Parte 1: L architettura Tecnologica RFId di EPCglobal

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte 1: L architettura Tecnologica RFId di EPCglobal"

Transcript

1 Parte 1: L architettura Tecnologica RFId di EPCglobal

2 Sommario Disclaimer L Architettura Tecnologica RFId di EPCglobal EPCglobal Inc Intellectual Property Policy Sicurezza Privacy L EPCglobal Network Componenti fondamentali I principi base di funzionamento Gli standard dell EPCglobal Network Tag Data Standard Le strutture numeriche GS RFId Tag Gen 2 Air Interface Protocol (AIP) RFId Reader Filtering & Collection EPC Information Services (EPCIS) Object Naming Service (ONS) APPENDICI A. Indicod-Ecr B. Lab di Indicod-Ecr C. I partner dell'iniziativa

3 Disclaimer La proprietà intellettuale di questo documento appartiene ad Indicod-Ecr: il permesso di utilizzare questo materiale o parte di esso é concesso purché (1) si citi Indicod-Ecr e con la specificazione della fonte "Lab di Indicod-Ecr", compreso l'indirizzo web (2) l'uso di tale documentazione o parte di essa sia solo informativo, personale e non commerciale e/o di lucro; (3) sia segnalato l'utilizzo ad Indicod-Ecr, e vengano trasmessi ad Indicod-Ecr eventuale copia o link del lavoro prodotto all indirizzo 3

4 1. L Architettura Tecnologica RFId di EPCglobal 1.1. EPCglobal Inc. EPCglobal Inc, joint venture senza scopo di lucro fondata dal GS1 1, sviluppa e mantiene l insieme di standard globali alla base del funzionamento dell EPCglobal Network e guida l adozione delle sue componenti. Per portare avanti la sua missione, EPCglobal Inc si avvale del lavoro di gruppi di esperti (aziende utenti e fornitori di tecnologie) che volontariamente contribuiscono allo sviluppo dei protocolli di comunicazione e delle interfacce del sistema EPCglobal Network. A livello mondiale le organizzazioni EPCglobal nazionali (in Italia Indicod-Ecr 2 ) coordinano la diffusione ed implementazione degli standard EPC ed il processo di sottoscrizione ai servizi di EPCglobal delle aziende utenti e dei fornitori di tecnologie. Il concetto di EPCglobal Network e lo standard EPC sono stati sviluppati dall Auto-ID Center, un istituto di ricerca del Massachusetts Institute of Technology (M.I.T.) con 7 laboratori in altrettante università nel mondo. Le funzioni amministrative dell Auto-ID Center sono ufficialmente terminate nel 2003 e le attività di ricerca sono state trasferite ai laboratori Auto-ID. EPCglobal Inc. continua a collaborare e a sponsorizzare i laboratori Auto-ID per migliorare la tecnologia nel rispetto delle esigenze aziendali degli utenti Intellectual Property Policy Al fine di garantire che gli standard dell EPCglobal Network siano assolutamente royalty-free, EPCglobal ha definito un Intellectual Property Policy a cui devono obbligatoriamente aderire tutte le aziende (utenti e fornitori di tecnologie) che partecipano ai gruppi di lavoro hardware e software 3 e ai Business Action Group 4. Aderendo all Intellectual Property Policy, le aziende si impegnano a non ostacolare la diffusione delle specifiche tecniche EPCglobal attraverso l imposizione dell acquisto di licenze. In assenza di tale accordo, EPCglobal Inc. non sarebbe in grado di assicurare, agli utenti finali, la possibilità di utilizzare le specifiche EPCglobal senza essere obbligati ad acquistare licenze/autorizzazioni dalle aziende fornitrici di tecnologie. La missione di EPCglobal è incoraggiare lo sviluppo di specifiche dell EPCglobal Network royalty-free, in modo che le aziende utenti possano beneficiare di standard globali ed aperti Sicurezza La struttura dell EPCglobal Network è stata sviluppata per garantire un ambiente informativo sicuro sia all interno che all esterno dell azienda utente. 1 Organismo internazionale che coordina la diffusione e la corretta implementazione dello standard GS1 in più di 100 paesi. Indicod-Ecr si propone di perseguire la diffusione degli strumenti di raccordo tecnico tra industria e distribuzione secondo le specifiche elaborate a livello internazionale da GS1. 2 Indicod-Ecr è una associazione di categoria senza scopo di lucro che raggruppa 33mila aziende industriali e distributive operanti nel settore dei beni di largo consumo, su base volontaria. 3 Gli Hardware Action Group sviluppano le specifiche tecniche per le principali componenti hardware dell EPCglobal Network (es. tags e lettori). I Software Action Group definiscono le specifiche tecniche di sistema: l Application Level Event; l Object Naming Service; gli EPC Information Service, ecc. 4 I Business Action Group sono composti da aziende della produzione e della distribuzione, che intendono utilizzare la tecnologia EPCglobal Network, con l obiettivo di identificare le esigenze aziendali e condividere business case per ottimizzare la supply chain. 4

5 Le funzionalità di sicurezza sono già previste nelle specifiche tecniche al fine di conciliare le esigenze degli utenti di proteggere informazioni confidenziali e la possibilità offerta dall EPCglobal Network di scambiare e recuperare informazioni relative alle transazioni commerciali e agli oggetti movimentati nella supply chain Privacy L EPCglobal Public Policy Steering Committee (PPSC) è responsabile della definizione delle attuali linee guida sulla privacy per l EPCglobal Network. Ad oggi, esse prevedono che: ogni prodotto sul quale è apposto un tag EPC riporti il logo EPC sulla confezione, per indicarne inequivocabilmente la presenza; il consumatore venga informato delle modalità per procedere alla rimozione o disabilitazione dei tag presenti sui prodotti acquistati; tutte le aziende, che utilizzano la tecnologia RFId basata su standard EPC, comunichino attraverso una campagna di informazione le caratteristiche della tecnologia e i suoi benefici; il tag EPC non registri dati personali ma soltanto i codici di identificazione dei prodotti cosi come già avviene con l attuale codice a barre. attività di educazione/informazione dei consumatori sulla tecnologia EPC L EPCglobal PPSC continua a lavorare per aggiornare queste linee guida in conformità alle normative sulla privacy. 2. L EPCglobal Network Il sistema informativo EPCglobal Network si basa sulla possibilità di identificare in modo semplice ed efficace le merci movimentate nella supply chain a livello di pallet, collo, fino alla singola unità di vendita al consumatore finale. Questa visione è abilitata dall associazione della tecnologia RFId con le infrastrutture esistenti per le comunicazioni di rete e l'electronic Product Code 5. La visione di EPCglobal è svincolata dalla tecnologia. Difatti, la struttura dell EPCglobal Network è tale per cui la sua implementazione non dipende né da una particolare offerta tecnologica, né da una specifica azienda fornitrice di tecnologia e prevede la possibilità di utilizzare qualsiasi mezzo permetta di acquisire i codici EPC che sono alla base del suo funzionamento. Il Network si compone di cinque componenti fondamentali: Electronic Product Code, ID System (tag e reader EPC ), EPC Middleware, Discovery Services (ONS) EPC Information Services (EPCIS) Componenti fondamentali Electronic Product Code L Electronic Product Code è uno schema di numerazione universale per l identificazione di tutti gli oggetti fisici movimentati nella supply chain tramite tecnologia RFId. La struttura standard del sistema di identificazione consiste in: un codice EPC (o EPC identifier), che identifica in modo univoco ed individuale ogni singolo oggetto; 5 L Eletronic Product Code è un codice che identifica in maniera univoca ed individuale ogni elemento della supply chain. 5

6 un Filter Value che consente una lettura efficace/efficiente dei tag EPC in quanto discrimina tra i livelli di imballaggio/confezionamento (es. consente al reader di discriminare il GTIN 6 dell unità consumatore dal GTIN dell unità imballo). ID System L ID System, ovvero il sistema di identificazione, è basato sui tag RFID, sui quali è memorizzato il codice EPC, applicati ai pallet, colli e singole referenze ed i reader. L EPC Middleware Il layer di integrazione o middleware RFId è lo strato di architettura tra i device RFId 7 ed i sistemi informativi esistenti. Il suo compito principale è ricevere i dati RFId dalle fonti alimentanti (es. RFId device) ed integrare gli stessi nelle applicazioni enterprise, ovvero convertire i dati RFId grezzi in informazioni di processo grazie all associazioni di key business rules, anagrafiche e transazioni ai dati RFId. Il middleware gioca un ruolo fondamentale nelle soluzioni RFID in quanto permette di: ricevere le segnalazioni dai lettori RFId distribuiti nella azienda; controllare le informazioni ricevute (con funzioni di filtro, di eliminazione delle letture duplicate, di aggregazione dei dati, ecc.); memorizzare le informazioni su database aziendale; elaborare le informazioni ricevute, arricchendone i contenuti con logiche applicative locali oppure aggiornando i sistemi applicativi aziendali. Object Naming Service (ONS) L ONS, componente dei Discovery Services, guida i sistemi informatici nel processo di localizzazione delle informazioni in rete (Internet), relative a ciascun oggetto identificato da un codice EPC. Il suo ruolo è simile a quello del DNS (Domain Name System), il quale indirizza i computer in rete al fine di localizzare le pagine associate ad un determinato sito web. Analogamente, l'ons partendo dal codice EPC restituisce un indirizzo web (o una URL) dove risiedono tutte le informazioni relative a quel pallet, collo o oggetto. Tutto questo permette di immagazzinare un'enorme quantità di dati in rete, più di quanto sarebbe possibile fare sui tag apposti sui singoli oggetti. EPC Information Service (EPCIS) Si tratta di risorse informative che registrano le informazioni relative ai singoli oggetti e consentono lo scambio di queste informazioni tra i partner commerciali attraverso il sistema EPCglobal Network. Gli EPCIS data, ovvero le informazioni registrate in un EPCIS, sono suddivise nelle seguenti categorie: Static Data: informazioni che non cambiano nel corso della vita delle referenze: nome del prodotto, dimensioni, data di scadenza, numero di lotto, ecc. Transactional Data: informazioni che cambiano nel corso delle vita della referenza identificata, quali: luogo di consegna, ecc I principi base di funzionamento Il sistema EPCglobal Network consente l'identificazione in rete tramite il servizio Object Naming Service (ONS). L ONS è un registro globale che svolge funzionalità analoghe ai DNS (Domain Name Service) e sulla base del codice EPC ricevuto (letto sul tag dal reader), fornisce al Middleware (software per raccogliere, archiviare e filtrare i dati ricevuti dai reader/lettori) l indirizzo dell EPC Information Service (EPCIS, ovvero server locale/remoto) sul quale risiedono le informazioni relative al prodotto. 6 Il termine Global Trade Item Number (GTIN) indica il codice GS1 assegnato alle unità consumatore, unità imballo (o trade unit) o unità logistiche ovvero a tutte le unità commerciali sulle quali è possibile recuperare informazioni predefinite, utili per tutte le operazioni commerciali. 7 RFID device sono i lettori mobili, i varchi, i lettori fissi, le stampanti. 6

7 L EPC, ovvero il codice identificativo, e tutti i dati riguardanti il prodotto sono registrati presso i server locali (EPCIS) collegati al Web. Ogni volta che le aziende vorranno consultare i dati aggiornati potranno collegarsi ai database e, se gli operatori sono abilitati, gestire direttamente ogni tipo di cambiamento delle informazioni. Infine il linguaggio di markup (Physical Markup Language per la comunicazione tramite web) è utilizzato per descrivere tutti i dati relativi ai prodotti quali ad esempio: numeri EPC, orario certificato, identificativo del lettore (EPC lettore), la temperatura, nonché la posizione del lettore/reader che ha inviato la query (interrogazione). Inoltre, Il PML funge da interfaccia tra i lettori e le applicazioni che intendono accedere ai dati EPC tramite la rete. Secure Internet Exchange Event Registries ONS Search & Discovery available under development EPC IS Authentication & Authorization EPC IS Internal Systems ERP, WMS, etc. EPC MW EPC MW Internal Systems ERP, WMS, etc. Enterprise System EPC Reader EPC Reader Enterprise System EPC Tags EPC Tags Figura 1 7

8 2.3. Gli standard dell EPCglobal Network Gli standard dell EPCglobal Network sono stati sviluppati con l obiettivo di: Facilitare lo scambio di informazioni e merci nella supply chain Per poter scambiare informazioni nella supply chain è indispensabile poter comunicare usando formati standard condivisi. Gli standard EPCglobal definiscono la struttura ed il formato dei codici identificativi EPC (data standard) ed meccanismi attraverso i quali le informazioni vengono scambiate (information exchange). Favorire lo sviluppo di un mercato aperto e competitivo per tutte le componenti del sistema Gli standard EPCglobal definiscono le interfacce tra le componenti dell EPCglobal Network, in modo da garantire l interoperabilità delle componenti hardware e software prodotte dai diversi fornitori di tecnologie o sviluppate internamente dalle aziende utenti, ma non definiscono le modalità di implementazione. In questo modo tutti gli utenti (end user) sono in grado di scegliere liberamente come implementare i sistemi informativi. Incoraggiare l innovazione Gli standard di EPCglobal sono mantenuti ed aggiornati da EPCglobal Inc. attraverso i suoi gruppi di lavoro. Gli standard EPCglobal sono interfacce che garantiscono l interoperabilità tra sistemi competitivi Tag Data Standard Lo standard EPC è un sistema di numerazione a 96 bit che fornisce un unico numero identificativo a 268 milioni di aziende, ognuna delle quali avrà a disposizione 16 milioni di categorie e 68 miliardi di numeri seriali per ciascuna categoria di prodotto. Ad ogni codice EPC sono associate le informazioni sul prodotto: le caratteristiche, il produttore e il prezzo. Per poter utilizzare i codici GS1 già assegnati per l identificazione delle proprie unità commerciali e logistiche, l azienda dovrà sottoscrivere l EPCglobal tramite una delle organizzazioni GS1/EPCglobal nel mondo (in Italia, Indicod-Ecr) nel paese nel quale l azienda ha sede legale. I Tag data standards sono le specifiche tecniche che disciplinano la struttura numerica dei codici EPC (numeri binari a 96 bit). Il codice EPC è composto come segue: Header: identifica lunghezza, tipo, struttura e versione EPC ; Filter Value: consente una lettura efficace/efficiente dei tag EPC in quanto discrimina tra i livelli di imballaggio/confezionamento (es. permette al reader di discriminare il GTIN dell unità consumatore dal GTIN dell unità imballo); Partition: indica il punto della struttura numerica nel quale termina il prefisso GS1 aziendale (company prefix) ed inizia il codice referenza (item reference); EPC manager: individua l azienda che identifica le unità commerciali, i servizi e i luoghi e funzioni; Object class: identifica la tipologia di referenza (la stock keeping unit); Serial number: identifica la singola unità (pallet/cartone/prodotto). I tag EPC possono registrare solo una delle chiavi di identificazione GS1: SGTIN per l unità consumatore (equivale ad un GTIN seguito da un codice seriale); GLN per l identificazione delle entità fisiche, giuridiche e funzionali; SSCC per l unità logistiche; GRAI per i beni a rendere; GIAI per i beni individuali. Le aziende utenti sono responsabili della registrazione dei codici EPC nei sistemi informativi interni cosi come attualmente avviene per i codici GS1. Naturalmente la componente seriale del codici EPC rappresenta un nuovo campo dati nei sistemi informativi attuali. 8

9 Le chiavi di identificazione GS1 possono essere integrate nell EPC Tag come nell esempio che segue GTIN Company Prefix Trade Item Reference EPC Header EPC Manager Number Trade Item Reference Serial Number GTIN Figura Le strutture numeriche GS1 Il Sistema di identificazione GS1 fornisce una serie di chiavi per identificare singole referenze, unità imballo, unità logistiche, beni a rendere, luoghi e funzioni. GTIN (Global Trade Item Number) In ambito GS1 tutte le unità commerciali (singola referenza, collo o pallet) e sono identificate con il GTIN (Global Trade Item Number), ovvero unità sulle quali è possibile recuperare informazioni predefinite, utili per tutte le operazioni commerciali, che possono essere ordinate, prezzate e fatturate. Il GTIN è il codice GS1 a loro assegnato che ne garantisce l identificazione univoca attraverso una delle quattro strutture numeriche sotto riportate: Struttura GTIN-14 Indicatore GTIN dell unità commerciali contenute (senza check digit) Check Digit N 1 N 2 N 3 N 4 N 5 N 6 N 7 N 8 N 9 N 10 N 11 N 12 N 13 N 14 Struttura GTIN-13 Prefisso Aziendale GS1 > < Codice prodotto Cifra N 1 N 2 N 3 N 4 N 5 N 6 N 7 N 8 N 9 N 10 N 11 N 12 N 13 Struttura GTIN-12 9

10 Prefisso Aziendale GS1 > < Codice prodotto Check Digit N 1 N 2 N 3 N 4 N 5 N 6 N 7 N 8 N 9 N 10 N 11 N 12 Struttura GTIN-8 Prefisso GS1-8 > < Codice prodotto Check Digit N 1 N 2 N 3 N 4 N 5 N 6 N 7 N 8 GLN (Global Location Number) Il Global Location Number (GS1 GLN) consente l'identificazione univoca e inequivocabile di unità operative (entità fisiche, funzionali o legali) con la struttura numerica standard a 13 cifre. La struttura del GLN è la seguente: Prefisso Aziendale GS1 > < Luogo/Funzione Check Digit N 1 N 2 N 3 N 4 N 5 N 6 N 7 N 8 N 9 N 10 N 11 N 12 N 13 SSCC (Serial Shipping Container Code) Il GS1 SSCC, numero di identificazione del singolo pallet con lunghezza fissa di 18 cifre, consente la tracciabilità fino all apertura del film e alla scomposizione in casse. La struttura dell SSCC è la seguente: Cifra di estensione Prefisso Aziendale GS1 > < Numero di serie Check Digit N 1 N 2 N 3 N 4 N 5 N 6 N 7 N 8 N 9 N 10 N 11 N 12 N 13 N 14 N 15 N 16 N 17 N 18 GIAI (Global Individual Asset Identifier) Il Global Individual Asset Identifier (GIAI), ovvero Numero di Identificazione per Beni Indivuali, deve essere utilizzato unicamente per l identificazione di beni (per tutta la loro vita ) allo scopo di fornire un archivio dei dati più rilevanti. Non deve mai essere utilizzato per identificare un prodotto o un unità logistica. La struttura del GIAI è la seguente: Prefisso Aziendale GS1 > < Bene individuale > N 1... N i X i+1... X j (j<=30) GRAI (Global Returnable Asset Identifier) Un bene a rendere è un prodotto riutilizzabile utile per il trasporto o l imballaggio (per esempio fusti per liquidi, pallet in plastica, cassette, ecc.). L identificazione GS1 per i beni a rendere è definita Global 10

11 Returnable Asset Identifier (GRAI). Questo numero permette di tracciare e rilevare i dati più importanti di un determinato bene e non si riferisce al suo contenuto. La struttura del GRAI è la seguente: Prefisso Aziendale GS1 > < Bene a rendere Check Digit Numero di serie (opzionale) 0 N 1 N 2 N 3 N 4 N 5 N 6 N 7 N 8 N 9 N 10 N 11 N 12 N 13 X 1 variabile X RFId Tag L EPCglobal ha definito un sistema di clsssificazione dei tag per descriverne le funzionalità. - Classe 1: Identity Tag Passive-backscatter tag. Trasporta un identificatore EPC, consente la modifica del medesimo in fase di post produzione, permette la disattivazione del tag e la registrazione di informazioni addizionali quali il kill code, - Classe 2: Tag passive con funzionalità aggiunte : es. memoria o crittografia - Classe 3: Tag semi passivi - Classe 4: Tag attivi READ/WRITE, comunicano con lettori e altri tag sulla stessa banda di frequenza Gen 2 Air Interface Protocol (AIP) Lo standard EPC Class1 Generation 2 amalgama al suo interno le caratteristiche degli standard Class 0 Gen 1 e Class 1 Gen 1 8 (proposti precedentemente da EPCglobal) eliminando così i problemi di interoperabilità tra i diversi standard presenti in ambito EPC, ed alcune caratteristiche dello standard ISO (due protocolli UHF air interface: A e B). Si tratta quindi della prima vera piattaforma globale per lo sviluppo di applicazioni EPC tramite tecnologia RFId in banda UHF. Inoltre, il protocollo é stato disegnato per essere utilizzato con classi di tag superiori, ossia un reader conforme a Gen 2 potrebbe leggere un tag attivo con un sensore oppure un semplice tag con un'unica ID, creando in questo modo le fondamenta per l utilizzo di prodotti con prestazioni superiori, tipo: tag Class 2 e class 3. I reader UHF possono essere aggiornati con nuovo hardware e firmware o entrambi per leggere i tag Gen 2. Funzionalità Il Protocollo UHF Class 1 Gen 2 fornisce diverse di funzioni atte a migliorare le performance dei reader, principalmente quando diversi lettori sono dislocati in prossimità tra di loro. Queste funzioni servono a minimizzare le collisioni tra lettori e facilitare l utilizzo di algoritmi di scouring 9 per localizzare i tag. Lo standard Gen 2 consente ai reader di operare in tre modi diversi: single-reader mode (1 lettore per impianto); multi-reader mode (~ 10 lettori per impianto); dense-reader mode 10 (centinaia di lettori per impianto). Per funzionare nel modo più efficiente, i reader dovrebbero operare in un dense-reader mode, vale a dire quando più di 50 reader sono presenti nello stesso edificio, ad esempio un Ce.Di. Il dense-mode è stato studiato per evitare interferenze tra reader posizionati in spazi limitati, ma soprattutto in regioni, come l Europa, dove la banda UHF di frequenze assegnata è molto ridotta. Per visualizzare la modalità densemode, basti pensare ad un autostrada americana a più corsie. I reader potrebbero essere i mezzi pesanti che emettono un forte segnale RF, i tag potrebbero essere paragonati a delle biciclette che emettono un 8 Il primo standard Gen 1 constava di due protocolli: class 0 e class 1 ed un reader non poteva leggere entrambe le classi di tag a meno che non fosse un reader multiprotocol. 9 Processo di ricerca/perlustrazione e localizzazione. 10 RFID Journal, Mar 28, 2005, Mark Roberti, Understanding the EPC Gen 2 Protocol 11

12 segnale RF debole. Grazie alla modalità dense mode, è possibile dividere la banda di frequenza UHF in corsie. Sia i reader/mezzi pesanti che i tag/biciclette potranno utilizzare esclusivamente le corsie a loro assegnate senza mai scontrarsi/interferire. Lo standard Gen 2 prevede che i reader usino corsie di frequenza differenti da quelle utilizzate dai tag, in modo che i tag possano esse letti anche quando diversi reader operano simultaneamente in prossimità. L UHF Class 1 Gen 2 Tag Protocol, tramite funzioni specifiche del tag RFId, ottimizza i livelli di sicurezza e privacy. Queste caratteristiche comprendono una funzione kill con password associata ed una funzione lock con una password di controllo accesso. EPCglobal non ha però ancora definito le modalità attraverso le quali le password, richieste per le funzioni kill e lock, dovranno essere distribuite attraverso il Network per raggiungere i punti dove sono richieste. Le funzioni di lettura (a parte la lettura di EPC ), scrittura, blocco ed eliminazione dei tag RFId, oltre al mantenimento delle password di accesso ed eliminazione, sono attualmente definite nelle specifiche Tag Protocol e Reader Protocol. Anche se l EPCglobal prevede la memorizzazione del solo codice EPC sul tag, il Protocollo UHF Class 1 Generation 2 consente di registrare, oltre al codice EPC, anche user data addizionali. Tuttavia ad oggi, gli standard EPCglobal non specificano come saranno utilizzati gli user data sul tag EPC. Il Tag protocol UHF Class 1 Generation 2 fornisce anche un campo per il tag ID (TID) read-only che viene scritto al momento della fabbricazione del tag RFId. Il TID deve fornire informazioni sul produttore del tag, compresa l identità del fabbricante. Queste informazioni saranno poi associate con il TID in una banca dati esterna, gestita da EPCglobal o da un altra organizzazione. EPCglobal non fornisce attualmente specifiche per il campo TID o per le informazioni associate. Checklist per l implementazione I tag conformi all EPCglobal Class 1 Generation 1 potranno continuare ad essere utilizzati finché non saranno disponibili i tag UHF Generation 2. I tag, conformi al protocollo standard EPCglobal Class 1 Generation 2, sono passivi, scritti una volta sola, con una capacità pari a 96 bit per registrare il codice EPC. Sebbene lo standard EPCglobal preveda la possibilità di utilizzare tag a 64 bit, EPCglobal ne raccomanda l uso soltanto nei piloti e nella sperimentazione tecnologica, in quanto questi tag hanno una capacità insufficiente alla registrazione dei dati EPC e verranno completamente sostituiti dai tag a 96 bit. Data l ampia offerta di prodotti sul mercato, è importante che l azienda utente scelga sia il tipo di tag che il suo posizionamento in modo da consentire la migliore prestazione possibile. EPCglobal svilupperà le linee guida sul posizionamento dei tag sulla base dei risultati delle sperimentazioni in corso nei laboratori EPC. Le stampanti utilizzate per scrivere il tag devono quindi essere in grado di: gestire la versione seriale del GTIN e dell SSCC (Tag Data Standard EPCglobal); assicurarne l affidabilità durante il processo di stampa; verificare che il tag sia stato scritto correttamente; identificare ed isolare i tag non funzionanti senza interrompere il processo di stampa. Se gli attuali processi aziendali prevedono la stampa di un etichetta, allora è possibile continuare ad usare un etichetta di carta con il tag incorporato. E possibile, inoltre, integrare i tag in materiali quali plastica e cartone. EPCglobal sta sviluppando dei test di conformità per misurare i livelli di performance e certificando laboratori di sperimentazione per verificare che i requisiti richiesti dagli standard siano raggiunti. Tuttavia, le caratteristiche individuali dei prodotti e la configurazione del sito (magazzino, Ce.Di, ecc.) possono avere un impatto significativo sulle prestazioni e creare problemi anche laddove vengono utilizzati tag e reader conformi agli standard EPCglobal. 12

13 Questa è una checklist delle caratteristiche degli apparati RFId per essere conformi alle specifiche EPCglobal: capaci di operare in conformità allo standard ETSI (EN ) ad una potenza pari a 2 watts erp su banda di frequenze UHF MHz conformi agli standard europei e nazionali di sicurezza sulle trasmissioni radio e altri standard (es. CE Conformité Européenne, GS safety certifications) conformi ai protocolli UHF Generation 1 e Generation 2 oppure aggiornabili al Protocollo Generation 2 conformi alle specifiche sulle prestazioni di EPCglobal per i reader adatti all uso in ambienti quali magazzini, Ce.Di e siti produttivi conformi agli standard EPCglobal per le reader interface adatti a registrare le strutture dati EPCglobal attraverso le tavole di conversione dei dati (Tag Data Standard EPCglobal) idonei a verificare che la scrittura sia avvenuta correttamente se sono apparecchiature per la scrittura del tag idonei a migrare automaticamente tra i diversi protocolli per leggere le diverse tipologie di tag con impatto minimo sulle prestazioni (es. multistandard/agile reader) abilitati alla disattivazione di funzioni inutilizzate per ottimizzare le prestazioni idonei a collegarsi ad un ethernet network connection (LAN) se reader fissi idonei a collegarsi ad una wireless connection (WLAN) se reader portatili capaci di leggere sia l EPCglobal tag che i codici a barre laddove richiesto se reader portatili Normativa per Applicazioni RFId in Italia Il Decreto Ministeriale del 13 luglio 2007 ha liberalizzato le radio frequenze per i c.d. dispositivi "RFId" (Radio Frequency Identification). Il Decreto ministeriale stabilisce in particolare che: «la banda di frequenze MHz può essere impiegata, su base di non interferenza e senza diritto a protezione, ad uso collettivo da apparati a corto raggio per le apparecchiature di identificazione a radiofrequenza (RFId), aventi le caratteristiche tecniche di cui alla decisione 2006/804/CE. Tali applicazioni sono soggette al regime di "libero uso" ai sensi dell'art. 105, comma 1, lettera o) del Codice delle comunicazioni elettroniche, emanato con decreto legislativo 1 ag osto 2003». Il provvedimento adottato si è avvalso della collaborazione del Ministero della Difesa, che ha concordato sulla compatibilità tra il servizio svolto sulla banda interessata - sottoposta anche ad utilizzazioni militari - e le applicazioni RFId per usi civili. Gli RFId operanti sulle bande di frequenza cosiddette Uhf, liberalizzati ora in Italia con il Decreto del Ministero delle Comunicazioni, introducono un notevole cambiamento anche rispetto ad analoghe applicazioni finora in uso (per esempio il Telepass). La caratteristica particolare di questi nuovi dispositivi consiste nel fatto che essi utilizzano dei "tag" (etichette elettroniche) passive, vale a dire senza bisogno di alimentazione a batteria, per cui sono estremamente leggere, di basso costo e facilmente leggibili ed aggiornabili. Grazie alla tecnologia RFId i cittadini italiani potranno beneficiare di nuovi vantaggiosi servizi, sotto il profilo della sicurezza (ad esempio, tracciabilità degli alimenti, servizi per la salute, lotta contro la contraffazione dei medicinali), della comodità (ad esempio, attese ridotte alle casse dei supermercati, gestione più accurata e affidabile dei bagagli presso gli aeroporti, pagamenti automatizzati) e dell'accessibilità (ad esempio, nel settore della sanità, la RFId è potenzialmente in grado di innalzare il livello di qualità delle cure e di sicurezza dei pazienti e di migliorare il rispetto delle prescrizioni terapeutiche). 13

14 RFId Reader Il ruolo dell RFId Reader consiste: - nel leggere gli EPC sui tag RFID in un campo di una o più antenne e riportare gli EPC a una host application - quando un RFId tag consente la scrittura del codice EPC dopo la produzione, scrive l EPC sul tag come disposto dalla host application - quando un RFId tag fornisce informazioni aggiuntive all EPC code, legge e scrive le informazioni aggiuntive come disposto dall host application - quando un RFId tag fornisce funzionalità aggiuntive quali il kill e il lock e opera queste funzionalità secondo quanto disposto dall host application - è in grado di effettuare filtering & collection di EPC, aggregazione di letture, ecc. Reader Interface Il Reader Interface fornisce al software gli strumenti per controllare tutti gli aspetti delle operazioni svolte dal reader RFID, comprese quelle definite dal Tag Protocol. In particolare, l EPCglobal Reader Protocol deve fornire accesso completo a tutte le funzioni dell UHF Class 1 Gen 2 Tag Protocol: formati di modulazione (modulation formats), velocità sessioni dati (data rates sessions), password, lettura tag, scrittura tag, blocco del tag, eliminazione del tag (killing). Il reader legge i codici EPC sui tag RFId, nel raggio di una o più antenne e manda un report sugli EPC letti all applicazione ospite (tramite il Reader Protocol). Il ruolo del Reader Protocol consiste quindi nel: fornire gli strumenti per comandare ad un RFId Reader di inventariare i tag (ovvero leggere i codici EPC memorizzati sui tag), leggere i tag (ovvero leggere le altre informazioni registrate su tag, diverse dal codice EPC ), scrivere etichette, manipolare i dati identificazione sul tag, ed accedere ad altre funzioni quali kill, lock, ecc.; dare accesso alle funzioni di gestione del RFId Reader, compresi il discovery, la configurazione firmware/software e gli aggiornamenti, il monitoraggio della connettività, la raccolta statistiche, la connettività antenne; trasmettere i livelli di potenza e gestire il consumo di potenza del reader; permettere di controllare gli aspetti RF (radio frequenza) delle operazioni del reader, compresi il controllo dell uso dello spettro RF, la rilevazione e misurazione di interferenze, la modulazione formati, la velocità dati, ecc.; dare accesso a processi quali il filtraggio degli EPC, l aggregazione di letture, e così via. Reader Management Interface Lo standard Reader Management Interface contribuisce a: formulare query (interrogazione) sulla configurazione di un reader RFId, quali: identità del reader, numero di antenne, ecc.; monitorare lo stato operativo del reader, es. numero di tag letti, stato dei canali di comunicazione, connettività delle antenne, ecc.; controllare la configurazione di un RFId Reader, es. attivare/disattivare specifiche antenne o caratteristiche, ecc. consente l accesso alle funzionalità dell RFId Reader Management compresi il riconoscimento dei dispositivi, l identificazione e autenticazione, la gestione della connettività di rete, l inizializzazione 14

15 del firmware/software, la configurazione e gli aggiornamenti e la gestione dei consumi di potenza del reader Filtering & Collection Il ruolo del Filtering & Collection consiste nel coordinamento delle attività di uno o più reader che occupano lo stesso spazio fisico e che quindi corrono il rischio di interferire tra di loro. Le sue principali responsabilità, nell ambito dell EPCglobal Network, sono: ricevere le letture grezze dei tag da uno o più reader; ridurre il volume dei dati EPC, trasformando le letture grezze dei tag in sequenze di eventi. Esempi di queste procedure comprendono il filtraggio (eliminando alcuni EPC in base alle loro identità, ovvero eliminare tutti i codici EPC non appartenenti ad una specifica classe), l aggregazione in intervalli di tempo (eliminando duplicati di lettura all interno di un dato intervallo), il raggruppamento (riorganizzando gli EPC all interno di una classe di oggetto specifico), il conteggio degli EPC, e l analisi differenziale (riferendo quali EPC sono stati aggiunti o rimossi, piuttosto che tutti gli EPC letti); determinare quali delle operazioni finora descritte possono essere delegate al reader, e quali devono essere svolte dal Filtering & Collection stesso. E implicito che il Filtering & Collection conosce le capacità dei reader associati; decodificare i valori grezzi del tag in rappresentazioni URI 11 come definito dal Tag Data Specification; mappare le risorse fisiche quali lettori e/o antenne specifiche; conciliare le richieste di dati provenienti da più applicazioni cliente, (client applications) quando quest ultime coinvolgono gli stessi set di reader o comportano il sovrapporsi di più subset di reader; stabilire e controllare la strategia per localizzare i tag utilizzati dai reader RFId; coordinare le operazioni di molteplici reader ed antenne entro una determinata zona operativa per minimizzare le interferenze: es. controllare quando specifici lettori sono attivati in modo tale che lettori fisicamente adiacenti non vengano attivati simultaneamente, oppure utilizzare caratteristiche specifiche dei lettori o tag protocol, come la funzione sessions dell UHF Class 1 Gen 2 Tag Protocol. La gestione del ruolo di Filtering & Collection non è ancora stata definita dalle specifiche EPCglobal, inclusi gli aspetti di coordinamento delle attività di lettori multipli per minimizzare le interferenze: stabilire i parametri che controllano le strategia di inventario, controllare le caratteristiche specifiche del Tag Protocol, ecc. In sintesi, il Filtering & Collection (ALE) Interface costituisce un interfaccia standard per: consentire ad una o più applicazioni cliente di richiedere i codici EPC da una o più fonti; fornire alle applicazioni cliente gli strumenti per specificare quale funzione svolgere sui dati EPC, es. filtraggio, aggregazione, raggruppamento, calcolo ed analisi differenziale, ecc.; consentire alle applicazioni cliente di richiedere dati on demand (synchronous delivery) o come richiesta stabile (asynchronous delivery); permettere a molteplici applicazioni cliente di condividere le informazioni provenienti dallo stesso lettore o lettori, senza precedente coordinamento tra le applicazioni; fornire una rappresentazione standard sia per le richieste di dati EPC da parte dei clienti, che per i report di dati EPC filtrati e raccolti. 11 L Uniform Resource Identifier identifica univocamente un contenuto su Internet, sia esso un file di testo, un immagine, un video, un programma o quanto altro. 15

16 EPC Information Services (EPCIS) Nell ambito dell EPCglobal Network, il veicolo fondamentale per lo scambio di informazioni tra gli utenti è l EPC Information Service (EPCIS). L EPCIS è infatti un insieme di interfacce per lo scambio dati: EPCIS Capturing Application; EPCIS Capture Interface EPCIS Query interface; EPCIS Accessing Application; EPCIS Repository. L EPCIS Capturing Application riconosce il verificarsi dei business event e li restituisce come EPCIS data. Gli EPCIS data sono le informazioni che i partner scambiano per conoscere gli eventi della supply chain, es. movimentazione degli oggetti, location di transito, ecc. Può inoltre coordinare più fonti di informazioni mentre sta identificando uno specifico evento EPCIS. Le fonti di dati possono includere sia i dati già filtrati e raccolti tramite il Filtering & Collection Interface che altri dati forniti da apparati non RFId, come i codici a barre, dati manuali, e dati raccolti da altri sistemi software. Lo standard EPCIS Capture Interface contribuisce dunque a fornire un canale per comunicare gli eventi EPCIS, generati da EPCIS Capturing Application, EPCIS Repositories, EPCIS Accessing Applications interni, e alle EPCIS Accessing Applications. L EPCIS Query Interface permette ad un EPCIS Accessing Application di richiedere (formulare query) i dati EPCIS ad un EPCIS Repository o ad un EPCIS Capturing Application e di restituire il risultato della interrogazione (query). Inoltre consente la reciproca identificazione (authentication) delle due parti coinvolte e risponde alla query solo se la risposta è stata autorizzata dalla parte interessata. L EPCIS Accessing Application svolge tutti i processi aziendali, quali gestione del magazzino, spedizione e consegne, analisi storica del transito merci, e così via, supportati da EPCIS data. L EPCIS Repository è un software che registra gli eventi EPCIS generati da uno o più EPCIS Capturing Applications, e li rende disponibili per interrogazioni successive da parte dell EPCIS Accessing Applications. Naturalmente gli EPCIS possono anche essere utilizzati ad uso esclusivamente interno dagli EPCglobal subscriber Object Naming Service (ONS) Gli EPCglobal Subscriber (ovvero le aziende utenti) possono localizzare il Servizio EPCIS di altre aziende utenti utilizzando l Object Naming Service (ONS). L ONS può essere visto come un semplice servizio di ricerca che usa come input un codice EPC, e produce come output l indirizzo (nella forma di URL) di un Servizio EPCIS indicato dall EPC Manager (codice identificativo dell azienda e componente della struttura numerica del codice EPC ) dell EPC in questione. In generale, esistono differenti classi di oggetti (tipologie di referenze, SKU) che rientrano nell autorità di un singolo EPC Manager, ma le informazioni relative alle diverse classi di oggetti di un dato EPC Manager potrebbero essere fornite da Servizi EPCIS diversi. L ONS richiede un input separato per ogni classe di oggetti (l attuale design dell ONS non permette differenti input per numeri di serie diversi per la stessa classe di oggetti). L architettura Object Naming Service (ONS) è stata disegnata come un applicazione per l Internet Domain Name Service (DNS), concettualmente un singolo servizio di ricerca globale, ma è implementata come una gerarchia di servizi di ricerca. Quando un EPCglobal Subscriber (azienda utente) desidera localizzare un servizio EPCIS, prima consulta il Root ONS operato da EPCglobal. Il Root ONS identifica il servizio ONS locale che contiene il record delle 16

17 referenze/sku a cui è stato assegnato l EPC Manager Number. Infine l EPCglobal Subscriber completa la ricerca consultando il servizio locale ONS, il quale fornisce l indirizzo URL del servizio EPCIS interessato. L ONS utilizza l internet Domain Name System (DNS), specificando una convenzione per cui un EPC viene convertito in un Internet Domain Name nel dominio onsepc.com. Inoltre l ONS trae beneficio dagli stessi meccanismi di caching del DNS. In pratica una data ricerca ONS non ha bisogno di consultare ogni servizio nella gerarchia (Root ONS e ONS locali), perché gli input a livelli più alti si trovano nei cache locali. Discover Discover Discover EPCIS server Capturing application Filtering & Collection Tag reader Figura 3 17

18 APPENDICI A. Indicod-Ecr Indicod-Ecr è l associazione italiana, no profit, che raggruppa oltre 34mila imprese industriali e distributive operanti nel settore dei beni di largo consumo e che si occupa dell ideazione e della diffusione degli standard e dei modelli, adottati a livello mondiale, alla base della comunicazione e della relazione tra aziende e consumatori. Il suo segno più conosciuto è il codice a barre, base del sistema GS1 di identificazione automatica dei prodotti. Nata nel 1978, Indicod-Ecr è impegnata costantemente perché queste soluzioni siano sempre più efficienti, efficaci e diffuse, a beneficio delle imprese e del consumatore finale. Con l attenzione sempre rivolta all innovazione. Oggi i sistemi, gli standard e i linguaggi Indicod-Ecr sono utilizzati milioni di volte, ogni giorno, da imprese e consumatori. B. Lab di Indicod-Ecr Lab di Indicod-Ecr è nato nel 2007 come laboratorio di sperimentazione della tecnologia RFID/EPC, realizzato da Indicod-Ecr e dalla School of Management del Politecnico di Milano insieme ai Dipartimenti di Elettronica e Informazione del Politecnico di Milano, in collaborazione con i più importanti partner del panorama nazionale ed internazionale, con l obiettivo di eseguire studi di fattibilità e testare l implementazione della tecnologia RFID/EPC nell ambito dei processi operativi della Supply Chain. A partire dal 2010 il laboratorio è diventato il centro di riferimento in Italia per tutti gli standard internazionali di GS1. L obiettivo è quello di testare la migliore integrazione delle soluzioni standard promosse dall associazione internazionale GS1 lungo la Supply Chain, al fine di ottimizzare i flussi logistici all interno della filiera stessa, ma anche tutto l aspetto dei benefici per il consumatore finale e nelle relazioni in genere tra le aziende. Nell'attività del Lab, Indicod-Ecr collabora con partner tecnologici di primo piano che condividono con l'istituto gli obiettivi dell'iniziativa e contribuiscono ad affermare il laboratorio come punto di riferimento nazionale ed internazionale. Lab di Indicod-Ecr è inserito all'interno del network di laboratori EPC europei (denominato European EPC Lab Network, il quale consiste nell'rfid/epcglobal Test CENTER in Austria, nel Laboratoire RFID EPCglobal in Francia, nell'european EPC Competence Center (EECC) in Germania, nel GS1 lab di Indicod-Ecr, nell EPC Lab of National EPC/RFID Laboratory in Polonia, nel GS1 UK RFID Test Centre, GS1 EPC/RFID Innovation Centre in Norway, nell RFID/EPCglobal Test and Knowledge Centre at the Danish Technological Institute e nell EPC Competence Centre in Spagna. All interno del Lab di Indicod-Ecr si trova anche l RFId Solution Center (http://www.rfidsolutioncenter.it/) del Politecnico di Milano, il quale nasce con l obiettivo di favorire la ricerca, lo sviluppo e l applicazione delle tecnologie RFId avvalendosi delle capacità di creazione e gestione dell innovazione della School of Management e del Dipartimento di Elettronica e Informazione del Politecnico di Milano. Esso si pone come punto di riferimento per aziende, enti pubblici, associazioni di categoria, produttori di tecnologia, che vogliano realizzare studi di fattibilità per applicazioni basate sulle tecnologie RFId. L RFId Solution Center offre le competenze chiave per poter sviluppare in modo integrato una concreta strategia di introduzione dell innovazione RFId attraverso strumenti tecnologici, best practice, metodologie, attività di R&D e modelli di analisi. C. I partner dell'iniziativa Nell attività del Lab, Indicod-Ecr collabora con la School of Management del Politecnico di Milano condivide con l Istituto gli obiettivi dell iniziativa. Inoltre al progetto partecipano i partner riportati alla pagina epcglobal/partner/ 18

19 INDICOD-ECR Via Paleocapa MILANO T F LAB DI INDICOD-ECR T Via G. Di Vittorio, PESCHIERA BORROMEO (MI) PER INFORMAZIONI 19

L etichetta elettronica (EPC) METRO AG

L etichetta elettronica (EPC) METRO AG L etichetta elettronica (EPC) METRO AG Al servizio delle imprese Indicod-Ecr è una associazione di categoria senza scopo di lucro che raggruppa aziende industriali e distributive operanti nel settore dei

Dettagli

CONTESTO AZIENDALE DATI GENERALI. 2 RECEPIMENTO NORMA. 4 TIPOLOGIA DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA. 7 PERFORMANCE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA.

CONTESTO AZIENDALE DATI GENERALI. 2 RECEPIMENTO NORMA. 4 TIPOLOGIA DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA. 7 PERFORMANCE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA. CONTESTO AZIENDALE DATI GENERALI... 2 RECEPIMENTO NORMA... 4 TIPOLOGIA DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA... 7 PERFORMANCE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA... 10 DIMENSIONI AZIENDALI... 12 CONTESTO AZIENDALE DATI

Dettagli

Interoperabilità dei sistemi di identificazione RFID e Contactless. P&STech Genova 22/11/2010

Interoperabilità dei sistemi di identificazione RFID e Contactless. P&STech Genova 22/11/2010 Internet of Things: Interoperabilità dei sistemi di identificazione RFID e Contactless P&STech Genova 22/11/2010 Marco Magnarosa CUBIT CUBIT Consortium Ubiquitous it Technologies nasce nel 2007 per volontà

Dettagli

Fondamenti e Principi del sistema GS1

Fondamenti e Principi del sistema GS1 , 1 Versione 15, Gennaio 2015 Sezione 1. Fondamenti e Principi del sistema GS1 1.1. Le Specifiche Tecniche GS1... 2 1.2. I principi del Sistema GS1... 3 1.3. Politiche per il Sistema di identificazione...

Dettagli

L'integrazione della supply chain tramite RFID ed EPCglobal Network: il caso Goglio Lavazza

L'integrazione della supply chain tramite RFID ed EPCglobal Network: il caso Goglio Lavazza L'integrazione della supply chain tramite RFID ed EPCglobal Network: il caso Lavazza Milano, 22 Aprile 2009 Agenda Progetto Lavazza Obiettivi del progetto La supply chain AS-IS La supply chain TO-BE EPC

Dettagli

I principi dell RFID: comprendere e utilizzare l identificazione a radiofrequenza

I principi dell RFID: comprendere e utilizzare l identificazione a radiofrequenza White paper I principi dell RFID: comprendere e utilizzare l identificazione a radiofrequenza INDICE Introduzione 2 Funzionamento della tecnologia RFID 2 Tag (transponder) 2 Opzioni 3 Uso dell RFID 4 Conclusioni

Dettagli

Warehouse Solution per AS/400. Soluzione in Radio Frequenza per la gestione di centri di distribuzione all interno del sistema logistico aziendale

Warehouse Solution per AS/400. Soluzione in Radio Frequenza per la gestione di centri di distribuzione all interno del sistema logistico aziendale Warehouse Solution per AS/400 Soluzione in Radio Frequenza per la gestione di centri di distribuzione all interno del sistema logistico aziendale 1 Agenda Introduzione Caratteristiche dell applicativo

Dettagli

Il Catalogo Elettronico

Il Catalogo Elettronico Il Catalogo Elettronico Al servizio delle imprese Indicod-Ecr è una associazione di categoria senza scopo di lucro che raggruppa aziende industriali e distributive operanti nel settore dei beni di largo

Dettagli

Parte 3 B: La tecnologia EPC incontra il processo Rev 2.1-16.05.2011

Parte 3 B: La tecnologia EPC incontra il processo Rev 2.1-16.05.2011 1 Parte 3 B: La tecnologia EPC incontra il processo Rev 2.1-16.05.2011 1 Sommario Disclaimer... 4 1. Introduzione... 5 2. Il laboratorio EPC Lab vs Lab di Indicod-Ecr... 6 2.1. Obiettivi del laboratorio...

Dettagli

Eagle RFId Supply Chain Management

Eagle RFId Supply Chain Management RFId Supply Chain management 24 marzo 2010 Il team per le Soluzioni RFID La società svizzera che aggrega le competenze RFID e ICT per fornire soluzioni di elevata competenza ed esperienza La società di

Dettagli

INFORMATION TECHNOLOGY PER LA LOGISTICA DI MAGAZZINO

INFORMATION TECHNOLOGY PER LA LOGISTICA DI MAGAZZINO INFORMATION TECHNOLOGY PER LA LOGISTICA DI MAGAZZINO Una logistica di successo Esperienza e competenza nate per garantire l implementazione di una efficiente Supply Chain Execution in mercati competitivi,

Dettagli

The future behind. Milano, 15 Aprile 2008. ID - S olutions

The future behind. Milano, 15 Aprile 2008. ID - S olutions The future behind Milano, 15 Aprile 2008 Agenda Id-Solutions e RFID Lab di Parma Tecnologia RFID EPC e EPC Network Esempi di applicazioni Chi è Id-Solutions? Id-Solutions è una società di Spin-Off accademico

Dettagli

Formazione GS1 Italy Indicod Ecr 2015: PER ESSERE AGGIORNATI E COMPETITIVI

Formazione GS1 Italy Indicod Ecr 2015: PER ESSERE AGGIORNATI E COMPETITIVI FORMAZIONE 2015 AREA TECNICA Sistema di Codifica GS1 GS1 DataBar GS1 DataMatrix AREA SUPPLY CHAIN Fondamenti di tracciabilità e rintracciabilità Tracciabilità e rintracciabilità Disponibilità ottimale

Dettagli

Soluzioni per la Logistica WHS 400 WareHouse Solution per Iseries

Soluzioni per la Logistica WHS 400 WareHouse Solution per Iseries Soluzioni per la Logistica WHS 400 WareHouse Solution per Iseries S3 Store System Solutions Soluzioni per la Logistica Via Manin, 14 20059 Vimercate (MI) Telefono 039/629081 logistica1@essetre.it Copyright

Dettagli

Una soluzione software integrata : dal magazzino al test automatico delle unità con utilizzo di RFID/Barcode.

Una soluzione software integrata : dal magazzino al test automatico delle unità con utilizzo di RFID/Barcode. areakappa software solutions MapWarehouse Una soluzione software integrata : dal magazzino al test automatico delle unità con utilizzo di RFID/Barcode. www.areakappa.com 1 areakappa software solutions

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

sommario l approccio nebri-tech l innovazione

sommario l approccio nebri-tech l innovazione RFID SYSTEMS sommario 4 OUR company 6 8 l approccio nebri-tech 10 12 14 RFID: cos è LA TRACCIABiLITà L ANTICONTRAFFAZIONE SETTORI DI APPLICAZIONE 16 PRODOTTI e servizi 18 l innovazione 4 5 OUR COMPANY

Dettagli

SOLUZIONI RFID ZEBRA

SOLUZIONI RFID ZEBRA SOLUZIONI RFID ZEBRA EMEA_Zebra_RFID_Capabilities_brochure_6pp_italian.indd 3 12/01/2011 16:18 La più ampia gamma di codificatori/stampanti RFID Supportata da una comprovata esperienza nell ambito dell

Dettagli

I sistemi RFID: caratteristiche e applicazioni

I sistemi RFID: caratteristiche e applicazioni I sistemi RFID: caratteristiche e applicazioni Ottobre 2008 CENTRO DI RICERCA PER LE POLITICHE DELL INNOVAZIONE CERPI Centro di Ricerca per le Politiche dell Innovazione Il CERPI è un centro di ricerca

Dettagli

INFOMAG Warehouse Solution per AS/400

INFOMAG Warehouse Solution per AS/400 INFOMAG Warehouse Solution per AS/400 Soluzione in Radio Frequenza per la gestione di magazzini di Produzione/distribuzione all interno del sistema logistico aziendale 1 Introduzione Soluzione software

Dettagli

Le informazioni obbligatorie per le etichette alimentari. Bari, 23 settembre 2014 1

Le informazioni obbligatorie per le etichette alimentari. Bari, 23 settembre 2014 1 Il supporto degli standard GS1 per una condivisione di informazioni conforme alla legge e a beneficio del consumatore ANDREA AUSILI GS1 ITALY INDICOD-ECR Le informazioni obbligatorie per le etichette alimentari.

Dettagli

Attualizzazione (Discounting) Operazione mediante la quale si determina il valore attuale di un ritorno economico futuro.

Attualizzazione (Discounting) Operazione mediante la quale si determina il valore attuale di un ritorno economico futuro. Glossario Abbassamento Ripristino delle referenze necessarie all interno dello stock di picking. Accuratezza Grado di corrispondenza di un dato teorico a un dato reale o di riferimento. Il dato teorico

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Fixed asset management. Servizi e applicazioni Censit RFID per gestione patrimoniale, identificazione e tracciabilità

Fixed asset management. Servizi e applicazioni Censit RFID per gestione patrimoniale, identificazione e tracciabilità Fixed asset management Servizi e applicazioni Censit RFID per gestione patrimoniale, identificazione e tracciabilità CHI SIAMO COME LE IDEE... Censit nasce dall esperienza pluriennale di una società COMMERCIAL

Dettagli

Chi è Temera. Gli strumenti per costruire queste soluzioni sono sotanzialmente:

Chi è Temera. Gli strumenti per costruire queste soluzioni sono sotanzialmente: Aica 27.10.2009 Chi è Temera Temera è una Business Unit del gruppo Zucchetti Centrosistemi specializzata sul mercato Fashion&Luxury che propone soluzioni innovative funzionali a : Anticontraffazione e

Dettagli

PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE

PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE LIVORNO - 5 Dicembre 2008 Dott. Luca Cattermol General Manager DAXO DAXO è una società operante nel settore delle Information and Communication Technologies (ICT), specializzata

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Tecnologie su base semantica e Ubiquitous computing per il supporto alle decisioni in ambito ospedaliero

Tecnologie su base semantica e Ubiquitous computing per il supporto alle decisioni in ambito ospedaliero Tecnologie su base semantica e Ubiquitous computing per il supporto alle decisioni in ambito ospedaliero Michele Ruta Politecnico di Bari Crescenzio Scioscia Policlinico di Bari SMAU Business 2010 10-11

Dettagli

BAXI. settore dell idrotermosanitario. Milano, 22 Aprile 2009. Project Manager - Indicod-Ecr

BAXI. settore dell idrotermosanitario. Milano, 22 Aprile 2009. Project Manager - Indicod-Ecr BAXI L analisi i di fattibilità per il settore dell idrotermosanitario Milano, 22 Aprile 2009 Pierluigi Montanari Project Manager - Indicod-Ecr Baxi Italy Con: 280 MLN di fatturato 75% di export Una rete

Dettagli

JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE

JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE Modulo di Gestione Magazzino www.kisar.it JUNAK3 - SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE Il Sistema di Gestione Aziendale JUNAK3 è una piattaforma realizzata in ambiente Windows,

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Un mercato potenziale per le aziende Italiane Giornata RFID tecnologie per l Innovazione

Un mercato potenziale per le aziende Italiane Giornata RFID tecnologie per l Innovazione Un mercato potenziale per le aziende Italiane Agenda RFID Lab potenzialità dell RFID e dell EPC Network nel largo consumo RFID Lab (www.rfidlab.unipr.it) Premessa Attività pluriennali di ricerca nell applicazione

Dettagli

Immagino e Catalogo Elettronico GDSN: aspetti strategici e operativi

Immagino e Catalogo Elettronico GDSN: aspetti strategici e operativi Immagino e Catalogo Elettronico GDSN: aspetti strategici e operativi AICS - Food & Beverage Forum 2015 Mirko Repetto 14/10/2015 Lo spazio del dialogo e della collaborazione GS1 Italy Indicod-Ecr è l associazione

Dettagli

PRINCIPALI CLIENTI. Nota: ne aggiungiamo altri o ridestribuiamo i loghi

PRINCIPALI CLIENTI. Nota: ne aggiungiamo altri o ridestribuiamo i loghi Roberto Canelli La dematerializzazione di flussi informativi rende più efficiente e sicuro il processo di ricevimento merci tramite l integrazione tecnologica di RF-ID e DESADV Sait, 18 settembre 2014

Dettagli

Progettazione e implementazione di un sistema per la gestione dei processi di identificazione

Progettazione e implementazione di un sistema per la gestione dei processi di identificazione Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Progettazione e implementazione di un sistema per la gestione dei processi di identificazione Anno Accademico 2005/2006 relatore

Dettagli

SinerAccess. Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza. Sviluppo Innovazione Ricerca

SinerAccess. Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza. Sviluppo Innovazione Ricerca SinerAccess Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza Sviluppo Innovazione Ricerca Tecnologie RFiD RFId (acronimo di Radio Frequency Identification) è una tecnologia per la identificazione

Dettagli

SISTEMI DI TRACCIABILITÀ

SISTEMI DI TRACCIABILITÀ LABEL ELETTRONICA S.r.l. Via della Repubblica, 18 35010 LIMENA (Padova) Tel: +39 049 8848130 Fax: +39 049 8848096 Per ulteriori informazioni: SISTEMI DI TRACCIABILITÀ www.labelelettronica.it ENRICO RAMI

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RISO GALLO

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RISO GALLO Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RISO GALLO Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.14 L'innovazione basata sulle ICT

Dettagli

NetM@g. EFFI CI ENZA LOGI STI CA Ri sp a r mi o, Con t r ol l o, Or g a n i zza zi on e

NetM@g. EFFI CI ENZA LOGI STI CA Ri sp a r mi o, Con t r ol l o, Or g a n i zza zi on e NetM@g EFFI CI ENZA LOGI STI CA Ri sp a r mi o, Con t r ol l o, Or g a n i zza zi on e E V OL U Z I ON E T E C N OL OGI C A Wi r e l e s s, B a r d c o d e, B r o ws e r MISSIONE AZIENDALE C A S T G r

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

accoppiata vincente GDOWEEK - 20 aprile 2009

accoppiata vincente GDOWEEK - 20 aprile 2009 RFID e moda, accoppiata vincente 10 COVERSTORY Il settore abbigliamentomoda si sta rivelando uno degli ambiti più attivi nell implementazione di soluzioni basate sulla tecnologia Rfid. Un onda lunga partita

Dettagli

Sezione 4. Regole di Applicazione e procedure di gestione

Sezione 4. Regole di Applicazione e procedure di gestione , 4 Versione 15, Gennaio 2015 Sezione 4. Regole di Applicazione e procedure di gestione 4.1. Introduzione... 2 4.2. Regole per le Chiavi... 2 4.3. Regole per i GTIN... 4 4.4. Regole per gli SSCC... 12

Dettagli

L RFID nella produzione e nella logistica

L RFID nella produzione e nella logistica L RFID nella produzione e nella logistica ANIELLO MICCO Practice Manager RFID SIEMENS IT SOLUTIONS AND SERVICES PRIMA GIORNATA SULLE TECNOLOGIE RFID IN SARDEGNA 27 Novembre 2008 Sardegna Ricerche, Pula

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I ACCESSI WEB

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I ACCESSI WEB I N F I N I T Y Z U C C H E T T I ACCESSI WEB ACCESSI WEB Accessi web è la soluzione Zucchetti che unisce le funzionalità del controllo accessi con la praticità e la comodità dei sistemi web. Visualizzabile

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

Ing. Marco Magnarosa CEO CUBIT Il Nuovo Mondo, Bologna 29/11/2011

Ing. Marco Magnarosa CEO CUBIT Il Nuovo Mondo, Bologna 29/11/2011 Internet delle cose: la questione dell interoperabilità e dell integrazione dei sistemi contactless Ing. Marco Magnarosa CEO CUBIT Il Nuovo Mondo, Bologna 29/11/2011 CUBIT Consortium Ubiquitous Technologies

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T ACCESSI WEB

I N F I N I T Y P R O J E C T ACCESSI WEB I N F I N I T Y P R O J E C T ACCESSI WEB ACCESSI WEB Accessi web è la soluzione Zucchetti che unisce le funzionalità del controllo accessi con la praticità e la comodità dei sistemi web. Visualizzabile

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Chi siamo. Ragione sociale: Logica Consulting & Solutions S.r.l. Anno di fondazione: 1989. Numero di collaboratori: 50. Fatturato 2008: 9 Mil

Chi siamo. Ragione sociale: Logica Consulting & Solutions S.r.l. Anno di fondazione: 1989. Numero di collaboratori: 50. Fatturato 2008: 9 Mil 1 Ragione sociale: Logica Consulting & Solutions S.r.l. Anno di fondazione: 1989 Numero di collaboratori: 50 Fatturato 2008: 9 Mil Mercato : Territorio nazionale e paesi Europei Missione: offrire soluzioni

Dettagli

Enterprise Content Management

Enterprise Content Management Enterprise Content Management SOLUZIONI PER LA COLLABORAZIONE SOCIAL Condividi l informazione, snellisci I flussi, ottimizza la produttività Freedoc è un applicazione documentale multicanale per il trattamento

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

Un sistema di identificazione basato su tecnologia RFID

Un sistema di identificazione basato su tecnologia RFID tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ch.mo prof. Massimo Ficco candidato Alessandro Ciasullo Matr. 831/166 Obiettivo Progettazione ed implementazione

Dettagli

LoMa. Programma per la gestione del magazzino. Carico con Qta Vendita Fattura Dt Acq.Con Qta. MCE LoMa4

LoMa. Programma per la gestione del magazzino. Carico con Qta Vendita Fattura Dt Acq.Con Qta. MCE LoMa4 MCE LoMa4 Menu Info Chiudi Reset Utils OK LoMa Programma per la gestione del magazzino Carico No Qta Carico Forn.No Q. Carico Forn.Con Q. Vendita Negozio Dt Acq.No Qta Carico con Qta Vendita Fattura Dt

Dettagli

Enterprise Content Management

Enterprise Content Management Enterprise Content Management SOLUZIONI PER LA COLLABORAZIONE SOCIAL Condividi l informazione, snellisci I flussi, ottimizza la produttività Solgenia Freedoc è un applicazione documentale multicanale per

Dettagli

Un nuovo codice a barre: GS1 DataBar

Un nuovo codice a barre: GS1 DataBar Un nuovo codice a barre: GS1 DataBar Paola Carpentiere Project Manager Verso il codice a barre perfetto Milano, 10 ottobre 2007 www.indicod-ecr.it GS1 DataBar: nuova simbologia Dal 1 gennaio 2010: - le

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso SIOS

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso SIOS Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso SIOS Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.4 Le opportunità per le imprese derivanti

Dettagli

Intier Seating ha risolto il problema della consegna sequenziale di parti (Sequenced Part Delivery, SPD) grazie ai sistemi RFID EMS

Intier Seating ha risolto il problema della consegna sequenziale di parti (Sequenced Part Delivery, SPD) grazie ai sistemi RFID EMS Case study Intier Seating ha risolto il problema della consegna sequenziale di parti (Sequenced Part Delivery, SPD) grazie ai sistemi RFID EMS La consegna sequenziale delle parti (Sequenced Part Delivery,

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.4 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 Le Reti di Computer Tecniche di commutazione La commutazione di circuito

Dettagli

Un sistema di identificazione basato sulla tecnologia RFID

Un sistema di identificazione basato sulla tecnologia RFID tesi di laurea Un sistema di identificazione basato sulla tecnologia RFID Anno Accademico 2005-2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ch.mo prof. Massimo Ficco candidato Giacomo Scibelli Matr.

Dettagli

Una Azienda di Logistica si differenzia sul mercato innanzitutto per la capacità di gestire flussi multi segmento con l ausilio di un sistema informativo integrato. Se un'azienda vuole operare nel mercato

Dettagli

Tutti i diritti riservati Copyright GS1 Italy Indicod-Ecr 2012 1

Tutti i diritti riservati Copyright GS1 Italy Indicod-Ecr 2012 1 a Documento Condiviso per la Tracciabilità e la Rintracciabilità: Regolamento UE n 931/2011 Giugno 2012 1 Indice Executive summary... 3 Introduzione... 4 I processi coinvolti dalla tracciabilità di filiera

Dettagli

DNA ERP Warehouse Management System.

DNA ERP Warehouse Management System. DNA ERP Warehouse Management System DNA ERP Warehouse Management System. Il prodotto Warehouse Management System (WMS) è sviluppato da ITACME Informatica per la completa copertura delle esigenze di gestione

Dettagli

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA ak TRACK GESTIONE MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA IL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ DEI MATERIALI NELLA PRODUZIONE La norma ISO 8402 definisce la tracciabilità

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

DRS Dealer Rendering System

DRS Dealer Rendering System DRS Dealer Rendering System Scenario DRS, Dealer Rendering System, consente ad una rilevante industria automobilistica di richiedere, gestire e analizzare i materiali resi dalla rete di vendita per determinare

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

GS1 Italy Indicod-Ecr. Gli standard e i servizi per l efficienza della supply chain

GS1 Italy Indicod-Ecr. Gli standard e i servizi per l efficienza della supply chain GS1 Italy Indicod-Ecr Gli standard e i servizi per l efficienza della supply chain 36 anni GS1 Italy Indicod-Ecr in numeri Il sistema di standard GS1 Per favorire la visibilità e l efficienza della catena

Dettagli

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Privacy Policy del sito web Technology Reply In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito Technology Reply, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBSEC http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

Specifiche Tecniche GS1, Versione 15, Gennaio 2015. identificazione

Specifiche Tecniche GS1, Versione 15, Gennaio 2015. identificazione , 2 Versione 15, Gennaio 2015 Sezione 2. Applicazioni di identificazione 2.1. Unità commerciali... 2 2.2. Unità Logistiche... 64 2.3. Beni (Assets)... 68 2.4. Global Location Number: identificazione Unità

Dettagli

Stampanti di Etichette e Marcatori a Colori RFID On demand

Stampanti di Etichette e Marcatori a Colori RFID On demand Primera Technology, Inc. RFID White Paper Stampanti di Etichette e Marcatori a Colori RFID On demand Introduzione Compagnie di pressocché tutte le dimensioni e tipi spesso si trovano ad aver bisogno di

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 White paper Novembre 2007 Per informazioni aggiornate, visitare l indirizzo www.microsoft.com/italy/vstudio È possibile che a questo

Dettagli

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com

LBSEC. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBSEC http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Progetti per le imprese Tecnologie innovative per la sicurezza sul posto di lavoro

Progetti per le imprese Tecnologie innovative per la sicurezza sul posto di lavoro Progetti per le imprese Tecnologie innovative per la sicurezza sul posto di lavoro BizEmWave Group Innovation as value added BizEmWave Group: una Rete di Società R&D Partner srfid Systems R&D Partners

Dettagli

Reti e Internet LAN (local-area network) WAN (wide-area network) NIC (Network Interface Card)

Reti e Internet LAN (local-area network) WAN (wide-area network) NIC (Network Interface Card) Reti e Internet Il termine LAN (local-area network) definisce una tipologia di rete, o di parte di una rete, in cui i vari dispositivi che ne fanno parte sono tutti dislocati nell'ambito dello stesso edificio

Dettagli

elisa - LIMS Tecnologia Microsoft per la gestione completa del processo di analisi di laboratorio

elisa - LIMS Tecnologia Microsoft per la gestione completa del processo di analisi di laboratorio elisa - LIMS Tecnologia Microsoft per la gestione completa del processo di analisi di laboratorio Panoramica LISA Web è il software LIMS di riferimento per i laboratori di analisi Gestio Sviluppato in

Dettagli

Protezione dei dati INTRODUZIONE

Protezione dei dati INTRODUZIONE Protezione dei dati INTRODUZIONE Le reti LAN senza filo sono in una fase di rapida crescita. Un ambiente aziendale in continua trasformazione richiede una maggiore flessibilità sia alle persone che alle

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

MadLab Consulenza e software per logistica di magazzino www.madlab.biz

MadLab Consulenza e software per logistica di magazzino www.madlab.biz MadLab Consulenza e software per logistica di magazzino www.madlab.biz EasyStock Soluzione software per la logistica di magazzino in radiofrequenza Warehouse MadLab Solutions: EasyStock, soluzione in radiofrequenza

Dettagli

Temera. Delivering innofashion

Temera. Delivering innofashion Temera Delivering innofashion COSA FACCIAMO NASCITA LUOGHI OBIETTIVO CARATTERE PROCESSI SUPPORTATI PRODOTTI/SOLUZIONI CONSUMATORE LOGISTICA STORE EXPERIENCE INFRASTRUTTURE & UTILITIES 2 Cosa facciamo?

Dettagli

www.projest.com imove Pick&Pack SISTEMA DI GESTIONE MAGAZZINO

www.projest.com imove Pick&Pack SISTEMA DI GESTIONE MAGAZZINO www.projest.com imove Pick&Pack Introduzione imove Pick&Pack è uno strumento completo per la gestione integrata di magazzino. Il sistema col suo modulo principale che garantisce tutte le funzionalità

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI Il Database è una collezione di archivi di dati ben organizzati e ben strutturati, in modo che possano costituire una base di lavoro per utenti diversi

Dettagli

TeleMobility Forum Centro Lingotto Torino, 27/28 settembre 2012 Certificazione di qualità ed interoperabilità nei sistemi di e-ticketing

TeleMobility Forum Centro Lingotto Torino, 27/28 settembre 2012 Certificazione di qualità ed interoperabilità nei sistemi di e-ticketing TeleMobility Forum Centro Lingotto Torino, 27/28 settembre 2012 Certificazione di qualità ed interoperabilità nei sistemi di e-ticketing Marco Magnarosa C.E.O. CUBIT Certificazione di qualità ed interoperabilità

Dettagli

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa LE RETI INFORMATICHE Un calcolatore singolo, isolato dagli altri anche se multiutente può avere accesso ed utilizzare solo le risorse locali interne al Computer o ad esso direttamente collegate ed elaborare

Dettagli

è u n p r o d o t t o

è u n p r o d o t t o è un prodotto Introduzione silwa, la soluzione di tipo SCES (Supply Chain Execution System) di Stesi, combina in un unico sistema integrato e completo le funzionalità tipiche WMS e MES, gestendo tutti

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

31/05/2013. Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

31/05/2013. Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /28 Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming 3 Sincronizzazione 4 Consistenza e Replica 5 Replica di sistemi

Dettagli