Quaderni della Casa Romena di Venezia VII, 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quaderni della Casa Romena di Venezia VII, 2010"

Transcript

1 Quaderni della Casa Romena di Venezia VII, 2010 Atti del Congresso Internazionale LA TRADIZIONE BIBLICA ROMENA NEL CONTESTO EUROPEO (Venezia, aprile 2010)

2 Copertina: Cristian Alexandru Damian Cura scientifica: Eugen Munteanu, Ana-Maria Gînsac Cura tecnica e redazionale: Corina Gabriela Bădeliţă, Monica Joiţa Traduzione: Corina Gabriela Bădeliţă (pp e pp ) ISSN: Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia & Centro di Studi Biblico-Filologici Monumenta linguae Dacoromanorum Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia Palazzo Correr, Campo Santa Fosca Cannaregio Venezia (VE) Tel.: ; fax: Centrul de Studii Biblico-Filologice Monumenta linguae Dacoromanorum Str. Lascăr Catargi, nr. 54, Iaşi , Iaşi, România https://consilr.info.uaic.ro/~mld/monumenta/index.html

3 QUADERNI DELLA CASA ROMENA DI VENEZIA VII, 2010 Atti del Congresso Internazionale LA TRADIZIONE BIBLICA ROMENA NEL CONTESTO EUROPEO (Venezia, aprile 2010) A cura di: Eugen Munteanu, Ana-Maria Gînsac Corina Gabriela Bădeliţă, Monica Joiţa Editura Universităţii Alexandru Ioan Cuza Iaşi, 2010

4

5 INDICE Premessa... Prefazione CENNI STORICI DELLA TRADUZIONE DEL TESTO SACRO IN LINGUA ROMENA EUGEN MUNTEANU, Sulla tradizione biblica romena. Dissociazioni di principio... MIHAIL NEAMŢU, Oralità liturgica oppure oblio testuale? Studio di caso: la stampa delle scritture in romeno (secc. XVI-XVIII)... ELSA LÜDER, Die Geschichte des Projects Biblia Idee und Verwirklichung PROBLEMI DI TRADUZIONE. CONFRONTO DELLE PRINCIPALI EDIZIONI TRA LORO E CON GLI ORIGINALI MARIA GOREA, Considérations sur la traduction roumaine de la Bible 1688 : le livre de Job... ANA-MARIA GÎNSAC, Problemi riguardanti la traduzione in romeno dei nomi propri biblici... TARCIZIU-HRISTOFOR ŞERBAN, De grâce, n écrasez pas la métaphore! QUADERNI DELLA CASA ROMENA DI VENEZIA, VII, 2010, pp

6 LA TRADIZIONE BIBLICA ROMENA. PREOCCU- PAZIONI ATTUALI ŞTEFAN COLCERIU, Hepta Ete Euthenias. The Nec Septuagint Project and its Current Cultural Relevance... ŞTEFAN ILOAIE, Novelty and Continuity: the Bible Revised by Bartolomeu Valeriu Anania, the Archbishop of Cluj. The Spiritual Meaning of the Word of Scripture... ANDREEA ŞTEFAN, Traduire la Septante au XX e siècle : les dix Commandements en roumain, français et italien IL LUOGO DELLA TRADIZIONE BIBLICA ROMENA NELLO SPAZIO EUROPEO CESARE ALZATI, Considerazioni in margine alla Bibbia di Samuil Micu... IVAN DIMITROV, New Bulgarian Translations of the New Testament in the 19 th Century and the Romanian Lands... WIM FRANÇOIS, Vernacular Bibles in the Low Countries. Between the Middle Ages and the Early Modern Era

7 PREMESSA Il 2 aprile 2010 si sono compiuti ottant anni da quando l attuale Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia ha aperto le sue porte su iniziativa del sommo storico dei romeni, Nicolae Iorga. Uno degli obiettivi principali di tale iniziativa come anche quella rimasta purtroppo senza seguito di aprire una Scuola Romena a Fontenay-aux-Roses o quella di Vasile Pârvan, a tutto oggi proficua, di fondare l Accademia di Romania in Roma è stato quello di rendere possibile la ricerca scientifica e inserire i valori della Romania nel circuito accademico europeo. Per questo, abbiamo pensato di aprire la serie di eventi anniversari con un congresso di alta tenuta scientifica, che ha come tema un atto di spiritualità, forse il più importante della storia della civiltà umana: la ricerca della Parola di Dio e l apprendimento delle Sue leggi. E, nell ambito della civiltà europea, Venezia è uno dei più importanti centri di diffusione della stampa, compreso quello che ha dato l edizione del 1687 della Settanta, la quale è stata utilizzata dai traduttori della prima edizione in lingua romena della Bibbia. Il congresso con il tema La tradizione biblica romena nel contesto europeo ha avuto luogo il 22 e 23 aprile 2010 ed è stato ospitato dall Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti. Nell organizzazione del congresso, la collaborazione fra l Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia e il Centro di Studi Biblico- Filologici Monumenta linguae Dacoromanorum dell Università Alexandru Ioan Cuza di Iaşi si è avvalsa del sostegno finanziario dell Istituto Culturale Romeno di Bucarest, riflettendosi sia nell organizzazione della manifestazione, quanto nell uscita del presente numero dei Quaderni della Casa Romena di Venezia. Siamo stati onorati di avere come invitati specialisti nel campo della filologia, storia e teologia biblica, la maggior parte di loro essendo implicati in ampi progetti di edizione e studio filologico dei testi biblici: Eugen Munteanu (Università Alexandru Ioan Cuza di Iaşi, direttore dell Istituto di Filologia Romena A. Philippide dell Accademia Romena), Cesare Alzati (Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano), Mihail Neamţu (Università Vasile Goldiş di Arad), Maria Gorea (Université de Paris VIII), Ivan Dimitrov (Università St. Kliment Ochridski di Sofia), Dan Râpă-Buicliu

8 8 Monica Joiţa (Museo Provinciale di Storia di Galaţi), Wim François (Università Cattolica di Lovanio), Pr. Ştefan Iloaie (Università Babeş-Bolyai di Cluj-Napoca), Pr. Şerban Tarciziu (Istituto Cattolico Universitario Santa Teresa di Bucarest), Ştefan Colceriu (New Europe College di Bucarest), Ana-Maria Gînsac (Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Università Alexandru Ioan Cuza di Iaşi), Andreea Ştefan (Accademia di Romania in Roma, Università di Bucarest). Nell ambito delle quattro sezioni del congresso ( Cenni storici della traduzione del testo sacro in lingua romena, Problemi di traduzione. Confronto delle principali edizioni tra loro e con gli originali, La tradizione biblica romena. Preoccupazioni attuali ed Il luogo della tradizione biblica romena nello spazio europeo ) sono stati dibattuti tanto alcuni aspetti relativi alla storia della traduzione del testo sacro nella cultura romena, messi al confronto con il contesto europeo in cui si è svolto tale processo, quanto problemi specifici, testuali, riguardanti la traduzione della Bibbia in romeno. Altresì, desidero salutare l eccellente collaborazione che il nostro Istituto ha stabilito anche in quest occasione con l Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti e colgo l occasione per ringraziare la direzione e lo staff dell Istituto per l ospitalità e le eccellenti condizioni messe a nostra disposizione per il buono svolgimento dei lavori del congresso. È con particolare piacere che anticipo in questa sede l idea che ho delineato insieme con il prof. Eugen Munteanu, direttore dell istituzione partner e co-organizzatrice del congresso, ovvero quella di organizzare nel 2012 la seconda edizione di questo evento. Tale generoso progetto è nato dalla constatazione che lo scambio d esperienza, la condivisione di informazioni e il contatto diretto con specialisti hanno rappresentato i punti forti dell edizione 2010 del congresso. Fedele alla tradizione, la pubblicazione Quaderni della Casa Romena di Venezia raccoglie in questo nuovo numero gli interventi presentati nell ambito del congresso La tradizione biblica romena nel contesto europeo. Ci auguriamo che le informazioni scientifiche, le interpretazioni, i punti di vista e le nuove prospettive avranno un eco tanto positiva quanto utile negli ambiti di specialità. In tale senso, siamo stati particolarmente contenti di constatare in occasione del congresso di Venezia che, oggigiorno, quando la stessa Parola di Dio è interpretata in modo globalizzante, ci sono ricercatori che si applicano con serietà e minuzia sui testi sacri, essendo in possesso di un impressionante bagaglio di conoscenze e muovendosi con facilità in diversi ambiti linguistici.

9 Premessa 9 Possiamo affermare con soddisfazione che il congresso di Venezia dedicato alle traduzioni della Bibbia è stato non solo una riunione tra specialisti, ma anche un convivio intellettuale e spirituale, una manifestazione contemporanea dell esortazione Voi scrutate le Scritture credendo di avere in esse la vita eterna (Giovanni 5:39). Venezia, dicembre 2010 MONICA JOIŢA Direttore ad interim Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia

10

11 PREFAZIONE Per molto tempo in ampi circoli accademici europei e americani, lo studio sistematico e scientifico della Bibbia è stato tacitamente considerato come una componente esclusiva degli studi teologici o, più in generale, della scienza delle religioni. Da alcuni decenni, si può osservare in tutto il mondo un crescente interesse per gli studi biblici negli ambienti accademici laici di molte università e istituti di ricerca. In particolare, tra i filologi si nota un interesse sempre più vivo per un approccio approfondito delle versioni in lingua vernacolare dei testi biblici. Un simile rinnovato interesse lo constatiamo persino in Paesi quali Francia, Italia o Spagna, dove i testi biblici sono stati a lungo considerati fonti di secondaria importanza per la ricerca linguistica e filologica della storia delle lingue moderne, per il fatto che, trattandosi di traduzioni, questi testi non avrebbero né credibilità né un sufficiente grado di autenticità. Ovviamente, dal punto di vista epistemologico, tale prospettiva è errata, poiché, da un lato, la traduzione è di per sé una forma di creatività linguistica e, dall altro, lungi dal falsificare la dinamica interna di una qualsiasi lingua storica, l attività di traduzione sollecita in maniera esemplare le capacità espressive della lingua di destinazione. Constatiamo, dunque, per limitarci solo al campo romanzo, l avvio di grandi progetti scientifici per l edizione delle antiche versioni bibliche in francese, italiano, spagnolo, o in lingue minori quali catalano, friulano o valenciano. L obiettivo finale, confessato o no, di tali iniziative è la realizzazione di grandi corpora di testi che forniscano una base documentaria ampia e affidabile per ulteriori studi, sia nelle aree tradizionali della storia delle lingue, della grammatica comparativa, descrittiva o contrastiva, della dialettologia, della traduttologia, dell ermeneutica ecc., sia in una prospettiva interdisciplinare. I corpora di testi biblici sono apprezzati anche dagli informatici come ideale punto di partenza per la creazione di programmi adatti allo studio della dinamica storica delle lingue. In Romania, il forte declino degli studi biblici nel XX secolo è dovuto anche a particolari circostanze storiche. Ateo nella sua essenza, il regime comunista ( ) vietò, per motivi ideologici, qualsiasi iniziativa per la ricerca della tradizione biblica, al di fuori della Chiesa, la cui esistenza era semplicemente tollerata. Tuttavia, poiché i più antichi testi romeni a carattere letterario del XVI secolo, manoscritti o stampati, sono traduzioni a

12 12 Eugen Munteanu carattere biblico (Psaltirea [il Salterio], Apostolul [l Apostolo], Evangheliile [i Vangeli]), non è stato possibile evitare l edizione e lo studio filologico di questi scritti antichi. Soprattutto l antica scuola di filologia romena fondata e diretta da Ion Gheţie ( ) all Istituto di Linguistica di Bucarest si è guadagnata in questi ultimi decenni particolari benemerenze per l edizione critica dei più importanti testi romeni a contenuto biblico del XVI secolo (Codicele Voroneţean [il Codex di Voroneţ], Codicele Sturdzan [il Codex di Sturdza], Codicele de la Ieud [il Codex di Ieud], Psaltirea Hurmuzachi [il Salterio Hurmuzachi], la maggior parte dei libri stampati da Coresi ecc.) È altrettanto notevole l edizione degli antichi testi romeni a carattere biblico realizzata da filologi di Iaşi (il Salterio di Dosoftei) e Cluj (Palia de la Orăştie, 1581, Noul Testament de la Bălgrad, 1648 [il Nuovo Testamento di Belgrado], Psaltirea de la Bălgrad, 1651 [il Salterio di Belgrado]). Un segnale della necessità di valorizzare la tradizione biblica testuale romena è stato dato alla fine dell era comunista, nel 1988, quando è stata stampata, sotto l autorità dell allora Patriarca della Chiesa Ortodossa Romena, Biblia de la Bucureşti, 1688 [la Bibbia di Bucarest], la prima versione integrale delle Sacre Scritture in romeno. Preparata da un gruppo di rinomati filologi, questa è un edizione diplomatica, in cui i facsimili dell originale sono accompagnati da una trascrizione interpretativa giudiziosa dell alfabeto cirillico nell attuale ortografia romena. Nello stesso anno, nell ambito di una collaborazione accademica tra le Università di Iaşi e Friburgo in Brisgovia, su iniziativa del professor Paul Miron di Friburgo, al quale si sono associati i professori Vasile Arvinte e Alexandru Andriescu, è iniziato un vasto progetto di edizione critica della Bibbia di Bucarest, corredata di un ricco apparato di note. Fino alla morte di Paul Miron ( ), erano apparsi, in nove volumi separati, i primi libri biblici. L Università Alexandru Ioan Cuza di Iaşi, ha deciso di assumersi il finanziamento per continuare e completare questo prestigioso progetto. A tal fine, nel febbraio 2009, è stato fondato il Centro di Studi Biblico- Filologici Monumenta linguae Dacoromanorum. Nei quasi due anni ormai trascorsi, un ampio gruppo di ricercatori (23 filologi, romenisti, classicisti e teologi) è riuscito a portare a termine la trascrizione interpretativa delle tre antiche versioni bibliche editate, nonché a realizzare i commenti per ogni libro biblico. I prossimi anni saranno dedicati alla revisione e al completamento per la stampa dell immenso materiale raccolto. Stimiamo che, a partire dall anno prossimo, i 16 volumi progettati dell intera serie saranno pubblicati con una regolarità di due-tre volumi all anno. Nel frattempo, il nucleo di giovani ricercatori coinvolti nel progetto ha avviato la fondazione dell Associazione di Filologia ed Ermeneutica Biblica di

13 Prefazione 13 Romania, il cui obiettivo principale è il sostegno di simili studi e ricerche, nonché la diffusione dei risultati di tali ricerche negli ambiti accademici internazionali. Perseguiamo gli stessi obiettivi anche con la rivista del nostro Centro, Biblicum Jassyense, il cui primo numero è uscito quest estate, e con il Simposio nazionale Esplorazioni nella tradizione biblica romena ed europea, Iaşi, ottobre 2010 (42 partecipanti). In tale contesto, l idea di organizzare a Venezia, un incontro scientifico su questo tema, che faciliti la riunione con colleghi di altri Paesi con simili interessi, è stata molto opportuna. Siamo grati all Istituto Culturale Romeno per il generoso finanziamento del Congresso Internazionale La tradizione biblica romena nel contesto europeo" (Venezia, aprile 2010), i cui atti sono pubblicati nel presente volume. I nostri ringraziamenti vanno anche alla dott.ssa Monica Joiţa e ai suoi collaboratori dell Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia per l eccellente organizzazione del congresso e per l efficace impegno nella pubblicazione del presente volume. Riteniamo che questa prima edizione del nostro congresso sia il modesto inizio di un dialogo con i colleghi di altri Paesi, mirato a rendere noti gli elementi specifici della tradizione biblica romena e, per quanto ci riguarda, a conoscere i progressi di simili ricerche svolte altrove. Iaşi, dicembre 2010 EUGEN MUNTEANU Direttore Istituto di Filologia Romena A. Philippide dell Accademia Romena Centro di Studi Biblico-Filologici Monumenta linguae Dacoromanorum dell Università Alexandru Ioan Cuza di Iaşi

14

15 CENNI STORICI DELLA TRADUZIONE DEL TESTO SACRO IN LINGUA ROMENA SULLA TRADIZIONE BIBLICA ROMENA. DISSOCIAZIONI DI PRINCIPIO EUGEN MUNTEANU Istituto di Filologia Romena A. Philippide Università Alexandru Ioan Cuza di Iaşi Centro di Studi Biblico-Filologici Monumenta linguae Dacoromanorum In questa sede, ci proponiamo di formulare un punto di vista filologico sul concetto di tradizione biblica romena, mettendo l accento su due dei maggiori componenti di una problematica complessa, componenti che, come avrete modo di notare, vanno oltre la sfera dell interesse strettamente filologico. Prima di addentrarmi nella materia vera e propria della mia relazione, desidero richiamare l attenzione sul fatto che, da oltre due decenni, a Iaşi si sta svolgendo un ampio progetto scientifico, noto con il nome di Monumenta linguae Dacoromanorum. Avviato alla metà degli anni 80 del secolo scorso, nell ambito del partenariato accademico tra le università di Iaşi e Friburgo (in Brisgovia), da un gruppo di filologi coordinato dai professori Paul Miron di Friburgo e Vasile Arvinte e Alexandru Andriescu di Iaşi, il progetto MLD ha coinvolto lungo il tempo oltre venti filologi di Iaşi, Friburgo, Bucarest e Cluj e ha portato alla pubblicazione dei nove volumi dell edizione scientifica de La Bibbia di Bucarest (1688), i quali fanno parte di una serie progettata a contenerne venticinque. Il progetto prosegue in un ambito istituzionale più stabile, sotto gli auspici e con il sostegno finanziario dell Università Alexandru Ioan Cuza di Iaşi e in collaborazione con l Università di Friburgo e dell Istituto di Filologia Romena A. Philippide di Iaşi. Nell ambito del Centro di Studi Biblico-Filologici dell Università Alexandru Ioan Cuza ci siamo prefissi di portare a termine tale cospicuo lavoro entro un arco ragionevole di tempo (sei-sette anni), coinvolgendo nel progetto, oltre ai collaboratori di vecchia data, alcuni dei migliori giovani ricercatori, filologi e teologi di Iaşi, Bucarest, Cluj, Sibiu, Oradea e Craiova. QUADERNI DELLA CASA ROMENA DI VENEZIA, VII, 2010, pp

16 16 Eugen Munteanu Riteniamo che, oltre la sua notevole importanza filologica intrinseca, la serie MLD ha il merito di aver attirato l attenzione su un settore meno noto della cultura romena, ovvero quello della tradizione biblica. In modo alquanto paradossale, le origini di tale tradizione, risalenti al XVI secolo, sono meglio studiate e conosciute dal punto di vista filologico, che non i secoli successivi, dal XVII al XX. Le cause di tale fenomeno sono molteplici e possono costituire esse stesse l oggetto di uno studio approfondito, per la quale ragione non le tratteremo nell ambito della presente relazione. Ci accontenteremo soltanto di constatare che ci troviamo di fronte a un campo di ricerca ampio e fertile, che possiamo chiamare genericamente la tradizione biblica romena. Spetta alla filologia in quanto disciplina della ricostruzione, conservazione, pubblicazione e interpretazione dei testi porsi al centro delle iniziative che mirano ad accrescere la conoscenza di tale centrale campo problematico. Mentre gli oggettivi generali e i metodi specifici della filologia sono noti a tutti noi, reputiamo utile provare a individuare alcuni elementi essenziali per la definizione del concetto in merito. Proponiamo innanzitutto una determinazione di natura quantitativa: la tradizione biblica romena comprende, senza eccezioni, tutte le versioni in lingua romena, sia parziali che integrali, manoscritte o stampate, a prescindere dal contesto politico, confessionale o culturale nel quale esse sono state prodotte. Tale posizione massimale, imposta dalla necessità che lo scienziato occupi l ipostasi oggettiva di filologo, richiede pertanto una delimitazione di natura confessionale. In secondo luogo, intendiamo qui il concetto di tradizione nel suo senso più concreto, ovvero quello di paradigma stilistico e lessicale-semantico relativamente stabile, mantenuto costantemente nelle versioni bibliche successive in lingua romena, considerate nelle loro interconnessioni testuali. Si tratta, come abbiamo fatto notare in un altra occasione 1, della conservazione, per più di due secoli e mezzo, non solo dell orientamento iniziale de La Bibbia di Bucarest, bensì di una grande quantità di elementi testuali (opzioni di traduzione, terminologia, semantica, fraseologia, topica, onomastica biblica ecc.). Rientra nella competenza dei teologi, appartenenti alle diverse confessioni cristiane che fanno uso di romeno, dibattere e catalogare le implicazioni di natura dogmatica, canonica, ecclesiologica o, in genere, 1 Nell articolo Repere ale tradiţiei biblice romîneşti (I-III) [Punti di riferimento nella tradizione biblica romena], in Idei în dialog, V, n. 4 (55), 2009, pp , n. 5 (56), pp e n. 6 (57), pp

17 Sulla tradizione biblica romena 17 teologica della circolazione e delle funzioni dei testi della Santa Scrittura, nonché dei significati delle eventuali differenze o divergenze di opzione nell interpretazione di alcuni passaggi scritturali 2. La legittimità dell approccio filologico nelle ricerche sulla Santa Scrittura in ambito extraconfessionale è data necessariamente dal carattere oggettivo e storico del supporto materiale del messaggio scritturale: la lingua (le lingue) storica (storiche) della comunità (delle comunità). Accettiamo come se fosse un assioma la posizione dei teologi, secondo i quali le verità della fede, comprese nelle parole della Santa Scrittura, sono uniche, immuabili e nondependenti dalle lingue in cui sono fortuitamente espresse. In quanto filologi nella misura in cui la filologia è una scienza positiva ed empirica senza cessare di essere, in un altra sua componente, anche una scienza dell interpretazione siamo consapevoli che non si possa parlare di una verità storica dei testi, bensì soltanto di una loro autenticità. Il restauro e la conservazione dei testi nella loro autenticità linguistica primaria è dunque la preoccupazione prioritaria del filologo. Infatti, è appunto questo il compito principale che ci siamo assunti all interno del Centro di Studi Biblico-Filogici di Iaşi: editare, in base alla critica filologica, i testi importanti della tradizione biblica romena, specialmente quelli antichi e inediti (il Manoscritto 45 e il Manoscritto 4389). Ma, che cosa sono effettivamente i testi biblici e come potremmo comprendere appieno la loro specificità al cospetto della grande varietà di testi possibili? Quali criteri distintivi potrebbero dimostrarsi più utili? I criteri strutturali sono quelli a nostra portata di mano, per cui proveremo a definire più accuratamente la tradizione biblica testuale a partire da essi. In Palimpsestes del 1982, Gérard Genette ha proposto una tipologia strutturale dei testi basata sulla diversità delle relazioni o trasformazioni 2 Si sentono spesso espressioni quali edizione ortodossa oppure edizione (neo-)protestante, però non siamo in possesso di informazioni complete e attendibili sulle manipolazioni a sostrato confessionale dei testi biblici nell atto della traduzione. Alcuni passi avanti sono stati fatti di recente dal dottor CONSTANTIN PÎRVULOIU, nell articolo Lecţiuni controversate în Sfînta Scriptură [Lezioni controverse nella Santa Scrittura], in Text şi discurs religios, n. 1/ 2009 (Lucrările conferinţei naţionale Text şi discurs religios, Ediţia I, Iaşi, 5-6 decembrie 2008), Iaşi 2009, pp , e dal dottor EMANUEL CONŢAC, in una tesi di dottorato, discussa di recente presso l Università di Bucarest, dal titolo Mentalităţi culturale româneşti şi concepţii teologice ortodox-răsăritene reflectate în lexicul şi stilul traducerilor româneşti ale Noului Testament [Mentalità culturali romene e concezioni teologiche ortodosso-orientali rispecchiate nel lessico e nello stile delle traduzioni romene del Nuovo Testamento].

18 18 Eugen Munteanu transtestuali possibili. Tale schema, diventato popolare anche tra i letterati, ci offre dei suggerimenti utili. Definite come categorie strutturali e ingegnosamente denominate facendo ricorso alle virtù di alcuni prefissi greci, le relazioni transtestuali sarebbero le seguenti, secondo Genette: 1) relazioni intertestuali, che generano l intertesto per mezzo di acquisizioni di temi, motivi, strutture narrative ecc.; 2) relazioni paratestuali, che generano il paratesto, tramite titoli, sottotitoli, note in margine e a piè di pagina ecc.; 3) relazioni metatestuali, che generano metatesti, vale a dire commenti di ogni tipo; 4) relazioni ipertestuali, che generano l ipertesto: sono presentati, come esempi, imitazioni di alcuni prototipi precedenti quali l Eneide di Vergilio o l Ulisse di James Joyce; 5) relazioni arcitestuali, che generano l arcitesto, vale a dire un tipo di struttura letteraria non classificabile, come la Divina Commedia. Perfino a un analisi superficiale, si può notare che il vasto universo biblico fornisce materiali utili per illustrare qualsiasi categoria. Non intendo eseguire, però, questa facile operazione. Ciò che ha attirato la mia attenzione nella proposta di Genette è una di queste categorie, ovvero la serie terminologica proposta da Genette per circoscriverla: ipertesto, ipertestualità, ipertestuale. Trovo quindi utile e fertile definire la Bibbia come un ipertesto e parlare della tradizione biblica romena come di una tradizione (iper)testuale. Teniamo presente l ipotesi secondo la quale il testo biblico, in quanto arcitesto, rimane sostanzialmente lo stesso, però, in quanto forma storica distinta, con ogni nuova versione è un altro. In termini di linguistica classica, la sostanza del contenuto rimane uguale, ma la forma del contenuto si riformula sempre nel tempo. In tal senso, senza essere l unico, l ipertesto biblico è lo spunto ideale per lo studio sistematico della dinamica della lingua romena di cultura, da una molteplice prospettiva: la prospettiva intratestuale o descrittiva, la prospettiva intertestuale o interlinguistica (le interferenze con le lingue bibliche primarie), la prospettiva diatestuale o diacronica (le cause e la finalità dei mutamenti intrinseci dell ipertesto biblico) e la prospettiva metatestuale o ermeneutica (il confronto tra l ipertesto biblico e, quella che viene comunemente chiamata, la tradizione patristica). Tutte queste prospettive complementari sui rapporti intra-, inter-, dia- e meta-testuali compongono ciò che potremmo chiamare la storia interna dell ipertesto biblico. Non è solo possibile, ma è addirittura necessario considerare anche la storia esterna dell ipertesto biblico, ciò che nella scienza tedesca si chiama

19 Sulla tradizione biblica romena 19 Recepziongeschichte e che riguarda il confronto tra i testi, in quanto oggetti culturali, e l insieme delle condizioni della loro produzione, circolazione e ricezione (motivazioni, ambito confessionale, mentalità prevalenti, finalità, molle politiche ecc.). Intendiamo sviluppare tali idee in un prossimo futuro, in questa sede desideriamo solo accennare che, in altre occasioni, abbiamo trattato ampiamente alcuni aspetti della storia interna dei testi biblici, specialmente quelli di natura semantica. Per illustrare la complessità delle indagini nel campo della storia esterna dell ipertesto biblico, ci proponiamo di presentare brevemente due suoi componenti, vale a dire: 1) i rapporti con le fonti originali della traduzione e 2) gli iniziatori delle traduzioni e della pubblicazione della Bibbia in lingua romena. Per una migliore comprensione, abbiamo elaborato due schemi che siete pregati di seguire. 1. Per quanto riguarda il problema degli originali ai quali i traduttori romeni fecero ricorso, notiamo che, lungo il tempo, questi originali furono sostanzialmente i seguenti: la versione greca della Septuaginta (la Bibbia dei Settanta), la Bibbia slava, la Vulgata, la Bibbia ebraica o versioni bibliche in lingue moderne (inglese, francese e tedesco soprattutto). In maniera alquanto naturale per una cultura maggiormente ortodossa, come lo è quella romena e nelle condizioni in cui la tradizione biblica romena mise le basi del suo canone verso la fine del secolo XVII, secolo in cui l influsso greco sulla cultura romena aveva raggiunto uno dei suoi punti di picco, il testo greco della Septuaginta si impose quale fonte primaria. A cominciare con l edizione filologica di Francoforte, 1597, Milescu, l autore della prima traduzione integrale dell Antico Testamento, nonché i suoi revisori del 1688, imposero una certa formula del testo biblico al filone centrale della tradizione testuale. In successione diretta alla Bibbia di Bucarest, come potete notare dalla linea continua nello Schema 1, si collocano le revisioni di Samuil Micu (1795), la Bibbia di San Pietroburgo del 1819, nonché le due edizioni pubblicate da due gerarchi ortodossi alla metà del XIX secolo, Filotei vescovo di Buzău ( ) e Andrei Şaguna metropolita dell Ardeal ( ). Nello stesso quadro testuale della Septuaginta si sono conservate le cosiddette edizioni sinodali, cominciando dalla prima, quella del 1914; fino ad oggi, ognuna di esse fu rivista da una commissione del Sinodo della Chiesa Ortodossa Romena e tutte furono stampate sotto gli stessi auspici. Direttamente relazionate al testo della Septuaginta ci sono tre versioni indipendenti che hanno in comune il fatto di appartenere all iniziativa individuale di alcuni intellettuali. Si tratta delle versioni bibliche parziali di Ion Heliade Rădulescu ( ) del 1858 e di Costache Aristia ( ) del 1859 e la cosiddetta Septuaginta NEC, una versione filologica moderna realizzata sotto l auspicio del New Europe College di

20 20 Eugen Munteanu Bucarest (2004 e successivi). In fine, la Septuaginta è presa come testo di riferimento anche dal gruppo di filologi di Iaşi, coinvolto nel progetto Monumenta linguae Dacoromanorum, al quale ho accennato nella prima parte della presente relazione, nonché da Bartolomeu Anania, nella sua versione del Oltre alle versioni parziali della Bibbia risalenti al XVI secolo, constatiamo che il modello slavo (la Bibbia di Ostrog) rappresentò la fonte diretta e principale per una sola versione romena, ossia quella compresa nel Manoscritto BAR 4389, fatta nella seconda metà del XVII secolo, da un anonimo erudito valacco, identificato dal filologo N.A. Ursu di Iaşi nella persona di Daniil Andrean Panoneanul. Indirettamente, quale fonte secondaria, alla Bibbia slava ricorse il gerarca ortodosso Nicodim Munteanu per la versione del 1944 e ci ricorriamo anche noi, i filologi del progetto MLD per elaborare l apparato critico della nostra edizione. Per quanto riguarda la Vulgata, quale fonte della traduzione e testo di riferimento, registriamo nella tradizione romena due iniziative, entrambe provenienti dalla sfera confessionale greco-cattolica. Si tratta, innanzittuto, della versione realizzata tra il 1760 e il 1861 da un gruppo di prelati grecocattolici di Blaj, diretti dal vescovo Petru Pavel Aaron, versione rimasta in manoscritto e pubblicata di recente, sotto gli auspici dell Accademia Romena, nel 2005, in cinque volumi massicci, con il nome di Biblia Vulgata. In secondo luogo, vi è una trasposizione integrale della Vulgata in romeno, eseguita dal rinomato filologo latinista Timotei Cipariu intorno al Rimasta in manoscritto, il testo è in corso di pubblicazione per opera di un gruppo di filologi di Cluj. Fino ad oggi, la Bibbia ebraica è stata presa come punto di riferimento centrale da una sola edizione romena, ossia la versione pubblicata nel 1938, sotto gli auspici del re Carlo II, per opera dell ebraista Vasile Radu e del noto scrittore Gala Galaction. Indirettamente, mediante versioni in lingue moderne, il testo masoretico costituì una fonte anche per le versioni successive, pubblicate a partire dal 1921 da Dumitru Cornilescu ( ). In fine, a cominciare con il 1865, quando a Iaşi fu stampata la prima versione in lingua romena sotto gli auspici della Società Biblica Britannica, nella tradizione testuale biblica, furono gettate le basi per un filone che prendeva come spunto le lingue moderne il francese, l inglese e il tedesco, soprattutto. Si tratta delle edizioni successive (1865, 1874, 1911, 1921), stampate dalla Società Biblica Britannica, con un carattere altamente innovatore: dall ortografia etimologizzante, al lessico neologizzante. Abbiamo presentato molto brevemente e per sommi capi la dinamica relazionale tra le principali versioni bibliche e i loro originali, tralasciando le

ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO

ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO PÉTER ERDÖ Storia delle Fonti del Diritto Canonico a cura di d. Natalino Bonazza 4 Titolo originale dell opera:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss.

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss. Presentazione Proprio quarant anni fa, dopo un periodo di tempo dedicato allo studio specifico della pubblicità 1 allora, a livello internazionale e non solo italiano, di gran lunga il più importante strumento

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

originale; i mutamenti della struttura prosodica; le indicazioni di scena e le descrizioni paratestuali; i componimenti in versi (sonetti e ballate);

originale; i mutamenti della struttura prosodica; le indicazioni di scena e le descrizioni paratestuali; i componimenti in versi (sonetti e ballate); Introduzione Questo lavoro rappresenta un tentativo di ricostruzione sistematica della storia della ricezione di Molière nei territori di lingua e in quelli di prevalente cultura tedesca nel XVII e XVIII

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Don Francisc Dobos CCEE Incontro Portavoce e addetti stampa - Bucarest, 12-15 Giugno 2013

Don Francisc Dobos CCEE Incontro Portavoce e addetti stampa - Bucarest, 12-15 Giugno 2013 SOCIETÀ E RELIGIONE IN ROMANIA 1.1. ASPETTI SOCIO- DEMOGRAFICI Per quanto riguarda il contesto demografico della Romania si fa riferimento ai dati forniti dall Istituto Nazionale di Statistica (INS) nel

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PIL ANNO PROPEDEUTICO. 1º semestre. Pro Seminario. 95558 Ricerca scientifica 3 ECTS P. Gunter (responsabile) - P.A. Muroni - O.M.

PIL ANNO PROPEDEUTICO. 1º semestre. Pro Seminario. 95558 Ricerca scientifica 3 ECTS P. Gunter (responsabile) - P.A. Muroni - O.M. ANNO PROPEDEUTICO ANNO PROPEDEUTICO 293 1º semestre Pro Seminario 95558 Ricerca scientifica 3 ECTS P. Gunter (responsabile) - P.A. Muroni - O.M. Sarr Obiettivi: Al termine del corso lo studente: Gli studenti

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S.

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014/2015 Finalità e obiettivi generali del dipartimento per classi: L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere

Dettagli

La Bibbia. Le versioni delle Sacre Scritture

La Bibbia. Le versioni delle Sacre Scritture Con il diffondersi del Cristianesimo si rese necessario tradurre le Sacre Scritture nelle lingue più diverse per venire incontro alle necessità di quei credenti che non conoscevano l'ebraico e l'aramaico;

Dettagli

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI 1. LE QUATTRO COSTITUZIONI CONCILIARI La Costituzione dogmatica sulla Chiesa Questo documento, il più solenne di tutto il Concilio, comincia con le parole «Lumen gentium»

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

Facoltà Teologica Ortodossa San Gregorio Magno STATUTO Art. 1 Denominazione e sede Art. 2 Scopi Art. 3 Le Autorità Accademiche

Facoltà Teologica Ortodossa San Gregorio Magno STATUTO Art. 1 Denominazione e sede Art. 2 Scopi Art. 3 Le Autorità Accademiche Facoltà Teologica Ortodossa San Gregorio Magno Ente di Studio e Ricerca della Associazione di Cristiani Ortodossi Giurisdizioni Tradizionali (Ente Morale riconosciuto con DPR / 14 gennaio 1998 e successivo

Dettagli

INTRODUZIONE I. PROGETTI DIDATTICI SCUOLA PRIMARIA. Obiettivi

INTRODUZIONE I. PROGETTI DIDATTICI SCUOLA PRIMARIA. Obiettivi INTRODUZIONE In occasione del XVI Centenario della Lettera Decretale di papa Innocenzo I a Decenzio vescovo di Gubbio, la Diocesi di Gubbio propone un progetto formativo articolato per ogni scuola di ogni

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Il battesimo dei bambini

Il battesimo dei bambini A11 511 Francesco Arduini Il battesimo dei bambini Un ipotesi sulle origini Presentazione di Lothar Vogel Prefazione di Edgar G. Foster Postfazione di Carlo Siracusa Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Al fine di focalizzare l'attenzione sui problemi della traduzione e di incoraggiare nel Mondo Arabo l attività di traduzione in arabo, il progetto

Al fine di focalizzare l'attenzione sui problemi della traduzione e di incoraggiare nel Mondo Arabo l attività di traduzione in arabo, il progetto Al fine di focalizzare l'attenzione sui problemi della traduzione e di incoraggiare nel Mondo Arabo l attività di traduzione in arabo, il progetto Kalima (Parola) si propone di stringere una serie di accordi

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI ANTICHITÀ GRECHE ANTROPOLOGIA CULTURALE ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA ARCHEOLOGIA MEDIEVALE BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/2015 SCUOLA: Liceo Linguistico Manzoni DOCENTE: S. Palma MATERIA: Religione Classe: Terza Sezione: D FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC INDIRIZZO: TUTTI GLI INDIRIZZI MODULI o UNITA DIDATTICHE: 1. LA RELIGIONE A SCUOLA (Introduzione all IRC) Riconoscere l universalità della esperienza religiosa come componente importante nella storia e

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

DOTT.SSA MARGHERITA CASSIA CURRICULUM

DOTT.SSA MARGHERITA CASSIA CURRICULUM DOTT.SSA MARGHERITA CASSIA CURRICULUM Ricercatrice Confermata per il Settore Scientifico-Disciplinare L-Ant/03 Storia Romana presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche (DISUM) dell Università degli

Dettagli

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Prima di affrontare questa storia molto concisa delle traduzioni italiane di letteratura danese va fatta una precisazione: per letteratura

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco Cod. Mec.RMIC82200R - C.F. 97198300580 - Municipio V Via Casal

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Verbale della riunione del Dipartimento di Religione Cattolica del Liceo Scientifico Statale Vito Volterra di Ciampino.

Verbale della riunione del Dipartimento di Religione Cattolica del Liceo Scientifico Statale Vito Volterra di Ciampino. 1 Ciampino, 10 settembre 2013 Verbale della riunione del Dipartimento di Religione Cattolica del Liceo Scientifico Statale Vito Volterra di Ciampino. Si è riunito in data odierna alle ore 9,00 nella sala

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Indice A. DIMENSIONI DEL DIALOGO. Prefazione... 5 Introduzione... 11

Indice A. DIMENSIONI DEL DIALOGO. Prefazione... 5 Introduzione... 11 Indice Prefazione................................... 5 Introduzione................................. 11 A. DIMENSIONI DEL DIALOGO 1. La nuova presenza dei musulmani in Europa. Sfide e opportunità per i

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

APPARTENENZA AD UNA CHIESA SUI IURIS

APPARTENENZA AD UNA CHIESA SUI IURIS APPARTENENZA AD UNA CHIESA SUI IURIS Introduzione. La questione dell appartenenza di un fedele ad una Chiesa sui iuris, per la Chiesa cattolica, era e continua ad essere un tema importante (sia dal punto

Dettagli

La vita dell uomo come esistenza liturgica nella teologia di Salvatore Marsili

La vita dell uomo come esistenza liturgica nella teologia di Salvatore Marsili UNIVERSITÀ CATTOLICA PÉTER PÁZMÁNY FACOLTÀ DI TEOLOGIA La vita dell uomo come esistenza liturgica nella teologia di Salvatore Marsili Dissertatio ad Doctoratum Autore: Kulcsár Sándor Moderatore: Dr Kajtár

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1

Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1 Bibliografia di Mons. Luigi Mistò 1 1982 Libertà religiosa e libertà della Chiesa. Il fondamento della relazione Chiesa - comunità politica nel quadro del dibattito postconciliare in Italia, Morcelliana,

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014 I LICEO EUROPEO FINALITA FORMATIVE: L alunno deve riconoscere che la domanda di assoluto è presente in ogni uomo e quindi come la religione sia fortemente ancorata alla dimensione esistenziale dell uomo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Obiettivi formativi Verranno valutati: il comportamento, la partecipazione e l interesse, la responsabilità nei confronti dei

Dettagli

Illustri Autorità, Professori e Alunni,

Illustri Autorità, Professori e Alunni, Roma, 11 novembre 2010 Inaugurazione anno accademico Celebrazione eucaristica Omelia di monsignor Fernando Filoni Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Vaticano Illustri Autorità,

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

La costituzione aggiunge:

La costituzione aggiunge: B.5: Offerta accademica Introduzione La preparazione dell offerta accademica del Pontificio Ateneo S. Anselmo, nella sua globalità, ha avuto come linee guida nella sua storia recente la ricerca sulle fonti,

Dettagli

Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea

Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea SPEECH/07/173 Leonard Orban Commissario europeo per il multilinguismo Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea Accademia di Romania/Università La Sapienza Roma,

Dettagli

LA RIFORMA PROTESTANTE

LA RIFORMA PROTESTANTE LA RIFORMA PROTESTANTE LE CAUSE DELLA RIFORMA interessi temporali dei papi corruzione diffusa crisi della chiesa grande indulgenza 1517 pubblicazione tesi di Lutero 1. scontro tra principi e imperatore

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

Estratto distribuito da Biblet

Estratto distribuito da Biblet ISTITUTO PER LE RICERCHE DI STORIA SOCIALE E RELIGIOSA Media et Orientalis Europa 1 Media et Orientalis Europa comitato scientifico Cesare Alzati, Gabriele De Rosa, Marcello Garzaniti, Sante Graciotti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni/cittadinanza I ROMANI Mappa concettuale del percorso sviluppato. PowerPoint Verona romana. Cartellone Il Vangelo secondo Giotto Competenze chiave

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

MATERIA STORIA PROGRAMMA CONSUNTIVO. Anno scolastico 2014/2015 INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. Ore annuali

MATERIA STORIA PROGRAMMA CONSUNTIVO. Anno scolastico 2014/2015 INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. Ore annuali Anno scolastico 2014/2015 INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA PROGRAMMA CONSUNTIVO MATERIA STORIA classe partecipante al progetto Generazione Web DOCENTE DI MAIO G. CLASSE 2^B ELE Ore annuali 61 FINALITA

Dettagli

La mediazione linguistica a teatro Strategie editoriali di una forma di traduzione audiovisiva di Mauro Conti (2014) 1. La traduzione audiovisiva

La mediazione linguistica a teatro Strategie editoriali di una forma di traduzione audiovisiva di Mauro Conti (2014) 1. La traduzione audiovisiva La mediazione linguistica a teatro Strategie editoriali di una forma di traduzione audiovisiva di Mauro Conti (2014) 1. La traduzione audiovisiva Nel multiforme e mutevole dominio della mediazione linguistica,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale

Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale Lo studente è tenuto a rispondere alle domande qui presentate, preparando un esposizione orale ordinata di circa 5 minuti per ciascuna

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C.

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. Via D Avarna RMIC8FY006 - Distretto 24 - Via D Avarna 9/11 00151 Roma - C.F. 97714020589 Tel. /

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Studiare fede e religioni all Università di Zurigo:

Studiare fede e religioni all Università di Zurigo: Studiare fede e religioni all Università di Zurigo: Teologia, Scienze delle Religioni, Ebraismo Antico o Religione, Economia e Politica Liv Kägi Theologische Fakultät Universität Zürich (UZH) OrientaTI,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

Master universitario di primo livello Istituto di Studi Ecumenici S. Bernardino Venezia Anno accademico 2014-2015

Master universitario di primo livello Istituto di Studi Ecumenici S. Bernardino Venezia Anno accademico 2014-2015 TEOLOGIA ECUMENICA RIFORMA DELLA CHIESA E CONVERSIONE Master universitario di primo livello Istituto di Studi Ecumenici S. Bernardino Venezia Anno accademico 2014-2015 1 ISTITUZIONE L Istituto di Studi

Dettagli

Parte prima RITO DEL BATTESIMO E DELLA CREMAZIONE DEI BAMBINI

Parte prima RITO DEL BATTESIMO E DELLA CREMAZIONE DEI BAMBINI Indice Abbreviazioni e sigle 10 Introduzione generale 11 Parte prima RITO DEL BATTESIMO E DELLA CREMAZIONE DEI BAMBINI Istruzioni generali 17 Riti di introduzione 19 Liturgia della Parola 25 Liturgia del

Dettagli