Verba volant Scripta manent

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verba volant Scripta manent"

Transcript

1 Verba volant Scripta manent di Filippo Busin Penso che per l Italia in particolare ma un po per tutti i paesi, la Secessione possa e debba contenere un alto valore etico. Dire basta! a uno Stato incapace di governare nei limiti della decenza, uno Stato che non riesce a riformarsi amministrativamente e giudiziariamente, a distruggere la mafia, a rilanciare l economia, a liberalizzare, semplificare e privatizzare, è dire no al male. (Umberto Silva) Deflazione L Italia è in deflazione per la prima volta dopo il Trasportatori Padroncini a rischio imprese chiuse dall inizio della crisi. Eminenze grigie Chi tira i fili dietro le quinte e decide le politiche fiscali? La lettera Non pago le tasse, ma non sono un evasore, sono una persona onesta. Numero 18 dal 15 agosto al 2 ottobre 2014

2 Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo. (Johann Wolfgang Göethe)

3 Il mese di agosto non si chiude con buone nuove, ma con dati sempre più allarmanti a partire dalla disoccupazione sino all usura in aumento sia per famiglie che imprese. Gli ultimi giorni del mese sono quelli che dichiarano ufficialmente che il Paese è in deflazione, situazione in cui non si incorreva dal A settembre la deflazione viene riconfermata. A far entrare il mese di settembre nella storia sarà il referendum per l indipendenza della Scozia, che a prescindere dal risultato è stato un momento che ha coinvolto l Europa tutta. La dimostrazione che l indipendentismo non è più e solo un fenomeno sporadico, bensì una realtà emergente che induce a riflettere anche i più scettici. Sul fronte dell indipendenza ci sono state proteste in Aula e una pacifica marcia su Palazzo Chigi, la manifestazione di domenica 21 settembre a Cittadella in provincia di Padova, ma anche l incarico da parte della Regione Veneto affidato a due costituzionalisti per difendere la legittimità dei referendum su autonomia e indipendenza e l apertura del c/c per finanziare il referendum. Interessante e illuminante il confronto Zaia - Bressa sulle differenze tra Regioni di serie A e serie B, la cui ovvia conclusione si trova nella sempre più impellente esigenza di una consultazione popolare riguardo il futuro del Veneto. A confermarlo anche la notizia che la nostra Regione, grazie ai costi standard, ha contenuto la spesa farmaceutica con un risparmio di 28 milioni. Al contrario per Roma e per il Lazio sprechi e disservizi sono all ordine del giorno. In 84 società analizzate da Cottarelli nei suoi dossier sulla spending review emergono criticità legate a conti che non tornano, gestioni approssimative e mancato rispetto delle regole. Le interrogazione in VI commissione che ho presentato riguardano: il lavoro part-time; le agenzie di scommesse collegate a bookmaker privi di concessione; la iniqua applicazione delle accise per il trasporto nelle acque interne e in laguna, che consentono a compagnie straniere di fare una concorrenza sleale agli operatori del nostro territorio. In Aula alla Camera ho interrogato il Ministro Alfano su Mare Nostrum. Gli chiedo venga fatto un bilancio a un anno dall inizio di quella che considero un operazione totalmente sbagliata che gli altri Stati europei non hanno mai avallato. Concludo questo periodico con una lettera inviatami da un imprenditore, uno dei tanti che per mancanza di liquidità non versa regolarmente le tasse, ma che non accetta di essere chiamato evasore. Sono d accordo con lui, anzi considero il suo un comportamento eticamente ineccepibile. Chiudo salutando come l autore della missiva confidando in un futuro e in un Paese migliori, da parte mia aggiungo: a questo sto lavorando, per questo mi avete votato. Filippo Busin Per considerazioni e confronti:

4 Detto brutalmente: in Italia e in Europa lavoriamo troppo poco, o più precisamente, troppo pochi. Dobbiamo tornare a rendere conveniente il lavoro, ma soprattutto ridefinire il concetto di lavoro produttivo, cioè quello che contribuisce a creare prodotti ed erogare servizi. Purtroppo in Italia abbiamo troppi disoccupati, più del 12%, troppi inattivi, il 59% della popolazione in età lavorativa, ma anche troppi occupati improduttivi o che peggio ostacolano chi lavora veramente. Sono quelli che non si possono propriamente definire lavori ma piuttosto posti di lavoro o stipendi che in nulla contribuiscono al benessere della società, ma anzi la impoveriscono. Sono quelle posizioni create ad hoc per dare un occupazione a qualcuno senza che questa abbia una sua utilità. Spesso sono posizioni che si inseriscono in un percorso autorizzativo o più in generale burocratico e che, quindi, rallentano artificiosamente qualsiasi procedura e rendono la vita inutilmente complicata, e quindi costosa, a chi lavora veramente. Una grave sconfitta per il sistema Paese. Pubblicato il 15 agosto 2014 Link: Non siamo competitivi e non lo saremo neanche in futuro perché a mancare è la cultura d impresa che qui da noi sembra possiedano solo gli imprenditori come Francesco Biason. Troppo poco per affrontare la sfida della globalizzazione! Pagina 01 Pubblicato il 24 agosto 2014 Link:

5 USURA: rischio in aumento per imprese e famiglie Negli ultimi due anni le banche hanno erogato a famiglie e imprese quasi 100 miliardi di euro in meno. Con meno soldi a disposizione e la disoccupazione in aumento, il rischio usura assume dimensioni sempre più preoccupanti al Sud: soprattutto in Campania, Calabria e Abruzzo. A lanciare l allarme è la CGIA di Mestre. Negli ultimi 2 anni le banche hanno erogato a famiglie e imprese quasi 100 miliardi di euro in meno. Con meno soldi a disposizione e la disoccupazione in aumento, il rischio usura assume dimensioni sempre più preoccupanti al Sud: soprattutto in Campania, Calabria e Abruzzo. A lanciare l allarme è il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi: A seguito della forte contrazione dei prestiti praticata dalle banche alle famiglie e alle imprese, c è il pericolo che l usura, soprattutto nel Mezzogiorno, assuma dimensioni preoccupanti. Tra la fine del 2011 e lo stesso periodo del 2013, fa sapere l Ufficio studi della CGIA, la diminuzione degli impieghi bancari alle famiglie e alle imprese è stata di quasi 100 miliardi di euro: precisamente 97,2 miliardi. Se le prime hanno subito una contrazione di 9,6 miliardi (- 1,9%), le seconde hanno registrato una flessione pari a ben 87,6 miliardi di euro (-8,8%). Oltre agli effetti della crisi economica e al calo della domanda di credito prosegue Bortolussi questa forte riduzione dell erogato è stata dovuta anche al deciso aumento delle sofferenze bancarie che a giugno di quest anno ha toccato la cifra record di 168 miliardi di euro. A fronte di una progressiva crescita del credit crunch avvenuta in questi ultimi anni, la CGIA rileva che il rischio usura è presente soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno. Dall analisi dell indice realizzato ormai da più di 15 anni dall Ufficio studi della CGIA, emerge che nel 2013 la Campania, la Calabria, l Abruzzo, la Puglia e la Sicilia sono le realtà dove la penetrazione di questo drammatico fenomeno ha raggiunto i livelli maggiori. In buona sostanza prosegue Bortolussi con la forte stretta creditizia e l aumento della disoccupazione, che hanno contribuito a ridurre i livelli di reddito soprattutto al Sud, c è il pericolo che l usura, già presente in questi territori in misura maggiore che altrove, assuma dimensioni ancor più preoccupanti. L indice del rischio usura, invece, è stato calcolato mettendo a confronto alcuni indicatori regionalizzati riferiti al 2013: quali la disoccupazione, i fallimenti, i protesti, i tassi di interesse applicati, le denunce di estorsione e di usura, il numero di sportelli bancari e il rapporto tra sofferenze ed impieghi registrati negli istituti di credito. In pratica è stato individuato questo indice attraverso la combinazione statistica di tutte quelle situazioni potenzialmente favorevoli alla diffusione dello strozzinaggio. Con le sole denunce effettuate all Autorità giudiziaria conclude Bortolussi non è possibile dimensionare il fenomeno dell usura: le segnalazioni, purtroppo, sono ancora molto poche. Per questo abbiamo incrociato i risultati di ben 8 sottoindicatori per cercare di misurare con maggiore fedeltà questa emergenza. Ciò che pochi sanno sono le motivazioni per le quali molte persone cadono tra le braccia degli strozzini. Oltre al perdurare della crisi, sono soprattutto le scadenze fiscali a spingere molti piccoli imprenditori nella morsa degli usurai. Per i disoccupati o i lavoratori dipendenti, invece, sono i problemi finanziari che emergono dopo brevi malattie, brutti infortuni o a seguito di appuntamenti familiari importanti, come un matrimonio o un battesimo. Nel sito grafici e schede Pubblicato il 28 agosto 2014 Link:http://www.filippobusin.it/it/4017/usura-rischio-in-aumento-per-imprese-e-famiglie.html Pagina 02

6 Italia in deflazione per la prima volta dal 1959 Italia in deflazione per la prima volta dal 1959: prezzi in calo dello 0,1% ad agosto L Italia è in deflazione. Ad agosto l indice dei prezzi al consumo misurato dall Istat nelle prime stime ha segnato un calo dello 0,1% rispetto allo stesso mese dello scorso anno (era +0,1% a luglio). Il nostro Paese entra in deflazione per la prima volta da oltre 50 anni, cioè dal settembre del Allora, precisa l Istat, la variazione dei prezzi risultò negativa dell 1,1%, in una fase di 7 mesi di tassi negativi. È soprattutto la componente energetica, in particolare quella legata al costo dei carburanti, a pesare sui prezzi di agosto e a trascinare l indice in negativo. Secondo i dati provvisori dell Istat, i prezzi dei beni energetici non regolamentati sono diminuiti dell 1,2% rispetto al 2013 (dal +0,4% di luglio), con la benzina in calo dello 0,9% e il gasolio dell 1,7%. Agosto e settembre 2013 registrarono forti aumenti dell energia che vengono ora scontati nel confronto annuo. Ad agosto risulta ancora in deflazione anche il cosiddetto carrello della spesa, ovvero l insieme dei beni che comprende l alimentare, i beni per la cura della casa e della persona. Il ribasso annuo è infatti pari allo 0,2%, anche se in recupero rispetto al -0,6% di luglio. Anche nell area euro si assiste a una nuova gelata sei prezzi. Ad agosto, secondo le stime di Eurostat, l indice dei prezzi al consumo su base annuale scende a un +0,3% rispetto allo 0,4% del mese precedente. La nuova frenata è determinata dal segmento dell energia che registra una variazione annua negativa del 2% rispetto al -1% di luglio. (da Il Sole 24 Ore) Pubblicato il 29 agosto 2014 Link:http://www.filippobusin.it/it/4030/italia-in-deflazione.html DEFLAZIONE Pagina 03

7 PRIMATI ITALIANI Le ultime rilevazioni ISTAT indicano che nel mese di agosto, nell Eurozona, l Italia conquista la maglia nera per il sentimento economico. Infatti, la fiducia delle imprese e dei consumatori torna a calare. Di pari passo la disoccupazione che a luglio sale al 12,6% con 35mila occupati in meno. E l Italia entra in deflazione per la prima volta dal 1959: prezzi in calo dello 0,1% ad agosto D altra parte in questo clima di dati costantemente negativi è difficile veder rosa. Non bastasse l effetto mancato (come ci si aspettava) degli 80 euro, aggiungiamo pure la recente batosta subita da Telecom a favore della spagnola Telefonica nell acquisto della GVT in Brasile da Vivendi; per non parlare del caos derivato da Mare Nostrum che ora verrà (si vedrà) sostituito da Frontex plus, ma intanto dallo scorso ottobre è costato oltre 9 milioni di euro al mese; mettiamoci pure la sconfitta del Napoli a favore dell Atletico Bilbao ed ecco che il quadro si completa in modo che solo i patologici masochisti malati di pessimismo si sentano appagati. Paesi vicini a noi affrontano la crisi in maniera diversa. Con maggiore dinamismo, migliori iniziative, basti pensare alla Spagna che solo in materia di immigrazione clandestina ha applicato una diversa gestione rispetto al nostro Mare Nostrum, e gli effetti si vedono anche dalle rilevazioni statistiche. In una nota pubblicata dalla Commissione Ue in merito al sentimento economico si legge che ( ) costruzioni e industria sono i settori che hanno registrato i peggiori cali di fiducia in Italia. L indicatore complessivo ha perso punti anche in Germania (-1,9), Francia (-0,6) e Olanda (-0,8), mentre è rimasto sostanzialmente stabile in Spagna. Nell Ue in generale l indicatore ha perso 1,2 punti ad agosto su luglio. Spagna, vola il PIL nel 2 trimestre. Il PIL spagnolo è cresciuto dello 0,6% nel secondo trimestre. Si tratta del tasso di crescita più veloce dall ultimo trimestre del 2007, secondo l ufficio nazionale di statistica. Su base annuale il tasso di espansione si attesta all 1,2%. La Spagna è entrata in una doppia recessione nella seconda metà del 2008 e ne è riemersa alla fine del L Italia è depressa e senza prospettive? Certo! Se non si agisce concretamente per cambiare la situazione. Servono scelte rapide, coraggiose e, se serve, anche impopolari. Pubblicato il 29 agosto 2014 Link: Pubblicato il 1 settembre 2014 Link: Pagina 04

8 Il peso del fisco. Secondo il rapporto «Paying taxes» della Banca mondiale, il total tax rate ha raggiunto il 65,8% Sulle imprese record di tasse e contributi Il Governo lo ha confermato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi nell intervista di ieri al «Sole24Ore» si accinge a stabilizzare con la prossima legge di stabilità il bonus Irpef da 80 euro, e a tentare per quanto possibile di estenderlo alle categorie finora escluse. Nessun nuovo intervento per alleggerire il peso del fisco sulle imprese, a partire dall Irap. Di certo, se si esaminano dati e statistiche, l urgenza di un intervento a sostegno del mondo produttivo è pienamente confermata. Secondo il rapporto «Paying taxes» della Banca mondiale, il livello complessivo del prelievo a carico delle aziende italiane (il cosiddetto total tax rate) ha raggiunto l astronomico livello del 65,8 per cento. Un primato indiscutibile in Europa, se si considera che i dati del «Doing business 2014» mettono in luce come in Germania la pressione fiscale complessiva sulle imprese si attesti a un livello decisamente più basso, il 49,4% dei profitti. Alto livello di imposizione, ma anche eccesso di adempimenti: da noi le imprese effettuano mediamente 15 versamenti l anno impiegando 269 ore, contro le 130 delle aziende danesi, le 132 di quelle francesi, le 167 della Spagna il cui livello di total tax rate al 58,6 per cento. Se si esamina la scomposizione del prelievo italiano a carico delle imprese, un peso determinante va ai contributi (34,8), mentre la corporate tax vera e propria è del 21,2%, cui vanno aggiunte l Irap e l Ires. Come finanziare un operazione che comunque, per essere efficace, dovrebbe essere visibile? Da un lato, attraverso la riduzione selettiva della spesa, dall altro con una lotta senza quartiere all economia sommersa, al lavoro nero, all evasione fiscale. Mali endemici del nostro Paese, che sottraggono risorse, solo per quel che riguarda l evasione, per non meno di 130 miliardi l anno. Da questo punto di vista, occorrerà attuare in pieno il dispositivo della delega fiscale in cui si dispone la «misurazione dell evasione fiscale», attraverso la messa a punto di un rapporto annuale che stimi e monitori il «tax gap», il livello accertato di evasione per tutte le principali imposte. Del resto lo sottolinea Eurostat l Italia dopo l Ungheria è il paese europeo che in un solo anno, tra il 2011 e il 2012, ha accresciuto di più il peso della tassazione (dal 42,4 al 44%). Secondo i calcoli del Centro studi di Confindustria, se si guarda al parametro dell aliquota implicita (quale emerge dal rapporto tra il gettito fiscale e la relativa base imponibile), la tassazione dei redditi d impresa da noi è superiore sia alla media dell eurozona che a quella dell intera Unione europea. In sostanza l onere che grava sui profitti è pari al 2,8% del Pil, contro il 2,5% dell eurozona e il 2,6% della Ue a 27. L aliquota implicita da noi è del 24,8%, inferiore, tra i paesi euro, solo a Portogallo (36,1%), Francia e Cipro (26,9%). Quanto all incidenza del prelievo fiscale e contributivo sul lavoro, l Italia si colloca al secondo posto nella classifica europea, con il 42,3% (il Belgio è al 42,8%). La Francia è al 38,6%, la Germania al 37,1 per cento. Da metà degli anni Novanta rileva il CsC il livello dell imposizione sul lavoro «si è innalzato in modo netto al di sopra di quello dei principali partner europei, aprendo così un divario sostanziale, in termini di costo del lavoro, che ha effetti negativi sulla competitività delle imprese». Del resto, se si calcola il peso del sommerso, la pressione fiscale effettiva supera e di molto il livello fotografato dalle statistiche ufficiali, attestandosi nei dintorni del 53 per cento. Articolo di Dino Pesole - da Il sole 24 ore - 4 settembre 2014 Pubblicato il 4 settembre2014 Link:http://www.filippobusin.it/it/4069/total-tax-rate-raggiunto-658.html Pagina 05

9 Pubblicato il 12 settembre 2014 Link: CHI TIRA I FILI DIETRO LE QUINTE? A decidere le politiche fiscali che si riflettono (e gravano) sulla vita economica del Paese non è Renzi o Padoan, ma delle eminenze grigie che ogni tanto si espongono in maniera evidente, come accade in un articolo pubblicato da Italia Oggi. Un Visco che si complimenta con Renzi per aver condonato 80 euro di imposte ai percettori dei redditi più bassi, equità, non regalo dice. Riguardo l equità si potrebbero spendere molte parole, ma i fatti dicono che la stessa è solo teorica, perché esiste un vizio di fondo prodotto dalla cultura che ispira l azione dell attuale Governo. Cosa rappresentano infatti i 640 di sgravi sui lavoratori dipendenti? Di sicuro non sono proporzionali al lavoro effettivamente svolto ma prescindono da questo aspetto di fondamentale importanza. Basti pensare al paradosso che riguarda il part-time. Alcune categorie di lavoratori, pubblici o privati, non possono accedere a questa forma di lavoro perché costretti dalle ristrettezze del bilancio famigliare. Pensiamo al caso concreto in cui uno dei due coniugi perda il lavoro e l altro, unico in famiglia a produrre reddito, sia costretto a optare necessariamente per il tempo pieno. In questi casi il DL produce effetti paradossali erogando il bonus a chi sta meglio e può permettersi il part-time, negandolo a chi invece è in difficoltà ed è costretto a lavorare anche oltre le 40 ore settimanali, superando i di reddito annuo. Si ottiene così il notevole risultato di premiare, a parità di livello retributivo, chi lavora meno e ha un reddito famigliare maggiore, un po come san Francesco che fa l elemosina ai ricchi. Visco continua a difendere la SUA IRAP, da lui introdotta nel 1997 quando era Ministro delle finanze del governo Prodi, quella che, secondo me opportunamente, è stata definita Imposta RAPina. E una tassa che gli imprenditori pagano sul costo dei dipendenti e sul costo dell indebitamento. In pratica più assumi (o più paghi i tuoi lavoratori) e più investi, più sei penalizzato da questa imposta. Quali sono i due problemi più drammatici da risolvere oggi? Disoccupazione e calo degli investimenti. Vi sembra logico spendersi a favore di un imposta che disincentiva gli imprenditori ad assumere e investire? Eppure Visco difende la sua creatura, con argomenti che sembrano tratti da un manuale Bignami dell economia marxista, sostenendo che è un imposta che l imprenditore deve pagare in proporzione alla sua disponibilità di manodopera e capitale, e quindi del potere che esercita su questi mezzi di produzione! Visto che è palesemente Vincenzo Visco l ispiratore delle politiche fiscali del governo Renzi, possiamo concludere che siamo in pessime mani. Se è tempo di spending review è anche tempo di parlare di ottimizzazione dei tempi di lavoro in Parlamento. Mi riferisco all ennesima fumata nera per l elezioni dei due giudici alla Corte Costituzionale e di 8 membri del CSM. Elezioni che anche questa settimana hanno paralizzato i lavori in Parlamento. Tempo perso per le due Camere riunite in seduta comune e per Deputati e Senatori bloccati a Roma a perdere intere giornate a spese del contribuente, con migliaia di dipendenti del Parlamento presenti, per un voto che si poteva esprimere tranquillamente da casa o presso il proprio Comune di residenza. Per la legge elettorale si è spesa una manciata di minuti. Per la riforma del senato meno di un mese. Per l elezione dei giudici della Consulta e del CSM i tempi si dilatano in modo incomprensibile, come se da queste nomine dipendesse la vita del Paese. Questo è il grado di efficienza delle nostre istituzioni, questo lo spreco di risorse pubbliche che non sarà mai sufficientemente denunciato! Se c è una maniera di rimandare una decisione importante, la buona democrazia la troverà. Pubblicato il 12 settembre 2014 Link: Pagina 06

10 Trasportatori: padroncini a rischio chiusura Con l abolizione della tariffa minima saranno avvantaggiati i trasportatori dell Est che già oggi praticano una concorrenza sleale inaccettabile. Dall inizio della crisi in Italia hanno chiuso oltre imprese: Friuli V.G., Toscana e Piemonte le regioni più colpite. Dopo la bocciatura da parte della Corte di Giustizia Europea della tariffa minima applicata in Italia per il trasporto merci su strada che, ricorda la CGIA, era periodicamente aggiornata dal Ministero dei Trasporti sulla base dei costi di esercizio relativi alle aziende di autotrasporto, i nostri padroncini sono a rischio estinzione. La denuncia viene dalla CGIA che sottolinea: su poco più di imprese attive sul territorio nazionale, il 68 per cento circa è costituito da aziende artigiane. Con l abolizione della tariffa minima, il potere contrattuale di queste piccole attività rischia di azzerarsi, con il pericolo che molte di queste non saranno in grado di coprire i costi aziendali con tariffe chilometriche che, ovviamente, subiranno una caduta verticale, favorendo, così, i vettori dell Est Europa che già oggi viaggiano con tariffe stracciate, spesso in palese violazione delle norme di settore e nel mancato rispetto delle disposizioni in materia di sicurezza previste dal codice della strada. Lo stato di agonia del settore dell autotrasporto italiano viene illustrato dal segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi: Abbiamo i costi di esercizio più alti d Europa per colpa di un deficit infrastrutturale spaventoso. Senza contare che il settore è costretto a sostenere delle spese vertiginose per la copertura assicurativa degli automezzi, per l acquisto del gasolio e per i pedaggi autostradali. Il tutto si traduce in un dumping sempre più pericoloso, soprattutto per le aziende ubicate nelle aree di confine che sono sottoposte alla concorrenza proveniente dai vettori dell Est Europa. Questi ultimi hanno imposto una guerra dei prezzi che sta strangolando molti piccoli padroncini. Pur di lavorare oggi si viaggia anche a 1,10-1,20 euro al chilometro, mentre i trasportatori dell Est, spesso in violazione delle norme sui tempi di guida e del rispetto delle disposizioni in materia di cabotaggio stradale, possono permettersi tariffe attorno agli centesimi al chilometro. Con queste differenze non c è partita. Ora che le tariffe minime non potranno essere più utilizzate, la situazione rischia di peggiorare ulteriormente. Le cause della crisi Le ragioni della crisi in cui versa l autotrasporto sono molteplici. Secondo uno studio presentato dalministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel 2011, l Italia presenta il costo di esercizio per chilometro più alto d Europa: se da noi è pari a 1,542 euro, in Austria è di 1,466 euro, in Germania 1,346 euro, in Francia 1,321 euro. Ma in Slovenia è di 1,232 euro, in Ungheria di 1,089 euro, in Polonia di 1,054 euro e in Romania è addirittura di 0,887 euro. Pagina 07 Pubblicato il10 settembre 2014 Link:

11 I numeri del settore Secondo i dati elaborati dall Ufficio studi della CGIA, tra il primo trimestre 2009 e il secondo trimestre 2014 hanno chiuso oltre imprese (-17%) del settore dell autotrasporto merci su strada. Attualmente sono attive poco più di aziende. Di queste, il 68 per cento circa è costituito da imprese artigiane. Alle realtà presenti sul nostro territorio nazionale vanno aggiunte almeno altre attività prive di automezzi che svolgono quasi esclusivamente un attività di intermediazione. Il 90% circa delle merci italiane viaggia su gomma. Gli occupati Per quanto concerne l occupazione non ci sono dati statistici puntuali che ci consentono di definire quanti sono gli addetti presenti nel settore: tenendo conto che nell ultimo Censimento Istat sulle Imprese e i Servizi il numero medio di addetti per impresa del trasporto merci su strada è di 4,3 addetti (anno 2011), stimiamo, a grandi linee, che in Italia siano occupati tra le 350 e le persone. Dall inizio della crisi hanno perso il posto di lavoro quasi addetti. La situazione a livello regionale A livello territoriale la Regione che ha subito la contrazione più forte è stata il Friuli Venezia Giulia. Dal primo trimestre del 2009 al secondo trimestre del 2014 il numero delle imprese è diminuito del 23,2%. Altrettanto preoccupante è la situazione per la Toscana (-21,6%), e il Piemonte (- 20,2%). Pubblicato il10 settembre 2014 Link: Pagina 08

12 Regioni di serie A e serie B Le Regioni autonome hanno risorse e competenze che in Veneto ci sogniamo. Il 12 settembre il sottosegretario agli Affari regionali, Gianclaudio Bressa (che ricordo essere il deputato che ha presentato un emendamento per affossare la Valdastico Nord), partecipando a un convegno a Trieste ha dichiarato: In Italia il problema sono le regioni a statuto ordinario, non quelle speciali. Le regioni speciali alpine, ha aggiunto Bressa, sono le uniche ad aver dimostrato responsabilità. La risposta di Zaia è stata immediata con il comunicato stampa che sottolineava sin da subito le maggiori disparità tra Veneto e provincia di Trento. Per maggiore chiarezza invito a leggere l articolo pubblicato da Il Gazzettino. L ACCUSA «Invece di riequilibrare le disparità, Renzi schiaccia le Regioni ordinarie» Nuovo, aspro braccio di ferro tra governo e Veneto sul tema delle disparità tra Regioni ordinarie e speciali. Con il governatore Luca Zaia che non le manda a dire a Gianclaudio Bressa, sottosegretario agli Affari regionali, ex sindaco di Belluno dall 88 al 93, bolzanino d adozione, il primo a dar fuoco alle polveri. Parlando a Trieste ad un convegno della Cgil, ha detto che in Italia «il problema sono le regioni ordinarie, non quelle speciali. Anzi, quelle alpine sono le uniche ad aver dimostrato senso di responsabilità. Il problema non è smontare le speciali, ma dare un iniezione di specialità alle ordinarie». Richiesto di chiarire il senso del discorso, Bressa spiega: «Non mi riferisco a nessuno, il mio è un discorso istituzionale. Le Regioni ordinarie, nate come strumento per riformare lo Stato, hanno fallito il compito. Si sono perse in un contenzioso infinito con lo Stato, nel fissare i confini di materie e competenze, ma nell insieme, a parte il primo periodo, hanno dimostrato di essere inerti sul piano delle politiche pubbliche. Ditemi una sola cosa memorabile fatta. E non è una questione di risorse o sprechi sottolinea Bressa ma di cultura politica, di classe dirigente. Le Regioni speciali, invece, con i dovuti distinguo, hanno vinto la scommessa, hanno saputo gestire il sistema. Che fare adesso? Arrivano due occasioni straordinarie: il Senato delle Regioni e le prossime elezioni». Zaia è saltato su come una molla: «L esponente centralista di un governo supercentralista ha perso un occasione per tacere - replica Sia chiaro, non voglio togliere poteri a Trento o a Bolzano, ma dare pari opportunità al mio Veneto. Nel merito: certo che a Bolzano non aprono contenziosi, non ne hanno bisogno perchè hanno già competenze esclusive che noi ci sogniamo. No, Bressa utilizza delle ovvietà per attaccare le Regioni ordinarie». Il governatore ribalta il ragionamento: «Vivere in Trentino Alto-Adige è come spassarsela a Beverly Hills, stare in Veneto è come sbarcare il lunario nelle favelas. E questi, da lì, vengono a farci le pulci, a dire che da noi non funziona niente. Sfido io: non ci tratteniamo mica dal 40 al 90% delle entrate tributarie statali come fa la Provincia di Trento. Ed è logico che questa classe dirigente faccia discorsi del genere: da decenni governa cercando solo l autoconservazione e il centralismo, a scapito di poche regioni che mantengono tutto il sistema, a cui negano ogni sacrosanta autonomia. La riforma del Senato era un occasione per rivedere tutto e riequilibrare le disparità: hanno scelto di rafforzare unicamente la supremazia statale. I costi-standard nella sanità sono pronti dal 2011: chi li ha visti?». Zaia sfida Bressa sul pratico. «Il Veneto, prima regione turistica d Italia, può disporre di 3 milioni di euro per la sua promozione, contro i 57 milioni della Provincia trentina». Poi parte a raffica con i confronti: «Badante gratis: la Provincia di Trento eroga un assegno di cura integrativo all indennità di accompagnamento fino a euro mensili. Il reddito minimo per soggetti bisognosi fino a 950 euro per 4 mesi con tre possibili rinnovi. Libri di testo gratis dalle elementari al biennio superiori. Ed ancora: il dentista gratis da 0-18 anni; le borse di studio per frequenza di corsi di lingua straniera fino a euro; lo stipendio di un insegnante di scuola superiore pari a euro lordi mensili (cui possono aggiungersi indennità di bilinguismo annuale per euro e indennità specializzazione di euro) a fronte dei euro lordi mensili per l insegnante in Veneto». Poi c è tutto il capitolo imprese: «Finanziamenti a fondo perduto che per il Veneto non esistono. Agevolazioni Irap di svariata natura e riduzione dell aliquota a zero per le nuove imprese. Facilitazioni per l accesso al credito». Conclude Zaia: «Bressa, di che parliamo? Valle un po a spiegare a Belluno le cose che dici». Pubblicato il 13 settembre 2014 Link: Pagina 09

13 L indipendentismo non è più un fenomeno sporadico, ma una realtà emergente. L appuntamento per la Scozia è il prossimo 18 settembre e i sondaggi degli ultimi giorni hanno visto il consenso degli indipendentisti superare la soglia del 50%. Questo accade in una democrazia avanzata come quella del Regno Unito che ha con coraggio accettato il voto popolare sulla richiesta degli scozzesi di diventare uno Stato autonomo. Per quanto riguarda il Veneto, lo scorso giugno, a maggioranza e con voto nominale è stata approvata la legge per indire il referendum sull indipendenza della Regione. Ma all Italia poco piace l idea di un Veneto indipendente, così in agosto il Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro Lanzetta, ha deciso di impugnare entrambe le leggi regionali 15 e 16, che prevedono due differenti ipotesi di autonomia per la regione. Fatto questo su cui riflettere. Il Regno Unito accetta che siano i cittadini a scegliere, in Italia l indipendenza o la richiesta di maggiori spazi di autonomia vengono osteggiate e i temi trattati alla stregua di tabù sui quali non si può neanche discutere. Da tenere sempre in evidenza il fatto che alla raccolta firme di marzo in soli due giorni, nei 549 gazebo allestiti dalla Lega in tutta la Regione, sono state raccolte oltre 100 mila sottoscrizioni a favore dell indipendenza a dimostrazione di quanto il tema sia sentito e quale sia il grado di favore che incontra. E il momento di ufficializzare questa reale e concreta richiesta ed esigenza di indipendenza, come sta accadendo per la Scozia e come accadrà per la Catalogna con le consultazioni fissate per il 9 novembre Per la Scozia l esito delle votazioni sarà vincolante, mentre per la Catalogna esiste il rischio di forti tensioni tra lo Stato centrale e la Generalita de Catalunya (Comunità Autonoma della Catalogna). La consultazione da un punto di vista legale non può ufficialmente portare alla secessione catalana dal resto del Paese, ma la vittoria del sì porrebbe Madrid nella condizione di non potersi girare dall altro lato. Le motivazioni per il Veneto sono in parte analoghe a quelle di Scozia e Catalogna, ma peculiari sul versante economico. Da un lato c è un forte sentimento identitario del popolo Veneto dall altro condizioni economiche e fiscali ben peggiori di quelle scozzesi o catalane di cui le parole di Stefano Bruno Galli, in un articolo di poche settimane fa, sono la sintesi corretta: Altro che identità smarrita, il grande Nord oggi sta morendo di fiscalità. E anche nell età della globalizzazione la risposta che chiede è la stessa di sempre: autonomia. Pubblicato il 9 settembre2014 Link:http://www.filippobusin.it/it/4090/indipendenza-scozia-catalogna-veneto.html Pagina 10

14 GOVERNO: LEGA NORD, RENZI NON PUO NEGARE RICHIESTA INDIPENDENZA DEL VENETO ROMA, 16 SET Mentre in Scozia si sta per celebrare il referendum per l indipendenza, nell illiberale Italia renziana il presidente del Consiglio nella sua passerella programmatica ha ignorato completamente la richiesta di autodeterminazione del popolo veneto. Lo scrivono in una nota congiunta i deputati veneti del Carroccio Matteo Bragantini, Filippo Busin, Roberto Caon, Marco Marcolin ed Emanuele Prataviera che al termine del discorso del presidente del Consiglio hanno innalzato le bandiere del Veneto e i cartelli con la scritta Il futuro del Veneto nelle mani dei veneti. Questo governo centralista e dittatoriale non ha trovato di meglio che impugnare la legge 16 con cui la regione Veneto ha dato via libera all indizione di un referendum consultivo sull autodeterminazione dei veneti, negando al popolo il diritto di esprimere la propria volontà. È l ennesima vergogna di un governo non eletto incapace di riconoscere le più elementari regole democratiche. (Comunicato da Ufficio stampa Lega Nord) Pubblicato il 16 settembre 2014 Link: Pagina settembre 2014 PROTESTA IN AULA

15 REFERENDUM, LEGA MARCIA SU PALAZZO CHIGI: RENZI NON CI TAPPERÀ LA BOCCA ROMA, 17 SET Alla vigilia del voto sull indipendenza scozzese, la Lega Veneta chiede che sia data voce anche ai cittadini veneti. C erano tutti i parlamentari del territorio e non solo questa mattina davanti a Montecitorio per una simbolica marcia su palazzo Chigi, con bandiere col Leone di San Marco, striscioni, magliette e cartelli. Hanno chiesto libertà di parola per il popolo Veneto, polemizzando con un governo che vuole soffocare la voce dei cittadini. Il riferimento è alla decisione, assunta dal consiglio dei ministri l 8 agosto scorso, di impugnare la legge regionale sul referendum consultivo, deliberata da palazzo Balbi. Il futuro dei veneti nelle mani dei veneti, dicevano gli striscioni esposti. Unica la voce degli eletti territoriali del Carroccio. In corteo, alla manifestazione di questa mattina, il segretario della Liga Veneta e sindaco di Verona Flavio Tosi, con i deputati Matteo Bragantini, Filippo Busin, Roberto Caon, Marco Marcolin ed Emanuele Prataviera e i senatori Raffaela Bellot, Patrizia Bisinella, Emanuela Munerato, Erika Stefani, Paolo Tosato. In delegazione anche molti altri colleghi del Nord, che sposano la causa. Il governo sta dimostrando di avere paura della volontà del popolo e sta di fatto privando i nostri cittadini della libertà di scelta democratica, hanno detto i parlamentari leghisti. Per il Carroccio la consultazione s ha da fare, al di là dei veti governativi: Ogni anno regaliamo a Roma 21 miliardi di tasse, che non ritornano sul nostro territorio, Roma ci sta dissanguando. Chiediamo, come altre regioni italiane, di poter conservare il nostro gettito e di poter decidere il nostro futuro. Ma le ragioni del referendum oltre che economiche, sono anche identitarie e culturali: La bandiera del Leon è simbolo di anni di storia, non sarà il Renzi di turno a soffocare la voce di un popolo che ha un passato comune e radici inossidabili. (Comunicato da Ufficio stampa Lega Nord) Pubblicato il 17 settembre 2014 Link: Pagina 12

16 SCOZIA, I PARLAMENTARI VENETI: BASTA TABÙ, RENZI RITIRI RICORSO CONTRO REFERENDUM VENETO ROMA, 19 SET Ora parlare di indipendenza non sarà più un tabù. La lezione di democrazia della Scozia sia di esempio a Renzi: invitiamo il premier a ritirare, da subito, il vergognoso ricorso contro i referendum consultivi approvati dal consiglio regionale veneto. Nel giorno successivo alla consultazione scozzese e alla vigilia della manifestazione di domenica, a Cittadella, i parlamentari leghisti sfidano il premier a eliminare l opposizione alla delibera di palazzo Balbi, che sancisce i referendum per l indipendenza e l autonomia del Veneto. A sottoscrivere la richiesta sono i deputati del Carroccio Matteo Bragantini, Filippo Busin, Roberto Caon, Marco Marcolin ed Emanuele Prataviera e i senatori Raffaela Bellot, Patrizia Bisinella, Emanuela Munerato, Erika Stefani, Paolo Tosato. 181 consigli comunali, 4 consigli provinciali, 100mila firmatari chiedono quel referendum. Uno stato che ha paura di dar voce ai cittadini si chiama con un solo nome: dittatura. Purtroppo il ricorso alla Corte costituzionale del governo, l indagine-farsa sui serenissimi, l opposizione spietata ai nostri tentativi di introdurre lo statuto speciale del Veneto nelle riforme, dimostrano che questo governo e la sua maggioranza vogliono soffocare la voce democratica del nostro popolo. È preoccupante che pezzi di stato, ad ogni livello, abbiano dichiarato guerra a un referendum, per giunta consultivo. Sono segnali allarmanti, che richiamano tempi funesti in cui le decisioni erano imposte e i cittadini erano costretti a subire. Il democratico Renzi prenda quindi esempio dalla Gran Bretagna, ritiri il ricorso e si confronti con il voto dei veneti. Cameron ha avuto coraggio, il confronto con il governo italiano è impietoso. (Comunicato da Ufficio stampa Lega Nord) Pubblicato il 19 settembre 2014 Link: CITTADELLA domenica 21 settembre La manifestazione della Lega Nord ha riempito le piazze di Cittadella in provincia di Padova. Pagina 13 Pubblicato il 22 settembre 2014 Link:

17 REGIONE INCARICA BERTOLISSI E CACCIAVILLANI DI DIFENDERE LA LEGITTIMITÀ DEI REFERENDUM VENETI SU AUTONOMIA E INDIPENDENZA. ZAIA: TUTELIAMO CON DETERMINAZIONE IL DIRITTO DI ESPRESSIONE DEL NOSTRO POPOLO Saranno gli avvocati Mario Bertolissi e Ivone Cacciavillani a difendere in Corte Costituzionale la legittimità delle due Leggi regionali n. 15/2014, Referendum consultivo sull autonomia del Veneto e n. 16/2014, Indizione del referendum consultivo sull indipendenza del veneto, impugnate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. La decisione di costituirsi nel giudizio di legittimità per entrambe le leggi è stata assunta dalla Giunta regionale e comunicata dal presidente Luca Zaia, che ha ribadito la volontà di difendere in ogni sede e mettendo in campo le migliori energie, le iniziative referendarie approvate dal Consiglio, per dare finalmente l opportunità ai veneti di esprimersi sulla propria autodeterminazione. L affidamento del patrocinio a giuristi di chiara fama come il professor Bertolissi e l avvocato Cacciavillani sottolinea Zaia testimonia la nostra determinazione non solo di dimostrare che le leggi impugnate non violano la Costituzione e sono state approvate nell interesse della comunità regionale, ma anche di tutelare il diritto di espressione dei veneti. Guardiamo con interesse a quello che sta accadendo in Catalogna ha concluso Zaia perché la loro battaglia di democrazia equivale alla nostra e le condizioni giuridiche sono simili. Vedremo se il prossimo 9 novembre la Spagna consentirà lo svolgimento del referendum voluto da Barcellona o se anche lì, come accade in Italia, i poteri centrali dello Stato tenteranno di bloccare una consultazione richiesta a gran voce da un popolo. Da Regione Veneto - Comunicato stampa N 2154 del 29/09/2014 (AVN) Venezia, 29 settembre 2014 Pubblicato il 30 settembre 2014 Link: OPERATIVO IL C/C REGIONALE La Regione rende operativo da lunedì 6 ottobre 2014 il conto corrente sul quale fare affluire i versamenti per il finanziamento del referendum consultivo sull indipendenza del Veneto come previsto dalla legge regionale 16/2014. Il numero di IBAN del conto corrente è il seguente: IT 37 C Per quanto concerne il referendum sull autonomia, per la sua particolare natura giuridica è finanziabile, come disposto dalla legge regionale 15/2014, con fondi del bilancio regionale. Pagina 14

18 VENETO: modello virtuoso SANITA : CALA SPESA FARMACEUTICA IN VENETO ZAIA, ECCO COSA SIGNIFICA COSTI STANDARD, SI USINO OVUNQUE E LA SPESA SANITARIA NON SARA PIU UN PROBLEMA. Ecco cosa significa saper applicare i costi standard in sanità a 360 gradi, controllando l entità della spesa e innalzandone la qualità. I 28 milioni risparmiati in Veneto in un solo settore possono moltiplicarsi e diventare miliardi a livello nazionale. Prima si fa e prima si avranno risultati immediati ben superiori di quelli di qualsiasi roboante riforma di quelle che ci vengono sbandierate ogni giorno, più volte al giorno. Con queste parole il Presidente della Regione de Veneto Luca Zaia commenta i dati del monitoraggio sulla Spesa Farmaceutica Regionale nel semestre gennaio-giugno 2014, effettuato dall Agenzia Italiana del Farmaco. Si applichino ovunque i criteri e i costi sui quali il sistema sanitario veneto sta concentrando il suo lavoro quotidiano aggiunge Zaia e in tutta Italia la spesa sanitaria non sarà più un problema, non serviranno Commissari in molte Regioni e tagli nazionali, che sempre vengono garantiti come non lineari, ma che sinora si sono rivelati vere e proprie mazzate sulla testa di chi non le merita, come il Veneto e le altre, purtroppo poche, Regioni virtuose. Nel caso della farmaceutica conclude Zaia si tratta davvero di applicare equilibrio, buon senso e professionalità nelle prescrizioni, che si traduce in appropriatezza. Questo fanno ogni giorno tutti i protagonisti della sanità veneta e per questo li ringrazio uno a uno. Dal sito della Regione Veneto Comunicato stampa N 2143 del 26/09/2014 Pubblicato il 27 settembre 2014 Link: Roma: aggressioni, rivolte e disagio E fin troppo facile aver previsto tutto questo. Purtroppo le questioni cruciali per la nostra convivenza civile e pacifica vengono affrontate con una superficialità disarmante. Quello che colpisce è la mancanza del senso di responsabilità di chi è al governo, nazionale ma anche locale, che sembra nascondersi dietro i facili alibi dei principi astratti quali solidarietà, accoglienza piuttosto che guardare ai problemi concreti. Come giustamente recita il proverbio la strada per l inferno è lastricata di buone intenzioni. Ci si dimentica che fare politica significa valutare la bontà delle proprie decisioni sulla base dei risultati generati e non su quella del facile buonismo, utile solo a lasciare con la coscienza tranquilla politici non all altezza. Pagina 15 Pubblicato il 23 settembre 2014 Link:

19 ROMA: sprechi e disservizi 84 società analizzate e il risultato è dato da: criticità, sprechi, conti che non tornano e mancato rispetto delle regole. Invito alla lettura dell articolo di Daniele Autieri pubblicato da Repubblica. Atac, Ama, Eur spa nel mirino di Cottarelli sprechi e disservizi Nel Lazio il record dell inefficienza delle società pubbliche: conti e personale sotto scrutinio Un lungo elenco di criticità, conti che non tornano e mancata aderenza alle regole del mercato. E questa la mappa delle aziende controllate dagli enti locali laziali, Comune di Roma e Regione Lazio in primis, tracciata dal Commissario per la spending review, Carlo Cottarelli, e dalla sua squadra. In tutto 84 società, a conduzione prevalente pubblica, che sono state analizzate nel loro business e nel loro conto economico alla ricerca di una strada percorribile per ridurre gli sprechi. Il risultato di mesi di indagini è contenuto nel Programma di razionalizzazione delle partecipate locali stilato il 7 agosto scorso dal gruppo di lavoro impegnato sulla revisione della spesa pubblica. Cinquanta pagine, ricche di numeri e cifre, e dedicate quasi esclusivamente alle criticità laziali. Già dalla prima analisi comparativa su scala nazionale emerge infatti che tra le 10 società controllate dagli enti locali in Italia con le maggiori perdite, figurano tre aziende della regione: l Atac che con il suo deficit monstre occupa saldamente la prima posizione in questa poco lusinghiera classifica al contrario; Investimenti spa (la holding controllata dalla Camera di Commercio e proprietaria della Fiera di Roma) in quinta posizione con una perdita di quasi 30 milioni di euro; e Cotral, società del trasporto controllata invece dalla Regione Lazio che ha superato i 20 milioni di perdite annuali. Secondo il gruppo di lavoro il tema più critico rimane quello del trasporto, al quale viene dedicato un dettagliato approfondimento. Sul fronte delle tariffe, quella dei mezzi pubblici romani rimane tra le più basse in Europa. Il biglietto ordinario da 1,5 euro viene infatti superato dagli 1,7 euro di Parigi, dai 2,4 di Berlino e dai 2,7 di Londra. Stesso discorso per gli abbonamenti mensili e quelli annuali che rispetto alla cifre della capitale inglese sono inferiori anche di quattro volte. Tutti sanno però ormai che gli introiti di Atac derivano solo in minima parte dalla vendita del biglietto. La fetta più consistente arriva dal contratto di servizio e dai trasferimenti del Comune di Roma e della Regione Lazio, indispensabili per far uscire gli autobus dai depositi. Guardando invece all efficienza del servizio, secondo il gruppo di lavoro gli standard offerti dalle società regionali sono ancora troppo bassi. Il Lazio risulta infatti essere la peggiore regione in Italia (si veda anche a questo proposito l editoriale nella pagina precedente) insieme al Veneto nel rapporto tra offerta e domanda di trasporto pubblico. In sostanza, ci sono pochi autobus e poche metropolitane rispetto alla richiesta dei cittadini. Ma il vero male delle società controllate dagli enti locali laziali rimangono il debito elevato e la scarsa produttività. I dati del Roe-return on equity (l indice adottato nei bilanci per calcolare la redditività) sono in molti casi drammatici. A guidare la lista delle peggiori c è in questo caso la Eur tel (piccola società a responsabilità limitate che ha un Roe del -368,5%). A seguire ancora una volta l Atac, dove il dato calcolato dagli uomini di Cottarelli è pari ad un -38,3%. Sempre nella lista dei peggiori figurano poi l Azienda per la mobilità (i cui vertici dovrebbero essere sostituiti proprio in questi giorni) con un -37% e Investimenti spa con un -13%. A cascata arrivano Centro ingrosso fiori, Polo tecnologico e Banca impresa Lazio. Appena un po meglio società come Aequa Roma (quella che si occupa della riscossione dei tributi capitolini), Ama, Eur spa, Fondazione Cinema per Roma. I risultati migliori vengono invece messi a segno da Risorse per Roma, che entra tra le virtuose in questa classifica con un Roe del 13,4%, Zetema che tocca il 27,8%, Roma Multiservizi (33,4%) e Lazio Service (36,32%). Il quadro tracciato dal Commissario di governo trova consapevoli sia il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, che il sindaco di Roma, Ignazio Marino. Il processo di razionalizzazione delle aziende controllate è infatti partito sia nella Regione che nel Comune con un accelerazione più sostenuta nel primo caso dove molte delle vecchie aziende sono state cancellate o incorporate. Resta adesso da vedere se, per tutte quelle che sono rimaste, la strada della riforma e del taglio degli sprechi sia pienamente percorribile. Pubblicato il 2 ottobre 2014 Link: Pagina 16

20 Interrogazioni Agenzie di scommesse collegate a bookmaker privi di concessione Atto Camera Interrogazione a risposta immediata in commissione presentato da BUSIN Filippo testo di Martedì 16 settembre 2014, seduta n. 291 BUSIN e GUIDESI. Al Ministro dell economia e delle finanze. Per sapere premesso che: complesso fenomeno delle agenzie di scommesse sfugge sempre di più alle possibilità di gestione e controllo dei Governi; per quel che riguarda il nostro Paese, la fotografia del fenomeno è data anche da cinquemila punti scommessa fuori dal controllo statale, 530 milioni (per ora) di mancati incassi per l erario e un contenzioso nazionale e comunitario lungo 15 anni; si tratta agenzie di scommesse collegate a bookmaker privi di concessione, aperte in ogni città senza vincoli di distanza da luoghi sensibili, senza oneri concessori e senza versare imposte al Ministero dell economia e delle finanze come è invece richiesto ai concessionari statali; grazie a cinque decisioni della Corte di giustizia europea (nel 1998, 2003, 2007, 2012 e 2013 su azioni di StanleyBet e Goldbet) e a una serie di ordinanze e sentenze sia dei tribunali penali sia di quelli amministrativi, si sono sviluppate di fatto due categorie di punti vendita: una rete autorizzata dall Agenzia delle dogane e dei monopoli, composta da circa punti vendita e cresciuta negli ultimi anni del 20 per cento a seguito di bandi di gara per assegnare nuove concessioni, e un network di agenzie e internet point, passato da circa a quasi 5 mila punti negli ultimi due anni (+21 per cento, secondo il censimento realizzato da Sistema gioco Italia), collegati a bookmaker e casinò offshore senza concessione italiana piazzati all estero, generalmente in giurisdizioni Unione europea come Austria, Malta, Inghilterra ma spesso in paradisi fiscali; da ultimo, è stata avviata un indagine della Procura di Roma a carico della StanleyBet, società con sede all estero ma di proprietà dell italiano Giovanni Garrisi, che è indagato con altri undici manager della società per associazione per delinquere: l accusa è di «esercitare (in Italia) l attività illegale di giochi e scommesse, in assenza di qualsiasi titolo concessorio e in totale evasione di imposta», avvalendosi di una «stabile organizzazione occulta di persone e mezzi», articolata sul territorio attraverso Ctd, i Centri di trasmissione dati che raccolgono le puntate e le piazzano online; a fine giugno 2014 la Guardia di finanza ha sequestrato materiale in alcune sedi della StanleyBet, tra cui Milano, Montecatini, Potenza, Giugliano, Roma. «I Centri di trasmissione dati scrivono nel decreto di sequestro i pm sono formalmente dipendenti da un altra società, la StanleyBet Malta Limited», con sede a Malta. In Italia opera il legale rappresentante, che al tempo stesso, è uomo «riconducibile con un rapporto di dipendenza funzionale al gruppo di Garrisi» il meccanismo messo in piedi da StanleyBet per evadere le tasse italiane sul gioco sostiene la Procura si baserebbe dunque su questa doppia «paternità» dei Centri di trasmissione dati; l aspetto più grave e insolito della vicenda è che la strategia difensiva di StanleyBet oltre che con il contrasto ai Monopoli e attraverso querele ai giornali si è manifestata anche con querele ai finanzieri che, eseguendo gli ordini delle procure, hanno operato il sequestro di materiali o provveduto alla chiusura dei punti vendita; si paventa anche il rischio che singoli dipendenti dell Agenzia delle dogane e dei monopoli e militari della Guardia di finanza ricevano dalla «StanleyBet Malta Limited» una citazione diretta in sede civile per risarcimento danni; tale situazione appare all interrogante gravissima ed inaccettabile, contraria a qualunque precedente o prassi in materia, ancor di più in mancanza di una chiara presa di posizione dello Stato a sostegno e tutela dei funzionari che a suo nome applicano la legge : se sia a conoscenza dei fatti sopra esposti e come intenda intervenire a tutela dei funzionari delle Agenzie e degli agenti della Guardia finanza coinvolti nella vicenda. Risposta scritta pubblicata Mercoledì 17 settembre 2014 nell allegato al bollettino in Commissione VI (Finanze) Con il documento di sindacato ispettivo in esame, gli Onorevoli interroganti intendono sottoporre all attenzione del Governo le criticità connesse al dilagante fenomeno delle agenzie di scommesse, collegate a bookmakers e casinò off-shore con sedi all estero che esercitano attività di raccolta di gioco in Italia senza concessione da parte della competente Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, senza vincoli di distanza dai luoghi sensibili e senza versare le imposte dovute all Erario. Gli Interroganti segnalano che negli ultimi due anni, secondo il censimento realizzato dal Sistema gioco Italia, nel nostro paese si è creato un network di agenzie e internet point di quasi 5000 punti scommessa fuori dal controllo statale. In particolare, gli Onorevoli interroganti segnalano la vicenda relativa alle indagini svolte dalla Guardia di Finanza, in collaborazione con l Agenzia delle dogane e dei monopoli, relativa alla società «StanleyBet Malta limited» con sede all estero che attraverso appositi Centri di trasmissione dati raccoglie nel territorio italiano le scommesse e la piazza online. Ciò premesso, gli Onorevoli interroganti sollecitano chiarimenti in merito alla vicenda rappresentata con specifico riferimento alle iniziative da intraprendere al fine di fronteggiare le querele e le richieste di risarcimento avanzate, nell ambito della propria strategia difensiva, dagli avvocati di «StanleyBet Malta limited», nei confronti dei funzionari dell Agenzia e degli agenti della Guardia di finanzia coinvolti nell attività di indagine avviata dalla magistratura. Al riguardo, sentita l Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, si rappresenta quanto segue. L Agenzia svolge istituzionalmente attività di controllo sull esercizio dei giochi soggetto a regime di monopolio pubblico, unitamente alla Guardia di Finanza ed alle altre Forze di Polizia. In epoca recente, i controlli nell ambito del comparto delle scommesse sono stati prioritariamente indirizzati nei confronti di soggetti che operano in mancanza della concessione per l esercizio dell attività di scommesse e dell autorizzazione di pubblica sicurezza di cui all articolo 88 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, recante il Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza (TULPS), sottraendosi altresì al pagamento dell imposta unica sulle scommesse raccolte. Ciò in quanto si è fortemente intensificata, negli ultimi anni, la presenza di esercizi che operano nelle predette condizioni, al punto da costituire una vera e propria rete parallela rispetto a quella degli esercizi che svolgono l attività previo rilascio della concessione e della autorizzazione di pubblica sicurezza, corrispondendo regolarmente (nella stragrande maggioranza dei casi) le imposte dovute. Pagina 17

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli