(12) Introduzione al romanzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(12) Introduzione al romanzo"

Transcript

1 Introduzione al romanzo scheda V - LAT lett. & [02] questione delle fonti a. pochi reperti i. pochi posseduti ii. pochi realmente? b. reperti parziali i. solo un certo settore ii. settori ignoti iii. papiri 1. sabbie d Egitto 2. manoscritti c. gli antichi hanno generi fissi 2. grossolanamente: di due tipi a. dell amore che omnia vincit7 b. della descrizione satirica della realtà 3. pregiudizievoli del nome a. nome ante litteram i. mondo antico ii. XVIII iii. oggi b. passaggio i. epica ii. novella c. mai un nome univoco 4. origine flstor a historia storia mëyow fabula favola drçma azione lògo racconti tå per... le cose su d Æges w esposizione forma al neutro del toponimo le cose di forma al plurale degli abitanti gli dall epica post-omerica narrazione complessa dalla satira menippea forma contenuto filosofico dalla novella milesia amore elementi lascivi intreccio dal mimo brevità parodia dalla favola esopica struttura moraleggiante dalle periegesi viaggio luoghi esotici dai resoconti di Alessandro mirabilia fantasia utopia dalla commedia intreccio amore complicato dimensione borghese elementi fissi dalle religioni misteriche divinità orientali presenza di Tyche testo salvifico (12)

2 5. periodo e collocazione a. problema della datazione i. dati parziali ii. periodo torna indietro b. influsso viaggi di Alessandro c. II sofistica i. temi intimisti d. tra III a.chr. e VI d.chr. i. letteratura bizantina ii. letteratura latina medievale e. età del realismo f. età sognatrice g. dove i. Oriente (?) ii. Grecia iii. Roma iv. Medioevo (?) 6. che genere è? a. di consumo i. papiri di baso valore ii. lascivo; erotismo iii. romanzi rosa ( Harmony ) b. d evasione i. donne che leggono ii. donne protagoniste c. popolare i. volgarismi ii. temi bassi iii. privato, no opera magna iv. realistica v. borghese (13)

3 Caratteri peculiari e generali: le supposizioni dai (pochi) testi pervenuti e rinvenuti 1. il popolo basso a. quotidiano i. non idealizzato ii. realismo del distacco b. ambienti e città c. mestieri d. lingua volgare e. temi i. comici ii. grotteschi iii. volgari iv. osceni v. disincantati 2. il viaggio a. strutturalismo e Propp i. funzioni ii. trama iii. Spannung iv. scioglimento 1. x ama y 2. evento distraente 3. peripezie 4. viaggio 5. risoluzione-rimozione 6. lieto fine b. avventura i. intrigo à la orientale 1. ira di un dio 2. felicità invidia divina 3. odoeporia 4. naufragio 5. pirati 6. isole lontane 7. liberti e schiavi 8. donne ii. esotismo 1. magia 2. curiositas 3. affascinante 4. misterioso 3. religione a. strana i. non ufficiale ii. misterica b. salvezza c. Bildungsroman i. formazione dei protagonositi ii. racconto misterico-simbolico (14)

4 4. magia a. nera b. bianca c. paura e horror d. racconto nero e. fantastico 5. amore a. coppia b. tradimento involontario c. erotismo e pornografia d. castità esibita i. innamoramento ii. amore e. controllo delle pulsioni i. Cristianesimo ii. orientale iii. ascesi orientale iv. filosofia 6. tipo di narrazione (plot) a. continua b. molteplici punti di vista c. gusto per il raccontare d. prolissa e. caotica f. farraginosa g. fili abbandonati 7. il picaresco a. background i. economico ii. sociale b. ascesa sociale c. Hegel: moderna epopea sociale (15)

5 Le teorie sull origine Prose narrative di finzione venivano composte già nel mondo antico, e a queste il termine moderno "romanzo" è stato applicato indiscriminatamente. Molti racconti, che in seguito sarebbero divenuti parte della tradizione letteraria dell'occidente, trovano la loro origine nelle civiltà assiro-babilonese, aramaica ed egizia. Nell'ambito della cultura greca, i testi narrativi denominati in seguito romanzi ebbero un successo e una diffusione molto rilevanti nei primi secoli dell'era cristiana. Si possono ricordare, fra gli altri, le Etiopiche di Eliodoro di Emesa; Le vicende efesie di Anzia e Abrocome di Senofonte di Efeso e soprattutto Dafni e Cloe, raffinato romanzo pastorale attribuito a Longo Sofista, scrittore vissuto nell'isola di Lesbo tra il II e il III secolo d.c. I principali esempi di testi romanzeschi della letteratura latina sono indubbiamente il Satyricon, attribuito a un Gaio Petronio che la critica identifica con il Petronio Arbitro, vissuto al tempo di Nerone, e Le metamorfosi, meglio conosciute come L'asino d'oro, di Apuleio. Per uscire dai confini delle civiltà occidentali e mediorientali, nell'antica India il romanzo ha con ogni probabilità il suo precursore nel Dashakumaracarita (Le gesta dei dieci principi), un ciclo di racconti in prosa di cui fu autore Dandin, vissuto tra il VI e il VII secolo d.c. Nella letteratura giapponese il primo vero romanzo viene identificato nel Genji monogatari (XI secolo) di Murasaki Shikibu. 1. teoria di Rohde a. nascita dalla II sofistica b. valida fino al 1893 c. problema di reperti precedenti Rhode se ne occupò, egli pensava che il romanzo derivasse dai racconto di viaggio unito alla elegia erotica alessandrina, di epoca sofistica quindi intorno al 2 sec. d.c. Sosteneva che le Declamationes avessero dato la spinta al genere del romanzo ma l ipotesi crolla dato che è stato trovato un romanzo del 1 sec. d.c. Cataudella 2. teoria ellenistica (di Shwartz) a. da Alessandro Magno b. dai viaggi alla Odisseo c. dall utopia filosofica d. dalla fine della grande poesia 3. teoria di Kerényi a. libro a chiave b. romanzo misterico c. dalle religioni misteriche Kerenyi pensava che il romanzo avesse origine sacrale, cioè isiaca (per il culto di Iside e Osiride) perché c era la coppia di amanti che erano messe alla prova con imprevisti, difficoltà morte e resurrezione. Erano il i titoli: GRE Anonimo Frammento di Nino e Semiramide GRE Senofonte Efesio Efesiache Anteo e Abrocome GRE Longo Sofista Avventure pastorali di Dafni e Cloe GRE Anonimo Memorie erotiche di una prostituta ionica GRE Anonimo Frammento di Iolao GRE Aa. Vv. Romanzo di Alessandro GRE Giambulo La città del Sole GRE Caritone Cherea e Calliroe GRE Achille Tazio Leucippe e Clitofonte GRE Eliodoro Etiopiche GRE Anonimo Meteco e Partenope GRE Iambulo [senza titolo] GRE Antonio Diogene Meraviglie al di là di Thule GRE Lolliano Storie fenicie LAT Anonimo Istoria Apollonii regis Tyrii LAT Apuleio Asinus aureus LAT Petronio Satyricon GRE Lucio di Patre Lucio o l asino GRE Giamblico Storie babilonesi GRE Filippo di Anfipoli Storie di Rodi richiamo umano di quelle peripezie. Ebbe poco successo questa tesi perché l elemento religioso era in primo piano mentre nel romanzo ha una posizione marginale. Questa teoria fu ripresa da Merkerbach, che sosteneva che il rapporto misteri-romanzo fosse strettissimo; il romanzo era inteso come un testo religioso che definisce itinerari mistico spirituali per gli iniziati ai vari culti di Iside. Il contesto è pubblico, non più privato, ma della comunità, guidati da ministeri, sacerdoti capaci di cercare valori simbolici. (16)

6 4. teoria di Lavagnini a. dalla novella pura b. ampliamento per nuclei successivi Lavagnini invece pensava che le origini fossero da ricercare nelle leggende e cronache locali, da cui Callimaco aveva tratto spunto. Il linguaggio era in prosa perché era diretto ad un pubblico non dotto. 5. teoria di Cataudella a. spesso Ich-Erzälung b. dalla storiografia c. dalla demitizzazione Cataudella riprende Rhode sostiene che l uso delle Declamationes poteva essere anticipato di qualche secolo (dall epoca sofistica) ma questo non è possibile perché l ambiente di quel periodo era troppo arido e non poteva generare opere di tema così fresco e vivace. Impossibile quindi dare origini del romanzo in un preciso modello ma è generato da una fusione di vari generi: epos, storiografia, dramma e poesia amorosa.[anche nell Odissea possiamo vederne le origini: re e regina separati, prove e difficoltà]. La spinta che fa nascere il genere va ricercata nelle condizioni dell uomo ellenistico. Caduta la polis, l uomo si ritrova solo davanti a se stesso; ciò porta alla scoperta della propria individualità, di un mondo privato, fatto di affetti familiari e passioni. Non parliamo più di cittadino ma di individuo, proiettato in un mondo di sentimenti e passioni; perde la patria ma guadagna il mondo, è arbitro di se stesso, trova l autarkeia cioè l autosufficienza interiore nei valori etici. Sembra in pace ma in realtà l uomo risente di essere emarginato dalla vita politica e si rifugia nelle religioni soteriche (cioè che ricercano la felicità). La ricerca della pace si raggiunge quindi attraverso la fuga dalla realtà. Il libro diventa personale, il romanzo rappresenta lo specchio dell uomo ellenistico; quindi i temi principali sono amore, avventura e religione. 6. teoria di Huet a. dall Oriente b. Mille e una notte 7. (non)teoria di Barchiesi a. le vie della conservazione b. varie tipologie di romanzi i. d amore ii. di sofistica iii. bizantini c. non unità di genere d. idea di ripetizione e. terminus post quem: storiografia su Alessandro f. è una fiction g. tutti gli autori hanno origine orientale h. momento storico buio (solo il privato) i. struttura metadiegetica (fino a 5 livelli) j. destinato a non essere capito? (17)

7 Petronio Arbiter e la questione dell autore del Satyricon opera incerta per natura: dall autore al genere, dalla forma del contenuto alla data di composizione e pubblicazione, dal fine ai destinatari. Si aggiungano, infine, le fortunose vicende del tetso, la tradizione lacunosa e incerta, le mutilazioni dell Alto Medioevo e la damnatio memoriae dell età umanisticorinascimentale e moderna (M. Scarsi, Introduzione al Satyricon di Petronio, Giunti, Milano 1998, p. 4) sull autore a. la testimonianza di Tacito i. la strana vita di un gaudente ii. il raffinato edonista (epicureo?) iii. la morte bizzarra iv. l elegantiae arbiter e il cognomen v. coincide col carattre dell autore del Satyricon? b. cronologia i. I d. Chr. 1. Tigellino e Pisoni (65 d. Chr.) 2. suicidio-omicidio (parodia stoica) 3. frasi offensive verso Nerone 4. Trimalchione = Nerone? ii. perché 1. nome personaggi d epoca 2. poetica simile a Lucano 3. epica simile a Nerone 4. somiglianza col volgare senecano 5. questioni linguistiche c. testimonianza di sat. CXXXII 15 d. codici sono vaghi o anonimi e. Petronio e Seneca agli antipodi (G.B. Conte) i. rapporto col potere ii. stile di vita iii. morale e moralità iv. come coloro che scambiano la notte con il giorno 2. la storia del testo a. poesia (epica, lirica) + prosa i. facile smembramento ii. facile dispersione b. intermezzo filologico i. la forma attuale è collage archeologico ii. mai nel novero dei testi scolastici iii. tradizione indiretta (+) e diretta (-) iv. Auxerre, IX d. Chr. : manipolazioni, riduzioni v. Giovanni di Salisbury (XII sec.) e la coena vi. Poggio Bracciolini e il libro XVI (coena) vii : codice Traù ed editio princeps c. struttura i. XVI libri (?) ii. capitoli (?) iii. unico filo conduttore (?) iv. opera omogenea (?) d. cosa ci è giunto i. storia di base di Encolpio e Gitone ii. coena Trimalcionis iii. historia crotonensis (18)

8 iv. ira Priapi v. fragmenta et excerpta 3. il titolo dell opera a. forma greca i. Satur k«n libri XVI ii. satiri (?) iii. comicità (?) iv. satura menippea (?) Tacito Annales XVI Per Petronio è bene fare un passo indietro. Passava le giornate dormendo, la notte la riservava agli affari e ai piaceri della vita e, se altri erano arrivati alla fama con l'operosità, egli vi era giunto per il suo rallentato distacco. Non passava per un volgare crapulone e uno scialacquatore, bensì per un raffinato uomo di mondo. Le sue parole e i suoi gesti, quanto più liberi e all'insegna di una trascurata noncuranza, tanto più incontravano favore per la loro apparenza di semplicità. Peraltro, come proconsole in Bitinia e più tardi come console, si rivelò energico e all'altezza dei compiti. Tornato poi ai suoi vizi, o meglio alla loro ostentazione, fu ammesso nella ristretta cerchia degli intimi di Nerone, come arbitro di eleganza, al punto che il principe, in quel turbine di piaceri, trovava amabile e raffinato solo ciò che ricevesse approvazione da Petronio. Da qui la gelosia di Tigellino, rivolta, si direbbe, a un rivale che ha più successo nella scienza della voluttà. E Tigellino s'appiglia allora alla crudeltà del principe, più forte, in lui, di ogni altra passione, imputando a Petronio l'amicizia con Scevino. Fu corrotto alla delazione uno schiavo e fu sottratto a Petronio ogni mezzo di difesa, gettando in carcere la maggior parte dei servi. 19. Casualmente, in quei giorni, si era recato Cesare in Campania, e Petronio aveva proseguito fino a Cuma e là si tratteneva. Non volle protrarre oltre l'attesa, nel timore o nella speranza, però non corse a liberarsi della vita: si fece aprire le vene, per poi, a capriccio, chiuderle e poi riaprirle ancora, intrattenendosi con gli amici ma non su temi seri, quelli che gli procurassero gloria di fermezza. Non ascoltava discorsi sull'immortalità dell'anima o massime di filosofi, ma poesie leggere e versi giocosi. Ad alcuni servi distribuì doni, ad altri frustate. Sedette a banchetto, indulse al sonno, perché la sua morte, benché imposta, apparisse accidentale. Neppure nel suo ultimo scritto, cosa che invece facevano i più, avviandosi alla morte, adulò Nerone o Tigellino o qualche altro potente, ma scrisse dettagliatamente le infamie del principe, coi nomi dei suoi amanti e delle sue amanti e con specificata l'eccentrica novità di ogni rapporto sessuale, e mandò il testo, con tanto di sigillo, a Nerone. Poi spezzò l'anello del sigillo, perché non servisse in seguito a danneggiare altre persone. (19)

9 Trama del Satyricon 1. In un portico di una non meglio identificata Graeca urbs (Napoli?), lo studente Encolpio sta discutendo pubblicamente con il maestro di retorica Agamennone sulle colpe della scuola nei confronti della decadenza dell'arte e dell'oratoria [tema-chiave della cultura dei primi secoli imperiali]. Accortosi all'improvviso che l amico e compagno di studi Ascilto se l'è svignata, Encolpio va a cercarlo. Lo ritrova poco dopo in un bordello. 2. a. Gìtone in lacrime rivela al fidanzato Encolpio che la sua virtù è stata insidiata da Ascilto. I due rivali litigano, ma poi si riappacificano. Tuttavia Encolpio medita di sbarazzarsi di Ascilto, per poter rimanere solo con Gìtone. Un giorno, mentre Encolpio ed Ascilto sono al mercato e tentano (con successo) di recuperare una preziosa tunica che è stata loro rubata, vengono adocchiati da una misteriosa donnetta. Si scopre subito dopo che costei è ancella della matrona Quartilla, dedita al culto di Priàpo, di cui, come ora apprendiamo, Encolpio ha violato i misteri (appunto per questo è stato punito con la scarsa virilità che attualmente lo affligge, destinata ben presto a trasformarsi in vera e propria impotenza). b. I tre compagni vengono pertanto raggiunti, nel loro albergo, da Quartilla in persona, accompagnata da due sue ancelle. La matrona, con il pretesto di doversi procurare un rimedio per la febbre terzana inflittale dal dio adirato, adesca i giovani e li tiene segregati per tre giorni in casa sua, sottoponendoli ad ogni sorta di fatiche amatorie. c. Stremati, i tre riescono infine ad evadere. Immediatamente vengono invitati ad una cena in casa del ricchissimo liberto Trimalcione. d. Al loro arrivo il padrone di casa sta giocando a palla. Durante il bagno di costui i tre amici entrano nella sua casa, di un lusso sfrenato e di un indescrivibile cattivo gusto, dove miriadi di servi azzimati ed entusiasti "cantano come un coro pantomimico". Quando ormai sono tutti a tavola, entra Trimalcione ed ha inizio la cena. Questa è costituita da una interminabile serie di portate una più stravagante dell'altra, presentate con una coreografia stucchevolmente teatrale e bizzarra oltre ogni dire. "En passant", Trimalcione fa sfoggio delle sue qualità di "parvenu" della cultura, ad esempio sputando sentenze sulle caratteristiche dei vari segni zodiacali. Poi annuncia a tutti i commensali che deve congedarsi per andare al gabinetto (al suo ritorno giustificherà la lunga assenza con un attacco di diarrea flatulenta, sulle cui modalità intratterrà dettagliatamente i convitati). Rimasti soli, i commensali (tutti liberti come Trimalcione, a parte poche eccezioni) imbastiscono una terribile conversazione a base di luoghi comuni, che Encolpio ed Ascilto, raffinati scholastici [press a poco l equivalente degli odierni studenti universitari, N.d.R.], sopportano con malcelato strazio. e. Al suo ritorno, Trimalcione riprende a fare sfoggio di cultura e raffinatezza, mentre si alternano portate sempre più bislacche ed intrattenimenti di vario genere. Ad un certo punto Ascilto, non riuscendo più a trattenersi, scoppia a ridere, ma viene duramente rimbeccato da uno degli ospiti, con l'argomento che - in buona sostanza - la cultura non fa soldi. f. Invitati da Trimalcione, instancabile animatore della festa, alcuni commensali raccontano delle storie. Dopo un'altra serie di bizzarrie e lepide spiritosaggini, Trimalcione annuncia solennemente che, dopo la sua morte, farà liberare tutti i suoi servi, e per provare la veridicità di quanto afferma dà lettura del suo testamento. Tutti scoppiano in lacrime. Per consolarli, Trimalcione propone loro un bel bagno caldo. A questo punto Encolpio, Ascilto e Gìtone, francamente nauseati, cercano di scappare, ma inutilmente. Si entra anzi in un'altra sala da pranzo, dove, fra l'altro, ha luogo un violento litigio fra Trimalcione e sua moglie Fortunata (di cui fino a questo momento egli ha detto ogni bene), per un bacio dato da lui ad un grazioso servetto. g. Trimalcione pronuncia quindi un panegirico di se stesso, alla fine del quale, fattisi portare gli abiti da morto, organizza seduta stante un anteprima del suo funerale. Nel corso del compianto funebre un servo lancia urla così strazianti che i vigili del fuoco accorrono, facendo irruzione in casa ed inondandola d'acqua. h. Per Encolpio, Ascilto e Gìtone è l'occasione propizia per svignarsela. i. Ubriachi e sfatti, raggiungono l'albergo. Qui Ascilto, approfittando della spossatezza di Encolpio, passa la notte a letto con Gìtone. Al suo risveglio Encolpio vorrebbe ucciderlo, ma, con sua enorme sorpresa, è (20)

10 Gìtone stesso a decidere di andarsene con Ascilto, che, per così dire, dispone di argomenti più convincenti. j. Solo e disperato, Encolpio si trasferisce in una locanda in riva al mare. Per consolarsi visita una pinacoteca, dove incontra il vecchio poeta Eumolpo, con cui imbastisce una dotta conversazione sulla decadenza delle arti figurative. L'anziano poeta gli racconta una storia licenziosa, la fabula Milesia del fanciullo di Pergamo. Quindi gli illustra in versi uno dei quadri ("La caduta di Troia"), ma viene cacciato via a sassate dai presenti. 3. Ai bagni pubblici, dove si è recato con Eumolpo, Encolpio incontra Gìtone, che lo supplica di riprenderlo con sé: Encolpio, più innamorato che mai, non se lo fa ripetere e lo porta via all'insaputa di Ascilto. Ma anche Eumolpo si invaghisce di Gìtone, ed Encolpio deve ricorrere a tutta la sua astuzia per sottrarre il suo adorato efèbo alle ricerche di Ascilto ed alle turpi voglie di Eumolpo. 4. a. Encolpio, Eumolpo e Gìtone (il nuovo terzetto d ora in poi) s'imbarcano su una nave diretta a Taranto, senza sapere che essa è di proprietà di Lica e di sua moglie Trifèna, due vecchie conoscenze di Encolpio e Gìtone che, per motivi esposti nei libri precedenti, li odiano a morte. b. Atterriti, i due giovani si camuffano goffamente da schiavi, ma vengono riconosciuti a causa della menomazione di Encolpio. Dopo aver corso seri pericoli, si riappacificano con i loro persecutori, grazie soprattutto al fatto che Trifèna, un tempo amante di Encolpio, ha ora un vistoso debole per Gìtone. Encolpio è costretto a soffrire, senza poter reagire, le opposte pene della gelosia e dell umiliazione, di fronte alle tenerezze di Trifèna per Gìtone ed al disinteresse che la sua ex-amante gli dimostra. Per rasserenare l'atmosfera, alquanto tesa, Eumolpo racconta un'altra fabula Milesia, quella della matrona di Efeso. c. Ma all improvviso si scatena una tempesta: Lica cade in mare ed annega; Trifèna si mette in salvo su di una scialuppa; Encolpio, Eumolpo e Gìtone fanno naufragio nei pressi di Crotone. d. Qui apprendono che gli abitanti della città si sono specializzati nell esercizio di un attività non proprio edificante: quella di cacciatori di eredità. Ad ogni buon conto, Eumolpo è pronto ad approfittarne ed organizza un piano: si farà credere ricchissimo e malato, mentre Encolpio e Gìtone si fingeranno suoi servi; in questo modo gli avidi Crotoniati lo circonderanno di ogni attenzione, nella speranza di essere nominati suoi eredi. e. Durante il tragitto verso Crotone, Eumolpo declama un suo Bellum civile in versi [N.B.: parodia di quello di Lucano?]. Giunto in città, viene presto subissato dalle attenzioni degli abitanti, che, secondo i suoi piani, lo ricoprono di doni. 5. a. Encolpio, che si presenta ora sotto il falso nome di Polièno, conosce la bellissima Circe e se ne innamora, ricambiato. Ma la sua scarsa virilità, che si manifesta ora in tutta la sua drammatica evidenza, gli impedisce di tradurre in realtà il suo sogno; né le cose vanno meglio con Gìtone. Circe lo respinge, indignata ed offesa. b. Una vecchia libera temporaneamente il giovane dalla maledizione di Priapo, ed egli ha così modo di farsi perdonare da Circe. 6. Encolpio, che ha perso evidentemente di nuovo la virilità, viene cacciato di casa da Circe. Recatosi in devoto pellegrinaggio al santuario di Priapo, conosce la vecchia sacerdotessa Enotèa, che lo sottopone ad un complicato rituale magico, ma senza successo. 7. Il favore di Mercurio, per motivi ignoti, restituisce la virilità ad Encolpio. 8. Poiché i cittadini di Crotone cominciano a spazientirsi e ad insospettirsi, Eumolpo si decide a fare testamento. Quando questo viene letto [N.B.: non si capisce se a questo punto Eumolpo sia morto davvero o si finga tale!], si viene a sapere che ha designato come suo erede chiunque mangerà il suo cadavere. Ma ci vuol altro per scoraggiare gli abitanti di Crotone. Infatti... (21)

11 Note critiche sul Satyricon di Petronio 1. l autore nascosto e le teorie di Conte a. autore nascosto (Petronio) e narratore mitomane (Encolpio) b. retorica dell eccesso e letteratura antologizzata c. agglomerato di figure eroiche ed erotizzazione dei personaggi i. sgonfiamento del sublime ii. inganno del mito 1. esagerazione 2. inversione 3. sceneggiatura del sublime: sesso, cibo, denaro 4. rovesciamento del Simposio di Platone d. tirare i generi verso il basso e. senso di superiorità sul protagonista narratore da parte del lettore (come da parte dell autore) f. scuola luogo di fusione di eloquenza degradata e retorica dell eccesso g. contrasto con la poetica di Orazio 2. riguardo al contenuto: forme e temi a. la nascita da intreccio di modelli (Heinze) b. non è chiaramente un unico genere letterario i. sfugge al romanzo per temi ii. spunti epici, tragici, favolistica iii. narrazione caotica e farraginosa 1. opera corale 2. Nietzsche: maestro dai piedi di vento 3. attenzione: dipende dallo stato Petronio e il ritmo narrativo (DE) «[Petronius] mehr als irgend ein grosser Musiker bisher, der Meister des presto gewesen ist, in Erfindungen, Einfällen, Worten: - was liegt zuletzt an allen Sümpfen der kranken, schlimmen Welt, auch der "alten Welt", wenn man, wie er, die Füsse eines Windes hat, den Zug und Athem, den befreienden Hohn eines Windes, der Alles gesund macht, indem er Alles laufen macht!» (Friedrich Nietzsche, Al di là del Bene e del Male, 2, 28) (IT) «[Petronio] più di qualsiasi altro grande musicista, sinora fu il maestro del «presto» nelle invenzioni, nelle idee, nelle espressioni! - Che cosa può importarci alla fine di tutto il fango di questo mondo ammalato, cattivo, ed anche del mondo «antico», quando si possiede, al pari di lui, le ali ai piedi, il respiro, lo scherno liberatore d'un vento, che mantiene sana la gente, perché la fa correre!» Il ritmo narrativo dell'opera di Petronio è svelto e incalzante. Questo s'alterna, tuttavia, con momenti di riflessione dei personaggi, dove la fabula del racconto non procedono. Il ritmo è consono alla situazione dei protagonisti: quando l'azione si fa più movimentata, il ritmo accelera, quando giunge un momento di tregua e requie, il ritmo s'interrompe. c. tema del comico è l unico dominante d. presenza costante del realismo (Auerbach) e. realismo del distacco f. elemento del quotidiano i. vita comune (22)

12 ii. Roma spaccanapoli iii. vita multiforme e frantumata iv. tutto è in balìa della Fortuna g. barocco e kitch i. genere pulp h. non c è moralismo 3. riguardo allo stile a. nova simplicitas b. puri sermonis gratia c. quod facit populus 4. grandezza notevole della Cena a. importanza i. sociale-antropologica ii. culturale-economica iii. linguistica 1. plurilinguismo 2. mistilinguismo 3. teoria di Väänäen 4. xenolalia 5. greco iv. confronti 1. Apicio 2. satira 3. Marziale 5. temi dominanti a. le donne b. il viaggio i. struttura omerica ii. incipit con ira divina iii. il labirinto e la teoria di Fedeli c. l amore i. stravolgimento della coppia di fidanzati ii. parodia erotica 6. il confronto con Apuleio note 1. donne, schiavi, stranieri e omosessuali: il trionfo del diverso e dell inferiore a. galleria della città di Roma b. gli occupati di Seneca c. mondo all inverso i. arrivisti ii. approfittatori iii. parvenus d. esaltazione della roba e. Fortunata: ideale complemento di Trimalchione f. Trimalchione: i. ceto borghese? ii. Signori si nasce iii. distorsione per eccesso con lente d ingrandimento iv. mimo della vita v. parodia di Nerone? (23)

13 2. il basso, il milesio, il volgare: riprese e innovazioni a. novelle i. matrona di Efeso ii. inventore sfortunato [LI 6] b. amore i. menage à trois ii. ambiguità sessuali iii. il puer di LXXXVII 5-9 iv. Quartilla v. Encolpio e la perduta virilità vi. matrona di Crotone vii. Fortunata LXVII c. distorsione e perversione i. voyeurismo ii. violenza iii. sadismo iv. scabrosità v. mai delicatezza d. dominio di Priapo i. confronto con i carmina Priapea ii. Odissea dal basso 3. elementi di antropologia ed etnografici a. la cena i. simposio ii. Orazio iii. ius hospitii b. elementi barbarici i. testamento e antropofagia ii. cannibalismo sulla nave c. invenzione e tecnologia i. larve e robot ii. orologi iii. catenatio e doppio d. horror i. lupo mannaro [LC] ii. veglia funebre e streghe [LXIII-LXIV] e. elementi filosofici i. filosofia popolare ii. tempo e morte iii. tempo e trappola: labirinto iv. morte è sepolcro della memoria (24)

14 4. realismo e riprese moderne a. il basso e il Cristianesimo b. descrizione stucchevole c. arredamento d. abbigliamento e. oggettistica f. gusto del raccontare e psicologia di presenti g. riprese i. vita bohemienne ii. Pasolini iii. Fellini (25)

15 Apuleio: note generali utili alla comprensione dell opera 1. spunti biografici a. origine africana (Cartagine >>> Atene) b. studi di filosofia e retorica (II sofistica) i. conferenziere sul nulla ii. magia 1. demonologia socratica 2. filosofia (neo)platonica 3. sincretismo religioso 4. tradizioni orientali iii. difesa tribunalizia c. vasta cultura i. poligrafo ii. esibizionismo 2. sul romanzo: fonti e note sul genere a. monolite latino b. titolo volutamente chiaro i. originale ii. nota di Agostino d Ippona iii. area africana e letture stravaganti c. grande fortuna nel Rinascimento i. differenze col Satyricon d. problema delle fonti i. Lucio di Patre ii. Luciano di Samosata iii. Apuleio iv. Fozio v. tema molto amato (?) e. lettura del prologo i. sermone isto milesio ii. varias fabulas conserere iii. lepido susurro iv. papyrum Aegyptiam v. in Attica ho appreso la lingua vi. exotici ac forensis sermonis rudis lector vii. fabulam Graecanicam «Ho letto le Metamorfosi di Lucio di Patre, opera in vari libri. [ ] Egli mostra una vera passione per le storie di prodigi. Lo si potrebbe chiamare un altro Luciano. I due primi libri, comunque, sono stati quasi letteralmente trascritti da Lucio dal libro di Luciano intitolato Lucio o l asino [Loúkios è ónos]. O forse da Luciano dai libri di Lucio. Sebbene sembri piuttosto Luciano a copiare l altro, questo si può solo congetturare, perché non abbiamo altri elementi per sapere chi dei due è il più antico. In effetti, Luciano sembra aver abbreviato l ampia opera di Lucio, e tagliato quanto non gli sembrava utile al suo progetto [ ]». Da questa scheda di Fozio, patriarca di Costantinopoli nel IX sec., contenuta nella sua Bibliotheca (una sorta di raccolta di recensioni sui libri da lui letti), si sviluppa lo spinoso problema critico relativo alle fonti delle Metamorfosi ovvero Metamorphoseon (26)

16 libri XI di Apuleio, l unico romanzo in lingua latina conservatoci in forma integrale, grazie al manoscritto scoperto a Montecassino dal Boccaccio. Innanzitutto: chi è questo Lucio di Patre, del quale peraltro il solo Fozio fa menzione? E davvero esistito, o piuttosto il suo nome è confuso con quello del protagonista del romanzo (Lucius, appunto), e da lui derivato? E inoltre: ammettendo due edizioni d un medesimo canovaccio, stilate da due diversi autori Lucio e Luciano (benché la critica sia molto scettica a riguardo di quest ultima attribuzione) ebbene, qual è il rapporto di dipendenza che intercorre tra le due? Che cosa l una deve all altra? Domande che, ovviamente, si complicano con riferimento al nostro autore: le Metamorfosi di Apuleio sono una rielaborazionevi delle Metamorfosi di Lucio? O di quelle di Luciano? Se sì, che portata ha questa rielaborazione? Ovvero, più in generale, come valutare appieno l originalità apuleiana? Questi interrogativi, decisivi anche e soprattutto per ciò che riguarda l interpretazione complessiva dell opera, rimangono a tutt oggi senza risposta, benché, evidentemente, la chiave risolutiva del problema è ben nascosta all interno del prologo programmatico dell Asino d oro. Lì, infatti, Apuleio confessa candidamente il proprio debito nei confronti di una fabula graecanica, sottolineando altresì che la trama del romanzo risulterà: complicata dall intreccio con alcune novelle del genere milesio pepata con l arguzia tipica dello stile alessandrino; vergata in un latino (a suo dire, beninteso) rozzo, infarcito di espressioni strane e popolari (essendo l io narrante, di madrelingua greca, un autodidatta) e tuttavia, come ci tiene a precisare, ben consono alla desultoria scientia che caratterizza le storie in essa contenute. Al di là di queste evidenti fonti dirette, non si può non cogliere, nell ispirazione, l eco di altri (ed illustri) riferimenti letterari: se il leitmotiv della trasformazione potrebbe trovare un precedente in Omero e, in particolare, nel famoso episodio (libro X dell Odissea) dei compagni mutati in porci dalla maga Circe (tenuto anche conto, sotto questo aspetto, delle Metamorfosi di Ovidio e delle favole di Fedro con animali parlanti), nella parte iniziale dell opera farebbero invece capolino, con una certa insistenza, temi, motivi e situazioni affini al Satyricon di Petronio. Definire tuttavia con esattezza la veridicità e la consistenza di simili ispirazioni è impresa invero improba: le Metamorfosi si presentano come un crogiuolo (mi viene da dire, ipertestuale ) di vicende, di stili e di spunti, insomma un pastiche letterario tale da scoraggiare qualsiasi acribia e smontare qualsivoglia approccio critico, atto nel peggiore dei casi a destrutturare l opera, scarnificandola (un operazione che s impone, comunque, a livello didattico e che anche questo breve saggio, mio malgrado, affronterà). In questo senso, la mia impressione è che, di fronte alle Metamorfosi di Apuleio, risulti di molto avvantaggiato il lettore di media cultura, quindi di certo non sprovveduto e tuttavia senza pretese scientifiche o filologiche (quale sarebbe, volendo fare un esempio contemporaneo, il lettore di un opera come Il nome della rosa, di Umberto Eco); un lettore insomma che riesca ad apprezzarla e gustarla per quella che è: un opera piena di ammiccamenti, i più vari, ostinatamente oscillante tra poli contrastanti (scienza e superstizione, magia e religione, favola e allegoria) propri di una natura e di una vicenda umana controverse e singolarissime, che solo ad un genio come Apuleio potevano capitare in sorte. f. aggiunta fondamentale : il tema della curiositas g. la simbologia isiaca i. romanzo a chiave ii. opera allegorica iii. autobiografia (?) >>> Dante e la selva 3. plot narrativo: trama e sezioni a. struttura del Bildungsroman b. struttura tradizionale di Propp c. tre sezioni narrative i. I-III: CURIOSITAS: Lucio UOMO -Lucio ASINO ii. IV-X: FORTUNA: Lucio ASINO -tragedia della vita iii. XI: RELIGIO: Tragedia della vita-salvezza d. non ogni parte è compatta i. seconda ha trattazione farraginosa (domina il caos) ii. a volte sensazione delle parti aggiunte iii. iv. la terza parte è la chiave della vicenda la terza parte dà nuovo significato a tutto ciò che precede 1. caos >>> caos della vita (27)

17 2. trasformazione >>> regressione come con Circe 3. asino >>> metafora della bestialità 4. viaggio >>> itinerarium animae 5. religione >>> salvezza 6. XI >>> numerologia 7. è una umana commedia (?) e. forma aperta, solo ossatura con tessere aggiunte f. intento i. rallegrare ii. edificare g. Gianotti è la sintesi dei generi letterari tradizionali; è un epitome di tutta la produzione della letteratura greca e latina, ovviamente in percentuali differenti h. stile e lingua variegati: apprende latino e greco per grammaticam i. tecnica di montaggio i. flash backs ii. Ich Erzählung (28)

18 Apuleio, Metamorphoseon libri seu Asinus aureus Trama e riassunto dell opera Libro I: Prologo: il protagonista e narratore si presenta, dicendo di essere greco e di chiamarsi Lucio, ed invita il lettore a prestare attenzione alle fabulae Milesiae che intreccerà per lui. Inizia quindi il racconto principale o cornice. Lucio si trova in Tessaglia, terra della magia, ove si è recato per affari. Durante il viaggio incontra due viandanti, uno dei quali, Aristòmene, strada facendo racconta l'incredibile storia che gli è capitata. Racconto di Aristomene: Aristomene incontra per caso ad Ìpata, in Tessaglia, il suo ex-commilitone Socrate, ridotto ad una larva umana per essere stato l'amante di una strega. Lavato e rivestito l'amico, Aristomene lo porta in una locanda e decide di fuggire con lui l'indomani. Ma durante la notte, per magia, la strega e sua sorella penetrano nella stanza dei due, sgozzano Socrate sostituendo il suo cuore con una spugna ed inondano Aristomene di urina; indi se ne vanno. Mentre Aristomene, terrorizzato, cerca di darsi la morte per non essere accusato dell'omicidio dell'amico, ecco che questi si risveglia come se niente fosse. I due si rimettono in viaggio verso casa. Giunti presso un ruscello, si fermano per riposarsi e mangiare; ma all'improvviso, mentre Socrate si china sull'acqua per bere, il suo collo si squarcia e ne esce la spugna, ed egli cade stecchito. Aristomene fugge e cambia vita, lasciandosi alle spalle il terribile passato. Fine del suo racconto. Lucio, lasciati i due viandanti, giunge ad Ìpata e si reca a casa del suo ospite Milone. Libro II: L'indomani, al mercato, Lucio viene riconosciuto, proprio a causa della sua bellezza, da una donna che non conosce affatto, Birrena, che si dice amica intima della madre di lui. Il giovane accetta il suo invito e si reca a casa di costei, che lo mette in guardia contro Pànfila, la moglie di Milone, famosissima maga. L'avvertimento ottiene l'effetto contrario a quello sperato: Lucio, curiosus per natura, è elettrizzato dalla prospettiva di sperimentare la magia. Per avere accesso ai segreti della padrona di casa, il giovane fa leva sui propri mezzi fisici e seduce la graziosa Fòtide, ancella di Panfila. Quella notte stessa Lucio ha il primo incontro d'amore con lei. Qualche sera dopo egli si reca a cena in casa di Birrena, ove ascolta il terribile racconto autobiografico di uno dei commensali, Telìfrone. Racconto di Telìfrone: giunto a Larissa, in Tessaglia, Telìfrone accetta una stranissima offerta di lavoro: dovrà fare la guardia ad un cadavere per tutta la notte, onde evitare che le streghe ne asportino le parti ad esse necessarie per i loro incantesimi. Il contratto prevede che, in caso di inadempienza, il sorvegliante malaccorto debba rifondere il danno in natura, mutilandosi delle corrispondenti parti del corpo. Il morto in questione è il marito di una bellissima matrona, che accoglie Telìfrone in lacrime; il giovane si pone a fare la guardia; ma durante la notte penetra nella stanza una donnola, e Telìfrone sprofonda in un sonno pesante. Al mattino si risveglia pieno d'angoscia, ma il cadavere è intatto. Durante il rito funebre, tuttavia, il vecchio zio del defunto accusa la vedova di averlo assassinato. Il cadavere viene risuscitato temporaneamente per magia e rivela la verità, ma non viene creduto; allora, per dimostrare che dice il vero, racconta ciò che solo lui può sapere, cioè che cosa è successo mentre Telìfrone dormiva: alcune streghe hanno invocato il nome del morto per attirarlo fuori; ma disgraziatamente il morto è omonimo di Telìfrone; quest'ultimo, sonnambulo, si è recato dalla streghe, che gli hanno mozzato naso ed orecchie sostituendoli con organi posticci. A quelle parole, il povero Telìfrone nega disperatamente e si tocca il naso e le orecchie, che subito si staccano. Fine del racconto di Telìfrone. Durante il ritorno verso casa Lucio, ubriaco, s'imbatte in quelli che crede essere tre ladri in procinto di scassinare la porta del suo ospite Milone, e li uccide. Libro III: In un'atmosfera surreale ed onirica, Lucio viene arrestato il mattino successivo e sottoposto a processo per l'uccisione dei tre supposti ladroni. Quando ormai dispera della salvezza, i tre cadaveri vengono condotti in aula, coperti, e lui stesso viene costretto a scoprirli: con sua enorme sorpresa, sotto il drappo appaiono tre otri. Troppo tardi Lucio si accorge, mentre tutti scoppiano a ridere, che il processo è una farsa: ricorre infatti quel giorno la festa del dio Riso, in cui gli abitanti della Tessaglia amano divertirsi alle spalle degli ingenui. Sarà Fòtide, più tardi, a spiegare a Lucio come siano andate le cose: i tre otri hanno preso vita per un incantesimo di Panfila, e Lucio, nel buio, ubriaco com'era, li ha scambiati per esseri umani e si è reso così... otricida. Lucio coglie la palla al balzo e chiede a Fotide di permettergli di vedere la padrona mentre si trasforma per virtù di magia; la ragazza acconsente. Il giovane assiste così, non visto, alla trasformazione di Panfila in uccello, e tale è il suo entusiasmo, che immediatamente chiede a Fotide di spalmarlo con quel filtro portentoso. Ma la ragazza sbaglia unguento, e Lucio viene trasformato in asino, pur conservando intelletto umano. Infuriato ma impotente, Lucio-asino si dirige nel luogo che gli sembra più adatto al suo nuovo stato, e cioè la stalla, in attesa di poter disporre dell'antidoto indicatogli da Fotide: dovrà infatti mangiare delle rose, e subito ritornerà uomo. (29)

19 Ma durante la notte alcuni briganti fanno irruzione in casa di Milone e si portano via anche tutte le bestie da soma, fra cui Lucio. Egli, pur avendone l'occasione, evita di mangiare delle rose, poiché teme di essere ucciso dai briganti una volta tornato uomo. Libro IV: Lucio-asino cerca invano delle rose. Ma i ladroni lo conducono nel loro rifugio sulle montagne, dove le rose non crescono; sopraggiungono ben presto altri componenti della banda. I briganti raccontano le prodezze di tre loro compagni morti: Làmaco, Álcimo e Trasileòne. Il giorno seguente viene portata al rifugio una bella e giovane prigioniera, Càrite, che è stata rapita con la speranza di ricavarne un riscatto. Per lenire la sua angoscia, la vecchia custode del rifugio racconta una storia: quella di Amore e Psiche. La favola di Amore e Psiche (clicca qui per il testo integrale): C'era una volta un re che aveva tre figlie; la minore, Psiche, era di una tale bellezza che Venere stessa ne era invidiosa e nessun uomo osava chiederla in moglie. Un vaticinio di Apollo, espresso per l'occasione in latino (sic!), chiede che Psiche venga posta in cima ad una rupe, dove andrà sposa ad un orribile mostro. Fra le lacrime di tutta la popolazione, Psiche viene portata sul luogo del supplizio. Ma Zèfiro la solleva e la depone su un prato. Libro V: Psiche, esausta, si addormenta. Al suo risveglio si trova di fronte ad una reggia incantata, nella quale entra. Nel magnifico palazzo non vede nessuno, ma le fanno compagnia le "voci nude", che la servono, le parlano e suonano per lei. Di notte, nel buio, la raggiunge il misterioso mostro suo sposo, che la fa sua senza permetterle di vederlo. Dopo qualche tempo Psiche, che, contrariamente al previsto, trova molto piacevole la compagnia notturna del marito, ma soffre la solitudine di giorno, riesce a strappargli il permesso di vedere le sue sorelle. Queste, tuttavia, prese da una feroce invidia per la fortuna toccata a Psiche, macchinano la sua rovina e con subdole insinuazioni la convincono che quello con cui giace tutte le notti (e da cui ormai aspetta un figlio) è un mostro orrendo e pericolosissimo: ella dovrà perciò ucciderlo, per essere salva. Psiche, atterrita, vìola quella notte stessa il comando del marito, portando una lucerna nel talamo mentre lui dorme: ma alla luce della lampada appare, addormentato, un giovane bellissimo, Cupìdo. Psiche si punge con una delle frecce del marito e all'istante si innamora pazzamente di lui; si china per baciarlo, ma nel far questo rovescia sul suo braccio l'olio bollente della lampada, e Cupìdo si sveglia di soprassalto. Vedendosi tradito, vola via, invano trattenuto da Psiche. Prima di andarsene le rivela la verità: Venere, sua madre, gli aveva imposto di dare Psiche in moglie al più abietto degli esseri, ma lui stesso se n'era innamorato e l'aveva voluta come sua sposa. Detto questo, il dio fugge. Psiche, fuori di sé per il dolore, si vendica delle sorelle: fa credere loro che Cupido le desideri come spose e che Zèfiro le traporterà giù dalla rupe; in tal modo le due perfide si sfracellano sulle rocce. Frattanto anche Venere, scoperto l'inganno del figlio, medita vendetta. Libro VI: Psiche chiede invano aiuto a Cèrere ed a Giunone. Venere, dal canto suo, fa cercare con un bando Psiche, ma la ragazza decide di presentarsi spontaneamente. La dèa infierisce su di lei con maltrattamenti di vario genere, nel tentativo di imbruttirla; infine, non contenta, le impone alcune prove terribili, che tuttavia Psiche supera con l'aiuto delle formiche, di una canna palustre e di un'aquila; ma la quarta prova è pressoché impossibile: si tratta di scendere all'ade per chiedere a Prosèrpina una fiala di bellezza per Venere. Psiche vi riesce con l'aiuto di una torre, ma sulla via del ritorno non sa resistere alla curiosità ed apre la fiala, come Venere aveva previsto: la fiala di Prosèrpina non contiene infatti bellezza, ma morte. Psiche cade a terra esanime. Ma Cupìdo, guarito dalla scottatura e più innamorato che mai, vola presso di lei e la salva. Subito dopo, per intervento di Giove, Cupìdo ottiene il permesso di sposare Psiche, che viene resa immortale. Poco dopo Psiche darà alla luce una figlia, Voluttà. Fine del racconto. Al loro ritorno, i briganti decidono di sbarazzarsi dell'asino; Lucio li previene e fugge. La giovane prigioniera ne approfitta e gli balza in groppa. Ma la fuga dei due viene interrotta dai ladroni, che li catturano e decidono di ucciderli l'indomani, cucendo la giovane nel ventre dell'asino morto. Nel frattempo anche la vecchia si è impiccata, per timore del castigo. Libro VII: Sopraggiunge un ladrone, il quale informa gli altri che la colpa della rapina in casa di Milone è ricaduta su Lucio: la notizia affligge moltissimo il povero asino, che vorrebbe discolparsi. Intanto i briganti eleggono come loro capo una nuova recluta, dopo avere ascoltato il racconto delle sue straordinarie prodezze. Il nuovo capo propone di non uccidere la ragazza, ma di venderla ad un lenone: la proposta viene accettata all'unanimità. L'asino, fra sé e sé, è indignato dell'atteggiamento della giovane, la quale è tutta contenta di essere venduta come prostituta e per di più si lascia continuamente baciare dal nuovo capo. Ma Lucio si sbaglia: il nuovo ladrone altri non è che Tlepòlemo, il fidanzato della prigioniera, il quale, ubriacati i briganti, riesce a fuggire con lei e con l'asino. Il giorno dopo i ladroni vengono uccisi e l'asino viene raccomandato alle attenzioni di un mandriano; ma la moglie di quest'ultimo, una perfida megera, lega la povera bestia alla macina; come se non bastasse, Lucio viene assalito dagli stalloni e sottoposto alle sevizie di un malvagio ragazzo, che per di più lo accusa di sconcezze del tutto inventate. In tal modo gli altri pastori si risolvono ad ucciderlo o a castrarlo; finalmente però l'asino riesce a fuggire, spaventato da un'orsa. La libertà è effimera: Lucio viene catturato da un passante, che verrà accusato a torto dell'assassinio del cattivo ragazzo (ucciso in realtà dall'orsa) e condannato a morte; anche l'asino viene condannato, e, nell'attesa che il supplizio si compia, la madre del ragazzo morto incrudelisce selvaggiamente su di lui. (30)

20 Libro VIII: Il mattino seguente giunge dalla città un servo di Càrite, la bella fanciulla che era stata prigioniera dei briganti; egli racconta la tristissima fine della storia di Càrite: Trasillo, un antico pretendente della ragazza, ha ucciso in una battuta di caccia Tlepòlemo, suo novello sposo; la sposa si è chiusa in un cupo dolore, rifiutando inorridita la proposta di matrimonio di Trasillo, quando una notte le appare in sogno Tlepòlemo e le rivela la verità; allora la ragazza finge di acconsentire a trascorrere una notte d'amore con l'assassino, ma, dopo averlo narcotizzato, lo acceca con uno spillone. Quindi corre sulla tomba del marito e si uccide. Analoga sorte tocca a Trasillo, che non riesce a sopravvivere alla tragedia e muore dopo avere confessato tutto. Tuttavia per l'asino questa tragedia è una fortuna, dal momento che i mandriani, temendo che il nuovo padrone sia meno generoso del precedente, decidono di andarsene e portano Lucio con sé, carico di bagagli. Durante il viaggio i mandriani temono l'assalto dei lupi, ma vengono invece ridotti a malpartito da alcuni contadini, che aizzano loro contro dei cani; un giovane pastore viene poi divorato da un drago. Quando finalmente il gruppetto giunge in una grande città, l'asino viene venduto ad un vecchio pederasta dedito al culto di Cìbele, che lo porta subito alle sue "ragazze" (ossia i cinedi che convivono con lui): costoro utilizzano l'asino per portare in processione l'immagine della dèa durante la questua. L'asino, già infastidito da tutto ciò, e disgustato dalle sconcezze di quei pervertiti, richiama l'attenzione dei passanti col suo raglio mentre i "sacerdoti" sono tutti presi dalle loro libidini, col risultato di farsi picchiare quasi a morte. Ma i pericoli, per la povera bestia, non sono finiti: capitato in casa di un cittadino devoto di Cìbele, rischia ora di essere ucciso per andare a sostituire un prosciutto rubato da un cane. Libro IX: L'asino scappa, ma viene catturato da alcuni servi che lo credono ammalato di rabbia; appurato che è sano, viene restituito ai sacerdoti di Cìbele e ricomincia, suo malgrado, i suoi vagabondaggi. In una locanda apprende la gustosa storia di un marito credulone gabbato dalla moglie traditrice. Un bel giorno, finalmente, i sedicenti sacerdoti vengono arrestati, e Lucio viene acquistato da un mugnaio, che lo pone nuovamente alla macina; qui la bestia ha modo di constatare, con profonda pietà, le misere condizioni degli animali suoi compagni. Il mugnaio, brava persona in fondo, ha per moglie una vera e propria megera (cristiana? N.d.R.), che lo tradisce con un giovane delle cui prestazioni amorose ultimamente è scontenta; la vecchia serva che le sta sempre accanto le magnifica le imprese amatorie di un certo Filesìtero, che ha sedotto impunemente la moglie del gelosissimo decurione Barbaro, e la moglie del mugnaio decide senz'altro di fare del focoso giovane il suo amante. Ma mentre i due sono soli in casa, il mugnaio ritorna inaspettatamente; Filesìtero si nasconde e il povero marito confida alla moglie tutto il suo sdegno per il triste caso di un lavandaio suo amico, la cui consorte è stata appena colta in flagrante tradimento. L'asino decide allora di intervenire e, calpestando le dita all'amante nascosto, lo costringe a svelarsi. Ma il marito non si scompone ed escogita per l'adultero una punizione davvero originale: costringe infatti il giovane a passare la notte con lui. Poi caccia di casa i due adulteri. La vendetta della perfida moglie non si fa attendere: ella ricorre alle arti di una strega, e l'indomani il mugnaio viene trovato morto. Lucio viene venduto ad un ortolano poverissimo ma onesto e a modo suo generoso, che si affeziona all'asino; una sera, per ricompensa di un favore, il poveretto viene invitato a cena da un ricco signore. Ma la cena si muta in tragedia: al padrone di casa viene riferito che i suoi tre figli sono appena morti, per cui il poveretto si sgozza con lo stesso coltello con cui stava tagliando il formaggio. Sconvolto, l'ortolano s'incammina verso casa con l'asino, ma ad un tratto un legionario romano lo ferma e pretende di portargli via l'animale; l'ortolano reagisce: ne nasce una rissa. Infine il legionario ha la peggio, ma l'ortolano e Lucio devono nascondersi in casa di un amico per sfuggire alle ricerche del soldato. Ma sarà proprio l'asino, con la sua sciocca curiosità, a perdere sé e il suo padrone, sporgendosi dal nascondiglio per guardare. L'ortolano è condannato a morte. Libro X: Lucio è ora al servizio del legionario, che odia profondamente. Un giorno, in casa di un decurione, viene a conoscenza di un fatto terribile che vi si è appena verificato: la seconda moglie del padrone di casa si è follemente invaghita, novella Fedra, del figliastro; poiché questi non le si concede, decide di ucciderlo, ma il veleno a lui destinato viene assunto per errore dal figlio della donna, che muore; costei accusa il figliastro dell'assassinio e di tentato incesto con lei. Ma quando ormai il povero giovane sta per essere condannato a morte, un medico interviene e rivela la verità: egli stesso ha venduto il veleno, ma al servo della donna, non al ragazzo; e, poiché il servo nega, aggiunge che non si trattava di veleno, ma della mandràgora, un potentissimo narcotico: se dunque il figlio minore non è morto, non c'è dubbio che sia stato "avvelenato" dall'acquirente della mandràgora, e cioè dal servo. Infatti il giovinetto è vivo e riprende di lì a poco i sensi: il servo viene condannato a morte e la donna all'esilio perpetuo, mentre il padre, fuori di sé per la gioia, ritrova in un colpo solo i due figli che credeva perduti. Lucio viene venduto dal soldato a due fratelli, l'uno cuoco e l'altro pasticciere, e finalmente può rimpinzarsi a dovere di pasticcini; ma un giorno i due scoprono le strane abitudini alimentari della bestia e le rivelano al padrone di casa: costui le trova così divertenti che si compra l'asino e lo fa ammaestrare, anche perché il suo mestiere consiste appunto nell'allestire spettacoli circensi. Recatosi a Corinto con l'asino, guadagna un discreto gruzzolo grazie alle sue esibizioni; ma una matrona s'invaghisce follemente di Lucio e pretende di passare alcune notti con lui. (31)

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI L Iliade Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI Sara S Da nove anni si combatte sotto la città di Troia: Greci e Troiani si affrontano in una battaglia sanguinosa.

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba.

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba. L innamoramento L innamoramento si dice che è un sogno quando lo si vive, una magica sintonia che fa palpitare il cuore, fa sentire un attrazione fortissima che dà crampi allo stomaco e scombussola il

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

Capitolo 2. ORIGINI E CONNOTAZIONI STORICO LETTERARIE DELLE BESTIE MALEFICHE e non facevano altro che ammettere la loro colpa. Oppure erano semplicemente allucinazioni, dovute a particolari sostanze ingerite,

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

MEDITAZIONE DI NATALE 98

MEDITAZIONE DI NATALE 98 MEDITAZIONE DI NATALE 98 Gli astronauti ci dicono che la Terra vista dall alto è bellissima. La distanza permette di vedere l insieme e nello stesso tempo nasconde tutte le brutture e tutte le miserie

Dettagli

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

CHI E L UOMO? Queste esigenze che ci costituiscono le chiamiamo sinteticamente con una parola che usa la Bibbia: cuore

CHI E L UOMO? Queste esigenze che ci costituiscono le chiamiamo sinteticamente con una parola che usa la Bibbia: cuore CHI E L UOMO? Prima di affrontare il problema religioso occorre domandarsi: perché il fenomeno religioso è solo umano? Perché l uomo è diverso da ogni altra forma presente nella realtà? Occorre guardare

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute Questo opuscolo è il frutto del dialogo che il Centro Regionale Trapianti della Sicilia ha avuto negli anni con molti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura.

RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura. RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura. Vede passare un carro di appestati morti e prega per loro, sperando

Dettagli

Pierina Levorato psicologa psicoterapeuta Consultorio familiare ULSS n. 2 FELTRE

Pierina Levorato psicologa psicoterapeuta Consultorio familiare ULSS n. 2 FELTRE Come litigare in modo costruttivo Pierina Levorato psicologa psicoterapeuta Consultorio familiare ULSS n. 2 FELTRE Chiunque può arrabbiarsi, questo è facile. Ma arrabbiarsi con la persona giusta, e nel

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Riconosce che la Bibbia è il

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: V B Indirizzo:

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

ad un altro rito: la preparazione della donna al matrimonio attraverso la purificazione di un bagno di vapore. (marusca)

ad un altro rito: la preparazione della donna al matrimonio attraverso la purificazione di un bagno di vapore. (marusca) Il sacrificio al Sole è un vero e proprio rito di iniziazione, anche questo presente presso tutte le civiltà del passato e ancora presente tra noi in forme prevalentemente simboliche. Nel film si assiste

Dettagli

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori Il Principe Mezzanotte Scheda di approfondimento Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori La Compagnia Teatropersona ha deciso di creare queste schede per dare l opportunità alle

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Associazione culturale senza scopo di lucro Via A. Vivaldi 15, 25015 Desenzano del Garda

Associazione culturale senza scopo di lucro Via A. Vivaldi 15, 25015 Desenzano del Garda Associazione culturale senza scopo di lucro Via A. Vivaldi 15, 25015 Desenzano del Garda Telefono 030 910 92 10 - Fax 030 910 91 11 - E Mail: info@ilnodo.com - Sito Web: www.ilnodo.com Notre Dame de Paris

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

ISTITUTO SAN GIUSEPPE CALASANZIO LICEI CLASSICO SCIENTIFICO LINGUISTICO Via Cortina D Ampezzo, 256 Roma

ISTITUTO SAN GIUSEPPE CALASANZIO LICEI CLASSICO SCIENTIFICO LINGUISTICO Via Cortina D Ampezzo, 256 Roma ISTITUTO SAN GIUSEPPE CALASANZIO LICEI CLASSICO SCIENTIFICO LINGUISTICO Via Cortina D Ampezzo, 256 Roma Elaborato Seminario Interdisciplinare I Biennio Dialogare... è bello! Sul tema: L amicizia: una splendida

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA Dal vangelo secondo Matteo (Mt 7,21.24-29) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

della tematica e azioni per favorire la formazione e la pratica della nonviolenza nelle scuole, attraverso lo sport e nelle carceri.

della tematica e azioni per favorire la formazione e la pratica della nonviolenza nelle scuole, attraverso lo sport e nelle carceri. Presentazione È interessante notare come, oggi, il tema del perdono sia passato da un ambito specificamente religioso a uno psicologico, sociale, umano. Da un po di tempo (primi anni 2000), in Colombia,

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al PREMESSA L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al bisogno del bambino di dare un significato alla propria esistenza, favorendo la formazione della individuale personalità

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

FESTA DELLA FAMIGLIA 2013

FESTA DELLA FAMIGLIA 2013 FESTA DELLA FAMIGLIA 2013 MATERIALE PER LA PREPARAZIONE SPIRITUALE Materiale, Catechesi, Questionario per le Comunità, Gruppi Famiglie, Famiglie singole in Preparazione al Convegno "La Famiglia Vince la

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO)

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) ATTIVITA ALTERNATIVA ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA CON LA COLLABORAZIONE DELL INSEGNANTE VANIA

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

ATTIVITÀ GRADARA, ALL APERTO UN BORGO DA SCOPRIRE IL CASTELLO INCANTATO IN/CASTRO GRADARA INGIOCO

ATTIVITÀ GRADARA, ALL APERTO UN BORGO DA SCOPRIRE IL CASTELLO INCANTATO IN/CASTRO GRADARA INGIOCO ATTIVITÀ, ALL APERTO UN BORGO DA SCOPRIRE IL CASTELLO INCANTATO Destinatari: scuola dell infanzia e I ciclo scuola primaria Tipologia: racconto animato e laboratorio manipolativo Attività: quante avventure

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

CONOSCENZE Riconoscere i fenomeni linguistici a livello lessicale, morfologico e sintattico;

CONOSCENZE Riconoscere i fenomeni linguistici a livello lessicale, morfologico e sintattico; Istituto di Istruzione Superiore Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico TITO LUCREZIO CARO 35013 CITTADELLA (PD) Via Alfieri, 58 PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. : 2010

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli