LE PREGHIERE DEL TEMPO. P. Paolo Turturro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE PREGHIERE DEL TEMPO. P. Paolo Turturro"

Transcript

1 LE PREGHIERE DEL TEMPO DI P. Paolo Turturro

2 E finito il tempo della terra e del sole; sono in lista d attesa per l eterno. Si agghiaccia il cuore come il papavero rosso strappato nelle mani di un bambino. Tanta attesa di bellezza e subito dolore e a terra zolla e dentro mi alzo tombe. Dal mio cuore escono limiti e mi appoggio a un filo di ragnatela. A stento riesco a contare i giorni del passato e nel deserto dei miei anni non giungo ancora alla sapienza del cuore. E nel deserto dell animo colgo lo stupore delle meraviglie, non più di tempo. E si illuminano dentro le speranze vissute nel passato. In cielo non si piegano le ginocchia alle ingiustizie. Qui sulla terra dammi la forza di indossare una bisaccia, dove porre dentro ogni giorno un pane e una preghiera. Dammi la forza, qui sulla terra di vestirmi della tua luce e di dormire sotto i cartoni e le stelle. Qui sulla terra dammi la forza di non impaurire dinanzi alle menzogne. Vestimi di libertà 1 E finito il tempo.

3 dai preconcetti, dai giudizi affrettati, dalle paure del denaro che opprime anche con i processi.

4 Hai perso il tuo volto, Signore. Nelle disperazioni delle madri che stringono tra le braccia i loro figli trucidati. Hai perso il tuo volto, Signore, nel massacro delle torri gemelle. Nelle torture dell Irak. Hai perso il tuo volto, Signore, nell ABC delle armi; armi atomiche, armi biologiche, armi chimiche. Hai perso il tuo volto, Signore, nel terremoto dell Irak, dove sacche vuote di petrolio, causate dell ingordigia degli uomini, hanno assestato nuovi equilibri di rocce sotterranee. Hai perso il tuo volto, Signore, nei rapporti diplomatici dei potenti, dove si pensa che il denaro liberi un popolo, una chiesa. Hai perso il tuo volto, Signore, nelle foreste dell Amazzonia, nell avorio dell Africa, nell uranio impoverito, nelle banche degli ebrei, nei conflitti tra Israele e Palestina. Hai perso il tuo volto, Signore, nelle discordie delle chiese, nelle crociate del santo sepolcro, nelle sacre inquisizioni. Hai perso il tuo volto, Signore, nelle processioni pasquali, dove i mafiosi acquietano l animo da delinquenti. Forse hai perso il tuo volto, Signore, perché Dio sia tutto in tutti noi. 2 Hai perso il tuo volto, Signore.

5 Il creato è una melodia. Un rombo squarciò il creato in miriadi di particelle di voci e di suoni. La luce si innamorò del canto e sposò la melodia. I cieli cantarono, i firmamenti osannarono, i fiori e l amore danzarono, i mari e i monti dipinsero sinfonie. Ogni vivente conservò nella sua bellezza il segreto arcano del canto. Solo all uomo e alla donna fu dato di armonizzare tutta intera la melodia: nel loro cuore la nascita di un bimbo, quale aurora di ogni armonia. 3 Il creato è una melodia.

6 Dio, dammi un appuntamento. Nei prati verdeggianti del mondo, dove abbracciare doni e bellezze. Dio,donami un appuntamento, nel silenzio dei monasteri, dove parlarti. Qui vedrò,dio. Qui sentirò,dio. Donami un appuntamento per non sbagliare il luogo e il tempo. Non voglio attendere in un posto sbagliato! Non voglio attendere in un tempo inesistente! Donami un appuntamento non più sotto le stelle, non più nel chiasso delle città, non più nelle assemblee roboanti di applausi. Non più nei convegni dove tu non ci sei. Donami un appuntamento non più nei cinema dove la fiction delle guerre è un modello; non più nei teatri dove la satira è bestemmia. Non più nei campi di calcio, dove uccidono i poveri a colpi di pedate di miliardi. Non più nell eden, da dove si esce con il peccato. Non voglio uscire dall Eden Per ribellarmi a un dio ontologico,fermo, pagano. Il tuo appuntamento è nei giardini dei poveri; nei giardini dell uomo. Nei giardini dei tuoi passi che accompagnano alla vita ogni vivente. Dio dammi un appuntamento. Qui vedrò Dio, qui abbraccerò Dio. 4 - Dio dammi, un appuntamento.

7 Non ti vedo Signore! La mia ricerca è lacerante e stracciante. Voglio trovare l Assoluto, io fatto di tempo. Voglio trovare l ignoto, io fatto di sabbia. Nei grattacieli delle metropoli non ti vedo, Signore! Nei supermercati di tutto e di più non ti vedo, Signore! Nelle chiese addobbate di masse, non ti vedo, Signore! Nei programmi digitali della televisione, non ti vedo, Signore! Eppure, so di avere con te un appuntamento, fin dal giorno della mia nascita. Nell Eden faremo ritorno sui tuoi passi. Laddove le strade non sono bivio, lì ci incontreremo. L Assoluto, l Immenso, l Infinito abiterà il nostro corpo e scorrerà eterno nelle nostre vene. 5 Non ti vedo Signore!

8 Inondami nelle acque del tuo battesimo, Signore. Quanti fiumi, Signore, inondano la terra. Fiumi limacciosi, poderosi della prepotenza e delle guerre. Fiumi che straripano idee e verità del vangelo. Fiumi gonfi di cose: chincaglie del tempo. Fiumi di giornali. Fiumi di televisioni. Fiumi che abbondano di menzogne, di mode e di rancori; a queste acque è impossibile opporre argini di sicurezze. Fiumi di denaro, dalle acque reflue che oscurano trasparenze e limpidezze delle sorgenti. Fiumi di morte, dove le guerre giuste usurpano amore. Fiumi di parole, dove manipolano costituzioni e libertà di pensiero. Io voglio passare all altra sponda, dove le acque del Giordano rivelano Dio. Passo all altra riva dove le acque di Siloe donano luce ai ciechi. Non voglio restare seduto sugli argini dei fiumi di Babilonia, sui fiumi dell Onu, sui fiumi degli imperi di oggi; per non essere trascinati dai flutti impetuosi dell odio. Voglio alzarmi e camminare sui sentieri dell Agnello di Dio per raggiungere le acque della vita che dissetano e rigenerano. Inondami nelle acque del tuo battesimo, Signore. 6 Inondami nelle acque.

9 Non mi voglio disperare, Signore. Non voglio camminare con la testa china e gli occhi bassi, che perdono l orizzonte della vita. Alzerò alla tua croce i miei occhi. Non mi vergognerò delle calunnie. La tua croce non è la vergogna degli innocenti. E facile disperarsi. E difficile sperare. Ho scelto i sentieri del perdono, sotto i boati delle bombe e delle critiche. Ho scelto i canti della liberazione nella cella del silenzio. Ho scelto i passi dell addio nei giorni tristi e soli. Ho scelto i passi della speranza, che mi spingono a camminare oltre l impossibile della vita. 7 Non mi voglio disperare, Signore.

10 Conducimi fuori da me stesso, Signore. Ora impera dentro un esegesi austera. Voglio uscire dalle mie chiacchiere. Voglio uscire dai perché. Voglio uscire dai dubbi. Voglio essere condotto fuori dal tempo, fuori dall io. Il mio Signore ha creato l uomo per essere Dio. Urge scrollarsi fuori dalle cose, fuori dall odio, fuori dai rancori. Condurre fuori dal testo i contenuti eterni. Arduo è il cammino della kènosis. Condursi lentamente fuori dal tempo per incontrarsi con Dio. E semplicemente lacerante: tutto il corpo, tutto il creato geme e si ribella, finché il divino non sia tutto in tutti: nelle acque, nei fiumi, nei monti, nei mari, nelle stelle, nei pianeti, nei viventi. Condursi fuori da se stesso è l estasi dove incontri Dio. 8 - Conducimi fuori da me stesso, Signore.

11 Dio è nel grembo del creato. Se è vero che ognuno di noi deve uscire fuori da se stesso, fuori dai propri egoismi, fuori dai propri limiti, fuori dalle proprie vendette, per essere felici; è anche vero che bisogna tornare in se stessi, come un tempo nel grembo materno per acquietarsi di sicurezza. Dio è nel grembo del creato: fuori, dall alto, lo conosceremo. Il bambino nel grembo della madre, sa che ella esiste, ma appena fuori dal grembo, conosce il suo viso, i suoi occhi, il suo volto, la sua tenerezza. Così è Dio: è nel grembo del creato. 9 Dio è nel grembo del creato.

12 Il canto dell acqua scorre dentro me. Il canto dell acqua, legge dentro di me. E la nascita dell acqua: dentro di essa ti puoi purificare, ti puoi ossigenare, ti puoi dissetare, ti puoi rigenerare. Il canto dell acqua ha radici profonde. Ha petali di bellezza. Voli arditi di aquila. Dentro l acqua senti l incanto, l aurora, il coraggio, l ardimento della lotta, sei guerriero della luce. Il canto dell acqua quieta il caos. Delimita gli abissi. Il canto dell acqua abbassa le arroganze, le onde e le ribellioni. Il canto dell acqua si versa a fiumi. Il canto dell acqua è diafano, dentro riflette il cielo. Il canto dell acqua spazia stelle e galassie. Navigherò il canto dell acqua per scoprire l origine della vita. Se il tumulto delle acque mi affonda, penetrerò più profondo per conoscere l ignoto. Io canterò le tue acque battesimali. Io canterò le tue acque messianiche. Io canterò le acque del Mar Rosso, che liberano schiavi di ogni tempo di ogni terra di ogni finito. Il canto dell acqua scorre dentro me e tu sei il canto dell acqua. 10 Il canto dell acqua.

13 Puoi colpirmi a morte, ma io ti amerò. Puoi condurmi sulla tua croce, ma io ti amerò. Puoi togliermi tutto, ma io ti amerò. Puoi rendermi sabbia di deserto, ma io ti amerò. Puoi affliggermi con i dubbi, ma, tuo malgrado, io ti amerò. Puoi sradicarmi dalla mia identità, puoi gettarmi fuori persino dal cielo, ma io, tuo malgrado, ti amerò. Puoi infangarmi di aspre calunnie, ma io ti amerò. Puoi marcirmi di tumori, di cenere, ma io ti amerò. E quando polvere, cenere di vento, alitando il cielo io ti amerò. 11 Puoi colpirmi a morte.

14 12 Conosco tanta gente. Conosco tanta gente che non ha mai odorato un fiore. Mai visto un prato di papaveri. Mai ammirato distese di mandorli in fiore, mai i petali al vento. Mai sognato una primavera. Mai respirato un aurora. Mai sentito l urlo del vento, gelido sulla propria faccia. Tanta gente ormai seduta al computer sa contare solo banche e denaro. Sa contare oro e successi. Sa contare mercati e mode. Sa contare giorni mesi e anni del tempo e della morte. Uomini che non hanno mai pianto. Non hanno mai sorriso. La loro pelle non respira, è meccanica. Non sanno più parlare. Non sanno più creare. Non sanno più meravigliarsi. Sono fatti di stagno, di plastica e di pile elettriche. Ahimè! Non sono più uomini, sono divenuti macchine di consumo.

15 Il mondo ha perso l infanzia, Signore: ci sono le guerre. Il mondo ha perso l innocenza: c è l odio. Il mondo ha perso la semplicità: c è la vendetta. Il mondo ha perso la pace: c è il nucleare. Il mondo ha perso l amore: ci sono le armi chimiche. Il mondo ha perso la giustizia: c è lo sfruttamento e il debito pubblico. Il mondo ha perso la misericordia: le persone non efficienti sono oggetti da gettare. Ahimè! L uomo cammina con le antenne di plastica nel cervello. L uomo ha perso la parola: Beati. Ora è pieno di paura e di rimorsi. Ma ciò che è più grave non riesce più ad accendere la sua anima. Si è solo spento, non è morto, l uomo che hai creato, Signore! 13 Il mondo ha perso.

16 Vado avanti, non torno più indietro! Vado avanti, incontrerò l assoluto. Non torno più indietro conoscerò l ignoto. Vado avanti, amerò la giustizia. Vado avanti, nel deserto della solitudine troverò il giusto che ama. Vado avanti, anche sradicato da ogni certezza, buttato nel fango di ogni calunnia. Vado avanti, nei miei giorni finiti, nel tramonto che mi oscura. Vado avanti, fino agli ultimi passi, dove il tempo e l eterno si abbracciano; dove il finito e l infinito si fondono in un unico canto Vado avanti!

17 Non si riscalda più il cuore. Cantano spettacoli, danze e ouverture, ma non si riscalda più il cuore. Predicano novene, avvento e quaresime, Pasqua e Risurrezione, ma non si riscalda più il cuore. Partecipano a convegni, a seminari e a conferenze, ma non si riscalda più il cuore. Leggono libri, rubriche e giornali, ma non si riscalda più il cuore. Studiano filosofia, teologia e teoremi, ma non si riscalda più il cuore. Calcolano denaro, progetti e solidarietà, democrazia e carità, ma non si riscalda più il cuore. Perché tutto questo, Signore? L uomo ha spento il fuoco, ha chiuso l anima, ha seppellito lo spirito: solo un seme, irrorato dai gemiti delle lacrime, germina speranza: Dio a fatica rinasce nel mondo. 15 Non si riscalda più il cuore.

18 Stamane ho aperto Giobbe, Signore. Mi sono atterrito nel constatare come ti lotta. Tu Dio scendi in campo a lottare con l uomo, a lottare con Giobbe. Dov eri tu, mentre io segnavo l inizio dei confini, l inizio della vita, l inizio dello spazio, l inizio dell universo? Forse tu mi hai dato consiglio nel creare la sapienza? Forse tu, di tempo e di peccato, puoi paragonarti all infinita mia purezza? Forse tu, puoi non ammettere che Dio ha dato e Dio ha tolto? Hai superato la mentalità della retribuzione? Do ut des? E i favori? E le diplomazie? E le raccomandazioni? E i posti di lavoro pagati e umiliati per sempre. Puoi tu dialogare con me? Cos è la tua sofferenza? La tua pelle è ripugnante dinanzi alla contemplazione della mia grazia eterna. Puoi affermare: ora io so, ora io vedo, ora io contemplo, non più da straniero? Solo allora potrai gridare: 16 Stamane ho aperto Giobbe.

19 Ho vinto Dio O meglio: Dio ti ha convinto e ti ha sposato nel suo amore di infinita pazienza e di infinita misericordia.

20 Dio non sai più donare. Per sei giorni hai creato, perché non hai continuato? Per sei giorni hai inventato, perché ti sei fermato? Non ti sei riposato nel silenzio dei firmamenti; non ti sei riposato nelle immensità delle acque. Non ti sei riposato nello splendore della luce. Non ti sei riposato nella separazione della luce dalle tenebre. Non ti sei riposato negli spazi abissali. Ma perché dinanzi all uomo ti sei fermato? Perché ti sei riposato? E il dramma del dono e del per-dono (del give e del for-give ) Tu crei per forza, ma dinanzi alla libertà dell uomo ti fermi e ti riposi, perché sai che l uomo ha bisogno delle tue cure, quando cade; del tuo sostegno, quando è avvilito; della tua grazia, quando si infanga di peccati. Tu ti riposi, perché sai che l opera più pesante, più estenuante, è il tuo perdono che sulla croce abbraccia: dono e perdono si fondono in 17 - Dio non sai più donare

21 Non sono un martire di sangue, ma di spirito. Cammino nel deserto dell esilio, senza ferite ai piedi. Abbraccio il patire, senza ferite alle mani. Sono in croce, senza corone di spine. Salgo sul calvario, senza sangue sulla mia pelle. Corro tra la gente senza sputi, senza lance nel costato, senza flagelli nelle ossa. Vagabondo del deserto senza vergogna negli occhi, senza pallore sul viso. Vago nell esilio con il cuore trafitto, senza che alcuno si accorga. Ansimo la morte, a terra turbato. Sono già arrivato nell oasi della pace. La speranza mi procede avanti e mi attende per donarmi la palma che non si vede mai Non sono un martire di sangue, ma di spirito.

22 19 Ho sentito il tuo affanno. ho sentito il tuo affanno. Le pagine lente si sfogliavano dinanzi ai miei occhi. Alcune tarde ad aprirsi, altre faticose a leggersi. Ho sentito il tuo affanno. Stamani ho aperto il libro della storia. Pagine innocenti, pagine creative, pagine alate. Nel creare i giorni ho sentito il tuo fiato. Nel plasmare l uomo ho respirato la tua anima. Poi pagine pietose, pagine di pietra, pagine di bronzo, pagine d oro, pagine di ferro, pagine di argilla: tutto è frantumato. Ho sentito sui papiri e nelle terrecotte il tuo affanno. Ho aperto le pagine di Caino e Abele. Ho aperto anche nel cielo le pagine della ribellione degli angeli

23 Mai però ho avvertito la tua ira. Pagine di sangue, pagine di vendette. E sempre, puntuale il tuo respiro di misericordia. Pagine di amore, pagine di attesa, pagine di speranza, pagine di coraggio, pagine di osare oltre il tempo, oltre ogni confine. La tua voce, nel Giordano: Tu sei mio figlio, e in te mi sono compiaciuto. Si ode tuttora nel fiato dei profeti. Sul Tabor: Questi è mio figlio, ascoltatelo. Noi, a valle, ancora oggi lo ascoltiamo. Solo sulla croce di tuo figlio, non ho sentito il tuo respiro, perché al tramonto, ha donato a te, il fiato del mondo: ora in Te respiriamo e tu respiri in noi. Dalle Preghiere del Tempo di P. Paolo Turturro Ed Borla - Via Delle Fornaci, Roma - euro 13,00 di solidarietà

24 Sono pellegrino, viandante del nulla. Non bastano i giorni per raggiungere il cielo. Non bastano gli anni per raggiungere l eterno. Elemosino ai fiori persino il profumo. Sono pellegrino senza bisaccia. Mi pesa il fagotto della terra. Sono pellegrino del nulla. Un nulla che cerca l infinito. Salto ardito sui ciottoli di mare e leggo sulla ghiaia le orme che camminano il futuro. La sabbia assolata penetra nei piedi e pesa il passato dei viandanti del nulla. Svuoto la bisaccia dei pensieri e incontro all orizzonte profeti che scomodi hanno frantumato il muro della terra. Ora sono pellegrino del cielo, sulle rocce del tempo. 20 Sono pellegrino, viandante del nulla.

25 Non comprendo le tue vie. La mia la conosci. Non accetto la via della guerra. Non accetto la via dei massacri. Non accetto la via dei dittatori. Seguo il sentiero dei martiri. Come accettare la via dei tumori? Come accettare la via della morte? Non comprendo le tue vie. Né le voglio percorrere. Anche gli angeli si ribellano alla morte. No, non sono le tue vie. Tu sei la via. Tu sei la vita. E so con certezza che le strade delle nostre storie, non ti appartengono. Sono bivi, vie contorte. Chi ha reso distorte le vie dell anima? E la via del male che si abissa nell insinuoso niente di chi morde e muore nel nulla. 21 Non comprendo le tue vie.

26 L intelligenza è il luogo della santità. Mi sono annaspato sulle rocce del sapere e non ti ho incontrato. Sono salito sulle vette della scienza e non ti ho incontrato. I fiori mi hanno donato il tuo profumo; l acqua, la tua sorgente; i monti, la tua anima. Non ti ho incontrato. L ho chiesto ai profeti, ai martiri: Dov è il Signore? Mi hanno presentato le palme del loro martirio. Alla morte, mi ha cantato il dies irae. Ai venti, mi hanno urlato la sordità: sono già passati. alla luce, non mi ha vinto la cecità. Al bambino, è già divenuto anziano. Al saggio, è già biblioteca che si impolvera. All arte, già si vende. Alle sinfonie: sono già terminate, suono del tempo. Dove sei, Signore? Alle acque dell oceano, già si sprofondano. Respiro dentro 22 L intelligenza è il luogo della santità.

27 e mi grido: sono i miei pensieri. E sera! E già tardi! Non è mai sera dello spirito! Già vivo eterno.

28 Non ti chiamerò, in disparte a rimproverare la tua morte. Griderò, la tua croce, il tuo giorno distrutto, eredità per le genti. Anniderò il mio cuore nel tuo costato e sul monte alzerò la voce e la lancia che non ti trafigge mai. Nella notte che infuoca il dolore ti ruberò un grappolo di luce dalle mani e inchioderò il mio petto nel tuo ciborio abbandonato. E già mi illumino della tua grazia e il silenzio fuggitivo e le ore avvilite ora sono assorbite nel tuo vortice divino. 23 Non ti chiamerò.

29 Io sono il disperato. Si, ho abbandonato la via del peccato. Si, ho lasciato alle spalle la bisaccia dell odio e del rancore. Nel mio deserto non vive più una rosa. Nella sabbia non filtra più un raggio. Nella sorgente non zampilla più un battesimo. Io sono il disperato. Negli occhi aleggia la notte. Nelle mani è sigillata la morte. Io sono il disperato. Elemosino al giorno la luce e il pensiero più non mi incatena. Lo spirito è libero come il vento e gli alberi ondeggiano il futuro. L acqua scorre lontano la gioia. Il mio giorno cammina scalzo. L orizzonte bufera nubi e vento. Le tenebre non fanno più l amore. L aurora già sibila speranza. 24 Io sono il disperato.

30 Non si ristagna più dentro me il veleno. Non gioco più con il sole a squarciare sulla terra luci e ombre. Non sosto più al confine dell infinito. Si scostano da me morte e dolore. E lancio lo spirito, non come freccia, verso l immenso. Dentro non coltivo più sorrisi. Granito è il corpo, non più prigioniero, freme l eterno. Pascolo la mente nei prati delle stelle e fisso la dimora nel fiato della terra e del cielo. Qui abbraccio le palme dei martiri e bevo la sete degli oppressi. Qui non odo i ladri o i fantasmi del tempo. Qui mi incoronano profeta e il vento non mi scapiglia l alloro. Profumo le vene di menta, di ruta e di colchico. E lodo quest esilio di incenso e di fuoco evangelico che mi grazia la vita di santità beata. 25 Non si ristagna più.

31 Dentro le vene. scorre il ribelle della morte. Nessuno entri nella notte. Fuggite l odio e abbracciate il perdono. Frustatemi, non mi vendicherò. Bruciatemi, non vi condannerò. Non cadrò nei tranelli del vostro fiele. Spalmerò sugli occhi la fede e sedurrò le notti degli sposi con la nascita della vita eterna. Nella notte dell amore sogneranno i fiori e i monti danzeranno lontano alberi rigogliosi. La grazia sposerà la vita, perché ha seppellito la morte e ogni coltello per timore che tu mi uccidessi. Il male non vive più sotterra, né abita più nel deserto, perché un oasi lo potrebbe germogliare. Gridate: il male è morto e non stritola più né ossa, né carne e né alito. Non germina più neanche nei giorni uccisi. 26 Dentro le vene.

32 non respira più la morte, né cenere, né distruzione. Il male è morto e il vento non l ha mai conosciuto. Nella terra, da secoli, è già forestiero.

33 Sul monte del risorto finalmente si sono spezzate le ossa alla morte. Il golgota non ha più pallidi defunti. Lassù nella notte Ho sentito Latrati di cadaveri. Urla di lamiere hanno squarciato le tenebre e le bare sono divenute vele che salpano più alti cieli. Non si ode più il crepitio delle tibie e dei crani. Quel monte ora innalza la vita. Sorride il mandorlo in petali bianchi e l aurora scorre fiumi di salvezza. Guardate lassù non brucia il cielo, ma la morte. Alzate il cuore la verità è risorta. Alzate l anima alla sinfonia della luce. La terra abita la vita e nelle sue vene non fiotta più il sangue, ma flussi di grazia e di verità. 27 Ho sentito stanotte.

34 Sei assente. Alla conchiglia è cessato il suono. Alle stelle è sopraggiunto il buio. Sei assente. L ombra non canta più il sole. Il letto non si intreccia più di caldo amore. Sei assente. L organo è muto e l armonia è spenta. Ora il deserto abita il cielo e le nubi grondano sabbia. Sei assente. Il male flagella l odio. Sei assente, qualcuno verrebbe a supplicarti, ma non conosce la via. Lo spazio è deserto, non ha più sentieri. L anima non alita più né voli, né desideri. Arida è la luce nei giorni di vendetta. Scheletro è il sole e il terreno rigurgita catrame. Lassù di nascosto si è rifugiata una fanciulla di luce. Prima o dopo infiammerà cielo e terra e sposerà presto l amore. 28 Sei assente.

35 Qui scrivo preghiere. là mi preparano condanne. Qui poesie, lì tribunali. Qui vivo le stagioni dello spirito. Gli uomini le disprezzano e fuggono nel chiasso. Affogano i giorni nei rumori per non udire rimorsi. Non sono stanco di essere giusto. Cammino la fede. Vado con steli di margherite spezzate per denunciare che hanno ucciso i fiori dell innocenza. Vado per le vie con le mani vuote di pane, per gridare gli affamati. Non mi stancherò dei miei piedi. Non mi stancherò della mia voce. Mi vesto di cilicio per demolire i massacri del mondo. Canto letizia nelle ore tristi per confortare chi è annegato di solitudine. Non mi stancherò di essere radice di ogni bene, anche se sotterra assorbirò ancora disgrazie e dolori. 29 Qui scrivo preghiere.

36 Mi spingo oltre l ignoto. Anche le ossa escono dalla carne. Anche l alito esce dallo spirito. Mi spingo nel cielo e le gelosie sulla terra si infiammano. La luce esce dalla finestra e il suono dalla porta. Mi spingo oltre l ignoto e frantumo calunnie e menzogne. Laggiù anche la luce è sporca. Laggiù hanno racchiuso i colori in barattoli e vendono aria la luce. Mi spingo oltre l ignoto. Calpesto sotto i piedi la polvere dei pensieri. Scuoto a terra la polvere del tempo. E annaspo l incerto rompendo la materia, incendiando i giorni che camminano solo il tempo. Cadono le ore nel nulla e mi sbocciano dentro momenti di eterno. 30 Mi spingo oltre l ignoto.

37 Non mi preparo alla tomba. Ho stracciato i miei versi alle nubi. Ho bruciato la mia lirica nella brace cocente. Ho nascosto i miei segreti nell anfora del mare. Ora dai secoli, non più dal tempo, mi giungono non solo alla mente. Mi giungono uomini schiavi del non pensare. Mi giungono donne prostitute del non amare. Mi giunge Giuditta che con il suo profumo di senso stronca la testa ad Oloferne. Dio incanta l olezzo per la morte? Mi giunge Ester che al banchetto di grassi vitelli impicca Aman per salvare Israele. Mi giunge Giuseppe che sbattuto in una cisterna abbraccia di pianto Giacobbe e i suoi fratelli. Mi giunge la lancia di Davide che non trafigge il cuore del re che non ama, ma è amato. Mi giunge il roveto ardente, coscienza di Dio nell uomo, che non si consuma mai. Può il peccato consumare lo spirito? Mi giunge il deserto delle stelle che Abramo in Isacco ha custodito sull ara della brace. Mi giunge Socrate che sotto i portici dei pensieri sigilla l amicizia con la cicuta. Meglio il veleno che tradire giustizia e verità. 31 Non mi preparo alla tomba.

38 Mi giungono i santi. Mi giungono i contadini. Mi giungono gli operai. Mi giungono gli innocenti. Quanta gente che il cuore non sa! Quanti, mi giungono alla mente. E già l ora in cui vedo il volto di Cristo, odo la sua voce. Ora l uomo è capace di captare il corpo e lo spirito del passato. Mi giunge Dante e accanto mi è Foscolo. Mi giunge Neruda e accanto mi è Garçia Lorca. Mi giunge Davide Maria Turoldo e accanto mi è don Tonino Bello. Mi giunge Oscar Romero e accanto mi è don Milani. Con loro non mi preparo al sepolcro, sicuro mi incammino all eterno.

39 Non so se sapete. I baci non uccidono l anima, né infangano l innocenza. I giorni non cadono dal sole, né dalle campane. Gli occhi non carezzano la morte, né i campanili vincono le guerre. I grattacieli non rubano Dio. I tappeti non sfrecciano il cielo e l uomo ancora non vola. Le stagioni cambiano gli umori, germogliano nuove foglie, ma l uomo resta sempre immaturo e acerbo. Intreccia le mani alla corda del tempo e complica i giorni di incertezze. Poi esce sotto le nubi e la pioggia gli lava faccia e pensieri. Nudo cammina la terra. 32 Non so se sapete.

40 Venite a vedere. Abbiamo costruito un casa traboccante di mimose e di gerani. Ricordi, Luigi? Zappavi i fossi per irti cipressi e steccati di gelsomini. Ricordi, Lorenza, quanti giovani del mondo in una cucina di casa? Viali di pietre che sudano giovani, cappella di silenzio della via Hominis. Anfiteatro di canti e di volti baciati dalle stelle. Torre al cielo per innalzarci oltre le tenebre. Ricordi, Aurelio, meeting di pace per le piazze della Sicilia? Ricordi, Rosi, le vallate di grano e le corse dei bimbi sui campi di fieno? Ricordi, Giuseppe, l assalto alle mandorle e le uova rubate alle galline? Ricordi, mastro Nino, i tetti gocciolanti di pioggia e le ardite mura di pietra sanguigna? Ricordi, Fabio, il tuo dono di chiesa al pastore che ci custodiva spalle e speranze dell anima? Ricordi, Giovanni, ti tuffasti dalla roccia e una voce ti salvò dalla morte? Ricordi, Vergine madre, che mi asciugasti le lacrime accarezzandomi dentro: nulla è successo, sta tranquillo, vive e cammina? Perché ora la morte? Perché ora l abbandono? 33 Venite a vedere.

41 Può tanto sudore finire nel nulla? Sei tu che hai costruito la tua casa, non io. Ora difendila! Distendi il tuo manto, o donna amata, sul tuo Borgo della pace. Quanta quiete! Quanto Dio! In quel Borgo! Ora cammino i tuoi sentieri e già ritorno.

42 34 Hanno demolito il cielo Hanno demolito il cielo e l aria è catrame. Lacrime, lacrime, lacrime di rugiada fioriranno altre primavere. I tiranni vomitano odio e dalla loro bocca scorrono terra e fuoco. E opprimente l inverno della mente. Allettano zucchero per imporre castighi e schiavitù. Le bombe squarciano di sangue il terreno e non lontano sui colli sbocciano minute margherite. Sventrano al cielo le viscere degli innocenti e non sanno che il martirio è il sale della terra. Sferrano calunnie e battaglie di odio e non sanno che non si può uccidere l anima. Si colmano di massacri e pesa su se stessi il macabro potere. Bevono solo denaro e sangue infetto. Non costruire una città, un potere su un ago di cristallo. Né una lancia, né un cannone, né una bomba acquieta i nervi. Sono tornate le squadriglie della paura. Le loro divise oscure con il pugnale in mano preannunciano in città nuova dittatura. Ahimè! Sono giovani vestiti di panico e di morte.

43 Ti rialzammo bandiera. Ti rialzammo giustizia sul monte degli uomini. Ti rialzammo un altra volta sulla vetta dell innocenza. Fiera mostravi i tuoi fianchi e il tuo corpo diafano come empi rotoli di antiche pergamene. Quanti angeli e regine nacquero dentro di te. Ora dinanzi a te non trema più il mondo. Ti hanno chiuso di polvere in camere oscure. Ti hanno logorato il cuore E le tue vesti sono casse di brandelli. Ti abbiamo accolto di nuovo nelle nostre mani e più alta brilli ora umana negli occhi. La speranza ti ha cinto il capo di corona. Mai sei caduta! Mai sei morta! O nostra bandiera di giustizia. In te conosco lacrime amare. In te conosco lacrime salate. Non conosco lacrime di acida vendetta. Il tuo pianto innalza vette di valori e assicura agli uomini non solo fogli di Sibilla, ma passi e giorni di pace. 35 Ti rialzammo bandiera.

44 Sono atleta. Non correrò sulla pista con il cappotto e la sciarpa. Non correrò sudato di piombo, né con la banca in mano. Non correrò conquistando la cenere. Salperò tutte le rive, baciandoti fulminerò la luce. Spaccherò il tempo con le tue mani che carezzano l amore. La mia corsa di atleta spiana frontiere e scommette drammi e poeti. Sono atleta dell acqua che scava dirupi, boschi e radici. Sono atleta del vento che impazzisce le tenebre e accende le aurore. Sono atleta del cuore a cui rifiuto i palpiti e l annego nel sangue del tempo. Sono atleta della luce che deve ancora nascere, in un mondo ancora bambino e solo fatto di semi. Sono atleta dello spirito anche se mi spezza anca e costole della logica e del pensiero. Dinanzi all impossibile sono una tigre che afferra e brama l incredibile. Solo Dio mi corona la mente. 36 Sono atleta.

45 Sono dimagrite sulle tue strade le vendette. Non hai più imprigionato la lingua nella tua bocca. Hai ardito spezzare la morte e a galoppo l hai precipitata nei dirupi. Anche i cani abbaiavano le sue ossa. Al sepolcro puzza il suo ventre e fugge il cavallo dalle narici blindate. Si acciglia la vipera sui sassi cocenti e striscia lontano la bile e il veleno. Alle rocce salate di mare olezzano gli stami violacei dei capperi e danza il cormorano nei marosi delfini e balene. Setaccio ai giovani la superbia e il dispetto e quieto la tempesta dei pensieri. Ho scatenato nelle vene grovigli di nervi e ho brindato al mattino in alto con le stelle. Ti sposerò con anello di acqua di sorgenti. Ti vestirò con porpora di sorrisi. Ti bacerò 37 Sono dimagrite sulle tue strade le vendette.

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 INTERPRETARE L EVENTO Carissimi A., R. e C., carissimi parenti e amici di Pinuccio qui convenuti, la nostra fede cristiana mi assegna il compito di aiutare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me.

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me. BEATO L UOMO Beato l'uomo che retto procede e non entra a consiglio con gli empi e non va per la via dei peccatori, nel convegno dei tristi non siede. Nella legge del Signore ha risposto la sua gioia;

Dettagli

3. Prendimi nella tua scuola, mio amatissimo maestro, perché voglio imparare tutto da te: dona grazia e forza a tal fine.

3. Prendimi nella tua scuola, mio amatissimo maestro, perché voglio imparare tutto da te: dona grazia e forza a tal fine. 1. Mio Dio, imprimi in me la tua immagine, formala in me! Se è valsa la pena per te scendere dal cielo e vivere per 33 anni tra noi per darmi un esempio di un amore così pazzo e di tanta fatica, dovrebbe

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia!

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia! Introduzione Le rime dell anima, è il titolo di questa raccolta di poesie; tre libri in uno, un universo di emozioni autentiche, scatenate dal cuore, rime suggerite dall anima. Io... voi... e poesia...

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Rischiamo il Coraggio

Rischiamo il Coraggio Rischiamo il Coraggio Fraternità di Romena Veglia 2013-2014 Coraggio è il venire dell alba, l ora delle stelle e della notte che sogna, canna incrinata che suona ancora, fiamma che resiste scossa dal vento.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Calogero Parlapiano. respirami l anima

Calogero Parlapiano. respirami l anima Poesia Aracne 38 Calogero Parlapiano respirami l anima Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 isbn 978

Dettagli

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma.

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma. Terra di nessuno * José Ramón Trujillo Mentre l ombra è ancora, oltre i muri di pietra, un immenso desiderio d esser vivo (un immenso desiderio di mettersia camminare tentoni per la casa; di andare fino

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

NOVENA DI NATALE. Profezie Il Re che sta per venire è il Signore, venite adoriamo.

NOVENA DI NATALE. Profezie Il Re che sta per venire è il Signore, venite adoriamo. NOVENA DI NATALE NOVENA DI NATALE Profezie Il Re che sta per venire è il Signore, venite adoriamo. Gioisci, figlia di Sion, esulta, figlia di Gerusalemme: ecco, il Signore verrà, ed in quel giorno vi sarà

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il muro. Bianco intorno e intorno bianco e bianco e bianco. Vengono. Non ricordi il perché. Ah sì. Sorridere. Bisogna sorridere.

Il muro. Bianco intorno e intorno bianco e bianco e bianco. Vengono. Non ricordi il perché. Ah sì. Sorridere. Bisogna sorridere. Il muro Allora non sei più nulla neppure un numero sei sei solo disperazione accucciata in un letto che con gli occhi si aggrappa al muro alla crepa del muro alla macchia sul muro alla vita che dal muro

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

VIA CRUCIS. Gesù, Gesù mio Bene Stampatemi nel cor le vostre pene. Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio

VIA CRUCIS. Gesù, Gesù mio Bene Stampatemi nel cor le vostre pene. Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio VIA CRUCIS Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio (1698-1782) T eco vorrei, Signore, Oggi portar la Croce, Nella tua doglia atroce Io ti vorrei seguir. Ma troppo infermo, e lasso Donami Tu coraggio,

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC ctüüévv{ t w fa TÇwÜxt Parrocchia di S. Andrea Sommacampagna féååtvtåñtzçt Domenica 21 marzo 2010 WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC 12 BRUCIAMO I BIGLIETTINI Bruciamo i nostri peccati, con il perdono non ci sono

Dettagli

MADONNA DELLA SALUTE

MADONNA DELLA SALUTE 1 MADONNA DELLA SALUTE SI FESTEGGIA IL 21 NOVEMBRE 1- Vergine santissima, che sei venerata con il dolce titolo di Madonna della salute, perché in ogni tempo hai lenito le umane infermità: ti prego di ottenere

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Pietro Lo Moro PUZZLE DI PENSIERI

Pietro Lo Moro PUZZLE DI PENSIERI Puzzle di pensieri Pietro Lo Moro PUZZLE DI PENSIERI poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Pietro Lo Moro Tutti i diritti riservati Puzzle di pensieri Il dragone rosso 1 deicidio 33 d.c. Palestina,

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Poesie - Matteo Nicolin. Matteo Nicolin. Poesie

Poesie - Matteo Nicolin. Matteo Nicolin. Poesie Matteo Nicolin Poesie Selezione, 2013 1 La signora Nostalgia (e il suo irriverente ospite) Spesso, verso sera, mi reco alla casa di Nostalgia, una vecchia e cara amica mia: è sempre ora di cena (già io

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006 La donna e l uva Fotografie e versi di Ico Gasparri 2005-2006 (1) A02232 corri corri corri e soffri e salta sul cuore della terra e quando sarai felice salta e ridi e porta con te i figli tuoi a ridere

Dettagli