SERGIO BOFFETTI QUANDO LA PIOGGIA CORRE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERGIO BOFFETTI QUANDO LA PIOGGIA CORRE. www.0111edizioni.com"

Transcript

1

2 SERGIO BOFFETTI QUANDO LA PIOGGIA CORRE

3 QUANDO LA PIOGGIA CORRE Copyright 2011 Zerounoundici Edizioni Copyright 2012 Sergio Boffetti ISBN: In copertina: Immagine Shutterstock.com Finito di stampare nel mese di Febbraio 2012 da Logo srl Borgoricco - Padova Ogni riferimento a personaggi realmente esistiti è puramente casuale.

4 A mia madre, ovunque essa sia. S.B.

5

6 Canto per dire le mie lacrime, quando canto è come quando piango. Danzo per dire la mia gioia, quando danzo è come quando rido. (anonimo rom)

7

8 7 1. Abbandono Un aereo nel cielo, chissà dove sarà diretto Ecco finalmente il momento, l ora di fuggire lontano da questo posto. Dopo aver visto quell aereo dalla finestra della mia stanza me ne sono andato, lasciando la porta di casa mezza aperta. Ho portato con me soltanto uno zainetto con i miei risparmi, la mia tromba e uno spuntino, nel caso mi venisse fame. Percorro rapidamente i campi che si estendono davanti a me cercando di non voltarmi mai indietro, per evitare ripensamenti. Guardo l orologio che mi regalò papà e allungo il passo. La terra, ancora umida di rugiada, m infanga le scarpe da ginnastica. Mi volto in direzione dei colpi che sento battere dietro di me. Il signor Arturo sta zappando il suo orticello mentre sua moglie strappa le erbacce con due braccia orribilmente muscolose. Non sospettano che ho intenzione di non tornare mai più. Il signor Arturo non sa nemmeno cosa significhi non tornare più a casa, lui capisce solo le sue pecore e loro capiscono solo lui. Ora mi sta venendo il senso di colpa per aver rubato due mele dal suo albero, ieri sera, ma dal suo sorriso sembra non se ne sia accorto. Anche Lisetta mi saluta spalancando la bocca. Deve avere perso un altro paio di denti dall ultima volta che l ho vista. Chissà come farà a masticare. Forse frulla tutto e beve con la cannuccia. Ricambio il saluto e mi metto a correre. Inizio a pensare che non vedrò mai più quei campi, quelle unghie nere, quelle facce lerce. Ancora una piccola corsa e senza accorgermene raggiungo la stazione dei treni. Mi siedo sull unica panchina e aspetto, picchiettando nervosamente con le dita sulle ginocchia. Quando sono nervoso picchietto sempre con le dita sulle ginocchia, anche se non serve a niente. Il vento è sempre più freddo, mi stringo stretta la sciarpa rosa che ho al collo. Intorno a me non c è nessuno. È troppo presto, penso. Vedo avvicinarsi un vecchio signore con una pipa che gli penzola dalla bocca.

9 8 Sto contando i soldi che tengo nel portafogli quando mi sembra di sentire lo sferragliare di un treno. Il capostazione avvisa che è diretto a Bergamo e quindi ricomincio a contare. «Dove stai andando?» Mi volto. È il vecchio con la pipa. «Non so soltanto lontano da qui. Ho uno zio che vive in Francia» rispondo, rimettendomi il portafogli in tasca e guardando altrove, per fare che smammi. «Capisco» risponde il vecchio, annuendo «quindi arrivi a Milano e poi prendi il diretto per Parigi?» «No. Arrivo a Torino e poi andrò a piedi. Mio zio sta vicino al confine con l Italia.» Il signore ride e tossisce facendo un gran baccano. «A piedi da Torino fino in Francia?» «Non so, farò l autostop problemi miei» rispondo, cercando di mantenere la calma. Mentre il treno riparte, il vecchio si allontana a passo lento da dov era venuto. Ancora solo. Ricomincio a contare i miei soldi, ma qualcosa m interrompe di nuovo. Stavolta è un profumo intenso di ciambelle alla crema. Mi entra dal naso come un onda e lo sento strisciare sotto la lingua e poi giù nella gola. Chiudo gli occhi e lascio ciondolare la testa, finché l onda non mi trasporta lontano. Sono sulla Cinquecento di Mamma con il solito senso di nausea e la testa pesante. Lei sta parlando, ma io non l ascolto. Ho in mano una scatola di ciambelle e la fame mi stringe lo stomaco. Sono seduto sul dannato sedile posteriore, perciò potrei aprire la sca tola e prenderne una senza che se ne accorga. Così faccio un colpo di tosse per coprire il rumore della confezione che si apre, infilo una manina ed estraggo una grossa ciambella alla crema. La inghiotto in due bocconi. Mentre mangio Mamma continua a parlare di smalto per le unghie e io prendo un altra ciambella, poi un altra e un altra ancora. La fame sembra aumentare, anziché diminuire. Lei si volta verso di me. «Cazzo!» strilla, sterzando bruscamente.

10 9 Si ferma sul ciglio della strada, scende dall auto e fa scendere anche me. Mi fa accostare al marciapiede e mi guarda dall alto dei suoi tacchi a spillo. Io reggo ancora la scatola fra le mani, come un paggio tiene il cuscino con le fedi nuziali. Lei me la strappa dalle mani e la esamina attentamente. «Tutte! Tutte le hai mangiate, schifoso ingordo!» urla con quella mezza Camel fra le labbra rosse, «ora mi dici cosa porto alla zia Adelaide? Forza, piegati in avanti!» dice, dandomi un colpetto sulla schiena. Io mi piego e lei mi infila due dita in gola fino a farmi vomitare tutte le ciambelle. «Non ti meriti di avere lo stomaco pieno mentre io ho i crampi dalla fame!» Il fischio di un altro treno mi riporta alla realtà. Iniziano a formarsi nel cielo nubi affusolate simili a lombrichi. Qualcun altro si sta avvicinando a me. È un ragazzo alto e con dei capelli neri legati sulla nuca. Ha in mano una scatola di ciambelle e mi guarda strano. Salgo sul treno diretto a Milano Centrale occupando il primo sedile che trovo libero. Il ragazzo si siede proprio di fronte a me. Inizia a piovere e il treno riparte lentamente. Le gocce di pioggia iniziano a correre sul finestrino alla mia sinistra e io faccio l indifferente, non le degno proprio di uno sguardo. Delle formiche iniziano a camminarmi dentro alla testa e le voci dei passeggeri diventano sottili. Quando la pioggia corre significa che sta arrivando qualcosa di brutto, che forse piangerò. Devo solo stare ad aspettare. Se cerco di spiegarlo nessuno mi crede, ma è proprio così che vanno le cose. E più mi muovo, più tutto peggiora. Così devo starmene zitto e immobile, mentre intorno a me tutto precipita. Il ragazzo mi sta sorridendo. Presumo stia macinando i miei stessi pensieri. «Qui piove sempre» gli dico. «Come dici?» «Te ne vai per questo, vero?» «No» risponde, ridendo «certo che no» Mi maledico per avergli fatto una domanda tanto stupida. Lui apre un piccolo quadernetto e inizia a scarabocchiare qualcosa con una matita consumata. Non mi rivolge più la parola.

11 10 Vedo passare nel corridoio del vagone il vecchio signore con la pipa in bilico. Sembra possa cadergli dalla bocca a momenti. Il ragazzo continua a scrivere muovendo le labbra. Mi alzo, con la scusa di levarmi il giubbino, e lo guardo dall alto. Indossa un soprabito nero da becchino dal quale spunta una camicia bianca, sbottonata sul collo. Le sue sopracciglia vanno su e giù, le sue spalle sono grosse quanto quelle del signor Arturo. Penso di non averlo mai visto prima. Mi risiedo ma non riesco a smettere di fissarlo. Ha qualcosa negli occhi, nel profumo alza lo sguardo verso di me. Non sopporto di essere osservato a lungo, ma il suo sguardo addosso mi rassicura. «Sei frocio?» mi chiede all improvviso, lasciandomi di pietra. «no» rispondo io, senza sapere in realtà cosa avrei dovuto rispondere per non dire una bugia. «Credo di no» preciso. «E allora perché ti vesti in quel modo strano?» «Io suono nei locali.» «Veramente? Musica composta da te?» «No, io suono soltanto. La musica la scriveva mio padre.» «E che tipo di musica suoni?» «Punk, jazz e tu cosa fai?» «Il poeta.» «Il poeta?!?» «Sì, ti sembra surreale?» «No, solo che non sapevo ci fosse davvero qualcuno a fare questo mestiere.» «Non è il mio mestiere» sorride «soltanto una passione.» Il treno si ferma. «Qual è il tuo nome?» gli chiedo. «Abraham, e il tuo?» «Il mio non mi piace» rispondo, guardando le goccioline di pioggia ferme sul finestrino «dammene uno tu.» «Mmmh» sfoglia in fretta il suo quadernetto «Nadir?» Annuisco. Il treno riparte e Abraham ricomincia a scarabocchiare. La sua pelle mi ricorda il libro di Oliver Twist che mi regalò il vecchio col pancione che stava al bancone della biblioteca. La copertina era morbida e liscia, e quando leggevo qualche pagina, la sera, mi ci addormentavo sopra

12 11 respirando il profumo del cuoio. Abraham sembra interessato solo alle sue poesie. «Tu dove vai?» gli chiedo. Lui non mi sente. O forse non vuole dirmelo. Fa lo stesso Qualcuno mi scuote forte. «Ehi, siamo arrivati bimba» mi sveglia Abraham con un ghigno malizioso. Scendiamo dal vagone e mi accorgo di non aver messo il giubbino. «Io vado a Torino» alzo la voce mentre infilo le maniche «sai da dove parte il treno?» Abraham allunga il passo e viene presto inghiottito dalla folla. Poi mi cerca, sgrana gli occhi e mi strilla: «Datti una mossa o lo perderemo!» Il treno è gelido, Abraham prende a pugni il condizionatore e lo maledice. Io mi siedo di nuovo di fronte a lui, che si rituffa nel suo quadernetto nero. Le ruote iniziano a muoversi, le gocce sul finestrino prendono una forma stretta e allungata, alcune si dividono, altre resistono. Io mi appoggio allo schienale mentre continua a piovere. Mi abbandono e chiudo gli occhi. Lo stridio dei freni mi risveglia. Cerco di riprendermi e mi ricordo subito di Abraham. È strano, ma ho la sensazione di aver sentito le sue mani accarezzarmi mentre dormivo. Poi abbandono l idea. Impossibile. Lui non c è più. Mi informo di quanto tempo manca prima di arrivare a Torino. Solo mezz ora, devo aver dormito molto. Quando il treno giunge a destinazione penso che non ho mangiato niente dalla sera prima. Scendo di corsa e cerco disperatamente un bar. L aria è più calda di quella del treno e mi tolgo la sciarpa che ho attorcigliato un milione di volte intorno al collo. Appena vedo lampeggiare un grosso hot dog fuori da una tavola calda, mi ci infilo e ordino tutto quello che voglio, in modo che mi basti per un po. Esco dalla stazione e mi guardo intorno. Solo lì mi accorgo che non so dove abita zio Ulisse. So che vive in Francia, ma la Francia è enorme, molto più di Bergamo e della Lombardia.

13 12 Penso davvero che farei meglio a tornarmene a casa. Qui sono solo, disperso, senza nemmeno sapere da che parte andare. Come vorrei che Fra fosse qui con me. Lui sa sempre esattamente cosa fare. Il telefono è gigantesco. Inserisco le monete una a una e faccio il numero a memoria. Prego che risponda lui «Pronto?» Ha la voce di quando si è appena svegliato. Mi sembra di vederlo, con il ciuffetto biondo sugli occhi e l alito che sa di biscotti. Scommetto che porta la solita felpa di John Cena che gli ho regalato per Natale. A me il wrestling non è mai piaciuto molto, ma a Francesco sì. Lo vedevamo insieme la domenica pomeriggio, sdraiati sul suo letto a luci spente. Sua madre ci portava i biscotti con i canditi da sgranocchiare mentre lui tifava per John. Anche a me piaceva John Cena, ma non badavo molto al suo modo di combattere. Guardavo i suoi mutandoni rossi e stretti cercando di immaginarmi Fra vestito allo stesso modo. «Ma chi sei?» mi chiede ancora la sua voce. «Chi è?» urla sua madre dalla cucina. Io non so che dire, la sua voce mi fa martellare il cuore. «Sei tu?» bisbiglia, facendomi rabbrividire. Mi ha scoperto «si può sapere dove ti sei cacciato? Ti stiamo cercando dappertutto» Riaggancio e tiro un sospiro profondo. Mi avvicino all edicola e compro una cartina. Con un dito indico dove mi trovo e con un altro il confine per uscire dall Italia. «Cazzo, deve essere interminabile da fare a piedi!» dico ad alta voce. Devo assolutamente farmi dare un passaggio. Mi chiedo dove potrei trovare qualcuno disposto a dare uno strappo a un ragazzino e mi viene in mente la statale. Ci arrivo dopo dieci minuti e rimango sul ciglio della strada per un bel pezzo. Provo a pensare a quello che ho visto fare nei film e metto fuori un braccio con il pollice alzato. Spero che si fermi qualcuno che vada nella mia stessa direzione. Qualcuno che non faccia troppe domande e che non voglia soldi. Mi basta aspettare pochi minuti prima che un auto inizi a rallentare e si fermi proprio davanti a me. «Dove vai?» mi chiede una donna con un marmocchio calvo accanto. «Francia.» «Allora non posso aiutarti.»

14 13 Riparte e io mi sposto più avanti dove c è una rientranza. Allargo le gambe e riprovo. Continuo così per tutto il pomeriggio, cercando di farmi notare. Quelle che si avvicinano sono tutte donne e nessuna di loro va in Francia. Forse è meglio se vado davvero a piedi come ho detto al vecchio con la pipa. Ci impiegherò un eternità ma ho tutto il tempo che mi serve. Non dovrò più andare a scuola, da oggi. Due auto si fermano contemporaneamente. Quella grigia è più vicina a me. Mi fa gli abbaglianti. Il finestrino si abbassa e due occhi sporgenti mi squadrano dal lato del guidatore. «Allora?» mi dice l uomo con un sorriso «che cerchi?» Allunga il collo verso di me e un raggio di luce illumina la sua faccia. É molliccia e giallastra, come l impasto della pizza. Gli mancano parecchi denti e i pochi rimasti hanno il colore della cenere. Sto per rispondere alla sua domanda, quando estrae dalla tasca un sacchetto trasparente e lo fa oscillare tenendolo con due dita. Mi allontano velocemente entrando nella macchia che costeggia la strada. Cerco di correre più in fretta che posso e rimango nascosto dietro a una betulla fino a che non sento l auto rimettersi in moto. «Ehi!» mi urla con una voce falsamente gentile «ehi, torna qui bello, non aver paura. Ti farà stare meglio!» «Ti farà stare meglio» mi dice Mamma «è per il tuo bene. Su, apri quella bocca.» Mi ci mette due pastiglie grosse come due olive. Mi si fermano in gola e sto per soffocare. «Bevi» continua, come sapesse tutto quello che bisogna fare per stare bene. «Perché tu non le prendi?» «Perché io non sto male. Non so che cazzo ti sei mangiato c era qualcosa di scaduto in frigorifero?» controlla il cartone del latte su ogni lato «le hai ingoiate?» «Sì» «Bravo il mio musicista» sorride, stampandomi le sue labbra rosse su tutto il corpo. Poco alla volta torno verso la statale, fermandomi ogni cento metri per accertarmi che nessuno mi stia pedinando. Il cielo inizia a farsi lentamente buio. Non pensavo di essermi inoltrato così tanto, eppure mi sembra di

15 14 riconoscere gli alberi che mi circondano. Non so come, ma sono sicuro che siano gli stessi che ho visto mentre scappavo, sebbene non abbia seguito un vero e proprio sentiero. Una volta riemerso dalla boscaglia è ormai buio. Non distinguo più i colori delle auto né chi le guida. Vedo solo i fari sopraggiungere alle mie spalle e passare oltre. Mi fermo e tiro fuori un braccio, sperando che il primo a fermarsi abbia un aria rassicurante. Dopo qualche secondo mi accorgo di una luce, più avanti, nascosta dagli alberi. Mi avvicino senza far rumore, finché non vedo un fuocherello con delle persone attorno. Sembrano tutte donne, dalla voce. Una è bionda ossigenata e l altra, seduta sul ciglio della strada, è senza scarpe e porta un gonnellino viola. Quando non volete far rumore c è sempre qualcosa che vi frega, ve lo garantisco! Senza farlo apposta pesto qualcosa di metallico, una lattina di Red Bull che qualcuno ha lanciato dal finestrino in corsa. Una delle due tipe, quella in piedi, si volta di scatto. «Ehi, che c è da guardare? Non hai mai visto niente di simile?» La sua amica senza scarpe ride continuando a guardare il fuoco. Io cerco di distogliere lo sguardo per farle smettere, ma la bionda si avvicina e parla più forte. «Dico a te! Non hai mai visto una donna che aspetta il marito per strada?» «il marito di chi?» chiedo. La ragazza senza scarpe scoppia a ridere piegando la testa indietro e chiudendosi la camicetta aperta. «Ehi, questo è forte, Jess! Questo ti mangia intera con tutti i tacchi!» dice, guardandomi di sfuggita. «Fai lo spiritoso, eh?» dice la bionda ossigenata, mettendosi anche lei a ridere con la sua voce catarrosa. Non capisco perché ridano. Dev essere per i miei jeans attillati che ho preso dall armadio di Mamma. Di vita vanno bene, ma li ho dovuti arrotolare alle caviglie perché sono un po troppo lunghi. «Chi aspetti? Anche tu qualche marito?» mi chiede la bionda. «No, cerco un passaggio» «Per l inferno? No perché anche noi andiamo là e se vuoi te lo diamo noi uno strappo!» e giù di nuovo a ridere da matte. Dal bosco arrivano delle voci. Devono esserci altre ragazze come loro ma c è troppo buio per vederle. Mi volto e vedo una fila infinita di fari sfrecciare sulla strada, ma tutti proseguono senza rallentare. Solo un auto sta procedendo lentamente a

16 bordo strada. Ha un solo faro, quello sinistro. Si ferma qualche metro più in là e inizia ad abbagliarmi. Mi avvicino, faccio un respiro profondo e salgo a bordo. Mi aspetto qualcuno come l uomo di prima, ma ormai sono disposto a tutto in cambio di un passaggio. Sono stanco, affamato e distrutto. Una mano profumata da signora si avvicina alla mia, io volto la testa di scatto e trovo una donna sorridente. «Sono Marta» dice con una voce troppo pulita per essere vera. «Piacere» rispondo, pulendomi la mano nei pantaloni e stringendo la sua. «Hai bisogno di un passaggio, piccolo?» «Non sono piccolo» rispondo. «Scusami, non volevo» sembra davvero spiaciuta «dove sei diretto?» «Vado in Francia.» «Dove esattamente? La Francia è grande» dice, mentre si strofina le lenti degli occhiali con un fazzoletto che sa di lavanda. «Di preciso non so basta che mi lasci sul confine e poi mi arrangio da solo.» «Come vuoi» dice, immettendosi di nuovo sulla statale. Io guardo fuori in cerca di qualcosa di interessante, è quasi notte. «Posso chiederti cos hai nello zainetto?» La guardo diffidente. Sembra innocua. «Un po di soldi, una mela e una tromba.» «Una tromba?» «Sì, me l ha regalata mio padre.» «Davvero?» dice con tono estasiato «fantastico!» Vorrei farle sentire un pezzo, ma non so se le interessa. «Sono troppo invadente se» «Se?» «Se ti chiedo di suonarmi qualcosa?» Estraggo la mia tromba, la pulisco un po e inizio a suonare Nefertiti. È la prima canzone che papà mi ha insegnato e andrebbe suonata con il sax. La termino pensando di non averla mai suonata così male. Pulisco l imboccatura e la ripongo. La signora accosta al bordo della strada. Sento che mi sta osservando e mi infastidisco. Quando mi volto verso di lei per dirle di smetterla, mi accorgo che sta piangendo. «Cos è successo?» le chiedo. Continua a fissarmi con gli occhi lucidi. «È» 15

17 16 «stupenda. Tu sei stupendo.» Io abbasso lo sguardo e ringrazio. Mi addormento contro la portiera e sogno papà. Mi risveglio in preda alla fame, anche se avrei voluto continuare a dormire. Mi trovo fra lenzuola azzurre in un grande letto matrimoniale. Alla mia destra ci sono delle candele accese e nell aria c è odore di incenso. Mi alzo e raggiungo la porta muovendo le braccia come fanno i ciechi. Marta mi sta venendo incontro. Lei sa camminare al buio. «Dove sono?» chiedo. «A casa mia» risponde sottovoce «vieni.» Mi prende per mano e mi conduce in un enorme stanza piena di specchi. Al centro, su un tavolo ben apparecchiato, ci sono pizza, patate fritte, crostate e fette di pane tostato. Il paradiso dovrebbe essere una cosa del genere. Guardo Marta come per chiedere il suo permesso e lei annuisce. Mi precipito sul cibo e inizio a mangiare qualsiasi cosa, cominciando da un dolce che sa di mirtillo. Nei giorni seguenti succede sempre la stessa cosa: Marta esce di casa al mattino presto per delle commissioni, poi rientra per pranzo e mi porta al La nuit, sotto casa sua. Al pomeriggio mi fa sempre visitare il paese e la sera mi prepara la cena più squisita del mondo. Con lei è tutto così bello, semplice, leggero. Di notte non parlo più nel sonno. Sogno soltanto montagne di dolci e di libri. Io vorrei esagerare, ma Marta mi raccomanda di non leggerli tutti insieme, altrimenti mi viene la carie. La casa di Marta è quella che disegnavo sempre quando ero a scuola, e lei è la mamma che mettevo in quei temi che dicevano: Parla dei tuoi genitori, della tua casa, dei tuoi amici, o cose così. Però io adesso non voglio una casa, non voglio un altra Mamma. Una mattina, all alba, mi alzo in punta di piedi. Prendo qualche provvista dalla cucina e me ne vado con il mio zaino in spalla. Le strade di Bardonecchia profumano di resina e l aria nelle pinete è fresca, non c è niente di più lieve. Percorro alcuni chilometri senza incontrare nessuno. A volte mi chiedo se ho fatto una cazzata andandomene di casa. Ma poi estraggo dalla tasca didietro dei pantaloni

18 17 una foto di Mamma, che ho portato con me proprio per questa evenienza. È una di quelle fotografie con il bordo bianco che si fanno alla stazione. Fisso le sue guance così rosse, più rosse della sua stessa sciarpa; quegli occhi che mi ordinano di stare zitto e di non fare cazzate. La sua bocca si apre, mi sta per sgridare, è furiosa perché sono scappato. Poi sopraggiungono la nausea, i capogiri e allora ricaccio la fotografia in tasca e mi fermo un attimo per riprendermi. È proprio durante una di queste soste che improvvisamente un ricordo mi indica la direzione da prendere. Mi trovavo su una roccia, con la schiuma dell acqua che mi scorreva sotto i piedi. Papà era accanto a me e fischiettava una di quelle canzoncine che ti mettono proprio il buonumore. Io lo guardavo appendere l esca all amo della sua canna da pesca e poi gettarla lontano, nell acqua gelida. «Ora tocca a te» il suo tono era incoraggiante «tieni ben stretta l impugnatura e fai scorrere il filo con tutta la tua forza.» Il vento soffiava forte e il fiume iniziava ad agitarsi sotto di noi. Papà teneva d occhio i miei movimenti e annuiva orgoglioso. «Bravo, così» diceva «basta che tu segua il rumore del vento e saprai in che direzione buttare la tua esca. È come la musica: ti basta possedere quella dote naturale che ti permette di sentire nel profondo ciò che suoni e sarà come se il tuo strumento suonasse da solo. Sarà la tua energia a far vibrare le sue corde o risuonare la sua cassa.» Mi piaceva stare ad ascoltare la sua voce, anche se non sempre capivo cosa intendesse dire. Tutti avrebbero vo luto un papà come il mio, parola d onore. «Avevo circa la tua età anzi» disse, soffermandosi un attimo «ero alto così» e mise una mano all altezza del mio naso. «proprio un nanerottolo. Mio padre decise di portarmi con sé per lavorare nella sua autorimessa. Ricordo come fosse ieri quell odore di grasso e quella tuta blu che avevo dovuto rimboccare non so quante volte per non inciamparmi camminando. Arrivavano le macchine più belle di tutta Bergamo e io rimanevo a bocca aperta nel vederle sollevate sul ponte e smontate in ogni loro pezzo. I motori andavano a finire sul retro, dove mio padre li riparava con una precisione maniacale. Il resto dell auto invece, la scocca, il telaio e tutto il resto, rimaneva nell androne in attesa di essere riassemblato. Mi insegnò a ricollocare un motore al

19 18 posto giusto e a riparare una marmitta bucata. A volte, quando i lavori erano troppo pesanti per un bambino, mi faceva trasportare i pneumatici o le singole parti della carrozzeria. La sera tardi, quando tornavo dall officina sudicio e sfinito, suonavo, o meglio cercavo di suonare, una vecchia chitarra che mi aveva portato un fratello di tua nonna dall America. Imparai le note in poche settimane, cercando di riprodurre il blues che ascoltavo alla radio. Mio padre non voleva che suonassi, pensava che mi distraesse dallo studio e dal lavoro. Ma io non potevo farci nulla, era la mia vita. Solo quando suonavo potevo dire di essere davvero in pace.» Continuavo ad ascoltarlo e sembrava che le sue parole fossero magiche perché avevo già riempito quasi due ceste di trote e anguille. Era come se tutte quelle parole finissero nell acqua del fiume e si tramutassero nei pesci che poi io ripescavo e mettevo nella cesta. «Tutto proseguì così finché un bel giorno non squillò il telefono. Chiamai mio padre e i suoi operai, ma sembravano essere tutti spariti. Sollevai la cornetta. Dall altro capo del filo una voce bassa e sicura chiese di poter parlare con qualcuno e io non seppi cosa dire. Mio padre emerse dall oscurità e mi strappò il ricevitore di mano. Sì la sua voce si fece più incerta Ah, è proprio lei? dal tono deferente sembrava stesse parlando con una persona illustre. Senz altro, venga pure quando preferisce Senz altro, a dopo. Gli chiesi chi fosse ma non mi disse altro che di preparare gli attrezzi, le chiavi inglesi e il carrello con le viti e i bulloni davanti all entrata dell autorimessa e di iniziare a pulirli: il cliente tanto atteso sarebbe arrivato a momenti. Mi misi a sfregare in modo frenetico, a levare il grasso dalle chiavi una ad una fino a farle brillare, mi arrampicai sul portone d entrata per togliere le ragnatele accumulate nei mesi. Mentre l impeto mi rendeva sempre più concitato, apparve sull uscio un giovane uomo che io conoscevo bene, come conoscevo ogni dettaglio del suo viso, anche se era la prima volta che lo vedevo dal vivo. Quanti quaderni avevo riempito con i ritagli di giornale che parlavano delle sue imprese sportive, quanti pomeriggi avevo trascorso davanti alla TV facendo il tifo per lui, e ora era proprio lì, di fronte a me. Sono Felice Gimondi disse con fare sbrigativo Tuo padre sa già. Io rimasi immobile. L auto è parcheggiata qui di fronte. Stavo formulando la risposta quando mio padre mi soggiunse alle spalle e mi chiuse la bocca che avevo spalancata. Lascia, va di là disse me ne occupo io!»

20 Raccontandomi le sue avventure, papà dava una voce diversa a ogni personaggio. Un giorno portò anche me a trovare il campione di ciclismo nel castello in cui abitava. «Poco dopo portò dentro la sua Alfa Romeo rossa fiammante. L interno aveva ancora l odore della pelle nuova. Al posto del guidatore c era un coprisedile con la figura di una cameriera da drive-in su pattini a rotelle. Mi ci sedetti sopra e sprofondai lentamente. La chiave era nel cruscotto. La girai, premetti la frizione come facevano gli operai di papà e mi avviai lungo il viale di pini che precedeva l autorimessa. Felice Gimondi, impegnato a chiacchierare con mio padre delle lotte sindacali che in quel periodo stavano agitando il cuore delle città, non sentì il rombo del motore che si allontanava e diventava sempre più debole. Pensai che non gli sarebbe spiaciuto se io avessi fatto un giretto sulla sua auto. Del resto dovevo pur capire cosa c era che non andava nel motore.» «Inizialmente ebbi qualche problema con il cambio, ma poi capii la giusta sequenza delle marce e quando dovevano essere cambiate. Presi la strada provinciale per Bergamo e proseguii sempre dritto, in direzione delle valli» Una piccola trota intanto abboccò al mio amo. Non mi sarebbe affatto piaciuto trovarmi al suo posto, appeso per un gancio mentre cercavo qualche traccia d ossigeno. «rischiai una dozzina di incidenti, ma a quei tempi le strade non erano trafficate come oggi, perciò me la cavai sbandando o sfiorando qualche muro di cinta. Fu solo quando superai Milano e presi con cautela la direzione di Novara che mi resi conto di avere parlato con il mio idolo in carne e ossa, di essergli stato tanto vicino da poter sentire l odore del suo dopobarba al pino silvestre, di avere quasi sfiorato quelle gambe muscolose, le stesse gambe che mulinavano sotto il sole rovente delle estati italiane. L auto che stavo guidando apparteneva a un campione che aveva vinto per tre volte il giro d Italia con la sua bicicletta, e per poco l eccitazione di questa consapevolezza non mi fece andare a sbattere contro qualche casa o investire qualche pedone. Ma la mia fuga con quell Alfa Romeo non durò ancora molto. L ebbrezza del momento mi fece calcolare male le distanze, e dopo un paio di tornanti percorsi in quarta finii in un fossato fangoso e tu ce l hai un idolo?» Pensai a Britney, a quando io e Martina ascoltavamo le sue canzoni dallo stereo di Francesco, senza che lui lo sapesse. Ci mettevamo i vestiti e i trucchi di Mamma e ballavamo Crazy sul suo letto, davanti allo specchio. 19

21 20 Ma certamente papà si aspettava qualcun altro come risposta, tipo un calciatore o un ciclista. Così dissi di no, che non ne avevo di idoli. «Be, a ogni modo» continuò, tornando a sorridere «balzai fuori dall auto come in un telefilm poliziesco e rimasi a guardare la carrozzeria lucida sprofondare sempre più nella terra argillosa. Poi mi voltai, scrollandomi di dosso quel po di rimorso come si fa con le briciole di pane, e proseguii a piedi sulla stessa strada.» «E dove sei andato poi?» gli chiesi. «Percorsa quella strada nei campi, raggiunsi un piazzale con tanti camion, doveva essere una ditta di autotrasporti. Aspettavo che due camionisti levassero le ancore per mettermi a dormire in qualche angolo, ma non sembravano volersene andare. Uno urlava all altro che sarebbe andato in Francia a consegnare dei barili di birra bionda e l altro, su un camioncino più piccolo, rispose in un dialetto comprensibile che anche lui sarebbe andato in quella direzione, ma si sarebbe fermato a Torino. Il camion più grande si avviò e la marmitta emise un fumo nero e denso. Il rimorchio era coperto da un telo blu e fissato ai bordi tramite degli elastici. Io potevo mettermi a dormire lontano da quell odore di gasolio bruciato, ma secondo te fu questo che feci?» «No» «Cosa avrei potuto fare di più utile?» «Salire sul camion?» «Esatto! Mi nascosi fra i barili di birra e rimisi a posto il telone.» «Ti portò in Francia?» chiesi. «Sì, fece tre o quattro soste e poi si fermò definitivamente in uno spiazzo di terra battuta. Scesi dopo aver spillato qualche sorso di birra dalla spina di una botte, e corsi via. Certo non avevo più sete, ma avevo ancora tanta fame. I soldi per mangiare li trovai in un locale dove mi assunsero come strumentista in una sgangherata band di jazzisti in pensione.» Il nome di quel locale era troppo magico per poterselo dimenticare: La Sibylle. Ecco, è lì che andrò. Mi metto subito in viaggio, anche se sono stanco ed è quasi notte. Ho bisogno di mettere qualcosa sotto i denti, anche se non ho proprio fame. Ho tanta voglia di quella polvere bianca che Mamma chiamava neve, ma ci scommetterei la pelle che quello non è il suo vero nome.

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

E purtoppo Vivi ci prova

E purtoppo Vivi ci prova VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 14 L adolescenza E purtoppo Vivi ci prova Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Kristina Dunker (1973). A 17 anni pubblica il suo primo libro per ragazzi. Si iscrive

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

NAZIM HIKMET LA CONGA CON FIDEL

NAZIM HIKMET LA CONGA CON FIDEL LA CONGA CON FIDEL All alba, tutt a un tratto, l espresso entrò nella stazione, coperto di neve. Stavo sul marciapiede, col bavero del cappotto rialzato, e non c era nessuno, sul marciapiede, all infuori

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli