P.S. Ecco la vostra strenna: recitate la formula della vostra consacrazione dopo la comunione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.S. Ecco la vostra strenna: recitate la formula della vostra consacrazione dopo la comunione."

Transcript

1 MARIANNE EYMARD (III, 121, 112) 902 CO Parigi, 1 gennaio Care sorelle, non voglio mettermi a letto senza venire ad augurarvi il Buon Anno; ve l ho augurato questa mattina all altare e questa sera ve lo auguro in famiglia. Gesù sia la vostra gioia, il vostro amore e la vostra felicità. Crescete sempre nella virtù davanti a lui, come l albero irrorato dal cielo. Voi siete ben libere per servire lui e per servire i poveri; usate bene di questa libertà, fate tutto il bene che vi è possibile mentre avete un po di ardimento e di forza, perché verranno le infermità e poi l età quando le nostre energie saranno sfinite. Il parroco mi dice che fate molto bene e che è contento di voi; ma è il buon Maestro che deve dire: Bene! La persona malata sta meglio, ma è andata vicinissima alla morte. Dio ce la lascia ancora per la nostra edificazione; è la persona di cui vi ho parlato. Noi siamo un po più numerosi, in quindici, e ciò richiede da me un più assiduo impegno. Il giorno dell Epifania quattro emetteranno i voti; pregate per essi. 4 gennaio. Non ho potuto finire la lettera il primo dell anno; lo faccio questa mattina di buon ora. La mia salute è abbastanza buona e l emicrania non si fa quasi più sentire; sono solo un po raffreddato, come tutti. Parigi va come al solito; l uno corre dietro all altro, ma non desidera incontrarsi in questi giorni di visite; è una vita triste la vita del mondo! Siamo molto contenti di dover assolvere il dovere dell adorazione, per tenerci legati alla casa e al nostro servizio tanto bello. La nostra casa di Marsiglia va bene, Nostro Signore vi è molto onorato e il popolo vi confluisce in massa. In occasione del nostro arrivo si sono stabilite in diocesi le Quarantore; è un grande evento! Saluti, care sorelle, amate sempre molto Nostro Signore e fatelo amare molto da tutti. Vostro aff.mo fratello Eymard, sup. P.S. Ecco la vostra strenna: recitate la formula della vostra consacrazione dopo la comunione. SIGNORA ROTTIER (II, 218, 3) 903 CO 914 Parigi, 1 gennaio Buona signora, le invio come strenna una piccola figlia del buon Dio perché la istruisca nella religione. Insieme con lei il mio cuore questa mattina l ha benedetta al santo altare con tutti i suoi buoni desideri. Eymard. Sig.ra Rottier Impasse des Feuillantines 14 Parigi. 1 Per facilitare una ricerca negli originali, è stato inserito a destra di ogni lettera il rispettivo codice di riferimento dell edizione francese: Œuvres Complètes, Centro Eucaristico / Nouvelle Cité, 2008, 17 vol. 1

2 SIGNORA JORDAN (IV, 252, 34) 904 CO 915 Parigi, 1 gennaio Cara figlia, comincio da lei la mia prima lettera di Buon Anno. Non dovrei dirlo, ma ci tengo che sappia che è sempre la mia prima figlia in Nostro Signore e che le riconosco il suo diritto di primogenitura. Un altr anno se n è andato, è finito, è trascorso come il sole di un giorno, come l acqua del torrente, ma per Dio, spero. E allora esso è ritornato ad attenderci nell eternità. Che auguri farle, cara figlia? Il regno dell amore di Dio in lei? Certamente, perché questo regno è tutto. Se Dio regna in noi, la sua verità sarà la nostra luce sempre vera e giusta, la sua volontà la norma della nostra, la sua legge la nostra legge inviolabile, la sua gloria il nostro fine. 8 gennaio. Noti a quale data riprendo la mia lettera. Ho appena terminato il ritiro alla comunità in occasione della professione religiosa di cinque novizi avvenuta il giorno dell Epifania; e questo impegno mi ha assorbito. La sua buona signora è deceduta? Speriamo che Nostro Signore l abbia accolta nella sua misericordia, ma bisogna pregare molto per essa perché il purgatorio è lungo e doloroso. Bisogna essere tanto puri per entrare in cielo! Preghi e faccia celebrare qualche messa per il riposo dell anima del suo vecchio parroco reverendo Brun-Buisson; farà un eccellente opera di misericordia. Ho pensato di offrire a Nostro Signore come strenna un piviale bianco, ma mi manca l essenziale: non ho che 60 fr. Ed esso costa sui 100 fr. Vengo perciò a bussare alla sua borsa per un aiuto, così avrà la parte del buon san Martino. Non subito però, perché il Capodanno deve averle svuotato il portafoglio, faccia però qualche risparmio a partire da questo momento fino a quando verrà a Parigi. Questa è la mia strenna. Saluti, mia buona figlia, devo subito scrivere ad altre persone. Resto suo aff.mo in Nostro Signore Eymard, s.s. P.S. I miei auguri e le benedizioni del cielo e della terra alla sua buona e cara Mathilde. SIGNORA CHANUET (II-S, 4, 3) 905 CO 916 Parigi, 1 gennaio Buona mamma, mi unisco agli auguri dei suoi cari figli, e vengo a benedirli e a renderli più belli in Nostro Signore. Da quando l ho conosciuta, il suo pensiero mi accompagna sempre ai piedi del SS. Sacramento, e la offro incessantemente al buon Maestro per la sua più grande gloria, dal momento che lei è madre solo grazie a lui. Consideri anche noi come la sua piccola famiglia e come suoi figli. Presenti a suo figlio, a sua figlia, al signor Blanc de St-Bonnet, i miei voti e i miei santi auguri. E mi creda in Nostro Signore suo aff.mo Eymard. 2

3 SIGNORA THOLIN-BOST (IV, 157, 38) 906 CO 917 Parigi, 3 gennaio Grazie, mia buona figliola, degli auguri ai piedi del Bambino Gesù; possano essi crescere insieme con lui e culminare nel suo divin sacramento. Sono contento nel saperla ospite della famiglia Dalaca. Sono certo che lì nulla le mancherà per quanto riguarda la salute. Questa cara famiglia è così buona! Forse le mancherà il sole. Preferisco senz altro che si trovi lì piuttosto che a Hyères. Sono convinto che il signor Laure non ha prenotato né concluso nulla e che perciò lei non avrà nessun obbligo; ad ogni modo mi meraviglio che non le abbiano scritto, il che sembra indicare che non si sono mossi. Gioisca di Gesù, del suo sole, della sua libertà, della sua divina bontà. Addio, mia buona figlia, mi mandi di tanto in tanto sue notizie. Suo dev.mo in Nostro Signore Eymard. PADRE DE CUERS (I, 75, 57) 907 CO 918 Parigi, 4 gennaio Carissimo padre, vengo per congratularmi della festa eucaristica delle Quarantore e dell insigne onore di potere iniziare l anno con questa celebrazione. Ma onore obbliga! Potessimo essere anche noi in vostra compagnia per adempiere il glorioso servizio! Da lunedì siamo in ritiro. Il bel giorno dell Epifania sarà maggiormente solennizzato dalle professioni del p. Clavel, dello scolastico Carrié e dei fratelli Michel e Charles; preghi e faccia pregare per essi, perché siano una vera guardia eucaristica. Il p. Champion dovrebbe averla informato della spedizione delle candele: penso che le avrà già ricevute o che le riceverà oggi. Abbiamo letto nell Univers un riassunto della lettera pastorale, ma attendiamo il testo integrale. A me pare che nei giorni nei quali non fate l adorazione come celebrazione delle Quarantore diocesane dovete attenervi alla luminaria di dodici candele, numero previsto per i giorni ordinari. Ciò che il vescovo ha stabilito per le Quarantore nella sua diocesi non ci riguarda; questo è il parere anche del p. Champion. Abbiamo un portiere sarto, ex militare, che sembra ben disposto; abbiamo anche un nuovo cuoco, che sembra molto pio. Il fratello Michel lavora in giardino e all interno della casa. Il reverendo Amatori non si è ancora visto: penso che il vescovo di Lione l abbia trattenuto per le feste. Il vescovo di Angers mi scrive chiedendo espressamente il nostro ingresso nella sua diocesi. Nessun altra novità, a parte le visite di Capodanno, che ci rubano tutto il tempo. Coraggio, cari padri. Suo aff.mo in Nostro Signore Eymard, s. SIGNORINA DANION (IV, 90, 6) 908 CO 919 Parigi, 10 gennaio Cara sorella in Nostro Signore, Gesù sia la sua vita e la sua forza, questi sono i miei auguri per lei. Che si consumi per il suo regno adorabile nel divin Sacramento, questo sia il suo vanto. Che 3

4 cosa vale la vita più ricca, la più onorata o la più felice senza Gesù e la sua gloria? Ho il cuore molto triste e le lacrime agli occhi nel vedere che il demonio trionfa sulla terra e che gli adepti di Satana sono più fedeli e più impegnati nel rovinare le anime degli apostoli di Gesù nostro buon salvatore; nel vedere che sono tuttora molto pochi i fedeli che comprendono Gesù Cristo e il suo vangelo, e molto scarsi gli adoratori ai piedi del divin tabernacolo. Ahimè, l inferno trionfa e l uomo malvagio disprezza con orgoglio e con gioia la religione di Gesù Cristo e il suo sacerdozio Oh!, non siamo stati abbastanza vigili e zelanti per la causa di Dio, non abbiamo combattuto abbastanza per la sua gloria, e già le nubi foriere di tempesta stanno addensandosi. Bisogna perciò pregare molto e farsi vittima di riparazione. Dopo la mia ultima lettera sono andato a Marsiglia per avviarvi la nostra piccola fondazione; ho lasciato là tre sacerdoti, un chierico e due fratelli, sei in tutto. Essi fanno l esposizione ogni giorno e un gran numero di persone devote seguono l adorazione. Dal 1º gennaio il vescovo ha istituito nella sua diocesi le Quarantore. Noi le abbiamo rese possibili, perché senza di noi la diocesi non avrebbe un numero sufficiente di chiese per l adorazione perpetua. Quale gioia per noi l avere potuto almeno collaborare a questa grande grazia! Qui siamo in nove. Si preannunzia qualche altra vocazione, ma ahimè! Si ha paura dell adorazione; la vocazione eucaristica pur tanto bella, santa e amabile spaventa. Sento sempre ripetere: Io ho bisogno di vita attiva, come se l amore divino non fosse attivo e la fiamma che s innalza dal focolare non fosse viva e potente! È la natura che parla, mentre si pensa che sia lo zelo. Non ho notizie del suo buono ed eccellente vicario. Egli sta all obbedienza ed è giusto, ma mi era parso un buon adoratore perché è un uomo di Dio. A Marsiglia ho istituito l aggregazione e il vescovo ha voluto essere il primo aggregato; c è stato un gran numero di iscrizioni. Nel viaggio di ritorno a Parigi ho visitato le associazioni parrocchiali degli adoratori di Tarare e di Amplepuis vicino Lione e le ho aggregate. È l avvio di qualcosa di più definito. Le invio anche la sua pagellina, com è giusto. Lei a sua volta mi invierà la sua strenna. La lascio in Nostro Signore e Maestro e sono nella sua divina carità, cara sorella, suo dev.mo Eymard, sup. soc. ss. P.S. Invierò la facoltà di aggregare ai sacerdoti che mi indicherà. PADRE DE CUERS (I, 76, 58) 909 CO 920 Parigi, 21 gennaio Carissimo padre, attendevo la sua lettera per rispondere a tutti i quesiti e per non essere costretto a rilasciare la ricevuta della sua lettera assicurata. 1. Ho ricevuto i 500 fr.: 200 per le candele, 100 per messe e 200 per la casa. 2. Il signor Picard ha cominciato i lavori lunedì scorso e ha promesso che lei li avrà sicuramente per la data stabilita. Solo, ha precisato, è probabile che spedisca il collo con il corriere fino a Lione e da Lione luogo di sosta prolungata per ogni merce diretta a Marsiglia -, con un corriere espresso. Ciò non dovrebbe aumentare di molto la spesa, ha aggiunto. 3. Il giorno dell Epifania è stato molto festoso e devoto; le quattro professioni si sono svolte con molta edificazione, seguite da un gran cambiamento in meglio. È la grazia dei voti e il frutto benedetto dell albero interamente consacrato a Dio. Lo scolastico Chanuet ha fatto il voto di obbedienza. Ci edifica tutti: è un anima privilegiata, un vero adoratore. Il reverendo Amatori non è arrivato, egli non verrà più, penso, perché quando si resta così a lungo senza dare segno di vita, è prova o che non si ha educazione o che non si ha una vocazione ben definita. Ho saputo che a Roma aveva chiesto di entrare dai padri dello Spirito Santo, che lo hanno però rifiutato in quanto incostante. Il signor de Leudeville viene a trovarci, ma non ha ancora 4

5 fatto il suo ritiro, perché il p. de Pontlevoy non è libero fino a dopo la quaresima. Ma Dio ha supplito a questi ritardatari: il reverendo Bissey, di Angers, si trova qui dal 13, e il reverendo Martin, diacono di Nantes, è qui dall 11. Eymard, sup. SIGNORINE BOURGES (V, 341, 2) 910 CO 921 Tutto per l amore e la gloria di Gesù Ostia. Parigi, 22 gennaio Buone e care signorine, gli amici sono spesso lasciati per ultimi per poter dedicare loro maggior tempo. Grazie per gli auguri, e soprattutto per le preghiere. Ci tengo molto, perché voi siete un po la mia famiglia. Mi sta a cuore tutto quello che vi interessa, soprattutto l amore che avete per il buon Maestro e il prezioso apostolato che svolgete su quei giovani cuori che tanto bene formate alla virtù. Ecco perché dovete apprezzare la vita, e curare un po di più la vostra salute per potere lavorare più a lungo. Ci riposeremo in cielo, ora è meglio poter lavorare per la gloria di Dio. Il tempo vale in un certo senso più del cielo, dal momento che il cielo lo sostituirà per l eternità. Amate molto il buon Dio, care signorine e figlie in Nostro Signore, perché lì c è tutto l uomo e tutto Dio. Riponete la vostra norma di vita nella grazia del suo amore, le vostre virtù in una sola: la virtù dell amore, e sarete molto gradite a Dio. Quando potrò venire a farvi visita? Io lo desidero, ma non so quando potrò. Dall altare ci vengo ogni giorno. Dio è più grande del mondo, ogni cosa vive in lui. È lì che io vi benedico e resto, care signorine, sempre vostro dev.mo Eymard, sup. PADRE DE CUERS (I, 77, 59) 911 CO 922 Parigi, 25 gennaio Carissimo padre, vengo per comunicarle di avere ricevuto la sua lettera assicurata: grazie, è l aiuto della Provvidenza. Grazie anche delle informazioni che mi dà sul reverendo Bissey; fino a questo momento siamo stati edificati dalla sua condotta e dalle sue conversazioni. È stato molto sincero con me: la sua attrattiva è la vita di adorazione, l apostolato viene al secondo posto; mi sembra molto colto. Fino ad ora non posso che ringraziare il Signore. Avevo tanta fretta quando le scrissi l ultima lettera, che mi scordai di parlarle della visita del p. Hermann. Essa mi ha molto sorpreso e sto ancora chiedendomene il motivo, ma penso e credo sia stato il sentimento dell antica amicizia. Egli ha saputo anche che mi sono fermato a Lione. Forse gli ha fatto dispiacere questa notizia e il fatto che non sono andato a fargli visita. Ma non lo dovevo fare dopo la lettera che mi aveva scritto; ed ero ben deciso ad ignorarlo fino a quando fosse piaciuto a Dio di offrirmi l occasione per rompere il silenzio. La nostra conversazione è stata cortese, ma non abbiamo parlato in particolare della Società, perché c era gente; e poi non era opportuno. Gli ho restituito la visita ed egli mi ha ripetuto più volte: Restiamo uniti, restiamo uniti!. Troppo ha sofferto il mio cuore a causa della sua condotta e delle sue parole perché potessi aprirmi come prima; ciò potrà forse avvenire, ma fino a nuove prove Quanto al prestito, ben comprendo che sarebbe lodevole restituirlo al più presto; ma non ho potuto trovare nulla qui, perché il momento non è favorevole: c è molta preoccupazione sull esito degli avvenimenti d Italia. Lei ha detto una buona parola al fratel Carrié per il signor Guérin: è stata proprio una felice idea. 5

6 SIGNORA DE GRANDVILLE (IV, 20, 20) 912 CO 923 Parigi, 12 febbraio Signora e carissima figlia in Nostro Signore, lei è in parte la causa per cui non le ho scritto. Nella sua penultima lettera infatti me ne annunciava una più esplicita e ho avuto il torto di stare ad attenderla. Mille cose poi mi hanno fatto tardare fino ad oggi. Penso proprio di essere a Parigi alla data che mi indica; ma se dovessi assentarmi glielo farò sapere per tempo. Sarei molto contento di vederla: è da lungo tempo che non l ho incontrata. Eppoi l ultima volta era tanto provata! Quanto al progetto di La Salette è prematuro. Fa ancora troppo freddo sulle nostre montagne; bisogna attendere la bella stagione. Ci sarebbe il rischio che non possa neppure salire sulla santa montagna e forse si esporrebbe a un pericolo. No no, attenda il bel tempo e poiché devo fare un viaggio a Marsiglia, se potremo combinare la partenza per il primo tratto fino a La Salette, lo farò volentieri. Ad una condizione però, che lei si fermi una mezza giornata nella mia piccola città natale di La Mure. La informo che una sua amica, la signora Georges qui a Parigi, si trova in punto di morte. Sono stato a visitarla, l ho confessata e ha ricevuto gli ultimi sacramenti. Desidera intensamente di andare dal buon Dio. Che bell anima! Ritorno a vederla quando mi è possibile; la morte le sorride. Oh, è veramente dolce morire quando si ama il buon Dio! È stata contenta quando ha saputo che io la conoscevo e anch io sono stato contento di saperla sua amica Desidererei, mia buona figliola, che Dio ci volesse a Nantes, in mezzo a questo buon popolo. Ora io chiedo al buon Maestro dove vuole che gli eleviamo il terzo cenacolo; glielo chieda per noi. Chissà se il vescovo di Nantes è disposto ad accettarci! Non potrebbe chiederglielo? In caso affermativo ci prepareremmo per questa città, altrimenti lascerei procedere le trattative per Lione. Ho sempre amato Nantes mio padre era un monarchico -; è la regione dei grandi ardimenti. Non cerchi di conoscere altra volontà di Dio, mia buona figliola, se non quella del momento, della confidenza e del santo abbandono; è la cosa migliore. Non cerchi altra virtù che quella dell amore filiale che va verso Gesù per lui e per mezzo di lui, non per mezzo di lei e per lei. Oh! Sono belle le miserie e benvenute le povertà che le rendono Nostro Signore tanto necessario! Il povero ama i suoi luridi abiti perché sono il titolo alla carità. Si accosti alla comunione tutti i giorni, mia buona figliola. E se si potesse fare la comunione cento volte al giorno le direi: si comunichi cento volte; per lei è la virtù e la vita. Saluti, mia buona figliola; non ho il tempo di rileggere la mia lettera. Ho avuto fino ad oggi una infiammazione di denti che mi ha reso svogliato. Suo dev.mo Eymard. FAMIGLIA ROSEMBERG (II-S, 92, 2) 913 CO 924 Parigi, 17 febbraio Carissimi amici, a Dio piacendo spero di giungere domani sera, sabato. Non sto a dirvi la gioia che provo nel venire ad incontrarvi. A farmi accelerare il viaggio è stato anche il desiderio di vedere e di consolare il buono e santo signor Dupont. Pensavo di fermarmi da lui, a meno che voi decidiate diversamente. Fatemi la cortesia di avvertire la buona mamma Marceau, perché temo di non avere il tempo di scriverle. Vostro dev.mo Eymard. Sig. Rosemberg, maestro di musica Tours (Indre-et-Loire). 6

7 PADRE DE CUERS (I, 30, 25) 914 CO febbraio Mio caro p. de Cuers, da molto tempo non mi ha mandato sue notizie, eppure sa con quanto piacere le ricevo. E quindi mi sento triste quando si fanno attendere. Lo so che ha poco tempo e che le sue forze sono deboli; ed è vero anche che le desidero per la mia soddisfazione personale. Spero avrà ricevuto per tempo i candelieri, perché a mia volta mi sono premurato che fossero spediti per tempo. Da qualche settimana abbiamo l esposizione tutti i giorni senza interruzione fino alle 9, e abbiamo intenzione di prolungare l adorazione notturna. È giusto dare di più quando si riceve in abbondanza. Tutti i padri e i fratelli stanno bene. Abbiamo un aspirante fratello di meno: è il portiere e nuovo sarto, che il p. Champion aveva ammesso alla prova durante il mio soggiorno a Marsiglia: non aveva per niente la vocazione, ed è partito. Sono stato a far visita al signor Dupont a Tours, perché gli è venuta a mancare la sua degna madre; è stato molto commosso per questo gesto di amicizia. Ho predicato alla sua adorazione notturna, che è fiorente. Le vuole sempre molto bene e si raccomanda al suo memento. I nostri teologi fanno bene. Desidero vedere il vescovo di Marsiglia per la tonsura di Carrié. Le Dame del n. 66 danno il loro contributo per il servizio eucaristico, soprattutto con la sofferenza. Suor Benoîte è stata molto ammalata, ma poiché è la sua missione quella di soffrire, si finisce con l abituarcisi. Le sue grazie sono sempre grandi, e vengono messe a frutto soprattutto per la chiesa e per il Papa: il cielo e la terra richiedono preghiere, penitenze e l ammenda onorevole. Il p. Leroyer mi scrive che lei è un poco affaticato. La scongiuro, caro padre, non lasci spegnere il piccolo fuoco che lo anima, perché dobbiamo lavorare per il buon Maestro e affrontare qualche altro campo di battaglia. Talvolta la natura si lascia prendere dalla paura, come succede ai pagani, perché non sa dove prendere il necessario per vivere e provvedere alle spese, dal momento che non abbiamo entrate fisse, ad eccezione della sua pensione e degli onorari delle messe. Ma la fiducia in Dio riesce presto a cacciare questo demonio e a farci sperare contro ogni speranza nel buon Maestro, che ci ha dato tante prove della sua infinita bontà. Mi accade spesso di non avere più nulla, nemmeno un centesimo. Allora lodo Dio, che ben lo sa e che vuole metterci alla prova: «Mi uccida pure, non me ne dolgo» [Gb 13,15]. Saluti, caro padre, i miei ricordi affettuosi ai padri e ai fratelli. Suo aff.mo in Nostro Signore Eymard, sup. SIGNORA DE GRANDVILLE (IV, 21, 21) 915 CO 926 Parigi, 25 febbraio Buona signora e cara sorella in Nostro Signore, questa mattina alle 10 ho visto il vescovo di Nantes. Sono stato ben felice di fare la conoscenza di questo pio e affabile prelato. Abbiamo parlato molto della nostra piccola Società, del suo fine, delle sue opere. Egli mi ha ascoltato con simpatica bontà e lasciandomi mi ha detto che sperava che la Società avrebbe un giorno lavorato nella sua diocesi. Da quello che mi ha detto il vescovo ho potuto intuire che la nostra opera sarebbe gradita alla sua pietà; anche il suo vicario generale mi è sembrato interessato alla cosa. Ecco, io ho fatto il primo passo, mia buona signora; lei farà il secondo se Dio glielo ispira. Se ci vuole a Nantes, la sua bontà ce ne fornirà i mezzi. Mi è stato detto che c è una graziosa cappella libera e adatta all adorazione, quella dell Oratorio. Sarebbe davvero provvidenziale se nel corso dell anno 7

8 potessimo iniziare l esposizione a Nantes. Cominceremmo in 6 come a Marsiglia; questo numero basta per l esposizione durante il giorno per il corso della settimana. Ho ricevuto una lettera dalla signorina Aglaée de Martel che mi chiede una aggregazione. È forse interessata all opera? Quale grazia per Nantes se Dio la volesse! Stiamo a vedere se ci converrà cominciare con Lione o con Nantes. Anche qualche città meno importante ci desidera, ma come ho detto al vescovo vogliamo scegliere di preferenza le grandi città, per potere agire su un più vasto raggio. L ottima signorina Georges è deceduta una decina di giorni fa, coi sentimenti del più dolce e del più fervido abbandono alla misericordia di Dio. Era contenta della sua lettera e della sue espressioni di amicizia. Ella, nel suo grande desiderio di essere unita a Dio e di non offenderlo più, mi disse: Padre mio, mi dica che sto per morire presto. Oh, come sarei contenta se mi dicesse che morirò oggi stesso! Ho tanto offeso Dio, ma egli è tanto buono che spero nella sua infinita misericordia. Poi, se qualche timore tentava di turbare la sua anima, esclamava: O Maria, Maria, mia buona madre! Spero in te, in te che sei tanto buona, in te che ho amato e che amo. Oh no, tu non mi abbandonerai. E mi confidava: Temo che la Vergine non mi ami più. E perché? Perché in questi giorni non posso recitare l ufficio dell Immacolata Concezione. Faccio forse peccato? Otto anni fa ho promesso alla Vergine di recitare ogni giorno fino alla morte il suo ufficio e l ho sempre fatto. No, no, le dicevo, il suo stato dispensa lei e anche me. E quindi le ho suggerito una breve preghiera. Lei crede dunque che Maria mi ama ancora? Oh sì, e molto. Allora ella che stava per esalare l ultimo respiro e non poteva farsi intendere, bisognava infatti starle molto vicino levò le mani al cielo ed esclamò con una voce che risuonò per tutta la casa: O Maria, Maria, mia buona madre, mia speranza, sì sì, tutti coloro che ti hanno invocata non sono stati abbandonati; assistimi in questo momento e difendimi contro i miei nemici. Voglio essere debitrice a te della mia salvezza. Ti amo, oh sì, ti amo!. Detto questo è ricaduta nello stato di agonia ed è spirata qualche ora dopo. Oh, che morte beata! Arrivo da Tours, dove ho predicato le Quarantore all opera dell adorazione del signor Dupont mio amico. Questo spiega il mio ritardo. Pensavo molto a lei; se fosse stata solo a poche ore di viaggio sarei venuto a trovarla. Non posso ancora assicurarle se sarò qui a Pasqua; glielo scriverò in seguito. Saluti, buona signora e cara sorella in Nostro Signore; ami molto il buon Dio e sia tutta dedita alla sua gloria. Suo dev.mo in Gesù Cristo Eymard, s. P.S. Ricevo ora la sua lettera: grazie. Preghi, poi vada con semplicità dal vescovo e veda se c è qualche speranza. Farei volentieri un viaggio fino a Nantes per valutare le possibilità. Sento qualcosa in fondo al cuore che mi spinge fortemente verso Nantes. Sì, viva Nantes in Nostro Signore. SIGNORA GOURD (V, 47, 39) 916 CO 927 Parigi, 27 febbraio Grazie, cara figlia, della sua lettera: ero ansioso di avere sue notizie. È vero che io sono in ritardo con lei. I miei auguri glieli ho fatti ai piedi del SS. Sacramento e lei conosce ciò che desidero per lei: l amore di Nostro Signore, ma un amore semplice, filiale e di abbandono; un amore che non ha nulla per sé, che non fa nulla per sé, che non desidera nulla di umano per sé da parte di nessuno. Felice l anima che ama in questo modo, per la quale Gesù è l unico bene, l unica gioia e l unica aspirazione! Si comporti, cara figlia, come il cieco, il paralitico, il mendicante del buon Dio, e lei vivrà di Gesù. Consenta che gli auguri che le faccio si estendano anche alla sua figlia; da molto tempo essa non ha dato segni di vita. La lettera del p. Mayet l ho letta con grande gioia. Le sue parole lasciano intravedere un anima devota e interamente consacrata a Dio, anche se un po restia nel chiedere. 8

9 Ora quanto al denaro, se non fosse il p. Mayet a farle esporre il suo progetto, le direi di no, perché l idea verrà comunque attuata. Mi pare tuttavia che sia una questione di delicatezza, e perciò faccia pure la sua piccola offerta. Speravo di vederla arrivare a Parigi, ma Dio la trattiene; ne sia lo stesso ringraziato! Benedico lei, buona figlia, e anche la cara Stéphanie: Dio vi ricolmi del suo santo amore. Suo dev.mo in Nostro Signore Eymard. P.S. Mi sono molto rammaricato di non avere visto suo nipote. Gli avrei indicato un medico polacco, sacerdote al cimitero di Père-Lachaise, che è autorizzato dal ministero a curare le malattie degli occhi. Non dimentichiamo di pregare per suo padre e per tutti i suoi cari. Abbia fiducia nella misericordia di Dio! Ahimè! Ecco il frutto delle teste svitate. Quella cameriera ha agito male. Perdoni gli sbagli di cuore, di stupidità, ma non transiga sull autorità. Sig.na Boisson, institutrice aux Thorins Romanèche (Saône-et-Loire). SIGNOR PERRET (II-S, 109, 2) 917 CO 928 Parigi, 4 marzo Caro signor Perret, avevo iniziato una lettera per lei, ma poi mille cose me l hanno fatta interrompere. Spero che questa abbia una sorte migliore. Abbiamo partecipato al suo dolore e alle sue sofferenze causate dalla malattia e dalla morte del suo caro fratello. Lei continua ad essere il consolatore di tutti, e perciò io confido che anche la sua consolazione sia grande nella misericordia di Dio, e che suo fratello le debba essere in parte debitore della propria morte cristiana. D altronde egli era molto buono e generoso con i poveri, e poi ha sofferto, cose tutte che annunciano e introducono nella grazia della salvezza. Noi continuiamo a pregare per lui. Ma anche lei è ammalato, caro signor Perret, e questo mi ha addolorato perché so bene che lei ha tutto il carico della famiglia. Qui noi saremmo stati contenti di vederla e di aiutarla a guarire presto. Io penso che a costringerla a letto sono state le emozioni penose e le veglie prolungate. Pregheremo molto perché lei torni presto da noi, da cui sta lontano da troppo tempo. Qui troverà dei buoni amici e fratelli: il signor Chanuet, il p. Bissey dal cuore d oro, ed altri ancora. L esposizione ora è quotidiana e dura l intera giornata. Ormai abbiamo solo l ambizione di vederla perpetua, di giorno e di notte. Qui siamo in 11, e a Marsiglia in 6. Desidererei fondare la terza casa a Lione, la città di Maria, ai piedi del santuario di Fourvière dove ho ricevuto tante grazie, e soprattutto la prima idea dell opera del SS. Sacramento. Ma pare proprio che il buon Maestro non la voglia, il cardinale di Lione è contrario. L opera della prima comunione è sempre in crescita. Abbiamo 63 ragazzi più 4 anziani e alcuni matrimoni da celebrare. 35 ragazzi si preparano alla prima comunione per Pasqua. Essi sono giudiziosi; le lotterie fanno sempre meraviglie, i buoni punti sono come l oro della California. Il signor Le Rebours ci ha procurato 300 fr. Per aiutarci a vestire i ragazzi, ma non basteranno. Ah, perché non è qui, caro papà Perret! Si tratta della sua opera. Lei l ha seminata e innaffiata; veda come Dio la benedice. Abbiamo composto un piccolo regolamento dell opera; gliene invio una copia. È nuovo e ha incontrato il favore del signor Prével. Ci mandi sue notizie, per favore, e ci faccia sapere come sta. Le sono affezionatissimo e devotissimo nel Signore, caro amico e fratello. Eymard, sup. P.S. Eccole una notizia. Qualche giorno fa mi vengono a dire: il portinaio se ne è andato portandosi via orologio, denaro, onorari di messe Sembra proprio che siamo destinati a restare poveri. Sono corso al suo domicilio, ma le porte erano ben chiuse, l angelo le custodiva. Ho visto il suo calzolaio. 9

10 Sig. Louis Perret, architetto, quai de l Archevêché 8 Lione. SIGNORA DE GRANDVILLE (IV, 23, 22) 918 CO 929 Parigi, 9 marzo Signora e carissima sorella in Nostro Signore, ho appena ricevuto la sua lettera, che mi informa che il momento di Dio non è ancora arrivato. L ho ringraziato molto per avermelo fatto dire con tanta chiarezza. Ebbene, mia buona signora, ci prepareremo; lavoreremo non per diventare più grandi, più numerosi, più eloquenti o più ricchi, ma più nullità nell amore di Nostro Signore. Poi quando scoccherà l ora, tutte le porte si apriranno spontaneamente, perché tutto obbedisce a Nostro Signore. A lei è stata affidata una bella missione, quella della preghiera; essa è grande e onnipotente; ci uniremo a Lei. E così lasceremo il buon Maestro ancora un po nella tomba. Mentre lei trattava della fondazione di Nantes, a noi è capitato un piccolo infortunio: un domestico, dopo avere arraffato tutto ciò che gli era stato possibile, se ne è fuggito. Non contento egli è ritornato durante l ufficio del lunedì e ha preso a suo piacimento ciò che restava. Beh, bisogna comunque benedire il buon Maestro, perché non ha rubato che a noi, il disgraziato; fortunatamente non ha toccato i vasi sacri. A noi rimane Gesù e siamo abbastanza ricchi; ma bisognerà in sovrappiù andare per tribunali e ciò costa alla natura. Durante la quaresima resterò a Parigi: a Pasqua avremo una bella prima Comunione di adulti e bisogna che li prepari. Dio sia per lei tutto in tutti. Saluti, mia buona signora. Suo dev.mo in Nostro Signore Eymard, sup. Sig.ra de Grandville rue St-Laurent 8 Nantes. SIGNORINA MATAGRIN (V, 270, 5) 919 CO 930 Parigi, 11 marzo Cara signorina, la sua lettera è la prima che ricevo da Tarare, ma anche quella che ha il primo posto nel mio cuore. La ringrazio del suo ricordo, ma non della sua riconoscenza: ho fatto tanto poco per lei! Spero tuttavia che sia solo un acconto. Lei mi procura una grande gioia dicendomi che l adorazione va bene e che è un po più frequentata. Essa è l opera regale, quella da cui tutte le altre derivano, ed è la grazia e il fine di tutte. Per questo, cara signorina, continui a dedicarsi ad essa: è il compito degli angeli. Quando lo avrà concordato con il parroco, verremo a predicare un buon ritiro eucaristico. Dovrebbe essere però di una settimana intera per riuscire a fare qualcosa di solido e di coerente. La signora Tholin mi scrive da Tolone dove sta meglio queste parole: «Ecco quanto mi scrive il p. Duffieux di St-Chamond: ho sperato a lungo che il p. Eymard mi facesse una visita; avendone l occasione gli testimoni il mio rispetto e il mio sincero affetto». Così, lei vede che non tutto è perduto e che sfortunatamente io non sono ancora in corsa per la canonizzazione. Ma sarà meglio tornare a lei. La volontà di Dio del momento, anche se imposta dalla necessità, è la più grande grazia. Essa vale più di tutte le opere di zelo e della stessa comunione, perché per noi è la santità. Ma quando lei non può recarsi a mendicare il pane di vita, si comunichi spiritualmente allo scopo di conservare la fame e la sete del buon Dio, e la sua anima brami il dono del suo amore anche senza muoversi dal suo posto, come san Giovanni Battista. 10

11 Reciti per dovere le preghiere vocali, e basta, ma trovi il tempo per l orazione del cuore. Questa le diventerà sempre più facile, perché essa esprime i sentimenti presenti nella sua anima. Si accosti il più possibile alla vita intima di Dio, unendosi col cuore e con la volontà a tutto ciò che Dio vuole per lei istante per istante. È la sorgente dell amore come anche dei doni che riceve. Quanto mi sono rammaricato di non avere saputo che quel bravo Fleury stava a Tarare! L avrei visto con grande piacere; cercherò di rimediare pregando per lui. La salute va abbastanza bene, visto che tiro sempre e lavoro più degli altri; e quindi sto bene. I miei deferenti ossequi alla sua pia sorella e alla signora Duttrel. Mi creda molto sinceramente a lei unito in Nostro Signore suo dev.mo Eymard. SIGNORA THOLIN-BOST (IV, 158, 39) 920 CO 931 Parigi, 12 marzo Cara sorella in Nostro Signore, mi vergogno di averla tanto dimenticata anche se la sua carità mi scuserà; bisogna pur perdonare ancora qualche cosa. Il buon Maestro a volte ci visita con la sua grazia del calvario, ma anche con la forza del suo amore. È bello vedere questo amore divino che addolcisce la croce; perché bisogna che essa venga dal cielo, altrimenti noi resteremmo tranquilli sul nostro Tabor. Ma tutto passa velocemente e il sole è più bello dopo la tempesta o dopo le nubi che passano veloci davanti ad esso. Non le ho scritto, cara figliola, su Algeri, perché non vi scorgevo che delle nubi. La sua buona sorella, che può usufruire della traversata gratuita, farebbe meglio se venisse a trovarla a Tolone. Le invio i due foglietti che mi ha chiesto per St-Chamond. Forse ho avuto torto nell inviare al parroco di St-Pierre la pagellina per aggregare i suoi adoratori, ma non ho considerato in ciò che il bene spirituale delle anime e un segno di amicizia verso questo buon parroco. Può darsi che egli in questo veda il desiderio di essere invitato da lui, o forse crede di essere obbligato a ostentare delle riserve a motivo dei padri maristi. Dio sia benedetto di tutto. Sono contento di sapere che la sua salute va costantemente migliorando e che si trova come in famiglia. Il signor Tholin sarà stato felice nel vederla rinfrancata in salute. Sì, mia buona figliola, c è ancora molto da fare in questo mondo; il cielo è eterno ma questa vita di calvario passa. Sia una buona figlia e mi scriva senza timore di disturbarmi. Sa bene con quanto piacere ricevo sue notizie. Suo dev.mo in Nostro Signore Eymard. Sig.ra Tholin Bost, presso il sig. Dalaca, restauratore rue Bourbon Tolone. PADRE DE CUERS (I, 78, 60) 921 CO 932 Parigi, 13 marzo Carissimo padre, la sua lettera mi ha un po rasserenato. Mi avvedo che soffre e che soffre molto. Non le dico: si risparmi, si curi e non faccia se non quello che ritiene prudente di fare; tutto ciò sarebbe giusto e lo richiedono l amicizia e la carità. Ma io vado più in là e le dico: riponga tutta la sua forza nel Signore: lei è l infermo che serve il buon Maestro e tutto lo deve onorare, come i veterani invalidi onorano il re. Quanto a me, io prego il Signore di conservarla perché possa lavorare ancora un po. Sul campo di battaglia si ha bisogno di tutti i soldati; e ciascuno deve essere pronto a sacrificarsi fino alla morte. Sia però condiscendente alle necessità del suo stato di salute. 11

12 Veniamo alle commissioni. Le candele sono state ordinate come da sua indicazione; qui acclusa vi è la ricevuta del paramento viola; ho incassato le 120 messe. Questo buon uomo del signor Picard è proprio un gran confusionario; vado da lui e mi dice: La prima spedizione è partita con il corriere, la seconda la invierò con il corriere fino a Lione, e da Lione a Marsiglia con il corriere espresso; non verrà a costare molto di più e ci farà guadagnare otto giorni. È davvero spiacevole. Con lui la partita è chiusa. Per le prossime ordinazioni ci rivolgeremo altrove, almeno saremo serviti meglio e in modo più accurato. Mi piace assai l idea di fare tornare qui il p. Leroyer per la professione, ma solo per un mese, perché lei ne ha bisogno. Un mese qui è sufficiente; sarà il primo a fare un mese eucaristico. Prima però le manderò il p. Clavel, perché abbia il tempo di essere istradato. Questo caro padre ha migliorato molto, sta avviandosi e comincia a fare un grande bene. Ma fino a che avrà un soffio di vita, padre, bisogna che la sua ombra sia il superiore, a meno che Nostro Signore non dica in modo chiaro il contrario. Non sono i talenti o la prudenza umana o le virtù che fanno il buon superiore, ma la docilità e la fiducia nella propria grazia di stato. Quando sarà possibile, faccia costruire delle stanze sul lato meridionale, penserà Nostro Signore a pagarle e a riempirle. Non ho ancora potuto incontrarmi col vescovo di Marsiglia, ma lei sa quante volte lei stesso ci è andato. E non mi dice nulla del p. Golliet! Forse non si comporta bene o non è disposto a migliorare? Non sarà un altro signor Huan? Ciò mi preoccupa. Grazie dell invio della pensione della Legion d Onore: essa è arrivata proprio nel momento giusto, come fa sempre la divina Provvidenza, che vuole lasciarmi arrivare fino all ultimo centesimo. Al municipio dell Observatoire, che è ora il nostro, come a quello del Panthéon, mi è stato detto che lei deve semplicemente presentarsi al municipio di Marsiglia con il documento che le invio perché venga pagato sul posto. Scriverò tra breve al p. Leroyer. Tutti la salutano. Aff.mo Eymard. SIGNORA DE GRANDVILLE (IV, 24, 23) 922 CO 933 Parigi, 13 marzo Signora e cara figlia in Nostro Signore, ricevo proprio in questo momento la sua lettera e la sua offerta. Gesù la rimeriti; io gliene pagherò gli interessi tutti i giorni, perché sento quanto il mio debito verso di lei mi è dolce e sacro. Sì sì, c è la speranza che noi veniamo a Nantes; è sempre in questo modo che Nostro Signore ha agito verso di noi e per mezzo di noi; la fondazione è iscritta nel cielo. Ho fatto i miei piani: lei sarà la prima aggregata e la prima sorella. Quando saremo pronti glielo scriverò e vedrà che tutto andrà bene di fronte al Maestro, che tutte le porte si apriranno al suo arrivo. Ho chiesto a san Giuseppe un anno; questa sarà la sua fondazione e il suo cenacolo. Non venga a Parigi per ora; il tempo è troppo brutto. È già molto che lei riesca a diminuire il negativo, il positivo si attua contemporaneamente lassù in cielo, ma lei non deve vederlo. Ami, mia cara figliola, e metta legna sul fuoco. Può cominciare a procurare l arredamento della fondazione di san Giuseppe con la biancheria da chiesa e a mettere da parte i suoi piccoli risparmi per l altare. Ho molta fiducia. Saluti. Suo dev.mo in Nostro Signore Eymard, s.s. Sig.ra de Grandville rue St-Laurent 8 Nantes (Loire-Inférieure). 12

13 SIGNOR PERRET (II-S, 111, 3) 923 CO 934 Parigi, 14 marzo Carissimo signor Perret, sta meglio? Noi lo speriamo. Preghiamo molto per il suo pronto e completo ristabilimento, perché le resta ancora tanto bene da fare. Tuttavia, non avendo ricevuto nessuna notizia dopo quella che ci segnalava la sua malattia, siamo molto inquieti e verremmo subito da lei, se Lione non fosse così distante o se avessimo il potere di guarirla. Ci faccia la cortesia, caro papà Perret, di dare o di far dare sue notizie ai ragazzi e agli amici che aspettano e contano i giorni del suo ritorno. La piccola o, meglio, la grande famiglia del catechismo aumenta sempre più. Ora sono in 63. I ragazzi della prima comunione di Pasqua sono molto giudiziosi: formano una vera famiglia. I signori della san Vincenzo vengono sempre ad aiutarci. Ma ecco il tempo di vestirli, e io vado elemosinando un po per loro; ma conosco poca gente! Nonostante tutto mi sono state promesse 5 contribuzioni. Dio ci aiuterà. Mi creda sempre in Nostro Signore, caro signor Perret, suo aff.mo Eymard. Sig. Louis Perret, architetto, quai de l Archevêché 8 Lione. MARIANNE EYMARD (III, 122, 113) 924 CO 935 Parigi, 15 marzo Carissime sorelle, se vi scrivessi tante volte quante vi penso ricevereste molto spesso le mie lettere. Voi infatti siete la mia sola famiglia su questa terra e io sono affezionato a La Mure solo per amore vostro; perciò se morirete prima di me, non verrò a La Mure che per piangervi. Vi confesso che desidero vivamente vedervi; forse Nostro Signore nella sua divina bontà me ne offrirà l occasione, ma non so quando e come; bisogna lasciarlo alla sua divina Provvidenza. Devi soffrire con questo grande freddo perciò, cara sorella, bisogna che ti trattenga in casa quando ti senti stanca. Devi evitare il passaggio brusco dal freddo al caldo, perché questa è sempre stata la tua grande debolezza. E poi anche se tutti dobbiamo fare penitenza, tu sappi combinare le due cose, la penitenza e la tua fragilità; lascia un po fare a Nanette. E tu, buona Nanette, sei sempre in forma; bene. Santa Marta ti riceverà con gioia in paradiso; ma fa in modo che la corda non si spezzi troppo presto, perché bisogna che viviate l una quanto l altra. Quanto al testamento io non so quello che bisogna fare, se non nominarmi semplicemente nei vostri due; io qui ho fatto il mio a favore di tutte e due. Consultate sulla questione il signor Arnaud, o meglio che io non vi compaia per niente. Tutto prosegue bene a Parigi. Abbiamo sempre molto da fare; la nostra bella opera ci dà continuamente grandi soddisfazioni e potrebbe occupare cento persone. La nostra casa di Marsiglia prospera e opera molto bene; ora siamo in 17. Anche le dame van bene, ma suor Benoîte è sempre sulla croce. Che persona straordinaria! Non so se ve ne siano di uguali. Quello che stupisce è ch ella ignora la sua grazia e i suoi doni. Pregate molto per noi. E saluti, care sorelle. Vostro aff.mo in Nostro Signore Eymard. P.S. Abbiate la bontà di fare recapitare questa lettera all indirizzo che vi è scritto. Fatemi avere il nome del soldato di cui mi parlate, un certificato di indigenza e di infermità della madre firmati dal sindaco e dal medico, se è possibile. Sig.na Marianne Eymard rue du Breuil La Mure d Isère. 13

14 925 CO 936 CARDINAL MORLOT (I-S, 86, 2) Parigi, 3 aprile Eminenza, Monsignor de Langalerie, vescovo di Belley, con le lettere dimissoriali del 18 marzo 1860 che allego, autorizza il signor Marie-Michel Chanuet, suo diocesano e membro della nostra Società, a ricevere la tonsura e tutti gli ordini dalle mani di Sua Eminenza o di altro vescovo da lei delegato. Il sottoscritto superiore della suddetta Società supplica Sua Eminenza di volere delegare per la tonsura monsignor Sarra Jean-Marie Benoît, vescovo di Perth (Australia Occidentale) che si trova di passaggio a Parigi, e anche per la cresima dei 45 giovani che faranno la loro prima comunione. Con la più grande venerazione sono contento di essere di Sua Eminenza l umilissimo e devotissimo figlio in Nostro Signore Eymard, sup. Parigi, faubourg St-Jacques 68, 3 aprile FIAT UT PETITUR. DIE TERTIA APRILIS S. BUQUET. NOTA: Testo preso da una brutta copia del Fondatore. SIGNORINA DE REVEL (III-S, 39, 24) 926 CO 937 Parigi, Sabato santo 7 aprile Signorina e carissima sorella in Gesù Cristo, vengo ad intonarle il primo Alleluia e ad augurarle una buona festa di Pasqua. La sua quaresima è stata lunga e crocifiggente perché è sempre vissuta reclusa e in compagnia della croce; ma bella e gioiosa sarà la Pasqua del cielo. La desideri dunque molto, perché essa è la verità senza ombre, la bellezza incontaminata, l amore senza dolore. Io non mi sento ancora di augurargliela perché il frutto dipende dall albero come la corona dal combattimento. Eppoi non la vorrei vedere già beata, perché questo è il tempo dei grandi guadagni: il capitale delle grazie essendo immenso, anche i frutti saranno in proporzione. Come criterio della sua pietà prenda il suo stato. Si regoli su di esso, perché la malattia sostituisce tutto in modo eminente, e lo stato di sofferenza tiene il posto di molte pratiche. In questo sta l equilibrio. La volontà di Dio del momento è il migliore orologio. Mi dice che più in là vorrebbe fare un ritiro sotto la mia guida. Per questo può contare senz altro sul mio affetto, esso sarebbe felice di poter farle un po di bene. Un giorno ho visto qui la signora Spazzier, che andava a Nancy per accompagnare una signorina di Hyères. È ripartita ieri mattina alle ore 11 per Hyères, dove resterà ancora un mese. Continuo a ritenere che la vita religiosa non è adatta per lei. Le ho suggerito di stabilirsi a Notre-Dame du Laus, dove potrà vivere serenamente e devotamente con le sue modeste rendite. Ma le ho consigliato di rifletterci ancora. Ho visto con il più grande piacere quella signora di Leusse. Che anima buona! Non ho ancora recapitato il suo atto a suor Pauline, perché solo qualche giorno fa ho scovato il suo indirizzo. Sarei contento di conoscere quel santo sacerdote di Valence di cui mi parla, ma aspettiamo che egli sia più libero. In generale io non credo per niente al motivo della mancanza di tempo quando si tratta di cosa che interessa molto. Io mi rimprovero continuamente, e con ragione, di essere stato pigro su questo punto. Se ne perde tanto di tempo per cose da nulla! Domani avremo la prima Comunione di 36 adulti che bella messe! -, e la domenica in Albis vi saranno 45 cresime. Quanto è buono Dio nel darci queste consolazioni! La nostra casa di Marsiglia 14

15 fa cose meravigliose e provoca una santa invidia. Il fatto è che quella città ha più zelo della stessa Lione, dove si rifugge da ogni novità, persino dalle Quarantore. La casa di Parigi va bene. Siamo in dodici, e facciamo l esposizione ogni giorno e una parte della notte. Ci è capitata una disavventura: siamo stati derubati due volte dal nuovo portinaio che si chiamava Joseph Riboulet, un ex sergente dei uardia ciurme a Tolone e del Péage di Roussillon. Se per caso questo sfrontato osasse venire da lei, come ha fatto con alcuni nostri conoscenti, sappia che si tratta di un ladro matricolato e di un ipocrita. È un po l immagine della nostra miseria nei confronti di Dio, che ha fatto più bene a me dell utile che ne ha ricavato quel povero disgraziato. Passando da Lione non sono tornato da lei; fui costretto a ripartire all improvviso, perché mi avevano avvertito che una persona della comunità vicina a noi era in punto di morte, ma Dio l ha risparmiata. Addio, mia buona figlia. Alleluia! Suo aff.mo Eymard. PADRE DE CUERS (I, 79, 61) 927 CO 938 [Parigi], Lunedì di Pasqua, 9 aprile Carissimo p. de Cuers, non vedevo l ora di augurarle una gioiosa Pasqua. Desideravo scriverle prima, ma non ho potuto: in primavera si rifanno vive le mie piccole emicranie, e in questo stato divento pigro e frastornato. Siamo stati oberati di lavoro eppure molto felici. Ieri, giorno di Pasqua, 33 giovani operai e tre ragazze hanno fatto la prima Comunione nella nostra cappella, e monsignor Serra, vescovo della Nuova Olanda, è venuto in mattinata per amministrare loro la cresima e conferire la tonsura allo scolastico Chanuet. Se ha visto il vescovo di Marsiglia le avrà parlato della sua cordiale visita fatta alla nostra casa e del conferimento della tonsura allo scolastico Carrié la domenica di Passione. E così ora abbiamo due chierici in più. Durante il mio soggiorno a Marsiglia il p. Champion aveva accolto provvisoriamente, come sarto, un sergente del Delfinato e si era finito col farne un portiere. Sembrava leale ed ingegnoso, se non che un bel giorno, durante la benedizione, scomparve portando con sé un orologio, del denaro e alcuni vestiti. Ha avuto poi l impudenza di venire a rubare una seconda volta durante l ufficio del mattino, portando via tutti gli abiti secolari dello studente Carrié. È stata una piccola disavventura, ma il guaio fu che bisognò comparire davanti al commissario e al giudice istruttore, in attesa di essere convocati in tribunale. Dio sia lodato di tutto! Il signor Perret si trova tuttora a Lione, dove ha perso suo fratello maggiore; mi scrive che tornerà a Parigi alla fine del mese. A Lione egli ha rimesso mano a tutte le sue opere buone: è un sant uomo. Qui tutto procede come al solito. Ho appena fatto fare il ritiro di prova ad un ottimo sergente maggiore, che mi pare abbia eccellenti disposizioni e del talento: stiamo esaminando se è adatto. SIGNORA GOURD (V, 48, 40) 928 CO 939 Tutto per Gesù, Ostia d amore. Parigi, 21 aprile Mi spiace di averle fatto attendere la mia risposta. Me n ero dimenticato. 1. Per le molte ragioni che lei comprende, non si impegni di sua iniziativa né per se stessa su quanto le viene chiesto, senza consultare suo marito. Se questi dice di no e un no esplicito, deve considerarlo come un segno del cielo; lei potrà tuttavia esporre le ragioni a favore. 15

16 2. Se la risposta è negativa, in seguito potrà addurla come prova della sua buona volontà. 3. L Eucaristia, cara figlia, è la sua dimora regale e la sua casa dell amore; siccome però vive ancora nella società, vi sono obblighi di buona creanza ed impegni che non si possono convenientemente tralasciare senza provvedervi; perciò, se non può fare diversamente, esamini se conviene alla sua posizione, se può disporre della sua autonomia, se non turba la pace, e poi agisca come meglio crede. 4. Mi sono rallegrato alla notizia che suo padre, mercoledì, ha fatto Pasqua. Dio ne sia ringraziato! Lei ora porti a buon fine quanto la sua divina misericordia ha così bene iniziato. Il tempo che segue la conversione è una grande grazia; è il momento di seminare per il cielo. Se egli fosse morto subito dopo la conversione, certo si poteva sperare nella sua salvezza, ma vivendo sotto l azione di questa grazia santificante, si dà gloria a Dio e si rende più ricca la propria corona. Ami molto Nostro Signore, cara figlia, dal momento che anch egli la ama tanto. Appartenga a lui completamente con le intenzioni, con le azioni e con le sofferenze; è più che giusto! Torni incessantemente ad offrirsi al suo amore, perché questa è la caratteristica dell amore vero. Dio sostituisca in lei tutte le cose. Addio, cara figlia. Suo dev.mo Eymard. P.S. Legga questa mia lettera a Stéphanie. STÉPHANIE GOURD (V, 110, 27) 929 CO 940 Parigi, 21 aprile Finalmente, cara figlia, ho ricevuto due righe da parte sua. Ma è ben scusabile, dal momento che si prodiga per tutti e che il Maestro è tutto per lei. La mia più grande consolazione consiste nel costatare o nel venire a sapere che i miei figli spirituali vanno a Dio attraverso tutti gli eventi e appartengono a lui indipendentemente da tutto. Sì, si serva di ogni cosa come mezzo, ma non riposi che in Gesù. Si applichi a tutto come una inserviente, ma non appartenga che al suo unico Maestro e Signore Gesù. Dia retta all angelo che le parla da parte di Dio, ma non lo stimi e non lo ami che come funzionario di Cristo re. Questi solo deve vivere, regnare e compiacersi del suo cuore. Mi dispiace molto che sia costretta a privarsi dei buoni servigi di quel sacerdote, perché so che era utile e prudente per la sua anima. Se dovesse rimanere, le consiglierei di continuare a recarsi da lui; siccome però se ne va, si accerti se con il parroco la sua anima potrà continuare a godere della pace e della libertà nei suoi doveri e in Dio. Non ricordo di quale libro volevo parlarle, salvo che si tratta di un libro sul SS. Sacramento. Io prediligo le meditazioni del p. Dupont sulla vita e i misteri di Gesù Cristo. Penso che sono state ristampate da Périsse, o da Pelagaud. Ma il libro migliore è Gesù, e la migliore copia è il suo cuore unito a Gesù. Normalmente, quando si comunica, la comunione o il ringraziamento assorba tutto e sostituisca tutto. A che cosa le serve un usciere quando è alla presenza del re? O andare alla ricerca di un tozzo di pane quando il re l ammette alla sua mensa divina? La proposta di una cappellania è buona, se fosse necessaria come condizione per continuare a conservare l Eucaristia. Ma fintanto che ve la lasciano, statene tranquille. Sia buona, amabile e graziosa nei piccoli sacrifici; è il fiore dell amore divino. Addio; la benedico e la lascio in Gesù. Suo aff.mo Eymard. 16

17 PADRE DE CUERS (I, 80, 62) 930 CO 941 Parigi, 24 aprile Carissimo padre, 1. Il p. Leroyer la dovrebbe avere informata che ho ricevuto tutto ciò che mi aveva annunciato. La ringrazio molto, è arrivato veramente a proposito. 2. Come già le ho detto, facciamo l esposizione tutti i giorni fino all una di notte, eccetto il mercoledì e il sabato, giorni nei quali essa termina alle nove, per permettere di fare le pulizie della cappella. Quando sarà perpetua? Bisognerà che il buon Maestro provveda a fornirci i mezzi per i costi della luminaria e il mantenimento dei nuovi soldati. 3. Abbia la bontà di spedire per posta in porto franco sei esemplari dell ufficio del SS. Sacramento della edizione in brossura di Chauffard, all indirizzo della signorina Guillot Mariette, rue du Juge de la Paix, 17, Fourvières-Lyon. Le rimborserò la spesa. 4. Sono contento delle buone notizie di Marsiglia: nulla può essere per me più gradito e più gioioso di vedere che il buon Maestro è glorificato e che il suo regno si estende. Mi piacerebbe tanto che la vostra chiesa fosse costruita tutta in oro e i vostri paramenti fossero i più belli del mondo. La figlia minore è sempre la più riccamente agghindata. 5. Le invio la mia lettera per il signor Golliet: essa è chiara, ma triste. Anche lui non è stato che un operaio avventizio e non un figlio. 6. Se costui prende subito una decisione, mi scriva e io le manderò prima del previsto il p. Clavel. Qui nessuna novità: tutti lavorano e sono molto occupati; Dio ne sia benedetto! Non posso esprimerle il piacere che ci arrecano le sue lettere e il bene che mi fa il suo coraggio al servizio del buon Maestro, nel quale io sono suo aff.mo Eymard, s.s. SIGNORA SPAZZIER (II-S, 237, 14) 931 CO 942 Parigi, 24 aprile Carissima figlia in Nostro Signore, ricevo proprio ora la lettera del buono ed ottimo p. Superiore del Laus, e gliela invio. Le condizioni sono certamente vantaggiose, e lo costaterà sul posto. In basso si trova anche la grande casa che lei conosce, dove c è un ampio giardino. Se la caverà con 100 fr. Più altri 400 per il mantenimento. Mi pare che questa vita tranquilla e appartata, vicino ad un istituto religioso e a un uomo di Dio come il p. Blanchard, sia una posizione ideale per la salvezza. Su di lei, cara figlia, che non può e non vuole essere ospite in un convento, non ho altra idea che la convenienza dei suoi desideri. D altronde deve convincersi che qui, a fianco di queste dame senza poterne fare parte, sarebbe per lei una continua e indicibile sofferenza che è meglio evitare. Penso che al Laus troverà il modo di occuparsi e, se potrò trovarle qualche immaginetta da disegnare, come spero, tutto andrà bene. Non ho detto nulla del suo progetto alla signora de Prailly, ma soltanto di riferirle che avevo scritto al Laus. Siccome aspettavo di giorno in giorno una risposta, non volevo scrivere due volte. Continui i suoi esercizi di pietà e a fare la meditazione come le aveva suggerito la signorina Guillot, ma senza diventarne schiava. Occorre seguire l attrattiva del momento. Cerchi di giungere a Gap nel giorno in cui c è la vettura per il Laus. Penso che essa farà servizio tutto il mese di maggio. Dio la benedica e la accompagni, buona figlia. Nella sua divina carità, sono suo aff.mo Eymard, 17

18 sup. s. Sig.ra Isabelle Spazzier, rue Massillon 8, maison Giraud Hyères (Var). MARIANNE EYMARD (III, 123, 114) 932 CO 943 Parigi, 25 aprile Carissime sorelle, sono sempre un po pigro, ma la vostra carità mi saprà scusare perché non è cattiva volontà. Vi sono dei periodi in cui siamo tanto occupati, come quello della Pasqua ad esempio. Ho ricevuto la risposta del ciambellano dell imperatore: la petizione è stata trasmessa dal Ministero della guerra al generale di divisione del caporale Oddoux; mi hanno detto che la pratica è sulla buona strada. Direte anche all agente Bethoux che mi occupo del suo affare. Ho l intenzione di scrivere alla contessa d Harenc a riguardo della nipotina: se non la si può più tenere in convento a causa dell età, le si insegni un mestiere a Lione. Io sto bene, e la nostra piccola Società procede bene; siamo in 18 adoratori. Non so quando potrò venire a farvi visita; sono un po come gli uccelli, che non sanno da quale parte voleranno l indomani e nemmeno da qui ad un ora. Avrei molto piacere di potere recarmi a baciare la roccia di Notre-Dame de La Salette e le lastre del pavimento della chiesa del Laus, ma lasciamo la cosa al beneplacito di Dio. Farò i miei rimproveri alla signorina Guillot, perché avevo incaricata lei di scrivervi i particolari di qui, ma anch essa ha molto da fare. Non potete immaginare com è la vita a Parigi e come si è presi e ripresi; vi è tanta gente! Ormai siamo in primavera, care sorelle; fate attenzione alle pleuriti. Curate un po la vostra malandata salute; quanto a me vi provvede il buon Dio. Vi benedico, care sorelle, e sono vostro aff.mo in Nostro Signore fratello Eymard, sup. SIGNORA DE GRANDVILLE (IV, 25, 24) 933 CO 944 Parigi, 26 aprile Signora e cara figlia in Nostro Signore, eccomi per un momento a lei. Siamo stati molto occupati per la bella e molto commovente prima Comunione dei nostri adulti, 36 nel giorno di Pasqua. Ora per preparare degnamente questa grande famiglia per il banchetto regale c è stato bisogno di consacrarvi il nostro tempo e dedicarcisi completamente. Adesso ricominciamo la stessa preparazione di una trentina di candidati per l Assunta. È una bella missione, che la natura non ama e che l interessato disdegna, ma che la fede rende tanto preziosa e l amore tanto piacevole. Non prevedo di assentarmi se non il giorno della Trinità, dal 3 al 10 giugno. Vado a predicare un ritiro eucaristico a Rouen; l arcivescovo desidera vedermi e conoscere le nostre opere. Se Rouen fosse vicina a Nantes le direi: venga a questo ritiro. Lei dunque comincia i preparativi di san Giuseppe per alloggiare Nostro Signore fra un anno. Ma non mostra di essere molto convinta. Gli uomini non le danno fiducia ed avrebbe ragione se la fondazione dipendesse da loro; ma non è con essi che bisogna cominciare. Il vento tira dove Dio lo spinge e tutto quello che si trova sul suo passaggio, che proviene dall alto, ne prende il movimento. E necessariamente, a meno che non sia una roccia, ma anche la roccia ha obbedito a Dio. E lei, mia buona figliola, che cosa fa? Ama davvero il buon Dio, questo buon signore che l ama tanto? Che la privilegia fra tutte le figlie di Israele nel suo amore, che è diventato il suo sole, il suo alimento, la sua vita di ogni giorno? Questo sole divino faccia scomparire con il suo ardore il 18

19 ghiaccio polveroso che ricopre le sue azioni e le sue miserie. Sarà fatto al più presto. Questo regale banchetto sia la gioia della sua anima; non ne ricerchi altre. La sua vita sia come la vita del tralcio della vite, come il fiore del giglio, come il frutto dell amore Nella misura in cui i raggi penetrano il cristallo esso diventa luminoso. Oh, perché siamo sempre opachi di fronte a questo sole, sempre freddi esposti a questa fiamma celeste, sempre fiacchi sotto l azione della potenza divina? Siamo tuttora ammalati, ancora legati a qualche cosa, colmi di cattivi umori che turbano lo spirito e ci fanno venire meno. Oh, piscina di Siloe, ecco il rimedio a tutti i mali! Gesù è questo bagno, questa vita. Se Nantes si trovasse ad Orléans sarei venuto a farle visita, perché è un secolo che non la vedo, ma bisogna attendere l ordine e l ora della partenza e dell arrivo. Saluti, mia buona figlia; lei mi è sempre molto eucaristicamente cara e unita in Nostro Signore, nel quale sono suo dev.mo Eymard, sup. SIGNORA JORDAN (IV, 253, 35) 934 CO 945 Parigi, 26 aprile Signora e cara figlia in Nostro Signore, è da tempo che non le ho scritto. Innanzi tutto la ringrazio per l invio delle messe e poi la ringrazio anche a nome di Gesù Eucaristia: il piviale è pronto e onora Nostro Signore. Le volevo scrivere per mezzo di sua nipote, ma non ho potuto e ho preferito attendere per essere più calmo. Mi è stato riferito che Joseph Riboulet di Roussilon, il nostro ladro, è stato in prigione a Lione e che non l ha fatto qui il suo primo colpo. A Pasqua abbiamo avuto una magnifica cerimonia di prima Comunione di 36 ragazzi abbandonati. Erano ben preparati e spero che Nostro Signore sia stato contento di questi piccoli cuori. Ora ne stiamo preparando un altra trentina per il giorno dell Assunta. Parigi è il ricetto dei peccatori, dove il demonio raduna, penso, tutto ciò che trova altrove. Noi procediamo con gioia ed entusiasmo verso l attuazione del nostro fine regale, cioè l adorazione perpetua. Ogni giorno è riempito dall esposizione; l adorazione si estende fino all una di notte. Vede come è generoso il buon Maestro nell accrescere le nostre grazie e nel restare per noi tutto solo la notte sul suo trono d amore. Volentieri metto lei ai suoi piedi come mia figlia primogenita e sorella in Nostro Signore, e anche la sua Mathilde e tutti i suoi. È troppo giusto perché l ho promesso. Ora è alle prese coi suoi bachi da seta. Ma perché non fruttano più? Il diavolo ci ha messo la coda. Mi viene un idea: ne prometta la decima a Nostro Signore nel SS. Sacramento, al re. Se le concede un magnifico raccolto, che ha da temere? C è sempre da guadagnare da ambedue le parti. Non si scoraggi. Siamo prossimi al mese di maggio, il mese delle madri e dei figli. Onori la Vergine come adoratrice durante l ultimo periodo della sua vita nel Cenacolo. Non rimanga a Nazareth quando la Vergine è a Gerusalemme e nel Cenacolo. Presto le giungerà un ufficio del SS. Sacramento, è in arrivo. Quando la potrò vedere? Non lo so. Comprendo e approvo pienamente i motivi che l han fatta custode della sua casa. È la religione del dovere e della carità. Molto bene! Il buon Dio si immischia negli avvenimenti; è lui che combatte, chi potrà vincerlo? Andiamo verso la riconquista dell autorità perduta, della base fondamentale della fede che è il papa. Sono convinto che la questione del potere temporale è solo un pretesto; le società segrete lo vogliono far scomparire spogliandolo, cacciandolo e distruggendolo. Sono a conoscenza in merito di testimonianze e di programmi che potrebbero fare aprire gli occhi a molti. Saluti, o mia cara figliola, lei sa quanto le sono unito in Nostro Signore. Eymard. 19

20 PADRE DE CUERS (I, 81, 63) 935 CO 946 Parigi, 29 aprile Carissimo padre, 1. Le invio la risposta alla lettera del signor Golliet. Io lo scuso, perché in questa circostanza non ha soppesato il valore di certe espressioni. Desidero tuttavia dare una lezione a chiunque non sarà leale con l istituto, e non ne ricercherà il fine in modo esclusivo. Sì, chiunque verrà alla Società per motivi umani sarà allontanato o dovrà soffrire molto. 2. Le manderò quanto prima il p. Clavel: sta ordinando le sue cose e arriverà in settimana. 3. Quanto a questo sacerdote di 30 anni: prima di tutto chieda se il suo vescovo è disposto a rilasciargli le lettere imissori ali oppure solo un exeat. Se si tratta di un exeat non lo ammetta, perché si tratta di una nota negativa. Indaghi sui motivi che entrano in gioco: questo suo modo petulante di fare non mi piace. Lo potrà esaminare più accuratamente con un ritiro di alcuni giorni, per accertare se dà qualche speranza di vera vocazione. 4. Quanto all abito dei fratelli, quando escono di casa, il mio pensiero è che al posto del gilet, si mettano una giacca con abbottonatura anteriore e il collo diritto come quello della talare. Alla giacca sia possibile aggiungere una mezza sottana che scenda dai fianchi ai talloni, di modo che non siano costretti a mutare d abito ogni volta che rientrano in casa. Il cappello sia rotondo, i pantaloni siano di color nero, il colletto invece sia bianco nella parte interna. 5. Il fratel Carrié ha intenzione di scriverle, ma è sovraccarico di lavoro: la teologia, il latino, i suoi ragazzi, la sacrestia. Mi ha promesso comunque che le scriverà presto. 6. Il signor Golliet, per il tramite del signor Meynier, potrebbe approdare in Corsica: il signor Meynier conosce bene quel vescovo. Tutti la salutano nell amore divino. Aff.mo Eymard, sup. Rev. De Cuers, superiore dei religiosi del SS.S. rue Nau, 7 Marsiglia. SIGNORA THOLIN-BOST (IV, 159, 40) 936 CO 947 Parigi, 29 aprile Signora e cara sorella in Nostro Signore, prendo vivamente parte alla nuova croce che Nostro Signore le manda. Immagino facilmente quanto le deve essere di peso. Fortunatamente è molto affezionata al buon Maestro e alla sua amabile volontà perché sa che tutto viene soppesato sulla bilancia della divina bontà. Viva un po di rendita e soprattutto economizzi le poche energie che ha accumulato al sole del sud. Ahimè, povera figliola, la sua anima è un campo sul quale tutti vengono a scavare un solco, ma Dio vi getta dentro un seme di vita eterna. Dica al suo buon papà che prego per lui, al suo caro fratello quanto lo amo ora di più e al suo ottimo marito che gli sono molto affezionato. E lei, mia buona signora, mi creda sempre in unione con Nostro Signore suo dev.mo Eymard, sup. P.S. Il signor Favrel mi informa in questo momento che Dio ha chiamato a sé il suo caro e pio papà. Che il cielo sia la sua dimora e Gesù Cristo la sua ricompensa! Rianimi la sua speranza, mia buona signora; è per lei una consolazione avere potuto assisterlo fino all ultimo respiro. Pregherò molto per lui e per tutti voi. Sig.ra Tholin-Bost Amplepuis (Rhône). 20

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Doc. 11 di Don Salvatore Conte

Doc. 11 di Don Salvatore Conte Doc. 11 LETTERE A NUCCIA di Don Salvatore Conte Taranto 19 / 12 / 1969 ho ricevuto la tua gradita lettera e ti ringrazio del ricordo e delle preghiere. Anche io sento il disagio della lontananza che mi

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) 18 novembre 2012 prima di avvento anno C ore 18.00 ore 10.00 18.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) Oggi è una domenica speciale: oggi inizia l Avvento.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Anno Internazionale del Fanciullo

Anno Internazionale del Fanciullo Anno Internazionale del Fanciullo COMUNICATO DEL CONSIGLIO PERMANENTE In occasione dell'anno internazionale del fanciullo, sono molte le iniziative che si prendono da ogni parte anche nel nostro paese.

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Pregate il Padrone della messe

Pregate il Padrone della messe PASTORALE VOCAZIONALE Pregate il Padrone della messe Dalla Trinità all Eucaristia: chiamati alla comunione Suor Carmela Pedrini L icona della Trinità di Andrei Rublev (1360-1430) si ispira all apparizione

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC ctüüévv{ t w fa TÇwÜxt Parrocchia di S. Andrea Sommacampagna féååtvtåñtzçt Domenica 21 marzo 2010 WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC 12 BRUCIAMO I BIGLIETTINI Bruciamo i nostri peccati, con il perdono non ci sono

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

www.parrocchiamadonnaloreto.it

www.parrocchiamadonnaloreto.it www.parrocchiamadonnaloreto.it Prima di Natale, ci sono quattro settimane che sono molto speciali settimane che prendono il nome di Avvento, perche caratterizzate dall Attesa. Qualcuno potrebbe dire: attesa

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015)

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) INCONTRO CON IL CLERO, I RELIGIOSI, LE RELIGIOSE ED I SEMINARISTI DISCORSO

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

MADONNA DELLA SALUTE

MADONNA DELLA SALUTE 1 MADONNA DELLA SALUTE SI FESTEGGIA IL 21 NOVEMBRE 1- Vergine santissima, che sei venerata con il dolce titolo di Madonna della salute, perché in ogni tempo hai lenito le umane infermità: ti prego di ottenere

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare

COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare Attraverso questa rassegna di messaggi in ordine cronologico si potrà scoprire il cammino di

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione. )

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione. ) (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione. ) Celebriamo la Messa vigiliare della Festa della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe,

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

Discorso sulla bomba e sua parafrasi

Discorso sulla bomba e sua parafrasi Discorso sulla bomba e sua parafrasi Pubblichiamo un recente discorso che Francesco ha tenuto alla Gendarmeria vaticana (Osservatore Romano, 29/09/2014). Il sermone è espresso con la semplicità e chiarezza

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 25 gennaio 2015 S. Famiglia ore 18.00 18.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare della Festa

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO?

CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO? Parrocchia santi Giacomo e Filippo ORATORIO SAN GIOVANNI BOSCO www.oratoriocornaredo.it anno pastorale 2007/2008 Primo incontro di riflessione per i genitori di Terza elementare CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO?

Dettagli

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD)

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD) ARCIDIOCESI DI UDINE UFFICIO DIOCESANO PER LA PASTORALE DELLA FAMIGLIA La coppia cristiana: segno di speranza pomeriiggiio dii spiiriitualliità famiilliiare domenica 27 aprile 2014 CASA ESERCIZI SPIRITUALI

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli