IL TEATRO DI MINEVER MORIN TEATRO PER BAMBINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TEATRO DI MINEVER MORIN TEATRO PER BAMBINI 2005 2008"

Transcript

1 IL TEATRO DI MINEVER MORIN TEATRO PER BAMBINI

2 Questo testo è tutelato dalla S.A.C.D. di Parigi Per rappresentazioni obbligo di dichiarazione S.I.A.E. IL LIBRO MAGICO di Minever Morin Fiaba scritta per il Gran Gala del Ventennale dell Istituto per la Formazione Coreutica di Bergamo - Agosto 2006 (Prima rappresentazione) e dedicata a alla Direttrice Roberta Andreini Tosi Dal 2008 nel repertorio de Il Teatrino dell Es (Versione teatro di figura) Dal 2008 nel repertorio della Compagnia Le Nouveau Regard nella versione francese Le Livre Magique 2 Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge

3 Era così bella l isola dove la piccola Alina viveva con i genitori e gli amici, tra una miriade di fiori e di uccelli multicolori. Tra tutti i preferiti di Alina erano i piccoli colibrì che volavano instancabili tutto il giorno e vivevano succhiando il nettare dei fiori. Ma un giorno il vulcano al centro dell isola si risvegliò ed esplose in una gigantesca eruzione. Fumo e fiamme, cenere, lava e lapilli circondarono e coprirono ogni cosa e arrivarono fino al villaggio di Alina. Gli abitanti fuggirono, cercando rifugio nella foresta o verso il mare. Anche Alina fuggì, ma soffocata dal fumo cadde svenuta sulla spiaggia. Gli uccelli erano stati i primi a fuggire dall isola, dato che potevano volare, ma i piccoli colibrì che videro Alina svenuta sulla spiaggia tornarono indietro e provarono a risvegliarla soffiando via il fumo con il battito velocissimo delle loro alette. Fu tutto inutile: Alina non si risvegliava e sarebbe presto rimasta soffocata dal fumo e bruciata dalle fiamme. Allora volarono rapidissimi come solo i colibrì sanno fare e raggiunsero i fenicotteri già in volo sopra l isola. Li convinsero a tornare indietro per salvare Alina. I fenicotteri intrecciarono coi loro becchi delle liane fino a formare una rete sulla quale adagiarono Alina ancora svenuta. Volarono via così, tenendo i lembi della rete nel becco e trasportarono Alina fino ad una terra sconosciuta. Quando la bambina si risvegliò ebbe paura di ritrovarsi sola e si mise a piangere. <<Voglio tornare a casa!>> singhiozzava disperata. Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge 3

4 Questo testo è tutelato dalla S.A.C.D. di Parigi Per rappresentazioni obbligo di dichiarazione S.I.A.E. Dal bosco uscì un vecchio gufo che le si avvicinò e la consolò. <<Non piangere>> disse <<Ora ti sembra che tutto il tuo mondo sia perduto per sempre, ma non puoi averne la certezza fino a quando non andrai a verificare di persona. Non devi lasciare che lo sconforto si impossessi di te senza prima tentare tutto quello che è nelle tue possibilità. Vuoi ritornare a casa, non è vero? Bene: tu sei una bambina dall animo gentile e voglio farti un regalo. Ti donerò un oggetto magico che saprà riportarti a casa e durante il viaggio saprà toglierti dai guai quando ci capiterai in mezzo, indicarti la strada quando ti smarrirai, tenerti compagnia quando ti sentirai sola E tanto, tanto altro che scoprirai strada facendo. Insomma, l oggetto più magico del mondo!>>. Alina smise di piangere, più incuriosita che consolata. Il vecchio gufo allargò le ali e fece grandi cenni di richiamo. Dal bosco uscirono due pappagalli dalle piume multicolori che recavano un misterioso oggetto, ad Alina del tutto sconosciuto. Era un piccolo parallelepipedo fatto di una materia molto leggera, di colore bianco con strani disegni neri. Aveva un aspetto molto fragile e Alina dubitò delle parole del gufo. <<Come può una cosa così delicata proteggermi, come ha detto il gufo? pensò E così fragile che si muove al minimo soffio di vento! Ma dato che era una bambina riflessiva, abituata ad ascoltare, osservare e sperimentare prima di farsi un idea, aspettò in silenzio che il gufo le spiegasse la natura e l uso di quell oggetto così strano. 4 Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge

5 <<Quest oggetto magico si chiama libro >> fece il gufo, invitando Alina a prenderlo e ad aprirlo senza timore. Nella sua isola Alina non aveva mai visto niente di simile, ma si fece coraggio e lo aprì. Dal libro uscì improvvisamente uno sciame di strani insetti. <<Sono api!>> gridò Alina spaventata <<Ora mi pungeranno!>>. Lo sciame iniziò a svolazzare per ogni dove. Erano insetti dispettosi: si rincorrevano, si urtavano, disordinati e molesti. <<Come potranno mai aiutarmi a trovare la strada?>> domandò Alina al gufo <<Sono così confusi che sembra non sappiano nemmeno loro dove si trovano!>>. <<Questo è proprio quello che può apparire agli occhi poco esperti>> ridacchiò il gufo <<Ma solo perché ancora non conosci il segreto per affrontare questa magia. Tutte le cose sembrano confuse, inutili o inarrivabili prima di comprenderle. E per comprenderle c è solo un modo: applicarsi con buona volontà e carpire il loro segreto>>. Così dicendo iniziò a svolazzare tra quegli strani insetti e a toccarli con la punta delle sue ali. Come per magia ad ogni tocco gli insetti si fermavano, diventavano docili ed andavano a disporsi tranquillamente ai piedi di Alina. Ora che erano fermi Alina poté notare che non si trattava di api, ma di strani disegni. <<Sono lettere>> disse il Gufo tornando a posarsi vicino ad Alina. <<Lettere?>> domandò Alina stupita. Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge 5

6 Questo testo è tutelato dalla S.A.C.D. di Parigi Per rappresentazioni obbligo di dichiarazione S.I.A.E. <<Sì>> continuò il gufo <<A te che non possiedi ancora il dono magico della lettura queste lettere appaiono come buffi disegni, o come insetti confusi e fastidiosi. Ma ora stai a vedere >> e soffiò su Alina una polverina multicolore. Subito ad Alina sembrò di iniziare a vedere il mondo in maniera diversa da come aveva fatto fino ad allora. Guidata dal gufo iniziò a girare tra le letterine ormai diventate tranquille e prendendole per mano le compose in un bel girotondo. Le letterine seguivano la bambina e il gufo come docili cagnolini e alla fine del girotondo composero la parola PAZIENZA. <<Ecco>> disse il Gufo <<Questa è la prima delle parole magiche che incontrerai durante il tuo viaggio di ritorno a casa. Ora che sei una piccola maga, perché possiedi il segreto della lettura, devi fare buon uso di questo straordinario potere. Ogni volta che sarai in difficoltà apri il libro magico e segui il prodigio che ne uscirà>>. Così dicendo sparì di nuovo nel bosco, col suo svolazzare un po buffo. Alina restò sola, ma ebbe appena il tempo di guardarsi intorno per decidere il da farsi che dal bosco uscì una tribù di cacciatori. Questi gettarono su Alina una rete e la portarono al loro villaggio, prigioniera dentro una grande gabbia. La tribù si chiamava Oh-no-no-no, perché i suoi componenti avevano così tanta paura di tutte le cose nuove, che ogni volta che capitava loro di imbattervisi tappavano le orecchie con le mani, chiudevano gli occhi e scuotevano il capo ripetendo in coro no-no-no-no, così come fanno i bambini ostinati. 6 Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge

7 Arrivati al villaggio, Alina da dentro la gabbia mostrò il suo libro agli uomini, alle donne e ai bambini radunati attorno a lei, convinta di suscitare la loro curiosità e di farseli amici, ma questi per tutta risposta corsero a prendere delle lunghe torce accese, intenzionati a bruciare quell oggetto misterioso e quindi per loro anche terribilmente spaventoso! Lanciarono le torce verso la gabbia di Alina e quindi scapparono via. Le fiamme iniziarono la loro danza forsennata nella radura del villaggio e presero ad avvicinarsi minacciosamente alla gabbia dove Alina era ancora rinchiusa. Solo un bambino era rimasto nella radura senza scappare via assieme altri e osservava incuriosito sia Alina che lo strano oggetto che lei stringeva tra le mani. Alina aprì il libro dal quale uscì il solito sciame di letterine che, ormai magicamente disciplinate, si misero in fila a formare la parola CORAGGIO e si strinsero in un girotondo attorno al bambino della tribù. Grazie all incantesimo il bambino capì il significato di quel girotondo e si lanciò oltre la barriera di fiamme che lo separava dalla gabbia di Alina, la aprì e liberò la bambina. La prese quindi per mano e fuggì assieme a lei. Una volta al sicuro Alina raccontò piangendo al bambino la sua storia. Il bambino l abbracciò forte per consolarla e le promise che sarebbe rimasto con lei ad aiutarla, a proteggerla e a tenerle compagnia nella ricerca della strada di casa. Rinfrancata, Alina ricambiò il forte abbraccio del suo nuovo amico ed insieme si misero in cammino. Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge 7

8 Questo testo è tutelato dalla S.A.C.D. di Parigi Per rappresentazioni obbligo di dichiarazione S.I.A.E. Cammina cammina, i due bambini arrivarono in una landa desolata. Non c erano alberi né case e nulla si vedeva all orizzonte. Ormai quasi allo stremo delle forze si lasciarono cadere a terra, esausti. <<Non ce la faremo mai>> sospirò il bambino <<E ti chiedo perdono per non essere riuscito a mantenere la mia promessa di riportarti a casa. Moriremo entrambi qui, in questo posto sconosciuto!>> Alina però non si perse d animo: aprì il libro e come era accaduto le volte precedenti, lo sciame di letterine apparve e si dispose a formare la parola SPERANZA. Ed ecco che all orizzonte apparve uno stormo di grandi uccelli bianchi, imponenti e leggiadri, che volavano disposti in una grande V. Erano cigni. La Regina, a capo dello stormo reggeva nel becco un lungo tralcio di gelsomino. Lo stormo si abbassò fino a che l estremità del tralcio fiorito arrivò alla portata del due bambini, che lo afferrarono tenendosi forte. Lo stormo riprese a sollevarsi nel cielo. I candidi cigni volarono a lungo, passandosi a turno di becco in becco il tralcio fiorito coi due bambini aggrappati quando tutti i cigni ebbero avuto a turno il peso dei due bambini, Alina si accorse che i candidi uccelli erano molto, molto stanchi. Lo stormo si posò a terra. <<Perdonaci>> disse la Regina dei cigni <<Ma siamo allo stremo delle forze e dobbiamo fermarci a riposare>> <<Buon cigno>> rispose Alina <<Non devi scusarti: noi ora siamo riposati e rinfrancati, per cui siamo in grado i proseguire il cammino e dobbiamo cavarcela con le nostre forze. Continuare a sfruttare il vostro aiuto 8 Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge

9 vorrebbe dire abusare del vostro altruismo e questo non sarebbe giusto. Voi avete già fatto moltissimo per noi, salvandoci la vita>> <<Sono contenta di questo>> rispose la Regina dei cigni con un filo di voce <<Perché così la mia morte non sarà stata inutile>>. Alina e il bambino scoppiarono a piangere nell udire quelle parole, ma la Regina dei cigni li consolò <<Non dovete disperarvi: io sono già molto anziana e quella che noi chiamiamo morte non è la fine di tutto, ma solo una trasformazione del nostro spirito. La cosa importante non è non morire, ma vivere la vita in maniera piena. Solo così, quando la morte verrà, non vi farà paura, ma la seguirete con lo stesso spirito con cui avete seguito e assaporato la vita>>. Così dicendo reclinò il capo sul lunghissimo collo e si addormentò nell ultimo sonno. Gli altri cigni l avvolsero con il tralcio fiorito a cui erano stati aggrappati i due bambini e quindi volarono via, scomparendo all orizzonte. Rimasti soli i due bambini ripresero il cammino, abbracciandosi spesso per confortarsi a vicenda e allontanare le paure. Arrivarono ad una città circondata da altre mura. Appena entrati si accorsero di qualcosa di strano: in quella città tutto era di colore blu. Blu in tutte le tonalità, dall acquamarina all indaco al turchese al blu di Prussia e all oltremare. I tetti e le facciate delle case, le vesti degli abitanti, gli oggetti, perfino il pelo dei cavalli, dei cani e dei gatti, era stato dipinto in una sfumatura di quel colore. Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge 9

10 Questo testo è tutelato dalla S.A.C.D. di Parigi Per rappresentazioni obbligo di dichiarazione S.I.A.E. Il Re e i suoi dignitari, che procedevano in corteo, incrociarono i due bambini che di blu addosso non avevano proprio nulla. <<Che affronto!>> gridò il Re indicandoli con lo scettro <<Prendeteli e vestiteli immediatamente come tutti gli altri! E dipingete subito di blu anche tutte le pagine di quel libro!>> <<Maestà>> protestò Alina <<Se coprirete di vernice le pagine di questo libro, nessuno poi riuscirà più a leggere cose c è scritto!>> <<Non ha importanza>> fece il Re <<La sola cosa importante qui è che tutto, ma proprio tutto, sia di un unico colore!>>. Dal corteo del Re si staccò un scia di pennelli intinti nella vernice blu, che iniziarono a correre verso Alina e il suo amico. I due bambini se la diedero a gambe, ma i pennelli erano molto veloci. Allora il libro magico si aprì e ne uscì svolazzando la parola FANTASIA. D un tratto i pennelli si ritrovarono variopinti e come se da tanto tempo non stessero aspettando altro, corsero in ogni angolo della città di Qui-tutto-è-blu colorandola di tutti i colori dell arcobaleno, assieme ai suoi abitanti, ai cani, ai gatti, al Re e ai suoi dignitari. La città successiva era molto bella: vetrine scintillanti, luci colorate in ogni dove, a ogni angolo grandi schermi che rimandavano immagini di altri angoli della città egualmente lussuosi e sfarzosi. Alina e il bambino rimasero a bocca aperta: non avevano mai visto una simile manifestazione di lusso. 10 Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge

11 <<Questo è davvero un posto magnifico>> esclamò il bambino <<E senza dubbio il posto più bello del mondo!>>. Alina però era perplessa: aveva notato che gli abitanti di quella città camminavano in maniera strana, come se fossero degli automi e che il loro sguardo era fisso nel vuoto e inespressivo. <<Non mi sembrano poi tanto felici di stare qui>> mormorò, ma il suo piccolo amico non l ascoltò: era rimasto affascinato da uno schermo gigante sul quale si rincorrevano velocissime luci colorate. Alina si sentì improvvisamente sola e comprese perché gli abitanti di quella città gli fossero sembrati così strani: nessuno parlava, nessuno sorrideva, nessuno scambiava assolutamente alcuna emozione con gli altri. Erano tutti come ipnotizzati da quella continua e massiccia inondazione di luci intermittenti. Alina prese per mano il bambino, intenzionata a fuggire da quel luogo così inquietante, ma il suo piccolo amico non ebbe alcuna reazione e la mano gli ricadde flosciamente lungo il fianco. D un tratto si ritrovarono circondati da una miriade di scariche elettriche, simili a piccoli fulmini colorati, che uscivano dagli schermi posti a ogni angolo di strada. Le scariche si avvicinarono sempre più, danzando minacciose, fino a che raggiunsero i due bambini. Riuscirono a colpire il bambino ripetutamente, facendolo cadere a terra privo di conoscenza, ma quando si diressero verso Alina trovarono a farle da scudo il libro magico, che si era aperto da solo alla pagina in cui era scritta la parola PERSONALITA. Le scariche elettrice si dispersero nell aria, senza più alcun potere. Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge 11

12 Questo testo è tutelato dalla S.A.C.D. di Parigi Per rappresentazioni obbligo di dichiarazione S.I.A.E. Alina si inginocchiò accanto al suo piccolo amico e tentò di risvegliarlo, ma fu tutto inutile. Chiese allora aiuto alla gente che passava, ma invano: nessuno l ascoltava, sembravano addirittura non vederla. Alina capì, terrorizzata, che tutta quella gente non vedeva ormai altro se non le luci colorate che si inseguivano senza posa e senza senso sugli enormi schermi di cui la città era costellata. Erano ormai degli automi privi di emozioni, di senso critico, di volontà e si potevano definire vivi solamente perché seguitavano a muoversi e a respirare, ma in realtà erano ormai intelligenti e divertenti come una foglia di insalata. Alina si era salvata da quella spaventosa ipnosi collettiva grazie alla parola magica apparsa nel libro e avrebbe potuto scappare via da quel luogo così falsamente scintillante e in realtà così triste, ma per nulla al mondo avrebbe abbandonato il suo piccolo amico: il possedere il libro magico le aveva dato il dono di capire il senso profondo delle parole e quindi amicizia, affetto, compassione, lealtà per lei non erano espressioni vuote da utilizzare solo per darsi delle arie davanti agli altri. Decise quindi di affidarsi ancora una volta alla segreta magia del libro: lo aprì e la parola che ne uscì fu SAGGEZZA. Sopra di loro si allargò una gigantesca ombra nera. Alina pensò a un nuvolone di temporale, ma grande fu il suo stupore quando davanti a lei si posò una enorme farfalla variopinta. <<La saggezza costa fatica>> disse <<Vuoi davvero raggiungerla?>>. Alina annuì decisa. 12 Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge

13 <<Dovremo volare oltre l orizzonte: non hai paura?>> <<Sì che ho paura>> rispose Alina <<Sarei una sciocca, se non provassi paura: ma se questo è il solo modo per risvegliare il mio amico, io volerò con te oltre l orizzonte>> <<Potresti anche morire, in questo viaggio>> insistette la farfalla. <<Se il mio amico non si risvegliasse da questo sonno, io mi sentirei morta comunque rispose Alina e salì a cavalcioni della Grande Farfalla. Si alzarono in volo. Sotto di sé Alina vide onde, pesci, sirene e sentì sulla sua pelle la magia del vento, si immerse nel sogno impalpabile delle nuvole e poi sentì la forza del sole, la dolcezza della luna, la poesia delle stelle, la bellezza della terra e provò nel profondo del cuore la meraviglia dell universo. La farfalla si fermò sopra una nuvola e lì apparve nella sua vera forma. Era la Regina degli Animali. Aveva artigli di leone, ali di aquila e capelli di serpenti, la lunga coda era simile a quella di una tigre e poteva trasformarsi un ogni animale desiderasse. Era stata lei ad inviare ai bambini gli animali che via via avevano fatto loro da guida nei vari luoghi che si erano trovati ad attraversare. <<Tutto quello che vedi>> disse <<Fa parte di te e tu fai parte di lui>> <<Ma io sono triste>> rispose Alina <<Perché il mio amico non può provare nulla di tutto questo, chiuso come è nella prigione dell incantesimo che ha spento in lui la capacità di sentire e di capire ed è inutile che io provi e comprenda tutta questa bellezza se non riesco a farne Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge 13

14 Questo testo è tutelato dalla S.A.C.D. di Parigi Per rappresentazioni obbligo di dichiarazione S.I.A.E. partecipe anche lui. La bellezza del mondo non è nulla se la si vive da soli!>> <<Il tuo amico saprà provare esattamente quello che tu stai provando ora se tu sarai brava a raccontarglielo. Tu hai imparato la magia della lettura ed essa contiene altre magie: la magia della musica, della danza, della pittura. Tutto quello che gli uomini chiamano arte e che altro non è se non la magia che risveglia dal sonno senza sogni dell ignoranza. Tu hai avuto il coraggio di andare oltre l orizzonte. Ora hai visto molto di quello che esiste e che non appare e che molti uomini purtroppo rinunciano a vedere, per paura o per pigrizia. Torna sulla terra: il tuo piccolo amico ti aspetta!>>. La Regina degli Animali la toccò e Alina si ritrovò di nuovo sulla terra, su una spiaggia deserta. Disteso davanti a lei il suo piccolo amico era ancora smarrito nel suo profondo, buio e tristissimo sonno senza sogni: solo una lacrima che gli brillava nell angolo degli occhi faceva capire che non era morto. Alina gli prese la mano e la carezzò a lungo, mentre raccontava al suo piccolo amico con grande trasporto tutto quello che aveva visto stando seduta sulle ali della grande farfalla. Quando Alina ebbe finito il racconto, davanti a loro apparve la Regina degli Alberi. Aveva il profumo di mille fiori e a ogni suo passo dalla terra sbocciavano rose e gigli, tra i capelli aveva tralci di vite e grappoli d uva matura le pendevano come gioielli dalle orecchie e dal collo. Tutto ciò che toccava riprendeva vita. Toccò il bambino e questi si risvegliò dall incantesimo. <<Sei arrivata alla fine del viaggio, Alina. Grazie alla tua pazienza, alla tua intelligenza e al tuo cuore hai 14 Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge

15 ritrovato quello che credevi perduto per sempre e anche qualcosa in più, che non avevi e ora hai: l amicizia del tuo nuovo amico, per esempio e l insieme di esperienze che hai fatto, i sentimenti, le paure che hai superato, i pensieri nuovi a cui sei arrivata, i sogni che prima non avresti nemmeno immaginato di poter sognare. Tutto questo, a cui se vuoi puoi dare il nome di cultura, ormai è dentro di te e non ti abbandonerà mai, proprio come ha fatto il tuo libro magico durante tutta la tua avventura. Ora non hai più bisogno di lui: hai il tuo proprio libro personale. Un libro tutto tuo. Potrai usare quello, ogni volta che ti troverai in difficoltà>>. Non appena la Regina ebbe pronunciato queste parole, il libro magico si aprì e da esso uscì un turbine di stelline che lo avvolse e lo sollevò in aria. Le stelline e il libro spiccarono il volo verso l alto, perdendosi nel blu del cielo <<La tua isola è proprio questa su cui stai posando i piedi, anche se non la riconosci ancora>> riprese la Regina degli Alberi <<Manca ancora un ultima parola perché la tua vita sia piena e completa, ma questa parola non la troverai scritta nel libro che ormai non c è più: dovrai sceglierla tu, tra le tante che esistono, e scriverla qui sulla sabbia>>. Così dicendo porse ad Alina un ramo fiorito e scomparve. Alina stette un poco a pensare; le parole esistenti al mondo erano davvero tante: come scegliere quella giusta? Avrebbe potuto scrivere ricchezza, o potere, o successo, fama, onori : tutte parole che suonano all orecchio dolci e ammalianti come il canto di mille sirene. Ma il dubbio non durò che un attimo. Alina non si turbò per avere avuto un esitazione: nel libro aveva letto che avere dei dubbi è molto importante, Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge 15

16 Questo testo è tutelato dalla S.A.C.D. di Parigi Per rappresentazioni obbligo di dichiarazione S.I.A.E. perché il dubbio è come il cemento che salda tra loro i mattoncini delle certezze. Prese quindi il ramo e tracciò sulla sabbia la parola CONDIVISIONE. I granelli di sabbia iniziarono a muoversi e ad agglomerarsi, fino a formare decine e decine di forme simili a quelle sculture che i bambini fanno d estate in riva al mare. Le figure presero via via forma e sembianze umane, iniziarono a muoversi, a respirare, a parlare. Alina li riconobbe: erano gli abitanti dell isola di Armonia, rimasti sepolti sotto la cenere lavica dell eruzione e ora risvegliati dalla parola magica scritta dalla bambina. Tra di loro, anche i suoi genitori che lei credeva perduti per sempre. Si riunirono tutti in un grandissimo abbraccio di gioia. Alina e il Bambino diventarono adulti e poi vecchi, ma sempre col sorriso sulle labbra e scrissero la propria storia in un nuovo libro magico che si tramandò ai posteri e che continuò ad aiutare per sempre gli abitanti dell isola di Armonia. Venezia, 15 agosto Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge

17 RÊVERIE VENITIENNE di Minever Morin Scritta per la Compagnia Le Nouveau Regard Prima rappresentazione nella versione francese: Grasse (F), dicembre 2007 Ulteriori rappresentazioni al teatro Francis Gag di Nizza nel febbraio 2010 in occasione del Carnaval de Nice Personaggi Gatta Mascherina Gabbiano Azzurro Piumetto Regina del Carnevale Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge 17

18 Questo testo è tutelato dalla S.A.C.D. di Parigi Per rappresentazioni obbligo di dichiarazione S.I.A.E. Candelina Spirito del Natale Ciambellina Vari figuranti Scena prima Pedana di legno praticabile, stile Commedia dell Arte. Due fondali a tende scorrevoli rappresentanti una veduta notturna e una diurna di Venezia. In scena diversi figuranti abbigliati con maschere e costumi ispirati al Carnevale di Venezia. Il Gabbiano Azzurro è un musicista, strumento a piacere. Entra la Gatta Mascherina che cerca invano di acciuffarlo. Gabbiano azzurro, Gatta Mascherina, Regina, figuranti Gatta Mascherina - (Rivolta al gabbiano) Tanto ti acciufferò prima o poi, dovessi inseguirti per tutti i tetti di Venezia! E quando saranno finiti i tetti di inseguirò anche per tutti i canali! Oh, ma io non so nuotare. Bhe, vorrà dire che imparerò. Oh, ma che dico: io sono un gatto ed i gatti detestano l acqua! Gabbiano azzurro Sciocca gatta: non hai cose più importanti da fare che inseguire me? Gatta - In effetti sì, avrei cose più divertenti da fare che inseguire uno stupido uccello, visto quello che è successo stanotte. Sono così eccitata per questa novità che il pelo mi diventa tutto a riccioli! Io sono curiosissima, come tutti i gatti e muoio dalla voglia di vedere a cosa porterà questo grande cambiamento. Oh, ma andiamo per ordine a raccontare Va verso un leggio posto a lato del palcoscenico Gatta - (A leggio) Una volta al mese la luna si spegne pian piano in quello che gli uomini chiamano luna nuova Luce sul figurante Luna La mattina precedente se guardate bene la luna prima che sorga il sole vedrete come se il cielo fosse un drappo di preziosa seta tagliato da un taglio a virgola e attraverso quel sottilissimo taglio passa una luce di porpora e d oro, 18 Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge

19 abbagliante come una fiammata. Quello è il riflesso del sole nascente sulla luna che muore: quella striscia ricurva di luna che gli uomini chiamano falce di luna. Dura un attimo, quel bagliore, poi più niente: il drappo di seta perde colore, dal nero diventa azzurro, la luce del sole avanza e quella della luna retrocede e si stempera fino a sbiadire, assorbita nell azzurro tenue del mattino. La sera successiva, quella in cui non c è luna, una cosa magica avviene a Venezia nel primo mese dell anno nuovo. Nessuno lo sa, le storie degli uomini non raccontano nulla in proposito: solo qualche animale ne è testimone, i gatti, i topi e qualche gabbiano che soffre d insonnia Luce sul Serpente. Danza del Serpente mentre il Gabbiano Azzurro suona Gatta Viene da oriente, nessuno sa bene da dove. Viene quando la notte è più profonda e nessuno lo vede. Ha le scaglie scure e lucenti come l acqua, come il riflesso del cielo nero sul mare. Ha un sorriso simile alla falce di luna, ma colore del fuoco. Risale dal mare e arriva davanti alla città di Venezia, che proprio sul mare è appoggiata come un enorme conchiglia. Il Serpente Orientale si guarda bene attorno, guardingo e quando è sicuro che nessuno lo veda depone un uovo: un grande uovo magico. Ma questo uovo non lo depone in piazza San Marco e nemmeno nei luoghi più frequentati dai cittadini di Venezia e dai turisti, no: lo depone in un luogo nascosto. Un cortile fuori mano, un piccolo giardino, un portico, una piccola strada lungo il mare dove l acqua arriva a carezzare le pietre quando c è mare grosso. Oppure la nicchia di una bifora, l incavo di un muro di mattoni marciti dal tempo e dall aria salmastra. Posti poveri a cui nessuno dà mai nemmeno un occhiata. La notte precedente all inizio del Carnevale l uovo si schiude e ne esce un esserino piccolo piccolo come un poppante, completamente nudo se non fosse per una maschera variopinta che gli ricopre il volto. Il bimbo prende a camminare gattoni. E via via, mentre lui va, i riflessi delle finestre delle case lo salutano mandando Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge 19

20 Questo testo è tutelato dalla S.A.C.D. di Parigi Per rappresentazioni obbligo di dichiarazione S.I.A.E. rapidi bagliori dai vetri, le pietre e le mura lo riconoscono e mostrano di averlo riconosciuto lasciando cadere nel mare le gocce di umidità fino ad allora trattenute, le statue candide degli angeli dai tetti delle chiese lo salutano. E questo esserino piccolo piccolo comincia a camminare eretto. E cammina, cammina e cresce e cresce e cresce Entra la Regina del Carnevale, priva ancora di maschera, e si ferma con le spalle al pubblico Così che quando arriva l alba del primo giorno di Carnevale una giovane donna nel fiore degli anni giunge nel cuore della città, proprio a Piazza San Marco, si pone tra le due altissime colonne che fronteggiano la laguna e saluta il mare Entra il figurante Airone bianco recando la maschera che pone sul volto della Regina Durante il suo cammino i colombi e i gabbiani hanno volato sulla laguna raccogliendo col becco conchiglie madreperlacee e alghe e aggiungendo qualcuna delle proprie piume e intessendone un mantello che alla fine posano sulle spalle di questa giovane misteriosa. Cosi rivestita, nel fiammeggiare dei riflessi del sole nascente sulle conchiglie di madreperla e nello stormire delle piume al vento freddo che viene dal nord-est, la giovane sale sulla prima gondola che trova ormeggiata, mentre il gondoliere ancora dorme e la gondola magicamente parte da sola lungo il Canal Grande. La si potrebbe definire una regina, anche se non ha ricchezze, perché regale è il suo incedere. I suoi abiti sono composti di povere cose, ma risplendenti alla luce fredda dell aurora invernale ed il suo regno, se anche esistesse, apparterrebbe alla dimensione del sogno. Presto da ogni angolo della città ancora addormentata escono personaggi misteriosi dai volti ricoperti da maschere dall espressione fissata in un grande stupore per tutta la bellezza che li circonda e della quale essi stessi entrano a fare parte 20 Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge

21 Il figurante Notte sale la rampa e si dispone a lato della Regina porgendole lo scettro Avvolti in sete splendenti e in piume multicolori iniziano a seguire il misterioso personaggio, come un corteo regale. Nessuno sa chi siano, nessuno conosce il loro nome e nemmeno si sa se lo abbiano, un nome, ma tutti ricordano di essere esistiti da qualche parte: forse nei sogni di qualcuno, forse in un tempo che è già stato o nell illusione di ciò che ancora deve avvenire. Così ha inizio, ogni anno alla luna nuova del primo mese dell anno, il Carnevale di Venezia. La Regina del Carnevale, riunita la sua corte, batte tre volte a terra col suo bastone (Azione che la regina compie dopo essersi voltata verso il pubblico) e dichiara aperta la festa: regnerà fino alla fine dell anno e poi, con il primo novilunio dell anno nuovo il serpente ritornerà a deporre un nuovo uovo Nella penombra tutti i personaggi lasciano la pedana e tornano dietro le quinte, tranne la Luna Gabbiano Azzurro (Smettendo di suonare) Oh, ma quest anno è tutto diverso! Non si sa per quale motivo, il serpente orientale si è risvegliato troppo presto e troppo presto ha risalito il mare. Non è ancora il tempo del primo novilunio dell anno nuovo, oh no: deve ancora finire l anno vecchio! Questa notte si è insinuato nella laguna che abbraccia la città da ogni parte e ha deposto il suo uovo in un luogo misterioso che nessuno ancora conosce. Una nuova Regina è già nata Gatta - (Battendo le mani) Che bello, che bello! Mi piacciono le novità! E magari potrò guadagnarci qualcosa anch io! Gabbiano Gatta stolta: aspetta a rallegrarti. Ricorda che quando le cose non vanno più come sono sempre andate, chissà cosa può mai succedere Gatta Che uccello noioso! Sai cosa farò invece di perdere tempo dietro alle tue penne? Andrò a presentarmi alla nuova Regina del Carnevale e le chiederò di poter far parte della sua Corte. Sarò così rivestita di bei vestiti Ogni scorretto utilizzo verrà perseguito a norma di legge 21

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

I bambini e le bambine di classe 1^ B

I bambini e le bambine di classe 1^ B I bambini e le bambine di classe 1^ B Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate a.s. 2013-2014 1 I bambini e le bambine di classe 1^ B IL FILO DELLE STORIE Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i LE FAVOLE DISNEY C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i bambini del villaggio, perché era piena di orologi e giocattoli di ogni tipo, e un bel fuoco ardeva sempre

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna Il mistero del Natale dimenticato Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna MILLE FIOCCHI BIANCHI Quell anno faceva tanto freddo e a Paesello ognuno se ne stava rintanato al calduccio nella sua casetta.

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Il mago nascosto dietro a un muretto si spanciava dalle risate.

Il mago nascosto dietro a un muretto si spanciava dalle risate. Il Mago Burlone Alla corte di un re di un paese lontano c era un mago burlone. Lo chiamavano così perché si divertiva a fare le magie a tutti quelli che incontrava. Il mago burlone viveva nella parte più

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA .IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA C era una volta un mago di nome Mattia che era considerato il mago più bravo di tutti i tempi e per questo veniva invitato in tutte le città del mondo

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Un giorno Babbo Natale e i suoi elfi aspettavano un pacco importante per la note di Natale. Dentro a quel pacco c era una polverina magica che faceva diventare

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C LA NEVE SOFFICE La neve non si sa dov'è ma è bello se c'è. Soffice come un letto dove puoi fare un angioletto, se vai al sole la vedi brillare ma con gli occhiali gli occhi devi riparare. La neve si scioglie

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

SCARPINE FISIOLOGICHE CHICCO. COLLEZIONE AUTUNNO INVERNO 2015 I BIMBI CON LE SCARPINE

SCARPINE FISIOLOGICHE CHICCO. COLLEZIONE AUTUNNO INVERNO 2015 I BIMBI CON LE SCARPINE SCARPINE FISIOLOGICHE CHICCO. COLLEZIONE AUTUNNO INVERNO 2015 I BIMBI CON LE SCARPINE Scarpine fisiologiche Chicco LIBERTÀ TG. DAL 15 AL 19 LIBERTÀ TG. DAL 17 AL 21 FLESSIBILITÀ TG. DAL 18 AL 23 NURSERY

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan Le FIABE di LYN Le FIABE di LYN C era una volta una scrofa, molto allegra, intelligente, le avevano dato anche un nome: Rosa. Tutte le volte che la chiamavano lei accorreva, trotterellando, con la sua

Dettagli