F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" B LOCALITA'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'"

Transcript

1 LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi, potenzialmente interessati da processi erosivi Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi Presenza di zone di ristagno acque meteoriche Ad NTRO STORIO OLTR ORA I b β I b β 2 I b γ Parte in fascia Prossimità ad un'area tipo "e" (PAI) 2 OLTR ORA I b γ Tutta in ascia 3 OLTR.SS. I b β I b γ Parte in fascia Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese Le aree ricadenti in I b β 2 e I b γ sono da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce di rispetto: - Torrente Messa - orsi d'acqua artificiali. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua - perenni o temporanei - interrotte o sottodimensionate Verifica fasce rispetto: - iume ora - pozzi Verifica fasce rispetto: - fiume ora - rii artificiali Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua - perenni o temporanei - interrotte o sottodimensionate TALL VARIANT 5 I

2 LOALITA' 4.SO LAGHI N. I 5 S.AGOSTINO I I b β 6.SO LAGHI S. I I b β 7 M. UNO I a 8 V. PRIMAVRA 9 RTASSI I b β I b γ 0 ATTAGLIOTTI LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS Parte in "p" (PAI) riperimetrata PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Verifica fasce rispetto rio artificiale Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua - perenni o temporanei - interrotte o sottodimensionate. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua - perenni o temporanei - interrotte o sottodimensionate. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque. Presenza di zone di ristagno acque Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Rii artificiali alta pendenza. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi. Rii artificiali alta pendenza. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte Interventi ammessi dall art. 9 del PAI, sino alla ristrutturazione edilizia ampliamenti degli edifici esistenti per adeguamento igienico-funzionale Area da inserire con priorità nel Piano Protezione ivile. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua interrotte r.so LAGHI N. I Verifica fascia rispetto rio. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte. TALL VARIANT 5

3 LOALITA' r2.so LAGHI N. LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di zone di ristagno acque 28 b OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese b6 S.AGOSTINO b7 S.AGOSTINO b8 S.AGOSTINO evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque 39 b M.UNO Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 38 b4 RTASSI I b γ Tutta in "a" (PAI) riperimetrata esclusa la Ristrutturazione dilizia ai sensi dell art.9 del PAI Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte b5 OLTR.SS. I b β Presenza canale intubato 3 b6 OLTR.SS. I b β Presenza canale intubato 3 b8 S.AGOSTINO I 7 9 b9 M.UNO I b β b20 M.UNO evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi b2 M.UNO TALL VARIANT 5 I

4 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO b23 VARIANT SS25 Presenza di sezioni di deflusso dei corsi d'acqua sottodimensionate o interrotti b 24 S.AGOSTINO I 5 b 25 S.AGOSTINO b 26 S.AGOSTINO evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque 39 c OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c2 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c3 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c4 OLTR ORA I b β 2 Tutto in fascia c5 OLTR ORA I b β Tutto in ascia Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 2 Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. ascia rispetto rio artificiale minimo m.0,00. Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 2 TALL VARIANT 5 IV

5 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS c6 OLTR ORA I b β Tutto in ascia PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 2 c7 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c8 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c9 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c0 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c4 OLTR ORA I b β Tutto in ascia Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 3 Verifica fascia di rispetto rio artificiale. TALL VARIANT 5 V

6 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO c5 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 4 c6 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 5 c7 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c8 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c9 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c20 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c2 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c22 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese TALL VARIANT 5 VI

7 LOALITA' c23.so LAGHI N. LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 22 c24.so LAGHI N. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 23 c25.so LAGHI N. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 23 c26.so LAGHI N. c27.so LAGHI N. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 28 c28.so LAGHI N. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 28 c29.so LAGHI N. c30.so LAGHI N. I Verifica fascia rispetto rio artificiale c3 S.AGOSTINO I c32 S.AGOSTINO I c33 S.AGOSTINO I c34 S.AGOSTINO c35 S.AGOSTINO c36 S.AGOSTINO 38 c37 S.AGOSTINO c38 S.AGOSTINO 38 TALL VARIANT 5 V

8 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO c39 S.AGOSTINO Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi. c40 S.AGOSTINO c4.so LAGHI S. Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi. 29 c42.so LAGHI S. c43.so LAGHI S. c44.so LAGHI S. c45.so LAGHI S. I c46.so LAGHI S. c47.so LAGHI S. I c48.so LAGHI S. I c49.so LAGHI S. c50 S.AGOSTINO I Verifica fascia di rispetto rio artificiale c5.so LAGHI N. 3 c52.so LAGHI S. evono essere tutelate le linee di flusso, ancorchè temporanee, delle acque. c53 RTASSI I b γ Tutto in "a" (PAI) riperimetrata esclusa la Ristrutturazione dilizia ai sensi dell art.9 del PAI. Area da inserire con priorità nel Piano Protezione ivile. Presenza di sezioni di deflusso del rio sottodimensionate od interrotte 7 TALL VARIANT 5 VI

9 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS c54 OLTR ORA Tutto in ascia PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese Verifica fascia di rispetto corsi d'acqua. c55 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c56 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c58 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c59 RTASSI I b β Verifica fascia di rispetto rio artificiale 6 c60.so LAGHI SU c6 S.AGOSTINO evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque 5 c62 M.UNO 38 c63.so LAGHI SU c64 M.UNO c65 S.AGOSTINO I TALL VARIANT 5 IX

10 LOALITA' c66 S.AGOSTINO LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza rii con forte pendenza 4 c67 S.AGOSTINO c68 RTASSI I b γ Tutta in "a" (PAI) riperimetrata c69.so LAGHI SU c70 OLTR ORA I b β 2 Tutto in ascia esclusa la Ristrutturazione dilizia ai sensi dell art.9 del PAI. Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Presenza di sezioni di deflusso dei corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fascia di rispetto rio artificiale. c7.so LAGHI NOR Verifica fascia di rispetto rio artificiale. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche c72.so LAGHI NOR I c73 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c74 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c75 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese TALL VARIANT 5 X

11 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO c76 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 5 c77 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 5 t LUNGO LAGO 43 t2 LUNGO LAGO 45 t3 LUNGO LAGO evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Verifica fasce di rispetto rii naturali ed artificiali. Sezioni di deflusso dei corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte t5 OLTR ORA I b γ Tutto in ascia Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce rispetto: - fiume ora - pozzi 54 8 p OLTR ORA I b β Tutto in ascia p2 OLTR ORA I b β Tutto in ascia Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 2 2 TALL VARIANT 5 XI

12 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS p3 OLTR ORA I b γ Tutto in ascia PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce rispetto: - fiume ora - pozzi 8 p4 OLTR.SS. I b β I b γ ontiguo a limite di progetto fra fascia e Le aree ricadenti in classe I b γ sono da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce rispetto: - fiume ora - corso d'acqua naturale - corso d'acqua artificiale 9 2 p5 OLTR.SS. I b γ Tutto in ascia A,, Aree da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce rispetto: - fiume ora - corso d'acqua naturale - corso d'acqua artificiale 0 p8 S.AGOSTINO Verifica fascia di rispetto canale artificiale p9 OLTR.SS. Verifica fascia di rispetto: - canale artificiale 5 p0 OLTR.SS. Verifica fascia di rispetto canale artificiale 5 p3.so LAGHI N. I p4.so LAGHI N. Verifica fascia di rispetto canale artificiale p5 S. AGOSTINO pr OLTR.SS. I b β Parte in ascia TALL VARIANT 5 3 X

13 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO pr2 OLTR.SS. I b β Presenza canale intubato 3 pr3.so LAGHI N. Verifica fascia di rispetto rio artificiale pr4.so LAGHI N. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 22 r ZONA INUSTR. I b β Parte in fascia La nuova edificazione prevista nei lotti ancora liberi, ricadenti in classe I b β nella zona compresa tra le vie Nobel e XXV Aprile, è subordinata alla realizzazione di un adeguato sistema di raccolta e smaltimento delle acque meteoriche che si convogliano lungo tali vie. La realizzazione di tale sistema di raccolta e smaltimento delle acque dovrà essere oggetto di specifica convenzione con il omune. Verifica fasce rispetto: - corso d'acqua naturale - corso d'acqua artificiale. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche r3 OLTR.SS. I b β Parte in fascia i OLTR.SS. Verifica fasce rispetto: - corso d'acqua naturale. La nuova edificazione, prevista nei lotti ancora liberi, è subordinata alla realizzazione delle opere di difesa in sponda destra, a nord dell area in oggetto, del fiume ora ed alla realizzazione del prolungamento del canale Naviglia illustrate negli elaborati e della presente Variante n.5. Verifica fascia di rispetto canale artificiale c OLTR ORA I a Parte in fascia i3 OLTR.SS. Verifica fascia di rispetto canale artificiale TALL VARIANT 5 XI

14 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP i3pp ORA ST I a (parte) I b β tradotto in I 2 con la Variante n. 29 cm.so LAGHI N. ascia fluviale ex PS ascia, limitatamente allo svincolo autostradale e parte aree verdi PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Gli interventi previsti di completamento dell area industriale i3, mediante modesto ampliamento subordinato a Piano Particolareggiato, debbono essere attuati al di fuori della fascia di rispetto di m. 00 dal limite della fascia A e di mt. 30 dal limite della fascia. L ambito deve essere inserito nel Piano omunale di Protezione ivile. 4 ip.so LAGHI N. I a Verifica fascia di rispetto rii artificiali. evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque ip2.so LAGHI N. ip3 LUNGO LAGO Presenza di strade convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi. Verifica fascia di rispetto rii artificiali. evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque ip4a LUNGO LAGO I b β ip4 LUNGO LAGO I b β ip5 S.AGOSTINO I a TALL VARIANT 5 Gli interventi di trasformazione edilizia nelle aree collocate in classe I bβ di demolizione/ricostruzione ed ampliamento sono ammissibili qualora non ostruiscano e possibilmente liberino le linee di deflusso dei rii delle acque meteoriche provenienti dal versante collinare. Presenza di sezioni interrotte di deflusso di rii provenienti da M.uneo. Gli interventi di trasformazione edilizia nelle aree collocate in classe I bβ di demolizione/ricostruzione ed ampliamento sono ammissibili qualora non ostruiscano e possibilmente liberino le linee di deflusso dei rii delle acque meteoriche provenienti dal versante collinare. Presenza di sezioni interrotte di deflusso di rii provenienti da M.uneo. evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Presenza rii artificiali con forte pendenza. Presenza sezioni di deflusso dei corsi d'acqua interrotte o sottodimensionate XIV

15 LOALITA' ip6 LUNGO LAGO I a ip7 V.PRIMAVRA LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO ip8 S.RANSO I b β 33 p.so LAGHI N. I a p2.so LAGHI S. evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Verifica fascia di rispetto rii artificiali Presenza di zone di ristagno acque pr.so LAGHI N. I a pr2 LUNGO LAGO I a Parte in "a" (PAI) riperimetrata evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Presenza di zone di ristagno acque eve essere tutelata la cassa di espansione in località Palude Mareschi pr3 LUNGO LAGO I a eve essere tutelata la cassa di espansione in località Palude Mareschi pr4 LUNGO LAGO I a Verifica fasce di rispetto rii naturali ed artificiali Sezioni di deflusso dei rii sottodimensionarte od interrotte o S.AGOSTINO o2.so LAGHI S. 3 is.so LAGHI N. I TALL VARIANT 5 XV

16 LOALITA' is2 S.AGOSTINO I LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO 3 S I a Parte in fascia 3 5 OLTR ORA I a I b β 2 Parte in fascia e parte in fascia Prossimità ad un'area tipo "e" (PAI) 2 OLTR.SS. I a Parte in fascia e parte in fascia Le aree ricadenti nella fascia di PS sono aree vincolate all'inedificabilità ai sensi degli artt.3 e 30 della L.R. 56/977. Nelle restanti aree le nuove edificazioni di cui all'art.23.2 potranno essere realizzate previo studio di compatibilità geomorfologica che accerti nello specifico le condizioni di puntuali, individuando nella documentazione progettuale gli specifici accorgimenti esecutivi da adottare per la fattibilità degli interventi. Nelle aree ricadenti nella fascia di PS non si dovranno realizzare, comunque, locali interrati o seminterrati, i piani terreni dovranno preferibilmente essere a pianta libera ed aperti, le tettoie per i ricoveri di macchine agricole e per gli autoveicoli dovranno essere realizzate in modo da consentire, in caso di piena, il maggior possibile deflusso delle acque; il rispetto di queste prescrizioni e la verifica tecnica che le opere in esecuzione non costituiscano aumento del rischio per gli edifici esistenti, con particolare riferimento a quelli ad uso abitativo e per il ricovero e la custodia di animali, dovrà costituire specifico elaborato progettuale, redatto da tecnico abilitato. Verifica fasce di rispetto: fiume ora, Torrente Messa, corsi d'acqua artificiali e corsi d'acqua naturali. Il parcheggio di interscambio auto-navette per entro Storico di Avigliana, Parco dei Laghi, Sacra di San Michele (vedi Tavola.2.), deve essere progettato (nella morfologia e nella scelta del patrimonio vegetazionale) tenendo conto del fatto che può essere periodicamente inondato dalle acque della ora Riparia; a tal fine deve acquisire il parere favorevole dell'autorità idraulica competente. 7 TALL VARIANT 5 XVI

17 3 4 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP I I a I a ascia fluviale ex PS 5 I a Parte in "a" (PAI) riperimetrata PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Verifica fascia di rispetto di rii naturali e corsi d'acqua artificiali. Verifica fascia di rispetto di rii artificiali. Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi. Presenza di rii con forte pendenza Inedificabilità assoluta nelle parti perimetrate come "a" (vedi tavole.2.5 e.2.8 in scala :2.000). Nelle restanti aree le nuove edificazioni di cui all'art.23.2 potranno essere realizzate previo studio di compatibilità geomorfologica che accerti nello specifico le condizioni di puntuali, individuando nella documentazione progettuale gli specifici accorgimenti esecutivi da adottare per la fattibilità degli interventi. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Presenza di zone di ristagno di acque Sezioni di deflusso dei corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte. 6 I a 7 I a i I a Tutto in ascia A,, i2 I a i3 I a Presenza rii artificiali. Area palustre. i4 I a Parte in "a" (PAI) riperimetrata Verifica fasce di rispetto rii collinari. Presenza di zone di ristagno di acque evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Presenza rii ad pendenza. TALL VARIANT 5 XV

18 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO RA ORA ST I a ascia A,, Gli interventi ammessi nei precedenti articoli delle NTA sono subordinati all'acquisizione del parere dell'autorità Idraulica. Verifica fasce di rispetto: - fiume ora - canale artificiale. RA3 ORA ST I a ascia A,, Gli interventi ammessi nei precedenti articoli delle NTA sono subordinati all'acquisizione del parere dell'autorità Idraulica. Verifica fasce di rispetto canale artificiale. b MORTRA I b β Verifica fascia di rispetto rio naturale montano b2 AS S.STANO 34 b3 AS INO I b γ Parte in "a" (PAI) riperimetrata b4.ta GIRA esclusa la ristrutturazione edilizia ai sensi dell art.9 del PAI. Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Sezioni di deflusso del rio sottodimensionate od interrotte. 35 b5 TTTI OLOMO Verifica fascia di rispetto rio naturale montano. 42 Sezioni di deflusso del rio sottodimensionate od interrotte. b6 44 b7.na SONTTO b8 AS NNA IANA b9.na POGOLOTTI b0.ta SAA Verifica fascia di rispetto canale artificiale. 55 b.na OLIVRO I b β Verifica fascia di rispetto rii artificiali 56 Presenza di rii con forte pendenza b2.na S. ARTOLOMO TALL VARIANT 5 XVI

19 TALL VARIANT 5 XIX

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE

PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE ALLEGATO 5 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE ALLE NTA DEL RU PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I TITOLO I CARATTERI DEL REGOLAMENTO URBANISTICO 1 RU 2 RU PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE 1

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI TIPOLOGIE RISORSE Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE PROVINCIA DI SIENA

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE PROVINCIA DI SIENA CHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINITRAZIONE PROVINCIA DI IENA QUADRO DELLE RIORE DIPONIBILI ARCO TEMPORALE DI VALIDITÀ DEL PROGRAMMA TIPOLOGIE RIORE Disponibilità finanziaria

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO IL REGOLAMENTO EDILIZIO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.182/2000 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n.37/2007 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n.16/2008 I INDICE

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI...

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... 2 PARTE I... 3 PIANI URBANISTICI ATTUATIVI... 3 PARTE II... 7 PROGRAMMI DI RICONVERSIONE E/O

Dettagli

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano CIPPS Collina d Oro Grancia Lugano Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo www.pianscairolo.ch MASTERPLAN MASTE Pian Scairolo Polo di sviluppo strategico dell agglomerato del Luganese CIPPS Commissione

Dettagli

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PECETTO TORINESE VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI SINDACO SEGRETARIO PROGETTISTI arch. R. Gambino

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Le distanze tra i fabbricati e dai confini in materia edilizia

Le distanze tra i fabbricati e dai confini in materia edilizia Avv. Mario Lavatelli Avv. Vincenzo Latorraca Avv. Daniele Cappelletti Avv. Michela Luraghi Dott.ssa Alida Sala Tesciat Dott. Alberto Rinaldi Professionisti esterni: Rag. Sergio Bazzanella Consulente del

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO APPROVATO CON DELIB. C.C. n. 55 del 30/03/2009 REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA Progetto:

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

PIANO CASA DELLA REGIONE LAZIO. PRIMI INDIRIZZI E DIRETTIVE PER LA PIENA ED UNIFORME APPLICAZIONE DEGLI ARTICOLI 2, 3 E 6 DELLA L.R. LAZIO N.R.

PIANO CASA DELLA REGIONE LAZIO. PRIMI INDIRIZZI E DIRETTIVE PER LA PIENA ED UNIFORME APPLICAZIONE DEGLI ARTICOLI 2, 3 E 6 DELLA L.R. LAZIO N.R. PIANO CASA DELLA REGIONE LAZIO. PRIMI INDIRIZZI E DIRETTIVE PER LA PIENA ED UNIFORME APPLICAZIONE DEGLI ARTICOLI 2, 3 E 6 DELLA L.R. LAZIO N. 21/2009, COME MODIFICATE, INTEGRATE E SOSTITUITE DALLA L.R.LAZIO

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n. 49 53024 Montalcino (SI) Tel /Fax +39 0577 849245 posta@studio-progetti.com P.I. C.F. 01308570520 COMUNE DI MONTALCINO

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI NORMATIVA TECNICA RELATIVA ALLA COMPONENTE COMMERCIALE DEL PGT (L.R. 12/05 e smi) IN FUNZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

DOSSIER SU STANGIONI - bozza CONTESTO URBANISTICO-INSEDIATIVO... 2 PREVISIONI DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE... 2 PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE...

DOSSIER SU STANGIONI - bozza CONTESTO URBANISTICO-INSEDIATIVO... 2 PREVISIONI DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE... 2 PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE... DOSSIER SU STANGIONI - bozza Dossier Su Stangioni CONTESTO URBANISTICO-INSEDIATIVO... 2 PREVISIONI DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE... 2 PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE... 4 LA STRADA STATALE 554 COME LIMITE...

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli