SCENDENDO! Gianluca Padovan

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCENDENDO! Gianluca Padovan"

Transcript

1 SCENDENDO! Gianluca Padovan 1

2 2...a noi, così, semplicemente

3 Testo: Gianluca Padovan. Foto: Gianluca Padovan. 3

4 «Il forestale sospirò e si guardò la mano callosa, logorata dal contatto con l impugnatura dell ascia e l elsa della spada. Conan allungò il braccio per prendere l anfora del vino. Il forestale lo fissò, confrontandolo con gli uomini intorno a loro, con gli uomini che erano morti lungo il fiume perduto, con i selvaggi oltre quel fiume. Conan non parve accorgersi del suo sguardo. La barbarie è la condizione naturale dell umanità disse il forestale, fissando tristemente il cimmero. La civiltà è innaturale, invece. È un capriccio delle circostanze. E alla fine, inevitabilmente, la barbarie deve trionfare.» Robert Ervin Howard, Conan il guerriero Nota. Per quanto riguarda l inquadramento cronologico, nel testo verrà omessa l indicazione «C.», abbreviazione della parola «Cristo». Ovvero si segnerà, ad esempio, «IV sec. a.» e non «IV sec. a.c.»; non «II sec. d.c.», bensì «II sec. d.». Si indicherà cioè semplicemente il prima o il dopo il cosiddetto «anno zero». 4

5 Premessa Sono una foglia nel vento Noi non sappiamo. Sapere è potere, sapere è sofferenza: dipende da che parte stai. Noi non sappiamo nemmeno di non sapere, non ce ne rendiamo conto e quindi non possiamo beneficiare dello stato di grazia di quel filosofo che disse, forse solo per sé stesso: «io so di non sapere, quindi so». Quando mi mettono a disposizione i giornali gratuiti fremo di paura: dove mi stanno fregando, per darmi a costo zero tanta informazione? Quando mi fanno firmare moduli su moduli per la tutela della cosiddetta «privacy» ho un moto di sconforto e una certezza: la privacy non esiste più. La massificazione di «Internet», sistema militare dato ai civili per giocarci e risparmiare ai militari un sacco di lavoro, mi fa capire che galoppiamo un cetaceo alato. Non stupiamoci se ci staccherà la testa. Oggi c è pure libro-faccia: «Facebook». Scrivete diligentemente tutti i vostri più intimi pruriti e completerete il quadro delle informazioni su chi siete, come e cosa pensate. Senza «Internet» e «Facebook» l informazione per tenerci sott occhio gli sarebbe costata un vero e proprio capitale in tempo e in denaro. Ma non è questo il punto. Noi non conosciamo la storia, quella con la esse maiuscola. Chi conosce la storia anche di un solo popolo sa cosa questo farà, sa come penserà. Sa come e perché potrebbe reagire e quindi, siccome prevenire è meglio che intervenire, lo sederà, lo tramortirà, lo svierà in qualche modo. Ma, innanzitutto, come ammoniscono taluni film «archeologicoavventurosi» interpretati da Harrison Ford, la conoscenza fa male alla salute. E chi la vuole sapere è sempre e indiscutibilmente il «cattivo di turno». La cosa da nascondere va messa in una cassa di legno assieme a un altro migliaio di casse di legno piene di nulla, ma dello stesso peso: chi potrà trovarla? Chi conosce la storia, rispetto a voi, è sempre un miglio più avanti e vi aspetta al varco. Noi andiamo a scuola per imparare quello che hanno stabilito da programma ministeriale, affinché possiamo tornare manovalanza utile, ma non senziente, non conoscente e quindi non agente. Soltanto bovinamente producente. Noi dobbiamo essere solo foglie al vento, senza peso. 5

6 1. Dentro il sogno Nel Segno del Falco Io sono uno speleologo e vedo mondi che non possono essere visti in altro modo che scendendo. Scendere è la parola d ordine. Scendendo è il mio credo. La mia fantascienza è immaginare quello che ci può stare sotto, ma nell istante in cui scendo l attore sono io. Fantascienza diviene scienza nel senso ch esiste. Io la percorro. «Sono sceso!» è la mia affermazione nell essere vivo. Ci s infila, comunque, in qualcosa. Può essere un ginepraio, un budello nella roccia che ti fa imprecare, un attrazione che ti fa perdere la ragione o solo del gran tempo. Ma è pur sempre vita. Per me la fantascienza è la reminescenza di qualcosa di passato che cerchiamo di fare rivivere nell ipotetico futuro sulla carta stampata e nei film. Esprimere la fantascienza è il preciso intento d imbonire la folla, il goffo tentativo di farle credere che è oppressa e si può e si deve ribellare. Fantascienza è inculcare un sentimento d amore nei confronti di un alieno, ma pure l avvisare che l alieno non va bene e bisogna abbatterlo, oppure che siamo sempre in colpa e dobbiamo subire le conseguenze degli atti alieni. Tanti messaggi con un solo scopo: creare confusione. Plasmare l essere incerto, l essere confuso, l essere umano perfetto in quanto docile e imbelle. Ma qualche messaggio va, volutamente o meno, a fare vibrare qualcosa di ancestrale, una piccola e sottile corda che in qualcuno di noi ancora si conserva. Quella musica è potenza divina! Le prime immagini del film Conan il Barbaro, uscito nel lontanissimo 1981, mostrano cime innevate e il padre di Conan in compagnia del figlio. E così gli dice: «Fuoco e vento provengono dal cielo, dagli Dei del cielo, ma è Crom il tuo dio, Crom che vive nella Terra. Un tempo i Giganti vivevano nella Terra, Conan, e nell oscurità del caos mistificarono Crom e gli sottrassero il segreto dell acciaio. Crom si adirò e la Terra tremò e fuoco e vento abbatterono quei Giganti e scagliarono i loro corpi nell acqua. Ma nel loro furore gli Dei si dimenticarono il segreto dell acciaio e lo lasciarono sul campo di battaglia. E noi che lo trovammo non siamo che uomini, né dei, né giganti. Solo uomini. E il segreto dell acciaio ha sempre portato con sé un mistero. Devi impararne il valore, Conan, devi impararne la disciplina, perché di nessuno, di nessuno al mondo ti puoi fidare, né uomini, né donne, né bestie. Di questo solo ti puoi fidare...». E il padre di Conan indica l acciaio che costituisce la spada. Spada che tiene tra le mani e che lui stesso ha forgiato. Poi la pone tra le mani del figlio. Lo speleologo non brandisce la spada. Lo speleologo impugna il martello, pianta i chiodi a espansione nella roccia a cui assicura i moschettoni e la corda per scendere 6

7 sotto. Chiodo dopo chiodo, corda dopo corda, procede nelle immensità degli spazi profondi. Lo speleologo veleggia dentro di lei, dentro la Terra. E forse cerca, come un falco, la sua preda. Falchi di palude Rimasi incantato dal volo dei falchi, tanto che un giorno una testa di falco divenne il marchio dell associazione speleologica che fondai. E tutto cominciò al Forte di Fuentes, la cosiddetta porta nord dello Stato di Milano. Vi andai più e più volte per assaporare il fascino dei suoi ruderi fagocitati dalla lussureggiante vegetazione, sicuramente per esplorare e capire i suoi sotterranei, certamente per vedere i falchi di palude. Non avevo mai visto prima così tanti rapaci e così vicini. L inconfondibile grido aveva il sapore di qualcosa di arcano, di andato disperso nelle nebbie del tempo, nelle guerre degli uomini. Il loro librarsi in volo, il modo in cui ruotavano il capo nobile e fiero, l eleganza del loro tuffo sulla preda mi parlavano al cuore. Tutto mi chiamava a gran voce dal passato. Ma ancora non colsi. Mi persi tra i libri che descrivevano le vicende del forte costruito ai primi del XVII secolo, inizialmente in «terrapieni e fassinade», poi pian piano, con calma, tra i miasmi delle acque stagnanti, venne edificato in muratura. Fu eretto sulla cima di un colle contornato dalle paludi, il famoso Pian di Spagna, dove la gente moriva di febbri e dissenteria, ma imperturbabile il governatore spagnolo dello Stato di Milano vi manteneva la guarnigione a controllo degli sbocchi della Valtellina, occupata dai Grigioni con le fluttuanti amicizie francesi e veneziane. Sentivo il sapore dell acciaio, sentivo i lamenti dei morti di peste ammucchiati e murati nei sotterranei, la fretta dei commilitoni nell evacuare la fortezza. Sentivo il sapore dell acciaio e basta. Volevo impugnarlo, quell acciaio. Volevo trovare il filo di quella leggenda che ancora si sussurrava nei cascinali fuori Colico, borgo fortificato da cui partivano le bestie da soma cariche di barili d acqua per la guarnigione del Fuentes. Eppure c erano cisterne sotterranee, sotto la sua piazza d armi, ma continuavano a portargliela nei barili. Forse l acqua si corrompeva troppo in fretta, forse gli Dei non volevano che quel colle continuasse ad essere indebitamente occupato. Ma le leggende parlavano chiaro: decine e decine di soldati morti erano stati buttati in qualche sotterraneo ricavato al di sotto della piazza d armi con il proprio armamentario e murati: non c era tempo di seppellire chi crollava affetto dal morbo, magari mentre ancora montava di guardia. Sicuramente gli Dei non hanno voluto che impugnassi quell acciaio straniero, negandomi la scoperta di una bella spada. Bella solo nei sogni, perché secoli d umido e di stillicidio non potevano che averla resa un grumo informe di ruggine. Tutto si riconduce a un cerchio, o meglio a una spirale di fumo col minatore che cava, il fabbro che forgia, il cavaliere che impugna, la terra che accoglie, la ruggine che 7

8 ingromma, il «raccoglione» che cerca, la spazzola che netta, la bacheca che espone, il tempo che inesorabilmente (a nostro dispetto e fortuna) dissolve. Ma quando intraprendi qualcosa è come dare inizio ad un cerchio e devi sempre portare a termine l opera. Sempre. E così ho capito che il tempo inesorabilmente scorre e quasi tutto muta. Sentendo o sognando È l alba, il momento del sogno. È lì, è reale, mi protendo in avanti per coglierne l essenza e questa svanisce. La mano si allunga sulla radiosveglia che ulula come il lupo grigio nella steppa. La mano ciondola a mezz aria, incapace di giungere a destinazione e bloccare il frastuono. Il momento si cristallizza nell impulso di mettere da parte il proprio progetto, il proprio sogno, e continuare a dormire. Ma ho un progetto, un sogno e soprattutto l appuntamento con lei. Con lei che mi attende. Lei! La vidi nell ombra della sera. Non credevo che potesse penetrarmi dentro, ma così dentro da perdermi, da farmi improvvisamente capire cosa volesse dire perdersi in un sospiro, in un pensiero, nella semplice foto. Era piccolissima, in verità: una foto da provino in bianco e nero. Ma quella foto mi abbacinò. Mi ci persi perché scatenò in me qualcosa d ancestrale. Era lei, veniva dal tempo, quel maledetto bastardo che mi rincorre, mi galoppa dentro e non mi molla. Il tempo. Un tempo la trassi a me, in quella casa dal tetto di torba piantata nella brughiera e in mezzo al sapore dell erica, sotto quella coltre di lana intessuta a mano e mi pareva d avere tra le mani qualcosa di prezioso, molto più che umano e prezioso. Non so descriverlo, quel momento, ma le accarezzai la pelle, scostai dolcemente quella cascata bionda, biondissima e capii quando sentivo gli anziani raccontare, solo allora capii cosa volesse dire «accarezzare la seta». Quella foto mi fece realmente capire chi lei fosse. E composi una poesia. Occhidipinti Consumerò quegli occhi nel mio guardarli a lungo attraverso le lacrime che vagano tra un secolo e l altro cercandoti nei roghi del tempo su quella foto che solo ricorda, o quel dipinto che muto sussurra di averti tenuto a me in quei momenti rubati al pagliaio nel bosco che tutto ti dice, 8

9 nell erba che piano ti segna, nell altra era nell altra epoca in un altro tempo che mi rincorre e non mi lascia nel sogno carpirti ancora un momento. Il sogno è una faccia della medaglia, l altra è la veglia. La veglia è il momento dell inferno su questa Madre Terra. Mi sono spesso domandato come taluni siano riusciti a gabbare una moltitudine d individui vendendogli la storiella che in vita dovevano soffrire per guadagnarsi un supposto paradiso. Cerco di affrontare quello che mi vado a cercare perché non mi piace ascoltare gli imbonitori di folle, i «persuasori occulti» i quali ti dicono di startene a casa buono buono a guardare la partita di calcio sulla tal rete tivù perché «sei protagonista». Protagonista deriva dalle parole greche «primo» e «lottatore». Questi ci vogliono lottatori del telecomando, orfani del nostro cervello. Oggi, se prendiamo il vocabolario, vediamo che il protagonista è l attore che interpreta il ruolo principale. Anche qui siamo messi malino, costretti a recitare una parte non nostra per un produttore che non ci siamo scelti. Noi siamo noi e non protagonisti. Noi recitiamo per noi stessi. Ma, sempre, fortissimamente e in ogni caso dobbiamo essere noi: solo così il tempo e le energie sottili ci comunicheranno qualcosa, solo così potremo dire di avere effettivamente vissuto. Io mi sveglio e la penso, non la fregatura che ci sta dietro al quotidiano, ma Lei e il suo volto radioso che m insegue nel tempo. Poi un giorno accadde. La incontrai, o forse è meglio dire che nuovamente, ancora una volta la incontrai sotto spoglie umane, in questa vicissitudine chiamata «vita», che noi conduciamo sul globo terracqueo. Uno davanti all altra, sotto umane spoglie. La riguardai negli occhi e la Madre Terra mi parve improvvisamente meravigliosa. Reminescenze Quando si vaneggia sulle vere o supposte o semplicemente favoleggiate vite precedenti ci si figura grandi cavalieri, eroi, ricchi mercanti. Un tipo curioso mi disse che lui si vedeva con una gran palandrana di velluto marrone e un berretto elegante ornato di pelliccia bianca. L antesignano del pappone! Me lo dissi senza dargli a vedere la mia ilarità. Tutti ci si figura belli, nobili e ricchi. Io non mi figuro. Sento solo che ho penato, ho fatto fatica a tirare avanti. Sento che ho sempre o quasi combattuto. E questo mi rende la permanenza odierna ancora più seccante perché quel che so fare meglio 9

10 stavolta non me lo fanno fare. Ma non è corretto: quello lo so già fare e credo sia meglio imparare a fare altro. Lei la ricordo nel crepuscolo. Eravamo accampati alla sommità di una collina macchiata da bassi cespugli duri e irriverenti con le vesti che vi s impigliavano nel vento freddo. Si stabilirono gli ordini per i turni di guardia e la ricognizione, laggiù al guado. Lei aveva i capelli biondo oro sciolti che uscivano da sotto la spessa cappa di lana e si esercitava pigramente con l arco contro un vecchio ceppo d albero. Chi era lei? Chi eravamo noi? Queste domande non avranno qui risposta, sono solo mie. Posso però dire che nell ansia dello scontro ci si sente quasi euforici, quando si è certi della vittoria. Nell ansia della morte ci si sente più che mai vivi e l abbattere l avversario ci dà una carica prepotente, che desideriamo ripetere, replicare, rinnovare. Dopo la battaglia, assisi alla lunga tavola, semmai poi vi potrà ancora essere, ti guardi attorno, lentamente, mentre mastichi il cibo che non ha più sapore e conti, conti quanti ne sono rimasti dei tuoi, quanti ne ha portati via la morte, quanti ne ha resi inabili la sconfitta, come non saranno mai più belli e giovani i tuoi giorni. Sempre quella maledetta medaglia dalle due facce. Sempre un bianco e un nero entro cui si rinserrano sogni e speranze, scelte ed azioni. Penso che una vita vada vinta. Nel corso della nostra vita dobbiamo conseguire una vittoria che sia «la vittoria!». La prima regola è non mettersi mai in condizione d essere sconfitti, in quanto una o forse la prima cosa da fare è l applicare la tattica. Che sia leale, che sia a testa alta, ma puntualmente pensata, meditata, questa tattica. La vita stessa, come recitavano taluni samurai, è una questione di tattica. Così ha tramandato Miyamoto Musashi, probabilmente il più noto samurai dell antico Giappone, nel XVII secolo: «Coloro che percorrono la via dell Hejō, sia in Cina che in Giappone, sono chiamati maestri di tattica militare. I guerrieri devono conoscere perfettamente questa via». 1 Hejō significa «strategia» e l Hejō è «l arte del samurai». 2 Ma ci sono dei momenti, dei frangenti, delle situazioni che vanno affrontati e basta, anche se si è certi della sconfitta. Ci si deve battere, anche a costo della morte. Non vi è alternativa, lo si deve fare, con impeto e a testa alta. Sempre Musashi però esorta: «Chi voglia intraprendere la via dell Hejō tenga a mente i seguenti precetti: Primo: Non coltivare cattivi pensieri. Secondo: Esercitati con dedizione. Terzo: Studia tutte le arti. Quarto: Conosci anche gli altri mestieri. Quinto: Distingui l utile dall inutile. Sesto: Riconosci il vero dal falso. Settimo: Percepisci anche quello che non vedi con gli occhi. Ottavo: Non essere trascurato nemmeno nelle minuzie. Nono: Non abbandonarti in attività futili». 3 10

11 Lei la perdemmo pochi mesi dopo, nel corso di uno scontro non voluto, serrati dappresso dalla cavalleria avversaria. Lei si battè, come sempre, bene e con coraggio. Ma guardandola oggi vedo la sua melanconia d allora. Una melanconia che derivava forse da un indole congenita, forse dalla sensazione di camminare fianco a fianco alla morte da tanto e troppo tempo, per lei così bella e delicata, piena di sentimento, ma ferma nei suoi intenti di voler vivere da persona e fondamentalmente libera. Oggi soffriamo meno d allora nel sentirci sfruttati e novelli schiavi. Forse perché la tempra del sangue s è svilita, forse perché la coscienza di noi stessi è un po annacquata, probabilmente perché non ci siamo ancora tolti di dosso le tante morti, i tanti lutti, che preferiamo piegare un poco il capo, ma ritrovarci ancora tutti alla tavola della nostra vita. Ma per mangiare cosa? Lei Questa città smisurata si confonde con tutta la serie di paesi che le fanno da pancera, i quali a loro volta si estendono a dismisura divorando boschi e campagne, rogge e fontanili. Tutto ciò mi genera una strana forma di claustrofobia. Le vie di fuga sono i monti con le loro grotte, le vie d evasione sono i sotterranei che ciechi si dipanano sotto ogni città. Mi sento prigioniero di un contenitore fatto di mattoni, cemento e plastica. Cementificazione. Abbattimento delle tradizioni. Suppongo si abbia necessità, talvolta, di qualcosa di vecchio, se non di antico, a cui fare riferimento. I sotterranei mi attirano più delle grotte, seppure in queste vi sia l alito del drago che sempre mi chiama. Non devo nemmeno sforzarmi a ricordare, intanto che scrivo. Lei ce l ho ancora davanti agli occhi, con il cappottone spigato bianco e nero che non rende giustizia ai suoi fianchi e un acconciatura di capelli assai bizzarra, che la fa apparire strana, disarmonica. Ecco quello che intimamente mi infastidisce: la disarmonia. Quando guardo vecchie foto d epoca vedo le donne con questi capelli ordinati, talvolta sciolti, altre in acconciature per noi oggi inusuali, ma tutte richiamano e al contempo emanano armonia. Lei l ho conosciuta in autunno inoltrato. In un altra città. Preso da me stesso, badai solo alle apparenze, all importanza che mi davo nel compiere un lavoro un po fuori dall usuale e l attimo si dissolse. Capitò nei sotterranei del castello arroccato in collina accompagnata dalla fidanzata di mio fratello, socio dell Associazione Speleologica Falco. Mattoni solfatati e chiazzati di salnitro, odore di muffa, tipica polvere degli ambienti lasciati a sé stessi. Festoni di ragnatele carichi anch essi di polvere. Persino i ragni dovevano accettare l ineluttabilità del sito e l invadenza dei nostri piedi che calpestavano ovunque, frenetici, nell ansia di trovare il passaggio 11

12 segreto. Due vani contenevano scaffali di bottiglie, il resto poco ciarpame tartassato dal tempo. Ma sotto i resti di un bancale ecco apparire la bocca tonda di un pozzo, privo di vera, a filo di pavimento. La faccia sconosciuta comparve proprio in quella bocca tonda di pozzo in cui mi stavo calando piano pianino e prendendo le misure, ma ero ancora a pochi metri al di sotto. Mi saluta, mi chiede cosa stia facendo, ma taglio corto. Mi ha deconcentrato. Sblocco il discensore e decido di partire dal fondo, a misurare il tutto, per chiudere i canali di quella musica strana che mi ha agganciato. Pozzo artificiale. Diametro novantaquattro centimetri. Profondità trentasette metri e sessantadue. Rivestito in mattoni fin quasi al fondo. Fondo in ghiaia, classico pozzo che pescava in falda. Soffio via la polvere dal taccuino, annoto diligentemente, proseguo. Mi piacciono i pozzi, hanno il sapore della vita quotidiana che si protrae nei secoli. Li considero dei monumenti, che pochi studiano perché si fa fatica e magari si rischia pure un poco. Ma sanno d acqua fredda, gestualità che sono un rito, attenzione che richiama armonia. Erano ciò che consentiva quotidianamente la vita nella cascina, nel quartiere, talvolta nell intero abitato e soprattutto in caso d assedio. Un paio d ore dopo riemergo e mio fratello m informa d averne trovato un altro sotto un piccolo tombino in pietra. Lungo il perimetro dell ultima stanza il muro scodinzola in una lieve rientranza, una curvetta priva di giustificazioni ne ha attirato lo sguardo attento. Pochi colpi dati con il tacco della calzatura bastano a intuire e dare mano a una decrepita scopa di saggina, scovata annoiata in un angolo. Sotto la polvere, rinserrata nel pavimento, sta una botola circolare in granito, con anello al centro. Sotto, il pozzo respira a stento. Anche lui secco, dato l abbassamento della falda freatica avvenuto nell arco di questi ultimi decenni. Bel lavoro, peccato non sia ancora saltato fuori il cunicolo di cui si favoleggia, quello che permetteva d andare dal castello al convento e viceversa. Ripenso a quando sono uscito da quel pozzo. Avrei voluto non farlo, sapevo che oramai le cose non sarebbero state più come prima. E ho capito come s invecchia rapidamente quando ci si cristallizza sulle proprie posizioni, quando si desidera essere lasciati in pace dai propri sogni. Lei. Qualche mese dopo capitò in sede, assieme ad altri speleo e tutti ci sedemmo come d abitudine lungo il tavolone di legno nero, povera imitazione di antichi tavoli medievali. Da un freddo autunno il tempo sembrava essersi riallacciato ai tepori primaverili di un sabato pomeriggio, saltando a piè pari il gelo invernale. I capelli di lei erano lisci, naturalmente lisci e biondi, che ricadevano sulla camicetta di pizzo bianca, di un altra epoca, di un altra persona: sua nonna, come poi mi disse. I nostri sguardi si colsero l un l altro, si guardarono e poi si videro. Il richiamo venne dal tempo e io lo ascoltai, turbato ed estasiato come un fanciullo. 12

13 Nella Sfinge della Valganna Se l imperativo speleologico è «scendere!», la formula migliore per affrontarlo è «adesso!». Le domando cosa faccia in serata e due ore dopo partiamo. Imbocchiamo l autostrada per andare a passare la notte in un posto che mi ha sempre affascinato. Anni prima, riordinando l Archivio Storico del gruppo speleo di cui allora facevo parte (prima di fondarne uno io, ovvero il Gruppo Speleo Falco), trovai parecchio materiale sulla cavità artificiale chiamata «La Sfinge della Valganna», meglio nota tra gli speleologi come «Antro delle Gallerie», situata a nord di Varese. Scoperto verso la fine dell Ottocento dall Abate Inganni di Milano, l Antro è un intricato sistema di cunicoli e gallerie scavati nell arenaria quarzosa. Non si sa né quando, né da chi sia stato realizzato. Neppure quale fosse la sua destinazione. E come per le cose di cui nulla si sa, anche su di esso sono fiorite storie e leggende, ipotesi e convinzioni. La più vecchia foto scattatavi risale al 1897: due intrepidi, il terzo è il fotografo che in aggiunta è pure temerario, indossano completo scuro, camicia bianca e in testa hanno la paglietta. Uno porta ad armacollo il classico rotolone di spessa corda, verosimilmente di canapa. Parcheggiamo al limitare del bosco. È buio fitto, ma la strada la conosco bene. Dopo poco l aria fredda che soffia fuori dalla galleria ci dà il benvenuto. Lei è titubante, quasi timorosa. Accendiamo le luci fissate sui nostri caschi. La luce porta conforto. E siamo già dentro. Cunicoli e gallerie hanno la forma di botte allungata e le loro altezze oscillano tra i cinquanta centimetri e i due metri. Dalle fessure della roccia trasuda copiosa l argilla, fine, tenace, quasi collosa. Lei è affascinata. Le indico le scalpellature sulla roccia lasciate dagli attrezzi di scavo: «Osserva come siano tutte parallele e diritte quelle che corrono sul soffitto piatto. E decisamente arcuate verso il basso, ma sempre parallele, quelle che disegnano le pareti». Sono lavori troppo ben fatti per essere quelli di una semplice cava o di una miniera, inoltre manca l oggetto della coltivazione, ovvero il minerale. Già, che hanno estratto? Qualche rara patina d idrossidi di ferro? E poi non vi sono chiari cantieri di coltivazione, ovvero il sistema è un labirinto privo di grandi ambienti, se si eccettuano tre salette. Nelle intersezioni tra più rami i lavori di scavo si prendono la briga di rifinire gli angoli. Molti accessi recano incavi e scanalature, quasi che in antico alloggiassero delle porte, da chiudersi con paletti. Dall interno, non dall esterno. Lei mi pone svariate domande, a cui cerco di rispondere con più chiarezza possibile. Tecnicamente questo ipogeo è assimilabile a una miniera medievale, come ve ne sono tante nell arco Alpino. Ricorda, non solo a me, talune miniere del Delfinato e in particolare quella di Brandes-en-Oisans in Alta Savoia, nell Isère (Francia). Gli archeologi francesi vi hanno condotto lunghe e interessanti indagini, riportando alla luce il villaggio di Brandes, situato a ben 1800 metri di quota, e sviluppatosi dal XIII al XV secolo. Nei pressi s inabissano nel monte le gallerie del complesso minerario da cui si estraeva piombo argentifero. 13

14 «Che cos è, allora, se mi dici che l opera è troppo curata per essere stata destinata a cava o miniera, come quasi tutti sostengono?» mi domanda sempre più curiosa e incuriosita. Taccio. Suppongo che in un periodo successivo al suo abbandono l Antro delle Gallerie sia stato sfruttato come cava di arenaria. Sono stati così sbancati alcuni tratti di galleria eliminando vari setti divisori, solette tra differenti livelli del complesso, allargando qualche intersezione e, quel ch è peggio, occludendo numerosi cunicoli e gallerie laterali. Difatti non è completamente esplorato e i livelli inferiori sono pure sommersi dall acqua. Ma il motivo primo che condusse, chissà quanti secoli fa, uomini e fors anche donne, a concepire e realizzare ciò, resta senza risposta. La pietra è muta o forse non siamo in grado di ascoltarla. Anabasi A me la Sfinge della Valganna fa venire in mente lidi lontani nel tempo e nello spazio; mi rammenta così, semplicemente, un passo dell Anabasi di Senofonte. Siamo alla fine del V secolo a. e Ciro il Giovane vuole usurpare il trono di Persia a suo fratello maggiore Artaserse II. Raduna quindi un grande esercito assoldando anche diecimila opliti greci, molti dei quali spartani, celando però abilmente il vero scopo della missione militare. Marcia poi nel cuore della Persia fino a un centinaio di chilometri da Babilonia, dove sulla piana di Cunassa, situata tra il Tigri e l Eufrate, si decidono le sorti degli eserciti e la fama imperitura dell epica impresa compiuta dai Greci. Gli eserciti si spiegano per la battaglia e la superiorità numerica a favore del re di Persia è schiacciante, tanto che dà inizio a un ampia manovra per l accerchiamento dell esercito comandato dal fratello Ciro. Nell intento di prevenire la pericolosa mossa, Ciro stesso, con la sua guardia personale, si lancia alla carica per sfondare il centro avversario e uccidere di suo pugno il fratello. Nemmeno i Greci attendono l impatto e intonato il peana sferrano l attacco sbaragliando completamente un ala dell esercito di Artaserse. Le sorti parrebbero decise, ma nello scontro Ciro è morto e i suoi ufficiali persiani hanno fatto atto di sottomissione passando armi ed armati nelle fila avversarie, sotto il comando del legittimo re. Un ambasciata intima ai Greci la resa, ma il rifiuto è categorico: «Risponde per primo il più anziano, Cleanore di Arcadia, dicendo: Piuttosto che consegnare le armi preferiamo morire. Parla poi Prosseno di Tebe: Vorrei sapere, Falino, se il Re vuole le nostre armi perché ha vinto o se vuole che gli facciamo un regalo: se pensa di aver vinto, che bisogno ha di chiedere; che venga a prendersele!». 4 Falino, consigliere greco al soldo persiano, dichiara che il Re ha vinto perché ha ucciso Ciro, i Greci sono nel suo territorio quindi gli appartengono e volendo può schiacciarli con il suo enorme esercito. 14

15 Replica Teopompo di Atene: «Lo vedi anche tu, Falino, non ci restano che le nostre armi e il nostro valore. Se teniamo le armi abbiamo la possibilità anche di mostrare il nostro valore, ma se le consegniamo, perderemo anche la vita. Non aspettarti, dunque, che vi consegniamo le uniche risorse che ci restano; piuttosto combatteremo per privare voi delle vostre». 5 Infine si tratta la tregua e i comandanti greci, assieme agli ufficiali subalterni, vengono invitati a un banchetto fatto appositamente imbandire da Tissaferne, comandante persiano e loro ex alleato, verosimilmente per ordine del Re. La cena si rivela essere un po pesante e indigesta: tutti gli ufficiali greci sono tutti presi e uccisi a tradimento. Gli opliti non si perdono d animo, eleggono nuovi comandanti, marciano per più di duemila chilometri costeggiando un lungo tratto del fiume Eufrate e superando alcune catene montuose per fare ritorno in patria, sconfiggendo l esercito persiano ogni qual volta si presenti a sbarrare loro la strada. Non percorrono l itinerario dell andata, ma una nuova via, dove incontrano genti e usanze a loro sconosciute, che Senofonte, uno dei comandanti, narra nell epopea dei Diecimila. Ecco il passo che mi ha sempre affascinato, richiamando le città sotterranee che potevano trovarsi anche in Italia: «Le case sono scavate sottoterra e hanno una imboccatura come quella di un pozzo ma sotto sono abbastanza ampie e hanno pure dei passaggi scavati per ricoverare gli animali mentre gli uomini scendono con le scale. In queste abitazioni ci sono pecore, capre, buoi, galline coi loro piccoli e tutte queste bestie vengono governate con il fieno che è stivato all interno. C è anche del grano, dell orzo, legumi e vino d orzo conservato dentro a dei vasi su cui galleggiano i chicchi. Ci sono poi immerse delle canne più o meno lunghe e senza nodi e quando uno ha sete le mette in bocca e succhia. A berla schietta è una bevanda piuttosto forte ma piacevole una volta che ci si è presa l abitudine». 6 I soldati greci prendono commiato da queste genti in amicizia e Senofonte, mediante un interprete, chiede al loro capo villaggio che terra sia quella: «L Armenia risponde». 7 E «anabasi» vuol dire salita, ma anche intesa nel senso di vittoria! Il calore dell acqua gelida Dedalo era un artigiano ateniese il cui nome significa «ingegnoso» e passò alla storia per avere costruito su incarico del re di Creta Minosse un labirinto sotterraneo dotato di un solo accesso. Dentro venne confinato il Minotauro. Non è che Dedalo si limitò a sfruttare una preesistente miniera? L Antro delle Gallerie è un vero e proprio dedalo, attualmente con un unico accesso. Dedalo fornì il filo ad Arianna, la quale, a sua volta, lo diede a Teseo per cercare il Minotauro nell intrico sotterraneo, ucciderlo e guadagnare l uscita grazie al filo che aveva svolto. Conosco così bene l Antro che non ho bisogno del mitico filo per ritrovare infallibilmente la via d uscita. 15

16 Lasciamo sulla sinistra i Rami degli Gnomi, percorriamo la Parabolica, ci fermiamo al Pozzo Quadro. Noi speleo abbiamo il vezzo di battezzare ogni pozzo e ramo con un nome. Così ce lo ricordiamo. Così, quando chiacchieriamo o ne discutiamo, sappiamo sempre dove siamo. Ci protendiamo di testa in un cunicolo bassissimo e fangoso a causa del materiale di riporto che lo ha quasi completamente interrato, passiamo a lato di una frana e siamo nel Labirinto. In questo unico ambiente d una certa grandezza ad oggi noto confluiscono ben nove gallerie, le quali girano, voltano e s intersecano per tornare sempre al punto di partenza. Il mio scherzo preferito è condurci qui gli speleo, spegnere la mia luce e dileguarmi al buio. Tanto la strada la conosco al tatto. Quando va bene ci mettono circa mezz ora e vagonate d imprecazioni per uscirne. Altrimenti sono costretto a tornare sui miei passi e ripescarli. Qui dentro c è un silenzio fresco, carico di storia. Gli echi di chi scavò non giungono alle mie orecchie, non penetrano il mio sesto senso. La prendo per mano, la guido su è giù per il Labirinto e per noi il tempo si è dissolto. Visitiamo un infinità di rami, scendiamo di livello incontrando quelli allagati. Sotto tacciono indisturbate le gallerie sommerse. L acqua ora azzurra ora verde ci gioca uno scherzo. L acqua dolce mi ammalia. «Mi piacerebbe farci il bagno» sussurra. E perché no? Via la tuta, il sottotuta in pile, gli stivali, via tutto il resto. L acqua ci avvolge, il gelo ci fa tutt uno. Ringrazio mentalmente le acque, offro il calore del mio corpo, m immergo completamente sentendo che l acqua mi accarezza la sommità della testa. Poi il freddo ha il sopravvento e sbuffando e soffiando come un tricheco con un balzo sono fuori dalla vasca di roccia. Le tendo la mano, l aiuto a uscire dall acqua e il suo slancio quasi mi sbilancia. È tra le mie braccia. Il brivido di freddo è quello del tempo siderale che ci ha tenuti distanti l uno dall altra. Il brivido si tramuta in calore al contatto dei nostri corpi e ci baciamo. La guardo dritta in quegli occhi verdi e profondi. «Tu ricordi» le dico con voce secca. «Tu vaneggi» mi risponde. E mi trae a sé, selvaggiamente, mi bacia con passione, mi cerca. Lo so che mi hai cercato. Ci buttiamo sulle tute speleo stese a terra, il fango ci chiazza, i nostri baci ci coprono. Ci rituffiamo in acqua, per toglierci il fango di dosso e riprovare il brivido del gelo sui nostri corpi accaldati. Non abbiamo alcun asciugamano appresso e ci sfreghiamo vicendevolmente i corpi con le maglie di ricambio. Asciugarle i capelli è un emozione intensa. Ci rivestiamo e cerchiamo un posticino dove consumare una merenda che, data l ora, si potrebbe chiamare colazione. Dalla sacca speleo in PVC estraggo da mangiare e da bere. Il caldo the alla menta contenuto nel thermos ci rinfranca. Quando la metropoli saluta noi, esploratori del buio, nel cacofonico chiasso mattutino le dico semplicemente: «Andiamo da me». Lei annuisce senza profferire parola. Sfila il portafogli dalla giaccavento, lo apre, ne trae una piccola foto in bianco e nero, me la porge. Ha qualche anno di meno, i suoi capelli sono lunghi, le arrivano quasi alla vita. 16

17 «È per te, tienila, l ho fatta anni addietro. Certamente ti ricorderà di un tempo passato, ma quello che dobbiamo vivere è il presente. Non scordarlo!» e mi bacia. L acqua come forma di potere Acqua, sempre acqua... Visto e considerato che la speleologa e lo speleologo si interessano di acqua, direi che due parole sull argomento legato a questo elemento che scava le grotte e poi le panneggia di concrezioni si possono spendere. La faccenda della privatizzazione dell acqua è purtroppo inquinata da agenti partitici e quindi politici o, se più vi piace, da fattori politici e conseguentemente partitici. Stiamo comunque dirigendoci verso la perdita di sovranità da parte dello Stato, con il conseguente aumento di potere da parte di incontrollate e incontrollabili entità. Come, ad esempio, banche e multinazionali. Per riflettere da un punto di vista prettamente storico e magari pure speleologico, riporto non solo un dato storico, ma pure qualche mia osservazione. Il medioevo italiano ha visto la costruzione di formidabili strutture difensive, le quali hanno sfidato i secoli per giungere fino a noi sostanzialmente immutate. La loro acquisizione da parte delle nuove odierne realtà comunali e il loro recupero hanno talvolta gettato raggi di luce sul passato, facendoci cogliere spaccati di vita quotidiana. Il borgo marchigiano di Gradara è tutt oggi protetto dalla cinta muraria del XIV secolo, dominato dal castello costruito dai Malatesta di Verrucchio su precedenti fortificazioni e restaurato dagli Sforza alla fine del XV secolo. Un recente studio sulle mura accenna al rapporto tra il borgo, proprietà dei borghigiani dal 1363, e i signori feudali proprietari del castello, denominato anche rocca: «Mentre, infatti, questa, racchiusa nel più breve circuito delle mura del girone, è di proprietà dello Stato centrale ed è completamente avulsa dalla vita dei cittadini mai chiamati a partecipare alle feste di corte nè alla presa di possesso dei vari enfiteuti, le mura della terra (il centro storico vero e proprio) sono invece di proprietà della comunità e da questa orgogliosamente custodite e mantenute. E ciò dal 1363 a tutt oggi ininterrottamente» (Bischi D., Il castello e le sue mura, in Bischi D., Cucchiarini E., Le mura di Gradara, Editrice Fortuna, Fano 1996, p. 16). Ed ecco il punto che direttamente riguarda la fruizione dell acqua potabile da parte del popolo: «Tacita riconoscenza ci fu, per le famiglie della terra e del borgo, solo per l uso della cisterna all interno della rocca. Nel 1853 il Governo Pontificio decideva infatti, per le condizioni disastrose della rocca, lo smantellamento di tutto il complesso al fine di ricavarne materiali di risulta (ornati, coppi, laterizi, ecc.). Il periziato introito fu di scudi Per l utilità della cisterna, che, sarebbe venuta a mancare con lo smantellamento dei tetti, il comune di Gradara, fino ad allora disinteressato all acquisizione della rocca, ne chiese ed ottenne l enfiteusi prima e la proprietà dopo al solo scopo di salvaguardare l approvvigionamento idrico del 17

18 castello. Impossibilitato però a garantire la gravosa manutenzione della rocca, il comune la cedette, nel 1877, riservandosi però la fruizione della cisterna che, di proprietà del Conte Alessandro Bonacossi alle stesse condizioni fu ceduta nel 1919 all ingegnere Umberto Zanvettori di Belluno» (Ivi). Innanzitutto mi viene da pensare che l equilibrio mantenutosi nel tempo tra feudatari e popolo poggiasse anche e soprattutto sul fattore acqua potabile. Se i borghigiani dovevano recarsi al pozzo del castello per l approvvigionamento, immaginiamoci cosa sarebbe potuto accadere se gli stessi avessero contestato o si fossero in qualche modo posti in contrasto con l autorità centrale: questa gli avrebbe, per così dire, chiuso i rubinetti e li avrebbe assetati. Quindi al popolo conveniva stare buono e, a ben guardare in questo XXI secolo, in alcuni paesi esteri le cose non sono mutate. In ogni caso adesso si grida alla siccità, ma pare che piova e che nevichi quanto prima e talvolta pure un po di più. Si dice che il prossimo oro sarà quello blu, ovvero l acqua, e ci si avventa per conquistare più fonti possibili. In realtà il fattore acqua a noi non riguarda direttamente: è alla base delle guerre mediorientali. Ma qualcuno desidera applicare tale «modello vincente» pure qui da noi, per soggiogare il popolo. Non ci credete? Digitate sui motori di ricerca alcune parole chiave, utilizzando il vostro buon senso, un minimo di conoscenza storica sul Ventesimo secolo e un pizzico di fantasia. Se siccità e penuria d acqua devono essere, e che siano! Forse sarà la volta buona che il declassato speleologo verrà tenuto in considerazione per la ricerca, lo studio e il recupero delle antiche opere idrauliche sotterranee, le quali giacciono abbandonate e vilipese sotto i nostri piedi. Forse sarà la volta buona che lo Speleologo (notare la Esse Maiuscola!) uscirà dal circolo settàrio in cui si è chiuso. Per quanto riguarda la penuria del liquido mi viene in mente che, ad esempio, le suore Passioniste di Tarquinia (Viterbo) raccolgono ancora l acqua meteorica nelle grandi cisterne quatto-cinquecentesche del convento per innaffiare gli orti e lavare i chiostri. Se lo fanno loro, possibile che altrove non si possa fare altrettanto? Solo nel corso degli ultimi duemila anni si sono costruite così tante cisterne che, già cominciando a recuperarne una parte, si scosterebbe la spada di Damocle della penuria d acqua, senza dover spendere ulteriori energie per costruirne di nuove. Riporto utilmente un passo di Vandana Shiva sulla conserva sotterranea dell acqua: «I complessi di cisterne in India meridionale, tra i più duraturi sistemi indigeni, sono in uso da secoli. Sono costituiti da centinaia di serbatoi collegati tra loro in modo da formare una catena continua in grado di evitare ogni perdita di acqua. I colonizzatori rimasero colpiti da quei sistemi così elaborati. Commentò una volta il maggiore Sankey, uno dei primi ingegneri britannici giunti nello stato del Mysore: Il principio dell immagazzinamento è stato eseguito in misura tale che occorrerebbe non poco ingegno per trovare posto per una nuova cisterna in questa grande area» (Vandana Shiva, Le guerre dell acqua, Feltrinelli, Milano 2003, p. 126). Un passo del libro, sempre a proposito dell idraulica antica, mi ha colpito e mi ha dato modo di riflettere ulteriormente. Ve lo riporto: «I britannici, il cui sistema agricolo non dipendeva dall irrigazione, non sapevano nulla di gestione dell acqua quando arrivarono in India. Arthur Cotton, fondatore dei moderni programmi 18

19 d irrigazione, scriveva: C è una moltitudine di vecchie opere indigene in varie parti dell India. Sono opere nobili, che rivelano sicurezza e senso di progettazione. Sono in funzione da centinaia di anni. Quando sono arrivato in India sono rimasto colpito dal disprezzo con cui inizialmente gli indigeni parlavano di noi per come trascuravamo le migliorie materiali; dicevano che eravamo come dei selvaggi civilizzati, bravissimi a combattere ma talmente inferiori ai loro grandi uomini da non sapere nemmeno mantenere in buone condizioni le opere che loro avevano costruito, e tanto mano imitarli estendendo il sistema» (Ibidem, p. 128). Noi siamo tutti novelli britannici, nei confronti delle antiche opere di casa nostra. Facciamoci due conti, spegniamo la televisione e ragioniamo con la nostra testa. Magari leggendoci il libro di Vandana Shiva. 2. Dentro il mito Nell alba del mondo Non sono ancora riuscito ad alzarmi dal letto. L indolenza mi sospinge a un subdolo senso di scoramento non giustificato, in cui mi sento pervaso dal crescente desiderio d eclissarmi tra il cuscino e le lenzuola, laddove si sogna. E nuoto. Nuoto contro la corrente dolce e infida guadagnando a plumbee bracciate una riva che mi accoglie con aspro sapore di saliva invecchiata, oramai da cambiare. Ma Lei mi attende, devo raggiungerla. Non posso assolutamente rimandare questa occasione. Gli occhi di Lei mi guardano attraverso le brume del sogno che si dissolve, inducendo la mia carcassa a sollevarsi dal sudario. Raddrizzo me stesso, trovando nel pavimento un punto fermo. Di partenza. Le piante dei piedi accolgono benevolmente il contatto fresco e solido. Vi fanno presa. Tutto passa, anche la notte. Spengo il baccano prodotto dall orologio d inizio millennio e tuffo la testa nell acqua tiepida. Lo spazzolino da denti cancellerà ogni traccia di sonno mal digerito, rendendo reali i suoi occhi, le sue labbra, lo zaino accasciato contro la porta d ingresso e le corde già pronte nelle sacche. Corde che ci serviranno per scendere. Io e lei scenderemo nel ventre della Terra. In grotta! Io e Lei andremo a percorrere una delle tante vie sotterranee dell acqua, da me già percorsa in passato. Anni addietro volevo sapere dove conduceva, quella via d acqua. Volevo esplorarla tutta, la grotta. Volevo dare credito a un pensiero, a un immaginazione: il segreto desiderio di trovare una traccia del passato dell Umanità che ribaltasse la sua «storia ufficiale». Ma questo venerdì mattina mi risuona strano, forse l aria vacanziera mi ha reso oltremodo pigro. 19

20 Mi danzano nella mente pensieri d altri tempi, quando leggevo i libri di Peter Kolosimo, Charroux, von Haghen oppure Il mattino dei maghi di Pauwels e Bergier, sulla «vera» storia dell umanità e della sua reale o presunta evoluzione. Cos è accaduto tanto tempo fa? Cos è accaduto agli albori del Mondo? Un giorno gli Dei del Cielo si sono adirati e hanno mandato un corpo solido a schiantarsi sulla Madre Terra. Forse una delle lune che correvano attorno alla Terra? Dove si sarà rifugiata la gente scampata al disastro? In montagna e nelle grotte sotto le montagne. Questo è un punto fermo da dove cominciare. Sotto terra si cela qualcosa. Se ne parla sempre più spesso. Forse che taluni segreti possono oggi trovare divulgazione presso questa massa addormentata a dovere dai media? Senza suscitare troppo scalpore? Senza suscitare una furiosa reazione? Atlantide è un mito. Platone, filosofo greco vissuto duemilacinquecento anni fa, ci parla di Atlantide. Anzi, nel dialogo tra Socrate, Timeo, Crizia ed Emocrate fa scaturire la storia di Solone che si reca in Egitto. Solone, poeta e legislatore ateniese vissuto nel VII-VI secolo avanti l anno zero, incontra un saggio egiziano, il quale gli dice che novemila anni prima vi fu la guerra tra Atene e Atlantide, dove Atene difese strenuamente la propria libertà, vincendo. Fu un eroica impresa, ma poi venne il cataclisma e la memoria dei Greci si disperse, sopravvivendo invece in altra gente sui monti interni dell Egitto, meno colpiti dal disastro: «In tempi successivi, però, essendosi verificati terribili terremoti e diluvi, nel corso di un giorno e di una brutta notte, tutto il complesso dei vostri guerrieri di colpo sprofondò sotto terra, e l Isola di Atlantide, allo stesso modo sommersa dal mare, scomparve. Per questo anche ora quel mare è diventato impercorribile ed inesplorabile, essendo di notevole impedimento il fango profondo che produsse l Isola, sprofondando». 8 Atlantide era grande quanto un continente e la sua capitale, descritta da Platone nel Crizia, era cinta da mura: «S era detto che tutta la terra era divisa in lotti, a volte più estesi, a volte meno e che in ciascuno di questi, le divinità avevano disposto un culto e un rituale in proprio onore. Non faceva eccezione neppure Poseidone il quale, ottenuta in sorte l isola di Atlantide, fissò la dimora per i figli che aveva avuto da una donna mortale in un certo luogo dell isola che aveva all incirca questa conformazione. Dal mare al centro dell isola era tutta una pianura, certo, fra tutte le pianure, la migliore, e, a quanto si dice, anche notevolmente fertile. Non distante dalla pianura, a circa cinquanta stadi dal suo centro, si ergeva un monte, non molto elevato in ogni sua parte. Qui aveva dimora uno degli uomini che originariamente eran nati dalla terra; il suo nome era Euenore ed abitava con la moglie Leucippe. Ebbero una sola figlia, Clito, la quale, non appena fu in età da marito, rimase orfana di padre e di madre. Poseidone, preso da passione, giacque con lei. Così scavò tutt intorno quell altura in cui la fanciulla abitava, formando come dei cerchi concentrici, alternativamente di mare e di terra ora più larghi ora meno larghi: due di terra e tre di mare quasi fossero circonferenze con centro nell isola, e da essa perfettamente equidistanti. In tal modo, quel luogo risultava inaccessibile agli uomini, 20

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Due Muli e i loro Mulattieri

Due Muli e i loro Mulattieri Due Muli e i loro Mulattieri Due muli camminavano gravati ciascuno del proprio carico, uno portava ceste colme di denaro, l altro, sacchi pieni di orzo. Il primo, fiero del suo carico fatto di monete preziose,

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA .IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA C era una volta un mago di nome Mattia che era considerato il mago più bravo di tutti i tempi e per questo veniva invitato in tutte le città del mondo

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Poesie di Rolando Toro Araneda

Poesie di Rolando Toro Araneda Poesie di Rolando Toro Araneda Tratte da Lo imposible puede suceder Edicion Oasis Oaxaca, Mexico, 1995 TUTTI SIAMO UNO La forza che ci conduce È la stessa che accende il sole Che anima i mari E fa fiorire

Dettagli