REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCISTICA F.I.P.E.P

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCISTICA F.I.P.E.P 2014-2015"

Transcript

1 REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCISTICA F.I.P.E.P

2 INDICE: CAPITOLO 1: INTRODUZIONE Art.1.1 oggetto del gioco Art.1.2 scopo del gioco Art.1.3 organigramma societario Art ruolo del Presidente di Lega Art ruolo del Vice Presidente di Lega Art ruolo del Segretario generale Art ruolo del Primo Consigliere Art ruolo del Secondo Consigliere Art ruolo del battitore ufficiale Art ruolo del Tesoriere Art ruolo dell'ufficiale di cerimonie Art ruolo dell'ufficio Stampa Art ruolo del Responsabile Totofantacalcio CAPITOLO 2: CAMPIONATO Art.2.1 formula Art.2.2 spareggi Art.2.3 alternanza tra campionato e Coppe CAPITOLO 3: COPPA FIPEP Art.3.1 formula Art.3.2 criteri per la classifica dei gironi Art.3.3 criteri per il superamento della prima fase Art.3.4 formula seconda fase Art.3.5 calci di rigore CAPITOLO 4: COPPA DEI BELS Art.4.1 formula Art.4.2 criteri per il superamento del turno Art.4.3 calci di rigore CAPITOLO 5: SUPERCOPPA FIPEP Art.5.1 formula Art.5.2 scelta della finalista alternativa CAPITOLO 6: LA ROSA Art.6.1 rosa squadre Art.6.2 rimpiazzare un giocatore della rosa Art valore economico di un giocatore della rosa rimpiazzato (lodo Beleza) Art.6.3 deposito in Lega della rosa Art.6.4 scelta dei portieri (lodo Righettu) Art.6.5 indisponibilità dei portieri

3 CAPITOLO 7: ASTA DI INIZIO STAGIONE E MERCATO ESTIVO Art.7.1 obbligo di partecipazione all'asta Art.7.2 modalità dell'asta Art.7.3 Fmln a disposizione per l'asta Art.7.4 Fmln residui Art.7.5 riconferma dei giocatori Art.7.6 valore economico dei giocatori da riconfermare Art.7.7 valore economico dei giocatori da riconfermare se pagati Fmln Art.7.8 Fmln a disposizione dopo le riconferme CAPITOLO 8: ASTE DI RIPARAZIONE Art.8.1 data dell'asta Art.8.2 formula dell'asta Art precisazione su giocatori ceduti durante l'asta Art.8.3 finestra di mercato CAPITOLO 9: IN CAMPO Art.9.1 moduli Art.9.2 formazione tipo Art deposito in Lega della rosa dopo asta di riparazione o finestra di mercato Art.9.3 presentazione della formazione in modo leggibile (lodo Montana) Art.9.4 sostituzioni Art.9.5 più di tre sostituzioni Art.9.6 il cambio di modulo Art.9.7 il cambio jolly (lodo De Pippis) Art.9.8 punteggi Art.9.9 senza voto (s.v) Art.9.10 il modificatore della difesa Art.9.11 sospensione di una partita di Serie A Art.9.12 punteggi delle partite CAPITOLO 10: DISPUTE E CONTESTAZIONI Art.10.1 dispute di natura formale Art.10.2 contestazioni e ricorsi Art.10.3 penalità generiche Art penalità fissate CAPITOLO 11: IL TOTOFANTACALCIO Art.11.1 formula del gioco CAPITOLO 12: LE FANTAFIGURINE Art.12.1 l'album e le figurine CAPITOLO 13: PREMI Art.13.1 iscrizione alla Lega Art.13.2 distribuzione dei premi CAPITOLO 14: IL FANTACALCIO CHE VERRA'

4 CAPITOLO 1: INTRODUZIONE Art.1.1 Oggetto del Fantacalcio è la simulazione del gioco del calcio attraverso la formazione di squadre di fantasia costituite da giocatori, realmente appartenenti al campionato di Serie A, che si affrontano tra loro in diverse competizioni nel rispetto del seguente regolamento. Art.1.2 Lo scopo del gioco resta comunque il divertimento tra un gruppo di amici che, nel reciproco rispetto di loro stessi e del seguente regolamento, daranno vita alla stagione fantacalcistica Art.1.3 Organigramma societario: -Presidente: Andrès Da Silva (Athlético Bamba) -Vice Presidente: Bengu Beggiokhan (Beggiktas) -Segretario generale: Eric Thonhyr (Antoniana Inter) -Primo Consigliere e moderatore dispute: Silvio Mirandoni (Miran) -Secondo consigliere: Alessandro Accorsi (AC Corsi) -Battitore ufficiale: Matteo Guerrini (Guerrin Sportivo) -Tesoriere: Stefan Righettu (Sté-aua) -Ufficiale di cerimonie: Sir Francis Gilla (Aston Gilla) -Ufficio stampa: Andrès da Silva (Athlético Bamba) -Responsabile Totofantacalcio: Alessandro Accorsi (AC Corsi) Art Il Presidente ha il dovere di vigilare sul buon andamento di tutte le competizioni e sull'applicazione del presente regolamento, di presenziare a tutte le aste e riunioni della Lega e di compilare e divulgare i calendari. Art Il Vice Presidente ha il compito di sostituire il Presidente e di adempiere a tutti i suoi doveri in assenza o impossibilità da parte del Presidente stesso; inoltre ha il dovere di presenziare a tutte le aste e riunioni della Lega. Art Il Segretario generale ha il compito di registrare e compilare tutti i documenti relativi alle aste, alle riunioni o a qualsiasi altro evento della Lega che richieda la compilazione di documenti; inoltre ha il dovere di presenziare a tutte le aste e riunioni della Lega. Il Segretario generale ha infine il compito di sostituire il Presidente e di adempiere a tutti i suoi doveri in assenza o impossibilità da parte del Presidente e del Vice Presidente. Art Il Primo Consigliere ha il dovere di presenziare a tutte le aste e riunioni della Lega e di moderare le dispute previa consultazione con il Presidente e il Vice Presidente. Art Il Secondo Consigliere ha il dovere di presenziare a tutte le aste e riunioni della Lega e di sostituire, in caso si sua indisponibilità conclamata, il primo Consigliere nel ruolo di moderatore di dispute. Art Il Battitore ufficiale è il solo individuo ad avere il potere in fase di asta di decretare la validità o la non la validità di un acquisto di un giocatore dettandone le modalità e i tempi.

5 Art Il Tesoriere ha il dovere di riscuotere, conservare ed elargire i proventi derivanti dall'iscrizione alla Lega, dal Totofantacalcio e dalla vendita delle Figurine Panetti. Per questi ultimi due incarichi il Tesoriere dovrà fare riferimento a quanto gli verrà comunicato settimanalmente dal Responsabile Totofantacalcio e periodicamente dall'ufficio stampa. Art L'Ufficiale di cerimonie ha il dovere di mettere a disposizione dei Presidenti una location adeguata all'evento del caso e, in occasione dell'asta di inizio stagione, di dare ufficialmente il via alla stagione fantacalcistica tramite un bels discorso. Art L'Ufficio stampa ha l'incarico di produrre e divulgare la Fantagazza e le Figurine Panetti per le quali dovrà comunicare al tesoriere gli importi dovuti alla Lega da ciascun Presidente. Art Il Responsabile Totofantacalcio ha l'incarico di annotare di settimana in settimana le scommesse di ogni singolo Presidente e di comunicare settimanalmente al Tesoriere gli importi dovuti dagli scommettitori o gli importi delle vincite da elargire.

6 CAPITOLO 2: CAMPIONATO Art.2.1 Il campionato viene disputato con gare di andata e ritorno in girone unico all'italiana con assegnazione di punti 3 in caso di vittoria, punti 1 in caso di pareggio, punti zero in caso di sconfitta. Al termine di tutti gli incontri previsti dal calendario verrà dichiarata la squadra vincitrice. Art.2.2 In caso di arrivo a fine campionato a parità di punti in classifica, solo nel caso in cui due squadre occupino la prima posizione, verrà disputato uno spareggio in gara unica e in campo neutro con possibilità di eventuali calci di rigore; tale incontro dovrà essere disputato tra l'ultima giornata di campionato e la finale di Coppa FIPEP che, in caso di spareggio, slitterà di un turno. Nel caso in cui le squadre classificate prime al termine di tutte le giornate previste dal calendario siano più di due si procederà, secondo classifica avulsa, nel decretare le due deputate a disputare lo spareggio. In ogni caso, dalla seconda piazza in poi, squadre che terminino il campionato a parità di punti verranno egualmente decretate seconde, terze, quarte ecc classificate. Art.2.3 Le giornate di campionato devono essere disputate in alternanza con quelle di Coppa seguendo la successione riportata nella seguente tabella: 1-CAMPIONATO I GIORNATA 2-CAMPIONATO II GIORNATA 3-COPPA FIPEP I GIORNATA 4-CAMPIONATO III GIORNATA 5-CAMPIONATO IV GIORNATA 6-COPPA FIPEP II GIORNATA 7-CAMPIONATO V GIORNATA 8-CAMPIONATO VI GIORNATA 9-COPPA FIPEP III GIORNATA 10-CAMPIONATO VII GIORNATA 11-CAMPIONATO VIII GIORNATA 12-COPPA FIPEP IV GIORNATA 13-CAMPIONATO IX GIORNATA 14-CAMPIONATO X GIORNATA 15-COPPA FIPEP V GIORNATA 16-CAMPIONATO XI GIORNATA 17-COPPA FIPEP VI GIORNATA 18-CAMPIONATO XII GIORNATA 19-CAMPIONATO XIII GIORNATA 20-CAMPIONATO XIV GIORNATA 21-COPPA FIPEP QUARTI ANDATA e COPPA DEI BELS SEMIFINALI ANDATA 22-CAMPIONATO XV GIORNATA 23-CAMPIONATO XVI GIORNATA 21-COPPA FIPEP QUARTI RITORNO e COPPA DEI BELS SEMIFINALI RITORNO 24-CAMPIONATO XVII GIORNATA 25-CAMPIONATO XVIII GIORNATA 26-COPPA FIPEP SEMIFINALI ANDATA e COPPA DEI BELS FINALI ¾ E ½ POSTO 27-CAMPIONATO XIX GIORNATA 28-CAMPIONATO XX GIORNATA 29-COPPA FIPEP SEMIFINALI RITORNO 30-CAMPIONATO XXI GIORNATA 31-CAMPIONATO XXII GIORNATA 32-COPPA FIPEP FINALE ½ POSTO 33-SUPERCOPPA FIPEP FINALE UNICA

7 CAPITOLO 3: COPPA FIPEP Art.3.1 Alla Coppa FIPEP partecipano tutte le squadre facenti parte della Lega ed è divisa in due fasi: -la prima fase è costituita da tre gironi da quattro squadre ciascuno dove, all'interno del rispettivo raggruppamento, ogni squadra affronta tutte le altre in gare di andata e ritorno in girone unico all'italiana con assegnazione di punti 3 in caso di vittoria, punti 1 in caso di pareggio, punti zero in caso di sconfitta. Al termine di tutti gli incontri previsti dal calendario verrà stilata la classifica di ogni girone dal primo al quarto posto. Accedono ai quarti di finale le prime due classificate di ogni girone e le due migliori terze classificate. La peggior terza classificata e le tre quarte classificate di ogni girone vengono retrocesse in Coppa dei Bels. -la seconda fase è costituita da incontri ad eliminazione diretta da disputarsi in gare di andata e ritorno con possibilità di eventuali calci di rigore (quarti di finale e semifinali). La finale viene disputata in gara unica e in campo neutro con possibilità di eventuali calci di rigore. Art.3.2 In caso di arrivo a parità di punti di due squadre facenti parte dello stesso girone, si dovrà procedere nel decretare quale delle due squadre debba occupare la posizione di classifica più alta seguendo i seguenti criteri: -scontri diretti -maggior numero di reti segnate in trasferta negli scontri diretti -numero di reti segnate globale -differenza reti globale -punti conquistati contro la/le formazioni che precedono in classifica -sorteggio Art.3.3 In caso di arrivo a parità di punti di due squadre facenti parte di gironi differenti, si dovrà procedere nel decretare quale delle due squadre debba accedere alla seconda fase seguendo i seguenti criteri: -numero di reti segnate globale -differenza reti globale -sorteggio Art.3.4 Durante la seconda fase, la squadra che passerà al turno successivo sarà colei che, nell'arco delle gare di andata e ritorno, avrà vinto il maggior numero degli incontri o, in caso di parità, segnato il maggior numero di reti in trasferta. In caso di totale eguaglianza si procederà con i calci di rigore. Nella successiva tabella sono sintetizzati alcuni casi esemplificativi: Gara di Andata Gara di Ritorno Esito ACC-BEG 1-0 BEG-ACC 0-1 ACC passa il turno per 2 a 0 sul totale ACC-BEG 1-0 BEG-ACC 2-0 BEG passa il turno per 2 a 1 sul totale ACC-BEG 1-0 BEG-ACC 1-0 ACC e BEG (1-1 sul totale) vanno ai calci di rigore ACC-BEG 1-0 BEG-ACC 2-1 ACC (2-2 sul totale) passa il turno per maggior numero di reti segnate in trasferta (1 contro 0) ACC-BEG 1-1 BEG-ACC 0-0 BEG (1-1 sul totale) passa il turno per maggior numero di reti segnate in trasferta (1 contro 0)

8 Art.3.5 Nel caso in cui le due squadre si equivalgano alla fine delle gare di andata e ritorno (o finale unica) sia in termini di risultato che in termini di reti segnate tra casa e trasferta, si dovrà procedere ai calci di rigore seguendo i seguenti criteri e la seguente tabella esemplificativa: TITOLARI (4-4-2): Voto Rig. P Jasin 6 11 D Passarella 5,5 10 D Beckenbauer 6,5 3 D Baresi 6 9 D Roberto Carlos 6,5 8 C Falcao 6,5 7 C Matthaus 7 6 C Zidane 7,5 5 C Platini s.v (*) A Maradona 6 1 A Pelé 5,5 2 PANCHINA P Banks 6 N.T P Zoff 6 N.T D Kroll 5 23 D Rijkaard 6 19 D Koeman 6 20 D Trésor 5 22 C Junior 5 (*) 21 C Gullit 6,5 18 C Garrincha 7 16 C Best 8 17 A Muller s.v 14 A Van Basten 7,5 13 A Eusebio 5,5 15 A Ronaldo I primi 5 rigoristi devono essere 5 titolari e, in questo caso, sono: Maradona (6=gol), Pelé (5,5=parato), Beckenbauer (6,5=gol), Platini (s.v quindi viene sostituito da Junior, 5=parato), Zidane (7,5=gol) -In totale sono stati segnati 3 gol! Se sono sufficienti a decretare un vincitore finisce qui, altrimenti si procede ad oltranza (un rigorista alla volta secondo il numero assegnato; in questo caso tirerebbe Matthaus 7=gol) -NOTE: sono da prendere in considerazione solo i voti assegnati dalla Gazzetta dello Sport senza tenere conto di gol fatti e subiti, assist e cartellini, il secondo e terzo portiere non tirano i rigori, in caso di disparità tra il numero totale dei giocatori componenti le rose si procederà sino all'esaurimento della lista (in ogni caso) e poi si riprenderà dal primo rigorista (Maradona), il secondo, il terzo ecc.

9 CAPITOLO 4: COPPA DEI BELS Art.4.1 Alla Coppa dei Bels partecipano tutte le squadre enunciate all'interno dell'art.3.1. L'intera coppa è costituita da incontri ad eliminazione diretta da disputarsi in gare di andata e ritorno con possibilità di eventuali calci di rigore (semifinali) mentre la finale viene disputata in gara unica e in campo neutro con possibilità di eventuali calci di rigore. E' prevista una finale per il terzo e quarto posto in gara unica e campo neutro con possibilità di eventuali calci di rigore. Art.4.2 I criteri per decretare la squadra che accederà al turno successivo sono gli stessi criteri enunciati all'interno dell'art.3.4. Art.4.3 Nel caso in cui le due squadre si equivalgano alla fine delle gare di andata e ritorno (o finale unica) sia in termini di risultato che in termini di reti segnate tra casa e trasferta, si dovrà procedere ai calci di rigore seguendo gli stessi criteri enunciati all'interno dell'art.3.5. CAPITOLO 5: SUPERCOPPA FIPEP Art.5.1 La Supercoppa FIPEP viene disputata dalla squadra vincitrice del campionato e dalla squadra vincitrice della Coppa FIPEP. La finale viene disputata in gara unica e in campo neutro con possibilità di eventuali calci di rigore di cui all'art.3.5. Art.5.2 Nel caso in cui la squadra vincitrice del campionato sia la stessa ad aver vinto anche la Coppa FIPEP, la Supercoppa FIPEP verrà disputata dalla squadra vincitrice del campionato e la finalista di Coppa FIPEP.

10 CAPITOLO 6: LA ROSA Art.6.1 Ogni squadra facente parte della Lega deve obbligatoriamente ed in ogni momento essere costituita da un numero di giocatori pari a 25 così suddivisi: -3 portieri -8 difensori -8 centrocampisti -6 attaccanti Art.6.2 Un Presidente può avvalersi del diritto di rimpiazzare uno o più dei propri giocatori al di fuori delle previste aste e finestre di mercato solo ed esclusivamente nei seguenti due casi: 1-il giocatore viene ceduto all'estero 2-il giocatore viene ceduto in serie cadetta Art (lodo Beleza) La cessione del/dei giocatore/i descritto all'interno dell'art.6.2 porterà nelle casse della società il valore in Fmln pagato per il/i suddetto/i giocatore/i durante l'asta di inizio stagione. L'acquisto del nuovo giocatore che andrà a sostituire il giocatore di cui sopra (il nuovo giocatore deve, come è implicito considerare, ricoprire lo stesso ruolo del giocatore ceduto) dovrà essere pari al valore in Fmln appena entrato nelle casse della società. Fa eccezione il caso in cui un'altra società abbia la necessità e la volontà di acquistare lo stesso giocatore; in questo caso si procederà come segue: -il Presidente con la maggior disponibilità di Fmln pagherà il nuovo giocatore un valore pari al valore in Fmln appena entrato nelle casse della società -il secondo Presidente pagherà un altro nuovo giocatore a sua scelta un valore pari al valore in Fmln appena entrato nelle casse della società NOTA: nel caso in cui fossero coinvolti tre o più Presidenti, si procederà come sopra. Art 6.3 E' obbligo di ciascun Presidente depositare in Lega la rosa completa della propria squadra entro e non oltre i tempi previsti ovvero 3 giorni dal termine di ciascuna asta, sia essa di inizio stagione o di riparazione e di ciascuna finestra di mercato (se la rosa ne è stata interessata). Tale rosa dovrà essere riportata sull'apposito modulo rosa che dovrà risultare assolutamente completo in ogni sua parte (il modulo rosa è allegato a fondo di questo stesso regolamento). Art.6.4 In merito alla scelta dei portieri, è facoltà di ogni Presidente decidere se: A-acquistare tre portiere di tre differenti squadre di Serie A. B-acquistare il primo portiere di una squadra di Serie A e opzionare, dichiarandolo immediatamente in fase d'asta, il secondo e il terzo portiere della medesima squadra di cui sopra. Se non opzionati immediatamente dopo l'acquisto del primo portiere, non potranno più essere acquistati. Solo per questo caso, è consentito al Presidente di scrivere in distinta di gara il cognome del portiere titolare e II portiere (es.juventus) e III porrtiere (es.juventus) - (lodo Righettu). Art.6.5 (vedi prima Art.6.4) Sia nel caso A che nel caso B, se si verificasse la situazione nella quale vi siano tutti i portieri indisponibili, la squadra giocherà con un uomo in meno. Per maggiore chiarezza si specifica che chi ha acquistato la porta non dispone di tutti i portieri della squadra di Serie A del caso (es.juventus), dal primo portiere all'ultimo della primavera, ma solamente dei tre portieri acquistati durante l'asta di inizio stagione (es.buffon-storari-rubinho).

11 CAPITOLO 7: ASTA DI INIZIO STAGIONE Art.7.1 Tutti i Presidenti hanno l'obbligo di partecipare fisicamente all'asta di inizio stagione e a ciascuno di loro verranno assegnati 402 Fmln per il mercato. Art.7.2 Ogni giocatore disponibile sul mercato potrà essere chiamato a turno da uno dei partecipanti all'asta e il suo valore di partenza corrisponderà in ogni caso a 1 Fmln. Una volta chiamato in causa un giocatore si procederà ad una classica asta al rilancio i cui tempi verranno dettati dal battitore d'asta ufficiale il quale è il solo individuo ad avere voce in capitolo sulle eventuali dispute che potrebbero insorgere durante questa fase. Art.7.3 Ogni Presidente ha a disposizione per l'asta di inizio stagione tutti i Fmln residui nelle proprie casse societarie dopo la riconferma dei giocatori già facenti parte della propria rosa (vedi Art.7.5, 7.6, 7.7 e 7.8) Art.7.4 Tutti i Fmln eventualmente residui nelle casse societarie di ciascuna squadra restano a disposizione del Presidente per le successive aste di riparazione sino al termine della stagione. Art.7.5 Ogni Presidente ha la facoltà di riconfermare un numero massimo di tre giocatori che già facenti parte della propria rosa al termine della stagione Questi tre giocatori riconfermati devono ricoprire ruoli diversi (es.1 portiere, 1 difensore, 1 attaccante, non 1 difensore, 2 attaccanti) e non possono essere giocatori acquistati o scambiati dal Presidente in una fase della passata stagione che esuli dall'asta di inizio mercato. Art.7.6 Il valore da assegnare a ciascuno dei giocatori riconfermati deve fare riferimento ai seguenti due casi: A-se il giocatore riconfermato è stato pagato un prezzo superiore a quello assegnato dalla Gazzetta dello Sport, esso potrà essere riconfermato allo stesso prezzo speso l'anno precedente con una diminuzione del prezzo stesso del 10%. B-se il giocatore riconfermato è stato pagato un prezzo inferiore a quello assegnato dalla Gazzetta dello Sport, esso potrà essere riconfermato allo stesso prezzo speso l'anno precedente con un aumento del 10% Di seguito una tabella esemplificativa che illustra i vari casi appena descritti: Caso Nome Squadra Valore Gazzetta Stato Pagato +/- 10% Valore finale A Benatia Roma 15 Riconf ,5 22 B Buffon Juventus 20 Riconf ,8 20 Ogni arrotondamento di costo verrà eseguito arrotondando i decimali al numero intero più prossimo (in caso di 0,5 si arrotonderà per difetto).

12 Art.7.7 Il costo per la riconferma di tutti i giocatori pagati l'anno precedente Fmln sarà obbligatoriamente arrotondato a 6 Fmln Art.7.8 Dopo le riconferme, che vanno obbligatoriamente dichiarate da ciascun Presidente prima dell'inizio dell'asta di inizio stagione, si procederà pubblicamente al calcolo dei Fmln residui nelle casse di ciascuna società e a disposizione per l'asta di inizio stagione il cui valore sarà dato da 402 Fmln meno l'ammontare dei costi dei giocatori riconfermati secondo i termini espressi all'interno degli articoli 7.5, 7.6 e 7.7. CAPITOLO 8: ASTA DI RIPARAZIONE Art.8.1 E' prevista una sola asta di riparazione ufficiale cui possono facoltativamente partecipare tutti i Presidenti. La data di tale asta è fissata per il primo giorno non lavorativo utile dopo la fine del mercato di riparazione reale di Serie A. Art.8.2 Le modalità dell'asta di riparazione sono le medesime enunciate all'interno degli art.7.2 e 7.4 con una ricapitalizzazione di 50 Fmln; per stabilire invece il prezzo dei giocatori eventualmente ceduti, bisogna rifarsi alla tabella esemplificativa a fondo dell'art.7.6. Art Si fa presente che un giocatore ceduto durante l'asta di riparazione non può essere riacquistato dalla stessa società che lo ha appena ceduto. Art.8.3 E' prevista una finestra di mercato libero dove ogni Presidente potrà, senza nessun obbligo, cedere e acquistare giocatori purché alla fine di dette operazioni la propria rosa risulti conforme a quanto enunciato all'interno dell'art.6.1. In tali finestre di mercato sarà possibile concordare in forma privata anche scambi di giocatori con le formule giocatore per giocatore, giocatori per giocatore, giocatore/i e denaro per giocatore purché alla fine di dette operazioni la propria rosa risulti conforme a quanto enunciato all'interno dell'art.6.1. La data di tale finestra di mercato è fissata a cavallo tra la III giornata di Coppa FIPEP e la VII giornata di campionato Si fa presente che un giocatore ceduto durante una finestra di mercato non può essere riacquistato dalla stessa società che lo ha appena ceduto.

13 CAPITOLO 9: IN CAMPO Art.9.1 Tutte i Presidenti hanno l'obbligo di schierare in campo la propria formazione ogni qualvolta sia previsto un evento che li coinvolga entro e non oltre un minuto prima dell'effettivo inizio della prima gara ufficiale del campionato di Serie A. I moduli secondo i quali è consentito schierare la formazione sono i seguenti: Art.9.2 Tutti i Presidenti hanno l'obbligo di depositare in Lega una formazione tipo che sarà utilizzata in caso di mancata comunicazione della formazione settimanale, mancata comunicazione della formazione settimanale entro i termini temporali previsti all'interno dell'art.9.1 e in qualsiasi caso una formazione presentata sia viziata da errori di forma quali, per fare alcuni esempi, numero superiore o inferiore dei giocatori schierati, errato schieramento del modulo di gara, gravi errori calligrafici che portino ad una totale incomprensione del cognome del giocatore, doppioni o triploni di cognomi schierati tra campo e panchina, formazioni scritte da sotto in su, formazioni ottenute tramite copia/incolla di app o siti internet, mancato affiancamento del numero di rigorista al cognome del giocatore (quando previsto), varie ed eventuali ecc che dovranno essere prese in esame dal Moderatore di dispute. In caso di sviste da parte di un collega Presidente, si fa presente che è buona norma sportiva esporre per tempo il fatto dando modo al collega di apportare le dovute correzioni. NOTA BENE: la formazione tipo è un accorgimento per evitare che le partite vengano in qualche modo falsate, non è un palliativo per manlevare un Presidente dall'obbligo di dare di settimana in settimana la propria formazione; anche se si decide di giocare con la formazione tipo, si deve pubblicamente e personalmente, o delegando un collega Presidente, dare comunicazione della propria intenzione. Il non comunicare la formazione o il non comunicare la propria intenzione di scendere in campo con la formazione tipo per un numero uguale o superiore a tre volte, anche non consecutive, durante l'arco della stagione comporterà delle penalizzazioni per le quali si rimanda agli Art.10.3 e Art E' obbligo di ogni Presidente depositare nuovamente in Lega una formazione tipo dopo l'asta di inizio stagione, dopo l'asta di riparazione (ove è altresì obbligatorio aggiungere il numero dei rigoristi di fianco al cognome dei giocatori come spiegato all'interno della tabella esemplificativa a fondo dell'art.3.5) e dopo ogni finestra di mercato (se la propria rosa ha subito dei cambiamenti) entro gli stessi termini espressi all'interno dell'art.6.3.

14 Art.9.3 (lodo Montana) E' buona norma da parte di tutti i Presidenti che si accingano a presentare la propria formazione settimanale o la formazione tipo, presentare una formazione facilmente comprensibile da tutti i partecipanti ed, in particolar modo, dal proprio avversario settimanale. Di seguito un esempio pratico di come una formazione diventi facilmente leggibile: DREAM TEAM (4-4-2): (due punti) Jasin (spazio) Passarella Beckenbauer Baresi Roberto Carlos (spazio) Falcao Matthaus Zidane Platini (spazio) Maradona Pelé (spazio) A disposizione: (due punti) Banks, (virgola) Zoff; (punto e virgola) Kroll, (virgola) Rijkaard, (virgola) Koeman, (virgola) Trésor; (punto e virgola) Junior, (virgola) Gullit, (virgola) Garrincha, (virgola) Best; (punto e virgola) Muller, (virgola) Van Basten, (virgola) Eusebio, (virgola) Ronaldo. (punto) Art.9.4 I cambi disponibili per ogni singolo incontro sono al massimo tre. Per stabilire l'ordine delle sostituzione si deve sempre seguire lo schema portiere-difensoricentrocampisti-attaccanti tranne nel caso di un numero di sostituzioni superiore a quello consentito per il quale si rimanda all'art.9.5. Il giocatore che entra dalla panchina deve essere un giocatore di pari ruolo rispetto al giocatore che esce dagli undici titolari tranne nel caso del cambio di modulo per il quale si rimanda all'art.9.6. Art.9.5 Nel caso in cui tra gli undici giocatori schierati in formazione come titolari ne debbano essere sostituiti un numero uguale o superiore a quattro, non si seguirà più lo schema indicato all'interno dell'art.9.4 ma si dovrà obbligatoriamente seguire il seguente nuovo schema portiere-attaccanticentrocampisti-difensori. E' palese che i cambi a disposizione restano comunque tre e, per tanto, la nuova formazione sarà composta da dieci o meno giocatori.

15 Art.9.6 E' consentito, a seconda degli eventi di ogni singolo incontro, cambiare il modulo della squadra purché si rispettino gli art.9.1, 9.4 e 9.5. Ciò può avvenire se dalla panchina non vi è la disponibilità di ingresso in campo da parte di giocatori che ricoprono il medesimo ruolo del giocatore che deve essere sostituito. Di seguito un esempio estremo per meglio chiarire il concetto: -la squadra viene messa in campo secondo il modulo un attaccante non gioca e quindi deve essere sostituito da un pari ruolo della panchina -nessuno degli attaccanti in panchina ha giocato o ricevuto il voto -dunque può subentrare un centrocampista con voto (in questo caso il modulo cambia in un 3-5-2) -anche un centrocampista titolare non ha giocato e quindi deve essere sostituito da un pari ruolo della panchina -in panchina non restano più centrocampisti disponibili o aventi ricevuto un voto -dunque deve subentrare al suo posto un difensore dalla panchina -il primo difensore con voto entra dalla panchina -il modulo cambia definitivamente in un Art.9.7 (lodo De Pippis) Solo ed esclusivamente nelle giornate di Serie A in cui le partite siano spalmate su un numero maggiore di due giorni di calendario è possibile usufruire di un cosiddetto cambio jolly in formazione. Ciò significa che sarà possibile intervenire in corsa sulla formazione data in precedenza spostando un giocatore dal campo alla panchina o viceversa o modificare l'ordine dei giocatori seduti in panchina o, in certi casi, modificare di conseguenza il modulo. Per fare questa operazione è fatto obbligo al Presidente che volesse usufruire del cambio jolly di dichiarare pubblicamente quale/i giocatore/i intende modificare seguito dalla ripubblicazione della formazione corretta. Il non rispetto di questo iter comporterà l'annullamento di tutta l'operazione. E' palese che non potranno essere per nessuna ragione interessati da tale operazione tutti quei giocatori, che al momento del cambio jolly, siano già realmente scesi in campo in Serie A. Art.9.8 Ad ogni giocatore verrà attribuito un punteggio pari al voto assegnatogli dalla Gazzetta dello Sport con l'aggiunta dei bonus e dei malus riportati di seguito: -partita disputata in casa: +2 -gol: +3 -assist: +1 -gol subito: -1 -ammonizione: -0,5 -espulsione: -1 -autogol: -2 -rigore parato: +3 -rigore sbagliato: -3 -modificatore della difesa: vedi Art.9.10

16 Art.9.9 Capita che la Gazzetta dello Sport assegni ad un giocatore un senza voto (s.v). In questo caso il giocatore deve essere sostituito da un pari ruolo della panchina. Nel caso in cui un giocatore riceva un s.v ma si sia reso protagonista di un bonus o un malus, gli verranno assegnate le seguenti valutazioni a seconda del caso in questione: -gol: 6+3 -assist: 6+1 -gol subito: 6-1 -ammonizione: 6-0,5 -espulsione: 6-1 -autogol: 6-2 -rigore parato: 6+3 -rigore sbagliato: 6-3 Art.9.10 Il modificatore della difesa è un bonus che si calcola solo ed esclusivamente se il portiere e almeno quattro difensori portano punteggio alla squadra. Per il calcolo del modificatore si devono prendere in considerazione il voto in pagella del portiere e i tre migliori voti in pagella ottenuti dai difensori senza considerare i bonus e i malus procedendo poi successivamente al calcolo della media aritmetica. Fatto ciò, bisognerà sommare al punteggio totale ottenuto dalla squadra il seguente bonus modificatore della difesa : Media voto Bonus m.d.f. Maggiore o uguale a 7 6 Maggiore o uguale a 6,5 ma minore di 7 3 Maggiore o uguale a 6 ma minore di 6,5 1 Ogni qual volta un giocatore dovesse ricevere un s.v si procederà ad effettuare la relativa sostituzione dalla panchina come da regolamento salvo nei casi descritti all'interno dell'art.9.9 mentre, solo ed esclusivamente per il calcolo del modificatore della difesa, un portiere giudicato s.v riceverà un cosiddetto 6 politico cui andranno sommati e sottratti gli eventuali bonus e malus. Art.9.11 Nel caso in cui una reale partita, o parte di essa, di Serie A venga sospesa per qualche ragione (neve, pioggia, generale impraticabilità del campo, tafferugli, cori razzisti ecc), tutti i giocatori coinvolti in suddetta gara: -riceveranno un cosiddetto 6 politico nel caso in cui la reale partita di Serie A venisse recuperata in tempi lunghi (oltre la gara immediatamente successiva) -dovranno attendere che la reale partita, o parte di essa, di Serie A venga giocata in tempi rapidi (prima della gara immediatamente successiva) In ogni caso i bonus e i malus enunciati all'interno dell'art.9.8 restano sempre da applicare.

17 Art.9.12 I punteggi per l'assegnazione del risultato di gara sono i seguenti: -66=1 gol -72=2 gol -77=3 gol -82=4 gol -86=5 gol -90=6 gol -93=7 gol -96=8 gol -98=9 gol -100= 10 gol (si prosegue procedendo di 2 punti in 2 punti) CAPITOLO 10: DISPUTE E CONTESTAZIONI Art.10.1 Per qualsiasi disputa di natura formale (assist, cartellini, assegnazione di gol o autogol ecc) ci si deve rifare a quanto decretato dalla Gazzetta dello Sport. Art.10.2 Per qualsiasi disputa, contestazione o mancanze di questo stesso regolamento si dovrà ufficialmente presentare ricorso in Lega dando motivazione e descrizione dei fatti e delle ragioni contingenti il fatto in questione entro e non oltre il termine temporale fissato di tre giorni dall'insorgere della questione. Sarà dovere del Consiglio di Lega (costituito da Presidente di Lega, Vicepresidente di Lega, Segretario generale, Primo Consigliere e Secondo consigliere) discutere congiuntamente dell'accaduto ed esprimere, entro due giorni dalla presentazione del ricorso, un giudizio definitivo ed inderogabile mediante voto. Si fa presente che in caso di parità di voto, il voto espresso dal Presidente di Lega avrà valore doppio. Art.10.3 Non sono ufficialmente previste penalità per nessun reato o mancanza da parte di una società. Ogni mancanza o problematica che emergesse verrà sottoposta e presa in esame dal Consiglio di Lega secondo le modalità descritte all'interno dell'art.10.2 Art Le uniche penalità fissate riguardano: -il mancato deposito in Lega della rosa entro i termini previsti all'interno dell'art.6.3 per la quale la penalità prevista è pari a -3 punti in classifica campionato -la mancata comunicazione per un numero di volte uguale o superiore a 3 della formazione o dell'intenzione di avvalersi della facoltà di utilizzo della formazione tipo per la quale la penalità prevista è pari a -3 punti in classifica campionato Altre mancanze, frodi, tentativi di brogli ecc e le relative penalità derivanti verranno prese in esame dal Consiglio di Lega secondo quanto descritto all'interno dell'art.10.2 Una scarsa o sporadica partecipazione a tutte le attività ed iniziative della Lega potrebbe far prendere in esame al Consiglio di Lega l'esclusione dalla prossima stagione della società imputata.

18 CAPITOLO 11: TOTOFANTACALCIO Art.11.1 E' possibile, per chi lo volesse, scommettere su ogni giornata di campionato o Coppa comunicando prima dell'inizio della prima gara reale di Serie A i propri pronostici. Il costo di ogni puntata è pari a 1,00. Tutto il denaro investito sarà vinto da colui o coloro (spartendo il montepremi in parti uguali) che indovinerà l'intera schedina. Nel caso in cui non ci fosse un vincitore, il denaro puntato andrà ad accumularsi nel montepremi. E' cura e dovere del Responsabile del Totofantacalcio ricevere ed annotare le scommesse e le puntate, tenere i conti e rendere pubblico di settimana in settimana l'accumulo del montepremi e comunicare le eventuali vincite all'/agli interessato/i. E' invece dovere del Tesoriere occuparsi di riscuote ed elargire il denaro. Se al termine della stagione restasse in cassa del denaro esso andrà a sommarsi e quindi ad aumentare il montepremi stagionale (vedi Art.13.1). CAPITOLO 12: FANTAFIGURINE Art.12.1 Durante l'asta di inizio stagione verrà distribuito dall'ufficio Stampa a tutti i Presidenti l'album di Figurine Panetti che avrà un duplice ruolo: 1-mettere a conoscenza tutti i Presidenti dei calendari 2-dare a tutti i Presidenti la possibilità di acquistare durante l'arco della stagione le figurine ad un costo di 0,10 a figurina Il prezzo dell'album è pari a 5,00 (costo della carta) che ciascun Presidente dovrà dare al Responsabile Ufficio Stampa. Le figurine usciranno e saranno distribuite periodicamente (previa informazione relativa sulle pagine de LA FANTAGAZZA) e a seconda degli ordini dei diversi soggetti coinvolti. L'intero ricavato di tale operazione verrà annotato dall'ufficio Stampa che dovrà poi comunicarne gli importi al Tesoriere il quale avrà a sua volta il dovere di riscuotere il denaro che andrà a sommarsi e quindi ad aumentare il montepremi stagionale (vedi Art.13.1).

19 CAPITOLO 13: ISCRIZIONE ALLA LEGA E PREMI Art.13.1 Ogni Presidente, al fine di iscrivere la propria squadra alla stagione , dovrà versare (obbligatoriamente prima dell'inizio dell'asta di inizio stagione) al Tesoriere di Lega un importo pari a 50,00. Ai 600,00 ricavati dalle iscrizioni andranno a sommarsi gli importi entranti dall'eventuale montepremi residuo del Totofantacalcio e dagli incassi ottenuti grazie al commercio delle Figurine Panetti. La somma di tutti questi ricavati costituisce il Montepremi FIPEP. Art.13.2 Al termine di tutti gli incontri previsti per la stagione , il Tesoriere di Lega elargirà i premi ai Presidenti delle squadre trionfatrici seguendo le modalità seguenti: -Vincitore del campionato: 50% del Montepremi FIPEP -II classificato in campionato: 10% del Montepremi FIPEP -Vincitore Coppa FIPEP: 30% del Montepremi FIPEP -Vincitore Coppa dei Bels: 10% del Montepremi FIPEP -La Supercoppa FIPEP da diritto alla sola onorificenza CAPITOLO 14: IL FANTACALCIO CHE VERRA' E' intenzione della Lega costruire un Fantacalcio che di anno in anno assomigli sempre di più al calcio reale. Per fare questo si vuole che la stagione sia una sorta di anno zero dalla quale partire con grandi novità che diverranno effettive a partire dal prossimo anno. In buona sostanza, volendo dare il massimo della continuità alla Lega e alle franchigie che la costituiscono, si vorrebbe mantenere le rose il più simili di anno in anno, dare la possibilità di acquistare giovani calciatori a pochi Fmln nella speranza che il loro valore aumenti, dare il via ad un mercato estivo, avere dei colpi di mercato, dare un tetto ingaggi e molte altre cose. Tutto ciò verrà sicuramente discusso da tutti i Presidenti durante l'arco della lunga stagione che ci appropinquiamo a vivere ma per il momento iniziate a pensare già quest'anno di costruire una squadra non solo per il presente ma anche per il futuro. F.I.P.E.P Federazione Italiana Playstation e paglie

20 MODULO ROSA Ruolo Rig. Nome e cognome giocatore Squadra Serie A Fmln P P P D D D D D D D D C C C C C C C C A A A A A A Spesa totale Fmln residui

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore )

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore ) REGOLAMENTO ART.11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001,430 CONCORSO A PREMI DENOMINATO MAGIC+3 CAMPIONATO 2014-2015 PROMOSSO DALLA SOCIETA RCS MEDIAGROUP SPA MILANO CL 410/2014 SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO STAGIONE 2011 2012 INTRODUZIONE Qui di seguito trovate le Regole Ufficiali della Federazione Fantacalcio. Ogni anno, se necessario, vengono modificate e aggiornate

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la

GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la pubblicazione dei componenti. Invitiamo gli utenti a

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA Liverpool FC Anfield - Liverpool Giovedì, 19 febbraio 2015 21.05CET (20.05 ora locale) Sedicesimi di finale, Andata Beşiktaş JK Ultimo aggiornamento

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA.

REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA. REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA. 1) Il presente regolamento è valido dal 10.01.2012, sostituisce ogni altra precedente

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014)

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) REGOLE DI TENNIS Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) INDICE Prefazione pag. 2 Regola 1 Il campo pag. 3 Regola 2 - Arredi permanenti

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE Norme Integrative al Codice Internazionale del Bridge Edizione 2012 a cura di Maurizio Di Sacco Direttore della Scuola Arbitrale Italiana Modificata con Delibera del C.F.

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 AREA:

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO GIOCATORI

LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO GIOCATORI Università Commerciale Luigi Bocconi Facoltà di Economia Corso di Laurea in Amministrazione, Finanza e Controllo LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014.

REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014. REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014. 1. SOCIETA PROMOTRICE BARILLA G. e R. Fratelli Società per Azioni, con Socio Unico Via Mantova, 166-43122 Parma C.F. e iscrizione al registro

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 -- selezioni nazionali per il Sziget Festival 2015 di Budapest (HU) e per l Home Festival 2015 di Treviso -- La selezione denominata SZIGET

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012. Le domande e le risposte.

ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012. Le domande e le risposte. ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012 Le domande e le risposte. La Commissione elettorale 1. Componenti della Commissione Elettorale e scrutatori. Comunicazione all'amministrazione I componenti

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

QUICK GUIDE ESAMI DI STATO

QUICK GUIDE ESAMI DI STATO QUICK GUIDE ESAMI DI STATO Le operazioni da eseguire sono semplici e lineari, ma è opportuno ricordarne la corretta sequenza nella quale vanno eseguite. Flusso delle operazioni da eseguire: 1. Inserimento

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941/721948 e-mail: segreteria@pgsmessina - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE N 49 Stagione

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

FAI IL PIENO DI CALCIO

FAI IL PIENO DI CALCIO REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI FAI IL PIENO DI CALCIO La Beiersdorf SpA, con sede in Via Eraclito 30, 20128 Milano, promuove la seguente manifestazione, che viene svolta secondo le norme contenute

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 RAI-Radiotelevisione italiana dall 8 settembre 2014 al 29 maggio 2015 realizza un programma televisivo dal titolo A CONTI FATTI diffuso da RAIUNO tutti i giorni, dal lunedì

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento del Giuoco del Calcio corredato dalle Decisioni Ufficiali FIGC e dalla Guida Pratica AIA Edizione 2013 FEDERATION INTERNATIONALE DE FOOTBALL ASSOCIATION (FIFA)

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI VINCI LA SPESA PER 20 ANNI

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI VINCI LA SPESA PER 20 ANNI REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI VINCI LA SPESA PER 20 ANNI 1. Soggetto promotore Lidl Italia srl, con sede legale e amministrativa in via Augusto Ruffo, 36, Arcole (VR).

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation (1) (1) NOTA. Eccetto quando è diversamente stabilito, ogni riferimento di queste Regole ai giocatori include anche le giocatrici. ... schema

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

1 Campionato Provinciale 2012-13 C7. Calendario incontri UNICO

1 Campionato Provinciale 2012-13 C7. Calendario incontri UNICO 1 Campionato Provinciale 2012-13 C7 Calcio a 7 Calendario incontri UNICO Squadre partecipanti AMICI DEL LIDER-UDINESE AUGURESE-SAMPDORIA BOSETTI BOYS-MILAN DARIO-JUVENTUS 2 MAGLIA DREAM TEAM-LAZIO VENI

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli