RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO"

Transcript

1 GEOGRID LABORATORIO VIRTUALE BASATO SU UNA PIATTAFORMA DI CONDIVISIONE TELEMATICA PER IL KNOWLEDGE MANAGEMENT DEL TERRITORIO FINANZIATO NELL AMBITO DELL ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO (A.P.Q.) PER LA RICERCA TRA LA REGIONE SICILIANA, IL MINISTERO DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA (MIUR) ED IL MINISTERO DELL ECONOMIA E FINANZE DEL RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO

2 Indice 1. Premesse 4 1. Obiettivi, contenuti ed articolazioni delle attività di progetto 4 3. Attività svolte Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali (DIIAA) 7 Attività svolte 7 Misure idrodinamiche 7 Produzione di mappe della qualità delle acque a partire da dati telerilevati. 11 Risultati conseguiti e obiettivi raggiunti DEco 15 Introduzione 15 Obiettivi della ricerca 17 Attività svolte 18 Risultati conseguiti e obiettivi raggiunti Centro Interdipartimentale per lo Studio dell Ecologia degli Ambienti Costieri (CISAC) 39 Attività svolte 39 Risultati conseguiti e obiettivi raggiunti Dipartimento di Ingegneria Informatica (DINFO) 50 Attività svolte 50 Risultati conseguiti e obiettivi raggiunti 50 Attività 1: Architettura del sistema 52 Attività 2: Scelte progettuali 54 Attività 3-5: Studio delle caratteristiche delle varie piattaforme hardware WSN presenti nel mercato e selezione della piattaforma da utilizzare 56 Attività 6: Scelta del livello MAC idoneo al rispetto dei requisiti progettuali richiesti 60 Attività 7: Scelta dei sensori da utilizzare per il monitoraggio dei parametri di interesse 60 Attività 8: Progettazione del nodo sensore e relativa integrazione dei sensori 63 Attività 9: Progettazione dell opportuno package per la piattaforma scelta 65 Attività 10-11: Sviluppo componenti software e relativo testing tramite simulazione 65 Attività 12: progettazione del sistema di dispiegamento e raccoglimento automatizzato dei sensori wireless Dipartimento di Fisica e Tecnologia Relative (DIFTER) 83 Attività svolte 83 Distribuzione spazio-temporale della biomassa nel Canale di Sicilia 86 Modello Dinamico di Fitoplancton 93 Variazione della distribuzione della biomassa di fitoplancton (cellule/m^3) al crescere dell intensità di rumore 104 Modello a due specie per la distribuzione spaziale di sardine e acciughe 107 Modello Stocastico Dinamico di popolazioni con Rumore non Gaussiano Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione ed Ingegneria Gestionale (DTMPIG) 120 Attività svolte 120 Risultati conseguiti e obiettivi raggiunti Dipartimento di Matematica (DIPMATH) 125 Attività svolte 125 Un sistema di analisi per dati multi-spettrali applicato allo studio dell inquinamento marino da idrocarburi. 125

3 Un simulatore dedicato al processo di formazione delle nuvole in uno spazio 3D e loro proiezione come coppie stereo di immagini 2D 128 Un sistema di analisi dati per l individuazione automatica di biomassa marina da immagini echo Coremed Il contesto cronologico dello standard ISO Caratteristiche principali dello standard INSPIRE La direttiva Identificazione univoca degli oggetti territoriali Ingterscambio dei dati Sistemi di riferimento delle coordinate Cataloghi distribuiti Implementazione di un catalogo di metadati Progettazione del database dei metadati Creazione degli utenti del sistema con il Repository Manager Inserimento dei metdati raccolti con il MetadataManager Gestione dei metadati Gestione della banca dati Scheda di gestione serie Gestione dei dataset Gestione dei canali Grid Innovation Center Metadati e servizi standard Risultati conseguiti e obiettivi raggiunti SISPI 183 Notizie generali sul progetto 183 Notizie sull andamento del progetto TELESPAZIO 193 Gestione delle attività progettuali 193 Il GEODATABASE 196 Popolamento del GEODATABASE con dati e prodotti satellitari 222

4 1. Premesse Con contratto firmato in data 18 novembre 2005, è stata costituita l Associazione Temporanea di Scopo (ATS) tra l Università degli Studi di Palermo, la società SOFITER S.p.A., la società SISPI S.p.A., la società TELESPAZIO S.p.A. e la società CORE MEd S.r.l. per la realizzazione del progetto Geogrid Un laboratorio virtuale basato su una piattaforma di condivisione telematica per il Knowledge Management del territorio, specificatamente orientato al Distretto Tecnologico AgroBio e Pesca Ecocompatibile finanziato in ambito A.P.Q. Distretti Tecnologici, Regione Siciliana. In occasione di tale costituzione la società TELESPAZIO S.p.A. ha ceduto una quota delle proprie attività, pari al 6,79%, alla società SISPI S.p.A. La cessione ha comportato una variazione delle misure di partecipazione dei due enti al Progetto, lasciandolo inalterato nella sua globalità. Con atto integrativo, sottoscritto in data 11 luglio 2006, l ATS viene ricostituita a seguito della rinuncia alla partecipazione del progetto della società SOFITER S.p.A. Col medesimo atto integrativo la società SISPI S.p.A. si è assunta l impegno a realizzare le attività riservate alla SOFITER S.p.A., per una quota pari all 8%, incrementando pertanto la propria partecipazione dal 14,79 al 22,79%. Per effetto della variazione della compagine dell Associazione Temporanea di Scopo, si è presentata l esigenza di una riorganizzazione dei costi ammissibili del progetto e quindi di una successiva rimodulazione da parte dei soggetti proponenti. 1. Obiettivi, contenuti ed articolazioni delle attività di progetto Le attività preliminari concernenti il progetto GEOGRID: laboratorio virtuale basato su una piattaforma di condivisione telematica per il Knowledge Management del territorio, specificatamente orientato al Distretto Tecnologico AgroBio e Pesca GEOGRID pag. 4/263

5 Ecocompatibile, hanno riguardato la definizione delle procedure operative da adottare per il miglior raggiungimento dei risultati di progetto, attraverso la stesura di una preliminare pista di controllo amministrativo, che potesse essere condivisa fra i partner. Si è quindi ricontrollata la struttura del progetto, verificando anche l aggiornamento delle attrezzature da acquisire, in relazione al tempo intercorso fra il momento della presentazione del progetto, e l entrata in attività a seguito della firma degli atti necessari. In particolare si è avuto modo di confermare le linee generali dell intervento, e delle principali apparecchiature previste, rimandando le varianti che si renderanno necessarie alle rimodulazioni che potranno essere approvate dal Comitato Tecnico Scientifico e dal Comitato di Gestione, ovvero a quelle di competenza degli organismi regionali. In particolare le linee generali del progetto sono confermate come segue: realizzazione di una piattaforma tecnologica di condivisione della conoscenza e per la gestione del territorio, denominata il Grid Innovation Center, basata sulle tecnologie offerte dal paradigma del GRID Computing, che serve da supporto alle applicazioni prototipali, da polo di integrazione fra i partecipanti al progetto e gli utenti e consente la sperimentazione di un modello innovativo di erogazione di servizi ICT, a supporto del Distretto Tecnologico a livello regionale. Due applicazioni verticali riguardano la produzione prototipale di componenti funzionali hardware e software nell ambito del telerilevamento, dell agrometeorologia e della caratterizzazione bioambientale dei suoli e delle acque con particolare riguardo alla gestione ecocompatibile e alla sostenibilità ambientale. In questo contesto, si è inoltre sperimentato un innovativo sistema di acquisizione dati ambientali basato su sensori miniaturizzati che consentano, anche in tempo reale, di attuare un significativo monitoraggio dell ambiente marino e di quello terrestre. Avere dunque GEOGRID pag. 5/263

6 la possibilità di integrare, all interno dell architettura Geogrid, una banca dati ambientali di tipo distribuito, attraverso una rete di sensori a basso costo, è la cerniera fra le applicazioni verticali, i dati georeferenziati e i modelli complessi che consentono di affrontare lo studio delle dinamiche ambientali. 3. Attività svolte 3.1. Università degli Studi di Palermo GEOGRID pag. 6/263

7 Allegato Dipartimento di Ingegneria Idraulica (DIIAA) Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali (DIIAA) Le attività svolte dal DIIAA nell ambito del progetto GEOGRID hanno riguardato la realizzazione di campagne di misura correntometriche e di qualità delle acque nel golfo di Castellammare. Tali misure si sono rivelate indispensabili per la calibrazione dei modelli di circolazione delle acque e per la produzione di mappe della qualità delle acque a partire da dati telerilevati. I dati suddetti sono stati sistematizzati su una piattaforma WEB-GIS che ospiterà le misure e i dati che saranno rilevati nel prossimo futuro. Attività svolte Misure idrodinamiche Per le misure idrodinamiche si sono posizionati sul fondale tre misuratori di velocità basati sull effetto Doppler. Ciascuno di essi, rivolto verso la superficie libera del mare, ha effettuato la misura della velocità in un certo numero di strati. Poiché la tecnica di misura va in crisi sia in vicinanza del fondo, sia subito al di sotto della superficie libera del mare, non si sono rilevate le velocità per uno spessore di circa un metro in prossimità del fondo marino e per circa 5 m in prossimità della superficie libera. L ubicazione dei tre strumenti è avvenuta tenendo conto del fatto che il campo idrodinamico al di sopra degli strumenti non risentisse della presenza delle gabbie dell Ittica Trappeto (fig. 1), al fine di rilevare l ordinario regime delle correnti nell area. pag. 7/263

8 Allegato Dipartimento di Ingegneria Idraulica (DIIAA) ittico. Fig. 1 - Disposizione strumenti di misura e gabbie allevamento I tre strumenti collocati sono l Aquadopp Profiler (fig. 2a) prodotto dalla norvegese Nortek, l Adp prodotto dalla statunitense Sontek (fig. 2b)e il Monitor ADCP della RD Instruments. pag. 8/263

9 Allegato Dipartimento di Ingegneria Idraulica (DIIAA) Fig. 2 - a) Aquadopp Profiler della Nortek, b) Adp della Sontek. Tutti e tre rilevano il profilo di velocità lungo la verticale e il livello idrico sovrastante, dal quale si può notare l andamento delle maree. Inoltre, l ADCP della RDI è anche un ondametro, cioè consente di fare delle misure ondametriche, ovvero fornisce le altezze del moto ondoso e le loro direzioni di provenienza. La collocazione degli strumenti ha inizialmente previsto la disposizione sul fondale, mediante sommozzatori e barca di appoggio, di tre blocchi di ancoraggio in calcestruzzo, sui quali successivamente sono stati fissati gli strumenti. Per i primi due strumenti è prevista l alimentazione elettrica con batteria. Pertanto, periodicamente essi vengono portati in superficie, dai sommozzatori, per scaricare i dati acquisiti e per sostituire, eventualmente, le batterie. Invece, per l ondametro è stato fissato, lungo una fune di ancoraggio di una gabbia, un particolare cavo che consente l alimentazione elettrica e la gestione via software dello strumento sul fondo. Quindi, questo strumento rimanendo sul fondo può essere alimentato mediante un pannello fotovoltaico e si possono scaricare i dati senza l ausilio di sommozzatori. Per mostrare alcuni dei dati acquisiti durante le campagne di indagine cominciamo dalla misura del livello idrico. Le escursioni della pag. 9/263

10 Allegato Dipartimento di Ingegneria Idraulica (DIIAA) superficie libera mostrano il ben noto andamento ciclico delle maree (fig. 3), che si inverte all incirca ogni 6 ore h (m) /05/ /05/ /05/ /05/ /05/ Fig. 3 Andamento mareale rilevato con l Aquadopp della Nortek. I vettori velocità, secondo le due componenti orizzontali Vx,Vy sono mostrati in fig. 4. In essa si vede che tali vettori hanno modulo variabile fra pochi cm/s, e cm/s in alcune situazioni. I valori mostrati si riferiscono a tre diverse profondità h a partire dalla superficie libera del mare. I valori più piccoli, fra quelli mostrati, sono quelli più vicini al fondale (h=25.80, z=3m dal fondo). 1 m/s z=23 m h=5.80 m /05/08 09/05/08 10/05/08 11/05/08 12/05/08 13/05/08 14/05/08 15/05/08 z=19 m h=9.80 m z=3 m h=25.80 m Fig. 4 Velocità orizzontale al variare della profondità. Dalla disposizione dei vettori si evince che esiste una direzione prevalente della corrente, infatti se disponiamo la direzione e il verso pag. 10/263

11 Allegato Dipartimento di Ingegneria Idraulica (DIIAA) dei vettori velocità in un diagramma polare, si vede che, al variare della profondità h dalla superficie del mare, tale direzione prevalente è quella parallela la linea di costa. Ovvero, le correnti generalmente si spostano verso nord-est, oppure si dispongono verso sud-ovest (fig. 5). h=6.90 m h=18.90 m h=34.90 m Fig. 5 Diagramma polare delle velocità alle diverse profondità. I dati raccolti e quelli che saranno acquisiti nel prossimo futuro saranno utili per la validazione dei modelli numerici di circolazione che sono stati messi a punto nell ambito di questo progetto e del progetto LARA. Produzione di mappe della qualità delle acque a partire da dati telerilevati. Le procedure per la determinazione della distribuzione della clorofilla-a, dei solidi sospesi, della torbidità e della temperatura superficiale nel Golfo di Castellammare sono tratte da letteratura mentre i parametri di calibrazione dei modelli sono ottenuti mediante apposite campagne di misura. I dati in situ sono stati raggruppati per siti formando dataset da 23 misure, e lasciati suddivisi per campagna di misura (3 campagne di misure). I dati misurati in situ ed ottenuti dalle equazioni calibrate per i tre periodi di campionamento sono stati disposti su un diagramma cartesiano, quindi è stato utilizzando il metodo dei minimi quadrati pag. 11/263

12 Allegato Dipartimento di Ingegneria Idraulica (DIIAA) per calcolare l equazione della retta che mediamente descrive il legame tra i dati. Nel caso specifico è necessario avere una correlazione elevata e un coefficiente angolare prossimo al valore unitario. La calibrazione è stata effettuata mediante la funzione Risolutore di MS Excel facendo variare i parametri di calibrazione delle leggi allo scopo di massimizzare il grado di correlazione e nel contempo approssimando la pendenza della retta al valore unitario. Il grado di correlazione è stato valutato tramite il coefficiente di correlazione di Pearson (r) che rappresenta una statistica appropriata quando le osservazioni sono su scala continua. Infatti una correlazione forte può essere statisticamente non significativa, sebbene campioni tanto più numerosi forniscano in genere migliori stime e siano statisticamente significativi. Gli algoritmi per la determinazione della concentrazione di clorofillaa, Torpidità, Solidi sospesi totali (TSS) e della temperatura superficiale, sono stati applicati per tutto il periodo di indagine. Nelle figure seguenti si riportano, a titolo di esempio. le distribuzioni spaziali delle grandezze suddette relativamente ai mesi di Luglio, Agosto e Settembre pag. 12/263

13 Allegato Dipartimento di Ingegneria Idraulica (DIIAA) pag. 13/263

14 Allegato Dipartimento di Ingegneria Idraulica (DIIAA) Fig. xx Distribuzione spaziale delle grandezze indicatrici della qualità delle acque per i mesi di Luglio, Agosto e Settembre Risultati conseguiti e obiettivi raggiunti In sintesi le attività condotte dal DIIAA nel progetto GEOGRID hanno permesso di raggiungere i seguenti obiettivi realizzativi: 1. messa a punto di un sistema di acquisizione di dati correntometrici in continuo; 2. messa a punto di un sistema per la mappatura della qualità delle acque marino-costiere mediante telerilevamento e misure in campo; 3. produzione di una piattaforma WEB-GIS per la sistematizzazione dei dati suddetti. pag. 14/263

15 Allegato Dipartimento di Ecologia (DEco) DEco Nell ambito del progetto GEOGRID, il DEco si è occupato dell acquisizione di una serie di dati abiotici e biotici funzionali al controllo dei livelli di reclutamento di specie ittiche bersaglio e della capacità portante di aree di nursery costiere. È stato messo a punto un osservatorio permanente che attraverso indagini previsionali possa fornire utili indicazioni su azioni gestionali possibili per il mantenimento di un livello di sfruttamento sostenibile. Sono state realizzate analisi delle caratteristiche ambientali e trofiche delle aree ove avviene il reclutamento, analisi della disponibilità alimentare per giovanili di specie ittiche, analisi sui livelli di reclutamento delle specie ittiche e i dati ottenuti sono stati integrati con informazioni pregresse per la caratterizzazione delle aree di nursery di specie ittiche importanti dal punto di vista commerciale. Il deliverable del progetto che si riporta nella presente relazione riguarda la formazione di una banca dati per un osservatorio permanente sull entità dei reclutamenti e la definizione di linee guida per una corretta gestione da parte degli Enti pubblici competenti delle risorse costiere pescabili. Introduzione Con il termine pesce novello si intende raggruppare gli stadi giovanili di specie ittiche pregiate che in fase post-larvale si avvicinano alle coste, rimontano le foci dei corsi d acqua e penetrano nelle aree lagunari, per trovarvi riparo e pabulum alimentare (Rossi, 1986). La montata di novellame di specie ittiche eurialine ed in particolare le attività di pesca indirizzate alla vendita degli avannotti ad impianti di allevamento ha da sempre interessato operatori appartenenti alle marinerie del nord e centro Italia (De Angelis, 1967; Gandolfi e Torricelli, 1978; Cau et al., 1982) che attraverso il reclutamento naturale hanno contribuito in maniera determinante alla gestione degli ambienti vallivi, soprattutto del Veneto (Gandolfi et al., 1981; Rossi 1981; 1986). pag. 15/263

16 Allegato Dipartimento di Ecologia (DEco) I pescanovellanti di professione si sono da sempre spostati lungo le coste per catturare, nei periodi stagionali favorevoli, i piccoli di spigola, orata, mugilidi, giovanili di anguilla, e trasportarli mediante automezzi attrezzati nelle peschiere (Franzoi e Trisolini, 1991). Fino a circa venti anni or sono questa pratica di pesca coinvolgeva un buon numero di addetti e metteva in moto un indotto non indifferente (Franzoi e Rossi, 1992). L acquacoltura non aveva ancora messo a punto il sistema di riproduzione controllata di spigola e di orata, il novellame artificiale era limitato e non di buona qualità (Arcarese e Ghion, 1984). Negli anni successivi la richiesta di avannotti naturali è andata sempre più scemando a causa dei progressi della riproduzione nelle avannotterie (Mazzola e Rallo, 1981; Faranda et al., 1985) e la disponibilità del novellame in mare ha subito delle fluttuazioni annuali che hanno reso incostanti le forniture e il prodotto non più competitivo. A partire dagli anni 80, a fronte di una limitazione dell offerta (pochi addetti), si è assistito ad un nuovo incremento della domanda per novellame naturale da utilizzare nel recupero di ambienti lagunari attraverso progetti di gestione integrata (Ghion e Guidastri, 1984; Ravagnan, 1992). In molte valli inoltre si è preferito effettuare semine di mugilidi, anche in policoltura (Bardach et al., 1972; Ravagnan, 1980) al posto della spigola, per i noti problemi commerciali che quest ultima specie ha accusato, ma anche per diversificare le produzioni. D altra parte per i mugilidi, ancora oggi non sono state messe a punto procedure standard di riproduzione artificiale, poiché ritenute antieconomiche; viene con ciò sottovalutato il dato oggettivo che vede un alto consumo di questa specie nelle zone dell Italia settentrionale e l esatto contrario nelle regioni meridionali in cui la richiesta è minima pur trattandosi di un tipo di pesca potenzialmente abbondante, senza dimenticare che i mugilidi sono sempre più utilizzati in acquicoltura integrata ed in zone degli impianti di piscicoltura destinati al recupero delle acque reflue. L attività di pesca del novellame per scopi di acquacoltura non è mai stata praticata in Sicilia da addetti appartenenti alle marinerie dell Isola; il mestiere di novellante, infatti, non è mai stato incluso tra le tante specializzazioni esistenti nella pesca artigianale costiera pag. 16/263

17 Allegato Dipartimento di Ecologia (DEco) siciliana (Mazzola, 1988). Esistono solo delle eccezioni tra i salinari trapanesi che fino alla fine degli anni 80 praticavano una pesca stagionale ai giovanili di sparidi (orate, saraghi) e spigole e cefali da destinare alla semina nelle vasche fredde delle saline (Mazzola, 1986). La mancanza comunque di pescatori di mestiere per il pesce novello in Sicilia è stata sempre ampiamente compensata, infatti le coste siciliane sono state meta ambita per i novellanti dell alto Adriatico e dei toscani, che con i loro automezzi attrezzati percorrevano le strade dell Isola in primavera ed in autunno. Nel 1988 la Regione siciliana ha deciso di non rilasciare più autorizzazioni al prelievo di pesce novello e di fatto ne proibì anche il trasporto. Infatti con decreto Regionale del è stato vietato l uso di attrezzi da pesca quale la sciabica per novellame o altri attrezzi radenti simili. Obiettivi della ricerca Il presente progetto di ricerca si rivolge alla valutazione della risorsa di pesce novello pescabile lungo le coste siciliane, al fine di mettere a punto un osservatorio permanente che possa fornire utili indicazioni su azioni gestionali possibili per il mantenimento di un livello di sfruttamento sostenibile di giovanili di specie ittiche di interesse per la pesca e l'acquacoltura nazionale. Approfondimenti circa l entità della risorsa novello in Sicilia, risultano importanti per la valutazione delle potenzialità delle catture. In particolare i mugilidi includono specie ittiche importanti e strategiche per la diversificazione dell acquacoltura mediterranea. Studi precedenti (Mazzola, 1988; Mazzola et al., 1990; 1991; Lo Piano et al., 1992; Mazzola, 1994; Mazzola et al., 1993) hanno individuato proprio nei mugilidi la risorsa più abbondante, e quindi di maggiore potenzialità per l acquacoltura. In particolare, nel corso del progetto sono state analizzate due aree di concentrazione di novellame di mugilidi, localizzate lungo la fascia costiera siciliana. Il principale obiettivo è consistito nell effettuare una valutazione della risorsa tenendo conto delle caratteristiche ambientali e trofiche e della disponibilità alimentare, pag. 17/263

18 Allegato Dipartimento di Ecologia (DEco) attraverso la stima, in particolare, delle presenze di mugilidi, al fine di stabilire la potenzialità di prelievo della risorsa stessa e acquisire dati quantitativi e basi conoscitive che possano supportare adeguate misure gestionali e normative finalizzate alla salvaguardia degli stock naturali di novellame, alla gestione razionale della risorsa e alla tutela delle aree di nursery costiere. Lo scopo finale della presente ricerca ha riguardato la messa a punto di un osservatorio sulla pesca del novellame e la individuazione di linee guida per una corretta gestione da parte degli Enti pubblici competenti delle risorse costiere pescabili. Attività svolte Durante la prima fase del progetto sono stati definiti i protocolli operativi necessari allo svolgimento della ricerca, è stata raccolta la documentazione e le informazioni utili all esecuzione delle sperimentazioni. Inoltre sono state scelte le zone in cui effettuare i prelievi e le campagne di pesca, definiti i piani di campionamento (periodicità dei prelievi e scelta delle stazioni di prelievo), sono stati effettuati, inoltre, diversi survey preliminari sul campo. La scelta delle stazioni di prelievo è stata effettuata tenendo conto delle conoscenze sulle aree di concentrazione di giovanili delle specie ittiche, ottenute con ricerche svolte negli anni precedenti. Successivamente (Gennaio-Dicembre 2007) sono stati effettuati i campionamenti della fauna ittica su base mensile e rilevati i parametri ambientali e trofici delle zone di pesca. Durante tale fase della ricerca sono stati verificati i cicli stagionali di rimonta delle diverse specie di mugilidi. La scelta dei siti di campionamento, un area delimitata dalle barriere frangiflutti all interno del Golfo di Termini Imerese (Figura 1) e il porto di Castellammare del Golfo (Figura 2), è dovuta all esistenza di una serie storica di dati riguardanti i periodi di rimonta e le abbondanze di giovanili di varie specie ittiche, che trovano in tali aree riparo e risorse alimentari (Mazzola, 1988; Mazzola et al., 1990; 1991; Lo Piano et al., 1992; Mazzola, 1994; Mazzola et al., 1993). pag. 18/263

19 Allegato Dipartimento di Ecologia (DEco) Figura 1 - Stazione di campionamento di Termini Imerese. Figura 2 - Stazione di campionamento: area portuale di Castellammare del Golfo. Golfo di Termini Imerese Il Golfo di Termini Imerese è delimitato ad ovest da Capo Zafferano ed a est da Capo Cefalù, con uno sviluppo costiero di circa 40 Km. Nella sua parte mediana risiede il centro abitato. La parte centrale del Golfo è caratterizzata da una lunga spiaggia di origine alluvionale. In questa zona sfociano i due principali corsi d acqua, il pag. 19/263

20 Allegato Dipartimento di Ecologia (DEco) fiume Torto ed il fiume Imera che alimentano la spiaggia con un massiccio apporto terrigeno che caratterizza la natura dei fondali determinandone le facies sedimentarie. Nella zona antistante alla spiaggia, lungo la fascia costiera ad ovest e ad est del centro abitato di Termini Imerese, sono presenti delle barriere rocciose artificiali a protezione della costa, al cui interno si insediano popolamenti vegetali dominati da Cymodocea nodosa, Caulerpa prolifera e Zostera noltii. I venti dominanti nel Golfo durante la stagione invernale sono quelli appartenenti al III e IV quadrante che provocano condizioni di mare agitato e molto agitato compreso tra 5 e 7 della scala Beaufort. Nelle altre stagioni i venti sono invece provenienti dal I e II quadrante ed hanno minore intensità. Il porto di Castellammare del Golfo Il porto di Castellammare del Golfo, posto tra l arenile di Alcamo Marina e le falesie rocciose che si sviluppano verso San Vito Lo Capo, ha delle caratteristiche peculiari poco confrontabili con i classici ambienti portuali. Infatti a causa dell elevato idrodinamismo ed agli scambi con l esterno gode di buone condizioni idrologiche che ne caratterizzano le biocenosi. Un fattore efficace di pulizia sono le correnti che si generano da Est-Sud/Est. I venti, spirando in prevalenza dal IV quadrante nella stagione invernale spingono le acque contro la costa e generano correnti centrifughe che causano erosione nei settore di traversia e deposito nei settori rimossati. In estate, i venti spirano in prevalenza dal II e III quadrante: tale regime di vento dà origine a correnti di deriva vero il largo e mette in moto controcorrenti dal fondo. Tutto ciò ha conseguenze positive sulla qualità delle acque. Attività di campo e di laboratorio I campionamenti sono stati effettuati, con cadenza mensile, dal mese di Gennaio a Dicembre 2007, all interno del porto di pag. 20/263

21 Allegato Dipartimento di Ecologia (DEco) Castellammare (lungo la spiaggia) e a circa un chilometro ad Est del porto di Termini Imerese, all interno di una serie di conche dal fondale sabbioso, di 1500 m 2 circa di superficie, comunicanti con l esterno tramite un apertura di circa 20 m situata tra due barriere frangiflutti che delimitano la superficie stessa della conca. In particolare a Termini Imerese i prelievi sono stati effettuati in una conca al cui interno sono presenti tre masse rocciose emergenti. Durante ogni campionamento oltre le pescate, sono stati contemporaneamente rilevati in situ salinità e temperatura delle acque, tramite sonda multiparametrica e sono state valutate le caratteristiche trofiche. Per i campionamenti è stata utilizzata una tratta di 2.5 m di lunghezza e 1.2 m di altezza che viene manovrata a mano grazie a due aste poste alle estremità. Questo attrezzo è risultato particolarmente efficace sia operando in condizioni di acqua torbida, sia pescando con avvistamento preventivo del banco. Al fine di acquisire valutazioni quantitative omogenee e confrontabili tra loro sono state effettuate pressioni di prelievo identiche in tutte le stazioni e nei vari mesi (quattro trattinate per stazione) e di uguale identità. Gli animali pescati sono stati preventivamente separati in modo da restituire la libertà alle specie non appartenenti alla famiglia dei mugilidi. Questi ultimi sono stati raccolti in contenitori di polietilene e dopo anestesia in cloroformio, sono stati fissati in formalina al 10% tamponata con tetraborato di sodio. In laboratorio i campioni sono stati determinati tassonomicamente (utilizzando il metodo della conta e della forma dei ciechi pilorici), quando necessario sub-campionati e sottoposti alle classiche indagini biometriche (misura in lunghezza standard e peso). Risultati conseguiti e obiettivi raggiunti Durante il censimento nelle due stazioni campionate sono state catturate 3 specie di mugilidi per un totale di 1715 individui (Tabella 1). Tra queste la specie più abbondante è risultata Liza ramado con 1092 esemplari catturati che rappresentano il 63.67% delle catture totali (Tabella 2). Altra specie con catture abbondanti è risultata L. pag. 21/263

22 Allegato Dipartimento di Ecologia (DEco) aurata (620 individui, 36.15% delle catture), trascurabili invece le catture di L. saliens (0.17%) (Tabelle 1 e 2). La stazione che ha fatto registrare il numero maggiore di esemplari catturati è stata quella di Castellammare con 1119 individui corrispondenti al 62.25% del totale catturato durante l intero periodo di campionamento (Tabella 2). Tabella 1 - Catture totali nelle stazioni campionate. Specie Termini I. Cast.mare Tot Liza aurata Liza ramada Liza saliens Tot Tabella 2 - Catture percentuali nelle stazioni campionate. Specie Termini I. Cast.mare % Liza aurata Liza ramada Liza saliens % Stazione di Termini Imerese Durante la campagna di pesca sono stati catturati 596 esemplari ascrivibili a tre specie (L. aurata, L. ramado e L. saliens) (Tabella 1). Nel mese di marzo sono stati catturati giovanili di L. aurata di taglia minore (107 esemplari di L.s ±2.19 mm), mentre la taglia maggiore è stata registrata per gli esemplari catturati nel mese di Ottobre (L.s ±1.12 mm) (Tabella 3). L. ramado è risultata, durante il periodo di campionamento, la specie maggiormente catturata (368 individui) ed, in particolare, la taglia minore è stata riscontrata nel mese di Febbraio (L.s ±2.72 mm), mentre la taglia maggiore in Giugno (L.s ±4.73 mm). Nel mese di Dicembre sono stati catturati 148 esemplari di L.s ±2.46 (Tabella 3). Poco chiara risulta la dinamica stagionale di L. saliens catturata solo nel mese di Ottobre (3 esemplari, L.s ±3.46 mm) (Tabella 3). pag. 22/263

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

IL PROGETTO DREPANCOAST

IL PROGETTO DREPANCOAST IL PROGETTO DREPANCOAST La Provincia Regionale di Trapani, nell ambito di un progetto POR, ha affidato al Gruppo Gifaco dell Istituto per l Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

La salute del Mare Nostrum

La salute del Mare Nostrum La salute del Mare Nostrum Romualdo Gianoli Contaminazione delle acque, inquinamento, degradazione degli habitat, coste sacrificate a una urbanizzazione massiccia e costante. Sono i problemi che oggi vive

Dettagli

Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007

Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007 TRIESTE 11 Ottobre 2007 TAVOLO TECNICO-SCIENTIFICO Osservatorio Alto Adriatico Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007 Sintesi dei contributi di: Istituto CIM Rudjer Boškovi, Rovinj Croazia; Istituto

Dettagli

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Rosella Bertolotto (ARPAL) Andrea Pedroncini (DHI Italia) Torino,

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera Progetto definitivo-esecutivo delle opere marittime Protezione

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW FOCE TORRENTE ALBULA DAVANTI FOSSO

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. del Decreto Legislativo aprile 6, n ) Tratto di costa n. 4 Da

Dettagli

Appendice 18. Impatto paesaggistico delle strutture offshore

Appendice 18. Impatto paesaggistico delle strutture offshore Pagina 1 di 16 Impatto paesaggistico delle strutture offshore Pagina 2 di 16 Pagina 3 di 16 INDICE 1 CONSIDERAZIONI GENERALI 5 2 ANALISI DELLA VISIBILITÀ DELL OPERA 6 2.1 DETERMINAZIONE DELLA MASSIMA DISTANZA

Dettagli

Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: dinamica dei litorali.

Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: dinamica dei litorali. P.O. Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: Centro transfrontaliero per lo studio della Dr. Fabrizio Ferraro Direttore di Progetto

Dettagli

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I Bacino del fiume Tagliamento I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE ACQUE SOTTERRANEE E

Dettagli

COMUNE DI MONDOLFO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI MONDOLFO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI MONDOLFO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW VIALE COLOMBO N. 10 VIALE COLOMBO N. 45 VIALE

Dettagli

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Srl Headquarters: Lungo Po Antonelli 21 10153, Torino P.IVA: 10189620015 Telefono: (+39) 011.81.28.684 Fax: (+39) 011.81.27.528 Web: www.envicons.com

Dettagli

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio.

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. Per una migliore caratterizzazione del bacino idrologico dell area di studio, sono state acquisite

Dettagli

ALLEGATO D ANALISI STATISTICA DEI DATI METEOROLOGICI

ALLEGATO D ANALISI STATISTICA DEI DATI METEOROLOGICI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE U.O. Tutela dell aria ed agenti fisici PIANO PROVINCIALE DI TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA ALLEGATO D ANALISI STATISTICA

Dettagli

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Realizzato per Regione Liguria da Osservatorio Ligure Pesca

Dettagli

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE SIMULARE CONVIENE! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo.

4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo. 4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo. 4.3.1 Impianto di depurazione. In questa sezione vengono descritte la localizzazione, la configurazione ed il funzionamento del depuratore biologico in studio

Dettagli

ANALISI E MODELLAZIONE DI CARATTERISTICHE BIOGEOCHIMICHE ED ECOLOGICHE IN ACQUE COSTIERE DEL NORD ADRIATICO

ANALISI E MODELLAZIONE DI CARATTERISTICHE BIOGEOCHIMICHE ED ECOLOGICHE IN ACQUE COSTIERE DEL NORD ADRIATICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede Amministrativa del Dottorato di Ricerca XIX ciclo del Dottorato di Ricerca in Metodologie di Biomonitoraggio dell'alterazione Ambientale ANALISI E MODELLAZIONE DI

Dettagli

GENERALITA SULL ACQUACOLTURA

GENERALITA SULL ACQUACOLTURA GENERALITA SULL ACQUACOLTURA L acquacoltura è una zootecnia specializzata in organismi che sono legati all acqua per svolgere il loro ciclo vitale, sia per un breve periodo che per tutta la loro vita.

Dettagli

Eleonora Agostini, Alessandro Manetti

Eleonora Agostini, Alessandro Manetti La Cooperazione al cuore del Mediterraneo La Coopération au coeur de la Méditerranée Sistema integrato per il monitoraggio e il controllo dell ambiente marino Schedario procedure e tecnologie di monitoraggio

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA. Piano Regolatore Portuale 2007 del Porto di Ravenna. Valutazione Ambientale Strategica

AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA. Piano Regolatore Portuale 2007 del Porto di Ravenna. Valutazione Ambientale Strategica ALLEGATO A1 AUTORITA' PORTUALE 2007 del Porto di Ravenna Valutazione Ambientale Strategica Dichiarazione di sintesi (ai sensi della lettera b, comma 1, Art. 17, Dlgs 152/06) novembre 2009. INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati Acquacoltura in sistemi aperti: le gabbie galleggianti TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 REPUBBLICA Mod. ISTAT DEP SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 Codici dell impianto di depurazione

Dettagli

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO La realizzazione di interventi per la fitodepurazione delle acque

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE 8.2 Cost of degradation 8.2.1 INFORMAZIONE UTILIZZATA Fonti di informazione I datasets su cui sono state effettuate le successive elaborazioni sono stati forniti da:

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Villetta monofamiliare Via Roma - Milano (MI) Edilclima srl MILANO Rif.

Dettagli

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello 6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello Le derivazioni dai fiume Adige e dai suoi principali affluenti rappresentano, nel bilancio idrico superficiale di bacino, il principale

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento roma 23 giugno 2009 i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento Chiara Fornasari riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

mariella.obinu@provincia.or.it 1.giugno.1979 al 1.ottobre.1986 PROVINCIA DI ORISTANO LABORATORIO DI IGIENE E PROFILASSI - VIA DIAZ- Oristano

mariella.obinu@provincia.or.it 1.giugno.1979 al 1.ottobre.1986 PROVINCIA DI ORISTANO LABORATORIO DI IGIENE E PROFILASSI - VIA DIAZ- Oristano C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome MARIA OBINU Via Don Bosco n.3 Oristano Telefono Ufficio 0783 314404 3293609327 Fax Ufficio 0783 314443 E-mail istituzionale Cittadinanza

Dettagli

Titolo: Il clima meteo-marino del bacino adriatico nel settore emiliano romagnolo

Titolo: Il clima meteo-marino del bacino adriatico nel settore emiliano romagnolo Titolo: Il clima meteo-marino del bacino adriatico nel settore emiliano romagnolo Anno di pubblicazione 2011 Rivista/Archivio Relazione di attività SGSS Autori documento Marco Deserti, Luisa Perini, Samantha

Dettagli

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA Ing. Franco Moritto DIRETTORE DELL AREA TECNICA AGRARIA II CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA II CONSORZIO DI BONIFICA

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in:

DISCIPLINARE TECNICO. Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in: REGIONE SICILIANA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE PALERMO DISCIPLINARE TECNICO Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in:

Dettagli

L intervento all Insula del Ghetto è

L intervento all Insula del Ghetto è Te c n o l o g i e tradizionali e nuove a cura della Ing. E. Mantovani S.p.A. L intervento all Insula del Ghetto è stato eseguito dall Impresa di Costruzioni Ing. E. Mantovani S.p.A.; parte dei lavori

Dettagli

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Presentazione Il capitolo riprende in modo organico gli aspetti metodologici e procedurali affrontati nel corso del lavoro con l obiettivo di definire

Dettagli

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po Progetto WARBO Water Re-born Artificial recharge Innovative technologies for the Sustainable Management of Water Resources Copparo, 31 gennaio 2012 La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità

Dettagli

PARTE II PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC

PARTE II PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC 137 PARTE II PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC VALENZA TRASNAZIONALE DEL MODELLO DI GOVERNANCE DELLE RISORSE IDRICHE NELL AMBITO DELL ADP TRA LE REGIONI BASILICATA, PUGLIA E LO STATO 139 PROGETTO MEDDMAN - MEDOCC:

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

COMUNE DI NUMANA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI NUMANA. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI NUMANA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW HOTEL FIOR DI MARE NUMANA BASSA NORD "NUMANA PALACE"

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Agrocllimatollogia e viticolltura Studi di vocazionallità territorialle e zonazioni dii Anttoniino Drrago Assessorato Agriicolltura e Foreste Regiione Siiciilliiana

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

Ampliamento molo Direzione Marina e Ristrutturazione imboccatura del porto turistico di Porto Rotondo

Ampliamento molo Direzione Marina e Ristrutturazione imboccatura del porto turistico di Porto Rotondo Ampliamento molo Direzione Marina e Ristrutturazione imboccatura del porto turistico di Porto Rotondo STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE ELABORATO N 2 SINTESI NON TECNICA COMMITTENTE MARINA DI PORTOROTONDO S.r.l.

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI Sergio Papiri Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Allegato D Schede di dettaglio fabbisogni. Scheda A

Allegato D Schede di dettaglio fabbisogni. Scheda A Allegato D Schede di dettaglio fabbisogni Scheda A Sfida sociale: Città e Territori sostenibili (DGR 477 del 17/03/2014), scheda di descrizione fabbisogno Il fabbisogno di innovazione Piattaforme di Adaptive

Dettagli

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto 15 gennaio 2013, c/o Camera di Commercio di Parma Via Verdi, Parma Il rischio idraulico La memoria degli eventi calamitosi

Dettagli

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR)

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) P.O.R. SICILIA 2000/2006 Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA ATTIVAZIONE DELLA MISURA ART. 1 FINALITA DELL ACCORDO Scopo dell accordo

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO... Regione Basilicata Provincia di Potenza Comune di Melfi PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PARCO EOLICO NEL COMUNE DI MELFI PROGETTO DEFINITIVO 4 3 2 1 0 Settembre 2011 Em./Rev. Data Red./Dis. Verificato

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino Politecnico di Torino 1 Dipartimento di Idraulica, Trasporti ed Infrastrutture Civili LABORATORIO DI IDRAULICA GIORGIO Riproduzione di un disegno di Giorgio Bidone sul Risalto Idraulico Il Laboratorio

Dettagli

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA Nel corso dei secoli l agricoltura ha subito profondi cambiamenti ma, solo con l invenzione del motore a combustione

Dettagli

Politecnico Innovazione 1

Politecnico Innovazione 1 SOLARIS S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ opera nel settore del risparmio energetico e dell utilizzo delle energie rinnovabili; con l esperienza acquisita: - nella realizzazione di impianti solari termici

Dettagli

Gestione adattativa (Adaptive management)

Gestione adattativa (Adaptive management) Gestione adattativa (Adaptive management) La gestione adattiva viene definita come un processo di acquisizione sistematica e successiva applicazione di informazioni affidabili al fine di migliorare l efficacia

Dettagli

IMPIANTO SOLARE TERMICO PER ACS OFFERTA TECNICO COMMERCIALE (2015)

IMPIANTO SOLARE TERMICO PER ACS OFFERTA TECNICO COMMERCIALE (2015) IMPIANTO SOLARE TERMICO PER ACS OFFERTA TECNICO COMMERCIALE (2015) Analisi Presa in esame la zona di Pescia (PT) come rappresentativa delle provincie di Lucca, Prato e Pistoia, limitatamente alla fascia

Dettagli

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni M. Crespi, V. Baiocchi, A. Mazzoni, G. Reina Area di Geodesia e Geomatica

Dettagli

Zanzare: un esempio di lotta guidata

Zanzare: un esempio di lotta guidata Zanzare: un esempio di lotta guidata A. Drago Nell estate 1998 il Comune di Legnaro è stato oggetto di un interessante esperienza nell ambito della quale è stato applicato alla disinfestazione pubblica

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Il moto ondoso e l idrodinamica 3D come basi per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze nel Mar Ligure

Il moto ondoso e l idrodinamica 3D come basi per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze nel Mar Ligure Il moto ondoso e l idrodinamica 3D come basi per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze nel Mar Ligure Andrea Pedroncini DHI Italia Origini e obiettivi della collaborazione

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Marcon Viale Don Sturzo, San Liberale Periodo di attuazione: 1 gennaio 31 dicembre 2014 RELAZIONE TECNICA ARPAV Dipartimento Provinciale di Venezia

Dettagli

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, 12-13 settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA:

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po.

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. Dipartimento V Agricoltura ed ambiente rurale U.O. Ambiente rurale e gestione faunistica La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. A cura di Simone Rossi Citazione bibliografica consigliata: Rossi S. (2014).

Dettagli

LA/IL TECNICO FAUNISTICO

LA/IL TECNICO FAUNISTICO LA/IL TECNICO FAUNISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?... 7 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti lavorativi...

Dettagli

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Risultati preliminari Luino F., Biddoccu M., Cirio C. G. fabio.luino@irpi.cnr.it CNR-IRPI Strada delle Cacce 73-10135 (TO) http://www.irpi.to.cnr.it/

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

A Cura di Dott. Claudio Furloni Settore Verde e Agricoltura Servizio Agricoltura: www.agricity.it P.zza Duomo 14-20122 Milano.

A Cura di Dott. Claudio Furloni Settore Verde e Agricoltura Servizio Agricoltura: www.agricity.it P.zza Duomo 14-20122 Milano. Linee guida per la concessione e l uso, a tempo determinato, di ambiti territoriali urbani da destinare alla realizzazione di orti urbani in attuazione del progetto denominato COLTIVAMI e GIARDINI CONDIVISI

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli