Bonus acqua alle famiglie, 50 litri gratis al giorno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bonus acqua alle famiglie, 50 litri gratis al giorno"

Transcript

1 Martedì 20 maggio 2014 il Giornale dell Umbria - - Spedizione in abb. post. D.L. 353/03 (Conv.L.46/04) art. 1 comma 1, DC - Fil. Perugia - Euro 1,10 Ecco il cugino della Terra Il pianeta ha l acqua in superficie e potrebbe ospitare forme di vita KARIS PAGINA 45 Perugia Capitale europea della cultura, ora lo sprint racalente: «Titolo vicino, ma adesso serve lo scatto da centometristi» CALZOLAI PAGINA 6 Anno XV numero 137 onus acqua alle famiglie, 50 litri gratis al giorno Indagine del Censis Giovani, i lavori che vogliono fare In testa il medico, in coda il vigile del fuoco G. CASTELLINI PAGINA 28 us, il Comune di Perugia taglia i servizi da giugno LUCCIOLI PAGINA 7 FONTANA PAGINA 4 Su le aliquote sul risparmio Da luglio la tassa sui conti correnti Ecco quanto pagheremo all anno in Umbria COLETTA PAGINA 28 In abbinamento obbligatorio con il Sole 24 Ore a 1,10 euro Cr onache aby squillo, caccia ai complici dell ape regina SCHILLACI PAGINA 20 Un kg di droga per i weekend di Castello: presi VENTANNI PAGINA 12 Rapisce le figlie fuori dalla scuola, padre nei guai PAGINA 12 Tasi, prima rata rinviata a settembre Riguarda i Comuni che non adotteranno entro venerdì le delibere sulle aliquote KARIS PAGINA 25 VERSO LE ELEZIONI Tengono banco Tasi e voto disgiunto Perugia, sull imposta scontro occali-romizi Terni, mosse e incroci sul filo dello sgambetto CARDUCCI, LUCCIOLI PAGINE 8 E 21 Narni Sgl Carbon, l azienda non sospende la mobilità: è scontro Grillo sempre più choc Per il premier prevede sconfitta e lupara bianca Per il Cavaliere auspica la vivisezione CAOS IN LIIA I ribelli: «Il Parlamento è sciolto» Resa dei conti laici-islamici, l aviazione di Tobruk si unisce al generale Haftar ENEVENIA PAGINA 27 PAGINA 24 P r ovo c a to r i o eppe Grillo PACELLI PAGINA 23 Il caso Televendita col trucco, indagine sui gioielli per 200mila euro L OPINIONE MAIORCA PAGINA 10 PARLARE ALLA GENTE : LA MASCHERA DEL POTERE di GIOVANNI CODOVINI «S Sei come Hitler»; «non votate i buffoni»; «vivisezioniamo il..». Queste tra le tante espressioni che caratterizzano l attuale stato della comunicazione politica. Se i nomi sono conseguenza delle cose (...) SEGUE A PAGINA 47

2 Redazione Tel Fax w w w. g i o r n a l e d e l l u m b r i a. i t Martedì 20 maggio 2014 il Giornale dell Umbria umbria 3 Centri storici, mix sicurezza-web LE CITTÀ CHE CAMIANO A settembre il bando della Regione, 1 milione di euro su Perugia e Terni destinati alle attività commerciali di PIERPAOLO URATTINI PERUGIA - Il tempo dei soldi pubblici distribuiti a raggiera? Titoli di coda: the end. Il tempo dell autar - chia individualista del famoso (giustamente) ceto produttivo? Altri titoli di coda, ma stessa conclusione: finish. E allora? E allora nel primo caso, sul versante degli Enti pubblici, in questo caso la Regione, si fanno scelte mirate magari scontentando qualcuno ma cercando di avere una ricaduta tangibile dei quattrini che s impiegano (in termini di occupazione, di stimolo alla ristrutturazione innovativa o di spinta ai consumi). E se il pubblico riesce a invertire l abitudine ad avere tasche troppo larghe, il privato è chiamato, dove è possibile e conveniente, a mettere da canto i benemeriti spiriti animali e ad unirsi in associazioni o pool per cercare di formare delle reti di protezione (tanto più in questi tempi di crisi battente) e mettere nero su bianco dei progetti che possano migliorare il luogo in cui si lavora. Morale? Con queste premesse nasce l operazio - ne dei centri commerciali naturali. Che detta così sembra l ennesima trovata tra il glamour e lo spot, ma non è così. Sintesi: la Regione, attraverso un bando che dovrebbe essere pronto a settembre (dopo una fase di confronto), impiega un milione di euro, proveniente dai Fondi europei (l Umbria in questo non ha avuto richiami all ordine dal Governo come capitato ad altre regioni) su Perugia e la stessa cifra su Terni per venire incontro alle esigenze dei commercianti che a loro volta metteranno un Le scelte Gli ambiti d inter vento saranno stabiliti dopo un confronto tra i vari soggetti che sono coinvolti «Si interviene in maniera selettiva per evitare investimenti a pioggia:» c è una sinergia pubblico-privato Fabio Paparelli, assessore regionale al Commercio e allo Sport Pe r u g i a Via dei Priori, una delle principali strade dell a c ro p o l i milione a Terni e uno nel capoluogo per rendere l investimento più corposo. In prima fila ci sono Confcommercio, Confesercenti e Legacooop (ma c è la volontà di coinvolgere anche le categorie artigiane). Ieri mattina alla ex orsa Merci di via Alessi a Perugia, alla presenza dell assessore regionale al Commercio, Fabio Paparelli, e dei rappresentanti del Comune di Perugia e delle associazioni di categoria (sala piena e attenta) si è parlato proprio di questo. Nel concreto: nelle due città (ma l auspicio è che l esempio venga seguito a ruota anche in altri Comuni) si delimita la zona d interven - to (il centro storico e zone limitrofe) e si decide su quali asset e problemi intervenire. Al momento gli ambiti certi d intervento riguardando la sicurezza, tema molto sentito, (sistemi di videosorveglianza interna ed esterna ai negozi); marchio comune (creare insegne o altro che facciano riconoscere l associazione); arredo urbano; (aiuole, cestini per l im - mondizia e tutto ciò che possano abbellire il posto; creazione di portale web per vendere e pubblicizzare on line i prodotti. E iniziative per wi-fi. Così come le Amministrazioni cercheranno di facilitare il tessuto produttivo sul versante burocratico (rilascio dei permessi e non solo). Oggi il progetto verrà presentato anche a Terni. Parola d ordine, per tutti e ripetuta da tutti: «Stiamo sul concreto per non buttare all ortica l opportu - nità». È la speranza di tutti.

3 Martedì 20 maggio 2014 il Giornale dell Umbria 4 umbria In arrivo un bonus tutto da bere Il provvedimento varato andrà a favore di chi ha Isee inferiore a euro UMRA ACQUE LE SCELTE di LUCIO FONTANA PERUGIA - Nemmeno una settimana fa, è proprio il caso di dirlo, è arrivata la classica doccia gelata: i vertici di Umbra Acque rendevano nota la decisione presa dall assemblea unica di Ati1 e Ati 2 di aumentare le tariffe del 4,5% per quest anno e del 6,1% nel Spiegazione ufficiale, da tenere a mente: l aggiornamento delle tariffe dei due Ati è stata presa tenendo conto dei costi di gestione, morosità e inflazione. Detto questo, la scelta ha ovviamente destato più di qualche malumore. Comprensibile, tanto più in tempi di crisi come questi che stiamo vivendo. Ora per cercare di venire incontro alle fasce sociali più deboli l azienda perugina ha deciso di giocarsi la carta del bonus. In sostanza il provvedimento è stato finanziato con 400 mila euro e verrà applicato attraverso le bollette di Umbra Acque. Come da Regolamento dell Ati 1 e Ati 2, potranno ottenere sgravi in bolletta i nuclei familiari con un indicatore di reddito Isee non superiore a euro, estendendo la platea dei beneficiari delle agevolazioni che fino al 2012 aveva una soglia limite di euro. Agli utenti in possesso dei requisiti richiesti verrà concesso un bonus, a titolo di contributo forfettario, pari al valore di 50 litri di acqua al giorno (equivalenti a 18,25 metri cubi all anno) per ciascun componente del nucleo familiare, definito sulla base della tariffa prevista per la prima fascia di consumo. Per l annualità 2014 il bonus avrà un ammontare di 18,33 euro a persona: una famiglia composta da tre persone, pertanto, potrà beneficiare di un bonus pari a 55 euro Ṗer accedere al fondo a sostegno delle utenze disagiate e per ottenere le previste agevolazioni tariffarie, gli utenti aventi diritto potranno presentare ad Umbra Acque (fino a esaurimento della disponibilità di risorse) l apposito modulo scaricabile al sito e al sito dell Ati 2 L oro blu Un distributore di acqua pubblica; nel riquadro il presidente di Umbra Acque, Enrico Menichetti disponibile anche presso gli Uffici di Contatto al Pubblico di Umbra Acque. La decisione dell azienda perugina, che tra le aziende umbre è quella che applica la tariffa più bassa, è stata presa per tendere la mano a quei cittadini che oggi più che mai si trovano in una situazione di estremo disagio: «Si tratta - fanno sapere dall azienda - di un concreto aiuto alle famiglie a basso reddito, ancora più importante in un periodo di difficoltà economica come quello attuale, in un servizio pubblico che riguarda un bene essenziale come l acqua. La crescente sensibilità ed attenzione per L impegno «Un aiuto alle famiglie in difficoltà in un quadro complicato» IL DATO ilancio 2013 ok: l auspicio dell azienda unica 50 litri Agli utenti in possesso dei requisiti richiesti dall azienda verrà concesso un bonus, a titolo di contributo forfettario, pari al valore di 50 litri di acqua al giorno 18,33 euro Nel 2014 il bonus ammonterà a 18,33 euro a persona: una famiglia di tre persone, potrà pertanto beneficiare di un bonus pari a 55 euro euro L azienda sottolinea il costante aumento dello stanziamento: si è passati dai ,53 euro dell anno 2010 ai del 2014 PERUGIA - Il bilancio 2013 di Umbra Acque si è chiuso con un utile da 3,1 milioni che la società ha deciso di destinare, integralmente, a riserva per alimentare i necessari investimenti infrastrutturali nei territori serviti. Circa 8, secondo i dati forniti dalla società, i milioni di euro di investimenti dal 2008 ad oggi. Da segnalare poi il calo del costo del personale (-6%), frutto della riduzione dell organico da 351 persone a 336 e della riduzione degli straordinari. Diminuiti di tre milioni i costi per gli appalti esterni, riportando in azienda lavori come quello del call center, dei contatoristi e della manutenzione. Abbattuto anche lo stock del debito, che negli ultimi 3 anni è passato da 53 a 32 milioni di euro. Il presidente dell azienda Enrico Menichetti la scorsa settimana, fornendo i numeri del bilancio 2013, ha anche rimarcato la necessità di «superare la frammentazione gestionale su scala regionale» e di conseguenza di realizzare un azienda unica per il servizio idrico umbro. «Un serio percorso di integrazione - ha spiegato Menichetti -, senza tentazioni campanilistiche e supportato da rigorosi studi di fattibilità tecnicooperativi, è la chiave per garantire la capacità di investimento e per abbattere i costi, creando rilevanti economie di scala e positive ricadute per l utenza, sia nella qualità del servizio che nel contenimento tariffario». RE. PE. le utenze disagiate è dimostrata dal costante aumento dello stanziamento: si è infatti passati dai ,53 euro dell anno 2010 ai del 2014». Oltre a Perugia e Città di Castello (Comuni capofila), possono accedere agli sgravi i cittadini/utenti dei seguenti Comuni: per l Ati 1, Citerna, Costacciaro, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Gubbio, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino, Scheggia Pascelupo, Sigillo, Umbertide; per l Ati 2, Assisi, astia Umbra, ettona, Cannara, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Collazzone, Corciano, Deruta, Fratta Todina, Magione, Marsciano, Massa Martana, Monte Castello di Vibio, Paciano, Panicale, Passignano sul Trasimeno, Piegaro, San Venanzo, Todi, Torgiano, Tuoro sul Trasimeno, Valfabbrica.

4 Martedì 20 maggio 2014 il Giornale dell Umbria 6 perugia PERUGIA CAPITALE DELLA CULTURA L INTERVISTA «Il titolo è vicino Ma ora avanti con lo scatto da centometristi» Corsa allo sprint finale. runo racalente, presidente della Fondazione, chiama in campo istituzioni pubbliche e private e imprenditori di MARCELLA CALZOLAI Perugia «P er Perugia sarebbe una svolta di immagine e protagonismo, l opportunità di essere in modo nuovo città della cultura, dell innovazione, dell università e della qualità urbana». Ha l entusiasmo del debuttante, runo racalente, quando parla di Perugia capitale europea della cultura, una sfida nella quale mette la passione e sul cui successo scommette nonostante la concorrenza delle altre cinque finaliste. Eppure, docente universitario, autore di importanti studi economici e già presidente della Regione, ha scritto un capitolo significativo nella storia della terra umbra. È presidente della Fondazione, alla quale è affidato l impegnativo compito di centrare l obbiettivo, traducendo in progetto le molte sinergie sin qui coagulate. Presidente, parla di immagine, protagonismo, cultura innovazione, qualità urbana Sono territori non da oggi, e senza grandi esiti, al centro del dibattito. Perché ribadirne la centralità? «Proprio perché sono tutte cose di cui la città ha bisogno. E perciò è importante, oltre alla meta, anche il percorso». In che senso? «Anche se non dovessimo centrare l obiettivo che perseguiamo, il percorso che ci attende nei prossimi anni è l avvio di un processo, dal quale non si potrà tornare indietro. E Perugia sarà comunque molto più di oggi città della cultura, dell innovazione, dell università, della qualità urbana. E lo sarà a partire dal suo centro storico». Dato che la competizione è tosta e non si sa mai, lei intanto prudentemente si affida al mezzo bicchiere pieno. È questo? «Non è così. Per vincere il titolo di Capitale è necessario mobilitare non solo la progettualità, ma anche le risorse economiche per sostenere uno sviluppo nuovo». Chiariamo per i non addetti ai lavori: di concreto cosa comporta la vittoria del titolo? «Un riconoscimento di grandissimo valore a livello di protagonismo europeo. Ed è una spinta alla internazionalizzazione della città, è recupero forte di fiducia verso il futuro di cui ha bisogno Perugia». E risorse economiche no? «Non è questo il punto, visto che chi vince può contare solo sul premio Melina Mercuri di un milione e mezzo di euro e su un contributo del governo nazionale che realisticamente ci aspettiamo nell ordine di un terzo-un quarto del fabbisogno complessivo». Ciò significa che le risorse «isogna trovarle, per grandissima parte, in loco». Il quanto? «Nella prima fase è stato stimato in circa 30 milioni, ma, esclusi gli interventi infrastrutturali, bisogna portarlo in prossimità dei 40 milioni perché è necessario un programma non tutto concentrato sul 2019, l anno in cui si detiene il titolo, ma che si sviluppa dal 2015 con eventi propedeutici di avvicinamento». Quando l attribuzione del titolo tra le sei città candidate? «A fine ottobre prossimo il verdetto. E chi vince il titolo avrà quattro anni di tempo per prepararsi, perché sarà monitorato e il premio Melina Mercuri arriverà solo se ha lavorato bene». Ma ora è la finale di partita che conta. «E abbiamo davanti solo tre mesi, perché c è di mezzo l estate. Il progetto va ridefinito entro l 8 settembre e determinante per l esito è la qualità culturale del programma, che abbiamo messo a punto col nostro direttore artistico, Arnaldo Colasanti, e con le strutture, scuole comprese, che hanno aderito. Ed è un programma che si fonda su tre pilastri». E i tre pilastri sono? «La città delle idee, del dialogo e dell accoglienza. E qui devono avere un ruolo centrale le due università e le altre istituzioni di alta formazione, cioè Accademia di belle arti, Conservatorio, Scuola di giornalismo e Scuola di lingue dell Esercito. Istituzioni legate alla Fondazione da accordi bilaterali». Istituzioni, che hanno già stretto tra loro un patto sinergico. «E sono il nostro punto di forza rispetto alle città concorrenti. Ma dobbiamo valorizzarne appieno la dote di saperi, facendo di Perugia una vera città universitaria e della conoscenza di livello europeo». Idea suggestiva, ma ancora ferma alla carta di intenti. «E questo è il momento di passare senza indugio dalla carta alla concretizzazione delle idee in corsa, così che il pacchetto dei sei istituti sia forte e ben visibile nel progetto». Il pacchetto e i tre pilastri come garanzia possono bastare? «Non di per sé. La garanzia deriva dalla affidabilità, rispetto alla possibilità di realizzarla, della proposta fatta dalla Fondazione, che è il motore progettuale della sfida e il luogo della partecipazione dei circa 170 soggetti che hanno aderito, oltre ai tre fondatori: la Regione in primo luogo e i Comuni di Perugia e Assisi. Senza trascurare che nessun concorrente ha come soggetto gestore una Fondazione solida, ricono- Redazione Tel Fax w w w. g i o r n a l e d e l l u m b r i a. i t runo racalente, presidente della Fondazione Perugiassisi2019 sciuta e sperimentata nel fare. Altro punto a nostro vantaggio». E, oltre al programma culturale di spessore europeo, l affidabilità su cosa deve poggiare? «Sul diventare più forti degli altri in quanto a solidità della proposta, a partire dal sostegno delle istituzioni pubbliche e private e degli imprenditori». Sostegno che si deve tradurre in cosa? «La Regione ha già inserito il progetto Capitale nella programmazione dei fondi europei E ora chiediamo un particolare impegno, condizionato all esito positivo della competizione, a tre soggetti, che hanno già dimostrato di voler sostenere questa sfida finanziando sostanziosamente il progetto». E i soggetti sono? «La Fondazione Cassa di risparmio di Perugia e la Consulta regionale delle Casse di risparmio, che già hanno dato piena disponibilità a valutare tutte le forme per far sì che parte delle risorse da destinare alla cultura sia impegnata a favore del successo della candidatura; la Camera di commercio di Perugia, alla quale chiediamo, come casa come delle imprese, di investire per la cultura così è stato fatto per le infrastrutture viarie; gli imprenditori». Che dovrebbero impegnarsi in quale forma? «Ad esempio, con sponsorizzazione o adozione di singoli eventi. Incontri ne abbiamo avuti e ho fiducia che la disponibilità già dimostrata nella fase iniziale si tradurrà in operatività». Ma si tratta di investimenti consistenti in una fase, l attuale, di pesante crisi. «Ne sono consapevole e comprendo bene lo sforzo che si richiede, ma - insisto - è un impegno condizionato al conseguimento del titolo. E, per conquistarlo, ora si rende necessario un passo avanti più deciso, un ci siamo dimostrato con i fatti, tenendo anche conto che dei riflessi di questa operazione fruirà tutta l Umbria». Il famoso scatto del centometrista! È questo che intende? «Siamo stati fin qui un potente motore diesel, ora lo scatto è indispensabile per arrivare primi». Lei parla di eventi, ma Perugia è già stracolma di eventi. E i beni culturali e il paesaggio, già fin troppo trascurati, no? «Ma per eventi sono da intendere percorsi culturali sperimentali, che lasciano una eredità quando si spengono le luci. Questa è l ossatura del progetto». Tradotto significa? «Avviare una forma di sviluppo a trazione culturale che non è fatta - appunto - di eventi tradizionalmente intesi e nemmeno di beni culturali e paesaggio in se stessi, ma è creatività che diventa innovazione, motore di conoscenza. Un esempio? L ex carcere in piazza Partigiani sarà laboratorio per l imprenditoria giovanile, se riusciremo a vincere il titolo, ma anche se non ce la dovessimo fare». Tutto incentrato sull ex carcere? «L ex carcere, consentendo una connessione tra università e mondo imprenditoriale, è il progetto simbolo della candidatura, che passa proprio attraverso il recupero e il riuso delle strutture vuote - e non sono poche - come luoghi di produzione e servizi ai cittadini per la rigenerazione del centro storico, oggi paradossalmente consegnato al ruolo di periferia economica della città. E sarà questo il lascito importante della corsa verso il titolo». A proposito, il sindaco occali ha dato per certa la liberatoria del Ministero che consegna al Comune l infrastruttura. «Risulta anche a me che la soluzione è ormai prossima. Ed è la svolta per il progetto». Ma - insisto - l Umbria per densità di centri storici e beni culturali è prima in Italia. E la tutela... «Ma questo è proprio uno di quei tre modi di essere città. Ovvero, città dell accoglienza con un turismo diffuso centrato su beni culturali e paesaggio, e questo è un asse della candidatura che ha bisogno però di innovazione tecnologica con la valorizzazione delle produzioni tipiche, e non si tratta solo di enogastronomia e artigianato, ma anche delle produzioni industriali, tutte risorse in cui siamo unici». Con investimenti così cospicui, come garantire la trasparenza? «L Europa è molto sensibile alla trasparenza e alla responsabilità sociale. E non vogliamo garantirle nel modo più assoluto, tanto che abbiamo già un Osservatorio indipendente sulla trasparenza e le procedure». Siamo in campagna elettorale, si sceglie il nuovo sindaco. E sembra che da parte di tutti i candidati ci sia un atteggiamento favorevole al progetto. Ne ha conferma, presidente? «Ne ho conferma ed è importante, perché la condivisione l abbiamo sempre ricercata ed è un altro elemento di forza». Si potrebbe dire che, dati i molti se che ancora intercorrono tra il progetto e la conquista del titolo di Capitale, lei rilancia sul pessimismo dell intelligenza con l ottimismo della volontà. «No, questo è l ottimismo dell intelligenza. Anzi, la scommessa dell intelligenza e sull intelligenza».

5 Martedì 20 maggio 2014 il Giornale dell Umbria perugia 7 us, da giugno nuovo taglio delle corse Per far quadrare i conti il Comune chiede a Umbria Mobilità una riduzione dei servizi di collegamento in città di ANDREA LUCCIOLI PERUGIA - L annuncio è arrivato ieri pomeriggio durante una riunione tecnica tra il management di Umbria Mobilità e sindacati: il Comune di Perugia ha chiesto un taglio di 170mila chilometri di corse autobus (su un totale di 5,5 milioni di km annui di servizi). Un fulmine a ciel sereno che ha spiazzato in primis proprio i sindacati. La questione è questa, per ragioni di bilancio Palazzo dei Priori non Varasano: «La Giunta non riesce a trovare 540mila euro per saldare alcuni debiti con l azienda» riesce a sostenere l incremento dei corrispettivi dei servizi autobus deciso nei mesi scorsi e quindi chiede il taglio. È stato così dato mandato agli uffici tecnici di individuare le tratte che saranno soppresse dal 7 giugno: la riduzione riguarderà sia Umbria Mobilità che i vettori privati. Si tratta dell ennesimo taglio operato negli ultimi anni dal Comune e dietro ci sarebbe la necessità di ridurre la spesa per le casse dell En - te di una cifra vicina ai 500mila euro. I sindacati sono in allerta, il rischio è che sia solo l inizio di una serie di ulteriori riduzioni, spiegano le sigle preoccupate. Della vicenda si è occupato anche il consigliere Leonardo Varasano (FI): «Non solo l amministrazione occali irresponsabilmente non riesce a trovare 540mila per saldare alcuni debiti con us Italia (ex Umbria Mobilità) ma, come si apprende da fonti sindacali, tenta pure di nascondere ai perugini il fatto che la conseguenza sarà il taglio, non casualmente previsto per il 7 giugno, subito dopo le elezioni comunali, di oltre km di corse nell'ambito del territorio comunale. L Am - ministrazione prova a nascondere i propri errori. Errori che determineranno non solo un ulteriore impoverimento del servizi di trasporto pubblico in città, ma che rischiano di mettere ancora in difficoltà us Italia e, soprattutto, la tenuta dei posti di lavoro. Siamo pronti a mobilitarci, insieme ai sindacati, per scongiurare questa decisione». Il Pd incontra i lavoratori. Una delegazione di lavoratori di Umbria Mobilità Esercizio, iscritti ed elettori del Pd, si è incontrata con il segretario regionale del Pd Giacomo Leonelli, con il presidente del gruppo Pd in consiglio regionale Renato Locchi e con il consigliere Traspor ti Un autobus di Umbria Mobilità regionale Pd Manlio Mariotti. Nel corso dell incontro sono state discusse le vicende che hanno portato alla definizione del nuovo assetto societario della azienda regionale di esercizio del trasporto pubblico locale, con la entrata entrata nel capitale sociale del socio di controllo usitalia. Si sono inoltre valutate le prospettive aperte e gli impegni che discendono dal compimento di questo decisivo passaggio. «Le considerazioni espresse nella discussione - scrivono dal Pd - hanno confermato un giudizio positivo sulle scelte effettuate e sul percorso e i contributi che hanno permesso di concretizzarle e renderle operative». Scuola Vo l u m n i o, attivate le telecamere di sicurezza Un momento dell inaugurazione Si sono rese necessarie dopo gli atti di vandalismo e i furti PERUGIA - Si è svolta la cerimonia di consegna dell impianto di videosorveglianza dell istituto comprensivo Volumnio di Ponte San Giovanni voluto dalla Pro Ponte e realizzato con la collaborazione di Liomatic, della compagnia Findall asilo teatro insieme, Umbra Control, della Consulta dei Rioni. Erano presenti numerosi studenti delle classi 1ª, 2ª e 3ª media, la vice preside professoressa Cricchi, il comandante della stazione dei carabinieri luogotenente Luciano Martinelli, il consigliere comunale Claudio Consalvi, la presidente del consiglio d istituto Valentina Ercolani, il presidente della Pro Ponte Antonello Palmerini, runa Lepri per Liomatic e per la compagnia tetrale, Italo Ercolani per Umbra Control, il presidente della Consulta, gli insegnanti dell istituto e molti genitori di alunni e studenti. «Con l installazione delle prime quattro telecamere - ha detto Italo Ercolani - si conclude la prima fase dei lavori, ma l impianto è già tutto cablato per la installazione delle altre sette telecamere per coprire tutto il perimetro dell istituto e garantire una maggiore prevenzione. Faccio appello ai ragazzi perché oltre all'obiettivo delle telecamere siano sempre in funzione anche i vostri occhi e quelli di tutti i cittadini». Anche gli altri intervenuti hanno espresso soddisfazione e ringraziamenti per tutti coloro che hanno contribuito, con diversa partecipazione, a questa importante realizzazione che si è resa necessaria per i numerosi tentativi di furti e atti di vandalismo verificatisi. Il presidente del consiglio degli studenti e la vice preside hanno scoperto una lapide affissa all ingresso dell'istituto tra gli applausi di quanti sono intervenuti alla cerimonia. IN REVE Centro storico Fugge da un Cie e passeggia in città PERUGIA - Gli agenti del posto di polizia del centro storico lo hanno visto all ingresso di un noto kebab di via Ulisse Rocchi. Un marocchino, anno 1994, non si è scomposto e non ha neppure tentato di eludere il controllo, probabilmente pensando che tale sua condotta avrebbe indotto gli operatori a procedere oltre. I poliziotti, invece, gli hanno chiesto di mostrare un valido documento di identità e lui si è limitato ad esibire un recente ordine di allontanamento dal territorio nazionale. A questo punto, gli agenti hanno voluto vederci chiaro e lo hanno condotto in Questura ai fini del fotosegnalamento. Ne è risultato che di recente fuggito da un Cie del meridione e rientrato a Perugia soltanto da pochi giorni, aveva già trascorso alcuni anni nel capoluogo umbro, dove, tra l altro, aveva collezionato una condanna mai scontata ad un anno e tre mesi di reclusione per furto aggravato. La polizia, dunque, lo ha arrestato e condotto al carcere di Capanne, dove proseguirà il soggiorno in Italia. Università Tiziano Treu ai mercoledì di Scienze politiche PERUGIA - Tiziano Treu (emerito dell Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano), Stefano Giubboni (Università di Perugia) e Silvana Sciarra (Università di Firenze) parteciperanno all incontro Politiche del lavoro: Italia, Europa ; è in programma domani alle ore 16, nell Aula 1 del Dipartimento di Scienze Politiche. L iniziativa rientra nel ciclo di incontri I mercoledì di Scienze politiche. Tr e k k i n g A spasso tra gli archi e le porte cittadine PERUGIA - Domenica 25 maggio, alle 15, appuntamento in piazza Mariotti con Meravigliarti in Umbria che propone una tranquilla passeggiata tra la città vecchia e la terra nova attraverso i cinque rioni che conferiscono a Perugia la sua caratteristica conformazione a mano aperta. Costo della visita 8 euro comprensivo di ristoro finale. Spaccia droga seduto ai tavolini del bar in via Settevalli, in manette 22enne PERUGIA - Arrestato nei pressi di un bar in via Settevalli a Perugia un albanese di 22 anni, bloccato domenica pomeriggio dai carabinieri poco dopo aver ceduto una dose di cocaina ad un cliente arrivato sul posto in auto. I militari, che avevano seguito l albanese (noto alle forze dell or - dine) sin da quando era uscito di casa, sono riusciti a bloccarlo prima che potesse gettare dalla tasca destra del giubbino un involucro di cellophane bianco contenente un grammo di cocaina. L arrestato aveva circa euro, trovati dai militari nella tasca dei pantaloni e nel portafogli. Nel monolocale dove abitava il giovane sono stati trovati ritagli circolari di buste nella pattumiera, e sopra il mobile della cucina buste in cellophane: secondo i militari, materiale connesso alla preparazione di dosi di droga.

6 Martedì 20 maggio 2014 il Giornale dell Umbria Seu promuove 18 tirocini formativi all estero PERUGIA - Il Seu (Servizio Europa) bandisce, nell ambito del programma comunitario di Apprendimento permanente programma settoriale Leonardo Da Vinci - Mobilità PLM, un concorso di selezione per la partecipazione a 18 tirocini formativi in elgio, Lussemburgo e Spagna. L ammissione al progetto di Mobilità viene regolata secondo le modalità, i cri teri e i termini esposti nell avviso si selezione, reperibile sul sito 28 Ecco le professioni che desiderano i giovani di oggi In testa di gran lunga il medico, poi l ingegnere In coda vigile del fuoco, sportivo e sommelier di GIUSEPPE CASTELLINI PERUGIA - Medico, ingegnere, architetto, commercialista, cuoco/chef, professore/insegnante, stilista, avvocato, estetista, commerciante. Sono le 10 professioni più ambite dai giovani tra i 16 e i 18 anni. È il risultato di una recente indagine svolta dal Censis su un ampio campione rappresentativo dei giovani anni Un indagine confluita nell ambito di un interessante ricerca su Giovani, artigianato, scuola, realizzata dal Censis in collaborazione con Confartigianato. LE 20 PROFESSIONI PREFERITE Ed ecco, in dettaglio, le professioni che i giovani intendono fare, così come emergono dall indagine (tra parentesi la percentuale dei giovani che intende svolgere la professione indi- L indagine È stata realizzata dal Censis su un campione rappresentativo di ragazzi e ragazze anni cata): medico 11,1%, ingegnere 6%, architetto 5,5%, commercialista 5,5%, cuoco/chef 5,5%, professore/insegnante 4,1%, stilista 3,7%, avvocato 3,2%, estetista 2,8%, commerciante 2,3%, fotografo 2,3%, geometra 2,3%, imprenditore 2,3%, parrucchiere 2,3%, programmatore informatico 2,3%, ceramista 1,8%, giornalista 1,8%, ragioniere 1,8%, guida turistica (1,4%), meccanico (1,4%). Queste le prime Le cifre Il 54,6% vuole un lavoro che dia soddisfazioni professionali, il 45,4% mette in cima i soldi venti professioni indicate (c è da considerare che, a pari merito con la professione di meccanico, ci sono quelle di odontotecnico, operatore turistico e panettiere). LE 20 PROFESSIONI MENO SEGNALATE Queste, invece, le 20 professioni in coda. Tutte hanno ricevuto un gradimento dallo 0,5% del campione di giovani intervistati: vigile del fuoco, sportivo, sommelier, servizi sociali, ricercatore, receptionist, promotore finanziario, preparatore atletico, pilota, perito elettronico, notaio, militare, logopedista, lavorazione seta, idraulico, hostess, guardia forestale, fiorista, farmacista ed enologo. Da considerare che su valori simili sono indicate anche le professioni nel campo dell edilizia, il criminologo, il consulente commerciale, il consulente aziendale, il bibliotecario, il bancario, l attrice e l archeologo. Un quadro che, a sorpresa, appare assai diverso da quello che ci si sarebbe potuti attendere, che dà l idea del salire e dello scendere dei vari profili professionali nell immaginario dei giovani. Qualche anno la scala della preferenze, infatti, appariva assai diversa. Tipico è l esempio della figura dell imprenditore, che fino a qualche anno fa era sulla cresta dell onda, mentre oggi ha perso non poche posizioni, pur restando nella parte medio alta della graduatoria. LE CARATTERISTICHE DEL LAVORO Molto interessanti sono anche le risposte date dai giovani su alcune caratteristiche che dovrebbe avere il loro lavoro futuro. In generale, la maggioranza (54,6%) dei ragazzi e delle ragazze pensa a un lavoro «che dia tante soddisfazioni professionali», ma questa percentuale scende al 48,9% tra i maschi (il 51,1% dei quali pensa a un lavoro «che faccia guadagnare tanti soldi») e sale al 61,3% tra le donne (tra le quali, invece, il 38,7% desidera un lavoro «che faccia guadagnare tanti soldi»). In sostanza, la realizzazione professionale, per i nostri ragazzi, in generale vale più dei soldi. Il 67,5%, poi, predilige un lavoro in ufficio, rispetto al 32,5% che, invece, lo desidera all aria aperta. Inoltre, i giovani si mostrano piuttosto stanziali, anche se non moltissimo: il 54,1% desidera «un lavoro che non mi costringa a lasciare il luogo in cui vivo», rispetto al 45,9% che, all opposto, vuole un occupazione «che mi consenta di lasciare il luogo in cui vivo». Da considerare, poi, che il 55,3% pensa a «un lavoro prevalentemente concettuale e teorico», mentre il 44,7% predilige «un lavoro che implica movimento fisico e manualità». LE TENDENZE PER SCUOLA Sono i giovani che frequentano gli istituti tecnici a volere un occupazione «che dia tante soddisfazioni professionali» (58,7%, contro il 53,8% di coloro che frequentano i licei), mentre la percentuale maggiore (51,5%) di coloro che vogliono un lavoro «che facciano guadagnare tanti soldi» è tra i ragazzi e le ragazze che frequentano gli istituti professionali. I più stanziali, poi, sono i giovani degli istituti tecnici (il 69,8% pensa a un occupazione «che non mi costringa a lasciare il luogo in cui vivo», mentre i più propensi alla mobilità (48%) appaiono i giovani che frequentano i licei. AUMENTO DELLE ALIQUOTE Risparmi e rendite, da luglio in media 20,3 euro di tasse in più l anno per i risparmiatori umbri di RUNO COLETTA PERUGIA - L aumento della tassa sulle rendite finanziarie (l aliquota sui capital gain dal primo luglio aumenterà dal 20% al 26%, rimanendo tuttavia al 12,5% per i titoli di Stato) rappresenta per gli umbri, come già pubblicato il 25 aprile su queste colonne, una stangata da 44,3 milioni di euro l anno. Ora il Sole 24 Ore, basandosi sulla distribuzione della ricchezza finanziaria tra i vari tipi di investimento (titoli di Stato, conti correnti, obbligazioni private, conti di deposito, azioni...), ha calcolato quanto la nuova tassa incide, in media, sui risparmiatori nelle varie regioni. Per quanto riguarda l Umbria, in media ogni risparmiatore, da luglio, subirà un aggravio fiscale di 20,3 euro l anno, un po me - no dei 24,2 euro della media nazionale. Da rilevare che la regione è l ultima del Centro- Nord per l aumento del carico tributario medio sui risparmiatori (prima è la Lombardia con 33,7 euro, quindi il Piemonte con 34,3 euro, l Emilia Romagna con 33,9, la Liguria con 31,5 e il Trentino Aldo Adige 32,3). Il minor rincaro tributario sui risparmiatori umbri rispetto alle altre regioni del Centro- Nord si spiega con una minore ricchezza finanziaria (in media, nella regione un risparmiatore detiene in ricchezza finanziaria 23mila 075 euro, rispetto ai 28mila 548 del dato nazionale, con la primatista Lombardia che presenta 41mila 570 euro, seguita dal Piemonte con 40mila 229). Essendo minore la ricchezza finanziaria, è ovvio che è minore anche l esborso per l aumento della tassazione su tale ricchezza. Quanto all alloca - zione della ricchezza finanziaria, un risparmiatore umbro in media destina così i 23mila 075 euro che detiene: 14mila 089 euro in conti correnti, depositi e conti contro termine, 11mila 372 in obbligazioni, azioni, fondi e strumenti simili, in titoli di Stato. MATERIALI SPECIALI E NANOTECNOLOGIE Il Polo Pumas compie 3 anni tra ricerca applicata e trasferimento tecnologico. Il nuovo piano strategico La classifica La crescita del prelievo tributario è correlata alla ricchezza finanziaria detenuta: in testa per rincaro medio Lombardia (33,7 euro annui) e Piemonte (34,3 euro) PERUGIA - Condivisione tra le aziende, l università ed i centri di ricerca, della cultura finalizzata all innovazione: con questo obiettivo continua a pieno ritmo l attività del Pumas, il Polo d innovazione umbro per i materiali speciali e le micro e nanotecnologie. «La conoscenza e la tecnologia - ha evidenziato il presidente del Pumas, Gianluca Pizzuti, in occasione della recente riunione del consiglio di amministrazione - costituiscono oggi il principale asset competitivo non solo per le imprese, ma anche per i sistemi territoriali. È per questo che bisogna far crescere un ecosistema favorevole all innovazione sia per supportare le imprese esistenti, sia per permettere la nascita di startup che altrimenti non potrebbero svilupparsi». Il Pumas sta concludendo la sua fase di avviamento che, nel primo triennio, è stato agevolato dai contributi pubblici previsti dalla Regione. Questo periodo è stato utilizzato per rafforzare il Polo in quanto nuovo soggetto imprenditoriale dedito alla creazioni di rapporti tra imprese, al trasferimento tecnologico, alla ricerca applicata, alla creazione e messa a disposizione di infrastrutture materiali e immateriali per la ricerca e l innovazione, alla promozione della partecipazione ai progetti europei. Il Pumas ha svolto in Umbria, con il supporto del Progetto Interamna, un importante ruolo nell area tecnologica dei materiali delle nanotecnologie, effettuando una dettagliata ricerca delle tecnologie trasferibili alle imprese e conducendo un ampia analisi della domanda d'innovazione. Il Polo è così riuscito a porsi all at - tenzione nazionale e a inserirsi nella rete italiana del trasferimento tecnologico e ad essere quindi in prima linea per l accesso agli strumenti di politica industriale dedicati all inno - vazione tecnologica e produttiva. Per questa via il Pumas è ora pronto al varo del suo nuovo piano strategico, che sarà presentato all assemblea dei soci nel mese di giugno, con al centro l obiettivo di incrementare l in - novazione delle imprese e la collaborazione con il mondo della ricerca, rafforzandone la competitività, diversificandone le opportunità di business e ampliandone la capacità di penetrazione dei mercati. Il cda ha anche esaminato i risultati dell ultimo periodo connotati dal deciso cambio di passo nel campo dei servizi erogati in virtù della convenzione con l Ecnp, il Centro europeo per i polimeri nanostrutturati.

7 In Umbria falsa ripartenza per l economia Leggera ripresa del mercato del lavoro di LUCIA PIPPI PERUGIA - Non è una ripresa, ma una falsa ripartenza quella in atto per l economia umbra. È quanto emerge dall ultimo rapporto Ires Cgil, il primo del «Alcuni segnali di ripresa nei primi mesi del 2014 su alcuni versanti - ha spiegato il segretario Mario ravi - non riescono ad invertire la situazione per quanto riguarda il lavoro, ed è invece solo con il rilancio dell occupazione e del manifatturiero che si può uscire dalla crisi. La cassa integrazione, che torna a crescere prepotentemente, testimonia - ha detto ancora - la permanenza di un area vastissima di sofferenza occupazionale, che arriva a coinvolgere, tra lavoro iper precario e lavoro che non c è, circa 120mila persone in Umbria». «I pochi valori positivi, soprattutto quelli riferiti all export e riportati nel rapporto - ha detto ancora il segretario - non sono sufficienti a delineare una nuova fase di uscita da una crisi arrivata ormai quasi al suo settimo anno e che sta producendo ancora lacerazioni preoccupanti nel nostro tessuto economico e sociale». La maggior parte delle imprese umbre, infatti, è sempre orientata al mercato interno. «Riguardo all andamento delle vendite al dettaglio - hanno spiegato Franco ortolotti, direttore dell Ires Toscana e Marco atazzi, che ha curato la redazione del rapporto per l Umbria - si segnala una moderazione della flessione con una contrazione che corrisponde a 2 punti percentuali in meno rispetto al quarto trimestre del 2012 (era - 2,7% la variazione). Migliora la grande distribuzione (+0,7%) mentre risultano ancora penalizzate le vendite di prodotti alimentari (-4%), risentendo di una drastica e importante revisione del paniere medio di spesa da parte delle famiglie umbre». IL DETTAGLIO Credito, imprese in forte sofferenza PERUGIA - L andamento del credito evidenzia un ampliamento della dinamica negativa rispetto alla chiusura del 2012 (da -1,5% a -2,9%) con un accentuazione per Martedì 20 maggio 2014 il Giornale dell Umbria economiaumria 29 Per quanto concerne il mercato del lavoro regionale, il rapporto registra un calo dell occupazione nel 2013, nonostante i risultati meno negativi dell ultimo trimestre (da meno 2,5 per cento a più 0,6). Tra il quarto trimestre 2012 e il corrispondente del 2013 il tasso di disoccupazione è passato dall 11,4% al 10,8%. A preoccupare maggiormente è la disoccupazione media annua che aumenta le imprese più dimensionate (società non finanziarie con un - 3,8%) rispetto ad un calo meno intenso rilevato per le famiglie consumatrici e stabile rispetto all anno scorso (da -1,1% a -1,2%). Aumentano anche le sofferenze per il sistema imprenditoriale (+22,3%) portando la quota sugli impieghi totali al 16% parallelamente a un deterioramento degli impieghi vivi molto intenso (-7,9%). Marco atazzi, Mario ravi e Franco ortolotti durante la presentazione del rapporto dal 9,8% al 10,4%, con una salita dei livelli di disoccupazione di lungo periodo e giovanile (rispettivamente 4,9% e 36,5%). Inoltre la cassa integrazione, che torna a crescere prepotentemente nei tre primi mesi del 2014, ha raggiunto un livello cumulato di 3,9 milioni di ore autorizzate, con un incremento del 12,7 per cento. La produzione manifatturiera mostra una dinamica che risulta in via di stabilizzazione, anche se ha continuato a diminuire (meno 2,6%), insieme alla contrazione della vendita di prodotti alimentari (meno 4%), mentre migliora la situazione della grande distribuzione (più 0,7%). Ancora in calo il flusso di beni e servizi venduti all estero a fine anno, con una contrazione del 7,2% e 281 milioni di euro in meno rispetto alla chiusura del 2012, collocandosi ad un valore esportato pari a 3,6 miliardi di euro. La dinamica imprenditoriale si è orientata verso una stabilizzazione del tasso di sviluppo a fine anno, dopo esser risultata moderatamente calante nel precedente trimestre (da - 0,3% a + 0,1%). «Non basta una piccola ripresa per contrastare gli effetti di una grande crisi. Come sindacato - ha concluso il segretario ravi - vogliamo rilanciare l idea del Piano del lavoro per l Umbria che abbiamo già presentato nel 2013 e che stiamo aggiornando costantemente in base alle richieste del mercato». Il confronto tra i 25 big della Moda Crescita fatturato, Cucinelli si piazza al terzo posto In crescita runello Cucinelli PERUGIA - runello Cucinelli terzo per crescita del fatturato, tra i principali 25 gruppi italiani ed esteri della moda, al ventesimo posto per fatturato, decimo per Ebitda sul fatturato (l Ebidta è un indicatore di redditività basato solo sulla gestione caratteristica dell azienda, rappresentando l utile prima degli interessi passivi, imposte e ammortamenti su beni materiali e immateriali). Emerge dal rapporto della società Pambianco - Strategie di impresa sull andamento dei fatturati e della redditività dei principali gruppi italiani ed esteri della moda nel Nello specifico, lo scorso anno il gruppo umbro runello Cucinelli ha visto una crescita del fatturato del 15,5%, cifra superata solo da Valentini FG (+24,8%), Moncler (+18,7%) e Versace (+17,2%). Dietro Cucinelli gruppi come Calzedonia (+10,8%), Roberto Cavalli (+9,3%), Ferragamo (+9,1%), Prada (+7,5%), ottega Veneta (+7,5%), Armani (+4,5%). Quanto alle dimensioni del fatturato, con 322 milioni di euro nel 2013 Cucinelli si piazza, come detto, al ventesimo posto. In testa c è Luxottica (7,313 miliardi di euro), seguito da Prada (3,587 miliardi), Gucci (3,561 miliardi, con però il fatturato in calo del 2,1%), Armani (2,186 miliardi), Calzedonia (1,666 miliardi) e enetton Group (1,6 miliardi). L Ebidta sul fatturato per Cucinelli è al 18%, rispetto al 19,6% della media dei 21 gruppi (dei 25 considerati, infatti, 4 gruppi non hanno comunicato i dati, evidenzia la società Pambianco). In testa per Ebidta sul fatturato c è Gucci (35,8%), seguito da ottega Veneta (34,9%), Moncler (33%), Prada (31,9%), Tod s (31,9%), Ferregamo (20,7%). Gruppo E. Zegna (20,2%), Luxottica (19,6%), Etroc (19%) e, appunto, runello Cucinelli (18%). C O N F C O O P E R AT I V E Un umbro nel gotha della pesca cooperativa Sindacati IN REVE PERUGIA - Per la prima volta un rappresentante dell Umbria nel gotha italiano della pesca cooperativa. Si tratta di Valter Sembolini, che ha partecipato come delegato regionale ai lavori del congresso nazionale di Federcoopesca (la Federazione di Confcooperative che associa le cooperative della pesca) e che è stato eletto tra i 18 membri del Consiglio di presidenza. «La nomina - afferma il presidente di Confcooperative Umbria, Andrea Fora - ci riempie d orgoglio e rappresenta il giusto riconoscimento per gli operatori della pesca del lago Trasimeno e per la dedizione profusa dallo stesso Sembolini nel ruolo di direttore della Cooperativa dei pescatori del Trasimeno di S. Feliciano». Giovani e occupazione, tavola rotonda della Cisl CITTÀ DI CASTELLO - Venerdì a Città di Castello, presso l Audito - rium Sant Antonio, si terrà la tavola rotonda #Scuola formazione #giovani occupazione: la conoscenza aiuta il lavoro organizzata dalla Cisl Umbria, Cisl Scuola Umbria, Felsa Cisl. Inizio lavori alle 10. Agricoltura Evoluzione della filiera nell era digitale PERUGIA - Questa mattina alle 10 in Provincia si terrà la tavola rotonda di Assofertilizzanti-Federchimica Agricoltura 3.0: l era digitale e l evoluzione della filiera agroalimentare.

8 Seguici anche su Martedì 20 maggio 2014 Anno XXXII n euro 1,20 PERUGIA FOLIGNO CITTA DI CASTELLO SPOLETO Giovane sorpreso a spacciare cocaina La Notte rosa ha attirato migliaia di persone Due tifernati arrestati con un chilo di droga A Firenze processo-bis per l ecomostro A a pagina 20 A a pagina 32 A a pagina 28 A a pagina 35 Su Perugia chilometri in meno da giugno. E a settembre gli autisti Apm lavoreranno di più us, arriva il taglio delle corse ITALIA & MONDO Dove le aliquote sono fissate si paga entro il 16 giugno Il governo rompe gli indugi Tasirinviata asettembre solo nei comuni in ritardo A a pagina 3 I chilometri diminuiscono e le ore di lavoro aumentano. E questo l esito dell incontro sindacale di ieri per quanto riguarda i dipendenti di Umbria mobilità. Se l incremento di mezz ora alla guida era in qualche modo un passo atteso, i 170 chilometri di corsein meno sul percorso urbano di Perugia arrivano inaspettati. Secondo quanto raccontano gli stessi sindacalisti, sarebbe la riposta al mancato versamento di una parte dei corrispettivi da parte dell ente committente. Per quanto riguarda i crediti romani non riscossi, si registra un sostanziale blocco. Per questo il presidente Lucio Caporizzi chiederà la convocazione di un assemblea di Roma tpl (di cui Um è socia) per andare ad un nuovo accordo. A a pagina 7 ECONOMIA Secondo il rapporto Ires-Cgil. Sgl Carbon vertice a Roma Una ripresa piccola piccola A All interno L INTERVENTO A Terni poche idee e tante liste di Luca Diotallevi AL'opinione pubblica ternana ha messo a fuoco i due tratti salienti delle amministrative di domenica prossima: il vuoto dei programmi e il numero delle liste. Il vuoto dei programmirisalta ancor piùchiaramente perché il breve elenco dei problemi più urgenti della città è chiaro, pubblico elargamente condiviso dal L'agenda del convegno ecclesiale l'aveva lucidamente messo a fuoco; numerosi, diversi e autorevoli interventi successivi l'hanno confermato ed approfondito. Così come è chiaro a tutti il rifiuto di confrontarsi con quei problemi da parte del sindaco uscente e della sua gunta... [continua a pagina 8 ] Abbinamento opzionale con " La ibbia narrata ai bambini" Euro 7,80 + il prezzo del quotidiano Non cedere al catastrofismo Papa Francesco: La disoccupazione è un emergenza storica A a pagina 48 A a pagina 3 Per gli investigatori ha agito da solo Strage di Tempio Pausania Preso l assassino: era un amico della famiglia sterminata A a pagina 5 Sport Lega Pro La crisi societaria del Gubbio entra nella fase acuta Stasera l assemblea dei soci ma Fioriti potrebbe presentarsi dimissionario Terni La manager delle baby squillo, interrogata per due ore dal giudice, accusa una delle ragazzine: Era pazza di gelosia Scoperta l agenda dell ape regina, i clienti tremano A TERNI Il gip ha interrogato ieri mattina nel carcere di Capanne Aurelia Mudavoio, la cosiddetta ape regina del giro delle baby squillo sgominato dai carabinieri tra Terni e Spoleto. La rumena ha risposto anche in merito alla lista, un catalogo di prostitute che comprendeva maggiorenni e under 18. A a pagina 39 Antonio Mosca CONTRAPPUNTO L Expo dell Umbria di Leonardo Caponi A C 'è un comparto dell'industria manifatturiera umbra misconosciuto, come c'è in quella nazionale. Sono segmenti produttivi che non fanno notizia... [continua a pagina 7 ] Lega Pro Che bello continuare l avventura biancorossa Il Perugia riparte da Comotto Il Grifo è la gioia più grande PERUGIA Acquista gioielli in tv e poi viene truffato A a pagina 21 SERIE Gli errori difensivi tengono ancora aperta la corsa salvezza delle Fere A a pagina 46 SERIE D Dopo l impresa il astia pensa già al futuro Lombardi ha prenotato la panchina A a pagina 49 Che guerriero Animo da combattente per Comotto A a pagina 47

9 CORRIERE DELL UMRIA UMRIA Via Martedì 7 Maggio t Pievaiola, 166 F-6 Tel Fax Umbria mobilità Mezz ora di guida in più Meno chilometri su Perugia. Roma non paga Più ore di lavoro e taglio delle corse Crediti bloccati Presidente in scadenza con il bilancio Lucio Caporizzi alle prese con il rilancio di Umbria mobilità: azione di forza per sbloccare i crediti romani di Alessandro Antonini - Taglio dei chilometri, aumento dell orario di lavoro. Un doppio annuncio che ha fatto fischiare le orecchie ai sindacati di Umbria mobilità. Se l incremento di mezz ora alla guida per i dipendenti di Umbria mobilità era in qualche modo un passo atteso e già preannunciato, i 170 chilometri di corse in meno sul percorso urbano di Perugia (100mila tagliati da Umbria mobilità esercizio e 70mila dalle società private) arriva come un fulmine a ciel sereno. E la riposta al mancato versamento di una parte dei corrispettivi da parte dell ente committente (e socio, ndr), il Comune di Perugia. usitalia per recuperare il denato taglia le corse. Un messaggio anche alle altre amministrazioni. Si tratta - ha spiegato Stefano Maiarelli della Cgil, che ha partecipato all incontro con la proprietà - di una riduzione da parte di Umbria mobilità di 100mila chilometri di corse sul comune di Perugia, a cui si aggiungono 70mila decisi dalle altre società non pubbliche. Ci è stato spiegato che a fronte dell adeguamento dei corrispettivi l ente perugino ha versato il 50% delle quote. Da qui la decisione di ridurre le corse, a partire da giugno, con l orario estivo. Non sono mancate polemiche anche di stampo elettorale e l eco della notizia ha subito fatto il giro dei palazzi, proprio nel mentre i vertici del Pd incontravano una parte Una delegazione di lavoratori di Um iscritti al Pd ha incontrato il segretario regionale Giacomo Leonelli, con il presidente del gruppo in consiglio regionale Renato Locchi e il consigliere regionale Manlio Mariotti. I presenti hanno confermato un giudizio positivo sulle scelte effettuate - è scritto nella nota - e sul percorso e i contributi che hanno permesso di concretizzarle e renderle operative. Un risultato raggiunto in ragione dell'atteggiamento di serietà e responsabilità dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali, della azione di governo e progettualità da parte della Regione e degli enti locali proprietari, di garanzie industriali e finanziarie offerte dal partner privato, dei lavoratori esprimendo un giudizio sostanzialmente positivo (vedi box) in merito alla cessione e al salvatagglio dell azienda unica dei trasporti. Altro nodo da sciogliere l orario di lavoro. Lo slogan di usitalia è aumentare la produttività, puntando alrispetto del tetto massimo previsto dal contratto nazionale. Ossia 39 ore alla settimana. Per l Umbria significa come detto un aumento netto di mezz ora. Ci è stato riferito che Citati gli atti cogenti di indirizzo e programmazione, a partire dal nuovo piano regionale dei trasporti e da quello di bacino. Inoltre sostenendo un coerente piano di riorganizzazione della Un delegazione di dipendenti democrat ha incontrato Leonelli, Locchi e Mariotti sulla cessione a usitalia I vertici Pd: Mantenere il 30 per cento Segretario Giacomo Leonelli azienda unica regionale che metta a valore le opportune economie di scala e, insieme, il lavoro. E ancora dando piena attuazione alle clausole di garanzia sociale in rispetto degli accordi sottoscritti con le organizzazioni dei lavoratori. La notizia sta alla fine: In questo senso gli attuali equilibri societari, che vedono una quota del 30% del capitale di Um in mano a soci pubblici (locali eventualmente: anche usitalia è pubblico, di Fs ndr), rappresentano una condizione utile e da preservare". Ma per fare questo - è scritto nel piano di ristrutturazione di Um - servono 11,5 milioni di euro da parte dei soci pubblici da versare nella stessa Um esercizio. C è tempo fino a luglio per decidere il da farsi. si partirà con l orario invernale, dunque da settembre, spiega ancora Maiarelli. Già si lavora per spostare e incastrare i turni. Sul tema intervene anche l Ugl. Non è tanto la mezz ora lavorata - spiega il segretario Roberto Perfetti - quanto il nastro cosiddetto che un autista di Umbria mobilità è costretto ad affrontare. Attualmente stando alla guida sei ore di fatto siamo impegnati, tra pause e cambi, anche dieci o undici ore. E sopra la mezzora di sosta questo tempo in più rispetto alle ore di guida non viene retribuito. Quello che vogliamo capire è quanto aumentano i nastri per l appunto, con i trenta minuti effettivi in più. Rispetto alla trattativa in corso i sindacati hanno pronta una proposta di contropartita. Anche economica. Durante le scorse settimana è stata strappata l omogeneizzazione del trattamento economico nei confronti due società (Um esercizio). Per quanto riguarda i crediti romani non riscossi, si registra un sostanziale blocco. Per questo il presidente Lucio Caporizzi chiederà la convocazione di un assemblea di Roma tpl (di cui Um è socia) per andare ad un nuovo accordo. Degli oltre 50 milioni da incassare, ne sono arrivati circa 7. C è un lodo milionario a favore di Um da onorare. CONTRAPPUNTO dalla prima pagina...le prime pagine sono occupate da altre categorie di impresa e da altri protagonisti, come le grandi firme della moda o quelli che appartengono al campo tradizionale e attuale del "made in Italy". Le cronache vanitose dei nostri tempi spesso se ne occupano più per la brillantezza delle figure degli imprenditori (la simpatia, il carisma, l'eleganza), che per i successi industriali, impegnate in quella infinita retorica del personaggio che attribuisce tutti i meriti al genio individuale, trascurando gli altri, spesso determinanti, elementi di contorno. Eppure l'industria della quale non si parla o si parla troppo poco, può rappresentare la novità e il futuro, di fronte ad un panorama industriale nel quale, nei settori tecnologicamente maturi, sarà sempre più difficile trovare margini di competitività e spazi soddisfacenti di mercato. Le industrie dell'aerospazio, in Umbria ed in Italia, costituiscono punte di assoluta eccellenza. Si tratta, molto spesso, di piccole imprese, qualche volta addirittura di dimensione artigianale, che lavorano in subfornitura, producendo componenti o parti di organi e apparati più complessi, meccanici, elettrici ed elettronici, che vengono assemblati nelle imprese committenti. Questa funzione prevalente di fornitori nulla toglie alla qualità tecnologica dei prodotti e dei processi produttivi ed alla autonoma capacità progettuale e impiantistica che molte imprese hanno acquisito e sono in grado di vantare. La loro scarsa "mondanità" è probabilmente indicativa del posto che L Expo dell Umbria occupano nella gerarchia delle scelte industriali del nostro Paese. Negli ultimi decenni l'italia ha perso straordinarie occasioni ed ha lasciato deperire o addirittura scomparire comparti industriali strategici che connotano l'economia di tutti i grandi Paesi. E' stato il caso della chimica e della farmaceutica, mentre oggi è in discussione la sopravvivenza della siderurgia. L'industria aerospaziale e dell'alta tecnologia corre il rischio di finire prima ancora di cominciare nell'ambito della piccola e media impresa e di esaurirsi nella dimensione della grande impresa, vista la crisi e le tribolate recenti vicende difinmeccanica, gruppo che annovera aziende (e competenze) di assoluta eccellenza mondiale. L'Italia paga la mancanza di programmazione e politica industriale che avrebbero dovuto sostituire l'industria pubblica. Paga una eccessiva sudditanza agli Stati Uniti e alle imprese di quel Paese, che ha allontanato l'industria italiana dalla partecipazione a grandi progetti europei in cui hanno avuto campo libero l'inghilterra, la Germania e la Francia; paga una scriteriata politica di privatizzazioni che, ove proseguisse nei termini paventati degli smembramenti aziendali (i cosidetti "spezzatini") nel campo elettrico, energetico e dell'alta tecnologia, priverebbero le imprese della condizione della quale hanno più bisogno: cioè la possibilità di "fare sistema". La Regione dell'umbria ha avuto una ottima intuizione con la costituzione e il sostegno al Polo Aerospaziale. Altre cose potrebbero esser fatte a livello locale. Seattle, città nordamericana gemellata con Perugia, è uno dei "templi" mondiali dell'alta tecnologia, ospitando la sede della oeing, oltre che quella della Microsoft. Perché non tentare di sfruttare al meglio l'amicizia tra le due municipalità per costruire, a Perugia ed in Umbria, una joint venture in campo industriale? Adesso c'è poi la partecipazione umbra all'expo 2015 che, nonostante gli scandali e la corruzione, si terrà comunque. Quale sarà lo spazio che l'umbria dedicherà all'alta tecnologia? Eccellenze alimentari, ambiente e cultura d'accordo, ma un qualche rilievo all'industria del futuro non sarebbe male. Leonardo Caponi

10 CORRIERE DELL UMRIA ECONOMIA Redazione: Martedì 11 Maggio t via Pievaiola, 166 F-6 PERUGIA Tel Fax z A TERNI Torna a farsi sentire la Fiom che lancia l avviso: Ast è allarme rosso sui volumi. Il segretario Cipolla parla senza mezzi termini che sono sempre più evidenti i rischi sul futuro del sito con sottovalutazioni incomprensibili. Rispetto ai volumi preannunciati si prevede una fermata di almeno 8 giorni nell area a caldo che significa raggiungere una produzione mensile al limite delle 90mila tonnellate mese. E da tempo che chiediamo concretezza e certezza degli impegni da parte di TK su Terni e, ad oggi, abbiamo SIDERURGIA AST, LA FIOM LANCIA L ALLARME SUI VOLUMI avuto soltanto rassicurazioni verbali che nei fatti, come dimostrano i volumi in programma, vengono puntualmente smentite.riteniamo - aggiunge Cipolla - quanto si sta determinando intorno alla vicenda Ast inaccettabile perché ciò prefigura un assetto futuro del sito notevolmente ridimensionato, con il rischio di perdere competitività e strategicità oltre a quello di produrre ulteriori effetti negativi occupazionali che sarebbero insopportabili per la realtà ternana. Come Fiom-Cgil ribadiamo che non può più essere rinviato un confronto governativo ai massimi livelli per evitare che la situazione precipiti e per intervenire nei confronti della Commissione Europea e della multinazionale tedesca chiedendo il rispetto degli impegni presi. Riteniamo incomprensibile che in una fase come questa ci siano soggetti che sottovalutano il rischio concreto ed oggettivo di quello che sta accadendo sulla siderurgia ternana non comprendendo che è a rischio, nel medio periodo, la sopravvivenza delle produzioni siderurgiche ternane per come le abbiamo conosciute fino ad oggi. Come Fiom-Cgil - conclude Cipolla - continuiamo a denunciare anche atteggiamenti non condivisibili di una parte del management aziendale. y P CHIMICA Incontro a Roma al ministero alla presenza della presidente della Regione Marini SGL CARON, OIETTIVO TROVARE IL POSSIILE ACQUIRENTE DEL SITO z MECCANICA ISINDACATI PROTESTANO DAVANTI ALL INPS PER IL RITARDO NELLA CASSA INTEGRAZIONE JP A NOCERA UMRA Nonostante la firma del decreto per prorogare la cassa integrazione per i dipendenti JP Industries, i lavoratori non hanno ancora ricevuto nessun pagamento. Temendo che l'inps di Perugia possa nuovamente ritardare la cassa per i lavoratori, i delegati sindacali Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil della JP hanno deciso di protestare all' Inps. Domani mattina, infatti, i lavoratori si sono dati appuntamento sotto la sua sede perugina per presentare le proprie rimostranze. "Abbiamo appreso in queste ore - spiegano da Fim, Fiom e Uilm della JP - che sembra che l'inps voglia fare ostruzionismo riguardo il pagamento della cassa integrazione, anche in presenza della firma sul decreto da parte del ministero del Lavoro. Sono trascorsi oltre dieci giorni da quando il ministero ha firmato, ora si attende che l'inps faccia la sua parte. I lavoratori sono ormai sfiduciati e con forti difficoltà economiche. Come organizzazioni sindacali, abbiamo grandi difficoltà a gestire i lavoratori: dopo oltre cinque mesi senza soldi né lavoro, la situazione sta scivolando di mano e crediamo che chi ha le responsabilità debba fare la sua parte ed il suo lavoro, senza cercare alibi". E.M. y di Carlo Ferrante z IL FATTO NESSUN PASSO IN AVANTI CON I LIQUIDATORI A NARNI Il sindacato non ha fatto sconti, non è retrocesso di un passo e ai liquidatori di Sgl Carbon ha chiesto la sospensione della mobilità e l'attivazione della cassa integrazione. I fatti sono noti. L'azienda ha avviato la mobilità e chiede che il prodotto finito esca dai cancelli. Il valore degli elettrodi è di alcune decine di milioni che, con le casse vuote della società, potrebbero essere utilizzati per l'acquisto delle materie prime. Le parti non si avvicinano, anzi. Per Fabrizio Framarini segretario generale della Femca "a loro interessa fare l'accordo globale, dopo quattro mesi non fanno un passo avanti sulle nostre richieste, cioè mettere sui piatti soldi per la buonuscita dei lavoratori e contestualmente aprire la cig. A noi interessano creare le condizioni per la continuità aziendale, in prospettiva di cessione degli impianti, ma a fronte della richiesta della sospensione della mobilità e dell'arrivo delle materie prime, abbiamo registrato battute d'arresto". Tra cinque giorni scadono i tempi per il mancato accordo e le parti dovranno incontrarsi nella sede della Confindustria, poi spetterà al ministero del lavoro fissare un summit per ricucire e trovare le condizioni per l'eventuale intesa. Per la rappresentante della presidenza della regione Umbria le notizie pervenute dall'incontro tra i liquidatori della Sgl Carbon e le organizzazioni sindacali territoriali "non solo sorprendono, ma risultano gravi anche sul piano delle corrette relazioni istituzionali". Nel tardo pomeriggio si è svolta, all'interno del sito, in via del Lavoro, a Narni Scalo, l'assemblea dei lavoratori. C. F. y A NARNI - Il futuro produttivo del sito industriale di Sgl Carbon di Narni Scalo è di rilevante importanza, è quindi prioritario il comune impegno affinché si riesca a mantenere una prospettiva di prosecuzione della attività produttiva e gli attuali livelli occupazionali. E' quanto emerso dall'incontro al ministero dello Sviluppo Economico, in via Molise, a Roma, al tavolo convocato dal vice ministro Claudio De Vincenti, con la partecipazione del presidente della giunta regionale Marini, dell'assessore Riommi, del sindaco di Narni De Robotti, dell'assessore provinciale Rosati, dei rappresentanti delle tre grandi centrali sindacali nazionali e provinciali di Femca Cisl, Filctem Cgil, Uiltec Uil, dei delegati della Rsu e i liquidatori di Sgl Carbon Montani e Petrucci. C'è stata la conferma che sono in corso contatti con il potenziale acquirente cinese, e la volontà dell'azienda di abbandonare la proprietà dello stabilimento. Ma non basta. Per il presidente Marini "le istituzioni si sentono impegnate nella individuazione di un altro soggetto che possa rilevare il sito della Sgl Carbon per assicurare il suo futuro produttivo, valutando sin da ora la concretezza delle manifestazioni di interesse in campo". Vanno dunque verificate tutte le manifestazioni di interesse che fin qui sono state avanzate e quelle che nel frattempo potrebbero giungere. Dalla prossima settimana, in un apposito tavolo istituito presso il Mise, con il coordinamento della Presidenza della regione Umbria, governo, regione, comune di Narni e rappresentanti dell'attuale proprietà della Sgl Carbon, saranno effettuate le verifiche sotto il profilo industriale, al fine di ricercare un soggetto acquirente in grado di garantire la prosecuzione dell'attività produttiva. Per il vice ministro Claudio De Vincenti "nonostante la vertenza sia complessa e la volontà di Sgl Carbon ferma il Governo considera positivamente il passo avanti fatto al tavolo Mise, dove si è aperto un percorso per individuare un investitore in grado di mantenere aperte le prospettive produttive ed occupazionali dell' insediamento di Narni. Altrettanto, il Governo apprezza il modo costruttivo con cui il sindacato si appresta al confronto". De Vincenti non ha dubbi. "Per l'esecutivo e per tutte le istituzioni, il futuro del sito umbro è molto importante. In quanto fornitore della siderurgia italiana e forte esportatore, l'impianto di Narni rappresenta un tassello decisivo per la ripresa del settore siderurgico sulla quale il nostro Paese è impegnato a fondo". Sulla stessa lunghezza d'onda il presidente della giunta regionale Marini. "L'attività produttiva di Sgl Carbon è, infatti, di fondamentale importanza non solo per la città di Narni e per l'umbria, ma rappresenta un interesse strategico per il Paese e per l'industria siderurgica italiana il cui rilancio è al centro dell'azione del Governo". Gli elettrodi di grafite per i forni elettrici sono un'eccellenza, perché lo stabilimento narnese ha alle spalle un'esperienza di 117 anni, tra le prime fabbriche dell'unificazione d'italia che ha dato il via al processo d'industrializzazione del Paese. La qualità è il fiore all'occhiello di Sgl Carbon riconosciuta dalla stessa multinazionale tedesca che ne ha decisa la chiusura. "Dopo tanti anni di attività la nostra filiera italiana è diventata parte importante nel nostro Gruppo, avendo prodotto manufatti di cui siamo sempre andati fieri e che non è mai scemata, nonostante che negli anni fossimo gradualmente costretti a diminuire i volumi produttivi in misura considerevole". Dalle potenziali 20 mila tonnellate annue, dopo la chiusura di un forno, la produzione nell'ultimo periodo si attestata intorno a 500 tonnellate mensili, troppo poche perché facciano quadrare i conti economici e per restare competitivi sul mercato sempre più in difficoltà e con l'acqua alla gola per la spietata concorrenza dei paesi emergenti. Un nuovo incontro di verifica, al Ministero dello Sviluppo economico dell'attività di valutazione delle manifestazioni d'interesse all'acquisto della società e del confronto dell'azienda con le organizzazioni sindacali, si svolgerà tra Governo, istituzioni regionali e locali, organizzazioni sindacali, alla presenza dei rappresentanti dell'azienda, il prossimo 4 giugno. Al termine del summit di ieri mattina le parti hanno firmato un verbale di accordo che recepisce tutti i punti esaminati.

11 u12 Martedì 20 Maggio 2014 CORRIERE DELL UMRIA Economia P LA RICERCA Resi noti i risultati del rapporto Ires-Cgil sulla situazione presente sul territorio regionale di Isabella Rossi - Dopo mesi di buio pesto qualcosa si muove nell'economia regionale. Ma più che parlare di ripresa, a farsi strada sono segnali di allentamento di quella crisi che in Umbria continua a falciare produzione, imprese e posti di lavoro a partire da un preoccupante ridimensionamento del manifatturiero. E nel quadro, affatto roseo, entrano a pieno titolo anche quei circa 122mila umbri - tra cassaintegrati, precari estremi, disoccupati e giovani senza lavoro e non più impegnati negli studi. Un popolo niente affatto in diminuzione ma in aumento. Come indica l'andamento della cassa integrazione guadagni e la crescita della disoccupazione giovanile. La lettura che Mario ravi, segretario della Cgil Umbria, da del settimo Focus dell'economia Umbria incentrato sui primi mesi del e presentato ieri mattina in Cgil - mette in guardia da facili entusiasmi. Nel rapporto dell'ires Toscana - prodotto in collaborazione con Cgil Umbria - si parla in effetti di timidi segnali di ripresa. Ma se è vero che nel quarto trimestre 2013 l'occupazione è aumentata - da -2,5% a +0,6% - a fronte di una diminuzione del 5,3% delle persone in cerca di occupazione. E che confrontando il zil PUNTO LA SOFFERENZA QUOTIDIANA DELLE IMPRESE E DEI GIOVANI TRA I NODI DA SCIOGLIERE E' ancora una contabilità delle perdite, quella costretta a rilevare non tanto i segnali di crescita ma piuttosto quelli di attenuazione del crollo. Così in attesa di tempi migliori, e nonostante una "stabilizzazione del tasso di sviluppo a fine 2013", si contrae lo stock di imprese attive in Umbria. E le perdite sono maggiori rispetto al calo del 2012 (da -0,6% a -1,3%), fino ad arrivare nel 2013 ad un totale di unità. Anche il credito nel 2013 continua a perdere terreno, passando da un meno 1,5% ad un meno 2,9%. In aumento cospicuo, più 22,3%, sono invece le sofferenze bancarie per il sistema imprenditoriale. Ma a pagare il prezzo più alto della crisi sono i giovani, nella fascia dai 15 ai 24 anni, il cui tasso di disoccupazione continua ad aumentare. E MENO CRISI MA ANCORA NESSUNA RIPRESA DELL ECONOMIA UMRA quarto trimestre 2012 con il quarto ha riferito il curatore del rapporto Marco atazzi - si è registrata una diminuzione del tasso di disoccupazione dall'11,4% al 10,8%. A togliere le illusioni è la disoccupazione media annua, passata nel 2013, dal 9,8% del 2012 al 10,4%. In particolare, a fare la differenza sono stati i livelli di disoccupazione di lungo periodo - cioè oltre i 12 mesi - al 4,9%; e la disoccupazione giovanile arrivata al 36,5%. Anche dal fronte cassa integrazione guadagni i segnali non sono di "pace". Nei primi tre mesi del 2014 si è registrato un incremento del Occupazione Situazione drammatica per i giovani nel 2013 per loro l'occupazione in Umbria è diminuita dell'11,7%. A crescere sono stati invece i Neet, i ragazzi dai 15 ai 29 anni che non studiano e non lavorano. In tutto oramai circa 25mila giovani umbri a grave rischio di esclusione sociale. y 12,7% delle ore autorizzate, il cui cumulo ha raggiunto i 3,9 milioni. A incidere e? stato soprattutto lo sblocco della cassa in deroga che ha segnato un più 137%, con una quota sul totale ore autorizzate del 26,7%. Crescita sostenuta anche per la gestione straordinaria, più 17,5%, mentre la cig ordinaria è diminuita del 17,2%. Per la produzione manifatturiera si registra, invece, "il miglior dato degli ultimi sette trimestri", grazie ad una tendenza alla stabilizzazione a fine 2013, rispetto al quarto trimestre 2012, emersa dai numeri: da meno 1,5% a meno 0,2%. Segno più hanno anche la variazione tendenziale del fatturato - da meno 3% a più 0,9% - e quella degli ordinativi totali: da meno 1,2% a più 0,4%. Trainante si riconferma l'estero con incremento del fatturato e degli ordinativi. E, si evidenzia, le cose potrebbero andare molto meglio, se sul flusso dei beni e servizi che l'umbria vende all'estero, non pesasse il comparto dei metalli "diminuito di ben il 33,9%". Con il risultato finale di una "una contrazione del 7,2% pari a 282 milioni di euro rispetto al Anche il dato medio annuo, riferito alla produzione, pur rimanendo negativo - meno 2,6% - registra un miglioramento rispetto al meno 5,7% del Ma la crisi non è finita ed "il tessuto sociale continua a subire lacerazioni". A fronte di tale emergenza, la Cgil Umbria rilancia l'idea di una Piano del lavoro per l'umbria. Con una richiesta: il lavoro che non c'è dovrebbe essere almeno al centro dibattito politico preelettorale. Invece, pare,latitaanche dalì. HI-TEC

12 P CREDITO Servizi a misura messi in campo da anca Etruria per il territorio CORRIERE DELL UMRIA Martedì Economia 13 Maggio t COME AIUTARE LE AZIENDE E LE FAMIGLIE La missione di anca Etruria è chiara e guarda al territorio, alle famiglie e alle le imprese. A partire dal marzo 2011, anca Etruria ha messo a punto il Progetto Shuttle con lo scopo di traghettare oltre la crisi le imprese strutturalmente sane, ma in forte tensione finanziaria a causa delle difficoltà di incasso che caratterizzano l'attuale contesto. Per quanto riguarda le famiglie, l offerta di mutui e finanziamenti in conto corrente copre sia spese importanti come l acquisto di prima o seconda casa, sia spese correnti impreviste o superiori alle attese. L offerta mutui in particolare prevede tassi di particolare vantaggio, durata fino a 30 anni e valore finanziato pari al 70% de valore dell'immobile. Ma anca Etruria è vicina anche ai giovani e offre loro strumenti per rendere più facile e sicuro il grande salto verso l'indipendenza economica. Per la gestione delle spese e del risparmio, la nuova offerta e Jump comprende tutta una serie di servizi economici e ricchi di vantaggi: dal conto corrente a zero canone e zero spese accessibile sempre e ovunque grazie ai servizi di home banking e alle carte bancomat e di zaziende credito, ai piani di accumulo, alle soluzioni per la previdenza complementare. Soluzioni ed offerte presenti sia nelle filiali che sul web dove su è disponibile un minisito dedicato e una pagina TS GROUP RINNOVA APPALTO DI FORNITURA AD ASL UMRIA A FOLIGNO Tbs Group, attraverso la controllata Elettronica io Medicale (Ebm) di Foligno, si è aggiudicata il rinnovo di appalto per la fornitura dei servizi integrati riguardanti la gestione e manutenzione delle apparecchiature sanitarie dell Asl Umbria1. Il contratto prevede per i prossimi due anni la gestione e il coordinamento di tutto il parco macchine per un valore complessivo di circa 5,2 milioni di euro di cui oltre 2,8 milioni di pertinenza di Ebm. Ebm, mandataria con il 54,58% del raggruppamento temporaneo d'impresa costituito con Tecnologie Sanitarie, Philips Medical Systems, GE Medical Systems Italia, ha ricevuto lo scorso 13 maggio formale comunicazione da parte dell'ente appaltante dell'affidamento dei servizi. y facebook che raccoglie contenuti, commenti e suggerimenti dalla community per costruire servizi e prodotti sempre più utili e disegnati su misura sulle esigenze dei giovani under 30. Al fine di fornire soluzioni e risorse per il mondo dell'imprenditorie e dei professionisti invece anca Etruria rinnova la propria offerta per rispondere in modo concreto alle necessità legate al business. Le disposizioni di legge volte a limitare l uso del contante, la crescente diffusione delle carte di pagamento, nonché l aumento esponenziale delle vendite online, hanno imposto capillarmente il servizio di pagamento tramite pos. anca Etruria per venire incontro a tutti coloro che con le nuove norme di legge dovranno dotarsi di questo dispositivo come i professionisti o gli artigiani, fornisce soluzioni comode e convenienti sia per la classica versione "fisica" del pos, con un canone di soli 10 euro mese che con le componenti di sconto si riduce a zero se si superano le 100 operazioni mensili, sia per l'innovativo mpos, piccolo terminale tascabile che consente di accettare pagamenti attraverso la connessione bluetooth con uno smartphone o un tablet ios o Android compatibile. CREDITO Sono coinvolte le città di Assisi e di Gubbio con l obiettivo di diffondere la cultura finanziaria e di impresa TRE APPUNTAMENTI CON I SEMINARI DI MEDIOLANUM CORPORATE UNIVERSITY Mediolanum Corporate University (MCU), l istituto educativo di anca Mediolanum, ha scelto la provincia di Perugia per i prossimi tre appuntamenti con i suoi seminari per diffondere sul territorio la cultura finanziaria e d impresa. Il primo incontro sarà con"centodieci è Condivisione" domani alle presso l' Hotel Cenacolo di Assisi. Relatore della serata Umberto Macchi, Training&Learning Manager di anca Mediolanum. Essere social è oggi una parola d ordine. Ma cosa sono davvero e come funzionano le reti di relazione su internet? E come riuscire a gestire al meglio le aree di opportunità e criticità che questi nuovi mezzi di comunicazione riservano? Due invece le tappe di "Centodieci è Cambiamento". Il primo appuntamento si terrà nuovamente ad Assisi giovedì alle presso il Cenacolo Francescano S. Maria degli Angeli. Sarà il Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio la cornice del secondo incontro di venerdì alle 16. La nuova condizione economica mondiale, la globalizzazione, i mercati emergenti, il territorio e le sue risorse richiedono conoscenze profonde per emergere da qualsiasi fase di stallo. Questi alcuni dei temi che verranno affrontati da Oscar di Montigny, direttore marketing, comunicazione e innovazione di anca Mediolanum. AGRICOLTURA Domani mattina a palazzo Donini RIUNIONE COMITATO PER I FONDI EUROPEI Si terrà domani a palazzo Donini di Perugia, il Comitato di Sorveglianza del POR FESR Il Comitato, presieduto dal presidente della Regione e composto da rappresentanti della Regione, dello Stato e dell'unione europea, ha la funzione di garantire la qualità e l'efficacia dell'attuazione del Programma operativo. Tra i punti all'ordine del giorno l'approvazione del Rapporto annuale di esecuzione (Rae) al 31 dicembre 2013, lo stato di attuazione dei finanziamenti e l'informazione sulla nuova fase di programmazione comunitaria l PRODOTTI ITTICI Si tratta di Valter Sembolini che entra nel consiglio di presidenza nazionale UMRO NEL GOTHA ITALIANO DELLA PESCA COOPERATIVA Per la prima volta un rappresentante dell'umbria nel gotha italiano della pesca cooperativa. Si tratta di Valter Sembolini che ha partecipato come delegato regionale ai lavori del congresso nazionale di Federcoopesca (la Federazione di Confcooperative che associa le cooperative della pesca) e che è stato eletto tra i 18 membri del consiglio di presidenza. "La nomina del nostro rappresentante in un contesto nazionale di tale importanza ci riempie d'orgoglio e rappresenta il giusto riconoscimento per gli operatori della pesca del Lago Trasimeno e per l'impegno e la dedizione profusa dallo stesso Sembolini nel ruolo di direttore della "Cooperativa dei Pescatori del Trasimeno" di San Feliciano". Ad affermarlo è il presidente di Confcooperative Umbria, Andrea Fora, cui fa eco il direttore della stessa associazione di imprese, Lorenzo Mariani: "La pesca professionale nella nostra Regione è un valore culturale ancora prima che economico, che si tramanda da padre in figlio da oltre duemila anni nello specchio del lago Trasimeno. Le due cooperative che operano in tale meraviglioso scenario svolgono pertanto un ruolo determinante per far sì che dopo due millenni la pesca non venga a scomparire e lo fanno puntando sull'innovazione di processo e di prodotto, sul "pescaturismo", sull'integrazione con gli altri comparti dell'agroalimentare e del turismo rurale". Lo stesso Sembolini non ha mancato di far notare che "in questi anni di crisi noi stiamo andando in controtendenza, creando opportunità occupazionali. I recenti investimenti fatti dalla nostra Cooperativa, con il favore dell'assessore regionale Fernanda Cecchini ed il supporto comunitario del FEP (Fondo Europeo per la Pesca) si stanno rivelando determinanti. I Lavori di adeguamento dello stabilimento di San Feliciano per realizzare un nuovo punto vendita ed uno spazio di degustazione del pesce cucinato direttamente dal pescatore e trasferito al consumatore attraggono". AVVISO RELATIVO AD APPALTI AGGIUDICATI Lavori PUC2 - Sistemazione delle pavimentazioni e delle infrastrutture a rete di L.go Garibaldi, Via Umberto I, P.za del Catraione, Via XX Settembre nel Centro Storico del Capoluogo - II stralcio. CUP: J64E CIG: A7C. Amministrazione aggiudicatrice: Comune di Marsciano (Pg), Largo Garibaldi, Cod.Fisc Tel Fax Sito Internet: e.mail: indirizzo certificato: comune. Procedura e Importo: procedura aperta. Importo complessivo dei lavori: ,94, oltre IVA, di cui ,41 soggetti a ribasso. Criterio di aggiudicazione: prezzo più basso. Offerte ricevute: n. 165; ammessi n. 159; Aggiudicatario (D.D. 144/2014): LUCIANI COSTRUZIONI s.r.l. con sede legale in Via Frentana, Casoli (CH) per l importo di ,59 (ribasso 28,378%). Il presente avviso è pubblicato sulla GURI - V^ Serie Speciale n. 55 del 16/05/2014. Il testo integrale dell avviso è pubblicato sul sito web del Comune e all Albo online (Rup Geom. G. Di Fiore). Il Responsabile del Settore Ing. Francesco Zepparelli

13 CORRIERE DELL UMRIA PERUGIA Redazione: Martedì 19 Maggio t Via Pievaiola, 166 F-6 Tel Fax In un manifesto il dolore per la prematura morte della contrattazione decentrata La rivolta dei 400 dipendenti comunali La rivolta dei dipendenti comunali è andata in scena ieri. Le rsu e i dipendenti si battono su più fronti: il più importante è quello dei super premi ai dirigenti che arrivano puntuali mentre da due anni gli altri aspettano gratifiche come da contratto. Ma la rivolta si è basata soprattutto sui privilegi a pochi che vanno ad incidere su tutta la cittadinanza e anche sulla riorganizzazione del lavoro in Comune. E così in 400 hanno dato vita ad una protesta. Sono partiti dalla sala della Vaccara per poi portarsi all interno di palazzo dei Priori. Il tutto con cartelli in mano ironici ma non tanto: Dopo sei mesi di agonia ci ha lasciato prematuramente la cara contrattazione decentrata. Le rsu aziendali, le organizzazioni territoriali e i dipendenti tutti ne piangono la prematura scomparsa con dolore. Requiem aeternam dona eis domine : recita uno dei necrologi sventolati. Le esequie della fine dei rapporti con la Giunta e con gli stessi dirigenti sono state così celebrate. A Palazzo dei Priori I dipendenti comunali hanno fatto sentire la loro voce. La rivolta era già nell aria A noi che restiamo rimane ilcompito di tenere vivo l impegno nel ricordo. Le esequie muoveranno oggi alle 15 dalla casa comunale, continuano altri. L attacco è duro e si basa anche su una riorganizzazione che a parole avrebbe portato dei tagli ai dirigenti, ma sono spuntati subito dopo, ben pagati, i cosiddetti mini-dirigenti. asti pensare che i dirigenti e le alte professionalità oggi costano a regime ai cittadini più di 400mila euro in aggiunta allo stipendio. La città che reagisce di Federico Sabatini - Si è svolto ieri alla sala Alessi di Perugia un primo importante incontro tra amministrazione pubblica, associazioni e imprese per la presentazione del nuovo bando regionale sui "centri commerciali naturali". Il bando, di prossima pubblicazione, è esclusivamente dedicato a rilanciare i centri storici di Perugia e Terni, per i z Leombruni: Non bisogna pensare al singolo negozio, ma all insieme quali sono previsti circa due milioni di euro da dividere tra le due città, con un progetto che prevede iniziative comuni, oggetto di contributo pubblico, e interventi di innovazione finanziabili alle singole imprese. "Abbiamo una grande opportunità - ha spiegato Federico Fiorucci, direttore di Confcommercio Umbria e relatore dell'incontro - Perugia non parte da zero, e con questo bando possiamo avviare un importante percorso Un bando regionale di 2 milioni (da dividere con Terni) destinato esclusivamente a rilanciare i capoluoghi Arrivano soldi per un centro storico più attivo e che valorizzi la sua vocazione commerciale y Necessari progetti di rilancio per il centro storico grazie alla partecipazione di tutti; oggi sono fondi ex Fas, domani se arriveranno altri contributi saremo già preparati". L'idea central del bando è perciò quella "di valorizzare i centri storici - ha continuato l'assessore regionale Fabio Paparelli - in particolare quelli di Perugia e Terni, in modo da stimolare poi l'emulazione di tanti altri centri, i soldi per realizzare il progetto ci sono, leideeverranno dal contributo di tutti, intanto si è pensato alwifi libero, a videocamere per la sicurezza, a un'app per il centro, a una fidelity card, a un sistema di informazione e promozione del centro e a molto altro". Un centro commerciale naturale, con tanti servizi dunque, "ma perché 'naturale'? - si è chiesta Carmen Leombruni dirigente del Comune di Perugia - perché è un regalo che la storia ci ha fatto, il comune intanto già da anni si è impegnato con attività di marketing urbano come l'infopoint e un marchio, ora bisogna superare gli 'steccati' e non pensare solo al proprio negozio, ma ad un insieme di attività, poiché il dialogo è molto importante per questo progetto". Dialogo che porti fino alla "creazione di una nuova rete di imprese - ha sollecitato Fabio Settequattrini di Confcommercio della provincia di Perugia - e che porti nuove idee e progetti al bando che noi ci occuperemo di rendere quanto più possibile rispondente alle esigenze delle imprese". Una grande opportunità perciò, soprattutto in un "periodo così difficile per centro storico - ha aggiunto Giuseppe Capaccioni presidente della consulta del centro storico - oltre la crisi i problemi più rilevanti sono che i perugini non vengono più nell'acropoli, le difficoltà di accesso come Ztl e parcheggi, il decentramento degli uffici, la residenzialità e la percezione della sicurezza. Fino a ora sono stati fatti molti tentativi, ma nessuno con risultati duraturi, noi vogliamo costruire un centro commerciale naturale stabile che sarà impossibile da creare senza la collaborazione della pubblica amministrazione". Un incontro così di grande importanza per il futuro del centro storico dove sono stati anche tanti gli interventi e le critiche del pubblico che hanno richiesto per esempio bagni pubblici, migliore cartellonistica, sicurezza, migliori collegamenti interni nel centro, maggiore chiarezza su quali compiti debbano essere svolti dalle imprese e quali dalla pubblica amministrazione ma soprattutto una migliore politica sui parcheggi, grande ostacolo allo sviluppo del centro. Ieri la cerimonia di inaugurazione per l impianto che potrà essere ulteriormente ampliato L Istituto comprensivo Volumnio di Ponte San Giovanni protetto dalle telecamere della videosorveglianza Si è svolta la cerimonia di consegna dell'impianto di videosorveglianza dell'istituto Comprensivo Volumnio di Ponte San Giovanni voluto dalla Pro Ponte e realizzato con la collaborazione di Liomatic, della compagnia Findall'Asilo Teatro Insieme, Umbra Control, della Consulta dei Rioni e dell'istituto Volumnio. Erano presenti numerosi studenti delle classi 1^, 2^ e 3^ media, la vice preside professoressa Cricchi, il comandante della stazione deicarabinieri luogotenente Martinelli, consiglieri comunali, la presidente del consiglio d'istituto Valentina Ercolani, il presidente della Pro Ponte Antonello Palmerini, runa Lepri per Liomatic e per la compagnia teatrale, Italo Ercolani Inaugurato il nuovo impianto di videosorveglianza dell istituto Volumnio di Ponte San Giovanni per Umbra Control, il presidente della Consulta, gli insegnanti dell' Istituto e molti genitori di alunni e studenti. "Con l'installazione delle prime quattro telecamere - ha detto Italo Ercolani - si conclude la prima fase dei lavori, ma l'impianto è già tutto cablato per la installazione delle altre sette telecamere per coprire tutto il perimetro dell'istituto e garantire una maggiore...prevenzione. Faccio appello ai ragazzi - ha detto ancora - perché oltre all' obiettivo delle telecamere siano sempre in funzione anche i vostri occhi e quelli di tutti i cittadini". Anche gli altri intervenuti hanno espresso soddisfazione e ringraziamenti per tutti coloro che hanno contribuito, con diversa partecipazione, a questa importante realizzazione che si è resa necessaria per i numerosi tentativi di furti e atti di vandalismo verificatisi. Il presidente del consiglio degli studenti e la vice preside hanno scoperto una lapide affissa all'ingresso dell'istituto tra gli applausi e i brindisi di quanti sono intervenuti alla cerimonia. Domani in Provincia evento finale del progetto Pari e Sicuri: lavoro, stereotipi e pari opportunità con gli studenti del Pieralli Si terrà domani alle ore presso la sala del consiglio provinciale di Perugia in Piazza Italia, l'evento finale di Pari e Sicuri: lavoro, stereotipi e pari opportunità, un progetto scolastico che ha visto coinvolti gli studenti del Liceo Statale Assunta Pieralli di Perugia. Con Pari e Sicuri sono stati attivati percorsi culturali sul contrasto agli stereotipi e alle discriminazioni di genere, nonché sull'importanza della sicurezza e della salute psicofisica nel lavoro e nella vita. Il progetto è stato promosso dalla consigliera di Pari opportunità della Provincia di Perugia e dall'inail di Perugia in collaborazione con il liceo Pieralli ed ha visto il coinvolgimento di numerosi studenti che si sono impegnati al massimo per approfondire le tematiche in questione.

14 - MARTEDÌ 20 maggio 2014 Da noi la crisi rallenta. Ma solo un po Ancora preoccupanti i dati umbri forniti dalla Cgil. L analisi: è una «falsa ripartenza» La citta & il voto: nostro viaggio nelle questioni aperte dell acropoli Caro-parcheggi, Ztl e sicurezza Ecco i problemi che la politica dovrà affrontare Alle pagine 2 e 3 Le proteste dei cittadini Caldaie, controlli e polemiche A pagina 8 A San Feliciano Villette, respinto il ricorso A pagina 10 S.ANGELICI In Nazionale «VI PRESENTO IL CENTRO STORICO» Sei giorni al voto, andiamoci informati Orari, modalità e notizie utili fornite dagli uffici elettorali comunali A pagina 5 Sicurezza & dintorni Le telecamere vegliano sulla scuola A pagina 9 OGGI SU: NOSTRA INIZIATIVA «Il Grifo che vorrei per la Serie» LEGGI L ARTICOLO Farmacie, è caccia al bandito col casco LEGGI L ARTICOLO «Abnormal Style» La moda è umbra La curiosità Spuntano alla prima goccia di pioggia. E fanno affari d oro Corso Vannucci, ombrellai con il «radar» LA PRIMAVERA avanza zoppicando, tra qualche raggio di sole, nuvoloni e scrosci improvvisi di pioggia. Ma c è chi è ben felice di questo tempo pazzerello: sono i venditori ambulanti di ombrelli che stazionano in corso Vannucci e dintorni. Più che altro si tratta di asiatici, ma la loro identità non è ben nota e non si riesce a capire nemmeno dove stiano di casa. Un fatto è certo: sembrano avere una sorta di radar metereologico, visto che alla prima goccia di pioggia sono già sulla strada mostrando la loro mercanzia. «Ma dove vivono, nei tombini?», scherzava qualche giorno fa un commerciante osservando il loro sciamare improvviso in piazza Danti. E gli affari vanno a gonfie vele. Ieri, per esempio, ha iniziato a piovere a sorpresa e uno degli ombrellai ha subito adocchiato una gita. Ebbene: in pochi attimi ha venduto tutta la merce. Evviva Giove Pluvio, almeno per loro...

15 2 MARTEDÌ 20 MAGGIO 2014 Perugia DALLA VOSTRA PARTE CARO LETTORE DI LA TUA SICUREZZA, TRAFFICO E DISAGI: QUALI PROLEMI HA IL TUO QUARTIERE? Segnalaceli sul nostro sito: VIAGGIO NEL CENTRO STORICO L IMPERATIVO E AUMENTARE IL NUMERO DI RESIDENTI E TURISTI Un «cuore» che batte a 2,70 euro l ora Caro-parcheggi e Ztl sono i veri problema dell acropoli. Cosa farà la politica? FOCUS Sosta costosa Il problema dei problemi del centro storico è l accessibilità: sostare a 2,70 euro per un ora in alcune aree a ridosso di Corso Vannucci certamente è un disincentivo a recarsi nel cuore della città La richiesta impellente è di rivedere la convenzione con Sipa e abbassare il prezzo dei parcheggi Come funziona Le telecamere ai varchi che multano chi entra senza permesso restano spente fino a mezzanotte (prima fino alle 22), anche se c è chi spinge (commercianti in primis) per arrivare alle 2 del mattino, cosa che i residenti però non gradiscono affatto PERUGIA OGNI quartiere ha un suo problema e risolverlo è uno degli impegni che si stanno prendendo i candidati a sindaco e i quasi cinquecento aspiranti al Consiglio comunale. La bacchetta magica non ce l ha nessuno e trovare una soluzione non sarà semplice. Da oggi e per tutta la sattimana cercheremo allora di entrare nel cuore dei problemi e di ascoltare le proposte dei cittadini su come risolverli: dalle associazioni, ai commercianti, ognuno cerca di mettere l accento su questo o quel nodo. Nella speranza che la politica prenda nota e cerchi di mettere mano alla svelta sulle questioni più serie. IL PROLEMA dei problemi LA RICHIESTA Prolungare l orario notturno del Minimetro almeno nel week end del centro storico è l accessibilità. Una spina nel fianco ormai da più di un decennio. In questa legislatura per quello che riguarda l orario di accesso della Ztl un passo avanti si è fatto: le telecamere che multano chi entra senza permesso infatti restano spente fino a mezzanotte (prima fino alle 22), anche se c è chi spinge (commercianti in primis) per arrivare alle 2 del mattino, cosa che i residenti però non gradiscono affatto. SU QUESTO commercianti e Comune sono però carenti sulla comunicazione: il messaggio che continua a passare è che l acropoli è blindata, mentre nessuno dice (o forse non è capace a dirlo) che si può entrare liberamente il pomeriggio e la sera. E non è poco. IL FIORE ALL OCCHIELLO Il centrostorico è visitatoognianno da decine di migliaiadi turisti: adessol obiettivo è portare piùperugini a viverel acropoli IL CARO-PARCHEGGI è un altro dei temi sui quali si dibatte di più in queste ore. Sostare a 2,70 euro per un ora in alcune aree a ridosso di Corso Vannucci certamente è un disincentivo a recarsi nel cuore della città. La richiesta impellente è di rivedere la convenzione con Sipa (che scade nel 2037, ndr) per cercare di abbassare i prezzi sulle strisce blu (come accade già in alcuni quartieri) e negli stalli al coperto. La società però sembra non volerci sentire da quell orecchio e non sarà semplice venirne a capo. Accessibilità infine vuol dire anche mezzi pubblici e prima di tutto minimetrò. La richiesta pressante è di prolungare l orario notturno, provarci almeno nel week end. Qui il problema sono i costi: arrivare fino a mezzanotte nei fine settimana costa circa 60mila euro al mese... I NEGOZI che chiudono infine (e che riaprono spesso) sono il frutto da un lato della crisi che si trascina da quasi cinque anni, dall altro della poca gente che gira per l acropoli. Il punto vero non è infatti portare soltanto turisti, ma prima di tutto i perugini. Come? Con politiche abitative (il numero di residenti è ormai stabile da vent anni), culturali e maggior sicurezza. Quest ultimo è un tema su cui si è lavorato con qualche risultato soddisfacente, ma anche qui il punto è saperlo comunicare alla gente. m.n. In piazza Danti un posto di polizia anti-spacciatori TRA I TEMI più sentiti del centro storico c è quello della sicurezza e dell ordine pubblico. La presenza massiccia delle forze dell ordine e i controlli ripetuti nelle zone più calde sta cominciando a dare qualche frutto. Mesi fa si è intervenuti pesantemente sul triangolo piazza IV Novembre, piazza Danti, via artolo con risultati soddisfacenti. A questo ha anche contribuito l apertura del posto di polizia proprio in piazza Danti. L estate scorsa però esplose il caso di piazza Grimana e di una delinquenza che si era fatta sempre più presente e aggressiva. Dopo l assemblea del 2 settembre però anche lì le cose sono iniziate a migliorare. Certo gli spacciatori in quella zona resistono, ma il territorio sembra essere un po più sotto controllo.

16 MARTEDÌ 20 MAGGIO 2014 PRIMO PIANO PERUGIA 3 I punti FOCUS «I nodi cruciali sono tre: il problema dei trasporti, il ripopolamento del centro riportando soprattutto le giovani coppie nell acropoli e il sostegno ai grandi eventi culturali di qualità» orgo ello Il presidente Orfeo Ambrosi: «Il quartiere è vissuto, vitale e vivace. In realtà servirebbe un piccolo investimento del Comune per il progetto di recupero dei vicoli, ideale per contrastare spaccio e criminalità» di SILVIA ANGELICI IL TEOREMA dell «effetto moltiplicatore» non sempre torna. Succede nel centro storico dove gli affari vanno male e le aziende sono in crisi. Nonostante alcuni numeri che avrebbero lasciato sperare in positivo, i bilanci delle attività commerciali sono dunque sempre più magri. Nell ultimo anno per Corso Vannucci sono transitate circa 5 milioni di persone. Se avessero speso anche solo un euro ciascuna, sarebbero 5 milioni di euro di fatturato. E invece l acropoli, dove operano oltre 600 attività commerciali, deve fare i conti, ormai da anni, con una forte crisi. Perché quei 5 milioni di visitatori, pur essendo tanti, sono molti di meno rispetto ad un po di anni fa. E perché spendono poco, dovendo già pagare parcheggi costosi, o essendo una tipologia di utenza con scarso potere di acquisto. Puntiamo a farne un centro commerciale naturale caratterizzato da una forte componente di innovazione PARTE da queste premesse l incontro alla orsa Merci di via Mazzini, organizzato dalla Confcommercio per illustrare agli imprenditori il bando regionale, di imminente pubblicazione, che prevede circa due milioni di euro per la realizzazione di centri commerciali naturali nei centri storici di Perugia e Terni. A spiegare le finalità COME si rilancia l acropoli, da troppo tempo in cerca di riscatto e riqualificazione? La domanda l abbiamo rivolta a chi l atmosfera del centro la vive e l assapora da sempre, in prima persona. E che adesso presenta la sua «formula» fatta di proposte concrete, di interventi e di progetti da mettere in campo. Pochi giorni fa il Coordinamento delle associazioni del centro storico ha presentato un documento ai candidati a sindaco. «Si articola in dieci punti, con le nostre proposte» spiega Primo Tenca che fa parte del Coordinamento ed è presidente della «Società di Mutuo Soccorso», prima ancora di «Vivi il orgo». «Sono tre i nodi cruciali da affrontare racconta. Il primo è il problema dei trasporti, oggi la città è divisa in tanti quartieri che vanno messi in contatto tra loro». Per l acropoli, poi, «c è apprezzamento per le associazioni che organizzano eventi e manifestazioni. Ma non basta». Insiste Tenca: «Serve il ripopolamento, con incentivi per le giovani coppie. La FAIO PAPARELLI (assessore regionale al commercio) città è viva solo se è abitata». Infine «sosteniamo gli eventi culturali di qualità, come il Festival del Giornalismo, Umbria Jazz e la Sagra Musicale e proponiamo il decentramento di Eurochocolate a Pian di Massiano». C È POI quell isola felice che si chiama orgo ello. «Non abbiamo problemi di delinquenza, il quartiere è vissuto, vitale e vivace» dice con orgoglio il presidente Orfeo Ambrosi. Davvero non ci sono richieste? «Servirebbe un piccolo investimento del Comune per il progetto di recupero dei vicoli, ideale per contrastare spaccio e criminalità». E all orizzonte due grandi obiettivi: «La visitabilità delle soffitte e del campanile di San Domenico, è tutto pronto, mancano solo le norme di sicurezza. E soprattutto l apertura nei week-end del parcheggio della Facoltà di Agraria, a San Pietro, quando c è grande affluenza nei ristoranti del quartiere. Abbiamo fatto domanda a sindaco e rettore, se ci riusciamo facciamo ingo». Sofia Coletti IL PROGETTO STANZIATI DUE MILIONI DI EURO. MARCHIO E PROMOZIONE COMUNE PER RIDARE «SPINTA» ALL ACROPOLI «Corso Vannucci diventi la Disneyland dello shopping» LE PROPOSTE Wifi libero, sistemi di videosorveglianza e più manifestazioni LE ASSOCIAZIONI PRIMO TENCA: LE NOSTRE PROPOSTE PER IL RILANCIO «La città è viva solo se abitata» del bando, sono stati, con il coordinamento di Federico Fiorucci, direttore di Confcommercio Umbria, l assessore regionale al commercio Fabio Paparelli, Carmen Leombruni, dirigente sezione operativa centro storico, il presidente della Consulta per il centro storico SUMMIT L incontro conle imprese delterritorio perillustrare il bando regionale e, nel tondo, l assessore Fabio Paparellli IMPEGNO PrimoTencafaparte delcoordinamentodelleassociazionied è presidentedellasocietàdi MutuoSoccorso Giuseppe Capaccioni, Fabio Settequattrini, referente dell area incentivi della Confcommercio della provincia di Perugia. «Vogliamo fare del centro storico ha detto Paparelli un centro commerciale naturale caratterizzato da una forte componente di innovazione, secondo la logica delle città smart, che sappia comunicare un immagine unitaria, identificato da un marchio e da una promozione comune, in cui le attività commerciali, ma anche artigiane e di servizi, costituiscano una rete stabile e duratura, che riconquisti una immagine di luogo sicuro e accogliente». A dare fiato e gambe alla piena progettualità del progetto anche il Comune. La Leombruni, infatti, ha ricordato come questo bando si inserisca in un percorso già avviato grazie alle sinergie attivate tra l amministrazione, la Consulta, le associazioni e le imprese nell ambito del Quadro strategico di valorizzazione, previsto dalla legge regionale sui centri storici. MA COSA cambierà per le imprese? Capaccioni ha lanciato alcune ipotesi: wifi libero, interno ed esterno ai negozi, che si potrebbe legare anche ad un sistema di filodiffusione, vetrine «dialoganti» con i clienti, sistema di comunicazione integrata, affidato essenzialmente ad internet e ai social, sistemi di videosorveglianza, messa disposizione degli open data sul marketing territoriale per chiunque intenda investire nel centro storico, implementazione degli eventi, come momento forte che arricchisca l attrattività, una seria riflessione sul car sharing, come possibile risposta al problema dell accesso e del caro-parcheggi. LE RICHIESTE PARLA IL COORDINATORE DELLA CONSULTA, GIUSEPPE CAPACCIONI I commercianti: «Facilitare l accesso e più sicurezza» «UNA SOLA, grande e decisiva richiesta: risolvere il problema dell accessibilità al centro storico». Non ha dubbi Giuseppe Capaccioni (nella foto), coordinatore della Consulta che riunisce gli operatori economici dell acropoli: è questa la principale emergenza da affrontare e risolvere oggi nel cuore della città. «Parlo di costi e di facilità di accesso prosegue, perché è davvero fondamentale rendere semplice e non cara la possibilità di raggiungere l acropoli». Entrando nei dettagli, Capaccioni elenca tre possibili interventi per raggiungere l obiettivo. «E cioè affrontare il tema del caro parcheggi, diventato quasi insostenibile, modificare, e magari prolungare, gli orari del minimetrò e ridefinire l intero sistema della mobilità su gomma in direzione del centro. Non è possibile che ci siano quartieri come l Elce completamente staccati dall acropoli». E poi, non c è altro? «Questo è senza dubbio il problema principale, però in effetti sono due le grandi emergenze del centro, tutto il resto è davvero secondario». E l altra quale sarebbe? «Il problema della sicurezza, anche se su questo fronte è stato fatto davvero tanto, il miglioramento è assoluto. Quello che manca è la percezione, c è troppo distacco tra la realtà oggettiva e il senso di pericolo e di insicurezza che ancora si sente e si percepisce. Soprattutto da parte di chi non vive in centro e che per questo continua a non venirci». S.C.

17 8 CRONAC MARTEDÌ 20 MAGGIO 2014 PIANETA-SERVIZI IL SUMMIT C E IL COMITATO DI CONTROLLO SUI FONDI EUROPEI SI RIUNISCE domattina alle 9.30 a Palazzo Donini il comitato di sorveglianza del «Por Fesr». Il comitato, presieduto dalla presidente della Regione e composto da rappresentanti dello stesso ente, dello Stato e dell Unione europea, ha la funzione di garantire la qualità e l efficacia dell attuazione del Programma operativo europeo. Controlli sulle caldaie, divampa la protesta Raffica di verifiche dei tecnici nelle case. Un cittadino: «Nessuno ci aveva avvertiti» SANITA GIORDANO «Indennità negate in Corte dei Conti» «LA REGIONE non riconosce i diritti dei medici che lavorano in intramoenia». Così il leader della Cisl Medici, Pino Giordano (nella foto), che spiega: «Lo scorso settembre si era tenuta la prima e unica riunione del tavolo tecnico regionale sull argomento. Il direttore generale Emilio Duca si era impegnato a presentarci un documento di mediazione, che a oggi ancora non esiste». Per questo Giordano annuncia: «Parliamo di circa 400 medici in questa situazione. Chiediamo il riconoscimento dell indennità dal momento in cui è stata maturata. Se il percorso continuerà a venire ostacolato dalla Regione, ci rivolgeremo alla Corte dei Conti per tutelare i diritti non riconosciuti dei medici». IL RACCONTO «Mi sono trovato davanti l ispettore all improvviso Ma la norma non è questa» PROSEGUONO a tutto campo, nelle case dei perugini, le ispezioni alle caldaie effettuate dai tecnici di Itagas Ambiente e Sea, concessionarie del Comune di Perugia. Come noto, i controlli, effettuati a campione, servono per verificare l efficienza e la messa in sicurezza degli impianti, al fine di evitare perdite di gas o pericolose fuoriuscite di fumi per mancanza di manutenzione. Anche se molti cittadini storcono il naso per paura di incorrere nelle sanzioni, la procedura serve per salvaguardare prima di tutto l incolumità personale, ma anche l ambiente circostante. SUCCEDE però che una famiglia di San Sisto si sia vista piombare in casa gli ispettori senza essere stata preventivamente avvertita con lettera raccomandata, come invece prevede il regolamento. «Per me dice Luciano Fiorentini è stata una sorpresa. Non sapevo niente del controllo e, quando mi sono trovato davanti l ispettore, ci sono rimasto male. Né io né mia moglie abbiamo ricevuto alcun avviso, e tantomeno abbiamo ritirato la raccomandata dove viene fissata la data e la fascia oraria dell ispezione. Visto che il controllo è obbligatorio, non mi sono opposto e ho lasciato che il tecnico facesse il suo lavoro». «L ISPETTORE, gentilissimo, era munito di cartellino di riconoscimento e non ci sono stati problemi. Lui stesso prosegue il nostro lettore mi ha riferito che anche altri utenti hanno avuto i miei stessi problemi. Come mai nessuno ci ha avvisati, visto che il sopralluogo è sempre preceduto da una lettera che riporta data e fascia oraria della visita?». MENTRE i cittadini aspettano risposte, anche il Movimento 5 Stelle scatena la «querelle caldaie». «In questi ultimi giorni denuncia la candidata a sindaco Cristina Rosetti raccogliamo sgomenti le grida d allarme di tante persone che, pur essendosi comportate da onesti contribuenti, si sono trovate a dover resistere alle contestazioni dei tecnici della Itagas, società che si è aggiudicata la gara d appalto per il controllo delle caldaie a Perugia. Abbiamo così ricevuto segnalazioni di bollettini con non meglio precisate somme dovute nonostante la regolarità degli impianti, di comunicazioni di controllo mai arrivate ai destinatari e di di ricorsi alle associazioni di consumatori». L APPOGGIO CINQUANTA LITRI GRATIS OGNI GIORNO PER CHI NON SUPERA EURO DI REDDITO Acqua, dopo il caro-bolletta c è il bonus per famiglie disagiate SI ALZA la soglia per avere sconti sulla bolletta dell acqua. E aumenta il fondo a favore di famiglie in difficoltà. L Assemblea dell Ati 1 e Ati 2 dell Umbria (le Autorità d Ambito) ha infatti approvato all unanimità lo stanziamento di 400mila euro per il 2014 per le categorie sociali economicamente svantaggiate, che potranno ottenere agevolazioni sul pagamento delle bollette del servizio idrico emesse da Umbra Acque. Come prevede il regolamento dell Ati 1 e Ati 2 dell Umbria, infatti, potranno ottenere sgravi in bolletta i nuclei familiari con un indicatore di reddito Isee non superiore a euro, estendendo così la platea dei beneficiari delle agevolazioni che fino al 2012 aveva una soglia limite di euro. LAVORI IN CORSO Un tecnico specializzato all opera perla corretta manutenzione di unacaldaia domestica ALLE FAMIGLIE che sono in possesso di questi requisiti verrà concesso un bonus, a titolo di contributo forfettario, pari al valore di 50 litri di acqua al giorno (equivalenti a 18,25 metri cubi all anno) per ciascun componente del nucleo familiare, definito sulla base della tariffa prevista per la prima fascia di consumo. Per l annualità 2014 il bonus avrà un ammontare di 18,33 euro a persona: una famiglia composta da tre persone, pertanto, potrà beneficiare di un bonus pari a 55 euro. «Si tratta di un concreto aiuto alle famiglie a basso reddito dice Umbra Acque ancora più importante in un periodo di difficoltà economica come quello attuale, in un servizio pubblico che riguarda un bene essenziale come l acqua». UMRIA MOILITA I VERTICI DEL PD REGIONALE INCONTRANO I DIPENDENTI «I soci pubblici devono restare» «IL 30% DI UMRIA Mobilità Esercizio deve restare in meno ai soci pubblici». Il Partito democratico rompe gli indugi e, al termine di un incontro con i lavoratori dell azienda del trasporto pubblico, mette un paletto sulla questione della cessione del pacchetto azionario, su cui ha la prelazione la società usitalia che ha da poco acquisito il controllo con il 70% delle azioni. A INCONTRARE i dipendenti sono stati il segretario regionale del Pd Giacomo Leonelli (nella foto), con il presidente del gruppo in Consiglio regionale Renato Locchi e il consigliere regionale Manlio Mariotti. «Siamo in una fase hanno detto nella quale è fondamentale consolidare quanto sin qui fatto. In primo luogo con la adozione di atti di indirizzo e programmazione, a partire dal nuovo piano regionale dei trasporti e da quello di bacino. Inoltre sostenendo un coerente piano di riorganizzazione della azienda unica regionale che metta a valore le opportune economie di scala e, insieme, il lavoro, le sue condizioni, le sue tutele». «E ANCORA hanno aggiunto dando piena attuazione alle clausole di garanzia sociale in rispetto degli accordi sottoscritti con le organizzazioni dei lavoratori. In questo senso gli attuali equilibri societari, che vedono una quota del 30% del capitale di Umbria Mobilità Esercizio in mano a soci pubblici hanno concluso gli esponenti del Pd rappresentano una condizione utile e da preservare». SULL ACROPOLI TORNA IL TREKKING URANO «Tra Archi & porte» DOPO IL SUCCESSO della visita alla Torre degli Sciri, torna una nuova e piacevole proposta per scoprire Perugia. «Gli Archi e le Porte di Perugia: trekking urbano lungo i confini della città vecchia e della terra nova» è l iniziativa di domenica prossima alle 15 con partenza in piazza Mariotti, in fondo a via Caporali, davanti al conservatorio di musica. La proposta è di «Meravigliarti in Umbria», che propone una tranquilla passeggiata tra la città vecchia e la terra nova attraverso i cinque rioni che conferiscono a Perugia la sua caratteristica conformazione a mano aperta. Gli archi e le porte saranno lo spunto per ripercorrere insieme le vicende storiche che hanno caratterizzato la forma urbis della città e che accompagneranno i visitatori lungo un percorso di circa cinque chilometri. Fermate previste in prossimità di ogni porta cittadina che verrà incontrata lungo il percorso e attraverso le architetture si parlerà di storia e di cultura. Non mancheranno delle piccole soste per bere alle poche fontane pubbliche che ancora resistono nel centro storico. Alla fine della passeggiata verrà offerto un ristoro a tutti i partecipanti per concludere in modo conviviale un tranquillo pomeriggio di primavera. Costo della visita 8 euro.

DIRITTO AL FUTURO. Bamboccioni a chi?

DIRITTO AL FUTURO. Bamboccioni a chi? DIRITTO AL FUTURO Bamboccioni a chi? Diritto al futuro è un insieme di azioni del Ministero della Gioventù rivolte alle nuove generazioni, sui temi del lavoro, della casa, della formazione e dell autoimpiego.

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE 1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE Il bilancio consuntivo al 31/12/03 di Previambiente è stato redatto con l ausilio tecnico del Collegio dei Revisori Contabili

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO I PRESTITI AGEVOLATI SONO DELLE FORME DI FINANZIAMENTO (

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

PROGETTO PROGETTO INDIVIDUA IL TUO COMPRENSORIO TRASIMENO ALTA VALLE DEL TEVERE ALTO CHIASCIO Magione Castiglione del lago Città della Pieve Paciano Panicale Passignano sul Trasimeno Piegaro Tuoro

Dettagli

DIRITTO AL FUTURO. Bamboccioni a chi?

DIRITTO AL FUTURO. Bamboccioni a chi? DIRITTO AL FUTURO Bamboccioni a chi? Diritto al futuro è un insieme di azioni del Ministero della Gioventù che affronta alcune particolari criticità sui temi del lavoro, della casa, della formazione e

Dettagli

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori,

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, COSMIT FEDERLEGNOARREDO ISALONI (Milano, 22 Aprile 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, sono molto lieto di partecipare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta 661 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 L intervista al Corriere della Sera Sull entrata di Poste

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

APPROVATO IL BILANCIO DEL CVS: PIU SOLDI AL SOCIALE E NESSUN SALASSO IN BOLLETTA

APPROVATO IL BILANCIO DEL CVS: PIU SOLDI AL SOCIALE E NESSUN SALASSO IN BOLLETTA BILANCIO - 06/05/2014 APPROVATO IL BILANCIO DEL CVS: PIU SOLDI AL SOCIALE E NESSUN SALASSO IN BOLLETTA Approvato oggi il consuntivo 2013: raddoppiato il Fondo per il Sociale, adeguamenti delle tariffe

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Il Gruppo: valore per il territorio

Il Gruppo: valore per il territorio Il Gruppo AEB-Gelsia rappresenta una tra le prime multiutility in Lombardia per fatturato e clienti serviti e si colloca tra i primi 20 operatori a livello nazionale. Il Gruppo ha voluto ribadire il proprio

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Fiom Cgil Basilicata

Fiom Cgil Basilicata Osservatorio sull industria metalmeccanica Fiom Cgil Basilicata PRODUTTIVITA e PRODUZIONI FIAT SATA 1 Davide Bubbico (Università di Salerno) Giuseppe Cillis Osservatorio sull industria metalmeccanica (Fiom

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Edizione autunnale dell Osservatorio ANIMA - GfK sul risparmio delle famiglie italiane

Edizione autunnale dell Osservatorio ANIMA - GfK sul risparmio delle famiglie italiane COMUNICATO STAMPA Edizione autunnale dell Osservatorio ANIMA - GfK sul risparmio delle famiglie italiane Aumentano gli ottimisti sulle prospettive dell Italia e calano i pessimisti In attesa che la ripresa

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Intesa Ance Salerno e Parco del Cilento per promuovere la filiera dell edilizia green

Intesa Ance Salerno e Parco del Cilento per promuovere la filiera dell edilizia green 1 Intesa Ance Salerno e Parco del Cilento per promuovere la filiera dell edilizia green Ance Salerno ed Ente Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, insieme per valorizzare la filiera dell edilizia

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Cascata delle Marmore, performance e prospettive Federico Nannurelli

Cascata delle Marmore, performance e prospettive Federico Nannurelli CAPITOLO 3 - I LUOGHI SIMBOLO DEL TERRITORIO Cascata delle Marmore, performance e prospettive Federico Nannurelli Unità di Valorizzazione Cascata delle Marmore - Comune di Terni Cap. 3 Cascata delle Marmore,

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

Giornata di studio. Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno

Giornata di studio. Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno Giornata di studio Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno Enna, 19 novembre 2010 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente ANEA Pagina 1 di

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 4 GLI UFFICI COMUNALI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 GLI UFFICI COMUNALI DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Scusi

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Al via il nuovo anno scolastico. Ecco tutte le novità Gelmini: Domani giornata storica Domani è una giornata

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CREDITO INCASSA B2B. ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015

REGIONE LOMBARDIA CREDITO INCASSA B2B. ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015 ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti.

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti. Il mensile dell Unasca. L Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica. Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1,

Dettagli

Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e u... Carta dedicata. Sarà la svolta?

Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e u... Carta dedicata. Sarà la svolta? Direttore Domenico Delle Foglie Servizio Informazione Religiosa MANOVRA ECONOMICA Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e una Carta dedicata. Sarà la svolta? 23 dicembre 2015

Dettagli

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati FABIO PICCOLI Esperto Internazionalizzazione Wine Monitor Bologna, 3 aprile 2013 L internazionalizzazione non

Dettagli

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Diamogli Credito Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive (POGAS) e l

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI L AGENZIA PUBBLICA PER LA LOCAZIONE La gestione di servizi attinenti al soddisfacimento delle esigenze abitative delle famiglie rappresenta una tra le iniziative più innovative

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Energia: sostenere diritti dei consumatori per sviluppo qualità e convenienza dei servizi

Energia: sostenere diritti dei consumatori per sviluppo qualità e convenienza dei servizi Energia: sostenere diritti dei consumatori per sviluppo qualità e convenienza dei servizi Audizione dell Autorità energia al CNCU Roma, 27 gennaio 2011 - La tutela dei consumatori è una delle missioni

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli