vo Mondo. Forse mio padre mi avrebbe potuto dire qual era, se non fosse morto in un incidente d auto prima ancora di sapere che mia madre era

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "vo Mondo. Forse mio padre mi avrebbe potuto dire qual era, se non fosse morto in un incidente d auto prima ancora di sapere che mia madre era"

Transcript

1 1 Come per molte altre persone che lavorano in proprio, anche le mie giornate sono lunghe e iniziano la mattina presto. Quindi, se qualcuno mi telefona nel cuore della notte, è meglio sia una questione di vita o di morte. «Ciao Mercy» disse l amabile voce di Stefan al mio orecchio. «Mi chiedevo se potessi farmi un favore.» Stefan le questioni di vita le aveva finite da un pezzo, per cui non trovai alcuna ragione per essere gentile con lui. «Ho risposto al telefono alle...» guardai con la vista annebbiata i numeri rossi della sveglia poggiata sul comodino «tre del mattino.» Va bene, non è esattamente ciò che dissi. Potrei aver pronunciato anche qualcuna di quelle parole che un meccanico usa quando bulloni e alternatori gli cadono sui piedi. «Immagino tu possa chiedermi anche un secondo favore,» continuai «ma preferirei riagganciassi e mi chiamassi a un orario più civile.» Rise. Forse pensò stessi cercando di fare la spiritosa. «Ho un lavoro da fare, e credo che i tuoi talenti sarebbero utilissimi per assicurare il successo dell impresa.» Le creature antiche, per lo meno secondo la mia personale esperienza, amano restare sul vago quando ti stanno chiedendo di fare qualcosa. Io sono una donna pratica, e sono convinta sia sempre meglio andare dritti al nocciolo della questione il più in fretta possibile. «Ti serve un meccanico alle tre del mattino?» «Sono un vampiro, Mercedes» disse con gentilezza. «Le 9

2 tre del mattino sono ancora prima serata, per me. Ma non mi serve un meccanico, mi servi tu. Mi devi un favore.» Aveva ragione, il maledetto. Mi aveva aiutato quando la figlia del capobranco dei lupi mannari locali era stata rapita, e mi aveva avvisato che avrebbe chiesto la restituzione del favore. Sbadigliai e mi misi a sedere sul letto, rinunciando a ogni speranza di poter tornare a dormire. «D accordo. Che cosa devo fare per te?» «Dovrei consegnare un messaggio a un vampiro che è arrivato qui senza il permesso della mia Signora» disse, arrivando al punto. «Mi serve un testimone cui non farà caso.» Riappese senza aspettare una risposta, e senza dirmi quando sarebbe passato a prendermi. Gli sarebbe stato bene se me ne fossi semplicemente tornata a dormire. Brontolando tra me e me, mi misi addosso qualcosa: jeans, maglietta del giorno prima completa di macchia di senape e un paio di calze con solo un buco. Quando fui più o meno vestita, mi trascinai in cucina e mi versai un bicchiere di succo di mirtilli. C era la luna piena e il mio coinquilino, il lupo mannaro, era in giro con il suo branco, così non avrei dovuto spiegargli perché stavo per uscire con Stefan. E la cosa mi andava bene. Samuel per certi versi non era un cattivo coinquilino, ma aveva la tendenza a diventare possessivo e dittatoriale. Non che glielo permettessi, ma discutere con un lupo mannaro richiede una certa perspicacia che alle controllai l orologio tre e un quarto del mattino mi mancava. Per quanto sia stata cresciuta dai lupi mannari, non sono una di loro. E non sono neanche una qualunque altra cosa mannara. Non sono schiava delle fasi lunari, e come coyote è la mia seconda forma somiglio perfettamente a qualunque altro canis latrans. Ho i segni di un colpo di fucile sulla schiena che lo prova. È impossibile confondere i lupi mannari con i lupi, i licantropi sono molto più grossi delle loro controparti non preternaturali, e molto più spaventosi. Sono un walker, un camminatore, ma sono sicura che una volta si usasse un nome diverso, un nome indiano che è andato perduto quando gli europei hanno inghiottito il Nuo- 10

3 vo Mondo. Forse mio padre mi avrebbe potuto dire qual era, se non fosse morto in un incidente d auto prima ancora di sapere che mia madre era incinta. Così, tutto ciò che so è quello che i lupi mannari mi hanno potuto dire, che non è molto. Walker deriva dagli skinwalker delle tribù indiane del sudovest, ma stando a quanto ho letto ho meno in comune con gli skinwalker che con i lupi mannari. Io non faccio magie, non ho bisogno di una pelle di coyote per mutare forma, e non sono malvagia. Bevvi il mio succo e guardai fuori dalla finestra della cucina. Non riuscivo a vedere la luna, solo i suoi riflessi argentati sul panorama notturno. Pensare a cose malvagie sembrò abbastanza appropriato, mentre attendevo che il vampiro venisse a prendermi. Per lo meno mi avrebbe tenuta sveglia, la paura mi fa questo effetto. Ho paura delle cose malvagie. Nel mondo moderno, persino questa parola sembra... fuori moda. Quando la malvagità fa capolino dentro un Charles Manson o un Jeffrey Dahmer, cerchiamo di spiegarla con l abuso di droghe, con un infanzia infelice o con una malattia mentale. In particolare gli statunitensi hanno cieca fiducia nel fatto che la scienza abbia una risposta per tutto. Quando i lupi mannari avevano reso finalmente pubblico ciò che erano in realtà, alcuni mesi prima, gli scienziati si erano messi subito a cercare un virus o un batterio che provocasse il Cambiamento, visto che la magia era qualcosa che i loro laboratori e i loro computer non potevano spiegare. L ultima che avevo sentito era che la Johns Hopkins University aveva un intero staff che lavorava sulla cosa. E avrebbero senz altro trovato qualcosa, ma scommetto che non riusciranno mai a spiegare come un uomo di 80 chili può trasformarsi in un lupo mannaro di 115. La scienza non tiene in considerazione la magia, esattamente come non tiene in considerazione la malvagità. La devota convinzione che il mondo sia spiegabile è una grave vulnerabilità e allo stesso tempo un solido scudo. La malvagità preferisce le persone che non credono. I vampiri, per fare un esempio non casuale, di rado vanno in giro a uccidere gente per strada. Quando si mettono in caccia, trovano qualcuno di cui nessuno sentirà la mancanza e lo por- 11

4 tano a casa loro, lo curano e lo accudiscono come una vacca al pascolo. Secondo le regole della scienza non sono permessi roghi di streghe, ordalie dell acqua o pubblici linciaggi. Come risultato, il cittadino medio rispettoso della legge non ha nulla da temere dalle cose in cui s imbatte la notte. Alle volte vorrei essere un cittadino medio. I cittadini medi non ricevono visite dai vampiri. Né si devono preoccupare di un branco di lupi mannari, per lo meno non nello stesso modo in cui devo farlo io. Uscire allo scoperto è stata una mossa coraggiosa, per i lupi mannari. Una mossa che avrebbe potuto facilmente rivelarsi uno sbaglio. Osservando la notte illuminata dalla luna, mi chiesi cosa sarebbe successo se la gente avesse ripreso ad avere paura. I lupi mannari non sono malvagi, ma neanche i pacifici e rispettosi eroi che cercavano di far credere di essere. Qualcuno bussò alla mia porta. I vampiri sono malvagi. Lo so perfettamente, ma Stefan è qualcosa di più di un vampiro. Alle volte ero abbastanza sicura che fosse mio amico, per cui non ebbi davvero paura fino a quando non aprii la porta e vidi cosa mi attendeva sulla soglia di casa. I capelli scuri del vampiro erano stati pettinati all indietro, facendo così sembrare la sua pelle molto pallida alla luce della luna. Era vestito di nero dalla testa ai piedi. Avrebbe dovuto sembrare uscito da un pessimo film su Dracula, ma in qualche modo quell insieme dallo spolverino di pelle nera ai guanti di seta su Stefan sembrava più autentico delle magliette colorate e dei jeans sporchi che indossava di solito. Era come se si fosse tolto un costume, non come se ne avesse indossato uno. Dava l impressione di essere qualcuno che avrebbe potuto uccidere facilmente come io avrei potuto cambiare una gomma, senza un pensiero e senza un rimorso. Poi il sopracciglio gli si alzò sulla fronte, e all improvviso tornò a essere quel vampiro che aveva dipinto il suo vecchio furgone Volkswagen come la Mystery Machine di Scooby Doo. «Non sembri felice di vedermi» disse con un rapido sogghigno senza mostrare i canini. Nel buio i suoi occhi 12

5 sembravano più neri che nocciola, ma lo facevano anche i miei. «Entra.» Mi allontanai dalla porta per dargli modo di farlo poi, dato che mi faceva paura, aggiunsi seccamente: «Se vuoi essere il benvenuto, prova a passare a un orario decente.» Esitò un attimo sulla soglia, poi mi sorrise e disse: «Su tuo invito.» Quindi entrò in casa mia. «Questa cosa della soglia di casa funziona veramente?» chiesi. Il suo sorriso si allargò, e questa volta vidi un luccichio bianco. «Non dopo che mi hai invitato a entrare.» Mi passò accanto e camminò fino in soggiorno, poi girò su sé stesso come un modello in passerella. A quel gesto il suo spolverino si aprì facendo l effetto di un mantello. «Come ti sembra il mio look alla Nosferatu?» Sospirai e ammisi: «Mi hai spaventata. Pensavo non ti piacessero le cose gotiche.» L avevo visto raramente indossare qualcosa di diverso da jeans e maglietta. Il suo sorriso si allargò ancora di più. «Di solito è così, ma gli abiti da Dracula hanno il loro perché. Parrà strano, ma se usati il giusto possono spaventare gli altri vampiri quasi quanto una qualunque ragazza-coyote. Non ti preoccupare, ho portato un piccolo costume anche per te.» Tirò fuori da sotto la giacca un imbracatura di cuoio con finimenti d argento. La guardai per un attimo. «Stai andando in un locale sadomaso? Non sapevo ce ne fossero, da queste parti.» Non ce n erano, non che io sapessi. La zona orientale dello stato di Washington è più austera rispetto a Seattle o Portland. Si mise a ridere. «Non stasera, tesoro. Questo è per l altra parte di te.» Fece ciondolare la bardatura per permettermi di vedere che era fatta per un cane. Gliela tolsi dalle mani. Era cuoio di prima qualità, morbido e flessibile e con così tanto argento da sembrare un gioiello. Se fossi stata completamente umana, non avrei mai preso in considerazione la possibilità di indossare una cosa del genere, ma quando si passa buona parte del tempo a correre in giro come un coyote, collari e cose simili possono essere utili. Il Marrok, il capo dei lupi mannari del Nord America, 13

6 insisteva perché tutti i lupi che correvano per le città indossassero un collare con una medaglietta che ne identificasse il padrone. Insisteva anche perché i nomi sulle medagliette fossero qualcosa di innocuo come Fred o Spot, niente Killer o Zanna. In questo modo è più sicuro, sia per i lupi mannari sia per le forze dell ordine che potrebbero incontrarli. Non c è bisogno di dire che tra i lupi mannari è una cosa popolare quanto il casco tra i motociclisti non appena divenne obbligatorio. Ma nessuno di loro si sognerebbe mai di disobbedire al Marrok. Non essendo un lupo mannaro sono dispensata dalle regole del Marrok, ma d altra parte non mi piace correre rischi inutili. Avevo un collare in un cassetto della cucina, ma non era fatto di quell ottimo cuoio nero. «Quindi sarei parte del tuo costume?» chiesi. «Diciamo che penso che questo vampiro avrà bisogno di essere intimidito un po più degli altri» disse tranquillamente, ma qualcosa nei suoi occhi mi fece capire che c era sotto qualcos altro. Medea saltò fuori dal posto in cui stava dormendo, probabilmente il letto di Samuel. Facendo le fusa in maniera rumorosa, si arrotolò attorno alla gamba sinistra di Stefan e poi strofinò il muso sul suo stivaletto per marcarlo come proprio. «Ai gatti e ai fantasmi non piacciono i vampiri» disse Stefan guardandola. «A Medea piace qualunque cosa che potrebbe darle da mangiare o potrebbe giocare con lei» gli dissi. «Non è schizzinosa.» Si piegò e la tirò su. Essere alzata da terra non è una delle cose che Medea preferisce, così gli soffiò contro un paio di volte prima di tornare a fare le fusa, dopo aver affondato le unghie nella sua costosa giacca di pelle. «Non ti stai facendo rendere il favore solo per suscitare più timore» dissi alzando lo sguardo dalla bardatura di cuoio per guardarlo negli occhi. Una cosa da non fare, con i vampiri, come mi aveva insegnato lui stesso, ma vidi solo una vaga oscurità. «Hai detto che ti serviva un testimone. Testimone di cosa?» «No, non mi servi per suscitare più timore» ammise dolcemente Stefan dopo che l ebbi fissato per alcuni secondi. 14

7 «Ma lui penserà che mi porto un coyote al guinzaglio per intimorirlo.» Esitò un istante, poi scrollò le spalle. «Questo vampiro è già stato qui, in passato, e sono convinto sia riuscito a ingannare uno dei nostri giovani. Vista la tua natura, sei immune a molti poteri dei vampiri, soprattutto se il vampiro in questione non sa quello che sei. Credendoti un coyote, probabilmente non sprecherà la sua magia su di te. È improbabile, ma potrebbe riuscire a ingannare me come ha fatto con Daniel. Non credo riuscirà a ingannare te.» Avevo appena scoperto quella piccola notiziola riguardo l essere immune alla magia dei vampiri. Non mi era particolarmente utile, perché un vampiro è abbastanza forte da spezzarmi il collo con la facilità con cui io romperei un sedano. «Non ti farà del male,» disse Stefan quando rimasi in silenzio troppo a lungo «ti do la mia parola d onore.» Non sapevo quanto fosse vecchio Stefan, ma usò quella frase come un uomo per cui volesse dire qualcosa. Alle volte lui mi rendeva difficile tenere a mente che i vampiri sono malvagi. Ma non aveva importanza, perché gli ero debitrice. «D accordo» dissi. Guardai la bardatura e pensai di usare il mio collare, invece di quella. Con un collare potevo cambiare forma, perché quando sono umana il mio collo non è più largo di quando sono coyote. Quella bardatura, invece, era adatta a un coyote di una dozzina di chili, e sarebbe stata troppo stretta per permettermi di tornare in forma umana mentre l avevo ancora indosso. Il vantaggio della bardatura, però, era che non sarei stata legata al collo. Il mio collare era di un viola vivace con dei fiorellini rosa ricamati sopra. Non molto Nosferatu. Porsi la bardatura a Stefan. «Dovrai mettermela dopo che mi sarò trasformata» gli dissi. «Torno subito.» Mutai forma in camera mia perché per farlo dovevo togliermi i vestiti. Non sono così vergognosa, un mutaforma lo supera abbastanza in fretta, ma cerco di non farmi trovare nuda davanti a qualcuno che potrebbe confondere una nudità casuale con la casualità in altre cose. Anche se Stefan possedeva almeno tre automobili di cui ero a conoscenza, a quanto sembrava per venire da me ave- 15

8 va preso la strada più veloce, come disse lui. Così prendemmo la mia Golf per andare al suo incontro. Per qualche minuto non fui sicura che sarebbe riuscito a farla partire. Quel vecchio motore diesel non amava essere svegliato così presto, al mattino, tanto quanto non lo amavo io. Stefan brontolò qualche imprecazione in italiano ma alla fine riuscì ad accenderlo, e finalmente partimmo. Mai andare in macchina con un vampiro che ha fretta. Non sapevo che la mia Golf potesse correre così veloce. Svoltammo sulla superstrada con il contagiri nella zona rossa. L auto rimase sulle quattro ruote, ma per un pelo. La Golf, in realtà, sembrò apprezzare il viaggio più di quanto non lo apprezzassi io. Quel rumore del motore che avevo cercato di sistemare per anni scomparve, e iniziò a ruggire. Chiusi gli occhi e sperai che le gomme tenessero. Quando Stefan guidò sul ponte sospeso che ci avrebbe portato nel centro di Pasco, andava a più di 60 chilometri orari oltre il limite. Senza rallentare, attraversò il quartiere industriale fino a raggiungere gli alberghi costruiti al confine della città, vicino alla rampa della superstrada che andava verso Spokane e verso il nord. Per miracolo probabilmente perché era ancora così presto non fummo fermati per eccesso di velocità. L hotel cui Stefan ci portò non era né il migliore né il peggiore del lotto. Era uno di quelli adatti ai camionisti, anche se in quel momento nel parcheggio c era un solo bestione. Forse i martedì notte erano fiacchi. Nonostante i tanti posti vuoti, Stefan posteggiò la Golf accanto all unica altra automobile nel parcheggio, una BMW nera. Scesi dall auto attraverso il finestrino aperto e fui subito colpita dagli odori di vampiro e di sangue. Il mio olfatto è molto sviluppato, soprattutto quando sono un coyote, ma come chiunque altro non faccio sempre caso a ciò che sento. Il più delle volte è come cercare di ascoltare tutte le conversazioni in una stanza affollata, ma questo era impossibile da mancare. Forse sarebbe stato sufficiente a far scappar via persino gli esseri umani, e forse era per questo che il parcheggio era vuoto. Guardai Stefan per vedere se anche lui lo sentiva, ma la 16

9 sua attenzione era concentrata sull automobile accanto a cui avevamo parcheggiato. Questo mi fece prestare attenzione all auto, e appena lo feci mi resi conto che quell odore proveniva dalla BMW. Com era possibile che quell auto odorasse di vampiro più di Stefan il vampiro? Sentii un altro odore, più sottile, amaro, che mi fece scoprire i denti nonostante non potessi dire cosa fosse. Mi avvolse appena mi arrivò al naso, oscurando tutti gli altri odori fino a che non potei sentire altro che quello. Stefan passò velocemente attorno all auto, prese il guinzaglio e lo legò con forza per zittire il mio ringhio. Feci un passo indietro e gli mostrai i denti. Non ero un maledetto cane. Avrebbe potuto chiedermi di fare silenzio. «Calmati» disse, ma non stava guardando me. Stava guardando l albergo. Allora sentii l odore di qualcos altro, l ombra di un odore che fu presto coperta da quell altro odore. Ma anche quel breve alito fu sufficiente a identificare il familiare odore della paura. La paura di Stefan. Che cosa può far paura a un vampiro? «Vieni» disse puntando verso l hotel e tirandomi in avanti, strappandomi alla mia confusione. Quando smisi di resistere al guinzaglio, mi parlò velocemente e con voce calma. «Voglio che tu non faccia niente, Mercy, qualunque cosa tu possa vedere o sentire. Non sei in grado di affrontare uno come lui. Mi serve solo un testimone imparziale che non si faccia uccidere. Quindi, comportati da coyote più che puoi e se non ne esco vivo vai a dire alla mia Signora cosa ti ho chiesto di fare e cosa hai visto.» Come poteva pensare che io sarei riuscita a sfuggire a qualcosa che poteva ucciderlo? Non aveva parlato di certe cose, prima, né aveva avuto paura. Forse poteva sentire quello che sentivo io, e sapeva cos era. Ma non potevo chiederglielo, perché un coyote non è attrezzato per il linguaggio umano. Mi guidò fino a una porta di vetro fumé. Era chiusa, ma c era una serratura elettronica con un piccolo LED rosso che brillava a intermittenza. Batté col dito sulla serratura e la luce divenne verde, come se avesse strisciato una carta magnetica lungo il bordo. La porta si aprì senza un lamento, e si chiuse alle nostre 17

10 spalle con uno scatto secco. Nel corridoio non c era niente che potesse far venire i brividi, ma mi vennero ugualmente. Probabilmente il nervosismo di Stefan aveva effetto anche su di me. Che cosa può far paura a un vampiro? Da qualche parte, qualcuno sbatté una porta, facendomi sobbalzare. O sapeva dov era il vampiro, oppure il suo olfatto non era ostacolato da quell altro odore come lo era il mio. Mi portò rapidamente lungo il corridoio e si fermò più o meno a metà. Bussò, anche se io, e quindi presumibilmente anche Stefan, avevo sentito che chiunque ci stesse aspettando all interno si era avvicinato alla porta non appena c eravamo fermati. Dopo tutta la tensione che si era accumulata, il vampiro che ci aprì la porta fu quasi una delusione, come se ci si aspettasse di sentire Pavarotti cantare Wagner e si finisca con Bugs Bunny e Taddeo. Quel nuovo vampiro era ben rasato e aveva i capelli tirati indietro in un ordinato codino. I suoi abiti erano puliti e ordinati anche se un po spiegazzati, come se fossero stati in una valigia, ma in qualche modo l impressione generale che dava era sporca e arruffata. Era molto più basso di Stefan e molto meno impressionante. Primo punto per Stefan, che era una bella cosa vista tutta la fatica che aveva fatto per costruirsi il suo look da Principe delle Tenebre. La camicia pesante e con le maniche lunghe che lo straniero indossava cadeva come se fosse indosso a uno scheletro invece che a della carne. Quando si mosse una manica si alzò, rivelando un braccio così emaciato che era visibile il vuoto tra le due ossa dell avambraccio. Aveva una postura leggermente ingobbita, come se non avesse la forza di rimanere dritto. Avevo già incontrato altri vampiri oltre a Stefan, terrificanti vampiri con occhi brillanti e zanne al posto dei denti. Questo sembrava un tossico talmente fatto da non avere più niente in comune con la persona che era stato, come se potesse svanire da un momento all altro lasciandosi dietro solo il corpo. Stefan però non si sentì rassicurato dall apparente fragilità dell altro. Anzi, semmai la sua tensione aumentò. Non essere in grado di sentire nulla se non quello spiacevole odore amaro così persistente mi dava fastidio, più della pre- 18

11 senza di quel vampiro che non sembrava proprio essere un grande avversario. «La notizia del tuo arrivo è giunta alla mia Signora» disse Stefan con voce sicura anche se un po più rotta del solito. «È molto dispiaciuta che tu non abbia ritenuto di doverla avvisare che avresti visitato il suo territorio.» «Entra, entra» disse l altro vampiro, allontanandosi dalla porta per permettere a Stefan di farlo. «Non c è bisogno di rimanere in corridoio a svegliare la gente che cerca di dormire.» Non potevo dire se sapesse che Stefan era spaventato o no, non ho mai capito esattamente quanto bene i vampiri sentano gli odori, per quanto abbiano un olfatto più sviluppato di quello degli esseri umani. Non sembrava intimorito da Stefan e dai suoi abiti neri, comunque. Piuttosto, sembrò distratto, come se avessimo interrotto qualcosa d importante. La porta del bagno venne chiusa mentre ci passavamo davanti. Tesi le orecchie, ma non riuscii a sentire nessun rumore provenire dall altra parte di quella porta chiusa. Il mio naso era inutile. Stefan mi portò all altro lato della stanza, vicino a una porta a vetri scorrevole quasi completamente coperta dalle pesanti tende che andavano dal soffitto al pavimento. La stanza era spoglia e impersonale, tranne per una valigia chiusa poggiata su un cassettone. Stefan attese finché l altro vampiro ebbe chiuso la porta prima di dire con voce fredda: «Non c è nessuno che cerca di dormire in questo albergo, stanotte.» Sembrò uno strano appunto, ma lo straniero diede l impressione di sapere a cosa Stefan si riferisse, perché fece una risatina coprendosi la bocca con una mano in un modo che pareva più appropriato a una ragazzina di dodici anni che non a un uomo di qualunque età. Fu una cosa talmente strana che mi ci volle un attimo per afferrare ciò che Stefan aveva detto. Di sicuro non voleva dire quello che sembrava aver detto. Nessun vampiro sano di mente avrebbe ucciso tutti gli ospiti di un albergo. I vampiri erano spietati quanto i lupi mannari nel far rispettare le proprie regole, che richiedevano di non attirare l attenzione. E un massacro di esseri umani avrebbe attirato l attenzione. Anche se non ci fossero sta- 19

12 ti molti ospiti, ci sarebbero comunque stati gli impiegati dell albergo. Il vampiro tolse la mano, mostrando una faccia per nulla divertita. Non mi fece sentire per niente meglio. Era come guardare il dottor Jekyll e mister Hyde, da tanto era grande la trasformazione. «Nessuno da svegliare?» chiese come se quella fosse la sua prima reazione alle parole di Stefan. «Potresti avere ragione, ma è comunque cattiva educazione lasciare qualcuno ad aspettare sulla porta, no? Quale dei suoi schiavi sei, tu?» Alzò una mano. «No, aspetta, non me lo dire. Lasciami indovinare.» Mentre Stefan attese, con la sua tipica animazione completamente spenta, lo straniero gli girò intorno, fermandosi esattamente alle nostre spalle. Senza alcuna costrizione tranne il guinzaglio, mi voltai a guardarlo. Quando fu direttamente dietro Stefan, l altro vampiro si abbassò e mi grattò dietro le orecchie. Di solito non mi dà fastidio essere toccata, ma non appena le sue dita accarezzarono il mio pelo capii di non voler essere toccata da lui. Mi allontanai involontariamente dalla sua mano, verso la gamba di Stefan. La mia pelliccia teneva la sua pelle lontana dalla mia, ma non fu sufficiente a evitare che quel tocco mi sembrasse sporco, sudicio. Il suo odore mi rimase appiccicato al pelo, e capii che quella puzza sgradevole che mi riempiva il naso arrivava da lui. «Attento,» disse Stefan senza guardarsi attorno «morde.» «Gli animali mi amano.» Quel commento mi fece accapponare la pelle, da tanto sembrò inappropriato detto da quel... mostro orrendo. Si accovacciò e mi grattò di nuovo dietro le orecchie. Non sapevo se Stefan volesse che lo mordessi oppure no. Decisi di non farlo, perché non volevo il suo sapore sulla mia lingua. L avrei sempre potuto mordere dopo, se avessi voluto. Stefan non fece commenti, né guardò da nessuna parte che non fosse direttamente davanti a sé. Mi chiesi se voltandosi avesse perso credibilità. Anche i lupi mannari fanno giochi di potere, ma io ne conosco le regole. Un lupo mannaro non avrebbe mai lasciato che un lupo sconosciuto gli camminasse alle spalle. 20

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

LEGGERE ATTENTAMENTE IL BRANO E RISPONDERE ALLE DOMANDE CHE SEGUONO: - Il dottor Bianco - Da: Il paese dei bambini che sorridono

LEGGERE ATTENTAMENTE IL BRANO E RISPONDERE ALLE DOMANDE CHE SEGUONO: - Il dottor Bianco - Da: Il paese dei bambini che sorridono SEZIONE A LEGGERE ATTENTAMENTE IL BRANO E RISPONDERE ALLE DOMANDE CHE SEGUONO: - Il dottor Bianco - Da: Il paese dei bambini che sorridono Era un mattino freddo e piovoso. Il dottor Bianco entrò di corsa

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Maggie Stiefvater. Il ritorno dei Lupi di Mercy Falls. Traduzione di Cristina Proto

Maggie Stiefvater. Il ritorno dei Lupi di Mercy Falls. Traduzione di Cristina Proto Maggie Stiefvater Il ritorno dei Lupi di Mercy Falls Traduzione di Cristina Proto Titolo originale: Sinner 2014 Maggie Stiefvater Pubblicato in accordo con Scholastic Inc., 557 Broadway, New York, NY 10012,

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela

Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela - osservare consapevolmente i fenomeni e le cose di ogni giorno - raccontare

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE

Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE L amore nell amore Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo Rimola Tutti i diritti riservati L amore è: passione, possessione, ossessione, liberazione

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA?

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? Mi fa pensare all'oscurità, perchè l'ombra è oscura, nera e paurosa. Penso ad un bambino che non ha paura della sua ombra perchè è la sua. Mi fa venire in

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Elisa Fabemoli LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Ovvero come sensibilizzare genitori, insegnanti, educatori e bambini su un problema che tormenta i pensieri dentro e sopra le nostre teste 1 In una scuola

Dettagli

Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista.

Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista. Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista. 1 2 A me non piaceva andare in classe, perché non capivo che cosa si doveva fare: vedevo i bambini

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli