FRAMMENTI. Riflessioni tra mito, leggenda e fiaba alla scoperta dell archetipo femminile. A cura di Giulia Gentile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FRAMMENTI. Riflessioni tra mito, leggenda e fiaba alla scoperta dell archetipo femminile. A cura di Giulia Gentile"

Transcript

1 FRAMMENTI Riflessioni tra mito, leggenda e fiaba alla scoperta dell archetipo femminile. A cura di Giulia Gentile

2 2 Premessa Quello di cui parlerò in questi incontri deriva da elementi scaturiti da studi e riflessioni personali che ho curato e approfondito negli anni, partendo da una base di preparazione universitaria unita ad un grande interesse personale. L incontro, nell ambito delle conversazioni di filosofia, con Paolo Pacifici, la collaborazione che abbiamo instaurato in questi anni, al di là della stima e dell amicizia, ci ha fatto scoprire un comune interesse su alcuni punti cardine del pensiero filosofico: il mito e tutti gli studi che intorno ad esso si sono sviluppati, fino a giungere alla lettura psicanalitica del mito e alla presenza e al ruolo della figura femminile nel mito, nella leggenda e nella fiaba. Questi interventi non hanno la pretesa di dare risposte o di effettuare verifiche, ma vogliono narrare, restituire immagini e sollecitare emozioni. Potrei chiamarlo un viaggio tra miti e leggende per scoprire l inconscio personale e collettivo attraverso varie epoche e differenti letture alla scoperta dell Anima e dell Animus. Per comprendere questo viaggio è importante definire la partenza, comprendere dove è il punto da cui l uomo ha mosso i primi passi del suo pensiero per poi comprendere il percorso nella mente dell uomo, quindi quello che ho voluto intraprendere è un percorso di conoscenza della figura femminile e maschile sempre più profondo, sempre più vivo. Filosofia e mito Per iniziare il ns. viaggio cominciamo a parlare necessariamente di filosofia che (dal greco (filèin), "amare", e (sofìa), "sapienza", ossia "amore per la sapienza") è un campo di studi che indaga sul senso del mondo e dell'esistenza umana, e, più specificatamente, il tentativo di studiare e definire le possibilità e i limiti della conoscenza. Aristotele nel Protreptico o Esortazione alla filosofia 1 diceva: «Chi pensa sia necessario filosofare deve filosofare e chi pensa non si debba filosofare deve filosofare per dimostrare che non si deve filosofare; dunque si deve filosofare in ogni caso o andarsene di qui, dando l'addio alla vita, poiché tutte le altre cose sembrano essere solo chiacchiere e vaniloqui.» 1 Il Protreptico o Esortazione alla filosofia, non è giunta a noi ma la conosciamo dalle numerose citazioni contenute nell'opera di eguale titolo di Giamblico, dedicato a Temisone, re di una città di Cipro, dovette essere scritto da Aristotele intorno al 350 a.c. Si trattava, appunto, di un'esortazione alla filosofia, essendo questa il più grande dei beni, dal momento che ha per scopo se stessa, mentre le altre scienze hanno per fine qualcosa di diverso da sé.

3 Il bisogno di filosofare, secondo Aristotele, nascerebbe dalla "meraviglia": «Infatti gli uomini hanno cominciato a filosofare, ora come in origine, a causa della meraviglia: mentre da principio restavano meravigliati di fronte alle difficoltà più semplici, in seguito, progredendo a poco a poco, giunsero a porsi problemi sempre maggiori: per esempio i problemi riguardanti i fenomeni della luna e quelli del sole e degli astri, o i problemi riguardanti la generazione dell'intero universo. Ora, chi prova un senso di dubbio e di meraviglia [thaumazon] riconosce di non sapere; ed è per questo che anche colui che ama il mito è, in certo qual modo, filosofo: il mito, infatti, è costituito da un insieme di cose che destano meraviglia. Cosicché, se gli uomini hanno filosofato per liberarsi dall'ignoranza, è evidente che ricercarono il conoscere solo al fine di sapere e non per conseguire qualche utilità pratica, ovvero dal senso di stupore e di inquietudine sperimentata dall'uomo quando, soddisfatte le immediate necessità materiali, comincia ad interrogarsi sulla sua esistenza e sul suo rapporto con il mondo». Sin dai tempi più antichi gli uomini hanno sentito l'esigenza di interrogarsi sul modo in cui poteva essersi formato l'universo, sulla nascita del genere umano e sulle cause dei fenomeni naturali che accompagnavano, ma spesso anche sconvolgevano, la loro vita. Non possedendo ancora gli strumenti del pensiero filosofico e scientifico, essi si affidarono alla fantasia, personificarono e divinizzarono le forze benigne e maligne da cui si sentivano circondati e diedero vita a un vasto patrimonio di storie, per loro sacre e veritiere, che sono giunte a noi attraverso le più svariate fonti letterarie e artistiche. I miti, racconti terribili e meravigliosi, che narrano le origini dell'universo, degli uomini e degli dèi e che hanno per protagonisti esseri soprannaturali, prendono il nome, dal greco "mythos", che originariamente designava la «parola» e in particolare la «parola solenne e sacra di un dio». Il mito non è un racconto del tutto favoloso e inverosimile, ma racchiude una sua «verità», poiché è un modo di conoscenza e di appropriazione della realtà tipico delle società primitive, antiche e moderne. Dalle ricerche effettuate possiamo ritenere che i miti avessero anche la funzione di spiegare l'origine di un certo rituale, di un tempio, di una festa (sono questi i miti eziologici, dal greco "aítion" che vuol dire «causa») ed erano strettamente collegati alle cerimonie religiose. Anche se risalgono a epoche lontanissime dalla nostra, i miti con le loro vicende sovrumane, metamorfosi animalesche, epiche battaglie e agghiaccianti fatti di sangue, continuano a esercitare un fascino al quale non è facile sottrarsi. La parola mito (mythos), ha anche un equivalente nel latino fabula, ma l'orientamento prevalente attuale è quello di far derivare mythos dal verbo myo, che vuol dire: essere racchiuso, stare chiuso in se stesso. 3

4 4 Questo aspetto verrà ampiamente analizzato in seguito in questa ricerca. Del resto da parte di molti studiosi il mito viene interpretato come autentica conoscenza o comunque come una narrazione che possiede elementi di realtà. In questo senso dobbiamo pensare al mito come alla sapienza propria elaborata da una civiltà, un suo elemento di coesione, di memoria storica. Se andiamo ad enucleare il mito nella sua pienezza lo scopriamo come una tipica fonte di modelli di comportamento e regole dell'agire e potremmo azzardare nel dire che è nato dal bisogno di spiegare le leggi della vita e della natura ed è stato uno strumento di conoscenza per i popoli, tramandato di generazione in generazione e trasformato di volta in volta con finali diversi o con particolari fantasiosi. In quasi tutte le società e culture è esistita una narrazione mitologica dell'origine dell'essere umano e dell'universo, quindi il mito deriva dall'umana necessità di rispondere alla domanda: "da dove veniamo?" È legittimo quindi supporre con alcuni studiosi che il mito possieda un'intelaiatura che viene sempre ripresa e modificata, fino anche ai giorni nostri e che è flessibile dal momento che ha diversi significati e si apre a plurali interpretazioni, modificandosi nelle continue riprese. Non a caso Campbell nell Eroe dai mille volti scrive: «I miti sono fioriti tra gli uomini in tutti i tempi, in tutte le regioni della terra, ed al loro vivificante afflato si deve tutto ciò che l attività fisica e intellettuale dell uomo ha prodotto» 2. Lévi-Strauss nella La struttura dei miti, in Antropologia strutturale afferma: <<Taluni pretendono che ogni società esprima, nei suoi miti, sentimenti fondamentali come l amore, l odio o la vendetta, che sono comuni all intera umanità. Per altri, i miti costituiscono tentativi di spiegazione di fenomeni difficilmente comprensibili: astronomici, meteorologici, ecc. La mitologia sarà considerata come un riflesso di una struttura sociale e dei rapporti sociali» 3. Cominciamo a capire quindi che lo studio dei miti ci porta a constatazioni contraddittorie, perché tutto può succedere in un mito; sembra che in esso la successione degli avvenimenti non sia subordinata a nessuna regola di logica o continuità, ma questi miti, si riproducono con gli stessi caratteri e spesso gli stessi particolari nelle diverse regioni del mondo; allora la riflessione si fa più profonda il desiderio di comprendere fino in fondo cosa c è dietro il mito diventa oltremodo interessante ed emozionante. Il valore del mito, in quanto mito persiste, infatti il mito viene percepito come mito da ogni lettore in tutto il mondo; la sostanza del mito non sta nello 2 Campbell j, L eroe dai mille volti, Guanda, Milano, Strauss C., Antropologia strutturale, Il Saggiatore, Milano, 1968

5 5 stile, né nel modo di narrazione, né nella sintassi, ma nella storia che viene raccontata del resto non è esagerato affermare che le inesauribili energie del cosmo si manifestano nella cultura umana proprio attraverso il mito. Se cerchiamo di scavare fino in fondo ci rendiamo conto che le religioni, le filosofie, le arti, le forme sociali dell uomo primitivo e storico, le scoperte scientifiche e tecniche, gli stessi sogni che popolano il sonno, scaturiscono indistintamente dalla fonte magica del mito. Infatti, i simboli che fanno parte della mitologia non si fabbricano, non si possono inventare, controllare, o abolire per sempre: sono produzioni spontanee della psiche e ciascuno ne conserva intatto il potere. Cerchiamo ora di vedere quali sono le specificità del mito attraverso una comparazione con le altre forme narrative come la leggenda e la fiaba con cui spesso il mito è stato confuso. Mito-leggenda-fiaba Il mito non è leggenda perché la leggenda parte da avvenimenti storici realmente accaduti, in un tempo definito, a cui si sono aggiunti elementi fantastici e/o irreali, mentre nel mito il tempo non è mai precisato spesso gli eventi hanno luogo in un remoto passato, all'inizio dei tempi o in ere primordiali. Jacob Cristillin, scrittore e storico, in Leggende della valle del Lys scrive : «La leggenda non è poi così lontana dalla verità; è la storia non ancora messa a punto». La leggenda è un tipo di racconto molto antico, come il mito e la fiaba, e fa parte del patrimonio culturale di tutti i popoli, appartiene alla tradizione orale e nella narrazione mescola il reale al meraviglioso. La parola "leggenda" deriva dal latino legenda che significa "cose che devono essere lette", "degne di essere lette" e con questo termine, un tempo, si voleva indicare il racconto della vita di un santo e soprattutto il racconto dei suoi miracoli o di un personaggio importante, oggi la parola leggenda indica qualsiasi racconto che presenti elementi reali, ma trasformati dalla fantasia, tramandato per celebrare fatti o personaggi fondamentali per la storia di un popolo, oppure per spiegare qualche caratteristica dell'ambiente naturale e per dare risposta a dei perché. Le leggende si rivolgono alla collettività, come i miti e spiegano l'origine di qualche aspetto dell'ambiente, le regole e i modelli da seguire, certi avvenimenti storici, o ritenuti tali, allo scopo di rinsaldare i legami d'appartenenza alla comunità.

6 Le leggende popolari non sono mai inventate da una sola persona, ma alla loro invenzione concorrono sempre più persone che, con il trascorrere del tempo, trasformano un fatto vero in un fatto sempre più leggendario. Le leggende non raccontano mai dei fatti puramente inventati ma contengono sempre una parte di verità che viene trasformata in fantasia perché gli uomini vogliono scoprire sempre la causa di certi fatti che non conoscono bene e pertanto cercano di spiegarli con l'immaginazione, inoltre la leggenda può variare nel tempo, il racconto originario può essere modificato, ampliato, ridotto ecc. Ogni popolo crea le sue leggende per celebrare le proprie origini, i propri eroi, ma se gli interessi storici mutano, se si ritiene che celebrare quelle origini non dia lustro e gloria, allora la leggenda si può modificare. Dal mito si può passare alla leggenda, ma quando questo accade questi motivi, queste immagini, questi personaggi perdono gran parte della loro sacralità. La leggenda a differenza del mito può avere tempo lungo o breve e può anche "morire", venendo soppiantata da altre che vengono create nelle nuove epoche storiche e a differenza del mito, non è necessariamente considerata vera dalle persone che la raccontano. La differenza fra miti e leggende sta anche nei protagonisti: nel mito si trovano più dei e dee, nella leggenda invece troviamo personaggi storici come Carlo Magno, El Cid, Billy the Kid, Guglielmo Tell, Romolo e Remo, il sacro Graal etc. Accanto ad essi però compaiono personaggi di fantasia e creature immaginarie come draghi, angeli e demoni e inoltre, anche se una leggenda si svolge in epoche storiche e non primordiali, contiene elementi fantastici. Il mito non è fiaba, perché non ha intenti dilettevoli, di intrattenimento. Il mito ha comunque dei punti di contatto con la fiaba. La fiaba è un mito decaduto : 1) i protagonisti non sono più Dei ed Eroi, ma Re e Regine, Principi e Principesse. 2) al meraviglioso divino subentra il magico umano con maghi, streghe, gnomi dotati di poteri soprannaturali! Le fiabe sono un tipo di narrativa originaria della tradizione popolare, inizialmente erano racconti tramandati oralmente da generazione a generazione; solo in un secondo tempo sono state trascritte. Attraverso incanti, meraviglie e piacevoli paure, chi legge o ascolta ritrova se stesso, i conflitti che vive nel proprio intimo, le difficoltà contro cui deve lottare, i sacrifici che deve fare. Nella fiaba si ritrovano semplificati i grandi problemi della vita cui, sorridendo, viene sempre fornita una soluzione, a parte rare eccezioni, la caratteristica fondamentale della fiaba è il lieto fine. 6

7 7 In tempi diversi vari autori hanno raccolto le fiabe dei propri Paesi e le stesse sono diventate oggetto di studi e ricerche a vari livelli; gli studiosi del folklore hanno ricercato in esse le credenze e le tradizioni popolari dei popoli; gli antropologi, che studiano le culture umane, hanno individuato nelle fiabe segni dell organizzazione sociale, familiare e modo di pensare di antiche culture povere e tribali, mettendo in relazione le difficili prove che gli eroi delle fiabe affrontano con i riti di iniziazione dei giovani ancora in uso nelle società tribali. Dobbiamo tenere presente che anticamente i ragazzi, raggiunta una certa età, venivano sottoposti a prove difficili, da un punto di vista fisico e psicologico, che facevano parte di un rituale determinante per il passaggio all età adulta. Solo chi dimostrava abilità e coraggio poteva essere accettato come membro stimato della comunità adulta: lo stesso accade ai protagonisti di molte fiabe che affrontano prove difficili e pericolose per ottenere un premio finale ( il ritorno a casa, la ricchezza, un aspetto bello, l amore e un felice matrimonio, ). Nella fantasia di chi tramandava i racconti, i giovani sottoposti al rito, sono diventati protagonisti delle fiabe, gli stregoni sono diventati personaggi che fanno paura come gli orchi, le streghe, i mostri, i lupi e le armi, che ricevevano i ragazzi, sono diventate i doni magici che i protagonisti delle fiabe ricevono dagli aiutanti che incontravano. Vladimir Propp nei suoi innumerevoli studi sulla fiaba e il mito è giunto alla determinazione che «il mito e la fiaba differiscono non per la loro forma, ma per la loro funzione sociale» 4. Infatti egli ritiene che la funzione sociale del mito non sia sempre la stessa, ma dipende dal livello di cultura del popolo, inoltre il mito non può essere distinto dalla fiaba dal punto di vista formale perché talvolta essi coincidono. Propp studiò le origini storiche della fiaba nelle società tribali e nel rito di iniziazione e ne trasse una struttura che propose anche come modello di tutte le narrazioni. Egli propose uno schema, identificando 31 sequenze (note come Sequenze di Propp) che compongono il racconto, ogni sequenza rappresenta una situazione tipica nello svolgimento della trama di una fiaba, riferendosi in particolare ai personaggi e ai loro precisi ruoli (ad es. l'eroe o l'antagonista). La Morfologia della Fiaba di Vladimir Jakovlevic Propp 5, pubblicata nel 1928 a Leningrado, costituisce l'opera più importante dedicata alla struttura del racconto fiabesco. 4 Propp V.,Le radici storiche dei racconti di fate, Einaudi, Torino, Propp V., Morfologia della fiaba, Leningrado,Torino, Einaudi [1928], 2000.

8 Secondo Propp, è possibile un'analisi delle forme della fiaba "con la medesima precisione con la quale viene elaborata la morfologia delle formazioni organiche. E se questa affermazione non può riferirsi alla fiaba in tutto il suo insieme, è possibile tuttavia accettarla per i racconti di magia, e cioè per le fiabe nel senso proprio della parola". L'analisi morfologica di Propp dimostra che, nonostante i personaggi della fiaba possano essere diversissimi, le loro funzioni sono assai poco numerose, dove per funzione si intende "l'atto del personaggio, ben determinato dal punto di vista della sua importanza per il decorso dell'azione". In base allo studio dettagliato di un centinaio di fiabe tratte dalla raccolta di Afanas'ev, Propp enuncia quattro tesi fondamentali: 1. "Gli elementi costanti, stabili, della fiaba sono le funzioni dei personaggi, indipendentemente da chi essi siano e in che modo le assolvano. Esse costituiscono i componenti fondamentali della fiaba". 2. "Il numero delle funzioni proprie del racconto di magia è limitato". In totale, le funzioni individuate da Propp, sono infatti solamente "La successione delle funzioni è sempre la stessa". Anche se poche fiabe contengono tutte le funzioni, ciò non infirma la legge della successione. 4. "Tutte le fiabe, per struttura, sono monotipiche"; ovvero rappresentano innumerevoli variazioni di una serie unica per tutte le fiabe. Lo schema generale di una fiaba secondo Propp è il seguente: 1. Equilibrio iniziale (inizio) 2. Rottura dell'equilibrio iniziale (movente o complicazione) 3. Peripezie dell'eroe 4. Ristabilimento dell'equilibrio (conclusione) Queste sono le 31 funzioni individuate da Propp: 1. Allontanamento: uno dei membri della famiglia si allontana da casa - es. il principe va in guerra 2. Divieto (o ordine): all'eroe viene imposto un divieto (es. a Cappuccetto Rosso viene proibito di passare per il bosco) 3. Infrazione:il divieto è infranto (es. Cappuccetto rosso passa per il bosco) 4. Investigazione: l'antagonista fa delle ricerche sull'eroe 5. Delazione: l'antagonista riceve le informazioni 6. Tranello: l'antagonista tenta di ingannare l'eroe 7. Connivenza: l'eroe cade nel tranello 8. Danneggiamento (o mancanza): l'antagonista reca danno all'eroe (o viene a mancare qualcosa) - es. la bella addormentata è punta a causa della maledizione di una vecchia fata 9. Mediazione: il danneggiamento o la mancanza vengono resi noti 10. Consenso: l'eroe reagisce 8

9 9 11. Partenza:l'eroe parte 12. Funzione del donatore: il donatore mette alla prova l'eroe 13. Reazione:l'eroe supera la prova 14. Fornitura: il donatore dà l'oggetto magico all'eroe 15. Trasferimento: l'eroe si trasferisce,o viene condotto sul luogo in cui si trova l'oggetto delle sue ricerche 16. Lotta:l'eroe e l'antagonista ingaggiano direttamente la lotta 17. Marchiatura: all'eroe è impresso un marchio 18. Vittoria: l'antagonista è vinto 19. Rimozione: l'eroe viene liberato dal danno o dalla mancanza iniziale 20. Ritorno: l'eroe ritorna 21. Persecuzione: l'eroe è sottoposto a persecuzione 22. Salvataggio: l'eroe si salva 23. Arrivo in incognito: l'eroe arriva in incognito a casa o in un altro paese 24. Pretese infondate: il falso eroe avanza pretese infondate 25. Prova: all'eroe è imposto un compito difficile,una prova da superare 26. Adempimento:il compito difficile è eseguito 27. Identificazione: l'eroe viene riconosciuto 28. Smascheramento: il falso eroe o l'antagonista viene smascherato 29. Trasfigurazione: l'eroe assume nuove sembianze 30. Punizione: l'antagonista viene punito 31. Lieto fine:l'eroe ottiene il premio finale;spesso si sposa o ottiene un regno 6 Non tutte le sequenze si possono trovare in tutte le fiabe, d'altro canto lo schema si può associare anche a racconti di altro genere: si pensi all'odissea per quanto riguarda le ultime sequenze. Una funzione che ricorre spesso è lo smascheramento del falso eroe. Per esempio, nella versione di Cenerentola, che si trova nella raccolta dei Fratelli Grimm, le cattive sorellastre cercano con vari trucchi di far credere, a turno, che una di loro era la proprietaria della scarpetta smarrita., infatti il principe in un primo momento è tratto in inganno, ma poi le sorellastre vengono smascherate. Analizzando una moderna rilettura della fiaba che ha portato al suo utilizzo a livello terapeutico possiamo evidenziare quelle che sono le prerogative della fiaba 7 : La fiaba parla dei perché, infatti la fiaba parla sempre del significato di ciò che accade e perchè accade 6 Propp V. Morfologia della fiaba, Leningrado,Torino, Einaudi [1928], Santagostino P., Guarire con una fiaba, URRA, Milano, 2004

10 10 Le fiabe presentano sempre un problema. Nella fiaba per definizione tutto finisce bene, ma non tutto va sempre bene. È tipico delle fiabe presentare una situazione che, felice o meno all inizio, ha il compito di introdurre il dramma in cui si troverà coinvolto il protagonista. La fiaba conduce il bambino per mano fuori da queste tremende situazioni. Il valore della fiaba è proprio quello di presentare in termini immaginari, quindi facilmente comprensibili al bambino, una situazione drammatica. La fiaba presenta il problema e la soluzione del problema utilizzando l unico linguaggio accessibile ad un bambino, cioè quello della fantasia. Le fiabe sono piene di bambini: bambini abbandonati da soli nei boschi, bambini maltrattati dalle matrigne crudeli, bambini non amati, bambini non voluti, bambini sperduti. I bambini nelle fiabe disobbediscono sempre ai divieti: aprono le porte che dovevano restare chiuse, vanno dove non avrebbero dovuto andare. Così le fiabe parlano al bambino dei problemi con cui a sempre a che fare: l abbandono, il disamore, la solitudine, la disobbedienza, la paura. E nelle fiabe i bambini vincono. Sopravvivono nonostante l abbandono dei genitori, le matrigne cattive, le streghe crudeli e vincono soprattutto contro i potenti: le fiabe quindi assumono per i bambini la voce della speranza. «Da un analisi attenta delle fiabe si vede che in esse non ci sono solo bambini, ma anche giovani, ragazzi, adulti e vecchi, quindi le fiabe preannunciano le future tappe dell esistenza, con le difficoltà che si potranno presentare e le maniere in cui superarle. In questo senso le fiabe sono per i bambini un corso completo di formazione alla vita» 8. Non è un caso che i bambini amino una fiaba in un determinato periodo e vogliono sentire solo quella, perché parla del problema che al momento li riguarda in quella fase del loro processo evolutivo. Dall analisi delle fiabe scopriamo che l eroe della fiaba, il protagonista, è sempre un personaggio positivo; a cui si oppone un personaggio negativo, l antagonista, che ostacola l eroe, gli si contrappone ed è sempre cattivo. Da una ns analisi abbiamo rilevato che le fiabe sono piene di figure femminili negative: la matrigna, la regina malvagia, la strega che divora i bambini. La vera madre è sempre buona e affettuosa, infatti per il bambino la madre non può essere cattiva, gli atteggiamenti cattivi sono del suo alter-ego, della matrigna, della madre non vera. Si assiste alla scissione 8 Santagostino P., Guarire con una fiaba, op. cit.

11 11 della Grande Madre, come vedremo più avanti la madre buona e la madre cattiva, così il bambino però percepisce come sua solo la figura positiva. Se prendiamo la figura della strega nella fiaba vediamo che simboleggia un femminile materno distruttivo, come un utero materno che non lascia uscire, che imprigiona e uccide, al contrario della madre positiva che accoglie, nutre e aiuta a nascere. Le streghe nel bosco accolgono i bambini nella loro casetta, allettanti confortevoli, ma poi li imprigionano, li nutrono, ma per poi mangiarli. Quindi nella fiaba il rapporto strega-bambino rappresenta i rischi di una permanenza eccessiva di totale dipendenza del bambina dalla madre. Ma allora che differenza c è con la matrigna? La matrigna genera dolore, solitudine paura, ma anche rabbia e ciò stimola capacità reattive, infatti il bambino riesce a superare le difficoltà da solo. Se prendiamo le fiabe in cui i protagonisti sono adulti o comunque non più bambini, la figura della strega tenta di impedire uno sviluppo personale e attivo 9. Prendiamo come esempio La bella addormentata vediamo che essa non potrà continuare il suo processo di sviluppo, non prenderà coscienza di se stessa, se non verrà risvegliata.(la principessa si punge con il fuso all età dello sviluppo fisico cioè alla comparsa delle mestruazioni). (Lettura) Le trasformazioni che la strega produce sulle sue vittime sono regressive, riportano indietro nella scala dell evoluzione: il principe diventa ranocchio, i servitori porci ecc. Invece le trasformazioni operate dalle Fate vanno nella direzione opposta, le fate aiutano i protagonisti a realizzarsi: Pinocchio diventa un bambino, Cenerentola va al ballo e incontro il Principe. Il bacio del principe rappresenta l incontro positivo tra maschile e femminile che porta alla rinascita, alla conquista di un equilibrio interiore, siamo all incontro tra Anima e Animus. Potremmo dire con la Santagostino che «Cadere prigionieri della strega nelle fiabe, rappresenta il pericolo della coscienza di cadere in balia delle forze distruttive dell inconscio». L inconscio si colloca nell ambito di un simbolismo femminile, notturno, sotterraneo, solo in rapporto al simbolismo diurno, solare maschile della coscienza. 9 Santagostino P., Guarire con una fiaba, op. cit.

12 12 Jung, mito e archetipo Secondo Jung le fiabe sono "l'espressione più pura dei processi psichici dell inconscio collettivo e rappresentano gli archetipi in forma semplice e concisa ". La storia raccontata in una fiaba è ancora qualcosa di più importante: è la storia della psiche che, attraverso una serie di eventi, a volti pieni di rischi e pericoli, raggiunge una meta, un traguardo, un obiettivo. La fiaba diventa la metafora della storia della vita della psiche: narra le vicende, le peripezie, i tormenti, i dolori attraverso i quali la psiche giunge infine alla sua piena maturazione, liberandosi dai complessi che l'avvolgono e la mettono a dura prova, e nutrendosi della forza degli archetipi che, invece di distruggerla, finiscono con il fortificarla, riportandola a vita autentica. Ogni cosa può funzionare da simbolo, ma alcuni simboli hanno una ricorrenza universale, questo rimanda all'esistenza di quelli che Jung chiama archetipi, cioè letteralmente modelli. Gli archetipi non sono idee, ma possibilità di rappresentazioni, ossia disposizioni a riprodurre forme e immagini virtuali, tipiche del mondo e della vita, le quali corrispondono alle esperienze compiute dall' umanità nello sviluppo della coscienza. Essi si trasmettono ereditariamente e rappresentano una sorta di memoria dell'umanità, sedimentata in un inconscio collettivo, non puramente individuale, ma presente in tutti i popoli, senza alcuna distinzione di luogo e di tempo: la mia vita è la storia di un'autorealizzazione dell'inconscio, afferma Jung 10. Gli archetipi lasciano le loro tracce nei miti, nelle favole e nei sogni, che contrariamente a quanto pensava Freud, non sono appagamento di desideri puramente individuali legati alla sessualità infantile, ma espressioni dell'inconscio collettivo. Un'analisi comparata di questi materiali è in grado di portarli alla luce, ogni individuo li avverte come bisogni e li può esprimere in modo storicamente variabile, secondo le diverse situazioni etniche, nazionali o familiari. A proposito dell'inconscio collettivo, dice Jung in una conferenza tenuta nel 1936: L'inconscio collettivo è una parte della psiche che si può distinguere in negativo dall'inconscio personale per il fatto che non deve, come questo, la sua esistenza all'esperienza personale e non è perciò un'acquisizione personale. [...] l'inconscio personale consiste soprattutto in "complessi"; il contenuto dell'inconscio collettivo, invece, è formato essenzialmente da "archetipi". Il concetto di archetipo, che è un indispensabile correlato 10 Jung C.G., La psicologia dell incontro, Boringhieri, Torino, 1968

13 13 dell'idea di inconscio collettivo, indica l'esistenza nella psiche di forme determinate che sembrano essere presenti sempre e dovunque. Carl Gustav Jung (Kesswill, 26 luglio 1875, Bollingen, 6 giugno 1961) è stato uno dei padri della psicologia del profondo. Il suo approccio, discostandosi da quello del suo maestro Sigmund Freud, apriva la ricerca psicanalitica dalla storia personale del singolo alla storia collettiva dell umanità, che nel singolo si concretizza e prosegue, così l inconscio non è più solo personale, prodotto dalla rimozione, ma oltre a questo nell individuo esiste anche un inconscio collettivo. Per Jung l inconscio collettivo non è un serbatoio di materiale rimosso, come affermava Freud, ma comprende in sé tutti i contenuti dell esperienza psichica umana, sia positivi che negativi e costituisce la struttura connettiva universale. L inconscio collettivo non è un pozzo dove vengono raccolti i ricordi, le emozioni, le memorie personali, ma è formato da associazioni mentali ed emotive, immagini, figure chiamate archetipi, connessi a temi universalmente condivisi. Miti ed archetipi sono dentro di noi ed il loro recupero ci aiuta a conoscerci più profondamente e ad espandere la nostra Identità comprendendo la complessità umana 11. L Inconscio collettivo contiene le esperienze emozionali di tutta l umanità, gli archetipi : La Persona- maschera della psiche collettiva L Ombra- lato animale della natura umana L Anima- archetipo femminile nell uomo L Animus- archetipo maschile nella donna La Grande Madre l Eroe Il vecchio saggio, ecc. La Persona è un segmento dell inconscio collettivo[..] è un complicato sistema di relazioni tra l individuo e la società, una specie di maschera che serve da un lato a fare una determinata impressione sugli altri, dall altro a nascondere la vera natura dell individuo 12 In un convegno nel 1928 Jung a proposito di questo archetipo ebbe a dire che C è della gente che crede sul serio di essere ciò che rappresenta. 11 Jung C.G., La psicologia dell incontro, Boringhieri, Torino, Jung C. G., Gli archetipi dell'inconscio collettivo, in Opere vol. 9, Bollati Boringhieri Editore, Torino 1997.

14 14 L Ombra con Jung la possiamo definire la parte inferiore della personalità, la somma di tutte le disposizioni personali e collettive che, a causa della loro inconciliabilità con la forma di vita scelta coscientemente, non vengono vissute e formano una personalità parzialmente e relativamente autonoma. L incontro con l Ombra è la prima tappa necessaria per la realizzazione profonda dell individuo. L ombra è la nostra parte oscura, rimossa, inconscia, che risale nelle sue origini fino agli antenati animali: è ciò che una persona non desidera essere. "Ognuno di noi è seguito da un'ombra. Meno questa è incorporata nella vita conscia dell'individuo tanto più è nera e densa e, del resto, confrontarsi con la propria ombra significa prendere coscienza della propria natura in modo critico, senza riserve. Difficile e doloroso è accoglierla come la nostra parte notturna. Dobbiamo comunque tener presente che accanto all Ombra personale c è anche quella collettiva che rappresenta il lato oscuro dell umanità, che corrisponde a ciò che si oppone all evolversi del mondo, che tende a riportare indietro. L archetipo dell Anima è l immagine del femminile che ogni essere umano di sesso maschile ha interiorizzato, è una componente inconscia della personalità propria dell uomo. L archetipo dell Animus è l mmagine del maschile che ogni essere umano di sesso femminile ha interiorizzato, quindi è la componente inconscia della personalità della donna. L Anima è il principio dell eros e quindi si correla col modo con cui l uomo si rapporta alle donne, l animus è il logos, la razionalità. Gli stadi mitologicidello sviluppo della coscienza Dall UROBOROS alla separazione dei genitori Seguiremo in questo ns. percorso ora il pensiero di Neumann, seguace di Jung, che nel testo Storia delle origini della coscienza 13 elabora una storia dello sviluppo della coscienza e rappresenta il mito come una fenomenologia di tale sviluppo, così Neumann è pervenuto a conclusioni, che riteniamo tra le più importanti mai raggiunte in questo campo. 1. Il primo ciclo del mito è il mito della creazione. In esso la proiezione mitologica dello psichico avviene in forma cosmogonica, come mitologia della creazione dell Universo. Il mondo e l'inconscio predominano e costituiscono l'oggetto del mito. L'Io e l'uomo stanno appena sorgendo; 13 Neumann E., Storia delle origini della coscienza, Astrolabio, Roma 1978

15 15 la loro nascita, i loro dolori e la loro emancipazione costituiscono le fasi del mito della creazione. 2. Nello stadio della separazione dei genitori del mondo il nucleo della coscienza egoica dell'umanità si afferma in maniera definitiva. 3. Da qui si passa nel secondo ciclo, quello del mito dell'eroe, in cui l'io, la coscienza e il mondo umano diventano consapevoli di sé e della propria dignità. Per Jung l Io è la mente cosciente da non confondere con l Ego che è il complesso centrale della consapevolezza. Il complesso dell Ego comincia a formarsi quando ci stacchiamo dall altro primario, che in genere è nostra madre; cioè, quando ci stacchiamo dal seno. E se da un lato questa separazione è necessaria per la formazione dell individuo, dall altro è molto dolorosa, perché rappresenta la perdita di quella primitiva esperienza di unità e sensazione di appartenenza. L'inizio del mito della creazione può essere letto in due modi diversi: all'interno dell'umanità come origine della storia dell'umanità e all'interno del singolo come origine dell'infanzia. L'autorappresentazione degli albori della storia dell'umanità può essere colta nella descrizione che ce ne fanno i rituali e i miti. L'origine dell'infanzia, così come quella dell'umanità, si manifesta nella immagine che sale dal profondo dell'inconscio e che si rivela all'io già individualizzato. Cassirer ha dimostrato e illustrato come in tutti i popoli e in tutte le religioni la creazione venga presentata come creazione della luce. Pertanto l'autentico 'oggetto' della mitologia della creazione è la nascita della coscienza, che si presenta come luce in opposizione all'oscurità dell'inconscio. Cassirer ha anche dimostrato che nei differenti stadi della coscienza mitologica la prima cosa che viene scoperta è la realtà soggettiva, la formazione dell'io e dell'individuo. L'inizio di questo sviluppo, mitologicamente visto come inizio del mondo, è l'avvento della luce, che solo permette di cogliere il divenire del mondo 14. Analizzando l opera di Neumann, rileviamo che la sua teoria si fonda tutta sull assunto che lo sviluppo dell umanità e quello dell individuo procedano in maniera analoga verso fasi di differenziazione sempre maggiore dalla matrice originaria (matrice inconscia) da cui proveniamo, per giungere ad una struttura più stabile della coscienza senza mai perdere contatto con le origini. L archetipo per Neumann è una immagine interiore che agisce in modo energetico sulla psiche umana. Egli paragona gli archetipi agli organi fisici e li vede come entità energetiche che sottostanno e presiedono alla maturazione della personalità esattamente come le strutture biologiche e ormonali 14 Cassirer E., Il pensiero mitico, La Nuova Italia, Firenze, 1988

16 16 sottostanno alla struttura fisica. In tal modo, l evoluzione della coscienza individuale avviene per tappe di differenziazione dall inconscio fino a giungere alla formazione della coscienza. Il problema dell'inizio è anche il problema della provenienza, dell'origine e del destino, cui la cosmologia e il mito della creazione hanno cercato di dare continuamente risposte nuove e diverse. Il problema dell'origine, della provenienza del mondo, è sempre anche il problema della provenienza dell'uomo, della coscienza e dell'io, è la domanda fatale: "Da dove vengo io?", che si pone ogni essere umano quando giunge alla soglia della presa di coscienza di sé. 15 Le risposte mitologiche a questa domanda sono simboliche, come tutte le risposte che provengono dal profondo della psiche, dall'inconscio, teniamo presente che una risposta simbolica non va mai capita in senso concreto e non va mai presa in maniera veramente letterale, possiamo trovare varie letture e interpretazioni di un simbolo, allora il simbolo è un'analogia, un'equiparazione per cui ha in sé una ricchezza di significato, ma anche una indeterminatezza. Il primo stadio di sviluppo della coscienza per Neumann è quello in cui l Io è contenuto nell inconscio ed è quindi totalmente indifferenziato, infatti Neumann lo chiama lo stadio uroborico. L individuo è totalmente contenuto e inconscio lo potremmo paragonare all universo prima della creazione (che rappresenta la separazione tra il cielo e la terra), ovvero della separazione tra il maschile e il femminile conscio ed inconscio. Il simbolismo è quello del cerchio, simbolo dell uovo cosmico in cui tutto è contenuto ma nulla può nascere se non subentra la luce o la coscienza. La condizione uroborica in questo senso, è la dimensione naturale inconscia, che è anche l aspetto del materno, è la fase pre-egoica in cui il bambino psicologicamente è ancora contenuto nell inconscio materno, non vi è ancora lo spiraglio di luce che viene dall esterno. Da questo stadio il bambino comincia ad uscire pian piano, è un Io embrionale, piccolo, debole e fragile, dipendente dalla Grande Madre che contiene un aspetto costruttivo ed accogliente, ed uno distruttivo: in termini psicologici possiamo dire che siamo in una fase di forte ambivalenza di contrasto perché, da una parte esiste una spinta progressiva verso l esterno, ed una altrettanto forte spinta regressiva, questo porta il bambino a restare in una situazione di contenimento psichico. A livello evolutivo questa fase la consideriamo quella in cui, dalla primordiale incoscienza nell uomo, emerge una fragile coscienza che però è ancora labile e piena di paure. 15 Neumann E., Storia delle origini della coscienza, Astrolabio, Roma 1978, p.29

17 17 ( Ricordate quanto abbiamo detto a proposito delle fiabe e delle figure femminili che le popolano?) Uno degli aspetti simbolici della perfezione degli inizi è il cerchio, a cui sono associati la palla, l'uovo e il rotundum, il rotondo dell'alchimia. Allarghiamo il nostro pensiero e vediamo che il rotondo è l'uovo, l'uovo Cosmico filosofico, il luogo iniziale e germinale, da cui sorge il mondo, ed è anche il perfetto che contiene in sé gli opposti e li contiene in quanto principio, perché questi contrari non si sono ancora separati e il mondo non ha ancora avuto inizio, e in quanto fine, perché tali contrari sono di nuovo arrivati a una sintesi in esso, perché il mondo in esso ha di nuovo trovato pace. Quale contenitore dei contrari lo potremmo rivedere nel T'ai chi cinese, che nella sua forma rotonda contiene in sé nero e bianco, giorno e notte, cielo e terra, maschile e femminile, e di cui Lao-tzu dice: «Prima della formazione del cielo e della terra c'era qualcosa in stato di fusione, tranquilla e immateriale, essa esiste da sola e non muta (carattere); essa circola ovunque senza stancarsi. Si può considerarla come la Madre di tutto sotto il cielo». Se analizziamo il simbolismo relativo al Taoismo vedremo che lo YIN rappresenta quindi l oscurità, la terra, l elemento femminile, mentre lo YANG è la luce, il sole, l elemento maschile. Ti aiuterò a progredire verso la vetta della grande luce e da lì a raggiungere la sorgente dello yang, ti aiuterò a penetrare nelle porte profonde e oscure e da lì a raggiungere la sorgente dello yin, così recita lo Chuang-tzu, nel Cap. XI, 69. Chi conosce gli altri è intelligente, ma chi conosce se stesso è saggio. Chi conquista gli uomini è forte, ma chi conquista se stesso è potente. 16 Andiamo a vedere quindi che la rappresentazione più antica dell'uroboros che si trova su un vaso scoperto a Nippur; a Babilonia lo troviamo rappresentato come un serpente celeste e Macrobio ne attribuisce l'origine ai Fenici. Esso è l'archetipo che dice di sé: "lo sono l'alfa e l'omega". Quale Knef dell'antichità è il 'serpente primitivo', la "figura divina più antica della preistoria". Si può ritrovare nell'apocalisse di Giovanni come nelle pitture di sabbia degli indiani Navajo e in Giotto, nei testi alchimistici 17 e come amuleto tra gli zingari. Tutti questi simboli con cui l'umanità ha cercato di comprendere mitologicamente l'inizio sono presenti nei tempi primitivi e hanno un loro posto non solo nell'arte e nella religione, ma anche nei processi vitali della psiche individuale, nel sogno e nella fantasia. 16 Lao Tzu, Tao Te Ching, Penguin books, London, Jung C.G.,Psicologia e alchimia, Astrolabio, Roma 1950

18 L'esistenza nell'uroboros è l'autorappresentazione simbolica di uno stato primitivo che si trova sia come condizione infantile sia dell'umanità che del bambino. La validità è la realtà di questo simbolo sono fondate nel collettivo, esso corrisponde ad un grado di sviluppo dell'umanità che può essere ritrovato nella struttura psichica di ogni essere umano. L'Uroboros si presenta simbolicamente come grembo primitivo e utero materno, nonché come l'unità degli opposti maschile-femminile, come i progenitori, come padre e madre, che sono uniti tra di loro in perpetua coabitazione. Che la questione dell'origine, del 'da dove', vada unita al problema dei progenitori emerge come una cosa evidente, ma per Neumann dobbiamo tener conto che si tratta di simboli dell'origine e non di sessualità e di 'teoria genitale'. Riprendiamo il ns discorso partendo dal concetto che la mitologia è il prodotto dell'inconscio collettivo, e che ogni studioso della psicologia primitiva è costretto a fermarsi pieno di meraviglia di fronte all'inconscia saggezza delle risposte che la psiche profonda ha dato e continua a dare alle domande inconsce degli uomini. Molti popoli primitivi non conoscono il nesso che intercorre tra rapporto sessuale e nascita, infatti spesso i primitivi cominciano ad avere rapporti sessuali già nell'età infantile, senza che ne segua una procreazione; di qui essi concludono facilmente che la nascita del bambino non è collegata alla generazione da parte dell'uomo nel rapporto sessuale. Però alla domanda "Da dove?" bisogna sempre dare, e di fatto si dà, la risposta: "Dal grembo", perché è un'esperienza originaria dell'umanità che ogni neonato proviene da un grembo e ogni mitologia afferma sempre precisamente che tale grembo è un'immagine e il grembo della donna è solo un aspetto parziale del simbolo originario del luogo dell'origine, del luogo da cui si proviene. Neumann ribadisce il concetto che l'uroboros del mondo materno è vita e psiche, nutre e procura piacere, protegge e riscalda, consola e perdona, è il rifugio di tutto ciò che soffre, l'oggetto di ogni desiderio, infatti la madre è sempre quella che esaudisce, che dona e che aiuta. Quest'immagine viva della Grande Madre buona è stata il rifugio dell'umanità in tutti i momenti di bisogno e tale rimarrà sempre, perché la condizione dell'essere contenuto nella totalità, senza responsabilità e senza fatica, senza il dubbio e senza la dissociazione dal mondo è appunto paradisiaca e all'interno della vita adulta non sarà mai più realizzata nuovamente nella sua felicità e intensità originarie. L'Uroboros come la grande e turbinosa ruota della vita, in cui tutto ciò che non è ancora individuo è contenuto nell'unità dei contrari, in questo senso parliamo di un incesto uroborico, intendendo naturalmente l'incesto in senso simbolico e non concretistico-sessuale. 18

19 19 L'incesto uroborico è una forma di ingresso nella madre, di unione con lei, che si oppone ad altre più tarde forme dell incesto. Rendiamoci conto che per Jung la Grande Madre accoglie e riprende in sé il piccolo bambino e l'incesto uroborico è sempre visto come segno di morte: caverna, terra, sepolcro, sarcofago, bara sono i simboli di questo rito di riunione, che cominciano con la sepoltura in posizione fetale nei sepolcri dell'era della pietra. Nel bambino le grandi immagini e i grandi archetipi dell'inconscio collettivo sono una realtà viva e molto vicina a lui, e molte delle sue espressioni e delle sue reazioni, delle sue domande e delle sue risposte, dei suoi sogni e delle sue immagini esprimono questa conoscenza, che deriva dall'esistenza prenatale, si tratta di un'esperienza non acquisita personalmente, ma che viene dall'alto. La fase di sviluppo individuale segnato dall archetipo della Grande Madre è stato uno degli elementi centrali della psicologia del profondo che ha attribuito alla relazione primaria con la madre un potere altamente costruttivo e distruttivo per la costruzione della personalità e del Sé. Per Jung il Sé ("Selbst") va inteso come la totalità psichica rispetto a cui l'io, la nostra parte cosciente, è solo una piccola parte. Egli ritiene che compito dell'attività psicoanalitica sia quella di istituire un rapporto gerarchico tra Sé e Io, tra la totalità e la parte, in grado di soddisfare le condizioni per una ripresa del movimento evolutivo che lui chiama "Individuazione 18. Secondo Neumann La Grande Madre non è soltanto la Dea che decide della vita o della morte, o che determina uno sviluppo positivo o negativo; il suo atteggiamento è al tempo stesso un giudizio, una sentenza di alta corte. Nessuno sviluppo o razionalizzazione successiva può cancellare questa convinzione di una colpa primaria, poiché il disturbo del rapporto primario ha effettivamente leso l individuo e lo ha portato ad uno sviluppo sbagliato che fornisce continuamente, a posteriori, ragioni sufficienti a giustificare il senso di colpa 19. Il carattere uroborico della Grande Madre traspare ovunque essa viene onorata in forma androgina, per esempio come dea con la barba, a Cipro e a Cartagine la donna con la barba, o con il fallo, rivela il suo carattere uroborico nell'indistinzione di maschile e femminile. Solo più tardi questa figura mista viene sostituita da figure sessualmente non ambigue; il carattere misto e ambivalente rappresenta lo stadio primitivo da cui si differenzieranno in seguito gli opposti. La coscienza infantile, che sperimenta continuamente il proprio legame con la matrice da cui proviene, e la 18 Jung C.G.,Psicologia e alchimia, op. cit. 19 Neumann E., Storia delle origini della coscienza,op. cit.

20 20 propria dipendenza da essa, si trasforma a poco a poco in un sistema autonomo; la coscienza diventa auto-coscienza, sorge cioè un Io riflettente e conscio di se stesso come centro della coscienza. C'è una coscienza già prima che l'io, acquisti la sua posizione centrale, difatti possiamo osservare degli atti di coscienza nel lattante; prima che compaia la coscienza dell Io, però solo quando l'io si sperimenta come qualcosa di diverso dall'inconscio lo stadio embrionale può dirsi superato e assistiamo alla formazione di un sistema di coscienza autonomo e fondato sopra se stesso, ma questo è spesso uno stadio conflittuale in cui l individuo deve rinunciare a una parte di sé. Questo stadio primitivo del rapporto tra la coscienza e l'inconscio si riflette nella mitologia del rapporto tra la Dea Madre e il figlio-amante. Se analizziamo certe figure maschili della cultura medio-orientale come Attis Adone, Tamuz e Osiride essi vengono sì partoriti dalla madre, però questo aspetto recede completamente in secondo piano ed essi diventano gli amanti della madre e vengono da questa amati, uccisi, seppelliti, pianti e rigenerati. Perché io sono colei che è prima e ultima Io sono colei che è venerata e disprezzata, Io sono colei che è prostituta e santa, Io sono sposa e vergine, Io sono madre e figlia, Io sono le braccia di mia madre, Io sono sterile, eppure sono numerosi i miei figli, Io sono donna sposata e nubile, Io sono Colei che dà alla luce e Colei che non ha mai partorito, Io sono colei che consola dei dolori del parto. Io sono sposa e sposo, E il mio uomo nutrì la mia fertilità, Io sono Madre di mio padre, Io sono sorella di mio marito, Ed egli è il figlio che ho respinto. Rispettatemi sempre, Poiché io sono colei che da Scandalo e colei che Santifica. Inno a Iside Rinvenuto a Nag Hammadi, Egitto; risalente al III-IV secolo a.c Il simbolo tipico del figlio amante è un cinghiale che muore e viene sacrificato, e l'uccisione del cinghiale è la rappresentazione mitologica del sacrificio del figlio ad opera della Grande Madre. Su un rilievo etrusco in

LA FIABA E UN RACCONTO FANTASTICO RICCO DI ELEMENTI MAGICI, MERAVIGLIOSI : VI SI INCONTRANO FATE, STREGHE, DIAVOLI, ORCHI, MAGHI, NANI, ESSERI BUONI

LA FIABA E UN RACCONTO FANTASTICO RICCO DI ELEMENTI MAGICI, MERAVIGLIOSI : VI SI INCONTRANO FATE, STREGHE, DIAVOLI, ORCHI, MAGHI, NANI, ESSERI BUONI LA FIABA E UN RACCONTO FANTASTICO RICCO DI ELEMENTI MAGICI, MERAVIGLIOSI : VI SI INCONTRANO FATE, STREGHE, DIAVOLI, ORCHI, MAGHI, NANI, ESSERI BUONI O CATTIVI, DTATI DI POTERI STRAORDINARI, SOPRANNATURALI.

Dettagli

La struttura della Fiaba secondo la morfologia di Propp

La struttura della Fiaba secondo la morfologia di Propp Daniele Ferrero La struttura della Fiaba secondo la morfologia di Propp La Morfologia della Fiaba di Vladimir Jakovlevic Propp, pubblicata nel 1928 a Leningrado, costituisce l'opera più importante dedicata

Dettagli

Lezione 5 Lo schema narrativo canonico

Lezione 5 Lo schema narrativo canonico Corso di laurea specialistica Formazione, comunicazione e innovazione nei contesti sociali e organizzativi Facoltà di Psicologia 2 Università La Sapienza di Roma Corso di Semiotica prof. Piero Polidoro

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

LA FIABA. C era una volta

LA FIABA. C era una volta LA FIABA C era una volta Che cos è la FIABA: Una storia fantastica ricca di magia, di trasformazioni e di misteri Un racconto antico di origine POPOLARE che inizialmente veniva tramandato oralmente e

Dettagli

INVENTARE STORIE SPAZIALI

INVENTARE STORIE SPAZIALI INVENTARE STORIE SPAZIALI Le fiabe servono alla poesia, alla musica, all utopia, all impegno politico: insomma all'uomo intero, e non solo al fantasticatore. Servono proprio perché, in apparenza, non servono

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE Le Costellazioni Familiari e Sistemiche sono un metodo d'aiuto che permette di portare alla luce quelle dinamiche inconsce, spesso complesse, che stanno alla base dei

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI

ESSERE GENITORI OGGI ESSERE GENITORI OGGI II Ciclo di incontri a sostegno della genitorialità 6 0 INCONTRO: Almese 10 Dicembre 2008 TEMA: FAVOLANDO 1 All ingresso del museo dei bambini di Boston c è questa iscrizione: Qui

Dettagli

La depressione: sintomi e cura

La depressione: sintomi e cura La depressione: sintomi e cura a cura di Cinzia Gatti La fine di un amore, la morte di una persona cara, la perdita del lavoro possono suscitare sentimenti di tristezza e desolazione, far nascere sensi

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

TECNICHE DI NARRAZIONE E SVILUPPO PSICOLOGICO

TECNICHE DI NARRAZIONE E SVILUPPO PSICOLOGICO TECNICHE DI NARRAZIONE E SVILUPPO PSICOLOGICO Mariagiovanna Grifi* (febbraio 2014) Questo articolo vuole essere un approfondimento sulla narrazione, la fiaba e il loro rapporto con la psicologia, può essere

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Scuola dell Infanzia M.Montessori Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Premessa Ogni bambino-a giunge alla Scuola dell Infanzia con un bagaglio di esperienze e conoscenze legate alla propria storia

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Fiabe e saghe popolari. Le fiabe e lo schema di Propp. Lo studio delle fiabe. Lo studio delle fiabe. Lo studio delle fiabe. Lo studio delle fiabe

Fiabe e saghe popolari. Le fiabe e lo schema di Propp. Lo studio delle fiabe. Lo studio delle fiabe. Lo studio delle fiabe. Lo studio delle fiabe Fiabe e saghe popolari Le fiabe e lo schema di Propp Le fiabe e le storie popolari risalgono a tempi antichi e rivelano molto della psicologia dei popoli che le hanno tramandate Omero raccoglie storie

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Il linguaggio delle fiabe Dott.ssa Luisa Corda

Il linguaggio delle fiabe Dott.ssa Luisa Corda Il linguaggio delle fiabe Dott.ssa Luisa Corda C'era una volta... Tanto tempo fa, in un paese molto lontano,. Parole magiche che ci portano, come per incanto nel mondo della fantasia, dove tutto è possibile,

Dettagli

LA FIABA. Funzioni della fiaba: V.Propp. Importanza e significati psicoanalitici delle fiabe: B.Bettelheim. La grammatica della fantasia: G.

LA FIABA. Funzioni della fiaba: V.Propp. Importanza e significati psicoanalitici delle fiabe: B.Bettelheim. La grammatica della fantasia: G. LA FIABA Funzioni della fiaba: V.Propp Importanza e significati psicoanalitici delle fiabe: B.Bettelheim La grammatica della fantasia: G.Rodari Il nucleo piùantico delle fiabe magiche deriva da rituali

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

IL FEMMINILE ERICH NEUMANN

IL FEMMINILE ERICH NEUMANN IL FEMMINILE ERICH NEUMANN La dimensione femminile è storicamente presente nelle rappresentazioni, nelle simbologie e nelle mitologie. La figura del femminile intesa in senso mitologico e storico, assume

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Favole di luce. C era una volta? Eh no, c è adesso. era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste

Favole di luce. C era una volta? Eh no, c è adesso. era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste Favole di luce C era una volta? Eh no, c è adesso C era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste parole. Quasi tutte le fiabe che ci hanno accompagnato nella crescita, così come hanno accompagnato

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

LUDOTECA DIDATTICA EDUCATIVA. La Casina Incantata. VILLANOVA D ALBENGA Via Martiri, 26

LUDOTECA DIDATTICA EDUCATIVA. La Casina Incantata. VILLANOVA D ALBENGA Via Martiri, 26 LUDOTECA DIDATTICA EDUCATIVA La Casina Incantata VILLANOVA D ALBENGA Via Martiri, 26 una volta un piccolo regno C era situato tra due fiumi ed era un posto incantato di nome Avonalliv. Il Re era un uomo

Dettagli

Scuola dell'infanzia L'Angioletto

Scuola dell'infanzia L'Angioletto Scuola dell'infanzia L'Angioletto PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE A.S.2014/2015 IL PROGETTO : Il mondo delle fiabe La proposta di attuare questo progetto nell'anno scolastico 2014-2015 nasce dal desiderio

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Lo sviluppo socio-relazionale

Lo sviluppo socio-relazionale Lo sviluppo socio-relazionale È costituito dai cambiamenti che caratterizzano il modo di mettersi in relazione con le altre persone da parte del bambino. Dipende: Dallo sviluppo delle funzioni cognitive

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA Dal vangelo secondo Matteo (Mt 7,21.24-29) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui

Dettagli

Educare con le favore

Educare con le favore Educare con le favore Come inventare e raccontare storie per aiutare i bambini a crescere felici Massimo Fancellu Gli e-book di Àgape www.agapeconsulting.it Raccontare favole ai bambini Come inventare

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

L esperienza di ATTACCAMENTO contiene le idee di: SICUREZZA, ORDINE, SOSTEGNO, FIDUCIA.

L esperienza di ATTACCAMENTO contiene le idee di: SICUREZZA, ORDINE, SOSTEGNO, FIDUCIA. L esperienza di ATTACCAMENTO contiene le idee di: SICUREZZA, ORDINE, SOSTEGNO, FIDUCIA. 1 IL LEGAME DI ATTACCAMENTO Vieni a giocare con me dice il piccolo principe alla volpe Non posso non sono addomesticata

Dettagli

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante RESOCONTTI Il presente elaborato è un resoconto dell attività di ricerca del progetto formativo svolto presso

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti DESTINATARI: Il laboratorio è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della Scuola dell infanzia di Campitello. PERSONE COINVOLTE:

Dettagli

Anno scolastico 2011-2012

Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO SCUOLA DELL'INFANZIA DON MILANI BUDRIO Anno scolastico 2011-2012 Chi ha paura del lupo cattivo? Tutto è già cominciato prima, la prima riga della prima pagina di ogni racconto si riferisce a qualcosa

Dettagli

Edvard Munch - Adolescenza (1894)

Edvard Munch - Adolescenza (1894) SESSUALITÀ IN ADOLESCENZA L adolescenza è una fase di transizione che ha inizio con una metamorfosi unica e irripetibile: quella del corpo (è la fase così detta della pubertà). Da sempre la pubertà segna

Dettagli

Perchè il disegno è importante?

Perchè il disegno è importante? I disegni dei bambini. Nella nostra scuola il disegno è l attività prevalente dei bambini; ed è anche un attività di fondamentale importanza per molti motivi. Per aiutare anche i genitori a comprendere

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI ISTITUTO COMPRENSIVO POLO I, GALATINA ( LECCE ) Scuola dell Infanzia Plesso di Via Teano a.s. 2013 /2014 Progetto Di Plesso Le storie dove stanno? Ce n è una

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Circoli di lettura genitori. Ciliegie. Anno scolastico 2013-2014

Circoli di lettura genitori. Ciliegie. Anno scolastico 2013-2014 Circoli di lettura genitori Ciliegie Anno scolastico 2013-2014 CILIEGIE Circoli lettura genitori Istituto comprensivo di campomaggiore In questo anno scolastico 2013-2014, i genitori degli alunni sono

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

PERCORSO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PERCORSO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PERCORSO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Piano annuale I.R.C. -------- * ------- pag. 2 Nelle Indicazioni per il curricolo nel campo di esperienza il

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Sereni"di Porto Valtravaglia

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Serenidi Porto Valtravaglia PROGETTO LETTURA: DALL ANALISI ONIRICA E PROFONDA DEI GRANDI MITI DEL PASSATO, PASSANDO DAL MITO DI ULISSE, FINO A GIUNGERE AI MITI RACCHIUSI NELL OPERA DEI GRANDI CANTAUTORI CONTEMPORANEI Premessa L'immaginario

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba.

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba. L innamoramento L innamoramento si dice che è un sogno quando lo si vive, una magica sintonia che fa palpitare il cuore, fa sentire un attrazione fortissima che dà crampi allo stomaco e scombussola il

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto educativo nel quale l'apprendimento si accorda all'essere e

Dettagli

I o scrittore. S chede pratiche per avvicinarsi all arte della scrittura

I o scrittore. S chede pratiche per avvicinarsi all arte della scrittura I o scrittore S chede pratiche per avvicinarsi all arte della scrittura Nel testo narrativo la storia può essere: ü reale, se racconta fatti che possono accadere nella realtà; ü fantastica, se i personaggi

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

LA COSCIENZA DI ZENO

LA COSCIENZA DI ZENO LA COSCIENZA DI ZENO L intermezzo preparatorio 1898-1915 Delusione per l insuccesso dei primi due romanzi (Una vita Senilità) Impegni familiari dopo il matrimonio con Livia Veneziani (1896) Impegni lavorativi

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli

Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo e curarlo fino alla sua completa scomparsa. Prima di parlare del panico vorrei dire due parole sulla

Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo e curarlo fino alla sua completa scomparsa. Prima di parlare del panico vorrei dire due parole sulla La Paura questa ben nota sconosciuta ovvero l attacco di panico. Un segnale spaventoso e terrificante Ma, a ben vedere, altrettanto vitale e tonificante!! Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Simbiosi e Autonomia

Simbiosi e Autonomia Simbiosi e Autonomia Accettare il proprio e lasciare andare l'acquisito Conferenza a Reggio Emilila l'11 settembre 2010 www.franz-ruppert.de Simbiosi = Convivenza Tra le specie viventi In una specie Principio

Dettagli

PADRE. UNA POSSIBILE TRACCIA Marzio Ravasio

PADRE. UNA POSSIBILE TRACCIA Marzio Ravasio PADRE. UNA POSSIBILE TRACCIA Marzio Ravasio Psicologo e docente di discipline psico-pedagogiche al Liceo Betty Ambiveri, di Presezzo (Bergamo) 1. Rilevanza del termine padre Il termine acquista rilevanza

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI #NOVIOLENZA CONTRO LO STALKING, IL FEMMINICIDIO, ED OGNI ALTRA FORMA DI VIOLENZA SULLE DONNE IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI CONCRETI Durante le due settimane (dal 16 al 29 aprile) dell iniziativa No

Dettagli

Percorso svolto dalla classe I Scuola primaria di Userna A.S. 2011/2012 Insegnante Federica Baldelli

Percorso svolto dalla classe I Scuola primaria di Userna A.S. 2011/2012 Insegnante Federica Baldelli L alfabeto con le emozioni Percorso svolto dalla classe I Scuola primaria di Userna A.S. 2011/2012 Insegnante Federica Baldelli DESTINATARI I bambini della classe prima. AMBITO Lingua italiana, arte e

Dettagli

RACCONTAMI UNA FIABA

RACCONTAMI UNA FIABA SCUOLA DI FORMAZIONE IN TEATROTERAPIA Associazione Politeama RACCONTAMI UNA FIABA Narrare, ascoltare e giocare con le fiabe in Teatroterapia Tesi di Chiara Forgillo Docente relatore Dott. Roberto Motta

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 La famiglia etica EDUCAZIONE AUTORITARIA 1. Comando 2. Responsabilità del padre 3. Severità 4. Esemplarità 5. Paura e senso di colpa del bambino La famiglia

Dettagli

zione; di contro, la libertà sessuale verrebbe interpretata come contrastante i suoi sentimenti naturali. Ciò che colpisce è come tutte le

zione; di contro, la libertà sessuale verrebbe interpretata come contrastante i suoi sentimenti naturali. Ciò che colpisce è come tutte le Il matrimonio come mito (1) E. Westermark, Storia del matrimonio umano, Pistoia, Fratelli Bracali, 1894. Giovanna Tonini, Roma Nella storia delle tradizioni dei popoli il matrimonio ha sempre avuto un

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

Intervistatore: Approfondendo il tema della gelosia romantica, quali emozioni vive una persona che soffre di gelosia romantica?

Intervistatore: Approfondendo il tema della gelosia romantica, quali emozioni vive una persona che soffre di gelosia romantica? Insieme al Prof. Giusti ha scritto un saggio di psicologia dal titolo Terapia dell invidia e della Gelosia. Si tratta di un libro che sonda aspetti complessi della psiche umana. Com è nata l idea di scrivere

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli