Libe edizioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Libe edizioni www.libedizioni.it"

Transcript

1

2

3 Libe edizioni

4 KOLDO IZAGIRRE IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO Traduzione di Roberta Gozzi

5 Titolo originale: Nik ere Germinal! egin gura nuen aldarri 1998 Susa argitaletxea 2014 Associazione Culturale Libe edizioni - Roma ISBN La traduzione di quest opera è stata realizzata con il contributo di Instituto basco Etxepare - Etxepare Euskal Institutua copertina di Roberto Clemente

6 6 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO

7 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 7 IL PRIMO SGUARDO DEL GRANDE RATTO 1 Fui rinchiuso. Nella stessa cella in cui rinchiusero anche te. Mi imprigionarono proprio in quella cella. Ma tra quelle pareti che un giorno ti avevano tenuto segregato, non pensai a te. Non avrei potuto farlo. Era la prima volta che mi trovavo in quella situazione e non riuscivo a preoccuparmi che di me stesso. Solo dopo alcuni anni, quando giurai che con una morte dignitosa avrei vendicato i compagni morti e torturati,

8 8 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO ti ritrovai nella mia cella spagnola, a Burgos. Ma in quella prima galera che conobbi a Bergara mi teneva compagnia solo la sporcizia. La muffa occhieggiava dal buco che serviva da latrina; indietreggiai, orinai da lontano. Ero nervoso, non sapevo ancora cosa significasse essere detenuto, avevo paura di me stesso. Non sapevo se i miei compagni sarebbero stati in grado di sostenere l alibi che avevamo concordato, ben presto quelli si sarebbero resi conto che i documenti erano falsi. Mi raggomitolai contro la parete della porta. Sapevo che da lì a poco sarebbero iniziate le grida, volevo essere preparato per quando sarebbero venuti da me. Rimasi a lungo a fissare il buco, il gran ratto sarebbe uscito da lì e avrebbe iniziato a sferzarmi. Dovevo

9 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 9 cercare la protezione delle pareti, sprofondare in esse, come stavano facendo i miei compagni torturati. Dove andavi? No, non mi avrebbero chiesto questo. Dove andavate? Sono venuto qui con l autobus del mattino per iscrivermi alla scuola per geometri; non mi sono reso conto che oggi è sabato ed era chiusa. Non avevo voglia di aspettare l autobus tutta la mattina. Allora mi sono messo sul ciglio della strada e ho fatto l autostop. Sarebbero riusciti a fargli credere la nostra versione? Continuai a ripetermela finché anch io non ne fui convinto. L avevamo concordata all ultimo momento, quando ci eravamo resi conto che non saremmo più potuti fuggire.

10 10 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO E quindi tu non sai cosa trasportava quell auto? Sentii rumore di passi. Io non ero schedato, se fossi stato in grado di sostenere la versione dell autostop avrebbero dovuto liberarmi. E non avevo altra possibilità che sostenerla, dovevo dimostrare coraggio ai miei amici, dovevo uscirne libero in modo da poter fare quello che loro, da quel momento in poi, non avrebbero più potuto fare. Aprirono la porta, scattai in piedi. Dovevo far finta di essere spaventato, ma non troppo. Mi avevano detto che sotto tortura bisogna saper anche recitare. - Guardami negli occhi! Visti i baffi che gli scendevano fin sotto le labbra doveva essere Il Messicano, tutti noi ne avevamo sentito parlare.

11 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 11 Era in borghese, mostrava il calcio della pistola sotto la cintura. Mi chiese come mi chiamavo mentre osservava la mia carta d identità. Il nome di mia madre, quello di mio padre, la data di nascita. E di nuovo come mi chiamavo. - E sai chi sono io? - No... no, signore. Mi diede un sonoro schiaffo, mi scaraventò per terra. Dal buco della latrina la testona del ratto mi sorrideva. - Tu non hai la stoffa per queste cose! Mi lasciarono solo. Non appena chiusero la porta mi rialzai prima che lo schifoso animale mi si avvicinasse. L orecchio mi bruciava e un suono acuto mi perforava il cervello. Non dovevo perdere di vista quella bestia ripugnante, tanto paurosa quanto crudele. Mi ripulii le mani sfregandomele sui pantaloni.

12 12 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO Sentii rumori di catenaccio nella cella accanto, dei passi. Stavano portando lì anche gli altri. Avrei dovuto ascoltare colpi, grida, domande, frustate. Mi calmai. Non sembrava importargli che io ascoltassi quello che dichiaravano gli altri, si erano bevuti la storia dell autostop. Ma volevano terrorizzarmi: sarei stato un altro testimone diretto della tortura, un altro che aveva visto come il gran roditore si porta la gente nel pozzo nero, mi risucchiavano nell enorme gruppo degli atterriti di cui il regime aveva bisogno. Strinsi i pugni fino a farmi male. Giurai vendetta, giurai che avrei vendicato i miei compagni martoriati. Da allora mi pervase un nuovo coraggio. Tu ne eri la fonte, ma io non lo sapevo. Non sapevo ancora che tu eri stato prima di me nella cella numero tredici della

13 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO prigione di Bergara. 13 Ora erano le grida di Andoni a perforarmi il cervello, più dolorose dello schiaffo del Messicano. Avanzai un passo e la testa del ratto svanì. Mi avvicinai al buco, volevo sputargli negli occhi. Trattenni il respiro. Pioggia marcia nello squarcio lasciato da un palo divelto da terra: avevo ricacciato il ratto negli inferi. Allora compresi, avvicinandomi alla finestra, che le grida di Andoni potevano essere un messaggio per i tranquilli cittadini che si avvicinavano al tribunale per un certificato di nascita: non tutti coloro che sono testimoni della tortura si nascondono nel gruppo degli atterriti. Mi asciugai le lacrime con il dorso della mano. La fievole luce che arrivava dell esterno mi mostrava le ferite della parete. Vi scorsi falci martelli

14 14 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO evviva. Lì c era stato qualcuno dopo di te e prima di me. Lanciai una sfida al sadico delle profondità e, nel chinarmi per afferrarlo, in un angolo di parete ancora grigio, inciso con un chiodo o con le unghie, lessi un nome. Anch io dovetti cambiare nome, lasciare famiglia lavoro amici nel mio piccolo paese, lontano dalla strada quanto Foggia lo è da Roma. Iniziai a frequentare nuovi amici, di cui conoscevo solo il nome di battaglia, consolidai i miei ideali nella lotta. In quei giorni di paura ed euforia conobbi molti uomini e donne che mi fecero vergognare di me stesso, giovani generosi, cuori appassionati, spiriti liberi. Ne conobbi anche uno che assomigliava molto a te, più nella

15 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 15 morte che in vita; o forse sulla strada che porta alla morte, nel modo in cui l ha anticipata. Anche lui avrebbe potuto essere un tipografo, sempre piegato sui libri. Senza alzare la testa dalla pagina mi chiedeva qualcosa, forse per rendermi partecipe di quello che stava leggendo in quel momento, o come se fosse necessario migliorare i dialoghi dei personaggi del romanzo. Mi faceva sempre domande, o per lo meno a me sembrava che mi stesse sempre mettendo alla prova, e spesso lo mandavo a quel paese. Alzava le spalle e continuava a leggere. Incassava molto bene e non sembrava importargli che io mi infastidissi. La verità è che poteva farlo perché era una di quelle persone che non perdono mai il controllo. - Tu credi che bisogna avere il cuore

16 16 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO pieno di buoni propositi per fare la rivoluzione? - Sì, certo... per quale motivo dovremmo fare la rivoluzione se non per emancipare il popolo? Forse adesso questo non è più un buon proposito? Eravamo fermi a un semaforo, mi aveva risposto senza distogliere lo sguardo dalla luce rossa. - Veramente... si può fare la rivoluzione anche solo per prendere il potere. - Allora non è una rivoluzione, o sarà una rivoluzione tradita... - Questa macchina non va! Non mi aveva più prestato attenzione per un po. Sorpassavamo lentamente i camion sulla strada tortuosa tra Markina e Ondarroa, verso la costa di Bizkaia. - Ma non è abbastanza! Non è sufficiente

17 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 17 avere il cuore pieno di buoni propositi! Bisogna anche avere qualcosa in mano! E così dicendo aveva infilato la destra nella tasca della giacca. Nel palmo della sua mano adesso c era una pistola, una vecchia Astra. - Mettila via! Avevo cominciato a lasciarmi crescere la barba, tipo quella del Che. Ma a quell epoca la barba attirava molto l attenzione e avevo dovuto radermela prima che diventasse troppo lunga. Ma quella era meglio. - Ha fatto due guerre, la prima in Catalogna e la seconda in Algeria. - E ora incomincia la terza, certo. - Proprio in questa mia mano! Credo che quel giorno, per la prima

18 18 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO volta, mi resi conto di essere coinvolto in qualcosa che non mi avrebbe più abbandonato per il resto dei miei giorni, quando Txabi esclamò allegro: - Ne ho per tutti. Si era fermato davanti alla vetrina di un negozio di abbigliamento senza avvisarmi, faceva spesso cose così. Ero tornato indietro per riunirmi a lui e in quel momento un uomo gigantesco l aveva preso per la spalla chiamandolo per cognome: Etxebarrieta!. Doveva essere un suo conoscente. Mi ero allontanato un po ed ero rimasto ad aspettare all angolo della strada. L uomo ogni tanto mi guardava e gesticolava davanti al mio compagno, pensai che lo stesse

19 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 19 rimproverando. - Un amico di mio padre - mi aveva chiarito quando si era liberato dell energumeno. - Abbiamo fatto una scommessa! All interno della scuola non c era stato nessun problema, ci avevano accompagnato fino alla sala stampa in modo che potessimo mostrare loro l enciclopedia universale che apparentemente eravamo lì per vendere. La fotocopiatrice era molto pesante, in due non saremmo riusciti ad alzarla da terra, ma la scuola aveva un entrata comoda, la porta che dava sulla strada non era molto lontana da quell aula e, scendendo da una scala un po stretta, non si doveva neppure attraversare il cortile. Essendo l ora dell intervallo, il direttore ci aveva accompagnati, evitando così che le

20 20 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO pallonate ci rompessero gli occhiali. Una fortuna. - Ho scommesso che vinceremo! Txabi era un chiacchierone quando guidava. L automobile era il suo migliore ufficio. - Quel tipo mi ha sgridato perché mi sono messo nei guai. - In che guai ti sei messo, Txabi? gli avevo chiesto senza nessuna ironia, pronunciando chiaramente le parole, accigliato. - Gli stessi in cui vi siete messi voi! - credo che sia stata l unica volta che mi abbia guardato mentre guidava. - Noi? Allora tu non sei noi? - No... aveva risposto con estrema tranquillità, - io mi muovo con voi, ma io non sono né voi né noi. Credo di avergli detto di non vendermi

21 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 21 filosofia da quattro soldi. Avevo letto da qualche parte che uno può imborghesirsi per il tanto filosofare, mentre noi contro Franco eravamo passati dalla parola all azione. - Senti: ho detto a quel tipo che vincerete, che per questo sto con voi. Molto più tardi, quando sono stati pubblicati i suoi scritti, quella posizione elitaria, che gli era rimasta come eredità degli anni giovanili, è apparsa formulata nei versi di una poesia: Ogni volta che cammino verso di me mi chiedo: Chi sono i miei? Nell immensità del silenzio uccelli che volano sopra i campi Faceva pazzie e io direi che le faceva

22 22 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO consapevolmente. Per esempio andare a controllare personalmente un luogo, rischiando di essere riconosciuto, per verificare la possibilità di rubare una fotocopiatrice. Adesso credo che mi stesse usando per mettere alla prova se stesso. - Non possiamo fallire, capisci? Non possiamo fallire, ho scommesso che vinceremo! Ed era scoppiato in una fragorosa risata. Mi ci sono voluto trent anni per capire l umorismo di Txabi. Salite le vecchie scale, che dovevano essere quelle di un campanile, ci eravamo trovati nella stanza che aveva preparato per noi il parroco del paese: c erano due letti

23 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 23 con altrettanti cuscini. Non c erano le lenzuola, ma tutto era pulito. Ci eravamo preparati per dormire. Avevo gettato lo zaino in un angolo e svuotato le tasche. - Non tenere la pistola sotto il cuscino! - Perché no? Dove vuoi che la metta? - Quelle sono abitudini da gangster - Davvero? E tu come fai a saperlo, Lucky Luciano? - Non l hai mai visto nei film? I gangster tengono sempre la rivoltella sotto il cuscino. Ricordo che una settimana prima mi aveva parlato dell etica dei gangster. - È il posto migliore se ti sorprendono mentre stai dormendo. Fanno così i gangster, ma anche i poliziotti, o credi che io non sia mai andato al cinema?

24 24 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO - Non dire fesserie, com è possibile che sia il posto migliore! Un giorno o l altro ti alzi per andare a fare un azione e te la dimentichi sotto il cuscino, vedrai! Sapevo che nel mio caso quella non era una buona abitudine, perché dormivo con le mani sotto il cuscino e senza volerlo poteva succedere un incidente. Tuttavia avevo abbandonato la testa sul mio guanciale armato, sfacciatamente, sapendo che Txabi mi avrebbe ripreso. - Devo scrivere un racconto Un uomo ha l abitudine di mettere il fazzoletto sotto il cuscino, ha molto catarro e di notte gli è molto comodo, non deve inghiottire o alzarsi e andare in bagno. Una notte infila la mano sotto il cuscino e, mezzo addormentato, invece del fazzoletto afferra la pistola. E si spara un colpo in bocca mentre cerca di

25 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 25 sputare. È ridicolo, non ti pare, morire a letto? Ci sono posti migliori... Il racconto non mi era piaciuto, il protagonista sarei potuto essere io. A questo pensiero ero ammutolito. Dopo un momento risposi: - Allora vedi di non sbagliare letto e non ti suiciderai senza volerlo. Non aveva ribattuto, si era già addormentato. O forse faceva finta, chi lo sa. Avevamo un appuntamento in montagna, dove sempre ci muovevamo a quei tempi ci muovevamo sempre in montagna, eravamo dei veri e propri partigiani, ma lui era l unico che sapeva come muoversi anche tra le strade della città. Non era venuto. Trascorso

26 26 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO il margine di sicurezza, avevo preso l autobus per ritornare alla nostra base. La gente parlava di una sparatoria che c era stata a Tolosa. Le case, le macchine, gli operai, gli occhi di Txabi, miopi come i tuoi, erano sfilati davanti a me come se piovesse all interno del vetro e, a intervalli, si erano trasformati negli occhi di un ratto che mi sorrideva. Avevo raccolto in qualche modo le mie cose come un automa mentre ascoltavo la radio: parlava di due morti, un poliziotto e un giovane non identificato... Senza aver bisogno di ascoltare altri particolari, sapevo che non poteva essere che lui. Trovai un foglio sotto il suo letto, era la sua scrittura. Una frase in francese, sicuramente copiata: Non saremo portati al cimitero senza prima aver dato a questa schifosa società il castigo che si merita per averci

27 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO voluto offrire una gioventù vuota. 27 La morte di Txabi per me fu un duro colpo, come se fino ad allora fossi vissuto in un sogno. Quel discorso sull inutilità di avere il cuore pieno solo di buoni propositi, sul fatto che per arrivare puntuale avesse bisogno di una buona automobile, che dovevamo vincere la scommessa, tutti i suoi scherzi e le sue battute presero un altro significato... Aveva affrontato la vita di fretta, aveva vissuto intensamente ogni momento, adesso direi che aveva la certezza che la sua vita non sarebbe durata a lungo ed era lui stesso a cercare azioni da realizzare ad alta velocità. È stato il nostro primo morto: pioniere nella penitenza per un peccato necessario. È arrivato fino all estremo sacrificio. Per morire, ha ucciso. Come te. Non è stata una casualità, io so che

28 28 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO non lo è stata. Quando sento dire che è stato tradito da un imprudenza dico di sì, ma non ci credo. Acconsento silenziosamente al fatto che l abbiano fermato per eccesso di velocità, ma dentro di me mi ripeto che non è andata così. Lui sapeva, e non solo perché aveva letto molti libri francesi, sapeva com è difficile vivere essendo condannati a morte. E io, adesso, lo so meglio di lui. Questa è la ragione per la quale era sempre di fretta e preoccupato di non arrivare in tempo; dovevamo compiere una serie di azioni entro un certo termine, non solo con il cuore, ma anche con le mani piene di buoni propositi. Lombroso avrebbe detto che la sua morte era stata un suicidio indiretto. Un suicidio dialettico, direi io oggi, perché c era una ragione rivoluzionaria in quel

29 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 29 dover vivere in fretta. Ho sentito dire che ha utilizzato la lotta come scusa. Anch io ho dovuto riconoscere che mi aveva utilizzato per mettere alla prova se stesso. Tuttavia, anche se questa fosse la verità, la sua grandezza non ne sarebbe sminuita: benché appartenesse a un organizzazione, la sua vita era guidata dal principio della responsabilità personale. Era uno di noi ma era se stesso e, padrone di se stesso, è morto per darci esempio e coraggio, come un libertario che si immola in un doloroso gesto. Come te, Lilio.

30 30 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 2 Elegante e allo stesso tempo triste è quest ammasso di pietre nere con presunzione di città. Capoluogo giudiziario di una delle regioni basche arricchitesi grazie all industria del ferro, acquisì un importanza tale da meritarsi un carcere. Una prigione di ubriachi e parricidi, una prigione senza scioperi della fame, diremmo oggi. Tu saresti stato il suo primo prigioniero politico. Ma la gente dimentica le storie delle prigioni. Se nomini Bergara l assoceranno con un bel Sacro Cristo, con le torte ripiene o con l abbraccio tra liberali e carlisti nel 1839, paradigma del tradimento per i baschi. Tuttavia, ai suoi tempi, Bergara fu famosa sia perché nel suo

31 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 31 Reale Seminario fu isolato il tungsteno, sia per essere la città nella cui prigione misero fine alla tua vita. Si racconta che quella mattina gli abitanti di Bergara camminassero a testa bassa. Vicino ai portoni c erano gruppi di donne che mormoravano e chi doveva passare dalla piazza sopra la prigione vi lanciava un timido sguardo. Quella mattina, quella soffocante mattina del 20 agosto del 1897, giorno in cui ti avrebbero giustiziato, Bergara non era più allegra del solito. La casatorre vicino alla chiesa aveva le finestre chiuse. Me lo raccontò il Signore di Olaso, l ultima volta che andai a trovarlo prima della sua morte. - I miei genitori trascorrevano il mese di luglio alle terme di Sant Agata, e quando seppero che quel signore con l asciugamano sulla spalla, che

32 32 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO incrociavano tutti i giorni mentre andavano dai bagni alla stanza o dalla sala da pranzo al giardino, era stato ucciso da un giovane italiano, rimasero molto impressionati. - In ogni caso, non saranno certo stati dei grandi sostenitori di Cánovas... - No, ma sai com è... quando ti dicono che hanno ammazzato qualcuno che hai avuto vicino... Allora mio padre riunì tutta la famiglia e ci portò a Segura con camerieri e domestiche, in modo che da queste finestre nessuno potesse vedere come giustiziavano l assassino di Cánovas. Pur credendo a quelle parole, non è vero che noi baschi non volessimo vederti morire. Ovunque nei paraggi furono noleggiate delle corriere per venire fin qui, all alba da Donostia

33 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 33 partì un treno speciale per chi voleva arrivare in tempo per assistere alla tua esecuzione. Malgrado le finestre apparissero chiuse, tu fosti il protagonista principale delle feste di San Rocco: un anarchico italiano sul patibolo, una cosa mai vista. Anch io, durante quella visita, fui costretto dal Signore della Torre di Olaso a ritirarmi dalla finestra. Mi indicò le poltrone della stanza, non ricordo se mi disse che erano stile Luigi XIV o Luigi XV, ma erano di prezioso legno lucidato. - Siediti e aspetta qui finché non torno. Ubbidii mentre lui si perdeva nei meandri della casa. Dai rumori mi sembrò che salisse le scale. Aspettai, composto come se fossi stato legato alla sedia elettrica. Il Signore di Olaso era ricomparso e mi

34 34 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO puntava con una macchina fotografica in mano. - Fermo! Mi scattò la fotografia e la polaroid iniziò a tirar fuori la sua lingua. - Te la regalo come ricordo. Sai dove sei seduto? I mobili di quella casa erano stati requisiti per arredare il palazzo che Franco occupava d estate a Donostia. Morto il dittatore, erano state proprio le fotografie pubblicate sui giornali a permettere alla famiglia Olaso di recuperare quei mobili. Gli dissi che non lo sapevo, per dargli il piacere di raccontarlo. - È morto e adesso noi appoggiamo il fondoschiena dove si sedeva lui. Guarda, ha già cominciato a prendere colore. Sei venuto bene!

35 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 35 Un disgraziato della Louisiana che sta aspettando la scarica da volt, ecco cos ero io, con la testa rigida contro lo schienale e le mani strette ai braccioli. Gli regalai un sì di cortesia. Quel Generalissimo, che si era seduto dove io sedevo in quel momento, aveva voluto uccidermi. In un oscuro cortile, non alla luce del sole e davanti alla gente. Ma il Signore di Olaso di questo non si ricordava. Quelli che il Generalissimo aveva ammazzato occupano, nella memoria del mio popolo, un posto privilegiato rispetto a quelli come noi a cui, invece, si è dovuta concedere la grazia. Per essere un degno erede della tua morte avrei dovuto salire le scale

36 36 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO del patibolo sotto il sole e davanti al popolo, come avevi fatto tu, in questo cortile che ora visito da turista mentre aspetto Jean Claude. È possibile che, mentre salivi le scale del patibolo, tu abbia alzato lo sguardo per un attimo e abbia visto la casa-torre vicino alla chiesa con le finestre chiuse. Avrai pensato che erano in lutto per te? Cosa pensa uno, quando lo invitano a salire sul patibolo? Oggi Bergara non ha più la prigione, quel presidio è diventato un archivio troppo grande di vecchi documenti del tribunale. Le sbarre delle anguste finestre potrebbero essere l unico ricordo di ciò che fu quando sia tu che io vi mettemmo piede la prima volta. - Questa è la cella dove fu imprigionato Angiolillo! - mi confessa sottovoce. Mi apre la porta, sono i bagni. Mi fa

37 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 37 un leggero sorriso, come per chiedere scusa. Qualcuno ti ha voluto riservare uno spazio, un territorio murato che non si perda nell ampiezza della sala. - Le dice qualcosa il nome di Salvador Puig Antich? - questo impiegato municipale è troppo giovane per ricordarsi di lui. - L ultimo rivoluzionario che la Spagna ha giustiziato con la garrota, un anarchico. - Sì, ho letto qualcosa... - Nel carcere Modelo di Barcellona, la sala dove lo giustiziarono adesso è la stanza per i colloqui intimi. Alcuni prigionieri, pur sapendo dove si trovano, riescono comunque a eccitarsi durante le visite delle loro donne. Così mi hanno raccontato i compagni che sono passati da lì negli ultimi anni. Anche qui hanno voluto conservare la tua ultima

38 38 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO dimora, da quel che sembra, per una certa intimità. Non è una cattiva idea: la cella, in fin dei conti, non è che una latrina, la sala d attesa del gran canale di scolo. Mi avvicino all angolo della finestra, rimango a fissare la parete. Tutto è ripulito e ridipinto. Il tuo messaggio, che avevo letto quando mi avevano portato qui la prima volta, è stato cancellato. Inutilmente passo le dita sulla parete, non riesco a leggere niente. Rimango a guardare la latrina. Lì, sotto quell acqua disinfettata, c è il sadico guardone. In nome tuo gli sputo negli occhi. Sulla facciata del cimitero, sulla destra, da quanto si deduce da evidenti

39 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 39 segni sotto il cemento, c è una porta chiusa con dei mattoni. Faccio il giro del muro di cinta. Su questo lato, a sinistra, c era un recinto di arbusti. Sembra un orto abbandonato. Un anziana signora prende il sole seduta su una panchina. Ha gli occhi chiusi, e si scalda le gambe con la gonna sollevata. - Mi hanno detto che da queste parti c è la Porta dell Inferno. Si alza prima di rispondere. Mi offre una mela prendendola dalla borsa di plastica che porta al braccio. La ringrazio ma non l accetto. La morde con forza, la sua dentatura deve essere naturale. - È qui. Non c è nessuno in giro. I ciottoli emettono un sonoro lamento al nostro passaggio. Ci avviciniamo alla porta

40 40 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO murata camminando fra le tombe. È uno spazio rubato al cimitero, delimitato da una porta di ferro. All interno di questo piccolo cimitero speciale c è un altra parete, realizzata apparentemente nella stessa epoca e con lo stesso materiale che chiude la porta esterna. Direi che è l ossario. - La Porta dell Inferno è quella fuori. Adesso è murata. - Perché la chiamavano dell Inferno? - Non lo so. Era rossa. - L avranno chiamata così perché era rossa! Ride. Mi chiede di seguirla e salgo dietro di lei su per una scalinata di pietra vicino all entrata principale. È cresciuta l erba sul tetto delle tombe che restano all ombra. Ora contempliamo dall alto quello che prima vedevamo da sotto.

41 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 41 Conto cinque teschi. I femori, scarni, assumono dimensioni enormi. Tutto ha la tonalità grigio-biancastra della cenere. Al centro, come se il corpo avesse voluto alzare la lapide, due gambe pietrificate emergono da un ventre piatto, impudiche al sole, offrendosi a qualche necrofilo. - Sotto quelle ossa c è Angiolillo - sussurra la donna, e dà un altro morso alla mela. C è stato un periodo della nostra storia nel quale siamo stati rossi, storicamente rossi, e tutti i Mussolini hanno giurato che ci avrebbero fatto a pezzi. Per un momento siamo stati degni della tua morte all interno di una storia straziante: abbiamo perso la guerra, ma sopra le tue ossa sono cadute, ingenue vittime dei pochi fucili che il signore di Olaso aveva potuto comprare in Belgio, le ossa delle camicie nere venute da

42 42 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO Foggia per farla finita con gli anarchici di Bergara. La cella si era riempita di nuovi clienti, eri affondato sempre più giù nel pozzo, come trascinato dal grande ratto. Quello che un tempo fu un cimitero civile adesso è un ossario, sala per gli incontri intimi degli scheletri, oubliette, cella della dimenticanza. Ho voluto verificare quello che il signore di Olaso mi aveva detto anni prima. - È vero che qui, tutti gli anni, il venti di agosto, qualcuno depositava un mazzo di fiori? La donna mi guarda fisso negli occhi. Mi risponde dopo un lungo silenzio. - Io vengo tutti gli anni il giorno di Ognissanti, ma non ricordo di aver mai visto dei fiori qui. Tu... Ma io ti conosco! Ho visto la tua fotografia sui giornali, da qualche parte...

43 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 43 Sorrido. Confesso. È possibile. Mi prende per il braccio e, prima che possa allontanarmi, pronuncia il mio nome con un sospiro. Faccio cenno di sì con la testa e, impedendomi di avviarmi giù per le scale, con gli occhi pieni di lacrime, mi abbraccia e mi bacia sulle guance.

44 44 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO LA SOLITUDINE DEL TUNGSTENO 1 Txiki non ha potuto ricevere l abbraccio di tutti i tuoi compagni fucilati contro il muro della fortezza di Montjuich. Avrebbero dovuto fucilare anche lui in quel luogo ma, nel frattempo, il castello era stato trasformato in un museo. Un museo in cui non è certo conservata la storia: uniformi, fucili, pezzi di artiglieria, soldatini di piombo riempiono sale ripulite e preparate per i turisti nella Piazza D Armi. Queste sale non recano alcuna traccia del loro essere state gattabuie per prigionieri,

45 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 45 niente catene, ceppi, garrota, rogo. Le celle non appaiono nemmeno nelle planimetrie. Quello che gli abitanti di Barcellona chiamavano il castello maledetto non ha memoria della tortura. Ci sono targhe commemorative, ma in nessuna si dà notizia delle fucilazioni. Il castello attrae pochi turisti, la maggioranza scatta fotografie agli impianti olimpici che stanno ai suoi piedi. Lì, in un posto chiamato la Lingua della Serpe, furono fucilati socialisti, repubblicani, anarchici, patrioti baschi, massoni, coppie di genitori atei che non avevano voluto battezzare i figli. L ultima volta che l ho visitato avevano collocato dei bersagli perché i tiratori olimpici potessero allenarsi; forse qualcuno di loro sapeva in che luogo si trovava e forse questo li esaltava. Ai piedi del castello maledetto che non

46 46 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO siete riusciti a distruggere, nel Moll de la Fusta, nelle spianate che circondano la scultura dedicata al poeta Salvat- Papasseit, dove sono solito passeggiare prima di incontrarmi con il comitato di solidarietà con i prigionieri baschi di Barcellona, riesco a vedere un vescovo obeso che, da un palco di fronte alla nave da carico Cataluña, grida alle truppe che si imbarcano per andare a difendere la Cuba spagnola: Onore a voi che avete il coraggio di difendere la Patria su quell isola lontana, sarete sempre presenti nelle mie preghiere. Si rivolge ai giovani allineati che lo ascoltano stretti nelle loro uniformi, inebetiti, il Mauser nuovo sulla spalla, incapaci di cogliere il cinismo delle sue parole. Quel giorno, quando soldati, ufficiali, agenti della Guardia Civil e spettatori si erano inginocchiati per

47 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO 47 ricevere la benedizione, un uomo, un giovane che successivamente la polizia avrebbe identificato come barbuto, aveva aperto un piccolo sacco che teneva nascosto e gettato in aria manciate di foglietti che il vento avrebbe fatto ricadere sulle spalle degli spettatori, sulle decorazioni dei soldati, sulle spade degli ufficiali, sui paramenti dorati del vescovo. Soldato, non t imbarcare! I ricchi non vanno alla guerra! Ribellati ai tuoi ufficiali! Si erano sentiti alcuni colpi dall altra parte, per lo meno sembravano spari, e varie grida qua e là, gente che urlava. La massa degli spettatori si era alzata tremando: erano giovani alberi agitati dal vento, avrebbero voluto muoversi ma erano prigionieri gli uni degli altri, come se fossero incatenati tra loro.

48 48 IL TIPOGRAFO ANGIOLILLO Quando gli agenti si erano resi conto di quanto successo, gli agitatori si erano ormai dileguati tra le viuzze della Barceloneta. Il tram, per affrontare una curva, rallenta. Ne approfitti per scendere. Ti incammini verso le Ramblas con la giacca ripiegata sul braccio, le mani in tasca. Hai visto Tomaso da lontano, ti aspetta nel posto concordato, sta soffiando su un accendino. Ti dirigi verso di lui mentre accende la sigaretta. Fa finta di non vederti e, mentre ti avvicini, gli occhi puntati sulle tue scarpe di corda, esclama: - Ho avuto il vescovo a portata di mano! Si alza e ti dà un amichevole pacca sulla spalla. - La prossima volta ci risponderanno a

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006 La donna e l uva Fotografie e versi di Ico Gasparri 2005-2006 (1) A02232 corri corri corri e soffri e salta sul cuore della terra e quando sarai felice salta e ridi e porta con te i figli tuoi a ridere

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Natale, primo pomeriggio

Natale, primo pomeriggio Natale, primo pomeriggio «Ha un nome, quell attrezzo?» «Sei sicuro che sia quello che vuoi sapere? Il nome di questo attrezzo?» «No. Per la verità era un pretesto. Voglio capire che cosa ci fa, lei, al

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Umberto Fiori Nove poesie

Umberto Fiori Nove poesie Umberto Fiori Nove poesie APPARIZIONE Alte sopra la tangenziale, chiare, due case con in mezzo un capannone. E questa l apparizione, ma non c è niente da annunciare. Eppure solo a vederli là fermi, diritti

Dettagli

Borsa di studio/classe IV

Borsa di studio/classe IV 1 Borsa di studio/classe IV La storia va in fumetto Racconta la Storia di Clara dagli occhi grandi in un fumetto! 1. Riassumi la storia nelle scene che ti sembrano più importanti (per es. Clara che parla

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Ejercicios de traducción

Ejercicios de traducción Ejercicios de traducción POR LAURA SANFELICI TRADUCE: 1. -Sei mai stato a Cuba? -Sì, ci sono stato l estate scorsa con la mia fidanzata. 2. Suo marito è francese ma vive in Spagna da vent anni. 3. Studio

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta.

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. EV A SION E NOISAVE Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. Viveva in un bosco pieno d alberi maestosi e funghi dai colori più strani. Non era proprio cattiva ma, a volte,

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015)

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) INCONTRO CON I GIOVANI DISCORSO DEL SANTO PADRE Stadio Kasarani, Nairobi

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli