Se non vedi la macchina, lascia perdere!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Se non vedi la macchina, lascia perdere!"

Transcript

1

2 Se non vedi la macchina, lascia perdere!

3

4 Simple Art Collana Gli evitabilissimi

5 Se hai qualcosa da dirmi su queste pagine puoi farlo scrivendo a: Pensato negli anni e scritto qua e là, da luglio 2011 ad agosto 2012, su vari supporti: - un quaderno regalatomi per i miei 50 anni dalla Lalla con una penna di mio papà, che scrive così bene, - il mio ultimo imac (5 ), - il mio penultimo imac (4 ), - il mio 2 imac (lampadone) - il vecchio imac di mio papà, - l ipad, - il vecchio portatile Toshiba della Lalla. Da queste note, sui miei mac, potete chiaramente capire che per me Douglas Adams è un modello (ovviamente molto, molto lontano) e un mito (che Dio l abbia in gloria). Progetto grafico di Bebo Illustrazioni di Bebo Unica edizione in copie (una per ogni itagliano + una per Sansone) nell autunno duemilatredici d.c.

6 La macchina dell uomo invisibile e altri flash illustrati più o meno autobiografici Mi vedo allo specchio e mi dico: sei solo uno schifoso moralista!. Gli occhi dell immagine guardandomi rispondono: è vero, comunque, e lo sai, come al solito stai sbagliando. Bebo

7 Ringraziamenti: Ad Annalisa, mio Agente (segreto, nel senso che neanche lei sa di esserlo); A Giorgio, mio prezioso, primo lettore e Monica, come sempre attenta e puntuale; A Brunone (come diceva Lucia, mia mamma), per la consulenza editoriale e per l affettuoso e incosciente incoraggiamento; A Giovanna e Domenico, per il feed-back; A Giovanna QV (quella vera), per il commovente aiuto. Aggiungo un secondo ringraziamento speciale ad Annalisa, (quella di prima) che mi ha aiutato davvero molto nella stesura, leggendo e rileggendo (e rileggendo), così verificando che non faccio finta a fare errori orto-grammaticali e con pazienza me li ha segnalati senza farmi pesare la mia sconfinata ignioranza. - Cosa dici Annalisa, che non ci va la i? - Ok, grazie, ho capito, allora devo scrivere: gnioranza? - Ah, intendevi l altra i...

8 Tutto questo è francamente indedicabile, se lo fosse lo sarebbe per la Lalla

9

10 1 (Originale) Iniziare a scrivere dicendo che non si è certi di dire cose originali non è originale. In effetti anche dire che non è originale, dubitare del fatto che non si è originali, non è originale. Viene il dubbio su quante volte sia necessario ripetere di non essere originali per esserlo. Certamente dopo la terza o quarta volta, originale o meno, nessuno continuerà a leggere. In generale, se bastasse dire di non essere qualcosa per esserlo sarebbe facile (potrei quindi subito dire di non essere simpatico, umile e perspicace). Comunque ci vuole un inizio originale altrimenti perché uno dovrebbe iniziare a leggere? La ripetizione è certamente confortante ma, se fosse piacevole, basterebbe guardare una TV commerciale, una sera qualsiasi, all ora di (paradossalmente) massimo ascolto. Ma la mole dei testi scritti, nel tempo e nello spazio, è tale che un inizio originale è veramente una sfida difficile. Tremendo poi sarebbe scrivere qualcosa che ho già scritto, o meglio, segno di demenza, visto che non ho scritto quasi niente. Ci vuole una strategia. Qualcosa di beffardamente diverso. Potrei provare con parole sparse così: - Mucca, acca sussurrando per sempre blu.

11 Per quanto demenziale sia, non ho comunque la certezza che in passato o in qualche luogo non sia già stato scritto da altri. Rischio il plagio fin dalle prime battute, non posso escluderlo. Posso provare con le lettere a gruppetti: - Vka cgurt ihzcce ihzggu. Ma le lingue, gli idiomi e i dialetti sono talmente tanti che posso essere sicuro che in uno di questi Vka cgurt i- hzcce ihzggu non significhi: agitare la confezione prima dell uso? Non molto entusiasmante come inizio a meno che tu non sia un succo di frutta. Proviamo con una sola lettera: - Iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii Non può esistere una frase o una parola al mondo che si scriva con 37 i! Ma se fosse la storia in cui la moglie torna dal nuovo parrucchiere alla moda e viene così accolta dal marito atterrito e sorpreso? Plausibile. In ogni caso poi, se scomponiamo le lettere in rette e puntini, possiamo ricomporre lettere diverse e, con queste nuove parole riassemblate coi pezzetti delle precedenti, fare una frase diversa e non originale anche con le mie 37 i. Purtroppo poi, scomponendo di più lo stesso inchiostro o pixel, questi possono essere ricomposti in qualsiasi frase e anche in ideogrammi, disegni o tristissimi codici a barre. 10

12 La prima riga che ho scritto è potenzialmente un codice a barre! Questo squallore mi paralizza... Devo ammettere che, con ragionevole certezza, si può amaramente constatare che è impossibile un inizio originale. Rinuncio. No, non posso desistere, ho la consapevolezza di essere determinato (o testardo, a seconda dell interpretazione). - - Quelle sopra sono due righe di silenzio! Sorrido, ironicamente soddisfatto. Rifletto. No! Neanche il silenzio, ammesso che possa essere divertente, è originale, qualcuno ci ha già pensato e lo ha utilizzato in letteratura, musica e anche, con notevole fantasia, nell arte figurativa. Sono veramente in difficoltà ed è solo l inizio... Ultimo tentativo: - ( ) 11

13 Quello fra parentesi potrebbe essere uno spazio riempibile dalla fantasia del lettore. Sì! Assolutamente originale e irripetibile, come ogni e- ventuale lettore è, suo malgrado, in modo oggettivo! Questo potrebbe essere l inizio, anzi lo stile; d ora in poi cercherò di scrivere solo cose che siano come parentesi per essere colmate dal lettore stesso!... B: Cosa ne dici? L*: Carino B: carino, ma L: No, no, carino B: Sì, ma ti piace? L: Certo sì, sì, B: non mi sembri convinta la tua faccia ti tradisce... L: no, è che, il finale non capisco in fin dei conti che scopo abbia B: Aulicamente insulso? L:? B: Le parole sono logore? E già stato scritto... L:... anche chi lo ha scritto le ha usate... B: Cioè? L: Tutta sta complicata tiritera per dire cosa? B:? L: Ti sei divertito a scriverlo, farlo ti ha aiutato e speri che piaccia a chi lo legge? B: Beh, sì. L: Allora scrivi quello! Punto. 12

14 * (NdR) L sta per Lalla che ha esplicitamente richiesto di essere citata, conferendole un ruolo preciso in questo contesto. Considerando eccessivo e obsoleto, oltre che politicamente poco corretto, quello di Musa (e poi non resisterei a usare l epiteto di Musa musona e non essendo L per niente lunatica sarebbe sciocco e ingiusto) e sminuente quello di Correttrice di bozze essa stessa avrebbe optato per quello di Redattrice. In realtà penso sia opportuno definirla Filtro o Garanzia nei confronti di chi leggerà avendo con la sua pre-lettura, gentilmente e sorridendo, cassato tutto ciò che debordava dalla decenza o dalla tollerabile irragionevolezza. A essere sincero buona parte delle virgole in queste pagine sono sue. (NdF: è vero!) Vedi note 13

15

16

17

18 2 La macchina dell uomo invisibile Diceva che non era colpa sua. Lo dicono quasi tutti, ma nel suo caso era in gran parte vero. Certo, a volte aveva preso una curva un po stretta o sfregato contro un paletto, o altre volte nei parcheggi, quelli a sinistra che sono più difficili, era stato lui a urtare. Ma la maggior parte dei danni erano stati causati dagli altri. Di fatto la sua macchina aveva diverse ammaccature. Lui era l uomo invisibile, a essere esatti un grasso uomo invisibile, e i danni erano riferiti alla sua macchina. Certo, anche la macchina dell uomo invisibile era invisibile e per questo gli altri automobilisti ci prendevano contro indipendentemente dalla loro perizia. A dire il vero anche i motociclisti, i ciclisti, gli skaters, gli autobus e anche qualche pedone più irruento. Una volta anche il furgoncino dei gelati. D altronde come biasimarli, era invisibile! Anche lui sul fatto che il mondo si accanisse sulla sua vettura era abbastanza sereno o forse rassegnato. Tutto sommato poi la macchina, anche se non nuovissima, andava ancora bene, oggi si potrebbe definire un bel modello storico. Qualche cigolio quando pesantemente si accomodava sul sedile e chiudeva lo sportello, rumori un po sinistri che generalmente inquietavano eventuali passanti, ma del re-

19 sto il motore andava bene ed erano solo problemi della carrozzeria. Solo che a lui scocciava. La macchina non era in ordine e questo gli dava fastidio. Cercava di tenerla pulita e aveva perfino trovato un deodorante a forma di alberello invisibile per profumare l abitacolo. Ma non si sentiva sereno, l idea lo disturbava e irritava, gli dava inquietudine nel suo invisibile profondo. E vero, nessuno lo vedeva, ma se fosse passata una donna invisibile e fatalmente questa avesse pensato non male quel tizio cicciotto ma che schifo di macchina. Questo sarebbe stato fatalmente determinante nel pregiudicare un tanto desiderato, e forse altrettanto improbabile, futuro amoroso. Anche per l uomo invisibile l apparenza poteva contare! Aveva quindi deciso di affrontare il problema e di risolverlo, ma come? Ci sarebbe voluto un carrozzaio. Voi conoscete carrozzai per macchine invisibili? No? Neanche lui, nonostante lo avesse disperatamente cercato in tutta la regione. Aveva pensato di utilizzare un carrozzaio qualsiasi, camuffando la macchina, come ogni tanto faceva lui per muoversi nel mondo senza disagi. Certo, non con le fasciature e l impermeabile, secondo il vecchio stile. Bastava un po di cerone, un cappellino e poco altro. Per come vanno le cose gli invisibili erano tanti in giro, a prescindere dal fatto che non ci si potesse vedere attraverso come era per lui. In fondo è sufficiente non voler vedere qualcuno per renderlo, di fatto, invisibile e per questo, gene- 18

20 ralmente, lui non aveva dei problemi andando in giro, anche se a volte non lo si vedeva proprio tutto tutto. Ma per la macchina era più complicato. Una macchina fasciata di bende era un inimmaginabile stupidaggine. Si poteva pensare a sporcarla molto con del fango, ma poi che faccia avrebbe fatto il carrozzaio una volta tolto il fango? Non era praticabile. Arrivò alla consapevolezza che doveva fare da sé. Ma come? Non era il suo mestiere e non pensava di essere capace. Doveva documentarsi. Andò in edicola e sfogliò fra le riviste nella sezione Assurdità: Armi letali oggi, Tutto sul tuo ramarro domestico, Bucce di cipolla da collezione E infine trovò quello che cercava: Tutti carrozzai Adesso!. L ultimo numero, lo comprò e iniziò con attenzione massima a leggerlo. Prima l editoriale sulle nuove vernici ecologiche ma non troppo, poi la rubrica sulla cartatina, i servizi speciali sulle nuove levigatrici, la composizione dello stucco, le recensioni, e anche la rubrica della posta. Tutto molto teorico, troppo evoluto, per addetti ai lavori. A lui ci voleva l ABC. Per questo, pensò, ora per fortuna c è internet. Solito motore (di ricerca), inserì la chiave e avviò la faccenda. Dopo aver navigato un po, trovò un sito dove si fermò. Girò la chiave e spense il motore (di ricerca) per non consumare troppo, e iniziò a leggere il forum in cui era entrato. 19

21 Sì, qui c era qualcuno al suo livello. Vide i vari gruppi di discussione e capì finalmente come doveva fare e di che materiale aveva bisogno. Il giorno seguente, con la titubanza del neofita, entrò nel negozio specializzato che aveva individuato nella sua città. Il commesso che lo accolse aveva quel sesto senso che tutti i commessi di negozi specializzati hanno, cioè il saper percepire, ancor prima che il cliente varchi la soglia, questa titubanza e tutto il disagio che questa nasconde. Recenti studi, dicono anzi, che questo genere di commessi, in realtà, nutra di questa sottile percezione di potere la propria essenza e autostima, tanto da essere affetti, a volte, da una tragica dipendenza. Purtroppo esiste una sottospecie di questi, più evoluta, che, non paga del piacere sordido della dominanza psicologica che prova nell evidenziare il divario di conoscenze tecniche, ha imparato a utilizzare in termini economici questo complesso d inferiorità del malcapitato cliente sprovveduto, godendo, senza vergogna, ulteriormente nell atto di spennarlo. Sono definiti i gabbatori. Sfortunatamente il grasso uomo invisibile quella mattina trovò uno dei più spietati fra questi. Quando, interpellato, iniziò umilmente e incerto l elenco di quello che pensava fosse il materiale necessario, il commesso con esperienza iniziò la sua strategia, facendo domande specifiche piazzate lì con quasi noncuranza: lo stucco lo vuole grado 3 o grado 4? In realtà non esiste nessun grado per lo stucco, ma sapeva che il cliente non lo sapeva. L uomo invisibile iniziò ad agitarsi e il tentativo di nascondere l agitazione la rese più evidente, provò a concentrarsi per ricordare qualcosa del forum, sbirciando nei ri- 20

22 cordi con la memoria visiva. Ma o i decimi di questa erano scarsi o il pertugio troppo piccolo e non gli apparve nulla, così non trovando riferimenti sparò, con palese finta sicurezza, un Grado 4. Il commesso, sempre apparentemente distratto, ribatté: Dice il barattolo da 45 Kg?. L uomo invisibile sussultò con tutte le sue mollezze invisibili. No, scusa, dicevo grado 3, si affrettò a correggere. Ah ok, quello costosissimo che vendiamo a rate dopo il finanziamento Benissimo. L uomo invisibile si era già incartato ma doveva ancora comprare quella vetrata e capì che la faccenda sarebbe stata ancora più ruvida. Vuole l americana o quella cinese? L uomo invisibile pensò: americana = migliore e costosa; cinese = peggiore ed economica, ma si rese conto che poteva essere un altro tranello e provò l azzardo in base a un barlume di ricordo del famoso forum: non avete quella francese? In quel momento lo scafatissimo commesso ebbe la sicurezza di averlo in pugno e sferrò, nel colmo dell estasi, il colpo finale a conclusione della sua collaudata tattica e disse ad alta voce con una fantastica faccia, fra lo stupito e lo scandalizzato: Mai avuta una francese, per quello che ne so in Francia le macchine se si segnano le rottamano direttamente facendo sghignazzare il collega che lo affiancava e anche gli altri clienti, tutti complici di questo cosmico complotto. Quindi partì all attacco per portare in porto il suo quotidiano trionfo: 21

23 Senti, gli sussurrò cospirante, quasi scavalcando il bancone per avvicinarsi, se vuoi ti vendo tutta sta roba e sono sicuro che non hai neanche la levigatrice, ma se non sei proprio proprio sicuro di come usarla ti dico che mi è arrivata una novità in anteprima, rarissima e brevettata, e che forse ho anche voglia di andare a vedere in magazzino se mi è rimasto un barattolo. Il prodotto si chiamava Gonzomix Magic. Gli spiegò con tono quasi sacrale: Lo spalmi alla sera anche con le mani, se non hai uno straccio di straccio, e al mattino la macchina è come nuova. Basta lavarlo via e non c è neanche bisogno di lucidare. Stremato, umiliato, dubbioso e consapevole della sconfitta, l uomo invisibile tristemente chinò il capo per annuire, prendeva quello. Pagò una cifra indecente, quasi scusandosi per aver distolto dai suoi pensieri un venditore, facendogli perdere tempo comprandogli qualcosa. Uscì, tornò ancora più invisibile a casa. Il giorno seguente prese il nuovo prodotto, guardò la confezione e si mise di fronte alla macchina. In quei lunghi istanti tutte le sue incertezze di grasso uomo invisibile emersero pian piano sempre più prepotentemente e sempre più evidenti. Alternava lo sguardo sulla macchina e sul barattolo e si chiedeva se ne valeva la pena. Lui di fare questa cosa non era capace e lo sapeva. E se la cambiassi? Tristemente constatò che non poteva permetterselo e non sapeva dove trovare un usato sicuro d occasione oltretutto invisibile. 22

24 Ormai questa roba l aveva comprata, ebbe un sussulto d incosciente coraggio e iniziò quasi euforico il lavoro. Fece maldestramente del suo meglio per quasi tutta la giornata. Stremato si coricò pensieroso e al mattino, come in un laico Natale, scese emozionato in garage. Pulì tremante le parti su cui aveva lavorato ed ebbe la conferma di quello che temeva. La chiamano profezia negativa che si avvera ma a volte è solo logico buonsenso. Le ammaccature naturalmente erano rimaste, ma purtroppo ora erano oggettivamente visibili. Quello che resta, ora, è il mistero di quei pezzi di carrozzeria ammaccati sospesi nel vuoto, che ogni tanto qualcuno attento e turbato vede incredulo muoversi ondeggianti per la città. 23

25

26

27

28 3 Capolavori No, non era acqua. Si sarebbe asciugata. E' proprio una macchia, una macchia sulla divisa, qui sulla gonna. Ho l'impressione non sia neanche la sola. Non importa molto, come non importa che abbia una piccola smagliatura nelle calze. Qui al museo non mi dicono niente, ci mancherebbe, devo essere "abbastanza" in ordine e lo sono. Certo ultimamente sono un po' dimagrita e l uniforme mi cade un po qua e là. Inutile che la faccia risistemare. Al sindacato mi hanno detto che manca poco alla pensione, sempre che non cambino le regole. In effetti sarebbe meglio se potessi stare a casa, adesso che mio marito non sta bene, anche se ad essere sincera mi dispiacerebbe non venire più qui. Prima o poi, però, succederà. Con i colleghi che ho non sfiguro di certo, guarda quello nella saletta del Rinascimento, là in fondo, come è ridicolo! Ma cosa si è fatto ai capelli, alla sua età. A proposito, devo chiedergli di scambiarci il turno di domani. Già, domani devo andare dalla parrucchiera. Spero mi conci meglio di quello che ha fatto il suo barbiere. Pas de flash, pas de flash, s'il vous plaît! Questi giapponesi non riescono a trattenersi nonostante i cartelli. Scattano e scattano e scattano. Almeno apprezzano, anche se passano come fulmini di sala in sala.

29 Altri, la maggior parte, arrivano annoiati, sembra li abbiano spinti a forza a entrare, e si trascinano sbadiglianti e sciabattanti fino al coffee shop, minimamente scalfiti da secoli e secoli di eccellenza creativa. Comprano due cartoline e sono sereni e convinti di aver assolto il loro dovere culturale, liberi di poter tornare a fare shopping e lunghe file per insulsi, ma spettacolari, monumenti. Ma cosa hanno messo oggi nell'arrosto in mensa, non riesco proprio a digerire. O forse sono i cetrioli che continuano a darmi fastidio? Monsieur, attention! Quello si sta avvicinando troppo, poi lo vedono con la telecamera del circuito chiuso e mi chiamano con la radiolina. Quando succede mi dà sempre un po fastidio. Non è facile, ma cerco di non distrarmi. Ha un viso noto, mi ricorda quel mio compagno dell'accademia, chissà che fine avrà fatto. Con questa stagione iniziano a darmi noia le gambe, oggi è caldo, e sono solo le tre del pomeriggio. Almeno la prossima settimana sono dai cubisti e lì è un po' più fresco, e c è meno gente. Vous éteignez les téléphones mobiles, s'il vous plaît! Cosa sono questi che arrivano trillanti come tecnologici usignoli, forse americani? C'è una guida nuova, non l ho mai vista, è giovanissima, parla benino l'inglese. Senti cosa dice, ma dove ha studiato? Certo lo ha fatto tanto, e per come è altezzosa sembra esserne del tutto consapevole. Quei tacchi alti sono uno scherzo rispetto al divario culturale che sente verso la sua povera comitiva di yankee. Ma cosa sta raccontando? Questa ha davvero solo studiato, ma di quadri veri ne ha visti pochi. O meglio, li ha solo sfogliati sui libri, senti come ne parla, li scompone con freddezza, sembra un patologo che 28

30 seziona un cadavere, non c'è sentimento o amore, solo e- stetico compiacimento. Non che non sia importante studiare, ci mancherebbe, è fondamentale, ma in queste cose non è tutto. Se continua a fare questo mestiere e guardare i quadri più che a se stessa, capirà. Le basterà fermarsi, fermarsi e guardare; la forza di queste opere riuscirà silenziosamente a scalfire l armatura nozionistica che l imprigiona. Non sembra, ma queste tele sono specchi. Imparerà a "respirarle", pian piano lasciare che i colori la facciano tremare e vibrare, fino a far crollare tutta l'impalcatura, per arrivare alla sua essenza, possederla e appagarla. Il suo cuore riuscirà a battere, palpitante e sincrono, con quello della mano che ha riempito, con i suoi sentimenti, questi quadri, come una comunione. Queste tinte parleranno al suo io, che non pensa ma sente. Basterà un po' di tempo e umiltà. Succederà! Dopo tanti anni ho fiducia in questo, malgrado tutto. Sono in queste sale da tanto tempo e queste cose le sento, mi nutrono, anche se i piedi si gonfiano a star sempre seduta e alla sera mi fanno male. Che baccano, accidenti! Shh, Silence, silence, s'il vous plaît! Ah, è vero, oggi è giovedì, ci sono le scolaresche. Ecco il motivo di questo chiasso inusuale. Eccoli lì i nostri piccoletti. Questi saranno della materna. Minuscoli! Con loro c'è la nostra collega, che brava che è, come riesce a coinvolgerli, giocando li rende ricchi. Guardali, stanno lì con le bocche spalancate, a mostrare meraviglia e piacere. Non è facile catturare la loro irrequieta attenzione, 29

31 ma è anche vero che sono il terreno migliore su cui seminare. Sì, basta avere un po' di pazienza, abbassarsi, accompagnarli e loro capiscono, si sintonizzano. Sono istintivi e incontaminati. Cercare il loro sguardo che perlustra curioso il mondo e intercettarlo, subito ti rispondono con un sorriso, senza vergogna di fissarti. Certo, a volte hanno una genuina e sincera cattiveria, e non perdonano se manca la passione, ma la distanza fra cuore, corpo e mente è così piccola in loro! E non è questione di centimetri, ma di sentimenti. Poi sono così teneri, colorati e profumati, sì, profumano di quotidianità, di buona quotidianità, biscotti e sapone, matite e succo di frutta. E sono così belli! A guardarli mi commuovo spesso. Anche loro vanno respirati, oltre che annusati. Si possono anche accarezzare, cosa che con le nostre opere è assolutamente da evitare. Guarda quella, mi ricorda la mia nipotina. No, domani niente parrucchiera, vado da lei a cucinarle qualcosa di buono. Ora sono entrati nel dipinto, o il dipinto è entrato in loro, sono una cosa sola, hanno fuso poeticamente le loro bellezze. Che meraviglia! Ma perché quella signorina alza la voce stridula con tono brusco, anzi sgarbato, con quei due bambini. Se continua così il braccino glielo stacca! Sarà una delle maestre. Vengono verso di me. Continua a parlare e la sua voce è almeno due ottave sopra la piacevolezza. 30

32 Mi scusi signora, posso metterli in castigo qui da lei? Ecco, per punizione state seduti qui con questa signora, che è cattivissima, vedete, ha anche l uniforme, è la poliziotta del museo. Non si preoccupi, può lasciarli qui per qualche minuto, ecco ora si siedono, mi dicono come si chiamano e mi raccontano cosa hanno visto. Ma non esageriamo, sono solo della sorveglianza, cattiva un pochino, ma appena appena, e solo con i vandali. Ha ragione, ma abbia pazienza con me. Oggi sono insopportabili, prima non stavano in fila, disturbavano quelli davanti e quelli dietro, poi volevano andare in bagno, poi avevano sete, poi continuavano a parlare e ora si sono messi perfino a litigare fra di loro! Siete tremendi, vi comportate in modo infantile! Quando lo dico ai vostri genitori le buscate! Ma no, loro se ne fregano di voi, della vostra educazione e delle regole che non sono stati capaci di insegnarvi! Non è un gran periodo per me, sono veramente stanca, siamo alla fine dell'anno e sono davvero logorata, ogni santo giorno con questi mocciosi maleodoranti, con la loro irruenza, le loro domande petulanti, le loro pretese. Insubordinati, viziati, noiosi; con tutti i problemi che ho a casa, e oggi non sto neanche tanto bene, che fatica, dopo un po' mi saltano i nervi. E dire che erano così eccitati e contenti per questa visita al museo, e anche io, come ogni anno. Capisco Grazie! Grazie mille. Lei è molto gentile! Il n'y a pas de quoi La maestra si allontana, apparentemente sollevata, ma ancora abbastanza affranta, poi si ferma, si gira e sorridendo mi dice: 31

33 Certo che lei fa veramente un bel lavoro, sempre qui, tutti i giorni, con questi capolavori! 32

34

35

36 4 Cosa pensa Sansone? Dormicchio. Spalmato a gambe aperte sul pavimento tiepido. Un rumore mi scuote dalla mia sonnolenza. Una macchina. Alzo le orecchie. E' la sua macchina. Si apre il cancello, mi alzo e trotterello verso la porta. Quando scende dalla macchina e cammina sulla ghiaia inizio ad abbaiare e gratto sul vetro con le zampe. Entra e scodinzolo eccitato, poi faccio qualche salto, so che lo diverte. Mi saluta, mi accarezza, poi saluta tutti. Tutti continuano a fare quello che stavano facendo, tranne sua moglie che lo saluta con un sorriso. Mentre cammina lo annuso, odore intenso, è stanco, stressato e affamato, però non ha visto altri animali. Lo seguo mentre si toglie le scarpe e va a cambiarsi, poi mi metto in cucina sotto il divano blu, così posso vederlo mentre si siede a tavola. Ora inizia la cena e pian piano arrivano tutti. Mi siedo paziente di fianco a lui. So che gli piace, di nascosto, ogni tanto allungarmi qualcosa. Hanno finito di mangiare e mi alzo sulle mie corte zampe posteriori per appoggiarmi sulle sue ginocchia, per prendere qualche carezza, ansimo felice con qualche greve guaito. Lo guardo, mi guarda.

37 Mi sorride, gli sorrido. Mi fissa negli occhi, abbasso lo sguardo, aggrotto le sopracciglia e guardo altrove simulando indifferenza. Temo quello che sta per succedere, spero non inizi. Invece insiste. Vedo nei suoi occhi arrivare e farsi spazio quel pensiero ossessivo. Abbasso di nuovo lo sguardo e giro il capo. Non basta, mi fissa ancora, peggio di prima. Devo fare qualcosa da cane. Subito! Abbaio, tiro fuori la lingua, gratto freneticamente con le unghie sul suo braccio. "Ahia, Sansone cos'hai?" "Hey, ma qualcuno ha dato da mangiare a questa bestia?" Si alza, prende il sacchetto da sotto il lavello, i croccantini rumorosamente riempiono la ciotola e oltre sul tappetino, mi riempie anche quella dell'acqua. "Mi tocca ripetere sempre la stessa battuta, se muoio io muore anche il cane perché nessuno gli dà da mangiare, oltre a me..." In realtà non ho fame e questi croccantini mi fanno un po' schifo ma ne mangio qualcuno per farlo contento. Questa volta ci sono riuscito, non sempre riesco a distrarlo da quella domanda ricorrente che spesso lo prende quando mi guarda. Lo so. Si chiede cosa sto pensando. Forse è una cosa da umani ma mi dà fastidio vedere nel suo sguardo questo interrogativo. 36

38 Perché deve preoccuparsi di cosa penso? E' così importante? Non ti basta vedermi senza scrutarmi? Il mio annusare rumoroso, o la confusione di polvere che fa la mia coda a pennacchio quando si muove se mi accorgo che mi osservi, non sono sufficienti? E non è vero che lo faccio perché mi dai da mangiare e sono ruffiano come un gatto, come dice quel tuo amico, quello tonto, che sostiene anche che teologicamente gli a- nimali non hanno sentimenti e non è contemplato per loro un Aldilà. Questa ossessione per i miei pensieri mi irrita e dispiace. Eppure mi vuole bene, lo so, mi accudisce e accarezza spesso. Sono contento quando stiamo insieme, glielo dimostro e lui lo capisce. Cerco la sua dolcezza, a volte con insistenza, con il mio muso, senza vergogna. Voglio la sua presenza, gli sono accanto. Sento come si sente e cerco, in certi momenti, di stargli vicino e, a modo mio, di dargli conforto, col mio naso u- mido e la mia lingua ruvida, leccandogli la mano. Cosa importa cosa penso? Ci sono e gli voglio bene, cosa serve di più? Vedi note 37

39

40

41

42 5 Da do, do dad Il dado rotola e si ferma. Guardo il risultato, d istinto non sono soddisfatto. Non è il valore che desideravo o avevo previsto. In effetti non è molto alto. Penso al tempo che ho passato a guardarlo rotolare e alla fatica che ho fatto a lanciarlo Mi guardo intorno per vedere se ci sono altri dadi o se qualcuno sta guardando il mio dado. Gli altri dadi mi sembra abbiano un punteggio più alto, così come mi sembra che chi guarda veda nel mio dado un risultato un po basso. O meglio, l espressione sembra di apprezzamento e incoraggiamento ma, sotto-sotto, sento che pensano che c era da aspettarsi un valore più alto dal mio dado. Non è una gara, ma intanto hanno la mia stessa impressione sul mio dado e sono sollevati che sia il mio. Sento un po' di delusione. Rifletto. Perché il valore è basso? Ho prontamente la risposta: è colpa mia. Analizzo. La forza nel lanciarlo è stata scarsa. Non ne hai messa abbastanza, non tutta quella che chi ti ha insegnato aveva messo. Il dado però è rotolato ed è rotolato dritto. No, forse per paura di mettere poca forza ne hai messa troppa ed è rotolato troppo dritto, senza abbastanza libertà di fare uno scarto laterale.

43 Ma forse il problema non è la forza ma la sensibilità delle dita. Poco tatto, non è stato lanciato bene. Oppure lo hai stretto troppo ed è rotolato male per quello. In realtà non è la tecnica, forse il problema è che, mentre lo lanciavi, facevi qualcos altro, pensavi ad altro, eri distratto. O meglio, non eri abbastanza concentrato su quello che stavi facendo. No, anzi, eri troppo concentrato e non hai colto l insieme, tutto lo scopo era lì e hai trascurato il resto globale del movimento del tuo corpo, e per questo è stato goffo. Ma ti eri preparato abbastanza? Ti eri chiesto come farlo? Hai studiato, ti sei documentato, hai chiesto informazioni? Hai consultato un dadologo? Ti sei fatto aiutare? Almeno un gruppo di auto-aiuto fra lanciatori di dadi? Sì, in effetti sì, ma forse pensavi fosse più facile. Pensavi di saperlo fare, ecco perché lo hai fatto male. Sei stato presuntuoso. No, ma il problema è come stavi quando lo hai fatto, non eri sereno. Dovevi essere più sereno. Va bene, è il tuo carattere, ma dovevi modificarlo, dovevi esserlo ugualmente. No, invece se non eri sereno dovevi essere come sei, siccome hai fatto finta di esserlo mentre non lo eri, alla fine è venuto fuori e per questo il lancio non è venuto bene. Non sei stato sincero con te stesso e il dado. Volevi sembrare diverso da come sei e alla fine questo viene sempre fuori. Il problema però non è questo, è la fiducia, non hai avuto fiducia nel risultato, hai pensato che sarebbe stato basso e questo ha fatto sì che il risultato sia stato basso. Forse però è colpa della fortuna, sono stato sfortunato. La delusione aumenta, sono un po triste. Uno mi dice: sei triste? Non dovevi tirare il dado. Questo è il problema, il dado non va tirato altrimenti hai un risultato. Se non lo tiri, il risultato va sempre bene. 42

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! Dott. Simone Agostini, Medico Veterinario Ambulatorio Veterinario San Giorgio in Bosco tel. 0499450520-3478941059 Come sicuramente moltissimi

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Storie di gatti Episodio 1 Sceneggiatura di Cristina Berta

Storie di gatti Episodio 1 Sceneggiatura di Cristina Berta Storie di gatti Episodio 1 Sceneggiatura di Cristina Berta Scena 1 Titolo del film. Animazione di Tino, il gatto protagonista. Scena 2 [Esterno giorno Gabbione] Primo Piano di un gatto che si riposa e

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Obiettivo generale: Leggere e comprendere un brano antologico insieme al gruppo classe.

Obiettivo generale: Leggere e comprendere un brano antologico insieme al gruppo classe. Semplificazione e facilitazione di un testo di antologia Destinatari: alunni stranieri di classe prima Livello linguistico A 1 (semplificato) - B 1 (facilitato). Obiettivo generale: Leggere e comprendere

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio C o d i c e d e l l' a l u n n o: Državni izpitni center *N10111121* SESSIONE ORDINARIA 2 triennio LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA lunedì 10 maggio 2010 / 60 minuti All'alunno è consentito l'uso della penna

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo S.p.E.S. Servizi per l educazione e la scuola - Onlus Sede legale: Corso Fanti, 89-41012 CARPI (Mo) Recapito postale: Corso Fanti, 44-41012 Carpi (Mo) Codice Fiscale: 90020120367 Tel/Fax 059.686889 Percorso

Dettagli

2 Scegli otto colori diversi e colora allo stesso modo le coppie di aggettivi contrari.

2 Scegli otto colori diversi e colora allo stesso modo le coppie di aggettivi contrari. Scheda 1 Nome:... Cognome:... Classe:... Gli aggettivi qualificativi 1 Completa le frasi con l aggettivo appropriato, come nell esempio. pigra bugiarda curiosa generosa fortunata coraggiosa tranquilla

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte

Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte Compiti delle vacanze estive per chi in agosto sarà al livello 3 Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte Questi compiti

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli