Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mercato del lavoro in provincia di Padova"

Transcript

1 Il mercato del lavoro in provincia di Padova Dinamica assunzioni-cessazioni lavoratori dipendenti Gennaio - settembre 2015

2

3 3 Il mercato del lavoro in provincia di Padova Dinamica assunzioni-cessazioni lavoratori dipendenti Periodo gennaio-settembre Premessa Questa nota contiene alcune elaborazioni sintetiche sui dati estratti dal sito dell Agenzia regionale Veneto Lavoro relativi alla dinamica delle assunzioni e cessazioni di lavoratori dipendenti ( 1 ). Le elaborazioni si riferiscono al periodo gennaio-settembre per gli anni e, dato il loro carattere parziale, possono risentire di una componente stagionale nella dinamica dei flussi delle assunzioni e cessazioni ( 2 ). Per gli anni e stata effettuata anche una elaborazione dei dati cumulati su base trimestrale in modo da verificare le dinamiche tendenziali su 12 mesi, escludendo quindi gli effetti della stagionalità che influiscono sui dati parziali dei primi nove mesi dell anno. 2- I dati congiunturali Il saldo tra assunzioni e cessazioni dei rapporti di lavoro dipendente nel periodo gennaio-settembre 2015 risulta positivo per unità effetto di assunzioni a fronte di cessazioni (+9,1 punti nel periodo rapportando il saldo per mille unità contro i +5,6 punti del 2014) risultato che appare il migliore dal 2009; per i principali macrosettori i saldi si presentano positivi e superiori ai risultati dei sei anni precedenti sia nei servizi (+4,6 punti) che nell industria (+3,2 punti), mentre in agricoltura il saldo (+1,3 punti) e in parte al di sotto di quello conseguito nello stesso periodo del 2014 (+1,6 punti); all interno dell industria i risultati migliori si riscontrano nella metalmeccanica (+1,7 punti) con un andamento positivo anche nelle altre attività: +0,6 nell aggregato comprendente industrie alimentari, del sistema moda e del legno-mobile e +0,7 nelle altre attività; anche nelle costruzioni la tendenza e in parte positiva (+0,2 punti) ed interrompe le dinamiche negative del triennio precedente; nel terziario se si escludono in parte servizi finanziari (-0,04) il trend e egualmente positivo, specie nell ingrosso-logistica (+1,4) e nel commercio-turismo (+1,3), ma anche nel terziario avanzato (+0,7), nei servizi personali (+0,6) e negli altri servizi (+0,7). Considerando le tipologie contrattuali rimane ancora negativo il saldo tra assunzioni e cessazioni dei rapporti di lavoro a tempo ( 1 ) i dati sono stati estratti dal sito: Altre informazioni sull andamento dell occupazione a livello provinciale sono ricavabili dalle indagini campionarie realizzate in collaborazione con Unioncamere Veneto nell ambito della rilevazione Veneto Congiuntura sulle imprese dei settori manifatturiero, delle costruzioni e del commercio al dettaglio, disponibili nell area tematiche su: ( 2 ) per ulteriori approfondimenti dei dati regionali si veda la pubblicazione di Veneto Lavoro disponibile su:

4 4 indeterminato e tuttavia il risultato (-918 unità) e notevolmente più contenuto rispetto a quanto registrato nei sei anni precedenti (specie nel 2013 e 2014 in cui il saldo risultò di poco inferiore a -6 mila unità); per le altre tipologie contrattuali, i saldi risultano positivi, ma inferiori a quelli registrati nei primi nove mesi del 2014 per i contratti a tempo determinato ( contro ) e l apprendistato (+660 contro ), mentre sono superiori per il lavoro somministrato ( rispetto a ). I dati di genere segnalano un miglioramento dei saldi sia per la componente maschile che per quella femminile, pur se per quest ultima si verifica una parziale diminuzione del peso sul totale delle assunzioni (46,9% contro il 47,3% dei primi nove mesi del 2014). I saldi assunzioni-cessazioni per la componente straniera della forza lavoro rimane positivo raggiungendo con unità il valore più elevato dal 2011, ma anche in questo caso l incidenza sul totale delle assunzioni segna un calo, attestandosi al 13,7%, la percentuale più contenuta dal Per quanto riguarda le sole assunzioni i dati indicano l aumento più elevato degli ultimi 7 anni per il periodo in esame: l incremento e infatti del +12,2% (contro il +8,1% dello stesso periodo del 2014) e rafforza quindi la tendenza positiva dopo il trend negativo prevalente nel biennio (-11 e -1,2% rispettivamente) e riflette la crescita soprattutto del terziario (+13,9%), ma anche dell industria (+11,1%) in presenza invece di una flessione per l agricoltura (- 1,9%); da rilevare che le assunzioni a tempo indeterminato si attestano al 25% del totale, valore che risulta il più elevato dal 2009, rimanendo però al di sotto del valore registrato nel 2008 (28,4%). 3- Le dinamiche tendenziali Se si considerano i dati riferiti su base annuale (12 mesi tra ottobre 2014 e settembre 2015) si nota anche in questo caso un sensibile miglioramento rispetto agli anni precedenti: il saldo e infatti positivo per +1,2 punti ( unità in valore assoluto) contro i -1,1 dell anno precedente, il che rappresenta il risultato migliore dal 2009; a livello settoriale, ( 3 ) il risultato e però determinato interamente dal trend favorevole del terziario (+1,6 punti) rimanendo infatti negativa la dinamica nell industria (-0,2 punti pur in dimensioni più contenute rispetto agli anni precedenti) e dell agricoltura (-0,2 in cui invece si inverte la tendenza positiva del triennio precedente); nelle altre province della regione la dinamica e nel complesso positiva, se si eccettuano i saldi negativi di Venezia e Rovigo che non incidono comunque sul dato regionale. ( 3 ) per ulteriori approfondimenti dei dati settoriali e per tipologie contrattuali riferiti ai 12 mesi, si veda il link di Veneto Lavoro di cui alla nota 1.

5 5 10,0 SALDI ASSUNZIONI-CESSAZIONI (*) - OCCUPAZIONE DIPENDENTE Per macrosettori - Totale provincia di Padova Gennaio-settembre ,1 8,0 6,8 6,6 6,0 5,6 4,6 4,0 2,0-1,6 1,1 1,3 1,1 1,1 1,3 1,3 3,2 2,4 2,1 1,1 0,2 0,3 3,5 3,1 3,0 2,2 2,2 1,1 3,6 3,8-2,0-4,0-2,6 Agricoltura Industria Servizi Totale -0,5 SALDI ASSUNZIONI-CESSAZIONI (*) - OCCUPAZIONE DIPENDENTE Settori industria - Tot.prov.Padova - Genn.-settembre 2, ,7 1,5 1,0 0,6 0,9 0,8 0,7 0,5 0,0-0,5 0,0 0,0-0,0-0,0 0,3 0,2-0,2 0,4 0,2 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,2-0,3-0,5-0,6-1,0 Estrattive Made Italy (a) Metalmecc. Altre ind. P.utilities Costruzioni (*) saldi in valore assoluto /1.000 (a) comprende: industrie alimentari, sistema moda, legno-mobile, vetro-ceramica, occhialeria-orafo

6 6 SALDI ASSUNZIONI-CESSAZIONI (*) - OCCUPAZIONE DIPENDENTE Settori terziario - Tot.prov.Padova - Genn.-settembre ,6 1,4 1,3 1,3 1, ,2 1,1 1,0 0,9 0,8 0,6 0,7 0,8 0,7 0,6 0,5 0,7 0,6 0,4 0,2 0,4 0,4 0,3 0,1 0,3 0,1 0,2 0,1 0,0-0,2-0,4-0,1-0,04-0,1-0,1 Comm-turismo C.ingr.-logistica Serv-finanziari Terz.avanzato Serv.persona Altri servizi (*) saldi in valore assoluto /1.000

7 7 Assunzioni, cessazioni e saldi per genere e cittadinanza - Lavoratori dipendenti Totale provincia di Padova e Veneto - Periodo gennaio-settembre - Valori assoluti e % su totale per ciascuna tipologia Valori assoluti % su totale Assunzioni Cessazioni Saldi Assunzioni Cessazioni Totale ,0 100, ,0 100, ,0 100, ,0 100, ,0 100, ,0 100, ,0 100, ,0 100,0 Femmine ,9 47, ,4 48, ,3 47, ,8 47, ,6 49, ,7 50, ,3 49, ,9 48,8 Maschi ,1 52, ,6 52, ,7 52, ,2 52, ,4 50, ,3 49, ,7 50, ,1 51,2 Italiani ,4 85, ,1 85, ,4 85, ,9 85, ,3 85, ,5 85, ,3 85, ,3 86,7 Stranieri ,6 14, ,9 14, ,6 14, ,1 14, ,7 14, ,5 14, ,7 14, ,7 13,3

8 8 Assunzioni, cessazioni e saldi per genere e cittadinanza - Lavoratori dipendenti Totale provincia di Padova e Veneto - Periodo gennaio-settembre - Variazioni % Variazioni % su anno precedente Variazioni % su anno precedente Assunzioni Cessazioni Assunzioni Cessazioni Totale Italiani ,5-20, ,7-20, ,9-6, ,2-6, ,4 8, ,8 8, ,0-7, ,6-8, ,2-1, ,9-1, ,1 5, ,8 6, ,2 8, ,6 9,3 Femmine Stranieri ,2-18, ,1-19, ,6-8, ,5-7, ,4 8, ,7 8, ,8-4, ,3-5, ,0-0, ,7-0, ,9 3, ,7 2, ,4 7, ,3 0,5 Maschi ,4-21, ,2-5, ,2 8, ,1-11, ,4-2, ,2 7, ,9 8,8

9 9 Assunzioni,cessazioni, trasformazioni e saldi per tipologia contrattuale - Lavoratori dipendenti Totale provincia di Padova - Periodo gennaio-settembre - Valori assoluti e saldi Assunzioni T. indeterminato Apprendistato Tempo determinato Somministrato Totale Cessazioni T. indeterminato Apprendistato Tempo determinato Somministrato Totale Saldi T. indeterminato Apprendistato Tempo determinato Somministrato Totale

10 10 Assunzioni,cessazioni, trasformazioni e saldi per tipologia contrattuale - Lavoratori dipendenti Totale provincia di Padova - Periodo gennaio-settembre - Variazioni su stesso periodo anno precedente Assunzioni T. indeterminato Apprendistato Tempo determinato Somministrato Totale ,4-40,6-20,0-44,3-31, ,6 7,6 3,3 23,8 3, ,2 8,9 6,0 9,5 7, ,8-16,6-2,7-23,5-11, ,3-24,2 0,9 6,9-1, ,0 10,4 7,2 18,6 8, ,1-16,5 3,2 11,3 12,2 Cessazioni T. indeterminato Apprendistato Tempo determinato Somministrato Totale ,9-25,3-13,9-42,4-20, ,1-6,2-7,7 12,0-6, ,3 9,1 13,0 18,3 8, ,5-17,9-0,3-23,2-7, ,6-15,3-1,6 3,6-1, ,7-6,3 5,3 18,7 5, ,1-1,9 6,9 11,2 8,0 - Trasformazioni contrattuali Trasf. da apprendistato a tempo INDETERM. Valori assoluti Trasf. da t. determ. a tempo INDETERM. Totale Trasf. da apprendistato a tempo INDETERM. Variazioni % Trasf. da t. determ. a tempo INDETERM ,0-20,3-12, ,4-5,4 0, ,2 10,1 9, ,2-9,5-12, ,4-17,7-18, ,5-8,4-9, ,3 26,5 22,6 Totale

11 11 Assunzioni,cessazioni, trasformazioni e saldi per tipologia contrattuale - Lavoratori dipendenti Totale provincia di Padova - Periodo gennaio-settembre - % di ciascun contratto su totali assunzioni e cessazioni in ogni anno Assunzioni T. indeterminato Apprendistato Tempo determinato Somministrato Totale ,4 8,0 44,8 18,8 100, ,5 6,9 52,3 15,3 100, ,7 7,2 52,0 18,2 100, ,8 7,3 51,3 18,6 100, ,1 6,8 56,1 16,0 100, ,2 5,2 57,3 17,3 100, ,9 5,3 56,8 18,9 100, ,0 4,0 52,3 18,8 100,0 Cessazioni T. indeterminato Apprendistato Tempo determinato Somministrato Totale ,3 6,1 40,4 20,2 100, ,3 5,7 43,5 14,6 100, ,8 5,7 43,0 17,5 100, ,4 5,8 44,8 19,1 100, ,5 5,1 48,4 15,9 100, ,5 4,4 48,4 16,7 100, ,1 3,9 48,2 18,8 100, ,4 3,6 47,8 19,3 100,0

12 12 ASSUNZIONI PER TIPLOGIE CONTRATTUALI % su totale assunzioni - Gennaio-settembre - Tot. prov. Padova ,0 60,0 56,1 52,3 52,0 51,3 52,3 57,3 56,8 50,0 44,8 40,0 30,0 20,0 28,4 25,5 22,7 22,8 21,1 20,2 18,9 25,0 18,8 15,3 18,2 18,6 16,0 17,3 18,9 18,8 10,0 8,0 6,9 7,2 7,3 6,8 5,2 5,3 4,0 0,0 T. indeterminato Apprendistato Tempo determinato Somministrato

13 13 ASSUNZIONI, CESSAZIONI E SALDI - Lavoratori dipendenti Totale provincia di Padova - Gennaio-settembre Assunzioni (valori assoluti) AGRICOLTURA INDUSTRIA Estrattive Manifatturiero di cui: - Made in Italy Metalmeccanico Altre industrie Energia, gas, acqua Costruzioni TERZIARIO Commercio-turismo Comm.ingr.- logistica Servizi finanziari Terziario avanzato Servizi alla persona Altri servizi TOTALE Cessazioni (valori assoluti) AGRICOLTURA INDUSTRIA Estrattive Manifatturiero di cui: - Made in Italy Metalmeccanico Altre industrie Energia, gas, acqua Costruzioni TERZIARIO Commercio-turismo Comm.ingr.- logistica Servizi finanziari Terziario avanzato Servizi alla persona Altri servizi TOTALE N.b: eventuali divergenze minime dei dati rispetto alle tabelle precedenti dipendono dalla presenza di assunzioni e cessazioni a cui non e' stato attribuito il settore di riferimento al momento dell'estrazione dei dati

14 14 ASSUNZIONI, CESSAZIONI E SALDI - Lavoratori dipendenti Totale provincia di Padova - Gennaio-settembre Saldi in valori assoluti AGRICOLTURA INDUSTRIA Estrattive Manifatturiero di cui: - Made in Italy Metalmeccanico Altre industrie Energia, gas, acqua Costruzioni TERZIARIO Commercio-turismo Comm.ingr.- logistica Servizi finanziari Terziario avanzato Servizi alla persona Altri servizi TOTALE Saldi / AGRICOLTURA 1,1 1,1 1,3 1,1 1,1 1,3 1,6 1,3 INDUSTRIA 4,1-2,6 2,1 2,4 0,2 0,3 1,1 3,2 Estrattive 0,0-0,0-0,0 0,0 0,0-0,0-0,0-0,0 Manifatturiero 3,5-2,3 1,8 2,1 0,7 0,8 1,3 2,9 - di cui: - Made in Italy 0,7-0,7 0,3 0,4 0,3-0,2 0,2 0,6 - Metalmeccanico 2,3-1,6 1,1 1,3 0,4 0,8 0,9 1,7 - Altre industrie 0,5 0,0 0,4 0,3 0,1 0,1 0,2 0,7 Energia, gas, acqua 0,1 0,0 0,1 0,2 0,1 0,1 0,1 0,1 Costruzioni 0,5-0,4 0,3 0,1-0,6-0,5-0,3 0,2 TERZIARIO 8,4 1,1 3,5 3,1 2,2 2,2 3,0 4,6 - Commercio-turismo 1,6 0,2 0,6 0,5 1,1 0,4 0,4 1,3 - Comm.ingr.- logistica 1,9-0,4 0,9 1,1 0,3 0,1 1,3 1,4 - Servizi finanziari 0,4 0,0-0,1 0,0-0,1-0,1-0,1-0,0 - Terziario avanzato 1,4 0,5 0,7 0,3 0,3 0,1 0,2 0,7 - Servizi alla persona 2,5 0,2 0,9 0,6 0,5 0,8 0,7 0,6 - Altri servizi 0,6 0,5 0,4 0,7 0,1 0,9 0,6 0,7 TOTALE 13,6-0,5 6,8 6,6 3,6 3,8 5,6 9,1 N.b: eventuali divergenze minime dei dati rispetto alle tabelle precedenti dipendono dalla presenza di assunzioni e cessazioni a cui non e' stato attribuito il settore di riferimento al momento dell'estrazione dei dati

15 15 ASSUNZIONI, CESSAZIONI E SALDI - Lavoratori dipendenti Valori assoluti - Tot. prov. Padova Dati cumulati su 12 mesi (*) Assunzioni Agricoltura Industria Terziario Totale Cessazioni Agricoltura Industria Terziario Totale Saldo Agricoltura Industria Terziario Totale Saldo x Agricoltura -0,1 0,2-0,2 0,1 0,1 0,3-0,2 Industria -6,4-1,2-0,5-2,5-2,7-1,9-0,2 Terziario -1,3 1,4 1,4 0,2-0,3 0,5 1,6 Totale -7,8 0,3 0,7-2,3-2,9-1,1 1,2

16 16 OCCUPAZIONE DIPENDENTE Per macrosettori Saldi tendenziali (*) - Totale provincia di Padova ,0 2,0 0,0-0,1 0,2-0,2 0,1 0,1 0,3-0,2-0,2-0,5 1,4 1,4 0,2-0,3 0,5 1,6 0,3 0,7 1,2-2,0-1,2-1,9-2,5-2,7-1,3-2,3-2,9-1,1-4,0-6,0-6,4-8,0-7,8-10,0 Agricoltura Industria Terziario Totale (*) saldi cumulati su 12 mesi (totale assunzioni-cessazioni: somma 4 trimestre anno precedente con 1, 2 e 3 trimestre anno successivo) onte: elaborazione uff.studi CCIAA Padova su dati Agenzia Regionale "VenetoLavoro"

17 17 SALDI ASSUNZIONI-CESSAZIONI (*) - OCCUPAZIONE DIPENDENTE Agricoltura ,3 0,3 0,2 0,2 0,2 0,1 0,1 0,1 0,0 0,0 0,0-0,1-0,2-0,2-0,3 Treviso Verona Vicenza Rovigo Belluno Venezia Padova Media prov. SALDI ASSUNZIONI-CESSAZIONI (*) - OCCUPAZIONE DIPENDENTE Industria ,0 0,5 0,5 0,4 0,0-0,5-0,2-0,3-0,4-0,6-0,6-1,0-1,5-1,7-2,0 Belluno Vicenza Padova Verona Rovigo Treviso Venezia Media prov. (*) saldi in valore assoluto /1.000; saldi cumulati su 12 mesi (totale assunzioni-cessazioni da ottobre 2014 a settembre 2015)

18 18 SALDI ASSUNZIONI-CESSAZIONI (*) - OCCUPAZIONE DIPENDENTE Servizi ,5 3,0 3,2 2,5 2,0 1,5 1,0 1,7 1,6 1,4 1,1 1,2 0,5 0,0-0,5-0,2-0,3-1,0 Verona Treviso Padova Venezia Vicenza Belluno Rovigo Media prov. SALDI ASSUNZIONI-CESSAZIONI (*) - OCCUPAZIONE DIPENDENTE Totale settori ,5 3,0 3,1 2,5 2,0 1,7 1,5 1,0 1,3 1,2 0,9 0,5 0,3 0,0-0,5-0,3-1,0-1,5 Verona Vicenza Treviso Padova Belluno Venezia Rovigo Media prov. -0,8 (*) saldi in valore assoluto /1.000; saldi cumulati su 12 mesi (totale assunzioni-cessazioni da ottobre 2014 a settembre 2015)

19 19 A cura del Servizio Studi Camera di Commercio - Padova Responsabile Servizio: Liana Benedetti Responsabile procedimento: Giampaolo Redivo La presente pubblicazione e' disponibile all'interno del portale STARNET, rete degli uffici studi e statistica delle Camere di Commercio italiane, all'indirizzo: L'elenco completo dei rapporti pubblicati dal 1982 e delle pubblicazioni disponibili on line e' scaricabile da: Indirizzo di posta elettronica: Si autorizza la riproduzione e l'utilizzo della presente pubblicazione a fini non commerciali e a condizione venga citata la fonte Padova, novembre 2015

20

21

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE

1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE 1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE Il lavoro interinale (o in affitto che dir si voglia) è un contratto atipico che permette alle imprese di utilizzare per un periodo di tempo prestabilito (quindi temporaneo)

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE. Rapporto sull economia della provincia di Varese

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE. Rapporto sull economia della provincia di Varese CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE Rapporto sull economia della provincia di Varese Ricerca condotta dalla Università Carlo Cattaneo LIUC LA STRUTTURA DEL MERCATO DEL LAVORO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Università di Padova Facoltà di Ingegneria TESI DI LAUREA ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Laureanda: Valentina

Dettagli

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI 13 L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI RAPPORTO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FOGGIA INDICE PREMESSA 3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 5 IL MERCATO DEL LAVORO 18 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 24 IL

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) LE ASSUNZIONI CONGIUNTE IN AGRICOLTURA. Il settore agricolo, in particolar modo per quel che concerne la gestione degli operai

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Un mercato del lavoro molto mobile? Si, ma con molti se e molti ma. *

Un mercato del lavoro molto mobile? Si, ma con molti se e molti ma. * Un mercato del lavoro molto mobile? Si, ma con molti se e molti ma. * Giuseppe Tattara e Marco Valentini, Dipartimento di scienze economiche, Università di Venezia, Cannaregio 873, Venezia. tattara@unive.it,

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16

Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16 Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16 D ordine del Direttore generale dr. Mario Guarany, si comunica che ai sensi dell articolo 30 del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito,

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 progr. Anno legge Titolo della legge articoli commi

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013-

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013- Progetto SINTESI Dominio Provinciale Guida alla compilazione del form di Accreditamento -Versione Giugno 2013- - 1 - Di seguito vengono riportate le indicazioni utili per la compilazione del form di accreditamento

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Il lavoro part time nel contesto occupazionale veneto

Il lavoro part time nel contesto occupazionale veneto Il lavoro part time nel contesto occupazionale veneto di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera Elevare i tassi di occupazione in Veneto significa principalmente attrarre donne nel mercato del lavoro retribuito.

Dettagli

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Università di Padova Comstat Schema della presentazione 1. Il progetto PLUG_IN 2. Il buon lavoro

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

LE FAMIGLIE STRANIERE DI FRONTE ALLA CRISI. ISTANTANEE PIEMONTESI

LE FAMIGLIE STRANIERE DI FRONTE ALLA CRISI. ISTANTANEE PIEMONTESI LE FAMIGLIE STRANIERE DI FRONTE ALLA CRISI. ISTANTANEE PIEMONTESI Roberta Ricucci, con la collaborazione di Barbara Basacco e Elena Bottasso Febbraio 2011 1 INDICE: 1. ISTRUZIONI PER L USO: VINCOLI E OPPORTUNITÀ

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 17 luglio 2015 Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. 2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ... 5 2. PRINCIPALI NOVITÀ...

Dettagli

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Lo scorso 1 ottobre è stata presentata l edizione 2012-

Lo scorso 1 ottobre è stata presentata l edizione 2012- II Ufficio di supporto agli Organi collegiali N o t i z i a r i o s u l M e r c a t o d e l L a v o r o nuova serie, n. 4 - ottobre 2013 - notiziario on-line Presentazione del rapporto CNEL 2012-2013 sul

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli