Il Data Meaning Discovery - Scenari e applicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Data Meaning Discovery - Scenari e applicazioni"

Transcript

1 Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Research for Enterprise Systems Cristina Vecchietti Direttore Applicazioni e Architetture Il Data Meaning Discovery - Scenari e applicazioni

2 Perché Data Meaning Discovery perché il significato funzionale dei dati non è più così scontato (ammesso che lo sia mai stato) Nell evoluzione dei grandi sistemi verso il mondo distribuito, al decentramento delle applicazioni fa seguito anche se con ritmi più lenti, il decentramento dei dati. Sempre più frequentemente le nuove applicazioni vengono acquisite come prodotti di mercato, con maintenance esterno all organizzazione. Di conseguenza, all interno dell organizzazione, diventa sempre più complesso acquisire la conoscenza delle nuove basi dati, soprattutto sul piano funzionale. Il ricorso alla naming di archivi ed informazioni elementari come criterio di orientamento ad un possibile significato viene ancor più vanificato in caso di pacchetti applicativi presenti sul mercato internazionale. Il problema diventa più evidente quando sono i comparti aziendali di estrazione tecnico-sistemistica a doversi fare carico, a volte impropriamente, di operazioni sui dati che ne richiedono la conoscenza funzionale. 3

3 Perché Data Meaning Discovery 4

4 Quando e a chi serve conoscere il significato dei dati... e quali dati restringiamo il perimetro d interesse La risposta più istintiva sarebbe probabilmente : sempre / a tutti / ogni tipo di dato Contestualizziamo perciò la tematica ad un ambito specifico, seguendo il filo conduttore della Data Governance Quando In occasione di attività e progetti in cui occorre riconoscere l appartenenza ad una specifica classe (metadato), di una o più informazioni di cui si ignora il significato. E il caso tipico dei progetti di mascheratura dove» Sono note e limitate le classi di dati riservati (es. dati anagrafici e codici di uso corrente)» Sono identificabili come appartenenti a tali classi un numero limitato di informazioni, presenti su archivi primari (Anagrafe Generale)» Più difficilmente identificabili le informazioni riservate, distribuite su archivi secondari o di procedure collaterali / decentrate Con una diversa finalità, il discovery può applicarsi ad attività di controllo di qualità dei dati» in questo caso è certo il significato dell informazione, ovvero la sua classe di appartenenza, ma potrebbe non essere altrettanto certo il grado di rispondenza del contenuto alle caratteristiche di classe attese. (es. un campo Codice Fiscale potrebbe contenere un valore sintatticamente errato) 5

5 Quando e a chi serve conoscere il significato dei dati... e quali dati restringiamo il perimetro d interesse A chi serve Agli applicativi che si trovano a prendere in carico la gestione di nuove procedure o nuove versioni o estensioni di procedure esistenti, senza averne potuto approfondire il disegno dati A ruoli trasversali che normalmente supportano l applicativo sul fronte dati, quali Data administrator e Database administrator, o ruoli di natura prevalentemente tecnico-sistemistica che su specifiche problematiche (come il masking appunto) operano in luogo degli applicativi Quali dati Le possibili rappresentazioni dei dati che transitano in un organizzazione medio-grande sono estremamente variegate. Riportiamo pertanto il perimetro d interesse ai dati di business dell organizzazione, in particolare ai dati strutturati che si trovano nelle basi dati operative delle applicazioni. 6

6 DMD System: principi e funzioni perché Data Meaning Discovery System Nasce da nostre esperienze pregresse e da requirement di clienti interessati alla mascheratura in contesti di difficoltà a localizzare punti e modalità d intervento. E una componente di analisi dei contenuti degli archivi, volta a fornire il significato più probabile dei singoli campi in essi contenuti. Seleziona dagli archivi operativi campioni di dati, ridotti ma rappresentativi, consentendo così di contenere significativamente i tempi di elaborazione DMD è una componente LUW in grado di analizzare Tabelle DB2 su Zos Tabelle di DBMS dipartimentali» Oracle» SQLServer» DB2 UDB» MySQL Il sistema è aperto a trattare file sequenziali e file CSV. 7

7 DMD System: principi e funzioni Basi del riconoscimento del dato Il riconoscimento della Data Class può avvenire in modalità diverse a seconda della tipologia di campo In base al grado di matching delle parole contenute nel campione rispetto ad un insieme di elementi precostituito e certificato di valori (parole o keyword) Es. parole di Nomi propri, Cognomi, Denominazioni societarie Statistic Data Value STATISTIC LOOKUP TABLE In base al grado di matching dei valori contenuti rispetto ad un dominio predefinito di codici Es. Codici provincia, Codici nazione, Codice Fiscale Comune Domain Data Value DOMAIN LOOKUP TABLE In base alla prevalente rispondenza dei valori contenuti rispetto ad un formalismo riconosciuto Codice fiscale, Partita IVA, Credit Card Specific Data Value SPECIFIC DISCOVERY FUNCTION 8

8 DMD System: principi e funzioni Dipendenza dal contesto: flessibilità e adattamento In una estrema variabilità del contesto di lavoro: Strutture dei dati Scopi del riconoscimento Dipendenza territoriale / linguistica Il sistema deve essere flessibile e adattabile: Parametrizzazione dell ambito del discovery» DBMS» Archivi» Campi» Tipologie di analisi» Ampiezza del campione su cui si vuole attuare il processo Esternalizzazione degli oggetti e dei processi dipendenti dal contesto :» Statistic Lookup Tables» Domain Lookup Tables» Specific Discovery Functions 9

9 DMD System: principi e funzioni Fruibilità dei risultati In un ottica di servizio ad utenti diversi e con esigenze variegate, DMD System si pone l obiettivo di costituire un supporto efficace per immediatezza e fruibilità delle sue rilevazioni. Riscontro immediato sulla ricognizione del significato funzionale, con rapporti di elaborazione di tipo volatile (testo) per ogni campo degli archivi analizzati Rapporto di sintesi per ogni dataclass per cui è stato richiesto il riconoscimento Log esteso opzionale Capitalizzazione dei dati rilevati in forma strutturata e persistente su base dati relazionale, aperta ad interrogazioni e ed elaborabile ai fini decisionali: il DMD Repository disponibile su DB2 / ORACLE / SQL Server / MYSql Dotazione nativa di evidenze di base ottenibili dal Repository. 10

10 DMD System: flow dell attività di discovery Fase preliminare e fase operativa Identificazione DataClass Identificazione Archivi / Campi Anchor Point Identificazione Archivi oggetto di discovery Screening campi candidabili Elaborazione della Discovery Session Parametrizzazione della Discovery Session Alimentazione iniziale Statistic Lookup Customizzazione Domain Lookup e Specific Functions Analisi dei risultati Attribuzione delle dataclass più probabili Ritaratura Statistic Lookup (Autoapprendimento) RESTART 11

11 Flow dell attività di discovery - fase preliminare Identificazione DataClass Nomi / Cognomi Toponimi Codici Fiscali Identificazione Archivi / Campi Anchor Point Identificazione DataClass Screening campi candidabili 12

12 Flow dell attività di discovery - fase operativa Alimentazione iniziale Statistic Lookup L identificazione delle lookup tables necessarie dipende dalle classi di dato oggetto del discovery. Le lookup in dotazione nativa a DMD System potrebbero non essere del tutto applicabili. Il sistema può sopperire con automatismi di alimentazione iniziale delle Lookup tables di tipo statistico, basandosi sugli anchor point dichiarati in fase d impianto: es. gli archivi di Anagrafe Generale di cui sono noti i campi sensibili che rappresentano la fonte dl processo. Value Frequency MÜLLER ROSSI 0,57332% 0,65978% Cognomi SCHMIDT FERRARI 0,48326% 0,38849% SCHNEIDER COLOMBO 0,39198% 0,36917% FISCHER BIANCHI 0,33814% 0,31036% Nomi MEYER RUSSO 0,29965% 0,30993% WEBER ESPOSITO 0,25768% 0,20347% Value Frequency GIUSEPPE MARK 3,7870% 2,8024% GIOVANNI FRANK 2,6387% 2,2165% ANTONIO KARL 2,4461% 2,0547% MARIO PETER 2,1314% 1,8756% FRANCESCO BRIGIT 2,0753% 1,7432% MARIA KRISTEN 1,9935% 1,6745% 13

13 Flow dell attività di discovery - fase operativa La Discovery Session La Discovery Session si configura come un iterazione di Discovery Unit Discovery Unit: l unità minima autoconsistente di discovery riferita ad un singolo archivio. E un contenitore logico che consente all utente di raggruppare le elaborazioni di discovery di più archivi, sulla base di propri criteri, di tipo funzionale o tecnico, es: appartenenza alla stessa applicazione appartenenza allo stesso database per owner per pattern di naming liste di data type Discovery Session PARM TAB01 PARM TAB02 PARM TAB03 DMD admin... 14

14 Flow dell attività di discovery - fase operativa Esempio di Discovery Unit - Struttura tabella candidata Da catalogo : TBM123C no remarks COLNAME COLNO KEYSEQ COLTYPE LENGTH SCALE NULLS DEFAULT REMARKS FLD DECIMAL 9 0 Y Y FLD CHAR 11 0 N N FLD CHAR 16 0 N N FLD CHAR 1 0 N N FLD CHAR 50 0 N N FLD DATE 4 0 Y Y FLD CHAR 2 0 Y Y FLD CHAR 30 0 N N FLD CHAR 20 0 N N FLD CHAR 50 0 N N FLD CHAR 20 0 N N FLD CHAR 3 0 N N FLD CHAR 16 0 N N FLD CHAR 30 0 N N 15

15 Flow dell attività di discovery - fase operativa Esempio di Discovery Unit : DataClass di interesse per persona fisica Campi candidati Nome ( campo dedicato) Cognome(campo dediicato) Cognome e nome (stesso campo) Toponimo Comune Provincia Codice Fiscale Partita IVA Credit Card COLNAME COLTYPE LENGTH SCALE FLD001 DECIMAL 9 0 FLD002 CHAR 11 0 FLD003 CHAR 16 0 FLD004 CHAR 1 0 FLD005 CHAR 50 0 FLD006 DATE 4 0 FLD007 CHAR 2 0 FLD008 CHAR 30 0 FLD009 CHAR 20 0 FLD010 CHAR 50 0 FLD011 CHAR 20 0 FLD012 CHAR 3 0 FLD013 CHAR 16 0 FLD014 CHAR

16 Flow dell attività di discovery - fase operativa DMD admin Discovery Unit Esempio: parametrizzazione EntityTableName=RESADD.TBM123C ConnectionParms Field=FLD001,DECIMAL,9,0 Field=FLD002,CHAR,11,0 Field=FLD003,CHAR,16,0 Field=FLD005,CHAR,50,0 Field=FLD007,CHAR,2,0 Field=FLD008,CHAR,30,0 Field=FLD009,CHAR,20,0 Field=FLD010,CHAR,50,0 Field=FLD011,CHAR,20,0 Field=FLD013,CHAR,16,0 Field=FLD014,CHAR,30,0 LookupFile=Look-Stats-Cognomi LookupFile=Look-Stats-Nomi LookupFile=Look-Stat-Nomi-Cognomi LookupFile=Look-Dom-Province LookupFile=Look-Stats-Comuni LookupFile=Look-Stats-Toponimi SpecificValueClass=CodiceFiscale SpecificValueClass=PartitaIva SpecificValueClass=CreditCard MaxLines=1000 AnalysisOutputFile=TBM123C-DB2-OUT.tx PARAMETRI DI LOCALIZZAZIONE TABELLA DICHIARAZIONE CAMPI CANDIDATI DICHIARAZIONE LOOKUP (Statistic e Domain) SPECIFIC DISCOVERY FUNCTIONS MAX NUMERO DI RIGHE Riferito al campione da analizzare. Il sistema preleva un numero di righe nell intorno del valore indicato intervallandole opportunamente NOME FILE ESTERNO dove riversare la Reportistica volatile 17

17 Flow dell attività di discovery - uso delle rilevazioni TBM123C.FLD005 Affinity Index Analisi TBM123C.FLD TOPONIMO COMUNE NOME COGNOME COGNOME E NOME Affinity Index 10 Affinity Index Confidence 0 TOPONIMO COMUNE NOME COGNOME Value Data Class COGNOME E NOME 18

18 Flow dell attività di discovery - uso delle rilevazioni TBM123C.FLD008 Affinity Index 1 2 Analisi TBM123C.FLD NOME COGNOME E NOME COGNOME 19 TOPONIMO COMUNE Affinity Index Affinity Index Confidence 0 NOME COGNOME E NOME COGNOME TOPONIMO Value Data Class COMUNE 19

19 Flow dell attività di discovery - uso delle rilevazioni Discovery Unit Esempio : Sintesi risultati da Repository, valori massimi degli indicatori*???? COLNAME COLTYPE LENGTH SCALE FLD001 DECIMAL 9 0 FLD002 CHAR 11 0 FLD003 CHAR 16 0 FLD004 CHAR 1 0 FLD005 CHAR 50 0 FLD006 DATE 4 0 FLD007 CHAR 2 0 FLD008 CHAR 30 0 FLD009 CHAR 20 0 FLD010 CHAR 50 0 FLD011 CHAR 20 0 FLD012 CHAR 3 0 FLD013 CHAR 16 0 FLD014 CHAR 30 0 Field Name DataClass SDtClass Observations frequency SDtClass Observations number FLD002 PartitaIva 88% 14 FLD003 CodiceFiscale 98% 926 Field Name DataClass Affinity Index Affinity Index Confidence FLD005 COGNOME E NOME FLD007 SIGLA PROVINCIA FLD008 COMUNE FLD014 COMUNE 3 93 FLD014 NOME 3 93 * Esclusi i valori logicamente nulli 20

20 Flow dell attività di discovery - uso delle rilevazioni Discovery Unit Esempio : Verifica sui dati FLD002 FLD003 FLD005 FLD007 FLD008 FLD009 FLD010 FLD011 FLD013 FLD014 CPSCTN72P54F205Q CAPASSO COSTANZA MI MILANO AO MILANO MRTSRI68R20Z330X MARTIN SIRO EE CASABLANCA SNTTBO40L03C145H SANTAROSSA TOBIA PC CASTELL' ARQUATO LMBNCC39R30E511E LOMBARDI NUCCIO VA LEGGIUNO SANGIANO DRSSBL75R66G062E DE ROSA ISABEL VB OMEGNA CRZLXA60E02L682T CORAZZA ALEX 0 VARESE MRNDTL43S51L219U MARIANI DONATELLA TO TORINO BLTGNT71A62F839S BELTRAME GIACINTA NA NAPOLI RSSLSA66C04F704X ROSSI ALOISIO MI MONZA AJ SESTO S. GIOVANNI MRNPRZ64T08E734G MARINELLI PATRIZIO VA LUINO BRBPFR63B14Z216G BARBERO PIERFERDINANDO EE MALVAR NTNJTH81B10L682U ANTONINI JONATHAN VA VARESE GRBNEE59A28I725M GRUBER ENEA RC SIDERNO MARINA BRTSBN73S23I073W BARTOLINI SABINO NA SAN PAOLO BEL SITO AO SAN PAOLO B. DRIKRA72B26D869Q DI IORIO AKIRA VA GALLARATE PDRLBR57D30E014K PEDROTTI ILDEBRANDO ME GIARDINI NAXOS PRDDNL75B57C665L PARODI DANIELA TO CHIVASSO CSDMYA71L49G337Q CASADEI MAYA PR PARMA FRRRCE66A17L736U FERRERO ERIC VE VENEZIA MAIL.COM AK COMUNE DI VENEZIA PartitaIva CodiceFiscale Cognome e nome Prov Comune Num Tel. Num Tel. Num. Doc. Ente Emiss. Dataclass non richieste Ambiguo 21

21 Flow dell attività di discovery - uso delle rilevazioni Discovery Unit Gli indicatori di rilevanza - Statistic & Domain Data Value Class AFFINITY INDEX Indicatore numerico del grado di affinità dell'informazione rispetto alla DataClass. I valori possono variare da 0 a 100. AFFINITY INDEX CONFIDENCE Indicatore numerico del grado di affidabilità con cui è stato determinato il valore dell'affinity index associato. I valori possono variare da 0 a 100. La valutazione dell Affinity index non può essere disgiunta da quella dall'affinity index confidence per la stessa DataClass: inoltre deve essere confrontata con le analoghe valutazioni ottenute sullo stesso campo per le altre DataClass indicate. Il processo di riconoscimento si riconduce pertanto alla rilevazione del valore relativo più elevato fra tutti gli Affinity index calcolati per una determinata colonna, avvalorato da un Affinity index confidence massimo o prossimo al massimo fra quelli rilevati. 22

22 Flow dell attività di discovery - uso delle rilevazioni Discovery Unit Gli indicatori di rilevanza - Specific Data Value Class L approccio di analisi varia rispetto ai precedenti perché si basa non sul confronto con valori di riferimento, bensì sulla base del grado di rispondenza strutturale o formale a una specifica data class, tipicamente codici di interesse che possiedono una struttura riconoscibile, come codice fiscale, partita IVA, codice di carta di credito. Cambiano pertanto anche gli indicatori. OBSERVATIONS FREQUENCY Indicatore di maggior rilievo per questa classe, fornisce il rapporto fra il numero dei riscontri positivi sul totale dei valori analizzati OBSERVATIONS NUMBER Completa il precedente fornendo un dato quantitativo assoluto dei riscontri positivi. 23

23 Flow dell attività di discovery - I Log di dettaglio su stampa Discovery Unit Esempio: istogramma dei valori rilevati (specific value) Column name: FLD003 Data type: 1 Precision: 16 Scale: 0 Length: 16 Nullable: 0 Candidate key: 1 Num values: 948 Min value: 2nd Min value: nd Max value: ZZISST65P02H119R Max value: ZZLRTI66H69F065Z SIGLA PROVINCIA: Affinity index = 0 - Affinity index confidence = 100 COGNOME: Affinity index = 0 - Affinity index confidence = 100 COMUNE: Affinity index = 0 - Affinity index confidence = 100 NOME: Affinity index = 0 - Affinity index confidence = 100 COGNOME E NOME: Affinity index = 0 - Affinity index confidence = 100 TOPONIMO: Affinity index = 0 - Affinity index confidence = Specific values histogram follows -- Data class: CodiceFiscale -- --Frequency: % Number of observations: 926 Look-Stats-Cognomi Look-Stats-Nomi Look-Stat-Nomi-Cognomi Look-Dom-Province Look-Stats-Comuni Look-Stats-Toponimi SpecificValueClass=CodiceFiscale SpecificValueClass=PartitaIva SpecificValueClass=CreditCard 24

24 Flow dell attività di discovery - I Log di dettaglio su stampa Discovery Unit Esempio: istogramma dei valori rilevati (statistic value) Column name: FLD005 Num values: 2262 Min value: ABBASSI MOHAMED NACEUR BEN 2nd Min value: ABEYSINGHE HERATH MUDIYANSELAG 2nd Max value: ZOUHIRI ABDERRAZZAK Max value: ZUNINO NICO SIGLA PROVINCIA: Affinity index = 0 - Affinity index confidence = 46 COGNOME: Affinity index = 13 - Affinity index confidence = 48 COMUNE: Affinity index = 5 - Affinity index confidence = 49 NOME: Affinity index = 9 - Affinity index confidence = 47 COGNOME E NOME: Affinity index = 18 - Affinity index confidence = 50 TOPONIMO: Affinity index = 4 - Affinity index confidence = 50 TOPONIMO(TIPO): Affinity index = 0 - Affinity index confidence = 46 Persona Giuridica: Affinity index = 0 - Affinity index confidence = Values histogram follows -- Frequency: 1.415% Number of observations: Value(s): DI Frequency: 1.194% Number of observations: Value(s): DE Frequency: 0.928% Number of observations: Value(s): ROSSI Frequency: 0.707% Number of observations: Value(s): LUCA Frequency: 0.663% Number of observations: Value(s): MARIA Frequency: 0.575% Number of observations: Value(s): FRANCESCO;MARCO Frequency: 0.531% Number of observations: Value(s): EL;RICCI Frequency: 0.486% Number of observations: Value(s): ANTONIO;FERRARI;MARINO Frequency: 0.442% Number of observations: Value(s): GIOVANNI;MANCINI;STEFANO Frequency: 0.398% Number of observations: Value(s): ANDREA;PAOLO;ROBERTO Frequency: 0.354% Number of observations: Value(s): COLOMBO Frequency: 0.309% Number of observations: Value(s): BRUNO;CONTI;GIORDANO;MARIO;MARTINO;MAURIZIO;MORO;SANTORO... Frequency: 0.044% Number of observations: Value(s): AB;ABDALLAH;ABDELAZIZ;ABDELHAKIM;... ZOCCHEDDU;ZORAN;ZOUHIRI;ZULIMO;ZUNINO Look-Stats-Cognomi Look-Stats-Nomi Look-Stat-Nomi-Cognomi Look-Dom-Province Look-Stats-Comuni Look-Stats-Toponimi SpecificValueClass=CodiceFiscale SpecificValueClass=PartitaIva SpecificValueClass=CreditCard 25

25 DMD System: sinergie per la Data Governance DMD System e Daisy / Daisy DM Oggi DMD System e le soluzioni RES Suite per il subsetting e il data masking sono componenti separate. Le Discovery Sessions possono essere attivate preliminarmente come elaborazioni propedeutiche all impostazione di progetti soprattutto di mascheratura dei dati. La componente amministrativa a supporto delle attività preliminari di parametrizzazione delle discovery session è in fase di sviluppo. La disponibilità della soluzione nella sua configurazione completa, come previsto dai piani di realizzazione approvati, si avrà con il rilascio della RES Suite Enterprise Version 1.0. Nell ambito della RES Suite EV 1.0, DMD System verrà integrato nella Suite per la Data Governance, al fine di poter sviluppare le più efficaci sinergie con le soluzioni per il Subsetting / Data Masking e per la Data Quality. 26

26 Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Research for Enterprise Systems Cristina Vecchietti Direttore Applicazioni e Architetture RES Viale Piero e Alberto Pirelli, Milano IT: IT M Grazie

Scriviamo insieme il futuro

Scriviamo insieme il futuro Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Research for Enterprise Systems 1 2011 2014: Anni di forte evoluzione societaria e tecnologica Evoluzione della società Da Divisione

Dettagli

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informatica B Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS Contenuti Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informazioni e dati Dato: elemento semanticamente significativo (data, codice, ecc.),

Dettagli

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB)

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DB2Presentazione2009.pdf Sistemi Informativi L-A DB2 Universal

Dettagli

Scriviamo insieme il futuro

Scriviamo insieme il futuro Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Research for Enterprise Systems 1 Generale - 1 Obbiettivo Fornire al Cliente uno strumento a supporto della problematica Legata

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Corso sul linguaggio SQL

Corso sul linguaggio SQL Corso sul linguaggio SQL Modulo L2B (SQL) 2.2 Comandi sulle tabelle 1 Prerequisiti Introduzione ai DB Tabelle, relazioni e attributi Chiave primaria Chiave esterna Vincoli di integrità 2 1 Introduzione

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Caratteristiche principali. Contesti di utilizzo

Caratteristiche principali. Contesti di utilizzo Dalle basi di dati distribuite alle BASI DI DATI FEDERATE Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza Anno Accademico 2006/2007 http://www.dis.uniroma1.it/

Dettagli

MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali

MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali INTRODUZIONE Il RDBMS MySQL, oltre a fornire un applicazione che abbia un interfaccia user-friendly, ha a disposizione anche un altro client, che svolge

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2014/2015 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2014-15.htm dott.ssa Francesca A. Lisi francesca.lisi@uniba.it

Dettagli

Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati XML

Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati XML Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati Obiettivi Memorizzare ed estrarre documenti da RDBMS. Trasformare dati tabellari in dati e viceversa.

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 2 Raffaella Gentilini 1 / 45 Sommario 1 Il DDL di SQL: Cancellazione ed Aggiornamento di una BD Cancellazione di Schemi, Tabelle, e Domini Aggiornamento di Tabelle

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

SQL. Storia e standard

SQL. Storia e standard SQL Lorenzo Sarti 2009 Basi di Dati 1 Storia e standard Lorenzo Sarti 2009 Basi di Dati 2 SQL-2 È ricco e complesso e nessun sistema commerciale lo implementa in maniera completa Sono definiti 3 livelli

Dettagli

SQL SQL. Definizione dei dati. Domini. Esistono 6 domini elementari:

SQL SQL. Definizione dei dati. Domini. Esistono 6 domini elementari: SQL SQL (pronunciato anche come l inglese sequel: acronimo di Structured Query Language (linguaggio di interrogazione strutturato Linguaggio completo che presenta anche proprietà di: DDL (Data Definition

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 1 SQL Structured Query Language SQL è stato definito nel 1973 ed è oggi il linguaggio più diffuso per i DBMS relazionali Il linguaggio

Dettagli

Informatica Introduzione alle basi di dati

Informatica Introduzione alle basi di dati Informatica Introduzione alle basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it 27 November 2014 Basi di Dati - Introd. - Prof. G. Giuffrida 1 Materiale didattico Atzeni,Ceri,Paraboschi,Torlone,

Dettagli

Reportistica Gestione completa della reportistica, controllo e monitoraggio dei dati.

Reportistica Gestione completa della reportistica, controllo e monitoraggio dei dati. 2 TC 2 TC 2 L applicativo RETITC2, evoluzione del prodotto Software TC, rappresenta la soluzione proposta da Terranova, per il mercato delle Utilities, per la gestione ed il monitoraggio dei flussi di

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf Il sistema IBM DB2 Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf IBM DB2 Il DBMS relazionale IBM DB2 è il prodotto di punta dell IBM per la gestione di basi di dati relazionali

Dettagli

Informatica 2 Basi di dati

Informatica 2 Basi di dati Informatica 2 Basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it DB - Introduzione 1 Recapiti Prof. Giuffrida Giovanni Email: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it Info sul corso:

Dettagli

Catalogo Corsi Prodotto 2012

Catalogo Corsi Prodotto 2012 Catalogo Corsi Prodotto 2012 Indice Pag Cod Corso Sede Edizioni 2012 4 ES40 Business Objects (Versione XI 3.1) Corso base Bologna 21-22 febbraio 5 ES60 BH Reporting Corso base 6 ES50 Tools Applicativi

Dettagli

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati Che cos è un DBMS? Capitolo 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni

Dettagli

Database. Francesco Tapparo Informatica e Bioinformatica 2013-14 1/16

Database. Francesco Tapparo Informatica e Bioinformatica 2013-14 1/16 Database Francesco Tapparo Informatica e Bioinformatica 2013-14 1/16 Trend attuali CPU sempre più potenti Memorie di massa di dimensioni sempre maggiori Eniac: 180m 2 Memoria: 20 numeri di 10 cifre, meno

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

Descrizione del linguaggio SQL Definizione del database. Giovanna Rosone 02-03/03/2010

Descrizione del linguaggio SQL Definizione del database. Giovanna Rosone 02-03/03/2010 Descrizione del linguaggio SQL Definizione del database Giovanna Rosone 02-03/03/2010 Database Il termine Database indica l insieme delle informazioni presenti in uno specifico sistema informativo. E composto

Dettagli

Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino. Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino

Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino. Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino Integration Services Project SQL Server 2005 Integration Services Permette di gestire tutti i processi di ETL Basato sui progetti di Business Intelligence di tipo Integration services Project SQL Server

Dettagli

Definizione di domini

Definizione di domini Definizione di domini Come nei linguaggi ad alto livello (es. C) è possibile definire nuovi domini (tipi di dati) a partire da quelli predefiniti, anche se il costruttore è più limitato. create domain

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: "storia"

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: storia SQL SQL: concetti base originariamente "Structured Query Language", ora "nome proprio" linguaggio con varie funzionalità: contiene sia il DDL sia il DML ne esistono varie versioni vediamo gli aspetti essenziali,

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Docente: Alberto Belussi Lezione 1 SQL SQL (Structured Query Language) è stato definito nel 1973 ed è oggi il linguaggio più diffuso per i DBMS relazionali. Sono stati proposti

Dettagli

UN PROGRAMMA APPLICATIVO: ACCESS Access è un programma del pacchetto Office che permette di realizzare database

UN PROGRAMMA APPLICATIVO: ACCESS Access è un programma del pacchetto Office che permette di realizzare database UN PROGRAMMA APPLICATIVO: ACCESS Access è un programma del pacchetto Office che permette di realizzare database Per comprendere al meglio cosa sia un database, dobbiamo prima introdurre il concetto di

Dettagli

Procedure per l aggiornamento automatico di liste di distribuzione IAT-B41999001. Laura Abba, Marina Buzzi, Francesco Gennai

Procedure per l aggiornamento automatico di liste di distribuzione IAT-B41999001. Laura Abba, Marina Buzzi, Francesco Gennai C Consiglio Nazionale delle Ricerche Procedure per l aggiornamento automatico di liste di distribuzione IAT-B41999001 Laura Abba, Marina Buzzi, Francesco Gennai e-mail: Laura.Abba@iat.cnr.it Marina.Buzzi@iat.cnr.it

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Basi di Dati. Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio. Corso di Laurea in Informatica. a.a. 2010-2011

Basi di Dati. Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio. Corso di Laurea in Informatica. a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Informatica Basi di Dati a.a. 2010-2011 Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio PROGETTAZIONE FISICA SQL-DDL OBIETTIVO: Rappresentare i dati della realtà di interesse

Dettagli

Esercitazione 5 DB2 Cataloghi e Indici

Esercitazione 5 DB2 Cataloghi e Indici Esercitazione 5 DB2 Cataloghi e Indici Sistemi Informativi L-B Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-b/ Versione elettronica: esercitazione5.pdf Cataloghi di sistema Sono insieme

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R:

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Si consiglia di creare il data base, inserire i dati nelle tabelle, provare

Dettagli

L applicazione è frutto dell esperienza maturata da CAB, nel corso degli ultimi quindici anni, nell ambito dei sistemi di pagamento.

L applicazione è frutto dell esperienza maturata da CAB, nel corso degli ultimi quindici anni, nell ambito dei sistemi di pagamento. PREMESSA OPPIO-SERVICE è una procedura espressamente realizzata per normalizzare le disposizioni di portafoglio, bonifico ed F24 provenienti dalla clientela bancaria. L applicazione è frutto dell esperienza

Dettagli

PREMESSA ATTIVITA RICHIESTE. 1 di 5

PREMESSA ATTIVITA RICHIESTE. 1 di 5 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI AGGIORNAMENTO DEL DPS E ASSISTENZA NELL ATTUAZIONE DEL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PREMESSA L ASL della Provincia

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati Basi di dati Il Modello Relazionale dei Dati Proposto da E. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati Disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 (non è facile realizzare l indipendenza

Dettagli

La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali. White Paper Oracle Gennaio 2004

La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali. White Paper Oracle Gennaio 2004 La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali White Paper Oracle Gennaio 2004 La soluzione Oracle per il Piano Esecutivo di Gestione degli Enti locali INTRODUZIONE Oracle Italia,

Dettagli

Applicazione: Anagrafe Edilizia Scolastica

Applicazione: Anagrafe Edilizia Scolastica Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Appl_vo/Verticale Applicazione: Anagrafe Edilizia Scolastica Amministrazione: Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Responsabile

Dettagli

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB MODULO 5 DATA BASE MODULO 5 - DATA BASE 1 PROGRAMMA Introduzione: concetti generali di teoria Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB Utilizzo di Access pratica sulla creazione e l utilizzo

Dettagli

Basi di Dati Relazionali

Basi di Dati Relazionali Corso di Laurea in Informatica Basi di Dati Relazionali a.a. 2009-2010 Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio Coadiutore: Dott.ssa D. Nicotera PROGETTAZIONE FISICA SQL-DDL OBIETTIVO: Rappresentare

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Structured Query Language

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Structured Query Language Basi di Dati e Sistemi Informativi Structured Query Language Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale SQL come DDL e DML SQL non è solo un linguaggio di interrogazione Linguaggio

Dettagli

Architettura di storage

Architettura di storage Architettura di storage Architettura di storage 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso web/finale/architettura/arch1.odp page 1 Architettura di storage Cluster Databases Tabelle Indici Blocchi 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca

Basi di Dati prof. Letizia Tanca Basi di Dati prof. Letizia Tanca (lucidi tratti dal libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone) AA 2003-04 Linguaggi di interrogazione commerciali per il Modello Relazionale dei Dati: SQL - il DDL Domini I domini

Dettagli

CARATTERISTICHE SOLUZIONE LEANUS V 6.0

CARATTERISTICHE SOLUZIONE LEANUS V 6.0 Requisiti funzionali richiesti Scalabilità a livello internazionale Assistenza Dati di Input Configurazioni Gestite o Scelte Direttamente dal Cliente Collegamento ad internet Qualsiasi tipo di collegamento

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Basi di dati Il linguaggio SQL teoria e pratica con Microsoft Access Riepilogando Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Riepilogando Basi di dati Il linguaggio SQL Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi degli attributi, domini, 2. una parte

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali La progettazione di JScout è frutto della esperienza pluriennale di GLOBAL Informatica nell implementazione delle

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7. Il trattamento dei dati

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7. Il trattamento dei dati Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7 Il trattamento dei dati database: il linguaggio SQL seconda parte Prof. Valle D.ssa Folgieri Lez9 15.11.06 Trattamento dati. Database: il

Dettagli

Permettere l aggiornamento delle fonti dati in modalità schedulata, automatica o semiautomatica

Permettere l aggiornamento delle fonti dati in modalità schedulata, automatica o semiautomatica Flussi di Aggiornameno Obiettivi Architetturali Strategici: Scalabilità amministrativa del sistema, unica istanza / n Comuni Permettere l aggiornamento delle fonti dati in modalità schedulata, automatica

Dettagli

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Tool Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Basi di Dati e Sistemi Informativi () PostgreSQL A.A. 2012-2013 1 / 26 Gli strumenti che vedremo Basi

Dettagli

Direzione Commerciale Via Boschetti, 1 20121 Milano Tel. +39 02 2901 7449

Direzione Commerciale Via Boschetti, 1 20121 Milano Tel. +39 02 2901 7449 INDICE 1. PROBLEMATICA... 3 2. RAMSES (Ricerche Armonizzate Statistiche)... 5 3. Posizionamento di RAMSES... 8 4. Come si presenta RAMSES... 10 5. FASE di ETL... 11 6. SICUREZZA (utente)... 11 7. ARCHITETTURA...

Dettagli

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10 Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10 Parte III: il computer come strumento per l interazione e la comunicazione Si è parlato di identità Parte III: il computer come strumento per l interazione

Dettagli

L interfaccia a riga di comando di MySql

L interfaccia a riga di comando di MySql L interfaccia a riga di comando di MySql Una volta completata la procedura di installazione possiamo finalmente testare le funzionalità di MySQL. Sia che ci si trovi in ambiente Linux che Windows, l'interfaccia

Dettagli

SQL Server 2005. Integration Services. SQL Server 2005: ETL - 1. Integration Services Project

SQL Server 2005. Integration Services. SQL Server 2005: ETL - 1. Integration Services Project atabase and ata Mi ni ng Group of P ol itecnico di Torino atabase and ata Mi ni ng Group of P ol itecnico di Torino atabase and data mining group, SQL Server 2005 Integration Services SQL Server 2005:

Dettagli

GESTIONE PRESENZE E ASSENZE G S O

GESTIONE PRESENZE E ASSENZE G S O Azienda GESTIONE G S O PRESENZE S E ASSENZE SS GESTIONE PRESENZE E ASSENZE Per gestire le presenze e assenze del personale secondo criteri di efficienza operativa, occorre una soluzione adattabile alle

Dettagli

SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL

SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL I tipi di dato in SQL:1999 si suddividono in tipi predefiniti tipi strutturati tipi user-defined ci concentreremo sui tipi predefiniti i tipi predefiniti sono suddivisi

Dettagli

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE Ing. Mariano Di Claudio Lezione del 20/10/2014 1 Indice 1. HBase e Hrider Caratteristiche chiave Modello dati Architettura Installazione

Dettagli

XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali

XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali Basi di Dati Distribuite a.a. 2004/2005 XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali Luca Noce - luxnox2000@yahoo.it Elisa Marino - marino_elisa@hotmail.com Obiettivi Necessità di conciliare

Dettagli

PHP 5. PHP ed i database. Database e tabelle. Struttura di un DB relazionale. Accesso a database

PHP 5. PHP ed i database. Database e tabelle. Struttura di un DB relazionale. Accesso a database PHP ed i database PHP 5 Accesso a database PHP funziona con molti database relazionale che includono: Oracle Access Postgres SQL Server MySQL Useremo MySQL poiché è semplice da usare, gratuito e molto

Dettagli

********************* MODIFICA STRUTTURA DI UNA TABELLA (inserimento di un nuovo campo) ALTER TABLE Personale ADD Nascita date;

********************* MODIFICA STRUTTURA DI UNA TABELLA (inserimento di un nuovo campo) ALTER TABLE Personale ADD Nascita date; CREAZIONE STRUTTURA DI UNA TABELLA by Marinsalta Fausto CREATE TABLE Personale Matricola char(5), Cognome char(30), Nome char(20), Codfis char(16) not null, Assunzione date, Filiale smallint, Funzione

Dettagli

Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. SQL - Tipi di dato. SQL - Tipi di dato numerici. SQL - Tipi di dato numerici

Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. SQL - Tipi di dato. SQL - Tipi di dato numerici. SQL - Tipi di dato numerici Il linguaggio SQL Il linguaggio SQL il linguaggio SQL è un linguaggio per la definizione e la manipolazione dei dati, sviluppato originariamente presso il laboratorio IBM a San Jose (California) è diventato

Dettagli

SisTabWeb Web. Sistema Tabelle. for Enterprise

SisTabWeb Web. Sistema Tabelle. for Enterprise SisTabWeb Web Sistema Tabelle for Enterprise Overview La condivisione del patrimonio dati a livello aziendale diventa essenziale nel momento in cui il sistema informativo, elemento chiave per l'efficienza

Dettagli

Modello Relazionale. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. DB ed SQL. Modello relazionale: concetti di base

Modello Relazionale. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. DB ed SQL. Modello relazionale: concetti di base Sistemi di Elaborazione delle Informazioni DB ed SQL Prof. Silvio Vassallo Modello Relazionale Il modello relazionale si basa sul concetto di RELAZIONE tra insiemi di oggetti. Dati n insiemi A 1,A 2, A

Dettagli

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE)

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan SQL DDL Data Definition Language DML Data Manipulation Language DCL Data Control Language DDL Obiettivo: Definire la struttura

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Base di dati (accezione generica, metodologica) Insieme organizzato di dati utilizzati per il supporto

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

NET GENERATION SOLUTIONS. Soluzione software per gestire il problema dei LOG degli Amministratori di Sistema

NET GENERATION SOLUTIONS. Soluzione software per gestire il problema dei LOG degli Amministratori di Sistema NET GENERATION SOLUTIONS Soluzione software per gestire il problema dei LOG degli Amministratori di Sistema FOCUS La legge: la normativa in materia Compet-e: gli strumenti e la proposta La soluzione software:

Dettagli

CARATTERISTICHE SOLUZIONE LEANUS V 7.0

CARATTERISTICHE SOLUZIONE LEANUS V 7.0 Requisiti funzionali richiesti Scalabilità a livello internazionale Assistenza Dati di Input Configurazioni Gestite o Scelte Direttamente dal Cliente Collegamento ad internet Qualsiasi tipo di collegamento

Dettagli

LE FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI INFORMATIVI PER AZIENDE AGRICOLE CON ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AD ELEVATA AUTOMAZIONE

LE FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI INFORMATIVI PER AZIENDE AGRICOLE CON ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AD ELEVATA AUTOMAZIONE LE FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI INFORMATIVI PER AZIENDE AGRICOLE CON ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AD ELEVATA AUTOMAZIONE Pasqualina SACCO Territorium Online, BOLZANO (I) IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE INFORMATICHE PER

Dettagli

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database Uso delle basi di dati Uso delle Basi di Dati Il modulo richiede che il candidato comprenda il concetto di base dati (database) e dimostri di possedere competenza nel suo utilizzo. Cosa è un database,

Dettagli

Il linguaggio SQL: DDL di base

Il linguaggio SQL: DDL di base Il linguaggio SQL: DDL di base Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.1.SQL.DDLbase.pdf SQL: caratteristiche generali SQL (Structured Query Language) èil linguaggio standard de facto per DBMS relazionali,

Dettagli

Allegato A. CIG n. 4214998661 SCHEDA TECNICA

Allegato A. CIG n. 4214998661 SCHEDA TECNICA Regione del veneto Direzione Controlli e Governo SSR Palazzo Molin San Polo n. 2514 30125 Venezia Allegato A Procedura negoziata ex art. 57, comma 2, lett. b) del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. al fine dell

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI ELEMENTI DI INFORMATICA, LABORATORIO DI INFORMATICA RETI INTERNET Polo C. Base dei dati. Anno accademico 2009/2010-2^ anno Polo C

CORSO INTEGRATO DI ELEMENTI DI INFORMATICA, LABORATORIO DI INFORMATICA RETI INTERNET Polo C. Base dei dati. Anno accademico 2009/2010-2^ anno Polo C CORSO INTEGRATO DI ELEMENTI DI INFORMATICA, LABORATORIO DI INFORMATICA RETI INTERNET Polo C Base dei dati Anno accademico 2009/2010-2^ anno Polo C Docenti: Prof. Ing. Paolo Arena Prof. Ing. Giovanni Caffarelli

Dettagli

Descrizione della Fornitura

Descrizione della Fornitura Descrizione della Fornitura Situazione As Is Attualmente tutte le scadenze relative agli adempimenti normativi periodici obbligatori, vengono gestite con il supporto di un DB Access. Gli adempimento vengono

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

Giovanna Rosone 04/03/2010. 04/03/2010 SQL, Istruzioni per la modifica dello schema

Giovanna Rosone 04/03/2010. 04/03/2010 SQL, Istruzioni per la modifica dello schema Giovanna Rosone 04/03/2010 04/03/2010 SQL, Istruzioni per la modifica dello schema 1 Riepilogo Impiegato Pagamenti Nome colonna PAG_COD PAG_MATR Tipo dati CHAR(6) CHAR(6) Nome colonna Tipo dati PAG_STIPENDIO

Dettagli

Trasformazione DB Access In SQL Server. Michele De Nittis

Trasformazione DB Access In SQL Server. Michele De Nittis Trasformazione DB Access In SQL Server Michele De Nittis 1 Spesso è necessario migrare uno schema di database scritto in Access verso il più completo e complesso ambiente SQL SERVER. Questa operazione

Dettagli

Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema

Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema Normativa del Garante della privacy sugli amministratori di sistema la normativa: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1577499

Dettagli

SQL Server 2005. Introduzione all uso di SQL Server e utilizzo delle opzioni Olap. Dutto Riccardo - SQL Server 2005.

SQL Server 2005. Introduzione all uso di SQL Server e utilizzo delle opzioni Olap. Dutto Riccardo - SQL Server 2005. SQL Server 2005 Introduzione all uso di SQL Server e utilizzo delle opzioni Olap SQL Server 2005 SQL Server Management Studio Gestione dei server OLAP e OLTP Gestione Utenti Creazione e gestione DB SQL

Dettagli

Governance IT. Il governo della qualità dei dati in Cattolica. Un percorso oltre i requisiti normativi

Governance IT. Il governo della qualità dei dati in Cattolica. Un percorso oltre i requisiti normativi Governance IT Il governo della qualità dei dati in Cattolica. Un percorso oltre i requisiti normativi Lunedì 23 novembre 2015 Cattolica Assicurazioni Verona 1 Il percorso del Gruppo Cattolica verso la

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

Implementazione in Oracle di un semplice progetto

Implementazione in Oracle di un semplice progetto Oracle e SQL Implementazione in Oracle di un semplice progetto Operazioni preliminari La versione del DBMS Oracle a cui si farà riferimento di qui in seguito è la 10g Express Edition, liberamente scaricabile

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

MAX, SUM, AVG, COUNT)

MAX, SUM, AVG, COUNT) INTRODUZIONE A SQL Definizione di tabelle e domini Alcuni vincoli di integrità Struttura base SELECT FROM WHERE Funzioni di aggregazione (MIN, MAX, SUM, AVG, COUNT) Query da più tabelle (FROM R1, Rk) Join

Dettagli

Data Base. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 6

Data Base. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 6 Data Base 1 Sommario I concetti fondamentali. Database Relazionale.. Query e SQL MySql, Creazione di un db in MySQL con PHPmyAdmin Creazione database e delle Tabelle Query Inserimento Ricerca Modifica

Dettagli

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL Basi di dati Il Linguaggio SQL Data Definition Language (DDL) Data Definition Language: insieme di istruzioni utilizzate per modificare la struttura della base di dati Ne fanno parte le istruzioni di inserimento,

Dettagli

Finalità della soluzione... 3. Schema generale e modalità d integrazione... 4. Gestione centralizzata in TeamPortal... 6

Finalità della soluzione... 3. Schema generale e modalità d integrazione... 4. Gestione centralizzata in TeamPortal... 6 Finalità della soluzione... 3 Schema generale e modalità d integrazione... 4 Gestione centralizzata in TeamPortal... 6 Dati gestiti dall Anagrafica Unica... 8 Gestione anagrafica... 9 Storicizzazione...

Dettagli