POLITECNICO DI TORINO. Gioco imparando

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI TORINO. Gioco imparando"

Transcript

1 POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea in Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione Tesi di Laurea Specialistica Gioco imparando Progettazione e realizzazione di un videogioco didattico per bambini per la sensibilizzazione sulla raccolta differenziata Adriana Chiabrera Relatori prof. Giovanni Malnati prof.ssa Laura Farinetti ing. Andrea Martina Marzo 2012

2

3 Indice dei capitoli Introduzione Che cos'è un videogioco La diffusione dei videogiochi Conseguenze fisiche e psicologiche Videogiochi educativi o serious games Obiettivi Introduzione a questo scritto... 9 Fonti Capitolo 1 - Apprendimento e memorizzazione Il processo di memorizzazione Memorizzazione e sviluppo Sviluppo cognitivo Principali caratteristiche del target Cosa viene memorizzato più facilmente Un esempio pratico: Trottola-Pancia-Lama La memorizzazione per i bambini L'esperienza sinestetica nei videogiochi Una buona strutturazione per l'apprendimento: l'elearning Principi generali dell'elearning Comportamentismo: Skinner e l'istruzione programmata Cognitivismo Costruttivismo memorizzazione Fonti Riferimenti bibliografici Riferimenti sitografici Capitolo 2 - Perché i videogiochi Parola vs Immagine La forza dell'immagine Alcuni esempi di sistema senso-motorio L'alfabeto di Pinocchio INDICE DEI CAPITOLI

4 2.2 I sette re di Roma Paperino spiega gli aquiloni Ancora Disney: le Giovani Marmotte La Divina Commedia memorizzazione Kinder 150: il giro dell'unità d'italia Giocambiente: Ambientopoli Nature Challenge La parola chiave? Il divertimento Il gioco Meccaniche e dinamiche del gioco Perché si gioca Le fasi dello sviluppo ludico Bambini e tecnologia Videogiochi educativi Il mercato dei videogiochi in Italia Considerazioni personali Fonti Riferimenti bibliografici Riferimenti sitografici Capitolo 3 - Raccolta dati con il primo test group Chi gioca ai videogiochi Il Gruppo Alpha per la raccolta dei dati Campionamento Area anagrafica Area tecnologia: il computer Area tecnologia: consolle di gioco Area tecnologia: cellulare e tecnologia Apple Area tecnologia: internet Area videogiochi Area ecologia Considerazioni finali per il Gruppo Alpha Piattaforma di gioco Tipologia di videogioco Il messaggio didattico Capitolo 4 - La classificazione dei videogiochi Videogiochi d'azione Picchiaduro Sparatutto Giochi a piattaforma Giochi musicali Videogiochi d'avventura INDICE DEI CAPITOLI

5 2.1 Avventure testuali Avventure punta e clicca Avventure dinamiche Videogiochi sportivi Simulazioni Simulazioni di guida Videogiochi strategici Videogiochi di ruolo Puzzle e rompicapo Videogiochi didattici o educativi Classificazione dei videogiochi e Piaget Fonti Riferimenti bibliografici Capitolo 5 - Il progetto Elementi e teorie didattiche per il gioco Incuriosire sulla teoria tramite la sfida I quiz per migliorare il punteggio Il Focus Group e la storia La struttura del gioco e la didattica I quiz, le schede e il booklet I cubetti da costruire Capitolo 6 - Modellazione, texturing e animazione Euristica del riconoscimento Diversi stili per diversi generi Gli stili più amati dai bambini Occhi Forme e colori Il personaggio L'ambiente Le texture Animazione di Ech'O Fonti Riferimenti bibliografici Riferimenti sitografici Luoghi ed eventi Capitolo 7 - Unity Che cos'è Unity: breve introduzione Unity: costi e soluzioni Panoramica di un progetto Unity INDICE DEI CAPITOLI

6 2. Illuminazione Scripting Le piattaforme in movimento Piattaforma orizzontale Piattaforma orizzontale con ruote Piattaforma verticale Piattaforme verticali alternate Ruota e leve Piattaforma bilancia Casse in caduta Progress Bar Shortcut da tastiera Abilitazione di luci e sfere Bonus luce Polvere Lo Spawn Point Caduta e morte di Ech'O Il punto di salvataggio Fine livello La raccolta differenziata I fondali e la finta profondità nel terzo livello Il RigidBody utile per i video I quiz Interazione con il forziere Le diverse domande e schede Fonti Riferimenti bibliografici Riferimenti sitografici Luoghi ed eventi Capitolo 8 - Domande e schede Feedback e approfondimenti Le domande La carta La deforestazione La plastica Fonti Riferimenti sitografici Capitolo 9 - Il gioco Le avventure di Ech'O Menu principale Primo livello: in miniera Secondo livello: sul carrello INDICE DEI CAPITOLI

7 4. Terzo livello: nel prato Terzo livello: la raccolta differenziata I video I crediti La sala trofei Capitolo 10 - Conclusioni Testing Il Test Beta per la verifica dei dati Il questionario Risultati: apprendimento Raccolta differenziata Alluminio e bauxite Tetrapak Discarica Abbandono rifiuti Oggetti in alluminio Risorse Risultati: gradimento del gioco Possibili modifiche e miglioramenti Conclusioni APPENDICE Paperino spiega gli aquiloni... III Questionario Alpha... XI Risposte aperte al questionario Alpha... XVIII Questionario Beta... XXVI Storyboard per il video introduttivo... XXIX Estratto dello storyboard per il primo livello... XXXI I percorsi del primo e terzo livello... XXXIII Alcuni bozzetti grafici... XXXV Realizzazione dei fondali per il terzo livello... XXXVII Voce robotica in Audacity...XL GLOSSARIO Ringraziamenti INDICE DEI CAPITOLI

8 INDICE DEI CAPITOLI GIOCO IMPARANDO

9 Introduzione Within technoculture [ ] younger generations into their late 20s are devoting increasing amounts of recreation time to addictive computer games.. At its most extreme, a new type of subject/player is emerging, who takes her or his game play very seriously. This person is often called a 'gamer'. Anne Marie Schleiner Giochiamo da sempre: ogni civiltà aveva i propri giochi, da giochi di ruolo per l'istruzione dei giovani nelle società primitive ad aquiloni e trottole dei Greci, dal Senet degli Egizi (una sorta di dama su una scacchiera rettangolare) al gioco dei dadi dei Romani. Anche gli animali giocano. Gli adulti ricorrono al gioco come mezzo di addestramento dei cuccioli: mamma orsa, ad esempio, insegna al figlio come dovrà combattere quando sarà adulto. Il gioco è anche socializzazione: tra i sifaka, lemuri del Sud del Madascar, i maschi "stranieri" giocano con i maschi appartenenti ad un gruppo per entrare a farvi parte. Lo storico olandese Johan Huizinga sostiene che il gioco è più antico della cultura [ in quanto] il concetto di cultura [ ] presuppone convivenza umana, e gli animali non hanno aspettato che gli uomini insegnassero loro a giocare. Umberto Eco, in proposito, precisa che una volta identificate le caratteristiche del gioco si arriva all'assunzione che i caratteri del gioco sono quelli della cultura e che quindi la cultura sin dall'antichità si manifesta come gioco. Appare un binomio gioco-cultura che ha attraversato i secoli forte della sua alta utilità. Al giorno d'oggi, però, si ha una considerazione del gioco negativa, che quasi lo disprezza: si è persa da tempo l'associazione con la cultura, divenendo oggi gioco-sport, giocointrattenimento, gioco-scommessa, gioco-divertimento. Genericamente: gioco-perditaditempo. Eppure non si gioca solo per divertirsi; certo, lo scopo primario è il divertimento, il relax, la competizione, ma spesso ci dimentichiamo delle alte potenzialità educative del gioco. INTRODUZIONE 1

10 1. Che cos'è un videogioco Abbiamo visto il binomio gioco-cultura. Ma quali sono i giochi dei bambini di oggi? Tra i giovanissimi sempre più si sta perdendo la concezione di gioco di società, gioco da tavola, gioco con le carte, gioco "manuale". I bambini si trovano molto più soli rispetto a una volta e capita spesso che, quando si riuniscono in gruppi, non sappiano cosa fare, nemmeno con una palla in mano (e molti resoconti da oratorio lo confermano). Bambole, pupazzetti, Lego e quant'altro stanno subendo un lento declino in favore di videogiochi, social-network, consolle Non è forse un caso che la Lego, la grande casa produttrice dei mattoncini colorati, si sia lanciata nel settore videogame riproponendo la costruzione virtuale di ciò che prima si costruiva a mano. Innanzitutto di cosa stiamo parlando? Che cos'è un videogioco o videogame? Cito dal Glossario in fondo a questa tesi: Il videogioco è un gioco le cui regole sono gestite da un apparecchio elettronico che utilizza un'interfaccia uomo-macchina basata sul display come sistema di output. La tecnologia permette la creazione di un ambiente di gioco virtuale e interattivo. In parole povere, un videogame è un gioco che può essere giocato da soli o con/contro uno o più giocatori (reali o artificiali) che necessita della mediazione della tecnologia. Questa innanzitutto riproduce l'ambiente con tutti (o quasi) gli elementi di gioco, siano essi semplicemente un mazzo di carte o un mondo tridimensionale con personaggi semi-intelligenti e una storia. L'intelligenza artificiale gestisce le regole del gioco (e qui non si può barare, a meno che non possediate dei buoni cheats, solitamente combinazioni alfanumeriche o combinazioni di tasti da premere nel momento giusto) e gestisce, se previsti, gli eventuali altri giocatori non-umani. Un videogioco ha una grafica accattivante, musiche e suoni, realismo, atmosfera. Nessun gioco non-tecnologico è in grado di offrire tutto questo senza un massiccio sfruttamento (in perfetta sincronia, per di più) dell'immaginazione dei giocatori. Una semplice partita di Briscola può essere ambientata in un porto di mare frequentato da feroci pirati: si sente il mare in sottofondo, si vede il pirata che ci sfida a carte, si gioca buttando le carte su uno sporco tavolo di legno, si sentono i grugniti pieni di rabbia del nostro avversario quando facciamo punto. Un videogioco è in grado di sostituire con grande immersività e partecipazione qualsiasi fantasia. Sto dicendo che cancella l'immaginazione sostituendosi ad essa? Forse Ma non soffermiamoci oltre su queste disquisizioni e vediamo brevemente quali cambiamenti (di abitudini ma soprattutto di mentalità) ha portato la diffusione dei videogiochi. INTRODUZIONE 2

11 2. La diffusione dei videogiochi Gli anni '70 vedono la diffusione pubblica dei videogiochi con la prima generazione di consolle, disponibili soprattutto nelle sale giochi frequentate da giovani adolescenti. A partire dalla fine degli anni '80 si ha la diffusione di massa delle consolle, e nel contempo crescono le potenzialità dei personal computer. Oggi il gioco ai videogiochi non è più vincolato ad uno spazio fisico ben definito (dalle sale gioco si è passati ai personal computer e alle consolle "fisse"; da questi si è ora passati ai nuovi hardware portatili, siano questi smartphone o consolle, come la Nintendo DS o la PSP), e le nuove tecnologie portano sempre più valore aggiunto all'interazione e all'immersività. Questo ha reso i videogiochi accessibili e appetibili ad una più larga cerchia di giocatori. Come si può notare dai dati pubblicati dall'isfe (Interactive Sofwtare Federation of Europe 1 ) nella ricerca Videogamers in Europe del 2010, la grande maggioranza dei videogiocatori è molto giovane (il 66% della popolazione europea che gioca ai videogiochi è tra i 16 e i 29 anni), ma la popolarità del videogioco raggiunge valori importanti anche tra i non-più-giovani (vedi Fig 1). Si noti però che la ricerca condotta dall'isfe non ha considerato la fascia dei giovanissimi, avendo considerato i giocatori con più di 16 anni. Per compensare, riporto i dati che l'istat 2, l'istituto Nazionale di Statistica, nel rapporto annuale sull'utilizzo delle tecnologie nel tempo libero ha rilevato sulla diffusione dei videogiochi tra i bambini (2010): è Fig 1 Videogiocatori in Europa per età (fonte: ISFE 2010) Fig 2 Bambini videogiocatori in Italia per età in particolare la banca dati INTRODUZIONE 3

12 Molti bambini dedicano ai videogiochi un tempo significativo, mediamente dalle 5 alle 8 ore a settimana. Questo rende i videogiochi un importante fenomeno di massa che sempre più attira l'attenzione di sociologi, psicologi, pedagogisti ed esperti di altri settori. Fig 3 Ore di videogioco per i bambini, per età (fonte: ISTAT 2010) 3. Conseguenze fisiche e psicologiche Spesso si legge dell'impatto negativo che alcuni, soprattutto i genitori più apprensivi, sostengono abbiano i videogiochi su fisico e mente dei giovani giocatori. In questa tesi non verrà affrontato il tema delle conseguenze negative dei videogiochi, ancora oggetto di accesi dibattiti. Alcuni dimostrano che il contenuto violento e genericamente indicato come "diseducativo" travii i giovani giocatori verso comportamenti aggressivi e privi di regole; altri invece dimostrano come in realtà i videogiochi siano anzi un mezzo per sfogare stress e impulsi violenti. Partiamo dunque dal presupposto che il progetto di questa tesi non vuole contenere nulla che possa portare il giocatore sulla "cattiva strada": non vi saranno scene violente, non vi sarà droga, sesso o insulti. L'aspetto interessante, e purtroppo spesso trascurato, è invece l'opposto: le potenzialità educative dei videogiochi. Gli studi di Pillay (2003) 3 evidenziano che playing recreational computer games may influence children's performance on subsequent computer-based educational tasks. However, the extent of this influence depended on the types of games played during the learning phase. Linear cause-and-effect games tended to encourage means-end analysis strategy, whereas adventure games encouraged inferential and proactive thinking. 3 Pillay Hitendra, (2003), An investigation of Cognitive Processes Engaged in by Recreational Computer Game Players: Implications for Skills of the Future, Journal of Research on Technology in Education INTRODUZIONE 4

13 I videogiochi, dunque, non solo avvicinano i giovani al mondo del computer e della tecnologia, ma potenzialmente sono anche in grado di educare e sviluppare determinate capacità. Ad esempio Mitchell e Savill-Smith (2004) 4 indicano che in action and adventure computer games, images tend to be more important than words; this shifts the development of representational skills from the verbal to iconic [ ]. In these ways players develop the spatial awareness (which can be simply defined as the skill of understanding where things are in relation to other things) and the cognitive skills (as when a person thinks or uses a conscious mental process) that are so crucial to many computer applications. Gli studi di Prensky (2001) 5 hanno individuato un importante salto generazionale nell'ambito dell'apprendimento, causato soprattutto dall'avvento del computer e di internet: prima del computer un solo processo lineare (es. libro di testo convenzionale) apprendimento e rappresentazione testuali linearità, apprendimento "step-by-step" singolarità, solitudine apprendimento spesso "passivo" lavoro, doveri realtà immaginazione con il computer più processi paralleli tra loro (es. Wikipedia) apprendimento e rappresentazione grafici apparente disordine pluralità, bisogno di connessioni sociali apprendimento più "attivo" gioco, divertimento fantasia tecnologia La diffusione del computer ha dunque radicalmente modificato il concetto di apprendimento e le aspettative, in molti ambiti, dei bambini (e non solo) di oggi. 4 Mitchell Alice, Savill-Smith Carol (2004), The use of computer and video games for learning, Learning and Skills Development Agency 5 Prensky Marc (2001), Digital game based learning, McGraw Hill, New York INTRODUZIONE 5

14 4. Videogiochi educativi o serious games Nel contesto di questo cambiamento e di questa nuova concezione di apprendimento ben si inseriscono e si sviluppano i serious games, giochi o videogiochi che si prefiggono come obiettivo il miglioramento di determinate capacità o l'approfondimento di concetti e temi. Solo in questi ultimi anni, alla luce delle recenti ricerche in campo psicologico e pedagogico, si è avuto un significativo incremento di interesse verso i serious game e il mercato è tuttora in piena crescita. Prime fra tutte sono le scuole a richiedere giochi e videogiochi didattici, ma anche istituti di formazione (tra cui, ad esempio, le scuole guida), enti privati, aziende. Ma la strada da percorrere affinchè un videogioco educativo sia pienamente efficace è ancora lunga e sono necessarie ancora molte ricerche (in cui bene si inserisce l'e-learning) prima di poter individuare, se mai sarà possibile, il migliore approccio. Attualmente si è diffusa la concezione di gioco educativo noioso, pedante, che nel complesso attrae ben poco i giocatori, se non coloro che, volontariamente, desiderano migliorare determinate personal skills. Su questo fa leva la serie di videogames per la Nintendo DS Brain Training: non hanno una grafica accattivante, non sono particolarmente divertenti, ma il giocatore li utilizza perché convinto possa trarne beneficio. Fig 4 Il Brain Training del Dr. Kawashima non ha certo una grafica accattivante. Fig 5 Il gioco Brain Buddies, disponibile su Facebook, presenta giochi altrettanto stimolanti ma con una grafica del tutto nuova, colorata e più accattivante (ma, se vogliamo, anche più distraente) INTRODUZIONE 6

15 Questa logica di vendita non può però essere applicata nel caso di giocatori più piccoli, che non hanno ancora sviluppato (se mai lo svilupperanno) l'interesse verso l'auto-miglioramento, né tantomeno hanno una così grande forza di volontà nel continuare un gioco particolarmente noioso o comunque poco attivante. Ecco dunque che il mercato dei videogiochi didattici per bambini non ha ancora raggiunto una fase di grande sviluppo e grande diffusione: i bambini hanno bisogno di stimoli continui e diversi, di divertimento, di una grafica accattivante, di simpatia. Giochi come Brain Training non potranno mai destare grande interesse tra i più piccoli. Attualmente la maggior parte dei videogiochi didattici soffre di tre problemi principali: - i serious games sono poco accettati e ben voluti in quanto imposti, per i potenziali benefici, da terze persone (genitori o insegnanti) - sono troppo seri e dunque noiosi per poter destare interesse tra i più piccoli, e dunque non vengono giocati con quella costanza e attenzione che renderebbero il gioco proficuo dal punto di vista didattico - per poter far fronte alla continua ricerca di nuovi stimoli che caratterizza i bambini, alcuni istituti di ricerca ed enti (tra cui l'iprase Trentino) stanno tentando un nuovo approccio didattico che prevede la creazione di un "pacchetto" di giochi diversi, con il rischio che il bambino, nell'ampia scelta, focalizzi le sue preferenze su un gruppo ristretto di giochi. Questo comporta una progettazione didattica di grande difficoltà, e le ricerche in tal merito sono tutt'altro che concluse Fig 6 Imposizione nelle scuole e non desiderio di automiglioramento Fig 7 Poca accuratezza negli aspetti emozionali che più interessano ai bambini (Einstein Brain Trainer) INTRODUZIONE Fig 8 Grafica poco curata, ed estrema difficoltà nel creare un pacchetto giochi (nell'esempio: IPRASE Trentino) 7

16 5. Obiettivi Si è visto come gli approcci con cui vengono presentati i videogiochi educativi ai bambini siano sostanzialmente due: un pacchetto di piccoli videogiochi (solitamente progettati in tecnologia Flash), divertenti, colorati e soprattutto vari in missioni, obiettivi e strategie di gioco, oppure letteralmente serious games, ossia videogiochi fin troppo seri che vengono percepiti come noiosi dai più piccoli e meno motivati giocatori. L'obiettivo che si pone il progetto di questa tesi è lo sviluppo di un terzo approccio educativo, forse quello, ancora, meno sviluppato: la creazione di un videogioco, apparentemente di carattere esclusivamente ludico e non didattico, che trasmetta informazioni e nuove nozioni in modo implicito. Innanzitutto deve divertire ed essere accattivante in modo tale da attirare l'attenzione del giocatore bambino. Non deve essere l'insegnante o il genitore ad imporre il gioco, ma dovrebbe essere il bambino stesso a chiedere di giocarci. In questo modo la prima barriera, quella dell'imposizione e della mancanza di interesse, viene abbattuta. In secondo luogo, dovrebbe essere il bambino stesso a ricercare, di propria spontanea volontà, l'aspetto educativo del gioco. Come verrà più dettagliatamente illustrato nel secondo capitolo, vi sono diversi stimoli che possono indurre il giocatore a cercare l'aspetto didattico. Anticipo che in questo progetto verranno sfruttate le motivazioni della sfida e della gratificazione (capitolo 5), ma vi sono molte altre strade da sperimentare. Il target a cui si rivolge questo progetto sono i bambini indicativamente delle elementari, dunque tra i 6 e i 10 anni. Ho scelto un pubblico di giocatori così giovani perché è soprattutto questa la fascia in cui devono concentrarsi maggiormente le ricerche in campo educativo, in quanto è da questa età che i bambini iniziano ad approcciarsi con il mondo dei videogiochi e con l'apprendimento scolastico privo di quella ludicità che aveva caratterizzato i primi anni di vita, sicuramente i più intensi dal punto di vista dell'apprendimento ma anche i più spensierati e i più giocosi. L'argomento didattico scelto è la raccolta differenziata, tema che a me sempre è stato a cuore e che sta iniziando a destare notevole interesse nella società (meglio tardi che mai, si potrebbe dire). Non essendo possibile sviluppare un intero gioco ma solamente una piccola demo di pochi livelli, il campo è stato ancora ristretto attorno all'alluminio, fra gli elementi meno conosciuti e dunque meno riciclati dai bambini (in merito, si vedano i risultati del test condotto su 70 bambini, terzo capitolo di questa tesi). INTRODUZIONE 8

17 6. Introduzione a questo scritto Questo scritto accompagna la demo del videogioco interamente sviluppato nell'ambito del progetto. Sarà suddiviso in due parti: - la prima presenta le principali teorie legate all'apprendimento, con particolare attenzione all'e-learning; lo sviluppo dell'apprendimento nei primi anni di vita; il processo di memorizzazione e alcune delle principali mnemo-tecniche; il gioco e il videogioco come serious games; la raccolta dati con il primo test group - la seconda è una panoramica sulla creazione pratica del videogioco, con particolare attenzione all'aspetto visivo e grafico, alla programmazione e realizzazione nell'ambiente Unity e al materiale didattico fornito (dalle schede d'aiuto nel gioco, al booklet che accompagna il dvd, ai cubetti da costruire) INTRODUZIONE 9

18 INTRODUZIONE 10

19 Fonti Riferimenti sitografici Una raccolta di giochi di tipo Brain-trainer (giochi matematici, di logica, test di IQ eccetera). Psicologia animale Nell'interessante trattazione di etologia, una parte è dedicata al gioco tra gli animali umber=16&lingua=ita L'origine del gioco nella società preistorica Un interessante e dettagliato percorso nella storia del gioco, sia esso fisico o intellettuale, curato dal Museo Regionale di Storia "Academician Jordan Ivanov" di Kyustendil, Bulgaria Il sito dell'istituto Provinciale per la Ricerca e la Sperimentazione Educativa IPRASE Trentino, in particolare pacesstore/1ee6062f-a816-4c c40bcf73b il link alla sperimentazione sui giochi didattici da diffondere nelle scuole. INTRODUZIONE 11

20 INTRODUZIONE 12

21 1 Apprendimento e memorizzazione La teoria da sola, se non è seguita da azioni precise, consistenti e orientate in una determinata direzione, serve a poco. [...] Svolgere gli esercizi con passione e curiosità permetterà di interiorizzare per sempre. Matteo Salvo Nello sviluppo di un materiale con obiettivi didattici, siano questi più o meno marcati, è indispensabile studiare la memoria, in particolare il processo di memorizzazione e l'evoluzione della memoria nel corso dello sviluppo dell'individuo. In questo modo si avrà una panoramica generale della memorizzazione per il target scelto. Il passo successivo sarà quello di individuare le caratteristiche che deve avere un'informazione per poterne facilitare la memorizzazione, analizzando qualche esempio di didattica. Obiettivo di questo capitolo è quello di illustrare, senza grandi pretese mediche e psicologiche, il processo di memorizzazione, al fine di comprendere, per lo sviluppo del videogioco, come è possibile aiutare i bambini a memorizzare i concetti. Secondo William Glasser (1989), psichiatra statunitense, ricordiamo: - il 10% di ciò che leggiamo - il 20% di ciò che sentiamo - il 30% di ciò che vediamo - il 50% di ciò che vediamo e sentiamo - l'80% di ciò che sperimentiamo in prima persona - il 95% di ciò che insegniamo Capitolo 1: APPRENDIMENTO E MEMORIZZAZIONE Grafico 1 La percentuale di memorizzazione nei vari casi 13

22 Studi attuali si sono però avvicinati più allo schema e alle teorie di Edgar Dale, pedagogista americano, che nel 1969 formulò quello che oggi è noto come il cono dell'apprendimento di Dale: Fig 1 Il cono dell'apprendimento di Dale 1. Il processo di memorizzazione Nel 1968 Atkinson e Shiffrin 1 propongono la teoria detta "multi processo", secondo la quale il processo di memorizzazione è il risultato dell'interazione tra tre diversi sistemi interconnessi. L'informazione in entrata, percepita dai sensi, viene conservata per un periodo molto breve (qualche secondo) nel sistema di memoria sensoriale. La memoria sensoriale è un magazzino di elevata capienza e bassissima permanenza (qualche secondo) che ospita informazioni rilevate direttamente dai sensi, soprattutto visive e uditive, le quali vi persistono il tempo necessario a fornire al soggetto un orientamento nello spazio, una panoramica completa e immediata dell'ambiente. 1 Richard Atkinson (Illinois, 19 marzo 1929), docente e ricercatore di psicologia (attualmente all'university of California e U.C. San Diego) Richard Shiffrin (Connecticut, 13 marzo 1942), docente e ricercatore di psicologia (attualmente all'indiana University) Capitolo 1: APPRENDIMENTO E MEMORIZZAZIONE 14

23 memoria tattile memoria visiva memoria olfattiva memoria gustativa stimoli sensoriali memoria uditiva Fig 2 La memoria sensoriale memoria sensoriale La memoria visiva è la memoria sensoriale più importante (l'83% della memoria sensoriale è dato unicamente dalla memoria visiva), in quanto il linguaggio della mente è quello delle immagini. Le immagini colpiscono in modo più profondo e il messaggio arriva alla mente in modo diretto, senza alcuna mediazione (ad esempio il linguaggio o le convenzioni simbolicheiconiche). Una attenzione selettiva esamina l'informazione sensoriale; ciò che viene ritenuto essere più importante viene codificato e conservato nella memoria a breve termine. La memoria a breve termine (MBT o STM, dall'inglese Short Term Memory) è di limitata capacità e limitata permanenza (dai 10 secondi a un paio di minuti). È però prolungabile tramite reiterazioni. Secondo gli esperimenti di Miller 2 (1956), grazie alla memoria a breve termine si possono ricordare al massimo sette elementi (più o meno due), siano questi lettere, numeri, immagini o elementi composti. Parte delle informazioni trattenute dalla memoria a breve termine, solitamente quelle reiterate a lungo o quelle che più hanno colpito per importanza, interesse o emozioni, vengono trasferite nella memoria a lungo termine (MLT o LTM, da Long Term Memory). La MLT è quella che, comunemente, viene intesa semplicemente come "memoria", cioè quelle informazioni immagazzinate in modo durevole. Questa viene a sua volta distinta in memoria dichiarativa e memoria procedurale. La prima corrisponde alla conoscenza di dati puri, ad esempio "Roma è la capitale d'italia", le emozioni della festa del diciottesimo compleanno o la formula "V_=_R_ _ i". La memoria dichiarativa, a sua volta, secondo lo psicologo canadese Endel Tulving 3 è a sua volta suddivisa in episodica e semantica. La memoria episodica ricorda fatti particolari, mentre quella semantica è relativa alla conoscenza in sé (formule, concetti, teorie). 2 George Miller (West Virginia, 3 febbraio 1920), psicologo statunitense tra i fondatori e massimi esponenti storici della psicologia cognitiva. 3 Endel Tulving (Estonia, 26 maggio 1927), psicologo sperimentale e neuroscienziato cognitivo. Attualmente è professore emerito presso l'università di Toronto. Capitolo 1: APPRENDIMENTO E MEMORIZZAZIONE 15

24 La memoria procedurale, invece, ha in sé collegamenti diversi, che permettono di risalire a una sequenza di informazioni che, nel loro insieme, determinano come fare un qualcosa. La memoria procedurale è frutto di numerosi esercizi e ripetizioni. Guidare una macchina, ad esempio, è un'azione (o meglio: un insieme di azioni) che ognuno di noi ripete meccanicamente. Quando bisogna cambiare marcia nessuno pensa, se non chi è ancora alle prime armi, che deve lasciare l'acceleratore, pigiare la frizione, azionare il cambio, e lentamente esercitare pressione sull'acceleratore lasciando in contemporanea la frizione. La memoria procedurale, quindi, riguarda le informazioni relative a comportamenti automatici. memoria dichiarativa memoria a breve termine memoria episodica memoria semantica memoria procedurale memoria a lungo termine Fig 3 La memoria a lungo termine La tabella seguente riassume le principali caratteristiche dei tre tipi di memoria: Memoria sensoriale Dimensioni Durata Cosa grandi quantità di informazioni dai 5 sensi max 1 secondo Memoria BT elementi da 10 secondi a 2/4 minuti informazioni registrate dai sensi informazione passate alla attenzione selettiva Memoria LT potenzialmente illimitate tutta la vita (?) informazioni reiterate a lungo o importanti Tab 1 I tre tipi di memoria: sensoriale, a breve termine, a lungo termine Capitolo 1: APPRENDIMENTO E MEMORIZZAZIONE 16

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

CHI SONO I BAMBINI CON DISTURBO GENERALIZZATO DELLO SVILUPPO PATRIZIA REBUZZI

CHI SONO I BAMBINI CON DISTURBO GENERALIZZATO DELLO SVILUPPO PATRIZIA REBUZZI CHI SONO I BAMBINI CON DISTURBO GENERALIZZATO DELLO SVILUPPO PATRIZIA REBUZZI Essere autistici non significa non essere umani, ma essere diversi. Quello che è normale per altre persone non

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione.

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione. Premessa Un due tre stella ecco MAGA BEA! Laboratorio per il potenziamento delle abilità di ascolto e di attenzione L attenzione comprende la disponibilità a recepire la capacità di selezione dello stimolo

Dettagli

Attività Motoria Evolutiva e Anziani

Attività Motoria Evolutiva e Anziani Attività Motoria Evolutiva e Anziani Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@uniroma4.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Il gioco Giocando s impara e si

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria

Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria Le lingue cui un soggetto è stato esposto entro i primi tre anni di vita vengono ritenute

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

La Scienza come Piace a Noi

La Scienza come Piace a Noi La Scienza come Piace a Noi Proposta DIDATTICA A.S. 2011/2012 Kaleidoscienza Chi Siamo Kaleidoscienza è un associazione culturale, nata nel 2010 con sede a Udine, che si occupa di divulgazione scientifica.

Dettagli

Psicologia e videogames

Psicologia e videogames Prof.ssa Michela De Luca Corso Cyberpsicologia-Lumsa Dott. Massimiliano Marzocca Psicologo - Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it wwww.massimilianomarzocca.it Psicologia e videogames CHE COSA

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione 1 Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione di Erika Barbato Andrea Carnevali CEO di Republic+Queen e Co-Founder di Wannabe, Agenzia specializzata in Strategia e Advertising

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM )

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) Ci sono almeno 18 studi che dimostrano che le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) presentano uno specifico deficit di memoria nella

Dettagli

HANDS IN CAP LE MANI NEL CAPPELLO 1 progetto 4 percorsi per educare l intelligenza:

HANDS IN CAP LE MANI NEL CAPPELLO 1 progetto 4 percorsi per educare l intelligenza: HANDS IN CAP LE MANI NEL CAPPELLO 1 progetto 4 percorsi per educare l intelligenza: cinqueperunocinque circle time I Percorsi TAP la patente per navigare Il progetto hands in cap lemaninelcappello sviluppa

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA. M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione

APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA. M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione PSICOLOGIA COGNITIVA Studia le reazioni ed i comportamenti di soggetti

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Don t Repeat Yourself

Don t Repeat Yourself 1 Don t Repeat Yourself Knowledge can keep us warm and DRY di Giuseppe Vincenzi La sigla che cito nel titolo di questo articolo è uno dei principi della programmazione informatica: citarlo mi è sembrato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio Dai mondi virtuali a quelli reali tramite la narrazione

Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio Dai mondi virtuali a quelli reali tramite la narrazione Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio Dai mondi virtuali a quelli reali tramite la narrazione Donatella Merlo (*) Scuola di Robotica La motivazione che deve sempre accompagnare le attività che

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 3 e 4 dr.ssa Raffaella Faggioli I moduli 3 e 4 dell ADOS Permettono l osservazione diretta dei comportamenti di ragazzi e adulti in situazione

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA

NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA NATURAL MENTE: CONOSCIAMO VIVIAMO E RISPETTIAMO LA NATURA Questo progetto nasce come continuazione e approfondimento del lavoro dello scorso anno, si è pensato di continuare in questa direzione prendendo

Dettagli

Genitori. Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni. www.helendoron.it

Genitori. Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni. www.helendoron.it Genitori Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni www.helendoron.it Cari genitori, siamo felici che abbiate deciso di includere vostro/a figlio/a nelle lezioni di gruppo del programma Helen

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Progetto Scratch L/O/G/O

Progetto Scratch L/O/G/O Progetto Scratch L/O/G/O www.themegallery.com Perchè questo progetto? Viviamo in un mondo scientifico/tecnologico, ma l'interesse per la scienza/tecnologia non e' diffuso come potrebbe e dovrebbe. Questo

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Mauro L. Evangelista Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Contributo in occasione della manifestazione Libri che prendono forma (Roma 17 marzo 2010, MiBAC - FNIPC) Il mio interesse nei confronti

Dettagli

Appunti di Psicologia

Appunti di Psicologia 2. Piaget e Viygotskij 1 Parte 2 Piaget e Viygotskij Indice dei contenuti Appunti di Psicologia Indice dei contenuti... 1 La Teoria di Piaget... 2 Intelligenza e adattamento... 2 Gli stadi dello sviluppo...

Dettagli

IL GIOCO IN OSPEDALE. Il poeta e la fantasia, Il contrario del gioco non è ciò che è serio, bensì ciò che è reale. Sigmund Freud,

IL GIOCO IN OSPEDALE. Il poeta e la fantasia, Il contrario del gioco non è ciò che è serio, bensì ciò che è reale. Sigmund Freud, IL GIOCO IN OSPEDALE Nell'uomo autentico si nasconde un bambino: che vuole giocare. Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1885 Il contrario del gioco non è ciò che è serio, bensì ciò che è reale.

Dettagli

capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA

capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA 7.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si basa su un campione del prodotto, precedentemente selezionato

Dettagli

M.Cristina Stradi 2011 1

M.Cristina Stradi 2011 1 M.Cristina Stradi 2011 1 Il gioco riposa e diverte. Evoca un attività non soggetta a costrizioni, ma anche priva di conseguenza per la vita reale. Si contrappone alle serietà di questa e viene perciò considerato

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia

Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia L esperienza della Rete Ricerca Infanzia di Treviso Treviso, 25 Marzo 2011 Beatrice Caponi Università di Padova Rete Infanzia Treviso Coinvolgimento di

Dettagli

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment Scuola Triennale di Counseling Integrato CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP Formazione teorico - pratica Empowerment Più attenzione sulle risorse che sui problemi. Roma, 7 giugno 2017 www.felicianocrescenzi.com

Dettagli

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica. CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia:

Dettagli

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA Capire i meccanismi comunicativi per relazionarsi meglio Sistemi sensoriali e comunicazione Che cosa è la comunicazione verbale è uno scambio di informazioni tra più persone

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO "IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA. Il Progetto si chiama In crescendo.

PROGETTO D ISTITUTO IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA. Il Progetto si chiama In crescendo. PROGETTO D ISTITUTO "IN CRESCENDO CON IL VIOLINO FINALITA Il Progetto si chiama In crescendo. Gli alunni conosceranno tutti gli strumenti del mondo, in particolare il violino, in quanto è quello sicuramente

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012 METODO ANALOGICO ( metodo Bortolato) Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi nell anno scolastico 2011/2012 Durante l anno scolastico 2011/2012 le insegnanti delle CLASSI PRIME del

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA 1 Circolo Didattico - Sondrio Scuola dell infanzia G. Segantini L attività psicomotoria consente ai bambini di mettere in moto contemporaneamente

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO

SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO INSEGNANTI: BUSSO M.Teresa VIZIO Loredana (sez. A) BERRONE Rosella RAVIOLA Elvira (sez. B) La

Dettagli

Insegnare il Basket - versione e book

Insegnare il Basket - versione e book Lezione n. 1 Metodologia d insegnamento: spiegazione, dimostrazione, correzione Introduzione La metodologia dell insegnamento è la base di una corretta crescita tecnica tattica e psicologica degli atleti.

Dettagli

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Luglio 2011 Indice Premessa... pag. 3 Documenti e ricerche... pag. 5 Gli obiettivi... pag.

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Progetto Accoglienza 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! P R E M E S S A I primi giorni di scuola segnano

Dettagli

Elementi di psicologia dello sviluppo: aspetti cognitivi

Elementi di psicologia dello sviluppo: aspetti cognitivi Anno 2011/2012 Elementi di psicologia dello sviluppo: aspetti cognitivi Verrà proposto in questa presentazione il punto di vista genetico che parte dalla interpretazione genetica dell evoluzione intellettiva

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÁ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÁ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÁ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI Problematiche psicopedagogiche dei videogiochi Relatore: Chiar.

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5 Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo Maurizio Gentile Gentile, M. (2008). Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo. Scuola e Formazione, pp. 21-25. Nell anno scolastico 2005/2006 un gruppo

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA SCUOLE NIDO Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... SCUOLE La nostra idea di scuola nasce dalla convinzione dell importanza di creare una struttura unica che permetta alle famiglie di usufruire

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Le Parole di Leonardo ONLUS

Le Parole di Leonardo ONLUS le parole di Leonardo ONLUS Comunicare per vivere, Vivere per comunicare Lavoriamo per aiutare tutti coloro che a vario titolo o per qualsiasi causa hanno difficoltà di comunicazione. Le Parole di Leonardo

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

L informal learning di Jay Cross

L informal learning di Jay Cross L informal learning di Jay Cross tratto ed adattato da Apprendimento informale e formazione aziendale: perché usare questo sistema di apprendimento? di Jay Cross e Robin Good (link) Premessa di formazione-esperienziale.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE.

PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE. PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE. QUELLO CHE ACCADE IN QUESTO CONTESTO DIGITALE QUANDO DIVENTA UN PROBLEMA per i genitori? ERA DIGITALE

Dettagli