Anno IX, numero 1, luglio 2009, quadrimestrale - Spedizione in A.P. - 70% D.C.I. Trento - Taxe Percue

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno IX, numero 1, luglio 2009, quadrimestrale - Spedizione in A.P. - 70% D.C.I. Trento - Taxe Percue"

Transcript

1 N 16 Luglio 2009 Anno IX, numero 1, luglio 2009, quadrimestrale - Spedizione in A.P. - 70% D.C.I. Trento - Taxe Percue L estate é finalmente giunta. Era ora. Abbiamo ancora negli occhi le montagne di neve che si erano accumulate ai bordi dei nostri cortili e delle strade. Un paesaggio magnifico, indubbiamente, gioia per gli sciatori e i fotografi, ma anche un sacco di disagi per coloro che al mattino devono mettersi in azione presto e recarsi al lavoro. Per fortuna i disagi sono stati contenuti dall instancabile e prezioso lavoro svolto da tanti, in modo particolare dai nostri vigili del fuoco che sono intervenuti per sbrogliare situazioni complicate e dare una mano alle persone più in difficoltà. Questo numero del giornalino vuole costituire anche un forma di ringraziamento per loro. Il resto del notiziario é come sempre colmo delle tante iniziative, amministrative e culturali, della nostra comunità. Fra le tante segnalerei quella relativa alla ristrutturazione aziendale dei fratelli Zambotti, un segnale importante e significativo di una nuova strategia in tema di allevamenti zootecnici, più rispettosa dell ambiente e della salute degli animali e dei consumatori. É estate, dicevamo, e il paese si risveglia. Ripartono le iniziative: i giovani hanno dato la sveglia con i concerti del primo maggio e il torneo di calcetto; adesso ripartono le gite in montagna, con la SAT e con la parrocchia, e le numerose iniziative

2 Sommario 1 Redazionale 16 2 Attività amministrativa 14 La festa dei vigili del fuoco 15 Val dei Cagni: finiti i lavori per la frana 16 Comunità di Valle 17 Un libro per l anno hoferiano 18 Il Circolo Michael Gaismayr in assemblea a Fiavé 19 La Compagnia di Marco Zanini 22 Il pozzo del monte Misone 24 Palazzi aperti a Ballino 25 La primavera fiavetana é giovane!!! 26 Le gite in montagna del mercoledì 27 Gioca e impara 28 In viaggio 29 Bilancio di un anno 30 Sempre avanti con le attività della SAT 31 La sagra di Stumiaga 32 Palafitte: nuove indagini per la loro conservazione 34 Il cacciatore delle Alpi, da predatore a gestore 35 Falegnami 36 Mario Bort: un grande esempio di saggezza e altruismo 39 Meglio morire per una fucilata che di fame 40 L Eccellenza mancata di un soffio In copertina: La piazza di Ballino ristrutturata. anno IX - n. 1 Luglio 2009 Periodico di informazione del Comune di Fiavé (TN) Delibera del Consiglio comunale n. 13 del Autorizzazione del Tribunale di Trento n del 26 luglio 2001 Proprietario/Editore: Nicoletta Aloisi Direttore responsabile: Franco Brunelli Comitato di redazione: Vanna Bagozzi, Antonio Bozza, Franco Brunelli, Lorena Festi, Denis Filosi, Marco Fronza, Viviana Gosetti, Angelo Zambotti Direzione, redazione, amministrazione: Municipio, p.za S. Sebastiano, Fiavé tel Progetto grafico: Danilo Dallabrida Fotocomposizione e stampa: Antolini Tipografia - Tione Distribuito gratuitamente a tutte le famiglie del Comune di Fiavé. Tutti gli altri, interessati a ricevere il notiziario, sono pregati di segnalare il proprio nominativo presso gli uffici comunali.

3 Redazionale di Nicoletta Aloisi Carissime cittadine e carissimi cittadini, siamo in piena estate, per tanti è tempo di vacanze, e chi rimarrà a Fiavé e chi sarà nostro ospite gradito è invitato a partecipare alle numerose iniziative culturali e occasioni di svago proposte nei prossimi mesi sinergicamente dall amministrazione comunale, l A.P.T. Terme di comano Dolomiti di Brenta, e dalle associazioni operanti a Fiavé. Credo però che il caldo estivo non abbia fatto dimenticare a nessuno di noi i metri di neve cui da anni non eravamo abituati, che accanto ai tanti disagi e disguidi e qualche danno, ancora oggi evidente, ci ha anche regalato un paesaggio meraviglioso, con una pista da fondo sempre efficiente, che ha favorito con grande successo la pratica dello sci da fondo sia per i nostri ragazzi dello Sci Club Fiavé che a quanti amano questo sport che ha portato negli anni non poca notorietà a Fiavé. Questa premessa sulla prima pagina del giornalino mi consente di rivolgere un sentito e doveroso ringraziamento a nome dell intera comunità di Fiavé al nostro Corpo volontario dei vigili del fuoco, in primis al comandante Enzo Caresani e al vice Giuliano Festi, che nei tanti giorni di criticità sono stati sommersi da richieste di aiuto. Ancora a fine novembre abbiamo visto i nostri pompieri operare con generosità nelle situazioni più varie e delicate quali la collaborazione per lo sgombero neve in emergenza dalle strade, il taglio di piante, gli interventi per assicurare tetti e camini resi pericolanti dalle abbondanti nevicate e per verificarne la stabilità, la rimozione della neve dai tetti per evitare danni a cose e persone, sia su strutture pubbliche che su edifici privati; il recupero di un anziana colpita da malore chiusa in casa. Un grazie sincero quindi per il loro lavoro fondamentale e insostituibile, svolto con competenza e disponibilità. Altro ringraziamento doveroso va al nostro servizio tecnico, agli operai comunali, alle ditte esterne, che hanno reso possibile un pronto intervento di sgombero neve dalle strade principali. Grazie anche ai privati che volontariamente hanno contribuito con i loro interventi a facilitare i lavori, quest anno particolarmente gravosi. Il tempo vola e a breve si arriverà alla prossima stagione invernale che non dovrà trovarci impreparati; per questo auspichiamo che i privati interessati provvedano a verificare la stabilità dei tetti, dei camini, dei paraneve e a tagliare i rami e gli arbusti che si protendono oltre la proprietà privata andando a invadere l area stradale e creando difficoltà notevoli al regolare servizio di sgombero neve. Concludo assicurando senza peccare di presunzione che la sana gestione delle risorse e gli obiettivi fissati nei processi di certificazione EMAS ci hanno consentito di rispettare i parametri previsti dal patto di stabilità e di raggiungere parecchi risultati ambiziosi, come si può vedere concretamente sul territorio e leggere dalle righe di questo 16 numero di Lungo il Carera. Gli innegabili risultati ottenuti vanno visti nell ottica del profondo impegno profuso dagli amministratori in stretta collaborazione con impiegati, tecnici, operatori economici, associazioni operanti in diversi campi, il che ha permesso un continuo confronto volto a ricercare consigli, suggerimenti e scambi di idee per ottimizzare ogni tipo di intervento in risposta ai bisogni collettivi della popolazione di Fiavé, per promuovere il nostro territorio e i suoi prodotti, e conseguentemente per migliorare la qualità della vita a tutti noi che in questi ultimi anni siamo aumentati significativamente arrivando a residenti, appartenenti a 20 nazionalità (nel 2004 gli abitanti erano 1052 con 12 nazionalità). Rivolgo infine un appello alla vostra generosità, per una massiccia adesione al progetto trentino promosso dalla Provincia Autonoma di Trento e dal Consorzio dei Comuni Trentini Costruiamo un futuro all Abruzzo con donazioni sul conto del Consorzio dei Comuni Trentino IT73 S con causale TERREMOTO ABRUZZO. Tale progetto prevede la realizzazione di 100 case di legno antisismiche per le famiglie abruzzesi colpite. Il bicchiere di Fiavé 1

4 Attività amministrativa a cura del sindaco, Nicoletta Aloisi Strada di collegamento bocca al lago. Recentemente è stata affidata alla ditta Cunaccia Francesco Emanuele srl di Pinzolo, con un ribasso del 26,01% su lavori di ,11, l esecuzione della strada di collegamento fra le due esistenti, rispettivamente la strada Bocca al Lago (p.f. 2299) asfaltata fino al limite del Biotopo di Fiavé e la strada Torbiera (p.f. 3004/3). La realizzazione della nuova strada a fondo non asfaltato consentirà il completamento del collegamento sul lato ovest da Fiavé alla Torbiera, valida alternativa anche per il traffico di mezzi agricoli sulla strada provinciale e sulla strada comunale che attraversa l abitato di Fiavé, e che permetterà ai mezzi agricoli, ora costretti a passare su tali strade, di raggiungere i fondi di destinazione senza interessare la viabilità principale. Al dott. forestale Oscar Fox di Trento, previo compenso di 3.463,00 oltre ad oneri, è stato assegnato l incarico di direttore dei lavori e di verifica delle caratteristiche delle terre e rocce derivanti dalle operazioni di scavo ai sensi della normativa vigente in materia ambientale. L opera, del costo complessivo di ,00, è finanziata con il budget e i fondi straordinari anticongiunturali della Provincia. Illuminazione stradale con tecnologia a led Dovrebbero iniziare a giorni i lavori relativi al completamento e adeguamento a norma dell illuminazione pubblica con tecnologia a LED nelle seguenti zone: frazione di Stumiaga, località Doss, via S. Zeno lato nord nuove villette, area palestra (parco, piazzale, parcheggio). Il progetto, redatto dal p.i. Luciano Zanotti di Ala e approvato dall amministrazione comunale, ammonta ad ,00 ed è finanziato con avanzo di amministrazione e fondi straordinari anticongiunturali della Provincia e del BIM del Sarca. Fiavé è fra i primi Comuni italiani a ricorrere all adozione del Led nell illuminazione stradale. I vantaggi della tecnologia Led sono ormai molto noti: ecologici, in quanto nella produzione del LED non vengono utilizzati metalli pesanti; gestionali, in quanto il controllo totale del flusso luminoso garantisce un sistema molto efficiente, senza sprechi e a parità di illuminazione il risparmio energetico può arrivare al 60%; ergonomici, poiché il flusso può essere direzionato esclusivamente dove serve, senza dispersione di luce e di energia, con il vantaggio che l eventuale inefficienza di un componente non comporta lo spegnimento dell impianto. L illuminazione stradale a Led è da considerarsi a tutti gli effetti illuminazione di sicurezza, sia per chi percorre la carreggiata con un veicolo, sia per chi passeggia a piedi. L obiettivo dell amministrazione comunale in piena coerenza con la politica ambientale EMAS e per le motivazione indicate, è quello di adeguare alle normative vigenti anche il rimanente impianto di illuminazione pubblica sull intero territorio con tecnologia a Led. Si potrà raggiungere tale ambizioso traguardo solo con l ottenimento dei finanziamenti necessari per far fronte ai costi d investimento che per il momento sono molto superiori rispetto alle forniture dei corpi illuminanti tradizionali. I lavori relativi ai diversi interventi pubblici avviati sul nostro territorio, isole ecologiche, sdoppiamento fognatura Fiavé Ovest ed Est, Stumiaga, Curé, quelli relativi alla rete potabile, la realizzazione del parcheggio al Cason sull area dell ex patatera, sono ripresi regolarmente dopo la lunga stagione invernale. Nei prossimi mesi un area di circa mq 200, sul lato est di via 3 novembre, sarà sottoposta ad una bonifica, in quanto a seguito di una segnalazione pervenuta al Comune si presume che in tale zona, interessata dagli scavi della fognatura, ci siano ordigni bellici. I lavori di bonifica autorizzati dall Autorità Militare ed assegnati alla ditta specializzata CO.VE.SMI s.r.l. di Ostiglia prevedono la bonifica superficiale e profonda mediante ricerca e localizzazione degli ordigni e masse ferrose, lo scoprimento degli ordini con mezzi meccanici a mano. Costo presunto della bonifica 6.292,00. La Giunta comunale ha affidato all arch. Claudio Salizzoni dello Studio 3 di Ponte Arche l incarico di predisporre la progettazione esecutiva dei lavori relativi alla sistemazione delle facciate del Municipio con sostituzione dei serramenti e coibentazione, e la posa dell ascensore. Tali interventi, soggetti a contributi provinciale, e pianificati in piena coerenza con gli obiettivi indicati nel programma di politica ambientale approvato dall amministrazione comunale, sono indispensabili per ridurre i consumi di gasolio e consentono di dotare anche il municipio di idoneo ascensore. Costo della prestazione professionale: ,90 oltre ad oneri. 2

5 Manutenzioni straordinarie al patrimonio comunale e acquisto beni - adeguamento impianto di rilevazione incendio della scuola elementare di Fiavé: ditta Martinelli s.n.c. Ponte Arche, costo 1.783,00; - verifica impianti messa a terra municipio e scuola elementare: organismo abilitato Elisse s.r.l di Trento, costo 360,00; - fornitura e posa nuova illuminazione di emergenza presso il municipio: ditta Martinelli snc Ponte Arche, costo 1.157,00; - acquisto fontanella in ghisa per il cimitero di Fiavé, costo 360,00; - acquisto n. 3 targhe indicanti Fiavé da posare al confine del territorio comunale, costo 561,60; - acquisto dalla ditta Schmidt di Cortaccia della lama di usura e dei denti di sgancio della lama da neve del trattore, costo 1.290,62; - fornitura n. 2 giacche operai dalla ditta Wegher di Rovereto, costo 384,00; - fornitura da parte della ditta Onorati Aldo e C. di Fiavé di un soppalco in ferro da utilizzare come deposito sale stradale, costo 3.138,00; - acquisto dalla falegnameria segheria Marchetti Eros di Bolbeno di n.12 fioriere in legno per le frazioni, costo 1209,00; - lavori urgenti di riparazione al mezzo comunale Leomar eseguiti dalla ditta Righi e Lenzi per un totale 6.808,45; - fornitura ringhiere zincate dalla ditta Onorati Aldo e C. di Fiavé da posizionare negli abitati di Stumiaga e Ballino, al costo presunto di 8.016,00; - affidamento alla ditta Walec srl di Fiavé dei lavori di fresatura e asfaltatura di alcune strade comunali, costo presunto ,46; Sgombero neve con la collaborazione dei pompieri - Lavori sgombero neve (incarico ditte e impegni di spesa): - Farina Ezio e Giuliano di Bleggio Superiore, 1.000,00; - Walec s.rl. di Fiavé ,00; - Lavori Edili Rule 3.360,00; La Giunta comunale ha approvato la convenzione per l utilizzo a titolo gratuito nel centro abitato di Ballino dello spazio adiacente alla strada provinciale dei laghi, dove attualmente sono posati i contenitori della raccolta dei rifiuti. Tale area, di proprietà di Berti Lucio e Dissertori Christine, potrà essere occupata regolarmente a fini pubblici in maniera ordinata e rispettosa della normativa con particolare riguardo al codice della strada. Tariffe servizi: acquedotto, fognatura, smaltimento rifiuti. Una novità rilevante è che il canone di depurazione a partire dall anno 2008 sarà applicato solo a chi effettivamente usufruisce del servizio. Nel nostro Comune solo gli utenti di Ballino in quanto allacciati alla fognatura trattata da impianto di depurazione sono soggetti al canone di depurazione; per gli altri utenti, il canone di depurazione sarà applicato solo quando entrerà in funzione il depuratore di Valle situato a Ponte Arche sotto il ponte del Doss da Servi. Lo Stato e la Provincia Autonoma indicheranno con specifiche disposizioni ai Comuni le modalità e i tempi per i rimborso ai cittadini che negli anni passati hanno pagato il canone di depurazione. Il tema dei servizi comunali e delle loro gestioni è stato oggetto in questi ultimi anni di grandi discussioni. Già da qualche anno esiste l obbligo della copertura al 100% delle spese per singolo servizio mediante i proventi derivanti dai ricavi del servizio stesso. Purtroppo nel nostro Comune negli anni passati sono mancati adeguati interventi di manutenzioni straordinarie alla rete idrica e ciò comporta interventi radicali e costosi sugli impianti che per gli anni a venire incideranno sulle tariffe del servizio rimaste invariate per il Il servizio fognatura, a causa delle spese sostenute per gli sdoppiamenti in corso, necessita invece del recupero degli interessi passivi sui mutui assunti e comporterà per l anno 2009 un aumento delle tariffe di circa il 20%. Il servizio smaltimento rifiuti ha visto invece una diminuzione per il 2009 di circa il 23% dovuto soprattutto al fatto che nel 2008 è aumentata la percentuale della raccolta differenziata (oggi al 60,42%) ed è diminuita rispetto al 2007 la quantità dei rifiuti ingombranti; inoltre si è potuto usufruire di un economia di spesa del servizio realizzata negli anni precedenti. L incidenza dei costi di realizzazione delle isole ecologiche, sostenuti nel 2008 e 3

6 2009, si sentirà nei prossimi anni. Non è detto comunque che ci saranno aumenti in quanto occorre sempre tenere presente la percentuale della raccolta differenziata e la riduzione dei prelievi in relazione alla diminuzione del numero delle isole ecologiche. Attività sociali, culturali, ricreative, turistiche, educative Il Comune di Fiavé ha approvato la convenzione con i CAF che disciplina la gestione delle richieste di bonus tariffa sociale per la fornitura di energia elettrica dei clienti domestici disagiati. Il bonus è uno sconto applicato sulle bollette dell energia elettrica per 12 mesi, e rinnovabile previa presentazione di ulteriore richiesta di ammissione, e decorre dal 1 gennaio Possono accedere al bonus sociale i cittadini intestatari di una fornitura di energia elettrica nell abitazione di residenza con potenza impegnata fino a 3kW e con un valore ISEE fino a 7.500,00; per le famiglie numerose (da intendersi con 4 o più figli a carico) il valore dell ISEE è elevato fino ad ,00. I cittadini aventi diritto potranno dunque continuare a rivolgersi ai Centri di assistenza fiscale CAF, senza necessità di recarsi nel Comune di residenza e senza dover sostenere alcun costo. Anche quest anno l amministrazione comunale: - ha aderito alla campagna proposta dalla trasmissione Caterpillar di Rai Due del Mi illumino di meno, giornata internazionale del risparmio energetico, spegnendo l illuminazione pubblica a Fiavé dalle ore alle e approvando il decalogo predisposto dalla trasmissione Caterpillar al fine di sensibilizzare la popolazione ad assumere buone abitudini per ridurre il consumo di energia elettrica. - insieme alle ASUC di Fiavé, Ballino, Favrio, al Corpo volontario dei vigili del fuoco di Fiavé, alla Rete trentina di educazione ambientale-laboratorio delle Giudicarie A.P.P.A., al Corpo Forestale, al centro scolastico di Fiavé, alle associazioni SAT, Gruppo alpini, C.I.G.E., M.A.I.A., Pro loco, Associazione cacciatori, ha organizzato a fine aprile 2009 il 2 Week end ecologico che comprendeva: 1. per venerdì 24 aprile la serata di sensibilizzazione sulla tematica dei rifiuti dove, oltre all illustrazione delle novità del sistema di raccolta dei rifiuti per l anno 2010, si è parlato di riutilizzo, di riduzione dei rifiuti e di compostaggio domestico. E stata un importante occasione per riflettere su argomenti che coinvolgono tutti da vicino quotidianamente e per sentire anche le osservazioni e i suggerimenti dei cittadini presente in gran numero alla serata; Lotteria riciclona con i ragazzi 2. per sabato 25 aprile la giornata del riuso con lotteria riciclona. La popolazione già informata di tale iniziativa ha partecipato con interesse sia consegnando i beni che non servivano più sia andando a ritirare dalle bancarelle quello che poteva servire ancora, con il risultato che tutta la merce resa disponibile è stata ritirata da chi intende utilizzarla ancora, consentendo quindi una maggiore durata ai beni ed una conseguente riduzione del conferimento dei rifiuti in discarica. La novità di quest anno era la lotteria riciclona per i ragazzi, che grazie all impegno della maestra Franca, di Claudia Baroni di Stumiaga e di Sabrina Baldo dell APPA, ha ottenuto un grande successo, sia per il pomeriggio piacevole trascorso insieme sia per aver offerto l occasione ai ragazzi di utilizzare ancora giocattoli in buono stato, che altrimenti sarebbero stati gettati nei rifiuti. Già fin d ora si informa che la giornata del riuso sarà riproposta durante l autunno, se ci sarà il materiale, oppure il prossimo anno. Si invita chi possiede beni e giocattoli ancora in buono stato e che non usa più, di consegnarli al Comune per la programmazione della giornata del riuso; 3. domenica 26 aprile giornata ecologica, con buona partecipazione di ragazzi e adulti, associazioni, oltre ai vigili del fuoco, al corpo forestale e all amministrazione comunale che ha consentito una efficace pulizia delle aree al Passo Ballino, Galampe, Duss, Doss dei Gustinaci, Viati, Spiaz de la Mula, Ponterola, Tamburel, Favrio, Molino, Busca, Val dei Cagni, Rozola e stradine di campagna. 4

7 Contributi assegnati dalla giunta comunale a fine anno 2008 alle associazioni di volontariato associazione / ente Contributi Fondazione Asilo Infantile Maria Valentini, Fiavé 600,00 Gruppo Ricerca e Studi Giudicariese, Campo Lomaso 600,00 ACAT Tre Pievi Giudicarie Esteriori, S.Croce 300,00 Coro Pineta Rio Bianco Fiavé-Stenico 2.500,00 Associazione Carabinieri Sezione Giudicarie Esteriori, Ponte Arche 800,00 Banda intercomunale del Bleggio, Santa Croce 800,00 SAT Fiavé 700,00 A.V.U.L.SS.- Sezione Fiavé 700,00 Polisportiva Castel Scenico 600,00 A.S.D. Fiavé 1945 Calcetto 1.500,00 A.S.D. ( Sportiva) Comano Terme e Fiavé 1.500,00 Gruppo Alpini di Fiavé 1.300,00 Associazione Pro Loco di Fiavé 3.200,00 Festa dell Agricoltura Palio dei 7 Comuni, Dasindo 200,00 Sci Club Fiavé (apprestamento pista e attività gestionale ordinaria) ,00 Parrocchia Stumiaga (contributo straord. rifacimento manto copertura chiesa) 5.000,00 APT, contributo gestionale anno ,00 APT, contributo straordinario per i transfer turistici a Fiavé 590,00 Partenza gara di fondo ragazzi Attività del consiglio comunale Negli ultimi sei mesi si è riunito ben 5 volte: in seconda convocazione; 29 dicembre 2008 in seconda convocazione; in prima convocazione; in prima convocazione; in seconda convocazione. La delibera più rilevante adottata dal Consiglio comunale è stata quella adottata il con provvedimento n. 2 relativa all approvazione del parere favorevole alla deroga urbanistica, richiesta dall azienda agricola dei fratelli Alessandro e Samuele Zambotti per la ristrutturazione e ottimizzazione del centro aziendale situato in via 5

8 S.Zeno di Fiavé. Poiché il Piano di Fabbricazione vigente non consentiva gli interventi di ristrutturazione proposti dall azienda agricola, era necessario intervenire mediante lo strumento eccezionale della deroga. Tale intervento edilizio, presentato al Consiglio comunale dall arch. Michele Zambotti dello Studio sssociato Tomasi Zambotti di Fiavé, è finalizzato all ottimizzazione della conduzione aziendale sulla base di uno studio condotto dall Istituto Agrario di S.Michele all Adige che consente di conservare in modo ottimale le scorte alimentari attualmente depositate in modo disordinato, di ricoverare i mezzi agricoli attualmente lasciati all aperto, e di perseguire il miglior benessere degli animali allevati e quindi il miglioramento della produzione e dello stoccaggio delle deiezioni animali possibile solo con una riduzione dei capi allevati. Dopo una breve premessa del sindaco per ricordare il lungo ma positivo percorso intrapreso con i fratelli Zambotti al fine di ricercare insieme, e con la consulenza dei tecnici preparati dell Istituto di S.Michele all Adige, una proposta condivisa di ristrutturazione della struttura aziendale che rientri a pieno titolo in una riqualificazione ambientale e paesaggistica, il dott. Angelo Pecile dell Istituto agrario, appositamente invitato al Consiglio comunale per l occasione, ha esaminato la parte tecnico- gestionale della relazione redatta dai responsabili ed esperti del Centro risorse foraggere e produzioni zootecniche dell Istituto Agrario di S.Michele all Adige, disponibile presso gli uffici comunali, che fa parte integrante della deliberazione consiliare e che in parte riportiamo di seguito per offrire una completa informazione su tale argomento di rilevante importanza per l intera collettività. Sulla base dei colloqui intercorsi, della richiesta di consulenza ad un intervento di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale si illustrano di seguito le ipotesi relative ad un riposizionamento dell azienda, elaborate con l obiettivo di migliorarne il rapporto animali allevati/ superficie coltivata, le condizioni di allevamento e di lavoro, la gestione delle deiezioni zootecniche, perseguendo comunque l obiettivo della reddittività. L azienda consta attualmente di 175 vacche da latte con relativa rimonta per un totale di circa 310 UBA e dispone di 80 ettari. Il rapporto animali/superficie raggiunge il valore di 3,9: per questo motivo l azienda non percepisce i contributi pubblici relativi ai premi agroambientali né potrebbe accedere ad incentivi per eventuali interventi di ristrutturazione. Sono state valutate varie ipotesi di soluzioni: 1) costruzione ex novo della stalla lontana dall abitato 2) adeguamento dei fabbricai aziendali attuali, mantenendo lo stesso numero di capi senza perciò poter accedere a finanziamenti pubblici 3) adeguamento dei fabbricati aziendali attuali, diminuendo il numero di capi da 310 uba a 190 uba. Di queste è stata presa in considerazione la n. 3 e cioè: - diminuzione dei capi in allevamento per meglio rapportarli alla superficie coltivata (meno di 2,5 Uba /ha) in modo da rientrare nel regime di aiuti previsto dalla normativa vigente; - eliminazione della lettiera permanente causa di notevoli problemi sanitari ed elevati costi di gestione, e sostituzione con zona di riposo a cuccette, con pavimento pieno e munita di raschiatore meccanico; - adeguamento degli stoccaggi per le deiezioni arrivando ad uno stoccaggio utile per almeno 6 mesi; - costruzione di nuove trincee per lo stoccaggio dell insilato e del pastone di mais. Questa serie di interventi organizzativi e strutturali porterebbero all azienda una serie di vantaggi; ne riportiamo alcuni tra i più significativi: - miglioramento delle condizioni di lavoro e minor ricorso a manodopera esterna; - riequilibrio tra il numero di animali presenti e le dotazioni di cuccette e posti in mangiatoia con conseguente aumento del benessere delle bovine, una minor concentrazione di germi patogeni; diminuzione dei fenomeni di competizione tra gli animali; - un incremento del livello di benessere degli animali corrisponde generalmente anche ad un miglioramento della produzione di latte e solitamente ad una diminuzione dei problemi sanitari e riproduttivi, e di conseguenza anche ad un minor consumo di farmaci e ad un allungamento della vita degli animali; - il passaggio da una zona di riposo a lettiera permanente ad una a cuccette dovrebbe comportare un ulteriore miglioramento delle condizioni igieniche degli animali con riflessi positivi sulla qualità igienica del latte e sulle infezioni mammarie; - la diminuzione del numero dei capi allevati, a parità di superficie coltivabile disponibile, comporta un maggior grado di autosufficienza che potrebbe avvicinarsi al 100% per quanto riguarda la disponibilità di foraggi prativi; - con il cambio di destinazione di parte della superficie investita a insilato integrale di mais verso la produzione di pastone di mais, verrebbe a ridursi sensibilmente anche il ricorso all acquisto di mangimi extra aziendali (farina di mais, soprattutto); 6

9 La stalla di Alessandro e Samuel Zambotti - il minor apporto di alimenti zootecnici esterni, sommato ad un minor consumo di paglia (prodotto tipicamente extraprovinciale), conseguente alla trasformazione dell area di risposo da lettiera permanente a cuccette, diminuisce la dipendenza dai prodotti extra aziendali, che rappresentano una pesante voce di costo diretto per l impresa, un punto critico nel controllo della filiera ogm free, un possibile ritorno sui terreni aziendali di nutrienti sintetizzati altrove e, infine, un importante volume di merci necessariamente trasportate su gomma. Questi vantaggi, alla luce delle analisi economiche effettuati, si tradurrebbero in un più che sensibile miglioramento del reddito netto dell azienda rispetto alla situazione attuale. L amministrazione comunale, a garanzia degli accordi intercorsi, ha sottoscritto con la stessa una convenzione nella quale l azienda agricola si impegna a: 1) apporre il vincolo di destinazione agricola specifica ai singoli edifici e manufatti realizzati con la deroga urbanistica in questione; 2) a mantenere i rapporti UBA/ettaro entro i limiti di 2,5 e comunque non superiore ai 190 UBA nelle strutture oggetto della deroga documentando tale situazione con dichiarazione sostitutiva dei valori reali ottenuti a firma dell impresa agricola da presentare annualmente agli uffici comunali; 3) al rispetto delle normative per il trattamento degli effluenti zootecnici sia per gli stoccaggi che per lo spargimento, adeguandosi all evoluzione delle normative di tempo in tempo adottate; 4) a realizzare e mantenere idoneo apprestamento e infrastrutturazione delle aree asservite al progetto in modo da ridurre al minimo l impatto ambientale dello stesso; 5) a mantenere liberi da infrastrutture, accumuli, attrezzature e mezzi le aree limitrofe attualmente occupate dagli imballaggi di paglia e dagli attrezzi agricoli; 6) a non usare i pneumatici (copertoni) come ancoraggi dei depositi di mais e conseguentemente a smaltire i copertoni in uso. Tali adempimenti dovranno essere realizzati e completati entro il termine di utilizzo della nuova struttura a servizio dell azienda agricola ed entro i termini di scadenza della concessione edilizia. L amministrazione comunale in piena coerenza con la politica ambientale EMAS approvata nel 2007 e anche con il documento preliminare programmatico per la redazione della revisione del PRG approvato nel novembre 2006, dove sono indicati gli indirizzi di impostazione e le modalità operative per la redazione del PRG, rilevando la presenza di un interesse pubblico, e consapevole del miglioramento sia produttivo che ambientale dell azienda agricola dei fratelli Zambotti Alessandro e Samuel e del notevole miglioramento ambientale e paesaggistico del territorio a beneficio dell intera collettività, ritiene che tale riqualificazione aziendale possa diventare un progetto pilota e un esempio concreto da perseguire da parte delle altre aziende agricole. Approvazione bilancio di previsione 2009 e pluriennale Il il Consiglio comunale ha approvato il bilancio di previsione per l esercizio 2008 nelle seguenti risultanze finali: 7

10 ENTRATA SPESA Entrate tributarie ,00 Spese correnti ,08 Entrate derivanti da contributi della Provincia ,08 Spese in conto capitale ,37 Entrate extratributarie ,00 Spese rimborso prestiti ,00 Entrate derivanti da trasferimenti provinciali e riscossioni crediti ,80 Entrate derivanti da accensioni di prestiti ,57 Entrate da servizi p/c terzi ,00 Spese per servizi p/c terzi ,00 Avanzo di amministrazione ,00 Totale complessivo entrata ,45 Totale complessivo spesa ,45 La processione del Corpus Domini Alcune considerazioni espresse in fase di approvazione del bilancio: il bilancio 2009 e pluriennale che pareggia nella cifra totale di ,45 è un bilancio estremamente prudenziale; ci siamo limitati ad entrate sicure, non certo a quelle attese, proprio per dare copertura di tutte le spese fisse di bilancio e di quelle straordinarie già appaltate. Ne è la prova che le spese in conto capitale, di investimento, iscritte nel bilancio ammontano ad ,37 e comprendono il completamento dei lavori di sdoppiamento della fognatura Fiavé Est Curè per ,00; l apporto del capitale alle Terme di Comano per ,57; la rimanente somma di ,00 è destinata a manutenzioni straordinarie della viabilità, delle strutture sportive, del patrimonio comunale, l adeguamento dell impianto di illuminazione pubblica, la sistemazione straordinaria di aree comunali e il completamento della realizzazione del parcheggio nell area ex patatera con relativa isola ecologica Abbiamo già informato il presidente Dellai e gli assessori competenti Alberto Pacher e Franco Panizza circa le attese della comunità di Fiavé per il periodo in avvenire, focalizzando il ruolo che si ritiene possa assolvere la Provincia Autonoma di Trento nella loro realizzazione. Le opere che necessitano di urgenti contributi provinciali sono: la messa in sicurezza e arredo urbano di Fiavé piazza S. Sebastiano; la sistemazione completa e razionale della rete idrica; la costruzione della caserma dei Vigili del Fuoco. Le opere invece da attuare da parte della Provincia in quanto di sua competenza sono: 1) gli allestimenti interni ed esterni del futuro Museo delle Palafitte; 2) la messa in sicurezza della strada provinciale dei Laghi da Stumiaga alla Pineta, compresi gli incroci della Ca Nova e di S. Apollonia, e il collegamento pedonale Fiavé Torbiera; 3) la costruzione del villaggio palafitticolo alla Torbiera. Progressivamente ad ottenimento dei finanziamenti per la copertura delle spese citate, e per quelle di minor entità sottoposte a contributi provinciali specifici (rifacimento serramenti e coibentazione municipio; coibentazione scuola elementare; impianto fotovoltaico sulla palestra comunale, scuola elementare e municipio; impianto geotermico c/o palestra comunale, attualmente non previste nel bilancio 2009), le stesse saranno oggetto di variazioni di bilancio ed approvazione da parte del consiglio comunale, con conseguente adeguamento e previsione dei necessari stanziamenti. Questo significa un forte controllo delle spese da parte del Consiglio comunale, al quale compete l approvazione del bilancio e delle sue variazioni, che nel passato spesso e volentieri venivano assunte dalla Giunta comunale mediante il provvedimento di variazione d urgenza, mentre al Consiglio comunale rimaneva la semplice ratifica. Non a caso, e proprio per rispetto verso il Consiglio comunale, in questi ultimi due anni l attuale amministrazione comunale è ricorsa a questo strumento solo in via del tutto eccezionale, frutto questo di una corretta programmazione contabile portata avanti in sinergia tra i responsabili dei servizi 8

11 Doss dei Gustinaci e i resti del villaggio palafitticolo (1.200 a.c.) finanziario, tecnico e segreteria e la giunta comunale. Il dato di fondo è che le risorse sono sempre più limitate a fronte di bisogni sempre maggiori: ad un aumento strutturale delle spese (inflazione, adeguamento contrattuali degli stipendi, costo gasolio) non corrisponde un altrettanto automatico incremento delle entrate, che invece sono in gran parte legate a sistemi tariffari per il cui adeguamento, nonostante la copertura legale del 100% dei costi, occorre unanime consenso. L indirizzo politico pienamente condiviso è quello di mantenere inalterata la pressione tariffaria, per questo è necessario il contenimento delle spese. Il prelievo fiscale per i cittadini di Fiavé di complessivi ,00, corrisponde ad un totale pro capite di 194,54 molto al di sotto della media provinciale e nazionale. La componente più significativa della nostra spesa corrente, come per gli altri Comuni, è rappresentata dall acquisto di beni e servizi, ammontante a complessivi ,00 (di cui ,00 per gestioni servizi sovracomuali) che costituisce una quota pari al 40%. Segue la spesa del personale di ,00 pari al 30,6% della spesa corrente totale. Complessivamente l onere per il servizio del debito, indice di rigidità (interessi + quota capitale rate mutui) incide mediamente sulla parte corrente del bilancio per il 17,9 %. Rispetto alle spese correnti del 2008 c è stata una notevole diminuzione di spesa pari ad euro ,00; dal totale di ,73 delle spese 2008 si è passati a ,088 per il Fra gli stanziamenti una tantum più significativi rientra quello di 5.000,00, finalizzato alla realizzazione della prossima pubblicazione Santa Lucia e la Comunità di Ballino del prof. Graziano Riccadonna. L amministrazione comunale intende proseguire nel cammino intrapreso e iniziato l anno scorso con il Gruppo culturale, la parrocchia, le ASUC, la Cassa Rurale don L. Guetti, con il libro San Biagio e la comunità di Favrio, per favorire la promozione della conoscenza della storia delle nostre comunità e chiese frazionali. Rinnovo nomina a revisore dei conti per il triennio Il scadeva l incarico di revisore dei conti del Comune di Fiavé della dott.ssa Manuela La Via. Vista la disponibilità della stessa a proseguire e tenuto conto della possibilità di proroga, il Consiglio comunale nella seduta del ha rinnovato tale incarico per il triennio , previo un impegno di spesa di presunti 4.800,00 annui che comprendono sia l onorario per l incarico, pari a 3.600,00, gli oneri fiscali ed eventuali rimborsi delle spese di trasferta. Modifica sede servizio asilo nido intercomunale. Nel 2006 è stato istituto il servizio asilo nido intercomunale. Tra le altre cose era stato stabilito che Ponte Arche fosse la sede della struttura e in attesa di procedere all acquisto del fabbricato è stato deciso di affittare una specifica sede per consentire l attivazione fin da subito del servizio. Nel frattempo si è prospettata l occasione di ristrutturare l ex 9

12 scuola elementare di Comighello di proprietà dell Unione dei Comuni Lomaso e Bleggio Inferiore; quindi dopo vari approfondimenti e soprattutto tenendo conto di un notevole risparmio di risorse, si è deciso, con il consenso di tutti i Consigli comunali, che la sede futura dell asilo nido fosse individuata nell ex scuole elementare di Comighello, naturalmente previa ristrutturazione e adeguamento dell edificio da parte dei Comuni proprietari dell immobile con il contributo provinciale. Servizio mobilità vacanze stagioni estive 2009 e 2010 L amministrazione comunale consapevole che il servizio pubblico di trasporto riveste un ruolo fondamentale nelle Giudicarie Esteriori, per rispondere alle esigenze dei villeggianti e dei residenti, specialmente di quelli che non hanno la possibilità di utilizzare un proprio mezzo per gli spostamenti, ha sostenuto anche quest anno l attivazione del servizio mobilità vacanze. Il Consiglio comunale con 6 voti favorevoli e 2 contrari ha approvato lo schema di convenzione per la gestione sovracomunale del servizio per le stagioni estive 2009 e 2010, confermando l impostazione proposta nel 2008 sia in termini di area interessata (Giudicarie Esteriori, Lago di Tenno, Andalo e Molveno), numero corse, costi a carico dei Comuni aderenti (circa 4.100,00 annuo per ogni Comune delle Giudicarie Esteriori, Andalo e Molveno, escluso Dorsino che paga meno). Regolamento per il miglioramento dell illuminazione pubblica e privata esterna attraverso il risparmio enegetico e l abbattimento dell inquinamento luminoso Nell ambito della politica ambientale approvato nel percorso di certificazione EMAS, l amministrazione comunale si era posta anche l obiettivo di realizzare azioni tendenti a sostenere l uso razionale dell energia e il risparmio energetico. Quindi, in piena coerenza e in adeguamento alle norme vigenti, ha predisposto e approvato il regolamento citato, tendente alle seguenti finalità: riduzione del consumo energetico derivante dall illuminazione esterna e notturna; miglioramento dell illuminazione pubblica e privata secondo i principi di reale fruizione ed effettiva necessità dei cittadini; limitazione dell impatto ambientale e protezione del cielo notturno. Pertanto chi è intenzionato ad apportare modifiche o nuovi interventi riguardanti l illuminazione esterna, deve prestare attenzione alle direttive poste nel regolamento vigente nel nostro territorio comunale. Corpo volontario dei vigili del fuoco È stato approvato il bilancio di previsione dei VVF per l esercizio 2009 nelle risultanze finali di competenza pari ad ,26. I contributi del Comune ammontano a 8.000,00 per l ordinario del 2009; ,00 conto Passerella nel biotopo di Fiavé 10

13 11 residui 2008 (contributo straordinario per acquisto carrobotte); 2.865,00 conto residui 2007 per attrezzature diverse. Inoltre il consiglio comunale ha approvato anche lo schema di regolamento tipo del Gruppo allievi vigili del fuoco volontari, con il quale si prevede la costituzione in aggiunta all organico effettivo di un gruppo giovanile di allievi vigili del fuoco, allo scopo di formarli e di prepararli al futuro servizio. Inoltre, per dare risposta all esigenza di migliorare l organizzazione del corpo, è stato modificato l art. 21 del regolamento approvato nel 1999, stabilendo che una squadra possa essere composta da 5 vigili. Si riporta l elenco dei vigili del fuoco appartenenti al Corpo di Fiavé: Enzo Caresani, comandante; Giuliano Festi, vicecomandante; Massimiliano Caresani, capo plotone (magazziniere); Andrea Cherotti e Maurizio Cosina, capi squadra; Simone Bronzini, Michele Bugoloni, Graziano Caresani, Fabrizio Cherotti (cassiere), Lucio Cherotti, Danilo Fruner, Fabio Giordani, Luca Giordani, Aldo Onorati, Marcello Palla, Giuliano Riccadonna, Alex Zambotti, Luca Zambotti, quali vigili; Giovanni Bugoloni, Lucio Fruner, Paola Graziani (segretario), Armando Zambotti, quali membri onorari. Frana alla Busca Causa Giacomelli/ASUC DI Ballino/Comune di Fiavé La sentenza del TAR n. 501/2008 ha visto parzialmente soccombente il Comune di Fiavé nella causa intentata da una signora, con riguardo alla voce di rimborso delle spese legali all ASUC di Ballino in complessivi 6.410,56. In massima sintesi la questione: la signora, caduta nel 2003 dalla panchina posta sull area di sosta al passo di Ballino, aveva chiesto il rimborso del danno subito al Comune di Fiavé. Siccome la manutenzione dell area in oggetto era a carico della Provincia Autonoma di Trento, il TAR con sentenza n. 501/2008 condannò la Provincia di Trento al pagamento dei danni subiti, ma nel contempo condannò anche il Comune di Fiavé al rimborso all ASUC di Ballino delle spese legali sostenute, in quanto il Comune di Fiavé nel 2004 aveva indicato erroneamente che l area interessata all infortunio era intavolata alla frazione di Ballino, e per questo motivo fu chiamata in causa anche l ASUC DI Ballino, che dovette difendersi sostenendo conseguentemente le relative spese legali ammontanti ad 6.410,56. Esecuzione della sentenza del TAR: nomina di Bugoloni Beniamino in Commissione Edilizia. Il Consiglio Comunale, tenuto conto dei pareri espressi dalla Provincia Autonoma di Trento, dal Consorzio dei Comuni Trentini, dalla Regione Trentino Alto Adige, nella seduta del rigettò la proposta di deliberazione presentata dal Gruppo misto, tendente ad ottenere la nomina di Bugoloni Beniamino in Commissione Edilizia quale componente di diritto della minoranza consiliare. Contro tale rigetto, Bugoloni Beniamino, quale consigliere e capogruppo del Gruppo misto, nel giugno 2008 presentò ricorso al TAR di Trento chiedendo che venisse annullata tale decisione consiliare. La Provincia Autonoma di Trento, difesa dai propri avvocati, e il Comune di Fiavé difeso dall avv. Luigi Santarelli (costo 2.000,00), deliberarono di resistere al ricorso. Il TAR con sentenza n.75/2009 del marzo 2009 ha accolto il ricorso di Bugoloni Beniamino e condannato il Comune di Fiavé a rimborsare a Bugoloni la somma di 5.800,00 oltre ad IVA e CPA e al 12,5% a titolo di spese generali. Il Consiglio Comunale quindi in data ha riconosciuto la legittimità del debito fuori bilancio per consentire il rimborso a Bugoloni della somma di 7.864,20. In ottemperanza alla sentenza definitiva del TAR, il Consiglio comunale con 2 voti a favore ha nominato Bugoloni Beniamino quale rappresentante di minoranza all interno della Commissione Edilizia.

14 Interrogazioni, interpellanze presentate dal Gruppo misto (Bugoloni Beniamino e Calza Claudia) Data di consegna n.p. Oggetto Risposta del sindaco, data e n.p. Data di comunicazione e/o trattazione del Consiglio comunale Causa Giacomelli/Comune di Fiavé/ ASUC Stumiaga/PAT n.p.188 Non trattata in consiglio per assenza dell interrogante. Mozioni presentate dal Gruppo misto Data di consegna n.p. Oggetto Competenza del Consiglio Delibera Giunta Comunale n. 61/08 convenzione con la parrocchia per opere arredo urbano Piazza S. Seabastiano Area RSU Ballino parco giochi parcheggi area ricreativa p.2 o.d.g del consiglio dd Non approvata p.3 o.d.g del consiglio dd Non approvata Area caseificio Fiavé Assunzione pareri su deliberazioni Tariffa depurazione a fronte servizio inesistente Strada Via Stumiaga Iva non dovuta sulla tariffa igiene ambientale p.4 o.d.g del consiglio dd Non approvata p.5 o.d.g del consiglio dd Non approvata p.2 o.d.g. del consiglio dd Non approvata p.3 o.d.g. del consiglio dd Non approvata p.4 o.d.g. del consiglio dd Non approvata Realizzazione isole ecologiche a Ballino e Stumiaga p.5 o.d.g. del consiglio dd Non approvata Causa Giacomelli p.6 o.d.g. del consiglio dd Seduta segreta. Non approvata Richieste dei cittadini rispetto ad inadempienze dell amministrazione comunale p.7 o.d.g. del consiglio dd Non approvata Nuovo PRG, norme per zone agricole a stalla Commissione Edilizia Comunale p.8 o.d.g. del consiglio dd Non approvata p.9 o.d.g. del consiglio dd Non approvata Proposte di deliberazioni presentate dal Gruppo misto Nomina di un consigliere di minoranza all interno dell Associazione Fondazione Asilo Infantile Maria Valentini di Fiavé. Proposta non accolta dal consiglio. 12

15 13 Ricorsi presentati alla Giunta Comunale dal Gruppo misto avverso deliberazioni assunte dalla Giunta Comunale: Data n.p. Oggetto Rigetto Ricorso avverso deliberazioni giuntali n.11. e n.12 dd Riapprovazione progetti esecutivi nuove isole ecologiche Stumiaga e Ballino Ricorso rigettato dalla Giunta Comunale con del. n.15 del Il il capo gruppo del Gruppo misto ha presentato ricorso al TAR chiedendo l annullamento della convocazione del consiglio comunale del e delle deliberazioni giuntali n.11 e 12 del relative alla realizzazione dell isola ecologiche di Ballino e Stumiaga. In via preliminare ha anche chiesto al TAR di accogliere l istanza cautelare e per l effetto sospendere l efficacia e/o l esecuzione degli atti impugnati con ogni statuizione conseguente. Il TAR nell udienza del 23 aprile 2009 ha respinto la domanda incidentale di misura cautelare. In questa causa il Comune è difeso dall Avvocatura dello Stato mediante incarico conferito dalla Giunta Comunale all avv. Guido Denicolò, previo impegno di spesa a carico del bilancio comunale di 3.600,00. Cicogne sul campanile della chiesa nel giorno di Pasqua Ricorsi presentati alla Giunta Comunale dal Gruppo misto avverso deliberazioni assunte dal Consiglio comunale Data n.p. Oggetto Rigetto Progetto di riqualificazione delle Terme di Comano. Approvazione accordo di Programma per la realizzazione del piano degli investimenti Ricorso rigettato dalla Giunta del Il l ufficiale giudiziario ha notificato al Comune di Fiavé il ricorso presentato al Presidente della Repubblica da parte del capo gruppo del Gruppo misto, avverso la deliberazione n. 7 di data adottata dall assemblea consorziale Terme di Comano, riferita all approvazione dell accordo di programma per la realizzazione del piano degli investimenti Nel ricorso si chiede l annullamento di tale deliberazione in quanto sarebbe stata assunta, secondo il ricorrente, in violazione degli articoli 1, 4, 38, 41 dello statuto delle Terme di Comano e dell art. 76 c.2 del PGR N.3 /l. Chi fosse interessato ad avere copia delle sopraindicate interrogazioni, mozioni, ricorsi e delle risposte del sindaco, può produrre domanda sui moduli già predisposti dall ufficio relazioni pubbliche indicando l oggetto della documentazione richiesta. Cogorna - inverno 2009

16 La festa dei vigili del fuoco Si è svolta anche a Fiavé nello scorso dicembre la festa per la patrona dei Vigili del fuoco, Santa Barbara. I pompieri si sono radunati nella sala consiliare del municipio alla presenza del sindaco, degli assessori, del presidente di allora della Federazione dei corpi dei Vigili del Fuoco Volontari della Provincia, commendatore Sergio Cappelletti, dell ispettore del Distretto delle Giudicarie, Alberto Flaim, oggi nuovo presidente della Federazione subentrato proprio a Sergio Cappelletti. Il sindaco ha portato il benvenuto agli ospiti che hanno onorato l incontro e ha rivolto uno speciale apprezzamento ai pompieri sempre pronti a intervenire e obbligati ad operare in assenza di un idonea caserma, in condizioni di disagio rispetto agli altri pompieri trentini; ha confermato l impegno dell amministrazione comunale a sollecitare la Provincia ad intervenire con un idoneo contributo per far si che anche il Corpo di Fiavé sia dotato di una sede adeguata. Il comandante ha illustrato le attività svolte, che nel corso degli anni hanno visto un maggior impegno organizzativo del corpo, il nuovo progetto per gli anziani SOS over 70, le nuove proposte con l uso di rinnovate attrezzature, l affiatamento all interno del corpo stesso e la positiva collaborazione tra i Corpi delle Giudicarie Esteriori. I graditi ospiti, Sergio Cappelletti e Alberto Flaim, hanno parlato delle prospettive future, della necessità di competenze sempre più professionali, dell importanza di costruire condivisioni. La festa, conclusa con una cena, è stata l occasione per un attento e prezioso lavoro futuro a sostegno della comunità. I pompieri con gli assessori e il dr. Flaim e dr. Cappelletti 14

17 15 Val dei Cagni: finiti i lavori per la frana di Nicola Dalbosco* Nel mese di ottobre 2008 si sono conclusi i lavori eseguiti dal Servizio Bacini montani sull alveo del rio Carera, nei Comuni di Fiavé e Lomaso. L obiettivo primario della sistemazione è stato principalmente rivolto alla risoluzione delle problematiche scaturite dal crollo roccioso verificatosi verso la fine del novembre 2007 seicento metri circa sopra l abitato di Dasindo, poco a monte del confine tra i due Comuni amministrativi. Con l occasione è stato deciso di porre mano alla strada di accesso alla val dei Cagni allo scopo di renderla camionabile e di facile accesso per eventuali futuri interventi, essendo la medesima valle interessata da numerosi altri fenomeni di alterazione dei versanti in marna, che tuttavia hanno normalmente un decorso lento e non a carattere di crollo; inoltre sono stati eseguiti vari interventi di manutenzione dell alveo e delle opere di difesa idraulica sia a monte che a valle della frana ed è stata sistemata la strada di accesso da Stumiaga. La frana è stata inizialmente trattata con esplosivo in modo da poter asportare i blocchi più grossi che avevano occupato l alveo del Carera. Tuttavia i blocchi principali sono stati mantenuti intatti allo scopo di bloccare il piede del versante, e anzi parte del materiale della frana è stato utilizzato proprio per ricaricare il piede e renderlo più stabile, nonché per realizzare una piccola trincea che possa contenere piccoli eventuali crolli futuri; parte del materiale è stato invece allontanato. L alveo in corrispondenza della frana è stato rimodellato con soglie e scogliere in massi Sistemazione dell alveo in corrispondenza della frana Cascata in Val dei Cagni cementati in una posizione intermedia tra quella originaria e quella assunta a seguito dell evento. E stato deciso di non ritornare alla conformazione originaria proprio per non destabilizzare i massi più grossi distaccatisi, massi che sono in posizione di equilibrio e che possono contribuire a bloccare futuri fenomeni di instabilità. Il potenziamento della strada di accesso ha comportato la realizzazione di opere di sostegno sul lato di valle, consistenti nel primo tratto in una scogliera cementata e nel tratto successivo, a causa dell impossibilità di lavorare da sotto all interno di una particella privata, in una berlinese di micropali rivestita in massi. È stato inoltre necessario rifare parte del muro sul lato di monte, nei tratti in precario stato di conservazione o dove la strada presentava dei restringimenti. Su richiesta del Comune di Lomaso sono infine state posate le condotte per un nuovo ramale di acquedotto. *Servizio Bacini montani della P.A.T. di Trento

18 Comunità di Valle Il 9 maggio 2009 è nata la Comunità di Valle delle Giudicarie. Recentemente sono stati convalidati i 40 consiglieri appartenenti all assemblea della Comunità di Valle: il Comune di Fiavé è rappresentato dal consigliere e assessore comunale Angelo Parisi. La Giunta della Comunità di Valle è composta dal Presidente, Raffaele Armani, e dagli assessori Monica Mattevi per le Giudicarie Esteriori, Catia Amistadi per il Chiese, Bruno Simoni per la Busa di Tione e Franco Luconi Bisti per Pinzolo.... Il Comprensorio, istituito con L.P. N.7 del 12.9,1967, passerà così il testimone alla nuova Comunità delle Giudicarie, voluta dalla L.P , recante norme in materia di governo dell autonomia del Trentino. Tale legge ha fatto riemergere l antico concetto di comunità ed ha come obiettivo quello di raggiungere una sempre maggiore identificazione degli abitanti con le loro comunità di appartenenza. Per questa ragione le nuove Comunità sono strutturate in modo che siano gestite dai Comuni stessi in forma associata. Le nuove Comunità sono tuttavia Enti associativi più evoluti rispetto al Comprensorio, in quanto il trasferimento delle funzioni dalla Provincia ai Comuni e la loro gestione in forma associata da parte della Comunità ne rafforza l autonomia e la capacità di rispondere ai bisogni della popolazione locale rispetto al precedente impianto legislativo basato su rigide deleghe provinciali. La Provincia diviene quindi, nella fase matura dell Autonomia, un Ente di indirizzo e programmazione che demanda la gestione delle competenze ai soggetti locali più vicini al cittadino. Comuni e Comunità sono i principali interlocutori di questo cambiamento. La citazione è tratta dal libro pubblicato dal Comprensorio delle Giudicarie Statuti delle Giudicarie. Il testo è composto di tre parti: la prima è un sintetico profilo storico delle Giudicarie con riguardo soprattutto alle forme amministrative che il territorio ebbe nei secoli; la seconda ripubblica quattro studi dello storico giudicariese Giuseppe Papaleoni ( ) apparsi alla fine dell Ottocento; la terza pubblica lo statuto della Comunità di Valle delle Giudicarie, che regolerà nei prossimi anni ampi settori della nostra vita amministrativa. Chi è interessato può richiederne copia agli uffici comunali. Giovanni Battista Lenzi Ricordo di Giovanni Battista Lenzi e Rino Zandonai Anche la comunità di Fiavé vuole ricordare commossa, dalle pagine del proprio notiziario comunale, Giovanni Battista Lenzi e Rino Zandonai, deceduti recentemente nello schianto dell Airbus dell Air France che li riportava dal Brasile, dove erano stati in missione a sostegno dei nostri emigrati trentini. Rino Zandonai e Giovani Battista Lenzi, lo scorso anno, erano presenti alla Festa provinciale dell emigrazione che si è svolta proprio a Fiavé. Rino Zandonai 16

19 17 Un libro per l anno hoferiano Èiniziato sotto i migliori auspici l anno hoferiano Nove, il bicentenario della sollevazione del 1809 in tutto il Tirolo e la fucilazione mantovana di Andreas Hofer. E iniziato a Fiavé, al futuro Museo delle Palafitte, magnifico contenitore ancorché incompleto, di un evento atteso e sorprendente: oltre 400 persone affollavano il parco per assistere alla presentazione del libro di Graziano Riccadonna, Andreas Hofer trentino nel secondo centenario dell Anno nove, edito dalla Provincia Autonoma di Trento nell ambito del progetto hoferiano La storia incontra il futuro. Un segnale importante per la nostra autonomia ha esordito l assessore provinciale alla cultura, rapporti europei e cooperazione, Franco Panizza, nel salutare, visibilmente soddisfatto, l autentica folla di appassionati, curiosi, Schuetzen, amministratori, semplici cittadini che assiepavano le sale del museo palafitticolo. La gente non solo approva la politica di difesa autonomistica, ma chiede un maggior coraggio e determinazione sulla via della difesa dei nostri istituti. Il coraggio di voltare pagina, di iniziare a trattare il fenomeno dell unione delle terre tirolesi, dopo secoli di divisione e di separazione, questo l insegnamento che possiamo trarre dalla vita di Andreas Hofer, e in questo il libro di Graziano Riccadonna può aiutarci molto! gli ha fatto eco il direttore generale del Museo storico del Trentino, Giuseppe Ferrandi, nelle sue vesti di moderatore dell incontro-convegno sulla formazione del giovane Andreas. È toccato alla sindaco di Fiavé, Nicoletta Aloisi, introdurre la storica giornata hoferiana, la prima di una serie di manifestazioni che culmineranno la domenica 26 luglio con l intitolazione e la benedizione della piazza di Ballino allo stesso Andreas Hofer, primo caso di intitolazione toponomastica all eroe del Tirolo. Siamo lieti di ospitare questo importante incontro a Fiavé, nella rievocazione di un evento che è anche un segnale di convivenza, quello della formazione del giovane Hofer. Vorremmo che simili momenti si ripetessero anche in futuro, e da subito dichiariamo la nostra disponibilità. Ferrandi ha insistito sul momento storico che stiamo attraversando, il clima di dialogo di qua e di là delle Alpi, merito anche di questa iniziativa che intende varare i numerosi appuntamenti hoferiani. Lo stesso assessore Panizza ha spezzato più di una lancia a favore della difesa autonomistica mediata da studi come questo, popolari e da diffondere tra la popolazione: Noi lavoriamo per la cultura diffusa, non quella d èlite. E indubbiamente il messaggio di Hofer è un messaggio per tutta la popolazione: non si tratta di nostalgie, ma di realtà da riscoprire e valorizzare, con l aiuto di tutti. Perché tutta la popolazione è chiamata a difendere la propria identità. L autore, Graziano Riccadonna, Graziano Riccadonna presenta il libro su A. Hofer alla presenza dell ass. Panizza e del sindaco ha quindi ripercorso le motivazioni che lo hanno convinto del valore della sua scoperta avvenuta una ventina d anni fa, quella della formazione giovanile dell oste barbòn, come veniva chiamato familiarmente Andreas Hofer da queste parti. Nonostante i due secoli trascorsi, ancora oggi Hofer affascina per la vicenda in sé e per gli spunti che offre in merito all attualità. Nell epoca della globalizzazione sono molto attuali i 3 temi: tensione tra innovazione e tradizione, lotta del piccolo contro il grande, confronto tra diverse fedi. Interprete autentico dell Heimat, di animo profondamente religioso, ma anche squisitamente interetnico, Andreas Hofer incarna nella sua figura valori potenzialmente contradditori e che per di più possono portare a una mitizzazione della sua azione, grazie ai vari miti: ecologista e nazista ante litteram, legittimista e rivoluzionario, pangermanista e fautore delle piccole patrie. Tuttavia si esige un minimo di rispetto storico, come la formazione giovanile, che vede il giovane Andreas come garzone o faméi in osterie trentine a imparare il mestiere di oste e soprattutto l italiano. Occasione importante per lui e per il futuro lavoro di oste in Passiria, che ha l occasione in questo modo di imparare a cogliere i segnali della storia, ascoltando i discorsi dei viaggiatori e trattando con persone di ogni ceto e professione. È così che dopo una breve permanenza a Cles (dai Miller), per almeno 3 anni ( ) vive a Ballino come garzone o famèi nell osteria Armani-Zanini. Appunto al suo antico padrone, Marco Zanini, poi capitano di una compagnia di sizzeri, dedico la giornata. La manifestazione, con la presentazione della brava Nadalini, era allietata dal concerto Andreas Hofer e le musiche dei suoi tempi, un autentico brano di bravura applauditissimo di Sabrina Schneider (voce) di Ballino e Alexandra Selleri (arpa) di Fiavé, che ha ripercorso il mito hoferiano nel tempo. La degustazione dei prodotti tipici della Strada del Vino e dei Sapori ha fatto il resto, insieme con la mostra del Gruppo Ricerche e Studi Giudicariese sull immaginario hoferiano e l esposizione delle Scheiben di Jarka Prasek, Capella e Claudio Menapace.

20 Il Circolo Michael Gaismayr in assemblea a Fiavé La rivolta hoferiana nell Anno Nove, nel bicentenario del 1809, è stata la protagonista della 15^ assemblea generale annuale del Circolo Michael Gaismayr di Trento, tenutasi domenica 24 maggio 2009 presso il Museo delle Palafitte di Fiavé. La scelta di Fiavé era legata alla sollevazione hoferiana e alla formazione interetnica e interliguistica avuta da Andreas Hofer. La 15^ assemblea ha visto per acclamazione la riconferma alla carica di presidente di Stefano Frenez, oltre alla riconferma del direttivo uscente dallo scorso mandato. Presiedeva l assemblea il socio Paolo Toniolatti. Il sindaco di Fiavé, Nicoletta Aloisi, nel saluto augurale ha evidenziato l attenzione prioritaria del suo Comune per la promozione del territorio e dei suoi prodotti, nonché per le azioni di miglioramento ambientale, rientrando a pieno titolo nei Comuni che hanno ottenuto la registrazione EMAS per gli interventi concreti realizzati e programmati rivolti al risparmio energetico. Ha quindi invitato tutti alla cerimonia di intitolazione della piazza di Ballino ad Andreas Hofer, il prossimo 26 luglio. Il tema della rivolta hoferiana ha registrato due interventi: nel primo Graziano Riccadonna, autore di Andreas Hofer trentino, ha illustrato il suo studio biografico fondato sulla venuta di Hofer nella sua giovinezza in Trentino, a Cles Presentazione del programma musicale dedicato a Hofer e a Ballino, per imparare l italiano e il lavoro di oste e mercante di cavalli e vino. Quindi Osvaldo Tonina, autore con Silvio Girardi di Campane a martello, ha illustrato il suo studio relativo alla difesa territoriale nel Distretto di Vezzano, realizzato per espresso volere dei comuni della Valle dei Laghi nella consapevolezza di valorizzare il lavoro di ricerca sulla Compagnia Schützen di Vezzano: una ricerca volta a scandagliare le radici del territorio e le basi statutarie della comunità della Valle dei Laghi in un ottica di partecipazione democratica. Nel suo discorso programmatico di investitura, il presidente Stefano Frenez ha evidenziato gli scopi sociali del Circolo rivolti a promuovere l idealità dell Europa delle Regioni, l iniziativa politica per la creazione di una Regione Alpina Transnazionale Europea, la conoscenza della storia di questa Regione di frontiera al fine di fare emergere le peculiarità nascoste sotto decenni di mistificazioni e di dimenticanze. In quest ottica va l inaugurazione il prossimo 14 giugno, ad Innsbruck-Amras, del monumento ai tirolesi trentini caduti nelle fila dell esercito austro-ungarico nel corso della guerra mondiale , fortemente voluto, patrocinato e realizzato dal Circolo; il 21 giugno sarà invece la volta della Notte dei Fuochi del Sacro Cuore, mediante l installazione di un grande cuore luminoso sulla terrazza al centro congressi Panorama di Sardagna, proprio sopra Trento. Il pranzo sociale al ristorante Corona di Ballino, alla presenza dell assessore provinciale alla cultura Franco Panizza, che ha avuto parole di elogio per il Circolo e la sua benemerita azione a favore dell autonomia e della convivenza, è venuto a siglare un appuntamento riuscito e fecondo di messaggi e di incitamenti sulla via dell impegno sociale. La giornata fiavetana del circolo Gaismayr si è conclusa con una camminata con il sindaco Nicoletta Aloisi lungo il sentiero di visita del biotopo della Torbiera di Fiavé, accompagnati dalla guida incaricata dall A.P.T., Carmen Picciani, che ha illustrato i segreti del biotopo nonché le ultime scoperte in campo archeologico in merito all antico sito delle palafitte. 18

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli