GENERALI INVESTMENTS EUROPE S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GENERALI INVESTMENTS EUROPE S.p.A."

Transcript

1 GENERALI INVESTMENTS EUROPE S.p.A. Società di gestione del Risparmio (GENERALI SGR S.p.A.) Gruppo Generali Offerta al pubblico dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano rientranti nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE appartenenti alla Famiglia dei Fondi Alto e denominati - Fondo Alto Azionario; - Fondo Alto America Azionario; - Fondo Alto Pacifico Azionario; - Fondo Alto Internazionale Azionario; - Fondo Alto Bilanciato; - Fondo Alto Euro Flessibile Obbligazionario; - Fondo Alto Internazionale Obbligazionario; - Fondo Alto Euro Governativo Breve Termine. Si raccomanda la lettura del Prospetto costituito dalla Parte I (Caratteristiche del fondo) e dalla Parte II (illustrazione dei dati periodici di rischio rendimento e costi del Fondo) messo gratuitamente a disposizione dell investitore su richiesta del medesimo per le informazioni di dettaglio. Per l acquisizione o consultazione del Regolamento di gestione del fondo si rinvia a quanto indicato al Paragrafo 2 1, Parte I del Prospetto. Il Prospetto è volto ad illustrare all investitore le principali caratteristiche dell investimento proposto. Data di deposito in Consob: 18 febbraio 2015 Data di validità: 19 febbraio La pubblicazione del Prospetto non comporta alcun giudizio della Consob sull opportunità dell investimento proposto. Avvertenza: La partecipazione ai Fondi comuni di investimento è disciplinata dal Regolamento di gestione dei Fondi. Il Prospetto non costituisce un offerta o un invito in alcuna giurisdizione nelle quali detti offerta o invito non siano legali o nella quale la persona che venga in possesso del Prospetto non abbia i requisiti necessari per aderirvi. In nessuna circostanza il Modulo di sottoscrizione potrà essere utilizzato se non nelle giurisdizioni in cui detti offerta o invito possono essere presentati e tale Modulo possa essere legittimamente utilizzato.

2 PARTE I DEL PROSPETTO - CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE A) Data di deposito in Consob della Parte I: 18 febbraio 2015 B) Data di validità della Parte I: 19 febbraio 2015 C) INFORMAZIONI GENERALI 1. La Società di gestione Generali Investments Europe S.p.A. - Società di Gestione del Risparmio, in forma abbreviata Generali SGR S.p.A. (di seguito anche SGR ), è autorizzata dalla Banca d Italia con provvedimento del 8 maggio 1999 e iscritta nella Sezione OICVM al n. 18 e nella Sezione FIA al n. 22 dell Albo delle Società di Gestione del Risparmio tenuto dalla Banca d Italia ai sensi dell articolo 35 del D.Lgs. 58/98. E una società soggetta alla direzione e al coordinamento di Generali Investments Holding S.p.A., appartenente al Gruppo Generali, con Sede legale e Direzione Generale in Trieste, Via Machiavelli, 4 e Sede secondaria in Milano, Corso Italia, 6. Sito internet: Indirizzo e.mail: I servizi e le attività svolte dalla SGR sono le seguenti: - la prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio ; - la prestazione del servizio di gestione di portafogli; - l istituzione e la gestione di fondi pensione; - la prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti; - la commercializzazione di quote o azioni di OICR, di propria o altrui istituzione; La SGR ha affidato in outsourcing a: Unione Fiduciaria S.p.A. e Generali Business Solutions S.p.A. la la gestione dei servizi informatici della società; Assicurazioni Generali S.p.A. la funzione di Internal Audit e di Compliance nonché le attività legali e societarie; State Street Bank S.p.A. l attività di amministrazione fondi. Inoltre, Generali SGR S.p.A., con apposito contratto di affido, ha incaricato BNP PARIBAS Securities Services S.p.A. di effettuare l attività del calcolo del NAV. La durata della società è stabilita sino al 31 dicembre 2100 e la chiusura dell esercizio sociale è fissata al 31 dicembre di ogni anno. Il capitale sociale interamente sottoscritto e versato è di , posseduto al 99,998% da Generali Investments Holding S.p.A. e indirettamente da Assicurazioni Generali S.p.A. Organo Amministrativo L Organo Amministrativo della SGR è il Consiglio di Amministrazione, in carica sino all'assemblea che sarà chiamata ad approvare il bilancio al ed è così composto: Nominativo Carica Luogo e data di nascita Francesco Benevenuti Presidente Milano, Santo Borsellino Amministratore Delegato Palermo, Maurizio Verbich Consigliere Trieste, Antonella Baldino Consigliere Indipendente Roma, Mirella Pellegrini Consigliere Indipendente Viareggio,

3 La SGR di Gestione ha aderito al Protocollo di Autonomia per la gestione dei conflitti di interessi che si propone l obiettivo di salvaguardare l autonomia decisionale delle Società di gestione del risparmio nell assunzione delle scelte concernenti la prestazione dei servizi di gestione. Di seguito sono indicate la qualificazione e l esperienza professionale dei componenti il Consiglio di Amministrazione nonché le principali attività esercitate dagli stessi, significative in relazione all attività della SGR. Francesco Benvenuti, Laurea in Economia Università Bocconi Milano. Head of Investment Operations of Assicurazioni Generali S.p.A. Santo Borsellino, Laurea in Economia Università di Bologna. Amministratore Delegato di GENERALI SGR S.p.A. Maurizio Verbich, Laurea in Economia, Università di Trieste. Chief Investment Officer di Generali Italia. S.p.A. Consigliere delle Società Telco S.p.A. ed Investimenti Marittimi S.p.A. Antonella Baldino (Consigliere Indipendente), Laurea in Economia Università di Roma La Sapienza. Consulente del Ministero per lo Sviluppo Economico. Professore di Economia Internazionale all Università di Roma Roma Tre Facoltà di Economia e Commercio. Mirella Pellegrini (Consigliere Indipendente) Laurea in Giurisprudenza Università di Pisa; Avvocato dal Professore associato di Diritto dell Economia alla L.U.I.S.S. Guido Carli Università in Roma. Consigliere di Fidi Toscana. L organo di controllo della SGR è il Collegio Sindacale, in carica sino all'assemblea che sarà chiamata ad approvare il bilancio al ed è così composto: Nominativo Carica Luogo e data di nascita Angelo Venchiarutti Presidente Collegio Sindacale Roma, Luca Camerini Sindaco Effettivo Trieste, Roberto Lonzar Sindaco Effettivo Trieste, Anna Bruno Sindaco Supplente Trieste, Nicola Serafini Sindaco Supplente Venezia, Di seguito sono indicate la qualificazione e l esperienza professionale dei componenti il Collegio Sindacale nonché le principali attività esercitate dagli stessi, significative in relazione all attività della SGR. Angelo Venchiarutti, Laurea in Giurisprudenza presso l Università di Trieste. E Professore Associato di Istituzioni di diritto privato all Università di Trieste. Principali cariche ricoperte dall Esponente: Presidente del Collegio Sindacale di GENERALI SGR S.p.A., GENERALI Immobiliare Italia S.p.A, SGR e BG Fiduciaria SIM S.p.A., Sindaco Effettivo di Banca Generali S.p.A. Luca Camerini, Laurea in Economia e Commercio presso l Università degli Studi di Trieste. Principali cariche ricoperte dall Esponente: Sindaco Effettivo in GENERALI SGR S.p.A., Agricola San Giorgio S.p.A., BG Fiduciaria SIM S.p.A., FINAGEN S.p.A.; Sindaco Supplente in Banca Generali S.p.A. e Generali Real Estate S.p.A. Lonzar Roberto, Laurea in Economia e Commercio presso l Università degli Studi di Trieste. Consigliere di Sorveglianza di Generali Investments S.p.A., Presidente del Collegio Sindacale di Genertel S.p.A., Sindaco effettivo di GENERALI SGR S.p.A. e Genertellife S.p.A.; Sindaco Supplente di Generali Italia S.p.A. S.p.A.. Funzioni direttive Dott. Filippo Casagrande Head of Investments, è nato a Trento il Provvede, sulla base delle direttive dell'amministratore Delegato, alla gestione dei patrimoni e degli OICR. Ing. Enrico Massignani Responsabile Risk Management, è nato a Valdagno (VI) il 6 gennaio Cura le attività relative alla gestione dei rischi finanziari ed operativi ed il coordinamento delle stesse con quelle corrispondenti della Capogruppo e di altre società del Gruppo. D.ssa Simona Pasero - Responsabile Human Resources è nato a Milano il 11 marzo Coordina le attività connesse alla gestione delle risorse umane. 2

4 Dott. Dominique Clair Responsabile Operations, è nato a Rennes il 30 maggio Sovrintende le attività amministrative e contabili della Società conseguenti l erogazione del servizio di gestione. Dott. Andrea Favaloro Responsabile Sales & Marketing, è nato a Reggio Calabria il 19 aprile Cura le politiche di sviluppo commerciale e di marketing operativo e strategico della Società, sviluppa il business aziendale attuando una sistematica ricerca di nuovi clienti istituzionali. La SGR, oltre ai Fondi oggetto del presente Prospetto ha istituito e gestisce i seguenti fondi comuni di investimento armonizzati: Alleanza Obbligazionario, GI Focus Obbligazionario, GI Euro Governativo Breve Termine; e i seguenti OICR alternativi Italiani (FIA italiani) aperti: Generali Directional e Generali Diversified Multi-strategy. Il gestore provvede allo svolgimento della gestione del fondo in conformità al mandato gestorio conferito dagli investitori. Per maggiori dettagli in merito ai doveri del gestore ed ai diritti degli investitori si rinvia alle norme contenute nel Regolamento di gestione del fondo. Il gestore assicura la parità di trattamento tra gli investitori e non adotta trattamenti preferenziali nei confronti degli stessi. 2. Il Depositario Il Depositario è BNP PARIBAS Securities Services S.C.A. con sede legale a Parigi, Rue D Antin n. 3, e succursale a Milano, Via Ansperto n. 5. Le funzioni di emissione dei certificati rappresentativi delle quote e di rimborso delle quote del Fondo sono svolte da BNP Paribas Securities Services S.C. A. per tramite dell'ufficio Controlli Banca Depositaria dislocato presso la succursale di Milano, in via Ansperto 5. Le funzioni di consegna e ritiro dei certificati rappresentativi delle quote sono svolte da BNP Paribas Securities Services S.C.A. per tramite della propria succursale di Milano in via Ansperto, La Società di revisione Con delibera dell Assemblea ordinaria del 29 aprile 2011, la SGR ha conferito alla Reconta Ernst & Young, con sede legale in Milano, Via della Chiusa 2, l'incarico di revisione legale dei conti della Società nonché l incarico di revisione dei rendiconti di gestione dei fondi comuni di investimento per gli anni Gli Intermediari Distributori Il collocamento delle quote dei Fondi è svolto attraverso i soggetti di seguito indicati: Banca Generali S.p.A., con sede legale in Trieste, Via Machiavelli, 4 e sede amministrativa in Milano, Via Ugo Bassi, 6 - che opera tramite i propri Promotori Finanziari e i Private Banker/Relationship Manager di Banca Generali Private Banking una divisione autonoma di Banca Generali, espressamente dedicata all attività di consulenza e assistenza alla clientela Private. Con riferimento alle sottoscrizioni iniziali anche tramite Servizi on-line (Internet) mentre per le operazioni di versamento successivo, passaggio tra fondi e rimborso, oltre che mediante utilizzo di Internet, anche tramite Servizio di Call Center; Alto Adige Banca S.p.A. SUDTIROL BANK A: sede legale in via Dr. Streiter Bolzano, che opera tramite i propri Promotori Finanziari; Consultinvest Investimenti SIM S.p.A. sede legale in Modena, Piazza Grande n. 33, che opera tramite i propri Promotori Finanziari; UNICASIM Società di Intermediazione Mobiliare S.p.A.: sede legale in Genova, Piazza de Ferrari n. 2, che opera tramite i propri Promotori Finanziari; 3

5 VALORI & FINANZA INVESTIMENTI SIM S.P.A.: sede legale Via Raimondo D Aronco 30, Udine che opera tramite i propri Promotori Finanziari; ONLINE SIM S.p.A. sede legale in Via Santa Maria Segreta n. 7/9, Milano che opera attraverso tecniche di comunicazione a distanza più precisamente tramite Servizi on-line (Internet); Banca Ifigest S.p.A. con sede legale in Piazza Santa Maria Soprarno, Firenze - che opera attraverso promotori finanziari e tecniche di comunicazione a distanza, più precisamente tramite Servizi on-line (Internet). 5. Il Fondo Il Fondo comune d investimento è un patrimonio collettivo costituito dalle somme versate da una pluralità di partecipanti e investite in strumenti finanziari. Ciascun investitore detiene un numero di quote, tutte di uguale valore e con uguali diritti, proporzionale all importo che ha versato a titolo di sottoscrizione. Il patrimonio del Fondo costituisce patrimonio autonomo e separato da quello della SGR e dal patrimonio dei singoli partecipanti. Il Fondo è mobiliare poiché il suo patrimonio è investito esclusivamente in strumenti finanziari. E aperto in quanto il risparmiatore può, ad ogni data di valorizzazione della quota, sottoscrivere quote del Fondo oppure richiedere il rimborso parziale o totale di quelle già sottoscritte. Fondo Alto Azionario: Il Fondo è stato istituito il 24/01/1995, con provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia del 27/10/1994 ed ha iniziato la sua operatività il 01/04/1996. Fondo Alto America Azionario: Il Fondo è stato istituito il 08/01/99, con provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia del 18/05/99 ed ha iniziato la sua operatività il 04/10/99. Fondo Alto Pacifico Azionario: Il Fondo è stato istituito il 08/01/99, con provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia del 18/05/99 ed ha iniziato la sua operatività il 04/10/99. Fondo Alto Internazionale Azionario: Il Fondo è stato istituito il 08/01/99, con provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia del 18/05/99 ed ha iniziato la sua operatività il 04/10/99. Fondo Alto Bilanciato: Il Fondo è stato istituito il 24/01/1995, con provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia del 27/10/1994 ed ha iniziato la sua operatività il 01/04/1996. Fondo Alto Euro Flessibile Obbligazionario: Il Fondo è stato istituito il 24/01/1995, con provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia del 27/10/1994 ed ha iniziato la sua operatività il 01/04/1996. Fondo Alto Internazionale Obbligazionario: Il Fondo è stato istituito il 08/01/99, con provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia del 18/05/99 ed ha iniziato la sua operatività il 04/10/99. Fondo Alto Euro Governativo Breve Termine: Il Fondo è stato istituito il 18/12/96, con provvedimento di autorizzazione della Banca d Italia del 13/02/97 ed ha iniziato la sua operatività il 12/05/97. Il Regolamento unico dei fondi è stato approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione della SGR in data 30 ottobre 2014, con modifiche soggette ad approvazione in via generale da parte di Banca d Italia. La definizione delle politiche di investimento degli OICR gestiti, con riferimento al profilo di rischiorendimento nonché l attività di controllo in ordine alla loro concreta attuazione, spetta al Consiglio di Amministrazione. La definizione delle politiche d investimento, distinte per ciascun UCITS e coerenti con i regolamenti degli stessi, si esplica tramite l indicazione di orientamenti generali relativi alla politica di investimento, basati 4

6 sull'analisi del quadro macroeconomico di riferimento e sulle aspettative riguardo l'evoluzione dei mercati finanziari. Al termine di detto esame il Consiglio di Amministrazione adotta le delibere di competenza determinando le politiche di investimento di ciascun prodotto. Al fine di minimizzare i rischi delle situazioni di conflitto di interessi, il Consiglio di Amministrazione altresì definisce e periodicamente revisiona i limiti di acquisto previsti dalla delibera emanata assunta ai sensi del Protocollo di Autonomia per la Gestione dei Conflitti di Interesse. A tali fini il Consiglio di Amministrazione si riunisce con periodicità mensile, fatta salva la possibilità di convocazioni più frequenti laddove ciò risultasse utile e necessario per una più efficace gestione dei patrimoni gestiti dalla società; in ogni caso il Consiglio di Amministrazione si riunisce qualora si verifichino eventi di natura straordinaria o tali da richiedere una ridefinizione delle politiche generali di investimento. Mensilmente il Consiglio di Amministrazione, analizzando le risultanze, predisposte dal Risk Management, relative alle performance e agli indicatori di rischio relativi a ciascun prodotto, esamina le proposte di asset allocation discusse all interno del Comitato Investimenti (Sessione UCITS), dove sono definiti il range di oscillazione della percentuale investita per ciascuna tipologia di asset ed il range di oscillazione rispetto al benchmark, agendo di conseguenza. La SGR non ha conferito ad oggi deleghe gestionali. 6. Rischi Generali connessi alla partecipazione al fondo La partecipazione ad un fondo comporta dei rischi connessi alle possibili variazioni del valore delle quote, che a loro volta risentono delle oscillazioni del valore degli strumenti finanziari in cui vengono investite le risorse del fondo. La presenza di tali rischi può determinare la possibilità di non ottenere, al momento del rimborso, la restituzione dell intero investimento finanziario. L andamento del valore delle quote del Fondo può variare in relazione alla tipologia di strumenti finanziari e ai settori di investimento, nonché ai relativi mercati di riferimento. In particolare, per apprezzare il rischio derivante dall investimento del patrimonio del fondo in strumenti finanziari occorre considerare i seguenti elementi: a) rischio connesso alla variazione del prezzo: il prezzo di ciascun strumento finanziario dipende dalle caratteristiche peculiari della società emittente, dall andamento dei mercati di riferimento e dei settori di investimento, e può variare in modo più o meno accentuato a seconda della sua natura. In linea generale la variazione del prezzo delle azioni è connessa alle prospettive reddituali delle società emittenti e può essere tale da comportare la riduzione o addirittura la perdita del capitale investito, mentre il valore delle obbligazioni è influenzato dall andamento dei tassi di interesse di mercato e dalle valutazioni della capacità del soggetto emittente di far fronte al pagamento degli interessi dovuti e al rimborso del capitale di debito a scadenza; b) rischio connesso alla liquidità: la liquidità degli strumenti finanziari, ossia la loro attitudine a trasformarsi prontamente in moneta senza perdita di valore, dipende dalle caratteristiche del mercato in cui gli stessi sono trattati. In generale i titoli trattati su mercati regolamentati sono più liquidi e, quindi, meno rischiosi, in quanto più facilmente smobilizzabili dei titoli non trattati su detti mercati. L assenza di una quotazione ufficiale rende inoltre complesso l apprezzamento del valore effettivo del titolo, la cui determinazione può essere rimessa a valutazioni discrezionali; c) rischio connesso alla valuta di denominazione: per l investimento in strumenti finanziari denominati in una valuta diversa da quella in cui è denominato il fondo, occorre tenere presente la variabilità del rapporto di cambio tra la valuta di riferimento del fondo e la valuta estera in cui sono denominati gli investimenti; d) rischio connesso all utilizzo di strumenti derivati: l utilizzo di strumenti derivati consente di assumere posizioni di rischio su strumenti finanziari superiori agli esborsi inizialmente sostenuti per aprire tali posizioni (effetto leva). Di conseguenza una variazione dei prezzi di mercato relativamente piccolo ha un 5

7 impatto amplificato in termini di guadagno o di perdita sul portafoglio gestito rispetto al caso in cui non si faccia uso della leva; e) rischio di controparte connesso a strumenti finanziari derivati negoziati al di fuori dei mercati regolamentati (OTC): è il rischio che una controparte non adempia in tutto o in parte alle obbligazioni di consegna o di pagamento generati dall utilizzo di tali strumenti o si debba sostituire la controparte di un operazione non ancora scaduta in seguito all insolvenza della controparte medesima; tale rischio viene mitigato mediante la ricezione, da parte del Fondo, di attività a garanzia, come successivamente indicato. f) altri fattori di rischio: le operazioni sui mercati emergenti potrebbero esporre l investitore a rischi aggiuntivi connessi al fatto che tali mercati potrebbero essere regolati in modo da offrire ridotti livelli di garanzia e protezione agli investitori. Sono poi da considerarsi i rischi connessi alla situazione politicofinanziaria del paese di appartenenza degli enti emittenti. 7. Incentivi A favore dei sottoscrittori che hanno un patrimonio, in ogni singolo Fondo, superiore ad Euro è inoltre prevista la retrocessione parziale della provvigione di gestione sotto forma di acquisto di quote da parte della SGR a favore del soggetto beneficiario della riduzione commissionale. La retrocessione varia, a seconda dell ammontare del patrimonio investito dal sottoscrittore e dal Fondo prescelto, da un minimo dello 0,03% ad un massimo dello 0,96% della provvigione di gestione. D) INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO FONDO ALTO AZIONARIO: Data di istituzione: 24/01/1995 ISIN al portatore: IT Fondo di diritto italiano rientrante nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE Il Fondo menzionato può essere sottoscritto mediante versamento unico, con commissioni di ingresso (opzione A) o con commissione di uscita (opzione B), o mediante piani di accumulazione (c.d. PAC). Vengono di seguito indicate le diverse proposte di investimento offerte. Alto Azionario PIC OPZIONE A Alto Azionario PIC OPZIONE B Alto Azionario PAC A 5 ANNI Alto Azionario PAC A 10 ANNI Alto Azionario PAC A 15 ANNI Alto Azionario PAC A 20 ANNI 8. Tipologia di gestione del Fondo a) Tipologia di gestione del fondo: market fund. b) Valuta di denominazione: Euro. 9. Parametro di riferimento (c.d Benchmark) I benchmark cui è legata la politica di investimento del Fondo sono: - 85% Dow Jones Eurostoxx Indice finanziario rappresentativo dei mercati azionari dei paesi aderenti all Unione Monetaria Europea. Ticker: DJEURST (NR) Info provider: L indice è disponibile sulla Banca Dati DATASTREAM 6

8 Data type: Net Return - 15% MTS tasso fisso B/T Indice rappresentativo dei Titoli di Stato italiani a breve termine Ticker: ITMTSSH (PI) Info provider: L indice è rilevato dalla Società Analysis S.p.A. ed è disponibile quotidianamente su Il Sole 24 Ore e la Banca Dati DATASTREAM Data Type: Pur essendo censito come Price Index è da intendersi come un Total Return Index per come viene costruito dalla Società Analysis 10. Profilo di rischio-rendimento del Fondo Il grado di rischio connesso all investimento nel Fondo è espresso tramite il seguente indicatore sintetico calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti: Con rischio più basso Con rischio più elevato Rendimenti potenzialmente Rendimenti potenzialmente più bassi più elevati a) Il fondo è classificato nella categoria 6 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità dei rendimenti degli ultimi 5 anni e riflette le oscillazioni degli investimenti presenti nel Fondo. Tale categoria riflette l esposizione del Fondo agli strumenti azionari dell'area euro. Ha lo scopo di aiutare gli investitori a comprendere le incertezze legate ai profitti e alle perdite che potrebbero influire sul loro investimento. I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il profilo di rischio dell OICR. La categoria di rischio indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. b) Grado di scostamento rispetto al benchmark: significativo 11. Politica di investimento e rischi specifici del Fondo a) Categoria del fondo: Azionari Area Euro. i.1) Principali tipologie di strumenti finanziari e valuta di denominazione: il Fondo investe principalmente in strumenti finanziari di natura azionaria denominati in Euro.. E possibile effettuare investimenti in depositi bancari in via residuale. Il Fondo può investire in quote di OICR ed ETF compatibili con la politica di investimento del Fondo e complementari alla gestione del Fondo medesimo. 1 Gli Stati membri in cui si intende investire più del 35% del patrimonio sono tutti gli Stati dell area Euro. i.2) Aree geografiche: area Euro i.3) Categorie di emittenti: principalmente società a medio-alta capitalizzazione, in via residuale società a capitalizzazione medio-piccola. i.4) Specifici fattori di rischio: - rischio di oscillazione dei corsi dei titoli azionari; - rischio legato alla volatilità del mercato dei derivati sugli indici azionari; 1 Si precisa che il termine principale qualifica gli investimenti superiori in controvalore al 70% del totale dell attivo del fondo; il termine prevalente gli investimenti compresi tra il 50% e il 70%; il termine significativo gli investimenti compresi tra il 30% e il 50%; il termine contenuto gli investimenti compresi il 10% e il 30%; infine, il termine residuale gli investimenti inferiori al controvalore al 10% del totale dell attivo del fondo. 7

9 - il rischio di oscillazione dei corsi per le aziende a capitalizzazione medio-piccola è più elevato della media del mercato azionario. i.5) Operazioni in strumenti finanziari derivati: l utilizzo degli strumenti derivati è finalizzato: - alla copertura dei rischi; - per investimento. In relazione alla finalità d investimento, il livello di leva tendenziale è pari al 2% del Patrimonio del Fondo. Il metodo utilizzato per il calcolo dell esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è il c.d. metodo degli impegni. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo. b) Tecnica di gestione: la politica di investimento si basa da un lato sull analisi dei fondamentali delle singole società (dati reddituali, indici, piani di sviluppo, quote di mercato), sulle loro strategie industriali e sulla qualità del loro management, con l intento di individuare aziende che presentano prospettive di forte crescita degli utili o comunque di utili superiori alla media del settore di riferimento; dall altro lato su studi di settore e indagini sulle possibili evoluzioni macroeconomiche (quali cicli economici, andamento dei tassi d interesse e delle valute); c) Destinazione dei proventi: il Fondo è ad accumulazione dei proventi. d) Con riferimento alla gestione delle garanzie per le operazioni con strumenti finanziari derivati OTC vengono sottoposte a marginazione periodica tutte le operazioni in derivati. La garanzia (cd. collateral) utilizzata è prevalentemente di natura cash (in contanti). Nel caso di uso di titoli obbligazionari emessi da stati sovrani verranno applicati degli haircut coerenti con le best practice di mercato per ciascuno degli strumenti utilizzabili. Il cash ricevuto a garanzia non viene reinvestito in alcuno strumento finanziario. Le informazioni sulla politica gestionale concretamente posta in essere sono contenute nella relazione degli amministratori all interno del rendiconto annuale. FONDO ALTO AMERICA AZIONARIO: Data di istituzione: 08/01/99 ISIN al portatore: IT Fondo di diritto italiano rientrante nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE Il Fondo menzionato può essere sottoscritto mediante versamento unico, con commissioni di ingresso (opzione A) o con commissione di uscita (opzione B), o mediante piani di accumulazione (c.d. PAC). Vengono di seguito indicate le diverse proposte di investimento offerte. Alto America Azionario PIC OPZIONE A Alto America Azionario PIC OPZIONE B Alto America Azionario PAC A 5 ANNI Alto America Azionario PAC A 10 ANNI Alto America Azionario PAC A 15 ANNI Alto America Azionario PAC A 20 ANNI 8. Tipologia di gestione del Fondo a) Tipologia di gestione del fondo: market fund. b) Valuta di denominazione: Euro. 9. Parametro di riferimento (c.d Benchmark) I benchmark cui è legata la politica di investimento del Fondo sono: - 85% S&P 500 Composite Index 8

10 Indice finanziario composto da 500 titoli azionari che rappresentano i maggiori settori dell industria americana trattati al NYSE (New York Stock Exchange). Ticker: S&PCOMP (NR) Info provider: L indice è disponibile sulla Banca Dati DATASTREAM Data type: Net Return tradotto in Euro. Il tasso di cambio utilizzato è quello calcolato da Reuters. - 15% JP Morgan Government Bond Index USA. Indice finanziario che rappresenta l andamento del mercato obbligazionario Americano Ticker: JPMUSU$ (RI) Info provider: L indice è disponibile sulla Banca Dati DATASTREAM ed è pubblicato quotidianamente su Il Sole 24 Ore Data type: Total Return tradotto in Euro. Il tasso di cambio utilizzato è quello calcolato da Reuters. 10. Profilo di rischio-rendimento del Fondo Il grado di rischio connesso all investimento nel Fondo è espresso tramite il seguente indicatore sintetico calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti: Con rischio più basso Con rischio più elevato Rendimenti potenzialmente Rendimenti potenzialmente più bassi più elevati a) Il fondo è classificato nella categoria 5 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità dei rendimenti degli ultimi 5 anni e riflette le oscillazioni degli investimenti presenti nel Fondo. Tale categoria riflette l esposizione del Fondo agli strumenti azionari del mercato americano (Stati Uniti). Ha lo scopo di aiutare gli investitori a comprendere le incertezze legate ai profitti e alle perdite che potrebbero influire sul loro investimento. I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il profilo di rischio dell OICR. La categoria di rischio indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. b) Grado di scostamento rispetto al benchmark: significativo 11. Politica di investimento e rischi specifici del Fondo a) Categoria del fondo: Azionari America. i.1) Principali tipologie di strumenti finanziari e valuta di denominazione: il Fondo investe principalmente in strumenti finanziari di natura azionaria denominati principalmente in dollari statunitensi e canadesi (2). Il Fondo può investire in quote di OICR ed ETF compatibili con la politica di investimento del Fondo e complementari alla gestione del Fondo medesimo. Gli Stati membri in cui si intende investire più del 35% del patrimonio sono tutti gli Stati del Nord America. i.2) Aree geografiche: principalmente Nord America 2 Si precisa che il termine principale qualifica gli investimenti superiori in controvalore al 70% del totale dell attivo del fondo; il termine prevalente gli investimenti compresi tra il 50% e il 70%; il termine significativo gli investimenti compresi tra il 30% e il 50%; il termine contenuto gli investimenti compresi il 10% e il 30%; infine, il termine residuale gli investimenti inferiori al controvalore al 10% del totale dell attivo del fondo. 9

11 i.3) Categorie di emittenti: principalmente società a medio-alta capitalizzazione, in via residuale società a capitalizzazione medio-piccola. i.4) Specifici fattori di rischio: - rischio di oscillazione dei corsi dei titoli azionari; - rischio legato alla volatilità del mercato dei derivati sugli indici azionari; - il rischio di oscillazione dei corsi per le aziende a capitalizzazione medio-piccola è più elevato della media del mercato azionario; - rischio di oscillazione delle valute. i.5) Operazioni in strumenti finanziari derivati: l utilizzo degli strumenti derivati è finalizzato: - alla copertura dei rischi; - per investimento. In relazione alla finalità d investimento, il livello di leva tendenziale è pari al 15% del Patrimonio del Fondo. Il metodo utilizzato per il calcolo dell esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è il c.d. metodo degli impegni. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo. b) Tecnica di gestione: la politica di investimento si basa sull analisi delle possibili evoluzioni macroeconomiche (quali cicli economici, andamento dei tassi di interesse e delle valute) per la determinazione dei pesi dei singoli paesi; e sull analisi dei fondamentali delle singole società (dati reddituali, indici, piani di sviluppo, quote di mercato), sulle loro strategie industriali e sulla qualità del loro management, con l intento di individuare le aziende che presentano prospettive di forte crescita degli utili e/o di una rivalutazione del prezzo dei titoli. c) Destinazione dei proventi: il Fondo è ad accumulazione dei proventi. d) Con riferimento alla gestione delle garanzie per le operazioni con strumenti finanziari derivati OTC vengono sottoposte a marginazione periodica tutte le operazioni in derivati. La garanzia (cd. collateral) utilizzata è prevalentemente di natura cash (in contanti). Nel caso di uso di titoli obbligazionari emessi da stati sovrani verranno applicati degli haircut coerenti con le best practice di mercato per ciascuno degli strumenti utilizzabili. Il cash ricevuto a garanzia non viene reinvestito in alcuno strumento finanziario. Le informazioni sulla politica gestionale concretamente posta in essere sono contenute nella relazione degli amministratori all interno del rendiconto annuale. FONDO ALTO PACIFICO AZIONARIO: Data di istituzione: 08/01/99 ISIN al portatore: IT Fondo di diritto italiano rientrante nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE Il Fondo menzionato può essere sottoscritto mediante versamento unico, con commissioni di ingresso (opzione A) o con commissione di uscita (opzione B), o mediante piani di accumulazione (c.d. PAC). Vengono di seguito indicate le diverse proposte di investimento offerte. Alto Pacifico Azionario PIC OPZIONE A Alto Pacifico Azionario PIC OPZIONE B Alto Pacifico Azionario PAC A 5 ANNI Alto Pacifico Azionario PAC A 10 ANNI Alto Pacifico Azionario PAC A 15 ANNI Alto Pacifico Azionario PAC A 20 ANNI 8. Tipologia di gestione del Fondo a) Tipologia di gestione del fondo: market fund. b) Valuta di denominazione: Euro. 10

12 9. Parametro di riferimento (c.d. Benchmark) I benchmark cui è legata la politica di investimento del Fondo sono: - 85% Morgan Stanley CI Pacific Index Indice finanziario rappresentativo dei mercati azionari dell area del Pacifico (Giappone compreso). Ticker: MSPACF$ (NR) Info provider: L indice è disponibile sulla Banca Dati DATASTREAM Data type: Net Return tradotto in Euro. Il tasso di cambio utilizzato è quello calcolato da Reuters. - 15% JP Morgan Government Bond Index Japan Indice finanziario che rappresenta l andamento del mercato obbligazionario giapponese. Ticker: JPMJPJY (RI) Info provider: L indice è disponibile sulla Banca Dati DATASTREAM ed è pubblicato quotidianamente su Il Sole 24 Ore Data type: Total Return tradotto in Euro. Il tasso di cambio utilizzato è quello calcolato da Reuters. 10. Profilo di rischio-rendimento del Fondo Il grado di rischio connesso all investimento nel Fondo è espresso tramite il seguente indicatore sintetico calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti: Con rischio più basso Con rischio più elevato Rendimenti potenzialmente Rendimenti potenzialmente più bassi più elevati a) Il fondo è classificato nella categoria 5 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità dei rendimenti degli ultimi 5 anni e riflette le oscillazioni degli investimenti presenti nel Fondo. Tale categoria riflette l esposizione del Fondo agli strumenti azionari dell'area pacifico, prevalentemente Giappone, Australia, Hong Kong e Singapore. Ha lo scopo di aiutare gli investitori a comprendere le incertezze legate ai profitti e alle perdite che potrebbero influire sul loro investimento. I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il profilo di rischio dell OICR. La categoria di rischio indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. b) Grado di scostamento rispetto al benchmark: significativo 11. Politica di investimento e rischi specifici del Fondo a) Categoria del fondo: Azionari Pacifico 11

13 i.1) Principali tipologie di strumenti finanziari e valuta di denominazione: il Fondo investe principalmente in strumenti finanziari di natura azionaria denominati in Yen (3). Il Fondo può investire in quote di OICR ed ETF compatibili con la politica di investimento del Fondo e complementari alla gestione del Fondo medesimo. i.2) Aree geografiche: area Pacifico e Paesi Emergenti i.3) Categorie di emittenti: principalmente società a medio-alta capitalizzazione, in via residuale società a capitalizzazione medio-piccola. i.4) Specifici fattori di rischio: - rischio di oscillazione dei corsi dei titoli azionari; - rischio legato alla volatilità del mercato dei derivati sugli indici azionari; - il rischio di oscillazione dei corsi per le aziende a capitalizzazione medio-piccola è più elevato della media del mercato azionario; - rischio di oscillazione delle valute. i.5) Operazioni in strumenti finanziari derivati: l utilizzo degli strumenti derivati è finalizzato: - alla copertura dei rischi; - per investimento. Il Fondo non utilizza, al momento, il c.d. effetto leva. Il metodo utilizzato per il calcolo dell esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è il c.d. metodo degli impegni. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo. b) Tecnica di gestione: la politica di investimento si basa sull analisi delle possibili evoluzioni macroeconomiche (quali cicli economici, andamento dei tassi d interesse e delle valute) per la determinazione dei pesi dei singoli paesi; e sull analisi dei fondamentali delle singole società (dati reddituali, indici, piani di sviluppo, quote di mercato), sulle loro strategie industriali e sulla qualità del loro management, con l intento di individuare le aziende che presentano prospettive di forte crescita degli utili e/o di una rivalutazione del prezzo dei titoli. c) Destinazione dei proventi: il Fondo è ad accumulazione dei proventi. d) Con riferimento alla gestione delle garanzie per le operazioni con strumenti finanziari derivati OTC vengono sottoposte a marginazione periodica tutte le operazioni in derivati. La garanzia (cd. collateral) utilizzata è prevalentemente di natura cash (in contanti). Nel caso di uso di titoli obbligazionari emessi da stati sovrani verranno applicati degli haircut coerenti con le best practice di mercato per ciascuno degli strumenti utilizzabili. Il cash ricevuto a garanzia non viene reinvestito in alcuno strumento finanziario. Le informazioni sulla politica gestionale concretamente posta in essere sono contenute nella relazione degli amministratori all interno del rendiconto annuale. FONDO ALTO INTERNAZIONALE AZIONARIO Data istituzione del fondo: 08/01/99. ISIN al portatore: IT Fondo di diritto italiano rientrante nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE Il Fondo menzionato può essere sottoscritto mediante versamento unico, con commissioni di ingresso (opzione A) o con commissione di uscita (opzione B), o mediante piani di accumulazione (c.d. PAC). Vengono di seguito indicate le diverse proposte di investimento offerte. Alto Internazionale Azionario PIC OPZIONE A Alto Internazionale Azionario PIC OPZIONE B Alto Internazionale Azionario PAC A 5 ANNI 3 Si precisa che il termine principale qualifica gli investimenti superiori in controvalore al 70% del totale dell attivo del fondo; il termine prevalente gli investimenti compresi tra il 50% e il 70%; il termine significativo gli investimenti compresi tra il 30% e il 50%; il termine contenuto gli investimenti compresi il 10% e il 30%; infine, il termine residuale gli investimenti inferiori al controvalore al 10% del totale dell attivo del fondo. 12

14 Alto Internazionale Azionario PAC A 10 ANNI Alto Internazionale Azionario PAC A 15 ANNI Alto Internazionale Azionario PAC A 20 ANNI 8. Tipologia di gestione del Fondo a) Tipologia di gestione del fondo: market fund. b) Valuta di denominazione: Euro. 9. Parametro di riferimento (c.d. Benchmark) I benchmark cui è legata la politica di investimento del Fondo sono: - 85% Morgan Stanley World Index Indice finanziario rappresentativo dei mercati azionari dei paesi avanzati di tutto il mondo. Ticker: MSWRLD$ (NR) Info provider: L indice è disponibile sulla Banca Dati DATASTREAM Data type: Net Return tradotto in Euro. Il tasso di cambio utilizzato è quello calcolato da Reuters. - 15% JP Morgan Government Bond Index Global Indice finanziario che rappresenta l andamento dei mercati dei titoli governativi (Titoli di Stato) dei paesi avanzati. Ticker: JGGIAEE (RI) Info provider: L indice è disponibile sulla Banca Dati DATASTREAM ed è pubblicato quotidianamente su Il Sole 24 Ore Data type: Total Return tradotto in Euro. Il tasso di cambio utilizzato è quello calcolato da Reuters. 10. Profilo di rischio-rendimento del Fondo Il grado di rischio connesso all investimento nel Fondo è espresso tramite il seguente indicatore sintetico calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti: Con rischio più basso Con rischio più elevato Rendimenti potenzialmente Rendimenti potenzialmente più bassi più elevati a) Il fondo è classificato nella categoria 5 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità dei rendimenti degli ultimi 5 anni e riflette le oscillazioni degli investimenti presenti nel Fondo. Tale categoria riflette l esposizione del Fondo agli strumenti azionari, prevalentemente di Stati Uniti, di Giappone, del Regno Unito e del Canada. Ha lo scopo di aiutare gli investitori a comprendere le incertezze legate ai profitti e alle perdite che potrebbero influire sul loro investimento. I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il profilo di rischio dell OICR. La categoria di rischio indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. b) Grado di scostamento rispetto al benchmark: significativo 13

15 11. Politica di investimento e rischi specifici del Fondo a) Categoria del fondo: Azionari Internazionali i.1) Principali tipologie di strumenti finanziari e valuta di denominazione: il Fondo investe principalmente in strumenti finanziari di natura azionaria denominati nelle principali valute mondiali quali: Dollaro Usa, Euro, Yen, Sterline (4). Il Fondo può investire in quote di OICR ed ETF compatibili con la politica di investimento del Fondo e complementari alla gestione del Fondo medesimo. Gli Stati membri in cui si intende investire più del 35% del patrimonio sono i Paesi dell Unione Europea e gli Stati Uniti. i.2) Aree geografiche: principalmente Unione Europea, Nord America e Pacifico i.3) Categorie di emittenti: principalmente società a medio-alta capitalizzazione, in via residuale società a capitalizzazione medio-piccola. i.4) Specifici fattori di rischio: - rischio di oscillazione dei corsi dei titoli azionari; - rischio legato alla volatilità del mercato dei derivati sugli indici azionari; - il rischio di oscillazione dei corsi per le aziende a capitalizzazione medio-piccola è più elevato della media del mercato azionario; - rischio di oscillazione delle valute. i.5) Operazioni in strumenti finanziari derivati: l utilizzo degli strumenti derivati è finalizzato: - alla copertura dei rischi; - per investimento. Il Fondo non utilizza, al momento, il c.d. effetto leva. Il metodo utilizzato per il calcolo dell esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è il c.d. metodo degli impegni. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo. b) Tecnica di gestione: la politica di investimento si basa sull analisi delle possibili evoluzioni macroeconomiche (quali cicli economici, andamento dei tassi d interesse e delle valute) per la determinazione dei pesi dei singoli paesi; e sull analisi dei fondamentali delle singole società (dati reddituali, indici, piani di sviluppo, quote di mercato), sulle loro strategie industriali e sulla qualità del loro management, con l intento di individuare le aziende che presentano prospettive di forte crescita degli utili e/o di una rivalutazione del prezzo dei titoli. c) Destinazione dei proventi: il Fondo è ad accumulazione dei proventi. d) Con riferimento alla gestione delle garanzie per le operazioni con strumenti finanziari derivati OTC vengono sottoposte a marginazione periodica tutte le operazioni in derivati. La garanzia (cd. collateral) utilizzata è prevalentemente di natura cash (in contanti). Nel caso di uso di titoli obbligazionari emessi da stati sovrani verranno applicati degli haircut coerenti con le best practice di mercato per ciascuno degli strumenti utilizzabili. Il cash ricevuto a garanzia non viene reinvestito in alcuno strumento finanziario. Le informazioni sulla politica gestionale concretamente posta in essere sono contenute nella relazione degli amministratori all interno del rendiconto annuale. FONDO ALTO BILANCIATO PIC OPZIONE A Data istituzione del fondo: 24/01/95. ISIN al portatore: IT Fondo di diritto italiano rientrante nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE Il Fondo menzionato può essere sottoscritto mediante versamento unico, con commissioni di ingresso (opzione A) o con commissione di uscita (opzione B), o mediante piani di accumulazione (c.d. PAC). Vengono di seguito indicate le diverse proposte di investimento offerte. 4 Si precisa che il termine principale qualifica gli investimenti superiori in controvalore al 70% del totale dell attivo del fondo; il termine prevalente gli investimenti compresi tra il 50% e il 70%; il termine significativo gli investimenti compresi tra il 30% e il 50%; il termine contenuto gli investimenti compresi il 10% e il 30%; infine, il termine residuale gli investimenti inferiori al controvalore al 10% del totale dell attivo del fondo. 14

16 Alto Bilanciato PIC OPZIONE A Alto Bilanciato PIC OPZIONE B Alto Bilanciato PAC A 5 ANNI Alto Bilanciato PAC A 10 ANNI Alto Bilanciato PAC A 15 ANNI Alto Bilanciato PAC A 20 ANNI 8. Tipologia di gestione del Fondo a) Tipologia di gestione del fondo: market fund. b) Valuta di denominazione: Euro. 9. Parametro di riferimento (c.d. Benchmark) I benchmark cui è legata la politica di investimento del Fondo sono: - 50% MorganStanley World Index Indice finanziario rappresentativo dei mercati azionari dei Paesi avanzati di tutto il mondo. Ticker: MSWRLD$ (NR) Info provider: L indice è disponibile sulla Banca Dati DATASTREAM Data type: Net Return tradotto in Euro. Il tasso di cambio utilizzato è quello calcolato da Reuters. - 50% JP Morgan Government Bond Index Global. Indice finanziario che rappresenta l andamento dei mercati dei titoli governativi (Titoli di Stato) dei Paesi avanzati. Ticker: JGGIAEE (RI) Info provider: L indice è disponibile sulla Banca Dati DATASTREAM ed è pubblicato quotidianamente su Il Sole 24 Ore Data type: Total Return tradotto in Euro. Il tasso di cambio utilizzato è quello calcolato da Reuters. 10. Profilo di rischio-rendimento del Fondo Il grado di rischio connesso all investimento nel Fondo è espresso tramite il seguente indicatore sintetico calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti: Con rischio più basso Con rischio più elevato Rendimenti potenzialmente Rendimenti potenzialmente più bassi più elevati a) Il fondo è classificato nella categoria 4 sulla base dei suoi risultati passati in termini di volatilità dei rendimenti degli ultimi 5 anni e riflette le oscillazioni degli investimenti presenti nel Fondo. Tale categoria riflette l esposizione del Fondo al mercato degli strumenti obbligazionari governativi internazionali e agli strumenti azionari, prevalentemente di Stati Uniti, di Giappone, del Regno Unito e del Canada. Ha lo scopo di aiutare gli investitori a comprendere le incertezze legate ai profitti e alle perdite che potrebbero influire sul loro investimento. 15

17 I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il profilo di rischio dell OICR. La categoria di rischio indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. b) Grado di scostamento rispetto al benchmark: significativo 11. Politica di investimento e rischi specifici del Fondo a) Categoria del fondo: Bilanciati i.1) Principali tipologie di strumenti finanziari e valuta di denominazione: il Fondo mira a realizzare una composizione bilanciata del portafoglio, tra strumenti finanziari azionari ed obbligazionari denominati nelle seguenti valute: Dollaro Usa, Euro, Yen, Sterline, con una percentuale di titoli azionari compresa tra il 20% ed il 70% del portafoglio (5). Il Fondo può investire in quote di OICR ed ETF compatibili con la politica di investimento del Fondo e complementari alla gestione del Fondo medesimo. Gli Stati membri in cui si intende investire più del 35% del patrimonio sono i Paesi dell Unione Europea ed i Paesi dell America del Nord. i.2) Aree geografiche: principalmente Unione Europea, Nord America e Pacifico i.3) Categorie di emittenti: principalmente società a medio-alta capitalizzazione, in via residuale società a capitalizzazione medio-piccola. i.4) Specifici fattori di rischio: - rischio di oscillazione dei corsi dei titoli azionari; - rischio legato alla volatilità del mercato dei derivati sugli indici azionari; - il rischio di oscillazione dei corsi per le aziende a capitalizzazione medio-piccola è più elevato della media del mercato azionario; - rischio di oscillazione delle valute. - rischio di oscillazioni dei prezzi dei titoli obbligazionari generati dalla volatilità dei tassi sull'intera curva per scadenza; - rischio di credito, ovvero rischio che l'emittente non sia in grado di far fronte ai propri impegni; - rischio legato alla volatilità del mercato dei derivati sui tassi di interesse; i.5) Operazioni in strumenti finanziari derivati: l utilizzo degli strumenti derivati è finalizzato: - alla copertura dei rischi; - per investimento. In relazione alla finalità d investimento, il livello di leva tendenziale è pari al 8% del Patrimonio del Fondo. Il metodo utilizzato per il calcolo dell esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è il c.d. metodo degli impegni. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo. b) Tecnica di gestione: la politica di investimento si basa sull analisi delle possibili evoluzioni macroeconomiche; per la parte obbligazionaria sulle previsione circa l evoluzione dei tassi d interesse e delle valute, nonché sul giudizio circa le qualità degli emittenti, per la parte azionaria sull analisi dei fondamentali delle singole società (dati reddituali, indici, piani di sviluppo, quote di mercato), sulle loro strategie industriali e sulla qualità del loro management, con l intento di individuare le aziende che presentano prospettive di forte crescita degli utili e/o di una rivalutazione del prezzo dei titoli. c) Destinazione dei proventi: il Fondo è a distribuzione dei proventi. I proventi sono distribuiti semestralmente (30 giugno 31 dicembre, date di chiusura del Fondo) ai partecipanti per il tramite della 5 Si precisa che il termine principale qualifica gli investimenti superiori in controvalore al 70% del totale dell attivo del fondo; il termine prevalente gli investimenti compresi tra il 50% e il 70%; il termine significativo gli investimenti compresi tra il 30% e il 50%; il termine contenuto gli investimenti compresi il 10% e il 30%; infine, il termine residuale gli investimenti inferiori al controvalore al 10% del totale dell attivo del fondo. 16

18 depositario, in proporzione al numero delle quote possedute da ciascun partecipante. Su richiesta del partecipante gli utili destinati alla distribuzione possono essere totalmente reinvestiti nel Fondo. In tali casi, il numero delle quote possedute da assegnare al partecipante viene determinato sulla base del valore unitario della quota relativo al primo giorno di distribuzione degli utili. d) Con riferimento alla gestione delle garanzie per le operazioni con strumenti finanziari derivati OTC vengono sottoposte a marginazione periodica tutte le operazioni in derivati. La garanzia (cd. collateral) utilizzata è prevalentemente di natura cash (in contanti). Nel caso di uso di titoli obbligazionari emessi da stati sovrani verranno applicati degli haircut coerenti con le best practice di mercato per ciascuno degli strumenti utilizzabili. Il cash ricevuto a garanzia non viene reinvestito in alcuno strumento finanziario. Le informazioni sulla politica gestionale concretamente posta in essere sono contenute nella relazione degli amministratori all interno del rendiconto annuale. FONDO ALTO EURO FLESSIBILE OBBLIGAZIONARIO Data istituzione del fondo: 24/01/95. ISIN al portatore: IT Fondo di diritto italiano rientrante nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE Il Fondo menzionato può essere sottoscritto mediante versamento unico, con commissioni di ingresso (opzione A) o con commissione di uscita (opzione B), o mediante piani di accumulazione (c.d. PAC). Vengono di seguito indicate le diverse proposte di investimento offerte. Alto Euro Flessibile Obbligazionario PIC OPZIONE A Alto Euro Flessibile Obbligazionario PIC OPZIONE B Alto Euro Flessibile Obbligazionario PAC A 5 ANNI Alto Euro Flessibile Obbligazionario PAC A 10 ANNI Alto Euro Flessibile Obbligazionario PAC A 15 ANNI Alto Euro Flessibile Obbligazionario PAC A 20 ANNI 8. Tipologia di gestione del Fondo a) Tipologia di gestione del fondo: total return fund. L obiettivo di rendimento di rendimento non costituisce garanzia di rendimento minimo dell investimento finanziario. b) Valuta di denominazione: Euro. 9. Parametro di riferimento (c.d. Benchmark) Il Fondo, che persegue una politica d investimento flessibile, non ha un parametro di riferimento; al suo posto è utilizzata una misura di rischio alternativa, il Value at Risk (VaR), che quantifica un valore di massima perdita potenziale su un determinato orizzonte temporale ed all interno di un dato livello di probabilità (c.d. intervallo di confidenza). 10. Profilo di rischio-rendimento del Fondo Il grado di rischio connesso all investimento nel Fondo è espresso tramite il seguente indicatore sintetico calcolato secondo le indicazioni comunitarie vigenti: Con rischio più basso Con rischio più elevato 17

19 Rendimenti potenzialmente Rendimenti potenzialmente più bassi più elevati a) Il fondo è classificato nella categoria 3 sulla base dei risultati passati in termini di volatilità dei rendimenti degli ultimi 5 anni di un portafoglio modello coerente con la politica di gestione del fondo e riflette le oscillazioni degli investimenti presenti nel suddetto portafoglio simulato. Tale categoria riflette l esposizione del Fondo al mercato degli strumenti obbligazionari governativi e corporate dell area Euro. Ha lo scopo di aiutare gli investitori a comprendere le incertezze legate ai profitti e alle perdite che potrebbero influire sul loro investimento. I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il profilo di rischio dell OICR. La categoria di rischio indicata potrebbe non rimanere invariata, e quindi la classificazione dell OICR potrebbe cambiare nel tempo. 11. Politica di investimento e rischi specifici del Fondo a) Categoria del fondo: Obbligazionari Flessibili. i.1) Principali tipologie di strumenti finanziari e valuta di denominazione: il Fondo investe principalmente in strumenti finanziari di natura obbligazionaria a tasso fisso e variabile denominati in Euro quotati in mercati ufficiali o regolamentati prevalentemente riferiti a Paesi dell Area Euro; il Fondo può anche investire in strumenti di debito denominati in Euro emessi da agenzie governative, autorità locali e sovranazionali, nonché, in via residuale, in strumenti del mercato monetario e depositi bancari. Il Fondo può investire in quote di OICR ed ETF compatibili con la politica di investimento del Fondo e complementari alla gestione del Fondo medesimo. Gli Stati membri in cui si intende investire più del 35% del patrimonio sono tutti gli Stati dell area Euro. i.2) Aree geografiche: area Euro i.3) Categorie di emittenti: emittenti governativi, sovranazionali, agenzie governative e società (corporate); per le obbligazioni corporate è consentito l investimento fino al 20% del patrimonio in emissioni con rating inferiore a Baa3 (Moody s) e BBB- (Standard & Poors). i.4) Specifici fattori di rischio: - rischio di oscillazioni dei prezzi dei titoli obbligazionari generati dalla volatilità dei tassi sull'intera curva per scadenza; - rischio di credito, ovvero rischio che l'emittente non sia in grado di far fronte ai propri impegni; - rischio legato alla volatilità del mercato dei derivati sui tassi di interesse e sugli indici azionari; i.5) Operazioni in strumenti finanziari derivati: il fondo può utilizzare CDS. L utilizzo degli strumenti derivati è finalizzato: - alla copertura dei rischi; - per investimento. In relazione alla finalità d investimento, il livello di leva tendenziale è pari al 5% del Patrimonio del Fondo. Il metodo utilizzato per il calcolo dell esposizione complessiva in strumenti finanziari derivati è il c.d. metodo degli impegni. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo di rischio/rendimento del fondo. b) Tecnica di gestione: la SGR attua una gestione di tipo flessibile. La politica di investimento si basa sulle previsioni circa l evoluzione dei tassi d interesse, nonché sul giudizio circa le qualità degli emittenti. 18

20 Gli investimenti sono effettuati nell ambito della misura di rischio stabilita dal gestore e rappresentata dal Value at Risk (VaR) che quantifica un valore di massima perdita potenziale su un determinato orizzonte temporale ed all interno di un dato livello di probabilità (c.d. intervallo di confidenza). Per il Fondo è stato utilizzato un orizzonte temporale di 1 mese, con un intervallo di confidenza del 99% ed un valore di massima perdita potenziale pari al 7%. L obiettivo di rendimento non costituisce garanzia di restituzione del capitale investito né di rendimento minimo dell investimento finanziario c) Destinazione dei proventi: il Fondo è a distribuzione dei proventi. I proventi sono distribuiti semestralmente (30 giugno 31 dicembre, date di chiusura del Fondo) ai partecipanti per il tramite della depositario, in proporzione al numero delle quote possedute da ciascun partecipante. Su richiesta del partecipante gli utili destinati alla distribuzione possono essere totalmente reinvestiti nel Fondo. In tali casi, il numero delle quote possedute da assegnare al partecipante viene determinato sulla base del valore unitario della quota relativo al primo giorno di distribuzione degli utili. d) Con riferimento alla gestione delle garanzie per le operazioni con strumenti finanziari derivati OTC vengono sottoposte a marginazione periodica tutte le operazioni in derivati. La garanzia (cd. collateral) utilizzata è prevalentemente di natura cash (in contanti). Nel caso di uso di titoli obbligazionari emessi da stati sovrani verranno applicati degli haircut coerenti con le best practice di mercato per ciascuno degli strumenti utilizzabili. Il cash ricevuto a garanzia non viene reinvestito in alcuno strumento finanziario. FONDO ALTO INTERNAZIONALE OBBLIGAZIONARIO PIC OPZIONE A Data istituzione del fondo: 08/01/99. ISIN al portatore: IT Fondo di diritto italiano rientrante nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE Il Fondo menzionato può essere sottoscritto mediante versamento unico, con commissioni di ingresso (opzione A) o con commissione di uscita (opzione B), o mediante piani di accumulazione (c.d. PAC). Vengono di seguito indicate le diverse proposte di investimento offerte. Alto Internazionale Obbligazionario PIC OPZIONE A Alto Internazionale Obbligazionario PIC OPZIONE B Alto Internazionale Obbligazionario PAC A 5 ANNI Alto Internazionale Obbligazionario PAC A 10 ANNI Alto Internazionale Obbligazionario PAC A 15 ANNI Alto Internazionale Obbligazionario PAC A 20 ANNI 8. Tipologia di gestione del Fondo a) Tipologia di gestione del fondo: market fund. b) Valuta di denominazione: Euro. 9. Parametro di riferimento (c.d. Benchmark) I benchmark cui è legata la politica di investimento del Fondo è: - 100% JP Morgan Government Bond Index Global. Indice finanziario che rappresenta l andamento dei mercati dei titoli governativi Titoli di Stato) dei Paesi avanzati. Ticker: JGGIAEE (RI) Info provider: L indice è disponibile sulla Banca Dati DATASTREAM ed è pubblicato quotidianamente su Il Sole 24 Ore Data type: Total Return tradotto in Euro. Il tasso di cambio utilizzato è quello calcolato da Reuters. 10. Profilo di rischio-rendimento del Fondo 19

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli