Presupposto della continuità aziendale. Comunicato stampa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presupposto della continuità aziendale. Comunicato stampa"

Transcript

1 Comunicato stampa Molfetta, 24 aprile In riferimento alla richiesta di integrazioni informative formulata dalla CONSOB il 19 aprile u.s., si riporta qui di seguito quanto richiesto ai sensi dell art. 114, comma 5, del D. Lgs. n. 58/98 ( TUF ) e le relative integrazioni. Richiesta CONSOB «, si invita i1 Consiglio di Amministrazione di codesta Società, ai sensi dell'art. 114, comma 5, del D.Lgs. n. 58/98, ad integrare il fascicolo della relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2012 con le seguenti informazioni e notizie: presupposto della continuità aziendale - fornire gli aggiornamenti in ordine alle ipotesi ed assunzioni considerate con particolare riguardo ai seguenti elementi fornendo, altresì, la conferma o meno dell'attualità dell'adozione il presupposto della continuità aziendale: o l ottenimento del waiver da parte degli istituti di credito sui covenants e mantenimento degli affidamenti concessi dal sistema bancario e delle relative condizioni economiche nell ambito del piano di risanamento ai sensi dell'articolo 67, comma 3, lettera d) del r.d. 16 marzo 1942, n. 267; o 1'ammontare e tempistica di incasso dei proventi connessi al contratto con Edison; o l'ottenimento dei necessari accordi con i vari creditori al fine di ottenere le dilazioni previste nel Piano; o la conferma del regime fiscale applicabile alla società GC Partecipazioni in relazione ai risultati connessi alla sua operatività;» Presupposto della continuità aziendale In merito al mantenimento del presupposto della continuità aziendale, si riportano qui di seguito gli aggiornamenti alla data odierna [23 aprile 2013] delle principali azioni volte a contenere i rischi di cui alle ipotesi ed assunzioni considerate al fine della valutazione da parte degli amministratori circa il mantenimento del presupposto della continuità aziendale (paragrafo 1.1 della Nota Integrativa già pubblicata, punti da 1) a 5) ). Relativamente ai punti 1) e 2), si conferma che sono attualmente in corso le conversioni delle colture al fine di rendere meno stagionale il prodotto e per consentire risparmi di costi fissi, soprattutto in merito all utilizzo della manodopera; circostanza, questa, che unitamente ai contratti di affitto in essere, ha permesso la riduzione di 240 unità lavorative della controllata G.C. Partecipazioni in linea con quanto già previsto nel Piano Industriale In merito al punto 3), la controllata G.C. Partecipazioni (dopo aver ottenuto il 28 gennaio 2013 un parere da primario studio di consulenti fiscali che avvalorava e confermava il trattamento ai fini delle imposte dirette espresso dai precedenti consulenti e, quindi, il comportamento della Società tenuto negli esercizi precedenti ed utilizzato tra le assunzioni del Piano ) il 27 febbraio 2013 ha presentato istanza di interpello ai sensi dell'art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 al fine di ricevere conferma circa il corretto comportamento ai fini delle imposte dirette ed indirette in relazione ai risultati connessi alla sua operatività. Alla data odierna si è in attesa di ricevere risposta ai quesiti posti. 1

2 In merito al punto 4), si conferma che l incremento dell estensione dell insediamento serricolo del sito di Candela della controllata G.C. Partecipazioni è stato regolarmente eseguito. Infine, al riguardo del punto 5), si conferma che la controllata G.C. Partecipazioni è ad oggi ancora in attesa di ricevere dalla controparte contrattuale, Edison, le comunicazioni previste a conferma dei tempi ed importi di cui si attende l incasso. Le informazioni ad oggi ricevute, unitamente alle stime formulate dal management sulla base dei prezzi dei CV e dei pareri tecnici, comunque, confermano le stime di incasso inserite a piano per il 2013 e gli esercizi successivi ed utilizzate al fine di pianificare correttamente la sostenibilità dei piani di dilazione proposti ai vari creditori della società e del Gruppo. Alla data odierna il gruppo sta regolarmente procedendo nel definire, proporre e concordare le dilazioni ai vari creditori interessati, fornitori, Erario ed enti previdenziali. Tutto questo, unitamente ai continui colloqui in corso con il pool di banche finanziatrici della controllata G.C. Partecipazioni, rende ragionevolmente fiduciosi circa le possibilità di raggiungere e definire un accordo con le predette banche che riallinei i termini contrattuali alle previsioni del Piano e conceda il waiver sui covenants fino ad ora non rispettati. Tale accordo, da definirsi ai sensi dell'articolo 67, comma 3, lettera d) del r.d. 16 marzo 1942, n. 267, dovrebbe sostanzialmente confermare i termini economici del contratto di finanziamento attualmente vigente e stipulato a luglio Pertanto, sebbene alla data di redazione del presente documento integrativo del fascicolo di bilancio si ritiene sussistano incertezze rilevanti che potrebbero far sorgere dubbi significativi sulla capacità del Gruppo di continuare ad operare sulla base del presupposto della continuità aziendale (ritenendo che la conferma delle risorse finanziarie sia un elemento essenziale al mantenimento di tale presupposto), dopo aver effettuato le necessarie verifiche ed aver valutato le azioni intraprese e quelle ipotizzate, lo stato delle trattative con il sistema bancario e creditori vari e i conseguenti effetti sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale del Gruppo, pur nell instabilità dell attuale contesto economico e finanziario sia nazionale che internazionale, si ha la ragionevole aspettativa che il Gruppo potrà raggiungere gli obiettivi fissati nel Piano e potrà mantenere adeguate risorse finanziarie per continuare la propria operatività in un prevedibile futuro. Per tali ragioni si è ritenuto e si ritiene di continuare ad adottare il presupposto della continuità aziendale nel bilancio dell esercizio

3 Richiesta CONSOB «, si invita i1 Consiglio di Amministrazione di codesta Società, ai sensi dell'art. 114, comma 5, del D.Lgs. n. 58/98, ad integrare il fascicolo della relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2012 con le seguenti informazioni e notizie: rivalutazione della partecipazione G.C. Partecipazioni Società Agricola a r.l. - fornire: o l'illustrazione della procedura applicata dal Consiglio di Amministrazione nella conduzione dei test di impairment, riportando le principali variazioni dell'aggiornamento del piano rispetto ai piano industriale 2012; o le modalità puntuali di determinazione del Terminal Value con la specifica descrizione di come e stato determinato la perpetuity; o le modalità con cui sono state svolte le analisi di sensitivity sul valore recuperabile delle CGU, descrivendo puntualmente gli intervalli di variazione delle assunzioni chiave oggetto di sensitivity ed i risultati finali dell'analisi;» Rivalutazione della partecipazione in G.C. Partecipazioni Società Agricola a r.l. Il Consiglio di Amministrazione della Ciccolella S.p.A. nella seduta del 20 marzo 2013 ha preliminarmente approvato il Piano per poi procedere all esame delle valutazioni delle poste di bilancio tra cui la valutazione della partecipazione in G.C. Partecipazioni. Il test di impairment è stato eseguito in costanza di metodologia con gli esercizi precedenti utilizzando, coerentemente con quanto previsto dai principi contabili internazionali, i dati e le informazioni aggiornate contenute nel Piano industriale del Gruppo per il periodo Tale aggiornamento di Piano, rispetto alla precedente versione , contempla l espansione del sito produttivo di Candela e dei sui maggiori flussi che, nella precedente versione era solo previsto come possibile scenario e, pertanto, data l incertezza nella realizzazione dello stesso, non era stato utilizzato come base per l effettuazione del test di impairment. La conseguente rivalutazione (ripristino di valore) iscritta nell esercizio 2012 pari a 7,2 milioni di euro, rettifica parzialmente la svalutazione iscritta nello scorso esercizio, sempre derivante dall impairment test, pari a 81,5 milioni di euro. Il test di impairment, quindi, ha utilizzato il valore attuale dei flussi espliciti nell arco di Piano ed il flusso connesso al Terminal Value determinato come valore attuale della rendita perpetua (perpetuity) ottenuta capitalizzando il flusso finanziario netto normalizzato espressivo delle ragionevoli e prudenziali condizioni prospettiche oltre il periodo di previsione esplicita. La capitalizzazione è stata effettuata al tasso di attualizzazione (WACC) pari al 9,8% corretto da un fattore di crescita (g) pari all 1%. Sono state effettuate delle analisi di sensitività sulle principali variabili utilizzate nella determinazione del valore d uso, ovvero il tasso di attualizzazione WACC ed il fattore di crescita di lungo periodo (g). Da tale analisi emergerebbe che variazioni del tasso WACC dello 0,1% porterebbero ad una variazione (positiva/negativa) del valore recuperabile di circa 1,7 milioni di euro, mentre variazioni del tasso (g) dello 0,1% porterebbero ad una variazione (positiva negativa) del valore recuperabile di circa 1 milione di euro. Pertanto, l utilizzo di un WACC pari a circa il 10,3% piuttosto che l azzeramento del tasso (g) avrebbe potuto portare ad un valore recuperabile inferiore al valore contabile. 3

4 Richiesta CONSOB «, si invita i1 Consiglio di Amministrazione di codesta Società, ai sensi dell'art. 114, comma 5, del D.Lgs. n. 58/98, ad integrare il fascicolo della relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2012 con le seguenti informazioni e notizie: cessione b.u. trading (Ciccolella Holding International B.V.) in merito alla modalità di contabilizzazione come attività. disponibili per la vendita ai sensi dell'ifrs 5, riconciliare il valore contabile delle attività e passività nette nel bilancio consolidato ed il valore della partecipazione nel bilancio d'esercizio al 31 dicembre 2012 con il prezzo di cessione alla fondazione di diritto olandese Stichting Belangenbehartiging CHI pari ad 1 euro.» Cessione BU Trading in euro Ciccolella - Consolidato Totale Attivo Rettifica di Valore / Adeguamento a valore cessione ( ) Totale Attività destinate alla vendita Totale Passività destinate alla vendita Totale Attività e Passività nette in consolidato Debiti di CHI BV vs società del Gruppo soggette ad elisione nel consolidato ( ) Valore Cessione in euro Ciccolella S.p.A. Valore Partecipazione CHI BV ante svalutazione Svalutazione Partecipazione CHI BV ( ) Valore Cessione 1 4

5 Richiesta CONSOB «, si invita codesto Collegio Sindacale, ai sensi della normativa in oggetto, a fornire al mercato le seguenti informazioni, in vista dell'assemblea del 30 aprile 2013: a) con riferimento a1 sistema di controllo interno: una analitica descrizione delle carenze e delle criticità riscontrate nel controllo interno sia nel suo complesso che con riferimento a specifiche operazioni; una puntuale rappresentazione degli interventi posti in essere dalla Società per risolvere le suddette carenze/criticità o anche solo programmati, con indicazione in tale ultimo caso della relativa tempistica; considerazioni in ordine agli interventi effettuati o programmati da Ciccolella e indicazione di eventuali misure ritenute necessarie da codesto Collegio Sindacale; b) con specifico riferimento alla progressiva implementazione delle attività di adeguamento ai disposti del D. Lgs. 231/2001 in relazione ai gap riscontrati di cui si fa menzione nella richiamata. Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari, ai sensi dell'art.l23-bis del TUF, una analitica descrizione dei suddetti gap ; una puntuale rappresentazione degli interventi posti in essere per implementare tale attività di adeguamento o anche solo programmati, con indicazione in tale ultimo caso della relativa tempistica; c) con riferimento a quanto dichiarato dal Collegio Sindacale nella citata Relazione ex art. 153 del TUF sempre in relazione all'adeguamento al D.Lgs. n. 231/2001: una completa descrizione delle "verifiche [effettuate da codesto Collegio Sindacale medesimo in qualità di Organismo di Vigilanza] sulla struttura generate del modello organizzativo"» INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DELLA CICCOLELLA SPA SUI RISULTATI DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E DEL BILANCIO CONSOLIDATO CHIUSI AL 31 DICEMBRE 2012 «Signori Azionisti, in data 9 aprile 2013 il Collegio Sindacale di Ciccolella S.p.A. ha depositato la propria relazione ai sensi dell art. 153 c. 1 del TUF rivolta all assemblea convocata per il 30 aprile 2013 per l approvazione del bilancio di esercizio e consolidato chiusi al 31 dicembre Il documento è stato pubblicato sul sito internet della società. In data 19 aprile 2013 la Consob ha trasmesso via fax una comunicazione al Consiglio di amministrazione, indirizzata anche al Collegio Sindacale, con la quale, ai sensi dell art. 114 c.5 del TUF, ha richiesto a ciascuno dei due organi di fornire specifiche informazioni nel corso dell assemblea del 30 aprile 2013, in aggiunta a quelle già fornite nelle rispettive relazioni. Al riguardo, la Consob ha invitato codesto Collegio Sindacale, ai sensi della normativa in oggetto, a fornire al mercato le seguenti informazioni, in vista dell'assemblea del 30 aprile 2013: a) con riferimento al sistema di controllo interno: una analitica descrizione delle carenze e delle criticità riscontrate nel controllo interno sia nel suo complesso che con riferimento a specifiche operazioni; 5

6 Il sistema di controllo interno risulta affetto da alcune carenze riconducibili prevalentemente ai suoi supporti in termini di risorse umane e sistemi informatici. L elevato turnover del personale e la sua progressiva riduzione, manifestatesi a partire dall esercizio 2012, hanno costituito i presupposti di una diminuzione di funzionalità del sistema informativo; tali circostanze, nel loro insieme, hanno parzialmente compromesso il sistema di controllo interno nella sua coerenza fra assetto organizzativo e procedure aziendali, evidenziando, quali principali carenze, la necessità di riconfigurare il sistema delle deleghe autorizzative e dei poteri di firma ed il sistema delle procedure operative e finanziarie. Specifiche criticità riferite all operatività con parti correlate e assoggettate a rischio-reato di riciclaggio sono state presidiate con la revisione e l introduzione di apposite procedure. una puntuale rappresentazione degli interventi posti in essere dalla Società per risolvere le suddette carenze/criticità o anche solo programmati, con indicazione in tale ultimo caso della relativa tempistica; L Assemblea dei Soci di Ciccolella S.p.A. in occasione dell approvazione del Bilancio 2012 provvederà alla nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione per il prossimo triennio. Tale Consiglio avrà fra le sue priorità dell esercizio 2013 la riconfigurazione delle deleghe operative e dei poteri di rappresentanza. Nel frattempo, la direzione aziendale, sulla base delle segnalazioni pervenute dall internal auditor nel corso del 2012, ha recentemente affidato in outsourcing la gestione del sistema informativo aziendale ad una società leader di settore, la quale avrà il compito di adottare le iniziative utili a colmare, non oltre l esercizio 2013, le carenze esistenti sul piano delle infrastrutture logiche e fisiche. All esito delle iniziative richiamate dovrà essere rivalutata l adeguatezza del sistema organizzativo e, di conseguenza, il recupero di una migliore e corretta funzionalità del sistema dei controlli interni. considerazioni in ordine agli interventi effettuati o programmati da Ciccolella e indicazione di eventuali misure ritenute necessarie da codesto Collegio Sindacale; Come evidenziato nella propria relazione annuale, questo Collegio ritiene che la società debba assegnare elevata priorità al recupero di funzionalità del proprio sistema di controllo interno. Rispetto a tale finalità le iniziative richiamate nel precedente paragrafo appaiono coerenti ed opportune. Ulteriori misure ritenute necessarie afferiscono all ambito più specifico dell informativa finanziaria, dove è auspicabile procedere tempestivamente a: (i) aggiornamento del registro dei soggetti in possesso delle informazioni privilegiate; (ii) approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione delle procedure relative al funzionamento del controllo interno sull informativa finanziaria; (iii) monitoraggio trimestrale del fair value degli strumenti derivati in portafoglio; (iv) formalizzazione degli scenari alternativi di piano. b) con specifico riferimento alla progressiva implementazione delle attività di adeguamento ai disposti del D.Lgs. 231/2001 in relazione ai gap riscontrati di cui si fa menzione nella richiamata Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari, ai sensi dell'art.123-bis del TUF, una analitica descrizione dei suddetti gap ; 6

7 Come evidenziato nella relazione del Governo Societario, il Consiglio di Amministrazione di Ciccolella S.p.A., nella riunione del 25 maggio 2012, ha ratificato la nomina dell OdV unipersonale pro-tempore ed ha approvato l aggiornamento del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/2001. Un team specifico era stato costituito per gli adempimenti legati al D. Lgs. 231/2001, avviando una prima fase di analisi delle attività e dei processi aziendali, finalizzata all individuazione di eventuali gap tra quanto previsto dalla normativa e quanto posto in essere dall azienda. L OdV unipersonale, nominato a seguito delle dimissioni rassegnate in data 24 aprile 2012 dal precedente OdV collegiale ed in carica sino al 27 settembre 2012, ha riscontrato la correzione di alcune carenze ed ha, nel contempo, monitorato la fase successiva di programmazione finalizzata alla eliminazione di altri gap (ad oggi in parte ancora da eliminare), di cui si evidenziano le principali macro-aree (cui afferiscono gli interventi come meglio successivamente specificati): 1) poteri di firma, di rappresentanza e di deleghe operative; 2) policy di interfaccia verso terzi; 3) procedure operative di dettaglio; 4) protocolli tecnici per la gestione dei sistemi informatici (da e verso enti pubblici e privati). una puntuale rappresentazione degli interventi posti in essere per implementare tale attività di adeguamento o anche solo programmati, con indicazione in tale ultimo caso della relativa tempistica; Questo Collegio evidenzia che per la progressiva implementazione delle attività di adeguamento ai disposti del d.lgs. 231/2001 nel corso del 2012 sono stati posti in essere interventi finalizzati alla revisione/predisposizione dei seguenti protocolli/procedure, relative alle macro-aree sopra evidenziate: Interventi realizzati di revisione/predisposizione di protocolli/procedure: Procedure per la redazione e gestione delle procedure e delle istruzioni operative Procedura di Audit Procedura di comunicazione al mercato delle informazioni privilegiate e degli strumenti finanziari emessi Procedura obblighi informativi ex art. 150 D.Lgs. 58/1998 Procedura per le operazioni con parti correlate Procedura ciclo passivo Procedura gestione delle casse contanti e correlati adempimenti ai fini delle norme antiriciclaggio Revisione Codice Etico e Definizione Protocolli Decisionali Revisione profili d accesso ai sistemi informativi aziendali (SAP, Domain Control) Procedura viaggi di lavoro e rimborso spese Procedura gestione e stipula contratti Procedura vendita prodotto aziendale ai dipendenti 7

8 Revisione policy Sicurezza sul lavoro Di seguito, invece, vengono elencati gli interventi programmati con la relativa tempistica: Interventi programmati di revisione/predisposizione di protocolli/procedure - Primo semestre 2013 Revisione Mansionari - Ruoli e Responsabilità per Direzione/Funzione Revisione poteri di firma Revisione poteri di rappresentanza Revisione/predisposizione Procedure Secondo semestre 2013 Gestione magazzini periferici / inventario Chiusura contabile civilistica Ciclo Attivo Redazione protocolli tecnici per il rilascio, l utilizzo, la custodia di credenziali di accesso a sistemi informatici Smaltimento rifiuti Gestione nuovi investimenti Definizione Policy nei confronti di terzi privati e pubblici Gestione accessi a sistemi informatici della PA e altre Istituzioni Selezione e assunzione del personale Formazione del personale. c) con riferimento a quanto dichiarato dal Collegio Sindacale nella citata Relazione ex art. 153 del TUF sempre in relazione all'adeguamento al D.Lgs. n. 231/2001: una completa descrizione delle "verifiche [effettuate da codesto Collegio Sindacale medesimo in qualità di Organismo di Vigilanza] sulla struttura generale del modello organizzativo" Questo Collegio, nominato OdV della Ciccolella S.p.A. in data 28 settembre 2012, nel rispetto del programma di attuazione degli interventi correttivi di cui al punto precedente, ed avendone tuttavia riscontrato una connotazione in termini di Gruppo, ha ritenuto di dover preliminarmente orientare la propria attività alla verifica dell adeguatezza della struttura del Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs.231/ 2001 adottato dalla Ciccolella S.p.A., alla sua specifica operatività, esposizione al rischio e modalità di formazione delle decisioni aziendali. All esito di tali verifiche, come evidenziato nei verbali dell OdV, con riferimento alla Parte Generale, è stata segnalata l opportunità di aggiornare il Modello nell aspetto riguardante i flussi informativi verso l OdV con particolare riferimento: - alla formalizzazione dell obbligo di trasmissione di specifici report informativi da parte dei soggetti responsabili dei diversi processi a rischio/reato; 8

9 - al rafforzamento della procedura delle segnalazioni all OdV da parte di dipendenti, collaboratori ed amministratori, attraverso l istituzione di un canale diretto e anonimo. In tale ambito il Collegio, nella qualità di organismo di vigilanza, ha inoltre proceduto alla redazione del Regolamento per la composizione, la struttura ed il funzionamento dell OdV. Con riferimento, invece, alla revisione della parte speciale del Modello, è stato richiesto alla Società, attraverso le funzioni preposte, di: - individuare, nell ambito della mappatura delle attività a rischio e dei correlati protocolli di cui al Modello standard di gruppo, l insieme delle attività sensibili e dei correlati protocolli, che risultano rilevanti in termini di compliance 231 per la società Ciccolella S.p.A.; - svolgere un approfondimento sull assetto organizzativo effettivamente operante nella Società al fine di una più compiuta individuazione, per ciascuno dei processi a rischio individuati nella fase precedente, dei soggetti responsabili (process owner), nonché del perimetro dei soggetti suscettibili di diventare attori di reato ; - considerare le ulteriori innovazioni legislative intervenute nel secondo semestre dell anno, richiedendo così un'attenta analisi della sensibilità delle attività ai rischi riconducibili ai nuovi reati e, ove tali attività dovessero dare un riscontro positivo, a predisporre un programma di recepimento nel documento attività sensibili e standard di controllo specifici per l aggiornamento del Modello Organizzativo. Bari, 23 Aprile 2013 Il Collegio Sindacale Prof.ssa Anna Lucia Muserra Dott. Guglielmo Antonacci Dott. Andrea Pisani Presidente Sindaco Effettivo Sindaco Effettivo» 9

10 Richiesta CONSOB «, si invita codesto Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell'art. 114, comma 5, del TUF a integrare la Sezione Prima della Relazione sulla Remunerazione, precisando: l'importo del trattamento di fine mandato proposto dal Comitato per la Remunerazione a favore dell'amministratore Unico della controllata G. C. Partecipazioni per cessazione anticipata e i criteri di determinazione dello stesso; se il suddetto importo sia stato già corrisposto o, in caso contrario, la tempistica prevista per tale erogazione; le motivazioni addotte dall'amministratore Unico di G.C. Partecipazioni in relazione alla cessazione anticipata dalla carica.» Integrazione Sezione Prima della Relazione sulla Remunerazione Si riporta, qui di seguito, l integrazione effettuata alla sezione prima della Relazione sulla Remunerazione al paragrafo (l). «A decorrere dal 1 gennaio 2013 i trattamenti economici per la carica di Amministratore e quelli eventualmente connessi alla cessazione della stessa, sono stabiliti dall Assemblea all atto dell affidamento dell incarico. In caso di nomine effettuate fino a revoca, l Assemblea che esamina la cessazione della carica di Amministratore può determinare il trattamento di fine mandato, previo parere del Comitato per la Remunerazione. Durante la riunione dell 11 marzo 2013, il Comitato per la Remunerazione ha proposto la corresponsione di un trattamento di fine mandato a favore dell Amministratore Unico della controllata G.C. Partecipazioni S. Agr. a r.l. per cessazione anticipata dell incarico a revoca. L importo proposto dal Comitato per la Remunerazione al Consiglio di Amministrazione del 20 marzo e riconosciuto a titolo di trattamento di fine mandato è di ,00, calcolato prendendo come indice la media di indennità di tale tipologia corrisposte dalle emittenti quotate o da società rientranti nel perimetro quotato a favore degli amministratori o dell amministratore unico. Tale risoluzione anticipata, esaminata e discussa, nella seduta consiliare del 20 marzo 2013, scaturisce anche dalle indicazioni del ceto bancario che, nell ambito delle trattative volte alla definizione del waiver, ha richiesto una rivisitazione della governance della controllata G.C. Partecipazioni s.a.a r.l. al fine di ampliare l organo amministrativo (nominare un Consiglio di Amministrazione al posto dell attuale amministratore unico). Il Consiglio di Amministrazione, durante la seduta del 20 marzo 2013 con cui ha approvato la bozza del bilancio d esercizio chiuso al 31 dicembre 2012, ha accolto la proposta così come formulata dal Comitato.». L importo così deliberato, alla data del 22 aprile 2013, ancora non è stato corrisposto. Si prevede l erogazione dello stesso con tempistiche e modalità che saranno concordate tra le parti in seguito alla effettiva cessazione dalla carica. Per ulteriori informazioni: Investor Relation - tel

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013

EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013 EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013 Relazione illustrativa degli Amministratori sulle proposte concernenti le materie poste all ordine del giorno ai sensi dell articolo 125 -

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Relazione Finanziaria Annuale 2013. Relazione del Collegio Sindacale

Cassa depositi e prestiti. Relazione Finanziaria Annuale 2013. Relazione del Collegio Sindacale Cassa depositi e prestiti Relazione Finanziaria Annuale 2013 Relazione del Collegio Sindacale Signori Azionisti, nel corso dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 il Collegio Sindacale ha svolto l attività

Dettagli

Contatti. COMUNICATO STAMPA ANTICHI PELLETTIERI Cavriago, 10 giugno 2011 RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE E DEL COLLEGIO SINDACALE

Contatti. COMUNICATO STAMPA ANTICHI PELLETTIERI Cavriago, 10 giugno 2011 RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE E DEL COLLEGIO SINDACALE COMUNICATO STAMPA ANTICHI PELLETTIERI Cavriago, 10 giugno 2011 RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE E DEL COLLEGIO SINDACALE Facendo seguito a quanto comunicato in data 8 giugno 2011, Antichi Pellettieri

Dettagli

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di liquidazione delle azioni ai sensi dell art. 2437-ter

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Indesit Company S.p.A.

Indesit Company S.p.A. Indesit Company S.p.A. Sede Legale in Viale Aristide Merloni n. 47, 60044 Fabriano (AN) Capitale Sociale 102.759.269,40 interamente versato Iscrizione al Registro delle Imprese del Tribunale di Ancona

Dettagli

Operazioni di finanziamento alla controllata FAST FINANCE SPA

Operazioni di finanziamento alla controllata FAST FINANCE SPA Sede legale in Via Terraglio 63, 30174 Venezia Mestre Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Venezia e codice fiscale 02505630109 Partita IVA 02992620274 - Numero REA: VE - 0247118 Capitale

Dettagli

E U R O T E C H S.P.A.

E U R O T E C H S.P.A. E U R O T E C H S.P.A. SEDE IN AMARO (UD) VIA FRATELLI SOLARI, 3/A CODICE FISCALE 01791330309 ISCRITTA AL REGISTRO IMPRESE DI UDINE AL N. 01791330309 CAPITALE SOCIALE IN EURO 8.878.946,00 I.V. RELAZIONI

Dettagli

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 10 Febbraio 2012 Milano Auditorium ENEL - Via Carducci 13 Roma ENEL - Viale Regina Margherita 137 Indice Introduzione sulle modifiche apportate al

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI ZIONE RELAZIONE AL PUNTO N. 1 ALL ODG DELL ASSEMBLEA ORDINARIA: Bilancio individuale e consolidato chiuso al 31

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Moores Rowland Bompani

Moores Rowland Bompani Tel. 02 4986350-357 Fax 02 4818143 milano@bompaniaudit.com www.bompaniaudit.com VIAREGGIO PATRIMONIO S.R.L. Viareggio (LU) Relazione della Società di Revisione sul Bilancio dell'esercizio chiuso al 31

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 Registro delle Imprese e Codice Fiscale 07258710586 R.E.A. di Roma 604174 Sede legale: Via Brenta 11 00198 Roma Sito Internet: www.mondotv.it Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (ai sensi

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE redatta ai sensi dell Art. 123-ter del Decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 e dell Art. 84-quater del Regolamento Emittente Approvata

Dettagli

INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015

INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015 INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015 Marzo 2016 1. PREMESSA Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a rendere

Dettagli

Comunicato stampa. Ciccolella, il CdA approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

Comunicato stampa. Ciccolella, il CdA approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 Comunicato stampa Ciccolella, il CdA approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 Dati relativi ai primi 3 mesi dell esercizio 2010: Ricavi consolidati pari ad Euro 116,7 milioni (nel 2009

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio consolidato 2012 Comunicazione ai sensi dell art.114, comma 5, del D.Lgs. 58/98

COMUNICATO STAMPA. Bilancio consolidato 2012 Comunicazione ai sensi dell art.114, comma 5, del D.Lgs. 58/98 COMUNICATO STAMPA Bilancio consolidato 2012 Comunicazione ai sensi dell art.114, comma 5, del D.Lgs. 58/98 Bologna, 24 aprile 2013 Con comunicazione del 17 aprile 2013, la Consob ha richiesto ad Unipol

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 PRIINCIIPII DII AUTODIISCIIPLIINA DII IINFRASTRUTTURE WIIRELESS IITALIIANE Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 SOMMARIO Articolo 1 Principi generali pag. 2 Articolo

Dettagli

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008:

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: RISULTATO NETTO CONSOLIDATO: -42 MLN DI EURO (+9,1 MLN DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE 2007). IL DATO RISENTE DEL

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

GO INTERNET S.P.A. **.***.** **.***.**

GO INTERNET S.P.A. **.***.** **.***.** GO INTERNET S.P.A. **.***.** PARERE DEL COLLEGIO SINDACALE EMESSO AI SENSI DELL ART. 2441, COMMA 6, C.C., IN ORDINE ALLA CONGRUITÀ DEL PREZZO DI EMISSIONE DELLE AZIONI DI COMPENDIO RELATIVAMENTE ALL OPERAZIONE

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

GRUPPO UNIPOL: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014

GRUPPO UNIPOL: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014 Bologna, 20 marzo 2015 GRUPPO UNIPOL: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014 Confermati i risultati preliminari già comunicati lo scorso 11 febbraio 2015. Utile netto consolidato

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL 7 PUNTO ALL'ORDINE DEL GIORNO DI PARTE ORDINARIA

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL 7 PUNTO ALL'ORDINE DEL GIORNO DI PARTE ORDINARIA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL 7 PUNTO ALL'ORDINE DEL GIORNO DI PARTE ORDINARIA Conferimento dell incarico di revisione legale dei conti per il periodo 2011-2019 e determinazione del corrispettivo

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA *********

COMUNICATO STAMPA ********* COMUNICATO STAMPA Comunicato ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile Ad integrazione del comunicato stampa diffuso il 20 gennaio 2009, a seguito del Consiglio di Amministrazione della, si rende noto

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 VERBALE DI RIUNIONE DEL 8 APRILE 2013 ---------- Il giorno 8 del mese di Aprile 2013 alle ore 9,00 i sottoscritti Santolini rag. Livio, Monti dott. Roberto, Ricci dott.sa Silva, sindaci revisori effettivi

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 12 /2007 nell'adunanza del 26 settembre 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

Regolamento del Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari

Regolamento del Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari Arnoldo Mondadori Editore Legge 262/05 Regolamento del Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari 12 febbraio 2009 Regolamento Dirigente Preposto_V1.0 1 INDICE 1. Introduzione...

Dettagli

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni A. SVILUPPO STORICO: NORMA COMUNITARIA LA IV a DIRETTIVA 25/7/1978 N. 78/660 Art. 1 Art. 11 Art. 51 comma 1: Art. 51 comma 2: i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni in cosa consiste

Dettagli

DELIBERAZIONE/PRONUNCIA N. 35/2007.

DELIBERAZIONE/PRONUNCIA N. 35/2007. SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA DELIBERAZIONE/PRONUNCIA N. 35/2007. nell adunanza pubblica del 9 novembre 2007 composta dai seguenti magistrati: Presidente di Sez. Mario G.C. Sancetta Cons.

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014 Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014 Convocazione dell Assemblea degli Azionisti Bilancio consolidato: utile netto di 1,29 miliardi; Bilancio di esercizio: utile netto di

Dettagli

La continuità aziendale Analisi casi aziendali

La continuità aziendale Analisi casi aziendali La continuità aziendale Analisi casi aziendali Intervento Dott. Lamberto Gadda Corso di Audit e Governance Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli 1 CONFRONTO DI SITUAZIONI E RELAZIONI

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

Risposta dell Associazione Bancaria Italiana al documento di consultazione CONSOB

Risposta dell Associazione Bancaria Italiana al documento di consultazione CONSOB Risposta dell Associazione Bancaria Italiana al documento di consultazione CONSOB Comunicazione in materia di informazione da fornire al pubblico in relazione alle indennità e benefici riconosciuti ad

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

- un nuovo piano industriale che tenga conto del deterioramento dell attuale scenario rispetto alle originarie previsioni, entro il 31/5/2016;

- un nuovo piano industriale che tenga conto del deterioramento dell attuale scenario rispetto alle originarie previsioni, entro il 31/5/2016; PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO DELLA BANCA E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2015 APPROVATA LA RELAZIONE SUL GOVERNO

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminata e approvata dal Consiglio di Amministrazione la relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2011

COMUNICATO STAMPA. Esaminata e approvata dal Consiglio di Amministrazione la relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2011 COMUNICATO STAMPA Nel presente comunicato sono utilizzati alcuni indicatori alternativi di performance non previsti dai principi contabili IFRS (EBITDA, EBIT, Indebitamento Finanziario Netto) il cui significato

Dettagli

PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE DEL BANCO POPOLARE - SOCIETÀ COOPERATIVA SULL INTEGRAZIONE DEI TEMPI E DEI CORRISPETTIVI

PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE DEL BANCO POPOLARE - SOCIETÀ COOPERATIVA SULL INTEGRAZIONE DEI TEMPI E DEI CORRISPETTIVI PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE DEL BANCO POPOLARE - SOCIETÀ COOPERATIVA SULL INTEGRAZIONE DEI TEMPI E DEI CORRISPETTIVI SPETTANTI ALLA SOCIETÀ DI REVISIONE Assemblea ordinaria e straordinaria

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le considerazioni che hanno portato a ritenere esaurita la fase di turnaround di Be sono principalmente le seguenti:

COMUNICATO STAMPA. Le considerazioni che hanno portato a ritenere esaurita la fase di turnaround di Be sono principalmente le seguenti: COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Tamburi Investment Partners S.p.A. ( TIP-mi ), riunitosi in data odierna, in considerazione dell ormai avvenuto completamento della fase di turnaround

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

Procedura Operativa. Operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati

Procedura Operativa. Operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati Procedura Operativa Operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione del 28 giugno 2012 1 INDICE 1. PREMESSA 3 2. DEFINIZIONI 4 3. ASPETTI PROCEDURALI

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo Pirelli & C. S.p.A. Sede in Milano Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Capitale sociale euro 1.345.380.534,66 Registro delle Imprese di Milano n. 00860340157 Repertorio Economico Amministrativo n. 1055

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 30 MARZO 2011. Relazioni e proposte sugli argomenti all ordine del giorno

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 30 MARZO 2011. Relazioni e proposte sugli argomenti all ordine del giorno ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 30 MARZO 2011 Relazioni e proposte sugli argomenti all ordine del giorno 1 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA I Signori Azionisti titolari di azioni ordinarie sono convocati in assemblea

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art.5 del Regolamento Consob n.17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.17389

Dettagli

Approvazione CDA del 25 giugno 2009. Limiti al cumulo di incarichi ricoperti dagli amministratori di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A.

Approvazione CDA del 25 giugno 2009. Limiti al cumulo di incarichi ricoperti dagli amministratori di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. Approvazione CDA del 25 giugno 2009 Limiti al cumulo di incarichi ricoperti dagli amministratori di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. Regolamento U n i p o l G r u p p o F i n a n z i a r i o S. p. A. Sede

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti POLICY Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti [ Pagina Bianca ] Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti 1 INDICE Indice... 2 PREMESSA...

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel S.p.A. nella riunione dell 11 settembre 2012.

Dettagli

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi. Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.it RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione 4 modulo Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione Riferimento bibliografico: appendice del libro; Slide con la collaborazione di Stefano Castriglianò Ellegi consulenza Fondi pensione negoziali:

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento di contabilità, adottato in applicazione dell art. 71 terdecies della Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Brioschi Sviluppo Immobiliare spa. Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza)

Brioschi Sviluppo Immobiliare spa. Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza) Brioschi Sviluppo Immobiliare spa Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza) Premessa La presente relazione (di seguito, la Relazione ), predisposta ai

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio. al 31 Dicembre 2013 ai sensi dell art. 2429 e dell art. 14 del D.Lgs 39/2010

Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio. al 31 Dicembre 2013 ai sensi dell art. 2429 e dell art. 14 del D.Lgs 39/2010 Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio al 31 Dicembre 2013 ai sensi dell art. 2429 e dell art. 14 del D.Lgs 39/2010 Signori Soci, il progetto di bilancio dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.:

COMUNICATO STAMPA. Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: COMUNICATO STAMPA Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: - Approvato il Progetto di Bilancio d esercizio e il Bilancio consolidato al 31 dicembre 2012 Principali Risultati del Gruppo Enervit al

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

Punto 4 dell ordine del giorno: Conferimento dell incarico di revisione legale dei conti per il periodo 2012-2020; deliberazioni relative.

Punto 4 dell ordine del giorno: Conferimento dell incarico di revisione legale dei conti per il periodo 2012-2020; deliberazioni relative. Assemblea ordinaria 20 aprile 2012 prima convocazione 21 aprile 2012 seconda convocazione Punto 4 dell ordine del giorno: Conferimento dell incarico di revisione legale dei conti per il periodo 2012-2020;

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. I Consigli di Amministrazione di Banco di Desio e della Brianza e di Banca Popolare di Spoleto hanno approvato

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli