Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte"

Transcript

1 MiFID - i rapporti tra intermediari e clientela Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte Milano, 11 dicembre 2008 Avv. Andrea Galante

2 Alcuni spunti di riflessione in tema di customer due diligence: Classificazione della clientela e verifica dell adeguatezza

3 La know your customer rule nel nostro ordinamento La normativa primaria nazionale pone esplicitamente quale obiettivo dell agire trasparente, corretto e diligente degli operatori, e quale criterio guida delle loro condotte, il soddisfacimento, nel miglior modo possibile, degli interessi dei propri clienti (art. 21 del TUF). Centrale a tal fine è l obbligo per i soggetti abilitati di acquisire, nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento e accessori le informazioni necessarie dai clienti (art. 21, comma 1, lett. b) del TUF) Tale obbligo è ora esteso anche alla sottoscrizione e al collocamento di prodotti finanziari emessi da banche e da imprese di assicurazione (art. 25-bis del TUF).

4 La rilevanza della know your customer rule nei rapporti con clienti al dettaglio La raccolta di informazioni dal cliente è considerata come parte dell obbligo più ampio di assistenza della clientela: La clientela c.d. "al dettaglio", ossia quella con minore esperienza enza e conoscenza finanziaria, si trova così a dover riporre massimo affidamento nell assistenza dell intermediario, con particolare riferimento alla valutazione di adeguatezza/appropriatezza della transazione ed alla definizione delle condizioni economiche da applicare alla medesima, di cui non è in grado di giudicare la congruità,, spesso neppure in un momento successivo alla loro conclusione ( (credencecredence goods). La situazione è sovente resa ancor più critica dalla coincidenza del ruolo di intermediario con quello di emittente. (1) Documento di consultazione della Consob maggio 2008 Il dovere dell'intermediario di comportarsi con correttezza e trasparenza in sede di distribuzione di prodotti finanziari illiquidi 26 maggio 2008

5 Classificazione del cliente La nuova normativa non crea espressamente un collegamento diretto fra verifica dell adeguatezza (appropriatezza) e la classificazione del cliente, limitandosi a stabilire che gli intermediari comunicano su supporto duraturo ai clienti la loro nuova classificazione in qualità di cliente al dettaglio, cliente professionale o controparte qualificata (art. 35, comma 1, NRI). Si ritiene che la classificazione del cliente non possa che basarsi sulle informazioni raccolte nell ambito della verifica dell adeguatezza (appropriatezza) [ferma restando la possibilità del cliente di richiedere il downgrading/upgrading della propria classificazione]

6 Al fine di raccomandare i servizi di investimento e gli strumenti finanziari adatti al cliente, nella prestazione dei servizi di consulenza in materia di investimenti o di gestione di portafogli, gli intermediari ottengono dal cliente o potenziale cliente le seguenti informazioni: Conoscenza + esperienza Adeguatezza Situazione finanziaria Obiettivi di investimento Quando gli intermediari non ottengono le informazioni richieste, si astengono dal prestare il servizio di consulenza o di gestione di portafogli.

7 Gli intermediari quando prestano servizi di investimento diversi dalla consulenza in materia di investimenti e dalla gestione di portafogli, ogli, richiedono al cliente o potenziale cliente di fornire informazioni ni in merito alla sua conoscenza ed esperienza nel settore d investimento d rilevante per il tipo di strumento o di servizio proposto o chiesto. Conoscenza + esperienza Appropriatezza Qualora gli intermediari ritengano che lo strumento o il servizio non sia appropriato per il cliente o potenziale cliente, lo avvertono di tale situazione. L avvertenza può essere fornita utilizzando un formato standardizzato.

8 Adeguatezza: alcuni aspetti problematici Il rapporto fra consulenza e attività di collocamento svolta dal medesimo intermediario: strumenti/prodotti finanziari giudicati non adeguati (appropriati?) nell ambito dell attivit attività di consulenza prodromica all attivit attività di collocamento. L adeguatezza viene di fatto recuperata anche nell ipotesi di prestazione del servizio di collocamento preceduto dalla formulazione di raccomandazioni personalizzate.

9 Adeguatezza: alcuni aspetti problematici Rapporti di gestione cointestati: a) media dei profili? b) profilo più basso? c) profilo del cliente di riferimento? Le diverse situazioni: comunione volontaria vs legale

10 Adeguatezza: alcuni aspetti problematici Modifiche interenti alle caratteristiche degli strumenti/prodotti finanziari presenti nel portafoglio gestito determinati da fattori esogeni ( (es. es. delisting del titolo, abbassamento del rating dell emittente, emittente, default dell emittente emittente): a) informativa al cliente? b) aggiornamento del profilo del cliente? b) disinvestimento degli strumenti/prodotti non più adeguati? Gli obblighi informativi attivi Gli intermediari devono operare in modo che i clienti siano sempre adeguatamente informati (art. 21, comma 1, lett. b), TUF)

11 Segue: adeguatezza, alcuni aspetti problematici Rapporto fra gestore di portafogli individuali e soggetto distributore : la responsabilità per il test di adeguatezza Art. 82 (NRI) 1. Nell offerta fuori sede e nella promozione e collocamento a distanza di servizi di investimento altrui, gli intermediari interessati si organizzano in modo da assicurare il rispetto delle regole di condotta applicabili al servizio commercializzato. 2. Nell offerta fuori sede e nella promozione e collocamento a distanza di servizi di investimento altrui, l intermediario è responsabile della completezza e dell'accuratezza delle informazioni trasmesse al soggetto che presta il servizio. L intermediario che presta il servizio è responsabile della prestazione dello stesso sulla base delle informazioni trasmesse.

12 Segue: ripartizione ruoli e responsabilità: commercializzazione di servizi d investimento altrui (art. 82, NRI) Commenti Consob all art 82 del NRI: La norma in questione è volta a regolare l'ipotesi in cui più intermediari siano coinvolti nell'offerta fuori sede e nella vendita a distanza di servizi d'investimento altrui. Per tale eventualità si è ritenuto opportuno precisare ruoli e responsabilità di tutti i soggetti interessati.in questo quadro, al comma 1 si è considerata l'ipotesi in cui, nel processo distributivo dei servizi d'investimento, gli intermediari interessati si siano accordati in modo tale da demandare lo svolgimento di parte del servizio al soggetto che procede alla sua commercializzazione. In siffatta circostanza, ferma la necessità per il cliente di godere del medesimo livello di "tutela" indipendentemente dal fatto che egli si interfacci direttamente con il prestatore del servizio ovvero che vi sia l'interposizione "attiva" di chi lo commercializza, è stata precisata la necessità di garantire il puntuale adempimento delle regole di condotta applicabili al servizio prestato. Tale previsione assume particolare rilievo nel nuovo contesto normativo recato dalla MiFID, in cui si assiste, in specie, ad un disallineamento delle regole di condotta applicabili ai diversi servizi di investimento. Si pensi, per esempio, all'eventualità di un intermediario che proceda alla commercializzazione (fuori sede ovvero a distanza) del servizio di gestione individuale altrui. In tale ipotesi, in applicazione della norma in commento, tale soggetto sarà tenuto a riferirsi alla disciplina per la valutazione dell'adeguatezza propria del servizio di gestione.

13 Segue: ripartizione ruoli e responsabilità: commercializzazione di servizi d investimento altrui (art. 82, NRI) Impatti Il distributore del servizio di gestione di portafoglio di terzi, può essere incaricato degli adempimenti relativi alla classificazione della clientela, nonché degli obblighi relativi alla raccolta delle informazioni e dalla valutazione dell adeguatezza Il Distributore è responsabile della completezza e dell accuratezza delle informazioni raccolte e trasmesse al Gestore. Il Gestore è responsabile per lo svolgimento del servizio di gestione di portafogli, sulla base delle informazioni e valutazioni ricevute dagli intermediari collocatori. Regime della responsabilità? Il ruolo del Distributore: prestatore di un servizio (di distribuzione) e outsourcee (delegato) per obblighi inerenti alla classificazione e alla verifica di adeguatezza della clientela.

14 Segue: adeguatezza, alcuni aspetti problematici Aggiornamento e monitoraggio del profilo del cliente: frequenza e modalità: a) Cadenza periodica? b) Ad ogni occasione di contatto con il cliente? c) Upgrading automatico del profilo del cliente in virtù di rapporti di gestione duraturi? L aggiornamento delle informazioni manifestatamente superate, inesatte, incomplete

15 Segue: adeguatezza, alcuni aspetti problematici Modalità di acquisizione delle informazioni: gli intermediari ottengono dal cliente o potenziale cliente (art. 39, comma 1, NRI) E possibile integrare le informazioni sulla base di altri dati disponibili (es. intermediario polifunzionale con il quale il cliente a diverse tipologie di rapporti in essere)? Un unico questionario per diversi rapporti? (cfr. slide successiva)

16 Gli obblighi per gli intermediari polifunzionali Gli intermediari che svolgono il servizio di distribuzione di prodotti finanziari emessi da banche e/o da imprese di assicurazione, sia di collocamento di strumenti finanziari e/o la consulenza in materia a di investimenti, considerano unitariamente il rapporto con i clienti al fine di adempiere in modo uniforme e coordinato alle regole di condotta applicabili (art. 88, NRI). Commento Consob all art. art. 88, NRI: D altro canto, posto che l investitore potrà perseguire i propri obiettivi di investimento attraverso diversi prodotti/servizi finanziari, l intermediario polifunzionale (tipicamente collocatore di strumenti finanziari da un lato e distributore di prodotti bancari e assicurativi dall altro, ed anche eventualmente consulente su tali prodotti) dovrà assumere una considerazione unitaria di tutta la gamma di prodotti/servizi offerti al momento di definire i comportamenti da porre in essere nel rapporto con i clienti, anche al fine di applicare le regole di condotta in modo coordinato. Ad esempio, nel valutare la storia finanziaria del cliente dovranno essere valorizzati, indifferentemente, sia gli investimenti in prodotti assicurativi a contenuto finanziario, sia le operazioni in strumenti finanziari.

17 Gli obblighi per gli intermediari polifunzionali E ammesso un giudizio complessivo di adeguatezza del cliente, basato su un approccio di tipo VaR (Grado di Rischio massimo ammesso per l investitore), l che tiene conto di tutti i dati in possesso all intermediario? Nell ambito di un approccio di tipo VaR, quale valenza assume l autovalutazione l del cliente?

18

Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali

Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali CeTIF 16 aprile 2008 1 Il focus: la consulenza nella distribuzione di prodotti finanziari La disciplina dei servizi di investimento

Dettagli

Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca. Modulo 1 I BASIC DELLA COMPLIANCE: LE COMPETENZE DI BASE. Milano, aprile 2012

Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca. Modulo 1 I BASIC DELLA COMPLIANCE: LE COMPETENZE DI BASE. Milano, aprile 2012 Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca Modulo 1 I BASIC DELLA COMPLIANCE: LE COMPETENZE DI BASE Sede ABI - Via Olona, 2 Esercitazione guidata: l analisi dei rischi in ottica compliance

Dettagli

La compliance con la MiFID

La compliance con la MiFID La compliance con la MiFID Andrea Perrone Università Cattolica del Sacro Cuore Milano, 5 maggio 2010 CeTIF - Università Cattolica del Sacro Cuore Una nota di metodo Le regole di comportamento introdotte

Dettagli

CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017

CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017 CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017 LA CONSULENZA FINANZIARIA ALLA LUCE DELLA MiFID II: PROFILI GIURIDICI Francesco Di Ciommo Ordinario di Diritto Privato, Università Luiss Guido Carli

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi nella prestazione di servizi di investimento e accessori SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 Premessa Iccrea Banca S.p.A. (la Banca

Dettagli

La valutazione dell adeguatezza secondo le Linee guida dell ESMA

La valutazione dell adeguatezza secondo le Linee guida dell ESMA Conoscere l investitore: la rilevazione della tolleranza al rischio finanziario La valutazione dell adeguatezza secondo le Linee guida dell ESMA Tiziana TOGNA Responsabile della Roma, 23 novembre 2012

Dettagli

Policy di gestione dei conflitti di interesse

Policy di gestione dei conflitti di interesse Policy di gestione dei conflitti di interesse approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 01 marzo 2017 Policy gestione conflitti di interesse 2 / 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. SOGGETTI RILEVANTI...

Dettagli

IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE!

IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE! IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE! Maddalena Marchesi * L introduzione della figura del consulente (bancario) indipendente è tra le modifiche apportate dall

Dettagli

La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti

La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti CONVEGNO ABI COMPLIANCE IN BANKS 2009 DALLE REGOLE ALLE STRATEGIE DI BUSINESS La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti Giuseppe D AGOSTINO CONSOB Responsabile Divisione

Dettagli

Politica di classificazione della clientela adottata da Banca Mediolanum

Politica di classificazione della clientela adottata da Banca Mediolanum Politica di classificazione della clientela adottata da Banca Mediolanum Edizione ottobre 2008 Versione 2.0 Indice INDICE... 2 1 PREMESSA... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 3 3 REGOLE DI CLASSIFICAZIONE

Dettagli

1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA!

1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA! 1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA! 2 Milano, 27 marzo 2014 MIFID II: ALCUNI DEI PRESIDI A TUTELA DELL INVESTITORE 1. I requisiti in materia di governance dei prodotti

Dettagli

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del cliente è un aspetto centrale e preliminare alla prestazione di qualsiasi

Dettagli

Ufficio Studi Sonia Ciccolella e Mattia Suardi Proposta di Regolamento delegato, Direttiva IDD consultazione della Commissione europea

Ufficio Studi Sonia Ciccolella e Mattia Suardi Proposta di Regolamento delegato, Direttiva IDD consultazione della Commissione europea Proposta di Regolamento delegato, Direttiva IDD consultazione della Commissione europea Premessa. La Commissione europea ha aperto una consultazione (scadenza: 17 agosto 2017) dedicata alla bozza di Regolamento

Dettagli

N. 2 DEL 16 FEBBRAIO Consultazioni. Osservazioni al questionario Consob su raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line.

N. 2 DEL 16 FEBBRAIO Consultazioni. Osservazioni al questionario Consob su raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line. N. 2 DEL 16 FEBBRAIO 2013 Consultazioni Osservazioni al questionario Consob su raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line. Il decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179 ( c.d. Decreto crescita

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE 1. I temi trattati................................... 1 2. La complessità del sistema normativo..................... 2 3. Cenni a strumenti finanziari, valori mobiliari,

Dettagli

Policy per la prestazione del servizio di Consulenza Avanzata

Policy per la prestazione del servizio di Consulenza Avanzata Policy per la prestazione del servizio di Consulenza Avanzata Giugno 2016 1 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 3 3 - PROFILATURA DEI CLIENTI: ACQUISIZIONE DELLE INFORMAZIONI...

Dettagli

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1 di 5 Politica di Trasmissione degli Ordini Vegagest Immobiliare Sgr S.p.A. 07/04/2009 INDICE POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 3 1. INTRODUZIONE... 3 2. OGGETTO

Dettagli

Suitability rule : linee guida EMSA e recepimento in ambito nazionale

Suitability rule : linee guida EMSA e recepimento in ambito nazionale Gli orientamenti dell ESMA in materia di valutazione di adeguatezza - Suitability rule : linee guida EMSA e recepimento in ambito nazionale Giovanni MUSELLA Divisione Intermediari Ufficio Vigilanza e Albo

Dettagli

- Come viene formato il personale coinvolto in merito alla valutazione di adeguatezza?

- Come viene formato il personale coinvolto in merito alla valutazione di adeguatezza? Allegato - Circ. n. 5/13 I. Adeguatezza I.I. Situazioni nelle quali è richiesta la valutazione di adeguatezza. Come noto, ai sensi dell art. 19, par. 4 della MiFID, l intermediario deve assicurare l adeguatezza

Dettagli

Business Compliance HUB Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017

Business Compliance HUB Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017 Business Compliance HUB 2017 Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017 1 Documento riservato e confidenziale Avv. Andrea Polizzi - POG in ambito assicurativo:

Dettagli

Il consulente finanziario indipendente

Il consulente finanziario indipendente I consulenti finanziari indipendenti possono essere definiti come soggetti che, a titolo oneroso e su base continuativa, svolgono attività di consulenza verso terzi in materia di strumenti finanziari.

Dettagli

I DOVERI DI INFORMAZIONE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE EUROPEE

I DOVERI DI INFORMAZIONE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE EUROPEE I DOVERI DI INFORMAZIONE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE EUROPEE Convegno Scuola Superiore della Magistratura Milano, 19 settembre 2016 prof. avv. Filippo Sartori 1 SERVIZI

Dettagli

Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari

Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari Come cambia la struttura del settore della consulenza e della distribuzione dei prodotti finanziari 6 Forum Nazionale sulla consulenza finanziaria Milano, 20

Dettagli

RELAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI (13 APRILE 2016 UNICA CONVOCAZIONE)

RELAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI (13 APRILE 2016 UNICA CONVOCAZIONE) RELAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI (13 APRILE 2016 UNICA CONVOCAZIONE) Relazione sul punto 3 all ordine del giorno e relativa proposta

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi. Antonio Proto

La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi. Antonio Proto La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi Antonio Proto Agenda Comportamento degli intermediari Prodotti illiquidi Prodotti complessi Regole di comportamento Servizi di investimento (art.

Dettagli

Rendiconto attività di gestione dei reclami. Veneto Banca. Anno 2016

Rendiconto attività di gestione dei reclami. Veneto Banca. Anno 2016 Rendiconto attività di gestione dei reclami Veneto Banca Anno 2016 APRILE 2017 1 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI (Provvedimento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Classificazione della Clientela 2 di 8 03.0.13142-03/2011 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo QUARTA LEZIONE

Università degli Studi di Bergamo QUARTA LEZIONE Università degli Studi di Bergamo QUARTA LEZIONE L esercizio dei servizi di investimento: riserva di attività e regole generali di comportamento dei soggetti abilitati 1 Riserva di attività (art. 18 T.U.F.2)

Dettagli

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A.

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. 25 Giugno 2010 POLICY di MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. Gestione, disclosure e monitoraggio degli incentivi ( Inducements ) versati e/o percepiti dalla Banca nella prestazione dei servizi

Dettagli

Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione. Roma, 20 novembre 2012

Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione. Roma, 20 novembre 2012 Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione Roma, 20 novembre 2012 Presentazione di Ascosim Ascosim è un Associazione senza fine di lucro, fondata nel gennaio 2010, alla quale aderiscono le Sim autorizzate

Dettagli

CRITERI-GUIDA PREMESSA

CRITERI-GUIDA PREMESSA CRITERI-GUIDA PER L INDIVIDUAZIONE DI MODALITA MINIMALI DI CONTROLLO SULLA FORMAZIONE E SULL AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DEI PROMOTORI FINANZIARI NELLA MATERIA ASSICURATIVA PREMESSA Le banche e le SIM

Dettagli

SINTESI DELLE POLITICHE DI GRUPPO SUL GRADO DI LIQUIDITÀ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELLA NORMATIVA MIFID

SINTESI DELLE POLITICHE DI GRUPPO SUL GRADO DI LIQUIDITÀ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELLA NORMATIVA MIFID SINTESI DELLE POLITICHE DI GRUPPO SUL GRADO DI LIQUIDITÀ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELLA NORMATIVA MIFID ULTIMA MODIFICA: CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 22 SETTEMBRE 2016 1 PREMESSA La presente

Dettagli

BANCA LEONARDO S.P.A.

BANCA LEONARDO S.P.A. BANCA LEONARDO S.P.A. POLICY SINTETICA PER L INDIVIDUAZIONE, LA PREVENZIONE, IL CONTENI- MENTO E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NEL- LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E/O ACCESSORI MILANO,

Dettagli

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE INDICE 1. Informazioni sulla Società ed attività autorizzate... 3 2. Autore del manuale delle procedure interne... 4 3. Finalità del manuale... 4 4. Contenuto

Dettagli

PROCEDURA PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE NoemaLife S.p.A. via Gobetti, 52 40129 Bologna Tel. +39 051 4193911 Fax +39 051 4193900

Dettagli

1 Sezione III per la parte consolidata.

1 Sezione III per la parte consolidata. Comunicazione del 30 giugno 2016 Quesiti in materia di segnalazioni statistiche di vigilanza sui servizi di investimento. Da parte di banche e SIM sono pervenute talune richieste di chiarimento in merito

Dettagli

La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review

La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review ASCOSIM 2 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review Milano, 19 marzo 2012 Tiziana Togna CONSOB Responsabile Divisione Intermediari

Dettagli

STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI INTERVENTO E DI VOTO INERENTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI DAI PORTAFOGLI GESTITI

STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI INTERVENTO E DI VOTO INERENTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI DAI PORTAFOGLI GESTITI STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI INTERVENTO E DI VOTO INERENTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI DAI PORTAFOGLI GESTITI Consiglio di Amministrazione 28 aprile 2016 INDICE Premessa... 3 1. Strategia

Dettagli

La duplice nozione di adeguatezza in ambito assicurativo e finanziario e la sua concreta applicazione nell attività degli intermediari assicurativi

La duplice nozione di adeguatezza in ambito assicurativo e finanziario e la sua concreta applicazione nell attività degli intermediari assicurativi La duplice nozione di adeguatezza in ambito assicurativo e finanziario e la sua concreta applicazione nell attività degli intermediari assicurativi Autore: Avv. Marco Mergati e Avv. Leonardo Gregoroni,

Dettagli

STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE N B.2 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24/02/2016 Data di efficacia: 24/02/2016 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 MAPPATURA DEI CONFLITTI

Dettagli

STRATEGIA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

STRATEGIA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA STRATEGIA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvato con delibera del N 4 Consiglio di Amministrazione del 24/02/2010 Data di efficacia: 01/04/2010 2 INDICE 1 PREMESSA...4 2 DEFINIZIONE DELLE CATEGORIE

Dettagli

Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Adottata dal CdA nella seduta del 18 aprile 2016 In vigore dal 19 aprile 2016 SOMMARIO 1 INFORMATIVA SULLA

Dettagli

Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami

Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami (Approvata dal CdA 28/10/2015) 1 Sommario 1. Normativa di riferimento... 3 2. Contenuto della procedura e informativa alla clientela... 4 3. Reclamo:

Dettagli

valutazione di adeguatezza prescritta dalla Mifid - Aggiornamenti normativi INFORMAZIONI AI CLIENTI SULLA VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA

valutazione di adeguatezza prescritta dalla Mifid - Aggiornamenti normativi INFORMAZIONI AI CLIENTI SULLA VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA Maggio 2013 - Orientamenti ESMA sui requisiti della valutazione di adeguatezza prescritta dalla Mifid - Aggiornamenti normativi a cura Avv. Roberto Pallante - Partner Conformis in Finance INFORMAZIONI

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. Le finalità (originarie ed attuali) dell intervento legislativo.... Pag. 1 2. La mancata diffusione dello strumento, le iniziative di modifica della disciplina e la riforma

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DOCUMENTO DI PUBBLICA TESTO UNICO DELLA FINANZA MODIFICHE ARTICOLI PARTI I II IV V VI maggio 2016 Relazione illustrativa Il Ministero dell Economia ha avviato la

Dettagli

ASSOSIM GUIDA PRATICA AL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI

ASSOSIM GUIDA PRATICA AL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI ASSOSIM GUIDA PRATICA AL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI INDICE Premessa p. 2 1. Introduzione p. 3 2. La consulenza nella disciplina pre-mifid p. 3 3. La consulenza in materia di investimenti

Dettagli

DALL INTERMEDIAZIONE ALLA DISTRIBUZIONE ASSICURATIVA

DALL INTERMEDIAZIONE ALLA DISTRIBUZIONE ASSICURATIVA SEMINARIO GIURIDICO Quale futuro per la distribuzione assicurativa? DALL INTERMEDIAZIONE ALLA DISTRIBUZIONE ASSICURATIVA 17 ottobre 2016 Avv. Nicola Gentile IVASS 1/28 Entra in vigore il 23 febbraio 2016;

Dettagli

CIRCOLARE N. 350 D. del 15 Dicembre 1998

CIRCOLARE N. 350 D. del 15 Dicembre 1998 CIRCOLARE N. 350 D. del 15 Dicembre 1998 OGGETTO: raccolta di adesioni a fondi pensione aperti a contribuzione definita costituiti da imprese di assicurazione esercenti il ramo vita. 1. Il d.lgs. 124/1993,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

Policy per la prestazione del servizio di Consulenza Avanzata Retail

Policy per la prestazione del servizio di Consulenza Avanzata Retail Direttiva 2004/39/CE MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) Policy per la prestazione del servizio di Consulenza Avanzata Retail CASSA RURALE DI ROVERETO Banca di Credito Cooperativo - Società

Dettagli

La Normativa Mifid in Circoscrizione

La Normativa Mifid in Circoscrizione La Normativa Mifid in Circoscrizione 20 Ottobre 2016 Relatore: Dr. Davide Rivero AGENDA Il Premessa Contesto e finalità normativa Aree impattate dalla normativa Funzionamento e trasparenza dei mercati

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL TUF, SUL QUARTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL TUF, SUL QUARTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL TUF, SUL QUARTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DI MOLEKSINE S.P.A., CONVOCATA

Dettagli

Lezione I servizi di investimento

Lezione I servizi di investimento Lezione I servizi di investimento Obiettivi Analizzare la disciplina dei servizi di investimento Individuare gli intermediari abilitati I servizi di investimento Il TUF, all art. 1, comma 5, individua

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL TUF E DELL ART. 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL TUF E DELL ART. 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL TUF E DELL ART. 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971/1999 SUL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA

Dettagli

Oggetto: Regolamento Intermediari - Il nuovo regolamento intermediari tra disciplina comunitaria e scelte nazionali - 20 luglio 2007

Oggetto: Regolamento Intermediari - Il nuovo regolamento intermediari tra disciplina comunitaria e scelte nazionali - 20 luglio 2007 E mail (consob@consob.it) On.le CONSOB Divisione Intermediari Via Broletto, 7 20121 Milano Milano,14 settembre 2007 Oggetto: Regolamento Intermediari - Il nuovo regolamento intermediari tra disciplina

Dettagli

Regolamento per l attività di revisione interna

Regolamento per l attività di revisione interna Regolamento per l attività di revisione interna Approvato dal Consiglio Superiore nella seduta del 27 novembre 2013 Art. 1 (Premessa) La presente normativa, in conformità alle previsioni del Regolamento

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I DALLA MATERIA ECONOMICA DELL ASSICURAZIONE ALLA FORMA GIURIDICA

INDICE SOMMARIO. Capitolo I DALLA MATERIA ECONOMICA DELL ASSICURAZIONE ALLA FORMA GIURIDICA INDICE SOMMARIO Prefazione.... Abbreviazioni.... xiii xviii Capitolo I DALLA MATERIA ECONOMICA DELL ASSICURAZIONE ALLA FORMA GIURIDICA 1. Ladistribuzionedeiprodottiassicurativi... 1 2. Alle radici del

Dettagli

Bail-in: gli adeguamenti alla normativa comunitaria e nazionale IPOTESI DI LAVORO

Bail-in: gli adeguamenti alla normativa comunitaria e nazionale IPOTESI DI LAVORO Bail-in: gli adeguamenti alla normativa comunitaria e nazionale IPOTESI DI LAVORO Dicembre 2015 Agenda 1. Premessa 2. Il contesto normativo di riferimento 3. Timeline risoluzione e risanamento enti creditizi

Dettagli

29 aprile Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il al seguente indirizzo:

29 aprile Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il al seguente indirizzo: PROPOSTA DI COMUNICAZIONE RELATIVA ALLE INFORMAZIONI DA RENDERE NOTE IN OCCASIONE DELLA PRESENTAZIONE DI LISTE PER L ELEZIONE DEI COMPONENTI GLI ORGANI SOCIALI DELLE SOCIETA CON AZIONI QUOTATE 29 aprile

Dettagli

Le scadenze per la trasmissione del modello 730/2017 precompilato e ordinario

Le scadenze per la trasmissione del modello 730/2017 precompilato e ordinario CIRCOLARE A.F. N.97 del 4 Luglio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Le scadenze per la trasmissione del modello 730/2017 precompilato e ordinario Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

POLITICA SULLA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.0

POLITICA SULLA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.0 POLITICA SULLA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.0 Innovazione Finanziaria SIM S.p.A. Sede Legale: Via F. Casati, 1/A - 20124 Milano, Italia Sede Operativa:

Dettagli

POLICY SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI PRODOTTI FINANZIARI ILLIQUIDI. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.

POLICY SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI PRODOTTI FINANZIARI ILLIQUIDI. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1. POLICY SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI COMPLESSI & PRODOTTI FINANZIARI ILLIQUIDI Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.0 Innovazione Finanziaria SIM S.p.A. Sede Legale: Via F. Casati,

Dettagli

Regole di condotta in materia di Prodotti Finanziari Illiquidi

Regole di condotta in materia di Prodotti Finanziari Illiquidi Regole di condotta in materia di Prodotti Finanziari Illiquidi (Versione n.1 approvata dal Consiglio di Amministrazione del 25 Febbraio 2016) Il presente documento è riservato ed è vietata la diffusione.

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari dalla Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari dalla Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari dalla Banca (Adottata ai

Dettagli

ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO

ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO POSITION PAPER DI RISPOSTA ALLA CONSULTAZIONE PUBBLICA RELATIVA ALLE DISPOSIZIONI PER L ISCRIZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI DI MICROCREDITO ATTUAZIONE

Dettagli

MiFID. - MarKets in Financials Instruments Directive-

MiFID. - MarKets in Financials Instruments Directive- MiFID - MarKets in Financials Instruments Directive- Il 1 Novembre 2007 entrerà in vigore la nuova disciplina sui servizi di investimento, gli strumenti finanziari ed i mercati: la MiFID. E articolata

Dettagli

Il Paese che cambia passa da qui. Presentazione della nuova Circolare sul monitoraggio dell esecuzione dei contratti

Il Paese che cambia passa da qui. Presentazione della nuova Circolare sul monitoraggio dell esecuzione dei contratti Presentazione della nuova Circolare sul monitoraggio dell esecuzione dei contratti 1 Agenda Il contesto normativo La struttura della circolare Le Amministrazioni coinvolte I contratti da sottoporre a monitoraggio

Dettagli

Policy. Sulla distribuzione di prodotti finanziari illiquidi. 18/05/2015 Massimo Lazzarini Visto Luca M. Ercolessi Visto

Policy. Sulla distribuzione di prodotti finanziari illiquidi. 18/05/2015 Massimo Lazzarini Visto Luca M. Ercolessi Visto Policy Sulla distribuzione di prodotti finanziari illiquidi Data di emissione Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni 29/11/2010 La Direzione Visto Data ultima modifica Approvato da

Dettagli

2. Persone fisiche o giuridiche iscritte nell Elenco ( Soggetti )

2. Persone fisiche o giuridiche iscritte nell Elenco ( Soggetti ) PROCEDURA MODALITÀ DI TENUTA E AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DELLE PERSONE AVENTI ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN INTERPUMP GROUP S.P.A. 1. Premessa La presente procedura è stata redatta in ottemperanza

Dettagli

POLICY INTERNA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Cassa di Risparmio di San Miniato

POLICY INTERNA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Cassa di Risparmio di San Miniato POLICY INTERNA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Cassa di Risparmio di San Miniato 1 1. Premessa... 3 2. Obiettivo del documento... 4 3. Criteri per la classificazione della clientela... 4 3.1 Controparti

Dettagli

RIR RISOLUZIONE N. 355/E

RIR RISOLUZIONE N. 355/E RIR RISOLUZIONE N. 355/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 8 agosto 2008 Oggetto: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Comunicazione dei dati acquisiti

Dettagli

MIFID(o) o non MIFID(o)?

MIFID(o) o non MIFID(o)? Segreterie di Coordinamento e Segreterie di Gruppo E-mail segreteria@fabintesasanpaolo.it www.fabintesasanpaolo.it c/o FABI Milano Via Torino 21 tel. 02.89012885 fax. 02.89012948 c/o FABI Torino Via Guarini

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Milano, 5 settembre 2011 CIRCOLARE N. 49/2011 ASSOCIATI/ADERENTI AIFI Oggetto: Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate in merito all obbligo

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI 1. Premessa... 2 2. Definizione di conflitto di interesse... 2 3. Individuazione delle fattispecie generatrici di conflitto di interesse... 3 3.1 Servizi

Dettagli

IL MERCATO PRIMARIO DI RIFERIMENTO POTENZIALE PER CERTIFICATES E PRODOTTI D INVESTIMENTO

IL MERCATO PRIMARIO DI RIFERIMENTO POTENZIALE PER CERTIFICATES E PRODOTTI D INVESTIMENTO IL MERCATO PRIMARIO DI RIFERIMENTO POTENZIALE PER CERTIFICATES E PRODOTTI D INVESTIMENTO (c.d. POTENTIAL TARGET MARKET ) Le esigenze, gli obiettivi e le caratteristiche dell investitore di riferimento

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

1R): NO, in quanto è necessario garantire l esecuzione di tutti i servizi richiesti

1R): NO, in quanto è necessario garantire l esecuzione di tutti i servizi richiesti 1D): possibilità di partecipazione alla gara per la sola istituzione e gestione del fondo immobiliare come da paragrafo II.1.5 "Breve descrizione dell'appalto o degli acquisti" lettera i). 1R): NO, in

Dettagli

Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo

Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo Milano, 16 aprile 2008 Paolo Scotti 1 Agenda Conflitti di interesse Inquadramento normativo: sintesi e ambito di applicazione Tipologie

Dettagli

1. Elaborazione dei presìdi in materia di governo e controllo del prodotto

1. Elaborazione dei presìdi in materia di governo e controllo del prodotto Allegato 1 Indicazioni sui presìdi in materia di governo e controllo del prodotto applicabili ai produttori che realizzano prodotti assicurativi da vendere ai clienti. 1. Elaborazione dei presìdi in materia

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Normative di riferimento Circolare Agenzia delle Entrate n. 48/E del 21 dicembre 2012 2. MODIFICHE ALL IMPOSTA DI BOLLO APPLICABILE ALLE COMUNICAZIONI INVIATE ALLA CLIENTELA RELATIVE A PRODOTTI FINANZIARI

Dettagli

Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse

Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse Una disciplina organica sul conflitto di interesse nella prestazione dei servizi d investimento e accessori compare con la direttiva MiFID

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE LA COMMISSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE LA COMMISSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 22 marzo 2017 Modifiche e integrazioni alla Deliberazione COVIP del 31 ottobre 2006 Adozione degli schemi di statuto, di regolamento e di nota

Dettagli

Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob. Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento.

Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob. Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento. Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento. La regolamentazione vigente prevede che, per la valutazione dei beni immobili

Dettagli

Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob. Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento.

Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob. Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento. Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento. La regolamentazione vigente prevede che, per la valutazione dei beni immobili

Dettagli

Risposta alle consultazioni Consob in materia di:

Risposta alle consultazioni Consob in materia di: 4/2008 Consultazione Risposta alle consultazioni Consob in materia di: Osservazioni alle modifiche degli artt. 36-39 del Regolamento Mercati in materia di condizioni per la quotazione di società controllanti

Dettagli

Gestione dei Reclami

Gestione dei Reclami Gestione dei Reclami Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 19/01/2012 1 di 7 Sommario 1. Obiettivi... 3 2. Ambito normativo... 3 3. Definizioni... 4 4. Descrizione della procedura...

Dettagli

Spett.le Banca d Italia Servizio Vigilanza sull Intermediazione Finanziaria, Divisione Normativa Via Milano, ROMA

Spett.le Banca d Italia Servizio Vigilanza sull Intermediazione Finanziaria, Divisione Normativa Via Milano, ROMA Spett.le Banca d Italia Servizio Vigilanza sull Intermediazione Finanziaria, Divisione Normativa Via Milano, 64-00184 ROMA Spett.le C O N S O B Divisione Intermediari Via Broletto, 7-20121 MILANO COMMENTI

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza A.A Diritto commerciale, corso II semestre Le società quotate *** Argomenti e temi

Dipartimento di Giurisprudenza A.A Diritto commerciale, corso II semestre Le società quotate *** Argomenti e temi Dipartimento di Giurisprudenza A.A. 2012-2013 Diritto commerciale, corso II semestre Le società quotate Argomenti e temi - Società per azioni che fanno ricorso al mercato del capitale di rischio: società

Dettagli

FONDO COMUNE D'INVESTIMENTO METROPOLE Euro A (ISIN: FR )

FONDO COMUNE D'INVESTIMENTO METROPOLE Euro A (ISIN: FR ) Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

SESTA EMISSIONE BTP ITALIA TABELLA INFORMATIVA e MODALITA OPERATIVE

SESTA EMISSIONE BTP ITALIA TABELLA INFORMATIVA e MODALITA OPERATIVE SESTA EMISSIONE BTP ITALIA TABELLA INFORMATIVA e MODALITA OPERATIVE Emittente Rating Periodo di Prima fase del periodo di Soggetti che possono partecipare Chiusura delle prima fase Comunicazione dell eventuale

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A ZERO COUPON BPSA ZERO COUPON

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A ZERO COUPON BPSA ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A ZERO COUPON BPSA ZERO COUPON 15/05/2007 15/11/2009 Codice ISIN IT0004231889 Le presenti Condizioni

Dettagli

Novembre La nuova governance del prodotto e le regole in fase distributiva. Maria Giusy Naccarato, Managing Associate, Simmons & Simmons

Novembre La nuova governance del prodotto e le regole in fase distributiva. Maria Giusy Naccarato, Managing Associate, Simmons & Simmons Novembre 2016 La nuova governance del prodotto e le regole in fase distributiva Maria Giusy Naccarato, Managing Associate, Simmons & Simmons Disegnare i prodotti finanziari per la categoria di clienti

Dettagli

BENI STABILI S.P.A. SIIQ

BENI STABILI S.P.A. SIIQ BENI STABILI S.P.A. SIIQ Sede legale in Roma, Via Piemonte, 38 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Roma 00380210302 - Codice Fiscale e Partita IVA n. 04962831006 Capitale Sociale deliberato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA BANCA D ITALIA E CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 5, COMMA 5-BIS, DEL D. LGS. N. 58/1998.

PROTOCOLLO D INTESA TRA BANCA D ITALIA E CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 5, COMMA 5-BIS, DEL D. LGS. N. 58/1998. PROTOCOLLO D INTESA TRA BANCA D ITALIA E CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 5, COMMA 5-BIS, DEL D. LGS. N. 58/1998. La Banca d Italia e la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa ( Consob ): VISTO il

Dettagli

NEWSLETTER. anno 4 / newsletter 18/2017 Aggiornata al

NEWSLETTER. anno 4 / newsletter 18/2017 Aggiornata al NEWSLETTER anno 4 / 2017 - newsletter 18/2017 Aggiornata al 21.08.2017 PRIMO PIANO BANCA D ITALIA - Provvedimento relativo alle disposizioni su Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari.

Dettagli