F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" B LOCALITA'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'"

Transcript

1 LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi, potenzialmente interessati da processi erosivi Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi Presenza di zone di ristagno acque meteoriche Ad NTRO STORIO OLTR ORA I b β I b β 2 I b γ Parte in fascia Prossimità ad un'area tipo "e" (PAI) 2 OLTR ORA I b γ Tutta in ascia 3 OLTR.SS. I b β I b γ Parte in fascia Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese Le aree ricadenti in I b β 2 e I b γ sono da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce di rispetto: - Torrente Messa - orsi d'acqua artificiali. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua - perenni o temporanei - interrotte o sottodimensionate Verifica fasce rispetto: - iume ora - pozzi Verifica fasce rispetto: - fiume ora - rii artificiali Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua - perenni o temporanei - interrotte o sottodimensionate TALL VARIANT 5 I

2 LOALITA' 4.SO LAGHI N. I 5 S.AGOSTINO I I b β 6.SO LAGHI S. I I b β 7 M. UNO I a 8 V. PRIMAVRA 9 RTASSI I b β I b γ 0 ATTAGLIOTTI LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS Parte in "p" (PAI) riperimetrata PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Verifica fasce rispetto rio artificiale Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua - perenni o temporanei - interrotte o sottodimensionate. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua - perenni o temporanei - interrotte o sottodimensionate. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque. Presenza di zone di ristagno acque Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Rii artificiali alta pendenza. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi. Rii artificiali alta pendenza. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte Interventi ammessi dall art. 9 del PAI, sino alla ristrutturazione edilizia ampliamenti degli edifici esistenti per adeguamento igienico-funzionale Area da inserire con priorità nel Piano Protezione ivile. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua interrotte r.so LAGHI N. I Verifica fascia rispetto rio. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte. TALL VARIANT 5

3 LOALITA' r2.so LAGHI N. LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di zone di ristagno acque 28 b OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese b6 S.AGOSTINO b7 S.AGOSTINO b8 S.AGOSTINO evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque 39 b M.UNO Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 38 b4 RTASSI I b γ Tutta in "a" (PAI) riperimetrata esclusa la Ristrutturazione dilizia ai sensi dell art.9 del PAI Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Presenza di sezioni di deflusso di corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte b5 OLTR.SS. I b β Presenza canale intubato 3 b6 OLTR.SS. I b β Presenza canale intubato 3 b8 S.AGOSTINO I 7 9 b9 M.UNO I b β b20 M.UNO evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi b2 M.UNO TALL VARIANT 5 I

4 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO b23 VARIANT SS25 Presenza di sezioni di deflusso dei corsi d'acqua sottodimensionate o interrotti b 24 S.AGOSTINO I 5 b 25 S.AGOSTINO b 26 S.AGOSTINO evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque 39 c OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c2 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c3 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c4 OLTR ORA I b β 2 Tutto in fascia c5 OLTR ORA I b β Tutto in ascia Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 2 Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. ascia rispetto rio artificiale minimo m.0,00. Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 2 TALL VARIANT 5 IV

5 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS c6 OLTR ORA I b β Tutto in ascia PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 2 c7 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c8 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c9 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c0 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c4 OLTR ORA I b β Tutto in ascia Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 3 Verifica fascia di rispetto rio artificiale. TALL VARIANT 5 V

6 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO c5 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 4 c6 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 5 c7 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c8 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c9 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c20 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c2 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c22 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese TALL VARIANT 5 VI

7 LOALITA' c23.so LAGHI N. LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 22 c24.so LAGHI N. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 23 c25.so LAGHI N. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 23 c26.so LAGHI N. c27.so LAGHI N. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 28 c28.so LAGHI N. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 28 c29.so LAGHI N. c30.so LAGHI N. I Verifica fascia rispetto rio artificiale c3 S.AGOSTINO I c32 S.AGOSTINO I c33 S.AGOSTINO I c34 S.AGOSTINO c35 S.AGOSTINO c36 S.AGOSTINO 38 c37 S.AGOSTINO c38 S.AGOSTINO 38 TALL VARIANT 5 V

8 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO c39 S.AGOSTINO Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi. c40 S.AGOSTINO c4.so LAGHI S. Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi. 29 c42.so LAGHI S. c43.so LAGHI S. c44.so LAGHI S. c45.so LAGHI S. I c46.so LAGHI S. c47.so LAGHI S. I c48.so LAGHI S. I c49.so LAGHI S. c50 S.AGOSTINO I Verifica fascia di rispetto rio artificiale c5.so LAGHI N. 3 c52.so LAGHI S. evono essere tutelate le linee di flusso, ancorchè temporanee, delle acque. c53 RTASSI I b γ Tutto in "a" (PAI) riperimetrata esclusa la Ristrutturazione dilizia ai sensi dell art.9 del PAI. Area da inserire con priorità nel Piano Protezione ivile. Presenza di sezioni di deflusso del rio sottodimensionate od interrotte 7 TALL VARIANT 5 VI

9 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS c54 OLTR ORA Tutto in ascia PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese Verifica fascia di rispetto corsi d'acqua. c55 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c56 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c58 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c59 RTASSI I b β Verifica fascia di rispetto rio artificiale 6 c60.so LAGHI SU c6 S.AGOSTINO evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque 5 c62 M.UNO 38 c63.so LAGHI SU c64 M.UNO c65 S.AGOSTINO I TALL VARIANT 5 IX

10 LOALITA' c66 S.AGOSTINO LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza rii con forte pendenza 4 c67 S.AGOSTINO c68 RTASSI I b γ Tutta in "a" (PAI) riperimetrata c69.so LAGHI SU c70 OLTR ORA I b β 2 Tutto in ascia esclusa la Ristrutturazione dilizia ai sensi dell art.9 del PAI. Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Presenza di sezioni di deflusso dei corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fascia di rispetto rio artificiale. c7.so LAGHI NOR Verifica fascia di rispetto rio artificiale. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche c72.so LAGHI NOR I c73 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c74 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese c75 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese TALL VARIANT 5 X

11 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO c76 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 5 c77 OLTR ORA Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 5 t LUNGO LAGO 43 t2 LUNGO LAGO 45 t3 LUNGO LAGO evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Verifica fasce di rispetto rii naturali ed artificiali. Sezioni di deflusso dei corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte t5 OLTR ORA I b γ Tutto in ascia Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce rispetto: - fiume ora - pozzi 54 8 p OLTR ORA I b β Tutto in ascia p2 OLTR ORA I b β Tutto in ascia Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese Gli eventuali interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica, comprese 2 2 TALL VARIANT 5 XI

12 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS p3 OLTR ORA I b γ Tutto in ascia PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce rispetto: - fiume ora - pozzi 8 p4 OLTR.SS. I b β I b γ ontiguo a limite di progetto fra fascia e Le aree ricadenti in classe I b γ sono da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce rispetto: - fiume ora - corso d'acqua naturale - corso d'acqua artificiale 9 2 p5 OLTR.SS. I b γ Tutto in ascia A,, Aree da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce rispetto: - fiume ora - corso d'acqua naturale - corso d'acqua artificiale 0 p8 S.AGOSTINO Verifica fascia di rispetto canale artificiale p9 OLTR.SS. Verifica fascia di rispetto: - canale artificiale 5 p0 OLTR.SS. Verifica fascia di rispetto canale artificiale 5 p3.so LAGHI N. I p4.so LAGHI N. Verifica fascia di rispetto canale artificiale p5 S. AGOSTINO pr OLTR.SS. I b β Parte in ascia TALL VARIANT 5 3 X

13 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO pr2 OLTR.SS. I b β Presenza canale intubato 3 pr3.so LAGHI N. Verifica fascia di rispetto rio artificiale pr4.so LAGHI N. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche 22 r ZONA INUSTR. I b β Parte in fascia La nuova edificazione prevista nei lotti ancora liberi, ricadenti in classe I b β nella zona compresa tra le vie Nobel e XXV Aprile, è subordinata alla realizzazione di un adeguato sistema di raccolta e smaltimento delle acque meteoriche che si convogliano lungo tali vie. La realizzazione di tale sistema di raccolta e smaltimento delle acque dovrà essere oggetto di specifica convenzione con il omune. Verifica fasce rispetto: - corso d'acqua naturale - corso d'acqua artificiale. Presenza di zone di ristagno acque meteoriche r3 OLTR.SS. I b β Parte in fascia i OLTR.SS. Verifica fasce rispetto: - corso d'acqua naturale. La nuova edificazione, prevista nei lotti ancora liberi, è subordinata alla realizzazione delle opere di difesa in sponda destra, a nord dell area in oggetto, del fiume ora ed alla realizzazione del prolungamento del canale Naviglia illustrate negli elaborati e della presente Variante n.5. Verifica fascia di rispetto canale artificiale c OLTR ORA I a Parte in fascia i3 OLTR.SS. Verifica fascia di rispetto canale artificiale TALL VARIANT 5 XI

14 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP i3pp ORA ST I a (parte) I b β tradotto in I 2 con la Variante n. 29 cm.so LAGHI N. ascia fluviale ex PS ascia, limitatamente allo svincolo autostradale e parte aree verdi PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Gli interventi previsti di completamento dell area industriale i3, mediante modesto ampliamento subordinato a Piano Particolareggiato, debbono essere attuati al di fuori della fascia di rispetto di m. 00 dal limite della fascia A e di mt. 30 dal limite della fascia. L ambito deve essere inserito nel Piano omunale di Protezione ivile. 4 ip.so LAGHI N. I a Verifica fascia di rispetto rii artificiali. evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque ip2.so LAGHI N. ip3 LUNGO LAGO Presenza di strade convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi. Verifica fascia di rispetto rii artificiali. evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque ip4a LUNGO LAGO I b β ip4 LUNGO LAGO I b β ip5 S.AGOSTINO I a TALL VARIANT 5 Gli interventi di trasformazione edilizia nelle aree collocate in classe I bβ di demolizione/ricostruzione ed ampliamento sono ammissibili qualora non ostruiscano e possibilmente liberino le linee di deflusso dei rii delle acque meteoriche provenienti dal versante collinare. Presenza di sezioni interrotte di deflusso di rii provenienti da M.uneo. Gli interventi di trasformazione edilizia nelle aree collocate in classe I bβ di demolizione/ricostruzione ed ampliamento sono ammissibili qualora non ostruiscano e possibilmente liberino le linee di deflusso dei rii delle acque meteoriche provenienti dal versante collinare. Presenza di sezioni interrotte di deflusso di rii provenienti da M.uneo. evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Presenza rii artificiali con forte pendenza. Presenza sezioni di deflusso dei corsi d'acqua interrotte o sottodimensionate XIV

15 LOALITA' ip6 LUNGO LAGO I a ip7 V.PRIMAVRA LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO ip8 S.RANSO I b β 33 p.so LAGHI N. I a p2.so LAGHI S. evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Verifica fascia di rispetto rii artificiali Presenza di zone di ristagno acque pr.so LAGHI N. I a pr2 LUNGO LAGO I a Parte in "a" (PAI) riperimetrata evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Presenza di zone di ristagno acque eve essere tutelata la cassa di espansione in località Palude Mareschi pr3 LUNGO LAGO I a eve essere tutelata la cassa di espansione in località Palude Mareschi pr4 LUNGO LAGO I a Verifica fasce di rispetto rii naturali ed artificiali Sezioni di deflusso dei rii sottodimensionarte od interrotte o S.AGOSTINO o2.so LAGHI S. 3 is.so LAGHI N. I TALL VARIANT 5 XV

16 LOALITA' is2 S.AGOSTINO I LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO 3 S I a Parte in fascia 3 5 OLTR ORA I a I b β 2 Parte in fascia e parte in fascia Prossimità ad un'area tipo "e" (PAI) 2 OLTR.SS. I a Parte in fascia e parte in fascia Le aree ricadenti nella fascia di PS sono aree vincolate all'inedificabilità ai sensi degli artt.3 e 30 della L.R. 56/977. Nelle restanti aree le nuove edificazioni di cui all'art.23.2 potranno essere realizzate previo studio di compatibilità geomorfologica che accerti nello specifico le condizioni di puntuali, individuando nella documentazione progettuale gli specifici accorgimenti esecutivi da adottare per la fattibilità degli interventi. Nelle aree ricadenti nella fascia di PS non si dovranno realizzare, comunque, locali interrati o seminterrati, i piani terreni dovranno preferibilmente essere a pianta libera ed aperti, le tettoie per i ricoveri di macchine agricole e per gli autoveicoli dovranno essere realizzate in modo da consentire, in caso di piena, il maggior possibile deflusso delle acque; il rispetto di queste prescrizioni e la verifica tecnica che le opere in esecuzione non costituiscano aumento del rischio per gli edifici esistenti, con particolare riferimento a quelli ad uso abitativo e per il ricovero e la custodia di animali, dovrà costituire specifico elaborato progettuale, redatto da tecnico abilitato. Verifica fasce di rispetto: fiume ora, Torrente Messa, corsi d'acqua artificiali e corsi d'acqua naturali. Il parcheggio di interscambio auto-navette per entro Storico di Avigliana, Parco dei Laghi, Sacra di San Michele (vedi Tavola.2.), deve essere progettato (nella morfologia e nella scelta del patrimonio vegetazionale) tenendo conto del fatto che può essere periodicamente inondato dalle acque della ora Riparia; a tal fine deve acquisire il parere favorevole dell'autorità idraulica competente. 7 TALL VARIANT 5 XVI

17 3 4 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP I I a I a ascia fluviale ex PS 5 I a Parte in "a" (PAI) riperimetrata PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Verifica fascia di rispetto di rii naturali e corsi d'acqua artificiali. Verifica fascia di rispetto di rii artificiali. Presenza di tratti stradali convoglianti le acque di ruscellamento in occasione di eventi meteorici intensi potenzialmente interessati da processi erosivi. Presenza di rii con forte pendenza Inedificabilità assoluta nelle parti perimetrate come "a" (vedi tavole.2.5 e.2.8 in scala :2.000). Nelle restanti aree le nuove edificazioni di cui all'art.23.2 potranno essere realizzate previo studio di compatibilità geomorfologica che accerti nello specifico le condizioni di puntuali, individuando nella documentazione progettuale gli specifici accorgimenti esecutivi da adottare per la fattibilità degli interventi. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Presenza di zone di ristagno di acque Sezioni di deflusso dei corsi d'acqua sottodimensionate od interrotte. 6 I a 7 I a i I a Tutto in ascia A,, i2 I a i3 I a Presenza rii artificiali. Area palustre. i4 I a Parte in "a" (PAI) riperimetrata Verifica fasce di rispetto rii collinari. Presenza di zone di ristagno di acque evono essere tutelate le linee di deflusso, ancorchè temporanee, delle acque Presenza rii ad pendenza. TALL VARIANT 5 XV

18 LOALITA' LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO RA ORA ST I a ascia A,, Gli interventi ammessi nei precedenti articoli delle NTA sono subordinati all'acquisizione del parere dell'autorità Idraulica. Verifica fasce di rispetto: - fiume ora - canale artificiale. RA3 ORA ST I a ascia A,, Gli interventi ammessi nei precedenti articoli delle NTA sono subordinati all'acquisizione del parere dell'autorità Idraulica. Verifica fasce di rispetto canale artificiale. b MORTRA I b β Verifica fascia di rispetto rio naturale montano b2 AS S.STANO 34 b3 AS INO I b γ Parte in "a" (PAI) riperimetrata b4.ta GIRA esclusa la ristrutturazione edilizia ai sensi dell art.9 del PAI. Area da inserire con priorità nel Piano di Protezione ivile. Verifica fasce di rispetto corsi d'acqua. Sezioni di deflusso del rio sottodimensionate od interrotte. 35 b5 TTTI OLOMO Verifica fascia di rispetto rio naturale montano. 42 Sezioni di deflusso del rio sottodimensionate od interrotte. b6 44 b7.na SONTTO b8 AS NNA IANA b9.na POGOLOTTI b0.ta SAA Verifica fascia di rispetto canale artificiale. 55 b.na OLIVRO I b β Verifica fascia di rispetto rii artificiali 56 Presenza di rii con forte pendenza b2.na S. ARTOLOMO TALL VARIANT 5 XVI

19 TALL VARIANT 5 XIX

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque.

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque. 12/8 CONDIZIONAMENTI IDROGEOLOGICI 1. Il P.R.G.C. individua alla tav. P3a-b Carta di Sintesi geomorfologica le aree in cui le condizioni idrogeomorfologiche impongono limitazioni agli interventi consentiti

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

CITTA DI PINEROLO CRONOPROGRAMMA ALLEGATO ALLE VERIFICHE DI PRGC. Scheda n 1 AREE 1 E 2. Scala 1:5000

CITTA DI PINEROLO CRONOPROGRAMMA ALLEGATO ALLE VERIFICHE DI PRGC. Scheda n 1 AREE 1 E 2. Scala 1:5000 Scheda n 1 AREE 1 E 2 Area 1: potrebbe essere utilizzata dopo l avvenuta realizzazione delle opere di difesa spondale a monte del nuovo ponte Chisone; dovrà inoltre essere eseguito un argine sul limite

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05 AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05 Documento approvato con DGR 1532 del 2.12.2005 - Allegato 2 - ALLEGATO 2

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO Provincia di Arezzo COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDE DI FATTIBILITA' (Zona industriale Farniole) Gennaio 2014 Sindaco - Ass. all'urbanistica: Franco Parigi Resp. del Procedimento:

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO CIRCOLARE ESPLICATIVA N 2 PER L ATTUAZIONE DELLE NORME DI PAI: Fascia di rispetto di cui all art. 21, comma 6 Attraversamenti/tombamenti: articolo 9,

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE - Norme Tecniche di Attuazione (estratto) Il Progettista Magrini Arch. Marco Con la collaborazione degli Uffici Comunali LUGLIO 2012 REGOLAMENTO URBANISTICO - Norme Tecniche

Dettagli

DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012

DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012 DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012 OGGETTO: L. 365/00. Istanza di aggiornamento PAI Tagliamento, ai sensi dell art. 6 delle Norme di Attuazione, a seguito della progettazione di interventi urgenti

Dettagli

5. Specifiche di carattere generale per gli interventi

5. Specifiche di carattere generale per gli interventi Nuovi indirizzi comunali per l applicazione della Legge Regionale n. 24/2009, modificata dalla Legge Regionale n. 40/2011 avente per oggetto Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia

Dettagli

COMUNE DI SIGNA PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI SIGNA PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI SIGNA PROVINCIA DI FIRENZE VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNALE IMPOSIZIONE DEL VINCOLO ESPROPRIATIVO SULL'AREA INTERESSATA ALLA REALIZZAZIONE DELLA CASSA DI ESPANSIONE RENAI D.P.R. 327

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE INDIRIZZI INTERPRETATIVI E CHIARIMENTI IN MERITO AI CRITERI PER LA REDAZIONE DELLA NORMATIVADEI PIANI DI BACINO PER LA TUTELA DAL RISCHIO IDROGEOLOGICO DI CUI ALLA

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 25 Settembre 2006 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

Città di Cologno Monzese

Città di Cologno Monzese REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Città di Cologno Monzese PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PARZIALE DI ADEGUAMENTO ALLE FASCE P.A.I. Adottata con deliberazione di C.C. n. 39 del 14.12.2010 PIANO

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona. STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2)

COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona. STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2) COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2) NORME GEOLOGICHE DI ATTUAZIONE (N.G.T.) IL GEOLOGO Dr Giovanni Bassi Settembre 2004 RIC-40-04

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08.

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08. MARCA DA BOLLO Comune di Capannori (Prov. di Lucca) Al Sindaco del Comune di Capannori Piazza Aldo Moro, 1 55012 Capannori (LU) Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art.

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848)

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848) COMUNE DI BARLASSINA Provincia di MILANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/1566/05 Integrazione

Dettagli

VERIFICA DI COMPATIBILITA IDROGEOLOGICA DELLE VARIANTI DI PGT ATR3 E ATP2 ALLO STUDIO GEOLOGICO COMUNALE VIGENTE

VERIFICA DI COMPATIBILITA IDROGEOLOGICA DELLE VARIANTI DI PGT ATR3 E ATP2 ALLO STUDIO GEOLOGICO COMUNALE VIGENTE 1 VERIFICA DI COMPATIBILITA IDROGEOLOGICA DELLE VARIANTI DI PGT ATR3 E ATP2 ALLO STUDIO GEOLOGICO COMUNALE VIGENTE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n.

Dettagli

ALLEGATO B NORME SULL'ASSETTO IDROGEOLOGICO E DI ADEGUAMENTO AL P.A.I. Premessa

ALLEGATO B NORME SULL'ASSETTO IDROGEOLOGICO E DI ADEGUAMENTO AL P.A.I. Premessa ALLEGATO B NORME SULL'ASSETTO IDROGEOLOGICO E DI ADEGUAMENTO AL P.A.I. Premessa 1. Le classi di idoneità all'utilizzazione urbanistica, come definite ai sensi della Circolare P.G.R. 7/LAP, sono state individuate

Dettagli

Testo vigente Testo introdotto dalla Variante

Testo vigente Testo introdotto dalla Variante estratto Testo vigente Testo introdotto dalla Variante omissis CAPO 6 : Disposizioni per le attività estrattive Art. 36 Aree per attività estrattive 1. Le attività estrattive sono ammesse esclusivamente

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento... 2 Art. 2 Definizione del reticolo minore... 2 Art. 3 Normativa di riferimento e competenze... 2 Art. 4 Attività amministrativa dei Comuni... 3 Art. 5 Autorizzazione

Dettagli

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato PR Variante n.9 per la trasformazione di alcune aree del territorio Adozione 02 NTA - Norme tecniche d attuazione Adozione articoli modificati

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA C o m u n e d i M o m b e r c e l l i Piazza Alfieri, n.2-14047 Mombercelli - Provincia di Asti c.f. e p.i. 00206070054 - Tel. 0141 959.610 Fax 0141 959.756 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Comune di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE (Proposta n. 287 10/11/2009) Oggetto: MODIFICA AGLI ARTICOLI art. 24.6-31- 33-41- 50-52 - 53-54 - 55 e 56 le NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE -ADOZIONE Premesso: Il Dirigente

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

Variante al Reg. Edilizio Testo vigente

Variante al Reg. Edilizio Testo vigente CITTA DI ERACLEA PROVINCIA DI VENEZIA VARIANTE PARZIALE AL PRG N. 37 ai sensi dell art. 48, comma 1, della L.R. 11/04 Variante al Reg. Edilizio Testo vigente ART. 6 - OPERE NON SOGGETTE A PERMESSO DI COSTRUIRE

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

P.R.G.C. Approvato in data 09.03.2009 con D.G.R. n. 21-10936

P.R.G.C. Approvato in data 09.03.2009 con D.G.R. n. 21-10936 COMUNE DI SAN SALVATORE MONFERRATO Provincia di Alessandria P.R.G.C. Approvato in data 09.03.2009 con D.G.R. n. 21-10936 ESTRATTO NORME DI ATTUAZIONE SITUAZIONE VIGENTE 2 Variante parziale ai sensi ex.

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

UTOE 5_Latignano. IR_g3 IR_g4(a) IR_g4(b) IR_g1 IR_g5. IR_g2. IR_g7. IR_g6 SCHEDE GUIDA

UTOE 5_Latignano. IR_g3 IR_g4(a) IR_g4(b) IR_g1 IR_g5. IR_g2. IR_g7. IR_g6 SCHEDE GUIDA UTOE 5_Latignano IR_g2 IR_g3 IR_g4(a) IR_g4(b) IR_g1 IR_g5 IR_g6 IR_g7 SCHEDE GUIDA COMUNE DI CASCINA - REDAZIONE DI SCHEDE NORMA E SCHEDE GUIDA PER LE AREE DI RECUPERO (IR) DELL'UTOE 4 - Cascina

Dettagli

LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR)

LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR) LOTTIZZAZIONE TURISTICA CRERO PROGETTO DI UN ALBERGO IN LOCALITÀ CRERO NEL COMUNE DI TORRI DEL BENACO (VR) -Progetto di variante edilizia al P.d.C.202/06 del 20/11/2007- RELAZIONE IDROGEOLOGICA AI SENSI

Dettagli

PRG C. Città di Rivoli. Schede Normative (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino. piano regolatore generale comunale

PRG C. Città di Rivoli. Schede Normative (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino. piano regolatore generale comunale Regione Piemonte Provincia di Torino Città di Rivoli PRG C piano regolatore generale comunale Variante ai sensi dell art. 17, comma 7- L.R. 56/77 s.m. e i. PROGETTO DEFINITIVO Variante parziale n. 10P/2006

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO COMUNE DI CAPOLIVERI Provincia di Livorno STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO a cura del dott. Ing. Filippo Ginanni Il Sindaco: Ruggero Barbetti I Progettisti: arch. Gianni Vivoli e arch. Sergio Seritti Collaborazione:

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Rilevata la propria competenza ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. n 267/2000 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali e s.m. e i.

Rilevata la propria competenza ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. n 267/2000 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali e s.m. e i. Oggetto: SNAM RETE GAS S.p.A PRESA D ATTO DELL ATTO DIRIGENZIALE N. 4350 del 21/11/2014 DELLA PROVINCIA DI FIRENZE E RATIFICA DELLA RELATIVA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO IL CONSIGLIO COMUNALE, Rilevata

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il Comune di Triuggio, con deliberazione consiliare n. 7 del 12.03.2009 ha adottato il PIANO ATTUATIVO DI

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE 1. Premessa. Il presente documento, in attuazione della legge 1/2000, fornisce criteri e indirizzi ai comuni per la ricognizione

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

QUERCE" IN ZONA DI ESPANSIONE C2-1 - LOCALITA' SAN BIAGIO - ADOZIONE.

QUERCE IN ZONA DI ESPANSIONE C2-1 - LOCALITA' SAN BIAGIO - ADOZIONE. Oggetto: VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE "DUE QUERCE" IN ZONA DI ESPANSIONE C2-1 - LOCALITA' SAN BIAGIO - ADOZIONE. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: - con delibera della Giunta Comunale

Dettagli

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti-

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- - Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- Il P.A.r.17a come si evince dalla relativa scheda allegata è derivante dalla suddivisione del P.A.r.17 in due lottizzazioni separate approvate in variante al

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

1 Premesse generali... 2. 2 Quadro normativo di riferimento... 3. 3 Inquadramento stato idraulico... 3. 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO...

1 Premesse generali... 2. 2 Quadro normativo di riferimento... 3. 3 Inquadramento stato idraulico... 3. 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO... Sommario 1 Premesse generali... 2 2 Quadro normativo di riferimento... 3 3 Inquadramento stato idraulico... 3 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO... 4 3.2 Sezioni stradali in TRINCEA... 5 3.3 Caratteristiche

Dettagli

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria Città di Biella Provincia di Biella Regione Piemonte PIANO PARTICOLAREGGIATO DI COMPLETAMENTO DEL COMPARTO ZONA SUD COMPRESO TRA VIA PER CANDELO E LA STRADA TROSSI U.I.2 GARDENVILLE - STRADA TROSSI 27/A,

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

02 - Indagine geologica e idraulica

02 - Indagine geologica e idraulica Rotatoria sulla SR435 Lucchese all intersezione con via Falciano nel Comune di Buggiano Progetto definitivo Relazione geologica ed idraulica 02 - Indagine geologica e idraulica CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Allegato a) RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento riguarda un area compresa nell isolato tra la via Sansovino e le vie Refrancore e Cuniberti, situato nella parte nord della Città, nella Circoscrizione

Dettagli

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di Corsivo Blu = Aggiunte Barrato Rosso = Eliminazioni Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi 1. La variante generale ha come ambito di intervento il Piano Attuativo Unitario approvato con deliberazione

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO REGIONE VENETO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI N. 6 LOTTI EDIFICABILI RESIDENZIALI Spazio riservato all Ufficio Protocollo Spazio riservato

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PINEROLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA Elaborato 1 Codice 779001AL Rev. Data 0 Agosto 2003 1 Febbraio 2008 Scala 2 3 Il Consulente incaricato: Il Responsabile del

Dettagli

PIATTAFORMA TECNOLOGICA EUROPEA P.T.E. CENTRO MULTIFUNZIONALE A SERVIZIO DEL DISTRETTO NAUTICO - NORD EST SARDEGNA

PIATTAFORMA TECNOLOGICA EUROPEA P.T.E. CENTRO MULTIFUNZIONALE A SERVIZIO DEL DISTRETTO NAUTICO - NORD EST SARDEGNA CONSORZIO INDUSTRIALE PROVINCIALE NORD EST SARDEGNA - GALLURA ENTE PUBBLICO (ART.3., L.R. N.10 DEL 25072008) SETTORE PROGETTAZIONE E DIREZIONE DEI LAVORI PIATTAFORMA TECNOLOGICA EUROPEA P.T.E. CENTRO MULTIFUNZIONALE

Dettagli

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi:

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi: 1 Premessa Il comparto rientra nell ambito degli accordi con i privati di cui all art. 18 della L.R. n. 20/2000 contrassegnato col n. 16 Lido di Classe Nord Sud, ed è soggetto a PUA generale. E costituito

Dettagli

ALLEGATO B. COMPARTI URBANISTICI (Zone C - D3.2 RU - D2.2)

ALLEGATO B. COMPARTI URBANISTICI (Zone C - D3.2 RU - D2.2) ALLEGATO B COMPARTI URBANISTICI (Zone C - D3.2 RU - D2.2) Per ogni comparto, sono indicati, la superficie territoriale ed i para urbanistici ed edilizi cui è assoggettata la progettazione attuativa. I

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE

CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE 191 ALLEGATO D CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI POLIZIA IDRAULICA DI COMPETENZA COMUNALE 1. PREMESSA. Il presente documento, in attuazione della legge 1/2000, fornisce criteri e indirizzi ai comuni

Dettagli

COMUNE PROVINCIA. Norme di Attuazione. Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese

COMUNE PROVINCIA. Norme di Attuazione. Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese COMUNE PROVINCIA DI CAVALESE DI TRENTO Norme di Attuazione Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese Cavalese, aprile 2014 Il Tecnico EDILSTUDIO Via Coronelle 9 38033 Cavalese Tel. 0462/342820

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE

ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE Norme di Attuazione 1^Variante Generale al PGT approvato con D.C.C. n. 33 dl 23.07.2008 o la modifica della tipologia

Dettagli

Art.6-LAVORI DI MANUTENZIONE ESEGUIBILI SENZA AUTORIZZAZIONE O DICHIARAZIONE.Art.98 Regolamento Forestale D.P.G.R. n. 48/R del 08/08/03.

Art.6-LAVORI DI MANUTENZIONE ESEGUIBILI SENZA AUTORIZZAZIONE O DICHIARAZIONE.Art.98 Regolamento Forestale D.P.G.R. n. 48/R del 08/08/03. Regolamento in materia di tutela del territorio per interventi su aree sottoposte a vincolo idrogeologico (Approvato con deliberazione n.47/cc del 29.03.2004) Art. 1-AMBITO DI APPLICAZIONE 3 Art. 2-SOGGETTI

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA (Provincia di Salerno) PIANOREGOLATORE GENERALE Norme Tecniche d Attuazione (Testo aggiornato con integrazioni e modifiche)

COMUNE DI SALA CONSILINA (Provincia di Salerno) PIANOREGOLATORE GENERALE Norme Tecniche d Attuazione (Testo aggiornato con integrazioni e modifiche) COMUNE DI SALA CONSILINA (Provincia di Salerno) PIANOREGOLATORE GENERALE Norme Tecniche d Attuazione (Testo aggiornato con integrazioni e modifiche) Titolo I - ATTUAZIONE DEL PIANO CAPO I MODALITA Modalità

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO D ARGILE. VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000)

COMUNE DI CASTELLO D ARGILE. VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000) COMUNE DI CASTELLO D ARGILE VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000) RELAZIONE ILLUSTRATIVA La Variante n. 8/2014 al RUE del Comune di Castello

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

APPENDICE AL RAPPORTO AMBIENTALE ALLEGATO AL PARERE MOTIVATO

APPENDICE AL RAPPORTO AMBIENTALE ALLEGATO AL PARERE MOTIVATO Comune di Monteverdi Marittimo APPENDICE AL RAPPORTO AMBIENTALE ALLEGATO AL PARERE MOTIVATO PREMESSA La presente valutazione, in sede di approvazione del RU era indicata come: VALUTAZIONE DI COERENZA ESTERNA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI CONCESSIONE DI ESEGUIRE ATTIVITA EDILIZIA O DI TRASFORMAZIONE URBANISTICA IL DIRIGENTE

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI CONCESSIONE DI ESEGUIRE ATTIVITA EDILIZIA O DI TRASFORMAZIONE URBANISTICA IL DIRIGENTE Concessione del 04/06/2013 n 62/62 N.A.P. 62/2013 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI CONCESSIONE DI ESEGUIRE ATTIVITA EDILIZIA O DI TRASFORMAZIONE URBANISTICA 4 SETTORE SERVIZI TECNICI E GESTIONE DEL

Dettagli

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A.

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 SARZANESE - VALDERA IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A. SIMONE STEFANI - GEOLOGO GEOLOGIA ECOLOGIA - AMBIENTE COMUNE DI TERRICCIOLA (Provincia di Pisa) VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN

Dettagli

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto PROGETTISTI: gruppo argo architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto Vicolo cilea 11 27029 vigevano pv tel - fax 0381 903221

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

COMUNE DI ORSENIGO (CO)

COMUNE DI ORSENIGO (CO) Geologia Applicata, Geotecnica, Idrogeologia,Geologia Ambientale, Pianificazione Territoriale, Percorsi geologico-storico naturalistici Via Edison 18/a; 23875 Osnago (Lc) tel/fax 039-587201 Frazione Olgiasca

Dettagli

NORME GEOLOGICHE PER LE AZIONI DI PIANO Giugno 2013 - Rev. 01

NORME GEOLOGICHE PER LE AZIONI DI PIANO Giugno 2013 - Rev. 01 Provincia di Pavia Regione Lombardia COMUNE DI TORRE BERETTI E CASTELLARO A cura di: COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA (ai sensi dell'art. 57 comma 1 della L.R. 12/2005 - DGR N. VIII/1566 del

Dettagli

Valutazione integrata

Valutazione integrata COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO Valutazione integrata D.P.G.R. 09/02/2007 n 4/r Piano Attuativo Camping Laconella Il Responsabile del Procedimento Ing. Federico Brugioni Il Responsabile del servizio

Dettagli

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino Autorità di bacino del fiume Tevere Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e

Dettagli