Software per le Telecomunicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Software per le Telecomunicazioni"

Transcript

1 Università degli studi di Roma Tor Vergata a.a Software per le Telecomunicazioni Docente: Ing. Dajana Cassioli Stanza 4187 Dip. Ing. Elettronica Tel Info Materiale consigliato: Manuali Guide di MATLAB sul sito (gratuite ma in inglese) Raccolta dei lucidi proiettati a lezione (italiano) Guida sintetica di MATLAB (in italiano) (http://www.df.unipi.it/~ferrante/matlab.pdf) Software Octave per Windows (versione freeware simile alla versione base di MATLAB stessi nomi per le funzioni) Scilab (migliore, ma con nomi differenti) Per eventuali chiarimenti agli studenti Al termine delle lezioni Previo appuntamento ( a 2

2 Organizzazione del Corso Introduzione a MATLAB Vettori e Matrici La Grafica di MATLAB Programmare in MATLAB Calcolo Numerico Metodi Montecarlo e Fit Statistici Analisi ed Elaborazioni di Segnali (Pilotaggio di Esperimenti e Acquisizione di Dati Sperimentali) 3 Cos è MATLAB? Il nome MATLAB sta per Matrix Laboratory Cos è MATLAB? MATLAB è un linguaggio per computazioni tecniche ad elevate prestazioni, che integra calcolo, visualizzazione e programmazione in un unico ambiente facile da usare dove problemi e soluzioni sono espresse in notazioni matematiche standard. MATLAB è un sistema interattivo basato sull uso di vettori e matrici (array) come dati elementari ; tali matrici non richiedono di essere definite o dimensionate Gli usi più comuni prevedono: Calcoli matematici Sviluppo di algoritmi Acquisizione dei dati Modellizzazone, simulazione e studio/progetto di prototipi Analisi di dati, esplorazione e visualizzazione Grafica scientifica ed ingegneristica Sviluppo di applicazioni e/con interfacce grafiche utente. 4

3 Perché Calcolo Interattivo? 1. Nei programmi di calcolo interattivo le operazioni da eseguire possono essere immesse direttamente da tastiera ed eseguite istantaneamente. 2. Rispetto ai programmi scritti con un linguaggio compilato (come C, C++, fortran, etc), offrono il vantaggio di poter rapidamente capire quali sono le operazioni da effettuare sui dati, e poter visualizzare immediatamente il risultato, evitando di dover compilare ed eseguire ogni volta il programma da capo: questo rende più veloci le fasi di scrittura dei programmi. 3. Svantaggi: a) i programmi prodotti risultano piu lenti di quelli scritti con linguaggio compilato di basso livello b) non è possibile (solitamente) scrivere programmi in grado di funzionare al di fuori del programma di calcolo interattivo utilizzato 4. Di solito questi strumenti, e relativi linguaggi, vengono utilizzati nella fase di prototipizzazione di un programma, o nella fase finale di visualizzazione dei risultati 5. Per le operazioni di calcolo su grosse quantità di dati rimane preferibile l uso di un programma compilato. 5 Programmi di Calcolo Interattivo Programmi utilizzati principalmente per il calcolo simbolico: Mathematica Windows, Mac, Linux Maple Windows, Mac, Linux Programmi utilizzati principalmente per il calcolo numerico: Matlab - commerciale - Windows, Mac, Linux Octave - gratuito - Linux, (Windows) Scilab - gratuito - Linux, Windows root - gratuito - Linux, Mac, Windows paw - gratuito - Linux Per Linux si trovano molte altre possibilita, come grace, R, etc..., etc. 6

4 Il sistema MATLAB Il sistema MATLAB consta di 5 parti principali: Ambiente di Sviluppo, Libreria delle Funzioni Matematiche, il Linguaggio MATLAB, Funzioni Grafiche e l Interfaccia MATLAB per programmi applicativi (API) Ambiente di sviluppo. Si tratta di un insieme di strumenti per utilizzare le funzioni ed i files di Matlab tramite delle interfacce grafiche utente. E formato dal Desktop di MATLAB e dalla Command Window, la Command History, l Editor/Debugger, ed i browser per visualizzare gli help, il Workspace, la finestra con la directory corrente, ed il search path. Libreria delle Funzioni Matematiche di MATLAB. Si compone di un gran numero di algoritmi computazionali che spaziano dalle funzioni elementari come SOMMA, SENO, COSENO e operazioni sul PIANO COMPLESSO, a funzioni più sofisticate come l INVERSA di MATRICE, il calcolo degli AUTOVALORI, FUNZIONI di BESSEL e le TRASFORMATE di FOURIER VELOCI (FFT). 7 Il sistema MATLAB (cont.) Il linguaggio MATLAB. Si tratta di un linguaggio ad alto livello per operazioni su matrici/vettori con istruzioni (classiche) di controllo di flusso (if, switch, for, ecc.), funzioni, strutture di dati, input/output e supporto alla programmazione ad oggetti. Funzioni Grafiche. Una vasta libreria di funzioni grafiche consente di visualizzare vettori e matrici. E possibile visualizzare i dati in 2 o 3 dimensioni, è possibile elaborare tali immagini, creare animazioni e grafici per presentazioni. Interfaccia MATLAB per programmi applicativi (API). Si tratta di una libreria che permette di fare interagire programmi scritti in C o in Fortran con MATLAB. Comprende comandi per chiamare routines da MATLAB (collegamenti dinamici), chiamare MATLAB come motore di calcolo e per leggere e scrivere file.mat 8

5 MATLAB - Ambiente di Sviluppo Avviare MATLAB Windows: Cliccare sull icona di MATLAB sul desktop UNIX: digitare matlab al prompt. Una volta avviato MATLAB, si apre la finestra del desktop di MATLAB E possibile cambiare la finestra in cui MATLAB si avvia, definire alcune opzioni di avvio, come lanciare una macro all avvio, o ridurre il tempo di avvio (se necessario) in alcune situazioni. Uscire da MATLAB Per terminare la propria sessione MATLAB, selezionare Exit MATLAB dal menu File sul desktop, o digitare quit nella Command Window. 9 Il Desktop di MATLAB Il desktop di MATLAB prevede: La Command Window La finestra Command History Start Button Help Browser Current Directory Browser Workspace Browser Array Editor L Editor/Debugger 10

6 E possibile modificare l aspetto del desktop aprendo, chiudendo, spostando o ridimensionando le finestre in esso contenute 11 MATLAB Desktop Classico 12

7 Command Window Viene utilizzata per definire variabili e lanciare funzioni ed M-files. Le operazioni di Input/output sulla finestra di comando possono essere controllate dall utente La linea di comando di MATLAB è indicata da un prompt come in DOS: >> Accetta dichiarazioni di variabili, espressioni e chiamate a tutte le funzioni disponibili nel programma. Tutte le funzioni di MATLAB non sono altro che files di testo, simili a quelli che l utente può generare con un text editor, e vengono eseguite semplicemente digitandone il nome sulla linea di comando. MATLAB permette inoltre di richiamare le ultime righe di comandi inseriti usando le frecce in alto e in basso. 13 Help di MATLAB - 1 MATLAB presenta un help in linea con informazioni sulla sintassi di tutte le funzioni disponibili. Se si conosce il nome della funzione, e si vogliono conoscere dettagli sul suo funzionamento, basta digitare: help nome nome può essere un istruzione o una directory Se è una istruzione help mostra le informazioni riguardo tale istruzione Se è una directory help mostra la lista dei files in essa contenuti Ad esempio:» help round ROUND Round towards nearest integer. ROUND(X) rounds the elements of X to the nearest integers. See also FLOOR, CEIL, FIX. 14

8 Help di MATLAB - 2 È anche possibile avere un help di tutte le funzioni di una certa categoria; ad esempio per sapere quali sono le funzioni specifiche per l analisi ed il processamento dei segnali, basta digitare: help signal Per sapere quali sono le varie categorie di funzioni disponibili, tra cui i cosiddetti toolbox, basta digitare: help 15 Help di MATLAB - 3 Un comando utile per trovare una funzione sconosciuta è lookfor Altrimenti, andando nel menù help->help window compare una finestra in cui tutti i comandi e le funzioni sono raggruppati per categorie, con una breve descrizione. Infine si può scegliere help desk: questo comando aprirà il browser con la documentazione completa di matlab è la più esauriente, ma anche la più dispersiva. 16

9 MATLAB Help Browser 17 Command History Window Le istruzioni eseguite a linea di comando vengono registrate nella finestra Command History. In tale finestra, sono infatti visualizzate tutte le istruzioni precedentemente eseguite, ed è possibile copiarle ed eseguirle di nuovo 18

10 Current Directory Browser Per cercare, visualizzare, aprire e modificare le directory ed i file di MATLAB (o ad esso collegati) si può utilizzare il Current Directory Browser. 19 MATLAB Search PATH!!!! Tutte le operazioni su files di MATLAB usano come punti di riferimento la current directory ed il search path. Qualsiasi file voglia essere eseguito DEVE trovarsi nella current directory o essere stato registrato nel search path. I files forniti con MATLAB e con i toolbox di MathWorks sono già inclusi nel search path. E possibile aggiungere al search path di MATLAB le directory che contengono i propri files. Per visualizzare le directory presenti nel search path o per variare l attuale configurazione del search path, si può selezionare Set Path dal menu File sul desktop di MATLAB, ed utilizzare la finestra del Set Path. In alternativa, si può utilizzare la funzione path per visualizzare il search path, il comando addpath per aggiungere una directory al search path, ed infine rmpath per eliminare una directory dal search path. 20

11 Il Workspace di MATLAB Il workspace di MATLAB è costituito dall insieme di variabili (vettori) create durante una sessione di MATLAB e memorizzate Si aggiungono variabili al workspace ogni volta che si usa una funzione o si esegue un M-file con variabili globali, o si caricano workspace salvati sul disco. Per visualizzare il workspace e le informazioni riguardo ciascuna variabile si può utilizzare il Workspace Browser, o le funzioni who and whos. Per cancellare le variabili dal workspace, basta selezionare la variabile ed il comando Delete dal menu Edit oppure si può utilizzare il comando clear Il workspace non rimane in memoria quando viene chiusa una sessione di MATLAB E però possibile salvarlo in un file che può essere richiamato in un altra sessione di MATLAB selezionando Save Workspace As dal menu File, o si può utilizzare il comando save. 21 Workspace Browser 22

12 The Array Editor 23 L Editor/Debugger Si usa per creare e/o fare il debug di M-file Gli M-file sono i programmi scritti dall utente per eseguire le funzioni di MATLAB Tutte le funzioni di MATLAB sono M-file Gli M-file possono essere visualizzati e modificati utilizzando un qualsiasi editor di testo ma l Editor/Debugger fornisce in più una interfaccia grafica sia come editor di testo sia per eseguire il debug di M-file Digitando edit nomefile nella Command Window MATLAB apre automaticamente la finestra dell Editor/Debugger e visualizzerà il file nomefile.m 24

13 Cos è un M-file? Macro Se si devono eseguire più comandi in una volta sola, è possibile creare una macro, ossia un file contenente tutte le istruzioni che si desidera eseguire. Per creare una macro, bisogna cliccare sul disegno della pagina bianca, il primo a sinistra nella sbarra degli strumenti. Una nuova macro viene aperta all interno dell editore: si possono scrivere i comandi, nell ordine in cui si desidera eseguirli, e poi salvare. Per eseguire la macro, bisogna digitare il nome del file al prompt. Tutte le variabili create o modificate dalla macro saranno disponibili alla fine dell esecuzione. 25 Cos è un M-file? (segue) Funzioni La differenza più evidente tra una macro ed una funzione sta nella sintassi: per eseguire una funzione bisogna dare un comando del tipo : y=func(x), oppure, più in generale, [y1 y2 y3 ]=func(x1,x2,x3,..) x1, x2, x3 sono le variabili di ingresso y1, y2, y3. sono le variabili in uscita: vengono create o modificate dalla funzione, e contengono il risultato delle operazioni effettuate al suo interno. Tutte le altre variabili create dalla funzione vengono distrutte al termine dell esecuzione. Unafunzioneiniziacon unarigadel tipo:function [y1,y2,y3 ]=func(x1,x2,x3, ) e termina con l istruzione return. 26

14 Come appare l Editor/Debugger 27 MATLAB Vettori e Matrici 28

15 Vettori Un vettore viene definito tra parentesi quadre x = [] Gli elementi delle righe si separano con spazi o virgole x = [ ] oppure x = [1, 2, 3, 4] Gli elementi delle colonne con punti e virgola (oppure andando a capo ad ogni elemento) x = [1; 2; 3; 4] oppure x = [ ] Ogni elemento del vettore può essere richiamato ponendo l indice tra parentesi tonde (gli indici devono essere 1) x(3) = 3 Uno scalare è un vettore di dimensione 1x1 MATLAB non visualizza il contenuto delle variabili sulla finestra di comando se terminate l istruzione con un punto e virgola 29 Creazione ed Indicizzazione Voglio creare un vettore composto di numeri interi da 1 a 10:» x=[1:10] x = Voglio creare un vettore compreso tra 0 e 1 con spaziatura 0.2:» x=[0:0.2:1] x = Voglio creare un vettore di 6 elementi equispaziati a partire dal primo elemento 1 all ultimo elemento 20:» x=linspace(1,20,6) x = Voglio selezionare un sottoinsieme di un vettore» indici=[1 4 5];» x(indici) ans =

16 Operazioni tra/su vettori Gli operatori disponibili sono: +,-,*,/,^ (somma, sottrazione, prodotto, divisione, elevamento a potenza) sin, cos, tan asin, acos, atan exp, log, log10 abs, sqrt, sign 31» x=[ ];» y=[ ];» z=x+y z = Esempi» y=[ ];» z=x+y??? Error using ==> + Matrix dimensions must agree. Posso sommare o sottrarre due vettori riga o colonna della stessa dimensione: matlab somma elemento per elemento; mentre dà errore se le dimensioni sono differenti! Posso calcolare espressioni come sin(x), exp(x), etc: matlab applica l espressione aritmetica ad ogni singolo elemento»» z=sin(x) z =

17 Prodotto tra Vettori Se x e y hanno la stessa lunghezza, ma sono un vettore riga ed uno colonna, posso effettuare una ordinaria moltiplicazione riga * colonna utilizzando il simbolo *» x=[ ];» y=[2; 4; 6; 8; 10];» x*y ans = 110 Posso effettuare il prodotto di due vettori elemento per elemento se questi hanno la stessa dimensione: si indica col simbolo.*» y=[ ];»» x.*y ans = Prodotto tra Vettori (segue) Posso anche effettuare il prodotto esterno : in questo caso ottengo una matrice: nella pratica, basta porre prima il vettore colonna e poi il vettore riga. M ij = y i x j» x=[ ];» y=[2; 4; 6; 8; 10];» y*x ans =

18 Altre Operazioni (esempi) Definiamo un vettore x: x=[ ]; Vogliamo calcolare il massimo tra gli elementi del vettore x:» M = max(x) M = 6 Vogliamo calcolare il minimo tra gli elementi del vettore x:» m = min(x) m = 1 Vogliamo selezionare alcuni elementi del vettore x che verificano una certa condizione:» ind = find(x>4) ind = Altre Operazioni (esempi) Definiamo un vettore x: x=[ ]; Vogliamo ordinare in ordine crescente gli elementi del vettore x:» x_ord = sort(x) X_ord = Vogliamo sommare tutti gli elementi del vettore x:» S = sum(x) S = 21 Length(x) dà il numero di elementi contenuti nel vettore (=6) Prod([1:n]) calcola il fattoriale di n (n!) 36

19 Numeri Complessi L unità immaginaria è i o j ed è predefinita (è quindi consigliabile non utilizzare i e j come variabili o indici nei cicli) Un numero complesso si scrive nella forma a+j*b Es. z=2+j*3; Alcuni operatori applicabili ai numeri complessi: abs(z) calcola il modulo di z angle(z) calcola la fase di z real(z) calcola la parte reale di z imag(z) calcola la parte immaginaria di z 37 Matrici Analogamente ad un vettore, una matrice viene definita tra parentesi quadre: A = [] Gli elementi delle righe vengono separati con spazi o virgole, e le diverse righe con punti e virgola (oppure andando a capo ad ogni nuova riga): A = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; oppure: A = [ ]; Una volta definita, la matrice A viene memorizzata nel workspace di MATLAB come la variabile A 38

20 Generazione di Matrici zeros Contiene tutti zeri ones Contiene tutti uno rand Gli elementi hanno valori casuali uniformemente distribuiti randn Gli elementi hanno valori casuali a distribuzione normale Alcuni esempi: 39 Indicizzazione Sia A = [ ]; L elemento amn è indirizzato come A(m,n): A(2,3) = 6 La riga m-esima è indirizzata come A(m,:), dove tutte le colonne sono indicate dai due punti: A(2,:) = [4 5 6] La colonna n-esima è indirizzata come A(:,n), dove tutte le righe sono indicate dai due punti: A(:,3) = [3; 6; 9] La sottomatrice avente elementi amn con m1 m m2 e n1 n n2 è indirizzata come A(m1:m2,n1:n2): A(1:2,2:3) = [2, 3; 5, 6] La funzione find adesso restituisce due indici, il primo per le righe, il secondo per le colonne: [m,n]=find(a<0) dà m=[], n=[] Nota: in MATLAB gli indici partono sempre da 1 40

21 Indicizzazione (segue) E anchepossibilerichiamareglielementidiunamatrice utilizzando un solo indice, ossia A(k), come si fa per i vettori In questo caso la matrice viene considerata come un lungo vettore colonna formato da tutte le colonne (una dopo l altra) della matrice, ossia k = pn row +m dove N row è il numero di righe della matrice, p,m sono due interi con p = 0,1,...,N col e m = 0,1,...,N row -1 Esempio: Posso selezionare il valore 15 della matrice A utilizzando le due notazioni equivalenti: A(8) o A(4,2). 41 Indicizzazione (segue) Se si richiama un elemento non contenuto in una matrice, MATLAB dà errore. Esempio: Se invece si definisce un elemento in più rispetto alla dimensione della matrice, la dimensione della matrice aumenta per dare spazio al nuovo elemento: 42

22 Cancellare Righe e Colonne Si possono cancellare righe e colonne da una matrice usando la coppia di parentesi quadre, ossia: Sia Per cancellare la seconda colonna di X digito: X diventa: 43 Operazioni con Matrici Gli operatori applicabili a matrici sono: + - * ^ / \ ' Trasposta Divisione a sinistra:a\b=inv(a)*b Divisione a destra: B/A=B*inv(A) Le matrici di uguale dimensione si possono sommare, sottrarre, moltiplicare per uno scalare o sommare ad uno scalare con le stesse regole dei vettori. Attenzione: ricordarsi sempre che quando si fanno operazioni tra matrici è importante l'ordine dei fattori: A*B B*A 44

23 Operazioni con Matrici (segue) Posso moltiplicare una matrice (m x n) con una (n x l). Il risultato sarà una matrice (m x l) Es. Siano a=[1 2 3 ; 2 3 4] e b = [1 2 ; 3 4 ; 5 6] a*b = e b*a = Posso moltiplicare una matrice (m x n) per un vettore colonna di lunghezza n: il risultato sara un vettore colonna di lunghezza m Posso moltiplicare un vettore riga di lunghezza n per una matrice di dimensioni (n x m): il risultato sarà un vettore riga di lunghezza m. L operatore.* (punto seguito da asterisco) permette di effettuare la moltiplicazione elemento per elemento di matrici di uguali dimensioni. Allo stesso modo funzionano./ e.^ A^2 indica invece il quadrato di una matrice effettuato moltiplicando riga per colonna. 45 Operazioni su Matrici Sia a = [1 2 3; 1 4 9; ] rank(a) da il rango della matrice» rank(a) ans = 3 Per matrici quadrate: det(a) da il determinante trace(a) da la traccia inv(a) da l inversa» det(a)» inv(a) ans = ans =

24 Altre Operazioni sum sum(a) restituisce un vettore riga che contiene le somme degli elementi sulle colonne di A 47 Altre Operazioni La matrice trasposta Esempio: 48

25 Altre Operazioni diag Esempio: 49 Operatori (Richiamo) Le espressioni usano i ben noti operatori aritmetici e le regole della precedenza aritmetica. + - * / \ ^ '.*.^ ecc. Somma Sottrazione Moltiplicazione Divisione Divisione a Sinistra Elevamento a Potenza Trasposta Complessa Coniugata Esegue le operazioni *, ^, ecc. elemento per elemento 50

26 Concatenazione di Matrici La concatenazione consiste nell unire piccole matrici a formarne una più grande. L operatore che consente di effettuare la concatenazione è la coppia di parentesi quadre [ ] Data definisco ottengo 51 Concatenazione di Matrici (segue) E possibile anche creare delle Tabelle : Sia Definisco: 52

27 MATLAB Rappresentazione grafica dei dati 53 La Libreria Grafica MATLAB offre una grande varietà di possibilità per visualizzare vettori e matrici come grafici Nel seguito descriveremo le più importanti funzioni grafiche Porteremo anche degli esempi di alcune applicazioni tipiche 54

28 Creare un grafico Per creare un grafico si usa la funzione plot. La funzione plot assume diverse forme, in dipendenza dagli argomenti in ingresso Se y è un vettore, plot(y) fornisceunacurvadeivaloridiy in funzione dell indice deglielementidiy. Se si specificano 2 vettori come argomenti in ingresso, plot(x,y) produce un grafico di y in funzione di x. Esempio: Per aggiungere le labels 55 Piùinsiemididatiin un unicografico Si possono tracciare più curve su uno stesso grafico utilizzando la funzione plot con più argomenti MATLAB usa automaticamente e ciclicamente una lista di colori predefinita (ma modificabile dall utente) per distinguere i diversi insiemi di dati Il comando legend permette di identificare facilmente i vari grafici 56

29 Come Specificare Stili e Colori E possibile specificare colori, stili e markers (come + oppure o) quando si usa il comando plot color_style_marker è una stringa che contiene da 1 a 4 caratteri (compreso in un unico ) formata da un tipo di colore, uno stile della linea, ed un tipo di marker Le stringhe per i colori sono 'c', 'm', 'y', 'r', 'g', 'b', 'w', and 'k, che corrispondono rispettivamente a celeste, magenta, giallo, rosso, verde, blu, bianco, e nero Stringhe per lo stile della linea sono '-' per continua, '--' per tratteggiata, ':' per a punti, '-.' per punto-linea. Non indicare lo stile della linea se non si vuole una linea I tipi di markers sono '+', 'o', '*', e 'x','s' (square), 'd' (diamond), '^' (up triangle), 'v' (down triangle), '>' (right triangle), '<' (left triangle), 'p' (pentagram), 'h' (hexagram), e nulla se non si vuole il marker. Specificando il marker ma non la linea, MATLAB traccia solo il marker. 57 Esempi Plot(x,y, ks ) traccia quadrati neri in ogni punto dei dati, ma non connette tali markers con una linea Plot(x,y, r:+ ) traccia una linea punteggiata di colore rosso e pone un + in ogni punto dei dati Potreste voler usare meno punti per tracciare i markers di quanti ne utilizzate per le linee 58

30 Graficare Dati Immaginari e Complessi Quando gli argomenti in input a plot sono complessi, la parte immaginaria viene ignorata Quando si dà a plot in ingresso un unico argomento complessoil comando grafica la parte immaginaria in funzione della parte reale, ossia: dove Z è un vettore o una matrice complessa 59 Aggiungere curve ad un grafico/finestra già esistente Il comando hold consente di aggiungere curve ad un grafico già esistente hold on: il grafico esistente non viene cancellato alla successiva chiamata a plot, ma aggiunge nuovi dati al grafico corrente, riscalando gli assi se necessario hold off rilascia il grafico Ogni chiamata a plot automaticamente apre una nuova finestra se non ci sono finestre già aperte sullo schermo. Se una finestra di figura già esiste, MATLAB usa quella finestra per gli output grafici 60

31 Aggiungere curve ad un grafico/finestra già esistente (segue) Se ci sono più finestre grafiche aperte, MATLAB usa quella designata come "figura corrente" (l ultima usata) Per rendere finestra corrente una finestra esistente, si può cliccarci sopra col mouse o digitare figure(n), dove n è il numero della figura sul titolo. I risultati di grafici seguenti verranno visualizzati in questa finestra. Per aprire una nuova finestra e renderla figura corrente, digitare: figure 61 Grafici Multipli Il comando subplot permette di visualizzare più grafici in una stessa finestra o stamparli sullo stesso foglio: subplot(m,n,p) divide la finestra della figura in una matrice mxn di subplots più piccoli e seleziona il p-esimo subplot per graficare quello che viene richiesto con un successivo comando di plot o simili I grafici sono numerati dalla prima riga in alto della finestra della figura, poi la seconda, e così via. 62

32 Esempio Voglio graficare i miei dati in 4 parti differenti della finestra della figura: t = 0:pi/10:2*pi; [X,Y,Z] = cylinder(4*cos(t)); subplot(2,2,1); mesh(x) subplot(2,2,2); mesh(y) subplot(2,2,3); mesh(z) subplot(2,2,4); mesh(x,y,z) Gli Assi Per impostare la scala, l orientazione e le proporzioni dei grafici esiste il comando axis Impostare i limiti degli assi Per default, MATLAB trova il massimo ed il minimo dei dati per selezionare i limiti degli assi su cui graficarli Il comando axis permette di specificare limiti diversi: 2D: axis([xmin xmax ymin ymax]) 3D: axis([xmin xmax ymin ymax zmin zmax]) Per riabilitare la selezione automatica dei limiti basta digitare axis auto 64

33 Altre proprietà della funzione axis Proporzionare gli assi dare agli assi x e y la stessa lunghezza: axis square Impostare incrementi uguali sui due assi: axis equal Per tornare alle condizioni di default (automatic mode) axis auto normal Visibilità degli assi Gli assi possono essere visibili o meno secondo i comandi: axis on, axis off Le linee della griglia Il comando grid commuta le linee della griglia on e off. grid on, grid off 65 Labels e Titoli Si usano i comandi xlabel, ylabel, and zlabel Il comando title aggiunge un titolo in alto sulla figura La funzione text permette di inserire testo ovunque sulla figura. Esempio: t = -pi:pi/100:pi; y = sin(t); plot(t,y) axis([-pi pi -1 1]) xlabel('-\pi \leq {\itt} \leq \pi') ylabel('sin(t)') title('graph of the sine function') text(1,-1/3,'{\itnote the odd symmetry.}') 66

34 Salvare una Figura Per salvare una figura selezionare Save dal menu File sulla finestra della figura stessa. In questo modo verrà salvata come figure.fig e sarà possibile aprirla solo con MATLAB Per salvare la figura utilizzando un diverso formato grafico, come TIFF, EPS, PDF, JPEG, per utilizzarla in altre applicazioni, selezionare Export dal menu File nella finestra della figura. E anche possibile salvare le figure da linea di comando utilizzando l istruzione saveas, che accetta anche diverse opzioni per salvare la figura in formati differenti. 67 Grafici Mesh e Surface MATLAB definisce una superficie tramite le coordinate z di un insieme di punti definiti su una griglia nel piano x-y, utilizzando linee per connettere pounti adiacenti Le funzioni grafiche mesh and surf visualizzano le superfici in 3 dimensioni mesh produce lo scheletro di una superficie con delle linee colorate. surf visualizza sia le linee di connessione sia le superfici più piccole da esse delimitate e colora entrambe Per visualizzare una funzione di due variabili, z = f (x,y) Generare due matrici X e Y con le righe e le colonne (rispettivamente) ripetute a coprire tutto il dominio della funzione Usare X e Y per valutare e graficare la funzione La funzione meshgrid trasforma un dominio descritto da un vettore o due vettori x e y in matrici X and Y da poter essere utilizzate per valutare le funzioni in due variabili. Le righe della matrice X sono copie del vettore x e le colonne della matrice Y sono copie del vettore y. 68

35 Esempio di mesh Grafichiamo la funzione sinc in due dimensioni, sin(r)/r, nelle due direzioni x e y. R è la distanza dall origine, che si trova al centro della matrice [X,Y] = meshgrid(-8:.5:8); R = sqrt(x.^2 + Y.^2) + eps; Z = sin(r)./r; mesh(x,y,z,'edgecolor','black') Ho tolto l indeterminatezza 0/0 nell origine Ho impostato un colore (nero) con cui graficare tutta la griglia 69

FON DAMEN TI DI IN FORMATICA

FON DAMEN TI DI IN FORMATICA Università di Salerno Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Ingegneria Meccanica & Ingegneria Gestionale Mat. Pari Docente : Ing. Secondulfo Giovanni Anno Accademico 29-21 UNITÀ IV A GRAFICA

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONE

RETI DI TELECOMUNICAZIONE RETI DI TELECOMUNICAZIONE NOZIONI ELEMENTARI DI MATLAB Cos è MATLAB Il nome MATLAB sta per MATrix LABoratory E un linguaggio ad alta prestazione per l elaborazione tecnica E un sistema interattivo il cui

Dettagli

UD6 - MATLAB. Gestione della grafica

UD6 - MATLAB. Gestione della grafica UD6 - MATLAB Gestione della grafica Grafici MatLab può produrre grafici 2D e 3D Disegnare un Grafico Il comando plot produce grafici in 2 dimensioni; plot(x,y)apre una finestra e disegna il punto (x,y);

Dettagli

SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo

SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html it/~lbiagiotti/sistemicontrollo html INTRODUZIONE A MATLAB Ing. e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it

Dettagli

Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB

Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB 1 Il programma MATLAB: indice Introduzione, help e files Punteggiatura e variabili Operatori Matrici Polinomi Istruzione IF-THEN-ELSE e Cicli Stringhe di testo, input ed output Grafici

Dettagli

Introduzione agli ambienti

Introduzione agli ambienti Introduzione agli ambienti MATLAB c e Octave Utilizzo di Matlab/Octave ed operazioni fondamentali. Primi rudimenti di grafica. Paola Gervasio 1 MATLAB = MATrix LABoratory è un ambiente integrato per la

Dettagli

Laboratorio per l Elaborazione MultiMediale Lezione 1 - Introduzione a Matlab R

Laboratorio per l Elaborazione MultiMediale Lezione 1 - Introduzione a Matlab R Laboratorio per l Elaborazione MultiMediale Lezione 1 - a Prof. Michele Scarpiniti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni Sapienza Università di Roma http://ispac.ing.uniroma1.it/scarpiniti/index.htm

Dettagli

Introduzione a MATLAB. Il Laboratorio. MATLAB Cos è? Oltre alle lezioni. Octave ( www.octave.org ) Scilab ( www.scilab.org )

Introduzione a MATLAB. Il Laboratorio. MATLAB Cos è? Oltre alle lezioni. Octave ( www.octave.org ) Scilab ( www.scilab.org ) Introduzione a MATLAB! Informazioni sul laboratorio! MATLAB! Operazioni di base! Variabili ed assegnamento! Comandi utili! Utilizzo dell Help! Formato dei numeri! Numeri complessi Il Laboratorio! Openlab

Dettagli

A cura di Andrea Di Ferdinando

A cura di Andrea Di Ferdinando Dispense del corso base di programmazione scientifica in ambiente MATLAB A cura di Andrea Di Ferdinando Anno accademico 2003-2004 Capitolo 1 Panoramica dell ambiente MatLab 1. Che cos è MatLab Per comprendere

Dettagli

MATLAB (3) - Grafica 2 e 3D

MATLAB (3) - Grafica 2 e 3D Laboratorio di Informatica per Ingegneria elettrica A.A. 21/211 Prof. Sergio Scippacercola MATLAB (3) - Grafica 2 e 3D N.B. le slide devono essere utilizzate solo come riferimento agli argomenti trattati

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Software di calcolo numerico, analisi, statistica e simulazione. Un esempio pratico: Octave

Software di calcolo numerico, analisi, statistica e simulazione. Un esempio pratico: Octave Software di calcolo numerico, analisi, statistica e simulazione Un esempio pratico: Octave Problemi tradizionali Risoluzione di funzioni matematiche complesse Esecuzione di calcoli matriciali Analisi

Dettagli

BOZZA Introduzione a MATLAB

BOZZA Introduzione a MATLAB BOZZA Introduzione a MATLAB BOZZA BOZZA Matlab sta per Matrix Laboratory ed è un ambiente interattivo e un linguaggio di calcolo tecnico di alto livello per lo sviluppo di algoritmi, la rappresentazione

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

MATLAB. Note Introduttive. Matlab

MATLAB. Note Introduttive. Matlab MATLAB Note Introduttive Cos é MATLAB MATLAB (MATrix LABoratory) è un programma interattivo per il calcolo numerico, in cui l elemento base èlamatrice Viene oggi largamente utilizzato sia per la didattica

Dettagli

MATLAB - Introduzione Enrico Nobile. MATLAB - Introduzione. E. Nobile - DINMA - Sezione di Fisica Tecnica, Università di Trieste

MATLAB - Introduzione Enrico Nobile. MATLAB - Introduzione. E. Nobile - DINMA - Sezione di Fisica Tecnica, Università di Trieste Enrico Nobile I a Parte 1 MATLAB (MATrix LABoratory); Versione 5.2; Basato sul concetto - ampio - di Matrici; Calcolo numerico, visualizzazione etc. Facile utilizzo di librerie per il calcolo numerico

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Calcolo Numerico A.A. 2013-2014 Esercitazione n. 3 21-03-2014

Calcolo Numerico A.A. 2013-2014 Esercitazione n. 3 21-03-2014 Calcolo Numerico A.A. 2013-2014 Esercitazione n. 3 21-03-2014 Grafica: plot 2D Grafica MATLAB è molto più di un semplice software in grado di eseguire calcoli numerici (anche se in forma molto sofisticata).

Dettagli

Corso Introduttivo all utilizzo di R! Prof.ssa D.F. Iezzi stella.iezzi@uniroma2.it

Corso Introduttivo all utilizzo di R! Prof.ssa D.F. Iezzi stella.iezzi@uniroma2.it Corso Introduttivo all utilizzo di R! Prof.ssa D.F. Iezzi stella.iezzi@uniroma2.it Il software R q Il software R è distribuito gratuitamente come software Open Source con licenza GPL (General Public License)

Dettagli

Capitolo 1. Il MATLAB. 1.1 Introduzione al MATLAB

Capitolo 1. Il MATLAB. 1.1 Introduzione al MATLAB Capitolo 1 Il MATLAB 1.1 Introduzione al MATLAB Il Matlab (acronimo delle parole inglesi MATrix LABoratory) è un software basato sulla manipolazione di matrici molto utilizzato nel campo della ricerca

Dettagli

Grafici tridimensionali

Grafici tridimensionali MatLab Lezione 3 Grafici tridimensionali Creazione di un Grafico 3D (1/4) Si supponga di voler tracciare il grafico della funzione nell intervallo x = [0,5]; y=[0,5] z = e -(x+y)/2 sin(3x) sin(3y) Si può

Dettagli

INTRODUZIONE A. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Introduzione a MATLAB

INTRODUZIONE A. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A Documentazione Sito web di Mathworks: www.mathworks.com seguendo i link alla voce support e possibile trovare i manuali di Matlab in formato pdf. (http://www.mathworks.com/access/helpdesk/help/techd

Dettagli

Cenni sull'impiego di Matlab. Matrici

Cenni sull'impiego di Matlab. Matrici Cenni sull'impiego di Matlab Il Matlab è un potente valutatore di espressioni matriciali con valori complessi. Lavorando in questo modo il Matlab indica una risposta ad ogni comando od operazione impartitagli.

Dettagli

Laboratorio di Statistica con R

Laboratorio di Statistica con R Laboratorio di Statistica con R R è un vero e proprio linguaggio di programmazione. Il suo nome, è dovuto probabilmente al nome dei suoi sviluppatori:robert Gentleman e Ross Ihaka Le principali funzioni

Dettagli

Elaborazione di Dati e Segnali Biomedici

Elaborazione di Dati e Segnali Biomedici Introduzione all uso di Matlab Mario Cesarelli Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica Rev.1 Anno accademico 2004-05 Rev.2 Anno accademico 2005-06 Indice INTRODUZIONE A MATLAB... 5 INTRODUZIONE A MATLAB...

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

I Lezione: Il programma MATLAB. 1 Introduzione. 2 Matrici in MATLAB

I Lezione: Il programma MATLAB. 1 Introduzione. 2 Matrici in MATLAB I Lezione: Il programma MATLAB In questa sezione introdurremo in maniera molto breve il programma di simulazione MATLAB (una abbreviazione di MAtrix LABoratory) che è stato usato per lo sviluppo delle

Dettagli

Manualetto di Matlab R

Manualetto di Matlab R Manualetto di Matlab R 1 Comandi d avvio L. Scuderi Per avviare Matlab in ambiente Windows è sufficiente selezionare con il mouse l icona corrispondente. In ambiente MsDos o in ambiente Unix basta digitare

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Matlab per Visione. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Matlab per Visione. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Matlab per Visione Samuel Rota Bulò Cos'è Matlab? MATLAB MATLAB - - MATrix MATrix LABoratory LABoratory Ambiente Ambiente di di sviluppo sviluppo ed ed esecuzione esecuzione

Dettagli

excel La cartella di lavoro Il foglio di lavoro

excel La cartella di lavoro Il foglio di lavoro excel Fogli Elettronici Un foglio elettronico (o spreadsheet) e` un software applicativo nato dall esigenza di organizzare insiemi di dati tramite tabelle, schemi, grafici, etc. effettuare calcoli di natura

Dettagli

Introduzione a MATLAB

Introduzione a MATLAB Laboratorio del Dipartimento di Metodi e Modelli Matematici per le Scienze Applicate A.A. 2007/2008 Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB 1 Indice 1 Introduzione 1 1.1 Caratteristiche di MATLAB...................................

Dettagli

MATLAB - Introduzione Enrico Nobile. 2 a Parte. MATLAB - Introduzione E. Nobile - DINMA - Sezione di Fisica Tecnica, Università di Trieste.

MATLAB - Introduzione Enrico Nobile. 2 a Parte. MATLAB - Introduzione E. Nobile - DINMA - Sezione di Fisica Tecnica, Università di Trieste. Enrico Nobile 2 a Parte 1 M-files MATLAB può eseguire una serie di comandi memorizzati su file; Tali files sono chiamati M-files, poiché devono avere l estensione.m (es. tridia.m); L utilizzo di MATLAB

Dettagli

Sistemi operativi: interfacce

Sistemi operativi: interfacce Sistemi operativi: interfacce I sistemi operativi offrono le risorse della macchina a soggetti diversi: alle applicazioni, tramite chiamate di procedure da inserire nel codice all utente, tramite interfaccia

Dettagli

Rappresentazione delle immagini

Rappresentazione delle immagini Elaborazione di Segnali Multimediali a.a. 2013/2014 Rappresentazione delle immagini L.Verdoliva In questa prima lezione vedremo come si rappresentano diversi tipi immagini digitali in Matlab. 1 Immagini

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

MATLAB-SIMULINK. Grafici 2D e 3D. Ing. Alessandro Pisano. pisano@diee.unica.it

MATLAB-SIMULINK. Grafici 2D e 3D. Ing. Alessandro Pisano. pisano@diee.unica.it 1 MATLAB-SIMULINK Grafici 2D e 3D Ing. Alessandro Pisano pisano@diee.unica.it 2 Indice 3 7 10 10 11 12 13 14 16 17 22 24 28 34 36 39 44 Grafici 2D Griglia, label e titolo Grafici sovrapposti. Colori Legenda

Dettagli

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi

Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi Lezioni di EXCEL Guida all uso del foglio elettronico Excel Lezioni ed esercizi 1 Il foglio elettronico Excel Excel è un foglio elettronico che consente di effettuare svariate operazioni nel campo matematico,

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab Ruggero Donida Labati Dipartimento di Tecnologie dell Informazione via Bramante 65, 26013 Crema (CR), Italy ruggero.donida@unimi.it Perché? MATLAB is a high-level technical computing

Dettagli

La grafica. La built-in funzione grafica plot. x spezzata poligonale. discretizzato

La grafica. La built-in funzione grafica plot. x spezzata poligonale. discretizzato La grafica. Il Matlab possiede un ambiente grafico abbastanza potente paragonabile a software grafici operanti in altri contesti. In questo corso ci limiteremo ad illustrare solo una funzione grafica,

Dettagli

Laboratorio di Matlab

Laboratorio di Matlab Laboratorio di Matlab Rudy Manganelli Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Siena manganelli@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/ control/matlab/labmatlab.html Luglio 2008 DII -

Dettagli

Primi passi con R. D. Fioredistella IEZZI e-mail: stella.iezzi@uniroma2.it

Primi passi con R. D. Fioredistella IEZZI e-mail: stella.iezzi@uniroma2.it Primi passi con R Che cosa è Ø R è un ambiente di programmazione (un insieme di funzioni, librerie, oggetti) Ø R è specializzato in analisi dei dati e rappresentazioni grafiche Ø R opera su sistemi operativi

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Introduzione al Foglio Elettronico

Introduzione al Foglio Elettronico Microsoft Excel Introduzione al Foglio Elettronico Il Foglio Elettronico Si presenta come una grande tabella su un foglio di carta Le celle contengono differenti dati Numeri Testo Date Ecc I dati possono

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

INTRODUZIONE A MATLAB

INTRODUZIONE A MATLAB Università degli Studi di Padova - Facoltà di Ingegneria A.A. 2006-2007 INTRODUZIONE A MATLAB Prof. Giovanni Sparacino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Padova e-mail: giovanni.sparacino@unipd.it

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4 Il Foglio elettronico: Excel 2010 Lisa Donnaloia - lisa.donnaloia@libero.it

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

MINIGUIDA EXCEL MICROSOFT EXCEL

MINIGUIDA EXCEL MICROSOFT EXCEL 1 MICROSOFT EXCEL Molto spesso ci si trova a dover affrontare problemi che richiedono numerosi calcoli meccanici e ripetitivi. Un foglio elettronico è una tabella particolare che permette di far svolgere

Dettagli

Potenzialità statistiche Excel

Potenzialità statistiche Excel Potenzialità statistiche Excel INTRODUZIONE A MS EXCEL Prof. Raffaella Folgieri Email folgieri@mtcube.com Fogli di calcolo MS Excel Prof. Folgieri 1 I Fogli Elettronici (Microsoft Excel) Sono strumenti

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Aritmetica 1 trevisini EDITORE 2 Excel: la matematica con i fogli di calcolo Excel è il programma di fogli di calcolo, o fogli elettronici, più

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

1 Introduzione ai comandi di Matlab

1 Introduzione ai comandi di Matlab 1 Introduzione ai comandi di Matlab MATLAB è un linguaggio ad alte prestazioni adatto per effettuare operazioni matematiche. Esso integra calcolo, visualizzazione, e una programmazione semplice dove problemi

Dettagli

MATLAB. Note introduttive a cura di C. Sandi. MATLAB: software per la trattazione di problemi tecnico-scientifici

MATLAB. Note introduttive a cura di C. Sandi. MATLAB: software per la trattazione di problemi tecnico-scientifici MATLAB Note introduttive a cura di C. Sandi MATLAB: software per la trattazione di problemi tecnico-scientifici MATrix LABoratory: elaborazione dell informazione mediante matrici (o, più generalmente,

Dettagli

Introduzione. Installare EMAS Logo Generator

Introduzione. Installare EMAS Logo Generator EMAS Logo Generator Indice Introduzione... 3 Installare EMAS Logo Generator... 3 Disinstallare EMAS Logo Generator... 4 Schermata iniziale... 5 Creare il Logo... 7 Impostazioni... 7 Colore...8 Lingua del

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

Programma Corso Office ECDL

Programma Corso Office ECDL Programma Corso Office ECDL FASE DI AULA PRIMA LEZIONE MICROSOFT WORD Concetti generali: Primi passi Aprire (e chiudere) Microsoft Word. Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito

Dettagli

EXCEL STRUTTURA ESEMPIO DI FORMULA RIFERIMENTO ALLA CELLA DOVE LAVORO FORMULA INSERITA

EXCEL STRUTTURA ESEMPIO DI FORMULA RIFERIMENTO ALLA CELLA DOVE LAVORO FORMULA INSERITA EXCEL STRUTTURA Excel è un programma che permette di effettuare calcoli, elaborare dati e tracciare efficaci rappresentazioni grafiche. La struttura di un documento di excel si compone di : Cartella di

Dettagli

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c Caratteristiche MATLAB Linguaggio di programmazione orientato all elaborazione di matrici (MATLAB=MATrix LABoratory) Le variabili sono matrici (una variabile scalare equivale ad una matrice di dimensione

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

Appunti di: MICROSOFT EXCEL

Appunti di: MICROSOFT EXCEL Appunti di: MICROSOFT EXCEL INDICE PARTE I: IL FOGLIO ELETTRONICO E I SUOI DATI Paragrafo 1.1: Introduzione. 3 Paragrafo 1.2: Inserimento dei Dati....4 Paragrafo 1.3: Ordinamenti e Filtri... 6 PARTE II:

Dettagli

22 Introduzione all uso di MatLab

22 Introduzione all uso di MatLab 22 Introduzione all uso di MatLab INTERFACCIA UTENTE E STRINGHE Per visualizzare su schermo il valore di una variabile a senza farla precedere dalla scritta a=, si usa il comando disp (abbreviazione di

Dettagli

INTERAZIONE CON L UTENTEL

INTERAZIONE CON L UTENTEL IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Soluzioni

Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Soluzioni Elaborazione dei Segnali Multimediali a.a. 2009/2010 Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Soluzioni 1 Rappresentazione delle immagini in Matlab 1. Lettura e visualizzazione di un immagine JPEG. function

Dettagli

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale Foglio di calcolo Foglio di calcolo Foglio organizzato in forma matriciale: migliaia di righe e centinaia di colonne In corrispondenza di ciascuna intersezione tra riga e colonna vi è una CELLA Una cella

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

INTRODUZIONE AL SAS. (Prima lezione)

INTRODUZIONE AL SAS. (Prima lezione) INTRODUZIONE AL SAS (Prima lezione) 1 Premessa Il SAS, acronimo per Statistical Analysis System, è uno dei software più utilizzati per condurre analisi che vanno da semplici statistiche descrittive e inferenziali

Dettagli

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica Il portale De Agostini Scuola dedicato all insegnamento e all apprendimento della matematica nella scuola secondaria etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica etutor EDITOR

Dettagli

I grafici. Dati numerici. Grafico

I grafici. Dati numerici. Grafico I grafici I grafici sono rappresentazione di dati numerici e/o di funzioni. Devono facilitare la visualizzazione e la comprensione dei numeri e del fenomeno che rappresentano da parte dell utente Dati

Dettagli

Corso di introduzione all informatica. Microsoft Excel. Tutorial. Prof. Elena Spera

Corso di introduzione all informatica. Microsoft Excel. Tutorial. Prof. Elena Spera Corso di introduzione all informatica Microsoft Excel Tutorial Prof. Elena Spera Sommario Introduzione Formattazione del foglio di lavoro Formule e funzioni Grafici e cartine Manipolazione dei dati Integrazione

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prof. Orlando De Pietro Programma L' hardware Computer multiutente e personal computer Architettura convenzionale di un calcolatore L unità centrale

Dettagli

Introduzione al DOS. 2 P. Gallo F. Salerno Task 1 Il sistema operativo DOS

Introduzione al DOS. 2 P. Gallo F. Salerno Task 1 Il sistema operativo DOS il libro si estende sul web LEZIONE Introduzione al DOS MS-DOS è un sistema operativo monoutente monotasking (cioè capace di far girare un solo programma alla volta). Alcune versioni del sistema operativo

Dettagli

Esercitazione 1 primi passi e uso dei file

Esercitazione 1 primi passi e uso dei file primi passi e uso dei file 1 Sistemi operativi per PC I sistemi operativi per personal computer più diffusi sono: Windows (Microsoft) Linux (freeware) MacOS (Apple) Il laboratorio verterà su Windows 2

Dettagli

Appunti sull uso di matlab - I

Appunti sull uso di matlab - I Appunti sull uso di matlab - I. Inizializazione di vettori.. Inizializazione di matrici.. Usare gli indici per richiamare gli elementi di un vettore o una matrice.. Richiedere le dimensioni di una matrice

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Pacchetti Applicativi Excel CdL Economia A.A. 2012/2013 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Pacchetti Applicativi: Excel >> Sommario Sommario 2 n Excel n Area

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Il DATABASE Access. Concetti Fondamentali

Il DATABASE Access. Concetti Fondamentali Il DATABASE Access Concetti Fondamentali Con la nascita delle comunità di uomini, si è manifestata la necessità di conservare in maniera ordinata informazioni per poi poterne usufruire in futuro. Basta

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Ivilin Stoianov, Alessia Ceccato info@stoianov.it

Ivilin Stoianov, Alessia Ceccato info@stoianov.it Lab in Informatica Laurea in Biologia / Biologia Molecolare, Università di Padova 2011/2012 Calcoli con Fogli Elettronici Applicazioni nella statistica descrittiva Ivilin Stoianov, Alessia Ceccato info@stoianov.it

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

ios QuickStart 2014 Release 3 Xojo, Inc.

ios QuickStart 2014 Release 3 Xojo, Inc. ios QuickStart 2014 Release 3 Xojo, Inc. Capitolo 1 Introduzione Benvenuto in Xojo, lo strumento più semplice per creare applicazioni multipiattaforma per il desktop, il web e per ios. Sezione 1 QuickStart

Dettagli

Word Processor: WORD (livello base) Classificazione

Word Processor: WORD (livello base) Classificazione Parte 5 Word Processor: WORD (livello base) Elementi di Informatica - AA 2008/2009 - MS Word 1 di 60 Classificazione Esistono diversi strumenti per la realizzazione di documenti testuali: Editor di testo

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Programma di Informatica 2ªB. Anno scolastico 2013/2014

Programma di Informatica 2ªB. Anno scolastico 2013/2014 Istituto d Istruzione Liceo Scientifico G.Bruno Muravera (CA) Programma di Informatica 2ªB Anno scolastico 2013/2014 Docente Prof. ssa Barbara Leo Libri di Testo e Materiali didattici Il testo di informatica

Dettagli

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf Il sistema IBM DB2 Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf IBM DB2 Il DBMS relazionale IBM DB2 è il prodotto di punta dell IBM per la gestione di basi di dati relazionali

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

Funzioni definite dall utente: sintassi

Funzioni definite dall utente: sintassi Funzioni definite dall utente: sintassi Definizione di funzione: In un M-file, il cui nome è (bene che sia vedi diapo successive): funcion_name.m Variabili di uscita. Se è una sola variabile, le [, e ]

Dettagli

Courseware Excel 2007

Courseware Excel 2007 Adolfo Catelli Courseware Excel 2007 (Livello base) Gennaio 2010 Sommario CHE COSA E UN FOGLIO ELETTRONICO... 4 ELEMENTI DELL INTERFACCIA... 5 LAVORARE CON I FILES... 7 CREARE UNA NUOVA CARTELLA DI LAVORO...

Dettagli