Non ti perdono. di Chris Madison

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Non ti perdono. di Chris Madison"

Transcript

1

2 IL ROMANZO Scrivere di viaggi e mete esotiche è il grande sogno della giornalista americana Julie Cooper. La testata londinese Travel Mag la spedisce invece in crociera lungo le desolate coste scozzesi insieme ad altri undici passeggeri. La noia del viaggio cede però presto il passo all inquietudine per l omicidio del brillante uomo d affari Jonathan Westwood. La crociera viene sospesa, tutti i partecipanti vengono ritenuti sospettati e trattenuti in un hotel sulla costa, dove Julie inizia subito a cercare di capire cosa possa essere accaduto. Quando l ispettore Ashford-Tompkins raggiunge l hotel per condurre le indagini, rifiuta l aiuto di Julie Cooper: ben presto, però, si troverà a un punto morto. Tutti hanno un alibi, nessuno un movente. Chi è l assassino? Quale la pista da seguire? Di chi fidarsi? L AUTRICE Dopo anni come responsabile delle relazioni internazionali di un associazione non-profit, Chris Madison ha lasciato il suo lavoro per dedicarsi alla gestione di una piccola azienda a conduzione famigliare. Vive nell Italia del Nord e passa il suo tempo libero tra gli Stati Uniti e l Inghilterra. Non ti perdono è il suo primo romanzo.

3 Non ti perdono di Chris Madison

4 2014 Libromania S.r.l. Via Giovanni da Verrazzano 15, Novara (NO) ISBN Prima edizione ebook ottobre 2014 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo volume può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma o con alcun mezzo elettronico, meccanico, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell Editore. Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e sito web L Editore dichiara la propria disponibilità a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione. Progetto grafico di copertina e realizzazione digitale NetPhilo S.r.l. Qualsiasi riferimento a fatti o persone reali è puramente casuale e indipendente dalla volontà dell autore.

5 Non ti perdono

6 Prologo Quasi non si accorse dei passi regolari che si avvicinavano lungo il sentiero. Si voltò di scatto, ancora assorto nei suoi pensieri, pensando che lui lo avesse seguito per chiarire le cose e per spiegargli che era stato tutto un malinteso. Ma si era sbagliato, non si trattava affatto di lui. Avrebbe dovuto saperlo: non era stato un errore, ma una scelta calcolata in ogni minimo dettaglio. Sei tu gli disse senza nemmeno salutarlo. Mi hai quasi spaventato. Le mani avevano iniziato a sudargli, nonostante non facesse affatto caldo. Non era da lui. L altro non gli rispose subito. Si limitò a sorridere. Ti ho spaventato? gli chiese, scuotendo la testa. Dopo tutti questi anni...? Di cosa stava parlando? Era impazzito? Avrebbe voluto chiederglielo, ma non riuscì a formulare nessuna domanda. Cos è? Sei rimasto senza parole? L altro non sorrideva più. Lo osservava con una strana espressione negli occhi. Stai facendo finta di non sapere niente? Di cosa stai parlando? gli chiese. Il suono della sua stessa voce lo fece trasalire. Era paura quella che sentiva? L uomo si avvicinò di qualche passo, facendolo indietreggiare sul sentiero sterrato. Pronunciò due sole parole. Un nome e un cognome. Non gli servì altro per capire di chi si trattava. La consapevolezza lo colpì in pieno volto, come uno schiaffo a mano aperta. Adesso hai capito? Non poteva essere vero. Lo aveva sempre saputo, ma aveva scelto di ignorare la questione. Un turbine di pensieri confusi gli affollò la mente. Cosa ci faceva lì? Com era possibile? Era un caso o lo aveva fatto di proposito? Cosa voleva da lui? Vuoi dei soldi? Forse avrebbe potuto dargli del denaro. Nella sua vita aveva sempre risolto tutto in quel modo. Gli avrebbe fatto un assegno con

7 molti zeri per metterlo a tacere, per farlo tornare da dove era venuto. L altro scoppiò a ridere. Dei soldi? E cosa me ne faccio dei tuoi soldi? Scrollò le spalle. Oltre al denaro, non gli veniva in mente altro. La situazione lo stava mettendo fortemente a disagio. Doveva concludere la faccenda in fretta, limitando i danni. Cosa vuoi da me allora? L uomo di fronte a lui alzò le mani al cielo, come se non avesse una risposta. Quello che voglio, gli disse, avvicinandosi di qualche passo, sono delle spiegazioni. O almeno delle scuse per tutto quello che non ho avuto, e per tutto quello che non hai fatto. Non sapeva cosa dire. Se non voleva dei soldi tanto peggio per lui. Non aveva altro da offrirgli. Glielo disse. Temo che la tua proposta non mi interessi. No, no, no rispose l altro scuotendo la testa, avvicinandosi ancora. Sentì lo stomaco contorcersi dalla rabbia. Non me ne frega un cazzo di te, ho problemi ben più grossi da risolvere. Senza rendersene conto gli raccontò quello che aveva scoperto solo il giorno prima. Si maledisse per averlo fatto, e decise di provare a risolvere la situazione una volta per tutte. Ascoltami, facciamo finta che questa conversazione non sia mai avvenuta. Io continuo per la mia strada e tu per la tua, ok? E si voltò, senza nemmeno aspettare la sua risposta. Riprese a camminare lungo il sentiero, sperando che l altro non lo seguisse. Sentì dei rumori alle sue spalle, e fu soddisfatto. Anche quel problema era risolto. Sorrise, e un istante dopo si accorse di aver perso l equilibrio. Non riuscì ad attutire la caduta con le mani, e si trovò a terra. Solo in quel momento si rese conto del dolore alla testa. Provò ad alzarsi, ma fu inutile. Sperò che l altro non se ne fosse andato, e che lo aiutasse a rimettersi in piedi. Quando lo sentì avvicinarsi, tirò un sospiro di sollievo. Grazie al cielo, sei qui. Aiutami ad alzarmi. Adesso vorresti il mio aiuto, eh? Ma cosa aveva in mano? Una pietra? Mi hai colpito? Parlare gli costò una fatica immensa, come se le parole si rifiutassero di uscire dalle labbra. L altro non si degnò nemmeno di rispondergli. Lo vide salirgli a cavalcioni, sentì il suo peso sul torace, e le sue mani che si stringevano intorno al collo. Provò a liberarsi, ma l altro era troppo forte e lo sovrastava. La vista stava iniziando ad annebbiarsi, e poco alla volta ebbe la sensazione di aver perso la

8 sensibilità alle mani e alle gambe. Smise di lottare. Chiudere gli occhi era più facile, gli costava meno fatica. Forse solo così sarebbe riuscito a cavarsela. Io non ti perdono... sibilò l uomo. Era talmente vicino che sentì il suo fiato caldo sul collo. Provò a rispondergli, ma perse conoscenza. Quando riaprì gli occhi era da solo. L altro era sparito. Dopo tutto non lo aveva ucciso. Provò a girare la testa per guardarsi intorno, ma era troppo faticoso. Tentò di urlare, ma dalla sua bocca uscì solo un sussurro. Cercò di muovere un braccio, e con una fatica immensa riuscì a prendere il cellulare dalla tasca esterna della giacca. La mano gli tremava, e sperò con tutto il cuore che il telefono non gli cadesse. Se fosse finito a terra non avrebbe mai avuto la forza di riprenderlo. Lo avvicinò agli occhi ma aveva la vista appannata. Il dolore al torace si era acuito: era come se un masso lo stesse schiacciando. Premette i tasti e raccolse tutte le forze per chiedere aiuto. Era sicuro che lui avrebbe capito e che lo avrebbe aiutato. Chiuse gli occhi, e sentì le lacrime calde che gli rigavano le guance. Ora poteva riposarsi un po. Tra poco sarebbero arrivati a soccorrerlo e tutto sarebbe finito.

9 Capitolo 1 Mercoledì 11 settembre 2013 Il viaggio non era ancora iniziato e già sentiva la stanchezza addosso, pesante come la nebbia che scendeva dalle colline verso il porto di Fort Douglas. Cercò di convincersi che in fondo non era solo lavoro, ma più che altro una vacanza. E per di più era pagata per scrivere un articolo in cui avrebbe dovuto convincere i lettori del Travel Mag che una settimana in crociera nelle Highlands scozzesi era il regalo migliore che potessero farsi. La sala d attesa del porto era quasi deserta di mercoledì pomeriggio, e mancava ancora un ora all imbarco. Avrebbe potuto aspettare in un bar in centro, oppure andare all ufficio turistico di Fort Douglas e raccogliere informazioni sul luogo di partenza della crociera. Crociera era una parola grossa: la Arbroath Pride non era nemmeno una vera nave da quello che aveva capito, ma più che altro un battello che avrebbe dovuto trasportare i passeggeri durante il giorno da un porto all altro, per scaricarli poi alla sera in qualche albergo isolato dove avrebbero passato la notte. Già si immaginava la noia mortale: ore e ore di navigazione ogni giorno senza niente da fare se non guardare il paesaggio dal ponte del battello, e aspettare di attraccare in qualche villaggio deserto. Magari ci sarà un bar a bordo, e la connessione a internet, pensò. Così avrebbe potuto lavorare a un paio di recensioni di ristoranti da inviare in redazione. Chissà come sarebbero stati i suoi compagni di viaggio. Probabilmente coppie di anziani alla ricerca di qualche emozione nel selvaggio nord scozzese. Una prospettiva tutt altro che allettante: aveva davanti una settimana intera in compagnia di un manipolo di appassionati di bridge e di gossip sulla famiglia reale. Non aveva fatto altro che pensarci da quando era scesa dal letto quel mattino alle cinque. Era stata un idea di Paul, il suo capo redattore. Un bell articolo per il numero di novembre sulle bellezze della

10 Scozia. E secondo Paul, lei era la persona migliore per scriverlo. Essendo americana, avrebbe avuto un approccio diverso da quello dei colleghi inglesi, e sarebbe stata in grado di invogliare altra gente a intraprendere lo stesso viaggio. L inizio non era stato dei migliori. La sveglia all alba, la corsa dal suo appartamento in Neal Street, l inutile ricerca di un taxi su Long Acre. Avrebbe dovuto pensarci la sera prima e prenotarne uno. Ormai viveva a Londra da quattro anni e avrebbe dovuto sapere che era improbabile o addirittura impossibile trovare un taxi alle cinque e mezza di mercoledì mattina a metà settembre. Intanto l umidità dell aria le si era già incollata ai capelli e al soprabito, e la prospettiva di prendere la metropolitana a Covent Garden non aveva contribuito a migliorare il suo umore. Da Victoria Station aveva preso il treno fino all aeroporto di Gatwick, e qui finalmente si era imbarcata sul volo per Edimburgo. Si trattava di un volo breve, poco più di un ora, ma finalmente aveva potuto chiudere gli occhi e dormire un po nell atmosfera ovattata dell aereo. Le era sempre piaciuto volare, così come aveva sempre amato gli aeroporti. Avevano un qualcosa di esotico a modo loro, e le davano la sensazione che tutto fosse possibile. Ma non questa volta. Fece un rapido calcolo e si guardò intorno nella sala d aspetto del porto: il suo viaggio era durato quasi otto ore, contando anche il tragitto in bus dall aeroporto di Edimburgo alla Waverley Station, e le oltre tre ore in treno fino a Fort Douglas. Non aveva neanche cambiato paese, eppure si sentiva stanca come dopo un volo intercontinentale. Tutta quella fatica per trovarsi in una sala d aspetto grande come un bar, con le pareti arancioni, la moquette per terra, e una decina di sedie sdrucite. I lettori del Travel Mag non sarebbero stati certo allettati da una prospettiva del genere. Avrebbe dovuto pensare a qualcosa per rendere il racconto del viaggio da Londra a Fort Douglas come l inizio di un avventura unica. O forse avrebbe dovuto scrivere la verità. Andate in crociera nei Caraibi. O nel Mediterraneo, dove organizzano delle vacanze vere, lontane da quella uggiosa giornata di settembre che, per fortuna, tra qualche ora sarebbe finita. Per far passare il tempo iniziò a osservare le uniche tre persone che erano entrate nella sala d attesa: una giovane coppia di australiani, e un uomo sulla sessantina con una grossa macchina fotografica al collo. Chissà, forse un vedovo. O uno psicopatico alla ricerca di qualche vittima. Senza quasi rendersene conto, aveva ricominciato con la solita abitudine che prendeva il sopravvento quando si annoiava: osservava le persone intorno a lei, ascoltava pezzi delle loro conversazioni e immaginava le loro storie. Era un espediente che aveva perfezionato nel corso degli anni, quando viaggiava da sola per

11 lavoro. Una cena da quattro portate può essere interminabile senza una persona con cui parlare, e lei non era certo il tipo da fare amicizia con i vicini di tavolo. Era molto meglio immaginare cose improbabili, inventandosi delle storie basandosi su stralci di conversazioni sussurrate. L uomo con la macchina fotografica si era allontanato per rispondere al telefono, passandosi una mano sui capelli radi. Non era inglese, probabilmente svedese, o norvegese. Non riuscì a capire nulla, ma rimase affascinata dalla cadenza cantilenante della lingua e dal suono aspirato ogni volta che l uomo pronunciava la parola ja. Aveva l aspetto triste, ma gli occhi rivelavano una curiosità particolare. Forse non era uno psicopatico dopotutto. Perché viaggiava da solo? Per quale motivo era partito da Stoccolma, da Oslo o da Bergen, per venire in un posto sperduto come quello? Forse era troppo noioso per avere degli amici o una moglie con cui andare in vacanza. L uomo si voltò verso le vetrate che davano sul porto, senza smettere di cantilenare al cellulare. Inutile immaginare la sua storia. Del resto poteva essere uno dei suoi compagni di viaggio, e in tal caso avrebbe avuto una settimana di tempo per capire quale motivo lo avesse portato a Fort Douglas. Forse era meglio concentrarsi sulla coppia australiana: almeno parlavano la sua lingua, erano giovani, e forse anche simpatici. Lei era bionda e formosa, non in maniera provocante, ma piuttosto in quel modo tipico delle ragazze di campagna abituate alla vita all aria aperta. Forse veniva dall outback australiano e aveva una fattoria dove allevava capre e produceva formaggio. E lui sicuramente era un surfista di By ron Bay : alto, biondo e abbronzato, proprio quello che ci si aspetta da un australiano. Sicuramente si erano conosciuti all università, dove lei studiava agraria e lui veterinaria. Basta. Doveva smetterla. Aveva poco più di trent anni ma se fosse andata avanti così, nel giro di qualche anno sarebbe diventata una zitella ficcanaso. In fondo non c era niente di male a essere ficcanaso, fintantoché la cosa non faceva male a nessuno. Si limitava a osservare i fatti e a trarre delle conclusioni plausibili. Sicuramente i due australiani erano in viaggio di nozze. Lo capì dalle fedi scintillanti, lucide, e dalle altrettanto scintillanti occhiate che si lanciavano. Erano lì da al massimo tre quarti d ora e non avevano smesso un attimo di tenersi per mano e di sussurrare l uno nell orecchio dell altra. Magari anche loro stavano passando il tempo come lei, immaginando storie fantasiose sul nordico solitario, e facendosi gli affari degli altri. È libero? La voce di fianco a lei la riportò alla triste sala d aspetto. Prego, non c è nessuno. Controvoglia tolse la sua borsa di cuoio scuro

12 dalla sedia accanto. Americana anche tu? Fece un cenno di assenso con la testa, senza voltarsi, fingendo di leggere le sul suo iphone. Speriamo che questo non abbia voglia di parlare. Spesso aveva notato come gli americani avessero sempre un impulso sfrenato a fare amicizia con i connazionali all estero. Soprattutto in Europa. Forse perché speravano di vivere un avventura romantica indimenticabile, di trovare l uomo o la donna dei loro sogni e di iniziare una nuova vita nel Vecchio Continente. Si domandò se questo non fosse proprio quello che era successo a lei, anche se a dire la verità non era partita per l Europa alla ricerca dell amore. L aveva trovato a casa, a Seattle, e insieme si erano trasferiti a Londra con l idea di costruire un futuro insieme. Ma non aveva voglia di pensare a Sam proprio ora. Ormai era passato del tempo, e per di più era già abbastanza di cattivo umore. Anche io sono americano. Ma questo lo hai già capito. E forse avresti dovuto capire che non mi interessa, pensò Julie. Mi chiamo Alex. Alex Taylor. Sarebbe stato poco carino rifiutare la mano tesa di fianco a lei, così si voltò, senza troppo slancio, e ricambiò la stretta di mano. Julie Cooper. Piacere. Incrociò il suo sguardo, e registrò gli occhi scuri, la pelle abbronzata e i capelli castani spettinati. Ebbe la tentazione di dirgli che nonostante sembrasse simpatico, non gliene importava niente di chi fosse, cosa facesse e dove andasse, ma optò per qualcosa di più neutrale. Scusami, sono troppo stanca per fare conversazione. Ho bisogno di provare a dormire per un po. E senza aggiungere altro mise il cellulare nella borsa, usò la sciarpa come cuscino tra la testa e lo schienale della sedia, e chiuse gli occhi. Alex rimase senza parole davanti alla maleducazione dell americana. Voleva fare solo un po di conversazione aspettando che la Arbroath Pride salpasse. Non ci vedeva niente di male. E ora la sua vicina di sedia era voltata dall altra parte, la coda di capelli castani scomposta e il collo piegato in una posizione innaturale. Si aspettava un minimo di calore, di simpatia. Quali sono le possibilità di trovare un altro americano al porto di Fort Douglas in un pomeriggio di settembre? Entrambi sembravano soli, per cui avrebbero almeno potuto provare a scambiare qualche parola. Non che sperasse di fare amicizia così su due piedi, e meno che mai era alla ricerca di un avventura. Per la prima volta da mesi era lontano da casa e aveva sognato quella

13 vacanza da molto tempo. Era esausto, e quella crociera in Scozia era stata l unico obiettivo che gli aveva permesso di andare avanti. Era stata la sua stella polare al mattino quando si alzava nel suo appartamento di Brooklyn, durante il viaggio in metropolitana verso Bleecker Street, nelle lunghe giornate passate al lavoro, fino a quando la notte quasi crollava sulla linea F. Adesso finalmente era in Scozia, e il suo sogno stava per iniziare. Sarebbe stata una settimana fantastica, come l aveva immaginata da mesi. Avrebbe conosciuto gente simpatica a bordo del battello, e avrebbe visto posti favolosi. Doveva essersi addormentato anche lui, perché il suono di un campanello nella sala d aspetto lo fece sussultare. Alex si stiracchiò prima di alzarsi, e raccolse il grosso zaino da trekking. Il ragazzone biondo e abbronzato aiutò la bella ragazza che era di fianco a lui ad alzarsi dalla sedia, e poco alla volta il gruppo formato da una dozzina di persone iniziò a recuperare borse, borsoni, trolley, giacche e cappelli e ad avviarsi verso la porta che conduceva al molo. Si avvisano i signori passeggeri che la Arbroath Pride è pronta per l imbarco. Il capitano e l equipaggio prevedono di salpare entro venti minuti. Siete pregati di mostrare la vostra carta di imbarco all addetto al pontile B. Nel frattempo l americana era sparita. Peccato, non gli sarebbe dispiaciuto avere un amica durante il viaggio, qualcuno con cui parlare del più e del meno. Sbadigliò rumorosamente e si sistemò in spalla il grosso zaino, mettendosi in coda dietro al gruppo di passeggeri che come lui erano in attesa di salire a bordo. Carta d imbarco in mano, sorrise al ragazzo che controllava l accesso al molo. Sembrava avere poco più di diciotto anni. Cristo, speriamo che non sia il capitano della nostra nave. Si immaginava qualcuno con più esperienza, il classico capitano con la barba bianca e la pancia morbida dovuta alle ore passate dietro al timone con una tazza di tè e un vassoio di scones, o qualcosa del genere. Uscendo dalla porta che conduceva al molo, per poco non si scontrò con la sua non-amica Julie. Attenzione, blocchi il passaggio. Non ne aveva intenzione, ma suonò più scortese di quanto volesse. Scusa. Questa volta la ragazza abbozzò un sorriso. Si era sistemata meglio la coda di cavallo e sembrava quasi meno antipatica. Sembra che dovremmo sopportarci per una settimana disse Alex sorridendo. Già, sembra di sì. Scusa per prima... ma sono stanca e ho bisogno di un caffè. Si avviarono verso il molo, lui con lo zaino in spalla e lei facendo scorrere

14 rumorosamente il trolley sul legno consumato del molo, senza parlare. Ho letto su internet che c è un bar a bordo. Potrei offrirti un caffè se ti va, per farmi perdonare. Lei lo guardò con sospetto. Perdonare di cosa? Sono stato invadente prima. Volevi stare per conto tuo. Ok. Ok? Ok nel senso di sì, sei stato invadente, o sì, accetto il caffè? Decise di non pensarci troppo. Di dove sei? Sei di nuovo invadente. Guardandola di profilo gli sembrò di vederla sorridere. Sono invadente. E non conosco nessuno qui. Pensavo che potessimo fare amicizia. Non cerco amici. Sono qui per lavorare disse Julie sollevando il trolley per la maniglia, precedendolo sulla passerella di ferro che portava finalmente alla Arbroath Pride. Vorrei solo un po di compagnia, parlare con qualcuno che capisca la mia lingua. Ci sono tante persone qui che capiscono la nostra lingua gli fece notare. Sì una decina tra australiani, inglesi, norvegesi o svedesi, chi li capisce questi quando parlano tra di loro... Dodici lo interruppe lei. Dodici cosa? Dodici passeggeri. Due coppie di inglesi in pensione, una coppia di australiani in luna di miele, altri due americani, uno svedese o norvegese, un inglese terrorizzato all idea di salire su una nave. E noi due. Fa dodici. Più l equipaggio. Come faceva a sapere tutte quelle cose? Non aveva detto di voler dormire quando lui aveva provato a iniziare una conversazione con lei? Lavori per la CIA? No, per una rivista. Lui la guardò con aria interrogativa. Osservo le persone e mi ricordo i particolari continuò Julie. Non era poi così male dopo tutto, poteva anche essere divertente passare del tempo con lei. Finalmente erano saliti a bordo. L aria nella sala d aspetto del porto di Fort Douglas era stantia, e aveva sperato di potersi imbarcare il più in fretta

15 possibile. Era arrivato con largo anticipo rispetto all orario di partenza, ma era abituato così. Non gli piaceva farsi aspettare ed essere costretto a fare le cose di corsa, come aveva fatto quell inglese dall aria insolita. Erik Larssen lo aveva visto entrare per ultimo, in fretta e furia, aprendo con impeto la porta della sala d attesa del porto. Non si poteva fare a meno di notarlo: aveva un abbigliamento bizzarro, soprattutto considerando che dovevano affrontare una crociera lungo la costa scozzese, e non un viaggio nella metropolitana di Londra. Quando aveva preparato la valigia la sera prima nella sua casa di Stavanger, Erik aveva scelto con cura quali capi portare con sé. Aveva optato per un abbigliamento comodo e sportivo, adatto alle lunghe camminate e al clima umido. L inglese ritardatario non doveva essere stato così previdente. Ma del resto gli inglesi ci tengono alla forma, e forse quell uomo non voleva rinunciare al suo stile nemmeno in crociera. Aveva osservato attentamente anche gli altri passeggeri, ma nessuno di loro si era mostrato interessato a lui. Sperava soltanto di non dover passare la maggior parte della vacanza da solo, a trafficare con la sua macchina fotografica. Come durante la sua ultima crociera, l estate precedente, insieme a Ingebjørg. Lei amava scherzare sul fatto che quando erano insieme sembrava prestare più attenzione alla sua macchina fotografica che a lei. L anno prima erano partiti da Bergen, imbarcandosi sull Hurtigruten, uno dei vecchi battelli delle poste norvegesi utilizzati come navi da crociera. Prima di imbarcarsi avevano trascorso la giornata in città passeggiando tra le vie del Bryggen, l antico quartiere anseatico. A fine mattinata avevano preso la funicolare che portava al monte Fløyen, e Inge aveva insistito per pranzare nel ristorante che a lui era sembrato troppo pretenzioso. Senza aspettarlo, era entrata, e dopo nemmeno cinque minuti erano stati accompagnati a un tavolo con una vista mozzafiato sul fiordo. Il conto era stato piuttosto salato, ma ne era valsa la pena. Quello era stato l inizio della loro ultima vacanza insieme. Un paio di mesi dopo il loro rientro, Inge aveva fatto vacillare tutte le sue certezze. Altre coppie di loro conoscenti si erano trovati nella stessa situazione, ma fino ad allora aveva sempre pensato che fosse una cosa che succedeva ad altre persone. Lei gliene aveva parlato una sera a cena, comunicandogli la notizia senza battere ciglio. C è una cosa che ti devo dire aveva esordito Inge sorridendo con dolcezza, come era solita fare. Lui aveva annuito, invitandola ad andare avanti, e continuando a mescolare la zuppa nel piatto. Non ci sono mai le parole giuste per dirlo... E per me è molto difficile affrontare l argomento, ma non ce la faccio più a nasconderti la verità.

16 A malapena era riuscito a chiederle di cosa si trattasse, continuando a tenere gli occhi fissi sul piatto. E lei glielo aveva detto, senza tanti giri di parole. Erik aveva deglutito, poi aveva espirato a fondo. Da quanto tempo? le aveva chiesto. Lei era stata in silenzio per un po, poi si era alzata per risciacquare le pentole nel lavandino. Da qualche mese. Non si era nemmeno voltata per guardarlo negli occhi, così si era ritrovato a fissare la schiena di Inge, avvolta in un vecchio cardigan. Si era sentito mancare la terra da sotto i piedi, all istante, e si era alzato da tavola senza rivolgerle la parola. Quella sera non se l era sentita di dormire accanto a Inge, e aveva preferito il divano del salotto al loro letto matrimoniale. Non aveva chiuso occhio tutta la notte, e non aveva fatto altro che ripensare alle parole di sua moglie. La rabbia era sopraggiunta immediatamente: prima nei confronti di Inge, poi verso sé stesso, per non essersi accorto di niente. E alla fine la rabbia aveva lasciato posto alla tristezza. Poco alla volta aveva iniziato a sentire la mancanza di Inge, di come era prima. Un tempo lo prendeva continuamente in giro per le sue abitudini maniacali: per come sistemasse le confezioni di conserve nella dispensa, dalla più grande alla più piccola, per come allineasse le ciabatte di fianco al letto prima di andare a dormire. In un paio di occasioni avevano parlato di come affrontare la situazione, ma a entrambi era sembrato impossibile trovare una soluzione. In realtà Inge aveva le idee molto chiare sul da farsi, ma lui non era riuscito a rassegnarsi. Fare come aveva suggerito lei significava perderla per sempre, e rinunciare a tutto quello che avevano costruito insieme. Per un paio di mesi né Inge né Erik erano tornati sull argomento, fino a quando all improvviso aveva capito cosa fare. Ci aveva pensato tutta la notte, senza riuscire a prendere sonno. Il giorno successivo aveva studiato tutto nei minimi dettagli: aveva trovato diversi siti internet, e addirittura dei forum di discussione. All inizio il pensiero gli aveva fatto accapponare la pelle, al punto che due o tre volte aveva chiuso il browser e si era spostato dalla scrivania, come a volersi allontanare fisicamente dall idea. Ma poco alla volta si era lasciato convincere, trascorrendo sempre più ore soprattutto di notte, di modo che Inge non se ne accorgesse a leggere le storie di chi lo aveva già fatto. Si era registrato su un forum, ed era riuscito a scoprire come procurarsi tutto l occorrente. Era stato necessario andare fino a Oslo, ma tutto era andato secondo i piani. Gli era quasi venuto un infarto prima della partenza per paura di essere fermato dalla polizia per le strade della capitale, oppure durante il lungo viaggio in treno. Ma ce l aveva fatta, ed era tornato a casa a Stavanger. La

17 sera stessa non aveva fatto nulla: aveva preparato una cena leggera, e poi aveva messo l acqua nel bollitore per le due tisane, una per lui e una per Inge. Per un momento aveva dubitato della sua forza di volontà, ma poi aveva guardato sua moglie e aveva fatto quello che doveva fare. Non se ne era pentito, nemmeno per un attimo. Da quella sera, Erik era diventato un uomo solo, e lo sarebbe rimasto per il resto della sua vita. Il vociare degli altri passeggeri della Arbroath Pride gli fece tornare in mente che quella era la prima vacanza da quando Inge non c era più. La sua vita era cambiata, non c era modo di tornare indietro, e quella crociera era il primo passo verso la normalità. Prese posto a uno dei tavolini, avendo cura di sistemare il suo trolley sotto la sedia in modo che fosse ben allineato ai riquadri della moquette che rivestiva il pavimento. Nella sala da pranzo della Arbroath Pride erano al riparo dalla pioggia battente e dal vento che sferzava la pelle. L americano aveva ragione, c era un bar. Julie decise di ordinare subito un caffè bollente, e magari anche qualcosa da mangiare. Le sembrò che Alex volesse dire qualcosa, ma il capitano batté le mani due volte per richiamare l attenzione dei dodici passeggeri. Il più strambo era senza dubbio l inglese arrivato per ultimo. Con la sua ventiquattrore di pelle e il suo impermeabile beige macchiato dalla pioggia, sembrava appena uscito da una banca della City. Forse aveva sbagliato treno e anziché scendere a Hackney o in qualche altro sobborgo di Londra si era ritrovato per errore al porto di Fort Douglas. Perché sicuramente era nervoso e incazzato nero, e continuava a guardare l orologio, senza smettere di camminare avanti e indietro. Forse pativa il mal di mare. Allora perché andare in crociera? Il capitano diede loro il benvenuto a bordo, spiegando che sarebbero partiti da lì a pochi minuti alla volta di Caiystane, dove avrebbero passato la notte. Il secondo del capitano si accinse a leggere la lista dei passeggeri, invitando i presenti a rispondere ad alta voce. Bryson Hellen e Bryson Nick, gli australiani in viaggio di nozze. Risposero all unisono anche all appello. Cooper Julie. Alzò la mano e confermò la sua presenza, anche se avrebbe voluto essere dall altra parte del mondo e non su una carretta del mare con un gruppo di persone che volontariamente non avrebbero passato nemmeno dieci minuti insieme. Ma si trattenne dall esternare questi pensieri, e sorrise. Fogarty Anna e Fogarty Timothy, la prima coppia di pensionati. Lei piccola e paffuta, lui alto e con una testa di capelli biondi arruffati.

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com BASIC QUESTIONS 200 Opportunities to Discover ITALIAN Basic Questions Italian INDICE 1. SEI CAPACE DI?...3 2. TI PIACE?...4 3. COME?...5 4. QUANDO?...6 5. CHE?...7 6. COSA?...8 7. QUALE?...9 8. QUANTO?...10

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati.

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati. IL MINIDIZIONARIO Tutti i diritti sono riservati. CIAO A TUTTI, IL MIO NOME È MARCO E PER LAVORO STO TUTTO IL GIORNO SU INTERNET. TEMPO FA HO AIUTATO MIA NONNA A CONNETTERSI CON SUO FIGLIO IN CANADA E

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

Un viaggio accessibile

Un viaggio accessibile Un viaggio accessibile Cari amici, è da tanto ce non pubblico nulla, questa sera ho riletto il racconto di un viaggio fatto con mio figlio Nicola, e in un territorio come la Romagna dove il turismo accessibile,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

GUIDA PER PIANIFICARE IL TUO MATRIMONIO

GUIDA PER PIANIFICARE IL TUO MATRIMONIO GUIDA PER PIANIFICARE IL TUO MATRIMONIO 1. Leggere questa storia La ragazza guardò per la millesima volta l anello che brillava sul suo dito, come i suoi occhi. Ieri, Paolo, il suo fidanzato, le aveva

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI:

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI: CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013 a fumetti SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna INSEGNANTI: ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO CREAZIONE DI UN FUMETTO A PARTIRE DA UN BREVE TESTO Motivo della proposta:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli