Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth"

Transcript

1 Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth I protocolli di service discovery permettono a dispositivi ed applicazioni di cercare servizi offerti da altri dispositivi ed applicazioni. Per servizio si intende un'entità in grado di fornire informazioni, eseguire un'azione o controllare una risorsa per conto di un'altra entità. Un servizio può essere implementato in software, hardware o una combinazione dei due. All'esigenza primaria di procedure standardizzate per scoprire i servizi disponibili sono legate altre problematiche: trovare e ottenere le modalità di accesso a un servizio, controllare l'accesso ai servizi, render noti i servizi offerti, scegliere tra servizi concorrenti, etc. L'esigenza di protocolli di service discovery è un problema di importanza crescente, in virtù del sempre maggior orientamento dei calcolatori alle reti. Molte aziende, enti di standardizzazione e consorzi lo stanno affrontando. Sono perciò nati diversi protocolli di service discovery, tra cui Service Location Protocol (SLP), Jini, Salutation, UPnP (Univeral Plug and Play) e UDDI (Universal Description Discovery and Integration). Tutte queste architetture funzionano in generale in modo simile. Un client effettua una richiesta a un directory server, che offre un catalogo di servizi, oppure a uno specifico fornitore di servizi. La richiesta può contenere esplicitamente un identificativo di risorsa con uno o più attributi. Il directory server o il fornitore di servizi cerca nel suo database le risorse aventi descrizioni corrispondenti ai criteri di ricerca e risponde al client con l'identificativo e l'ubicazione delle risorse trovate. Il Service Discovery Protocol (SDP) fa parte dello stack di protocolli Bluetooth e affronta il problema del service discovery in modo ottimizzato per la natura altamente dinamica delle comunicazioni Bluetooth. Il protocollo SDP si occupa essenzialmente di scoprire i servizi resi disponibili da o attraverso dispositivi Bluetooth; non definisce, invece, metodi per accedere ai servizi. Una volta che un servizio è stato trovato tramite SDP, può essere utilizzato mediante altri protocolli definiti dalla specifica Bluetooth; le modalità d'accesso dipendono dal particolare servizio. Il meccanismo di service discovery, schematizzato in Figura 1, permette ad un'applicazione client di scoprire l'esistenza e gli attributi dei servizi forniti da applicazioni server. Il Bluetooth SIG ha prodotto, inoltre, la specifica di un profilo per definire i requisiti implementativi del Service Discovery Protocol e le funzionalità minime richieste ai protocolli dei livelli inferiori nello stack Bluetooth. Esso è denominato Service Discovery Application Profile (SDAP) e delinea anche, tramite un insieme di primitive generiche, possibili modalità di utilizzo del 1 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

2 protocollo SDP da parte delle applicazioni utente. Per quanto concerne strettamente il Service Discovery Protocol, l'interazione avviene tra un client e un server SDP in una o più transazioni, ognuna formata da una richiesta e una risposta. Ciascuna richiesta o risposta consta a sua volta di un'unica PDU (Protocol Data Unit). Un dispositivo Bluetooth può agire sia da client sia da server SDP; se non fornisce servizi, non c'è bisogno del server. Ciascun dispositivo può avere un solo server e un solo client, che però possono operare per conto di diverse applicazioni. Le informazioni fornite da un server SDP riguardano solo i servizi offerti dal dispositivo su cui risiede: le specifiche vietano la possibilità che un dispositivo interroghi un altro per cercare i servizi presenti su un terzo dispositivo. Applicazione client Client SDP Richiesta SDP Risposta SDP Figura 1: Interazione nel protocollo SDP Applicazione server Server SDP 1. Record di servizio Per ciascun servizio che un dispositivo Bluetooth è in grado di offrire, il server SDP possiede uno e un solo record di servizio (service record), che contiene tutte le informazioni ad esso relative. Un record di servizio SDP è costituito unicamente da un elenco di attributi di servizio. Ogni attributo di servizio descrive una singola caratteristica di un servizio ed è composto da due elementi: 1. un identificativo (ID) di attributo a 16 bit; 2. un campo di lunghezza variabile, il cui formato e significato sono specificati dall'identificativo di attributo e dalla classe di servizi a cui il particolare servizio appartiene. Ogni servizio, infatti, appartiene almeno ad una classe di servizi. Una classe di servizi identifica una particolare tipologia di servizi e definisce: quali attributi possono essere presenti nel 2 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

3 service record per descrivere il servizio, il valore degli identificativi di tali attributi, il loro significato e il loro formato. Il Bluetooth SIG si occupa di standardizzare le classi di servizi. Non è necessario che ogni service record contenga effettivamente tutti gli attributi previsti dalla classe; se però contiene uno degli attributi previsti, il suo formato e il suo significato devono rispettare la specifica. Un fornitore di servizi può indicare ulteriori attributi di servizio, non previsti dalla specifica della classe di servizi, usando uno degli ID liberi. Ad ogni classe di servizi è associato anche un UUID (Universally Unique Identifier, identificativo universalmente univoco). Un UUID nella specifica SDP è definito come un numero intero a 128 bit di cui si assume garantita l'univocità ovunque e senza limiti di tempo. Non esiste un registro centralizzato di UUID, ma possono essere creati indipendentemente in maniera distribuita. La specifica prevede degli alias abbreviati a 16 o 32 bit per un intervallo di UUID riservato dal Bluetooth SIG, che ha definito anche l'algoritmo di traduzione di tali alias in UUID completi a 128 bit. A titolo d'esempio, alcuni dei più comuni attributi di servizio sono elencati in Tabella 1. Esistono solo due attributi che devono esser presenti in tutti i service record. Essi sono mostrati in Tabella 2. L'attributo ServiceRecordHandle identifica ciascun record di servizio in un server SDP mediante un handle a 32 bit. Il valore di un handle è univoco solo all'interno di un singolo server. Un unico handle ha il medesimo significato in ogni server SDP, quello che vale 0x e si riferisce al server SDP stesso. Nel corrispondente service record Nome ServiceClassIDList ProtocolDescriptorList ProviderName IconURL ServiceName ServiceDescription Descrizione Identifica il tipo di servizio rappresentato dal service record, attraverso una elenco di classi di servizio a cui appartiene. Indica i protocolli che possono essere utilizzati per accedere al servizio. Nome testuale dell'individuo o organizzazione che fornisce il servizio. Un URL che si riferisce ad un'immagine che può essere usata per rappresentare il servizio. Una stringa di testo contenente un nome del servizio comprensibile agli utenti umani. Una stringa di testo contenente una descrizione del servizio. possono essere presenti attributi che Tabella 1: Esempi di attributi di servizio SDP indicano la versione di protocollo SDP supportata e i protocolli di livello inferiore utilizzabili per la comunicazione. I valori di handle da 0x a 0x0000FFFF sono inoltre riservati. 3 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

4 L'attributo ServiceClassIDList, invece, è una sequenza di UUID che identificano le classi di servizi a cui il servizio appartiene. Nel paragrafo successivo esamineremo la rappresentazione dei dati nel protocollo SDP. Nome ID attributo Tipo di valore dell'attributo ServiceRecordHandle 0x0000 Intero senza segno a 32 bit ServiceClassIDList 0x0001 Data Element Tabella 2: Attributi di servizio SDP obbligatori Valore del descrittore di tipo Valori validi per il descrittore di lunghezza 0 0 Nil, il tipo nullo 1 0,1,2,3,4 Intero senza segno Descrizione del tipo 2 0,1,2,3,4 Intero con segno in complemento a 2 3 1,2,4 UUID, identificativo universalmente univoco 4 5,6,7 Stringa di testo 5 0 Booleano 6 5,6,7 Data Element, un Data Element il cui campo dati è una sequenza di Data Element 7 5,6,7 Data Element Alternative, un Data Element il cui campo dati è una sequenza di Data Element da cui occorre sceglierne uno 8 5,6,7 URL 9-31 Riservati Tabella 3: Possibili valori del descrittore di tipo di un Data Element SDP. Per il significato del valore del descrittore di lunghezza, si veda la Tabella Rappresentazione dei dati Per permettere la rappresentazione di valori di complessità arbitraria per gli attributi di servizio, il protocollo SDP prevede una struttura di dati flessibile che prende il nome di Data Element. Essa è composta da un'intestazione (header) di 8 bit e un campo di dati, la cui lunghezza e struttura dipendono dall'header. L'intestazione è a sua volta suddivisa in due parti: 1. descrittore di tipo (5 bit): indica come interpretare il campo di dati. La Tabella Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

5 mostra i tipi definiti dallo standard; 2. descrittore di lunghezza (3 bit): indica la lunghezza del campo di dati, come mostrato in Tabella 4. Dalla Tabella 3 si osserva, inoltre, che in base al tipo di Data Element solo alcuni valori sono ammessi per il descrittore di lunghezza. Valore del descrittore di lunghezza Bit aggiuntivi Lunghezza dei dati byte. Eccezione: se il tipo è nil, la lunghezza è 0 byte byte byte byte byte 5 8 La lunghezza dei dati è contenuta negli 8 bit aggiuntivi, che vanno interpretati come un intero senza segno 6 16 La lunghezza dei dati è contenuta nei 16 bit aggiuntivi, che vanno interpretati come un intero senza segno 7 32 La lunghezza dei dati è contenuta nei 32 bit aggiuntivi, che vanno interpretati come un intero senza segno Tabella 4: Possibili valori del descrittore di lunghezza di un Data Element SDP 3. Modalità del service discovery: searching e browsing Per permettere il reperimento dei servizi di interesse il protocollo SDP prevede due modalità di ricerca. Searching: è la transazione di ricerca di un servizio a partire dal valore di uno o più dei suoi attributi. Non è consentita la ricerca per qualsiasi tipo di attributo, ma solo per quelli di tipo UUID, che generalmente sono usati per denotare le caratteristiche distintive di un servizio. Il client effettua una ricerca inviando un search pattern costituito da uno o più UUID. Il criterio di ricerca si considera soddisfatto dai record di servizio che contengono tra i loro attributi tutti gli UUID specificati, a prescindere da quali attributi effettivamente li contengano e dall'ordine. Browsing: è la modalità di ricerca adatta a scoprire quali tipi di servizi sono offerti da un server SDP senza avere alcuna conoscenza a priori. Il meccanismo si basa su 5 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

6 un'organizzazione ad albero di gruppi di servizi. Ciascun gruppo può contenere servizi o sottogruppi di servizi forniti dal server SDP. I sottogruppi sono rappresentati da service record aventi classe di servizio BrowseGroupDescriptor. Ogni gruppo o sottogruppo, a partire dal nodo radice della gerarchia (detto root browse group), è identificato da un UUID. Se i servizi sono pochi, tipicamente al server SDP converrà inserirli tutti sotto il nodo radice. L'esplorazione di quest'albero da parte del client avviene attraverso un particolare attributo di servizio, condiviso da tutte le classi di servizi: esso è detto BrowseGroupList e il suo valore consiste in un elenco di UUID che indicano i gruppi a cui il servizio (o il sottogruppo) appartiene. Per iniziare il browsing, dunque, il client effettuerà una ricerca inviando come pattern l'uuid del root browse group; il server restituirà i riferimenti ai servizi e ai sottogruppi che appartengono ad esso. Il client potrà poi esplorare il contenuto di un sottogruppo inviando come criterio di ricerca l'uuid che lo identifica, e così via. Intestazione Parametri PDU ID Transaction ID ParameterLength Parametro 1 Parametro 2... Parametro n 1 byte 2 byte 2 byte ParameterLength byte Tabella 5: Formato di una PDU per il protocollo SDP 4. Formato di Protocol Data Unit Come già accennato, ogni transazione SDP consta di una Protocol Data Unit (PDU) di richiesta e una di risposta. La struttura di una PDU per il protocollo SDP è mostrata in Tabella 5 ed è descritta di seguito. PDU ID Descrizione del tipo di PDU PDU ID: identifica il 0x00 Riservato tipo di PDU, cioè indica il suo significato e specifica i parametri contenuti. La Tabella 6 mostra i tipi di PDU definiti dallo standard. 0x01 SDP_ErrorResponse 0x02 SDP_ServiceSearchRequest 0x03 SDP_ServiceSearchResponse 0x04 SDP_ServiceAttributeRequest 0x05 SDP_ServiceAttributeResponse 0x06 Transaction ID: SDP_ServiceSearchAttributeRequest 0x07 SDP_ServiceSearchAttributeResponse identifica ogni nuova 0x08-0xFF Riservati richiesta e serve a far Tabella 6: Tipi di PDU previsti dal protocollo SDP 6 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

7 corrispondere le PDU di risposta alle rispettive richieste. Un client SDP non può inviare una PDU con questo campo uguale ad una PDU inviata in precedenza e a cui non abbia già ricevuto risposta. ParameterLength: indica la lunghezza complessiva, in byte, dei parametri della PDU trasmessa. Prima di esaminare i tipi di transazioni SDP e le relative PDU, è opportuno accennare a due circostanze che possono verificarsi. Se il server SDP riceve una richiesta non correttamente formulata o non è in grado, per qualsiasi motivo, di rispondere con la PDU appropriata, risponderà con una PDU di tipo SDP_ErrorResponse. Essa ha come parametri un codice che identifica il tipo di errore verificatosi e un campo opzionale di informazioni aggiuntive. Se invece la risposta è troppo lunga per esser contenuta in un'unica PDU, il server SDP invierà solo una parte della risposta e, in aggiunta ai parametri normalmente previsti dal tipo di PDU inviato, inserirà un campo detto continuation state information. Il client, per ottenere il resto della risposta, invierà allora un'altra PDU di richiesta dello stesso tipo della precedente (ma con un diverso Transaction ID), a cui accluderà il valore di continuation state ricevuto. In questo modo il server saprà che il client desidera ricevere la parte successiva della risposta. 5. Transazioni SDP L'attuale specifica SDP prevede tre tipi di transazioni, descritte in questo paragrafo. 1. SDP_ServiceSearch: consiste nella ricerca di servizi mediante UUID, spiegata in 3. E' composta da una PDU di richiesta di tipo SDP_ServiceSearchRequest, con cui il client invia il pattern di ricerca, e da una risposta di tipo SDP_ServiceSearchResponse, in cui il server invia gli handle dei service record che soddisfano la richiesta. I parametri di cui si compongono queste due PDU sono descritti rispettivamente in Tabella 7 e Tabella SDP_ServiceAttribute: il client SDP invia una PDU di tipo SDP_ServiceAttributeRequest per richiedere il valore di determinati attributi di un particolare service record. Il server SDP risponde con una PDU di tipo SDP_ServiceAttributeResponse. I parametri di tali PDU sono descritti in dettaglio rispettivamente in Tabella 9 e Tabella SDP_ServiceSearchAttribute: questa transazione combina le due precedenti in un'unica richiesta. Il client SDP invia, in una PDU di tipo 7 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

8 SDP_ServiceSearchAttributeRequest, un pattern di ricerca e un elenco di attributi da restituire per i record che lo soddisfano. Il server SDP risponde restituendo una PDU di tipo SDP_ServiceSearchAttributeResponse. I parametri di queste due PDU sono descritti rispettivamente in Tabella 11 e Tabella 12. Parametro Tipo Descrizione ServiceSearch Pattern MaximumService RecordCount Data Element Intero a 16 bit Intero a 8 bit Criterio di ricerca costituito da una sequenza di UUID (al massimo 12). Numero massimo di handle di record di servizio da restituire nella risposta. Numero di byte di lunghezza del valore di continuation state ricevuto in una precedente risposta. Se non deve essere fornito un valore di continuation state, questo parametro è posto a 0. Tabella 7: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceSearchRequest Parametro Tipo Descrizione TotalService RecordCount CurrentService RecordCount ServiceRecord HandleList Intero a 16 bit Intero a 16 bit Lista di handle a 32 bit Intero a 8 bit Numero totale di record di servizio che soddisfano il criterio di ricerca. Se nessun record corrisponde, è posto a 0. Non deve mai superare il valore di MaximumServiceRecordCount specificato nella richiesta. In caso di più risposte parziali ad una richiesta, questo parametro ha sempre lo stesso valore. Numero di record di servizio contenuti nel parametro successivo. Se nessun record corrisponde, è posto a 0. Non deve mai superare il valore di MaximumServiceRecordCount specificato nella richiesta. Contiene una successione di handle a 32 bit, ciascuno relativo ad un service record che soddisfa il criterio di ricerca. Non è presente un'intestazione né una struttura di tipo Data Element. Numero di byte di lunghezza del valore di continuation state inviato in caso di risposta parziale. Se la risposta è completa, questo parametro è posto a 0. Tabella 8: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceSearchResponse 8 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

9 Parametro Tipo Descrizione ServiceRecord Handle Maximum Attribute ByteCount AttributeIDList Handle a 32 bit Intero a 16 bit Data Element Intero a 8 bit Individua il service record da cui estrarre gli attributi richiesti. L'handle deve esser stato ottenuto da una precedente transazione di SDP_ServiceSearch. Numero massimo di byte di dati relativi agli attributi da restituire nella risposta. Se i valori degli attributi richiedono più spazio di quanto specificato in questo parametro, il server SDP dovrà decidere come suddividere la risposta. Sequenza di Data Element che contiene gli identificativi degli attributi oggetto della richiesta. Ogni elemento è un intero senza segno a 16 bit, che rappresenta un ID di attributo, oppure un intero senza segno a 32 bit, che rappresenta un intervallo di ID di attributi (i 16 bit più significativi indicano l'estremo inferiore e i 16 bit meno significativi l'estremo superiore dell'intervallo). Gli ID degli attributi richiesti devono essere indicati in ordine crescente e senza ripetizioni. Come il parametro omonimo in SDP_ServiceSearchRequest (cfr. Tabella 7) Tabella 9: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceAttributeRequest Parametro Tipo Descrizione AttributeList ByteCount AttributeList Intero a 16 bit Data Element Intero a 8 bit Numero di byte del parametro successivo. Non deve mai superare il valore di MaximumAttributeByteCount specificato nella richiesta. Contiene una sequenza di coppie di Data Element. Ogni coppia è formata dall'id di uno degli attributi richiesti e dal rispettivo valore. Tra gli attributi richiesti non devono essere restituiti quelli per cui non è definito un valore nel service record in possesso del server SDP. Gli ID devono essere in ordine crescente. Come il parametro omonimo in SDP_ServiceSearchResponse (cfr Tabella 8) Tabella 10: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceAttributeResponse 9 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

10 Parametro Tipo Descrizione ServiceSearch Pattern Maximum AttributeByteCount AttributeIDList Data Element Come il parametro omonimo in SDP_ServiceSearchRequest (cfr. Tabella 7) Intero a 16 bit Come il parametro omonimo in SDP_ServiceAttributeRequest (cfr. Tabella 9) Data Element Come il parametro omonimo in SDP_ServiceAttributeRequest (cfr. Tabella 9) Intero a 8 bit Come il parametro omonimo in SDP_ServiceSearchRequest (cfr. Tabella 7) Tabella 11: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceSearchAttributeRequest Parametro Tipo Descrizione AttributeLists ByteCount AttributeLists Intero a 16 bit Data Element Intero a 8 bit Numero di byte del parametro successivo. Non deve mai superare il valore di MaximumAttributeByteCount specificato nella richiesta. Ogni elemento della sequenza è a sua volta un Data Element, che rappresenta una lista di attributi relativa ad un service record che soddisfa i criteri di ricerca. Ogni lista di attributi è costituita da una sequenza di coppie di Data Element. Ogni coppia è formata dall'id di uno degli attributi richiesti e dal rispettivo valore. Tra gli attributi richiesti non devono essere restituiti quelli per cui non è definito un valore nel service record in possesso del server SDP. All'interno di ogni lista di attributi, gli ID devono essere in ordine crescente. Come il parametro omonimo in SDP_ServiceSearchResponse (cfr. Tabella 8) Tabella 12: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceSearchAttributeResponse 10 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

Programmazione J2ME. Lezione 9. Il Bluetooth. Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania

Programmazione J2ME. Lezione 9. Il Bluetooth. Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania Programmazione J2ME Lezione 9 Il Bluetooth Cosa impareremo oggi? L'API JSR-82 per la comunicazione tramite tecnologia Bluetooth Utilizzo dei protocolli

Dettagli

L evoluzione dei sistemi distribuiti: Nomadic Computing e SOA

L evoluzione dei sistemi distribuiti: Nomadic Computing e SOA Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Il discovery dei servizi in ambienti di nomadic computing: : un approccio integrato Relatore

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Reti e Domini Windows 2000 Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /35 Ruolo del Naming nei SD - 3 Denominazione di entità - 4 Sistemi di Naming - 8 Tipologie di Naming - 10 Naming Semplice e Differenti

Dettagli

Corso di Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Esercitazione su Globus Toolkit 2: LDAP, MDS

Corso di Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Esercitazione su Globus Toolkit 2: LDAP, MDS Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica A.A. 2003/2004 Corso di Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Esercitazione su Globus Toolkit 2: LDAP, MDS

Dettagli

Internet. Cos'è internet? I parte

Internet. Cos'è internet? I parte Internet Da leggere: Cap.6, in particolare par. 6.4 del Console Ribaudo (testo B) I parte Cos'è internet? Milioni di dispositivi di calcolo tra loro interconnessi: host o end-systems Pc, workstation, server

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

Le reti. Introduzione al concetto di rete. Classificazioni in base a

Le reti. Introduzione al concetto di rete. Classificazioni in base a Le reti Introduzione al concetto di rete Classificazioni in base a Software di rete OSI e TCP/IP Definizione di rete Vantaggi delle reti Reti ad architettura centralizzata e distribuita Sistemi aperti

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

La Rete. In una rete, però si può anche andare incontro ad inconvenienti:

La Rete. In una rete, però si può anche andare incontro ad inconvenienti: Una rete è una connessione tra diversi computer. Ogni computer è indipendente dagli altri, cioè può lavorare anche se "non è in rete" o se gli altri computer della rete sono spenti (in questo caso naturalmente

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione al TCP/IP TCP/IP

Dettagli

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Università degli Studi della Calabria Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Concetti di base sul Peer-to-Peer: -

Dettagli

Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane

Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane Vantaggi e limiti delle folksonomie (difficoltà: *) Nel paragrafo 7.4 è stato introdotto il concetto di social

Dettagli

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Vincenzo Antonio Manganaro vincenzomang@virgilio.it, www.statistica.too.it Indice 1 Architettura di un generico algoritmo di DM. 2 2 Regole di associazione:

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE

ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE ARCHITETTURE DEI SISTEMI DI ELABORAZIONE 1 SISTEMI ACCENTRATI CARATTERISTICHE Sistemi proprietari Monocultura Scarsa diffusione informatica Backlog 2 Soluzione centralizzata TERMINALE TERMINALE ELABORATORE

Dettagli

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it Ver. 3.0 Assegnazione dei nomi a dominio nel SLD gov.it 1 Sommario 1 GLOSSARIO 3 2 RIFERIMENTI NORMATIVI E TECNICI 3 3 ASPETTI GENERALI 4 3.1 PREMESSA

Dettagli

Livello cinque (Livello application)

Livello cinque (Livello application) Cap. VII Livello Application pag. 1 Livello cinque (Livello application) 7. Generalità: In questo livello viene effettivamente svolto il lavoro utile per l'utente, contiene al suo interno diverse tipologie

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Un servizio Bluetooth per il monitoraggio di una rete di sensori senza filo

Un servizio Bluetooth per il monitoraggio di una rete di sensori senza filo Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Un servizio Bluetooth per il monitoraggio di una rete di sensori senza filo Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof.

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 3

Reti di Calcolatori. Lezione 3 Reti di Calcolatori Lezione 3 I livelli di una rete Per ridurre la complessità di progetto, le reti sono in generale organizzate a livelli: Il Formato dei Pacchetti Tutti pacchetti sono fatti in questo

Dettagli

Perchè utilizzare un'autorità di certificazione

Perchè utilizzare un'autorità di certificazione Una generica autorità di certificazione (Certification Authority o più brevemente CA) è costituita principalmente attorno ad un pacchetto software che memorizza i certificati, contenenti le chiavi pubbliche

Dettagli

SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE

SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE UNIVOCA DEGLI UFFICI CENTRALI E PERIFERICI, DELLE AMMINISTRAZIONI, DESTINATARI DELLA FATTURAZIONE Indicazioni operative previste dall allegato D al decreto attuativo

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI (DATABASE, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate,

Dettagli

Luglio 2001. Internet.doc

Luglio 2001. Internet.doc Luglio 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche sono riservati. La Gep Informatica

Dettagli

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3)

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Architettura di NTFS 1 NTFS file system adottato

Dettagli

Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i. Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop

Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i. Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop i Il Registro dei Servizi di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Visualizzazione del registro dei servizi HTTP 1 3 Visualizzazione del registro dei servizi UDDI

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi

La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi Il progetto del sistema di ricerca delle informazioni L'esigenza del sistema di ricerca

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il Sistema Operativo (S0) (Inf.) E' l'insieme dei programmi che consentono

Dettagli

A2-03 Applicazioni Peer to Peer

A2-03 Applicazioni Peer to Peer A2-03 Applicazioni Peer to Peer Dopo aver esaminato le applicazioni di rete che utilizzano l'architettura clientserver, analizziamo più approfonditamente l'architettura peer-to-peer che, come abbiamo visto

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria

Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria Corso Integrato di Scienze Fisiche, Informatiche e Statistiche

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

SPECIFICHE E LIMITI DI EXCEL

SPECIFICHE E LIMITI DI EXCEL SPECIFICHE E LIMITI DI EXCEL Un "FOGLIO DI CALCOLO" è un oggetto di un programma per computer costituito da un insieme di celle, organizzate in righe e colonne, atte a memorizzare dati ed effettuare operazioni

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione della memoria Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 Gestione della memoria 1. Si descriva il concetto di memoria virtuale (esame del 19-06-2006)

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

Nuvola It Data Space

Nuvola It Data Space MANUALE UTENTE INDICE 1. Descrizione servizio... 3 1.1. Informazioni sul servizio di Telecom Italia... 3 1.2. Ruoli e Autenticazione per il servizio di Telecom Italia... 3 1.3. Strumenti... 5 1.4. Documentazione...

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB.

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. SISTEMI E RETI Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. CRITTOGRAFIA La crittografia è una tecnica che si occupa della scrittura segreta in codice o cifrata

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

Al prompt inserire il seguente comando per installare le applicazioni server di SAMBA:

Al prompt inserire il seguente comando per installare le applicazioni server di SAMBA: Server Samba Reti Windows Sommario Introduzione Installare SAMBA Configurare SAMBA Server Client Spesso le reti di computer sono costituite da sistemi eterogenei e, sebbene gestire una rete composta interamente

Dettagli

10. Interfaccia del File System

10. Interfaccia del File System 10. Interfaccia del File System 10.1 Il concetto di File 10.2 Metodi di accesso 10.3 Struttura delle Directory 10.4 Protezione (Leggere) 10.5 Semantica della Consistenza (Leggere) Un File System consiste

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Data Mining. Introduzione La crescente popolarità

Dettagli

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides Database Si ringrazia Marco Bertini per le slides Obiettivo Concetti base dati e informazioni cos è un database terminologia Modelli organizzativi flat file database relazionali Principi e linee guida

Dettagli

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Elettronica Corso di Reti di Telecomunicazioni Internet Protocol versione 4 Generalità sulle reti IP... 2 Lo header IP versione 4... 3 Concetti generali sugli

Dettagli

CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA

CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA Sistema pubblico di cooperazione: CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA Versione 1.1 INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO...3 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO... 4 2.1. Scopi del documento... 5 2.2. Note

Dettagli

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 15 - Guida all installazione e configurazione

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 15 - Guida all installazione e configurazione IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 15 - Guida all installazione e configurazione Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili

Dettagli

Indirizzi IP. Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento

Indirizzi IP. Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento Indirizzi IP Lo strato IP dell architettura TCP/IP fornisce principalmente le funzioni indirizzamento instradamento Lo schema di indirizzamento IP svolge più o meno la stessa funzione svolta dall indirizzo

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Protocollo. per le. Scommesse Ippiche PSIP

Protocollo. per le. Scommesse Ippiche PSIP PAG. 1 DI 170 13-01-2010 Protocollo per le Scommesse Ippiche PSIP PAG. 2 DI 170 INDICE INTRODUZIONE 9 1. ENTITÀ COINVOLTE 10 2. ALLINEAMENTO APPLICATIVO 11 3. CONVENZIONI DI CODIFICA 13 4. STRUTTURA DEI

Dettagli

Problema del naming. Modello di Naming

Problema del naming. Modello di Naming Sistemi Distribuiti Problema del naming 1 Modello di Naming Conoscenza reciproca delle entità / servizi In una relazione cliente/servitore il cliente deve avere un riferimento al servitore Problema della

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento INTERNET: IL FUNZIONAMENTO DELL INFRASTRUTTURA E DELLA RETE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento INTERNET: IL FUNZIONAMENTO DELL INFRASTRUTTURA E DELLA RETE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento INTERNET: IL FUNZIONAMENTO DELL INFRASTRUTTURA E DELLA RETE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

Risultati dell esame degli oggetti scaricati da BackDoor.Flashback sui Mac infetti

Risultati dell esame degli oggetti scaricati da BackDoor.Flashback sui Mac infetti Risultati dell esame degli oggetti scaricati da BackDoor.Flashback sui Mac infetti Il 27 aprile 2012 Il team della società Doctor Web continua a esaminare la prima nella storia botnet di vasta scala creata

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 2011 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL Fisica dell Informazione Il servizio World Wide Web (WWW) Come funziona nel dettaglio il Web? tre insiemi di regole: Uniform Resource Locator (URL) Hyper Text

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System Prof. Andrea Borghesan http://venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica 1 Modalità esame:

Dettagli

Protocollo. per il. Bingo a distanza (PBAD)

Protocollo. per il. Bingo a distanza (PBAD) Protocollo per il Bingo a distanza (PBAD) Pag. 2 di 23 Indice Premessa... 3 1 Modalità di comunicazione e tipologia dei dati... 3 2 Caratteristiche dei messaggi... 4 3 Elenco dei messaggi... 4 4 Sequenza

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD Il processo di KDD Introduzione Crescita notevole degli strumenti e delle tecniche per generare e raccogliere dati (introduzione codici a barre, transazioni economiche tramite carta di credito, dati da

Dettagli

Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione

Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione 3 febbraio 23 Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Area Rete Unitaria - Sezione Interoperabilità Allegato tecnico alle linee guida del servizio di trasmissione di documenti

Dettagli

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 INDICE 1. AVVERTENZE GENERALI... 3 1.1 BREVI CENNI SUL LINGUAGGIO XML... 3 2. CONTENUTO DELLA FORNITURA... 4 2.1 GENERALITÀ...

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza:

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza: DOMANDE 1) Definire i concetti di schema e istanza di una base di dati, fornendo anche un esempio. Si definisce schema di una base di dati, quella parte della base di dati stessa che resta sostanzialmente

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini Cosa e l informatica? Scienza del trattamento

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

Sommario Capitolo 1 Introduzione Capitolo 2 Tecnologie wireless Capitolo 3 La sicurezza

Sommario Capitolo 1 Introduzione Capitolo 2 Tecnologie wireless Capitolo 3 La sicurezza Sommario Capitolo 1 3 Introduzione 3 Capitolo 2 9 Tecnologie wireless 9 2.1. WAP: standardizzazione e Internet 9 2.2. Statistiche e potenzialità: l e-commerce 11 2.2.1. WAP e il mobile commerce 13 2.3.

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli