Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth"

Transcript

1 Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth I protocolli di service discovery permettono a dispositivi ed applicazioni di cercare servizi offerti da altri dispositivi ed applicazioni. Per servizio si intende un'entità in grado di fornire informazioni, eseguire un'azione o controllare una risorsa per conto di un'altra entità. Un servizio può essere implementato in software, hardware o una combinazione dei due. All'esigenza primaria di procedure standardizzate per scoprire i servizi disponibili sono legate altre problematiche: trovare e ottenere le modalità di accesso a un servizio, controllare l'accesso ai servizi, render noti i servizi offerti, scegliere tra servizi concorrenti, etc. L'esigenza di protocolli di service discovery è un problema di importanza crescente, in virtù del sempre maggior orientamento dei calcolatori alle reti. Molte aziende, enti di standardizzazione e consorzi lo stanno affrontando. Sono perciò nati diversi protocolli di service discovery, tra cui Service Location Protocol (SLP), Jini, Salutation, UPnP (Univeral Plug and Play) e UDDI (Universal Description Discovery and Integration). Tutte queste architetture funzionano in generale in modo simile. Un client effettua una richiesta a un directory server, che offre un catalogo di servizi, oppure a uno specifico fornitore di servizi. La richiesta può contenere esplicitamente un identificativo di risorsa con uno o più attributi. Il directory server o il fornitore di servizi cerca nel suo database le risorse aventi descrizioni corrispondenti ai criteri di ricerca e risponde al client con l'identificativo e l'ubicazione delle risorse trovate. Il Service Discovery Protocol (SDP) fa parte dello stack di protocolli Bluetooth e affronta il problema del service discovery in modo ottimizzato per la natura altamente dinamica delle comunicazioni Bluetooth. Il protocollo SDP si occupa essenzialmente di scoprire i servizi resi disponibili da o attraverso dispositivi Bluetooth; non definisce, invece, metodi per accedere ai servizi. Una volta che un servizio è stato trovato tramite SDP, può essere utilizzato mediante altri protocolli definiti dalla specifica Bluetooth; le modalità d'accesso dipendono dal particolare servizio. Il meccanismo di service discovery, schematizzato in Figura 1, permette ad un'applicazione client di scoprire l'esistenza e gli attributi dei servizi forniti da applicazioni server. Il Bluetooth SIG ha prodotto, inoltre, la specifica di un profilo per definire i requisiti implementativi del Service Discovery Protocol e le funzionalità minime richieste ai protocolli dei livelli inferiori nello stack Bluetooth. Esso è denominato Service Discovery Application Profile (SDAP) e delinea anche, tramite un insieme di primitive generiche, possibili modalità di utilizzo del 1 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

2 protocollo SDP da parte delle applicazioni utente. Per quanto concerne strettamente il Service Discovery Protocol, l'interazione avviene tra un client e un server SDP in una o più transazioni, ognuna formata da una richiesta e una risposta. Ciascuna richiesta o risposta consta a sua volta di un'unica PDU (Protocol Data Unit). Un dispositivo Bluetooth può agire sia da client sia da server SDP; se non fornisce servizi, non c'è bisogno del server. Ciascun dispositivo può avere un solo server e un solo client, che però possono operare per conto di diverse applicazioni. Le informazioni fornite da un server SDP riguardano solo i servizi offerti dal dispositivo su cui risiede: le specifiche vietano la possibilità che un dispositivo interroghi un altro per cercare i servizi presenti su un terzo dispositivo. Applicazione client Client SDP Richiesta SDP Risposta SDP Figura 1: Interazione nel protocollo SDP Applicazione server Server SDP 1. Record di servizio Per ciascun servizio che un dispositivo Bluetooth è in grado di offrire, il server SDP possiede uno e un solo record di servizio (service record), che contiene tutte le informazioni ad esso relative. Un record di servizio SDP è costituito unicamente da un elenco di attributi di servizio. Ogni attributo di servizio descrive una singola caratteristica di un servizio ed è composto da due elementi: 1. un identificativo (ID) di attributo a 16 bit; 2. un campo di lunghezza variabile, il cui formato e significato sono specificati dall'identificativo di attributo e dalla classe di servizi a cui il particolare servizio appartiene. Ogni servizio, infatti, appartiene almeno ad una classe di servizi. Una classe di servizi identifica una particolare tipologia di servizi e definisce: quali attributi possono essere presenti nel 2 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

3 service record per descrivere il servizio, il valore degli identificativi di tali attributi, il loro significato e il loro formato. Il Bluetooth SIG si occupa di standardizzare le classi di servizi. Non è necessario che ogni service record contenga effettivamente tutti gli attributi previsti dalla classe; se però contiene uno degli attributi previsti, il suo formato e il suo significato devono rispettare la specifica. Un fornitore di servizi può indicare ulteriori attributi di servizio, non previsti dalla specifica della classe di servizi, usando uno degli ID liberi. Ad ogni classe di servizi è associato anche un UUID (Universally Unique Identifier, identificativo universalmente univoco). Un UUID nella specifica SDP è definito come un numero intero a 128 bit di cui si assume garantita l'univocità ovunque e senza limiti di tempo. Non esiste un registro centralizzato di UUID, ma possono essere creati indipendentemente in maniera distribuita. La specifica prevede degli alias abbreviati a 16 o 32 bit per un intervallo di UUID riservato dal Bluetooth SIG, che ha definito anche l'algoritmo di traduzione di tali alias in UUID completi a 128 bit. A titolo d'esempio, alcuni dei più comuni attributi di servizio sono elencati in Tabella 1. Esistono solo due attributi che devono esser presenti in tutti i service record. Essi sono mostrati in Tabella 2. L'attributo ServiceRecordHandle identifica ciascun record di servizio in un server SDP mediante un handle a 32 bit. Il valore di un handle è univoco solo all'interno di un singolo server. Un unico handle ha il medesimo significato in ogni server SDP, quello che vale 0x e si riferisce al server SDP stesso. Nel corrispondente service record Nome ServiceClassIDList ProtocolDescriptorList ProviderName IconURL ServiceName ServiceDescription Descrizione Identifica il tipo di servizio rappresentato dal service record, attraverso una elenco di classi di servizio a cui appartiene. Indica i protocolli che possono essere utilizzati per accedere al servizio. Nome testuale dell'individuo o organizzazione che fornisce il servizio. Un URL che si riferisce ad un'immagine che può essere usata per rappresentare il servizio. Una stringa di testo contenente un nome del servizio comprensibile agli utenti umani. Una stringa di testo contenente una descrizione del servizio. possono essere presenti attributi che Tabella 1: Esempi di attributi di servizio SDP indicano la versione di protocollo SDP supportata e i protocolli di livello inferiore utilizzabili per la comunicazione. I valori di handle da 0x a 0x0000FFFF sono inoltre riservati. 3 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

4 L'attributo ServiceClassIDList, invece, è una sequenza di UUID che identificano le classi di servizi a cui il servizio appartiene. Nel paragrafo successivo esamineremo la rappresentazione dei dati nel protocollo SDP. Nome ID attributo Tipo di valore dell'attributo ServiceRecordHandle 0x0000 Intero senza segno a 32 bit ServiceClassIDList 0x0001 Data Element Tabella 2: Attributi di servizio SDP obbligatori Valore del descrittore di tipo Valori validi per il descrittore di lunghezza 0 0 Nil, il tipo nullo 1 0,1,2,3,4 Intero senza segno Descrizione del tipo 2 0,1,2,3,4 Intero con segno in complemento a 2 3 1,2,4 UUID, identificativo universalmente univoco 4 5,6,7 Stringa di testo 5 0 Booleano 6 5,6,7 Data Element, un Data Element il cui campo dati è una sequenza di Data Element 7 5,6,7 Data Element Alternative, un Data Element il cui campo dati è una sequenza di Data Element da cui occorre sceglierne uno 8 5,6,7 URL 9-31 Riservati Tabella 3: Possibili valori del descrittore di tipo di un Data Element SDP. Per il significato del valore del descrittore di lunghezza, si veda la Tabella Rappresentazione dei dati Per permettere la rappresentazione di valori di complessità arbitraria per gli attributi di servizio, il protocollo SDP prevede una struttura di dati flessibile che prende il nome di Data Element. Essa è composta da un'intestazione (header) di 8 bit e un campo di dati, la cui lunghezza e struttura dipendono dall'header. L'intestazione è a sua volta suddivisa in due parti: 1. descrittore di tipo (5 bit): indica come interpretare il campo di dati. La Tabella Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

5 mostra i tipi definiti dallo standard; 2. descrittore di lunghezza (3 bit): indica la lunghezza del campo di dati, come mostrato in Tabella 4. Dalla Tabella 3 si osserva, inoltre, che in base al tipo di Data Element solo alcuni valori sono ammessi per il descrittore di lunghezza. Valore del descrittore di lunghezza Bit aggiuntivi Lunghezza dei dati byte. Eccezione: se il tipo è nil, la lunghezza è 0 byte byte byte byte byte 5 8 La lunghezza dei dati è contenuta negli 8 bit aggiuntivi, che vanno interpretati come un intero senza segno 6 16 La lunghezza dei dati è contenuta nei 16 bit aggiuntivi, che vanno interpretati come un intero senza segno 7 32 La lunghezza dei dati è contenuta nei 32 bit aggiuntivi, che vanno interpretati come un intero senza segno Tabella 4: Possibili valori del descrittore di lunghezza di un Data Element SDP 3. Modalità del service discovery: searching e browsing Per permettere il reperimento dei servizi di interesse il protocollo SDP prevede due modalità di ricerca. Searching: è la transazione di ricerca di un servizio a partire dal valore di uno o più dei suoi attributi. Non è consentita la ricerca per qualsiasi tipo di attributo, ma solo per quelli di tipo UUID, che generalmente sono usati per denotare le caratteristiche distintive di un servizio. Il client effettua una ricerca inviando un search pattern costituito da uno o più UUID. Il criterio di ricerca si considera soddisfatto dai record di servizio che contengono tra i loro attributi tutti gli UUID specificati, a prescindere da quali attributi effettivamente li contengano e dall'ordine. Browsing: è la modalità di ricerca adatta a scoprire quali tipi di servizi sono offerti da un server SDP senza avere alcuna conoscenza a priori. Il meccanismo si basa su 5 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

6 un'organizzazione ad albero di gruppi di servizi. Ciascun gruppo può contenere servizi o sottogruppi di servizi forniti dal server SDP. I sottogruppi sono rappresentati da service record aventi classe di servizio BrowseGroupDescriptor. Ogni gruppo o sottogruppo, a partire dal nodo radice della gerarchia (detto root browse group), è identificato da un UUID. Se i servizi sono pochi, tipicamente al server SDP converrà inserirli tutti sotto il nodo radice. L'esplorazione di quest'albero da parte del client avviene attraverso un particolare attributo di servizio, condiviso da tutte le classi di servizi: esso è detto BrowseGroupList e il suo valore consiste in un elenco di UUID che indicano i gruppi a cui il servizio (o il sottogruppo) appartiene. Per iniziare il browsing, dunque, il client effettuerà una ricerca inviando come pattern l'uuid del root browse group; il server restituirà i riferimenti ai servizi e ai sottogruppi che appartengono ad esso. Il client potrà poi esplorare il contenuto di un sottogruppo inviando come criterio di ricerca l'uuid che lo identifica, e così via. Intestazione Parametri PDU ID Transaction ID ParameterLength Parametro 1 Parametro 2... Parametro n 1 byte 2 byte 2 byte ParameterLength byte Tabella 5: Formato di una PDU per il protocollo SDP 4. Formato di Protocol Data Unit Come già accennato, ogni transazione SDP consta di una Protocol Data Unit (PDU) di richiesta e una di risposta. La struttura di una PDU per il protocollo SDP è mostrata in Tabella 5 ed è descritta di seguito. PDU ID Descrizione del tipo di PDU PDU ID: identifica il 0x00 Riservato tipo di PDU, cioè indica il suo significato e specifica i parametri contenuti. La Tabella 6 mostra i tipi di PDU definiti dallo standard. 0x01 SDP_ErrorResponse 0x02 SDP_ServiceSearchRequest 0x03 SDP_ServiceSearchResponse 0x04 SDP_ServiceAttributeRequest 0x05 SDP_ServiceAttributeResponse 0x06 Transaction ID: SDP_ServiceSearchAttributeRequest 0x07 SDP_ServiceSearchAttributeResponse identifica ogni nuova 0x08-0xFF Riservati richiesta e serve a far Tabella 6: Tipi di PDU previsti dal protocollo SDP 6 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

7 corrispondere le PDU di risposta alle rispettive richieste. Un client SDP non può inviare una PDU con questo campo uguale ad una PDU inviata in precedenza e a cui non abbia già ricevuto risposta. ParameterLength: indica la lunghezza complessiva, in byte, dei parametri della PDU trasmessa. Prima di esaminare i tipi di transazioni SDP e le relative PDU, è opportuno accennare a due circostanze che possono verificarsi. Se il server SDP riceve una richiesta non correttamente formulata o non è in grado, per qualsiasi motivo, di rispondere con la PDU appropriata, risponderà con una PDU di tipo SDP_ErrorResponse. Essa ha come parametri un codice che identifica il tipo di errore verificatosi e un campo opzionale di informazioni aggiuntive. Se invece la risposta è troppo lunga per esser contenuta in un'unica PDU, il server SDP invierà solo una parte della risposta e, in aggiunta ai parametri normalmente previsti dal tipo di PDU inviato, inserirà un campo detto continuation state information. Il client, per ottenere il resto della risposta, invierà allora un'altra PDU di richiesta dello stesso tipo della precedente (ma con un diverso Transaction ID), a cui accluderà il valore di continuation state ricevuto. In questo modo il server saprà che il client desidera ricevere la parte successiva della risposta. 5. Transazioni SDP L'attuale specifica SDP prevede tre tipi di transazioni, descritte in questo paragrafo. 1. SDP_ServiceSearch: consiste nella ricerca di servizi mediante UUID, spiegata in 3. E' composta da una PDU di richiesta di tipo SDP_ServiceSearchRequest, con cui il client invia il pattern di ricerca, e da una risposta di tipo SDP_ServiceSearchResponse, in cui il server invia gli handle dei service record che soddisfano la richiesta. I parametri di cui si compongono queste due PDU sono descritti rispettivamente in Tabella 7 e Tabella SDP_ServiceAttribute: il client SDP invia una PDU di tipo SDP_ServiceAttributeRequest per richiedere il valore di determinati attributi di un particolare service record. Il server SDP risponde con una PDU di tipo SDP_ServiceAttributeResponse. I parametri di tali PDU sono descritti in dettaglio rispettivamente in Tabella 9 e Tabella SDP_ServiceSearchAttribute: questa transazione combina le due precedenti in un'unica richiesta. Il client SDP invia, in una PDU di tipo 7 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

8 SDP_ServiceSearchAttributeRequest, un pattern di ricerca e un elenco di attributi da restituire per i record che lo soddisfano. Il server SDP risponde restituendo una PDU di tipo SDP_ServiceSearchAttributeResponse. I parametri di queste due PDU sono descritti rispettivamente in Tabella 11 e Tabella 12. Parametro Tipo Descrizione ServiceSearch Pattern MaximumService RecordCount Data Element Intero a 16 bit Intero a 8 bit Criterio di ricerca costituito da una sequenza di UUID (al massimo 12). Numero massimo di handle di record di servizio da restituire nella risposta. Numero di byte di lunghezza del valore di continuation state ricevuto in una precedente risposta. Se non deve essere fornito un valore di continuation state, questo parametro è posto a 0. Tabella 7: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceSearchRequest Parametro Tipo Descrizione TotalService RecordCount CurrentService RecordCount ServiceRecord HandleList Intero a 16 bit Intero a 16 bit Lista di handle a 32 bit Intero a 8 bit Numero totale di record di servizio che soddisfano il criterio di ricerca. Se nessun record corrisponde, è posto a 0. Non deve mai superare il valore di MaximumServiceRecordCount specificato nella richiesta. In caso di più risposte parziali ad una richiesta, questo parametro ha sempre lo stesso valore. Numero di record di servizio contenuti nel parametro successivo. Se nessun record corrisponde, è posto a 0. Non deve mai superare il valore di MaximumServiceRecordCount specificato nella richiesta. Contiene una successione di handle a 32 bit, ciascuno relativo ad un service record che soddisfa il criterio di ricerca. Non è presente un'intestazione né una struttura di tipo Data Element. Numero di byte di lunghezza del valore di continuation state inviato in caso di risposta parziale. Se la risposta è completa, questo parametro è posto a 0. Tabella 8: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceSearchResponse 8 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

9 Parametro Tipo Descrizione ServiceRecord Handle Maximum Attribute ByteCount AttributeIDList Handle a 32 bit Intero a 16 bit Data Element Intero a 8 bit Individua il service record da cui estrarre gli attributi richiesti. L'handle deve esser stato ottenuto da una precedente transazione di SDP_ServiceSearch. Numero massimo di byte di dati relativi agli attributi da restituire nella risposta. Se i valori degli attributi richiedono più spazio di quanto specificato in questo parametro, il server SDP dovrà decidere come suddividere la risposta. Sequenza di Data Element che contiene gli identificativi degli attributi oggetto della richiesta. Ogni elemento è un intero senza segno a 16 bit, che rappresenta un ID di attributo, oppure un intero senza segno a 32 bit, che rappresenta un intervallo di ID di attributi (i 16 bit più significativi indicano l'estremo inferiore e i 16 bit meno significativi l'estremo superiore dell'intervallo). Gli ID degli attributi richiesti devono essere indicati in ordine crescente e senza ripetizioni. Come il parametro omonimo in SDP_ServiceSearchRequest (cfr. Tabella 7) Tabella 9: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceAttributeRequest Parametro Tipo Descrizione AttributeList ByteCount AttributeList Intero a 16 bit Data Element Intero a 8 bit Numero di byte del parametro successivo. Non deve mai superare il valore di MaximumAttributeByteCount specificato nella richiesta. Contiene una sequenza di coppie di Data Element. Ogni coppia è formata dall'id di uno degli attributi richiesti e dal rispettivo valore. Tra gli attributi richiesti non devono essere restituiti quelli per cui non è definito un valore nel service record in possesso del server SDP. Gli ID devono essere in ordine crescente. Come il parametro omonimo in SDP_ServiceSearchResponse (cfr Tabella 8) Tabella 10: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceAttributeResponse 9 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

10 Parametro Tipo Descrizione ServiceSearch Pattern Maximum AttributeByteCount AttributeIDList Data Element Come il parametro omonimo in SDP_ServiceSearchRequest (cfr. Tabella 7) Intero a 16 bit Come il parametro omonimo in SDP_ServiceAttributeRequest (cfr. Tabella 9) Data Element Come il parametro omonimo in SDP_ServiceAttributeRequest (cfr. Tabella 9) Intero a 8 bit Come il parametro omonimo in SDP_ServiceSearchRequest (cfr. Tabella 7) Tabella 11: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceSearchAttributeRequest Parametro Tipo Descrizione AttributeLists ByteCount AttributeLists Intero a 16 bit Data Element Intero a 8 bit Numero di byte del parametro successivo. Non deve mai superare il valore di MaximumAttributeByteCount specificato nella richiesta. Ogni elemento della sequenza è a sua volta un Data Element, che rappresenta una lista di attributi relativa ad un service record che soddisfa i criteri di ricerca. Ogni lista di attributi è costituita da una sequenza di coppie di Data Element. Ogni coppia è formata dall'id di uno degli attributi richiesti e dal rispettivo valore. Tra gli attributi richiesti non devono essere restituiti quelli per cui non è definito un valore nel service record in possesso del server SDP. All'interno di ogni lista di attributi, gli ID devono essere in ordine crescente. Come il parametro omonimo in SDP_ServiceSearchResponse (cfr. Tabella 8) Tabella 12: Parametri di una PDU di tipo SDP_ServiceSearchAttributeResponse 10 - Bluetooth Service Discovery Protocol Floriano Scioscia - SisInfLab

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Organizzazione Gerarchica dei file

Organizzazione Gerarchica dei file Il numero di file che devono essere memorizzati su un disco può essere estremamente elevato Si ha quindi la necessità di mantenere i file in una forma ordinata Un unico spazio (contenitore) di file è scomodo

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo Ricapitoliamo Finora ci siamo concentrati sui processi computazionali e sul ruolo che giocano le procedure nella progettazione dei programmi In particolare, abbiamo visto: Come usare dati primitivi (numeri)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I.

Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I. Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I. 1. PREMESSA sulle MODALITA' di UTILIZZO Fedra Plus 6 può essere utilizzato in: in modalità interattiva; da interfaccia (GUI),

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli