Presupposto della continuità aziendale. Comunicato stampa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presupposto della continuità aziendale. Comunicato stampa"

Transcript

1 Comunicato stampa Molfetta, 24 aprile In riferimento alla richiesta di integrazioni informative formulata dalla CONSOB il 19 aprile u.s., si riporta qui di seguito quanto richiesto ai sensi dell art. 114, comma 5, del D. Lgs. n. 58/98 ( TUF ) e le relative integrazioni. Richiesta CONSOB «, si invita i1 Consiglio di Amministrazione di codesta Società, ai sensi dell'art. 114, comma 5, del D.Lgs. n. 58/98, ad integrare il fascicolo della relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2012 con le seguenti informazioni e notizie: presupposto della continuità aziendale - fornire gli aggiornamenti in ordine alle ipotesi ed assunzioni considerate con particolare riguardo ai seguenti elementi fornendo, altresì, la conferma o meno dell'attualità dell'adozione il presupposto della continuità aziendale: o l ottenimento del waiver da parte degli istituti di credito sui covenants e mantenimento degli affidamenti concessi dal sistema bancario e delle relative condizioni economiche nell ambito del piano di risanamento ai sensi dell'articolo 67, comma 3, lettera d) del r.d. 16 marzo 1942, n. 267; o 1'ammontare e tempistica di incasso dei proventi connessi al contratto con Edison; o l'ottenimento dei necessari accordi con i vari creditori al fine di ottenere le dilazioni previste nel Piano; o la conferma del regime fiscale applicabile alla società GC Partecipazioni in relazione ai risultati connessi alla sua operatività;» Presupposto della continuità aziendale In merito al mantenimento del presupposto della continuità aziendale, si riportano qui di seguito gli aggiornamenti alla data odierna [23 aprile 2013] delle principali azioni volte a contenere i rischi di cui alle ipotesi ed assunzioni considerate al fine della valutazione da parte degli amministratori circa il mantenimento del presupposto della continuità aziendale (paragrafo 1.1 della Nota Integrativa già pubblicata, punti da 1) a 5) ). Relativamente ai punti 1) e 2), si conferma che sono attualmente in corso le conversioni delle colture al fine di rendere meno stagionale il prodotto e per consentire risparmi di costi fissi, soprattutto in merito all utilizzo della manodopera; circostanza, questa, che unitamente ai contratti di affitto in essere, ha permesso la riduzione di 240 unità lavorative della controllata G.C. Partecipazioni in linea con quanto già previsto nel Piano Industriale In merito al punto 3), la controllata G.C. Partecipazioni (dopo aver ottenuto il 28 gennaio 2013 un parere da primario studio di consulenti fiscali che avvalorava e confermava il trattamento ai fini delle imposte dirette espresso dai precedenti consulenti e, quindi, il comportamento della Società tenuto negli esercizi precedenti ed utilizzato tra le assunzioni del Piano ) il 27 febbraio 2013 ha presentato istanza di interpello ai sensi dell'art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 al fine di ricevere conferma circa il corretto comportamento ai fini delle imposte dirette ed indirette in relazione ai risultati connessi alla sua operatività. Alla data odierna si è in attesa di ricevere risposta ai quesiti posti. 1

2 In merito al punto 4), si conferma che l incremento dell estensione dell insediamento serricolo del sito di Candela della controllata G.C. Partecipazioni è stato regolarmente eseguito. Infine, al riguardo del punto 5), si conferma che la controllata G.C. Partecipazioni è ad oggi ancora in attesa di ricevere dalla controparte contrattuale, Edison, le comunicazioni previste a conferma dei tempi ed importi di cui si attende l incasso. Le informazioni ad oggi ricevute, unitamente alle stime formulate dal management sulla base dei prezzi dei CV e dei pareri tecnici, comunque, confermano le stime di incasso inserite a piano per il 2013 e gli esercizi successivi ed utilizzate al fine di pianificare correttamente la sostenibilità dei piani di dilazione proposti ai vari creditori della società e del Gruppo. Alla data odierna il gruppo sta regolarmente procedendo nel definire, proporre e concordare le dilazioni ai vari creditori interessati, fornitori, Erario ed enti previdenziali. Tutto questo, unitamente ai continui colloqui in corso con il pool di banche finanziatrici della controllata G.C. Partecipazioni, rende ragionevolmente fiduciosi circa le possibilità di raggiungere e definire un accordo con le predette banche che riallinei i termini contrattuali alle previsioni del Piano e conceda il waiver sui covenants fino ad ora non rispettati. Tale accordo, da definirsi ai sensi dell'articolo 67, comma 3, lettera d) del r.d. 16 marzo 1942, n. 267, dovrebbe sostanzialmente confermare i termini economici del contratto di finanziamento attualmente vigente e stipulato a luglio Pertanto, sebbene alla data di redazione del presente documento integrativo del fascicolo di bilancio si ritiene sussistano incertezze rilevanti che potrebbero far sorgere dubbi significativi sulla capacità del Gruppo di continuare ad operare sulla base del presupposto della continuità aziendale (ritenendo che la conferma delle risorse finanziarie sia un elemento essenziale al mantenimento di tale presupposto), dopo aver effettuato le necessarie verifiche ed aver valutato le azioni intraprese e quelle ipotizzate, lo stato delle trattative con il sistema bancario e creditori vari e i conseguenti effetti sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale del Gruppo, pur nell instabilità dell attuale contesto economico e finanziario sia nazionale che internazionale, si ha la ragionevole aspettativa che il Gruppo potrà raggiungere gli obiettivi fissati nel Piano e potrà mantenere adeguate risorse finanziarie per continuare la propria operatività in un prevedibile futuro. Per tali ragioni si è ritenuto e si ritiene di continuare ad adottare il presupposto della continuità aziendale nel bilancio dell esercizio

3 Richiesta CONSOB «, si invita i1 Consiglio di Amministrazione di codesta Società, ai sensi dell'art. 114, comma 5, del D.Lgs. n. 58/98, ad integrare il fascicolo della relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2012 con le seguenti informazioni e notizie: rivalutazione della partecipazione G.C. Partecipazioni Società Agricola a r.l. - fornire: o l'illustrazione della procedura applicata dal Consiglio di Amministrazione nella conduzione dei test di impairment, riportando le principali variazioni dell'aggiornamento del piano rispetto ai piano industriale 2012; o le modalità puntuali di determinazione del Terminal Value con la specifica descrizione di come e stato determinato la perpetuity; o le modalità con cui sono state svolte le analisi di sensitivity sul valore recuperabile delle CGU, descrivendo puntualmente gli intervalli di variazione delle assunzioni chiave oggetto di sensitivity ed i risultati finali dell'analisi;» Rivalutazione della partecipazione in G.C. Partecipazioni Società Agricola a r.l. Il Consiglio di Amministrazione della Ciccolella S.p.A. nella seduta del 20 marzo 2013 ha preliminarmente approvato il Piano per poi procedere all esame delle valutazioni delle poste di bilancio tra cui la valutazione della partecipazione in G.C. Partecipazioni. Il test di impairment è stato eseguito in costanza di metodologia con gli esercizi precedenti utilizzando, coerentemente con quanto previsto dai principi contabili internazionali, i dati e le informazioni aggiornate contenute nel Piano industriale del Gruppo per il periodo Tale aggiornamento di Piano, rispetto alla precedente versione , contempla l espansione del sito produttivo di Candela e dei sui maggiori flussi che, nella precedente versione era solo previsto come possibile scenario e, pertanto, data l incertezza nella realizzazione dello stesso, non era stato utilizzato come base per l effettuazione del test di impairment. La conseguente rivalutazione (ripristino di valore) iscritta nell esercizio 2012 pari a 7,2 milioni di euro, rettifica parzialmente la svalutazione iscritta nello scorso esercizio, sempre derivante dall impairment test, pari a 81,5 milioni di euro. Il test di impairment, quindi, ha utilizzato il valore attuale dei flussi espliciti nell arco di Piano ed il flusso connesso al Terminal Value determinato come valore attuale della rendita perpetua (perpetuity) ottenuta capitalizzando il flusso finanziario netto normalizzato espressivo delle ragionevoli e prudenziali condizioni prospettiche oltre il periodo di previsione esplicita. La capitalizzazione è stata effettuata al tasso di attualizzazione (WACC) pari al 9,8% corretto da un fattore di crescita (g) pari all 1%. Sono state effettuate delle analisi di sensitività sulle principali variabili utilizzate nella determinazione del valore d uso, ovvero il tasso di attualizzazione WACC ed il fattore di crescita di lungo periodo (g). Da tale analisi emergerebbe che variazioni del tasso WACC dello 0,1% porterebbero ad una variazione (positiva/negativa) del valore recuperabile di circa 1,7 milioni di euro, mentre variazioni del tasso (g) dello 0,1% porterebbero ad una variazione (positiva negativa) del valore recuperabile di circa 1 milione di euro. Pertanto, l utilizzo di un WACC pari a circa il 10,3% piuttosto che l azzeramento del tasso (g) avrebbe potuto portare ad un valore recuperabile inferiore al valore contabile. 3

4 Richiesta CONSOB «, si invita i1 Consiglio di Amministrazione di codesta Società, ai sensi dell'art. 114, comma 5, del D.Lgs. n. 58/98, ad integrare il fascicolo della relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2012 con le seguenti informazioni e notizie: cessione b.u. trading (Ciccolella Holding International B.V.) in merito alla modalità di contabilizzazione come attività. disponibili per la vendita ai sensi dell'ifrs 5, riconciliare il valore contabile delle attività e passività nette nel bilancio consolidato ed il valore della partecipazione nel bilancio d'esercizio al 31 dicembre 2012 con il prezzo di cessione alla fondazione di diritto olandese Stichting Belangenbehartiging CHI pari ad 1 euro.» Cessione BU Trading in euro Ciccolella - Consolidato Totale Attivo Rettifica di Valore / Adeguamento a valore cessione ( ) Totale Attività destinate alla vendita Totale Passività destinate alla vendita Totale Attività e Passività nette in consolidato Debiti di CHI BV vs società del Gruppo soggette ad elisione nel consolidato ( ) Valore Cessione in euro Ciccolella S.p.A. Valore Partecipazione CHI BV ante svalutazione Svalutazione Partecipazione CHI BV ( ) Valore Cessione 1 4

5 Richiesta CONSOB «, si invita codesto Collegio Sindacale, ai sensi della normativa in oggetto, a fornire al mercato le seguenti informazioni, in vista dell'assemblea del 30 aprile 2013: a) con riferimento a1 sistema di controllo interno: una analitica descrizione delle carenze e delle criticità riscontrate nel controllo interno sia nel suo complesso che con riferimento a specifiche operazioni; una puntuale rappresentazione degli interventi posti in essere dalla Società per risolvere le suddette carenze/criticità o anche solo programmati, con indicazione in tale ultimo caso della relativa tempistica; considerazioni in ordine agli interventi effettuati o programmati da Ciccolella e indicazione di eventuali misure ritenute necessarie da codesto Collegio Sindacale; b) con specifico riferimento alla progressiva implementazione delle attività di adeguamento ai disposti del D. Lgs. 231/2001 in relazione ai gap riscontrati di cui si fa menzione nella richiamata. Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari, ai sensi dell'art.l23-bis del TUF, una analitica descrizione dei suddetti gap ; una puntuale rappresentazione degli interventi posti in essere per implementare tale attività di adeguamento o anche solo programmati, con indicazione in tale ultimo caso della relativa tempistica; c) con riferimento a quanto dichiarato dal Collegio Sindacale nella citata Relazione ex art. 153 del TUF sempre in relazione all'adeguamento al D.Lgs. n. 231/2001: una completa descrizione delle "verifiche [effettuate da codesto Collegio Sindacale medesimo in qualità di Organismo di Vigilanza] sulla struttura generate del modello organizzativo"» INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DELLA CICCOLELLA SPA SUI RISULTATI DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E DEL BILANCIO CONSOLIDATO CHIUSI AL 31 DICEMBRE 2012 «Signori Azionisti, in data 9 aprile 2013 il Collegio Sindacale di Ciccolella S.p.A. ha depositato la propria relazione ai sensi dell art. 153 c. 1 del TUF rivolta all assemblea convocata per il 30 aprile 2013 per l approvazione del bilancio di esercizio e consolidato chiusi al 31 dicembre Il documento è stato pubblicato sul sito internet della società. In data 19 aprile 2013 la Consob ha trasmesso via fax una comunicazione al Consiglio di amministrazione, indirizzata anche al Collegio Sindacale, con la quale, ai sensi dell art. 114 c.5 del TUF, ha richiesto a ciascuno dei due organi di fornire specifiche informazioni nel corso dell assemblea del 30 aprile 2013, in aggiunta a quelle già fornite nelle rispettive relazioni. Al riguardo, la Consob ha invitato codesto Collegio Sindacale, ai sensi della normativa in oggetto, a fornire al mercato le seguenti informazioni, in vista dell'assemblea del 30 aprile 2013: a) con riferimento al sistema di controllo interno: una analitica descrizione delle carenze e delle criticità riscontrate nel controllo interno sia nel suo complesso che con riferimento a specifiche operazioni; 5

6 Il sistema di controllo interno risulta affetto da alcune carenze riconducibili prevalentemente ai suoi supporti in termini di risorse umane e sistemi informatici. L elevato turnover del personale e la sua progressiva riduzione, manifestatesi a partire dall esercizio 2012, hanno costituito i presupposti di una diminuzione di funzionalità del sistema informativo; tali circostanze, nel loro insieme, hanno parzialmente compromesso il sistema di controllo interno nella sua coerenza fra assetto organizzativo e procedure aziendali, evidenziando, quali principali carenze, la necessità di riconfigurare il sistema delle deleghe autorizzative e dei poteri di firma ed il sistema delle procedure operative e finanziarie. Specifiche criticità riferite all operatività con parti correlate e assoggettate a rischio-reato di riciclaggio sono state presidiate con la revisione e l introduzione di apposite procedure. una puntuale rappresentazione degli interventi posti in essere dalla Società per risolvere le suddette carenze/criticità o anche solo programmati, con indicazione in tale ultimo caso della relativa tempistica; L Assemblea dei Soci di Ciccolella S.p.A. in occasione dell approvazione del Bilancio 2012 provvederà alla nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione per il prossimo triennio. Tale Consiglio avrà fra le sue priorità dell esercizio 2013 la riconfigurazione delle deleghe operative e dei poteri di rappresentanza. Nel frattempo, la direzione aziendale, sulla base delle segnalazioni pervenute dall internal auditor nel corso del 2012, ha recentemente affidato in outsourcing la gestione del sistema informativo aziendale ad una società leader di settore, la quale avrà il compito di adottare le iniziative utili a colmare, non oltre l esercizio 2013, le carenze esistenti sul piano delle infrastrutture logiche e fisiche. All esito delle iniziative richiamate dovrà essere rivalutata l adeguatezza del sistema organizzativo e, di conseguenza, il recupero di una migliore e corretta funzionalità del sistema dei controlli interni. considerazioni in ordine agli interventi effettuati o programmati da Ciccolella e indicazione di eventuali misure ritenute necessarie da codesto Collegio Sindacale; Come evidenziato nella propria relazione annuale, questo Collegio ritiene che la società debba assegnare elevata priorità al recupero di funzionalità del proprio sistema di controllo interno. Rispetto a tale finalità le iniziative richiamate nel precedente paragrafo appaiono coerenti ed opportune. Ulteriori misure ritenute necessarie afferiscono all ambito più specifico dell informativa finanziaria, dove è auspicabile procedere tempestivamente a: (i) aggiornamento del registro dei soggetti in possesso delle informazioni privilegiate; (ii) approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione delle procedure relative al funzionamento del controllo interno sull informativa finanziaria; (iii) monitoraggio trimestrale del fair value degli strumenti derivati in portafoglio; (iv) formalizzazione degli scenari alternativi di piano. b) con specifico riferimento alla progressiva implementazione delle attività di adeguamento ai disposti del D.Lgs. 231/2001 in relazione ai gap riscontrati di cui si fa menzione nella richiamata Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari, ai sensi dell'art.123-bis del TUF, una analitica descrizione dei suddetti gap ; 6

7 Come evidenziato nella relazione del Governo Societario, il Consiglio di Amministrazione di Ciccolella S.p.A., nella riunione del 25 maggio 2012, ha ratificato la nomina dell OdV unipersonale pro-tempore ed ha approvato l aggiornamento del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/2001. Un team specifico era stato costituito per gli adempimenti legati al D. Lgs. 231/2001, avviando una prima fase di analisi delle attività e dei processi aziendali, finalizzata all individuazione di eventuali gap tra quanto previsto dalla normativa e quanto posto in essere dall azienda. L OdV unipersonale, nominato a seguito delle dimissioni rassegnate in data 24 aprile 2012 dal precedente OdV collegiale ed in carica sino al 27 settembre 2012, ha riscontrato la correzione di alcune carenze ed ha, nel contempo, monitorato la fase successiva di programmazione finalizzata alla eliminazione di altri gap (ad oggi in parte ancora da eliminare), di cui si evidenziano le principali macro-aree (cui afferiscono gli interventi come meglio successivamente specificati): 1) poteri di firma, di rappresentanza e di deleghe operative; 2) policy di interfaccia verso terzi; 3) procedure operative di dettaglio; 4) protocolli tecnici per la gestione dei sistemi informatici (da e verso enti pubblici e privati). una puntuale rappresentazione degli interventi posti in essere per implementare tale attività di adeguamento o anche solo programmati, con indicazione in tale ultimo caso della relativa tempistica; Questo Collegio evidenzia che per la progressiva implementazione delle attività di adeguamento ai disposti del d.lgs. 231/2001 nel corso del 2012 sono stati posti in essere interventi finalizzati alla revisione/predisposizione dei seguenti protocolli/procedure, relative alle macro-aree sopra evidenziate: Interventi realizzati di revisione/predisposizione di protocolli/procedure: Procedure per la redazione e gestione delle procedure e delle istruzioni operative Procedura di Audit Procedura di comunicazione al mercato delle informazioni privilegiate e degli strumenti finanziari emessi Procedura obblighi informativi ex art. 150 D.Lgs. 58/1998 Procedura per le operazioni con parti correlate Procedura ciclo passivo Procedura gestione delle casse contanti e correlati adempimenti ai fini delle norme antiriciclaggio Revisione Codice Etico e Definizione Protocolli Decisionali Revisione profili d accesso ai sistemi informativi aziendali (SAP, Domain Control) Procedura viaggi di lavoro e rimborso spese Procedura gestione e stipula contratti Procedura vendita prodotto aziendale ai dipendenti 7

8 Revisione policy Sicurezza sul lavoro Di seguito, invece, vengono elencati gli interventi programmati con la relativa tempistica: Interventi programmati di revisione/predisposizione di protocolli/procedure - Primo semestre 2013 Revisione Mansionari - Ruoli e Responsabilità per Direzione/Funzione Revisione poteri di firma Revisione poteri di rappresentanza Revisione/predisposizione Procedure Secondo semestre 2013 Gestione magazzini periferici / inventario Chiusura contabile civilistica Ciclo Attivo Redazione protocolli tecnici per il rilascio, l utilizzo, la custodia di credenziali di accesso a sistemi informatici Smaltimento rifiuti Gestione nuovi investimenti Definizione Policy nei confronti di terzi privati e pubblici Gestione accessi a sistemi informatici della PA e altre Istituzioni Selezione e assunzione del personale Formazione del personale. c) con riferimento a quanto dichiarato dal Collegio Sindacale nella citata Relazione ex art. 153 del TUF sempre in relazione all'adeguamento al D.Lgs. n. 231/2001: una completa descrizione delle "verifiche [effettuate da codesto Collegio Sindacale medesimo in qualità di Organismo di Vigilanza] sulla struttura generale del modello organizzativo" Questo Collegio, nominato OdV della Ciccolella S.p.A. in data 28 settembre 2012, nel rispetto del programma di attuazione degli interventi correttivi di cui al punto precedente, ed avendone tuttavia riscontrato una connotazione in termini di Gruppo, ha ritenuto di dover preliminarmente orientare la propria attività alla verifica dell adeguatezza della struttura del Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs.231/ 2001 adottato dalla Ciccolella S.p.A., alla sua specifica operatività, esposizione al rischio e modalità di formazione delle decisioni aziendali. All esito di tali verifiche, come evidenziato nei verbali dell OdV, con riferimento alla Parte Generale, è stata segnalata l opportunità di aggiornare il Modello nell aspetto riguardante i flussi informativi verso l OdV con particolare riferimento: - alla formalizzazione dell obbligo di trasmissione di specifici report informativi da parte dei soggetti responsabili dei diversi processi a rischio/reato; 8

9 - al rafforzamento della procedura delle segnalazioni all OdV da parte di dipendenti, collaboratori ed amministratori, attraverso l istituzione di un canale diretto e anonimo. In tale ambito il Collegio, nella qualità di organismo di vigilanza, ha inoltre proceduto alla redazione del Regolamento per la composizione, la struttura ed il funzionamento dell OdV. Con riferimento, invece, alla revisione della parte speciale del Modello, è stato richiesto alla Società, attraverso le funzioni preposte, di: - individuare, nell ambito della mappatura delle attività a rischio e dei correlati protocolli di cui al Modello standard di gruppo, l insieme delle attività sensibili e dei correlati protocolli, che risultano rilevanti in termini di compliance 231 per la società Ciccolella S.p.A.; - svolgere un approfondimento sull assetto organizzativo effettivamente operante nella Società al fine di una più compiuta individuazione, per ciascuno dei processi a rischio individuati nella fase precedente, dei soggetti responsabili (process owner), nonché del perimetro dei soggetti suscettibili di diventare attori di reato ; - considerare le ulteriori innovazioni legislative intervenute nel secondo semestre dell anno, richiedendo così un'attenta analisi della sensibilità delle attività ai rischi riconducibili ai nuovi reati e, ove tali attività dovessero dare un riscontro positivo, a predisporre un programma di recepimento nel documento attività sensibili e standard di controllo specifici per l aggiornamento del Modello Organizzativo. Bari, 23 Aprile 2013 Il Collegio Sindacale Prof.ssa Anna Lucia Muserra Dott. Guglielmo Antonacci Dott. Andrea Pisani Presidente Sindaco Effettivo Sindaco Effettivo» 9

10 Richiesta CONSOB «, si invita codesto Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell'art. 114, comma 5, del TUF a integrare la Sezione Prima della Relazione sulla Remunerazione, precisando: l'importo del trattamento di fine mandato proposto dal Comitato per la Remunerazione a favore dell'amministratore Unico della controllata G. C. Partecipazioni per cessazione anticipata e i criteri di determinazione dello stesso; se il suddetto importo sia stato già corrisposto o, in caso contrario, la tempistica prevista per tale erogazione; le motivazioni addotte dall'amministratore Unico di G.C. Partecipazioni in relazione alla cessazione anticipata dalla carica.» Integrazione Sezione Prima della Relazione sulla Remunerazione Si riporta, qui di seguito, l integrazione effettuata alla sezione prima della Relazione sulla Remunerazione al paragrafo (l). «A decorrere dal 1 gennaio 2013 i trattamenti economici per la carica di Amministratore e quelli eventualmente connessi alla cessazione della stessa, sono stabiliti dall Assemblea all atto dell affidamento dell incarico. In caso di nomine effettuate fino a revoca, l Assemblea che esamina la cessazione della carica di Amministratore può determinare il trattamento di fine mandato, previo parere del Comitato per la Remunerazione. Durante la riunione dell 11 marzo 2013, il Comitato per la Remunerazione ha proposto la corresponsione di un trattamento di fine mandato a favore dell Amministratore Unico della controllata G.C. Partecipazioni S. Agr. a r.l. per cessazione anticipata dell incarico a revoca. L importo proposto dal Comitato per la Remunerazione al Consiglio di Amministrazione del 20 marzo e riconosciuto a titolo di trattamento di fine mandato è di ,00, calcolato prendendo come indice la media di indennità di tale tipologia corrisposte dalle emittenti quotate o da società rientranti nel perimetro quotato a favore degli amministratori o dell amministratore unico. Tale risoluzione anticipata, esaminata e discussa, nella seduta consiliare del 20 marzo 2013, scaturisce anche dalle indicazioni del ceto bancario che, nell ambito delle trattative volte alla definizione del waiver, ha richiesto una rivisitazione della governance della controllata G.C. Partecipazioni s.a.a r.l. al fine di ampliare l organo amministrativo (nominare un Consiglio di Amministrazione al posto dell attuale amministratore unico). Il Consiglio di Amministrazione, durante la seduta del 20 marzo 2013 con cui ha approvato la bozza del bilancio d esercizio chiuso al 31 dicembre 2012, ha accolto la proposta così come formulata dal Comitato.». L importo così deliberato, alla data del 22 aprile 2013, ancora non è stato corrisposto. Si prevede l erogazione dello stesso con tempistiche e modalità che saranno concordate tra le parti in seguito alla effettiva cessazione dalla carica. Per ulteriori informazioni: Investor Relation - tel

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI EDIZIONE NOVEMBRE 2010 Approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 30 Novembre 2010 Indice Premessa...3 A. PARTE GENERALE...5 1. Inquadramento...5

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli