Verba volant Scripta manent

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verba volant Scripta manent"

Transcript

1 Verba volant Scripta manent di Filippo Busin Penso che per l Italia in particolare ma un po per tutti i paesi, la Secessione possa e debba contenere un alto valore etico. Dire basta! a uno Stato incapace di governare nei limiti della decenza, uno Stato che non riesce a riformarsi amministrativamente e giudiziariamente, a distruggere la mafia, a rilanciare l economia, a liberalizzare, semplificare e privatizzare, è dire no al male. (Umberto Silva) Deflazione L Italia è in deflazione per la prima volta dopo il Trasportatori Padroncini a rischio imprese chiuse dall inizio della crisi. Eminenze grigie Chi tira i fili dietro le quinte e decide le politiche fiscali? La lettera Non pago le tasse, ma non sono un evasore, sono una persona onesta. Numero 18 dal 15 agosto al 2 ottobre 2014

2 Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo. (Johann Wolfgang Göethe)

3 Il mese di agosto non si chiude con buone nuove, ma con dati sempre più allarmanti a partire dalla disoccupazione sino all usura in aumento sia per famiglie che imprese. Gli ultimi giorni del mese sono quelli che dichiarano ufficialmente che il Paese è in deflazione, situazione in cui non si incorreva dal A settembre la deflazione viene riconfermata. A far entrare il mese di settembre nella storia sarà il referendum per l indipendenza della Scozia, che a prescindere dal risultato è stato un momento che ha coinvolto l Europa tutta. La dimostrazione che l indipendentismo non è più e solo un fenomeno sporadico, bensì una realtà emergente che induce a riflettere anche i più scettici. Sul fronte dell indipendenza ci sono state proteste in Aula e una pacifica marcia su Palazzo Chigi, la manifestazione di domenica 21 settembre a Cittadella in provincia di Padova, ma anche l incarico da parte della Regione Veneto affidato a due costituzionalisti per difendere la legittimità dei referendum su autonomia e indipendenza e l apertura del c/c per finanziare il referendum. Interessante e illuminante il confronto Zaia - Bressa sulle differenze tra Regioni di serie A e serie B, la cui ovvia conclusione si trova nella sempre più impellente esigenza di una consultazione popolare riguardo il futuro del Veneto. A confermarlo anche la notizia che la nostra Regione, grazie ai costi standard, ha contenuto la spesa farmaceutica con un risparmio di 28 milioni. Al contrario per Roma e per il Lazio sprechi e disservizi sono all ordine del giorno. In 84 società analizzate da Cottarelli nei suoi dossier sulla spending review emergono criticità legate a conti che non tornano, gestioni approssimative e mancato rispetto delle regole. Le interrogazione in VI commissione che ho presentato riguardano: il lavoro part-time; le agenzie di scommesse collegate a bookmaker privi di concessione; la iniqua applicazione delle accise per il trasporto nelle acque interne e in laguna, che consentono a compagnie straniere di fare una concorrenza sleale agli operatori del nostro territorio. In Aula alla Camera ho interrogato il Ministro Alfano su Mare Nostrum. Gli chiedo venga fatto un bilancio a un anno dall inizio di quella che considero un operazione totalmente sbagliata che gli altri Stati europei non hanno mai avallato. Concludo questo periodico con una lettera inviatami da un imprenditore, uno dei tanti che per mancanza di liquidità non versa regolarmente le tasse, ma che non accetta di essere chiamato evasore. Sono d accordo con lui, anzi considero il suo un comportamento eticamente ineccepibile. Chiudo salutando come l autore della missiva confidando in un futuro e in un Paese migliori, da parte mia aggiungo: a questo sto lavorando, per questo mi avete votato. Filippo Busin Per considerazioni e confronti:

4 Detto brutalmente: in Italia e in Europa lavoriamo troppo poco, o più precisamente, troppo pochi. Dobbiamo tornare a rendere conveniente il lavoro, ma soprattutto ridefinire il concetto di lavoro produttivo, cioè quello che contribuisce a creare prodotti ed erogare servizi. Purtroppo in Italia abbiamo troppi disoccupati, più del 12%, troppi inattivi, il 59% della popolazione in età lavorativa, ma anche troppi occupati improduttivi o che peggio ostacolano chi lavora veramente. Sono quelli che non si possono propriamente definire lavori ma piuttosto posti di lavoro o stipendi che in nulla contribuiscono al benessere della società, ma anzi la impoveriscono. Sono quelle posizioni create ad hoc per dare un occupazione a qualcuno senza che questa abbia una sua utilità. Spesso sono posizioni che si inseriscono in un percorso autorizzativo o più in generale burocratico e che, quindi, rallentano artificiosamente qualsiasi procedura e rendono la vita inutilmente complicata, e quindi costosa, a chi lavora veramente. Una grave sconfitta per il sistema Paese. Pubblicato il 15 agosto 2014 Link: Non siamo competitivi e non lo saremo neanche in futuro perché a mancare è la cultura d impresa che qui da noi sembra possiedano solo gli imprenditori come Francesco Biason. Troppo poco per affrontare la sfida della globalizzazione! Pagina 01 Pubblicato il 24 agosto 2014 Link:

5 USURA: rischio in aumento per imprese e famiglie Negli ultimi due anni le banche hanno erogato a famiglie e imprese quasi 100 miliardi di euro in meno. Con meno soldi a disposizione e la disoccupazione in aumento, il rischio usura assume dimensioni sempre più preoccupanti al Sud: soprattutto in Campania, Calabria e Abruzzo. A lanciare l allarme è la CGIA di Mestre. Negli ultimi 2 anni le banche hanno erogato a famiglie e imprese quasi 100 miliardi di euro in meno. Con meno soldi a disposizione e la disoccupazione in aumento, il rischio usura assume dimensioni sempre più preoccupanti al Sud: soprattutto in Campania, Calabria e Abruzzo. A lanciare l allarme è il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi: A seguito della forte contrazione dei prestiti praticata dalle banche alle famiglie e alle imprese, c è il pericolo che l usura, soprattutto nel Mezzogiorno, assuma dimensioni preoccupanti. Tra la fine del 2011 e lo stesso periodo del 2013, fa sapere l Ufficio studi della CGIA, la diminuzione degli impieghi bancari alle famiglie e alle imprese è stata di quasi 100 miliardi di euro: precisamente 97,2 miliardi. Se le prime hanno subito una contrazione di 9,6 miliardi (- 1,9%), le seconde hanno registrato una flessione pari a ben 87,6 miliardi di euro (-8,8%). Oltre agli effetti della crisi economica e al calo della domanda di credito prosegue Bortolussi questa forte riduzione dell erogato è stata dovuta anche al deciso aumento delle sofferenze bancarie che a giugno di quest anno ha toccato la cifra record di 168 miliardi di euro. A fronte di una progressiva crescita del credit crunch avvenuta in questi ultimi anni, la CGIA rileva che il rischio usura è presente soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno. Dall analisi dell indice realizzato ormai da più di 15 anni dall Ufficio studi della CGIA, emerge che nel 2013 la Campania, la Calabria, l Abruzzo, la Puglia e la Sicilia sono le realtà dove la penetrazione di questo drammatico fenomeno ha raggiunto i livelli maggiori. In buona sostanza prosegue Bortolussi con la forte stretta creditizia e l aumento della disoccupazione, che hanno contribuito a ridurre i livelli di reddito soprattutto al Sud, c è il pericolo che l usura, già presente in questi territori in misura maggiore che altrove, assuma dimensioni ancor più preoccupanti. L indice del rischio usura, invece, è stato calcolato mettendo a confronto alcuni indicatori regionalizzati riferiti al 2013: quali la disoccupazione, i fallimenti, i protesti, i tassi di interesse applicati, le denunce di estorsione e di usura, il numero di sportelli bancari e il rapporto tra sofferenze ed impieghi registrati negli istituti di credito. In pratica è stato individuato questo indice attraverso la combinazione statistica di tutte quelle situazioni potenzialmente favorevoli alla diffusione dello strozzinaggio. Con le sole denunce effettuate all Autorità giudiziaria conclude Bortolussi non è possibile dimensionare il fenomeno dell usura: le segnalazioni, purtroppo, sono ancora molto poche. Per questo abbiamo incrociato i risultati di ben 8 sottoindicatori per cercare di misurare con maggiore fedeltà questa emergenza. Ciò che pochi sanno sono le motivazioni per le quali molte persone cadono tra le braccia degli strozzini. Oltre al perdurare della crisi, sono soprattutto le scadenze fiscali a spingere molti piccoli imprenditori nella morsa degli usurai. Per i disoccupati o i lavoratori dipendenti, invece, sono i problemi finanziari che emergono dopo brevi malattie, brutti infortuni o a seguito di appuntamenti familiari importanti, come un matrimonio o un battesimo. Nel sito grafici e schede Pubblicato il 28 agosto 2014 Link:http://www.filippobusin.it/it/4017/usura-rischio-in-aumento-per-imprese-e-famiglie.html Pagina 02

6 Italia in deflazione per la prima volta dal 1959 Italia in deflazione per la prima volta dal 1959: prezzi in calo dello 0,1% ad agosto L Italia è in deflazione. Ad agosto l indice dei prezzi al consumo misurato dall Istat nelle prime stime ha segnato un calo dello 0,1% rispetto allo stesso mese dello scorso anno (era +0,1% a luglio). Il nostro Paese entra in deflazione per la prima volta da oltre 50 anni, cioè dal settembre del Allora, precisa l Istat, la variazione dei prezzi risultò negativa dell 1,1%, in una fase di 7 mesi di tassi negativi. È soprattutto la componente energetica, in particolare quella legata al costo dei carburanti, a pesare sui prezzi di agosto e a trascinare l indice in negativo. Secondo i dati provvisori dell Istat, i prezzi dei beni energetici non regolamentati sono diminuiti dell 1,2% rispetto al 2013 (dal +0,4% di luglio), con la benzina in calo dello 0,9% e il gasolio dell 1,7%. Agosto e settembre 2013 registrarono forti aumenti dell energia che vengono ora scontati nel confronto annuo. Ad agosto risulta ancora in deflazione anche il cosiddetto carrello della spesa, ovvero l insieme dei beni che comprende l alimentare, i beni per la cura della casa e della persona. Il ribasso annuo è infatti pari allo 0,2%, anche se in recupero rispetto al -0,6% di luglio. Anche nell area euro si assiste a una nuova gelata sei prezzi. Ad agosto, secondo le stime di Eurostat, l indice dei prezzi al consumo su base annuale scende a un +0,3% rispetto allo 0,4% del mese precedente. La nuova frenata è determinata dal segmento dell energia che registra una variazione annua negativa del 2% rispetto al -1% di luglio. (da Il Sole 24 Ore) Pubblicato il 29 agosto 2014 Link:http://www.filippobusin.it/it/4030/italia-in-deflazione.html DEFLAZIONE Pagina 03

7 PRIMATI ITALIANI Le ultime rilevazioni ISTAT indicano che nel mese di agosto, nell Eurozona, l Italia conquista la maglia nera per il sentimento economico. Infatti, la fiducia delle imprese e dei consumatori torna a calare. Di pari passo la disoccupazione che a luglio sale al 12,6% con 35mila occupati in meno. E l Italia entra in deflazione per la prima volta dal 1959: prezzi in calo dello 0,1% ad agosto D altra parte in questo clima di dati costantemente negativi è difficile veder rosa. Non bastasse l effetto mancato (come ci si aspettava) degli 80 euro, aggiungiamo pure la recente batosta subita da Telecom a favore della spagnola Telefonica nell acquisto della GVT in Brasile da Vivendi; per non parlare del caos derivato da Mare Nostrum che ora verrà (si vedrà) sostituito da Frontex plus, ma intanto dallo scorso ottobre è costato oltre 9 milioni di euro al mese; mettiamoci pure la sconfitta del Napoli a favore dell Atletico Bilbao ed ecco che il quadro si completa in modo che solo i patologici masochisti malati di pessimismo si sentano appagati. Paesi vicini a noi affrontano la crisi in maniera diversa. Con maggiore dinamismo, migliori iniziative, basti pensare alla Spagna che solo in materia di immigrazione clandestina ha applicato una diversa gestione rispetto al nostro Mare Nostrum, e gli effetti si vedono anche dalle rilevazioni statistiche. In una nota pubblicata dalla Commissione Ue in merito al sentimento economico si legge che ( ) costruzioni e industria sono i settori che hanno registrato i peggiori cali di fiducia in Italia. L indicatore complessivo ha perso punti anche in Germania (-1,9), Francia (-0,6) e Olanda (-0,8), mentre è rimasto sostanzialmente stabile in Spagna. Nell Ue in generale l indicatore ha perso 1,2 punti ad agosto su luglio. Spagna, vola il PIL nel 2 trimestre. Il PIL spagnolo è cresciuto dello 0,6% nel secondo trimestre. Si tratta del tasso di crescita più veloce dall ultimo trimestre del 2007, secondo l ufficio nazionale di statistica. Su base annuale il tasso di espansione si attesta all 1,2%. La Spagna è entrata in una doppia recessione nella seconda metà del 2008 e ne è riemersa alla fine del L Italia è depressa e senza prospettive? Certo! Se non si agisce concretamente per cambiare la situazione. Servono scelte rapide, coraggiose e, se serve, anche impopolari. Pubblicato il 29 agosto 2014 Link: Pubblicato il 1 settembre 2014 Link: Pagina 04

8 Il peso del fisco. Secondo il rapporto «Paying taxes» della Banca mondiale, il total tax rate ha raggiunto il 65,8% Sulle imprese record di tasse e contributi Il Governo lo ha confermato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi nell intervista di ieri al «Sole24Ore» si accinge a stabilizzare con la prossima legge di stabilità il bonus Irpef da 80 euro, e a tentare per quanto possibile di estenderlo alle categorie finora escluse. Nessun nuovo intervento per alleggerire il peso del fisco sulle imprese, a partire dall Irap. Di certo, se si esaminano dati e statistiche, l urgenza di un intervento a sostegno del mondo produttivo è pienamente confermata. Secondo il rapporto «Paying taxes» della Banca mondiale, il livello complessivo del prelievo a carico delle aziende italiane (il cosiddetto total tax rate) ha raggiunto l astronomico livello del 65,8 per cento. Un primato indiscutibile in Europa, se si considera che i dati del «Doing business 2014» mettono in luce come in Germania la pressione fiscale complessiva sulle imprese si attesti a un livello decisamente più basso, il 49,4% dei profitti. Alto livello di imposizione, ma anche eccesso di adempimenti: da noi le imprese effettuano mediamente 15 versamenti l anno impiegando 269 ore, contro le 130 delle aziende danesi, le 132 di quelle francesi, le 167 della Spagna il cui livello di total tax rate al 58,6 per cento. Se si esamina la scomposizione del prelievo italiano a carico delle imprese, un peso determinante va ai contributi (34,8), mentre la corporate tax vera e propria è del 21,2%, cui vanno aggiunte l Irap e l Ires. Come finanziare un operazione che comunque, per essere efficace, dovrebbe essere visibile? Da un lato, attraverso la riduzione selettiva della spesa, dall altro con una lotta senza quartiere all economia sommersa, al lavoro nero, all evasione fiscale. Mali endemici del nostro Paese, che sottraggono risorse, solo per quel che riguarda l evasione, per non meno di 130 miliardi l anno. Da questo punto di vista, occorrerà attuare in pieno il dispositivo della delega fiscale in cui si dispone la «misurazione dell evasione fiscale», attraverso la messa a punto di un rapporto annuale che stimi e monitori il «tax gap», il livello accertato di evasione per tutte le principali imposte. Del resto lo sottolinea Eurostat l Italia dopo l Ungheria è il paese europeo che in un solo anno, tra il 2011 e il 2012, ha accresciuto di più il peso della tassazione (dal 42,4 al 44%). Secondo i calcoli del Centro studi di Confindustria, se si guarda al parametro dell aliquota implicita (quale emerge dal rapporto tra il gettito fiscale e la relativa base imponibile), la tassazione dei redditi d impresa da noi è superiore sia alla media dell eurozona che a quella dell intera Unione europea. In sostanza l onere che grava sui profitti è pari al 2,8% del Pil, contro il 2,5% dell eurozona e il 2,6% della Ue a 27. L aliquota implicita da noi è del 24,8%, inferiore, tra i paesi euro, solo a Portogallo (36,1%), Francia e Cipro (26,9%). Quanto all incidenza del prelievo fiscale e contributivo sul lavoro, l Italia si colloca al secondo posto nella classifica europea, con il 42,3% (il Belgio è al 42,8%). La Francia è al 38,6%, la Germania al 37,1 per cento. Da metà degli anni Novanta rileva il CsC il livello dell imposizione sul lavoro «si è innalzato in modo netto al di sopra di quello dei principali partner europei, aprendo così un divario sostanziale, in termini di costo del lavoro, che ha effetti negativi sulla competitività delle imprese». Del resto, se si calcola il peso del sommerso, la pressione fiscale effettiva supera e di molto il livello fotografato dalle statistiche ufficiali, attestandosi nei dintorni del 53 per cento. Articolo di Dino Pesole - da Il sole 24 ore - 4 settembre 2014 Pubblicato il 4 settembre2014 Link:http://www.filippobusin.it/it/4069/total-tax-rate-raggiunto-658.html Pagina 05

9 Pubblicato il 12 settembre 2014 Link: CHI TIRA I FILI DIETRO LE QUINTE? A decidere le politiche fiscali che si riflettono (e gravano) sulla vita economica del Paese non è Renzi o Padoan, ma delle eminenze grigie che ogni tanto si espongono in maniera evidente, come accade in un articolo pubblicato da Italia Oggi. Un Visco che si complimenta con Renzi per aver condonato 80 euro di imposte ai percettori dei redditi più bassi, equità, non regalo dice. Riguardo l equità si potrebbero spendere molte parole, ma i fatti dicono che la stessa è solo teorica, perché esiste un vizio di fondo prodotto dalla cultura che ispira l azione dell attuale Governo. Cosa rappresentano infatti i 640 di sgravi sui lavoratori dipendenti? Di sicuro non sono proporzionali al lavoro effettivamente svolto ma prescindono da questo aspetto di fondamentale importanza. Basti pensare al paradosso che riguarda il part-time. Alcune categorie di lavoratori, pubblici o privati, non possono accedere a questa forma di lavoro perché costretti dalle ristrettezze del bilancio famigliare. Pensiamo al caso concreto in cui uno dei due coniugi perda il lavoro e l altro, unico in famiglia a produrre reddito, sia costretto a optare necessariamente per il tempo pieno. In questi casi il DL produce effetti paradossali erogando il bonus a chi sta meglio e può permettersi il part-time, negandolo a chi invece è in difficoltà ed è costretto a lavorare anche oltre le 40 ore settimanali, superando i di reddito annuo. Si ottiene così il notevole risultato di premiare, a parità di livello retributivo, chi lavora meno e ha un reddito famigliare maggiore, un po come san Francesco che fa l elemosina ai ricchi. Visco continua a difendere la SUA IRAP, da lui introdotta nel 1997 quando era Ministro delle finanze del governo Prodi, quella che, secondo me opportunamente, è stata definita Imposta RAPina. E una tassa che gli imprenditori pagano sul costo dei dipendenti e sul costo dell indebitamento. In pratica più assumi (o più paghi i tuoi lavoratori) e più investi, più sei penalizzato da questa imposta. Quali sono i due problemi più drammatici da risolvere oggi? Disoccupazione e calo degli investimenti. Vi sembra logico spendersi a favore di un imposta che disincentiva gli imprenditori ad assumere e investire? Eppure Visco difende la sua creatura, con argomenti che sembrano tratti da un manuale Bignami dell economia marxista, sostenendo che è un imposta che l imprenditore deve pagare in proporzione alla sua disponibilità di manodopera e capitale, e quindi del potere che esercita su questi mezzi di produzione! Visto che è palesemente Vincenzo Visco l ispiratore delle politiche fiscali del governo Renzi, possiamo concludere che siamo in pessime mani. Se è tempo di spending review è anche tempo di parlare di ottimizzazione dei tempi di lavoro in Parlamento. Mi riferisco all ennesima fumata nera per l elezioni dei due giudici alla Corte Costituzionale e di 8 membri del CSM. Elezioni che anche questa settimana hanno paralizzato i lavori in Parlamento. Tempo perso per le due Camere riunite in seduta comune e per Deputati e Senatori bloccati a Roma a perdere intere giornate a spese del contribuente, con migliaia di dipendenti del Parlamento presenti, per un voto che si poteva esprimere tranquillamente da casa o presso il proprio Comune di residenza. Per la legge elettorale si è spesa una manciata di minuti. Per la riforma del senato meno di un mese. Per l elezione dei giudici della Consulta e del CSM i tempi si dilatano in modo incomprensibile, come se da queste nomine dipendesse la vita del Paese. Questo è il grado di efficienza delle nostre istituzioni, questo lo spreco di risorse pubbliche che non sarà mai sufficientemente denunciato! Se c è una maniera di rimandare una decisione importante, la buona democrazia la troverà. Pubblicato il 12 settembre 2014 Link: Pagina 06

10 Trasportatori: padroncini a rischio chiusura Con l abolizione della tariffa minima saranno avvantaggiati i trasportatori dell Est che già oggi praticano una concorrenza sleale inaccettabile. Dall inizio della crisi in Italia hanno chiuso oltre imprese: Friuli V.G., Toscana e Piemonte le regioni più colpite. Dopo la bocciatura da parte della Corte di Giustizia Europea della tariffa minima applicata in Italia per il trasporto merci su strada che, ricorda la CGIA, era periodicamente aggiornata dal Ministero dei Trasporti sulla base dei costi di esercizio relativi alle aziende di autotrasporto, i nostri padroncini sono a rischio estinzione. La denuncia viene dalla CGIA che sottolinea: su poco più di imprese attive sul territorio nazionale, il 68 per cento circa è costituito da aziende artigiane. Con l abolizione della tariffa minima, il potere contrattuale di queste piccole attività rischia di azzerarsi, con il pericolo che molte di queste non saranno in grado di coprire i costi aziendali con tariffe chilometriche che, ovviamente, subiranno una caduta verticale, favorendo, così, i vettori dell Est Europa che già oggi viaggiano con tariffe stracciate, spesso in palese violazione delle norme di settore e nel mancato rispetto delle disposizioni in materia di sicurezza previste dal codice della strada. Lo stato di agonia del settore dell autotrasporto italiano viene illustrato dal segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi: Abbiamo i costi di esercizio più alti d Europa per colpa di un deficit infrastrutturale spaventoso. Senza contare che il settore è costretto a sostenere delle spese vertiginose per la copertura assicurativa degli automezzi, per l acquisto del gasolio e per i pedaggi autostradali. Il tutto si traduce in un dumping sempre più pericoloso, soprattutto per le aziende ubicate nelle aree di confine che sono sottoposte alla concorrenza proveniente dai vettori dell Est Europa. Questi ultimi hanno imposto una guerra dei prezzi che sta strangolando molti piccoli padroncini. Pur di lavorare oggi si viaggia anche a 1,10-1,20 euro al chilometro, mentre i trasportatori dell Est, spesso in violazione delle norme sui tempi di guida e del rispetto delle disposizioni in materia di cabotaggio stradale, possono permettersi tariffe attorno agli centesimi al chilometro. Con queste differenze non c è partita. Ora che le tariffe minime non potranno essere più utilizzate, la situazione rischia di peggiorare ulteriormente. Le cause della crisi Le ragioni della crisi in cui versa l autotrasporto sono molteplici. Secondo uno studio presentato dalministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel 2011, l Italia presenta il costo di esercizio per chilometro più alto d Europa: se da noi è pari a 1,542 euro, in Austria è di 1,466 euro, in Germania 1,346 euro, in Francia 1,321 euro. Ma in Slovenia è di 1,232 euro, in Ungheria di 1,089 euro, in Polonia di 1,054 euro e in Romania è addirittura di 0,887 euro. Pagina 07 Pubblicato il10 settembre 2014 Link:

11 I numeri del settore Secondo i dati elaborati dall Ufficio studi della CGIA, tra il primo trimestre 2009 e il secondo trimestre 2014 hanno chiuso oltre imprese (-17%) del settore dell autotrasporto merci su strada. Attualmente sono attive poco più di aziende. Di queste, il 68 per cento circa è costituito da imprese artigiane. Alle realtà presenti sul nostro territorio nazionale vanno aggiunte almeno altre attività prive di automezzi che svolgono quasi esclusivamente un attività di intermediazione. Il 90% circa delle merci italiane viaggia su gomma. Gli occupati Per quanto concerne l occupazione non ci sono dati statistici puntuali che ci consentono di definire quanti sono gli addetti presenti nel settore: tenendo conto che nell ultimo Censimento Istat sulle Imprese e i Servizi il numero medio di addetti per impresa del trasporto merci su strada è di 4,3 addetti (anno 2011), stimiamo, a grandi linee, che in Italia siano occupati tra le 350 e le persone. Dall inizio della crisi hanno perso il posto di lavoro quasi addetti. La situazione a livello regionale A livello territoriale la Regione che ha subito la contrazione più forte è stata il Friuli Venezia Giulia. Dal primo trimestre del 2009 al secondo trimestre del 2014 il numero delle imprese è diminuito del 23,2%. Altrettanto preoccupante è la situazione per la Toscana (-21,6%), e il Piemonte (- 20,2%). Pubblicato il10 settembre 2014 Link: Pagina 08

12 Regioni di serie A e serie B Le Regioni autonome hanno risorse e competenze che in Veneto ci sogniamo. Il 12 settembre il sottosegretario agli Affari regionali, Gianclaudio Bressa (che ricordo essere il deputato che ha presentato un emendamento per affossare la Valdastico Nord), partecipando a un convegno a Trieste ha dichiarato: In Italia il problema sono le regioni a statuto ordinario, non quelle speciali. Le regioni speciali alpine, ha aggiunto Bressa, sono le uniche ad aver dimostrato responsabilità. La risposta di Zaia è stata immediata con il comunicato stampa che sottolineava sin da subito le maggiori disparità tra Veneto e provincia di Trento. Per maggiore chiarezza invito a leggere l articolo pubblicato da Il Gazzettino. L ACCUSA «Invece di riequilibrare le disparità, Renzi schiaccia le Regioni ordinarie» Nuovo, aspro braccio di ferro tra governo e Veneto sul tema delle disparità tra Regioni ordinarie e speciali. Con il governatore Luca Zaia che non le manda a dire a Gianclaudio Bressa, sottosegretario agli Affari regionali, ex sindaco di Belluno dall 88 al 93, bolzanino d adozione, il primo a dar fuoco alle polveri. Parlando a Trieste ad un convegno della Cgil, ha detto che in Italia «il problema sono le regioni ordinarie, non quelle speciali. Anzi, quelle alpine sono le uniche ad aver dimostrato senso di responsabilità. Il problema non è smontare le speciali, ma dare un iniezione di specialità alle ordinarie». Richiesto di chiarire il senso del discorso, Bressa spiega: «Non mi riferisco a nessuno, il mio è un discorso istituzionale. Le Regioni ordinarie, nate come strumento per riformare lo Stato, hanno fallito il compito. Si sono perse in un contenzioso infinito con lo Stato, nel fissare i confini di materie e competenze, ma nell insieme, a parte il primo periodo, hanno dimostrato di essere inerti sul piano delle politiche pubbliche. Ditemi una sola cosa memorabile fatta. E non è una questione di risorse o sprechi sottolinea Bressa ma di cultura politica, di classe dirigente. Le Regioni speciali, invece, con i dovuti distinguo, hanno vinto la scommessa, hanno saputo gestire il sistema. Che fare adesso? Arrivano due occasioni straordinarie: il Senato delle Regioni e le prossime elezioni». Zaia è saltato su come una molla: «L esponente centralista di un governo supercentralista ha perso un occasione per tacere - replica Sia chiaro, non voglio togliere poteri a Trento o a Bolzano, ma dare pari opportunità al mio Veneto. Nel merito: certo che a Bolzano non aprono contenziosi, non ne hanno bisogno perchè hanno già competenze esclusive che noi ci sogniamo. No, Bressa utilizza delle ovvietà per attaccare le Regioni ordinarie». Il governatore ribalta il ragionamento: «Vivere in Trentino Alto-Adige è come spassarsela a Beverly Hills, stare in Veneto è come sbarcare il lunario nelle favelas. E questi, da lì, vengono a farci le pulci, a dire che da noi non funziona niente. Sfido io: non ci tratteniamo mica dal 40 al 90% delle entrate tributarie statali come fa la Provincia di Trento. Ed è logico che questa classe dirigente faccia discorsi del genere: da decenni governa cercando solo l autoconservazione e il centralismo, a scapito di poche regioni che mantengono tutto il sistema, a cui negano ogni sacrosanta autonomia. La riforma del Senato era un occasione per rivedere tutto e riequilibrare le disparità: hanno scelto di rafforzare unicamente la supremazia statale. I costi-standard nella sanità sono pronti dal 2011: chi li ha visti?». Zaia sfida Bressa sul pratico. «Il Veneto, prima regione turistica d Italia, può disporre di 3 milioni di euro per la sua promozione, contro i 57 milioni della Provincia trentina». Poi parte a raffica con i confronti: «Badante gratis: la Provincia di Trento eroga un assegno di cura integrativo all indennità di accompagnamento fino a euro mensili. Il reddito minimo per soggetti bisognosi fino a 950 euro per 4 mesi con tre possibili rinnovi. Libri di testo gratis dalle elementari al biennio superiori. Ed ancora: il dentista gratis da 0-18 anni; le borse di studio per frequenza di corsi di lingua straniera fino a euro; lo stipendio di un insegnante di scuola superiore pari a euro lordi mensili (cui possono aggiungersi indennità di bilinguismo annuale per euro e indennità specializzazione di euro) a fronte dei euro lordi mensili per l insegnante in Veneto». Poi c è tutto il capitolo imprese: «Finanziamenti a fondo perduto che per il Veneto non esistono. Agevolazioni Irap di svariata natura e riduzione dell aliquota a zero per le nuove imprese. Facilitazioni per l accesso al credito». Conclude Zaia: «Bressa, di che parliamo? Valle un po a spiegare a Belluno le cose che dici». Pubblicato il 13 settembre 2014 Link: Pagina 09

13 L indipendentismo non è più un fenomeno sporadico, ma una realtà emergente. L appuntamento per la Scozia è il prossimo 18 settembre e i sondaggi degli ultimi giorni hanno visto il consenso degli indipendentisti superare la soglia del 50%. Questo accade in una democrazia avanzata come quella del Regno Unito che ha con coraggio accettato il voto popolare sulla richiesta degli scozzesi di diventare uno Stato autonomo. Per quanto riguarda il Veneto, lo scorso giugno, a maggioranza e con voto nominale è stata approvata la legge per indire il referendum sull indipendenza della Regione. Ma all Italia poco piace l idea di un Veneto indipendente, così in agosto il Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro Lanzetta, ha deciso di impugnare entrambe le leggi regionali 15 e 16, che prevedono due differenti ipotesi di autonomia per la regione. Fatto questo su cui riflettere. Il Regno Unito accetta che siano i cittadini a scegliere, in Italia l indipendenza o la richiesta di maggiori spazi di autonomia vengono osteggiate e i temi trattati alla stregua di tabù sui quali non si può neanche discutere. Da tenere sempre in evidenza il fatto che alla raccolta firme di marzo in soli due giorni, nei 549 gazebo allestiti dalla Lega in tutta la Regione, sono state raccolte oltre 100 mila sottoscrizioni a favore dell indipendenza a dimostrazione di quanto il tema sia sentito e quale sia il grado di favore che incontra. E il momento di ufficializzare questa reale e concreta richiesta ed esigenza di indipendenza, come sta accadendo per la Scozia e come accadrà per la Catalogna con le consultazioni fissate per il 9 novembre Per la Scozia l esito delle votazioni sarà vincolante, mentre per la Catalogna esiste il rischio di forti tensioni tra lo Stato centrale e la Generalita de Catalunya (Comunità Autonoma della Catalogna). La consultazione da un punto di vista legale non può ufficialmente portare alla secessione catalana dal resto del Paese, ma la vittoria del sì porrebbe Madrid nella condizione di non potersi girare dall altro lato. Le motivazioni per il Veneto sono in parte analoghe a quelle di Scozia e Catalogna, ma peculiari sul versante economico. Da un lato c è un forte sentimento identitario del popolo Veneto dall altro condizioni economiche e fiscali ben peggiori di quelle scozzesi o catalane di cui le parole di Stefano Bruno Galli, in un articolo di poche settimane fa, sono la sintesi corretta: Altro che identità smarrita, il grande Nord oggi sta morendo di fiscalità. E anche nell età della globalizzazione la risposta che chiede è la stessa di sempre: autonomia. Pubblicato il 9 settembre2014 Link:http://www.filippobusin.it/it/4090/indipendenza-scozia-catalogna-veneto.html Pagina 10

14 GOVERNO: LEGA NORD, RENZI NON PUO NEGARE RICHIESTA INDIPENDENZA DEL VENETO ROMA, 16 SET Mentre in Scozia si sta per celebrare il referendum per l indipendenza, nell illiberale Italia renziana il presidente del Consiglio nella sua passerella programmatica ha ignorato completamente la richiesta di autodeterminazione del popolo veneto. Lo scrivono in una nota congiunta i deputati veneti del Carroccio Matteo Bragantini, Filippo Busin, Roberto Caon, Marco Marcolin ed Emanuele Prataviera che al termine del discorso del presidente del Consiglio hanno innalzato le bandiere del Veneto e i cartelli con la scritta Il futuro del Veneto nelle mani dei veneti. Questo governo centralista e dittatoriale non ha trovato di meglio che impugnare la legge 16 con cui la regione Veneto ha dato via libera all indizione di un referendum consultivo sull autodeterminazione dei veneti, negando al popolo il diritto di esprimere la propria volontà. È l ennesima vergogna di un governo non eletto incapace di riconoscere le più elementari regole democratiche. (Comunicato da Ufficio stampa Lega Nord) Pubblicato il 16 settembre 2014 Link: Pagina settembre 2014 PROTESTA IN AULA

15 REFERENDUM, LEGA MARCIA SU PALAZZO CHIGI: RENZI NON CI TAPPERÀ LA BOCCA ROMA, 17 SET Alla vigilia del voto sull indipendenza scozzese, la Lega Veneta chiede che sia data voce anche ai cittadini veneti. C erano tutti i parlamentari del territorio e non solo questa mattina davanti a Montecitorio per una simbolica marcia su palazzo Chigi, con bandiere col Leone di San Marco, striscioni, magliette e cartelli. Hanno chiesto libertà di parola per il popolo Veneto, polemizzando con un governo che vuole soffocare la voce dei cittadini. Il riferimento è alla decisione, assunta dal consiglio dei ministri l 8 agosto scorso, di impugnare la legge regionale sul referendum consultivo, deliberata da palazzo Balbi. Il futuro dei veneti nelle mani dei veneti, dicevano gli striscioni esposti. Unica la voce degli eletti territoriali del Carroccio. In corteo, alla manifestazione di questa mattina, il segretario della Liga Veneta e sindaco di Verona Flavio Tosi, con i deputati Matteo Bragantini, Filippo Busin, Roberto Caon, Marco Marcolin ed Emanuele Prataviera e i senatori Raffaela Bellot, Patrizia Bisinella, Emanuela Munerato, Erika Stefani, Paolo Tosato. In delegazione anche molti altri colleghi del Nord, che sposano la causa. Il governo sta dimostrando di avere paura della volontà del popolo e sta di fatto privando i nostri cittadini della libertà di scelta democratica, hanno detto i parlamentari leghisti. Per il Carroccio la consultazione s ha da fare, al di là dei veti governativi: Ogni anno regaliamo a Roma 21 miliardi di tasse, che non ritornano sul nostro territorio, Roma ci sta dissanguando. Chiediamo, come altre regioni italiane, di poter conservare il nostro gettito e di poter decidere il nostro futuro. Ma le ragioni del referendum oltre che economiche, sono anche identitarie e culturali: La bandiera del Leon è simbolo di anni di storia, non sarà il Renzi di turno a soffocare la voce di un popolo che ha un passato comune e radici inossidabili. (Comunicato da Ufficio stampa Lega Nord) Pubblicato il 17 settembre 2014 Link: Pagina 12

16 SCOZIA, I PARLAMENTARI VENETI: BASTA TABÙ, RENZI RITIRI RICORSO CONTRO REFERENDUM VENETO ROMA, 19 SET Ora parlare di indipendenza non sarà più un tabù. La lezione di democrazia della Scozia sia di esempio a Renzi: invitiamo il premier a ritirare, da subito, il vergognoso ricorso contro i referendum consultivi approvati dal consiglio regionale veneto. Nel giorno successivo alla consultazione scozzese e alla vigilia della manifestazione di domenica, a Cittadella, i parlamentari leghisti sfidano il premier a eliminare l opposizione alla delibera di palazzo Balbi, che sancisce i referendum per l indipendenza e l autonomia del Veneto. A sottoscrivere la richiesta sono i deputati del Carroccio Matteo Bragantini, Filippo Busin, Roberto Caon, Marco Marcolin ed Emanuele Prataviera e i senatori Raffaela Bellot, Patrizia Bisinella, Emanuela Munerato, Erika Stefani, Paolo Tosato. 181 consigli comunali, 4 consigli provinciali, 100mila firmatari chiedono quel referendum. Uno stato che ha paura di dar voce ai cittadini si chiama con un solo nome: dittatura. Purtroppo il ricorso alla Corte costituzionale del governo, l indagine-farsa sui serenissimi, l opposizione spietata ai nostri tentativi di introdurre lo statuto speciale del Veneto nelle riforme, dimostrano che questo governo e la sua maggioranza vogliono soffocare la voce democratica del nostro popolo. È preoccupante che pezzi di stato, ad ogni livello, abbiano dichiarato guerra a un referendum, per giunta consultivo. Sono segnali allarmanti, che richiamano tempi funesti in cui le decisioni erano imposte e i cittadini erano costretti a subire. Il democratico Renzi prenda quindi esempio dalla Gran Bretagna, ritiri il ricorso e si confronti con il voto dei veneti. Cameron ha avuto coraggio, il confronto con il governo italiano è impietoso. (Comunicato da Ufficio stampa Lega Nord) Pubblicato il 19 settembre 2014 Link: CITTADELLA domenica 21 settembre La manifestazione della Lega Nord ha riempito le piazze di Cittadella in provincia di Padova. Pagina 13 Pubblicato il 22 settembre 2014 Link:

17 REGIONE INCARICA BERTOLISSI E CACCIAVILLANI DI DIFENDERE LA LEGITTIMITÀ DEI REFERENDUM VENETI SU AUTONOMIA E INDIPENDENZA. ZAIA: TUTELIAMO CON DETERMINAZIONE IL DIRITTO DI ESPRESSIONE DEL NOSTRO POPOLO Saranno gli avvocati Mario Bertolissi e Ivone Cacciavillani a difendere in Corte Costituzionale la legittimità delle due Leggi regionali n. 15/2014, Referendum consultivo sull autonomia del Veneto e n. 16/2014, Indizione del referendum consultivo sull indipendenza del veneto, impugnate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. La decisione di costituirsi nel giudizio di legittimità per entrambe le leggi è stata assunta dalla Giunta regionale e comunicata dal presidente Luca Zaia, che ha ribadito la volontà di difendere in ogni sede e mettendo in campo le migliori energie, le iniziative referendarie approvate dal Consiglio, per dare finalmente l opportunità ai veneti di esprimersi sulla propria autodeterminazione. L affidamento del patrocinio a giuristi di chiara fama come il professor Bertolissi e l avvocato Cacciavillani sottolinea Zaia testimonia la nostra determinazione non solo di dimostrare che le leggi impugnate non violano la Costituzione e sono state approvate nell interesse della comunità regionale, ma anche di tutelare il diritto di espressione dei veneti. Guardiamo con interesse a quello che sta accadendo in Catalogna ha concluso Zaia perché la loro battaglia di democrazia equivale alla nostra e le condizioni giuridiche sono simili. Vedremo se il prossimo 9 novembre la Spagna consentirà lo svolgimento del referendum voluto da Barcellona o se anche lì, come accade in Italia, i poteri centrali dello Stato tenteranno di bloccare una consultazione richiesta a gran voce da un popolo. Da Regione Veneto - Comunicato stampa N 2154 del 29/09/2014 (AVN) Venezia, 29 settembre 2014 Pubblicato il 30 settembre 2014 Link: OPERATIVO IL C/C REGIONALE La Regione rende operativo da lunedì 6 ottobre 2014 il conto corrente sul quale fare affluire i versamenti per il finanziamento del referendum consultivo sull indipendenza del Veneto come previsto dalla legge regionale 16/2014. Il numero di IBAN del conto corrente è il seguente: IT 37 C Per quanto concerne il referendum sull autonomia, per la sua particolare natura giuridica è finanziabile, come disposto dalla legge regionale 15/2014, con fondi del bilancio regionale. Pagina 14

18 VENETO: modello virtuoso SANITA : CALA SPESA FARMACEUTICA IN VENETO ZAIA, ECCO COSA SIGNIFICA COSTI STANDARD, SI USINO OVUNQUE E LA SPESA SANITARIA NON SARA PIU UN PROBLEMA. Ecco cosa significa saper applicare i costi standard in sanità a 360 gradi, controllando l entità della spesa e innalzandone la qualità. I 28 milioni risparmiati in Veneto in un solo settore possono moltiplicarsi e diventare miliardi a livello nazionale. Prima si fa e prima si avranno risultati immediati ben superiori di quelli di qualsiasi roboante riforma di quelle che ci vengono sbandierate ogni giorno, più volte al giorno. Con queste parole il Presidente della Regione de Veneto Luca Zaia commenta i dati del monitoraggio sulla Spesa Farmaceutica Regionale nel semestre gennaio-giugno 2014, effettuato dall Agenzia Italiana del Farmaco. Si applichino ovunque i criteri e i costi sui quali il sistema sanitario veneto sta concentrando il suo lavoro quotidiano aggiunge Zaia e in tutta Italia la spesa sanitaria non sarà più un problema, non serviranno Commissari in molte Regioni e tagli nazionali, che sempre vengono garantiti come non lineari, ma che sinora si sono rivelati vere e proprie mazzate sulla testa di chi non le merita, come il Veneto e le altre, purtroppo poche, Regioni virtuose. Nel caso della farmaceutica conclude Zaia si tratta davvero di applicare equilibrio, buon senso e professionalità nelle prescrizioni, che si traduce in appropriatezza. Questo fanno ogni giorno tutti i protagonisti della sanità veneta e per questo li ringrazio uno a uno. Dal sito della Regione Veneto Comunicato stampa N 2143 del 26/09/2014 Pubblicato il 27 settembre 2014 Link: Roma: aggressioni, rivolte e disagio E fin troppo facile aver previsto tutto questo. Purtroppo le questioni cruciali per la nostra convivenza civile e pacifica vengono affrontate con una superficialità disarmante. Quello che colpisce è la mancanza del senso di responsabilità di chi è al governo, nazionale ma anche locale, che sembra nascondersi dietro i facili alibi dei principi astratti quali solidarietà, accoglienza piuttosto che guardare ai problemi concreti. Come giustamente recita il proverbio la strada per l inferno è lastricata di buone intenzioni. Ci si dimentica che fare politica significa valutare la bontà delle proprie decisioni sulla base dei risultati generati e non su quella del facile buonismo, utile solo a lasciare con la coscienza tranquilla politici non all altezza. Pagina 15 Pubblicato il 23 settembre 2014 Link:

19 ROMA: sprechi e disservizi 84 società analizzate e il risultato è dato da: criticità, sprechi, conti che non tornano e mancato rispetto delle regole. Invito alla lettura dell articolo di Daniele Autieri pubblicato da Repubblica. Atac, Ama, Eur spa nel mirino di Cottarelli sprechi e disservizi Nel Lazio il record dell inefficienza delle società pubbliche: conti e personale sotto scrutinio Un lungo elenco di criticità, conti che non tornano e mancata aderenza alle regole del mercato. E questa la mappa delle aziende controllate dagli enti locali laziali, Comune di Roma e Regione Lazio in primis, tracciata dal Commissario per la spending review, Carlo Cottarelli, e dalla sua squadra. In tutto 84 società, a conduzione prevalente pubblica, che sono state analizzate nel loro business e nel loro conto economico alla ricerca di una strada percorribile per ridurre gli sprechi. Il risultato di mesi di indagini è contenuto nel Programma di razionalizzazione delle partecipate locali stilato il 7 agosto scorso dal gruppo di lavoro impegnato sulla revisione della spesa pubblica. Cinquanta pagine, ricche di numeri e cifre, e dedicate quasi esclusivamente alle criticità laziali. Già dalla prima analisi comparativa su scala nazionale emerge infatti che tra le 10 società controllate dagli enti locali in Italia con le maggiori perdite, figurano tre aziende della regione: l Atac che con il suo deficit monstre occupa saldamente la prima posizione in questa poco lusinghiera classifica al contrario; Investimenti spa (la holding controllata dalla Camera di Commercio e proprietaria della Fiera di Roma) in quinta posizione con una perdita di quasi 30 milioni di euro; e Cotral, società del trasporto controllata invece dalla Regione Lazio che ha superato i 20 milioni di perdite annuali. Secondo il gruppo di lavoro il tema più critico rimane quello del trasporto, al quale viene dedicato un dettagliato approfondimento. Sul fronte delle tariffe, quella dei mezzi pubblici romani rimane tra le più basse in Europa. Il biglietto ordinario da 1,5 euro viene infatti superato dagli 1,7 euro di Parigi, dai 2,4 di Berlino e dai 2,7 di Londra. Stesso discorso per gli abbonamenti mensili e quelli annuali che rispetto alla cifre della capitale inglese sono inferiori anche di quattro volte. Tutti sanno però ormai che gli introiti di Atac derivano solo in minima parte dalla vendita del biglietto. La fetta più consistente arriva dal contratto di servizio e dai trasferimenti del Comune di Roma e della Regione Lazio, indispensabili per far uscire gli autobus dai depositi. Guardando invece all efficienza del servizio, secondo il gruppo di lavoro gli standard offerti dalle società regionali sono ancora troppo bassi. Il Lazio risulta infatti essere la peggiore regione in Italia (si veda anche a questo proposito l editoriale nella pagina precedente) insieme al Veneto nel rapporto tra offerta e domanda di trasporto pubblico. In sostanza, ci sono pochi autobus e poche metropolitane rispetto alla richiesta dei cittadini. Ma il vero male delle società controllate dagli enti locali laziali rimangono il debito elevato e la scarsa produttività. I dati del Roe-return on equity (l indice adottato nei bilanci per calcolare la redditività) sono in molti casi drammatici. A guidare la lista delle peggiori c è in questo caso la Eur tel (piccola società a responsabilità limitate che ha un Roe del -368,5%). A seguire ancora una volta l Atac, dove il dato calcolato dagli uomini di Cottarelli è pari ad un -38,3%. Sempre nella lista dei peggiori figurano poi l Azienda per la mobilità (i cui vertici dovrebbero essere sostituiti proprio in questi giorni) con un -37% e Investimenti spa con un -13%. A cascata arrivano Centro ingrosso fiori, Polo tecnologico e Banca impresa Lazio. Appena un po meglio società come Aequa Roma (quella che si occupa della riscossione dei tributi capitolini), Ama, Eur spa, Fondazione Cinema per Roma. I risultati migliori vengono invece messi a segno da Risorse per Roma, che entra tra le virtuose in questa classifica con un Roe del 13,4%, Zetema che tocca il 27,8%, Roma Multiservizi (33,4%) e Lazio Service (36,32%). Il quadro tracciato dal Commissario di governo trova consapevoli sia il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, che il sindaco di Roma, Ignazio Marino. Il processo di razionalizzazione delle aziende controllate è infatti partito sia nella Regione che nel Comune con un accelerazione più sostenuta nel primo caso dove molte delle vecchie aziende sono state cancellate o incorporate. Resta adesso da vedere se, per tutte quelle che sono rimaste, la strada della riforma e del taglio degli sprechi sia pienamente percorribile. Pubblicato il 2 ottobre 2014 Link: Pagina 16

20 Interrogazioni Agenzie di scommesse collegate a bookmaker privi di concessione Atto Camera Interrogazione a risposta immediata in commissione presentato da BUSIN Filippo testo di Martedì 16 settembre 2014, seduta n. 291 BUSIN e GUIDESI. Al Ministro dell economia e delle finanze. Per sapere premesso che: complesso fenomeno delle agenzie di scommesse sfugge sempre di più alle possibilità di gestione e controllo dei Governi; per quel che riguarda il nostro Paese, la fotografia del fenomeno è data anche da cinquemila punti scommessa fuori dal controllo statale, 530 milioni (per ora) di mancati incassi per l erario e un contenzioso nazionale e comunitario lungo 15 anni; si tratta agenzie di scommesse collegate a bookmaker privi di concessione, aperte in ogni città senza vincoli di distanza da luoghi sensibili, senza oneri concessori e senza versare imposte al Ministero dell economia e delle finanze come è invece richiesto ai concessionari statali; grazie a cinque decisioni della Corte di giustizia europea (nel 1998, 2003, 2007, 2012 e 2013 su azioni di StanleyBet e Goldbet) e a una serie di ordinanze e sentenze sia dei tribunali penali sia di quelli amministrativi, si sono sviluppate di fatto due categorie di punti vendita: una rete autorizzata dall Agenzia delle dogane e dei monopoli, composta da circa punti vendita e cresciuta negli ultimi anni del 20 per cento a seguito di bandi di gara per assegnare nuove concessioni, e un network di agenzie e internet point, passato da circa a quasi 5 mila punti negli ultimi due anni (+21 per cento, secondo il censimento realizzato da Sistema gioco Italia), collegati a bookmaker e casinò offshore senza concessione italiana piazzati all estero, generalmente in giurisdizioni Unione europea come Austria, Malta, Inghilterra ma spesso in paradisi fiscali; da ultimo, è stata avviata un indagine della Procura di Roma a carico della StanleyBet, società con sede all estero ma di proprietà dell italiano Giovanni Garrisi, che è indagato con altri undici manager della società per associazione per delinquere: l accusa è di «esercitare (in Italia) l attività illegale di giochi e scommesse, in assenza di qualsiasi titolo concessorio e in totale evasione di imposta», avvalendosi di una «stabile organizzazione occulta di persone e mezzi», articolata sul territorio attraverso Ctd, i Centri di trasmissione dati che raccolgono le puntate e le piazzano online; a fine giugno 2014 la Guardia di finanza ha sequestrato materiale in alcune sedi della StanleyBet, tra cui Milano, Montecatini, Potenza, Giugliano, Roma. «I Centri di trasmissione dati scrivono nel decreto di sequestro i pm sono formalmente dipendenti da un altra società, la StanleyBet Malta Limited», con sede a Malta. In Italia opera il legale rappresentante, che al tempo stesso, è uomo «riconducibile con un rapporto di dipendenza funzionale al gruppo di Garrisi» il meccanismo messo in piedi da StanleyBet per evadere le tasse italiane sul gioco sostiene la Procura si baserebbe dunque su questa doppia «paternità» dei Centri di trasmissione dati; l aspetto più grave e insolito della vicenda è che la strategia difensiva di StanleyBet oltre che con il contrasto ai Monopoli e attraverso querele ai giornali si è manifestata anche con querele ai finanzieri che, eseguendo gli ordini delle procure, hanno operato il sequestro di materiali o provveduto alla chiusura dei punti vendita; si paventa anche il rischio che singoli dipendenti dell Agenzia delle dogane e dei monopoli e militari della Guardia di finanza ricevano dalla «StanleyBet Malta Limited» una citazione diretta in sede civile per risarcimento danni; tale situazione appare all interrogante gravissima ed inaccettabile, contraria a qualunque precedente o prassi in materia, ancor di più in mancanza di una chiara presa di posizione dello Stato a sostegno e tutela dei funzionari che a suo nome applicano la legge : se sia a conoscenza dei fatti sopra esposti e come intenda intervenire a tutela dei funzionari delle Agenzie e degli agenti della Guardia finanza coinvolti nella vicenda. Risposta scritta pubblicata Mercoledì 17 settembre 2014 nell allegato al bollettino in Commissione VI (Finanze) Con il documento di sindacato ispettivo in esame, gli Onorevoli interroganti intendono sottoporre all attenzione del Governo le criticità connesse al dilagante fenomeno delle agenzie di scommesse, collegate a bookmakers e casinò off-shore con sedi all estero che esercitano attività di raccolta di gioco in Italia senza concessione da parte della competente Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, senza vincoli di distanza dai luoghi sensibili e senza versare le imposte dovute all Erario. Gli Interroganti segnalano che negli ultimi due anni, secondo il censimento realizzato dal Sistema gioco Italia, nel nostro paese si è creato un network di agenzie e internet point di quasi 5000 punti scommessa fuori dal controllo statale. In particolare, gli Onorevoli interroganti segnalano la vicenda relativa alle indagini svolte dalla Guardia di Finanza, in collaborazione con l Agenzia delle dogane e dei monopoli, relativa alla società «StanleyBet Malta limited» con sede all estero che attraverso appositi Centri di trasmissione dati raccoglie nel territorio italiano le scommesse e la piazza online. Ciò premesso, gli Onorevoli interroganti sollecitano chiarimenti in merito alla vicenda rappresentata con specifico riferimento alle iniziative da intraprendere al fine di fronteggiare le querele e le richieste di risarcimento avanzate, nell ambito della propria strategia difensiva, dagli avvocati di «StanleyBet Malta limited», nei confronti dei funzionari dell Agenzia e degli agenti della Guardia di finanzia coinvolti nell attività di indagine avviata dalla magistratura. Al riguardo, sentita l Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, si rappresenta quanto segue. L Agenzia svolge istituzionalmente attività di controllo sull esercizio dei giochi soggetto a regime di monopolio pubblico, unitamente alla Guardia di Finanza ed alle altre Forze di Polizia. In epoca recente, i controlli nell ambito del comparto delle scommesse sono stati prioritariamente indirizzati nei confronti di soggetti che operano in mancanza della concessione per l esercizio dell attività di scommesse e dell autorizzazione di pubblica sicurezza di cui all articolo 88 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, recante il Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza (TULPS), sottraendosi altresì al pagamento dell imposta unica sulle scommesse raccolte. Ciò in quanto si è fortemente intensificata, negli ultimi anni, la presenza di esercizi che operano nelle predette condizioni, al punto da costituire una vera e propria rete parallela rispetto a quella degli esercizi che svolgono l attività previo rilascio della concessione e della autorizzazione di pubblica sicurezza, corrispondendo regolarmente (nella stragrande maggioranza dei casi) le imposte dovute. Pagina 17

PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA

PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA Con la forte contrazione dei prestiti bancari avvenuta in questi ultimi anni, soprattutto nei confronti delle imprese di piccola dimensione,

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto )

a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto ) I Numeri della Giustizia a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto ) Fonti: Le analisi di Confindustria, Confartigianato, Banca d Italia e Banca Mondiale Vediamolo nei numeri, questo

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Il dato risulta sostanzialmente in linea con quello rilevato presso l intero tessuto imprenditoriale italiano (27,8%).

Il dato risulta sostanzialmente in linea con quello rilevato presso l intero tessuto imprenditoriale italiano (27,8%). L Osservatorio Andamento delle imprese Le imprese che nel 2012 hanno sofferto più delle altre gli effetti della crisi sono quelle di più piccole dimensioni, ubicate nel centro e nel mezzogiorno. Nella

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BORGHESI, MESSINA, MURA, FAVIA, DI GIUSEPPE, ZAZZERA, CIMADORO, PIFFARI, DI STANISLAO, PALADINI,

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa.

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. =========== Le tariffe pubbliche cominciano a scendere:

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Ecco di seguito lo studio Confesercenti:

COMUNICATO STAMPA. Ecco di seguito lo studio Confesercenti: Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA ACCISE E CONSUMI SUI CARBURANTI. ULTERIORI AUMENTI SAREBBERO FORTEMENTE NEGATIVI PER L ECONOMIA ED IL GETTITO FISCALE STUDIO CONFESERCENTI: AD UN AUMENTO DEL 54% DEL PRELIEVO

Dettagli

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Roma, 12 febbraio 2014 IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Le imprese, in attesa da troppo tempo di una ripresa che sembra non arrivare mai, chiedono azioni concrete e rapide e non più progetti astratti per la soluzione

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori.

Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori. Documento Congiunto delle Provincia di Vibo Valentia e di Crotone e di tutti i sindaci dei comuni ricadenti sui due territori. Il Consiglio Provinciale ed il Consiglio Comunale di Vibo Valentia riunitisi

Dettagli

Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione Diminuzione del carico fiscale solo a parole

Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione Diminuzione del carico fiscale solo a parole Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 8 4 febbraio 2005 Stampato in proprio in febbraio 2005 In questo numero: Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione

Dettagli

SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO. Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria

SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO. Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria 1 SVILUPPO E LEGALITA IN CALABRIA E NEL MEZZOGIORNO Di Michela Mantovani (bozza) Premessa :Le principali ragioni della crisi strutturale in Calabria Per ricercare le ragioni del deficit di sviluppo e per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI Secondo le nostre stime, sono oltre 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica.

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LANNUTTI, BELISARIO, ASTORE, BUGNANO, CAFORIO, CARLINO, DE TONI, DI NARDO, GIAMBRONE, LI GOTTI, MASCITELLI, PARDI,

Dettagli

Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil

Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Una mobilitazione generale per chiedere al governo di intervenire su

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali Consultazione how-to Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali 1 2 3 4 5 Autonomie Territoriali Forma di Governo e Parlamento Parlamentarismo o Presidenzialismo? Secondo te, l attuale

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 664 BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE 28 aprile 2014 INDICE 2 10 milioni

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2014-2016: IL MAXIEMENDAMENTO DEL GOVERNO

LA LEGGE DI STABILITA 2014-2016: IL MAXIEMENDAMENTO DEL GOVERNO 478 LA LEGGE DI STABILITA 2014-2016: IL MAXIEMENDAMENTO DEL GOVERNO 29 novembre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica

La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica 1 di 6 04/03/2012 21:47 Quotidiano di Informazione Giuridica Diretto da Avv. Carmelo Giurdanella 2 marzo 2012, 16:30 La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica Le iniziative

Dettagli

PA: I PEGGIORI PAGATORI SONO I COMUNI

PA: I PEGGIORI PAGATORI SONO I COMUNI PA: I PEGGIORI PAGATORI SONO I COMUNI Record negativo in quello di Catanzaro (144 giorni di ritardo). Male anche l Asl del Molise (126 giorni oltre la scadenza) e il Ministero dell Economia (82 giorni

Dettagli

Le imposte sui prodotti petroliferi: fine di un bancomat fiscale?

Le imposte sui prodotti petroliferi: fine di un bancomat fiscale? Le imposte sui prodotti petroliferi: fine di un bancomat fiscale? 1. La rilevanza di benzina e gasolio per l economia e per il fisco Che i prodotti petroliferi siano essenziali per l economia di famiglie

Dettagli

I COSTI DELLA POLITICA

I COSTI DELLA POLITICA III RAPPORTO I COSTI DELLA POLITICA DICEMBRE 2013 I costi della politica, diretti e indiretti, ammontano a circa 23,2 miliardi di euro, tra funzionamento di organi istituzionali, società pubbliche, consulenze

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015)

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan,

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI

LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI 692 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI ESIGENZE INDIFFERIBILI *testo definitivo trasmesso dal governo al Parlamento

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini FORUM PA - 18 maggio 2010 Carlo Crea - Segretariato generale Autorità per l'energia elettrica e il

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011 RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011 L allarme che qualche mese fa avevamo lanciato sui tagli ai comuni oggi è diventato certezza, e non è stata cosa semplice, per

Dettagli

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Conferenza Regionale del Lavoro Avanti c è posto. Di lavoro Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Introduzione al tema Giovanna Altieri Roma, 26 gennaio 2010 Presentazione N.01/2010 1 Il

Dettagli

SINTESI PER LA STAMPA

SINTESI PER LA STAMPA SINTESI PER LA STAMPA Troppo spesso quando policy makers e opinione pubblica si occupano dei Trasporti le attenzioni vengono rivolte principalmente agli effetti negativi che questi generano: consumi energetici,

Dettagli

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB Sezione SUICIDI PER CRISI ECONOMICA OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 201, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB (Laboratorio di Ricerca Socio Economica dell'università degli Studi

Dettagli

In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti?

In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti? FAQ su riforma del sistema sanzionatorio dei reati tributari In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti? Nella legislazione vigente fissata nel decreto legislativo 74 del 2000 sono

Dettagli

Il Benessere aziendale

Il Benessere aziendale Il Benessere aziendale Oggi vogliamo parlare di Benessere aziendale, e cioè di tutti quelle pratiche, approcci e buone pratiche per vivere bene in un organizzazione. La cosa più importante che voglio capire

Dettagli

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 Servizio Politiche Fiscali UIL Il 15 luglio 2011 il Parlamento

Dettagli

SUGLI IMMOBILI PESA UN CARICO FISCALE DI OLTRE 52 MILIARDI DI EURO. RISPETTO AL 2013, QUEST ANNO PAGHEREMO 2,6 MILIARDI IN PIU

SUGLI IMMOBILI PESA UN CARICO FISCALE DI OLTRE 52 MILIARDI DI EURO. RISPETTO AL 2013, QUEST ANNO PAGHEREMO 2,6 MILIARDI IN PIU SUGLI IMMOBILI PESA UN CARICO FISCALE DI OLTRE 52 MILIARDI DI EURO. RISPETTO AL 2013, QUEST ANNO PAGHEREMO 2,6 MILIARDI IN PIU La Tasi ci costerà almeno 4 miliardi ===========================================

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

MANOVRA ECONOMICA 2011 LE PRINCIPALI NOVITA

MANOVRA ECONOMICA 2011 LE PRINCIPALI NOVITA UNA PRIMA LETTURA DEL CONTENUTO DEL DECRETO La manovra economica prevede il pareggio di bilancio nel 2014. Il decreto, concordato con l Europa, corregge i conti pubblici per circa 48 miliardi e di questi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 262 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FUCCI Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario Presentata

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Intervento dell Avvocato Generale dello Stato. Avv. Michele Dipace

Intervento dell Avvocato Generale dello Stato. Avv. Michele Dipace Intervento dell Avvocato Generale dello Stato Avv. Michele Dipace IN OCCASIONE DELLA CERIMONIA DI INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2013 (Roma, 25 gennaio 2013) Signor Presidente della Repubblica, Autorità,

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Indice. 5. La trasformazione degli incentivi in conto capitale in prestiti per le imprese

Indice. 5. La trasformazione degli incentivi in conto capitale in prestiti per le imprese Indice Premessa 1. Legge finanziaria e obiettivi di bilancio 2. La composizione della manovra 3. Il ciclo economico e la situazione dei conti pubblici 4. La Legge Finanziaria 2003 e il Mezzogiorno 5. La

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale Art. 1 Oggetto del Provvedimento Oggetto del Dlgs approvato

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Riferimenti normativi. Schema

Riferimenti normativi. Schema Tema n. 25 Il candidato esamini la disciplina dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e accenni ai dubbi di incompatibilità dell imposta con la normativa comunitaria Riferimenti normativi

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli Organismi della fiscalità e sul rapporto tra contribuenti e fisco

Indagine conoscitiva sugli Organismi della fiscalità e sul rapporto tra contribuenti e fisco VERSIONE DEFINITIVA Indagine conoscitiva sugli Organismi della fiscalità e sul rapporto tra contribuenti e fisco Audizione del Presidente f.f. dell Istituto nazionale di statistica Antonio Golini Commissione

Dettagli

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità TESTATA: 247.LIBERO.IT TITOLO: Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità 23/11/12 Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE

GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE GIOCHIAMO A CARTE SCOPERTE COSA PAGANO E QUANTO PAGANO OGGI LE AZIENDE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO LA FISCALITA IN ITALIA Nel 2014 la pressione fiscale in Italia ha raggiunto il 43,4% (rapporto tra il

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Essere liberale nell Italia di oggi

Essere liberale nell Italia di oggi Essere liberale nell Italia di oggi Sempre più spesso sentiamo parlare, anche impropriamente, di programmi e di idee di ispirazione liberale, un temine inflazionato ma che oggi è fondamentale recuperare

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Università LUM Jean Monnet - Trani European Week 9-10-11 maggio 2013 Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Intervento

Dettagli

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE Sentenza N. 299 del 19 dicembre 2012 Materia: Concorrenza, livello essenziale delle prestazioni e commercio Giudizio: Legittimità costituzionale in

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli