Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D"

Transcript

1 Introduzione Versioni al tratto Versione 3D Sistemi La versione negativa Distribuiti 3D prevede l utilizzo dell ombra esclusivamente sul fondo colore Rosso Sapienza. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A Elementi Base. Marchio/Logo Versione negativa 3D e al tratto La versione negativa del Marchio/Logo deve essere adottata su fondo scuro. Sono da preferire i fondi Rosso Sapienza, il nero o un colore tra quelli della gamma istituzionale. Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Leonardo Querzoni

2 Informazioni sul corso Sito web del corso: Orari: Lun 14:00-15:30 B2 Mar 14:00-15:30 B2 Gio 12:00-13:30 B2 Ricevimento: Martedì 15:30-17:30 ufficio B208 Altri giorni/orari su appuntamento: 2

3 Informazioni sul corso Libro di testo: C. Cachin, R. Guerraoui and L. Rodrigues. Introduction to Reliable and Secure Distributed Programming Springer, 2011 Slide disponibili sul sito web del corso Esame: Singola prova scritta con 5 esercizi. NON è possibile integrare il voto con una prova orale. È possibile ripetere la prova se il voto non vi soddisfa. Quando consegnate una nuova prova, ogni voto acquisito precedentemente viene perso. 3

4 Avviso Borse di studio EMC2 per laureati triennali iscritti al primo anno di magistrale: 1 borsa per Ing. Informatica 1 borsa per Ing. delle Comunicazioni 2 borse per le lauree magistrali della facoltà I3S riservate a studentesse Scadenza 2/3/2012 Informazioni su: 4

5 Introduzione ai sistemi distribuiti Fino all inizio degli anni 80 l uso di quasi tutte le applicazioni era confinato al singolo calcolatore. Questo è vero anche oggi per applicazioni di uso comune (fogli di calcolo, word processors, etc.) L uso di una rete di comunicazione cambia la filosofia di progettazione delle applicazioni: World Wide Web Trasferimento dati tra calcolatori remoti etc. 5

6 Introduzione ai sistemi distribuiti Ma cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è un insieme di computer indipendenti che appare ai propri utenti come un singolo sistema coerente. o anche Un sistema distribuito è un insieme di calcolatori che coordinano le loro azioni attraverso lo scambio di messaggi su una rete di comunicazione. e infine A distributed system is one in which the failure of a computer you did not even know existed can render your own computer unusable (Leslie Lamport) 6

7 Introduzione ai sistemi distribuiti Le applicazioni che fanno uso della rete sono soggette a problemi specifici: Internet 7

8 Introduzione ai sistemi distribuiti Obiettivi di un sistema distribuito: Accessibilità Trasparenza Apertura Scalabilità Problemi tipici di un sistema distribuito: Concorrenza Distanza geografica Guasti Sicurezza Eterogeneità 8

9 Introduzione ai sistemi distribuiti Accessibilità Uno degli obiettivi fondamentali di un sistema distribuito è permettere l accesso degli utenti a risorse remote. Motivazioni: Economiche Maggiore facilità di collaborazione Problemi: Sicurezza Concorrenza 9

10 Introduzione ai sistemi distribuiti Trasparenza Un sistema distribuito in grado di presentarsi agli utenti ed alle applicazioni come un singolo computer è detto trasparente. Tipi di trasparenza: Accesso - Indipendenza dalla piattaforma utilizzata e dalla specifica rappresentazione dei dati scambiati Ubicazione - Indipendenza dalla posizione geografica Migrazione - Possibilità di spostare le risorse quando non avvengono accessi Replicazione - Indipendenza dal numero di copie presenti per la specifica risorsa 10

11 Introduzione ai sistemi distribuiti Trasparenza Un sistema distribuito in grado di presentarsi agli utenti ed alle applicazioni come un singolo computer è detto trasparente. Tipi di trasparenza: Concorrenza - Indipendenza dal numero di accessi contemporanei alla risorsa Guasto - Indipendenza dai possibili malfunzionamenti del sistema La completa trasparenza non sempre è possibile La completa trasparenza non sempre è desiderabile 11

12 Introduzione ai sistemi distribuiti Apertura Capacità di un sistema distribuito di essere esteso e reimplementato (anche parzialmente) Condizioni che favoriscono l apertura di un sistema: Documentazione estesa Specifica dei servizi offerti e delle interfacce relative Formalizzazione dei protocolli Aderenza agli standard 12

13 Introduzione ai sistemi distribuiti Apertura La specifica dei servizi deve essere Completa: viene specificato tutto ciò che è necessario sapere per implementare il servizio Non ambigua: una specifica deve poter essere interpretata in un singolo modo Neutrale: la specifica non può imporre scelte relative alla implementazione Conseguenze di una specifica completa, non ambigua e neutrale: Interoperabilità Portabilità 13

14 Introduzione ai sistemi distribuiti Scalabilità Capacità di un sistema distribuito di sopportare la crescita di diversi fattori: Dimensione del sistema stesso - numero di utenti e/o risorse Carico - numero di operazioni eseguite sul sistema Distanza geografica Amministrazione - numero di domini di amministrazione diversi/indipendenza delle macchine 14

15 Introduzione ai sistemi distribuiti Scalabilità La scalabilità può essere raggiunta usando algoritmi distribuiti: nessun elemento del sistema ha informazioni complete sullo stato di tutto il sistema ogni elemento del sistema prende decisioni solo basandosi su informazioni locali il malfunzionamento di un elemento del sistema non riduce la funzionalità del sistema la perdita di un messaggio scambiato tra due elementi del sistema non riduce la funzionalità del sistema ogni elemento basa il suo funzionamento su un orologio locale non sincronizzato con gli altri 15

16 Introduzione ai sistemi distribuiti Nella progettazione di un sistema distribuito non bisogna dare per scontate i seguenti punti: La rete di comunicazione è affidabile La rete di comunicazione è sicura La rete di comunicazione è omogenea La topologia di interconnessione non cambia La latenza di comunicazione è zero L ampiezza di banda è infinita Il costo di trasporto dei dati è zero C è un unico amministratore 16

17 Piattaforme middleware Realizzare applicazioni distribuite è spesso molto complesso. Per questo si ricorre a software detti middleware: Appl. A Appl. B Appl. C Middleware SO locale SO locale SO locale SO locale Rete Il middleware offre primitive di comunicazione, sincronizzazione, coordinamento, localizzazione, accesso trasparente, etc. per la realizzazione di applicazioni distribuite complesse. 17

18 Piattaforme middleware Una piattaforma middleware è costituita da un insieme di: architetture protocolli algoritmi componenti software interfacce e loro specifiche... La realizzazione di una piattaforma middleware richiede la risoluzione dei problemi precedentemente esposti. 18

19 Architetture per middleware Un middleware distribuito è costituito da un insieme di componenti software che dialogano. Si pongono due problemi durante la fase di progettazione: come organizzare i componenti software e come connetterli stile architetturale dove posizionare i componenti software e come collegare le macchine tra loro architettura di sistema Queste due scelte hanno un forte impatto sulla complessità degli algoritmi implementabili, sui costi del sistema, sulla sua estendibilità, sulle prestazioni, etc. 19

20 Stili architetturali Uno degli stili più noti è quello che definisce le layered architectures. Ogni strato software interagisce Livello N Livello N-1 solo con lo strato superiore e con quello inferiore. Largamente impiegato nell ambito della progettazione dei protocolli di rete, ma talvolta poco flessibile. Livello 2 Livello 1 20

21 Stili architetturali Nelle architetture ad oggetti i componenti software interagiscono attraverso delle chiamate a procedura remota (RPC/RMI). Ogni componente rappresenta un vero e proprio oggetto dotato di proprietà e metodi usabili per modificarlo. Obj D Obj A Obj E Obj C Obj B 21

22 Stili architetturali Nelle data-centric architectures i componenti interagiscono esclusivamente attraverso uno spazio di dati a cui possono accedere. Questo spazio può rappresentare una memoria distribuita o un file system condiviso. I dati vengono letti e scritti dai vari componenti come se fossero presenti Comp A leggi Comp B scrivi localmente. Spazio dei dati condivisi 22

23 Stili architetturali Nelle event-driven architectures i componenti producono e consumano eventi in modo disaccoppiato. Un bus applicativo comune si occupa di instradare gli eventi tra i vari componenti. Ogni componente viene Comp A notifica evento Comp B sottoscrivi notificato solo degli bus applicativo eventi a cui è effettivamente interessato. pubblica Comp C 23

24 Architetture di sistema Il metodo più ovvio per organizzare una applicazione distribuita è di centralizzare l elaborazione su un singolo nodo che serve le richieste ricevute dall esterno. Questo tipo di organizzazione, detta anche client/ server è la più semplice da gestire. E basata su un modello di interazione domada / risposta. 24

25 Architetture di sistema Nel tempo l organizzazione delle applicazioni basare su questa architettura è cambiata stratificandosi. I diversi livelli possono essere suddivisi in modo diverso tra client e server. 25

26 Architetture di sistema È possibile introdurre ulteriori livelli di suddivisione ed ottenere architetture client/server multilivello. 26

27 Architetture di sistema Le architetture client/server multilivello realizzano una distribuzione verticale dei ruoli e delle funzionalità. Distribuendo orizzontalmente i componenti si ottengono architetture peer-to-peer. In queste architetture componenti distinti giocano lo stesso ruolo e sono considerati paritetici. L organizzazione tra i componenti che definiscono un architettura peer-to-peer è detta overlay network 27

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013 Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4-7 - 13 Definizioni e Principali Caratteristiche

Dettagli

ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE

ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE 1 SISTEMI ACCENTRATI CARATTERISTICHE Sistemi proprietari Monocultura Scarsa diffusione informatica Backlog 2 Soluzione centralizzata TERMINALE TERMINALE ELABORATORE

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Caratterizzazionedei SistemiDistribuiti

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2010-2011 Introduzione al corso

Dettagli

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Altri testi di consultazione Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Testo di riferimento G.Coulouris, J.Dollimore and T.Kindberg Distributed Systems: Concepts and Design IV Ed., Addison-Wesley 2005

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Distribuiti

Introduzione ai Sistemi Distribuiti Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ai Sistemi Distribuiti Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Definizioni di SD Molteplici

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod.

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod. Sistemi Distribuiti Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto 19.1 Introduzione A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici

Dettagli

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione Sistemi Distribuiti Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici moderni: grandi, costosi e

Dettagli

Architetture dei Sistemi Distribuiti

Architetture dei Sistemi Distribuiti Università degli tudi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Architetture dei istemi Distribuiti Corso di istemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Architettura sw di sistemi distribuito

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo I Sistemi Distribuiti Un Sistema Distribuito è un insieme di processori indipendenti

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Laboratorio di Informatica I

Laboratorio di Informatica I Struttura della lezione Lezione 1: Le Architetture Distribuite Vittorio Scarano Algoritmi e Strutture Dati: Algoritmi Distribuiti Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno Le architetture distribuite

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Sistemi Distribuiti AA 2005/2006. durante il corso: dopo lezione dopo il corso: mercoledì dalle 16,00 alle 18,00 per chi lavora: spedire una mail

Sistemi Distribuiti AA 2005/2006. durante il corso: dopo lezione dopo il corso: mercoledì dalle 16,00 alle 18,00 per chi lavora: spedire una mail Sistemi Distribuiti AA 2005/2006 Laurea Specialistica-Telecomunicazioni Docente: Dott.Ing. Sara Tucci Piergiovanni Il corso: informazioni utili Riferimenti del docente: sito web: www.dis.uniroma1.it/tucci

Dettagli

ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE

ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE SISTEMI ACCENTRATI CARATTERISTICHE ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE Sistemi proprietari Monocultura Scarsa diffusione informatica Backlog 1 2 Soluzione centralizzata SISTEMI DISTRIBUITI TERMINALE

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali CL AS SE INFORMATICA 6(3) 6(4) - 6(4) SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI COMPETENZE 3 Essere in grado di sviluppare semplici applicazioni

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

OpenCDN: un architettura estensibile per il Live Streaming Internet

OpenCDN: un architettura estensibile per il Live Streaming Internet OpenCDN: un architettura estensibile per il Live Streaming Internet Alessandro Falaschi Info-Com Dpt, Università di Roma La Sapienza - Via Eudossiana 18, 00184 Roma alef@infocom.uniroma1.it Parole chiave

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Modellidi SistemiDistribuiti

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Introduzione OS=Astrazione Dare l illusione all applicazione di memoria infinita, CPU infinita,unico

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN CAPITOLO 1 Introduzione alle reti LAN Anche se il termine rete ha molte accezioni, possiamo definirla come un gruppo di due o più computer collegati. Se i computer sono collegati in rete è possibile scambiarsi

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina - Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica III anno Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

Gli obiettivi del corso sono: presentare i concetti che stanno alla base delle reti di calcolatori; analizzare il protocollo TCP/IP;

Gli obiettivi del corso sono: presentare i concetti che stanno alla base delle reti di calcolatori; analizzare il protocollo TCP/IP; Ingegneria Informatica RETI DI CALCOLATORI Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori - Obiettivi Gli obiettivi del corso sono:

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

COM & DCOM (Distributed) Component Object Mode. Valentina Del Frate Corso Di Controllo Digitale A.A. 1999/2000

COM & DCOM (Distributed) Component Object Mode. Valentina Del Frate Corso Di Controllo Digitale A.A. 1999/2000 COM & DCOM (Distributed) Component Object Mode Valentina Del Frate Corso Di Controllo Digitale A.A. 1999/2000 COM : Prima Definizione (Glossario Informatico) Una Architettura software messa a punto da

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

Architetture a oggetti distribuiti

Architetture a oggetti distribuiti Luca Cabibbo Architetture Software Architetture a oggetti distribuiti Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Un Sistema per la Disseminazione Multipunto di Dati in Ambito Geografico con Garanzie di Tempo ed Affidabilità

Un Sistema per la Disseminazione Multipunto di Dati in Ambito Geografico con Garanzie di Tempo ed Affidabilità tesi di laurea Un Sistema per la Disseminazione Multipunto di Dati in Ambito Geografico Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Christiancarmine Esposito candidato

Dettagli

Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14

Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14 Valeria Cardellini E-mail: cardellini@ing.uniroma2.it

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Mattia Gentilini Relatore: Renzo Davoli Laurea Specialistica in Informatica I Sessione A.A. 2005/2006

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Corso Web programming

Corso Web programming Corso Web programming Modulo T3 A1 Modelli di programmazione 1 Prerequisiti Concetto di rete Processi e thread Concetti generali sui database 2 1 Introduzione Un particolare ambito della programmazione

Dettagli

Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria

Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria Corso Integrato di Scienze Fisiche, Informatiche e Statistiche

Dettagli

Sistemi Operativi. Conclusioni e nuove frontiere

Sistemi Operativi. Conclusioni e nuove frontiere Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Conclusioni e nuove frontiere Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Definizione di sistema operativo Evoluzione futura

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Utilizzare 4CBOX come centralino significa avere un sistema all inclusive oltre a

Utilizzare 4CBOX come centralino significa avere un sistema all inclusive oltre a Utilizzare 4CBOX come centralino significa avere un sistema all inclusive oltre a IVR risponditore, VoiceMail e gestione delle code operatore. Utilizzare oltre alle tradizionali linee telefoniche, anche

Dettagli

UN SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO FEDERATO PER IL GRAFO DELLA RETE STRADALE LOMBARDA

UN SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO FEDERATO PER IL GRAFO DELLA RETE STRADALE LOMBARDA UN SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO FEDERATO PER IL GRAFO DELLA RETE STRADALE LOMBARDA Lucia RATTI (*), Emanuela COMETTI (**) (*) Regione Lombardia, DG Infrastrutture e Mobilità, via Taramelli 12, 20124

Dettagli

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo tesi di laurea Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo Correlatore Ing. Christiancarmine Esposito candidato

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client

Dettagli

Mattone 9 Realizzazione del Patient File

Mattone 9 Realizzazione del Patient File Mattone 9 Realizzazione del Patient File Architettura di Cooperazione Roma 19 Giugno 2007 Nolan, Norton Italia Definizione del Fascicolo Sanitario Personale (FaSP) Non qualsiasi raccolta strutturata di

Dettagli

Scopi e classificazioni

Scopi e classificazioni Reti di calcolatori Scopi e classificazioni Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Classificazione reti R1.1 Reti Nozione di rete, molto diffusa in diversi contesti Ogni rete corrisponde

Dettagli

Internet: Tecnologia o community?

Internet: Tecnologia o community? e la banca 2004 Roma, 5 ottobre 2004 : o community? Massimiliano Magi Spinetti Responsabile Settore e Sicurezza ABI IL RUOLO DI INTERNET 2 settembre 1969 1973 1986 1990 Nasce Arpanet Nasce l e-mail arriva

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE Ing. Mariano Di Claudio Lezione del 24/09/2014 Indice 1. Aspetti di Data Management CouchBase 2. Aspetti Architetturali Infrastruttura

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Reti Informatiche. dott. Andrea Mazzini

Reti Informatiche. dott. Andrea Mazzini Reti Informatiche dott. Andrea Mazzini Indirizzi IP e nomi Ogni computer collegato ad una rete TCP/IP è identificato in modo univoco da un numero a 32 bit (indirizzo IP) e da un nome logico (hostname)

Dettagli

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996 Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa. Albert Einstein 1

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

Architetture Software Milano

Architetture Software Milano Architetture Software Approccio tradizionale allo sviluppo I limiti del modello requisiti, progetto, implementazione Il concetto di architettura software Il concetto di stile architetturale I principali

Dettagli

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI INDIRIZZO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE TELECOMUNICAZIONI Utilizzare consapevolmente gli strumenti

Dettagli

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura Carmine Spagnuolo 1 Simulazione Multi-Agente Una simulazione multi-agente è un sistema in cui entità (agenti) intelligenti

Dettagli

Progetto RE.VE.N.GE. DDS con Fault-tolerance. del Sistema di Consegna

Progetto RE.VE.N.GE. DDS con Fault-tolerance. del Sistema di Consegna Progetto RE.VE.N.GE. DDS con Fault-tolerance del Sistema di Consegna Progetto di: Marco Livini, Luca Nardelli, Christian Pinto Reti di Calcolatori LS 08-09 Prof. Antonio Corradi, Ing. Luca Foschini Relazione

Dettagli

Sistemi di elaborazione delle informazioni

Sistemi di elaborazione delle informazioni pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 9 gennaio 2008 Reti di calcolatori e Internet Introduzione alle reti di calcolatori Il computer networking

Dettagli

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Lotto 2 - Interoperabilità Allegato C/1 INDICE PROGETTO TECNICO INDICE DEL PROGETTO 1 SERVIZI PER L'INTEROPERABILITÀ NEL DOMINIO DELLA RETE UNITARIA

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Indice. Indice... 2 1. Premessa e scopo del documento... 3 2. Ambiente operativo... 4 3. Architettura di sistema... 5

Indice. Indice... 2 1. Premessa e scopo del documento... 3 2. Ambiente operativo... 4 3. Architettura di sistema... 5 Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Università degli studi di Messina

Università degli studi di Messina Università degli studi di Messina Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Elettronica Tesina di Sistemi di Telecomunicazione Prenotazione Esami con CSLU Speech - toolkit Docente: Prof. Salvatore

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Martedì 14-04-2015 1 Esempio di uso di proxy Consideriamo

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi INTRODUZIONE Motivazioni dei sistemi distribuiti Caratteristiche generali Alcuni richiami sui database centralizzati Standardizzazione dei dati (ANSI/SPARC) Funzioni dei DBMS relazionali Problematiche

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

2. Correttezza degli algoritmi e complessità computazionale.

2. Correttezza degli algoritmi e complessità computazionale. TEMI DI INFORMATICA GIURIDICA (attenzione: l elenco di domande non pretende di essere esaustivo!) L informatica giuridica 1. Illustrare i principali ambiti di applicazione dell informatica giuridica. 2.

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Architetture dei sistemi distribuiti

Architetture dei sistemi distribuiti Luca Cabibbo Architetture Software Architetture dei sistemi distribuiti Dispensa ASW 410 ottobre 2014 Un sistema distribuito è un sistema in cui il fallimento di un computer di cui nemmeno conosci l esistenza

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Francesco Fontanella Il Concetto di File e la File Allocation Table La File Allocation Table (FAT) è la realizzazione fisica che

Dettagli

Pattern software. [SAP] Chapter 13, Architectural Tactics and Patterns

Pattern software. [SAP] Chapter 13, Architectural Tactics and Patterns Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 350 ottobre 2014 Prima che sia stato provato, è un opinione. Dopo che è stato provato, è ovvio. William C. Burkett 1 -Fonti [SSA] Chapter 11, Using Styles

Dettagli

Di seguito ci accingiamo ad analizzare le possibili configurazioni di architettura: Server singolo

Di seguito ci accingiamo ad analizzare le possibili configurazioni di architettura: Server singolo La progettazione dell architettura si concentra sulla scelta dell hardware, dell infrastruttura di rete, e dei componenti software che andranno a costituire il sistema. Gli obbiettivi tecnologici che il

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Reti di calcolatori: Internet

Reti di calcolatori: Internet Reti di calcolatori: Internet Sommario Introduzione Le reti reti locali: LAN La rete geografica Internet protocollo TCP-IP i servizi della rete Rete di calcolatori Interconnessione di computer e accessori

Dettagli

La piattaforma Oracle per la realizzazione di portali per la Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Settembre 2003

La piattaforma Oracle per la realizzazione di portali per la Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Settembre 2003 La piattaforma Oracle per la realizzazione di portali per la Pubblica Amministrazione White Paper Oracle Settembre 2003 La piattaforma Oracle per la realizzazione di portali per la Pubblica Amministrazione

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

RETI INFORMATICHE Client-Server e reti paritetiche

RETI INFORMATICHE Client-Server e reti paritetiche RETI INFORMATICHE Client-Server e reti paritetiche Le reti consentono: La condivisione di risorse software e dati a distanza La condivisione di risorse hardware e dispositivi (stampanti, hard disk, modem,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

PROPOSTA DI UN ARCHITETTURA IMS INTEGRATA IN UN AMBIENTE VIRTUALIZZATO: ANALISI DI PRESTAZIONI Daniele Costarella

PROPOSTA DI UN ARCHITETTURA IMS INTEGRATA IN UN AMBIENTE VIRTUALIZZATO: ANALISI DI PRESTAZIONI Daniele Costarella UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di Laurea in INGEGNERIA ELETTRONICA PROPOSTA DI UN ARCHITETTURA IMS INTEGRATA IN UN AMBIENTE VIRTUALIZZATO: ANALISI DI PRESTAZIONI Daniele Costarella

Dettagli

Per organizzazioni di medie dimensioni. Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC)

Per organizzazioni di medie dimensioni. Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC) Per organizzazioni di medie dimensioni Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC) PERCHÉ UN ORGANIZZAZIONE NECESSITA DI UNA FUNZIONALITÀ DI CLUSTERING? La continuità operativa è fondamentale

Dettagli

Controllo integrato in tempo reale di impianti tecnologici URMET IS IN YOUR LIFE

Controllo integrato in tempo reale di impianti tecnologici URMET IS IN YOUR LIFE Controllo integrato in tempo reale di impianti tecnologici URMET IS IN YOUR LIFE SISTEMA DI GESTIONE IMPIANTI DI SICUREZZA OLTRE LA SICUREZZA DEL SINGOLO LUOGO, VERSO IL CONTROLLO INTEGRATO DEGLI ASSET

Dettagli

Scheda descrittiva del Sistema CUP ON LINE

Scheda descrittiva del Sistema CUP ON LINE del Sistema CUP Pagina 1 di 21 Sommario Applicazione... 4 Amministrazioni... 4 Descrizione... 4 Contesto... 4 Realizzatore... 4 Tipologia di applicazione software... 4 Documentazione disponibile:... 6

Dettagli

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Relatore Prof. Ing. Stefano Russo Correlatore Ing. Domenico Cotroneo Candidato Armando Migliaccio matr. 41/2784

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

L'impatto della flessibilità sull'infrastruttura tecnologica. Luca Amato IT Architect, Global Technology Services, IBM Italia

L'impatto della flessibilità sull'infrastruttura tecnologica. Luca Amato IT Architect, Global Technology Services, IBM Italia L'impatto della flessibilità sull'infrastruttura tecnologica Luca Amato IT Architect, Global Technology Services, IBM Italia La mia infrastruttura... Supporterà la SOA? Sarà ottimizzata dalla SOA? Che

Dettagli