ITINERARI e LABIRINTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITINERARI e LABIRINTI"

Transcript

1 I quaderni di Le parole per dirlo Gruppi di scrittura in biblioteca condotti da Piera Pedezzi Quaderno 4 ITINERARI e LABIRINTI (ottobre/novembre 2013, aprile/maggio 2014, ottobre 2014) 1

2 INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COME DISEGNARE PAROLE PAG. 6 PER ESPLORARE IL DESERTO, PER TORNARE A CASA PAG. 15 UNA SCALA FINO ALLA LUNA PAG. 24 HO SCESO MILIONI DI SCALE PAG. 31 UNA META PRECISA, O IN GIRO PER IL MONDO? PAG. 34 UNO ZAPPING FRA SPAZIO E TEMPO PAG. 48 LE CITTÀ SI RICONOSCONO AL PASSO PAG. 58 PER FARE SAN MARTINO PAG. 67 IL FANTASMA DI UNA CACCIA ALLA VOLPE PAG. 77 ITINERARI O LABIRINTI? PAG. 86 FAMIGLIE: PERCORSI, NODI, VICOLI CIECHI PAG. 101 FRANTUMAZIONE O COMPOSIZIONE, PAG. 123 INIZIO O TERMINE? IL VIAGGIO DEI SALMONI, LA DANZA DEI DELFINI PAG. 125 BONACCIA! PAG. 136 LA CITTÀ FANTASMA PAG

3 INTRODUZIONE «La realtà non è né il soggetto né l oggetto della vera arte, la quale crea la propria speciale realtà, una realtà senza alcun rapporto con la realtà media percepita dall occhio collettivo». ( Fuoco p al lido) Conduco dal 2012 questo laboratorio di scrittura in biblioteca. Scopo del gruppo non è creare un salotto letterario, ma promuovere benessere, incontrandosi per gioco e per passione, offrendo (e volendo offrire a se stessi) opportunità di relazioni arricchenti. I frequentatori, prevalentemente donne, hanno diverse età e differenti esperienze culturali e di vita. Ciò che li accomuna è la curiosità e la voglia di affrontare a viso aperto, col sostegno della condivisione, l oscurità e la complessità dei propri pensieri autentici e di esprimerli con le proprie parole, anche rubando (non copiando) parole e pensieri altrui - degli scrittori o dei compagni di gruppo -. Piccoli furti reciproci sono anzi legalizzati e incoraggiati: dato che i partecipanti non gareggiano o primeggiano, ne escono, alla fine, produzioni singole ma da considerarsi collettive, perché le proprie parole si intrecciano, echeggiano e si confondono con quelle degli altri. Da uno spunto iniziale (una pagina scritta, un immagine, una canzone) si colgono e si accarezzano i particolari, senza richieste precise, pressioni, aspettative. Il tema del ciclo di incontri è un pretesto per creare situazioni di (apparente) non-pensiero, per portare alla luce milioni di parole nascoste dentro di sé ma desiderose di raccontarsi e di raccontare il mondo. Se si legge un autore famoso lo si fa a mente aperta, attenti più alle emozioni e alle risonanze interne che all acquisizione di tecniche (pure ogni tanto evidenziate e suggerite), e il testo letterario - da oggetto sacrale, fisso, intoccabile, come molti di noi hanno imparato a scuola - diventa alla fine una specie di balocco a disposizione di quel gruppetto di buoni lettori, facendosi oggetto di tagliuzzamenti, ricomposizioni, spostamenti, che fanno da corrimano e rendono possibile scrivere come un divertimento. Le parole si mescolano alle immagini, alla manualità del ritaglio e della ricomposizione, liberando il pensiero e l evocatività e senza preoccuparsi di rispettare le consegne, ma solo sforzandosi di visualizzare proprie parole, immagini, narrazione. L esercizio autobiografico introduce o accompagna forme espressive meno dirette, e aiuta a far emergere ciò che si credeva perso e magari non più ritrovabile: così si esprimono meglio parole, frammenti, immagini evocative, e si condividono, si ascoltano quelle altrui, si scambiano. All interno del gruppo viene dedicato uno spazio rispettabile alla parola detta, al confronto, all ascolto degli altri : il gruppo invita alla condivisione e sostiene l espressione di sé, anche caotica, anche fuori tema. 3

4 Devo molto del lavoro svolto agli spunti preziosi di leggerezza (che non è superficialità) e di gioco suggeriti da Vladimir Nabokov con le sue Lezioni di letteratura, in cui il grande scrittore russo- americano insegna che la visualizzazione di un testo (schede dei personaggi, messe a confronto, cronologie, mappe, rappresentazione visiva di concetti astratti) non è trascrizione in un linguaggio minore, ma ri-scrittura, approfondimento di quanto l autore ha detto esplicitamente, ricerca di un nuovo e più personale modulo espressivo, aggiunta di significati. «La letteratura è n ata i l gior no i n cui un ragazzo arrivò gridan do a l lupo al lup o, e non c eran o l upi dietro di lui. Tra il lup o del gran de prato e il lu po della grande f rottola c è un magico i ntermedi ar io: questo intermediario, qu esto prisma, è l a rte dell a letteratura.» ( ( Lezioni di letteratura ) Ma la stessa produzione letteraria di Nabokov è altrettanto libera: indifferente (anche se non immemore) alle scuole letterarie, crea nei suoi libri divertimento, gioco di parole e gioco enigmistico. Per citare alcune opere conosciute : Fuoco pallido è già nel titolo un ossimoro e nella narrazione una mescolanza misteriosa di tempi, vicende, personaggio; Ada o dell ardore è già nel titolo un palindromo; Lolita gioca nel titolo - e più volte nel corso della narrazione - sul nome della protagonista con allitterazioni, crea situazioni speculari ed equivoci, rovescia la dimensione temporale del racconto con flash back ed anticipazioni. È un divertimento, un gridare, come egli stesso dice, letteratura. al lupo, al lupo! per creare quella realtà nuova, sempre diversa dalla realtà percepita, che si chiama Questa miniera di potenti suggestioni e suggerimenti mi ha incoraggiato, particolarmente in questi due ultimi cicli di incontri, a lasciare ed a creare uno spazio notevole per linguaggi apparentemente non letterari. Molti dei prodotti scritti sono da considerare finiti già allo stato grezzo, evidenziando la dignità del linguaggio non compiuto che precede o accompagna qualunque forma espressiva, o che semplicemente si ferma lì, con la necessità di un impegno sotterraneo nel percorso che conduce ad una lettura o ad una scrittura consapevoli. Appunti, schizzi, disegni elementari da una parte rendono più facile entrare in un testo; dall altra precedono, sostengono e spesso organizzano il pensiero, aiutandolo anche a prendere forma nella parola, di cui vengono sperimentati personalmente tutti i rischi e le difficoltà ma anche il piacere e la condivisione. La stessa valenza non irrilevante ha assunto il lavoro di suddivisione di un testo letterario in capitoletti, con la ricerca e l apposizione per ciascuno di titoli che ne cogliessero l essenziale o che ne individuassero il tema : questa operazione aiuta a penetrare meglio nel testo in prosa o in poesia -, a scomporlo ««Sono de l tutto indi fferen t e nei conf ronti delle c or renti letterarie. Mi piace un c erto numero di libri, com presi al cuni dei miei, e questo è il mi o unico r apport o c on l a letteratura. Tecnica mente n on mi sent o debitore di nessuno. In un certo senso io ho ere ditato me stesso» facendolo proprio, ad imitarlo usando come scaletta l analisi compiuta. ( Intervista del 1969) Così abbiamo proceduto, all inverso, su scritti prodotti nel gruppo: chi scrive si chiede in tal modo qual è la cosa che voglio far capire? come la sento dentro di me? che messaggio voglio trasmettere? - e il titolo è un biglietto da visita, 4

5 un preannuncio di messaggio, genera domande e aspettative, è accattivante per invogliare un potenziale lettore a leggere il proprio testo. A volte la produzione scritta è uscita in forma molto ridotta rispetto al tempo e all impegno dedicati alla lettura del testo di partenza. Credo che la brevità di un testo non sia in alcun caso sminuente, se esce da un intima connessione col processo di riflessione, con la condivisione di parole e pensieri, con l andare dentro di sé nel desiderio e nella fantasia. Lettura e scrittura collimano e coincidono quando, entrando in contatto con la verità, si fanno portatrici di vissuti, di esperienza reale, di significante. Spesse volte il lavoro si è concluso con una rappresentazione grafica che proseguiva o integrava il percorso narrativo, utilizzando prevalentemente simboli, disegni, ritagli e collage. Anche se questo può sembrare distraente dalla riflessione, in realtà la forma grafica aiuta la narrazione, accompagna riferimenti e rimandi personali, costringe a valorizzare singole parole quindi valorizza anche le proprie. La visualizzazione di un testo letterario è traslitterazione più che traduzione, quindi non ha pretese sostitutive ma è utile ad una più intensa comprensione e ad un ulteriore approfondimento personale. Anche i numerosi accostamenti fra opere che si esprimono con differenti linguaggi (parole, visualità, musica) hanno il senso di individuare non tanto contenuti simili (appartenenti ad un pensiero logico e classificatorio) ma piuttosto contiguità e percorsi interiori, e di favorire la composizione di campi associativo - semantici che stimolino ricerche personali ed emozioni appartenenti all individualità di ciascuno. Così per il confronto fra due testi riferibili allo stesso contenuto (in questo caso due itinerari, o due viaggi) ma con enormi differenze nello stile, nel messaggio, negli esiti espressivi: l accostamento non è di tipo contenutistico, ma vuole suscitare e fare da corrimano a risonanze, fare emergere parole e pensieri sepolti o appena in embrione, suggerire cadenze narrative o immagini per raccontare, oltre le parole. La frequenza agli incontri, la collaborazione attiva, la restituzione sono da considerarsi soddisfacenti. Pur nell ambito di un fisiologico turn over, si va consolidando nel tempo un nucleo storico che imprime al gruppo identità e consente continuità metodologica nella conduzione. Ravenna, 16 agosto 2014 Piera Pedezzi Legenda della simbologia di riferimento Testi d autore Testi prodotti dai partecipanti al gruppo Commenti della conduttrice Schede informative 5

6 Come disegnare parole Rubo un idea da LAURENCE STERNE, La vita e le opinioni di Tristan Shandy Gentiluomo: affidare ad una linea anziché alla parola scritta la narrazione delle vicende di un personaggio. - Un tratto rettilineo rappresenta il tentativo di condurre a termine un impegno nel più breve tempo possibile. - A, B, D rappresentano distrazioni e deviazioni, non sempre corrispondenti alla volontà dei protagonisti (un viaggio lontano da casa, una passeggiata con un amica) - Le piccole alterazioni (c) Semplificando la consegna, ciascuno potrà, dividendo in tacche successive la linea di un viaggio o di una fase della propria vita, indicarne via via gli eventi evolutivi (sopra la linea ) o gli ostacoli (sotto la linea). F.B. rappresenta l evolversi della propria espressività R.V. identifica l itinerario con il suo personale e misterioso giardino fiorito : 6

7 L.V. suddivide con cadenza regolare le tappe di una serie di vicende piuttosto complicate e drammatiche: A C.Z. stanno a cuore alcuni incontri : 7

8 È molto succinta e piuttosto misteriosa la scelta di N.M. L esercizio autobiografico introduce alla lettura grafica di un testo descrittivo, in cui il percorso di elementi naturali (un incendio e il vento) si prestano ad una lettura analitica di tipo inventariale e favoriscono la rappresentazione grafica. In pochi minuti alle falde della montagna si formò una striscia di fuoco scoppiettante. Come l'incendio divenne più violento cominciarono a sentirsi delle esplosioni, mentre l'aria calda salendo verso l'alto faceva ondeggiare la montagna. Dal fuoco cominciarono a svilupparsi colonne di fumo percorse da scintille, che dopo aver raggiunto un'altezza di oltre trenta metri si disperdevano al vento. Le fiamme crescevano rombando, facendo tremare il suolo e frusciare la paglia dei tetti delle capanne. Poi risuonò uno schianto terribile seguito da un fischio: le fiamme avevano sollevato un grande albero che era volato in aria circondato da miriadi di scintille, e dopo una capriola era ricaduto a terra schizzando tutt'intorno migliaia di fiaccole: le più piccole volarono in alto per un centinaio di metri, per poi ridiscendere fluttuando morbidamente. Avvicinandosi alla cima il fuoco illuminò a giorno il crinale della montagna, lungo circa quattro chilometri. Era uno spettacolo terribile. (ACHENG, Il re degli alberi, Theoria) Si nota l assenza di esseri umani, di animali, di colore. Un testo è qualcosa su cui si può intervenire per modificarlo, integrarlo, interpretarlo, tagliando o aggiungendo. In questo caso si lavora innanzitutto con l integrazione di elementi visivi. L analisi inizia con la collocazione, in uno schema predisposto, dei dati riferibili all udito (già elencati, da associare ai simboli che li rappresentano) e alla vista (da illustrare con propri simboli). Il tutto andrà rappresentato graficamente sulla linea del vento, rispettandone la successione, la durate e l intensità. 8

9 RUMORI DATI VISIVI ( ) crepitio in crescendo delle fiamme ( ) esplosioni ( ) fruscio ( ) schianto dell'albero che crolla ( ) fischio Il lavoro si conclude con la rappresentazione grafica che prosegua il percorso narrativo utilizzando simboli riferiti unicamente al paesaggio. CZ. F.B. 9

10 V.B. Ricordo che il pomeriggio in cui fu proposta questa attività, utilizzai tutto il tempo a disposizione per eseguire il lavoro, senza mai alzare la testa. Solo alla fine sbirciai alcune produzioni altrui e mi resi conto che ero forse l unica ad aver usato esclusivamente la penna nera. Rileggendo di seguito il testo di Acheng, mi sembrò effettivamente che non fosse presente in alcun modo il colore, per lo meno in modo esplicito. La cosa mi fece comunque riflettere. A pensarci oggi, credo di aver immaginato tutta la sequenza delle scene come se fosse stato un vecchio film in bianco e nero. Che sia pittura, musica, scrittura, lettura, o semplicemente vita, i colori li mettiamo noi. R.V. 10

11 C.C. Questi prodotti finiti al loro stato grezzo evidenziano la dignità del linguaggio apparentemente non compiuto che precede o accompagna qualunque forma espressiva, o che semplicemente si ferma lì. Appunti, schizzi, disegni elementari da una parte aiutano ad entrare in un testo; dall altra precedono, sostengono e spesso organizzano il pensiero, aiutandolo anche a prendere forma nella parola. 11

12 L.V. 12

13 C.Z. M.G. 13

14 N.M. aggiunge dettagli relativi all olfatto : aria irrespirabile per il fumo; l aria umida della notte diventa via via sempre più calda; odore di foglie incenerite, poi di legno bruciato al cielo: il nero del cielo diventa via via sempre più rosso- giallo 14

15 Per esplorare il deserto, per tornare a casa Viaggi lontani, alla ricerca di una visione diversa dal quotidiano; ritorni a casa, riconoscendo con il batticuore strade, oggetti, luoghi conosciuti, per ritrovare le origini. Il primo brano è tratto da Le vie dei canti di Chatwin: un viaggio intrapreso dall autore (come egli stesso racconta) per ampliare la propria visione del mondo. Per gran parte della mattina la macchina avanzò lentamente verso nord su un terreno accidentato. Il sole era accecante e la vegetazione bruciata e deprimente. In lontananza la terra si abbassava e poi si sollevava verso una catena di pallide dune. La valle nel mezzo era ricoperta di una fitta distesa di mulga; in quella stagione gli arbusti avevano i rami nudi, grigio-argentei come una coltre di nebbiolina bassa. Nessun movimento tranne il tremolio delle onde di calore. Sul mare, al largo, una fila di nuvole temporalesche sembrava una processione di iceberg aerei. Sulla spiaggia si infrangevano lattiginosi cavalloni azzurri e stormi di rondini di mare volavano bassi sulla baia, lacerando il fragore delle onde con le loro strida metalliche. Non c'era un alito di vento. La Land Cruiser procedeva a scossoni su due solchi di polvere, con gli arbusti che raschiavano il telaio. Attraversammo un canalone sabbioso e dovemmo innestare le quattro ruote motrici. La regione che si stendeva davanti a noi era una pianura aperta. In quest'ora aranciata della sera gli eucalipti proiettavano sull'erba scure strisce d'ombra. Alan fece cenno a Arkady di fermarsi, puntò il fucile fuori dal finestrino e sparò in un cespuglio. Una femmina di canguro e il suo piccolo uscirono allo scoperto e si allontanarono con grandi balzi scomposti; le loro cosce bianche spiccavano contro il grigio degli arbusti. (da B. CHATWIN, Le vie dei canti, Adelphi) Consegne: Sottolinea parole ed espressioni riferite alle caratteristiche del terreno su cui si muove la jeep: con queste indicazioni disegna via via il "profilo" del percorso, collocandovi i particolari dei paesaggi come il testo te li fa vedere. Sistema nella parte alta o nella parte bassa della tua linea i disegni o le parole di ciò che via via i viaggiatori incontrano (elementi del paesaggio, animali, suoni e rumori). Evidenzia con due colori diversi, nella tua mappa, ciò che è fermo e ciò che è in movimento. Descrivi, con la stessa tecnica dell autore, un viaggio lungo un percorso, dopo averne delineato una mappa simile a quella che hai tracciato per il percorso australiano. 15

16 Il testo di Anaya riporta a paesaggi noti fin nei dettagli, arricchiti da notazioni quotidiane, ricche di rimandi ad un infanzia vissuta lì. Il camioncino partì sobbalzando sul sentiero delle capre, attraversò il ponte e svoltò verso sud in direzione di El Puerto. Osservavo con attenzione tutto quello che ci lasciavamo dietro. Oltrepassammo la casa di Rosie e vicino alla corda per i panni, proprio sull'orlo del dirupo, c'era una ragazza che stendeva vestiti dai colori vivaci. Fece presto a sparire nella scia di polvere sollevata dal camioncino. Oltrepassammo la chiesa e ci segnammo la fronte, poi passammo il ponte di El Rito e lontano, risalendo il fiume, vidi le verdi acque della diga. L'aria era fresca e il sole splendeva. La strada seguiva la sponda del fiume. Di quando in quando attraversava i dirupi formati dalle mesas che si alzavano dalla valle del fiume, e allora il fiume era lontano, in basso. C'era tanto da vedere in un viaggio come quello, eppure era finito quasi prima ancora di cominciare. Sentivo mia madre gridare di gioia nella cabina del camioncino. «Eccolo! Ecco El Puerto de los Lunas!». La strada scese nel fondo della valle e rivelò le case del tranquillo villaggio. «Eccola! Ecco la chiesa dove mi hanno battezzata!». La strada sterrata passava davanti alla chiesa, poi davanti al bar di Tenorio e poi attraverso il gruppetto di case di fango dai tetti di lamiera. Ogni casa aveva un piccolo giardino fiorito sul davanti e un recinto per gli animali sul retro. Qualche cane rincorse il camioncino e di fronte a una casa c'erano due bambine che giocavano, ma per lo più il villaggio era silenzioso; gli uomini erano a lavorare nei campi. Alla fine della strada sterrata c'era la casa di mio nonno. Passata quella, la strada si tuffava verso il ponte che attraversava il fiume. La casa di mio nonno era la più grande del villaggio, e lo era a buon diritto, perché dopo tutto il villaggio l'avevano costruito per lo più i Luna. La prima fermata la facemmo a casa sua. Era -impensabile fermarsi da qualche altra parte prima di far visita a lui. Più tardi saremmo andati a sistemarci da mio zio Lucas perché stavolta toccava alla sua famiglia ospitare quella di mia madre e se non fosse stato così il suo onore ne avrebbe risentito; intanto però dovevamo salutare il nonno. (RUDOLFO ANAYA, La magia di Ultima, Giunti) Stessa consegna, con la raccomandazione di arricchire i dettagli accennati nel testo di partenza: ciascuno sceglie il testo più congeniale alla propria sensibilità e alle proprie visualizzazioni. La visualizzazione di un testo non è trascrizione in un linguaggio minore, ma ri-scrittura, approfondimento di quanto l autore ha detto esplicitamente, ricerca di un nuovo e più personale modulo espressivo, aggiunta di significati. Rimando in proposito alle Lezioni di letteratura di Vladimir Nabokov (schede dei personaggi, cronologie, messe a confronto, mappe, rappresentazione visiva di concetti astratti). 16

17 ELABORAZIONI DEL TESTO DI CHATWIN A.M. 17

18 C.Z. Prima elaborazione C.Z. Seconda elaborazione Troppo lineare: i percorsi non lo sono mai... quindi, curiosando nei lavori altrui, ti fai prendere e cerchi di renderli tuoi. Tuttavia i risultati non sono sempre accettabili, perché i percorsi del concepimento sono troppo lontani. 18

19 C.C. 19

20 C.C. aggiunge a sua volta un proprio testo, forse in parte suggestionato dall itinerario di Chatwin. ALLA FOCE DEL BEVANO La chiatta scivolava liscia sul canale a fianco della pineta. Il cielo aveva indossato l uniforme color ferro, con una macchia scura in più, a forma di Africa, proprio sopra il fiume. Sulle sponde, tra il verde, spiccavano alti e soffici i settembrini viola. Il silenzio era così assoluto e pregnante che si poteva udire il richiamo del chiurlo. Poco lontano, a distanza di sicurezza dalla chiatta, un giovane cigno nuotava guardingo. Mano a mano che il barcone gli si avvicinava diventava sempre più nervoso, indeciso. Poi, come un Gesù, camminò per svariati metri sull acqua, sostenuto dalle potenti ali, finchè spiccò il volo, allontanandosi. La chiatta continuava a fendere l acqua, bucata dal salto di un cefalo. Cerchi concentrici si spandevano intorno. Il cielo si era ancor più scurito e l Africa si era ristretta, concentrata e minacciosa. Un brontolio e la pioggia precipitò giù con forza. Noi chiudemmo i binocoli e aprimmo gli ombrelli: la chiatta fu ammantata dal giallo, dal nero, dal verde, dal blu, dal rosso. Uno stormo di uccelli spaventati dal maltempo volava disorientato, alla ricerca di un riposo. Uno solo rimase indietro, forse distratto da un insolito pesce variopinto sulle acque del fiume. (C. C.) ELABORAZIONI DAL TESTO DI ANAYA 20

21 F.B. 21

22 N.M. Sulla linea di riferimento ho riportato i tre ambienti descritti da Chatwin, separandoli con tre linee verticali rosse. Valli, mare, pianura. A sua volta, ogni ambiente è stato suddiviso in parti che illustrano un luogo, in corrispondenza di ogni sequenza del viaggio in auto nel continente australiano. 22

23 Il camioncino partì sobbalzando sul sentiero delle capre, attraversò il ponte e svoltò verso sud in direzione di El Puerto. Osservavo con attenzione tutto quello che ci lasciavamo dietro. Oltrepassammo la casa di Rosie e vicino alla corda dei panni, proprio sull orlo del dirupo, c era una ragazza che stendeva vestiti dai colori vivaci. Fece presto a sparire nella scia di polvere sollevata dal camioncino. Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai sobbalzando verso sud. Polvere colorata attorno a noi che scivola su panni stesi, tagliata da gambe giovani che corrono verso il grande salto. M.G. Un osservazione sul lavoro di C. Z., a pag. 18: la redazione di due interpretazioni del testo (la seconda dopo aver osservato le illustrazioni di altri), conferma la legittimità e la creatività sottostante qualsiasi furto letterario ed artistico. Il che non equivale a copiare, ma consiste piuttosto nell avvertire in sé stimoli ad una nuova ed originale produzione. Lo stesso procedimento è stato adottato da V.B., nel lavoro riportato a pag

24 Una scala fino alla luna Da un rapido confronto fra i due testi emerge la caratteristica prevalentemente narrativa nel primo, e nel secondo la maggiore evocatività, suscitata attraverso la figura retorica detta enumerazione. ENUMERAZIONE dal latino enumero = esporre Consiste nella accumulazione di una serie di elementi che si riferiscono alla stessa idea che si vuole esprimere o che si è espressa. E' solitamente usata come «ricapitolazione» degli argomenti che si sono trattati o che si intende trattare. Esempio: «Radici, tronco, foglie, frutti sono gli elementi della pianta, come abbiamo visto» 24

25 Esempi di enumerazione visiva: le parti di un macchinario, i tagli di un bovino, gli elementi di un viso Parallelamente, viene proposto un dipinto di un artista contemporaneo (e buon conoscente) di Federico Garcia Lorca: Juan Miro. Il quadro fa parte di un percorso denominato Costellazioni, è intitolato La scala dell evasione ed è stato prodotto più o meno negli stessi anni. Juan Miro, Costellazioni, La scala dell'evasione, New York Gli accostamenti fra opere che si esprimono con differenti linguaggi hanno il senso di individuare non tanto contenuti simili (appartenenti ad un pensiero logico - classificatorio), ma piuttosto contiguità e percorsi interiori, individuando campi associativo - semantici che stimolino ricerche personali ed emozioni appartenenti all individualità di ciascuno. L accostamento stimola l analisi dei termini e la costruzione di campi associativi che li espandono e ne cercano le radici. 25

26 V.B. FINOCCHIO ortaggio dolce profumato radici evanescenza SERPENTE libero rettile sinuoso GIUNCO resistente leggero flessibile AROMA impalpabile delicato indefinibile PENOMBRA effimera incerta nebulosa ORMA indefinita leggera strana ARIA pulita respiro volo gravità TERRA solida piedi radici SOLITUDINE percorso serenità centro A.M. N.M. 26

27 C.C. R.V. 27

28 n.m Per passare alla produzione personale propongo un esercizio di stile che, all inverso, parte dalla costruzione di una tabella di associazioni lessicali per arrivare al testo compiuto. profumo radici cuscino soffice tessuto tranquillità libro pagine parole pensieri giardino aria terra alberi colore verde foglie pioggia brillante collina curve morbide luminose montagna bosco radici ombra profumo memoria piacere infanzia allegria fiore petali sole colore farfalla ali libertà volo Relax schematico Cuscino, libro, giardino. Verde, collina, montagna. Profumo, fiore, farfalla. (La scala arriva al cielo.) N.M. 28

29 A.M. C.C. 29

30 R.V. F.B. NAUFRAGIO Buio azzurro, silenzio. Respiro, assenza, evanescenza. Rumore, sguardi chiusi. (guardi e non vedi) M.G. 30

31 Ho sceso milioni di scale Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio. Il mio dura tuttora, né più mi occorrono le coincidenze, le prenotazioni, le trappole, gli scorni di chi crede che la realtà sia quella che si vede. Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio non già perché con quattr occhi forse si vede di più. Con te le ho scese perché sapevo che di noi due le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate, erano le tue. (E. MONTALE) Montale racconta un percorso di vita arricchendone l intensità espressivo- emotiva attraverso la figura retorica dell iperbole. Iperbole (dal greco = lanciare al di sopra) Consiste nella amplificazione del pensiero o della idea che si sta esprimendo, con parole esagerate che tendono ad ingrandire un concetto. Esempi: «Sono secoli che non ti vedo»; «E' forte come un toro»; «Era più grande di una casa». Questa esagerazione serve a creare sorpresa proprio in base alla incredibilità della affermazione, enfatizzando un concetto per esprimerlo con maggior efficacia Esempi di iperbole visiva - 31

32 Altri esempi di iperbole letteraria: Montagne! Perforate l'azzurro del cielo con le vostre cime intatte! E il cielo potrebbe cadere senza il vostro possente sostegno. (Mao Tze Tung) Verso Ponente c'è una casa altissima, il suo tetto è al livello delle nuvole (Poeta della dinastia Han 206/220 d.c.) Vedi queste mani? Han misurato la terra, han separato i minerali e i cereali, han fatto la pace e la guerra, hanno abbattuto le distanze di tutti i mari, di tutti i fiumi... (P.NERUDA) La figura retorica opposta è la litote: Esempi di litote visiva Litote (dal greco = semplicità) Invece di esprimere un giudizio o un'idea, si nega il suo esatto contrario, attenuando, con senso lievemente ironico, delle parole troppo brusche. Esempio: «Non è certamente un'aquila» per dire «E' un po tonto» Produzione: evocare una persona, un animale, un oggetto, una situazione e, imitando Montale, elaborare un testo contenente le figure retoriche esaminate. M.G. Oggi le tue mani raccolgono tutta l acqua del mondo ed io affogo in quest ultimo abbraccio. Non sei tu quella che saluta. 32

33 R.V. (N.M.) CARLINO V.V. SCUDO Penso a te carissima fra le più care, amica, scudo della mia non solida adolescenza. La tua assenza: io come un filo d erba nel più terribile degli uragani. Mi aspettavi per ore vicino al cancello, sapendo che al mio ritorno avresti corso all infinito fino a riversarti sull erba del campo col cuore scoppiato per lo sforzo. Mi aspettavi per ore sdraiato lungo il cancello Nell attesa che allungassi nelle tue non innocue fauci il resto del mio pasto al sacco. Ora che non ci sei più, dopo milioni di giorni insieme memorabili e ordinari, di corse e di discorsi a senso unico, mi aspetti tu, per ricominciare a stare insieme. Ho avuto, nella mia vita, migliaia di gatti. Tu sei l ultimo, il più bello, il più rosso, il più bianco, con occhi d oro liquido. Non ti volevo, per la paura di perderti, un giorno e di soffrire. Ma la sofferenza che patirò sarà cosa da nulla tanto è grande il piacere di vivere con te. Non abbiamo bisogno di parole, noi. Le lasciamo agli umani che non sanno sentire. C.C. Stefania Te ne sei andata Scordandoti una finestra aperta E la tramontana Ci ha sparpagliate. Te ne sei andata e non sappiamo ritrovarci, noi, tetre figure ritagli di carta gettati nel burrone che ci separa. Tu eri la colla fra noi! Stefania Vedendomi penserai Che non così buone amiche Siamo state fra noi. 33

34 Una meta precisa, o in giro per il mondo? Anche in questo incontro due itinerari, due viaggi: il primo con una meta precisa, un percorso ben delineato (addirittura annotato con precisione su un foglietto contenente tappe intermedie, tempi, mezzi di trasporto), un attenzione meticolosa al variare del paesaggio ed al progressivo crescere dell emozione; il secondo attento alle vicende del protagonista caoticamente roteante intorno al mondo, in un gioco di scatole cinesi che finiscono per non toccarsi fra loro. Stephen aveva con sé una serie di indicazioni sul viaggio, scarabocchiate su un pezzo di carta. Non desiderando riflettere con troppa attenzione sulle ragioni che lo spingevano a intraprenderlo, si concentrò invece sul viaggio stesso, il cui tragitto si rivelò gradevole nel suo progressivo costante procedere dal chiasso del centro di Londra a un cottage in mezzo a una pineta, a meno di trenta miglia di distanza. La gente che incontrava diminuiva ad ogni tappa del percorso. Raggiunse Victoria Station a bordo di una metropolitana affollatissima. Di qui il treno sferragliò uscendo nell' ampio cielo biancastro che sovrastava il fiume. Stephen procedette al controllo di ogni vagone alla ricerca del posto più appartato. Una minoranza di guastafeste considerano i viaggi, anche quelli brevi, come occasioni di incontri piacevoli. Ci sono persone pronte ad infliggere le proprie confidenze a perfetti estranei. Viaggiatori di questo genere devono essere evitati se si appartiene alla maggioranza che considera il viaggio un' occasione di silenzio, di riflessione, di sogni a occhi aperti. Non occorre granchè: una visuale non impedita del paesaggio che cambia per quanto monotono e la libertà dal fiato, dal calore dei corpi, dai panini e dalle gambe di altri passeggeri. Trovò uno scompartimento di prima classe vuoto e ne chiuse bene la porta. Il treno viaggiava dal passato verso il presente. Fiancheggiava i giardini posteriori di isolati vittoriani i cui annessi retrostanti offrivano lampi di immagini attraverso le porte aperte delle cucine, superava abitazioni bifamiliari in stile edoardiano o anteguerra in direzione sud prima e poi est, con tratti di campagna affatto incolta tra l'una e l'altra. Il convoglio rallentò in prossimità di un groviglio di incroci, prima di arrestarsi del tutto con un fremito. Nell'improvviso silenzio carico di attesa emanato dalle rotaie, Stephen si rese conto di quanto fosse impaziente di arrivare a destinazione. Si erano fermati nei pressi di una nuova zona residenziale di rozze e minuscole villette bifamiliari, di quelle che acquista chi per la prima volta si fa una casa di proprietà. I giardini antistanti avevano ancora la terra smossa; fuori, sul retro, fluttuanti pannolini bianchi appesi a geometrici pali di metallo proclamavano il cedimento a una vita recente. Mano nella mano, due bimbetti venivano avanti malfermi sotto i panni stesi e salutavano il treno agitando le braccia. Si mise a piovere appena prima della sua fermata. La stazione, poco più di una sosta per pendolari, si trovava al fondo di un lungo tunnel di ortiche. Incurante della pioggia, Stephen si attardò sul cavalcavia pedonale per osservare il tetto a bulloni neri del treno che si allontanava verso un vago proscenio di segnali ferroviari, per poi sparire di scorcio alla vista, dietro una curva lenta. 34

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Educazione alla salute

Educazione alla salute Viva il movimento! Fai sport e movimento per sentirti più contento, segui una sana alimentazione fin dalla prima colazione. A merenda mangia un panino e poi muoviti un pochino. Con gli amici gioca a pallone

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Canzoni di Carnevale

Canzoni di Carnevale Canzoni di Carnevale CORIANDOLI Testo e Musica di Pietro Diambrini Prendi un foglio di carta, prendilo colorato, prendi le forbicine col bordo arrotondato, taglia, taglia, taglia, taglia, e tanti coriandoli

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Presentazione. di Donatella Spinelli*

Presentazione. di Donatella Spinelli* Presentazione di Donatella Spinelli* Parole in corso è un libro e allo stesso tempo un gioco, pieno di consigli e di strumenti preziosi per chi vuole aiutare i bambini con difficoltà di lettura a progredire

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Il Cavaliere delle Energie

Il Cavaliere delle Energie Massime tratte dal libro Il Cavaliere delle Energie di Andrea Pangos www.andreapangos.it ISBN 88-88914-00-5 Andrea Pangos Edizioni Copyright 2003 Andrea Pangos Il Cavaliere delle Energie Tu sei per te

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Mauro L. Evangelista Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Contributo in occasione della manifestazione Libri che prendono forma (Roma 17 marzo 2010, MiBAC - FNIPC) Il mio interesse nei confronti

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

Indice. 7 Introduzione. 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi. 33 3 Emozioni e sentimenti.

Indice. 7 Introduzione. 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi. 33 3 Emozioni e sentimenti. Indice 7 Introduzione 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi 33 3 Emozioni e sentimenti 52 4 Dimensioni 59 5 Dialoghi e suoni 68 6 Velocità 74 7 Ambientazioni 82 8 Aspetti

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione STORIE DI DONNE : IL LAVORO DI AUTO NARRAZIONE IN RSA Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di CRISTIANO CASTELNOVO Direttore

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Asilo Nido Integrato Melo Fiorito Piazza della Repubblica 3, 37050 Belfiore (VR) Tel. 3315858966 PROGETTO SENSO- MOTORIO MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Anno educativo 2014/ 2015 Ciò che muove il bambino all

Dettagli

Progetto di istituto logicamente Scuola d infanzia S. Carlo sezione 3 anni a.s. 2012-2013. Logicamente insieme

Progetto di istituto logicamente Scuola d infanzia S. Carlo sezione 3 anni a.s. 2012-2013. Logicamente insieme Progetto di istituto logicamente Scuola d infanzia S. Carlo sezione 3 anni a.s. 2012-2013 Logicamente insieme PRESENTAZIONE DEL PROGETTO DI ISTITUTO Logicamente insieme All età di tre anni ciascun bambino

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Al gawsit, sulle tracce dell acqua. classi 3 a, 4 a, 5 a elementare e 1 a media

Al gawsit, sulle tracce dell acqua. classi 3 a, 4 a, 5 a elementare e 1 a media Al gawsit, sulle tracce dell acqua classi 3 a, 4 a, 5 a elementare e 1 a media Non si tratta di una visita guidata della riserva ma un viaggio coinvolgente e divertente lungo il ciclo dell acqua, di tappa

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 SPEDIRE UNA LETTERA A.: Con queste telefonate internazionali spendo un sacco di soldi. B.: A.: B.: A.: B.: A.: B.: Perché non scrivi una lettera? Così hai la possibilità di dire tutto quello che vuoi.

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

L allarme scattò esattamente alle tredici e zero due. Il capo della polizia diramò personalmente l ordine con una telefonata giú al Sedicesimo

L allarme scattò esattamente alle tredici e zero due. Il capo della polizia diramò personalmente l ordine con una telefonata giú al Sedicesimo 1. L allarme scattò esattamente alle tredici e zero due. Il capo della polizia diramò personalmente l ordine con una telefonata giú al Sedicesimo distretto, e novanta secondi piú tardi i campanelli cominciarono

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

1. Diversi Mezzi di Trasporto

1. Diversi Mezzi di Trasporto 1. Diversi Mezzi di Trasporto Introduzione Oggi vorrei parlare del traffico e dei mezzi di trasporto: si può p.es. viaggiare in macchina, in treno, in aereo e in pullman. Chi vuole fare un viaggio turistico

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE 1 ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE Colora i disegni. Ti accorgerai che in ogni immagine manca un particolare. Spiega che cosa manca e disegnalo. Obiettivo: individuare gli elementi essenziali di immagini date

Dettagli

Racconto Le bellissime figlie di Mufaro

Racconto Le bellissime figlie di Mufaro www.gentletude.com Impara la Gentilezza 3 COMUNICARE CON EMPATIA (attvità per le scuole primarie) Guida Rapida Obiettivi: Gli allievi saranno in grado di identifica re modalità per comunicare con gentilezza

Dettagli

Stazioni e binari: un mondo da scoprire

Stazioni e binari: un mondo da scoprire Stazioni e binari: un mondo da scoprire LE CASE E LE SCARPE DEI TRENI Nell Europa di oggi tutti possiamo viaggiare liberamente, e per questo i treni sono importantissimi. Ma dove andrebbero i treni senza

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

LO SGUARDO CURIOSO DI CLARA, Cristina Leocata, La Cassandra EDIZIONI www.cleocata.com

LO SGUARDO CURIOSO DI CLARA, Cristina Leocata, La Cassandra EDIZIONI www.cleocata.com LO SGUARDO CURIOSO DI CLARA, Cristina Leocata, La Cassandra EDIZIONI www.cleocata.com PROPOSTE OPERATIVE: Per insegnanti di scuola primaria e secondaria di primo grado Capitolo 1 Entrare in un quadro Capitolo

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO IL GIRASOLE

LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO IL GIRASOLE LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO C erano una volta due sposi che si chiamavano Vincenza e Giuseppe. Una sera Giuseppe non riusciva a dormire, così andò fuori, ma fuori nevicava. Nonostante

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli