CONSOB QUADERNI DI FINANZA L INDIVIDUAZIONE DI FENOMENI DI ABUSO STUDI E RICERCHE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA COMMISSIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSOB QUADERNI DI FINANZA L INDIVIDUAZIONE DI FENOMENI DI ABUSO STUDI E RICERCHE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA COMMISSIONE"

Transcript

1 CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE L INDIVIDUAZIONE DI FENOMENI DI ABUSO DI MERCATO NEI MERCATI FINANZIARI: UN APPROCCIO QUANTITATIVO M. MINENNA N MAGGIO 2003

2 I Quaderni di Finanza anno lo scopo di promuovere la diffusione dell informazione e della riflessione economica sui emi relaivi ai mercai mobiliari ed alla loro regolamenazione. Nella collana «Sudi e Ricerce» vengono pubblicai i lavori di ricerca prodoi o promossi dalla Consob; nella collana «Documeni» rovano spazio gli inerveni isiuzionali e gli ai di convegni. Direore Responsabile: Albero Agemo Comiao di Redazione: Marcello Bianci, Giuseppe D Agosino, Salvaore Provideni, Adriana Rossei, Claudio Salini, Giovanni Siciliano. Segreeria di Redazione: Eugenia Della Libera e Francesca Tempesini. Quaderni di Finanza Auorizzazione del Tribunale di Roma n. 432 del Consob : Via G.B. Marini, Roma Tel.: Fax:

3 L individuazione di fenomeni di abuso di mercao nei mercai finanziari: un approccio quaniaivo Marcello Minenna * Parole Ciave: insider rading, manipolazione di mercao, abnormal reurn, individuazione di abusi di mercao, alleraore, processo diffusivo. Sinesi In ui i Paesi in cui esise una normaiva sui fenomeni di abuso di mercao, vale a dire manipolazione e insider rading, la repressione degli sessi è affidaa alla Auorià di Vigilanza e alla Auorià Giudiziaria con compeenze ce variano in relazione alle diverse legislazioni. La definizione di una procedura ce consena l individuazione in empo reale di fenomeni di abuso di mercao nei mercai finanziari rappresena una esigenza foremene avveria da pare delle Auorià di Vigilanza dei mercai finanziari. Una procedura per l individuazione di abusi di mercao consise fondamenalmene nell analisi delle ransazioni effeuae sul mercao da diversi ageni al fine di individuare delle anomalie ce porebbero essere sinomaice di fenomeni di abuso di mercao. L obieivo di queso lavoro è di sviluppare, con l ausilio della eoria della probabilià, una meodologia ce permea di individuare i fenomeni di abuso di mercao in maniera più efficace. * L auore desidera ringraziare Emilio Barucci (Universià di Pisa) per l insosiuibile supporo offero nella ricerca e nell analisi della bibliografia noncé per i proficui commeni e suggerimeni relaivi allo sviluppo della modellisica quaniaiva soesa alla procedura per l individuazione di abusi di mercao. Inolre, ringrazia: Veronica Faralli (CORIPE) e Maddalena Lenzi (Consob) per la coninua ri-elaborazione dei dai in relazione alle diverse soluzioni quaniaive appronae funzionale alla calibrazione della procedura per l individuazione degli abusi di mercao, Luca Doveri (CORIPE) e Enrico Maria Scurai per le analisi necessarie allo sviluppo degli indicaori sulla concenrazione di mercao, Giovanni Porioli, Paola Deriu e Carlo Milia (Consob) per la raccola dei dai e delle informazioni ce anno consenio la verifica empirica della procedura. Un uleriore senio ringraziameno a Luigi Spavena, Claudio Salini (Consob) e Francesco Tuccari per aver simolao lo sviluppo di quesa procedura nella convinzione ce l analisi quaniaiva possa concreamene supporare l aivià di vigilanza. Per gli sviluppi maemaici riporai nell appendice A, l auore ringrazia per i validi suggerimeni offeri Mavira Mancino (Universià di Firenze) con riferimeno alla sezione A2 ed Ennio Arlandi (FINARM) per la sezione A1.

4

5 Inroduzione In ui i Paesi in cui esise una normaiva sui fenomeni di abuso di mercao, vale a dire manipolazione e insider rading, la repressione degli sessi è affidaa alla Auorià di Vigilanza e alla Auorià Giudiziaria. A seconda della legislazione in vigore nel Paese, l Auorià di Vigilanza a compeenze più o meno esese sull invesigazione e sulla repressione di quesi fenomeni. Per una analisi dei diversi quadri giurisdizionali in Europa e nel mondo si rinvia alla bibliografia [Minenna, 2001]. La manipolazione dell andameno di un iolo su un mercao finanziario (c.d. aggioaggio) è finalizzaa a cambiarne il prezzo, oppure la percezione del valore fondamenale del iolo da pare degli ageni sul mercao. Queso comporameno può essere auao secondo due modalià: la manipolazione operaiva (c.d. marke based manipulaion) e la manipolazione informaiva (c.d. informaion based manipulaion). La prima forma di manipolazione si realizza direamene sui mercai finanziari araverso l effeuazione di operazioni di negoziazione (ance simulae). La seconda consise invece nella diffusione di informazioni false o endenziose relaive alla socieà emiene i ioli quoai sui mercai finanziari. L insider rading consise nella operaivià di soggei sui mercai finanziari finalizzaa allo sfruameno di informazioni non ancora di pubblico dominio (c.d. informazione privilegiaa o ance insider informaion) e ce, se diffuse sul mercao, deerminerebbero una variazione di prezzo dei ioli. Sulla base di quese definizioni si evidenziano di seguio con maggiore deaglio gli elemeni ce disinguono le due diverse condoe di abuso di mercao. Il confrono ra le finalià di una condoa manipolaiva rispeo ad una di insider rading, in una prospeiva di massimizzazione dei profii per l agene, evidenzia una prima differenza: un agene ce manipola l andameno di un iolo (c.d. marke manipulaor o ance semplicemene manipulaor) può avere ineresse a rendere manifesa sul mercao la propria condoa, menre un agene ce effeua ransazioni con la finalià di sfruare il valore di una informazione privilegiaa (c.d. insider rader o ance semplicemene insider) cerca di non rendere percepibile la propria presenza sul mercao. Queso differene comporameno implica ce l insider rader a differenza di un marke manipulaor operi da price aker. Una seconda differenza è ce l insider rading èsempre fondao sullo sfruameno di un informazione privilegiaa, menre l aggioaggio non lo è necessariamene. Una uleriore differenza è ce gli insider operano sempre nella direzione ce il valore dell informazione in loro possesso deermina nell andameno dei prezzi del iolo, menre per i manipulaor la direzione dell operaivià non è univoca ed è comunque collegaa alla ipologia di condoa manipolaiva. La definizione di una procedura ce consena l individuazione di fenomeni di abuso di mercao nei mercai finanziari rappresena una esigenza foremene avveria da pare delle Auorià di Vigilanza. Quesa emaica, denominaa di Marke Abuse Deecion (c.d. M.A.D.), nel gergo delle Auorià di Vigilanza, è saa sosanzialmene ignoraa nella leeraura finanziaria, ance per la diffi- 5

6 colà di accedere ai daa se informaivi sulle ransazioni effeuae dai diversi ageni sui mercai ce le Auorià anno a disposizione. L obieivo di queso lavoro è di cosruire una procedura di individuazione di abusi di mercao ce per ogni iolo e su base giornaliera sia in grado di individuare la poenziale presenza di fenomeni di abuso di mercao. La procedura, sulla base delle informazioni sulle negoziazioni disponibili presso una Auorià di Vigilanza, dovrebbe verificare per ciascun iolo la presenza di una qualce anomalia di mercao (c.d. failure). A al fine, la meodologia individua per le diverse variabili finanziarie, ce compongono il flusso informaivo di negoziazione del iolo, un modello di riferimeno ce permea di individuare un indicaore fondao su soglie dinamice (c.d. alleraore), il cui superameno sia indicaivo di un andameno anomalo della variabile esaminaa (c.d. aler). Le variabili finanziarie analizzae sulla base del relaivo modello di riferimeno divenano, quindi, una serie di alleraori ce segnalano la poenziale presenza di fenomeni di abuso di mercao. L individuazione degli alleraori della procedura di M.A.D. è saa realizzaa analizzando ciò ce la eoria dei mercai finanziari, l esperienza di vigilanza e l osservazione empirica dei diversi fenomeni di abuso di mercao rilevai dalla Consob, suggeriscono in relazione allo sudio dell andameno delle diverse variabili ce compongono il flusso informaivo di negoziazione dei ioli sui mercai finanziari. Individuai gli alleraori, la calibrazione di una procedura di M.A.D. consise nella calibrazione dei modelli di riferimeno degli sessi, vale a dire nella loro specificazione paramerica in ciave previsionale, e nella individuazione di un algorimo ce consena una inerpreazione congiuna dei diversi aler. L osservazione dei fenomeni di insider rading e di aggioaggio rilevai dalla Consob a garanio una verifica empirica preziosa per la calibrazione della procedura di M.A.D.. Il lavoro si suddivide in due pari. Una prima pare cosiuia da una rassegna della leeraura finanziaria e della esperienza di vigilanza, ove si idenificano elemeni uili alla cosruzione degli alleraori (vedi par. 1). Una seconda pare ove si illusra la procedura di M.A.D. sviluppaa, si descrivono deagliaamene i diversi alleraori alla base della procedura e si spiega come avviene la calibrazione della procedura sessa (vedi par. 2). 1 Rassegna della leeraura e della esperienza di vigilanza Una procedura di individuazione di abusi di mercao si fonda sull analisi delle negoziazioni sui ioli ce i diversi ageni effeuano nei mercai finanziari. I flussi informaivi elemenari ce caraerizzano una negoziazione sono i prezzi, le quanià e la denominazione degli ageni ce anno effeuao la ransazione. In quesa sezione si presena una analisi della leeraura finanziaria e della esperienza di vigilanza della Consob, finalizzaa ad evidenziare come ali flussi 6

7 informaivi elemenari possano essere elaborai per cosruire le variabili finanziarie uili a definire gli alleraori del modello. In paricolare, vengono esaminai la: 1. eoria dei mercai efficieni con informazioni omogenee ra gli ageni (c.d. eoria classica dell asse pricing); 2. eoria dei mercai finanziari in presenza di informazione eerogenea o asimmerica; 3. leeraura sugli effei sul mercao finanziario dell aivià di insider rading e manipolazione. Con riferimeno a queso ulimo filone eorico sono sae analizzae re emaice: il conenuo informaivo degli scambi di mercao degli insider rader per inferire i rendimeni fuuri dei ioli [Minenna, 2001, Seyun, 1998], la sima del valore economico dell informazione privilegiaa, quale variabile proxy per il calcolo degli abnormal reurn conseguii dagli insider rader [Minenna, 2002], la capacià del mercao di leggere le insider informaion e, quindi, dei prezzi di incorporarne il valore prima ce le sesse siano rese pubblice [Meulbroek, 1992, Cackravary, 1999, Cornell e Sirri, 1992, Baacarya e al., 2000]. Si rimanda alla bibliografia per una punuale analisi della leeraura a cui si fa riferimeno nella presene sezione [Barucci, 2002] e per un esame dell esperienza di vigilanza [Tuccari, 1999]. 1.1 Alcuni spuni eorici: eoria classica dell asse pricing Alcuni risulai affereni la eoria classica dell asse pricing (ageni con informazioni omogenee) anno evidenziao come i diversi flussi informaivi elemenari ce caraerizzano le negoziazioni su un iolo possano essere sineizzai in maniera efficace araverso due variabili finanziarie: il rendimeno e il volume di negoziazione. L analisi di queso filone eorico, funzionale all individuazione di un se di alleraori uili per la definizione di una procedura di M.A.D., èsaa perano condoa con riferimeno a quese due variabili finanziarie Il rendimeno La eoria classica dell asse pricing si basa su ipoesi già ampiamene sperimenae nella eoria economica: mercai perfeamene concorrenziali, mercai complei (è possibile scambiare sul mercao finanziario riccezza coningene ad ogni eveno fuuro), ageni ce massimizzano una funzione obieivo (uilià aesa), aspeaive razionali (gli ageni sono neurali al riscio). Qualora i mercai siano in equilibrio e non vi siano opporunià di arbiraggio, è sao dimosrao ce esise una misura di probabilià equivalene, dea neurale al riscio, ale ce i rendimeni uniperiodali aesi condizionai dei ioli-porafogli siano pari al rendimeno del iolo privo di riscio. Rispeo a quesa misura di probabilià neurale al riscio, deriva ce: non esise una sraegia di invesimeno ce genera rendimeni aesi superiori a quello del porafoglio di mercao o della buy&old sraegy; 7

8 il prezzo di un iolo e la riccezza generaa da una sraegia di invesimeno sconai o una loro rasformaa sono un processo diffusivo ce a la proprieà di essere una maringala; i rendimeni in eccesso (rendimeno del iolo al neo del rendimeno del iolo privo di riscio) non sono auocorrelai e le informazioni disponibili nel presene non permeono di prevedere i rendimeni fuuri. Quese caraerisice sono riassune nel fao ce il logarimo del prezzo di un iolo ce non disribuisce dividendi segue un processo socasico deo random walk. È facile immaginare lo scarso realismo di quese ipoesi (neuralià al riscio e cosanza nel empo delle preferenze degli ageni) e, quindi, il modeso aiuo ce quesi risulai offrono per comprendere l andameno del rendimeno di un iolo. Rilasciando l ipoesi di ageni neurali al riscio, le implicazioni della eoria dell asse pricing si fanno maggiormene aricolae. Si osserva ce la misura di probabilià neurale al riscio non coincide più con quella sorica (quella ricavaa dai dai osservai sul mercao). Inolre, la dinamica del rendimeno aeso condizionao di un iolo cessa di corrispondere con quella del rendimeno privo di riscio. Tale dinamica è analizzaa in leeraura meendo in relazione il rendimeno di un iolo con alcune variabili di sao ce descrivono il muameno delle opporunià di invesimeno e le preferenze degli ageni. In paricolare, nell ipoesi di mercai complei, in relazione alla variabile di sao uilizzaa per descrivere la dinamica del rendimeno di un iolo, i modelli eorici di riferimeno sono il CCAPM (Consumpion Capial Asse Pricing Model) [Rubinsein, 1976] e il ICAPM (Invesmen Capial Asse Pricing Model) [Breeden 1979]. In un coneso di ageni non neurali al riscio, perano, non vi è alcun moivo per aendersi l assenza di auocorrelazione nei rendimeni dei ioli, nè per non riconoscere un valore previsivo dei rendimeni fuuri ad alcune informazioni disponibili al empo presene [Fama, 1991]. Nella leeraura più recene è sao osservao ce i rendimeni di porafogli o di indici azionari sono caraerizzai da mean reversion su ampi orizzoni emporali (auocorrelazione negaiva dei rendimeni) e da rend (momenum effec) su brevi orizzoni emporali (auocorrelazione posiiva dei rendimeni). Leman e Jegadees anno confermao ale presenza di auocorrelazione nei rendimeni seimanali dei ioli [Leman, 1990, Jegadees, 1990]. Roll a evidenziao ce i rendimeni giornalieri dei singoli ioli risenono degli effei dovui alla microsruura del mercao (ad esempio cosi di ransazione) ce possono inrodurre fenomeni di mean reversion di breve periodo [Roll, 1984]. In paricolare, ioli poco liquidi, connoai da una modesa profondià di mercao, sono caraerizzai da una elevaa price pressure e, quindi, i rendimeni possono cambiare di segno in un lasso di empo conenuo. Fama e Frenc anno evidenziao ce un modello auoregressivo sui rendimeni presi in ciave logarimica cauri sia la componene di mean reversion sia di momenum effec [Fama e Frenc, 1988]. 8

9 Fori di quese osservazioni, si può affermare ce un indicaore ineressane circa la dinamica di un iolo è fornio dalla auocorrelazione dei rendimeni o dal loro esame secondo una dinamica mean revering. Un anomalia in ale dinamica segnala il cambiameno delle opporunià di invesimeno e, quindi, della risciosià di un iolo, l insorgenza di un break sruurale o di un fenomeno di abuso di mercao. Consideraa inolre la naurale endenza di un iolo ad essere caraerizzao da una componene di mean reversion, endenza collegaa inversamene alla liquidià del iolo, si osserva ce un esame congiuno dei rendimeni e dei volumi di negoziazione porebbe essere di aiuo per discriminare ra le diverse ipoesi di failure del mercao Il Volume di negoziazione In leeraura, si considera ce gli ageni scambino ioli sul mercao finanziario per moivi: di risk saring-edging; speculaivi. L operaivià connessa al risk saring-edging è funzionale alla necessià degli ageni di oenere coperura dal riscio finanziario sulle posizioni in essere. I moivi speculaivi sono invece collegai alla possibilià di conseguire dei profii, ance in relazione alla disponibilià di se informaivi eerogenei ra gli ageni. Nellaeoriaclassica dell asse pricing quese moivazioni rovano scarsa raazione; infai, in presenza di mercai complei, l operaivià connessa al risk saring-edging rova spiegazione solo in un momeno iniziale di mercao, generao da uno sock esogeno ce in quano ale deermina un break sruurale nel mercao sesso. Quesa operaivià è infai necessaria al raggiungimeno di una allocazione Pareo oima, raggiuna la quale per l ipoesi di aspeaive razionali non vi sarà moivo per alcun uleriore scambio. L operaivià per moivi speculaivi è esclusa a priori visa l ipoesi di ageni con informazioni omogenee. In queso coneso, perano, la leeraura non offre un effeiva spiegazione degli elevai volumi osservai nei mercai finanziari e della fore componene auoregressiva degli sessi [Gallan e al., 1992]. Rilasciando l ipoesi di compleezza dei mercai, la mancanza di alcuni mercai e di specifici srumeni finanziari pora come conseguenza un incremeno dei volumi di negoziazione, in quani gli ageni, non raggiungendo mai una siuazione di oale coperura del riscio, sono porai a scambiare dinamicamene nel mercao. Nel complesso si può affermare ce la eoria dei mercai finanziari con operaori in possesso di informazione omogenea non presena un modello ce spiegi gli elevai volumi e la fore componene auoregressiva degli sessi risconrai empiricamene. D alro cano, evidenzia ce un cambiameno delle opporunià di invesimeno nelle scele di porafoglio degli ageni, dovuo ad 9

10 un break sruurale genera sicuramene volumi, con una cera componene auoregressiva. La leeraura esaminaa non idenifica perano uno specifico modello di riferimeno ce spiegi l andameno dei volumi di negoziazione nel empo, ance se, empiricamene, osserva la presenza di componeni auoregressive ce quindi dovrebbero ispirare la cosruzione di un alleraore su quesa grandezza. L esame della leeraura dei mercai finanziari in presenza di informazione non omogenea, ce si presena nel paragrafo successivo, offre maggiori spuni di riflessione sulla dinamica di quesa variabile finanziaria. 1.2 Alcuni spuni eorici: informazione eerogenea e asimmerica L ipoesi di informazione eerogenea e asimmerica complica il quadro eorico ce è sao appena descrio; infai la disponibilià di un diverso se informaivo ra gli ageni deermina scambi sul mercao, non solo per moivi di risk saringedging, ma ance per moivi speculaivi. L analisi dell andameno dei rendimeni dei ioli e dei volumi di negoziazione dipende dalla sruura del mercao (perfeamene o non perfeamene concorrenziale) e dalla naura dell informazione degli ageni (eerogenea o asimmerica). Un mercao è perfeamene concorrenziale qualora gli ageni non influenzino il prezzo con il loro comporameno di mercao (vale a dire ce operano come price akers); viceversa, se si verifica ale influenza il mercao non è perfeamene concorrenziale. Si a informazione eerogenea quando ui gli ageni (o un insieme molo ampio) osservano segnali privai correlai con il valore fondamenale del iolo e informazione asimmerica quando solo un insieme risreo di ageni è in possesso di informazioni privilegiae riguardo al valore fondamenale del iolo. Di seguio si presenano i principali risulai raccoli nella leeraura sui mercai finanziari con informazione eerogenea e asimmerica, funzionali all individuazione di un se di alleraori uili per la definizione di una procedura di M.A.D Mercao finanziari con informazione eerogenea In leeraura, due imporani risulai sui mercai finanziari in presenza di informazione eerogenea sono: 1. l esisenza di prezzi di equilibrio fully revealing; 2. il no rade Teorem. Il primo compora ce i prezzi di equilibrio, in assenza di componeni di rumore nel mercao (quali ad esempio domanda aleaoria da pare di noise raders), incorporino precisamene e, empesivamene, il valore delle informazioni privae di cui gli ageni dispongono. Tale caraerisica dei prezzi è aribuia 10

11 da Grossman alla circosanza ce gli ageni doai di informazione privaa, per il fao sesso di operare sul mercao, rasmeono il valore dell informazione agli alri ageni [Grossman, 1989]. In queso coneso, la dimensione dello scambio è funzione crescene della precisione dell informazione (la relazione è esplicia nel caso di variabili casuali normali e funzione di uilià esponenziale). Il secondo risulao evidenzia ce l eerogeneià informaiva, di per sè, non genera volumi. Infai, se gli ageni, in assenza di ale eerogeneià, anno raggiuno una allocazione ex ane Pareo oima, allora l evenuale comparsa di una differenziazione informaiva ra gli sessi non genera volumi. [Milgrom e Sockey, 1982, Tirole, 1982]. Quesi risulai, riconducendo l analisi dei mercai finanziari con informazione eerogenea alla eoria classica, non offrono un conribuo differenziale rispeo all analisi dell andameno dei rendimeni dei ioli e dei volumi di negoziazione (vedi par. 1.1). Alcuni modelli successivi, inserendo una componene di noise, consenonodi superare i limii connessi all esisenza di prezzi di equilibrio fully revealing eal no rade eorem in ipoesi di mercai perfeamene concorrenziali. Kim e Verreccia analizzano un modello con informazione privaa cososa e una componene di noise di mercao in una economia caraerizzaa da due isani di empo [Kim e Verreccia, 1991]. Nel primo isane, gli ageni scambiano sulla base di informazioni privae eerogenee sul valore fondamenale del iolo; nel secondo isane un annuncio pubblico rende omogenee le aspeaive sul valore dello sesso. Gli auori mosrano ce i volumi nel secondo isane sono correlai posiivamene con il valore assoluo del cambiameno del prezzo ra i due momeni emporali esaminai e ce il coefficiene moliplicaivo dipende dal grado di eerogeneià dell informazione degli ageni. Queso modello saico mee in evidenza due risulai imporani: 1. volumi e cambiameni assolui dei prezzi sono posiivamene correlai ra loro; 2. la relazione ra volumi e cambiameni assolui dei prezzi dipende posiivamene dal grado di eerogeneià delle informazioni degli ageni. Quesi risulai sono sai oenui ance in modelli con ageni caraerizzai da opinioni differenziae ex ane (e quindi non legae ad una informazione privaa) [Salen, 1993] o da diversià inerpreaive di un segnale pubblico [Kandel e Pearson, 1995]. He e Wang anno sviluppao un modello dinamico ce prevede l arrivo sul mercao di informazione privaa e pubblica e una componene di noise di mercao. Gli ageni possono scambiare sia per accomodare uno sock dal lao dell offera (non-informaional rading), ce per speculare sull andameno del iolo (informaional rading). Gli auori mosrano come l auocorrelazione dei volumi disingue l informazione privaa da quella pubblica. In paricolare, quando un segnale pubblico viene osservao, volumi elevai si verificano solo in un inorno dello sesso, quando, invece, l informazione è privaa, i volumi endono ad essere auocorrelai, in quano l informazione viene rasmessa dai prezzi nel corso del 11

12 empo, per l operaivià, ance successiva all arrivo dell informazione, da pare di ageni non informai, ce agiscono da followers [He e Wang, 1995]. Harris e Raviv anno conseguio un risulao simile sabilendo un nesso ra volumi elevai e auocorrelazione negli sessi con la presenza nel mercao di informazione privaa [Harris e Raviv, 1993]. Alri modelli esaminano la relazione ra volumi e rendimeni, disinguendo se l origine dei volumi sia o meno di ipo informaivo. Campbell e alri anno verificao empiricamene ce, se i volumi sono elevai per moivi non informaivi (liquidià, preference socks), allora rendimeni accompagnai da volumi elevai saranno seguii da rendimeni di segno conrario (price reversal o mean reversion) [Campbell e al., 1993, Conrad e al., 1994]. Llorene e alri evidenziano, invece, ce se i volumi sono originai da nuove informazioni privae ce giungono sul mercao (informaional rading), la relazione può essere, ma non necessariamene, di segno opposo [Llorene, e al., 2001]. Quesi ulimi modelli evidenziano, quindi, ce si avrà mean reversion se i volumi sono generai da moivazioni non informaive e momenum effec (presenza di un rend e di auocorrelazione posiiva nei rendimeni) se i volumi sono generai dalla presenza di informazioni privae. Rilasciando l ipoesi di mercai perfeamene concorrenziali, la circosanza ce l operaivià degli ageni è in grado di influenzare i prezzi dei ioli sui mercai finanziari fa venir meno i risulai relaivi all esisenza di prezzi di equilibrio fully revealing ealno rade eorem. La leeraura non è molo ampia, ance percé mercai non perfeamene concorrenziali sono generalmene associai alla presenza di informazione asimmerica nel mercao piuoso ce eerogenea (vedi par ). Un lavoro ineressane è quello di Foser e Viswanaan, ce spiega come una diversa percezione degli ageni sul valore fondamenale del iolo alimeni una reazione a caena, ove quesi sono porai a coninuare a negoziare a causa della differene inerpreazione del rading degli alri ageni [Foser e Viswanaan, 1996]. L analisi della leeraura sui mercai finanziari in presenza di informazione eerogenea conferma ce ai fini della definizione di un alleraore sui volumi di negoziazione, un esame della serie sorica dei volumi secondo uno scema di auocorrelazione possa essere di paricolare ausilio. Inolre, ribadisce l opporunià di definire un alleraore ce esamini i rendimeni secondo un preciso scema di mean reversion, noncé una calibrazione della procedura ce valui congiunamene il risulao degli alleraori sui volumi e sui rendimeni Mercai finanziari con asimmeria informaiva La leeraura su mercai finanziari con informazione asimmerica evidenzia come la presenza di fenomeni di adverse selecion collegai al imore di scambiare con un agene in possesso di informazione privilegiaa possa deerminare a livello del singolo agene non informao la decisione di non effeuare alcun scambio e, quindi, a livello di mercao una riduzione dei volumi di negoziazione. In ipoesi di mercai perfeamene concorrenziali, Wang analizza un modello con ageni informai e non informai, ove gli ageni informai possono ance 12

13 scambiare fuori dal mercao (privae invesmen opporuniies) permoivinon legai al valore del iolo. Gli ageni informai scambiano in relazione alla presenza di informazioni privae o di socks legai alle opporunià di invesimeno privae. Gli ageni non informai avverono, quindi, un problema di adverse selecion legao al riscio di parecipare ad uno scambio con un agene informao, ce può indurli a non scambiare affao sul mercao. Come conseguenza all aumenare del grado di asimmeria il livello dei volumi diminuisce, menre la disclosure di informazioni deermina un aumeno degli sessi, in quano riduce i problemi di adverse selecion. Nonosane l effeo assoluo risuli diverso dal caso con informazione eerogenea (vedi par ), l effeo dinamico in relazione all arrivo di informazioni pubblice è il medesimo [Wang, 1994]. Rilasciando l ipoesi di mercao perfeamene concorrenziale, il quadro divena più aricolao, in quano un agene in possesso di una informazione privilegiaa definirà il suo comporameno, enendo cono dell effeo ce lo sesso a sul prezzo. Kyle a dimosrao ce in un mercao non perfeamene concorrenziale con una componene di noise nel mercao, l informazione ce viene rasmessa dai prezzi è inferiore a quella rasmessa in un mercao perfeamene concorrenziale [Kyle, 1989]. In queso coneso la leeraura finanziaria presena alcuni modelli ce esaminano l andameno dei volumi di negoziazione in relazione: 1. alla microsruura del mercao, ed in paricolare al fao ce il mercao sia organizzao come un mercao guidao dagli ordini (order driven) odai prezzi (quoe driven); 2. al grado di compeiivià dal lao dei dealers-marke makers; 3. all effeo di adverse selecion indoo sugli ageni dalla presenza di ageni informai. Alcuniineressanirisulaisono collegaiall ipoesidi un dealer ce definisce un prezzo bid ed un prezzo ask, sapendo ce nel mercao vi sono alcuni ageni informaiedalrinoninformai. Inquesocasoildealer, emendo l effeo di adverse selecion (scambiare con un agene informao), ende a definire un elevao bid-ask spread e, quindi, non conribuisce ad incremenare la liquidià del mercao. Easley e O Hara anno evidenziao ce, in un mercao quoedriven, il dealer, essendo a conoscenza della presenza di ageni informai nel mercao, ende a definire un bid-ask spread più elevao ce genera condizioni inefficieni per lo svolgimeno delle negoziazioni [Easley e O Hara, 1987]. In siuazioni esreme, Glosen e Milgrom anno evidenziao come queso genere di comporameno da pare di un dealer può deerminare dei livelli di prezzo per cui non si verifica alcuno scambio [Glosen e Milgrom, 1985]. Kyle a analizzao un modello in cui un insider rader opera in un mercao in presenza di noise raders (la cui domanda è descria da una variabile aleaoria ce non dipende dal prezzo) con un marke maker ce si impegna a ciarire il mercao ad un prezzo pari al valore aeso del dividendo condizionao al flusso 13

14 degli ordini osservai sul mercao. In una economia con una sola occasione di scambio l insider rader ce conosce perfeamene il valore del dividendo ende a nascondere la sua informazione, affincé il processo di deerminazione dei prezzi del marke maker non riflea il valore dell informazione privaa in modo preciso. Queso comporameno dell insider si raduce operaivamene in una reaivià della sua domanda di informazione privaa inversamene proporzionale alla profondià del mercao e direamene proporzionale alla componene di noise presene nel mercao. In paricolare, l insider, al fine di massimizzare i profii collegai allo sfruameno dell informazione privilegiaa, può essere indoo a scambiare quaniaivi modesi, in modo ce il rading non riveli al mercao il valore dell informazione [Kyle, 1985]. Foser e Viswanaan, uilizzando moivazioni analoge a quelle di Kyle, mosrano ce i volumi sono auocorrelai in un mercao non perfeamene concorrenziale in presenza di fenomeni di abuso di mercao [Foser e Viswanaan, 1993]. L analisi della leeraura sui mercai finanziari in presenza di asimmeria informaiva conferma l uilià dell osservazione delle serie sorice dei volumi secondo uno scema di auocorrelazione degli sessi al fine di cosruire un alleraore su quesa variabile finanziaria. Inolre, suggerisce di esaminare elemeni collegai alla microsruura dei mercai e alle modalià di svolgimeno degli scambi, con paricolare riferimeno alla profondià del mercao e alla presenza di operaori dominani. Tale analisi dovrebbe avvenire araverso la cosruzione di specifici alleraori capaci di rappresenare la presenza di operaori dominani nel mercao, noncé l evoluzione emporale della concenrazione del mercao. Inolre, la considerazione ce la concenrazione del mercao vada comunque esaminaa in relazione all andameno dei volumi ed alla profondià dello sesso, suggerisce ce la calibrazione della procedura vada definia in modo da consenire una valuazione congiuna dei risulai degli alleraori sui volumi e sulla concenrazione. 1.3 La leeraura sugli effei dell aivià di insider rading e di manipolazione La leeraura sul ema degli abusi di mercao è molo limiaa e spesso collegaa all aivià di ricerca svola dalle sesse Auorià di vigilanza a supporo della loro aivià. In paricolare, menre il ema della manipolazione è pressocé assene, ance per indisponibilià dei dai riferii all operaivià dei diversi ageni sul mercao, sul ema dell insider rading vi sono sai diversi conribui. Tra quesi, si menziona lo sudio di Meulbroek, ce a mosrao come nei giorni di insider rading si osservino elevai volumi e abnormal reurn; ciò,in quano ageni, non informai seguono il comporameno degli insider (c.d. erd effec) e conribuiscono così a far avvicinare più rapidamene il prezzo del iolo al valore ce raggiungerebbe a seguio della diffusione della noizia [Meulbroek, 1992]. Risulai simili sono sai oenui da Cornell e Sirri analizzando il caso Campbell e Taggar [Cornell e Sirri, 1992]. Da quese analisi emerge 14

15 ce gli insider endono a nascondere il loro operao ramie la realizzazione di ransazioni di dimensione non elevaa, circosanza peralro già messa in luce nella analisi della leeraura finanziaria di cui al par Baacarya e alri, mosrano ce la diffusione di noizie relaive a socieà quoae sul mercao messicano non a alcun effeo sui rendimeni, sui volumi e sulla volailià. Tale circosanza è dovua all inensa aivià di rading da pare di insider ce anicipa la diffusione sul mercao del valore dell informazione privilegiaa (c.d. pre-announcemen informaion leakage) [Baacarya e al., 2000]. Cackravary, analizzando il caso Carnaion, mosra invece ce esise un effeo sui prezzi dovuo alla diffusione di noizie, ma ce non è possibile disinguere l effeo sul prezzo dovuo a scambi da pare di insider, da quello relaivo a scambi messi in ao da ageni ce non sono in possesso di informazioni privilegiae [Cackravary, 1999]. Bagliano e alri, in una specifica analisi del mercao ialiano, mosrano ce l aivià di insider rading non pora ad un muameno nella auocorrelazione delle serie sorice dei volumi e dei rendimeni [Bagliano e al., 2001]. Con riferimeno all aivià di ricerca svola dalle Auorià di vigilanza, Micell e Neer descrivono la procedura adoaa dalla Unied Saes Securiies and Excange Commission (SEC) per la sima degli abnormal reurn collegai alla diffusione di informazioni privilegiae. Quesa procedura uilizza il marke model e, quindi, araverso un approccio economerico del ipo even-sudies,sima gli abnormal reurn di un iolo in relazione all andameno del rendimeno dell indice di mercao. I risulai della sima sono alla base della deerminazione del valore dell informazione privilegiaa di cui l insider si appropria ai danni del mercao. Sulla base di queso valore la SEC deermina le sanzioni da comminare all insider (c.d. disgorgemen) [Micell e Neer, 1994]. Di recene, Minenna a proposo l adozione di un processo diffusivo in alernaiva al marke model ce inferisce l andameno dei rendimeni fuuri, sulla base di una calibrazione sui rendimeni ce il iolo a regisrao in un cero periodo. Quesa innovaiva procedura individua la presenza di abnormal reurn in relazione alla disclosure di informazioni privilegiae. Inolre, viene dimosrao ce, calibrando il processo diffusivo sulla base della sraegia di rading dell insider (informazione disponibile presso le Auorià di vigilanza), si può calcolare il valore dell informazione privilegiaa di cui l insider si appropria ai danni del mercao e, quindi, il disgorgemen [Minenna, 2001]. Nel complesso, quesi sudi non ciariscono se l informazione in possesso degli insider viene incorporaa o meno nel prezzo prima della diffusione della noizia; uavia confermano ce i volumi aumenano, ce gli ageni non informai movimenano una pare rilevane degli sessi, ce l insider rader ende a nascondere la sua presenza nel mercao, ce in presenza di informazioni privilegiae si verificano abnormal reurn, cegliabnormal reurn possono essere simai araverso l uilizzo di processi diffusivi [Minenna, 2002]. Nella definizione degli alleraori sui volumi di negoziazione e sui rendimeni di un iolo, ali considerazioni confermano, quindi, la necessià di analizzare: 15

16 la dinamica emporale dei volumi di negoziazione deerminaa dall operaivià dei diversi ageni preseni sul mercao secondo uno scema di auocorrelazione; l andameno del rendimeno di un iolo al fine di individuare la presenza di abnormal reurn ramie l uilizzo di processi diffusivi. 1.4 L esperienza di vigilanza della Consob L esperienza di vigilanza della Consob è mauraa a parire dal 1991, anno in cui il legislaore con la legge n.157/1991 a definio un quadro giuridico specifico per l insider rading e l aggioaggio. Dall enraa in vigore di quesa nuova legge la Consob a segnalao alla Auorià Giudiziaria 140 casi di abuso di mercao. L azione di vigilanza della Consob sui fenomeni di abuso di mercao avviene araverso srumeni operaivi di indagine e srumeni di analisi. Tra i primi si includono l analisi dell operaivià degli inermediari, delle posizioni lire e ioli dei singoli commieni, dei regisri degli ordini e delle operazioni, la ricerca di noizie sull emiene, l analisi dei relaivi bilanci e degli sudi pubblicai, ecc. Quesi srumeni consenono di verificare la sussisenza del fumus di una condoa di abuso di mercao e di accerare gli elemeni necessari per delimiare i conorni della condoa sessa. Gli srumeni di analisi cercano, invece, di valuare l impao economico di una condoa di abuso di mercao sull inegrià dei mercai e l evenuale pregiudizio arrecao agli invesiori. Per i casi di insider rading, una vola idenificaa l informazione privilegiaa, si deve valuare la sua price sensiiviy, noncé il valore dell informazione di cui i diversi insider si appropriano ai danni del mercao [Minenna, 2002]; per i casi di aggioaggio, una vola individuaa la ipologia di condoa manipolaiva, deve essere esaminaa l anomalia indoa sull andameno del iolo e quanificare i danni arrecai al mercao [Milia, 2001]. Al riguardo, è imporane infai ricordare ce la sanzione da comminare agli ageni, ce auano una condoa di abuso di mercao, non può prescindere da valuazioni sugli effei economico-finanziari ce ale condoa a sui mercai e sugli invesiori. L esame ex-pos dei diversi casi di abuso di mercao rilevai dalla Consob evidenzia ce ali fenomeni lasciano delle racce sui mercai finanziari sia in ermini di andameno del prezzo del iolo ce dei livelli dei volumi di negoziazione [Tuccari, 1999]. Per quano riguarda l insider rading, consideraa la endenza dell insider a nascondere la propria presenza sul mercao, è il valore dell informazione privilegiaa e il momeno di disclosure sul mercao, ance in relazione all evenuale anicipao diffondersi di rumors, a deerminare evenuali andameni anomali del iolo in ermini di rendimeni e di volumi di negoziazione. Da qui, l imporanza di manenere presso le Auorià di vigilanza un daabase delle informazioni sociearie, noncé la predisposizione di apposie unià di enforcemen per il monioraggio della cosiddea informaiva coninua e periodica. 16

17 Con riferimeno all aggioaggio, l esperienza di vigilanza della Consob disingue ra casi di marke based manipulaion ediinformaion based manipulaion. Nell ambio della marke based manipulaion è sao osservao ce i prezzi possono essere alerai sia con operazioni effeive (rade based manipulaion) ce con operazioni fiizie (was sales/maced orders) e ce vi sono alcuni prezzi ce anno una valenza informaiva superiore agli alri, quali il prezzo di aperura e di ciusura. Quesi infai, vengono presi come riferimeno in alcune regole di funzionameno micro-sruurale dei mercai. Ad esempio, è saa osservaa la manipolazione del prezzo di aperura di alcuni ioli in quano deerminane il pay-off della componene derivaiva di prodoi sruurai collocai sul mercao reail. Inolre, è sao rilevao ce la capializzazione, la concenrazione della proprieà, la liquidià sono elemeni ce impaano sulla probabilià ce su un iolo quoao si verificino alcuni comporameni manipolaivi. Ad esempio, per i ioli soili, gli ageni porebbero essere indoi ad effeuare scambi al fine di creare l apparenza di un mercao aivo, di guidare il iolo a livelli superiori rispeo a quelli ce esprimerebbe il mercao, di incremenare il valore di mercao di una socieà in visa di una fuura cessione, ecc. In genere, i manipulaor sono collegai agli azionisi di conrollo della socieà e l organizzazione della condoa di abuso di mercao riciede accordi fiduciari con inermediari e invesiori isiuzionali. Quesi inerveni, spesso, presenano delle similiudini con inerveni di sabilizzazione del prezzo del iolo o di anicipazione della diffusione di informazioni sulla socieà. Con riferimeno alla informaion based manipulaion icasiosservaisono collegai al ruolo fondamenale ce le informazioni svolgono per qualunque invesimeno finanziario. Al riguardo si evidenziano due problemi: il primo consise nel conflio di ineressi ipico dell inermediazione finanziaria ce da un lao diffonde sudi e indicazioni di invesimeno e dall alro opera direamene sul mercao e il secondo, più ipicamene ialiano, riguarda la mancanza di ediori puri. Ciò premesso, una delle faispecie rilevae dalla Consob consise nella diffusione di comunicazione non veriiere su eveni socieari o sulla siuazione della socieà finalizzaa ad influenzare i prezzi di ioli quoai sui mercai finanziari. In genere quesa condoa è collegaa alla presenza di azionisi di conrollo spesso in difficolà finanziaria. In alcuni casi è saa osservaa la diffusione di noizie sampa fuorviani o endenziose con le quali le socieà comunicano al mercao l esisenza di progei di risruurazione ance per il ramie di soggei non direamene collegai alla socieà sessa. Un uleriore faispecie consise nella diffusione da pare degli inermediari di sudi su socieà con previsioni di dai e suggerimeni esagerai e/o falsi. In ali casi è saa rilevaa la presenza di una operaivià non coerene da pare dell inermediario ce aveva prodoo lo sudio. Le ipoesi esemplicaive di abuso di mercao sopra espose, pongono in risalo ce sia i prezzi, sia i rendimeni dei ioli generalmene subiscono delle brusce variazioni (ad esempio nel momeno in cui viene daa disclosure di una informazione privilegiaa), ovvero seguono degli andameni non riconducibili ad una dinamica di ipo mean-revering (ad esempio in presenza di fenomeni 17

18 manipolaivi). Inolre, evidenziano ce i volumi di negoziazione variano sia in ermini assolui, manenendo in genere una componene auoregressiva, sia di composizione degli inermediari-negoziaori. Con riferimeno alla composizione emerge la necessià di considerare in paricolare due variabili: 1. il livello di concenrazione degli inermediari, ineso come il numero degli inermediari e la relaiva quoa-pare dei volumi negoziai (c.d. concenrazione saica); 2. l evoluzione della concenrazione degli inermediari, ossia l andameno della quoa-pare dei volumi di negoziazione di ciascun inermediario su uno specifico iolo (c.d. concenrazione dinamica). Quese considerazioni ce in sinesi riassumono l esperienza di vigilanza della Consob confermano l opporunià di definire un alleraore sui volumi di negoziazione ramie l esame della serie sorica dei volumi secondo uno scema auoregressivo e sui rendimeni araverso la calibrazione di un processo diffusivo di ipo mean-revering. Inolre, suggeriscono di definire due alleraori ce esaminino la composizione degli inermediari-negoziaori, disinguendo ra la concenrazione saica e quella dinamica. Infine, l evidenza empirica mosra come fenomeni di abuso di mercao si verificino generando delle alerazioni sull andameno di più variabili finanziarie allo sesso empo; quesa circosanza implica ce la calibrazione della procedura vada definia in modo da consenire una valuazione sineica dei risulai di ui gli alleraori. 2 La procedura di Marke Abuse Deecion 2.1 Premessa Una procedura di M.A.D. individua, su base giornaliera, quei ioli quoai sui mercai finanziari per i quali si sanno verificando delle condoe illecie, riconducibili all aggioaggio o all insider rading. La procedura individua la poenziale presenza di fenomeni di abuso di mercao, araverso l esame dell andameno nel empo di variabili finanziarie ce rappresenano i flussi informaivi elemenari delle negoziazioni dei ioli sui mercai finanziari disponibili presso una Auorià di Vigilanza. L esame dell andameno delle variabili finanziarie riciede la definizione di un modello di riferimeno per ognuna di esse. Lo sviluppo dei modelli di riferimeno è finalizzao alla individuazione di soglie dinamice, il cui superameno divena un segnale di un andameno anomalo della variabile esaminaa (c.d. aler). La variabile finanziaria e il relaivo modello di riferimeno divenano quindi per la procedura un alleraore di poenziali fenomeni di abuso di mercao. Individuai gli alleraori, la calibrazione di una procedura di M.A.D. consise nella calibrazione dei modelli di riferimeno degli sessi, vale a dire nella loro specificazione paramerica in ciave previsionale, e nella individuazione di un algorimo ce consena una inerpreazione congiuna dei diversi aler. 18

19 Come anicipao nella inroduzione, l individuazione e la calibrazione degli alleraori della procedura di M.A.D. è saa realizzaa analizzando: ciò ce la eoria dei mercai finanziari e l esperienza di vigilanza suggeriscono in merio; i fenomeni di insider rading e di aggioaggio rilevai dalla Consob. 2.2 Gli alleraori L esame della leeraura e della esperienza di vigilanza anno evidenziao le segueni indicazioni su come i prezzi di negoziazione, le quanià negoziae e la denominazione degli ageni, ce anno effeuao la ransazione (vale a dire i flussi informaivi elemenari delle negoziazioni dei ioli sui mercai finanziari disponibili presso una Auorià di Vigilanza) debbano essere analizzai per cosruire delle variabili finanziarie il cui andameno nel empo possa essere segnaleico di fenomeni di abuso di mercao: i prezzi di negoziazione si analizzano in ermini di rendimeni, araverso lo sudio della dinamica del logarimo del prezzo; i rendimeni dei ioli, generalmene, subiscono delle brusce variazioni (ad esempio nel momeno in cui viene daa disclosure di una informazione privilegiaa), ovvero seguono degli andameni non riconducibili ad una dinamica di ipo mean-revering (ad esempio in presenza di fenomeni manipolaivi); la presenza di abnormal reurn viene individuaa ramie una sima dei rendimeni ce può essere condoa araverso l uilizzo di processi diffusivi; modelli auoregressivi riescono a caurare nel discreo sia la componene di mean reversion sia di momenum effec dei rendimeni; le quanià negoziae dai singoli ageni vengono esaminae in ermini di volumi di negoziazione giornalieri secondo uno scema di auocorrelazione; la denominazione degli ageni è analizzaa in relazione alle quanià negoziae dagli sessi in una giornaa, sudiando sia la profondià del mercao, sia la presenza di operaori dominani, sia la composizione dei diversi inermediari-negoziaori; la composizione del mercao viene valuaa araverso due sadi di approfondimeno: il livello di concenrazione degli inermediari, ineso come il numero degli inermediari e la relaiva quoa-pare dei volumi negoziai (c.d. concenrazione saica); 19

20 l evoluzione della concenrazione degli inermediari, ossia l andameno della quoa-pare dei volumi di negoziazione di ciascun inermediario su uno specifico iolo (c.d. concenrazione dinamica). Sulla base di ali indicazioni sono sae, quindi, cosruie quaro variabili finanziarie ce rappresenano nel empo l andameno: 1. deivolumidinegoziazionedeliolo; 2. dei rendimeni del iolo; 3. della concenrazione di mercao saica; 4. della concenrazione di mercao dinamica. La definizione di un alleraore di una procedura di M.A.D. riciede ce l esame di quese variabili avvenga sulla base di un modello di riferimeno; queso, opporunamene calibrao, definisce delle soglie dinamice ce individuano gli aler della procedura. In paricolare, la cosruzione degli alleraori deve garanire alla procedura una individuazione in empo reale dei ioli per i quali si è in presenza di poenziali fenomeni di abuso di mercao. L esame dei diversi casi di abuso di mercao esaminai dalla Consob a garanio un rilevane supporo nella definizione dei processi diffusivi ce descrivono l andameno nel empo delle variabili finanziarie e caraerizzano, quindi, imodellidiriferimeno. Si espongono di seguio le modalià di cosruzione e di funzionameno degli alleraori riferii alle quaro variabili finanziarie in esame, riferendosi ai flussi informaivi elemenari delle negoziazioni di un qualsiasi iolo quoao sul mercao azionario. A al fine nel prosieguo si denoano con P e Q rispeivamene il prezzo ufficiale e il volume di negoziazione osservai sui mercai finanziari per un generico iolo nel giorno L analisi dei volumi di negoziazione L esame della serie sorica dei volumi Q è sao condoo secondo uno scema di auocorrelazione, come la disamina della leeraura sui mercai finanziari e l esperienza di vigilanza suggeriscono. Al riguardo si evidenzia, però, ce non vi sono indicazioni in leeraura su di uno specifico modello di riferimeno per condurre ale esame. Considerao l obieivo di definire un alleraore ce sia in grado di evidenziare delle anomalie nell andameno di quesa variabile finanziaria in una logica di individuazione degli abusi di mercao, l analisi dei diversi casi esaminai dalla Consob a suggerio di ipoizzare ce l andameno dei volumi sia governao nel discreo dal seguene processo auoregressivo, ce per cosruzione segue uno scema di auocorrelazione: Q k = φq k 1 + σz k (1) 20

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

CONSOB QUADERNI DI FINANZA BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI STUDI E RICERCHE COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA

CONSOB QUADERNI DI FINANZA BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI STUDI E RICERCHE COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI SCAMBI ORGANIZZATI: ALCUNE CONSIDERAZIONI GENERALI ED UN

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

23/04/14 1. Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi. La comunicazione nei gruppi 1/6. La comunicazione nei gruppi 2/6. La comunicazione nei gruppi 3/6

23/04/14 1. Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi. La comunicazione nei gruppi 1/6. La comunicazione nei gruppi 2/6. La comunicazione nei gruppi 3/6 La comunicazione nei gruppi 1/6 Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi Luigi Anolli, Fondamen> di Psicologia della Comunicazione Il Mulino 2006 Psicologia della Comunicazione Pof. Fabrizia Mantovani 1

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ersità Carlo Ca/aneo - LIUC emi di Business Intelligence

ersità Carlo Ca/aneo - LIUC emi di Business Intelligence 2010 Pearson Management Informa4on Systems versità Carlo Ca/aneo - LIUC temi di Business Intelligence Alta direzione e staff Direzioni Funzionali o di Divisione Personale EsecuFvo Problem Iden4fica4on Solu4on

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ).

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ). L iloide L urv no oggi ome iloide fu onsider per primo d Glileo, he in un primo momeno ongeurò he l re dell figur rhius fosse re vole quell del erhio he l gener Più rdi, forse us di qulhe esperimeno ml

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli