FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO LEGA NAZIONALE DILETTANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO LEGA NAZIONALE DILETTANTI"

Transcript

1 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO LEGA NAZIONALE DILETTANTI DELEGAZIONE PROVINCIALE FOGGIA VIA ANTONIO GRAMSCI, 13/C FOGGIA TEL FAX REFERENTI A.I.A.: L.N.D S.G.S SITO INTERNET : - Indirizzo di posta elettronica : Stagione Sportiva 2014/2015 COMUNICATO UFFICIALE N 33 del 12/02/2015 TOUR TIM DONNE IN GIOCO (TAPPA DI BARI) PIAZZA DEL FERRARESE 13 FEBBRAIO 2015 Lega Nazionale Dilettanti e TIM, il brand di telefonia mobile di Telecom Italia, organizzano il tour TIM Donne in Gioco. L iniziativa prevede la realizzazione di cinque eventi, da svolgersi in altrettante piazze italiane, per sensibilizzare l opinione pubblica attorno al macro-tema delle pari opportunità e con l obiettivo di promuovere e diffondere la pratica del calcio femminile nel nostro Paese. Ogni tappa (Bari, Verona, Brescia, Firenze e Milano) sarà dedicata ad un argomento specifico rispetto alla parità dei diritti di genere. La tappa di Bari realizzata in collaborazione con il Comitato Regionale Puglia Lnd e patrocinata dall Assessorato allo Sport del Comune di Bari si svolgerà venerdì 13 Febbraio 2015 dalle 18 alle in Piazza del Ferrarese e presso la Sala Murat. Nel cuore del centro storico del capoluogo pugliese verrà allestita un area fun animata dalle atlete della Pink Bari, società iscritta al campionato nazionale femminile di Serie A, e dalle calciatrici delle società locali; ed un area destinata alle testimonianze, con la presenza di opinion leader e testimonial di alto spessore legati al mondo del calcio. Prenderanno parte alla manifestazione il Presidente del Comitato Regionale Puglia Lnd, Vito Tisci; il Presidente Vicario Lnd, Antonio Cosentino; l assessore allo Sport del Comune di Bari, Pietro Petruzzelli; il Coordinatore del Dipartimento di Calcio Femminile, Alessandra Signorile, assieme al Segretario, Patrizia Cottini; il Coordinatore del Settore Giovanile e Scolastico Figc Puglia, Antonio Quarto; il Responsabile Regionale del Dipartimento di Calcio Femminile, Luigi Traversa; oltre al Responsabile Medico Sanitario F.C. Bari 1908, Biagio Moretti, ed alla nutrizionista della Pink Bari, Emanuela Cagnazzo. Ospite d eccezione il Commissario Tecnico della Nazionale Italiana di Calcio Femminile, Antonio Cabrini. TUTTE LE SOCIETÀ E LE SCUOLE CALCIO AFFILIATE AL COMITATO REGIONALE PUGLIA DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI POSSONO VISIONARE L INVITO ALLEGATO AL PRESENTE COMUNICATO UFFICIALE.

2 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 2 di 43 IL CALCIO FEMMINILE PUGLIESE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Inaugurata la collaborazione tra la Lega Nazionale Dilettanti e D.i.Re con un weekend dedicato al contrasto della violenza sulle donne. Le atlete del calcio femminile pugliese si schierano al fianco delle donne vittime di violenza maschile, sensibilizzando l opinione pubblica su questa piaga sociale in occasione della gara del campionato nazionale femminile di Serie A tra Pink Sport Time Bari e Riviera di Romagna, in programma sabato 14 Febbraio 2015 presso il Campo Comunale di Bitetto (ore 14.30). Prima del fischio d inizio dell incontro, le capitane delle due squadre leggeranno un messaggio congiunto ed indosseranno un fiocco rosso al braccio per dire no alla violenza di genere. La campagna promossa dal Dipartimento Calcio Femminile della Lega Nazionale Dilettanti e D.i.Re, l'associazione nazionale che da oltre vent'anni offre assistenza alle donne vittime di maltrattamenti con oltre settanta centri dislocati in tutta Italia, entra così nel vivo con un iniziativa di forte impatto sociale che utilizza il mondo del calcio dilettantistico come cassa di risonanza per veicolare un messaggio di speranza. La scelta di accostare le calciatrici dei campionati di Serie A alle battaglie dell'associazione si colloca nell ambito di un progetto più ampio di sviluppo del calcio femminile in Italia, un movimento che reclama attenzione e pari dignità rispetto alla disciplina maschile. La Lega Nazionale Dilettanti, nel quadro di un piano di attività orientato alla crescita ed alla valorizzazione del calcio femminile, non ha voluto mettere da parte l'aspetto culturale e solidale, anche perché il movimento femminile italiano ha sempre dimostrato grande sensibilità per le tematiche sociali. All evento che farà da cornice al match valido per la terza giornata di ritorno del campionato nazionale femminile di Serie A trasmesso in diretta a partire dalle su Odeon TV (canale 177 del digitale terrestre) e on-line su con la produzione di Professione Calcio parteciperanno il Presidente del C.R. Puglia Lnd, Vito Tisci; il Vice Presidente Vicario Lnd, Antonio Cosentino; il Coordinatore del Dipartimento Calcio Femminile, Alessandra Signorile, assieme al Segretario, Patrizia Cottini; il Coordinatore del Settore Giovanile e Scolastico Figc Puglia, Antonio Quarto; e il Responsabile Regionale del Dipartimento di Calcio Femminile, Luigi Traversa. COMUNICAZIONI 1.1. (STRALCIO CIRCOLARE N DELL UFFICIO STUDI TRIBUTARI) Oggetto: la legge di Stabilita 2015 Nella G.U. n. 300 del 29 dicembre 2014-S.O. n. 99, e stata pubblicata la legge 23 dicembre 2014, n. 190, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di Stabilità 2015). La legge consta di un solo articolo e di 735 commi. Si illustrano, di seguito, le principali disposizioni che maggiormente possono interessare le società e le associazioni sportive destinatarie della presente Circolare, così elencate: 2

3 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 3 di Misure che interessano il costo del lavoro 2. Modifiche alla disciplina IVA 3. Misure per le società e associazioni sportive dilettantistiche 4. Nuovo regime fiscale forfetario agevolato per i minimi 5. Nuovo ravvedimento operoso 6. interventi volti al risparmio energetico e per lavori di ristrutturazione edilizia 7. Misure varie 1- Misure che interessano il costo del lavoro 1.1- Buoni pasta elettronici (commi 16 e 17) E' modificata la quota non tassata in capo al dipendente dei soli buoni pasta in formato elettronico, quota che passa da 5,29 a 7. La disposizione si applica a far tempo dal 1 luglio IRAP - Costo del lavoro (commi da 20 a 25) E' modificata la disciplina IRAP sul costo del lavoro. Viene riconosciuta la deduzione integrale dalla base imponibile IRAP del costo del lavoro a tempo indeterminato. Dalla lettura della norma si rileva che la disposizione non si applica agli enti non commerciali; tuttavia e da ritenere, salvo chiarimenti dell'agenzia delle entrate, che l'esclusione debba riguardare soltanto quegli enti che svolgono esclusivamente attività istituzionale mentre per quelli che svolgono anche attività commerciale l'esclusione in argomento dovrebbe riguardare il costo del lavoro relativo all'attività istituzionale. La nuova disciplina si applica a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre Pertanto, per i soggetti con periodo d'imposta coincidente con l'anno solare, si applica per l'esercizio 2015 mentre per i soggetti con periodo d'imposta 1 1uglio-30 giugno, si applica a decorrere dall'esercizio 1 luglio giugno Per i soggetti che non si avvalgono di lavoratori dipendenti, e previsto, sempre con la stessa decorrenza, un credito d'imposta pari al10% dell'irap lorda da utilizzare esclusivamente in compensazione. A decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013 e soppressa la norma che riduce le aliquote IRAP (nella generalità dei casi dal 3,9 al 3,5%). Pertanto, a far tempo dal periodo d'imposta 2014 o dal 2014/15 per i soggetti con periodo d'imposta non coincidente con l'anno solare, l'aliquota IRAP non e più quella ridotta ma quella originaria. Tuttavia, sono fatti salvi gli effetti delta precedente disposizione e, in sede di versamento dell'irap a saldo 2014 (2014/2015 per altri soggetti con esercizio a cavallo) dovrà essere recuperato il minore importo versato a titolo di acconto TFR in busta paga (commi da 26 a 34) Peri periodi di paga tra il 1 marzo 2015 ed il 30 giugno 2018 viene previsto in via sperimentale che i lavoratori dipendenti del settore private, aventi rapporto di lavoro almeno semestrale presso lo stesso datore di lavoro, possano chiedere di percepire le quote maturande di TFR direttamente in busta paga. L'opzione e irrevocabile fino al 30 giugno 2018 e la quota di TFR corrisposta e assoggettata a tassazione ordinaria ma non e imponibile ai fini previdenziali e non concorre alla formazione del Iimite per il bonus di 80. Per i datori di lavoro con meno di 50 dipendenti che non intendono utilizzare risorse proprie per corrispondere la quota di TFR, e prevista la possibilità di accedere ad un finanziamento assistito da garanzia rilasciata da uno specifico Fondo istituito presso l'inps. 1.4,. Bonus IRPEF 80 (commi 12, 13 e15) e bonus bebè (comma 125) E' confermato a regime il "bonus IRPEF" di 80 che era stato riconosciuto soltanto per il 2014 ai lavoratori dipendenti e assimilati. Il "bonus" è uguale a 0 per i soggetti con reddito fino a

4 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 4 di 43 per incapienza (detrazioni per lavoro dipendente superiori all'imposta lorda); per soggetti con reddito tra e euro il bonus e di 80 mensili per 960 annui; per soggetti con reddito tra e il bonus e così ridotto: reddito complessivo diviso per 960. Oltre il reddito di euro non spetta il bonus. A sostegno della famiglia è, poi, previsto un "bonus" annuo di 960 per ogni figlio nato o adottato dal 1 gennaio 2015 fino al 31dicembre 2017; il bonus e corrisposto fino al terzo anno di età e, comunque, a condizione che il nucleo familiare abbia un ISEE non superiore a Se l'isee non supera i euro, il bonus e raddoppiato Sgravi contributivi per assunzioni di lavoratori in mobilita (comma 114) e per assunzioni a tempo indeterminato (comma 118) I datori di lavoro che hanno assunto fino al 31 dicembre 2012 lavoratori iscritti nelle liste di mobilita licenziati da imprese con meno di 15 dipendenti beneficiano di uno sgravio contributivo consistente nel versamento dell aliquota contributiva pari al 10% per un periodo di 18 mesi per i lavoratori a tempo indeterminato ovvero di 12 mesi per quelli a tempo determinato. l datori di lavoro che effettuano assunzioni a tempo indeterminato tra il 1 gennaio ed il 31 dicembre 2015 (esclusi i contratti di apprendistato e di lavoro domestico) beneficiano di uno sgravio contributivo consistente nell esonero dal contributi previdenziali (esclusi i contributi INAIL) nel limite massimo di 8.060; lo sgravio ha la durata massima di 36 mesi e non e cumulabile con altri esoneri o riduzioni di aliquote previsti da altre norme. L'esonero non spetta per i lavoratori che nei sei mesi precedenti siano stati occupati a tempo indeterminato presso altri.datori di lavoro, per i lavoratori per i quali il beneficio sia già stato usufruito e per quelli già assunti a tempo indeterminato nei tre mesi precedenti il 1 gennaio Trattamento impositivo dei Fondi pensione e rivalutazione TFR (comma 623) A decorrere dal 2015 l'imposta sostitutiva applicabile ai fondi pensione aumenta dall'11,5 al 20% ed e incrementata dall'11 al 17% l'imposta sostitutiva applicabile alle rivalutazioni del Fonda TFR decorrenti dal 1 gennaio Modifiche alla disciplina IVA 2.1-Dichiarazione IVA e comunicazione dati IVA (comma 641) A decorrere dalla dichiarazione IVA relativa all'imposta dovuta per il 2015, e eliminato l obbligo della comunicazione dei dati IVA, attualmente previsto entro fine febbraio ed e fissato alla fine di febbraio (2016) il termine per la presentazione della dichiarazione annuale IVA che non potrà, quindi, più essere presentata con il Modello UNICO. Pertanto, mentre per il 2015 sussiste ancora l obbligo di comunicare i dati IVA ed e ammessa la possibilità di presentare la dichiarazione in forma autonoma entro la fine di febbraio 2015 o di presentarla con il modello UNICO, dal prossimo anno 2016 la dichiarazione IVA dovrà essere presentata in forma autonoma entro il mese di febbraio Split payment (comma 629) Viene introdotta una particolare modalità di pagamento dell'iva in relazione alle operazioni effettuate nei confronti degli enti pubblici, limitatamente al caso in cui questi non siano debitori d'imposta. Il meccanismo consiste nel pagamento da parte dell'ente pubblico al fornitore/prestatore di servizi, del corrispettivo della cessione o prestazione al netto dell IVA indicata in fattura. L'imposta e così sottratta alla disponibilità del fornitore/prestatore di servizi e viene accreditata in un apposito conto per essere acquisita direttamente all'erario. La disposizione ha effetto per le operazioni per le quali l'iva e esigibile dal 1 gennaio Clausola di salvaguardia... Possibile aumento dell'iva (comma 718) E' previsto, dal 1 gennaio 2016, l'aumento delle aliquote IVA attuali del 10 e del 22%, rispettivamente, al 12 ed al 24% e dal 1 gennaio 2017, rispettivamente, al 13 ed al 25%. E', 4

5 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 5 di 43 tuttavia, previsto al successivo comma 719 che dette misure possono essere sostituite integralmente o in parte da provvedimenti normativi che assicurino integralmente o in parte gli stessi effetti positivi sui saldi di finanza pubblica attraverso il conseguimento di maggiori entrate ovvero di risparmi di spesa. E' previsto anche, a decorrere dal 1 gennaio 2018, un aumento delle accise su benzina e gasolio. 3- Misure per le società e associazioni sportive dilettantistiche 3.1-Nuovo piano di rateazione (comma 710) Le associazioni sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali che siano decadute, entro il 31 ottobre 2014, dal beneficio della rateazione delle somme dovute in base alle comunicazioni emesse a seguito dell'attività di liquidazione e controllo formale di cui agli artt. 36- bis e 36-ter del d.p.r. n. 600/1973 e 54 bis del d.p.c n. 633/72, agli avvisi di accertamento ai fini dell'imposta sul reddito delle società, dell'irap e dell'iva, agli accertamenti con adesione, mediazione e conciliazioni giudiziali ai fini dei medesimi tributi, possono chiedere entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge, un nuovo piano di rateazione delle somme dovute alle condizioni previste dalle specifiche leggi vigenti Tracciabilità nei pagamenti (comma 713) Il limite previsto dall'art. 25, comma 5, delta legge n. 133/1999 e successive modificazioni per la tracciabilità di pagamenti effettuati e somme introitate da parte delle società e associazioni sportive dilettantistiche, viene elevato da 516,46 a euro. Pertanto, per detti soggetti e possibile effettuare pagamenti o ricevere corrispettivi cash entro il suddetto limite di euro. Oltre tale importo e obbligatorio operare mediante c/c bancari, postali, carte di credito e bancomat. L'inosservanza dell'obbligo comporta sanzioni amministrative e la perdita dell'agevolazione recata dalla legge n. 398/ Cinque per mille a regime (comma 154) Le disposizioni concernenti il riparto della quota del cinque per mille adottate per gli esercizi precedenti si applicano anche per il 2015 e per.gli esercizi successivi con riferimento alle dichiarazioni dei redditi dell'annualità precedente. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri saranno definite le modalità di redazione del rendiconto dal quale deve risultare in modo chiaro e trasparente la destinazione delle somme erogate ai soggetti beneficiari. Per la liquidazione della quota del cinque per mille e autorizzata la spesa di 500 milioni annui. 4 - Nuovo regime fiscale forfettario agevolato per i minimi (commi da 54 a 89) Con il 2015 entra in vigore il nuovo regime forfetario di determinazione del reddito per le persone fisiche che sostituisce il precedente regime delle nuove iniziative. La nuova disciplina interessa le persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni ed opera come regime naturale. Pertanto non ha limiti temporali e viene data la possibilità di optare per il regime ordinario IVA e imposte sui redditi a prescindere dall'età del soggetto. Devono, pero, sussistere i seguenti requisiti: ricavi o compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a determinate soglie che variano a seconda dell'attività rilevabile dal codice ATECO; spese per l'acquisizione di lavoro per importi complessivi non superiori a euro lordi; costo complessivo di beni mobili strumentali, al lordo degli ammortamenti, non superiori, al 31 dicembre, a euro; prevalenza dei redditi conseguiti nell'attività di impresa, arte o professione rispetto a quelli di lavoro dipendente e assimilati. Il regime, che non può essere adottato da soggetti che si avvalgono di regimi speciali IVA o ai fini delle imposte sui redditi, comporta agevolazioni fiscali quali l'esonero dal versamento dell'iva (senza, ovviamente, diritto alla detrazione dell'lva sugli acquisti), l'esonero dagli obblighi di 5

6 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 6 di 43 registrazione e tenuta delle scritture contabili con il solo obbligo di conservazione delle fatture d'acquisto e delle bollette doganali e di certificazione dei corrispettivi, la non assoggettabilità all'irap, l'esonero dalla compilazione degli studi di settore, dalla comunicazione dello spesometro e dalla comunicazione black list. Il reddito viene determinato applicando ai ricavi/compensi un coefficiente di redditività a seconda dell'attività esercitata (codice ATECO); ad esempio, per l attività di alloggio e ristorazione - codice ATECO il limite di ricavi è fissato a euro ed il coefficiente di redditività e pari at 40% dei rkavi.il reddito così determinato (nell'esempio, 16,000) e assoggettato ad un'imposta pari al 15% sostitutiva dell'irpef e addizionali nonché dell irap. Per i soggetti che intraprendono una nuova attività e prevista una diminuzione del reddito di 1/3 per i primi tre periodi di imposta. Anche ai fini previdenziali e previsto un sistema di maggior favore consistente nella determinazione del contributo a percentuale sul reddito dichiarato senza un minimo imponibile, 5 - Nuovo ravvedimento operoso (commi da 637 a 640) L'argomento, data la sua complessità ed importanza, verrà trattato a parte con apposita successiva circolare. 6 interventi volti al risparmio energetico e per lavori di ristrutturazione edilizia Detrazioni per lavori di riqualificazione energetica (comma 47, lett. a) E' prorogata fino al 31 dicembre 2015 la detrazione fiscale nella misura del 65% delle spese per interventi di riqualificazione energetica degli edifici. La detrazione spetta anche per gli interventi su parti comuni condominiali per l'acquisto e posa in opera di schermature solari con il limite della detrazione di euro e di impianti di climatizzazione invernale con il limite di euro. Dal 1 gennaio 2016 la detrazione, salvo ulteriori proroghe, torna ad essere limitata al 50% Detrazioni per /avori di ristrutturazione edilizia (comma 471 lett. b) Viene riconosciuta la detrazione IRPEF nella misura del 50% per le spese relative ai lavori di recupero del patrimonio edilizio sostenute nel periodo 26 giugno dicembre Per coloro che fruiscono del beneficio e ammessa la detrazione del 50% delle spese sostenute per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. 6.3-Aurnento della ritenuta sui bonifici per le spese di cui precedenti punti 6.1 e 6.2 (comma 657) E' aumentata dal 4 all'8% la misura della ritenuta che banche e poste devono operare sui bonifici per gli interventi di risparmio energetico e di recuperi del patrimonio edilizio. 7- Misure varie 7.1-Contributo di 7 milioni al Comitato paralimpico nazionale (comma 190) Per il finanziamento delle attività istituzionali del Comitato paralimpico nazionale e autorizzata la spesa di 7 milioni di euro a decorrere dall'anno Dal 2019 divieto di circolazione di veicoli Euro 0 (comma 232) A decorrere dal 1 gennaio 2019 SU tutto il territorio nazionale e vietata la circolazione dei veicoli a motore alimentati a benzina o gasolio Euro Rapporto Agenzia entrate - contribuenti (commi 634 e 635) Al fine di introdurre nuove e più avanzate forme di comunicazione tra il contribuente e l'amministrazione fiscale, anche in termini preventivi rispetto alle scadenze fiscali, finalizzate, tra 6

7 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 7 di 43 l'altro,a favorire l'emersione spontanea delle basi imponibili, l'agenzia delle entrate mette a disposizione del contribuente gli elementi e le informazioni in suo possessi riferibili allo stesso contribuente, acquisiti direttamente o pervenuti da terzi, relativi anche ai ricavi o compensi, ai redditi, al volume d'affari ed altri Regolarizzazione delle attività giochi e scommesse" (commi da 643 a 650) E' consentito ai soggetti che esercitano attività di giochi e scommesse senza essere collegati al totalizzatore nazionale dell' Agenzia delle dogane e dei monopoli, regolarizzare la propria posizione a condizione, tra l'altro, che entro il 31 gennaio 2015 inoltrino alla stessa Agenzia dichiarazione di impegno alla regolarizzazione fiscale per emersione con il contestuale versamento di e con il successive versamento in due rate dell imposta unica dovuta per i periodi anteriori al quello del 2015, ridotta di un terzo e senza applicazione di sanzioni ed interessi. Gli atti di accertamento già notificati entro il 31 dicembre 2014, perdono efficacia a condizione che l'imposta versata per la regolarizzazione non sia di importo inferiore a quello indicato negli atti stessi. Sono poi, previste pesanti sanzioni per le violazioni non sanate Tassazione polizze vita (comma 658) I capitali percepiti in caso di morte, in dipendenza di contratti di assicurazione sulla vita a copertura del "rischio demografico", percepiti a partire dal 1 gennaio 2015, sono esenti da lrpef. 7.6 Aliquota massima TASI (comma 679} Viene confermata anche per n 2015 l'aliquota massima - 2,5 per mille -di imposizione TASI (STRALCIO CIRCOLARE N DELL UFFICIO STUDI TRIBUTARI) Oggetto: Legge di Stabilità Nuovo ravvedimento operoso Premessa Con i commi da 637 a 640, la legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di Stabilità 2015), ha modificato radicalmente l'istituto del ravvedimento operoso determinando un'importante nuova impostazione nel rapporto tra fisco e contribuente, dal momento che viene reso possibile regola rizzare anche le violazioni già constatate fino alla decadenza dei termini per l'accertamento. Come precedentemente illustrato con la Circolare FIGC-UST n del febbraio 2015, al punto 7.3, viene data la possibilità al contribuente la possibilità di conoscere i dati che lo riguardano, in possesso dell'agenzia delle entrate, cosicché lo stesso potrà provvedere a correggere i propri errori/omissioni. Infatti, il contribuente potrà evitare passi falsi già nella fase di predisposizione della dichiarazione o, se questa è stata già presentata, potrà rimediare avvalendosi del ravvedimento operoso. Il ravvedimento operoso, istituito con l'art. 13 del decreto legislativo n. 472 del18 dicembre 1997, dava la possibilità al contribuente di rimediare -entro precisi limiti temporali ed in presenza di determinate condizioni - agli errori/omissioni e irregolarità commesse in sede di dichiarazione con conseguente notevole riduzione delle sanzioni. Le modifiche apportate con la legge di Stabilità non solo permettono di fruire dell'istituto del ravvedimento operoso senza limiti temporali ma soprattutto, a differenza della precedente disciplina, il contribuente potrà utilizzare il ravvedimento anche qualora la violazione sia già stata constatata e siano già iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento formalmente venute a conoscenza del contribuente medesimo. Il nuovo ravvedimento operoso è precluso soltanto se è stato notificato atto di liquidazione e/o di accertamento, nonché nel caso di comunicazione a seguito dei controlli ex artt. 36-bis e 36-ter del DPR n. 600/1973 e 54-Bis del DPR n. 633/72. 7

8 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 8 di 43 Si espongono, di seguito, in dettaglio le possibilità che offre il nuovo ravvedimento operoso. 1. Ambito di applicazione del nuovo ravvedimento operoso Fino a tutto il 2014 il contribuente poteva avvalersi del ravvedimento operoso soltanto se la violazione non era stata constatata e non erano iniziati accessi, verifiche, ispezioni o altre attività amministrative di accertamenti (art. 13, comma 1 D.lgs, n. 472/97). Dal 1 gennaio 2015 il contribuente potrà sempre ricorrere al ravvedimento operoso. Unica preclusione rimane la notifica al contribuente di un atto di liquidazione e/o di un avviso di accertamento oppure una comunicazione di irregolarità (cd. Avviso bonario). Il ravvedimento operoso si applica ai soli tributi amministrati dall'agenzia delle entrate (imposte sui redditi - IRPEF, IRES, IRAP, IVA ed altri tributi erariali, diritti o entrate). Tuttavia, con la lett. a-bis) inserita al comma 1 dell'art. 13 del D.lgs. n. 472/97, il ravvedimento è applicabile per tutte le imposte e tasse. Pertanto, anche per IMU e TASl le sanzioni sono ridotte ad 1/9 (3,33%) se la regolarizzazione avviene entro il 90" giorno successivo alla scadenza della dichiarazione ovvero, in assenza di dichiarazione periodica, entro 90 giorni dalla violazione. 2. Le fattispecie di ravvedimento operoso Fino al 2014 per il ravvedimento operoso, relativamente ai casi di omesso e ritardato pagamento dei tributi e di errori o omissioni che determinano l'infedeltà della dichiarazione, era possibile provvedere al versamento delle seguenti sanzioni c:alcolate in percentuale sull'ammontare dell'imposta dovuta: a) Entro 14 giorni dalla scadenza, sanzione dello 0,20% per ogni giorno successivo alla scadenza; b) Entro 30 giorni dopo la scadenza, sanzione del3% (1/10 del minimo); c) Entro un anno dalla scadenza, sanzione del3,75% (1/8 del minimo). Dal 1 gennaio 2015 è possibile procedere al ravvedimento con il versamento del tributo dovuto maggiorato delle seguenti sanzioni calcolate In percentuale sull'ammontare dell'imposta: - 3,33% (1/9 del minimo) se la regolarizzazione degli errori/omissioni è eseguita entro il 90" giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione ovvero dell'errore/omissione stesso nei casi in cui non è prevista una dichiarazione periodica; - 4,20% (1/7 del minimo) se la regolarizzazione è eseguita entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello in corso in cui è avvenuta la violazione ovvero entro due anni dall'errore/omissione nei casi in cui non è prevista una dichiarazione periodica; - 5% (1/6 del minimo) se la regolarizzazione è eseguita oltre Il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello in corso in cui è avvenuta la violazione ovvero oltre due anni dall'errore/omissione stessa nei casi in cui non è prevista una dichiarazione periodica. In definitiva, con il nuovo ravvedimento operoso, la regolarizzazione potrà aver luogo con il pagamento delle seguenti sanzioni calcolate in percentuale sull'ammontare dei tributi dovuti: - 0,20% al giorno, per i primi 14 giorni, per ogni giorno di ritardo dal termine previsto per il versamento; - 3% (1/10 del minimo) entro 30 giorni dal termine previsto per il versamento; - 3,33% (1/9 del minimo) entro 90 giorni dal termine previsto per il versamento o dal termine di presentazione della dichiarazione; 8

9 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 9 di 43-3,75% (1/8 del minimo) entro un anno dal termine previsto per i versamento o entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno d'imposta in cui la violazione è stata commessa; - 4,20% (1/7 del minimo) entro due anni dal termine previsto per il versamento o entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno di imposta successivo a quello nel quale la violazione è stata commessa; - 5% (1/6 del minimo) oltre due anni dal termine per il versamento o oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno d'imposta successivo a quello nel quale la violazione è stata commessa. Inoltre, è prevista la riduzione della sanzione 6% (1/5 del minimo)- se la regolarizzazione avviene dopo la notifica del verbale di constatazione salvo che la violazione non consista nella mancata emissione dello scontrino/ricevuta fiscale ovvero nella mancata installazione del registratore di cassa. Infatti, dette violazioni non possono essere regolarizzate con ravvedimento operoso. Resta, naturalmente, inalterato l'obbligo, in caso di ravvedimento, di corrispondere, oltre al versamento delle imposte dovute e della sanzione ridotta, gli interessi di mora calcolati al tasso legale annuo a far tempo dal momento in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato e fino al giorno di effettivo versamento. Si ricorda che il tasso legale per il 2015 è stato fissato allo 0,50% mentre per il 2014 era fissato all'1%. 3. Regolarizzazione delle dichiarazioni omesse- Dichiarazioni Integrative Non sono state apportate modifiche alla vigente disciplina. Pertanto, se la dichiarazione è presentata con un ritardo non superiore a 90 giorni può essere regolarizzata la violazione entro lo stesso termine con il versamento della sanzione di 1/10 del massimo, pari ad 25. Nel caso in cui il contribuente ha la percezione di aver prodotto una dichiarazione infedele o con errori per non aver ripreso a tassazione elementi costitutivi di reddito, è possibile inviare una dichiarazione integrativa barrando la relativa casella nel frontespizio. Le maggiori imposte dovute potranno essere versate beneficiando della riduzione delle sanzioni con il ravvedimento operoso. In tutte le ipotesi di presentazione di una dichiarazione integrativa e nei casi di regolarizzazione dell'errore/omissione, i termini per la notifica delle cartelle di pagamento relativi all'attività di liquidazione di imposte, contributi, premi e rimborsi dovuti in base alle dichiarazioni e di controllo formale delle stesse, decorrono dall'anno successivo a quello di presentazione di tali dichiarazioni. I termini per l'accertamento ex art. 43 DPR n. 600/73 e 57 DPR n. 633/72, decorrono, limitatamente agli elementi oggetto dell'integrazione, dalla presentazione della dichiarazione integrativa. 4. Abrogazione di istituti deflattivi e regime transitorio per il 2015 Poiché il nuovo ravvedimento operoso consente la regolarizzazione, diversamente dalla precedente normativa, anche in caso di notifica di un processo verbale di constatazione (Pvc), viene disposta l'abrogazione dell'istituto dell'adesione al Pvc che prevedeva la riduzione delle sanzioni ad 1/6 nonché l'abrogazione dell'adesione agli inviti al contradditorio con l'applicazione della medesima riduzione della sanzione ad 1/6. E' stata, inoltre, abrogata la disposizione che, in materia di acquiescenza, prevedeva la riduzione al 50% delle sanzioni qualora l'atto di accertamento non fosse stato preceduto dall'invito a comparire. 9

10 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 10 di 43 Tuttavia, tali abrogazioni hanno effetto a far tempo dal 1 gennaio 2016 cosicché, per tutte le situazioni formalizzate entro il 31 dicembre 2015, il contribuente, così come previsto dal comma 638 dell'art. 1 della legge n. 190, può scegliere se utilizzare il nuovo ravvedimento operoso o accettare integralmente le contestazioni di cui al Pvc o all'invito al contradditorio, in materia di imposte sui redditi e IV A, con la riduzione delle sanzioni ad 1/ (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 122/A DEL 30 GENNAIO 2015) Il Consiglio Federale - ravvisato opportuno avviare un percorso volto a razionalizzare e snellire le attività delle Commissioni Federali; - ritenuta a tal fine la necessità di rivedere le vigente normativa in materia, con la modifica degli artt. 11 ter, 11 quater, 96, 99, 99 bis, l abrogazione degli artt. 90 quater e 90 quinquies e l istituzione dell art. 90 sexies, delle Norme Organizzative Interne della F.I.G.C.; - visto l art. 27 dello Statuto Federale; d e l i b e r a di modificare gli artt. 11 ter, 11 quater, 96, 99, 99 bis, di abrogare gli artt. 90 quater e 90 quinquies, di istituire l art. 90 sexies, delle Norme Organizzative Interne della F.I.G.C. secondo il testo allegato sub A). Le presenti disposizioni entreranno in vigore dal 1 marzo NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. Art. 11 ter Le Commissioni Federali All. A) 1. Le Commissioni Federali, salvo diversa e specifica previsione normativa, sono costituite da sette membri di cui un Presidente, un Vice-Presidente e cinque componenti. 2. La durata delle cariche attribuite per nomina è fissata, salvo diversa e specifica previsione normativa, in due stagioni sportive e non è rinnova bile per più di due volte. Art. 11 quater Commissione Carte Federali 10

11 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 11 di La Commissione Carte Federali è nominata per un quadriennio olimpico dal Presidente Federale. 2. La Commissione è composta da un Presidente e da un Vice Presidente indicati dal Presidente Federale, da un rappresentate designato da ciascuna componente e da un rappresentante designato dall AIA. 3. Il Presidente Federale ricevute le proposte di modifica dei Regolamenti federali e dei Regolamenti delle componenti e dell AIA per i quali è necessaria l approvazione del Consiglio federale, le invia alla Commissione per l esame. 4. Il Presidente può richiedere alla Commissione l esame di Sue proposte di modifica delle NOIF e degli altri Regolamenti federali. Art. 90 quater Commissione Criteri Infrastrutturali ABROGATO ABROGATO Art. 90 quinquies Commissione Criteri Sportivi e Organizzativi Art. 90 sexies Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi 1. Presso la F.I.G.C. è istituito un Organismo Tecnico denominato Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi. 2. La Commissione è formata da un Presidente e da quattro componenti nominati, su proposta del Presidente Federale, a maggioranza qualificata dal Consiglio Federale. 3. Possono essere componenti della Commissione coloro che siano in possesso di specifica competenza e indiscussa moralità e indipendenza. Tra i cinque componenti due devono essere iscritti all albo degli ingegneri o architetti con almeno dieci anni di anzianità professionale e con specifiche competenze in materia di impiantistica sportiva, due devono aver maturato una esperienza pluriennale in una organizzazione sportiva ricoprendo incarichi dirigenziali ed uno deve essere iscritto all albo degli avvocati con almeno dieci anni di anzianità professionale. 4. Il mandato dei componenti della Commissione ha durata quadriennale ed è rinnovabile per non più di due volte. 5. La Commissione, oltre alle altre funzioni attribuite dal Consiglio federale, ha il compito di valutare il rispetto da parte delle società richiedenti la Licenza Nazionale dei criteri infrastrutturali e dei criteri sportivi e organizzativi stabiliti dalla F.I.G.C.. 6. La Commissione svolge funzione consultiva per la FIGC, su richiesta del Presidente Federale, in materia di impiantistica sportiva e di organizzazione societaria e in ambito tecnico-sportivo. 7. La F.I.G.C. garantisce il celere ed efficiente funzionamento della Commissione assicurandole i mezzi ed il personale necessari. 8. Tutte le cariche previste nei commi precedenti sono incompatibili con qualsiasi altra carica o incarico federale. I componenti della Commissione sono tenuti alla stretta osservanza del segreto 11

12 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 12 di 43 d ufficio. Ad essi è fatto divieto di avere rapporti di qualsiasi natura con le società dei campionati professionistici; tale divieto permane per un anno dopo la cessazione dell'incarico. 1. INVARIATO 2. INVARIATO Art. 96 Premio di Preparazione 3. Se la corresponsione del premio non viene direttamente regolata tra le parti, la società o le società che ne hanno diritto possono ricorrere in primo grado alla Commissione Premi, nominata dal Presidente Federale, d'intesa con i Vice- Presidenti, sentito il Consiglio Federale. Il mandato dei componenti della Commissione ha la durata di due stagioni sportive e non è rinnovabile per più di due volte. Contro le decisioni della Commissione è ammessa impugnazione in ultima istanza avanti il Tribunale federale a livello nazionale sezione vertenze economiche. L'accoglimento del ricorso comporta a carico della società inadempiente una penale, fino alla metà del premio non corrisposto, da devolversi alla F.I.G.C.. Il ricorso, esente da tasse, alla Commissione Premi deve essere inoltrato a mezzo raccomandata e, contestualmente, copia dello stesso deve essere inviata alle controparti; al ricorso vanno allegate, a pena di inammissibilità, le relative ricevute di spedizioni attestanti l invio alla controparte, nonché le tessere del calciatore rilasciate nelle precedenti stagioni sportive in possesso delle società aventi diritto e in caso dell accoglimento del ricorso, la Commissione provvede, per il tramite delle Leghe e dei Comitati Regionali, al sollecito prelievo della somma a carico della società obbligata. Le eventuali memorie e la documentazione della controparte dovranno pervenire alla Commissione entro il termine perentorio di 30 giorni dalla spedizione del ricorso. Alla suddetta memoria andranno allegate le ricevute comprovanti la spedizione alla società ricorrente, nonché l eventuale lettera liberatoria attestante l intervenuta transazione tra le parti, che dovrà avere il visto di autenticità apposto dal Comitato competente presso il quale dovrà essere depositato l'originale. Se mancante del detto requisito la liberatoria non potrà essere presa in considerazione dall organo deliberante. La Commissione è composta dal Presidente, da un Vice-Presidente e da cinque componenti ed è validamente costituita con la presenza del Presidente e di quattro componenti designati per ogni singolo procedimento dal Presidente o da chi ne fa le veci, tra tutti i componenti in carica, compreso il Vice-Presidente. In caso di assenza o di impedimento, a procedimento iniziato, di uno dei membri designati, il Presidente può procedere alla sua sostituzione in via definitiva con altro componente che abbia assistitofin dall'inizio al procedimento stesso. 4. INVARIATO Norma Transitoria La Commissione Premi, alla data di entrata in vigore del presente articolo, assume le funzioni della Commissione Premi Preparazione anche per i procedimenti in corso. Art. 99 Premio di addestramento e formazione tecnica 12

13 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 13 di A seguito della stipula da parte del calciatore non professionista del primo contratto da professionista, la società che ne acquisisce il diritto alle prestazioni è tenuta a corrispondere alla società, per la quale era tesserato il calciatore, un premio di preparazione e formazione tecnica determinato secondo l allegata Tabella B, che costituisce parte integrante del presente articolo. L importo di tale premio è certificato dalla Commissione Premi, di cui all art. 96 delle NOIF, su richiesta della Società, associata alla L.N.D., titolare del precedente tesseramento. 1 bis. INVARIATO 2. L importo relativo al premio di addestramento e formazione tecnica non deve essere superiore a quello di cui alla tabella B e può essere ridotto con accordo scritto tra le due società; lo stesso deve essere inviato per conoscenza alla Commissione Premi entro novanta giorni dalla sottoscrizione. 3. INVARIATO 4. INVARIATO 5. Le controversie in ordine al pagamento del premi o di addestramento e formazione tecnica spettante alle società della Lega Nazionale Dilettanti sono devolute al Tribunale federale a livello nazionale sezione vertenze economiche. Il procedimento è istaurato su reclamo della parte interessata, da inoltrarsi entro il settimo giorno successivo al ricevimento della relativa comunicazione della Commissione Premi, nel rispetto delle modalità previste dall art. 33 del Codice di Giustizia Sportiva e dell art. 96 comma 3 N.O.I.F. Norma transitoria La Commissione Premi, alla data di entrata in vigore del presente articolo, assume le funzioni dell Ufficio del Lavoro. TABELLA B Premio di addestramento e formazione tecnica spettante alle Società di Lega Nazionale Dilettanti INVARIATO Art. 99 bis Premio alla carriera 1. INVARIATO 2. L importo del premio è certificato dalla Commissione Premi, di cui all art. 96 delle NOIF, su richiesta della società interessata. Il pagamento del premio avviene per il tramite della Lega cui è associata la società obbligata. Le controversie in ordine al pagamento del premio alla carriera sono devolute al Tribunale federale a livello nazionale sezione vertenze economiche. Norma transitoria La Commissione Premi, alla data di entrata in vigore del presente articolo, assume le funzioni dell Ufficio del Lavoro (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 124/A DEL 30 GENNAIO 2015) Il Consiglio Federale 13

14 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 14 di 43 - ritenuto opportuno modificare l art. 5, commi 2 e 3, del Regolamento dell Elenco Speciale dei Direttori Sportivi; - visto l art. 27 dello Statuto Federale; d e l i b e r a di modificare l art. 5, commi 2 e 3, del Regolamento dell Elenco Speciale dei Direttori Sportivi secondo il testo riportato nell allegato A). La presente disposizione entrerà in vigore dal 1 marzo All. A) REGOLAMENTO DELL ELENCO SPECIALE DEI DIRETTORI SPORTIVI Commissione dell Elenco Speciale Art È istituita, nella sede della F.I.G.C., la Commissione Direttori Sportivi, per l adozione dei provvedimenti concernenti gli iscritti all Elenco Speciale e alla tenuta del medesimo. 2. La Commissione è composta da: -un componente designato dal Presidente federale, con funzioni di Presidente, tra persone in possesso di chiara esperienza giuridico-sportiva e di notoria indipendenza; - un componente designato dalla Lega Nazionale Professionistica Serie A; - un componente designato dalla Lega Nazionale Professionistica Serie B; - un componente designato dalla Lega Italiana Calcio Professionistico; - un componente designato dalla Lega Nazionale Dilettanti; - due componenti designati dall A.DI.SE., di cui uno con funzioni di Vice-Presidente. - I componenti sono nominati dal Consiglio Federale. 3. Il mandato dei componenti della Commissione Direttori Sportivi ha la durata di due stagioni sportive, non rinnovabile per più di due volte. La Commissione svolge la sua attività con l assistenza di un Segretario nominato dalla F.I.G.C.. 4. La Commissione è validamente costituita con la maggioranza dei componenti, fra cui il Presidente o il Vice Presidente, e delibera a maggioranza dei presenti dandosi prevalenza in caso di parità, al voto del Presidente 5. La Commissione: a) provvede all iscrizione degli aventi titolo nell Elenco Speciale; b) dispone la cancellazione dall Elenco, sentito l interessato, ove accerti il venir meno di un requisito di iscrizione, ovvero l insorgere di una causa di incompatibilità. A tal fine, può richiedere, in ogni momento, all interessato gli atti aggiornati previsti dal bando del corso; c) adotta i provvedimenti di cui al precedente art. 4, comma 4; d) dirime, in via conciliativa, le controversie insorte fra gli iscritti nell Elenco Speciale. 6. Le iscrizioni e le cancellazioni sono comunicate per iscritto dalla Segreteria della Commissione al soggetto e alla società interessata e sono rese note dalla F.I.G.C. a mezzo Comunicati Ufficiali (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 125/A DEL 30 GENNAIO 2015) Il Consiglio Federale 14

15 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 15 di 43 - ritenuto opportuno modificare l art. 32 ter del Codice di Giustizia Sportiva; - visto l art. 27 dello Statuto Federale; d e l i b e r a di approvare la modifica dell art. 32 ter del Codice di Giustizia Sportiva secondo il testo allegato sub A). CODICE DI GIUSTIZIA SPORTIVA Art. 32 ter Azione del Procuratore federale All. A) 1. Il Procuratore federale esercita in via esclusiva l azione disciplinare nei confronti di tesserati, affiliati e degli altri soggetti legittimati quando non sussistono i presupposti per l archiviazione. 2. L archiviazione è disposta dal Procuratore federale se la notizia di illecito è infondata; può altresì essere disposta quando, entro il termine per il compimento delle indagini preliminari, gli elementi acquisiti non sono idonei a sostenere l accusa in giudizio ovvero l illecito è estinto o il fatto non costituisce illecito disciplinare ovvero ne è rimasto ignoto l autore. 3. Il Procuratore federale prende notizia degli illeciti di propria iniziativa e riceve le notizie presentate o comunque pervenute. L azione disciplinare è esercitata di ufficio; il suo esercizio non può essere sospeso né interrotto, salvo che sia diversamente stabilito. 4. Quando non deve disporre l archiviazione, il Procuratore federale, informa l interessato della intenzione di procedere al deferimento e gli elementi che la giustificano, assegnandogli un termine per chiedere di essere sentito o per presentare una memoria. Qualora il Procuratore federale ritenga di dover confermare la propria intenzione esercita l azione disciplinare formulando l incolpazione mediante atto di deferimento a giudizio comunicato all incolpato e all organo di giustizia competente, al Presidente Federale, nonché in caso di deferimento di società, alla Lega, al Comitato, alla Divisione e al Settore di appartenenza. Nell atto di deferimento sono descritti i fatti che si assumono accaduti, enunciate le norme che si assumono violate e indicate le fonti di prova acquisite, ed è formulata la richiesta di fissazione del procedimento disciplinare. 5. Dopo il provvedimento di archiviazione la riapertura delle indagini può essere disposta d ufficio nel caso in cui emergano nuovi fatti o circostanze rilevanti dei quali il Procuratore federale non era a conoscenza. Se tali fatti o circostanze si desumono da un provvedimento che dispone il giudizio penale, il diritto di sanzionare si prescrive comunque entro il termine della ottava stagione sportiva successiva a quella in cui è stato commesso l ultimo atto diretto a realizzare la violazione. 6. È competente a giudicare sulle violazioni oggetto di deferimento da parte della Procura federale il Tribunale federale di appartenenza dell incolpato al momento della violazione. 7. Nel caso di più incolpati appartenenti a Leghe diverse, si applica la norma di cui all art. 41, comma 1, del presente Codice. Nel caso di più incolpati appartenenti a comitati diversi, sono competenti i Tribunali Federali del luogo ove la violazione risulta commessa. 8. Il provvedimento di deferimento o di archiviazione, relativo alle fattispecie di cui all art. 5, deve intervenire entro 30 giorni dall avvenuta conoscenza delle dichiarazioni da parte della Procura federale. 15

16 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 16 di (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 126/A DEL 30 GENNAIO 2015) Il Consiglio Federale -ritenuto opportuno modificare gli artt. 5, 9 e di abrogare l art. 16 del Regolamento del Settore Giovanile e Scolastico; - visto l art. 27 dello Statuto Federale; d e l i b e r a di approvare le modifiche agli artt. 5, 9 e di abrogare l art. 16 del Regolamento del Settore Giovanile e Scolastico secondo il testo allegato sub A). REGOLAMENTO DEL SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Art. 5 Consiglio Direttivo 16 All. A) 1. II Consiglio Direttivo è composto dal Presidente, da un rappresentante indicato da ciascuna Lega, da un rappresentante indicato da ciascuna componente tecnica, da un rappresentante indicato dall AIA, da un rappresentante indicato dal Settore Tecnico e da almeno 2 esperti indicati dal Presidente Federale. 2. I componenti del Consiglio direttivo del Settore per l attività giovanile e scolastica sono nominati dal Presidente federale, d intesa con il Presidente del Settore, sentito il Consiglio federale. Fra i componenti del Direttivo sono nominati con le stesse modalità tre Vice Presidenti. 3. La carica di componente del Consiglio Direttivo non è incompatibile con altri incarichi nell'ambito del Settore. 4. Partecipano di diritto alle riunioni del Consiglio Direttivo i Presidenti delle Leghe ed il Presidente del Settore Tecnico, inoltre, possono essere invitati a parteciparvi altri dirigenti in relazione ai loro specifici incarichi. Alle riunioni assiste il Segretario. Art. 9 La Commissione per l'attività Scolastica e la Commissione per l Attività di base 1. La Commissione per l Attività Scolastica è composta da un Componente del Consiglio Direttivo che la presiede e da sei membri, scelti fra dirigenti sportivi, operatori scolastici, psicologi dell infanzia e dell adolescenza ed esperti in ambito tecnico-sportivo, tutti nominati per due stagioni sportive dal Presidente Federale, d intesa con i Vice-Presidenti Federali. 2. La Commissione per l'attività Scolastica appronta tutti i programmi per la diffusione e lo sviluppo del calcio in ambito scolastico. 3. La Commissione per l Attività di Base è composta da un Componente del Consiglio Direttivo che la presiede e da sei membri, scelti fra dirigenti sportivi, psicologi dello Sport ed esperti in ambito tecnico-sportivo, tutti nominati per due stagioni sportive dal Presidente Federale, d intesa con i Vice-Presidenti Federali.

17 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 17 di La Commissione per l Attività di Base appronta tutti i programmi per la diffusione e lo sviluppo del calcio in ambito di Base. ABROGATO Art. 16 La Consulta Centrale (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 128/A DEL 30 GENNAIO 2015) Il Presidente Federale - ritenuto di procedere alla nomina dei Componenti il Consiglio Direttivo del Settore per l Attività Giovanile e Scolastica; - preso atto delle indicazioni pervenute dalle Componenti Federali e dall A.I.A., in ordine alla composizione del Consiglio Direttivo; - visto l art. 5 del Regolamento del Settore per l Attività Giovanile e Scolastica; - d intesa con il Presidente del Settore e sentito il Consiglio Federale n o m i n a i componenti del Consiglio Direttivo del Settore per l Attività Giovanile e Scolastica come di seguito riportato: Consiglio Direttivo Giorgio MOLON LNP SERIE B Alberto CERRAI LEGA PRO Fabio BRESCI LND Simone PERROTTA AIC Paolo ANSELMO AIAC Camillo ACRI AIA Sergio ROTICIANI SETTORE TECNICO Piero DI CRISTINZI FIGC Simone FARINA FIGC Ottorino GIUGNI FIGC Ettore PELLIZZARI FIGC (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 129/A DEL 2 FEBBRAIO 2015) Il Presidente Federale 17

18 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 18 di 43 - ritenuto di provvedere alla nomina del Segretario del Settore per l Attività Giovanile e Scolastica; - visto l art. 14 del Regolamento del Settore per l Attività Giovanile e Scolastica; d e l i b e r a di nominare il dott. Vito DI GIOIA Segretario del Settore per l Attività Giovanile e Scolastica. 2. COMUNICAZIONI L.N.D (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 166 DELL 11 FEBBRAIO 2015) Oggetto: Regolamento del 54 Torneo delle Regioni. In allegato al presente Comunicato Ufficiale si pubblica il Comunicato Ufficiale n. 166 della Lega Nazionale Dilettanti inerente il Regolamento del 54 Torneo delle Regioni riservato alle Rappresentative delle categorie Allievi e Giovanissimi relativo alla stagione sportiva (STRALCIO COMUNICATO UFFICIALE N. 167 DELL 11 FEBBRAIO 2015) Oggetto: Regolamento del 54 Torneo delle Regioni. In allegato al presente Comunicato Ufficiale si pubblica il Comunicato Ufficiale n. 166 della Lega Nazionale Dilettanti inerente il Regolamento del 54 Torneo delle Regioni riservato alle Rappresentative delle categorie Juniores Maschile, Calcio Femminile e Calcio a Cinque Maschile e Femminile, relativo alla stagione sportiva COMUNICAZIONI C.R. COMUNICAZIONE URGENTE ALLE SOCIETÀ Si comunica a tutte le società interessate che le richieste di qualsiasi genere di variazione gara dovranno tassativamente essere redatte su apposito modello presente nella home page del sito istituzionale del Comitato Regionale Puglia, complete di tutta la documentazione, compilate e controfirmate da entrambe le società così come riportato nell Art. 30 comma 2 del Regolamento della L.N.D. di cui si riporta lo stralcio: I Comitati, le Divisioni e i Dipartimenti che organizzano i Campionati possono disporre, d ufficio o a richiesta delle società che vi abbiano interesse, la variazione dell ora di inizio di singole gare, nonché lo spostamento ad altra data delle stesse o, in casi particolari, la variazione del campo di giuoco. Le richieste in tale senso devono pervenire al competente Comitato o Divisione o Dipartimento almeno cinque giorni prima della data fissata per lo svolgimento della gara. Tutto ciò al fine di rendere possibile la pubblicazione e l ufficialità delle variazioni nonché la designazione arbitrale nei tempi richiesti. In casi del tutto eccezionali è possibile presentare richieste di variazione, sempre e comunque complete della documentazione, entro e non oltre le ore del giovedì. 18

19 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 19 di 43 Tutte le richieste prive della documentazione e, dove previsto, delle firme per accettazione di entrambe le società, non verranno prese in considerazione. ATTIVITÀ DEL SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO PROGETTO SEI BRAVO A S.S PROGRAMMA E REGOLAMENTO Si allegano, al presente Comunicato Ufficiale, programma e regolamento del Sei bravo a...scuola di Calcio e Sei bravo a Scuola di Calcio a 5 a cura della FIGC-SGS Puglia. AUTORIZZAZIONE RADUNI Si autorizza la Società A.S.D. HERDONIA CALCIO di Ordona FG, in collaborazione con la Società UDINESE CALCIO S.P.A., ad effettuare un raduno selettivo per i giovani calciatori nati negli anni per Mercoledì 18 Febbraio 2015, alle ore 15.30, presso il Campo Comunale di Ordona (FG). DIRIGENTI RESPONSABILI: A.S.D. HERDONIA CALCIO UDINESE CALCIO S.P.A. Sig. Lomaestro Angelo Pio ( ) Sig. Modonutti Giosuè Sig. Volpone Rocco Sig. Poggo Paolo Dott. Papagna Gianfranco COMUNICAZIONI DELEGAZIONE PROVINCIALE Si reputa opportuno ricordare a Tutti i Dirigenti di Società, che nella compilazione della Distinta calciatori da presentare all arbitro prima dell inizio della gara, alla voce Assistente Arbitrale, oltre a scrivere cognome e nome, data di nascita e n. di tessera si deve opporre la specifica tra parentesi (Dirigente /d o Calciatore /c) tanto dovuto per controllo. L inosservanza comporterà le relative sanzioni amministrative e disciplinari. Si reputa opportuno far presente ai Dirigenti di Società di prestare la massima attenzione ai C.U. alla voce Variazioni Programma gare,perché per improvvisa indisponibilità degli impianti di gioco alcune gare già precedentemente programmaate potrebbero subire delle variazioni SOSTITUZIONE DEI CALCIATORI ( art.74 delle NOIF.) Si ritiene utile ricordare i riferimeti normative circa le sostituzioni dei calciatori nel corso delle gare ufficiali dei campionati provinciali. 19

20 Comunicato Ufficiale n. 33 del 12/02/2015, pag. 20 di 43 Campionato di Terza Categoria, Terza Categoria Under 18, Terza Categoria Under 21 Juniores Regionale, Juniores Provinciale, Serie C e D calcio femminile. Nel corso di ciascuna gara dei suddetti campionati, e consentita in ciascuna squadra la sostituzione di cinque calciatori indipendemente dal ruolo ricoperto. RICHIESTE TELEFONICHE AL DIPENDENTE E COLLABORATORI DELLA DELEGAZIONE. CIRCA INTERPRETAZIONI NORME REGOLAMENTARI. Si ritiene opportuno richiamare l attenzione delle Società per quanto attiene le frequenti richieste telefoniche al dipendente e collaboratori circa la interpretazione delle norme regolamentari vigenti, per comunicare che le risposte date non possono essere vincolanti e pertanto ufficialmente prive di validità. Si consiglia pertanto alle Società interessate di formulare per iscritto, alla Segreteria della Delegazione Provinciale, eventuali quesiti o interpretazioni, ai quali verrà data risposta, precisando che la stessa non impegnerà le decisioni degli Organi di Giustizia Sportiva i quali operano in piena autonomia di giudizio. GIRONE A Giornata 3 R. CAMPIONATO TERZA CATEGORIA VARIAZIONE GARE Squadra 1 Squadra 2 DA A Localita' 20

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli