immediato pagamento della somma di 36 euro, ma detto ciò, sento di segnalarle una cosa assai strana! Sinteticamente: il sottoscritto, in piazza Selvaggi non ha trovato (forse perché non è stato bravo!?!) un parcheggio che non fosse a pagamento;il sottoscritto, pur volendo parcheggiare nelle delimitate strisce blù, non poteva farlo per via di alcune autovettura lasciate in sosta in modo da non permettere le corrette/giuste manovre di parcheggio. Pienamente consapevole delle proprie responsabilità e, da cittadino rispettoso della legge, Le porgo in letture queste poche righe, frutto di un amarezza non tanto per l esborso, quanto perché, per le ragioni suesposte, non si è potuto rispettare il/i divieto/i imposto/i dall Amministrazione comunale da Lei guidata. La mia riflessione ha la sol pretesa di indurla a rivedere la dislocazione delle aree destinate al parcheggio a pagamento, perché è inconcepibile che in un paese come San Marco Argentano, che ha una popolazione all incirca di ventimila abitanti, non ci siano nel centro, o vicino, parcheggi liberi. Sorge spontanea una domanda: I cittadini non residenti in centro sono costretti a pagare il ticket (tra l altro non è facile trovarlo, come in altra occasione si è avuto modo di appurare!) oppure no?. E di facile comprensione l esigenza di far cassa - considerata le scarse risorse a disposizione degli enti pubblici (tagli selvaggi e continui da parte delle finanziarie) -, ma sarebbe opportuno, oltre che strategico, venire incontro alle esigenze della collettività con interventi che ponderino tutti ed i molteplici fattori del territorio. La giustizia amministrativa e la giustizia ordinaria si sono espresse numerose volte sulla annosa questione dei parcheggi a pagamento - parcheggi gratuiti, sancendo un principio di proporzionalità tanto nella individuazione delle aree quanto nell affidamento della gestione del relativo servizio di custodia. Pertanto, La invito a rivedere la distribuzione delle zone adibite ai parcheggi nel Suo Comune, al fine di permettere ai cittadini tutti di non trasgredire il codice della strada nella bellissima San Marco Argentano. Avv. Eugenio Lucchetta iniziato nella zona, facendo presente al sindaco e all amministrazione del pericolo reale per le persone che vi transitano quotidianamente e i danni potenziali ai mezzi che sono messi a dura prova in quel tratto. Fino a poco tempo fa, lungo la strada era stato stabilito il cantiere della ditta che aveva ottenuto l appalto dei lavori lungo la statale. Causa - secondo i residenti - di peggiorare il dissesto con il passaggio dei mezzi pesanti. Si tratta poi di un arteria che collega San Marco con diversi altri comuni dell Esaro. E merita attenzione per la sua buona tenuta.

18 18 VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 CASTROVILLARI Telefono fax esaro - arberia I benzinai locali in rivolta parlano di atto illegittimo e chiedono la revoca della concessione Distributore benzina, oggi la decisione del Tar SPEZZANO ALBANESE - Attesa per oggi la sentenza del Tar chiamato a pronunciarsi in merito alla revoca della concessione edilizia per la costruzione di una stazione di servizio carburante chiesta dai gestori degli altri quattro impianti operanti nel territorio di Spezzano Albanese. Gli stessi, infatti, nell evidenziare la gravissima precarietà in cui versano, testimoniata peraltro dall esiguità dell erogato medio annuo (pari a litri a fronte dei della media regionale limite sotto il quale una nuova apertura è generalmente ritenuta non economica ), lamentano in particolare le conseguenze pregiudiziali irreparabili che l apertura di un nuovo impianto comporterebbe sia in termini di diminuzione del volume d affari, che in termini di possibile chiusura per intervenuta revoca della convenzione con la compagnia petrolifera con conseguente perdita di un numero non indifferente di posti di lavoro. Ma le ragioni del lungo, complesso ed articolato contenzioso giuridico avviato dai gestori in questione (mentre anche i sindacati minacciano azioni legali), fanno riferimento anche ad una serie ininterrotta di macroscopiche illegittimità e a quello che non esitano a definire un palese abuso di potere. La vicenda inizia nel 2002, quando l allora assessore comunale ai lavori pubblici nonché influente esponente dei Ds Giuseppe Valente acquista con scrittura privata, insieme al fratello, un fondo rustico sito in via Nazionale (Sp241). Otto giorni dopo ( ), con delibera di giunta n 89 adottata anche con il voto favorevole di Valente, l Utc viene incaricato di redigere il Piano comunale di localizzazione dei distributori di carburante. A dire dei ricorrenti, l ufficio tecnico sarebbe però giunto «a conclusioni del tutto illogiche ed incoerenti, sostenendo la necessità di dotare il territorio di un ulteriore stazione di servizio». Il tutto omettendo di convocare preventivamente le parti sindacali ed i soggetti gestori di altri impianti di distribuzione. Ciò che a questo punto sorprende i ricorrenti, è il fatto che il terreno acquistato di Valente, peraltro posto in curva (quindi non conforme alle norme sulla sicurezza), viene indicato come idoneo per la realizzazione di un eventuale nuova stazione di servizio. E di lì a poco, la presentazione di formale istanza al Comune, iter tuttavia interrotto dall emanazione di parere negativo da parte della Provincia. A dire dei ricorrenti, a questo punto è ancora l amministrazione ad arrivare in soccorso di Valente, tramite l adozione di una nuova perimetrazione del centro abitato (sempre con voto LA REPLICA favorevole di Valente ) che, in realtà, avrebbe avuto il «solo ed esclusivo scopo di sottrarre le competenze alla Provincia», ma che viene revocata già in data cosicché resta in vigore la perimetrazione risalente agli anni 1970/75 nonostante i tentativi di modifica del 96 e del 03. I quattro gestori insistono, quindi, sul ruolo fondamentale che a loro avviso avrebbe avuto in tutta L ex sindaco chiarisce: «Dubbi sulla potabilità? Bisogna ridurre la tariffa del 50%» Debito acqua, Mosca respinge le accuse questa storia l architetto Luigi Milillo, nominato responsabile dell Utc nel gennaio del 2004, il quale in data rilascia a Valente la concessione edilizia n 26 per la realizzazione dell area di servizio sotto accusa. «La concessione è assurdamente illegittima protestano in quanto rilasciata in palese violazione della normativa in materia». Né gli stessi hanno mancato di manifestare le loro perplessità in merito all accoglimento di Valente nonostante vi fosse una domanda presentata ben 14 giorni prima da un altra persona. Giuseppe Montone SAN LORENZO DEL VALLO - Totonno Mosca si difende. Se nei mesi scorsi il sindaco Luciano Marranghello aveva espressamente dichiarato di non voler far fronte al debito (ereditato dai suoi predecessori) con la Regione Calabria di ben ,64 euro per il mancato versamento delle somme regolarmente incassate dal comune dal 1981 al 2004 relativamente all erogazione dell acqua potabile per attendere, piuttosto, l avvio di un azione legale nei confronti dell ente e poter quindi chiamare in causa gli ex sindaci responsabili di questa situazione, l ex primo cittadino in carica dal 1970 al 1988 respinge con fermezza ogni responsabilità. «Abbiamo pagato regolarmente sostiene fino al 1982, anno in cui furono abolite con un decreto legislativo diversi enti, tra i quali anche la Cassa del Mezzogiorno alla quale appunto versavamo la tassa sull acqua. Passate, di conseguenza, le competenze alla Regione era necessario un provvedimento legislativo di applicazione della nuova normativa, cosicché nonostante l entrata in vigore del provvedimento, lo stesso non è poi stato applicato considerato che, almeno finché sono rimasto in carica io, la Regione non ci ha mai trasmesso alcuna comunicazione in merito. Anche se precisa la relativa somma dell acqua costituiva un residuo attivo che veniva puntualmente riportata in bilancio». Al di là di questo, tuttavia, l ex primo cittadino, facendo riferimento anche all ordinanza dell Ufficio Acquedotti di Trebisacce n. 947 del (acquisita al protocollo del comune n nella stessa data) nella quale si esclude totalmente l uso dell acqua per consumo umano, solleva delle perplessità anche in merito alla potabilità del prezioso liquido. Totonno Mosca (nella foto) parla quindi del pozzo realizzato presso il fiume Esaro dalla Regione e accusa: «Presentai in merito una denuncia e poi vi apposi i sigilli, sennonché fu riaperto 7-8 anni fa. Il tutto tenuto conto che la legge vieta la realizzazione di pozzi in prossimità di fiumi e cimiteri al fine di evitare il rischio di inquinamento della risorsa idrica. Sta di fatto, quindi, che l inquinamento c è, soprattutto in considerazione del fatto che in pozzo in questione è collegato alla tubazione centrale che interessa non solo il nostro comune, bensì anche Spezzano Albanese, Terranova da Sibari e Tarsia. Spetta pertanto alla Regione intervenire per evitare danni alla salute dei cittadini». In virtù di questo stato di cose, lo stesso incalza: «Bisogna fare in modo che non venga applicata la tariffa normale all acqua, tenuto conto che alla data odierna non è ancora stato risolto questo importante e improrogabile problema. Ecco perché chiediamo ufficialmente agli organi competenti l immediata riduzione del 50% della tariffa idrica fino a quando la situazione non sarà finalmente tornata alla normalità». G. M. Il saluto di alunni e colleghi al dirigente scolastico del comprensorio che lascia la cattedra per andare in pensione Il preside Bruno cittadino onorario di Malvito MALVITO - Consueto esame di licenza media e insolito saluto al dirigente scolastico Michele Bruno (nella foto) che va in pensione: ecco i due aspetti che hanno caratterizzato la chiusura dell anno scolastico presso il comprensivo di Malvito. In un collegio dei docenti che ha avuto il sapore della festa ma anche di un legame che finisce. E sono stati proprio gli insegnanti che hanno voluto omaggiare, anche con presenze esterne, il dirigente dell istituto di Malvito, comprensivo dei tre gradi di scuola dell obbligo ricadenti nei comuni di Malvito e Sant Agata d Esaro e del Centro Territoriale Permanente degli adulti. La manifestazione, coordinata da don Gianfranco Lombardi, ha riunito i dirigenti scolastici degli istituti limitrofi, i sindaci di Malvito, Sant Agata d Esaro e Mottafollone Callisto, Arcuri, e Aldo Laise, docente tra l altro nella stessa scuola, delegato dal sindaco Bruno. Intervenuti anche i collaboratori del dirigente, docenti Vincenzo Oliva e Mario Di Cianni, che hanno parlato «del valore professionale di Bruno». «Un uomo certamente con pregi e difetti, che sa farsi voler bene». Questo ha spiegato quel «voglio esserci!» dell ispettore del Miur, Francesco Fusca, che non ha voluto essere il categorico imperativo di chi deve espletare un ruolo istituzionale, ma il desiderio di chi ha condiviso momenti di vita scolastica e non. Tanti i docenti che hanno voluto esserci: quelli trasferiti in altra sede e pensionati. Una persona speciale il dirigente Bruno, a cui la scuola ha voluto dedicare un video-clip prodotto dai docenti Tiziana Bonfilio e Vanta Vetere, a testimonianza di un legame profondo che ha tenuto insieme, per tanti anni, le parti del mosaico scolastico. Al quale il Comunee di Malvito non ha deliberato all unanimità la cittadinanza onoraria. «Un uomo, docente, preside e dirigente che ha saputo proporsi anche a livello progettuale», ha evidenziato Giancarlo Raimondi, presidente del consiglio d istituto. A. A. Sfilate e gruppi folkloristici per la due giorni del Comune Al via le Vallje arbereshe ACQUAFORMOSA - Sabato 5 e domenica 6 luglio, ad Acquaformosa, nel cuore Parco Nazionale del Pollino, si svolgeranno le Vallje Arbereshe. Il programma prevede sfilate per le strade del paese, l inaugurazione di piazza Fontana Vecchia, il raduno dei fuoristrada del Club La Fagosa, la sfilata per le vie del paese del gruppo folk Miromagnum di Mormanno. Durante la due-giorni, patrocinata anche dall ente Parco, ci sarà una personale di pittura di Salvatore Laffusa e alcuni stand gastronomici con prodotti tipici locali. Il tutto è organizzato dal Comune presieduta da Giovanni Manoccio, che ha ricordato che «le Vallje sono altresì patrocinate dall assessorato alle Minoranze della provincia di Cosenza, dalla Comunità Montana del Pollino». A. A.

19 CENTRO BENESSERE CENTRO BENESSERE Il benessere ha fatto centro a Rende Via De Chirico, 225- Saporito di Rende de La L estate provincia VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 PAGINA I Il benessere ha fatto centro a Rende Via De Chirico, 225- Saporito di Rende Rrënjat Oggi Ritornano a Malvito le Contaminazioni Mediterranee A PAG. II Piè di pagina tra letture estive e premi letterari A PAG. III Appuntamenti in giro per la regione tra concerti e kermesse A PAG. IV alle e Arbërisë Pino Cocozza ritorna a Plataci con il suo teatro-canzone A Plataci il prossimo venti luglio sarà di scena il nuovo recital di Pino Cacozza Rrënjat e Arbërisë (Le radici dell Arberia). Dopo il CD dal titolo Historia, che contiene testi poetici musicati dallo stesso Autore, che ha riscosso un vasto successo tra le comunità albanesi del Cosentino, il Cantautore e poeta Pino Cacozza ha ideato e realizzato un Recital dal titolo Le radici dell Arbëria. Il Recital che si compone di 13 titoli, con testi cantati o recitati su sfondo musicale, è un percorso attraverso la cultura arbëreshe, dalle origini ad oggi. L autore parte dal testo popolare Vdekja e Skanderbekut ( Rapsodie d un poerma albanese raccolte nelle Colonie del Napoletano a cura di G. De Rada, del 1866), che riporta alle origine della drammatica emigrazione degli Albanesi dalle sponde d Oltre Adriatico nel Regno di Napoli dopo la morte del Principe Giorgio Castriota; per soffermarsi su momenti che hanno tratteggiato fasi significative dell esperienza umana degli Arbëreshë, sviluppatasi in più di 500 anni nell Italia meridionale. Risuonano gli echi del peso del lavoro, affrontato con passione perché ritenuto una potente fonte di riscatto e di creazione di benessere; gli echi del percorso culturale con il De Rada, che dà consapevolezza della lingua e della letteratura albanese; con il Collegio Corsini - S. Adriano, che diventa fucina politicoculturale, con i papàs che si rabbattano a interpretare il rito come identità religiosa ed etnica, con numerosi patrioti e politici distintisi nella storia d Italia: A. Milano, A. Dramis, D. Mauro, F. Crispi, C. Mortati. All orizzonte del processo di integrazione al di là del miracolo di resistenza per più di 500 anni di una cultura in un contetso culturale diverso dall originario si affaccia oggi con prepotenza il fenomeno, finora inedito, della globalizzazione. Questo con i suoi mille multiformi tentacoli, con la straordinaria velocità dei mutamenti e delle innovazioni, sta per causare una nuova visione della vita, dove il concetto di tradizione perde valore e diventa una minuscola oasi murata, giusto per essere ammirata per la sua arcaicità, quale immagine residua di un mondo ormai inesistente. I giovanissimi, emigranti per il mondo, riconoscono appena la madre, per nulla mëmëdheun la madre terra simboli delle radici, della cultura di appartenenza. Il Recital di Pino Cacozza, già nelle sue prime esibizioni (avvalse delle presentazioni di I. C. Fortino, K. Zuccaro, F. Fusca, Vincenzo La Vena, Pasquale de Marco), che hanno avuto luogo a Roma (Ambasciata d Albania) e in diversi paesi arbëreshë della Calabria (S. Demetrio Corone, Firmo, Vaccarizzo Albanese, Civita, Acquaformosa), ha attirato l attenzione di un pubblico qualificato. Il Recital pone il problema delle varietà delle culture che meriterebbero di sopravvivere anche di fronte ragioni della globalizzazione.l opera, che si inserisce nel filone del teatro-canzone, è un percorso attraverso la cultura arbëreshe, dalle origini ad oggi. L attore unico in scena parte dall annuncio della morte di Giorgio Castriota Skanderbeg ed arriva ai giorni nostri, ripercorrendo le tappe dell esistenza e della presenza in Italia della cultura etnica arbëreshe: 500 anni di storia raccontati con forza, con decisione, con arte. Dalle radici potenti del periodo di Skanderbeg, si passa alle radici calpestate ed offese dalla dominazione turca, all emigrazione nell Italia Centro Meridionale, un emigrazione alla ricerca di nuovi spazi vitali proprio come quella contemporanea, di povera gente alla ricerca di una nuova radificazione, nella più arida ed impervia terra, nelle montagne abbandonate, nelle colline ostili, ma tutte lì di fronte al sole nascente. Da queste radici nasce e fiorisce la nuova cultura italo-albanese, dove le contaminazioni sono forza e prospettiva di arricchimento e sopravvivenza. Il recital è un viaggio, una rivisitazione dell esistenza arbëreshe in Italia. L opera dell autore di San Demetrio Corone è un percorso attraverso la cultura arbëreshe, dalle origini ad oggi

20 VENERDÌ 4 LUGLIO 2008 II C U L T U R A E S P E T T A C O L I CONTAMINAZIONI mediterranee Massimo Ferrante Torna il Malvito Festival dedicato alle musiche del Mediterraneo. Dal 5 all'11 agosto, sette giorni di alchimie territoriali e culturali durante i quali si tenterà di far convivere tradizione e modernità. Da quest anno la direzione artistica del festival di Malvito è affidata a Massimo Ferrante, cantautore di origine calabrese che da anni lavora sulla ricerca delle tradizioni popolari e la commistione dei generi musicali. «Un festival nasce per creare uno spazio culturale in cui la propria funzione sia originale. Originale è infatti il nostro Festival ha spiegato Fulvio Callisto, sindaco di Malvito, spettacolare borgo medievale della Valle dell Esaro gemellato con la città francese di Rognes - sia per la sua ideale committenza italo-francese, o meglio calabroprovenzale, sia per le sue peculiarità progettuali. Malvito vanta una lunga tradizione festivaliera che, a partire dal 1988, con Malvito Arte e nonostante il suo iter e sviluppo tormentato e a singhiozzo, costituisce un tratto inalterabile della nostra civiltà. L esperienza del passato deve servirci ora per assicurare un vero futuro al Festival.Quest anno il Festival rende omaggio al Mediterraneo. Le immagini dal cuore antico del Mediterraneo di Bernardino Andreoli e I colori del Mediterraneo Dal cinque all undici agosto ritorna la kermesse: tanti i concerti in cartellone Tra gli ospiti Antonello Paliotti,Massimo Ferrante e le performance teatrali di Castellaria nella pittura di Mimmo Sancineto che fanno da cornice alle Contaminazioni mediterranee. «E le contaminazioni ha concluso Callisto - meritano, per la qualità della ricerca e il valore della progettualità, tutta la nostra fiducia,la nostra simpatia e il nostro sostegno». MalvitoFestival sostiene l Associazione Italiana Sindromi Neurodegenerative da Accumulo di Ferro Aisnaf onlus. Peperoncino Jazz Come sempre accade di questi tempi, cresce in tutto il Meridione l attesa per il Peperoncino Jazz Festival, rassegna di musica Jazz e Blues giunta alla sua 7 edizione organizzata dall Associazione Culturale Pìcanto sotto il coordinamento artistico di Sergio Gimigliano e realizzata con il contributo della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, dell Ente Parco Nazionale del Pollino, di varie amministrazioni comunali, di C.C.I.A.A. e Confindustria di Cosenza, AGIS e ANEC Calabria e di prestigiosi Sponsor privati. La manifestazione, che si svolgerà nei mesi di luglio e agosto nelle più belle località della provincia di Cosenza, verrà inaugurata sabato 5 luglio da un eccezionale anteprima realizzata in collaborazione con uno dei locali più prestigiosi del Cosentino: l Energy Beach Bar di Montegiordano, diretto artisticamente da Enzo Arcuri, in cui, a partire dalle ore 22.00, si esibirà l inedito quartetto capitanato dal talentuoso trombettista salernitano Giovanni Amato. Accanto al leader, saliranno sul palco dell Energy Beach Bar Umberto Napolitano, unanimemente considerato il miglior pianista jazz della Calabria (con all attivo importanti collaborazioni e tre dischi pubblicati dalla prestigiosa etichetta discografica Giovanni Amato a Montegiordano tedesca YVP Music), Tommaso Scannapieco, contrabbassista tra i più apprezzati del panorama jazzistico nazionale e Fabrizio La Fauci, batterista dai mille colori, creativo, versatile e dalla grande personalità. Nel corso della serata, che si sostanzierà in un tributo all indimenticabile Miles Davis, con un repertorio che si baserà sui celeberrimi brani del grande trombettista, come da tradizione del Peperoncino Jazz Festival sarà possibile degustare due vini della zona: il rosso I.T.G. Don Aldo, prodotto dalla Tenuta del Castello di Montegiordano e il primo vino D.O.C. lucano: il bianco Le Paglie, della Masseria Battifarano > Cantine Cerrolongo di Nova Siri (Ingresso Concerto + Degustazione Vini: euro 20). Per tutti gli amanti della buona cucina, inoltre, l Energy Beach Bar, famoso su tutto lo Ionio cosentino per la qualità e l originalità de suoi cocktails, propone,in occasione della tappa del festival musicale più piccante d Italia, una serie di specialità culinarie calabresi a base di peperoncino. Dopo questa eccezionale anteprima a Montegiordano, la 7 edizione del festival diretto da Sergio Gimigliano inizierà il suo lungo tour provinciale (che durerà fino al 30 agosto) facendo tappa in location di grandissimo fascino nelle località più belle del Cosentino. In attesa della conferenza stampa dell evento, in programma la prossima settimana, in cui verrà svelato nel dettaglio il ricchissimo programma di quest anno, l organizzazione fa sapere che tra gli ospiti dell edizione 2008 figurano artisti come gli Yellojackets & Mike Stern, Joshua Redman, Stefano Di Battista, Jerry Bergonzi ecc. A George Benson, icona della musica mondiale in arrivo in Italia, in occasione del suo prossimo concerto del 16 luglio a Le Castella in provincia di Crotone, sarà consegnato il "Riccio d'argento" del celebre orafo Gerardo Sacco, l' oscar del miglior live italiano ed internazionale, prestigioso riconoscimento dalla rassegna "Fatti di Musica" ideata ed organizzata da Ruggero Pegna, giunta alla XXII edizione, che presenta e premia alcuni dei migliori concerti dell'anno. Il premio di "Fatti di Musica", assegnato ai migliori live d'autore da una giuria composta da giornalisti e promoter, in questi anni è stato ritirato dai più importanti nomi della musica italiana e da autentiche stelle della musica mondiale, da Fabrizio De Andrè e Ligabue a Mark Knopfler, da Paolo Conte e Fiorella Mannoia a Gilberto Gil, quest'ultimi tre premiati proprio lo scorso anno nello stesso magico scenario di Le Castella. "George Benson - dice la motivazione - è certamente uno dei più grandi musicisti del mondo, icona non solo del jazz, capace di fondere generi e stili diversi con originalità e creatività inconfondibili. Il suo live è caratterizzato da suoni ed invenzioni che lo rendono uno dei concerti più belli di sempre del panorama musicale mondiale." Sono ben ventuno i suoi album di inediti ed oltre cinquanta le sue pubblicazioni. Nel 2001 anche Luciano Pavarotti volle duettare con lui al "Pavarotti & Friends" con il brano "Greatest love of all". Il concerto del 16 luglio di George Benson con la sua band aprirà anche "Le Castella non solo jazz", terna di appuntamenti che proseguirà con Giovanni Allevi il 19 luglio e Peter Cincotti il 27 luglio nel magico scenario del Porto Turistico di Le Castella, a pochi metri dal celebre Castello Aragonese, storica cartolina della Calabria. Questo primo ed unico concerto di Benson in Calabria è considerato un evento musicale storico da tutti gli appassionati di jazz e musica della regione. Riccio d argento a Benson

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA

PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA PROVINCIA DI UDINE 8 febbraio 2013 NOTIZIE PER LA STAMPA ASSOCIAZIONE OLTRE PER RIVIVERE PREMIATA CON LA MEDAGLIA DELLA PROVINCIA Fontanini: Voi siete i veri difensori della dignità della persona umana.

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale-

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale- COSTRUIRE PREVIDENZA Diamo Dignità alla Nostra Pensione -Programma elettorale- Una risposta alla crisi Negli ultimi anni il calo dei redditi dei professionisti è stato di significativo. Il risultato è

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

1 di 5 11/01/2012 0.30

1 di 5 11/01/2012 0.30 1 di 5 11/01/2012 0.30 HOME S.O.S. CORRIERE S.O.S. AVVOCATO GALLERIA NUMERI UTILI JOB CONTATTI PUBBLICITÀ ATTUALITÀ CONCORSI COMMERCIO ANIMALI VINO SCUOLA INCHIESTE SANITÀ ITALIA SALUTE SOCIALE EVENTI

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare Finestre che si chiudono e altre che si aprono, ma con una differenza sostanziale: la via di uscita dal mondo del lavoro è una sola volta all anno.

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Sfatare il mito del posto fisso

Sfatare il mito del posto fisso Intervista Sfatare il mito del posto fisso Gli obiettivi di Daniele Rossi neo presidente del gruppo giovani imprenditori Contribuire a creare una cultura d impresa per dare ad una regione che ancora vive

Dettagli

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante di Alice Vaccaro - 25, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/adrano-fabio-mancuso-bilancio-comunale-falso-e-ferrante/ 1 / 6 ADRANO Ex sindaco

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo.

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. RINNOVO DEL PARLAMENTO ITALIANO RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE : Lombardia Lazio Molise Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. La

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni Nel nome del padre sono 23 gli interrogatori di massimo ciancimino, il figlio di don vito. E una valanga i pizzini che riscrivono la storia dei misteri d italia da gladio, alle stragi del 92, sino ai politici

Dettagli

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani Noi, gli altri e la crisi Rapporto Giugno 2010 NOTA METODOLOGICA L Osservatorio sul capitale sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione con

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

Chi manovra? La calura di questa seconda metà d'agosto non ferma l'attività del SAP che sta seguendo e monitorando. La vera battaglia si combatte

Chi manovra? La calura di questa seconda metà d'agosto non ferma l'attività del SAP che sta seguendo e monitorando. La vera battaglia si combatte 34 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica.

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica. FARONOTIZIE.IT Anno II - n 11 Febbraio 2007 Redazione e amministrazione: Scesa Porta Laino, n. 33 87026 Mormanno (CS) Tel. 0981 81819 Fax 0981 85700 redazione@faronotizie.it Testata giornalistica registrata

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Rilevazione 25 Novembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Le notizie della settimana: la Sardegna concentra tutta l attenzione L alluvione

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti TELEVISIONI Trasmissione 56 Live : in studio: Francesca Danese e Claudio Cippitelli Conferenza stampa Social Pride,

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

LEGGE 11 DICEMBRE 1939, N. 1938 Riforma dell Ente di previdenza a favore degli avvocati e procuratori (G.U. 5 gennaio 1940, n. 4)

LEGGE 11 DICEMBRE 1939, N. 1938 Riforma dell Ente di previdenza a favore degli avvocati e procuratori (G.U. 5 gennaio 1940, n. 4) LEGGE 11 DICEMBRE 1939, N. 1938 Riforma dell Ente di previdenza a favore degli avvocati e procuratori (G.U. 5 gennaio 1940, n. 4) Delle finalità dell Ente di previdenza per gli avvocati ed i procuratori

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00 Il Mattinale Roma, mercoledì 27 novembre 2013 27/11 ore 18.00 a cura del Gruppo Forza Italia-Pdl alla Camera Speciale Manifestazione Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Mentre

Dettagli

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre!

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! SPECIALE 2X1000 APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! PASSAPAROLA! Ti ricordiamo di indicare la quota del 2x1000 Irpef in favore di Forza Italia

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali)

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) Martedì 15 febbraio 2011 3 Commissioni riunite I e XII COMMISSIONI RIUNITE I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: Istituzione

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

MANOVRA ECONOMICA 2011 LE PRINCIPALI NOVITA

MANOVRA ECONOMICA 2011 LE PRINCIPALI NOVITA UNA PRIMA LETTURA DEL CONTENUTO DEL DECRETO La manovra economica prevede il pareggio di bilancio nel 2014. Il decreto, concordato con l Europa, corregge i conti pubblici per circa 48 miliardi e di questi

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese A quella di truffa è arrivata anche quella per corruzione a carico del presidente dell INPGI,

Dettagli

NOVITA FISCALI 2010 AMMORTIZZATORI SOCIALI

NOVITA FISCALI 2010 AMMORTIZZATORI SOCIALI NOVITA FISCALI 2010 AMMORTIZZATORI SOCIALI: il 2010 dovrebbe essere l anno della riforma degli ammortizzatori sociali, che ora lasciano senza rete di protezione 1,2 milioni di lavoratori dipendenti. Il

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014 RASSEGNA STAMPA Sabato, Il Sole 24 Ore 1 Partecipate avanti, sanità alt La Repubblica 1 Fecondazione eterologa via libera in Liguria Cerchiamo donatori ticket in base al reddito Il Secolo XIX 1 Eterologa,

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle PRESIDENTE. Signor sindaco, la ringraziamo per la presenza. Stiamo completando l inchiesta sulla Calabria.

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E C O M U N E D I C A S T E L V E R D E Provincia di Cremona ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 28 ADUNANZA DEL 21/07/2014 OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

ITANES 1992. Itanes 1992: Original Questionnaire ORIGINAL QUESTIONNAIRE

ITANES 1992. Itanes 1992: Original Questionnaire ORIGINAL QUESTIONNAIRE ITANES 1992 ORIGINAL QUESTIONNAIRE 1. Numero di telefono 2. Sesso maschio 1 femmina 2 La Swg di Trieste sta conducendo un sondaggio in tutta Italia. Vorrei parlare con il signor/la signora. 3. E lei? sono

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 10/11/12 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Indagini sul concorsone, i carabinieri anche al Ced (10/10/2015) Ospedali, Rossi venga in audizione in consiglio (10/10/2015) Lettere

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

21 settembre 2012 PAG. 7

21 settembre 2012 PAG. 7 21 settembre 2012 PAG. 7 Il caso. La denuncia della struttura dove la donna è in cura Sfruttavano disabile «Con i soldi compri il vestito da sposa» Il raggiro dei due aguzzini arrestati di Gianluca Rotondi

Dettagli

LEGALITA e concretezza

LEGALITA e concretezza 20 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

1 di 5 11/01/2012 0.26

1 di 5 11/01/2012 0.26 1 di 5 11/01/2012 0.26 HOME S.O.S. CORRIERE S.O.S. AVVOCATO GALLERIA NUMERI UTILI JOB CONTATTI PUBBLICITÀ ATTUALITÀ CONCORSI COMMERCIO ANIMALI VINO SCUOLA INCHIESTE SANITÀ ITALIA SALUTE SOCIALE EVENTI

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

Stella (Confprofessioni): bene incentivi Mise ma partita su fondi Ue

Stella (Confprofessioni): bene incentivi Mise ma partita su fondi Ue 16 aprile 2015 Stella (Confprofessioni): bene incentivi Mise ma partita su fondi Ue Articolo pubblicato il: 16/04/2015 "Benissimo gli incentivi e gli strumenti per la crescita, ma lo strumento principe

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

C È CHI DICE NO: RICARDO ANTONINI Di Giuliano Marrucci

C È CHI DICE NO: RICARDO ANTONINI Di Giuliano Marrucci C È CHI DICE NO: RICARDO ANTONINI Di Giuliano Marrucci Riccardo Antonini è un ferroviere e anche portavoce dell assemblea 29 giugno, nata dopo la strage di Viareggio, con lo scopo di contribuire alla ricerca

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ILLUSTRATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO I COSTI DELLA DEMOCRAZIA ROMA 8 APRILE 1999

PROPOSTA DI LEGGE ILLUSTRATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO I COSTI DELLA DEMOCRAZIA ROMA 8 APRILE 1999 PROPOSTA DI LEGGE ILLUSTRATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO I COSTI DELLA DEMOCRAZIA ROMA 8 APRILE 1999 NORME PER IL FINANZIAMENTO VOLONTARIO DELL ATTIVITA POLITICA Art. 1. Erogazioni liberali delle persone

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

Amnistia-indulto, sondaggi a confronto

Amnistia-indulto, sondaggi a confronto Amnistia-indulto, sondaggi a confronto Dopo il messaggio del Capo dello stato Giorgio Napolitano alle Camere si è acceso il dibattito sull amnistia e sui provvedimenti di clemenza. Gli istituti di ricerca

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli