Caratteristiche Tecniche dei Materiali da Alpinismo e Catena di Assicurazione Corso Di Alpinismo 2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caratteristiche Tecniche dei Materiali da Alpinismo e Catena di Assicurazione Corso Di Alpinismo 2015"

Transcript

1 Caratteristiche Tecniche dei Materiali da Alpinismo e Catena di Assicurazione Corso Di Alpinismo 2015 Francesca Donaggio

2 Sommario 1. Cosa avviene durante la caduta di uno scalatore? 2. Cosa si utilizza per limitare i danni dovuti alla caduta? 3. Che caratteristiche devono avere i materiali usati in alpinismo e perchè?

3 La catena di assicurazione La catena di assicurazione è l insieme di elementi che permettono, in caso di caduta, di limitare i danni agli alpinisti (sia a colui che cade sia a chi sta assicurando). I suoi componenti sono: corda, imbragatura, casco, moschettoni, cordini, fettucce, chiodi, dadi, friends,..

4 Parliamo di catena di assicurazione senza dimenticare che in montagna le attrezzature ed i materiali da soli non garantiscono la sicurezza e che l attrezzo migliore ed irrinunciabile è.... la testa meglio se protetta dal casco (V.Bedogni)

5 Ripassiamo alcuni concetti di fisica... FORZA: È quella grandezza fisica che applicata ad un corpo ne altera lo stato di moto È quella grandezza fisica che riporta l'alpinista verso terra È quella grandezza fisica che, applicata ad una corda elastica, ne provoca l'allungamento Si misura in N (Newton): 1 N è la forza che, applicata ad un massa da 1 kg, imprime un'accelerazione di 1 m/s 2 10 N = 1 dan 1 kgf= 1 * 9.81 N ~ 10 N 1 kn = 1000 N ~ 100 kgf

6 Ripassiamo alcuni concetti di fisica... ENERGIA/LAVORO: É la grandezza fisica che esprime il prodotto (scalare) di una forza per uno spostamento É la grandezza fisica che esprime quanto spendo per sollevare un peso, ovvero per salire mentre arrampico É la grandezza fisica che esprime quanto ha assorbito una corda allungata dall applicazione applicazione di una forza Si misura in J (Joule) 1 J è il lavoro che compie una forza di 1 N per spostare il suo punto di applicazione di un metro

7 Cosa avviene durante la caduta di uno scalatore? Durante la scalata l'arrampicatore, salendo, acquista energia potenziale (di posizione) E p = m g h Mentre cade, la sua energia potenziale diminuisce, trasformandosi in energia cinetica (di movimento) E c = ½ m v 2

8 Cosa avviene durante la caduta di uno scalatore? L'alpinista che è caduto di una quota h ha acquisito energia cinetica pari all'energia potenziale che ha perso Ep= Ec => m g h = ½ m v 2 => v= 2gh Dopo 10 metri di volo, un alpinista ha acquisito una velocità pari a v= = 14 m/s = 50 km/h

9 Cosa avviene quando la caduta viene arrestata? Energia CINETICA Energia elastica: deformazione della corda (la deformazione degli altri componenti è trascurabile) Energia termica: attriti nel freno, sulla roccia, sugli ancoraggi, deformazione della corda Quando è presente un freno,, la maggior parte dell'energia viene dissipata per attrito dal freno, trasformandosi in calore. Quando il freno non è presente o non è efficace, tutta l energia viene assorbita dalla corda

10 Quando il freno non è presente o non è efficace, tutta l'energia viene assorbita dalla corda Energia da dissipare Dipende dall'altezza della caduta dell'alpinista Energia che assorbe la corda Dipende dalla lunghezza del tratto di corda coinvolto (più corda può dissipare più energia) FATTORE DI CADUTA: altezza caduta / lunghezza corda coinvolta energia accumulata da dissipare / capacità di dissipazione

11 Valutazione analitica della forza di arresto (corda BLOCCATA) Sotto ipotesi semplificative... F P 1 1 2F max c K / P P = peso persona K = modulo elastico della corda F c = fattore di caduta La forza di arresto NON dipende dall'entita' della caduta ma dal FATTORE di caduta. Però... maggiore è l'entità della caduta, maggiore è la probabilità di sbattere contro la parete... e ci sono anche gli aspetti psicologici...

12 Il fattore di caduta Ha senso parlare di fattore di caduta SOLO quando non entrano in funzione freni per dissipare l'energia (caduta a corda bloccata)

13 Il fattore di caduta Il fattore di caduta diminuisce quanto più: - Si è vicini all ultimo rinvio (diminuisce l altezza l di caduta) - Si è lontani dalla sosta (aumentano i metri di corda che dissipano energia) Per quanto riguarda la forza di arresto, non è critico il valore assoluto della caduta Condizione più gravosa per la corda? la condizione peggiore in alpinismo è: corda bloccata in sosta, senza rinvii, Fc= = 2

14 Fattore di caduta: come varia rinviando ogni 2 m Fattore di caduta Lunghezza corda 2 m 2 m Fc = 4/2 = 2.0

15 Fattore di caduta: come varia rinviando ogni 2 m Fattore di caduta Lunghezza corda 2 m 2 m 2 m Fc = 4/4 = 1.0

16 Fattore di caduta: come varia rinviando ogni 2 m 2 m Fattore di caduta Lunghezza corda 2 m 2 m 2 m Fc = 4/6 = 0.7

17 Fattore di caduta: come varia rinviando ogni 2 m 2 m 2 m Fattore di caduta Lunghezza corda 2 m 2 m 2 m Fc = 4/8 = 0.5

18 Come deve essere fatta la catena di assicurazione? La catena di assicurazione deve rendere sopportabile dal corpo umano la decelerazione che subisce quando arrestiamo la caduta Il corpo umano può sopportare un'accelerazione/decelerazione massima di 15 g a testa in su,, 5 g a testa in giù Per un alpinista tipo che pesa 80 kg: F = m a max = 80 * 15 * 9.8 ~ N = 1200 kg f

19 Forza di arresto (FA) FA massima sopportabile = 1200 dan NB: 240 se a testa in giù!!! Tutta la catena di sicurezza è costruita sulla base di questo valore

20 Le norme per i materiali da ALPINISMO I materiali che costituiscono la CATENA DI SICUREZZA (corde, fettucce cucite, moschettoni, imbragature, ) rientrano tra i DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (D.P.I.( D.P.I.) di Categoria 3 e devono soddisfare la direttiva comunitaria 89/686/CEE poi 93/68/CEE La direttiva è entrata in vigore il 30 giugno 1995 Da questa data non è più legale produrre e mettere in commercio in Europa materiale che non disponga del marchio di conformità CE

21 Le norme per i materiali da ALPINISMO Come ottenere il marchio CE? Sono state emanate NORME per l'epplicazione della direttiva europea (Norme EN). Queste recepiscono in gran parte le norme emesse dalla UIAA (che( sono talvolta più restrittive) Materiali da alpinismo che rispettano le relative norme EN hanno il diritto di avere il marchio CE. (La condizone è SUFFICIENTE ma non NECESSARIA). In pratica, tutti i costruttori si attengono alle norme EN

22 Dichiarazione di conformità CE Per ogni modello di corda, il produttore dichiara che: - risponde alla direttiva CE 89/686/CEE - è stato sottoposto alla procedura prevista dalla norma - il test è stato eseguito sotto il controllo di un organismo certificato NOTA: per i DPI di CAT 3 l organismo certificato non presenzia solo ai test, ma tiene sotto controllo regolarmente la fabbrica

23 LA CORDA Deve soddisfare i seguenti requisiti: 1. Deve essere DINAMICA e non STATICA Nè troppo rigida nè troppo elastica 1200 dan > F.A. > 700 dan 2. Rottura corda >> 1200 dan ( dan) 3. Deve resistere ad un numero di cadute significativo senza rompersi e senza eccedere limite sulla Forza di Arresto alla 1^ caduta. Tanto maggiore è il n di cadute meglio è!!!

24 LA CORDA Resistenza alla rottura : 30% calza,, 70% anima

25 LA CORDA (EN892) TEST AL DODERO Forza di arresto Numero di cadute Allungamento statico Scorrimento calza

26 Tipi di corde per alpinismo (EN892) CORDA SEMPLICE/INTERA (D~9-10mm) Omologata per utilizzo singolo 5 cadute, FA< 1200 dan,, m = 80 kg MEZZA CORDA (D ~ mm) Omologata per utilizzo in coppia con altra mezza corda 5 cadute, FA< 800 dan,, m = 55 kg (OK per cordata a tre) CORDA GEMELLARE (D ~ 7 mm) Omologata per utilizzo unicamente in coppia con altra gemellare (un unica unica corda) 12 cadute, FA< 1200 dan,, m = 80 kg (su 2 corde) (NO per cordata a tre)

27 Omologazioni multiple Omologazione come Corda Intera e Mezza Corda 5 cadute, FA< 1200 dan,, m = 80 kg 5 cadute, FA< 800 dan,, m = 55 kg Omologazione come Corda Intera, Mezza Corda e Corda Gemellare 5 cadute, FA< 1200 dan,, m = 80 kg 5 cadute, FA< 800 dan,, m = 55 kg 12 cadute, FA< 1200 dan,, m = 80 kg (su 2 corde)

28 La Carta d Identitd Identità della Corda

29 Usura delle corde Usura meccanica Sporcizia Arrampicata Particelle di polvere/terra Moulinette tra i filamenti Discesa in corda doppia LA CORDA TENUTA IN CASSETTO NON INVECCHIA

30 Usura delle corde Raggi UV Decadimento delle prestazioni proporzionale all esposizione Ci sono colori più sensibili (fucsia, verde acido) Acqua Perdita di prestazioni: diminuzione numero di cadute, aumento della forza d arresto Recupero dopo asciugatura Ghiaccio Perdita di prestazioni: diminuzione del numero di cadute ma diminuzione della forza d arresto Recupero dopo asciugatura

31 Usura delle corde: birdcaging Degradazione della calza ed espulsione dell anima Tipico delle corde usate in falesia Avviene in prossimità del punto di incordamento IL RESTO DELLA CORDA NON E SANO!!!

32 La corda: conclusioni 1. TRATTARE BENE LE CORDE (anche la calza!) 2. Fare SEMPRE asciugare le corde in ambiente secco ma NON al sole 3. Tenere la corda pulita (no terra / polvere, ecc) 4. Acquistare corde con elevato n di cadute 5. Tipo di corda (intera, mezza, gemellare) in relazione all utilizzo previsto

33 Moschettoni e rinvii: effetto di una caduta Situazione statica di equilibrio Situazione dinamica

34 Caduta a corda bloccata = 2000 dan 1200 dan Corda BLOCCATA in sosta Massima forza d'arresto: 1200 dan Attrito sul rinvio 800 dan Forza sulla sosta = 1200/1.5= 800 dan Sosta Alpinista che cade Forza sull'ultimo rinvio = = 2000 dan

35 I moschettoni Caratteristiche: Lega leggera Di forma variabile Dotato di leva (dito) di apertura manuale con ritorno a molla Leva: Dritta Curva (per la corda,, non invertire l'uso!) A filo A ghiera Chiusura: Dente sulla leva Dente sul corpo Keylock

36 Test sui moschettoni

37 Test sui moschettoni

38 I moschettoni Marcatura: Resistenza lungo l asse l maggiore Resistenza lungo l asse l minore a leva chiusa Resistenza lungo l asse l maggiore a leva aperta

39 Cordini Destinati a resistere e a trasmettere forze NON ad assorbire energia Prove di rottura: applicazione statica di un carico Materiale: : Nylon, kevlar, dynema OCCHIO! Cordini NAUTICI in kevlar hanno tenuta INSUFFICIENTE Tenuta: dipende dalla sezione del cordino e dal materiale per Nylon: F > d 2 (mm) * f con (f=20 dan/mm 2 ) diametro (mm) carico di rottura (kn) 4 3,2 8 12,8 per dynema / kevlar: ca 18 kn (d = mm)

40 Cordini Effetto nodo: fattore di riduzione pari a 0,5 Effetto spigolo: Elevato con spigoli vivi lama coltello Elevato con cordino di diametro maggiore

41 Destinate a resistere ed a trasmettere forze NON ad assorbire energia Tenuta: carico di rottura indicato con fili paralleli colorati (5 kn per ogni filo) Effetto nodo Effetto spigolo Fettucce Fettucce cucite: carico di rottura > 2200 dan

42 Rinvii Costituiti da 2 moschettoni ed una fettuccia precucita Molto sollecitati!!!!! Caratteristiche: Tenuta fettucce > 22 kn Tenuta moschettoni > 20 kn Posizionamento: moschettone non tiene flessione moschettone lontano da spigoli Fettucce: corte in falesia più lunghe in alpinismo 42/49

43 Caratteristiche: Deve avere il marchio CE Deve rimanere nella corretta posizione durante la caduta Deve distribuire le forze -> > le fasce sulle gambe ed in vita devono essere larghe Uso: Imbragatura Gli anelli laterali sono solo per materiale Anello centrale (anello di servizio) sicuro

44 Imbragatura 10 kn 10 kn a testa in giù 44/49

45 Considerazioni alpinistiche La normativa copre esattamente la situazione tipica di una cordata??? NO: si ipotizza la condizione di corda bloccata con fattore di caduta FC=2 In realtà la corda normalmente non è bloccata,, ma ci sono I FRENI Tipologie di freni: - mezzo barcaiolo: nodo - secchiello: oggetto di metallo 45/49

46 Come viene dissipata l'energia cinetica del volo? 1. Dissipazione per deformazione all interno della corda 2. Scorrimento corda nei rinvii attrito 3. Scorrimento corda nel sistema sosta attrito Si PROGETTA la corda per la condizione peggiore: corda bloccata senza rinvii Si USA la corda sfruttando al meglio i meccanismi di dissipazione per ridurre le sollecitazioni sul corpo e sulla catena di sicurezza, utilizzando i FRENI

47 Tipi di freni Bloccanti Il loro scopo è EVITARE lo scorrimento della corda in caso di caduta ES: Gri-Gri Gri, Clickup, Cinch... Sono molto usati in falesia NON si usano in ambito alpinistico IN MONTAGNA SONO PERICOLOSI Frenanti Il loro scopo è dissipare la maggior parte dell'energia di caduta in attrito ES: mezzo barcaiolo, secchiello, reverso Sono gli unici da utilizzare in ambito alpinistico

48 FRENI frenanti più diffusi Mezzo Barcaiolo Secchiello Otto

49 FRENI =Moltiplicatori di forze F m Fm=Forza Forza a monte del freno -> > mano Freno F a Fa=Forza Forza di arresto verso il compagno F s Fs=Forza scaricata sull ancoraggio o sull imbracatura (corpo dell operatore) Fa F a = K F m K = fattore di moltiplicazione Mano, Fm Fs Sosta, imbrago Alpinista che cade 49/65

50 Efficacia del freno RAMI DI CORDA PARALLELI Caduta senza rinvio, 2 cordata RAMI DI CORDA APERTI Caduta con rinvio Fa Fm Fa Fm MEZZO BARCAIOLO SECCHIELLO RAMI PARALLELI RAMI A !!!!!! NO!!!!!!!! K=Fa / Fm

51 Corda FRENATA: quanto valgono le forze in gioco? Fa Le forze che si sviluppano dipendono dall'azione combinata di: Forza dell'assicuratore (e sua capacità di modulare il freno) Mano, Fm Fs Sosta, imbrago Alpinista che cade 51/65 Tipo di freno utilizzato

52 Corda FRENATA: quanto valgono le forze in gioco? dan Fa dan Mano, Fm Fs Sosta, imbrago Max 810 dan Max 510 dan Alpinista che cade 52/65 La forza mediamente esercitata da un alpinista vale Fm=20-30 dan Usando il mezzo barcaiolo Fa = dan Sull'altro ramo della corda (alpinista) : x = dan Sull'ultimo rinvio: MAX 810 dan e NON 2000 della corda BLOCCATA

53 Conclusioni I materiali sono progettati, costruiti e testati per la situazione più gravosa che si possa realizzare Si può agire per migliorare tale situazione (diminuire le forze in gioco) utilizzando i freni ATTENZIONE: non è detto che la massima forza frenente sia l'ottimo, soprattutto in montagna, come vedremo nella prossima puntata!

54 Bibliografia AA.VV. - I Manuali del Club Alpino Italiano: Alpinismo su Roccia, 2008 F. Donaggio, P. Gaetani, M. Meroni Dispensa informativa sulla catena di sicurezza, CdA SEM, 2005 Club Alpino Italiano Centro Studi Materiali e Tecniche, articoli tecnici

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione 55 corso di roccia La catena di assicurazione Relatore: Alessandro Miot CHE COS È? È l insieme degli elementi che, collegati tra loro, concorrono alla sicurezza della cordata in caso di caduta QUAL E IL

Dettagli

Metodi di assicurazione I CDR 2007

Metodi di assicurazione I CDR 2007 Metodi di assicurazione I CDR 2007 Metodi di assicurazione I Decelerazione in caduta Catena di sicurezza Componenti della catena di sicurezza Forza d arresto e Fattore di caduta Carichi sulla catena Cenni

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione 56 corso di roccia La catena di assicurazione 2 parte relatore: Barbara Ferrario Volo diretto sulla sosta Con la corda bloccata la stessa FdA che si esercita sull alpinista, si esercita anche sulla sosta

Dettagli

Corso ghiaccio. La catena di assicurazione

Corso ghiaccio. La catena di assicurazione Corso ghiaccio La catena di assicurazione 07/09/2004 OBIETTIVI : Presentare la problematica Definire le caratteristiche degli elementi in gioco Definire gli strumenti di base Acquisire uno schema comportamentale

Dettagli

Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società Alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano LA CATENA DI SICUREZZA

Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società Alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano LA CATENA DI SICUREZZA Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società Alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano LA CATENA DI SICUREZZA Sommario Il movimento della cordata La caduta Metodi di

Dettagli

Il fattore di caduta H _ altezza _ di _ caduta Fattore _ di _ caduta = L _ lunghezza _ di _ corda

Il fattore di caduta H _ altezza _ di _ caduta Fattore _ di _ caduta = L _ lunghezza _ di _ corda Il fattore di caduta Fattore _ di _ caduta = H _ altezza _ di _ caduta L _ lunghezza _ di _ corda Il nostro obiettivo è sempre quello di ridurre il più possibile il FATTORE DI CADUTA H _ altezza _ di _

Dettagli

Catena di assicurazione. Pietro Lamiani - Scuola di Scialpinismo M. Righini

Catena di assicurazione. Pietro Lamiani - Scuola di Scialpinismo M. Righini Catena di assicurazione 30 marzo 217 Pietro Lamiani - Scuola di Scialpinismo M. Righini Catena di assicurazione È costituita da tutti quegli elementi che concorrono alla sicurezza della cordata in caso

Dettagli

Scuola Nazionale d Alta Montagna A.Parravicini LA CATENA DI ASSICURAZIONE

Scuola Nazionale d Alta Montagna A.Parravicini LA CATENA DI ASSICURAZIONE Scuola Nazionale d Alta Montagna A.Parravicini LA CATENA DI ASSICURAZIONE Scuola Naz. d Alta Montagna A. Parravicini SICUREZZA Inerente materiali, tecniche e normative Scuola Naz. d Alta Montagna A. Parravicini

Dettagli

Corde & Freni Falc AL1-AL Foto?

Corde & Freni Falc AL1-AL Foto? Corde & Freni Falc AL1-AL2 2017 Foto? Come freno e arresto la caduta? Che forza oppongo per frenare la caduta del mio compagno? Attrito 300 kg 500 kg Attrito, riscaldamento Allungamento 40 kg riesco a

Dettagli

Catena dinamica di assicurazione e Materiali

Catena dinamica di assicurazione e Materiali Scuola di Alpinismo Scialpinismo e Arrampicata Libera Cai - Lucca Corso di AR1 2016 Catena dinamica di assicurazione e Materiali Lucca 22 Aprile 2016 Pietro del Frate L essenza dell alpinismo può essere

Dettagli

I CORSO ARRAMPICATA LIBERA (AL1)

I CORSO ARRAMPICATA LIBERA (AL1) I CORSO ARRAMPICATA LIBERA (AL1) EQUIPAGGIAMENTO &. MATERIALI COSA SERVE? MARCHIATURA Normative sui Materiali NORMATIVE SUI MATERIALI Tutti gli attrezzi che vengono utilizzati per l'arrampicata sono considerati

Dettagli

Lezione abbigliamento ed attrezzatura

Lezione abbigliamento ed attrezzatura Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio Lezione abbigliamento ed attrezzatura ura di: Cristiano Cavalletti-Aspirante Istruttore Sezionale Alpinismo Gli argomenti La Normativa Corde Cordini, Kevlar

Dettagli

considerazioni consolidate nello studio di questi elementi

considerazioni consolidate nello studio di questi elementi considerazioni consolidate nello studio di questi elementi Diapositive di un ppt di Massimo Polato CSMT-VFG, tratte da: Longee Daisy Chain: impieghi di Bressan G. e Polato M. Alcune considerazioni costruttive

Dettagli

I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni

I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni Corso di Escursionismo I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni a cura di Stefano Cambi Istruttore di Alpinismo I I nodi, l'uso di corda e cordini Imbracatura Programma della serata Progressione

Dettagli

La catena di sicurezza - parte B. I Materiali

La catena di sicurezza - parte B. I Materiali La catena di sicurezza - parte B I Materiali Edizione 2016 Materiali della Catena di Sicurezza Quasi tutti i materiali di dotazione personale dell'alpinista, a partire dal 1995 sono classificati come DPI

Dettagli

La catena di assicurazione. a cura di Stefano Cordola (IA)

La catena di assicurazione. a cura di Stefano Cordola (IA) La catena di assicurazione a cura di Stefano Cordola (IA) Premessa Se nella pratica dell arrampicata non sussistesse il rischio di caduta, non avrebbe senso parlare di catena di assicurazione. La catena

Dettagli

La corda è l attrezzo fondamentale per la pratica dell arrampicata sportiva. Ad essa è affidata la sicurezza dell arrampicatore.

La corda è l attrezzo fondamentale per la pratica dell arrampicata sportiva. Ad essa è affidata la sicurezza dell arrampicatore. LA CORDA La corda è l attrezzo fondamentale per la pratica dell arrampicata sportiva. Ad essa è affidata la sicurezza dell arrampicatore. Le corde attuali sono il frutto di una complessa evoluzione che

Dettagli

1991 Norme per corde gemellari(twin Rope)

1991 Norme per corde gemellari(twin Rope) 1991 Norme per corde gemellari(twin Rope) Questa esposizione di date ed eventi sull entrata in uso di alcuni materiali per l arrampicata e lo studio delle norme per la loro costruzione. Come è messo bene

Dettagli

LEZIONE DI MATERIALI

LEZIONE DI MATERIALI LEZIONE DI MATERIALI SCOPO della LEZIONE Mostrare una sintesi dei materiali usati nell alpinismo moderno. L ultima diapositiva mostra i componenti essenziali per l arrampicata su roccia. Sommario 1 - NORME

Dettagli

Corso AG1 Lucca 2015/16. Scuola di Alpinismo, Scialpinismo E Arrampicata Libera CAI Lucca. Le soste. Tipologie di sosta a confronto.

Corso AG1 Lucca 2015/16. Scuola di Alpinismo, Scialpinismo E Arrampicata Libera CAI Lucca. Le soste. Tipologie di sosta a confronto. Corso AG1 Lucca 2015/16 Scuola di Alpinismo, Scialpinismo E Arrampicata Libera CAI Lucca Le soste Tipologie di sosta a confronto Giovanni Fazzi Vincola in maniera sicura la cordata alla parete (dalla sua

Dettagli

Lavoro. Esempio. Definizione di lavoro. Lavoro motore e lavoro resistente. Lavoro compiuto da più forze ENERGIA, LAVORO E PRINCIPI DI CONSERVAZIONE

Lavoro. Esempio. Definizione di lavoro. Lavoro motore e lavoro resistente. Lavoro compiuto da più forze ENERGIA, LAVORO E PRINCIPI DI CONSERVAZIONE Lavoro ENERGIA, LAVORO E PRINCIPI DI CONSERVAZIONE Cos è il lavoro? Il lavoro è la grandezza fisica che mette in relazione spostamento e forza. Il lavoro dipende sia dalla direzione della forza sia dalla

Dettagli

La Catena di Assicurazione (CdA)

La Catena di Assicurazione (CdA) La Catena di Assicurazione (CdA) Agenda: Richiami di fisica I materiali che compongono la CdA Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione Cos e È l insieme degli elementi che permettono, in caso di caduta,

Dettagli

Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla catena di sicurezza

Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla catena di sicurezza Francesca Donaggio, Paolo Gaetani, Marcello Meroni, 23/05/2005 Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla catena di sicurezza INDICE 1 INTRODUZIONE...1 2 LA CATENA DI SICUREZZA...1 3 GLI ELEMENTI DELLA

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Aprile MP

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Aprile MP PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Aprile 2016- MP COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago

Dettagli

No. ARTICOLO taglia articolo confezione fr./pz fr./pz unica

No. ARTICOLO taglia articolo confezione fr./pz fr./pz unica - SICUREZZA ANTICADUTA KAPRIOL IMBRAGO 2 ATTACCHI Imbragatura facile e veloce da indossare grazie alla diversa colorazione delle fettucce. Ideale per ogni tipo di lavoro che richiede sistemi anticaduta.

Dettagli

Le SOSTE: Alcune considerazioni consolidate allo stato attuale nello studio di questi elementi

Le SOSTE: Alcune considerazioni consolidate allo stato attuale nello studio di questi elementi Le SOSTE: Alcune considerazioni consolidate allo stato attuale nello studio di questi elementi Diapositive tratte dal ppt Soste - tipologie di soste in parete a confronto di V. Bedogni 1, G.Bressan 1,

Dettagli

Simulazione della progressione della cordata

Simulazione della progressione della cordata Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera C.A.I. Lucca Corso di Alpinismo su Neve e Ghiaccio - AG1 2015-2016 Simulazione della progressione della cordata Lucca 02 Febbraio 2016 Massimo Tardelli

Dettagli

PROGRESSIONE DELLA CORDATA

PROGRESSIONE DELLA CORDATA CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI SEREGNO SCUOLA DI ALPINISMO RENZO CABIATI FASI DI PROGRESSIONE DELLA CORDATA MARZO 2006 FASI DI PROGRESSIONE DI UNA CORDATA Le note seguenti riportano in maniera schematica

Dettagli

Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall alto. Dispositivi di discesa.

Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall alto. Dispositivi di discesa. UNI EN 341 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall alto. Dispositivi di discesa. UNI EN 353-1 UNI EN 353-2 Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall alto. Dispositivi

Dettagli

LAVORI IN QUOTA D.P.I. 3A CATEGORIA. Corso di formazione

LAVORI IN QUOTA D.P.I. 3A CATEGORIA. Corso di formazione LAVORI IN QUOTA D.P.I. 3A CATEGORIA Corso di formazione La valutazione del rischio IL FENOMENO DELLA CADUTA Tempo (s) Caduta (m) Velocità (km/h) 0,5 1,3 17,7 0,55 1,5 19,6 0,64 2,0 22,6 1,0 4,9 35,3 1,1

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Marzo MP

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Marzo MP PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Marzo 2017- MP COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago

Dettagli

Professione Chi siamo Un po' di storia La Guida alpina L'Aspirante Guida alpina L'Accompagnatore m.m. La Guida vulcanologica Corsi di formazione

Professione Chi siamo Un po' di storia La Guida alpina L'Aspirante Guida alpina L'Accompagnatore m.m. La Guida vulcanologica Corsi di formazione Professione Chi siamo Un po' di storia La Guida alpina L'Aspirante Guida alpina L'Accompagnatore m.m. La Guida vulcanologica Corsi di formazione Profili professionali Linee Guida Organizzazione Il Collegio

Dettagli

Numeri di Alpinismo. Fig. 4 - Sosta semimobile Fig. 5 - Sosta semimobile

Numeri di Alpinismo. Fig. 4 - Sosta semimobile Fig. 5 - Sosta semimobile Numeri di Alpinismo Nell'Annuario 2014-2015 il redattore Mauro Penasa poneva una questione: "La sosta fissa bilanciata è sempre la soluzione migliore"? Dopo un lavoro di diversi anni (iniziato nel 2008),

Dettagli

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e Sci-Alpinismo CAI-Lucca Scuola di Alpinismo e Arrampicata Libera C. Zappelli Viareggio Prato

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e Sci-Alpinismo CAI-Lucca Scuola di Alpinismo e Arrampicata Libera C. Zappelli Viareggio Prato Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e Sci-Alpinismo CAI-Lucca Scuola di Alpinismo e Arrampicata Libera C. Zappelli Viareggio Prato Aggiornamento tecnico Le protezioni in arrampicata e alpinismo: analisi

Dettagli

Alcune considerazioni sulle soste in arrampicata

Alcune considerazioni sulle soste in arrampicata Alcune considerazioni sulle soste in arrampicata Si riportano in questa nota alcune considerazioni sulle caratteristiche ed utilizzo delle soste mobili e fisse per uso in arrampicata, focalizzando il discorso

Dettagli

CATENA DI ASSICURAZIONE

CATENA DI ASSICURAZIONE CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI SEREGNO SCUOLA DI ALPINISMO RENZO CABIATI CATENA DI ASSICURAZIONE APRILE 2010 LE NOZIONI DI BASE LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI La commissione

Dettagli

Tipi di progressione della cordata Calata con corda doppia

Tipi di progressione della cordata Calata con corda doppia Scuola di Alpinism Apertura sede: giovedì sera dalle 21.30 alle 23.00 FALC Tel. +39 339 4898952 e-mail: info@falc.net Internet: http://www.falc.net CORSO DI Il/la sottoscritto/a ALPINISMO (nome e cognome)

Dettagli

CONNETTORI E ANCORAGGI MOBILI

CONNETTORI E ANCORAGGI MOBILI CONNETTORI E ANCORAGGI MOBILI FETTUCCIA AZ-900 EN 354 PINZA PER TUBI AZ-200 EN 362 AZ-200-01 lungh.: 340 mm - apertura 80 mm AZ-200-02 lungh.: 390 mm - apertura 125 mm AZ-200-03 lungh.: 440 mm - apertura

Dettagli

CDR. Imbragatura intera: L imbragatura combinata (cosciale + pettorale) realizzata in un pezzo unico, è chiamata imbragatura intera.

CDR. Imbragatura intera: L imbragatura combinata (cosciale + pettorale) realizzata in un pezzo unico, è chiamata imbragatura intera. CDR L E D ISPENSE DEL C ORSO D I R OCCIA E QUIPAGGIAMENTO E MATERIALI PER IL C ORSO CARATTERISTICHE TECNICHE DEL MATERIALE RICHIESTO PER LE LEZIONI PRATICHE DEL CORSO DI ROCCIA Imbragatura Lo scopo dell

Dettagli

Corso di escursionismo avanzato (E2) Sezione di Pontedera CATENA DI SICUREZZA. a cura di Claudio Luperini

Corso di escursionismo avanzato (E2) Sezione di Pontedera CATENA DI SICUREZZA. a cura di Claudio Luperini Corso di escursionismo avanzato (E2) Sezione di Pontedera CATENA DI SICUREZZA a cura di Claudio Luperini Stasera parleremo di: - Catena di sicurezza e fattore di caduta - Uso dell imbrago e del set da

Dettagli

SULLE VIE FERRATE. Commissione per l escursionismo

SULLE VIE FERRATE. Commissione per l escursionismo Commissione per l escursionismo Veneto Friuli Venezia Giulia SICUREZZA E PROGRESSIONE SULLE VIE FERRATE con la collaborazione del C.A.I. - Centro Studi Materiali e Tecniche - Padova per i supporti didattici

Dettagli

CORDINO ANTICADUTA CON ASSORBITORE DI ENERGIA

CORDINO ANTICADUTA CON ASSORBITORE DI ENERGIA CORDINO ANTICADUTA CON ASSORBITORE DI ENERGIA + LB-101 2 m L assorbitore di energia con cordino fisso universale può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni: ASSORBITORE DI ENERGIA AZ 023 ALLUMINIO

Dettagli

USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali)

USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali) USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali) I materiali portati in uscita possono permetterci di affrontare difficoltà impreviste che si siano presentate lungo il percorso, ma anche di affrontare in sicurezza

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA Considerazioni sui metodi di contenimento delle sollecitazioni durante la caduta nell arrampicata libera Gola di Gorropu LA CATENA DI ASSICURAZIONE

Dettagli

Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro

Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro SISTEMA DI PROTEZIONE TEMPORANEA DEI BORDI - SPECIFICHE DI PRODOTTO E METODI DI PROVA - ESTRATTO DALLA NORMA UNI EN 13374:2004 Servizio Prevenzione

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

3Tecniche di ESEMPIO. soccorso improvvisate COMPENDIO DEL SOCCORSO ALPINO

3Tecniche di ESEMPIO. soccorso improvvisate COMPENDIO DEL SOCCORSO ALPINO 3Tecniche di soccorso improvvisate COMENDIO DE SOCCORSO AINO COMENDIO DE SOCCORSO AINO Edizioni Soccorso Alpino Svizzero 2 a edizione 2013 Una fondazione di Club Alpino Svizzero CAS Club Alpin Suisse Schweizer

Dettagli

ANCORAGGI CLASSE TIPOLOGIA ESEMPIO

ANCORAGGI CLASSE TIPOLOGIA ESEMPIO Dispositivi di ancoraggio EN 795 GENERALITA I punti di ancoraggio possono ritenersi sicuri se realizzati con ancoraggi conformi alla norma EN 795, o con ancoraggi di maggior sicurezza e resistenza oltre

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea LA CATENA DI ASSICURAZIONE Lezione a cura di Torrini Andrea PARLEREMO IN QUESTA LEZIONE DI: Significato di CATENA DI ASSICURAZIONE Dimensionamento della CATENA DI ASSICURAZIONE Forza di Arresto Fattore

Dettagli

Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo. Progressione in CONSERVA CORTA

Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo. Progressione in CONSERVA CORTA Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo Progressione in CONSERVA CORTA INTRODUZIONE Il presente lavoro, in riferimento alla progressione in conserva corta, è stato

Dettagli

Materiale da ferrata e progressione

Materiale da ferrata e progressione Ferrate e attrezzature Materiale da ferrata e progressione I gradini : sono molto utilizzati specialmente per superare le placche. a cura di Stefano Cambi Istruttore di Alpinismo Il cavo: Può essere una

Dettagli

Formazione della cordata su ghiacciaio e sistema di legatura con i nodi a palla

Formazione della cordata su ghiacciaio e sistema di legatura con i nodi a palla Formazione della cordata su ghiacciaio e sistema di legatura con i nodi a palla Esistono due tipi di cordata: la cordata da 2 e da 3 persone. La cordata più consigliata è quella composta da tre elementi

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali

LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali Scuola Inter - Sezionale di Alpinismo e Scialpinismo G. Ribaldone LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali Alessandro Co' - Raffaele Pagliano Che cos'è la Catena di Assicurazione? E' un insieme di

Dettagli

Campo d attività: principi generali

Campo d attività: principi generali Campo d attività: principi generali Elenco delle vigenti direttive e norme applicabili per i dispotisitivi di protezione individuale (DPI) per i dispositivi di protezione contro le cadute dall'alto Ente

Dettagli

L'asola inglobata. Vellis Baù (CIMT VFG)

L'asola inglobata. Vellis Baù (CIMT VFG) L'asola inglobata Vellis Baù (CIMT VFG) Premessa Il collegamento degli ancoraggi di sosta fra loro e al freno (o alla persona che assicura) avviene, secondo la procedura standard, con un cordino come mostrato

Dettagli

VieNormali.it - www.vienormali.it

VieNormali.it - www.vienormali.it VieNormali.it - www.vienormali.it Progressione a Y Nodi e Progressione in Via Ferrata di Alberto Bernardi Per chi va in montagna e non si improvvisa Alpinista è bene avere dimestichezza con i nodi qui

Dettagli

IL LAVORO E LE ENERGIE Giuseppe Frangiamore con la collaborazione di Carmelo Bastillo

IL LAVORO E LE ENERGIE Giuseppe Frangiamore con la collaborazione di Carmelo Bastillo Il lavoro IL LAVORO E LE ENERGIE Giuseppe Frangiamore con la collaborazione di Carmelo Bastillo Il lavoro è una grandezza scalare, ed è definito dal prodotto di forza per spostamento. L unità di misura

Dettagli

approfondimento Lavoro ed energia

approfondimento Lavoro ed energia approfondimento Lavoro ed energia Lavoro compiuto da una forza costante W = F. d = F d cosθ dimensioni [W] = [ML T - ] Unità di misura del lavoro N m (Joule) in MKS dine cm (erg) in cgs N.B. Quando la

Dettagli

Corso di arrampicata su roccia

Corso di arrampicata su roccia Corso di arrampicata su roccia organizzato presso la Sezione di Reggio Emilia del Club Alpino Italiano Scuola Intersezionale di Alpinismo Scialpinismo e Arrampicata Libera BISMANTOVA L alpinismo è l arte

Dettagli

LE FORZE. Il mondo che ci circonda è costituito da oggetti che esercitano azioni gli uni sugli altri Queste azioni sono dette forze

LE FORZE. Il mondo che ci circonda è costituito da oggetti che esercitano azioni gli uni sugli altri Queste azioni sono dette forze LE FORZE Il mondo che ci circonda è costituito da oggetti che esercitano azioni gli uni sugli altri Queste azioni sono dette forze Le forze possono agire: Per contatto a distanza Effetto delle forze Le

Dettagli

CALATA DI EMERGENZA DA UN SOLO ANCORAGGIO. Scuola di alpinismo e arrampicata Gianni Calcagno, Finale Ligure

CALATA DI EMERGENZA DA UN SOLO ANCORAGGIO. Scuola di alpinismo e arrampicata Gianni Calcagno, Finale Ligure CALATA DI EMERGENZA DA UN SOLO ANCORAGGIO sequenze di operazioni da effettuare per calarsi in caso di emergenza da un solo ancoraggio secondo la tipologia dell'ancoraggio stesso MATERIALE OCCORRENTE un

Dettagli

PROTECCIÓN CABEZA Y ANTICAÍDAS

PROTECCIÓN CABEZA Y ANTICAÍDAS PROTECCIÓN CABEZA Y ANTICAÍDAS SISTEMI DI POSIZIONAMENTO, ANTICADUTA E PROTEZIONE DEL CAPO IMBRAGATURA KOALA 3/1 Cod. N002 Imbragatura anticaduta in materiale 100% poliammide con punti di ancoraggio sternale

Dettagli

Catena di assicurazione

Catena di assicurazione 12 Corso di Roccia 2015 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» 9 aprile 2015 Catena di assicurazione lezione a cura di Sergio Pistolesi - slide di Claudio Luperini Stasera parleremo di: catena

Dettagli

Proprietà meccaniche. Proprietà dei materiali

Proprietà meccaniche. Proprietà dei materiali Proprietà meccaniche Proprietà dei materiali Proprietà meccaniche Tutti i materiali sono soggetti a sollecitazioni (forze) di varia natura che ne determinano deformazioni macroscopiche. Spesso le proprietà

Dettagli

Soste mobili e soste fisse per l alpinismo e l arrampicata Considerazioni sull uso e sul loro insegnamento nelle Scuole CAI

Soste mobili e soste fisse per l alpinismo e l arrampicata Considerazioni sull uso e sul loro insegnamento nelle Scuole CAI Soste mobili e soste fisse per l alpinismo e l arrampicata Considerazioni sull uso e sul loro insegnamento nelle Scuole CAI G. Bressan, C. Melchiorri, E. Olivero CSMT - SCA 23 marzo 2016 1. Introduzione

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Proprietà elastiche 28/2/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Proprietà elastiche 28/2/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Proprietà elastiche 28/2/2006 Deformazione dei materiali Un asta di acciaio posta su due appoggi si flette sotto l azione del suo

Dettagli

ABM-2T 0082 EN 355 EN 354

ABM-2T 0082 EN 355 EN 354 CORDINO ANTICADUTA DOPPIO CON L assorbitore di energia con cordino fisso doppio universale può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni: -2T ARTICOLI STANDARD -2T-22 con 3 moschettoni AZ-002-2T-222-2T-223-2T

Dettagli

SEMINARIO L INSTALLAZIONE DELLE LINEEVITA

SEMINARIO L INSTALLAZIONE DELLE LINEEVITA SEMINARIO L INSTALLAZIONE DELLE LINEEVITA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO- UNI EN 795 CPT PAVOVA 26 Giugno 2012 Relatore: Dott. Ing. Simona Spinaci OBIETTIVI: 1. UNI EN 795:2002 2. DPI ANTICADUTA 3. INSTALLAZIONE

Dettagli

CORSO LAVORI IN QUOTA DPI III^cat. DPI e SISTEMI ANTICADUTA

CORSO LAVORI IN QUOTA DPI III^cat. DPI e SISTEMI ANTICADUTA CORSO LAVORI IN QUOTA DPI III^cat. DPI e SISTEMI ANTICADUTA Caratteristiche tecniche e modalità d impiego MARCATURA Tutti i DPI di qualsiasi categoria devono riportare una marcatura (CE) che li identifica

Dettagli

Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo. Progressione in CONSERVA CORTA

Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo. Progressione in CONSERVA CORTA Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo Progressione in CONSERVA CORTA Progressione in Conserva Corta INTRODUZIONE Il presente lavoro, in riferimento alla progressione

Dettagli

LA PROGRESSIONE DELLA CORDATA IN CONSERVA

LA PROGRESSIONE DELLA CORDATA IN CONSERVA LA PROGRESSIONE DELLA CORDATA IN CONSERVA Indice della serata: Progressione a tiri, progressione in conserva (definizioni e considerazioni) Modalità di legatura in conserva Progressione a tiri, progressione

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano.

Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano. Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano Ancoraggi Ancoraggi A cosa servono? Ridure al minimo o neutralizzare le conseguenze

Dettagli

SISTEMI DI SICUREZZA LINEA DI VITA. a Norma EN 795-C. Travspring. DA 144 A 159 OK :44 Pagina 10

SISTEMI DI SICUREZZA LINEA DI VITA. a Norma EN 795-C. Travspring. DA 144 A 159 OK :44 Pagina 10 DA 144 A 159 OK 8-01-2007 12:44 Pagina 10 SISTEMI DI SICUREZZA a Norma EN 795-C 154 6 LINEA DI VITA 5 1 Travspring La linea di vita Travspring e una linea di vita flessibile orizzontale, montata su supporti

Dettagli

CORDINO DI POSIZIONAMENTO SUL LAVORO

CORDINO DI POSIZIONAMENTO SUL LAVORO CORDINO DI POSIZIONAMENTO SUL LAVORO Il cordino universale regolabile può essere Cordino PROT-11 Cordino di posizionamento con lunghezza di 2 m, regolabile anche sotto carico tramite apposito dispositivo

Dettagli

CODICE: CODICE:

CODICE: CODICE: UNI EN 795:2002 Dispositivo che utilizza una linea di ancoraggio rigida con un inclinazione sull asse orizzontale non superiore a 15 (misurato tra gli ancoraggi di estremità e gli ancoraggi intermedi in

Dettagli

Dispositivi di Discesa/Recupero/Evacuazione/Salvataggio Dispositivo Retrattile e di Recupero EN 360/EN 1496

Dispositivi di Discesa/Recupero/Evacuazione/Salvataggio Dispositivo Retrattile e di Recupero EN 360/EN 1496 Dispositivi di Discesa/Recupero/Evacuazione/Salvataggio Dispositivo Retrattile e di Recupero EN 360/EN 1496 Dispositivo retrattile EN 360 con cavo metallico. Dispositivo di recupero integrato con perno

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale

Problemi di dinamica del punto materiale Problemi di dinamica del punto materiale 1. Un corpo di massa M = 200 kg viene lanciato con velocità v 0 = 36 km/ora su un piano inclinato di un angolo θ = 30 o rispetto all orizzontale. Nel salire, il

Dettagli

4. LE FORZE E LA LORO MISURA

4. LE FORZE E LA LORO MISURA 4. LE FORZE E LA LORO MISURA 4.1 - Le forze e i loro effetti Tante azioni che facciamo o vediamo non sono altro che il risultato di una o più forze. Le forze non si vedono e ci accorgiamo della loro presenza

Dettagli

Club Alpino Italiano. Commissione Lombarda Materiali e Tecniche

Club Alpino Italiano. Commissione Lombarda Materiali e Tecniche Club Alpino Italiano Commissione Lombarda Materiali e Tecniche L ASSICURAZIONE IN PARETE: L IMPORTANZA DELL ALTEZZA DELLA PRIMA PROTEZIONE E DI UNA CORRETTA ASSICURAZIONE PER RIDURRE I RISCHI DI IMPATTO

Dettagli

FERRERO Guido Infermiere HEMS I.N.San. XIII Delegazione -Torino-

FERRERO Guido Infermiere HEMS I.N.San. XIII Delegazione -Torino- FERRERO Guido Infermiere HEMS I.N.San. XIII Delegazione -Torino- Obiettivi Discutere l importanza dell intervenire in sicurezza in ambiente ostile. Discutere le leggi dell energia e del moto. Osservare

Dettagli

Esecuzione del mezzo barcaiolo sia in recupero che sotto carico NODO MEZZO BARCAIOLO

Esecuzione del mezzo barcaiolo sia in recupero che sotto carico NODO MEZZO BARCAIOLO Nodi Semplici NODO BARCAIOLO Esecuzione del mezzo barcaiolo sia in recupero che sotto carico NODO MEZZO BARCAIOLO NODO DI GIUNZIONE PER LA MANOVRA IN CORDA-DOPPIA (NODO GALLEGGIANTE) NODO DOPPIO-INGLESE,

Dettagli

Esercizio 1 Meccanica del Punto

Esercizio 1 Meccanica del Punto Esercizio 1 Meccanica del Punto Una molla di costante elastica k e lunghezza a riposo L 0 è appesa al soffitto di una stanza di altezza H. All altra estremità della molla è attaccata una pallina di massa

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI

LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI Commissione Lombarda Materiali e Tecniche LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI Andrea Manes SICUREZZA Inerente materiali e tecniche Parliamo di catena di assicurazione senza

Dettagli

Esercizi in preparazione all esonero

Esercizi in preparazione all esonero Esercizi in preparazione all esonero Andrea Susa Esercizio Un sasso viene lanciato verso l'alto a partire dall'altezza h = 50 rispetto al suolo con una velocità iniziale di modulo = 8,5/. Supponendo il

Dettagli

I NODI IN ARRAMPICATA. Scuola di alpinismo e arrampicata Gianni Calcagno, Finale Ligure

I NODI IN ARRAMPICATA. Scuola di alpinismo e arrampicata Gianni Calcagno, Finale Ligure I NODI IN ARRAMPICATA DEI NODI IN ARRAMPICATA Unione corda-imbragatura. Giunzione di corde e cordini. Assicurazione. Esecuzione di manovre. Segnalazione del termine della corda. NECESSARIE DEI NODI UTILIZZATI

Dettagli

HB-Evoflex. Scheda progettisti. HB-Evoflex. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione

HB-Evoflex. Scheda progettisti. HB-Evoflex. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione Scheda progettisti HB-Evoflex Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione 0505 Manutenzione 4 1/anno C certificato UNI EN 795:2002 Distanza max tra i pali 15

Dettagli

Cordata a due componenti Cordata a tre componenti

Cordata a due componenti Cordata a tre componenti LA PROGRESSIONE IN GHIACCIAIO Nella progressione in cordata su ghiacciaio sono fondamentali alcuni accorgimenti utili a trattenere la caduta accidentale in un crepaccio. Parte fondamentale di tali accorgimenti

Dettagli

VETTORE o SCALARE. definita come

VETTORE o SCALARE. definita come FORZA La forza applicata ad un corpo causa una accelerazione di quel corpo di una grandezza proporzionale alla forza nella direzione della forza ed inversamente proporzionale alla massa del corpo. F =

Dettagli

LAVORARE SULLE COPERTURE Parapetti provvisori e reti di protezioni

LAVORARE SULLE COPERTURE Parapetti provvisori e reti di protezioni LAVORARE SULLE COPERTURE Parapetti provvisori e reti di protezioni Dipartimento della Prevenzione U.F. P.I.S.LL. - T.d.P. FABIO NESTI Formazione per la sicurezza in Edilizia Definizioni (norma UNI 8088)

Dettagli

TSafe per lamiera aggraffata

TSafe per lamiera aggraffata D A T I G E N E R A L I : Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE Garanzia prodotto Numero massimo utilizzatori Sì 10 anni* Fino a 4 utilizzatori in campata multipla/fino

Dettagli

Lavoro ed energia cinetica

Lavoro ed energia cinetica Lavoro ed energia cinetica Servono a risolvere problemi che con la Fma sarebbero molto più complicati. Quella dell energia è un idea importante, che troverete utilizzata in contesti diversi. Testo di riferimento:

Dettagli

Il lavoro e l energia

Il lavoro e l energia Il lavoro e l energia Il concetto fondamentale che mette in relazione forze, spostamenti ed energia è quello di lavoro Lavoro di una forza costante Nel caso di forza e spostamento con uguale direzione

Dettagli

Autosoccorso della cordata - parte 1 - Corso di Alpinismo su Neve e Ghiaccio AG

Autosoccorso della cordata - parte 1 - Corso di Alpinismo su Neve e Ghiaccio AG Scuola di Alpinismo, Scialpinismo Arrampicata Libera C.A.I. Lucca Corso di Alpinismo su Neve e Ghiaccio AG1 2015-2016 Autosoccorso della cordata - parte 1 - Lucca 30 Novembre 2016 Massimo Tardelli Italo

Dettagli

IL LAVORO E L ENERGIA. che si possono trasformare tra loro lasciando invariata la quantità totale di energia.

IL LAVORO E L ENERGIA. che si possono trasformare tra loro lasciando invariata la quantità totale di energia. IL LAVORO E L ENERGIA ENERGIA: Grandezza scalare associata allo stato di un corpo Esistono varie forme: Energia cinetica Energia potenziale Energia elettrica Energia chimica Energia termica Energia elastica..

Dettagli

CORSO SA2 LUCCA 2008. USO della CORDA

CORSO SA2 LUCCA 2008. USO della CORDA CORSO SA2 LUCCA 2008 USO della CORDA 1 Bibliografia [1] Manuale CAI, Alpinismo su Ghiaccio e Misto (sito Focolaccia). [2] Manuale CNGAI, Autosoccorso (biblioteca Focolaccia). [3] Manuale CNGAI, Sicurezza

Dettagli

Conservazione dell energia

Conservazione dell energia mercoledì 15 gennaio 2014 Conservazione dell energia Problema 1. Un corpo inizialmente fermo, scivola su un piano lungo 300 m ed inclinato di 30 rispetto all orizzontale, e, dopo aver raggiunto la base,

Dettagli

L energia potenziale gravitazionale di un oggetto di massa m che si trova ad un altezza h rispetto ad un livello scelto come riferimento è: E PG = mgh

L energia potenziale gravitazionale di un oggetto di massa m che si trova ad un altezza h rispetto ad un livello scelto come riferimento è: E PG = mgh Lezione 15 - pag.1 Lezione 15: L energia potenziale e l'energia meccanica 15.1. L energia potenziale gravitazionale Consideriamo quello che succede quando solleviamo un oggetto, applicando un forza appena

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. Tipo A. HB SECURITY S.r.l. HB SECURITY S.r.l. Via Dell Adige, Cortaccia - BZ Via Dell Adige, Cortaccia - BZ

RAPPORTO DI PROVA. Tipo A. HB SECURITY S.r.l. HB SECURITY S.r.l. Via Dell Adige, Cortaccia - BZ Via Dell Adige, Cortaccia - BZ Foglio 1 di 14 DATI IDENTIFICATIVI DEL CAMPIONE Norme di riferimento UNI EN 795:2012 [EN 795:2012] Tipo Dispositivi individuali per la protezione contro le cadute - Dispositivi di ancoraggio Modello HB

Dettagli

ENERGIA POTENZIALE GRAVITAZIONALE

ENERGIA POTENZIALE GRAVITAZIONALE ENERGIA POTENZIALE GRAVITAZIONALE mg z 1 Quando il corpo arriva all altezza z 2 possiede un energia cinetica che all inizio non aveva z 2 Un oggetto che si trova in posizione elevata ha una capacità di

Dettagli