NOTE INTRODUTTIVE AL SISTEMA SAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTE INTRODUTTIVE AL SISTEMA SAS"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DI GENOVA Via Dodecaneso, GENOVA (Italy) tel fax NOTE INTRODUTTIVE AL SISTEMA SAS Fabio Rapallo - Ivano Repetto - Maria Piera Rogantin Dipartimento di Matematica - Università di Genova

2

3 A. Aspetti generali A1. Il linguaggio SAS A2. I passi di DATA A3. I passi di PROC A4. I DATA SET di tipo SAS A5. Tipi di variabili B. Come eseguire un programma SAS INDICE C. Esempi di programmi SAS C1. Primo esempio C2. Secondo esempio: le procedure PRINT e CONTENTS C3. Osservazioni per la scrittura dei programmi D. Il passo di DATA D1. Creazione di un DATA SET SAS D2. Alcuni esempi D3. DATA SET SAS permanenti E. Manipolazione dei DATA SET E1. Selezione di sottoclassi di osservazioni E2. Selezione di osservazioni consecutive E3. Selezione di variabili E4. Cambio di nome a variabili E5. Costruzione di più DATA SET SAS E6. Concatenazione di più DATA SET SAS E7. Lettura di DATA SET di "tipo" diverso F. Ancora sul passo di DATA F1. Espressioni e funzioni SAS F2. I valori mancanti F3. Somme cumulate F4. Approfondimenti sull esecuzione di un passo di DATA F5. Gli array F6. Istruzioni di controllo F7. L'istruzione INPUT F8. L'istruzione INFILE F9. L'istruzione OUTPUT F10. Scrittura su un file esterno e istruzione PUT G. Il passo di PROC G1. Alcune opzioni e istruzioni usato in un passo di PROC G2. Procedura SORT G3. Procedura PRINT G4. Procedura MEANS G5. Procedura FREQ (e procedura FORMAT) G6. Procedura UNIVARIATE G7. Altre procedure statistiche elementari G8. Alcune procedure che operano su DATA SET SAS G9. Selezione di variabili e di osservazioni in una procedura H. Istruzioni e procedure grafiche H1. Alcune istruzioni per gli output grafici H2. Procedura GCHART H3. Procedura GPLOT I. Errori e lettura del LOG 3

4 J. Approfondimenti: manipolazione di Data Set SAS J1. Overview of Methods for Combining SAS Data Sets J2. Manipolazione di Data Set SAS J2.1 Per concatenare i DSS: uso di Set J2.2 Per concatenare i DSS: uso di Set by e di Merge by J2.3 Per affiancare DSS con variabili diverse: uso di Set Set e di Merge J2.4 Per aggiornare un DSS: uso di Update e di Merge by J2.5 Per aggingere osservazioni a un DSS: la proc Append J3. Osservazioni ripetute: uso di Set by e variabili first.<..> e last.<..> K. Approfondimenti: lettura di dati grezzi K1. Input a lista con formato K2. Input con nome K3. Sospensione dell input: uso K4. Opzioni di Infile per leggere dati con delimitatori nell input a lista L. Approfondimenti: formati di lettura e scrittura dei dati L1. Istruzione Format L2. Istruzione Informat L3. Istruzione Lenght L4. Istruzione Atttrib L5. La Proc Format L5.1 Istruzione Value L5.2 Istruzione Invalue L5.3 Istruzione Picture L5.4 Alcuni esempi di cambio di formati L5.5 Funzioni di conversione da variabile carattere a numerica e viceversa L6. SAS Date, Time, and Datetime Values L7. Alcune funzioni di arrotondamento L8. Alcune funzioni sulle variabili carattere M. Approfondimenti: le Macro SAS M1. Introduzione alla programmazione con macro M2. SAS Macro Language: Reference N. Approfondimenti: come operare con matrici in SAS 4

5 A1. IL LINGUAGGIO SAS A. Aspetti generali Il SAS è un sistema software che fornisce strumenti necessari per analizzare dati. E' composto da: - un linguaggio usato per la manipolazione dei dati; - una libreria di procedure pre-confezionate per uso generale. Esiste un modulo SAS BASE più vari moduli per particolari applicazioni quali ad esempio: - statistica (STAT) - controllo qualità (QC) - ricerca operativa (OR) - serie temporali (TSA) - manipolazione matrici (IML) - grafica avanzata (GRAPH) - gestione risorse calcolatore - gestione Data Base. Il SAS consente di: - leggere dati - trasformare e manipolare di dati (mediante l'utilizzo di funzioni matematiche e statistiche, di concatenazione e di ordinamento) - aggiornare dati - stampare prospetti - generare grafici - ridurre e sintetizzare dati - effettuare analisi matematiche sui dati Ogni programma è composto da passi (STEP). Esistono 2 tipi di passi: i passi di DATA e i passi di PROC. A2. I PASSI DI DATA Si usano per creare DATA SET SAS partendo da files già esistenti. Tali files possono essere non SAS (grezzi), o già di tipo SAS. I dati in ingresso possono subire trattamenti durante il passo di DATA. dati grezzi dati grezzi DATA SET SAS passo di DATA 5 DATA SET SAS Un passo di data inizia con l'istruzione DATA seguito dal nome del Data Set Sas che si vuole costruire. A3. I PASSI DI PROC Servono per produrre tabulati, rapporti, statistiche, ecc. I dati su cui operano devono già essere in formato DATA SET SAS. Con un passo di Proc si possono creare anche altri DATA SET SAS che possono essere analizzati successivamente da altri passi di DATA o di PROC. Un passo di proc inizia con l'istruzione PROC seguito dal nome della procedura che si vuole eseguire. Un passo di programma (di data o di proc) termina con l'istruzione RUN; o con un nuovo passo di data o di proc.

6 A4. I DATA SET DI TIPO SAS Un DATASET di tipo SAS è un insieme di dati omogenei organizzati in forma rettangolare. ESEMPIO: osservazioni variabili Le colonne sono chiamate variabili; ciascuna di esse ha un nome (si consiglia di assegnare sempre nomi mnemonici). Un nome deve seguire le seguenti regole sintattiche: a) deve essere formato da 1 a 8 caratteri; b) può contenere cifre al suo interno; Un DATA SET SAS si compone di due parti distinte: - una parte descrittiva in cui vengono memorizzate tutte le informazioni necessarie affinchè il SAS possa in un qualunque momento rileggere i dati in modo totalmente automatico (es.: nomi e attributi delle variabili, "storia" di come è stato costruito,... ); - una parte in cui vengono memorizzati i dati propriamente detti. Per visualizzare le due parti, si devono usare delle PROC diverse. Osservazione: un DATA SET SAS non è un file di dati tradizionale ma è leggibile solo con il software con cui è stato costruito. Ogni file SAS ha un nome. I nomi dei file seguono le stesse regole dei nomi delle variabili. A5. TIPI DI VARIABILI Una variabile può essere di due tipi: - NUMERICA (es. età, altezza, peso) - CARATTERE (es. cognome, sesso) Una variabile è caratterizzata da una serie di attributi: - nome - lunghezza (LENGTH) - formato di ingresso (INFORMAT) - formato di uscita (FORMAT) - etichetta (LABEL) che possono essere specificati con opportune istruzioni. La lunghezza massima del nome di una variabile (salvo diversa dichiarazione) è di 8 caratteri. Le variabili assumono valori che dipendono dalla elaborazione che si sta effettuando. In particolari situazioni non esistono valori associabili ad una variabile (sia in fase di INPUT dei dati, sia a causa di operazioni su dati "invalidi"); in questo caso il SAS associa un particolare valore alla variabile, definito "valore mancante" o "valore vuoto" o "missing value". Il SAS esegue automaticamente la conversione da variabile carattere a numerica quando: - una variabile carattere è assegnata ad una variabile numerica definita precedentemente; - si esegue il confronto tra una variabile carattere e una numerica; - si eseguono operazioni aritmetiche su variabili carattere (solo nel caso in cui siano formate da cifre). Il SAS esegue automaticamente una conversione da variabile numerica a carattere quando: - una variabile numerica è assegnata ad una variabile carattere definita precedentemente; - una funzione agisce su una variabile numerica ma ha un formato carattere come argomento; - una variabile numerica è usata come operando di un operatore tipico delle variabili carattere (esempio l'operatore di concatenazione di stringhe). 6

7 B. COME ESEGUIRE UN PROGRAMMA CON IL SAS PER WINDOWS Avviando il SAS da Windows compare una schermata composta generalmente da due finestre: una di Log e l'altra di Program Editor. Un'altra finestra, quella di Output si apre quando il programma crea un output non grafico Alcune osservazioni sulla scrittura e l'esecuzione dei programmi: - il testo del programma va scritto nella finestra di Program Editor - per salvare il programma su disco: dalla finestra di Program Editor, dal menù File si seleziona: Save o Save as Con Save il programma (dopo il primo salvataggio) è salvato con il nome dell'ultimo programma richiamato (fare attenzione). Il nome di un programma salvato compare nell'intestazione della finestra di Program Editor. - per richiamare un programma salvato in precedenza in un file: dalla finestra di Program Editor, dal menù File si seleziona: Open --> Read File - per far eseguire programma occorre dalla finestra di P.E., dal menù Local selezionare: Submit (che corrisponde al tasto funzionale F8) - ad ogni esecuzione il testo del programma scompare dalla finestra del Program Editor, ma può essere richiamato selezionando dalla finestra di Program Editor, dal menù Local: Recall (corrispondente al tasto funzionale F4) con Recall si richiama l'ultimo programma eseguito (se si ripete l'operazione due volte vengono richiamati gli ultimi due programmi eseguiti, e così via) - mentre il programma viene eseguito nella finestra di Log compaiono le indicazioni di ciò che il programma sta facendo come, ad esempio, tempi di esecuzione delle procedure, eventuali errori, numero di osservazioni lette nel Data Set, ecc. - se è previsto un output non grafico questo viene scritto nella finestra di Output - avendo le finestre un'estensione limitata, non sempre tutto il loro contenuto è visibile. Per scorrere all'interno di una finestra si eseguono le solite operazioni delle applicazioni Windows - per spostarsi da una finestra all'altra si può utilizare il menù Window o il mouse o usare i tasti funzionali: - F5 per la finestra di Program Editor - F6 per la finestra di Log - F7 per la finestra di Output - i comandi di edizione di testo si trovano nel menu Edit - per rimuovere il contenuto di tutte le linee di testo da qualsiasi finestra, dal menù Edit selezionare: Clear text (corrispondente ai tasti control+e) - per conservare i risultati contenuti nella finestra di Log e di Output in un file permanente si usa il comando Save come per il salvataggio di un programma - per conoscere il contenuto dei tasti funzionali bisogna, dal menù Help selezionare: Keys con tale operazione compare una finestra Keys con le indicazioni volute - nel menù Help, selezionando SAS System si possono trovare la sintassi e le spiegazioni per le varie procedure e per l'uso dei comandi SAS 7

8 C1 PRIMO ESEMPIO C. ESEMPI DI PROGRAMMA SAS Con questo programma: - si costruisce un data set SAS di nome CLASSE leggendo i dati inseriti nel programma - si ordinano i dati secondo una variabile - si stampa il contenuto del DSS costruito - si costruiscono alcune statistiche PROGRAMMA SAS n. 1: DATA CLASSE; INPUT NOME $ A_CORSO $ - i nomi delle variabili sono separati da blank A_NASCIT ES_DATI MEDIA; - le prime due variabili sono di tipo carattere DATALINES; - i dati sono inseriti nel programma; XXX 1F si vedrà in seguito il caso con dati su file ZZZ 4R ogni linea corrisponde a una osservazione WWW TTT ; PROC SORT; - lavora sull'ultimo Data Set BY ES_DATI; - ordina le oss. rispetto alla variabile ES_DATI PROC PRINT; - stampa le variabili del Data Set con il titolo indicato TITLE 'STUDENTI ORDINATI PER NUMERO ESAMI DATI'; - determina l'esecuzione del passo di proc PROC CONTENTS; - stampa le informazioni sul Data Set con il titolo assegnato precedentemente PROC MEANS; - calcola alcune statistiche su tutte le variabili numeriche con il titolo precedente RUN; - determina l'esecuzione del passo di proc PROC MEANS; - calcola alcune statistiche sulle variabili indicate var a_nascit; dopo l istruzionevar RUN; - determina l'esecuzione del passo di proc OUTPUT SAS della procedura PRINT: STUDENTI ORDINATI PER NUMERO ESAMI DATI OBS NOME A_CORSO A_NASCITA ES_DATI MEDIA 1 TTT XXX 1F WWW ZZZ 4R

9 C2 SECONDO ESEMPIO: LE PROCEDURE PRINT E CONTENTS Con questo programma: - si costruisce un data set SAS di nome ES1 leggendo i dati inseriti nel programma - si costruiscono nuove variabili da quelle di partenza - si stampa il contenuto del DSS costruito (sia i dati che la descrizione) PROGRAMMA SAS n. 2: data es1; input sesso $ eta hinch wlib; altezza=hinch*2.54; peso=wlib*0.4536; datalines; f f f f f f f f f f f f f f f f f f f f f (non è riportato una parte dell'input) m m m m m m m m m m m m m m ; proc print; title ' '; proc contents; i due primi run non sono necessari 9

10 OUTPUT SAS: L'output della proc print è il seguente: OBS SESSO ETA HINCH WLIB ALTEZZA PESO 1 f f f f f f f f f (non è riportato una parte dell'output) 230 m m m m m m m L'output della proc contents è il seguente: CONTENTS PROCEDURE Data Set Name: WORK.ES1 Observations: 236 Member Type: DATA Variables: 6 Engine: V611 Indexes: 0 Created: 10:55 Friday, December 4, 1998 Observation Length: 48 Last Modified: 10:55 Friday, December 4, 1998 Deleted Observations: 0 Protection: Compressed: NO Data Set Type: Sorted: NO Label: -----Engine/Host Dependent Information----- Data Set Page Size: 8192 Number of Data Set Pages: 2 File Format: 607 First Data Page: 1 Max Obs per Page: 169 Obs in First Data Page: Alphabetic List of Variables and Attributes----- # Variable Type Len Pos ALTEZZA Num ETA Num HINCH Num PESO Num SESSO Char WLIB Num

11 C3. OSSERVAZIONI PER LA SCRITTURA DEI PROGRAMMI - le istruzioni terminano con il carattere " ; " - si possono usare tutte le colonne di una linea - si possono scrivere più istruzioni su una linea (separate ovviamente da ;) - si può scrivere una istruzione su più linee - si possono mettere più istruzioni "RUN" all'interno di un programma - i commenti vanno compresi fra /* e */ ( es. PROC SORT; /* ordinamento dei dati */ ) ABBREVIAZIONI PER LISTE DI VARIABILI a) X1-Xn si considerano tutte le variabili da X1 a Xn ( X1 X2 X3... Xn) b) X--A si considerano tutte le variabili da X a A X-NUMERIC-A si considerano tutte le variabili numeriche da X a A X-CHARACTER-A si considerano tutte le variabili carattere da X a A c) _NUMERIC_ si considerano tutte le variabili numeriche _CHARACTER_ si considerano tutte le variabili carattere _ALL_ si considerano tutte le variabili ESEMPIO 1: l'istruzione INPUT dell'esempio n.1 può scriversi: INPUT NOME $ A_CORSO $ VAR1-VAR3; dopo PROC PRINT si potrebbe mettere l'istruzione: VAR NOME--VAR3 ; che sarebbe equivalente a: VAR NOME A_CORSO VAR1 VAR2 VAR3; (tale istruzione indica che la PROC deve essere effettuata solo per le variabili indicate) ESEMPIO 2: data uno; input x1 x2 y x3 x5; datalines; ; proc print; var x1--x3; proc print; var x1-x3; OUTPUT SAS: Obs x1 x2 y x3 OUTPUT SAS: Obs x1 x2 x proc print; var x1--x5; OUTPUT SAS: Obs x1 x2 y x3 x proc print; var x1-x5; LOG SAS: ERROR: Variable X4 in suffix list not in data set

12 D. IL PASSO DI DATA D1. CREAZIONE DI UN DATA SET SAS DATI SU FILE ESTERNO: DATA nome Data Set ; INFILE '[path] nome ' ; INPUT...; con eventuale formato di lettura. altre istruzioni usate nel passo di DATA ; apre il file per la lettura descrive l'input assegnando un nome alle variabili DATI INSERITI NEL PROGRAMMA: DATA nome Data Set ; INPUT...; altre istruzioni ; DATALINES; immediatamente prima dei dati linee di dati ; indica la fine dei dati DATI DA UN ALTRO DATA SET: DATA nome del nuovo Data Set ; SET nome del Data Set da cui leggere i dati; altre istruzioni ; OSS: oltre all'istruzione SET si possono usare anche le istruzioni MERGE e PUT con risultato analogo. 12

13 D2. ALCUNI ESEMPI DATI INSERITI NEL PROGRAMMA: PROGRAMMA SAS n. 2: data es1; input sesso $ eta hinch wlib; altezza=hinch*2.54; peso=wlib*0.4536; datalines; f f f f f f f f f f f f m m m m m m m m ; DATI SU FILE ESTERNO: PROGRAMMA SAS n. 3: data es2; infile 'a:es1.txt'; input sesso $ eta hinch wlib; altezza=hinch*2.54; peso=wlib*0.4536; DATI DA UN ALTRO DATA SET: PROGRAMMA SAS n. 4: data es3; set es2; if eta < 16 then cl_eta = 'giovane'; else cl_eta='vecchio'; proc print; var eta cl_eta; 13

14 D3. DATA SET SAS PERMANENTI COME RENDERE PERMANENTE UN DATA SET SAS a) bisogna creare una "libreria" con l'istruzione: LIBNAME nome simbolico libreria ' path '; b) quando si costruisce il Data Set bisogna scrivere: DATA nome simbolico libreria.nome Data Set ; INPUT...;... si indica la directory dove scrivere i Data Set permanenti l'estensione del file costruito è SD2 I Data Set sono conservati con il nome: nome Data Set.SD2 nel path specificato dall'istruzione LIBNAME. Esempio. PROGRAMMA SAS n. 5: libname corso 'a:\corsosas'; data corso.es3; set es2; if eta < 16 then cl_eta = 'giovane'; else cl_eta='vecchio'; proc print; var eta cl_eta; I Data Set permanenti sono memorizzati nella directory a:\corsosas. L'istruzione libname vale per tutti i Data Set costruiti nella sessione. Il data set costruito è memorizzata nel file a:\corsosas\es3.sd2 che ha la struttura di un Data set SAS. COME ACCEDERE AD UN DATA SET PERMANENTE DATA nome nuovo Data Set ; SET nome simbolico libreria.nome Data Set ;... data corso.nuovo; set corso.es3; 14

15 E. MANIPOLAZIONE DI DATA SET Consideriamo il seguente esempio. PROGRAMMA SAS n. 6: libname corso 'a:\corsosas'; data corso.disney; input nome $ & sesso $ eta altezza peso; length nome $ 12; datalines; pippo m paperino m minnie f clarabella f nonna papera f qui m quo m qua m emy f ely f edy f ; proc print; OUTPUT SAS: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m minnie f clarabella f nonna papera f qui m quo m qua m emy f ely f edy f E1. SELEZIONE DI SOTTOCLASSI DI OSSERVAZIONI La selezione di sottoclassi di osservazioni contenute in un Data Set può avvenire con diverse forme. Presentiamo alcune di queste possibilità continuando l'esempio precedente: PROGRAMMA SAS n. 7: data maschi; set corso.disney; if sesso='m'; proc print; il DDS costruito è temporaneo nome DSS con i dati di cui si vuole selezionare una sottoclasse precisa il criterio di selezione l'istruzione: if sesso='m'; può essere sostituita equivalentemente dalle istruzioni if sesso ^='m' then delete; if sesso ='m' then output; 15

16 OUTPUT SAS: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m qui m quo m qua m E2. SELEZIONE DI OSSERVAZIONI CONSECUTIVE Si possono usare varie opzioni dell'istruzione SET, di cui presentiamo alcune possibilità (riferite sempre all'esempio di partenza): PROGRAMMA SAS n. 8: data prime3; set corso.disney(obs=3); proc print; data dalla3; set corso.disney(firstobs=3); proc print; data centrali; set corso.disney(firstobs=3 obs=5); proc print; OUTPUT SAS: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m minnie f OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 minnie f clarabella f nonna papera f qui m quo m qua m emy f ely f edy f OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 minnie f clarabella f nonna papera f

17 PROGRAMMA SAS n. 8 bis data es2bis; infile 'a:es1.txt' firstobs=3; input sesso $ eta hinch wlib; proc print; OUTPUT SAS: OBS SESSO ETA HINCH WLIB 1 f f f f f f f f f f m m m m m (è omessa una parte dell output) E3. SELEZIONE DI VARIABILI La selezione delle variabili avviene mediante l'utilizzo delle istruzioni DROP e KEEP. Queste istruzioni sono complementari e servono per specificare: - quali variabili del vecchio Data Set non si vogliono ricopiare nel nuovo (istruzione DROP). - quali variabili del vecchio Data Set si vogliono ricopiare nel nuovo (istruzione KEEP). Le istruzioni DROP e KEEP sono non eseguibili. Possono pertanto comparire in qualunque punto di un passo di Data. Esempio: PROGRAMMA SAS n. 9: data etasesso; set corso.disney; drop altezza peso; oppure keep nome eta sesso;... In tal caso il nuovo Data Set non contiene più le variabili ALTEZZA e PESO, però tali variabili possono essere usate nelle istruzioni e nel calcolo di nuove variabili (ad es. rapporto=altezza/peso). DROP e KEEP possono comparire anche come opzioni di un Data Set SAS di input, come segue: PROGRAMMA SAS n. 10: data etasesso; set corso.disney(drop = altezza peso);... 17

18 In tal caso le variabili ALTEZZA e PESO non possono essere usate in alcun modo nel nuovo Data Set. E4. CAMBIO DI NOME A VARIABILI È sufficiente usare l'istruzione RENAME come segue: PROGRAMMA SAS n. 10: data nuovo(rename=(sesso=mf)); set corso.disney; /* altre istruzioni */ E5. COSTRUZIONE DI PIÙ DATA SET Si usano le istruzioni IF e SELECT che permettono di effetuare delle scelte condizionate. Esempio. PROGRAMMA SAS n. 11: data corso.maschi corso.femmine; set corso.disney; if sesso='m' then output corso.maschi; else if sesso='f' then output corso.femmine; else put 'osservazioni sbagliate' _all_; proc print data=corso.maschi; proc print data=corso.femmine; oppure: data corso.maschi corso.femmine; set corso.disney; select(sesso); when('m') output corso.maschi; when('f') output corso.femmine; otherwise put 'osservazioni sbagliate' _all_; end; proc print data=corso.maschi; proc print data=corso.femmine; OUTPUT SAS: (in entrambi i casi) OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m qui m quo m qua m OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 minnie f clarabella f nonna papera f emy f ely f edy f

19 Se la variabile Sesso contenesse un valore diverso da m o f, ad esempio M, nella finestra di Log si avrebbe un messaggio come indicato nella istruzione put. PROGRAMMA SAS n. 11 bis: data errore; if nome='paperino' then sesso='m'; data corso.maschi corso.femmine; set errore; if sesso='m' then output corso.maschi; else if sesso='f' then output corso.femmine; else put 'osservazioni sbagliate ' _all_; LOG SAS: osservazioni sbagliate nome= sesso= _ERROR_=0 _N_=2 E6. CONCATENAZIONE DI PIÙ DATA SET Si usa ancora una volta l'istruzione SET, come nel seguente esempio in cui i DS hanno le stesse variabili: PROGRAMMA SAS n. 12: data corso.tutti; set corso.maschi corso.femmine; proc print ; OUTPUT SAS della proc print: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m qui m quo m qua m minnie f clarabella f nonna papera f emy f ely f edy f L'istruzione Set usata nel seguente modo produrrebbe un output diverso: PROGRAMMA SAS n. 13: data corso.tutti2; set corso.maschi; set corso.femmine; proc print ; OUTPUT SAS n. 14: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 minnie f clarabella f nonna papera f emy f ely f

20 Il DSS TUTTI2 ha un numero di osservazioni uguale al minimo fra le osservazioni di MASCHI e FEMMINE; inoltre in questo caso in cui le variabili dei due DSS sono le stesse il secondo DSS viene scritto sul primo. Le due istruzioni set si possono usare quando i DS hanno variabili diverse (ma rilevate sulla stessa popolazione), come si vede nel seguente esempio. In questo caso i due DS risultano "affiancati". PROGRAMMA SAS n. 14: data corso.maschi1; set corso.maschi; keep nome sesso eta; data corso.maschi2; set corso.maschi; keep nome altezza peso; data corso.maschi3; set corso.maschi1; set corso.maschi2; proc print; OUTPUT SAS: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m qui m quo m qua m Nella variabile NOME sono scritti i valori assunti nel secondo DS. Se i Data Set hanno un diverso numero di osservazioni per ciascuna variabile, viene costruito un nuovo Data Set contenente tutte le variabili dei Data Set precedenti, mettendo a missing le osservazioni mancanti. Si potrebbe ottenere un DS simile al precedente utilizzando l'istruzione merge nel seguente modo: PROGRAMMA SAS n. 15: proc sort data=corso.maschi1 out=corso.maschi1s; by nome; proc sort data=corso.maschi2 out=corso.maschi2s; by nome; data corso.maschi3s; merge corso.maschi1s corso.maschi2s; by nome; proc print; OUTPUT SAS: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 paperino m pippo m qua m qui m quo m

21 ALTRO ESEMPIO: data uno; input n $ x y; datalines; a b d ; data tre; set uno; set due; proc print; data quattro; merge uno due; by n; proc print; OUTPUT SAS: data due; input n $ x z; datalines; a b c ; Obs n x y z 1 a b c ATTENZIONE A QUESTA OSSERVAZIONE OUTPUT SAS: Obs n x y z 1 a b c d E7. LETTURA DI DATI DA DATA SET DI "TIPO" DIVERSO Consideriamo il seguente esempio: PROGRAMMA SAS n. 16: proc means data=corso.disney; legge dal Data Set corso.disney var altezza peso; opera solo sulle variabili altezza e peso output out=sommario mean=m_alt m_peso; dà alle due medie i nomi e costruisce il Data Set proc print data=sommario; OUTPUT SAS della proc print: OBS _TYPE FREQ_ M_ALT M_PESO Se si vuole costruire un Data Set con gli scarti dalle medie bisogna operare nel seguente modo. PROGRAMMA SAS n. 17: data corso.diney1; if _n_=1 then set sommario; set corso.disney; alt_c=altezza-m_alt; peso_c=peso-m_peso; drop _type freq_; proc print; In tal modo si costruisce un Data Set con le variabili precedenti più le due medie m_alt e m_peso e le due nuove che sono alt_c e peso_c. 21

22 OUTPUT SAS: 0BS M_ALT M_PESO NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO ALT_C PESO_C pippo m paperino m minnie f clarabella f nonna papera f qui m quo m qua m emy f ely f edy f Se non si mettesse l'istruzione if _n_=1 then... verrebbe costruito un Data Set con tutte le variabili e un numero di osservazioni pari a quelle di sommario (primo Ds a cui si fa il set). OUTPUT SAS: 0BS M_ALT M_PESO NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO ALT_C PESO_C pippo m

23 F. ANCORA SUL PASSO DI DATA F1. ESPRESSIONI E FUNZIONI SAS ESPRESSIONI SAS Sono le solite: costanti, date, operatori sia su variabili carattere che numeriche, ecc. FUNZIONI SAS Le funzioni del SAS, così come in tutti gli altri linguaggi di programmazione, sono dei programmi già scritti che si richiamano con una parola chiave e ritornano un valore calcolato sugli argomenti che vengono passati alla funzione. Il formato delle funzioni può essere uno dei seguenti: NOME-FUNZIONE (arg1, arg2,..., argn ); NOME-FUNZIONE (OF var1 - varn ); NOME-FUNZIONE (OF var1 var2 var3...varn ); (il più comune è il primo tipo presentato) Gli argomenti delle funzioni possono essere: - costanti o variabili numeriche - costanti o variabili alfanumeriche - espressioni comprese quelle in cui compaiono altre funzioni Le funzioni SAS si possono distinguere nelle seguenti classi: - funzioni aritmetiche ricordiamo ABS, MIN, MAX, DIM (indica la dimensione di un'array) HBOUND, LBOUND (forniscono i limiti di un'array), ecc. - funzioni di troncamento - funzioni matematiche ricordiamo EXP, LOG, GAMMA (funzione Gamma completa), LGAMMA (log. nat. della funz. Gamma). - funzioni trigonometriche - funzioni probabilistiche valore integrale valore quantile POISSON PROBBETA BETAINV PROBBNML PROBCHI CINV PROBF FINV PROBGAM GAMINV PROBNORM PROBIT PROBT TINV (con opportuni parametri) - funzioni statistiche ricordiamo MIN (minimo), MAX (massimo), MEAN (media), N (numero di dati non missing), NMISS (numero di dati missing), RANGE (rango), STD (standard deviation), SUM (somma), VAR (varianza), USS (somma dei quadrati dei dati), CSS (somma dei quadrati dei dati centrati sulla media). - funzioni per generare numeri casuali ricordiamo NORMAL (che genera una variabile normale), RANBIN (che genera un'osservazione da una binomiale), RANEXP (che genera una osservazione da un'esponenziale di parametro 1), RAGGAMM, ecc. - funzioni per elaborazione di stringhe - funzioni per elaborare date e tempi - funzioni di sistema - funzioni speciali 23

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon)

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) Sed & Awk Sed e Awk sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) awk: linguaggio per l'elaborazione di modelli orientato ai campi (1977, Bell

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati.

Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati. 1 Esercitazione Stata 18/11/2011 ore 9-12 Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati. Stata, che cos'è Stata è un software statistico

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi ENDNOTE WEB EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi EndNote Web consente di: importare informazioni

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso Integrare le MFC con Irrlicht by Raffaele White tiger Mancuso In questo topic spiegherò come integrare irrlicht in un documento singolo MFC *(1). Io ho usato il visual c++ 6 ma la procedura dovrebbe essere

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

Fortran per Ingegneri

Fortran per Ingegneri Fortran per Ingegneri Lezione 5 A.A. 0/04 Ing. Davide Vanzo davide.vanzo@unitn.it Ing. Simone Zen simone.zen@unitn.it ufficio: Laboratorio didattico di modellistica ambientale ( piano) Tel interno: 488

Dettagli

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO Poste ALL. 15 Informazioni relative a FDA (Food and Drug Administration) FDA: e un ente che regolamenta, esamina, e autorizza l importazione negli Stati Uniti d America d articoli che possono avere effetti

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Polinomi: Definizione... Un polinomio è un oggetto nativo in Scilab Si crea,

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Excel basi e funzioni

Excel basi e funzioni Esercitazione di Laboratorio Excel basi e funzioni Contenuto delle celle 1. Testo 2. Numeri 3. Formule Formattazione delle celle (1) Formattazione del testo e dei singoli caratteri: Orientamento a 45 Allineamento

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli