NOTE INTRODUTTIVE AL SISTEMA SAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTE INTRODUTTIVE AL SISTEMA SAS"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DI GENOVA Via Dodecaneso, GENOVA (Italy) tel fax NOTE INTRODUTTIVE AL SISTEMA SAS Fabio Rapallo - Ivano Repetto - Maria Piera Rogantin Dipartimento di Matematica - Università di Genova

2

3 A. Aspetti generali A1. Il linguaggio SAS A2. I passi di DATA A3. I passi di PROC A4. I DATA SET di tipo SAS A5. Tipi di variabili B. Come eseguire un programma SAS INDICE C. Esempi di programmi SAS C1. Primo esempio C2. Secondo esempio: le procedure PRINT e CONTENTS C3. Osservazioni per la scrittura dei programmi D. Il passo di DATA D1. Creazione di un DATA SET SAS D2. Alcuni esempi D3. DATA SET SAS permanenti E. Manipolazione dei DATA SET E1. Selezione di sottoclassi di osservazioni E2. Selezione di osservazioni consecutive E3. Selezione di variabili E4. Cambio di nome a variabili E5. Costruzione di più DATA SET SAS E6. Concatenazione di più DATA SET SAS E7. Lettura di DATA SET di "tipo" diverso F. Ancora sul passo di DATA F1. Espressioni e funzioni SAS F2. I valori mancanti F3. Somme cumulate F4. Approfondimenti sull esecuzione di un passo di DATA F5. Gli array F6. Istruzioni di controllo F7. L'istruzione INPUT F8. L'istruzione INFILE F9. L'istruzione OUTPUT F10. Scrittura su un file esterno e istruzione PUT G. Il passo di PROC G1. Alcune opzioni e istruzioni usato in un passo di PROC G2. Procedura SORT G3. Procedura PRINT G4. Procedura MEANS G5. Procedura FREQ (e procedura FORMAT) G6. Procedura UNIVARIATE G7. Altre procedure statistiche elementari G8. Alcune procedure che operano su DATA SET SAS G9. Selezione di variabili e di osservazioni in una procedura H. Istruzioni e procedure grafiche H1. Alcune istruzioni per gli output grafici H2. Procedura GCHART H3. Procedura GPLOT I. Errori e lettura del LOG 3

4 J. Approfondimenti: manipolazione di Data Set SAS J1. Overview of Methods for Combining SAS Data Sets J2. Manipolazione di Data Set SAS J2.1 Per concatenare i DSS: uso di Set J2.2 Per concatenare i DSS: uso di Set by e di Merge by J2.3 Per affiancare DSS con variabili diverse: uso di Set Set e di Merge J2.4 Per aggiornare un DSS: uso di Update e di Merge by J2.5 Per aggingere osservazioni a un DSS: la proc Append J3. Osservazioni ripetute: uso di Set by e variabili first.<..> e last.<..> K. Approfondimenti: lettura di dati grezzi K1. Input a lista con formato K2. Input con nome K3. Sospensione dell input: uso K4. Opzioni di Infile per leggere dati con delimitatori nell input a lista L. Approfondimenti: formati di lettura e scrittura dei dati L1. Istruzione Format L2. Istruzione Informat L3. Istruzione Lenght L4. Istruzione Atttrib L5. La Proc Format L5.1 Istruzione Value L5.2 Istruzione Invalue L5.3 Istruzione Picture L5.4 Alcuni esempi di cambio di formati L5.5 Funzioni di conversione da variabile carattere a numerica e viceversa L6. SAS Date, Time, and Datetime Values L7. Alcune funzioni di arrotondamento L8. Alcune funzioni sulle variabili carattere M. Approfondimenti: le Macro SAS M1. Introduzione alla programmazione con macro M2. SAS Macro Language: Reference N. Approfondimenti: come operare con matrici in SAS 4

5 A1. IL LINGUAGGIO SAS A. Aspetti generali Il SAS è un sistema software che fornisce strumenti necessari per analizzare dati. E' composto da: - un linguaggio usato per la manipolazione dei dati; - una libreria di procedure pre-confezionate per uso generale. Esiste un modulo SAS BASE più vari moduli per particolari applicazioni quali ad esempio: - statistica (STAT) - controllo qualità (QC) - ricerca operativa (OR) - serie temporali (TSA) - manipolazione matrici (IML) - grafica avanzata (GRAPH) - gestione risorse calcolatore - gestione Data Base. Il SAS consente di: - leggere dati - trasformare e manipolare di dati (mediante l'utilizzo di funzioni matematiche e statistiche, di concatenazione e di ordinamento) - aggiornare dati - stampare prospetti - generare grafici - ridurre e sintetizzare dati - effettuare analisi matematiche sui dati Ogni programma è composto da passi (STEP). Esistono 2 tipi di passi: i passi di DATA e i passi di PROC. A2. I PASSI DI DATA Si usano per creare DATA SET SAS partendo da files già esistenti. Tali files possono essere non SAS (grezzi), o già di tipo SAS. I dati in ingresso possono subire trattamenti durante il passo di DATA. dati grezzi dati grezzi DATA SET SAS passo di DATA 5 DATA SET SAS Un passo di data inizia con l'istruzione DATA seguito dal nome del Data Set Sas che si vuole costruire. A3. I PASSI DI PROC Servono per produrre tabulati, rapporti, statistiche, ecc. I dati su cui operano devono già essere in formato DATA SET SAS. Con un passo di Proc si possono creare anche altri DATA SET SAS che possono essere analizzati successivamente da altri passi di DATA o di PROC. Un passo di proc inizia con l'istruzione PROC seguito dal nome della procedura che si vuole eseguire. Un passo di programma (di data o di proc) termina con l'istruzione RUN; o con un nuovo passo di data o di proc.

6 A4. I DATA SET DI TIPO SAS Un DATASET di tipo SAS è un insieme di dati omogenei organizzati in forma rettangolare. ESEMPIO: osservazioni variabili Le colonne sono chiamate variabili; ciascuna di esse ha un nome (si consiglia di assegnare sempre nomi mnemonici). Un nome deve seguire le seguenti regole sintattiche: a) deve essere formato da 1 a 8 caratteri; b) può contenere cifre al suo interno; Un DATA SET SAS si compone di due parti distinte: - una parte descrittiva in cui vengono memorizzate tutte le informazioni necessarie affinchè il SAS possa in un qualunque momento rileggere i dati in modo totalmente automatico (es.: nomi e attributi delle variabili, "storia" di come è stato costruito,... ); - una parte in cui vengono memorizzati i dati propriamente detti. Per visualizzare le due parti, si devono usare delle PROC diverse. Osservazione: un DATA SET SAS non è un file di dati tradizionale ma è leggibile solo con il software con cui è stato costruito. Ogni file SAS ha un nome. I nomi dei file seguono le stesse regole dei nomi delle variabili. A5. TIPI DI VARIABILI Una variabile può essere di due tipi: - NUMERICA (es. età, altezza, peso) - CARATTERE (es. cognome, sesso) Una variabile è caratterizzata da una serie di attributi: - nome - lunghezza (LENGTH) - formato di ingresso (INFORMAT) - formato di uscita (FORMAT) - etichetta (LABEL) che possono essere specificati con opportune istruzioni. La lunghezza massima del nome di una variabile (salvo diversa dichiarazione) è di 8 caratteri. Le variabili assumono valori che dipendono dalla elaborazione che si sta effettuando. In particolari situazioni non esistono valori associabili ad una variabile (sia in fase di INPUT dei dati, sia a causa di operazioni su dati "invalidi"); in questo caso il SAS associa un particolare valore alla variabile, definito "valore mancante" o "valore vuoto" o "missing value". Il SAS esegue automaticamente la conversione da variabile carattere a numerica quando: - una variabile carattere è assegnata ad una variabile numerica definita precedentemente; - si esegue il confronto tra una variabile carattere e una numerica; - si eseguono operazioni aritmetiche su variabili carattere (solo nel caso in cui siano formate da cifre). Il SAS esegue automaticamente una conversione da variabile numerica a carattere quando: - una variabile numerica è assegnata ad una variabile carattere definita precedentemente; - una funzione agisce su una variabile numerica ma ha un formato carattere come argomento; - una variabile numerica è usata come operando di un operatore tipico delle variabili carattere (esempio l'operatore di concatenazione di stringhe). 6

7 B. COME ESEGUIRE UN PROGRAMMA CON IL SAS PER WINDOWS Avviando il SAS da Windows compare una schermata composta generalmente da due finestre: una di Log e l'altra di Program Editor. Un'altra finestra, quella di Output si apre quando il programma crea un output non grafico Alcune osservazioni sulla scrittura e l'esecuzione dei programmi: - il testo del programma va scritto nella finestra di Program Editor - per salvare il programma su disco: dalla finestra di Program Editor, dal menù File si seleziona: Save o Save as Con Save il programma (dopo il primo salvataggio) è salvato con il nome dell'ultimo programma richiamato (fare attenzione). Il nome di un programma salvato compare nell'intestazione della finestra di Program Editor. - per richiamare un programma salvato in precedenza in un file: dalla finestra di Program Editor, dal menù File si seleziona: Open --> Read File - per far eseguire programma occorre dalla finestra di P.E., dal menù Local selezionare: Submit (che corrisponde al tasto funzionale F8) - ad ogni esecuzione il testo del programma scompare dalla finestra del Program Editor, ma può essere richiamato selezionando dalla finestra di Program Editor, dal menù Local: Recall (corrispondente al tasto funzionale F4) con Recall si richiama l'ultimo programma eseguito (se si ripete l'operazione due volte vengono richiamati gli ultimi due programmi eseguiti, e così via) - mentre il programma viene eseguito nella finestra di Log compaiono le indicazioni di ciò che il programma sta facendo come, ad esempio, tempi di esecuzione delle procedure, eventuali errori, numero di osservazioni lette nel Data Set, ecc. - se è previsto un output non grafico questo viene scritto nella finestra di Output - avendo le finestre un'estensione limitata, non sempre tutto il loro contenuto è visibile. Per scorrere all'interno di una finestra si eseguono le solite operazioni delle applicazioni Windows - per spostarsi da una finestra all'altra si può utilizare il menù Window o il mouse o usare i tasti funzionali: - F5 per la finestra di Program Editor - F6 per la finestra di Log - F7 per la finestra di Output - i comandi di edizione di testo si trovano nel menu Edit - per rimuovere il contenuto di tutte le linee di testo da qualsiasi finestra, dal menù Edit selezionare: Clear text (corrispondente ai tasti control+e) - per conservare i risultati contenuti nella finestra di Log e di Output in un file permanente si usa il comando Save come per il salvataggio di un programma - per conoscere il contenuto dei tasti funzionali bisogna, dal menù Help selezionare: Keys con tale operazione compare una finestra Keys con le indicazioni volute - nel menù Help, selezionando SAS System si possono trovare la sintassi e le spiegazioni per le varie procedure e per l'uso dei comandi SAS 7

8 C1 PRIMO ESEMPIO C. ESEMPI DI PROGRAMMA SAS Con questo programma: - si costruisce un data set SAS di nome CLASSE leggendo i dati inseriti nel programma - si ordinano i dati secondo una variabile - si stampa il contenuto del DSS costruito - si costruiscono alcune statistiche PROGRAMMA SAS n. 1: DATA CLASSE; INPUT NOME $ A_CORSO $ - i nomi delle variabili sono separati da blank A_NASCIT ES_DATI MEDIA; - le prime due variabili sono di tipo carattere DATALINES; - i dati sono inseriti nel programma; XXX 1F si vedrà in seguito il caso con dati su file ZZZ 4R ogni linea corrisponde a una osservazione WWW TTT ; PROC SORT; - lavora sull'ultimo Data Set BY ES_DATI; - ordina le oss. rispetto alla variabile ES_DATI PROC PRINT; - stampa le variabili del Data Set con il titolo indicato TITLE 'STUDENTI ORDINATI PER NUMERO ESAMI DATI'; - determina l'esecuzione del passo di proc PROC CONTENTS; - stampa le informazioni sul Data Set con il titolo assegnato precedentemente PROC MEANS; - calcola alcune statistiche su tutte le variabili numeriche con il titolo precedente RUN; - determina l'esecuzione del passo di proc PROC MEANS; - calcola alcune statistiche sulle variabili indicate var a_nascit; dopo l istruzionevar RUN; - determina l'esecuzione del passo di proc OUTPUT SAS della procedura PRINT: STUDENTI ORDINATI PER NUMERO ESAMI DATI OBS NOME A_CORSO A_NASCITA ES_DATI MEDIA 1 TTT XXX 1F WWW ZZZ 4R

9 C2 SECONDO ESEMPIO: LE PROCEDURE PRINT E CONTENTS Con questo programma: - si costruisce un data set SAS di nome ES1 leggendo i dati inseriti nel programma - si costruiscono nuove variabili da quelle di partenza - si stampa il contenuto del DSS costruito (sia i dati che la descrizione) PROGRAMMA SAS n. 2: data es1; input sesso $ eta hinch wlib; altezza=hinch*2.54; peso=wlib*0.4536; datalines; f f f f f f f f f f f f f f f f f f f f f (non è riportato una parte dell'input) m m m m m m m m m m m m m m ; proc print; title ' '; proc contents; i due primi run non sono necessari 9

10 OUTPUT SAS: L'output della proc print è il seguente: OBS SESSO ETA HINCH WLIB ALTEZZA PESO 1 f f f f f f f f f (non è riportato una parte dell'output) 230 m m m m m m m L'output della proc contents è il seguente: CONTENTS PROCEDURE Data Set Name: WORK.ES1 Observations: 236 Member Type: DATA Variables: 6 Engine: V611 Indexes: 0 Created: 10:55 Friday, December 4, 1998 Observation Length: 48 Last Modified: 10:55 Friday, December 4, 1998 Deleted Observations: 0 Protection: Compressed: NO Data Set Type: Sorted: NO Label: -----Engine/Host Dependent Information----- Data Set Page Size: 8192 Number of Data Set Pages: 2 File Format: 607 First Data Page: 1 Max Obs per Page: 169 Obs in First Data Page: Alphabetic List of Variables and Attributes----- # Variable Type Len Pos ALTEZZA Num ETA Num HINCH Num PESO Num SESSO Char WLIB Num

11 C3. OSSERVAZIONI PER LA SCRITTURA DEI PROGRAMMI - le istruzioni terminano con il carattere " ; " - si possono usare tutte le colonne di una linea - si possono scrivere più istruzioni su una linea (separate ovviamente da ;) - si può scrivere una istruzione su più linee - si possono mettere più istruzioni "RUN" all'interno di un programma - i commenti vanno compresi fra /* e */ ( es. PROC SORT; /* ordinamento dei dati */ ) ABBREVIAZIONI PER LISTE DI VARIABILI a) X1-Xn si considerano tutte le variabili da X1 a Xn ( X1 X2 X3... Xn) b) X--A si considerano tutte le variabili da X a A X-NUMERIC-A si considerano tutte le variabili numeriche da X a A X-CHARACTER-A si considerano tutte le variabili carattere da X a A c) _NUMERIC_ si considerano tutte le variabili numeriche _CHARACTER_ si considerano tutte le variabili carattere _ALL_ si considerano tutte le variabili ESEMPIO 1: l'istruzione INPUT dell'esempio n.1 può scriversi: INPUT NOME $ A_CORSO $ VAR1-VAR3; dopo PROC PRINT si potrebbe mettere l'istruzione: VAR NOME--VAR3 ; che sarebbe equivalente a: VAR NOME A_CORSO VAR1 VAR2 VAR3; (tale istruzione indica che la PROC deve essere effettuata solo per le variabili indicate) ESEMPIO 2: data uno; input x1 x2 y x3 x5; datalines; ; proc print; var x1--x3; proc print; var x1-x3; OUTPUT SAS: Obs x1 x2 y x3 OUTPUT SAS: Obs x1 x2 x proc print; var x1--x5; OUTPUT SAS: Obs x1 x2 y x3 x proc print; var x1-x5; LOG SAS: ERROR: Variable X4 in suffix list not in data set

12 D. IL PASSO DI DATA D1. CREAZIONE DI UN DATA SET SAS DATI SU FILE ESTERNO: DATA nome Data Set ; INFILE '[path] nome ' ; INPUT...; con eventuale formato di lettura. altre istruzioni usate nel passo di DATA ; apre il file per la lettura descrive l'input assegnando un nome alle variabili DATI INSERITI NEL PROGRAMMA: DATA nome Data Set ; INPUT...; altre istruzioni ; DATALINES; immediatamente prima dei dati linee di dati ; indica la fine dei dati DATI DA UN ALTRO DATA SET: DATA nome del nuovo Data Set ; SET nome del Data Set da cui leggere i dati; altre istruzioni ; OSS: oltre all'istruzione SET si possono usare anche le istruzioni MERGE e PUT con risultato analogo. 12

13 D2. ALCUNI ESEMPI DATI INSERITI NEL PROGRAMMA: PROGRAMMA SAS n. 2: data es1; input sesso $ eta hinch wlib; altezza=hinch*2.54; peso=wlib*0.4536; datalines; f f f f f f f f f f f f m m m m m m m m ; DATI SU FILE ESTERNO: PROGRAMMA SAS n. 3: data es2; infile 'a:es1.txt'; input sesso $ eta hinch wlib; altezza=hinch*2.54; peso=wlib*0.4536; DATI DA UN ALTRO DATA SET: PROGRAMMA SAS n. 4: data es3; set es2; if eta < 16 then cl_eta = 'giovane'; else cl_eta='vecchio'; proc print; var eta cl_eta; 13

14 D3. DATA SET SAS PERMANENTI COME RENDERE PERMANENTE UN DATA SET SAS a) bisogna creare una "libreria" con l'istruzione: LIBNAME nome simbolico libreria ' path '; b) quando si costruisce il Data Set bisogna scrivere: DATA nome simbolico libreria.nome Data Set ; INPUT...;... si indica la directory dove scrivere i Data Set permanenti l'estensione del file costruito è SD2 I Data Set sono conservati con il nome: nome Data Set.SD2 nel path specificato dall'istruzione LIBNAME. Esempio. PROGRAMMA SAS n. 5: libname corso 'a:\corsosas'; data corso.es3; set es2; if eta < 16 then cl_eta = 'giovane'; else cl_eta='vecchio'; proc print; var eta cl_eta; I Data Set permanenti sono memorizzati nella directory a:\corsosas. L'istruzione libname vale per tutti i Data Set costruiti nella sessione. Il data set costruito è memorizzata nel file a:\corsosas\es3.sd2 che ha la struttura di un Data set SAS. COME ACCEDERE AD UN DATA SET PERMANENTE DATA nome nuovo Data Set ; SET nome simbolico libreria.nome Data Set ;... data corso.nuovo; set corso.es3; 14

15 E. MANIPOLAZIONE DI DATA SET Consideriamo il seguente esempio. PROGRAMMA SAS n. 6: libname corso 'a:\corsosas'; data corso.disney; input nome $ & sesso $ eta altezza peso; length nome $ 12; datalines; pippo m paperino m minnie f clarabella f nonna papera f qui m quo m qua m emy f ely f edy f ; proc print; OUTPUT SAS: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m minnie f clarabella f nonna papera f qui m quo m qua m emy f ely f edy f E1. SELEZIONE DI SOTTOCLASSI DI OSSERVAZIONI La selezione di sottoclassi di osservazioni contenute in un Data Set può avvenire con diverse forme. Presentiamo alcune di queste possibilità continuando l'esempio precedente: PROGRAMMA SAS n. 7: data maschi; set corso.disney; if sesso='m'; proc print; il DDS costruito è temporaneo nome DSS con i dati di cui si vuole selezionare una sottoclasse precisa il criterio di selezione l'istruzione: if sesso='m'; può essere sostituita equivalentemente dalle istruzioni if sesso ^='m' then delete; if sesso ='m' then output; 15

16 OUTPUT SAS: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m qui m quo m qua m E2. SELEZIONE DI OSSERVAZIONI CONSECUTIVE Si possono usare varie opzioni dell'istruzione SET, di cui presentiamo alcune possibilità (riferite sempre all'esempio di partenza): PROGRAMMA SAS n. 8: data prime3; set corso.disney(obs=3); proc print; data dalla3; set corso.disney(firstobs=3); proc print; data centrali; set corso.disney(firstobs=3 obs=5); proc print; OUTPUT SAS: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m minnie f OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 minnie f clarabella f nonna papera f qui m quo m qua m emy f ely f edy f OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 minnie f clarabella f nonna papera f

17 PROGRAMMA SAS n. 8 bis data es2bis; infile 'a:es1.txt' firstobs=3; input sesso $ eta hinch wlib; proc print; OUTPUT SAS: OBS SESSO ETA HINCH WLIB 1 f f f f f f f f f f m m m m m (è omessa una parte dell output) E3. SELEZIONE DI VARIABILI La selezione delle variabili avviene mediante l'utilizzo delle istruzioni DROP e KEEP. Queste istruzioni sono complementari e servono per specificare: - quali variabili del vecchio Data Set non si vogliono ricopiare nel nuovo (istruzione DROP). - quali variabili del vecchio Data Set si vogliono ricopiare nel nuovo (istruzione KEEP). Le istruzioni DROP e KEEP sono non eseguibili. Possono pertanto comparire in qualunque punto di un passo di Data. Esempio: PROGRAMMA SAS n. 9: data etasesso; set corso.disney; drop altezza peso; oppure keep nome eta sesso;... In tal caso il nuovo Data Set non contiene più le variabili ALTEZZA e PESO, però tali variabili possono essere usate nelle istruzioni e nel calcolo di nuove variabili (ad es. rapporto=altezza/peso). DROP e KEEP possono comparire anche come opzioni di un Data Set SAS di input, come segue: PROGRAMMA SAS n. 10: data etasesso; set corso.disney(drop = altezza peso);... 17

18 In tal caso le variabili ALTEZZA e PESO non possono essere usate in alcun modo nel nuovo Data Set. E4. CAMBIO DI NOME A VARIABILI È sufficiente usare l'istruzione RENAME come segue: PROGRAMMA SAS n. 10: data nuovo(rename=(sesso=mf)); set corso.disney; /* altre istruzioni */ E5. COSTRUZIONE DI PIÙ DATA SET Si usano le istruzioni IF e SELECT che permettono di effetuare delle scelte condizionate. Esempio. PROGRAMMA SAS n. 11: data corso.maschi corso.femmine; set corso.disney; if sesso='m' then output corso.maschi; else if sesso='f' then output corso.femmine; else put 'osservazioni sbagliate' _all_; proc print data=corso.maschi; proc print data=corso.femmine; oppure: data corso.maschi corso.femmine; set corso.disney; select(sesso); when('m') output corso.maschi; when('f') output corso.femmine; otherwise put 'osservazioni sbagliate' _all_; end; proc print data=corso.maschi; proc print data=corso.femmine; OUTPUT SAS: (in entrambi i casi) OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m qui m quo m qua m OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 minnie f clarabella f nonna papera f emy f ely f edy f

19 Se la variabile Sesso contenesse un valore diverso da m o f, ad esempio M, nella finestra di Log si avrebbe un messaggio come indicato nella istruzione put. PROGRAMMA SAS n. 11 bis: data errore; if nome='paperino' then sesso='m'; data corso.maschi corso.femmine; set errore; if sesso='m' then output corso.maschi; else if sesso='f' then output corso.femmine; else put 'osservazioni sbagliate ' _all_; LOG SAS: osservazioni sbagliate nome= sesso= _ERROR_=0 _N_=2 E6. CONCATENAZIONE DI PIÙ DATA SET Si usa ancora una volta l'istruzione SET, come nel seguente esempio in cui i DS hanno le stesse variabili: PROGRAMMA SAS n. 12: data corso.tutti; set corso.maschi corso.femmine; proc print ; OUTPUT SAS della proc print: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m qui m quo m qua m minnie f clarabella f nonna papera f emy f ely f edy f L'istruzione Set usata nel seguente modo produrrebbe un output diverso: PROGRAMMA SAS n. 13: data corso.tutti2; set corso.maschi; set corso.femmine; proc print ; OUTPUT SAS n. 14: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 minnie f clarabella f nonna papera f emy f ely f

20 Il DSS TUTTI2 ha un numero di osservazioni uguale al minimo fra le osservazioni di MASCHI e FEMMINE; inoltre in questo caso in cui le variabili dei due DSS sono le stesse il secondo DSS viene scritto sul primo. Le due istruzioni set si possono usare quando i DS hanno variabili diverse (ma rilevate sulla stessa popolazione), come si vede nel seguente esempio. In questo caso i due DS risultano "affiancati". PROGRAMMA SAS n. 14: data corso.maschi1; set corso.maschi; keep nome sesso eta; data corso.maschi2; set corso.maschi; keep nome altezza peso; data corso.maschi3; set corso.maschi1; set corso.maschi2; proc print; OUTPUT SAS: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 pippo m paperino m qui m quo m qua m Nella variabile NOME sono scritti i valori assunti nel secondo DS. Se i Data Set hanno un diverso numero di osservazioni per ciascuna variabile, viene costruito un nuovo Data Set contenente tutte le variabili dei Data Set precedenti, mettendo a missing le osservazioni mancanti. Si potrebbe ottenere un DS simile al precedente utilizzando l'istruzione merge nel seguente modo: PROGRAMMA SAS n. 15: proc sort data=corso.maschi1 out=corso.maschi1s; by nome; proc sort data=corso.maschi2 out=corso.maschi2s; by nome; data corso.maschi3s; merge corso.maschi1s corso.maschi2s; by nome; proc print; OUTPUT SAS: OBS NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO 1 paperino m pippo m qua m qui m quo m

21 ALTRO ESEMPIO: data uno; input n $ x y; datalines; a b d ; data tre; set uno; set due; proc print; data quattro; merge uno due; by n; proc print; OUTPUT SAS: data due; input n $ x z; datalines; a b c ; Obs n x y z 1 a b c ATTENZIONE A QUESTA OSSERVAZIONE OUTPUT SAS: Obs n x y z 1 a b c d E7. LETTURA DI DATI DA DATA SET DI "TIPO" DIVERSO Consideriamo il seguente esempio: PROGRAMMA SAS n. 16: proc means data=corso.disney; legge dal Data Set corso.disney var altezza peso; opera solo sulle variabili altezza e peso output out=sommario mean=m_alt m_peso; dà alle due medie i nomi e costruisce il Data Set proc print data=sommario; OUTPUT SAS della proc print: OBS _TYPE FREQ_ M_ALT M_PESO Se si vuole costruire un Data Set con gli scarti dalle medie bisogna operare nel seguente modo. PROGRAMMA SAS n. 17: data corso.diney1; if _n_=1 then set sommario; set corso.disney; alt_c=altezza-m_alt; peso_c=peso-m_peso; drop _type freq_; proc print; In tal modo si costruisce un Data Set con le variabili precedenti più le due medie m_alt e m_peso e le due nuove che sono alt_c e peso_c. 21

22 OUTPUT SAS: 0BS M_ALT M_PESO NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO ALT_C PESO_C pippo m paperino m minnie f clarabella f nonna papera f qui m quo m qua m emy f ely f edy f Se non si mettesse l'istruzione if _n_=1 then... verrebbe costruito un Data Set con tutte le variabili e un numero di osservazioni pari a quelle di sommario (primo Ds a cui si fa il set). OUTPUT SAS: 0BS M_ALT M_PESO NOME SESSO ETA ALTEZZA PESO ALT_C PESO_C pippo m

23 F. ANCORA SUL PASSO DI DATA F1. ESPRESSIONI E FUNZIONI SAS ESPRESSIONI SAS Sono le solite: costanti, date, operatori sia su variabili carattere che numeriche, ecc. FUNZIONI SAS Le funzioni del SAS, così come in tutti gli altri linguaggi di programmazione, sono dei programmi già scritti che si richiamano con una parola chiave e ritornano un valore calcolato sugli argomenti che vengono passati alla funzione. Il formato delle funzioni può essere uno dei seguenti: NOME-FUNZIONE (arg1, arg2,..., argn ); NOME-FUNZIONE (OF var1 - varn ); NOME-FUNZIONE (OF var1 var2 var3...varn ); (il più comune è il primo tipo presentato) Gli argomenti delle funzioni possono essere: - costanti o variabili numeriche - costanti o variabili alfanumeriche - espressioni comprese quelle in cui compaiono altre funzioni Le funzioni SAS si possono distinguere nelle seguenti classi: - funzioni aritmetiche ricordiamo ABS, MIN, MAX, DIM (indica la dimensione di un'array) HBOUND, LBOUND (forniscono i limiti di un'array), ecc. - funzioni di troncamento - funzioni matematiche ricordiamo EXP, LOG, GAMMA (funzione Gamma completa), LGAMMA (log. nat. della funz. Gamma). - funzioni trigonometriche - funzioni probabilistiche valore integrale valore quantile POISSON PROBBETA BETAINV PROBBNML PROBCHI CINV PROBF FINV PROBGAM GAMINV PROBNORM PROBIT PROBT TINV (con opportuni parametri) - funzioni statistiche ricordiamo MIN (minimo), MAX (massimo), MEAN (media), N (numero di dati non missing), NMISS (numero di dati missing), RANGE (rango), STD (standard deviation), SUM (somma), VAR (varianza), USS (somma dei quadrati dei dati), CSS (somma dei quadrati dei dati centrati sulla media). - funzioni per generare numeri casuali ricordiamo NORMAL (che genera una variabile normale), RANBIN (che genera un'osservazione da una binomiale), RANEXP (che genera una osservazione da un'esponenziale di parametro 1), RAGGAMM, ecc. - funzioni per elaborazione di stringhe - funzioni per elaborare date e tempi - funzioni di sistema - funzioni speciali 23

NOTE INTRODUTTIVE AL SISTEMA SAS

NOTE INTRODUTTIVE AL SISTEMA SAS DIPARTIMENTO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DI GENOVA Via Dodecaneso, 35-16146 GENOVA (Italy) tel. +39-010-3536751 fax +39-010-3536752 NOTE INTRODUTTIVE AL SISTEMA SAS Fabio Rapallo - Ivano Repetto - Maria Piera

Dettagli

Struttura del sistema SAS. Introduzione a SAS SAS PROCESSING. Componenti del linguaggio SAS. a.a. 2011/12 Analisi multivariata

Struttura del sistema SAS. Introduzione a SAS SAS PROCESSING. Componenti del linguaggio SAS. a.a. 2011/12 Analisi multivariata Struttura del sistema SAS Introduzione a SAS a.a. 2011/12 Analisi multivariata Carla Rampichini rampichini@ds.unifi.it Analisi dei dati 2 passi fondamentali: 1. organizzazione dei dati; 2. analisi dei

Dettagli

Analisi in Componenti Principali

Analisi in Componenti Principali Analisi in Componenti Principali ( Esempio sul dataset Cars ) (azzurro = teoria) Introduzione Si effettuano p rilevazioni statistiche su n unità. Ciascuna unità può essere visualizzata con un punto di

Dettagli

Introduzione al software SAS

Introduzione al software SAS Introduzione al software SAS Metodi Quantitativi per Economia, Finanza e Management Esercitazione n 1 Orario di ricevimento Alberto Saccardi alberto.saccardi@nunatac.it asaccardi@liuc.it Lunedì 17-18 Aula

Dettagli

INTRODUZIONE AL SAS. (Prima lezione)

INTRODUZIONE AL SAS. (Prima lezione) INTRODUZIONE AL SAS (Prima lezione) 1 Premessa Il SAS, acronimo per Statistical Analysis System, è uno dei software più utilizzati per condurre analisi che vanno da semplici statistiche descrittive e inferenziali

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

EDI Manuale Sistemista. EDI Manuale Sistemista

EDI Manuale Sistemista. EDI Manuale Sistemista EDI Manuale Sistemista Paragrafo-Pagina di Pagine 1-1 di 12 Versione 44 del 11/11/2011 SOMMARIO 1 A Chi è destinato... 1-3 2 Pre requisiti... 2-3 3 Obiettivi... 3-3 4 Durata della formazione... 4-3 5 Introduzione

Dettagli

Introduzione al Python

Introduzione al Python Andrea Passerini passerini@disi.unitn.it Informatica Caratteristiche procedurale si specifica la procedura da eseguire sui dati strutturato concetto di visibililtà delle variabili orientato agli oggetti

Dettagli

Istruzioni condizionali. Istruzioni condizionali IF-THEN- ELSE IF-THEN-ELSE. Statistica computazionale Carla Rampichini a.a.

Istruzioni condizionali. Istruzioni condizionali IF-THEN- ELSE IF-THEN-ELSE. Statistica computazionale Carla Rampichini a.a. Istruzioni condizionali Istruzioni condizionali Statistica computazionale Carla Rampichini a.a. 2008/09 Subsetting I I espressione; I-THEN-ELSE I espress THEN istr; [ELSE istr;] DO WHILE DO UNTIL I-THEN-

Dettagli

By E.M. note sull'uso di GAMBAS

By E.M. note sull'uso di GAMBAS By E.M. note sull'uso di GAMBAS GAMBAS viene installato sotto Xubuntu nella directory: /usr/share/gambas2 link problema su uso dell'esempio SerialPort http://gambasrad.org/zforum/view_topic?topic_id=1057

Dettagli

LA GESTIONE DELLE DATE E DEI TEMPI. i formati delle date accettati in INPUT

LA GESTIONE DELLE DATE E DEI TEMPI. i formati delle date accettati in INPUT LA GESTIONE DELLE DATE E DEI TEMPI La data è una stringa che viene utilizzata per calcoli e, quindi, deve avere una rappresentazione interna di un numero. Le regole convenzionale per la lettura delle date

Dettagli

Gianluca Della Vedova. Laboratorio Statistico-Informatico. Altre finestre. Finestre. Data Step. Data set. Data Step: Importazione.

Gianluca Della Vedova. Laboratorio Statistico-Informatico. Altre finestre. Finestre. Data Step. Data set. Data Step: Importazione. Univ. Milano Bicocca http://gianluca.dellavedova.org Lab. Statistico-Informatico Ufficio U7-244 http://gianluca.dellavedova.org gianluca.dellavedova@unimib.it 28 febbraio 2012, revisione 3fa2281 Finestre

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

GESTIONE DEGLI ARCHIVI

GESTIONE DEGLI ARCHIVI GESTIONE DEGLI ARCHIVI ARCHIVIO NON SAS ARCHIVIO NON SAS PUT FILE CARDS PASSO DI DATA SET MERGE OUTPUT UPDATE ARCHIVIO SAS ARCHIVIO SAS La lettura richiede sempre la dichiarazione INPUT in cui si indicano

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab Ruggero Donida Labati Dipartimento di Tecnologie dell Informazione via Bramante 65, 26013 Crema (CR), Italy ruggero.donida@unimi.it Perché? MATLAB is a high-level technical computing

Dettagli

RELAZIONE SCRITTA RELATIVA AL PROGRAMMA DI GESTIONE TABELLA ATTORI

RELAZIONE SCRITTA RELATIVA AL PROGRAMMA DI GESTIONE TABELLA ATTORI Nicoletta Barbaro 4C Mercurio TRACCIA DEL PROBLEMA: RELAZIONE SCRITTA RELATIVA AL PROGRAMMA DI GESTIONE TABELLA ATTORI Un'azienda che distribuisce film in formato dvd chiede ad una software house(4c mercurio)

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide Newsletter Application 4/2007 OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella APPLICABILITÀ: CONTROLLO NUMERICO itnc 530 DA VERSIONE SOFTWARE 340 49x-03 REQUISITI HARDWARE: MC 420

Dettagli

Gianluca Della Vedova. Laboratorio Statistico-Informatico. Altre finestre. Finestre. Data Step. Data set. Data Step: Importazione.

Gianluca Della Vedova. Laboratorio Statistico-Informatico. Altre finestre. Finestre. Data Step. Data set. Data Step: Importazione. Univ. Milano Bicocca http://www.statistica.unimib.it/~dellavedova Lab. Statistico-Informatico Ufficio U7-244 http://www.statistica.unimib.it/utenti/dellavedova gianluca.dellavedova@unimib.it v. 27 Finestre

Dettagli

Indice L Analisi dei dati con SPSS

Indice L Analisi dei dati con SPSS Indice 1 L Analisi dei dati con SPSS 1 1.1 Introduzione....................................... 1 1.2 Importazione di un file di dati.............................. 3 1.3 Preparazione di un file dati...............................

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE Training per esperti TECNICHE AVANZATE DI I/O SU FILE Spesso, la decisione di dividere in processi differenti la produzione dei dati dall uso degli stessi viene presa perché occorre scrivere i dati su

Dettagli

2. Creazione di moduli per Drupal: un tutorial.

2. Creazione di moduli per Drupal: un tutorial. Pubblicato da Drupal Italia (www.drupalitalia.org) per gentile concessione di Antonio Santomarco Capitolo 2. 2. Creazione di moduli per Drupal: un tutorial. 2.1. Introduzione. Come detto in precedenza,

Dettagli

Assembler di Spim. Assembler di SPIM. Struttura di un programma assembler. Direttive

Assembler di Spim. Assembler di SPIM. Struttura di un programma assembler. Direttive Assembler di Spim Assembler di SPIM Il programma è organizzato in linee Ogni linea può contenere un commento che parte dal carattere # e si estende fino alla fine della linea Ogni linea che non sia bianca

Dettagli

FACOLTA DI PSICOLOGIA Scienze della Mente TESINA DI INFORMATICA. Fossataro Carlotta Di Rienzo Ariana Basso Alessandra Marchetto Helena

FACOLTA DI PSICOLOGIA Scienze della Mente TESINA DI INFORMATICA. Fossataro Carlotta Di Rienzo Ariana Basso Alessandra Marchetto Helena FACOLTA DI PSICOLOGIA Scienze della Mente TESINA DI INFORMATICA Fossataro Carlotta Di Rienzo Ariana Basso Alessandra Marchetto Helena SPSS INDICE INTRODUZIONE...3 FINESTRE...4 EDITOR DEI DATI...4 OUTPUT...11

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Stream EDitor (sed) sed NON modifica l'input 2. L'output viene inviato allo standard output e puo' essere rediretto

Stream EDitor (sed) sed NON modifica l'input 2. L'output viene inviato allo standard output e puo' essere rediretto Sed & Awk Stream EDitor (sed) sed: editor di linea che non richiede l'interazione con l'utente sed può filtrare l'input che riceve da un file o una pipe La sintassi di sed NON definisce un output: L'output

Dettagli

LabMecFit. versione beta. by S.Frasca Dipartimento di Fisica Università Sapienza Roma

LabMecFit. versione beta. by S.Frasca Dipartimento di Fisica Università Sapienza Roma LabMecFit versione beta by S.Frasca Dipartimento di Fisica Università Sapienza Roma LabMecFit è un programma che permette di elaborare i dati prodotti da DataStudio. I dati devono essere salvati da DataStudio

Dettagli

MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali

MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali INTRODUZIONE Il RDBMS MySQL, oltre a fornire un applicazione che abbia un interfaccia user-friendly, ha a disposizione anche un altro client, che svolge

Dettagli

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Stored Procedures Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Stored Procedure e User Defined

Dettagli

sdforexcontest2009 Tool

sdforexcontest2009 Tool sdforexcontest2009 Tool Guida all istallazione e rimozione. Per scaricare il tool del campionato occorre visitare il sito dell organizzatore http://www.sdstudiodainesi.com e selezionare il link ForexContest

Dettagli

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL Simona Rotolo 2 Questo documento, rivolto a chi sviluppa codice in PL/Sql, è stato redatto al fine di fornire degli standard di sviluppo che aiuteranno

Dettagli

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic LIBRERIA WEB 6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic PROGETTO Il centro sportivo Olympic organizza corsi di tipo diverso: nuoto, danza, karate, ecc. Ogni corso ha un unico istruttore prevalente,

Dettagli

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal Portale Materiali Grafiche Tamburini Documentazione utente italiano pag. 2 Grafiche Tamburini Materials Portal English user guide page 6 pag. 1 Introduzione Il Portale Materiali è il Sistema Web di Grafiche

Dettagli

1) Aprire la pagina del Participant Portal: http://ec.europa.eu/education/participants/portal/desktop/en/home.html. 2) Cliccare sul pulsante LOGIN :

1) Aprire la pagina del Participant Portal: http://ec.europa.eu/education/participants/portal/desktop/en/home.html. 2) Cliccare sul pulsante LOGIN : Conclusa la registrazione ad ECAS, la seconda tappa consiste nella registrazione in URF (Unique Registration Facility) attraverso il Participant Portal (Portale del Partecipante) 1) Aprire la pagina del

Dettagli

Fondamenti di Programmazione

Fondamenti di Programmazione Fondamenti di Programmazione Capitolo 2 Variabili, Espressioni e Comandi Prof. Mauro Gaspari: gaspari@cs.unibo.it Valori e Tipi Un valore (= value) è una delle entità fondamentali che i programmi sono

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli

anno 2014-15 Introduzione all'algoritmica per i Licei 3 Controllo del flusso di esecuzione.

anno 2014-15 Introduzione all'algoritmica per i Licei 3 Controllo del flusso di esecuzione. anno 2014-15 Introduzione all'algoritmica per i Licei 3 Controllo del flusso di esecuzione. Elio Giovannetti Dipartimento di Informatica Università di Torino versione 1 marzo 2015 Quest'opera è distribuita

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Operazioni di input e output in Fortran 90

Operazioni di input e output in Fortran 90 Operazioni di input e output in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica

Dettagli

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell Il sistema operativo UNIX/Linux Gli script di shell Introduzione Le shell permettono La gestione di comandi su linea di comando La shell comprende automaticamente quando il costrutto termina e lo esegue

Dettagli

ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti)

ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti) ISTRUZIONI VELOCI DI PYTHON Versione 1.0 - (manuale realizzato con Google Documenti) Realizzato da NiktorTheNat e diffuso in rete da: 8thPHLOOR Iniziato il giorno 8 febbraio 2010 - terminato il giorno

Dettagli

CAMBIO DATI PERSONALI - Italy

CAMBIO DATI PERSONALI - Italy CAMBIO DATI PERSONALI - Italy Istruzioni Per La Compilazione Del Modulo / Instructions: : Questo modulo è utilizzato per modificare i dati personali. ATTENZIONE! Si prega di compilare esclusivamente la

Dettagli

Oracle PL/SQL. Motivazioni

Oracle PL/SQL. Motivazioni Oracle PLSQL Motivazioni Supponiamo che nella gestione del database Azienda ci venga chiesto di apportare le modifiche necessarie a far sì che ad ogni impiegato possa essere assegnato, alla fine di ogni

Dettagli

Basi di dati (6) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1.

Basi di dati (6) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (6) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1.0) 1 Panoramica T-SQL Variabili Controllo di flusso Trattamento errori Print Operatori e funzioni

Dettagli

1. Le macro in Access 2000/2003

1. Le macro in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 1. Le macro in Access 2000/2003 Per creare una macro, si deve aprire l elenco delle macro dalla finestra principale del database: facendo clic su Nuovo, si presenta la griglia che permette

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch drag & drop visual programming appinventor realizzazione app per Google Android OS appinventor è un applicazione drag & drop visual programming Contrariamente ai linguaggi tradizionali (text-based programming

Dettagli

5. SVILUPPO DI UNA PRESENTAZIONE POWER POINT

5. SVILUPPO DI UNA PRESENTAZIONE POWER POINT This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico Parte 6 Fogli Elettronici: MS Excel Elementi di Informatica - AA. 2008/2009 - MS Excel 0 di 54 Foglio Elettronico Un foglio elettronico (o spreadsheet) è un software applicativo nato dall esigenza di:

Dettagli

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan]

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility awk serve per processare file di testo secondo un programma specificato dall utente. L utility awk legge riga per riga i file ed esegue una o più

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD La prima applicazione Java con NetBeans IDE Dott. Ing. M. Banci, PhD Creare la prima applicazione 1. Creare un progetto: Quando si crea un progetto IDE occorre creare un ambiente nel quale costruire e

Dettagli

GUIDA BASE DI PASCAL

GUIDA BASE DI PASCAL 1 GUIDA BASE DI PASCAL Un algoritmo, nel suo significato più ampio, è sequenza logica di istruzioni elementari (univocamente interpretabili) che, eseguite in un ordine stabilito, permettono la soluzione

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls.

Dettagli

LAB LEZ. 1 STATISTICA DESCRITTIVA CON R

LAB LEZ. 1 STATISTICA DESCRITTIVA CON R LAB LEZ. 1 STATISTICA DESCRITTIVA CON R 1 2 L AMBIENTE DI SVILUPPO DI RStudio 1 3 4 2 1 FINESTRA PER GLI SCRIPT E PER VISUALIZZARE I DATI 2 CONSOLE DEI COMANDI 3 VARIABILI PRESENTI NELLA MEMORIA DEL PROGRAMMA

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R:

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Si consiglia di creare il data base, inserire i dati nelle tabelle, provare

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Aggiornamento dispositivo di firma digitale

Aggiornamento dispositivo di firma digitale Aggiornamento dispositivo di firma digitale Updating digital signature device Questo documento ha il compito di descrivere, passo per passo, il processo di aggiornamento manuale del dispositivo di firma

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB MODULO 5 DATA BASE MODULO 5 - DATA BASE 1 PROGRAMMA Introduzione: concetti generali di teoria Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB Utilizzo di Access pratica sulla creazione e l utilizzo

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI e AZIONAMENTI ELETTRICI INTRODUZIONE A MATLAB Ing. Alberto Bellini Tel. 0522 522626 e-mail: alberto.bellini@unimore.it

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Francesco Contò Unità 9 - Creare e modificare tabelle di dati. Collegare tabelle di dati esterne agli elementi geometrici.

Dettagli

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database Roberto Basili Corso di Basi Di Dati 1 a.a. 2000-2001 Abstract Questa breve dispensa descrive piu etesamente i contenuti della esercitazione del

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 2

Laboratorio di Informatica Lezione 2 Laboratorio di Informatica Lezione 2 Cristian Consonni 30 settembre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 2 1 / 42 Outline 1 Commenti e Stampa a schermo 2 Strutture di controllo 3

Dettagli

Sistemi operativi: interfacce

Sistemi operativi: interfacce Sistemi operativi: interfacce I sistemi operativi offrono le risorse della macchina a soggetti diversi: alle applicazioni, tramite chiamate di procedure da inserire nel codice all utente, tramite interfaccia

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

GRACE/XMGRACE. Importare un file di dati

GRACE/XMGRACE. Importare un file di dati GRACE/XMGRACE Grace o Xmgrace è un software che permette di produrre grafici a partire da un file di dati (ad esempio dati di output di una programma) e di effettuare operazioni sui dati e sui grafici.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE. Quaderni ASID. Quaderno 1

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE. Quaderni ASID. Quaderno 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Quaderni ASID Quaderno 1 Claudio Agostinelli e Silvia Sartorelli Introduzione al linguaggio di SAS System 2008 INDICE 1. La struttura e

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

COMANDI MS-DOS. Per ulteriori informazioni su uno specifico comando, digitare HELP nome comando

COMANDI MS-DOS. Per ulteriori informazioni su uno specifico comando, digitare HELP nome comando COMANDI MS-DOS Per ulteriori informazioni su uno specifico comando, digitare HELP nome comando ASSOC Visualizza o modifica le applicazioni associate alle estensioni dei file. AT Pianifica l'esecuzione

Dettagli

L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva...

L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva... L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva... 4 La linea di stato... 4 Uso delle caselle di dialogo...

Dettagli

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza Basi dati attive Triggers Antonella Poggi Domenico Lembo Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2009-2010 Una base di dati

Dettagli

Uso di base delle funzioni in Microsoft Excel

Uso di base delle funzioni in Microsoft Excel Uso di base delle funzioni in Microsoft Excel Le funzioni Una funzione è un operatore che applicato a uno o più argomenti (valori, siano essi numeri con virgola, numeri interi, stringhe di caratteri) restituisce

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) I fogli elettronici sono pacchetti applicativi per microcomputer

FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) I fogli elettronici sono pacchetti applicativi per microcomputer FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) I fogli elettronici sono pacchetti applicativi per microcomputer molto diffusi. Dal 1979 (VISICALC) al 1983 sono stati venduti oltre 1 milione di copie (5 ogni micro-computer).

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

----------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------- ---------------------------------------------------------------- utilizzo frequente di chiamate a.. A differenza del Pascal, il C permette di operare con assegnamenti e confronti su dati di tipo diverso,

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

PYTHON Inviare dati con i form A cura di Silvio Bonechi [sabandini_at_tiscali_dot_it] per http://www.pctrio.com

PYTHON Inviare dati con i form A cura di Silvio Bonechi [sabandini_at_tiscali_dot_it] per http://www.pctrio.com PYTHON Inviare dati con i form A cura di Silvio Bonechi [sabandini_at_tiscali_dot_it] per http://www.pctrio.com 10.07.2006 Ver. 1.0 In questo articolo vedremo come gestire con un FORM l invio di dati ad

Dettagli

Utilizzare il NetBeans GUI Builder. Dott. Ing. M. Banci, PhD

Utilizzare il NetBeans GUI Builder. Dott. Ing. M. Banci, PhD Utilizzare il NetBeans GUI Builder Dott. Ing. M. Banci, PhD Lavorare con i Beans Queste slide ci guidano nel processo di creazione di un bean pattern nel progetto NetBeans 15 Giugno 2007 Esercitazione

Dettagli

Preparazione. Introduzione a MySQL: costruzione di una base di dati e gestione degli accessi. Accesso all area condivisa. Avvio Server MySQL

Preparazione. Introduzione a MySQL: costruzione di una base di dati e gestione degli accessi. Accesso all area condivisa. Avvio Server MySQL Introduzione a MySQL: costruzione di una base di dati e gestione degli accessi Stefania Marrara Elisa Quintarelli Lezione 1 2 ore a.a 2004/05 Preparazione Accesso all area condivisa Start -> Programs ->MySQL

Dettagli

2104 volume III Programmazione

2104 volume III Programmazione 2103 SQLite Capitolo 77 77.1 Utilizzo generale................................. 2104 77.1.1 Utilizzo di sqlite3».......................... 2104 77.1.2 Copie di sicurezza............................ 2106

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Esercizi Programming Contest

Esercizi Programming Contest Esercizi Programming Contest Alberto Montresor 22 maggio 2012 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

24/07/00-17.05 COBOL LANGUAGE REFERENCE Pag. 1

24/07/00-17.05 COBOL LANGUAGE REFERENCE Pag. 1 24/07/00-17.05 COBOL LANGUAGE REFERENCE Pag. 1 _ REGOLE DI SCRITTURA COBOL : 1 fino a 6 = una volta usati per numerare le righe del programma, adesso usate normalmente per marchiare le modifiche. 7 * =

Dettagli

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Realizzare un grafico con Excel è molto semplice, e permette tutta una serie di varianti. Il primo passo consiste nell organizzare

Dettagli

Esercizi di base per l apprendimento di LabView

Esercizi di base per l apprendimento di LabView Esercizi di base per l apprendimento di LabView Esercizio 1 Conversione di temperatura Realizzare un VI in grado di convertire una temperatura impostata mediante un controllo di tipo knob da C a F Soluzione

Dettagli

INSTALLARE PALLADIO USB DATA CABLE IN WINDOWS XP/ME/2000/98

INSTALLARE PALLADIO USB DATA CABLE IN WINDOWS XP/ME/2000/98 rev. 1.0-02/2002 Palladio USB Data Cable INSTALLARE PALLADIO USB DATA CABLE IN WINDOWS XP/ME/2000/98 (tutti i KIT, escluso KIT MOTOROLA V6x-T280) La procedura di installazione del Palladio USB Data Cable

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari

Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro 6 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Trasferimento di dati

Trasferimento di dati Giovanni Pezzi Liceo "Torricelli", Faenza gpezzi@racine.ra.it IPOTESI: RUBRICA PRIMI PASSI Trasferimento di dati Il tema del trasferimento di dati tra una calcolatrice e un computer o tra calcolatrici

Dettagli