Advancing Integration for a Dignified Ageing. Progetto AIDA POPOLAZIONE ANZIANA E STRATEGIE PROGRAMMATORIE IN TEMA DI SALUTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Advancing Integration for a Dignified Ageing. Progetto AIDA POPOLAZIONE ANZIANA E STRATEGIE PROGRAMMATORIE IN TEMA DI SALUTE"

Transcript

1 Advancing Integration for a Dignified Ageing Progetto AIDA Advancing Integration for a Dignified Ageing POPOLAZIONE ANZIANA E STRATEGIE PROGRAMMATORIE IN TEMA DI SALUTE

2 Progetto AIDA Advancing Integration for a Dignified Ageing POPOLAZIONE ANZIANA E STRATEGIE PROGRAMMATORIE IN TEMA DI SALUTE Sintesi (Obiettivi progettuali e attività svolte) Il presente lavoro è finalizzato a soddisfare i seguenti obiettivi progettuali: 1) realizzazione di uno studio che ricostruisca gli scenari della popolazione anziana in Europa e in Italia nel quinquennio , indicando i previsti incrementi biennali delle classi di popolazione a partire dal 65 anno di età, corredati da strategie programmatorie atte ad indirizzare le politiche per la salute e sociali in relazione ai dati che emergeranno dallo studio stesso (capitoli 1-3-6); 2) integrazione delle analisi statistiche di cui al punto 1 con elementi di carattere economico e sociologico, proponendo anche ipotesi di costo sui servizi da pianificare e favore di anziani nel campo della prevenzione, della cura e della salute sociosanitaria. (capitoli 2-4-5). Per realizzare gli obiettivi progettuali sono state svolte le attività di seguito descritte. Viene inizialmente descritto il contesto di riferimento (capitoli 1 e 2): governance e aspetti organizzativi del sistema sanitario nazionale, canali di finanziamento e andamento della spesa sanitaria. Successivamente vengono descritti gli scenari demografici (capitolo 3). A partire dagli scenari nazionali e dal benchmark europeo l analisi viene condotta su base regionale. Il motivo di questa scelta risiede nel fatto che la programmazione sanitaria in Italia viene svolta principalmente su scala regionale. Obiettivo è stato quello di fornire i dati più aggiornati sull evoluzione della popolazione regionale e dei principali indicatori demografici (indice di vecchiaia, indice di dipendenza degli anziani, indice di dipendenza strutturale) nel quinquennio e con proiezioni agli anni 2020, 2025 e Oltre che alla 1

3 popolazione complessiva vengono riportati, in termini assoluti e relativi, i segmenti della popolazione anziana per 3 classi di età: anni, anni, over84. Nel capitolo 4 viene affrontato il tema della domanda di salute da parte della popolazione anziana e viene focalizzata l attenzione sulle patologie croniche, sulle patologie gravi e sui ricoveri ospedalieri. Anche in questo caso l analisi è condotta su base regionale a partire dall analisi dei microdati dell Indagine multiscopo Istat Le analisi sono state condotte con riferimento al segmento di popolazione anziana over64. Nel capitolo 5 viene affrontato il tema del rapporto fra invecchiamento e andamento della spesa sanitaria. Dopo aver scorporato la spesa sanitaria pro capite per singole voci l analisi, sempre su base regionale, è stata focalizzata su due temi: gli effetti dell invecchiamento sulle spese distrettuali per assistenza agli anziani non autosufficienti; gli effetti dell invecchiamento sui ricoveri ospedalieri. Anche in questo caso le analisi sono state condotte con riferimento al segmento di popolazione anziana over64. Nelle conclusioni del capitolo viene sottolineato come le proiezioni effettuate proiettando le spese complessive in funzione del solo cambiamento demografico vanno considerate con estrema cautela. Esse costituiscono infatti soltanto un punto di riferimento massimo, utile per meglio inquadrare e definire le politiche di programmazione sanitaria. Nel capitolo 6, infine, vengono brevemente descritte le strategie di programmazione attraverso cui indirizzare le politiche sociali e per la salute della popolazione anziana con riferimento alle malattie non guaribili (cronicità), alla Long Term Care (interventi domiciliari, assistenziali e prestazioni monetarie), all assistenza post-acuzie. Il capitolo si conclude sottolineando il ruolo dell invecchiamento attivo, basato sui tre pilastri della salute, della partecipazione e della sicurezza, all interno delle scelte di programmazione. Viene infatti osservato che invecchiare in modo sano, prevenendo cioè il deterioramento fisico e mentale dovuto all inattività e all isolamento degli anziani, può giocare un ruolo decisivo nell abbassare il costo del Sistema Sanitario Nazionale. A cura di: Associazione Nuovi Lavori Roma, 31 gennaio

4 Sommario 1 Il contesto di riferimento Il Sistema Sanitario Nazionale italiano: governance e aspetti organizzativi Il Fondo Sanitario nazionale La spesa sanitaria Confronti internazionali Evoluzione della spesa sanitaria italiana Gli scenari demografici I dati di sintesi I dati regionali La domanda di salute per la popolazione anziana Le patologie croniche La patologie gravi e la non autosufficienza I ricoveri ospedalieri L invecchiamento e la spesa sanitaria Introduzione La spesa sanitaria per singole voci L invecchiamento e le spese per l assistenza agli anziani non autosufficienti L invecchiamento e le spese per l assistenza ospedaliera Conclusioni Strategie programmatorie Cronicità Long Term Care Assistenza post-acuzie Spesa privata di cura Invecchiamento attivo e stili di vita Conclusioni Bibliografia

5 1 Il contesto di riferimento 1.1 Il Sistema Sanitario Nazionale italiano: governance e aspetti organizzativi Il Servizio Sanitario Nazionale italiano (SSN) è l istituzione attraverso la quale lo Stato garantisce a propri cittadini il diritto costituzionale alla tutela della salute (art. 32 della Costituzione), in condizioni di eguaglianza su tutto il territorio nazionale. Il SSN è stato istituito con la legge n. 833 del dicembre 1978 e sottintende il complesso di funzioni, strutture, servizi e attività che lo Stato garantisce a tutti i cittadini, senza alcuna distinzione, per il mantenimento e il recupero della salute fisica e psichica, nonché l'attuazione di sistemi di tutela della stessa. Il Ministero della Salute, che ha il compito di provvedere alla salute pubblica, rappresenta l'organo principale del Servizio Sanitario Nazionale. Attraverso il Piano sanitario nazionale approvato dal Parlamento, il Ministero definisce gli obiettivi generali da raggiungere per la salute pubblica, l'importo del fondo sanitario, il metodo di ripartizione di tale fondo alle Regioni che, mediante una rete di Aziende Sanitarie Locali (ASL), intese come il complesso dei presidi di ricovero, cura e riabilitazione, degli uffici e dei servizi dei comuni (singoli o associati) e delle comunità montane, garantiscono l'attività dei servizi sanitari. Il Ministero definisce inoltre i criteri generali per l'erogazione di tali servizi, le linee guida per la formazione e l'aggiornamento di medici, infermieri e tecnici, nonché i sistemi di controllo e verifica dei risultati raggiunti Con le riforme varate nel (D.Lgs. 502/92 e 517/93) e nel 1999 (D.Lgs. 229/99) il SSN si è trasformato quindi in un sistema di sistemi sanitari regionali, nel quale la divisione dei poteri e delle funzioni assegna allo Stato i compiti di programmazione, indirizzo, controllo, definizione e ripartizione del budget, mentre alle Regioni spettano i compiti di attuazione legislativa, programmazione, finanziamento, controllo e responsabilità per l erogazione dei livelli essenziali di assistenza ai cittadini del proprio territorio. Con livelli essenziali di assistenza (LEA) si intendono le prestazioni ed i servizi che il Servizio Sanitario Nazionale è tenuto a garantire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di un ticket. Essi sono organizzati in tre macro livelli: 1. l assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro, che comprende tutte le attività di prevenzione rivolte alle collettività ed ai singoli (tutela dagli effetti dell inquinamento, dai rischi infortunistici negli ambienti di lavoro, sanità 4

6 veterinaria, tutela degli alimenti, profilassi delle malattie infettive, vaccinazioni e programmi di diagnosi precoce, medicina legale); 2. l assistenza distrettuale, vale a dire le attività e i servizi sanitari e sociosanitari diffusi capillarmente sul territorio, dalla medicina di base all assistenza farmaceutica, dalla specialistica e diagnostica ambulatoriale alla fornitura di protesi ai disabili, dai servizi domiciliari agli anziani e ai malati gravi ai servizi territoriali consultoriali (consultori familiari, SERT, servizi per la salute mentale, servizi di riabilitazione per i disabili, ecc.), alle strutture semiresidenziali e residenziali (residenze per gli anziani e i disabili, centri diurni, case famiglia e comunità terapeutiche); 3. l assistenza ospedaliera, in pronto soccorso, in ricovero ordinario, in day hospital e day surgery, in strutture per la lungodegenza e la riabilitazione, e così via. E molto importante ricordare che le prestazioni e i servizi inclusi nei LEA rappresentano il livello essenziale garantito a tutti i cittadini ma le Regioni, come hanno fatto fino ad oggi, potranno utilizzare risorse proprie per garantire servizi e prestazioni ulteriori rispetto a quelle incluse nei LEA. Figura 1.1: Ripartizione percentuale della spesa sanitaria nazionale tra i macro livelli di assistenza (Anno 2009) Fonte: Ministero della Salute Direzione generale della programmazione sanitaria (Rapporto Nazionale di monitoraggio dell assistenza sanitaria Anno ) 5

7 L erogazione dei servizi è operativamente demandata alle Aziende Sanitarie Locali (Asl), 1 che la svolgono sia attraverso strutture interne (es. presidi ospedalieri, servizi di igiene e sanità pubblica, consultori familiari), sia attraverso accordi e contratti con altre istituzioni sanitarie pubbliche (Aziende Ospedaliere, istituti di ricovero e cura, Policlinici universitari) o con strutture o operatori sanitari privati accreditati. I rapporti tra i livelli di governo del SSN si configurano quindi come rapporti di agenzia, in cui lo Stato affida alle Regioni, che a loro volta delegano alle Aziende Sanitarie il perseguimento delle finalità di promozione e tutela della salute della popolazione, in condizioni di eguaglianza su tutto il territorio nazionale. Nel corso dell ultimo decennio le Regioni si sono dotate di strutture e hanno adottato modelli organizzativi assai diversi per governare i propri sistemi sanitari. Il governo dei sistemi sanitari è opera di due condizioni generali: 1. struttura centrale regionale (Giunta regionale e Assessorato alla sanità), politiche sanitarie adottate, strumenti e meccanismi operativi messi in atto e tipo di relazioni instaurate; 2. organizzazione del sistema periferico delle Aziende sanitarie, delle loro capacità strategiche e decisionali, dei contratti e delle relazioni che essi intrattengono con gli erogatori, pubblici e privati, e con i vari portatori di interessi. Le interazioni tra questi due livelli portano i Sistemi Sanitari Regionali (SSR) a funzionare in modo differenziato tra loro e a raggiungere performance di diverso grado. A rendere ancora più variegata la situazione a livello regionale ha contribuito la riforma sanitaria del , in seguito alla quale le Asl sono diventate Aziende dotate di personalità giuridica pubblica e di autonomia imprenditoriale ed è stata concessa ai maggiori ospedali, in possesso di determinati requisiti, la possibilità di essere riconosciuti indipendenti dalle Asl in qualità di Aziende Ospedaliere, venendo a costituire nuove tipologie di aziende sanitarie. Gli altri ospedali, sprovvisti dei necessari requisiti, sono rimasti all interno delle Asl come Presidi Ospedalieri (PO), pur dotati di una maggiore autonomia gestionale. Con la separazione dei maggiori ospedali si sono creati di fatto tre diversi modelli di Aziende territoriali: le Asl integrate (quelle che vedono la presenza di tutti i presidi ospedalieri all interno dell Asl), le Asl separate (che al contrario delle precedenti rispondono all esigenza di separare le funzioni di produzione di servizi da quella del finanziamento) e le Asl miste, che costituiscono appunto una via di mezzo tra i due 1 Dopo la trasformazione delle Unità Sanitarie Locali in Aziende (D.Lgs. 502/92) sono state adottate diverse denominazioni (ASL, AUSL, AUSLL). In questo studio si utilizzerà il termine ASL senza per questo indicare una particolare tipologia organizzativa. 6

8 modelli appena descritti. A questi si può affiancare un quarto modello, che ha assunto importanza negli anni più recenti, che di fatto costituisce un sotto-tipo del modello integrato: l Asl unica provinciale o regionale. L efficacia del Piano Sanitario Nazionale (PSN), pertanto, è strettamente correlata alla capacità dei diversi soggetti istituzionali, tra i quali gli Enti Locali, di cooperare e di trasformare operativamente, tenendo in considerazione le specificità locali, gli indirizzi in esso riportati. Il risultato della valutazione del 2010 del Comitato permanente per la verifica dell erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza in condizioni di appropriatezza ed efficacia nell utilizzo delle risorse da parte delle Regioni italiane (escluse le Regioni e Province autonome) è riassunto da seguente prospetto, che identifica che Regioni adempienti, quelle parzialmente adempienti e le situazioni critiche. Figura 1.2: Risultati della valutazione sugli adempimenti delle Regioni italiane (anno 2010) Fonte: Ministero della Salute Direzione Generale della Programmazione Sanitaria - Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della griglia Lea (2010). 7

9 1.2 Il Fondo Sanitario nazionale Il Servizio sanitario nazionale è finanziato attraverso la fiscalità generale con imposte dirette (addizionale IRPEF ed IRAP) e indirette (compartecipazione all'iva, accise sulla benzina). A tal fine, l'articolo 51 della legge 23 dicembre 1978, n. 833 ha previsto la costituzione di un Fondo destinato al finanziamento del servizio sanitario nazionale, il cui importo è stanziato in due distinti capitoli a seconda che si tratti di spesa della parte corrente (stato di previsione del Tesoro) o della parte in conto capitale (stato di previsione del Bilancio e Programmazione economica). Le somme stanziate in bilancio sono ripartite dal CIPE tra le Regioni e da queste tra le Aziende sanitarie locali e le Aziende ospedaliere. Inoltre, le aziende sanitarie locali dispongono di entrate dirette derivanti dai ticket sanitari e dalle prestazioni rese a pagamento, che rappresentano una notevole evoluzione rispetto al precedente meccanismo fondato esclusivamente sul Fondo sanitario nazionale. Tra le risorse che affluiscono alle Regioni per il finanziamento dei livelli essenziali di assistenza vanno quindi considerate anche le compartecipazioni dei cittadini al costo delle prestazioni. A livello nazionale, sono soggette alla partecipazione al costo le seguenti prestazioni incluse nei livelli essenziali di assistenza: prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale prestazioni erogate in regime di ricovero diurno finalizzato ad accertamenti diagnostici prestazioni di assistenza termale prestazioni di assistenza riabilitativa extraospedaliera erogate in regime domiciliare, ambulatoriale, semi-residenziale e residenziale Sono esentati dalla compartecipazione i cittadini di età inferiore a 6 anni o superiore a 65, purché appartenenti a nucleo familiare fiscale con reddito lordo complessivo non superiore a ,98 euro, riferito all'anno precedente. Sono inoltre esentati i pensionati sociali e i titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni - se appartenenti a nucleo familiare con reddito complessivo (riferito all'anno precedente) inferiore a 8.263,31 euro (se senza familiari a carico) e a ,05 euro (se coniugati per ogni figlio a carico, il reddito va incrementato di 516,46 euro) e i disoccupati a prescindere dall'età se il reddito rientra nei limiti previsti per i titolari di pensioni al minimo. L'area dell'esenzione per patologia o condizione è circoscritta all'interno delle 51 condizioni e gruppi di malattie croniche e invalidanti che danno diritto all'esenzione generale. Nella seguente tabella viene proposta la ripartizione regionale delle risorse destinate al servizio sanitario nazionale per l anno

10 Figura 1.3: Riparto del Fondo Sanitario Nazionale per Regione (anno 2012) Fonte: sezione "Conferenze" del sito (http://www.regioni.it/download.php?id=244387&field=allegato&module=news) In uno scenario che si connota per la presenza di una molteplicità di soggetti e di strumenti di programmazione, il Piano Sanitario Nazionale rappresenta lo strumento di definizione delle macro linee d indirizzo della programmazione sanitaria. Esso, pertanto, costituisce: una cornice di sintesi all interno della quale vanno ricondotti i diversi Accordi, piani e programmi, con evidenza degli elementi di coordinamento, 9

11 integrazione e sinergia tra di essi. Le macro linee d indirizzo definite dal PSN, e frutto del processo di concertazione con le Regioni, trovano declinazione operativa nelle attività, nei documenti e negli accordi prodotti dai tavoli tecnici e dalle commissioni; l elemento di garanzia dell uniforme applicazione degli obiettivi e dei LEA a livello nazionale nella salvaguardia delle specificità territoriali, in rispondenza alle analisi dei bisogni e delle risorse di ciascun contesto locale. Per l anno 2011, l importo della perdita complessiva del SSN, corrispondente alla somma algebrica degli utili e delle perdite delle singole Regioni e province autonome, ammonta a 1,779 miliardi di euro, 2 di cui 0,134 miliardi di euro di utili e 1,913 miliardi di euro di perdite (registrate dalle Regioni Liguria, Lazio, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna). Si evidenzia un miglioramento dei risultati di gestione a livello nazionale per l anno 2011 rispetto all anno 2010, in cui il disavanzo sanitario nazionale era stato pari a 2,206 miliardi di euro. Il miglioramento è valutabile anche in relazione all incidenza percentuale del disavanzo sanitario rispetto al finanziamento complessivo, pari a circa il 3% negli anni a fronte di un valore pari a 1,6% nell anno La perdita complessiva è costruita matematicamente a partire dai dati di conto economico relativi al IV trimestre 2011 presenti su NSIS alla data del 6 aprile 2012, dalle risorse costituenti il finanziamento da delibera CIPE e dalle risorse delle Regioni a statuto speciale (Fonte: Ministero della Salute, Rapporto sulla Sanità 2011) 10

12 2 La spesa sanitaria 2.1 Confronti internazionali Negli ultimi decenni i paesi OCSE hanno registrato importanti progressi per quanto concerne la salute della popolazione. I miglioramenti legati alle condizioni di vita e di lavoro e i comportamenti che influenzano la salute hanno sicuramente contribuito ad un aumento di longevità, insieme ai progressi realizzati nel campo dei trattamenti sanitari (Wilkinson e Marmot, 2003). Complessivamente, i sistemi sanitari dei Paesi OCSE stanno diventando sempre più estesi e complessi, con livelli di spesa relativi (rispetto al PIL) e assoluti in continuo aumento. Per un confronto tra la situazione italiana e quella degli altri Paesi OCSE e, soprattutto, dei partner Europei, bisogna innanzitutto partire dal presupposto che la speranza di vita in Italia risulta molto elevata: secondo l ultimo dato disponibile del 2009, la popolazione vive in media 82 anni, contro una speranza di vita media di 80,7 anni nei Paesi UE-15 e di 79,8 nel complesso dei Paesi OCSE. Tabella 2.1: Speranza di vita media alla nascita, confronto tra Paesi Austria 68,7 72,6 78,2 78,6 78,7 78,7 79,2 79,4 79,9 80,2 80,5 80,4 80,7.. Belgium 69,8 73,3 77,8 78,0 78,2 78,2 79,0 79,0 79,5 79,8 79,8 80,0 80,3.. Denmark 72,4 74,3 76,8 77,0 77,1 77,4 77,8 78,2 78,4 78,4 78,8 79,0 79,3.. Finland 69,0 73,6 77,7 78,1 78,3 78,5 78,9 79,1 79,5 79,6 79,9 80,0 80,2.. France 70,3 74,3 79,0 79,2 79,3 79,3 80,3 80,3 80,7 80,9 81,0 81,1 81,3 81,5 Germany 69,1 72,9 78,2 78,5 78,5 78,6 79,2 79,4 79,8 80,0 80,2 80,3 80,5.. Greece.. 75,3 78,0 78,5 78,7 78,8 79,0 79,2 79,5 79,5 80,0 80,3 80,6.. Ireland 70,0 72,8 76,6 77,2 77,9 78,3 78,8 79,4 79,7 79,8 80,1 80,0 81,0.. Italy.. 74,0 79,8 80,1 80,3 80,0 80,8 80,8 81,3 81,5 81,8 82,0.... Netherlands 73,5 75,8 78,0 78,3 78,3 78,5 79,2 79,4 79,8 80,2 80,3 80,6 80,8.. Portugal 63,9 71,4 76,7 77,0 77,2 77,4 78,3 78,1 78,9 79,0 79,3 79,5 79,8.. Spain 69,8 75,4 79,4 79,7 79,8 79,7 80,3 80,3 81,1 81,0 81,3 81,8 82,2.. Sweden 73,0 75,8 79,7 79,8 79,9 80,2 80,5 80,6 80,8 81,0 81,2 81,4 81,5 81,8 United Kingdom 70,8 73,2 77,9 78,2 78,3 78,3 79,0 79,2 79,5 79,7 79,8 80,4 80,6.. United States 69,8 73,7 76,7 76,8 76,9 77,0 77,4 77,4 77,7 77,9 78,1 78,5 78,7.. Media UE-15 70,0 73,9 78,1 78,4 78,6 78,7 79,3 79,5 79,9 80,0 80,3 80,5 80,7 Media OECD 79,8 Fonte: OECD Health Statistics 2012 Alla luce della speranza di vita, che in quasi tutti i Paesi risulta in progressivo aumento negli anni, è interessante misurare gli anni di vita in buona salute dalla nascita, ovvero la qualità della vita trascorsa negli anni addizionali, anche per 11

13 valutare le implicazioni di lungo periodo per i sistemi sanitari e per l assistenza. 3 Anche il questo caso, l Italia appare come uno dei Paesi in cui la aspettativa di vita in buona salute (67,3 anni) appare più elevata, ben superiore alla media europea. Tabella 2.2: Anni di vita attesa in buona salute, confronto tra Paesi europei women men EU (27 countries) Germany Ireland Greece Spain France Italy Netherlands Poland Finland Sweden United Kingdom Fonte: Healthy life years in absolute value at birth, Eurostat Statistics Database 2012 L aspettativa di vita e l aspettativa di vita in buona salute incidono chiaramente nella spesa sanitaria di ciascun Paese, assieme ad una serie di altri indicatori quali: organizzazione delle aziende sanitarie locali, disponibilità e livello di manutenzione delle strutture sanitarie, numero di ricoveri, tempo medio di degenza, ecc. Si rimanda l analisi ed il confronto internazionale di tali indicatori ad altri rapporti di ricerca maggiormente incentrati sulla tematica. 4 Se si considera l incidenza della spesa sanitaria complessiva sul PIL (Tabella 2.3), si nota chiaramente come la spesa per la salute italiana sia inferiore sia alla media OECD che alla media UE-15: nel 2011 la spesa sanitaria italiana corrispondeva al 9,1% del PIL, contro il 10,7% della media dell Europa a 15, ossia un valore inferiore del 17% circa. 3 Gli anni di vita in buona salute alla nascita sono definiti come il numero di anni di vita durante i quali le attività quotidiane di una persona non sono limitate da una patologia o da un problema di salute. Gli anni di vita in buona salute sono calcolati da Eurostat per ogni Paese membro usando il metodo Sullivan (Sullivan, 1971). 4 Con riferimento alla copiosa letteratura in materia, si vuole citare senza pretesa di esaustività: la Relazione sullo Stato Sanitario del Paese del Ministero della Salute; il rapporto sulla sanità 2011 del Ministero della Salute; il rapporto del Ministero dell Economia e delle Finanze su Le tendenze di medio-lungo periodo del sistema pensionistico e socio-sanitario 2012; il Rapporto OASI del centro CERGAS dell Università Bocconi; il rapporto sulla sanità di CEIS dell Università di Roma Tor Vergata. 12

14 Tabella 2.3: Totale spese per la salute in % del prodotto interno lordo Country Austria 10,0 10,1 10,1 10,3 10,4 10,4 10,2 10,3 10,5 11,2 11,0.. Denmark 8,7 9,1 9,3 9,5 9,7 9,8 9,9 10,0 10,2 11,5 11,1.. France 10,1 10,2 10,6 10,9 11,0 11,2 11,1 11,1 11,0 11,7 11,6.. Germany 10,4 10,5 10,7 10,9 10,7 10,8 10,6 10,5 10,7 11,7 11,6.. Greece 8,0 8,9 9,2 9,0 8,8 9,7 9,7 9,8 10,1 10,6 10,2.. Hungary 7,2 7,2 7,6 8,6 8,2 8,4 8,3 7,7 7,5 7,7 7,8.. Italy 8,0 8,2 8,3 8,3 8,6 8,9 9,0 8,6 8,9 9,3 9,3 9,1 Netherlands 8,0 8,3 8,9 9,8 10,0 9,8 9,7 10,8 11,0 11,9 12,0.. Poland 5,5 5,9 6,3 6,2 6,2 6,2 6,2 6,3 6,9 7,2 7,0.. Portugal 9,3 9,3 9,3 9,7 10,0 10,4 10,0 10,0 10,2 10,8 10,7.. Spain 7,2 7,2 7,3 8,2 8,2 8,3 8,4 8,5 8,9 9,6 9,6.. United Kingdom 7,0 7,3 7,6 7,8 8,0 8,2 8,5 8,5 8,8 9,8 9,6.. United States 13,7 14,3 15,1 15,7 15,8 15,8 15,9 16,2 16,6 17,7 17,6 Media UE-15 8,3 8,5 8,8 9,1 9,2 9,4 9,3 9,3 9,6 10,4 10,4 Media OECD 9,5 Fonte: OECD Health Data 2012 La tesi non cambia se si prende in considerazione la spesa sanitaria totale procapite: in Italia nel 2010 risulta del 9% inferiore rispetto alla media OECD e del 20% inferiore al dato complessivo UE-15, come risultato di un tasso di crescita medio, tra il 1990 e il 2010, di 1,4 punti percentuali minore rispetto alla media dei quindici Paesi. Tabella 2.4: Totale spese per la salute procapite (espresso in US$) Austria $2.898 $2.930 $3.084 $3.226 $3.425 $3.503 $3.738 $3.907 $4.173 $4.346 $4.395 Denmark $2.507 $2.678 $2.871 $2.893 $3.123 $3.243 $3.577 $3.767 $4.056 $4.385 $4.464 France $2.545 $2.716 $2.921 $2.981 $3.109 $3.294 $3.484 $3.667 $3.750 $3.930 $3.974 Germany $2.678 $2.805 $2.943 $3.095 $3.166 $3.362 $3.567 $3.722 $3.967 $4.225 $4.338 Greece $1.451 $1.754 $1.965 $2.028 $2.090 $2.353 $2.610 $2.723 $2.998 $3.106 $2.914 Hungary $853 $970 $1.114 $1.315 $1.331 $1.434 $1.511 $1.453 $1.525 $1.559 $1.601 Italy $2.064 $2.228 $2.235 $2.265 $2.372 $2.516 $2.727 $2.769 $2.967 $3.005 $2.964 Netherlands $2.340 $2.554 $2.833 $3.098 $3.308 $3.450 $3.702 $4.410 $4.729 $4.886 $5.056 Poland $581 $642 $733 $748 $807 $857 $935 $1.061 $1.241 $1.365 $1.389 Portugal $1.655 $1.714 $1.780 $1.894 $1.995 $2.212 $2.304 $2.419 $2.549 $2.697 $2.728 Spain $1.538 $1.635 $1.745 $2.026 $2.135 $2.274 $2.553 $2.739 $2.966 $3.097 $3.056 United Kingdom $1.834 $2.002 $2.187 $2.321 $2.540 $2.700 $2.961 $3.030 $3.143 $3.379 $3.433 United States $4.791 $5.142 $5.576 $5.993 $6.355 $6.728 $7.107 $7.483 $7.761 $7.990 $8.233 Media UE-15 $2.195 $2.339 $2.536 $2.674 $2.848 $2.988 $3.219 $3.396 $3.604 $3.779 $3.715 Media OECD $3.265 Fonte: OECD Health Data 2012 La spesa sanitaria complessiva ha una componente pubblica ed una privata. Per spesa sanitaria pubblica si intende la spesa finanziata attraverso fondi pubblici (ossia tributi prelevati dagli enti pubblici territoriali e contributi di schemi assicurativi sociali), mentre la spesa privata include schemi assicurativi privati (ovvero volontari), compartecipazioni alla spesa e pagamenti diretti da parte del paziente. 13

15 Per l Italia, nella spesa sanitaria pubblica è compresa tutta la spesa delle aziende sanitarie e la spesa per la sanità sostenuta da altri enti pubblici, inclusa la spesa del Ministero della Salute. Mentre i dati di spesa pubblica derivano in genere dal consolidamento dei bilanci delle aziende sanitarie (o delle assicurazioni sociali), integrati da stime relative alla spesa sanitaria sostenuta da altri enti pubblici, quelli di spesa privata provengono da stime ottenute da indagini campionarie sui consumi delle famiglie, con conseguenti minori copertura e attendibilità. Analizzando la tabella 2.5 si può facilmente notare come nel caso italiano la sanità sia finanziata prevalentemente da fondi pubblici (quasi al 80% nel 2010 contro una media UE-15 del 76% ed una media OECD del 72,2%). Solo la Danimarca. L Olanda e l Inghilterra fanno registrare percentuali superiori. Tabella 2.5: Incidenza della spesa sanitaria pubblica sulla spesa complessiva (valori in %) Austria 75,6 75,1 74,8 74,5 74,7 75,3 75,7 75,8 76,3 76,4 76,2.. Denmark 83,9 84,2 84,5 84,5 84,3 84,5 84,6 84,4 84,7 85,0 85,1.. France 79,4 79,4 79,7 78,9 78,8 78,8 78,7 78,3 76,7 76,9 77,0.. Germany 79,5 79,3 79,0 78,5 76,8 76,6 76,5 76,4 76,6 76,9 76,8.. Greece 60,0 60,8 58,0 59,8 59,1 60,1 62,0 60,3 59,9 61,7 59,4.. Hungary 70,7 69,0 70,2 71,1 69,6 70,0 69,8 67,3 67,1 65,7 64,8.. Italy 72,5 74,6 74,5 74,5 76,0 76,2 76,6 76,6 78,9 79,6 79,6 79,0 Netherlands 66,4 65,8 65,5 66,5 65,6 65,8 82,4 84,1 84,8 85,4 85,7 85,7 Poland 70,0 71,9 71,2 69,9 68,6 69,3 69,9 70,4 71,8 71,6 71,7.. Portugal 66,6 67,0 68,6 68,7 68,1 68,0 67,0 66,7 65,3 66,5 65,8.. Spain 71,6 71,2 71,3 70,4 70,6 71,0 71,6 71,9 73,2 74,7 74,2.. United Kingdom 78,8 79,5 79,6 79,8 81,2 81,7 81,3 81,2 82,5 83,4 83,2.. United States 43,0 44,0 43,9 43,8 44,1 44,2 45,0 45,2 46,0 47,3 48,2.. Media UE-15 75,0 75,0 75,0 75,2 75,3 75,4 76,4 76,3 76,6 77,0 76,0 Media OECD 72,2 Fonte: OECD Health Data 2012 In ultima analisi, la spesa sanitaria italiana nel 2060 (in % del PIL) sarà inferiore alla media europea e, in particolare, nettamente minore rispetto a Austria, Danimarca, Francia, Germania, Norvegia, Olanda e Regno Unito. Solo allora raggiungeremo l attuale livello della Germania. 14

16 2.2 Evoluzione della spesa sanitaria italiana Sui problemi immediati posti dal doveroso contributo della sanità alle politiche di bilancio si sono innestate le esigenze di modernizzazione del sistema che la crisi economica ha semplicemente acuito e reso più manifeste e di più urgente soluzione. Tali esigenze sono state affrontate attraverso una "manutenzione straordinaria" per rivedere, riqualificare e riorganizzare il sistema assicurando l'invarianza dei servizi ai cittadini. Il cambiamento impresso alle politiche sanitarie nel rispetto dei principi fondamentali del SSN si propone di rendere il suo funzionamento più aderente alle trasformazioni sociali, alla nuova struttura della popolazione e ai cambiamenti dell'epidemiologia, migliorando al contempo la sua sostenibilità, per prevenire i futuri problemi di fabbisogno (da anni segnalati anche in sede Ocse e di recente ricordati dal Presidente del Consiglio) e renderlo più consonante con gli obiettivi di finanza pubblica. I due pilastri su cui poggia questa trasformazione sono indicati dal decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135 (c.d. spending review), che stabilisce la revisione della rete ospedaliera sulla base di standard quali-quantitativi e dal decreto legge 13 settembre 2012, convertito dalla legge 8 novembre 2012 n. 189 (disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute), che riguarda tra l'altro la nuova configurazione dell'esercizio della medicina generale e dell'assistenza primaria sul territorio. Di fronte a tali cambiamenti, il SSN italiano sta affrontando il periodo di crisi con una dotazione di risorse in sanità che si sta progressivamente riducendo rispetto a quella degli altri Paesi Ocse: i dati del 2011 mostrano come la spesa sanitaria pubblica italiana sia cresciuta di appena l'1,4% rispetto all anno precedente, a fronte del circa 4% osservato nel complesso dei Paesi Ocse. La contenuta dinamica della spesa registrata nel 2011 è conseguente alle misure di contenimento messe in campo sia a livello nazionale (es. blocco dei contratti collettivi nazionali di lavoro a decorrere dall anno 2010, interventi in materia di farmaci, ecc.) sia a livello regionale, per effetto delle misure messe in atto per l attuazione dei Piani di rientro e dei Programmi operativi di prosecuzione dei Piani di rientro (es. accreditamento degli operatori privati con l assegnazione di tetti di spesa e l attribuzione di budget, riorganizzazione della rete ospedaliera, ecc.). L'offerta dei servizi è vasta e variegata e comprende, tra l'altro, l'assistenza domiciliare, la salute mentale, la sorveglianza epidemiologica, i controlli di prevenzione, le vaccinazioni, la sanità veterinaria. Da notare l incremento dei servizi di assistenza domiciliare rispetto all anno precedente, che nel 2010 raggiungono il 4% del totale degli anziani. 15

17 La spesa complessiva effettiva del SSN italiano 5 per il 2011 ammonta a 112,889 miliardi di euro, di cui 112,249 miliardi di euro riferiti alle Regioni e alle Province autonome e 0,641 miliardi di euro agli altri enti del SSN finanziati direttamente dallo Stato (Fonte: Ministero della Salute, Rapporto Sanità 2011). La spesa media procapite nazionale è di euro, mentre il valore medio riferito alle Regioni e alle Province Autonome è di euro. Figura 2.1: Evoluzione della spesa del SSN (anni valori in miliardi di euro) 114, , , , , , , , , , , , , , , Fonte: ns. elaborazione su dati Ministero della Salute NSIS - dati di consuntivo per tutti gli anni ad eccezione dell'ultimo anno. A livello territoriale, il SSN viene ripartito tra le Regioni, dove si riscontra un ampia variabilità in termini di spesa procapite, con il valore minimo di euro della Calabria e i valori massimi, oltre i euro, della P.A di Bolzano, della Valle d Aosta, della Provincia Autonoma di Trento, del Friuli Venezia Giulia, della Liguria e del Molise. 5 La spesa complessiva effettiva del SSN è intesa quale somma dei costi di produzione delle funzioni assistenziali, dei saldi della gestione straordinaria e di quella relativa all intramoenia e degli ammortamenti. 16

18 Tabella 2.6: Spesa del SSN per Regione (anno 2011 valori in miliardi di euro) Regione Spesa (mld di ) % sul 2010 Spesa pro capite PIEMONTE 8.445,97-0, V. AOSTA 284,938 2, LOMBARDIA ,01 3, PA BOLZANO 1.145,42 4, PA TRENTO 1.169,56 6, VENETO 8.946,09 1, FRIULI 2.562,46 4, LIGURIA 3.304,10 1, E. ROMAGNA 8.518,79 0, TOSCANA 7.111,20 0, UMBRIA 1.663,05 2, MARCHE 2.797,06-0, LAZIO ,46 0, ABRUZZO 2.358,25 1, MOLISE 657,897-0, CAMPANIA 9.976,62-0, PUGLIA 7.084,00-2, BASILICATA 1.067,58 0, CALABRIA 3.426,83-0, SICILIA 8.732,12 2, SARDEGNA 3.202,21 2, TOTALE ,62 1, Fonte: Ministero della Salute NSIS - dati di consuntivo per tutti gli anni ad eccezione dell'ultimo anno. 17

19 3 Gli scenari demografici Obiettivo principale dell analisi demografica è quello di fornire i dati su base regionale essendo la programmazione sanitaria effettuata in Italia su scala regionale. In questo senso, dopo una descrizione dei dati nazionali anche in relazione ai principali paesi europei, lo sforzo maggiore sarà quello di produrre dati di scenario regionale con riferimento sia ai valori assoluti che al peso delle classi di età più avanzate. I dati regionali sulle previsioni della popolazione costituiscono pertanto un primo insieme di dati di riferimento per l elaborazione delle strategie sanitarie. Per quanto riguarda le fonti utilizzate, si farà riferimento: - per i dati italiani, alle ultime previsioni demografiche fornite da Istat (dicembre 2012), che consentono di tracciare scenari di lungo periodo nell arco temporale ; - per i dati internazionali, agli ultimi dati Eurostat disponibili (dicembre 2012). 3.1 I dati di sintesi Nelle tabelle 3.1 e 3.2 e nel grafico 3.1 sono presentati gli scenari demografici riferiti all Italia. Gli elementi principali possono così essere sintetizzati: - La popolazione è destinata ad invecchiare gradualmente, con un età media che dagli attuali 43,5 anni passerà nel 2030 a 47 anni; - L aumento dell età media è conseguenza di un aumento accentuato della classe di età 65 anni e più (tabella 3 e grafico 1). In particolare si prevede che: o la classe di età di 65 anni e più passerà dall attuale 20% al 26% nel 2030, con un aumento in termini assoluti di circa 4 milioni di unità; o la classe di età di 75 e più passerà dall attuale 10,1% al 13,4%, con un aumento in termini assoluti di circa 2,4 milioni di unità; o la classe di età di 85 anni e più, infine, raddoppierà, passando dall attuale 2,8% al 4,5%, e raggiungendo nel 2030 circa i di unità,con un aumento in termini assoluti di circa 1,5 milioni rispetto al

20 - L impatto dell aumento del numero di anziani sugli indicatori di carico demografico è molto elevato. Si prevede infatti che: o L indice di vecchiaia 6 passerà dall attuale valore di 144,5 al valore di 207,1 (con una forchetta variabile fra 200,3 e 215,5): ciò vuol dire che nel 2030 ci saranno 207 persone con 65 anni e più per 100 giovani da 0 a 14 anni, in pratica due anziani per ogni individuo in età giovanile; o l indice di dipendenza degli anziani 7 passerà dall attuale valore di 30,9 al valore di 42,6 (con una forchetta variabile fra 41,6 e 43,6): ciò vuol dire che nel 2030 ci saranno circa 43 anziani per 100 persone in età attiva, in pratica un anziano per due persone in età lavorativa; o l indice di dipendenza strutturale 8 passerà dall attuale valore di 52,3 al valore di 63,2 (con una forchetta variabile fra 60,9 e 65,3): ciò vuol dire che nel 2030 ci saranno circa 63 persone in età non attiva per 100 persone in età attiva. - L analisi su base regionale mostra andamenti assai differenziati (tabella 3.3 e grafico 3.2). In particolare, soffermandoci all esame della sola percentuale di anziani sul totale, si osserva che: o nel 2011, in Italia, a fronte di una percentuale media del 20% di anziani, le regioni si collocano quasi tutte nell intervallo 18,5%-23,4%; fanno eccezione la Liguria (26,7%), la regione con la più alta percentuale di anziani e, all estremo opposto la Campania (16,1%), la regione con la più bassa percentuale di anziani; o valori più elevati della media si riscontrano in Friuli Venezia Giulia, Toscana, Umbria, Piemonte, Marche, Emilia Romagna, Molise; valori più bassi in Veneto, Lazio, Sardegna, Calabria, Trentino Alto Adige, Sicilia e Puglia; valori intorno alla media in Abruzzo, Val d Aosta, Basilicata, Lombardia. o le proiezioni al 2030 indicano un salto medio di circa 6 punti percentuali (in Italia la percentuali di anziani supera di poco il 26%) e confermano le situazioni estreme di Liguria (30,4%) e Campania (24,5%); l indice di vecchiaia è dato dal rapporto fra la popolazione di 65 anni e più e la popolazione di età 0-14 anni, moltiplicato per 100; è una misura generale del carico demografico degli anziani sulla generazione più giovane; 7 l indice di dipendenza degli anziani è dato dal rapporto fra la popolazione di 65 anni e più e la popolazione in età attiva (15-64 anni), moltiplicato per 100; è una misura generale del carico demografico degli anziani sulla popolazione in età lavorativa; 8 indice di dipendenza strutturale è dato dal rapporto fra la popolazione in età non attiva (0-14 anni e 65 anni e più) e la popolazione in età attiva (14-65 anni), moltiplicato per 100; è una misura generale del carico demografico della popolazione non attiva sulla popolazione attiva. 19

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI

ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI I dati sono aggiornati a settembre 2014. 50 miliardi di euro 130 Le previsioni di spesa sanitaria pubblica 125 120 DEF NA DEF DEF 2012 NA DEF 2012 115 NA DEF 2013 Def 2014

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010 OSSERVATORIO SULLA DIFFUSIONE DELLE RETI TELEMATICHE E DEI SERVIZI ON LINE IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES Roma, 20 aprile 2010

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Andamento spesa sanitaria nazionale e regionale 2008-2014 Pubblichiamo l aggiornamento dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014, con particolare attenzione alle

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli 1 I Livelli essenziali

Dettagli

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA di Tommaso Di Nardo Sommario: 1. La pressione fiscale in Italia dal 1980 al 2014. 2. Pressione tributaria diretta e indiretta. 3. La pressione fiscale in Europa.

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure Allegati Tabella dei dati relativi alle Figure Indice delle Tabelle PARTE PRIMA: DIMENSIONE DEL FENOMENO I.1. CONSUMO DI DROGA Tabella I.1.1:Consumo di eroina nella popolazione generale 15-64 anni. Anni

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

Ospedali al collasso L inchiesta/1. In dieci anni cancellati quasi 45 mila posti letto. E i pronto soccorso scoppiano

Ospedali al collasso L inchiesta/1. In dieci anni cancellati quasi 45 mila posti letto. E i pronto soccorso scoppiano Anteprima per la stampa Roma, 14 febbraio 2012 Ospedali al collasso L inchiesta/1. In dieci anni cancellati quasi 45 mila posti letto. E i pronto soccorso scoppiano Tra il 2000 e il 2009 tagliati il 15%

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana

Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Corso per i poli regionali di innovazione ITA, Roma, 3 febbraio 2015 Sommario

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

Nota metodologica a cura del Ministero della salute su richiesta COPAFF

Nota metodologica a cura del Ministero della salute su richiesta COPAFF Nota metodologica a cura del Ministero della salute su richiesta COPAFF Gli indicatori sono riferiti all anno 2008, pertanto la loro utilizzabilità al fine di simularne l impatto a seguito dell entrata

Dettagli

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Convegno Nazionale Ospedale città territorio Verona, 15 settembre 2007 Carla Collicelli Fondazione Censis Salute e sanità a dura

Dettagli

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9 Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9.1. Gli investimenti strutturali per la riqualificazione dell offerta sanitaria Le politiche di zione degli investimenti pubblici dedicati al patrimonio

Dettagli

Turismo sanitario come opportunità per la promozione della rete delle strutture sanitarie

Turismo sanitario come opportunità per la promozione della rete delle strutture sanitarie PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP Le sinergie nell Unione Europea tra servizi sanitari nazionali e politiche del turismo Venezia, 14 aprile 2014 Turismo sanitario come opportunità per la promozione

Dettagli

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI - analisi, confronto e rafforzamento del sistema sanitario Stefano Scarpetta, Direttore della Direzione del Lavoro, Occupazione e Affari Sociali Il Lavoro dell

Dettagli

I sistemi sanitari nel contesto Europeo

I sistemi sanitari nel contesto Europeo I sistemi sanitari nel contesto Europeo Le caratteristiche finanziarie e organizzative della assistenza sanitaria sono molto variegate. In breve cercheremo di schematizzare alcuni aspetti dei sistemi sanitari,

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

AOGOI AIO AGITE FESMED

AOGOI AIO AGITE FESMED AOGOI AIO AGITE FESMED XI CONGRESSO REGIONALE LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DEL SSN: DAL CONTROLLO DELLA SPESA AL GOVERNO DELLA POLITICA SANITARIA MARZIO SCHEGGI responsabile scientifico dell Istituto Health

Dettagli

Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia

Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia L aziendalizzazione della sanità in Italia è il titolo del Rapporto Oasi 2011, analisi annuale sul Sistema sanitario nazionale a cura

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

Organizzazione sanitaria e

Organizzazione sanitaria e Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Economia Organizzazione sanitaria e Sistemi sanitari comparati Prof. Gualtiero Ricciardi Direttore, Istituto di Igiene Professore Ordinario di Igiene presso

Dettagli

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un ESENZIONE TICKET PRESTAZIONI E SERVIZI SANITARI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE, LABORATORIO E ALTRE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE DIRETTIVA NAZIONALE: E01 E01 E02 E03 E04 bambini con meno di 6 anni appartenenti

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale.

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale. Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale Davide Croce A che punto siamo? 2015: -4 miliardi? La spending review nella

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

La riabilitazione ospedaliera: posti letto, attività e previsioni regionali* Franco Pesaresi 1 e Marina Simoncelli 2

La riabilitazione ospedaliera: posti letto, attività e previsioni regionali* Franco Pesaresi 1 e Marina Simoncelli 2 La riabilitazione ospedaliera: posti letto, attività e previsioni regionali* Franco Pesaresi 1 e Marina Simoncelli 2 Pur essendosi verificata in questi ultimissimi anni una crescita costante e significativa

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

CAPITOLO I.4 IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE

CAPITOLO I.4 IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE CAPITOLO I.4 IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE I.4.1. Malattie infettive droga correlate I.4.1.1 Diffusione HIV e AIDS I.4.1.2 Diffusione di Epatite virale B I.4.1.3 Diffusione di Epatite virale

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE

IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE Francesca Colombo, Divisione Salute OCSE 2 Aprile 2013 Il lavoro sulla sanità all OCSE è cresciuto nel tempo, come il budget sanità % GDP 12 France Germany Italy United

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO L SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali

Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali GIUSEPPE GAROFALO Prof. di Economia Dipartimento di Economia e Impresa Università della Tuscia Occupati in Italia 9,2 milioni

Dettagli

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 L'art. 1, comma 796, punto p) della legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007) ha stabilito che Per le

Dettagli

sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it WI-PIE LINEA STRATEGICA 1- CONOSCERE IL TERRITORIO OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE MAPPA RAGIONATA

Dettagli

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Econpubblica - Centre for Research on the Public Sector La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Giampaolo Arachi Università del Salento e Econpubblica Alberto Zanardi, Università di Bologna

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica CARTE COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI RINNOVABILI TERMICHE ED EFFICIENZA L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Raffaele Scialdoni

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza:

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Ruolo e prospettive degli operatori del settore socio-sanitario 30 Marzo 2011 A cura di Chiara Bartolini DATI NAZIONALI E CONFRONTI REGIONALI SULLA NON

Dettagli

LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE

LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE Roma, gennaio 2012 INDICE Prima parte 1 Donazione del sangue e quadro demografico 1 1. Un Paese che invecchia 2 2. Il quadro demografico

Dettagli

Scenari del Settore Sanitario

Scenari del Settore Sanitario Scenari del Settore Sanitario Francesco Longo Milano, giugno 2013 1 Agenda 1. Le risorse del SSN: bastano? 2. Trend finanziari di sistema 3. Razionalizzazione input o geografia dei servizi? 4. Innovazioni

Dettagli

Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff.

Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff. Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff. - Nel prospetto 1 compartecipazioni sono stati riportati i valori di un punto di compartecipazione Irpef e di un punto di

Dettagli

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute IL SERVIZIO SANITARIO Una grande istituzione al servizio della tua salute I VALORI E I PUNTI DI FORZA DEL SSN La storia della sanità pubblica si intreccia saldamente con le fondamenta costituzionali del

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE Francesco Longo Bologna, 29 maggio 2015 1 Struttura della

Dettagli

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE POLITICHE SOCIOSANITARIE I.P.A.B. - Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza SCHEDA ISTITUZIONALE ENTI AUTONOMI

Dettagli

Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione. Primi risultati di PISA 2009

Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione. Primi risultati di PISA 2009 Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione Primi risultati di PISA 2009 Dicembre 2010 Questo fascicolo contiene una prima presentazione dei risultati di PISA

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

Il diritto allo studio oggi. E domani?

Il diritto allo studio oggi. E domani? Il diritto allo studio oggi. E domani? Federica Laudisa Ripensare il diritto allo studio universitario Firenze, 10 novembre 2011 Sommario Lo stato dell arte Uno sguardo oltreconfine La riforma Gelmini

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche Appendice Dati statistici Segnalazioni bibliografiche I programmi delle sette giornate ATTI DEL CICLO DI INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE manco Dati statistici Le elaborazioni proposte attingono le informazioni

Dettagli

I dati del 2 Rapporto FAVO -Censis - AIOM -INPS Ministero della Salute

I dati del 2 Rapporto FAVO -Censis - AIOM -INPS Ministero della Salute ACCESSO ALLE TERAPIE ONCOLOGICHE SUL TERRITORIO NAZIONALE: I dati del 2 Rapporto FAVO -Censis - AIOM -INPS Ministero della Salute F. De Lorenzo Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Struttura del SSN. Storia del SSN Principali attori del sistema SSN e loro funzioni. Caratteristiche quantitative del SSN

Struttura del SSN. Storia del SSN Principali attori del sistema SSN e loro funzioni. Caratteristiche quantitative del SSN Struttura del SSN Caratteristiche del SSN Storia del SSN Principali attori del sistema SSN e loro funzioni livello centrale, livello regionale livello locale Caratteristiche quantitative del SSN Dati strutturali

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1.

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1. SALUTE E ASSISTENZA Stato di salute della popolazione italiana. Dall'Indagine Multiscopo dell'istat risulta che nel 2013 il 70.4% della popolazione italiana gode di buona salute con un calo rispetto agli

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA FOTOGRAFIA DEI LIVELLI DI BISOGNO E DEI GAP DI OFFERTA: QUALI POSSIBILI

Dettagli

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009)

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) di Roberto Fanfani e Francesco Pagliacci* La discussione se l Italia stia declinando o meno ha subito fasi alterne nell ultimo decennio. Nelle analisi degli

Dettagli

Alessandro Battistella. Alessandro Battistella

Alessandro Battistella. Alessandro Battistella Diversi sistemi di accesso ai servizi sanitari regionali: ripercussioni rispetto ai LEA, al passaggio al sistema privato e alla copertura del bisogno sanitario 2015 Le differenze tra SSR Le regioni si

Dettagli

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss)

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Corso di formazione: I servizi sociosanitari nella legislazione nazionale e della regione Marche Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Moie di Maiolati (An)

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA Sanità ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA. FORMIGONI NON RICORDA NÈ I SUOI VIAGGI NÈ I NUMERI DELLA SANITÀ LOMBARDA La Lombardia è la Regione italiana più

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli