Non ti perdono. di Chris Madison

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Non ti perdono. di Chris Madison"

Transcript

1

2 IL ROMANZO Scrivere di viaggi e mete esotiche è il grande sogno della giornalista americana Julie Cooper. La testata londinese Travel Mag la spedisce invece in crociera lungo le desolate coste scozzesi insieme ad altri undici passeggeri. La noia del viaggio cede però presto il passo all inquietudine per l omicidio del brillante uomo d affari Jonathan Westwood. La crociera viene sospesa, tutti i partecipanti vengono ritenuti sospettati e trattenuti in un hotel sulla costa, dove Julie inizia subito a cercare di capire cosa possa essere accaduto. Quando l ispettore Ashford-Tompkins raggiunge l hotel per condurre le indagini, rifiuta l aiuto di Julie Cooper: ben presto, però, si troverà a un punto morto. Tutti hanno un alibi, nessuno un movente. Chi è l assassino? Quale la pista da seguire? Di chi fidarsi? L AUTRICE Dopo anni come responsabile delle relazioni internazionali di un associazione non-profit, Chris Madison ha lasciato il suo lavoro per dedicarsi alla gestione di una piccola azienda a conduzione famigliare. Vive nell Italia del Nord e passa il suo tempo libero tra gli Stati Uniti e l Inghilterra. Non ti perdono è il suo primo romanzo.

3 Non ti perdono di Chris Madison

4 2014 Libromania S.r.l. Via Giovanni da Verrazzano 15, Novara (NO) ISBN Prima edizione ebook ottobre 2014 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo volume può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma o con alcun mezzo elettronico, meccanico, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell Editore. Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e sito web L Editore dichiara la propria disponibilità a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione. Progetto grafico di copertina e realizzazione digitale NetPhilo S.r.l. Qualsiasi riferimento a fatti o persone reali è puramente casuale e indipendente dalla volontà dell autore.

5 Non ti perdono

6 Prologo Quasi non si accorse dei passi regolari che si avvicinavano lungo il sentiero. Si voltò di scatto, ancora assorto nei suoi pensieri, pensando che lui lo avesse seguito per chiarire le cose e per spiegargli che era stato tutto un malinteso. Ma si era sbagliato, non si trattava affatto di lui. Avrebbe dovuto saperlo: non era stato un errore, ma una scelta calcolata in ogni minimo dettaglio. Sei tu gli disse senza nemmeno salutarlo. Mi hai quasi spaventato. Le mani avevano iniziato a sudargli, nonostante non facesse affatto caldo. Non era da lui. L altro non gli rispose subito. Si limitò a sorridere. Ti ho spaventato? gli chiese, scuotendo la testa. Dopo tutti questi anni...? Di cosa stava parlando? Era impazzito? Avrebbe voluto chiederglielo, ma non riuscì a formulare nessuna domanda. Cos è? Sei rimasto senza parole? L altro non sorrideva più. Lo osservava con una strana espressione negli occhi. Stai facendo finta di non sapere niente? Di cosa stai parlando? gli chiese. Il suono della sua stessa voce lo fece trasalire. Era paura quella che sentiva? L uomo si avvicinò di qualche passo, facendolo indietreggiare sul sentiero sterrato. Pronunciò due sole parole. Un nome e un cognome. Non gli servì altro per capire di chi si trattava. La consapevolezza lo colpì in pieno volto, come uno schiaffo a mano aperta. Adesso hai capito? Non poteva essere vero. Lo aveva sempre saputo, ma aveva scelto di ignorare la questione. Un turbine di pensieri confusi gli affollò la mente. Cosa ci faceva lì? Com era possibile? Era un caso o lo aveva fatto di proposito? Cosa voleva da lui? Vuoi dei soldi? Forse avrebbe potuto dargli del denaro. Nella sua vita aveva sempre risolto tutto in quel modo. Gli avrebbe fatto un assegno con

7 molti zeri per metterlo a tacere, per farlo tornare da dove era venuto. L altro scoppiò a ridere. Dei soldi? E cosa me ne faccio dei tuoi soldi? Scrollò le spalle. Oltre al denaro, non gli veniva in mente altro. La situazione lo stava mettendo fortemente a disagio. Doveva concludere la faccenda in fretta, limitando i danni. Cosa vuoi da me allora? L uomo di fronte a lui alzò le mani al cielo, come se non avesse una risposta. Quello che voglio, gli disse, avvicinandosi di qualche passo, sono delle spiegazioni. O almeno delle scuse per tutto quello che non ho avuto, e per tutto quello che non hai fatto. Non sapeva cosa dire. Se non voleva dei soldi tanto peggio per lui. Non aveva altro da offrirgli. Glielo disse. Temo che la tua proposta non mi interessi. No, no, no rispose l altro scuotendo la testa, avvicinandosi ancora. Sentì lo stomaco contorcersi dalla rabbia. Non me ne frega un cazzo di te, ho problemi ben più grossi da risolvere. Senza rendersene conto gli raccontò quello che aveva scoperto solo il giorno prima. Si maledisse per averlo fatto, e decise di provare a risolvere la situazione una volta per tutte. Ascoltami, facciamo finta che questa conversazione non sia mai avvenuta. Io continuo per la mia strada e tu per la tua, ok? E si voltò, senza nemmeno aspettare la sua risposta. Riprese a camminare lungo il sentiero, sperando che l altro non lo seguisse. Sentì dei rumori alle sue spalle, e fu soddisfatto. Anche quel problema era risolto. Sorrise, e un istante dopo si accorse di aver perso l equilibrio. Non riuscì ad attutire la caduta con le mani, e si trovò a terra. Solo in quel momento si rese conto del dolore alla testa. Provò ad alzarsi, ma fu inutile. Sperò che l altro non se ne fosse andato, e che lo aiutasse a rimettersi in piedi. Quando lo sentì avvicinarsi, tirò un sospiro di sollievo. Grazie al cielo, sei qui. Aiutami ad alzarmi. Adesso vorresti il mio aiuto, eh? Ma cosa aveva in mano? Una pietra? Mi hai colpito? Parlare gli costò una fatica immensa, come se le parole si rifiutassero di uscire dalle labbra. L altro non si degnò nemmeno di rispondergli. Lo vide salirgli a cavalcioni, sentì il suo peso sul torace, e le sue mani che si stringevano intorno al collo. Provò a liberarsi, ma l altro era troppo forte e lo sovrastava. La vista stava iniziando ad annebbiarsi, e poco alla volta ebbe la sensazione di aver perso la

8 sensibilità alle mani e alle gambe. Smise di lottare. Chiudere gli occhi era più facile, gli costava meno fatica. Forse solo così sarebbe riuscito a cavarsela. Io non ti perdono... sibilò l uomo. Era talmente vicino che sentì il suo fiato caldo sul collo. Provò a rispondergli, ma perse conoscenza. Quando riaprì gli occhi era da solo. L altro era sparito. Dopo tutto non lo aveva ucciso. Provò a girare la testa per guardarsi intorno, ma era troppo faticoso. Tentò di urlare, ma dalla sua bocca uscì solo un sussurro. Cercò di muovere un braccio, e con una fatica immensa riuscì a prendere il cellulare dalla tasca esterna della giacca. La mano gli tremava, e sperò con tutto il cuore che il telefono non gli cadesse. Se fosse finito a terra non avrebbe mai avuto la forza di riprenderlo. Lo avvicinò agli occhi ma aveva la vista appannata. Il dolore al torace si era acuito: era come se un masso lo stesse schiacciando. Premette i tasti e raccolse tutte le forze per chiedere aiuto. Era sicuro che lui avrebbe capito e che lo avrebbe aiutato. Chiuse gli occhi, e sentì le lacrime calde che gli rigavano le guance. Ora poteva riposarsi un po. Tra poco sarebbero arrivati a soccorrerlo e tutto sarebbe finito.

9 Capitolo 1 Mercoledì 11 settembre 2013 Il viaggio non era ancora iniziato e già sentiva la stanchezza addosso, pesante come la nebbia che scendeva dalle colline verso il porto di Fort Douglas. Cercò di convincersi che in fondo non era solo lavoro, ma più che altro una vacanza. E per di più era pagata per scrivere un articolo in cui avrebbe dovuto convincere i lettori del Travel Mag che una settimana in crociera nelle Highlands scozzesi era il regalo migliore che potessero farsi. La sala d attesa del porto era quasi deserta di mercoledì pomeriggio, e mancava ancora un ora all imbarco. Avrebbe potuto aspettare in un bar in centro, oppure andare all ufficio turistico di Fort Douglas e raccogliere informazioni sul luogo di partenza della crociera. Crociera era una parola grossa: la Arbroath Pride non era nemmeno una vera nave da quello che aveva capito, ma più che altro un battello che avrebbe dovuto trasportare i passeggeri durante il giorno da un porto all altro, per scaricarli poi alla sera in qualche albergo isolato dove avrebbero passato la notte. Già si immaginava la noia mortale: ore e ore di navigazione ogni giorno senza niente da fare se non guardare il paesaggio dal ponte del battello, e aspettare di attraccare in qualche villaggio deserto. Magari ci sarà un bar a bordo, e la connessione a internet, pensò. Così avrebbe potuto lavorare a un paio di recensioni di ristoranti da inviare in redazione. Chissà come sarebbero stati i suoi compagni di viaggio. Probabilmente coppie di anziani alla ricerca di qualche emozione nel selvaggio nord scozzese. Una prospettiva tutt altro che allettante: aveva davanti una settimana intera in compagnia di un manipolo di appassionati di bridge e di gossip sulla famiglia reale. Non aveva fatto altro che pensarci da quando era scesa dal letto quel mattino alle cinque. Era stata un idea di Paul, il suo capo redattore. Un bell articolo per il numero di novembre sulle bellezze della

10 Scozia. E secondo Paul, lei era la persona migliore per scriverlo. Essendo americana, avrebbe avuto un approccio diverso da quello dei colleghi inglesi, e sarebbe stata in grado di invogliare altra gente a intraprendere lo stesso viaggio. L inizio non era stato dei migliori. La sveglia all alba, la corsa dal suo appartamento in Neal Street, l inutile ricerca di un taxi su Long Acre. Avrebbe dovuto pensarci la sera prima e prenotarne uno. Ormai viveva a Londra da quattro anni e avrebbe dovuto sapere che era improbabile o addirittura impossibile trovare un taxi alle cinque e mezza di mercoledì mattina a metà settembre. Intanto l umidità dell aria le si era già incollata ai capelli e al soprabito, e la prospettiva di prendere la metropolitana a Covent Garden non aveva contribuito a migliorare il suo umore. Da Victoria Station aveva preso il treno fino all aeroporto di Gatwick, e qui finalmente si era imbarcata sul volo per Edimburgo. Si trattava di un volo breve, poco più di un ora, ma finalmente aveva potuto chiudere gli occhi e dormire un po nell atmosfera ovattata dell aereo. Le era sempre piaciuto volare, così come aveva sempre amato gli aeroporti. Avevano un qualcosa di esotico a modo loro, e le davano la sensazione che tutto fosse possibile. Ma non questa volta. Fece un rapido calcolo e si guardò intorno nella sala d aspetto del porto: il suo viaggio era durato quasi otto ore, contando anche il tragitto in bus dall aeroporto di Edimburgo alla Waverley Station, e le oltre tre ore in treno fino a Fort Douglas. Non aveva neanche cambiato paese, eppure si sentiva stanca come dopo un volo intercontinentale. Tutta quella fatica per trovarsi in una sala d aspetto grande come un bar, con le pareti arancioni, la moquette per terra, e una decina di sedie sdrucite. I lettori del Travel Mag non sarebbero stati certo allettati da una prospettiva del genere. Avrebbe dovuto pensare a qualcosa per rendere il racconto del viaggio da Londra a Fort Douglas come l inizio di un avventura unica. O forse avrebbe dovuto scrivere la verità. Andate in crociera nei Caraibi. O nel Mediterraneo, dove organizzano delle vacanze vere, lontane da quella uggiosa giornata di settembre che, per fortuna, tra qualche ora sarebbe finita. Per far passare il tempo iniziò a osservare le uniche tre persone che erano entrate nella sala d attesa: una giovane coppia di australiani, e un uomo sulla sessantina con una grossa macchina fotografica al collo. Chissà, forse un vedovo. O uno psicopatico alla ricerca di qualche vittima. Senza quasi rendersene conto, aveva ricominciato con la solita abitudine che prendeva il sopravvento quando si annoiava: osservava le persone intorno a lei, ascoltava pezzi delle loro conversazioni e immaginava le loro storie. Era un espediente che aveva perfezionato nel corso degli anni, quando viaggiava da sola per

11 lavoro. Una cena da quattro portate può essere interminabile senza una persona con cui parlare, e lei non era certo il tipo da fare amicizia con i vicini di tavolo. Era molto meglio immaginare cose improbabili, inventandosi delle storie basandosi su stralci di conversazioni sussurrate. L uomo con la macchina fotografica si era allontanato per rispondere al telefono, passandosi una mano sui capelli radi. Non era inglese, probabilmente svedese, o norvegese. Non riuscì a capire nulla, ma rimase affascinata dalla cadenza cantilenante della lingua e dal suono aspirato ogni volta che l uomo pronunciava la parola ja. Aveva l aspetto triste, ma gli occhi rivelavano una curiosità particolare. Forse non era uno psicopatico dopotutto. Perché viaggiava da solo? Per quale motivo era partito da Stoccolma, da Oslo o da Bergen, per venire in un posto sperduto come quello? Forse era troppo noioso per avere degli amici o una moglie con cui andare in vacanza. L uomo si voltò verso le vetrate che davano sul porto, senza smettere di cantilenare al cellulare. Inutile immaginare la sua storia. Del resto poteva essere uno dei suoi compagni di viaggio, e in tal caso avrebbe avuto una settimana di tempo per capire quale motivo lo avesse portato a Fort Douglas. Forse era meglio concentrarsi sulla coppia australiana: almeno parlavano la sua lingua, erano giovani, e forse anche simpatici. Lei era bionda e formosa, non in maniera provocante, ma piuttosto in quel modo tipico delle ragazze di campagna abituate alla vita all aria aperta. Forse veniva dall outback australiano e aveva una fattoria dove allevava capre e produceva formaggio. E lui sicuramente era un surfista di By ron Bay : alto, biondo e abbronzato, proprio quello che ci si aspetta da un australiano. Sicuramente si erano conosciuti all università, dove lei studiava agraria e lui veterinaria. Basta. Doveva smetterla. Aveva poco più di trent anni ma se fosse andata avanti così, nel giro di qualche anno sarebbe diventata una zitella ficcanaso. In fondo non c era niente di male a essere ficcanaso, fintantoché la cosa non faceva male a nessuno. Si limitava a osservare i fatti e a trarre delle conclusioni plausibili. Sicuramente i due australiani erano in viaggio di nozze. Lo capì dalle fedi scintillanti, lucide, e dalle altrettanto scintillanti occhiate che si lanciavano. Erano lì da al massimo tre quarti d ora e non avevano smesso un attimo di tenersi per mano e di sussurrare l uno nell orecchio dell altra. Magari anche loro stavano passando il tempo come lei, immaginando storie fantasiose sul nordico solitario, e facendosi gli affari degli altri. È libero? La voce di fianco a lei la riportò alla triste sala d aspetto. Prego, non c è nessuno. Controvoglia tolse la sua borsa di cuoio scuro

12 dalla sedia accanto. Americana anche tu? Fece un cenno di assenso con la testa, senza voltarsi, fingendo di leggere le sul suo iphone. Speriamo che questo non abbia voglia di parlare. Spesso aveva notato come gli americani avessero sempre un impulso sfrenato a fare amicizia con i connazionali all estero. Soprattutto in Europa. Forse perché speravano di vivere un avventura romantica indimenticabile, di trovare l uomo o la donna dei loro sogni e di iniziare una nuova vita nel Vecchio Continente. Si domandò se questo non fosse proprio quello che era successo a lei, anche se a dire la verità non era partita per l Europa alla ricerca dell amore. L aveva trovato a casa, a Seattle, e insieme si erano trasferiti a Londra con l idea di costruire un futuro insieme. Ma non aveva voglia di pensare a Sam proprio ora. Ormai era passato del tempo, e per di più era già abbastanza di cattivo umore. Anche io sono americano. Ma questo lo hai già capito. E forse avresti dovuto capire che non mi interessa, pensò Julie. Mi chiamo Alex. Alex Taylor. Sarebbe stato poco carino rifiutare la mano tesa di fianco a lei, così si voltò, senza troppo slancio, e ricambiò la stretta di mano. Julie Cooper. Piacere. Incrociò il suo sguardo, e registrò gli occhi scuri, la pelle abbronzata e i capelli castani spettinati. Ebbe la tentazione di dirgli che nonostante sembrasse simpatico, non gliene importava niente di chi fosse, cosa facesse e dove andasse, ma optò per qualcosa di più neutrale. Scusami, sono troppo stanca per fare conversazione. Ho bisogno di provare a dormire per un po. E senza aggiungere altro mise il cellulare nella borsa, usò la sciarpa come cuscino tra la testa e lo schienale della sedia, e chiuse gli occhi. Alex rimase senza parole davanti alla maleducazione dell americana. Voleva fare solo un po di conversazione aspettando che la Arbroath Pride salpasse. Non ci vedeva niente di male. E ora la sua vicina di sedia era voltata dall altra parte, la coda di capelli castani scomposta e il collo piegato in una posizione innaturale. Si aspettava un minimo di calore, di simpatia. Quali sono le possibilità di trovare un altro americano al porto di Fort Douglas in un pomeriggio di settembre? Entrambi sembravano soli, per cui avrebbero almeno potuto provare a scambiare qualche parola. Non che sperasse di fare amicizia così su due piedi, e meno che mai era alla ricerca di un avventura. Per la prima volta da mesi era lontano da casa e aveva sognato quella

13 vacanza da molto tempo. Era esausto, e quella crociera in Scozia era stata l unico obiettivo che gli aveva permesso di andare avanti. Era stata la sua stella polare al mattino quando si alzava nel suo appartamento di Brooklyn, durante il viaggio in metropolitana verso Bleecker Street, nelle lunghe giornate passate al lavoro, fino a quando la notte quasi crollava sulla linea F. Adesso finalmente era in Scozia, e il suo sogno stava per iniziare. Sarebbe stata una settimana fantastica, come l aveva immaginata da mesi. Avrebbe conosciuto gente simpatica a bordo del battello, e avrebbe visto posti favolosi. Doveva essersi addormentato anche lui, perché il suono di un campanello nella sala d aspetto lo fece sussultare. Alex si stiracchiò prima di alzarsi, e raccolse il grosso zaino da trekking. Il ragazzone biondo e abbronzato aiutò la bella ragazza che era di fianco a lui ad alzarsi dalla sedia, e poco alla volta il gruppo formato da una dozzina di persone iniziò a recuperare borse, borsoni, trolley, giacche e cappelli e ad avviarsi verso la porta che conduceva al molo. Si avvisano i signori passeggeri che la Arbroath Pride è pronta per l imbarco. Il capitano e l equipaggio prevedono di salpare entro venti minuti. Siete pregati di mostrare la vostra carta di imbarco all addetto al pontile B. Nel frattempo l americana era sparita. Peccato, non gli sarebbe dispiaciuto avere un amica durante il viaggio, qualcuno con cui parlare del più e del meno. Sbadigliò rumorosamente e si sistemò in spalla il grosso zaino, mettendosi in coda dietro al gruppo di passeggeri che come lui erano in attesa di salire a bordo. Carta d imbarco in mano, sorrise al ragazzo che controllava l accesso al molo. Sembrava avere poco più di diciotto anni. Cristo, speriamo che non sia il capitano della nostra nave. Si immaginava qualcuno con più esperienza, il classico capitano con la barba bianca e la pancia morbida dovuta alle ore passate dietro al timone con una tazza di tè e un vassoio di scones, o qualcosa del genere. Uscendo dalla porta che conduceva al molo, per poco non si scontrò con la sua non-amica Julie. Attenzione, blocchi il passaggio. Non ne aveva intenzione, ma suonò più scortese di quanto volesse. Scusa. Questa volta la ragazza abbozzò un sorriso. Si era sistemata meglio la coda di cavallo e sembrava quasi meno antipatica. Sembra che dovremmo sopportarci per una settimana disse Alex sorridendo. Già, sembra di sì. Scusa per prima... ma sono stanca e ho bisogno di un caffè. Si avviarono verso il molo, lui con lo zaino in spalla e lei facendo scorrere

14 rumorosamente il trolley sul legno consumato del molo, senza parlare. Ho letto su internet che c è un bar a bordo. Potrei offrirti un caffè se ti va, per farmi perdonare. Lei lo guardò con sospetto. Perdonare di cosa? Sono stato invadente prima. Volevi stare per conto tuo. Ok. Ok? Ok nel senso di sì, sei stato invadente, o sì, accetto il caffè? Decise di non pensarci troppo. Di dove sei? Sei di nuovo invadente. Guardandola di profilo gli sembrò di vederla sorridere. Sono invadente. E non conosco nessuno qui. Pensavo che potessimo fare amicizia. Non cerco amici. Sono qui per lavorare disse Julie sollevando il trolley per la maniglia, precedendolo sulla passerella di ferro che portava finalmente alla Arbroath Pride. Vorrei solo un po di compagnia, parlare con qualcuno che capisca la mia lingua. Ci sono tante persone qui che capiscono la nostra lingua gli fece notare. Sì una decina tra australiani, inglesi, norvegesi o svedesi, chi li capisce questi quando parlano tra di loro... Dodici lo interruppe lei. Dodici cosa? Dodici passeggeri. Due coppie di inglesi in pensione, una coppia di australiani in luna di miele, altri due americani, uno svedese o norvegese, un inglese terrorizzato all idea di salire su una nave. E noi due. Fa dodici. Più l equipaggio. Come faceva a sapere tutte quelle cose? Non aveva detto di voler dormire quando lui aveva provato a iniziare una conversazione con lei? Lavori per la CIA? No, per una rivista. Lui la guardò con aria interrogativa. Osservo le persone e mi ricordo i particolari continuò Julie. Non era poi così male dopo tutto, poteva anche essere divertente passare del tempo con lei. Finalmente erano saliti a bordo. L aria nella sala d aspetto del porto di Fort Douglas era stantia, e aveva sperato di potersi imbarcare il più in fretta

15 possibile. Era arrivato con largo anticipo rispetto all orario di partenza, ma era abituato così. Non gli piaceva farsi aspettare ed essere costretto a fare le cose di corsa, come aveva fatto quell inglese dall aria insolita. Erik Larssen lo aveva visto entrare per ultimo, in fretta e furia, aprendo con impeto la porta della sala d attesa del porto. Non si poteva fare a meno di notarlo: aveva un abbigliamento bizzarro, soprattutto considerando che dovevano affrontare una crociera lungo la costa scozzese, e non un viaggio nella metropolitana di Londra. Quando aveva preparato la valigia la sera prima nella sua casa di Stavanger, Erik aveva scelto con cura quali capi portare con sé. Aveva optato per un abbigliamento comodo e sportivo, adatto alle lunghe camminate e al clima umido. L inglese ritardatario non doveva essere stato così previdente. Ma del resto gli inglesi ci tengono alla forma, e forse quell uomo non voleva rinunciare al suo stile nemmeno in crociera. Aveva osservato attentamente anche gli altri passeggeri, ma nessuno di loro si era mostrato interessato a lui. Sperava soltanto di non dover passare la maggior parte della vacanza da solo, a trafficare con la sua macchina fotografica. Come durante la sua ultima crociera, l estate precedente, insieme a Ingebjørg. Lei amava scherzare sul fatto che quando erano insieme sembrava prestare più attenzione alla sua macchina fotografica che a lei. L anno prima erano partiti da Bergen, imbarcandosi sull Hurtigruten, uno dei vecchi battelli delle poste norvegesi utilizzati come navi da crociera. Prima di imbarcarsi avevano trascorso la giornata in città passeggiando tra le vie del Bryggen, l antico quartiere anseatico. A fine mattinata avevano preso la funicolare che portava al monte Fløyen, e Inge aveva insistito per pranzare nel ristorante che a lui era sembrato troppo pretenzioso. Senza aspettarlo, era entrata, e dopo nemmeno cinque minuti erano stati accompagnati a un tavolo con una vista mozzafiato sul fiordo. Il conto era stato piuttosto salato, ma ne era valsa la pena. Quello era stato l inizio della loro ultima vacanza insieme. Un paio di mesi dopo il loro rientro, Inge aveva fatto vacillare tutte le sue certezze. Altre coppie di loro conoscenti si erano trovati nella stessa situazione, ma fino ad allora aveva sempre pensato che fosse una cosa che succedeva ad altre persone. Lei gliene aveva parlato una sera a cena, comunicandogli la notizia senza battere ciglio. C è una cosa che ti devo dire aveva esordito Inge sorridendo con dolcezza, come era solita fare. Lui aveva annuito, invitandola ad andare avanti, e continuando a mescolare la zuppa nel piatto. Non ci sono mai le parole giuste per dirlo... E per me è molto difficile affrontare l argomento, ma non ce la faccio più a nasconderti la verità.

16 A malapena era riuscito a chiederle di cosa si trattasse, continuando a tenere gli occhi fissi sul piatto. E lei glielo aveva detto, senza tanti giri di parole. Erik aveva deglutito, poi aveva espirato a fondo. Da quanto tempo? le aveva chiesto. Lei era stata in silenzio per un po, poi si era alzata per risciacquare le pentole nel lavandino. Da qualche mese. Non si era nemmeno voltata per guardarlo negli occhi, così si era ritrovato a fissare la schiena di Inge, avvolta in un vecchio cardigan. Si era sentito mancare la terra da sotto i piedi, all istante, e si era alzato da tavola senza rivolgerle la parola. Quella sera non se l era sentita di dormire accanto a Inge, e aveva preferito il divano del salotto al loro letto matrimoniale. Non aveva chiuso occhio tutta la notte, e non aveva fatto altro che ripensare alle parole di sua moglie. La rabbia era sopraggiunta immediatamente: prima nei confronti di Inge, poi verso sé stesso, per non essersi accorto di niente. E alla fine la rabbia aveva lasciato posto alla tristezza. Poco alla volta aveva iniziato a sentire la mancanza di Inge, di come era prima. Un tempo lo prendeva continuamente in giro per le sue abitudini maniacali: per come sistemasse le confezioni di conserve nella dispensa, dalla più grande alla più piccola, per come allineasse le ciabatte di fianco al letto prima di andare a dormire. In un paio di occasioni avevano parlato di come affrontare la situazione, ma a entrambi era sembrato impossibile trovare una soluzione. In realtà Inge aveva le idee molto chiare sul da farsi, ma lui non era riuscito a rassegnarsi. Fare come aveva suggerito lei significava perderla per sempre, e rinunciare a tutto quello che avevano costruito insieme. Per un paio di mesi né Inge né Erik erano tornati sull argomento, fino a quando all improvviso aveva capito cosa fare. Ci aveva pensato tutta la notte, senza riuscire a prendere sonno. Il giorno successivo aveva studiato tutto nei minimi dettagli: aveva trovato diversi siti internet, e addirittura dei forum di discussione. All inizio il pensiero gli aveva fatto accapponare la pelle, al punto che due o tre volte aveva chiuso il browser e si era spostato dalla scrivania, come a volersi allontanare fisicamente dall idea. Ma poco alla volta si era lasciato convincere, trascorrendo sempre più ore soprattutto di notte, di modo che Inge non se ne accorgesse a leggere le storie di chi lo aveva già fatto. Si era registrato su un forum, ed era riuscito a scoprire come procurarsi tutto l occorrente. Era stato necessario andare fino a Oslo, ma tutto era andato secondo i piani. Gli era quasi venuto un infarto prima della partenza per paura di essere fermato dalla polizia per le strade della capitale, oppure durante il lungo viaggio in treno. Ma ce l aveva fatta, ed era tornato a casa a Stavanger. La

17 sera stessa non aveva fatto nulla: aveva preparato una cena leggera, e poi aveva messo l acqua nel bollitore per le due tisane, una per lui e una per Inge. Per un momento aveva dubitato della sua forza di volontà, ma poi aveva guardato sua moglie e aveva fatto quello che doveva fare. Non se ne era pentito, nemmeno per un attimo. Da quella sera, Erik era diventato un uomo solo, e lo sarebbe rimasto per il resto della sua vita. Il vociare degli altri passeggeri della Arbroath Pride gli fece tornare in mente che quella era la prima vacanza da quando Inge non c era più. La sua vita era cambiata, non c era modo di tornare indietro, e quella crociera era il primo passo verso la normalità. Prese posto a uno dei tavolini, avendo cura di sistemare il suo trolley sotto la sedia in modo che fosse ben allineato ai riquadri della moquette che rivestiva il pavimento. Nella sala da pranzo della Arbroath Pride erano al riparo dalla pioggia battente e dal vento che sferzava la pelle. L americano aveva ragione, c era un bar. Julie decise di ordinare subito un caffè bollente, e magari anche qualcosa da mangiare. Le sembrò che Alex volesse dire qualcosa, ma il capitano batté le mani due volte per richiamare l attenzione dei dodici passeggeri. Il più strambo era senza dubbio l inglese arrivato per ultimo. Con la sua ventiquattrore di pelle e il suo impermeabile beige macchiato dalla pioggia, sembrava appena uscito da una banca della City. Forse aveva sbagliato treno e anziché scendere a Hackney o in qualche altro sobborgo di Londra si era ritrovato per errore al porto di Fort Douglas. Perché sicuramente era nervoso e incazzato nero, e continuava a guardare l orologio, senza smettere di camminare avanti e indietro. Forse pativa il mal di mare. Allora perché andare in crociera? Il capitano diede loro il benvenuto a bordo, spiegando che sarebbero partiti da lì a pochi minuti alla volta di Caiystane, dove avrebbero passato la notte. Il secondo del capitano si accinse a leggere la lista dei passeggeri, invitando i presenti a rispondere ad alta voce. Bryson Hellen e Bryson Nick, gli australiani in viaggio di nozze. Risposero all unisono anche all appello. Cooper Julie. Alzò la mano e confermò la sua presenza, anche se avrebbe voluto essere dall altra parte del mondo e non su una carretta del mare con un gruppo di persone che volontariamente non avrebbero passato nemmeno dieci minuti insieme. Ma si trattenne dall esternare questi pensieri, e sorrise. Fogarty Anna e Fogarty Timothy, la prima coppia di pensionati. Lei piccola e paffuta, lui alto e con una testa di capelli biondi arruffati.

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE Ciao Mario come stai? Abbastanza bene, grazie. Ti presento il mio amico John. Da dove viene John? John è Canadese ed è in Italia

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Ejercicios de traducción

Ejercicios de traducción Ejercicios de traducción POR LAURA SANFELICI TRADUCE: 1. -Sei mai stato a Cuba? -Sì, ci sono stato l estate scorsa con la mia fidanzata. 2. Suo marito è francese ma vive in Spagna da vent anni. 3. Studio

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ.

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ. Μάθημα: ΙΣΑΛΙΚΑ ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012 Ημεπομηνία και ώπα εξέτασηρ : Δεςτέπα, 21 Μαϊος 2012 11:00π.μ. 14:15π.μ. ΣΟ

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

«Vieni alla chiesa di Saint-Merri alle undici e vedrai se scherzo.» «Posso sedermi, potrei svenire da un momento all altro.» «Prego, accomodati pure,

«Vieni alla chiesa di Saint-Merri alle undici e vedrai se scherzo.» «Posso sedermi, potrei svenire da un momento all altro.» «Prego, accomodati pure, Domani mi sposo Domani mi sposo. Appena ho visto entrare Blanca nel piccolo locale dove stavo suonando, ho capito che l avrei sposata. Sembra impossibile ma è vero. Era l estate di due anni fa. Io strimpellavo

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Diritti internazionali Atlantyca S.p.A., via Leopardi 8 20123 Milano foreignrights@atlantyca.it www.atlantyca.com

Diritti internazionali Atlantyca S.p.A., via Leopardi 8 20123 Milano foreignrights@atlantyca.it www.atlantyca.com 2015 Atlantyca Dreamfarm s.r.l., Italia Per l edizione italiana 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Fabbri Editori: maggio 2015 www.fabbrieditori.eu ISBN 978-88-915-1548-3 Progetto e realizzazione

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo

sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo sviluppo E sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo COMMISSIONE EUROPEA DE 116 MAGGIO 2003 E sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo In questo piccolo libro si narra una storia simile

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Bianchi orizzonti. Grazie per la bellissima foto a Sara

Bianchi orizzonti. Grazie per la bellissima foto a Sara Bianchi orizzonti Grazie per la bellissima foto a Sara - Lui è fatto così. - È stronzo! - No, non è stronzo, è che è fatto così. - È stronzo! - Ma... - Che significa che è fatto così? Se è fatto così,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli